REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Nuovo ordinamento didattico (d.m. 509 del 3/11/1999)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Nuovo ordinamento didattico (d.m. 509 del 3/11/1999)"

Transcript

1 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Nuovo ordinamento didattico (d.m. 509 del 3/11/1999) Anno accademico 2001/2002 Obiettivi formativi del corso di laurea Gli obiettivi formativi qualificanti del corso di laurea in Ingegneria Meccanica, condivisi con gli altri corsi di laurea della classe, sono i seguenti: conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi della matematica e delle altre scienze di base ed essere capaci di utilizzare tale conoscenza per interpretare e descrivere i problemi dell ingegneria; conoscere adeguatamente gli aspetti metodologico-operativi delle scienze dell ingegneria, sia in generale sia in modo approfondito relativamente a quelli di una specifica area dell ingegneria industriale, nella quale sono capaci di identificare, formulare e risolvere i problemi utilizzando metodi, tecniche e strumenti aggiornati; essere capaci di utilizzare tecniche e strumenti per la progettazione di componenti, sistemi, processi; essere capaci di condurre esperimenti e di analizzarne ed interpretarne i dati; essere capaci di comprendere l impatto delle soluzioni ingegneristiche nel contesto sociale e fisicoambientale; conoscere le proprie responsabilità professionali ed etiche; conoscere i contesti aziendali e la cultura d impresa nei suoi aspetti economici, gestionali e organizzativi; conoscere i contesti contemporanei; avere capacità relazionali e decisionali; essere capaci di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell Unione Europea, oltre l italiano; possedere gli strumenti cognitivi di base per l aggiornamento continuo delle proprie conoscenze. Obiettivo formativo specifico del corso di laurea in Ingegneria Meccanica è la preparazione di figure professionali dotate delle competenze tecniche essenziali per l inserimento nell attività produttiva dei diversi settori dell Ingegneria Meccanica e, più in generale, dell Ingegneria Industriale. In particolare il corso di laurea si propone di fornire al laureato le seguenti valenze culturali e professionali: sapere interpretare e descrivere i problemi tipici dell Ingegneria Meccanica, sulla base delle conoscenze consolidate in ambito matematico, fisico, chimico ed informatico; saper affrontare la verifica e contribuire al progetto di strutture meccaniche, sulla base delle conoscenze tipiche delle scienze dell Ingegneria, relative alle proprietà dei materiali, alle tecnologie di produzione ed alle tecniche di calcolo delle strutture; saper affrontare problemi industriali di approvvigionamento energetico e di studio delle macchine e dei sistemi destinati alle trasformazioni dell energia, sulla base delle conoscenze acquisite in materia di energetica, di sistemi energetici, e di impiantistica meccanica; saper autoadattare le proprie competenze nell ambito dell Ingegneria Meccanica alle mutevoli esigenze produttive di tale complesso e variegato settore. 1

2 Art.1 Scopo del Regolamento Regolamento Il Presente Regolamento Didattico ha lo scopo di disciplinare gli aspetti organizzativi del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica non espressamente previsti dal Regolamento generale sull Autonomia (RGA), dal D.M n 509 del 3 novembre 1999 e dai Regolamenti Didattici di Ateneo (RDA), di Facoltà (RDF) e di Classe di Studio, nel rispetto delle leggi vigenti, dello Statuto e del Regolamento Generale di Ateneo. Art.2 Durata degli studi Il Corso di Laurea (CdL) in Ingegneria Meccanica afferisce alla Facoltà di Ingegneria -sede di Modenadell Università di Modena e Reggio Emilia. Esso fa parte della Classe delle Lauree in Ingegneria Industriale (Classe 10) e ha la durata ufficiale di 3 anni. Al compimento del corso degli studi, che prevede l acquisizione di almeno 180 Crediti Formativi Universitari (CFU), così come definiti all art.11 del RDA e all art.2 del RDF, viene conseguito il Titolo di Laureato in Ingegneria Meccanica (Classe delle Lauree in Ingegneria Industriale). Art.3 Attività didattico-formative L attività didattico-formativa è organizzata in accordo con il RGA e il D.M. n 509 del 3 novembre 1999, e prevede insegnamenti in ambiti disciplinari di base, caratterizzanti, affini o integrativi. Al fine del conseguimento del Titolo finale, per ciascuno di questi ambiti disciplinari è necessario acquisire un numero minimo di CFU. Sono inoltre previsti CFU per attività di tirocinio, per l approfondimento delle lingue straniere, per la prova finale e a libera scelta dello studente. Lo schema allegato (ALLEGATO A), che è parte integrante del RDA, definisce il numero minimo di CFU per ciascuna tipologia di attività formativa prevista. In aggiunta ai crediti minimi previsti dalla Tabella di allegato A, lo studente dovrà acquisire un ulteriore numero di CFU, per raggiungere almeno 180 CFU totali, superando l esame di altri insegnamenti secondo le indicazioni descritte nel Manifesto degli Studi. L elenco degli insegnamenti, con l indicazione dei settori scientifico-disciplinari di riferimento e dell eventuale articolazione in moduli, degli obiettivi formativi specifici, dei CFU e delle eventuali propedeuticità consigliate e obbligatorie (art.9 comma 1 del RDF), nonché delle modalità di svolgimento della didattica e di accertamento del profitto, sono indicati nella tabella dell ALLEGATO B che è parte integrante di questo Regolamento. Nella stessa tabella è riportato anche l elenco delle altre attività formative previste. Il numero di insegnamenti effettivamente attiviati viene definito annualmente nel Manifesto degli Studi. Art. 4 Piano degli studi e Curricula Il piano degli studi, comprendente gli insegnamenti attivati, viene pubblicato annualmente nel Manifesto degli Studi. Allo scopo di permettere l approfondimento delle competenze di tipo metodologico e professionali in particolari campi, il CCdL in Ingegneria Meccanica propone uno o più percorsi formativi consigliati interni al CdL (Curricula), definiti annualmente nel Manifesto degli Studi. In accordo con l art.30 comma 2 del RDA, a richiesta dello studente, potrà essere rilasciata certificazione del Curriculum eventualmente scelto. La scelta di un particolare Curriculum da parte dello studente presuppone il conseguimento di un insieme di CFU relativi ad insegnamenti obbligatori e a scelta, tra cui un congruo numero di CFU relativi a insegnamenti specifici per il Curriculum scelto. Per favorire lo studente nella definizione di un percorso di studi ottimale, il CCdL potrà consigliare, per ciascun Curriculum, percorsi didattici predefiniti, che saranno inclusi nel Manifesto degli Studi. In alternativa lo studente può scegliere un percorso di studio individuale, diverso da quelli suggeriti; in questo caso la sua domanda dovrà essere sottoposta all approvazione del CCdL. In vista del proseguimento degli Studi verso la Laurea Specialistica, le scelte guidate possono prevedere anche una configurazione strutturata in modo da arricchire la presenza delle materie di base e caratterizzanti previste nella rispettiva Laurea Specialistica. Art.5 Tipologia delle forme didattiche e modalità di verifica dell apprendimento Nel rispetto della libertà di insegnamento, nonché dei diritti e dei doveri dei docenti e degli studenti, le modalità di svolgimento dei corsi di insegnamento dovranno favorire la partecipazione attiva dello studente; 2

3 per questo, particolare enfasi sarà dedicata alle attività pratiche in laboratorio, sia come corsi indipendenti, sia come parte integrativa di altri insegnamenti, e alle attività di esercitazioni numeriche. Il CdL favorisce lo svolgimento di tirocini formativi presso aziende pubbliche o private, nazionali od estere, e, sulla base del programma di lavoro previsto, definirà preventivamente, caso per caso, il numero di CFU da assegnare a questo tipo di attività formativa. Ciascuna attività formativa, ad eccezione del tirocinio, può comportare diverse modalità di svolgimento; in particolare possono essere previste: lezioni in aula, esercitazioni in aula, attività di laboratorio, seminari, tutorato, esercizi di autovalutazione, interazione remota attraverso la rete. Nell ambito della sperimentazione didattica, e allo scopo di utilizzare esperienze e professionalità esterne, potranno essere proposti percorsi intensivi brevi e seminari. Per ogni attività formativa, ad eccezione del tirocinio, le modalità di svolgimento sono indicate nella tabella di allegato B. Il numero massimo di CFU ottenibili per attività formativa di tirocinio è uguale a 9. Per quanto non espressamente specificato in merito alla tipologia delle forme didattiche, si rimanda all art.22 del RDA. Ciascuna attività formativa può comportare diverse modalità di verifica dell apprendimento; in particolare possono essere previste: prove finali orali, prove finali scritte, prove o elaborati in itinere, progetti o elaborati finali. Per ogni attività formativa, la modalità di verifica dell apprendimento è indicata nella tabella di allegato B. Per quanto non espressamente specificato in merito alle modalità di verifica dell apprendimento, si rimanda all art.23 del RDA ed all art.9 del RDF. In questo ultimo articolo sono definiti anche i criteri di ammissione agli esami. Compatibilmente con le risorse disponibili, verranno disposte azioni di monitoraggio per la verifica costante della carriera didattica degli studenti, azioni di tutorato per la diffusione di adeguate informazioni sui Curricula, e verranno inoltre attivati percorsi di recupero. Art.6 Manifesto degli Studi e articolazione dell anno accademico Il Manifesto degli Studi, approvato ogni anno dal Consiglio di Facoltà di Ingegneria -sede di Modena - su proposta del CCdL in Ingegneria Meccanica, definisce per ogni anno di corso gli insegnamenti attivati per ciascun Settore Scientifico Disciplinare ed i corrispondenti CFU. Nel Manifesto degli Studi vengono distinti gli insegnamenti obbligatori da quelli opzionali, le propedeuticità obbligatorie e consigliate, e inoltre vengono individuati i diversi Curricula eventualmente attivati e vengono specificati i criteri di scelta tra gli insegnamenti opzionali. Ciascun anno di corso sarà articolato in periodi il cui numero e la cui durata saranno definiti annualmente dal CdF, in accordo con l art.21 del RDA e con l art.6 del RDF. Il CdF provvederà anche a definire annualmente e ad includere nel Manifesto degli Studi il calendario di massima delle lezioni, il numero e la durata dei periodi di valutazione e, per ciascun periodo, il numero minimo di date di appello per gli esami. Art.7 Obblighi di frequenza Per le disposizioni riguardanti gli obblighi di frequenza, si fa riferimento all art.7 del RDF. Le attività specifiche per le quali è previsto l obbligo di frequenza sono indicate nel Manifesto degli Studi. Art.8 Iscrizioni I titoli di ammissione al CdL in Ingegneria Meccanica sono stabiliti dalle vigenti disposizioni di legge. a) Immatricolazioni Per gli studenti che si iscrivono per la prima volta ad un corso di studi universitario, le conoscenze richieste per l ammissione al CdL in Ingegneria meccanica sono definite dall art.4 del RDF e riportate nel Manifesto degli Studi. Lo stesso art.4 disciplina anche le modalità di verifica della preparazione e la determinazione degli eventuali debiti formativi aggiuntivi per l ammissione al CdL. Il calendario delle ventuali prove di verifica è riportato annualmente nel Manifesto degli Studi. b) Ammissione agli anni successivi al primo Le modalità di ammissione agli anni successivi al primo sono regolate dall art.4 del RDF. Art.9 Prova finale I criteri di ammissione alla prova finale e le modalità di svolgimento della stessa sono regolate dall art. 10 del RDF. 3

4 Art.10 Trasferimenti e norme transitorie Le modalità di trasferimento al CdL in Ingegneria Meccanica e le norme transitorie per il passaggio dal previgente al nuovo ordinamento didattico sono regolate dall art.11 del RDF. Art. 11 Riconoscimento dei Diplomi Universitari in relazione al conferimento della Laurea triennale in Ingegneria Meccanica Il Diplomato Universitario può presentare richiesta di equipollenza del proprio titolo con quello di Laurea in Ingegneria Meccanica. Il CCdL valuterà la carriera del candidato in termini di CFU e di compatibilità con le attività formative previste dal presente regolamento per il conseguimento della Laurea in Ingegneria Meccanica. Se il percorso didattico precedentemente seguito dal Diplomato Universitario soddisfa tutti i vincoli in termini di CFU e di tipologia delle attività formative previste, il CdL delibererà l equipollenza dei due titoli di studio. In caso contrario, il CCdL potrà indicare le attività formative aggiuntive richieste ai fini della dichiarazione di equipollenza; per i Diplomati Universitari in possesso del Diploma Universitario in Ingegneria Meccanica conseguito presso la Facoltà, il numero complessivo di CFU necessario al conseguimento del diploma di Laurea in Ingegneria Meccanica non potrà in ogni caso essere superiore a 30 CFU. Una volta acquisiti i CFU relativi a tali attività formative, il CCdL delibera il conferimento al Diplomato Universitario del Diploma di Laurea, specificando nella delibera le attività formative aggiuntive svolte e l esito dei relativi esami o prove di verifica. 4

5 ALLEGATO A Le attività formative indispensabili del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica sono le seguenti: Attività formative Ambiti disciplinari Settori Scientifico-disciplinari di base MATEMATICA, MAT/05 - Analisi matematica INFORMATICA E MAT/03 Geometria STATISTICA MAT/07 - Fisica matematica MAT/08 - Analisi numerica ING-INF/05 - Sistemi di elaborazione delle informazioni FISICA E CHIMICA CHIM/07 - Fondamenti chimici delle tecnologie FIS/01 Fisica sperimentale caratterizzanti affini o integrative INGEGNERIA MECCANICA INGEGNERIA ENERGETICA INGEGNERIA DELL AUTOMAZIONE INGEGNERIA ELETTRICA INGEGNERIA DEI MATERIALI ING-IND/08 - Macchine a fluido ING-IND/14 - Progettazione meccanica e costruzione di macchine ING-IND/15 - Disegno e metodi dell'ingegneria industriale ING-IND/16 - Tecnologie e sistemi di lavorazione ING-IND/17 - Impianti industriali meccanici Crediti Tot. CFU (CFU) ING-IND/10 - Fisica Tecnica 9 Industriale ING-IND/13 - Meccanica 6 applicata alle macchine ING-IND/31 - Elettrotecnica 6 25 ICAR/08 - Scienza delle 11 costruzioni ING-IND/22 - Scienza e tecnologia dei materiali ING-INF/04 - Automatica 5 INGEGNERIA DELL'AUTOMAZIONE INGEGNERIA ING-IND/35 - Ingegneria 3 GESTIONALE economico-gestionale a scelta dello studente 9 9 per la conoscenza della lingua inglese 5 5 lingua straniera per la prova finale prova finale 4 4 altre attività ulteriori conoscenze linguistiche, abilità informatiche e 9 9 relazionali, tirocini, ecc. Totale CFU per attività formative indispensabili 141 5

6 Ulteriori attività formative Di base Caratterizzanti Affini o Integrativi Per il conseguimento degli ulteriori 39 CFU a completamento dei 180 CFU necessari per il conseguimento del titolo, le ulteriori attività formative faranno riferimento ad uno o più dei seguenti SSD: MAT/03 Geometria MAT/05 Analisi Matematica MAT/06 Probabilità e Statistica Matematica MAT/07 Fisica Matematica MAT/08 Analisi Numerica MAT/09 Ricerca Operativa INF/01 Informatica ING-INF/05 Sistemi di Elaborazione delle Informazioni FIS/01 Fisica Sperimentale FIS/02 Fisica Teorica, Modelli e Metodi Matematici FIS/03 Fisica della Materia FIS/07 Fisica Applicata CHIM/01Chimica Analitica CHIM/02 Chimica Fisica CHIM/03 Chimica Generale ed Inorganica CHIM/04 Chimica Industriale CHIM/05 Scienza e Tecnologia dei Materiali Polimerici CHIM/06 Chimica Organica CHIM/07 Fondamenti Chimici delle Tecnologie CHIM/12 Chimica dell Ambiente e dei Beni Culturali ING-IND/08 Macchine a Fluido ING-IND/09 Sistemi per l Energia e l Ambiente ING-IND/10 Fisica Tecnica Industriale ING-IND/12 Misure Meccaniche e Termiche ING-IND/13 Meccanica Applicata alle Macchine ING-IND/14 Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine ING-IND/15 Disegno e Metodi dell'ingegneria Industriale ING-IND/16 Tecnologie e Sistemi di Lavorazione ING-IND/17 Impianti Industriali Meccanici ICAR/01 Idraulica ICAR/03 Ingegneria Sanitaria Ambientale ICAR/08 Scienza delle Costruzioni ING-IND/06 Fluidodinamica ING-IND/07 Propulsione Aerospaziale ING-IND/11 Fisica Tecnica Ambientale ING-IND/21 Metallurgia ING-IND/22 Scienza e Tecnologia dei Materiali ING-IND/29 Ingegneria delle Materie Prime ING-IND/31 Elettrotecnica ING-IND/32 Convertitori, macchine e azionamenti elettrici ING-IND/33 Sistemi elettrici per l energia ING-IND/34 Bioingegneria Industriale ING-IND/35 Ingegneria Economico gestionale ING-INF/01 Elettronica ING-INF/02 Campi Elettromagnetici ING-INF/03 Telecomunicazioni ING-INF/04 Automatica ING-INF/06 Bioingegneria Elettronica e Informatica ING-INF/07 Misure Elettriche ed Elettroniche GEO/06 Mineralogia IUS/04 Diritto Commerciale IUS/05 Diritto dell economia IUS/07 Diritto del Lavoro IUS/09 Istituzioni di Diritto Pubblico IUS/13 Diritto Internazionale IUS/14 Diritto dell Unione Europea 6

7 Affini o Integrativi (segue) L-LIN/04 Lingua e Traduzione Lingua Francese L-LIN/07 Lingua e Traduzione Lingua Spagnola L-LIN/12 Lingua e Traduzione Lingua Inglese L-LIN/14 Lingua e Traduzione Lingua Tedesca M-FIL/02 Logica e Filosofia della Scienza M-PSI/06 Psicologia del Lavoro e delle Organizzazioni M-STO/05 Storia della Scienza e delle Tecniche SECS-P/07 Economia Aziendale SECS-P/08 Economia e Gestione delle Imprese SECS-P/12 Storia Economica SECS-S/02 Statistica per la ricerca sperimentale e tecnologica SPS/09 Sociologia dei Processi Economici e del Lavoro SPS/10 Sociologia dell Ambiente e del Territorio Totale CFU per ulteriori attività formative 39 Totale CFU del Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica 180 7

8 ALLEGATO B: Elenco delle attività formative previste In conformità con il decreto Ministeriale, 3 novembre 1999, n. 509, le attività formative offerte dal Corso di Laurea sono suddivise in: attività formative di base (a), con insegnamenti di matematica, informatica, fisica e chimica, attività formative caratterizzanti (b), con insegnamenti di ingegneria meccanica, energetica e dell automazione, attività formative affini o integrative (c), con insegnamenti di ingegneria elettrica, dei materiali e gestionale, altre attività formative(d) in base alla tabella di allegato A. le propedeuticità indicate in questo allegato B si intendono come consigliate. Eventuali propedeuticità obbligatorie sono indicate nel manifesto degli Studi. 8

9 a) Attività formative di base PRIMO ANNO (NUOVO ORDINAMENTO) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Analisi Matematica A SSD: MAT/05 CFU: 7 Obiettivi formativi: fornire i tradizionali strumenti di base dell Analisi Matematica per funzioni in una variabile ed avvicinare gli studenti alla formulazione e trattazione dei problemi mediante il linguaggio matematico Parole chiave: numeri reali e complessi, funzioni di una variabile, limiti, derivate, integrali Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie o prova scritta finale, e prova orale finale Analisi Matematica A - I.E.I. SSD: MAT/05 CFU: 7 Obiettivi formativi: Concetti base del Calcolo differenziale ed integrale, finalizzati prevalentemente alla risoluzione di problemi concreti quali, ad esempio studi di funzione. Parole chiave: Numeri reali e complessi, Funzioni di una variabile, Limiti, Derivate,Integrali Propedeuticità consigliate: nessuna.. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e/o orale finale. Analisi Matematica B - I.E.I. SSD: MAT/05 CFU: 6 Obiettivi formativi: fornire le cognizioni di base per lo studio di funzioni in due o più variabili reali. In particolare saranno trattati gli elementi principali e le applicazioni del calcolo differenziale ed integrale in più variabili Parole chiave: funzioni in più variabili, calcolo differenziale, calcolo integrale Propedeuticità obbligatoria: Analisi matematica A I.E.I. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Chimica A SSD: CHIM/07 CFU: 5 Obiettivi formativi: conoscenza di base per la comprensione dei fenomeni chimici mirata agli aspetti più prettamente di interesse ingegneristico Parole chiave: struttura atomica, legame chimico, stati di aggregazione della materia, transizioni di fase, equilibrio chimico, cinetica chimica, cenni di termodinamica, elettrochimica, gruppi funzionali organici, esercizi di autovalutazione Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie e prova orale finale Chimica A - I.E.I. SSD: CHIM/07 CFU: 6 Obiettivi formativi: Concetti di base della reattività chimica in relazione a modelli atomici della materia. Parole chiave: Struttura atomistica. Formule chimiche, Reattività, Equilibrio termodinamico, Soluzioni, Elettrochimica. Propedeuticità consigliate: nessuna. e laboratorio. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia, prova scritta e/o orale finale. Chimica A/Lab. SSD: CHIM/07 CFU: 1 Obiettivi formativi: acquisizione delle basi per il trattamento delle sostanze chimiche, nonché sensibilità all'approccio analitico Parole chiave: norme di sicurezza, trattamento dei dati, tecniche sperimentali di base, esperienze relative agli argomenti trattati Propedeuticità: Modalità di svolgimento della didattica: attività pratica di laboratorio Modalità di accertamento del profitto: rapporto di laboratorio e prova orale finale 9

10 Elementi di Informatica SSD: ING-INF/05 CFU: 4 Obiettivi formativi: fornire i concetti di base dell'informatica e dei piu' diffusi pacchetti applicativi e sistemi operativi con frequentazione intensiva del laboratorio di informatica, lezioni sul personal computer e sui principi base della programmazione Parole chiave: Sistema operativo, computer, programmazione elettronica e attività di laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova scritta finale Fondamenti di Informatica A - I.E.I. SSD: ING-INF/05 CFU: 4 Obiettivi formativi: Introdurre l'informatica come disciplina per la soluzione automatica di problemi di ingegneria e presentare i principi di base della programmazione Parole chiave: Architetture hardware e software. Rappresentazione dell'informazione. Algoritmi e programmi. Introduzione al linguaggio C: Variabili, Tipi elementari, Espressioni, Strutture di controllo condizionali e iterative, Input/output. Propedeuticità consigliate: nessuna. e laboratorio. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia, prova scritta e/o orale finale. Fisica Generale A SSD: FIS/01 CFU: 6 Obiettivi formativi: introduzione alla Fisica classica in relazione al moto di una particella soggetta a forze ed alle proprieta' dei campi gravitazionale, elettrico e magnetico nel vuoto e nei mezzi Parole chiave: Meccanica classica, elettromagnetismo, ottica Propedeuticità consigliate: Analisi Matematica A, Geometria A e in laboratorio e attività di laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale Fisica Generale A - I.E.I. SSD: FIS/01 CFU: 6 Obiettivi formativi: Il corso è dedicato alla Meccanica ed è mirato a fornire le conoscenze di base per descrivere lo stato di quiete e di moto del corpo rigido ed il suo comportamento elastico nonchè i rudimenti per descrivere la cinematica e la dinamica dei fluidi. Parole chiave: Misura di una grandezza Fisica. Forze. Meccanica del punto materiale. Moti relativi. Lavoro ed Energia. Meccanica dei corpi rigidi. Equilibrio ed elasticità dei corpi rigidi. Statica e dinamica dei fluidi. Propedeuticità consigliate: nessuna.. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia, prova scritta e/o orale finale. Fisica Generale A/Lab. SSD: FIS/01 CFU: 2 Obiettivi formativi: introduzione alla pratica di laboratorio di misure fisiche, metodo sperimentale e Unità e strumenti di Misura, certificazione Parole chiave: misure e strumenti fisici, analisi di dati di laboratorio Propedeuticità consigliata: Analisi Matematica A Modalità di svolgimento della didattica: lezioni in aula ed esercitazioni in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: rapporti di laboratorio e prova orale finale Fisica Generale B - I.E.I. SSD: FIS/01 CFU: 3 Obiettivi formativi: Completare la formazione nella fisica. Ottenere un quadro piu sistematico ed approfondito, introdurre alcune parti della materia che hanno connessioni con insegnamenti tecnici Parole chiave: Urti. Riferimenti non inerziali. Il corpo rigido. Oscillazioni e Risonanze. I Fluidi. Modelli cinetici e termodinamica. Elettromagnetismo. Tecniche di soluzione dei problemi. Onde e.m, interferenza e diffrazione. Dualismo onda-particella Propedeuticità obbligatoria: Fisica Generale A. Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie o scritto finale, prova orale finale 10

11 Geometria A SSD: MAT/03 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire le conoscenze di base e le tecniche necessarie per risolvere i principali problemi della algebra lineare e della geometria euclidea nel piano e nello spazio di dimensione tre Parole chiave: matrici, spazi vettoriali, sistemi lineari, autovalori, prodotto scalare, spazi euclidei, sistemi di riferimento, piani, rette, mutue posizioni, distanze Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale Geometria A - I.E.I. SSD: MAT/03 CFU: 6 Obiettivi formativi: Introduzione ai concetti ed alla strutture di base dell'algebra lineare in collegamento con il loro utilizzo in altre discipline Parole chiave: strutture algebriche, matrici, spazi vettoriali, sistemi lineari, autovalori, autovettori, prodotto scalare. Spazi euclidei, sistemi di riferimento, rappresentazioni di sottospazi, piani, rette, mutue posizioni, distanze Propedeuticità consigliate: nessuna.. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia, prova scritta e/o orale finale. b) Attività formative caratterizzanti Mecc. Appl. ai Sistemi di Armamento - I.E.I. SSD: ING-IND/13 CFU: 2 Obiettivi formativi: panoramica sui dispositivi e sui meccanismi per la realizzazione di sistemi di armamento Parole chiave: trasmissioni meccaniche: leveraggi, giunti, frizioni, cinematismi Propedeuticità consigliata: nessuna Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie e prova orale finale Disegno Tecnico Industriale A SSD: ING-IND/15 CFU: 6 Obiettivi formativi: mettere l allievo nelle condizioni di eseguire complessivi e disegni costruttivi dei singoli particolari con l'ausilio di tecniche informatizzate Parole chiave: modalita di rappresentazione, disegno industriale, normativa tecnica UNI m1, proiezione ortogonale, sezione, quotatura, tolleranze, elementi di macchina Modalità di accertamento del profitto: elaborati in aula settimanali e prova scritta finale con discussione orale degli elaborati fatti a casa Disegno Tecnico Industriale A - I.E.I. SSD: ING-IND/15 CFU: 6 Obiettivi formativi: mettere l allievo nelle condizioni di eseguire complessivi e disegni costruttivi dei singoli particolari con l'ausilio di tecniche informatizzate Parole chiave: modalita di rappresentazione, disegno industriale, normativa tecnica UNI m1, proiezione ortogonale, sezione, quotatura, tolleranze, elementi di macchina Modalità di accertamento del profitto: elaborati in aula settimanali e prova scritta finale con discussione orale degli elaborati fatti a casa Termodinamica e Trasmissione del Calore SSD: ING-IND/10 CFU: 5 Obiettivi formativi: acquisire la conoscenza dei principali meccanismi di trasferimento dell'energia termica, con particolare attenzione a sistemi, componenti e applicazioni industriali e civili Parole chiave: termodinamica, fluidi ideali e non, cicli termodinamici, conduzione,convezione e irraggiamento Propedeuticità consigliata: Fisica Generale A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale 11

12 Fisica Tecnica A - I.E.I. SSD: ING-IND/10 CFU: 5 Obiettivi formativi: acquisire la conoscenza dei principali meccanismi di trasferimento dell'energia termica, con particolare attenzione a sistemi, componenti e applicazioni industriali e civili Parole chiave: termodinamica, fluidi ideali e non, cicli termodinamici, conduzione,convezione e irraggiamento Propedeuticità consigliata: Fisica Generale A I.E.I. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale c) Attività formative affini o integrative Diritto del Lavoro A SSD: IUS/07 CFU: 4 Obiettivi formativi: fornire le fondamentali conoscenze giuridiche necessarie per la gestione del rapporto di lavoro. Parole chiave: legislazione, lavoratore subordinato e autonomo, gestione risorse umane, licenziamenti Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova orale finale Economia ed organizzazione aziendale A SSD: ING-IND/35 CFU: 5 Obiettivi formativi: illustrare i meccanismi di funzionamento delle principali funzioni aziendali, e introdurre ai problemi e agli strumenti dell analisi di bilancio Parole chiave: azienda, marketing, produzione, sviluppo prodotti, economia aziendale, analisi di bilancio Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale Elettrotecnica A SSD: ING-IND/31 CFU: 6 Obiettivi formativi: fornire gli elementi per l'analisi e la sintesi di semplici reti elettriche e per la comprensione del funzionamento delle macchine elettriche Parole chiave: risoluzione di reti in corrente continua, teoremi delle reti, metodi d'analisi, transitori, regime sinusoidale, potenze, sistemi trifase, trasformatore, macchine rotanti a induzione Propedeuticità consigliate: Analisi Matematica A, Fisica Generale A Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale Impresa e sistema competitivo SSD: SECS-P/08 CFU: 3 Obiettivi formativi: affrontare le problematiche relative all'analisi dell'impresa e del sistema competitivo ambientale Parole chiave: teoria di impresa, ambiente competitivo, settore, segmentazione, strategie competitive Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Scienza Politica - I.E.I. SSD: SPS/04 CFU: 2 Obiettivi formativi: introdurre alle problematiche relative ai sistemi socio-politici ed al loro funzionamento Parole chiave: società, sistemi politici ed economici, scienze sociali Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Istituzioni di Diritto Pubblico - I.E.I. SSD: IUS/09 CFU: 4 Obiettivi formativi: introdurre le nozioni fondamentali del diritto pubblico italiano Parole chiave: diritto pubblico, codici, leggi dello stato Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale 12

13 d) Altre attività formative didattiche Lingua Inglese A SSD: L-LIN/12 CFU: 3 Obiettivi formativi: attivare e potenziare le competenze linguistiche di base,affinchè lo studente sia in grado di comunicare ed interagire sia all'orale che allo scritto in modo autonomo Parole chiave: area morfosintattica: l'azione, la quantità, lo spazio/tempo e il confronto; area comunicativa: espressione, elaborazione e comprensione Modalità di svolgimento della didattica: lezioni e conversazioni in aula Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Lingua Inglese A - I.E.I. SSD: L-LIN/12 CFU: 3 Obiettivi formativi: attivare e potenziare le competenze linguistiche di base,affinchè lo studente sia in grado di comunicare ed interagire sia all'orale che allo scritto in modo autonomo Parole chiave: area morfosintattica: l'azione, la quantità, lo spazio/tempo e il confronto; area comunicativa: espressione, elaborazione e comprensione Modalità di svolgimento della didattica: lezioni e conversazioni in aula Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Lingua Inglese B SSD: L-LIN/12 CFU: 3 Obiettivi formativi: Fornire il livello di conoscenza Threshold User (corrispondente al livello II ALTE) Parole chiave: area comunicativa: espressione, elaborazione e comprensione Propedeuticità consigliata: Lingua Inglese A Modalità di svolgimento della didattica: lezioni e conversazioni in aula Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova orale finale 13

14 SECONDO ANNO (NUOVO ORDINAMENTO) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica a) Attività formative di base Analisi Matematica B SSD: MAT/05 CFU: 6 Obiettivi formativi: fornire le cognizioni di base per lo studio di funzioni in due o più variabili reali. In particolare saranno trattati gli elementi principali e le applicazioni del calcolo differenziale ed integrale in più variabili Parole chiave: funzioni in più variabili, calcolo differenziale, calcolo integrale Propedeuticità obbligatoria: Analisi matematica A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Analisi Matematica B - I.E.I. SSD: MAT/05 CFU: 6 Obiettivi formativi: fornire le cognizioni di base per lo studio di funzioni in due o più variabili reali. In particolare saranno trattati gli elementi principali e le applicazioni del calcolo differenziale ed integrale in più variabili Parole chiave: funzioni in più variabili, calcolo differenziale, calcolo integrale Propedeuticità obbligatoria: Analisi Matematica A I.E.I. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Fisica Generale B SSD: FIS/01 CFU: 3 Obiettivi formativi: Completare la formazione nella fisica. Ottenere un quadro piu sistematico ed approfondito, introdurre alcune parti della materia che hanno connessioni con insegnamenti tecnici Parole chiave: Urti. Riferimenti non inerziali. Il corpo rigido. Oscillazioni e Risonanze. I Fluidi. Modelli cinetici e termodinamica. Elettromagnetismo. Tecniche di soluzione dei problemi. Onde e.m, interferenza e diffrazione. Dualismo onda-particella Propedeuticità obbligatoria: Fisica Generale A. Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie o scritto finale, prova orale finale Geometria B SSD: MAT/03 CFU: 3 Obiettivi formativi: completare le conoscenze di base della geometria euclidea, con particolare riferimento alle nozioni fondamentali della teoria delle coniche e delle quadriche Parole chiave: simmetrie, punti propri ed impropri, coniche, fasci di coniche, quadriche, centro, assi, asintoti, fuochi, piani principali, equazioni canoniche Propedeuticità obbligatoria: Geometria A Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale Meccanica Razionale A SSD: MAT/07 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire gli elementi di base della Meccanica e gli strumenti matematici per costruirne i modelli Parole chiave: vettori, geometria delle masse, forze, vincoli, meccanica del punto, meccanica dei sistemi Propedeuticità obbligatoria: Analisi matematica A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova orale finale Meccanica Razionale A - I.E.I. SSD: MAT/07 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire gli elementi di base della Meccanica e gli strumenti matematici per costruirne i modelli Parole chiave: vettori, geometria delle masse, forze, vincoli, meccanica del punto, meccanica dei sistemi Propedeuticità obbligatoria: Analisi Matematica A - I.E.I. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova orale finale 14

15 Statistica Matematica SSD: MAT/06 CFU: 3 Obiettivi formativi: introdurre gli strumenti principali della statistica e del calcolo delle probabilità Parole chiave: statistica descrittiva, rappresentazione grafica del campione, misure centrali e di dispersione, elementi di probabilità, intervalli fiduciari. Modalità di accertamento del profitto: prova attravero test finale e prova orale finale b) Attività formative caratterizzanti Componentistica meccanica SSD: ING-IND/15 CFU: 3 Obiettivi formativi: illustrare i principali componenti meccanici (normalizzati e non) che vengono maggiormente utilizzati nelle costruzioni industriali, sottolineandone gli aspetti funzionali e le caratteristiche costruttive Parole chiave: componentistica meccanica, catalogo industriale, normativa tecnica, organi filettati, collegamenti, articolazioni, guide, cuscinetti, guarnizioni, molle, alberi, giunti, innesti, freni Propedeuticità: nessuna e attività di laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova scritta applicativa con discussione orale dell elaborato Fluidodinamica SSD: ING-IND/10 CFU: 4 Obiettivi formativi: introduzione alla statica e alla dinamica dei fluidi, all'impiego delle equazioni integrali di bilancio dei sistemi fluidi, all'uso delle tecniche di dimensionamento di condotte e reti Parole chiave: idrostatica, equazioni del moto, reti di condotte, misure fluidodinamiche, moti esterni Propedeuticità obbligatoria: Analisi Matematica A e attività di laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte, rapporto di laboratorio e prova orale finale Macchine A SSD: ING-IND/08 CFU: 6 Obiettivi formativi: fornire le conoscenze necessarie per la comprensione dell architettura e del funzionamento dei principali sistemi di conversione dell energia e di alcuni loro componenti, per poterli scegliere e gestire correttamente Parole chiave: sistemi di conversione dell energia a vapore, a gas ed a ciclo combinato, sistemi cogenerativi, generatori di vapore, turbine a vapore, problematiche di impatto ambientale Propedeuticità: nessuna Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Fisica Tecnica A - I.E.I. SSD: ING-IND/10 CFU: 5 Obiettivi formativi: acquisire la conoscenza dei principali meccanismi di trasferimento dell'energia termica, con particolare attenzione a sistemi, componenti e applicazioni industriali e civili Parole chiave: termodinamica, fluidi ideali e non, cicli termodinamici, conduzione,convezione e irraggiamento Propedeuticità consigliata: Fisica Generale A I.E.I. Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Meccanica degli azionamenti SSD: ING-IND/13 CFU: 5 Obiettivi formativi: un ampia panoramica sulle trasmissioni meccaniche e sui meccanismi per la realizzazione di determinate leggi di movimento Parole chiave: trasmissioni meccaniche: giunti, frizioni, freni, cinghie, ruote dentate, rotismi, sistemi articolati, camme, dinamica dei rotori Propedeuticità consigliata: Meccanica delle Macchine Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale 15

16 Meccanica delle Macchine SSD: ING-IND/13 CFU: 6 Obiettivi formativi: dare i concetti base per affrontare lo studio cinematica, statico e dinamico delle macchine Parole chiave: attrito, usura, lubrificazione, teoria dei meccanismi, dinamica delle macchine, vibrazioni Propedeuticità obbligatoria: Meccanica Razionale A Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale Sperimentazione e Collaudi SSD: ING-IND/08 CFU: 4 Obiettivi formativi: fornire gli elementi per conoscere peculiarità funzionali e costruttive dei sistemi e degli strumenti di misura di più largo impiego nel settore meccanico, per poterli scegliere ed utilizzare correttamente Parole chiave: misure di velocità, di pressione, di portata, di temperatura, di forza, di coppia e di potenza, analisi dei prodotti di combustione, collaudo di macchine a fluido, trattamento ed elaborazione del segnale Propedeuticità consigliata: Termodinamica e trasmissione del calore, attività in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Tecnologia meccanica A SSD: ING-IND/16 CFU: 6 Obiettivi formativi: acquisizione delle conoscenze sulle caratteristiche meccaniche di un materiale; lavorazioni per asportazione di truciolo, deformazione plastica a freddo e a caldo, unione mediante saldatura Parole chiave: asportazione di truciolo, utensili, parametri di processo, deformazione plastica e in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie, rapporto di laboratorio e prova orale finale c) Attività formative affini o integrative Diritto del Lavoro B SSD: IUS/07 CFU: 3 Obiettivi formativi: fornire le fondamentali conoscenze giuridiche relative alla sicurezza sul lavoro ed alla disciplina delle invenzioni Parole chiave: legislazione, sicurezza sul lavoro, D. lgs. 626/1994, invenzioni, sindacati Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova orale finale Organizzazione di Sistemi d Arma - I.E.I. SSD: ING-IND/35 CFU: 4 Obiettivi formativi: illustrare i meccanismi di funzionamento dei sistemi d arma e le loro principali funzioni logistiche; introdurre ai problemi organizzativi dei sistemi militari e agli strumenti di analisi di efficacia Parole chiave: unità operative, logistica dei sistemi d arma, organizzazione militare Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale Elettrotecnica A - I.E.I. SSD: ING-IND/31 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire gli elementi per l'analisi e la sintesi di semplici reti elettriche e per la comprensione del funzionamento delle macchine elettriche Parole chiave: risoluzione di reti in corrente continua, teoremi delle reti, metodi d'analisi, transitori, regime sinusoidale, potenze, sistemi trifase, trasformatore, macchine rotanti a induzione Propedeuticità consigliate: Analisi Matematica A- I.E.I., Fisica Generale A - I.E.I. Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale 16

17 Qualità ed affidabilità SSD: ING-INF/01 CFU: 4 Obiettivi formativi: fornire le conoscenze di base sui sistemi di gestione per la qualità, sulle tecniche di controllo e assicurazione della qualità e sull affidabilità Parole chiave: qualità, norme, certificazione, fidatezza, affidabilità Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale Scienza delle Costruzioni A SSD: ICAR/08 CFU: 6 Obiettivi formativi: analisi statica delle strutture, finalizzata alla valutazione della sicurezza sotto carichi assegnati Parole chiave: meccanica strutturale, criteri di resistenza, verifiche di sicurezza Propedeuticità obbligatoria: Analisi matematica A Propedeuticità consigliate: Analisi matematica B, Fisica generale A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta intermedia e prova scritta e orale finale Tecnologie di Chimica Applicata - Mec SSD: ING-IND/22 CFU: 5 Obiettivi formativi: presentare le principale tecnologie produttive utilizzate nella produzione dei materiali di uso tecnologico. Le caratteristiche fisiche chimiche e meccaniche ottenute nei materiali e il loro impiego fine processo Parole chiave: Tecnologie, produzione, materiali, caratteristiche, fisiche, chimiche, meccaniche Propedeuticità obbligatoria: Chimica A Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie e prova orale finale 17

18 TERZO ANNO (NUOVO ORDINAMENTO) Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica a) Attività formative di base Calcolo numerico A SSD: MAT/08 CFU: 4 Obiettivi formativi: presentazione, analisi, illustrazione della applicabilità ad alcuni problemi di interesse pratico, dei metodi di base del Calcolo Scientifico Parole chiave: metodi numerici, sistemi di equazioni, approssimazione di dati, software matematico Modalità di svolgimento della didattica: lezioni in aula, esercitazioni in aula e in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Complementi di Analisi Matematica SSD: MAT/05 CFU: 5 Obiettivi formativi: consolidare ed approfondire nozioni di Analisi Matematica di base attraverso lo studio delle trasformate integrali (Laplace, Fourier, ecc.) e delle loro applicazioni nei settori ingegneristici Parole chiave: trasformata di Laplace, trasformata di Fourier, equazioni differenziali, equazioni integrali Propedeuticità obbligatorie: Analisi Matematica A, Analisi matematica B Modalità di accertamento del profitto: prova scritta finale Complementi di Fisica SSD: FIS/01 CFU: 5 Obiettivi formativi: Completare la formazione nella fisica con elementi di fisica moderna, atomica, nucleare e della materia. Conoscenza dei meccanismi fondamentali a livello atomico e quantistico utili a comprendere le moderne applicazioni tecniche Parole chiave: Atomi, nuclei, fotoni ed elettroni. Elementi di base di fisica quantistica. Applicazioni: vibrazioni atomiche, ottica, laser, dispositivi, nano-manipolazioni Propedeuticità obbligatoria: Fisica Generale B Modalità di svolgimento della didattica: lezioni in aula, esercitazioni in aula e in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie o prova scritta finale, e prova orale finale Fondamenti di Informatica SSD: ING-INF/05 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire i concetti base inerenti la programmazione di un computer per scrivere e fare eseguire programmi nel linguaggio di programmazione C (di riferimento per il corso) in altri linguaggi Parole chiave: Propedeuticità obbligatoria: Elementi di Informatica Modalità di svolgimento della didattica: lezioni in aula, esercitazioni in aula e in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale Meccanica Razionale B SSD: MAT/07 CFU: 5 Obiettivi formativi: completare le conoscenze di base della Meccanica e studiarne in modo approfondito alcuni modelli Parole chiave: meccanica dei sistemi, meccanica analitica, studio qualitativo dei moti unidimensionali Propedeuticità obbligatoria: Meccanica Razionale A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale b) Attività formative caratterizzanti Costruzione di Macchine A SSD: ING-IND/14 CFU: 6 Obiettivi formativi: introdurre gli elementi di progettazione strutturale di organi meccanici impiegando metodi analitici semplificati Parole chiave: progettazione strutturale, tensioni, rottura, effetto intaglio, molle, tubi, travi curve Propedeuticità obbligatoria: Meccanica delle Macchine Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale 18

19 Costruzione di Macchine B SSD: ING-IND/14 CFU: 5 Obiettivi formativi: completare gli elementi di progettazione strutturale, con particolare riferimento agli organi di un motore a combustione interna Parole chiave: progettazione strutturale, tensioni, rottura, fatica, alberi, dischi rotanti, problemi di contatto, forzamenti, bielle, spinotti, alberi a gomito Propedeuticità consigliata: Costruzione di Macchine A Modalità di accertamento del profitto: prove intermedie scritte e prova orale finale Disegno di Macchine A SSD: ING-IND/15 CFU: 5 Obiettivi formativi: eseguire semplici rappresentazioni tecniche nel rispetto delle Normative in vigore. Si illustrano gli elementi propedeutici finalizzati alla esecuzione di semplici complessivi Parole chiave: CAD, Normativa tecnica UNI m1, disegno industriale Propedeuticità obbligatoria: Disegno Tecnico Industriale A e in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova orale con discussione degli elaborati Gestione industriale della sicurezza SSD: ING-IND/17 CFU: 5 Obiettivi formativi: dare le conoscenze che consentono di adempiere ai compiti obbligatori in riferimento alla salute e sicurezza sul lavoro cui sono tenute le aziende (industriali e delle costruzioni) per quanto riguarda la loro gestione e i costruttori per quando riguarda i loro prodotti Parole chiave: sicurezza sul lavoro, D. lgs. 626/1994, D.lgs 494/96 Propedeuticità obbligatoria: Elettrotecnica A Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale Impianti accessori per l'industria del legno SSD: ING-IND/16, CFU: 5 ING-IND/17 Obiettivi formativi: panoramica ampia delle macchine e degli impianti complementari per l industria del legno e del pannello. Si tratta di impianti sempre presenti negli insediamenti produttivi, di importanza fondamentale per una corretta gestione del processo Parole chiave: impianti di aspirazione, macchine per movimentazione, magazzino, recupero energetico, visite in azienda Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale Impianti Meccanici A SSD: ING-IND/17 CFU: 6 Obiettivi formativi: fornire conoscenze di base relative a principi teorici, schemi di funzionamento, adozione dei componenti, metodi di progettazione, norme e regolamenti dei principali impianti meccanici di servizio Parole chiave: Propedeuticità obbligatoria: Macchine A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale Logistica Industriale SSD: ING-IND/17 CFU: 5 Obiettivi formativi: sistemi integrati di produzione (CIM), sistemi di movimentazione e stoccaggio, gestione dei materiali (MRP, JIT) pianificazione e controllo della produzione Parole chiave: automazione, flusso: fisico, informativo, movimentazione, stoccaggio, gestione scorte e fabbisognim materiale, schedulazione, controllo produzione Propedeuticità consigliata: Impianti Meccanici A Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale 19

20 Macchine B SSD: ING-IND/08 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire le conoscenze necessarie per la comprensione dell architettura e del funzionamento delle macchine a fluido motrici ed operatrici, dinamiche e volumetriche, di più frequente applicazione industriale Parole chiave: macchine idrauliche, pompe centrifughe, pompe volumetriche, motori endotermici alternativi, compressori volumetrici Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Macchine utensili e impianti per le lavorazioni SSD: ING-IND/16 CFU: 5 dei pannelli Obiettivi formativi: conoscenze relative alla lavorazione dei pannelli derivati dal legno, lavorazioni eseguibili sui pannelli per mezzo delle macchine tradizionali e dei piu moderni impianti industriali, conoscenze sulle macchine utensili e sulle attrezzature con le relative modalita di impiego ottimale Parole chiave: seghe radiali, seghe a pendolo, bordatrici, foratrici, calibro-levigatrici, sezionatici, giuntatrici, incollatrici, centri di lavoro a Controllo Numerico, visite in azienda Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale con prova pratica Macchine utensili per la lavorazione del legno SSD: ING-IND/16 CFU: 5 Obiettivi formativi: conoscenze per i processi di seconda trasformazione del legno a partire dai segati. Verranno fornite le conoscenze sulle macchine utensili e sulle attrezzature con le relative modalita di impiego Parole chiave: seghe, toupie, piallatrici, pantografi, scorniciatrici, cavatrici, levigatrici, controllo numerico e in laboratorio, visite in azienda Modalità di accertamento del profitto: prova scritta e orale finale con prova pratica Meccanica delle Vibrazioni SSD: ING-IND/13 CFU: 5 Obiettivi formativi: concetti base per affrontare lo studio delle vibrazioni di sistemi e strutture meccaniche, sia da un punto di vista analitico che sperimentale Parole chiave: vibrazioni: sistemi discreti e continui, analisi modale, isolamento delle vibrazioni, analisi sperimentale Propedeuticità obbligatoria: Meccanica delle Macchine Modalità di accertamento del profitto: prove scritte intermedie e prova orale finale Motori a Combustione interna SSD: ING-IND/08 CFU: 5 Obiettivi formativi: conoscere le principali forme costruttive e gli aspetti funzionali di base motori endotermici alternativi a ciclo Otto ed a ciclo Diesel Parole chiave: motori a ciclo Otto ed a ciclo Diesel, motori a 2 e 4 tempi, sistemi di aspirazione e scarico, combustibili, formazione della carica, combustione, formazione e controllo delle emissioni inquinanti Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale Oleodinamica SSD: ING-IND/08 CFU: 5 Obiettivi formativi: fornire le conoscenze di base per la lettura, la comprensione del funzionamento ed il dimensionamento di massima di circuiti oleoidraulici fondamentali, nonché per l analisi delle caratteristiche costruttive e funzionali delle macchine e dei componenti di regolazione di maggior impiego industriale Parole chiave: fluidi idraulici, pompe e motori volumetrici, attuatori lineari, componenti idraulici di regolazione, componenti accessori, circuiti idraulici di comando e controllo, trasmissioni idrostatiche, attività in laboratorio Modalità di accertamento del profitto: prova orale finale 20

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze

I COMMENTI DI ISTITUTO AMBIENTE EUROPA AL D. Lgs. 81/08 ( TESTO UNICO ) 9 - ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: chi, che cosa e con quali conseguenze ESONERO DAI CORSI PER RSPP E ASPP: di Attilio Pagano Psicologo del Lavoro e formatore L art. 32 del D. Lgs. 81/08 disciplina i requisiti per lo svolgimento delle funzioni di RSPP e ASPP. Tali requisiti

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo

Guida all accesso ai Corsi di Laurea Magistrale (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo 1 2 Guida all accesso ai Corsi di Laurea (ordinamento D.M. 270/04) attivati nell A.A. 2014/2015 dall Ateneo di Palermo Anno Accademico 2014/2015 3 4 Concept and graphic design: Marketing e Fundraising

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari

Lista dei Settori Concorsuali con i relativi settori scientifico disciplinari Lista dei Settri Cncrsuali cn i relativi settri scientific disciplinari 01/A1 - LOGICA MATEMATICA E MATEMATICHE COMPLEMENTARI MAT/01 MAT/04 01/A2 - GEOMETRIA E ALGEBRA MAT/02 MAT/03 01/A3 - ANALISI MATEMATICA,

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria

La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria La riforma del sistema universitario nel contesto delle Facoltà di Ingegneria Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri 5 CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA - 00186

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza

Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Cambiare corso universitario: la mobilità come riorientamento e second chance Una ricerca su 410.000 studenti della Sapienza Giuseppe Carci La mobilità universitaria tra dispersione e riorientamento Con

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA

BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BRESCIA ANNO ACCADEMICO 2013/2014 BANDO PER L'AMMISSIONE AI CORSI DI LAUREA IN INGEGNERIA Sono aperte le immatricolazioni per l anno accademico 2013/2014 ai corsi di laurea in

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia

Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Regolamento didattico del Corso di Laurea per Ortottista e Assistente di Oftalmologia ( livello) Presidente: prof. Adriano Magli

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo.

In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. In Edumeter le domande proposte nei questionari possono avere quattro risposte: 2 con valore negativo e 2 con valore positivo. Le risposte negative vengono memorizzate con i valori 1 e 2. Le risposte positive

Dettagli

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento

Emanuela Stefani - Fondazione CRUI Vincenzo Zara - Università del Salento Emanuela Stefani - Fondazione CRUI f Vincenzo Zara - Università del Salento LA RIFORMA UNIVERSITARIA LA NORMATIVA NAZIONALE La normativa nazionale Riferimenti normativi Corsi di Laurea Corsi di Laurea

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALLEGATO I parametri e i criteri, definiti mediante indicatori quali-quantitativi (nel seguito denominati Indicatori), per il monitoraggio e la valutazione (ex post) dei risultati dell attuazione dei programmi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA

REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE DEGLI STUDENTI A TEMPO PARZIALE AI CORSI DI STUDIO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA TUSCIA Università degli Studi della Tuscia Regolamento per l iscrizione degli studenti a tempo parziale ai corsi di studio dell Università degli Studi della Tuscia (D.R. n. 637/07 del 01.08.2007) REGOLAMENTO

Dettagli

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione

Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT. (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Master di I livello In PROJECT MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma attiva il Master di

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza

Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Domande e risposte sui Master universitari della Sapienza Che cos è un Master Universitario? Il Master Universitario è un corso di perfezionamento scientifico e di alta qualificazione formativa, finalizzato

Dettagli

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE

A CHE COSA SERVE LA PROVA DI AMMISSIONE INDICE A che cosa serve la prova di ammissione pag. I Come è strutturata la prova III Come rispondere al questionario V Indicazioni sulle principali conoscenze richieste XII Testo della prova del 4 settembre

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli