IL VIAGGIO DI VIGGIO PIETRO VIGGIANI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL VIAGGIO DI VIGGIO PIETRO VIGGIANI"

Transcript

1 1. La Notizia 10 luglio 2003 Viggio, sei stato assegnato a un progetto in Medio Oriente, Emirati Arabi se non sbaglio. La scioccante comunicazione del capo in una torrida sera dell estate milanese. Otto di sera, si stava per concludere un altra pallosissima giornata di lavoro. Il fine settimana alle porte, pronto a volare a Londra per seguire un corso di formazione. Ormai da mesi la noia aveva preso il sopravvento. Il lavoro non era più capace di fornirmi gli stimoli degli anni precedenti. Pressante l esigenza di cambiare progetto, aria, città: una vera e propria anima in pena. Con l avvicinarsi dell estate e delle vacanze d agosto, già organizzate, vivevo in attesa di settembre, per poi lanciarmi nel cambiamento. Non serviva aspettare tanto, il nuovo progetto richiedeva disponibilità immediata; una comunicazione suonata più come un aut aut che come un ti piacerebbe andare? Ti chiamerà a breve il manager assegnato al progetto, mi liquidò in breve il mio capo. In attesa della chiamata, la mente iniziò a viaggiare ingarbugliandosi tra mille riflessioni: Ma ndò vai, lì ci stanno i talebani, so tutti musulmani impazziti, come reagirà mia madre che, anziché vedere il figlio riavvicinarsi a Roma, lo vede allontanarsi sempre di più verso mete sconosciute e rischiose? 7

2 Già la vedevo barcollare davanti a tale notizia, come quando mi vide illo tempore rientrare a casa con un nuovo look (testa rasata a zero) reso necessario dalla precoce caduta di capelli! La telefonata non si fece attendere troppo, dieci minuti e: Ciao Viggio, sono Corrado il tuo nuovo manager... Descrisse velocemente i contenuti del progetto: si trattava di lavorare in giro per diversi paesi del Medio Oriente (Emirati Arabi, Yemen, Qatar e Siria) tra luglio 2003 e aprile Luoghi fino ad allora sentiti solo in riferimento alle tristi vicende legate al terrorismo islamico. Ancora non ho deciso dove lavorerai, ne parleremo direttamente lì, dobbiamo essere ad Abu Dhabi il 18 luglio, ci manteniamo in contatto nei prossimi giorni. Così ci congedammo. Le ultime parole di Corrado mi buttarono nello sconforto: il giorno dopo sarei partito per Londra, per poi tornare a Milano dopo qualche giorno, organizzare il trasloco di tutto ciò che avevo accumulato in quattro anni nella città della moda, della finanza e degli aperitivi, per salire su un aereo e andare dove? Ad Abu Dhabi! Mi feci forza, piantare delle grane sarebbe stato controproducente e poi, in fin dei conti, volevo cambiare aria, no? Conscio di ciò che lasciavo, non sapevo però a cosa andavo incontro; l istinto suggeriva di lanciarmi. A capofitto. Vai Viggio, vai!!!. Non restava che avvisare familiari e amici più cari, comunicare la notizia e trovare un po di sostegno. I commenti furono i più disparati: da quello di mia madre avevi detto che saresti tornato presto a Roma, che avresti messo la testa a posto e ti saresti sposato al vai negli Emirati per diventare petroliere, così diventi ricco e mi mantieni di mia sorella. Dopo un paio di giorni lo sapevano tutte le persone a me più vicine, compresa la ragazza frequentata nelle ultime settimane e alla quale avevo ripetuto che si stava avvicinando il mio rientro nella capitale! Ma de che! come si dice a Roma, stavo andando dall altra parte del mondo! Quel giovedì passai la nottata fissando il soffitto della casa milanese, un pezzo di vita che stavo per lasciare. Sì, proprio lo splendido appartamento nel centro di Milano, mia dimora per quattro anni. Se quei muri avessero potuto parlare... Ero arrivato in terra longobarda a quasi ventisei anni con appena un anno di esperienza lavorativa alle spalle, tante ambizioni e carico di entusiasmo: grande occasione professionale e personale. Dopo aver trascorso infanzia, adolescenza e gioventù coccolato tra le pareti domestiche, mi distaccavo per un lungo periodo da casa e dalla famiglia per andare a vivere da solo. Quanto avevo sognato l indipendenza! Affascinato dalla prospettiva di condurre una vita in totale autonomia, era giunto il momento di pensare alla mia crescita. Non potevo più fare affidamento su mammà per i pranzi, le cene e i bucati o su papà per sbrigare piccole faccende burocratiche (di multe ne ho sempre prese tante!). Tutto sarebbe dipeso da me e da come avrei organizzato la permanenza a Milano. Trovai casa subito, vicino all ufficio, solo tre fermate di metro. Milano, l opposto di Roma: efficiente, pulita, stakanovista, e cara da morire. La mattina, oltrepassando il portone di casa, m imbattevo in flussi umani che in modo meccanico e ordinato si dirigevano verso il luogo di lavoro. 8 9

3 Percorrevo lentamente i pochi metri che separano il portone del palazzo dalla fermata della metropolitana, incuriosito dal movimento perpetuo cominciato già dalle prime luci del giorno. Si camminava con passo rapido e a testa bassa; chi leggeva il giornale, chi mangiava una brioche, la città, alle otto di mattina era già in pieno fermento. Ricordo con simpatia la prima volta che mi trovai ad attraversare la strada per raggiungere la fermata di Crocetta: semaforo rosso per i pedoni e due folte schiere di persone ai bordi del marciapiede, scalpitanti in attesa del verde. Quasi dovessero scattare per percorrere i cento metri alle Olimpiadi. Ancora pieno della calma mattutina romana non aspettavo il verde come gli altri, ero concentrato a osservare ciò che accadeva intorno. Al via libera per i pedoni, mi trovai trasportato da numerose decine di persone in fuga verso la metro o il tram. Non potei far altro che attraversare con la stessa rapidità, come se due energumeni mi avessero sollevato da terra (cosa non molto difficile vista la mia statura) prendendomi da sotto le braccia e trasportato senza che potessi opporre resistenza. Dalla parte opposta giungeva una seconda schiera con passo similmente rapido. Si andava verso lo scontro frontale : nessuno preoccupato di urtare gli altri, o di stendere una vecchietta non allenata fisicamente per reggere tale ritmo e velocità. Milano si presentò così: frenetica ma ordinata, in grado di dettare i ritmi della giornata. Sbalorditiva la puntualità e la frequenza dei mezzi di trasporto: la metro passava quasi ogni minuto, nessun dramma se perdevi il treno, nelle ore di punta il servizio era impeccabile con brevi attese rese piacevoli dai video di passerelle del prêt à porter proiettati sulle mura delle stazioni. A Roma, invece, l attesa era eterna, nessuna idea di quando il treno sarebbe passato. Guai a perderlo: l arrivo a destinazione inevitabilmente avrebbe subito un ritardo. La puntualità dei trasporti pubblici milanesi fu quindi una lieta sorpresa. E pensare che a Roma, fin dai tempi del liceo, vivevo l arrivo del mezzo pubblico come l attesa per una battaglia: coltello tra i denti e muscoli ben in vista. Quando le porte si aprivano bisognava spingere e se necessario tirare giù qualcuno per farsi spazio, come solo Fantozzi riusciva a fare. Abile nel ritagliarmi lo spazio minimo per giungere a destinazione, aiutato dalla modesta statura e da una tenacia tanto efficace da indurre il mio amico e collega Giampo a etichettarmi come Nano bastardo. Proprio a Giampiero, napoletano incrociato a Roma sul lavoro, toccò la mia stessa sorte: Milano. In Padania i due terroni divennero inseparabili, pronti a sostenersi in caso di difficoltà. Assegnati allo stesso progetto, condividemmo l appartamento per combattere la solitudine. Primi mesi belli e intensi, la città iniziava a piacermi e io iniziavo a piacere ai milanesi. I colleghi del progetto provenivano da diverse parti d Italia, ben assortiti e convinti che bisognasse lavorare tanto, ma poi anche divertirsi. Tra i personaggi degni di nota, una collega romana dal nome emblematico: Luciana Patacchioni. Diventò subito la Patacchioni, per alcuni Lulù. Spontanea e promotrice della cucina sana e dei cibi al naturale, a ogni rientro a Roma per il fine settimana, permetteva alla madre di riempirle le valigie di cibi freschi e genuini. Convinta di essere un ottima cuoca, curava il cibo con affetto materno tant è che il suo coinquilino, una sera, la trovò davanti al fornello che scambiava due chiacchiere con il ragù: Guarda come t ho fatto bono, guarda che colore... brava Lulù, brava Lulù

4 Non assaggiai mai nessuna delle sue ricette, perché ero arrivato a Milano intenzionato a buttare giù la pancia. Se Lulù usava fare scorte alimentari e, non contenta, sul comodino a fianco al letto teneva pure un congelatore stracolmo di prodotti surgelati, io mi accontentavo di yogurt e insalate. Lulù divenne presto un assidua compagna di viaggio: il weekend a Roma per farci coccolare dalla famiglia, il lunedì all alba ambedue puntuali al check-in di Fiumicino. Per un anno vissi il rientro a Milano con grande stress: lei sempre lì ad aspettarmi per affidarmi uno dei suoi bagagli pieni di cibarie. Per carità di Dio, guai se malauguratamente una delle costosissime borse in pelle griffata fosse stata imbarcata nella stiva tra i bagagli dei comuni passeggeri: il contenuto era troppo prezioso per rischiare di perderlo o rovinarlo! Caro Viggio, ti toccava sempre imbarcarti con due bagagli, suscitando proteste e occhiate maligne. In una mano l immancabile computer portatile, nell altra una ventiquattrore femminile dagli odori forti e tipici dei Castelli Romani. Un paio di episodi rendono ancora meglio l idea del personaggio. Al check-in pretendeva, e otteneva, un posto vicino al mio. Appena imbarcata, si addormentava sulla mia spalla ronfando fino a Milano. Una mattina però, durante il breve volo, sobbalzò farfugliando parole indecifrabili e ripiombò tra le braccia di Morfeo. L aereo non fece in tempo ad atterrare che accese il telefonino per chiamare il fidanzato: A Vincè, un guaio, stamattina in tutta fretta me sò scordata de prenne i fagiolini dar frigorifero. Fai na cosa, chiama mì madre e chiedile se se conservano fino a settimana prossima che me li porto a Milano, artrimenti magnateli te! Un altra volta un tassista, caricando i nostri bagagli, trattò con poca delicatezza una sua valigia. Lo guardò malissimo e con tono di rimprovero tuonò: Aò, faccia piano che lì ce stanno le arance! Milano rappresentò anche la nascita di una vera amicizia con Giampo, ragazzone alto dalla faccia rotonda e gli occhialetti, capelli ricci e crespi. Era solito affossarsi nella sedia con le braccia penzoloni; per questo fu battezzato Caccamo, personaggio di Mai dire Gol allora in voga. Persona brillante: piacevole quando si facevano due chiacchiere davanti a un bicchiere di vino, divertentissimo nelle occasioni più ludiche. La condivisione dell appartamento mi permise di ammirare anche la sua componente bambinesca: nottate passate a fare sfide calcistiche alla Playstation dalla quale non riusciva proprio a separarsi. Prendemmo presto l abitudine di bere l aperitivo nel tardo pomeriggio, un evento cult a Milano; il Negroni divenne uno dei nostri migliori amici, in sua compagnia la serata spiccava il volo. E come non menzionare Maurizio, detto Er Cicoria per la barba lunga e ruvida! Presenza mastodontica dalla doppia personalità: silenzioso e lavoratore durante la settimana, nel weekend, supportato da numerosi drink, ingranava la quarta. Il sabato sera padroneggiava in una discoteca del Bergamasco. Le conoscenze influenti gli garantivano un tavolo con secchi di champagne e vassoi di freschissime fragole. E guai a non raggiungerlo. Circondato di belle ragazze, ballava come un matto vaneggiando frasi del tipo: Questa sera ballo con sciabole e ventagli, che attestavano un livello alcolico ben al di sopra dei parametri di guardia. Le sue esternazioni rimasero impresse anche ai miei amici di Roma in gita a Milano durante un weekend. Dopo 12 13

5 una cena in cui svuotò una bottiglia di ottimo rhum, ci dirigemmo verso Bergamo, tutti nella macchina di Maurizio. In prossimità di Porta Romana, distratto dalla musica da Buddha Bar, tamponò una vettura. Scese con fare minaccioso, si avvicinò al povero ragazzo, sì e no ventenne, che non aveva fatto alcun cenno di protesta e gli intimò: Uè pirla, stai calmo. Rilassati, fai dello yoga! A mia sorella si presentò dicendo: Sono Maurizio, scusami se ogni tanto sono un personaggio un po virtuale! Dopo un altra serata all ormai mitico Bobbadilla, di ritorno verso Milano con la mia vettura, a un semaforo rosso mi accodai a una station wagon; al verde, non si mosse e lasciò che scattasse nuovamente il rosso. Preoccupato, mi affiancai: Er Cicoria, in uno stato di totale alienazione, si era addormentato, piegato sul cruscotto della macchina con il faccione schiacciato sul finestrino! Con un colpo insistente di clacson lo svegliai, e lui come un gatto sornione mi salutò andandosene... Eh sì Maurizio, sei veramente un personaggio virtuale! Sul piano lavorativo Milano mi aveva forgiato e formato, grazie al contributo degli eccellenti colleghi incontrati nei diversi progetti. Instaurai ottimi rapporti umani e professionali, ma nell ultimo anno una serie di circostanze e di comportamenti non mi piacquero: mancanza di rispetto e colpi bassi mi fecero desiderare un cambiamento. La rottura ormai creata, le insoddisfazioni erano evidenti come la mancanza di stimoli; immaginavo di essere riposizionato, ma mai avrei pensato di andare a finire ad Abu Dhabi. Quella notte fu un continuo flash-back dei quattro anni milanesi, un ripercorrere tutti gli eventi salienti. Il mio viaggio iniziò quella notte stessa, stilando un bilancio della fantastica esperienza prossima alla conclusione: sicuramente positivo. Non sapevo cosa mi aspettava con il nuovo progetto; forse l occasione giusta per ritrovare l entusiasmo perso, quegli stimoli che ormai da mesi cercavo di rivitalizzare senza successo. 11 luglio Arrivai a Londra il weekend antecedente l inizio del corso, appositamente per passarlo con una cara amica romana trapiantata da anni nella City: la Novellona, bellissima ragazza bionda, più nordica che mediterranea, giunta in Inghilterra per caso. Durante la preparazione della tesi di laurea, fu convocata a Londra per un colloquio di lavoro. Titubante sul da farsi a pochi giorni dalla discussione accademica, riuscii a convincerla che avrebbe perso inutilmente una ghiotta occasione. Detto fatto: dopo neanche un mese dalla laurea era già cittadina inglese, con un lavoro in tasca. Questo evento consolidò il nostro rapporto di amicizia: ci incontravamo due, tre volte all anno tra Londra, Milano e Roma. La trovai pimpante e saltellante come al solito a Victoria Station, già informata sulle mie ultime vicissitudini: Viggio, questa è una grande occasione, ti giri il mondo a spese dell azienda, non sei contento? Sarà un esperienza unica, vedrai. Gli scherzi del destino: a distanza di anni mi stava restituendo il favore, toccava a lei questa volta evidenziare i lati positivi dell esperienza che mi attendeva

6 Il suo entusiasmo mi trasmise una buona dose di tranquillità, sufficiente per affrontare il weekend londinese. Tempo un ora e già sorseggiavamo cuba libre all interno del The Collection intrattenendo conversazioni con una varietà multirazziale di suoi amici. Quale migliore occasione per riprendere confidenza con l inglese? Mamma mia, che fatica, spesso non capivo una parola! La combinazione alcool e mix di slang fu devastante: iniziai a ballare attorniato da ragazze di tutte le nazionalità, già proiettato in una realtà internazionale. Per tamponare i buchi dello stomaco, mi trovai in piena notte ad azzannare un kebab a Notting Hill. Sempre più presente il mondo arabo! Chissà perché, tra tutti i fast food e bar di Londra, capitammo proprio in quello. Il weekend trascorse piacevolmente, con la mente libera dai pensieri delle ultime ventiquattro ore. Meno piacevole la settimana di corso seguito poco e male, perennemente al telefono con Corrado per i motivi più disparati: dal rinnovo del passaporto, all aggiornamento del curriculum, all organizzazione della partenza. Il primo giorno di corso, presentandomi al resto dei partecipanti, una ragazza russa di nome Natalia sobbalzò sulla sedia sentendomi nominare gli Emirati Arabi. Se le russe sono famose per essere alte, bionde e con un fisico mozzafiato, lei era l esatto contrario tanto da meritarsi il soprannome di Caciotta. L appellativo fu coniato questa volta dal collega Rino dopo averla ammirata, in una spiaggia di Dubai, con un bikini che ne esaltava la pelle bianca mozzarella e gli abbondanti rotoli di ciccia. I giorni antecedenti la partenza fui raggiunto dalla telefonata di un collega, Marco, triestino particolarmente eclettico, conosciuto durante un progetto in cui finire di lavorare alle undici di sera rappresentava la normalità. L abitudine di aggiungere l intercalare sai a ogni sua affermazione, Ciao sai, grazie sai, cosa facciamo stasera sai, notte sai, gli valse la nomina di Marco Sai. Calmo e serioso di giorno, verso sera, stanco delle nottate infinite, iniziava a prendere a sberle e a parolacce il computer su cui lavorava, mentre io afferravo il megafono che si trovava nell ufficio per invitare i ritardatari a evacuare l edificio. Al telefono mi comunicò la sua nuova assegnazione: Abu Dhabi. Almeno avrei avuto una presenza amica! Per problemi legati al rinnovo del passaporto rientrai a Roma con un giorno di anticipo, non senza aver prima salutato Milano. Era tutto pronto, non c erano più scuse, lunedì 21 luglio l aereo era già in pista: il futuro petroliere iniziava per davvero il suo viaggio. Mi accompagnarono i miei genitori, tristi e angosciati nel salutare il figlio in partenza verso una meta non priva di rischi e preoccupazioni. Mi si strinse il cuore, ma ormai me ne ero fatto una ragione: Abu Dhabi arrivo! 16 17

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete

Nonni si diventa. Il racconto di tutto quello che non sapete Nonni si diventa Il racconto di tutto quello che non sapete Introduzione Cari nipoti miei, quando tra qualche anno potrete leggere e comprendere fino in fondo queste pagine, forse vi chiederete perché

Dettagli

E Penelope si arrabbiò

E Penelope si arrabbiò Carla Signoris E Penelope si arrabbiò Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2014 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07262-5 Prima edizione: maggio 2014 Seconda edizione: maggio 2014 E Penelope si

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1)

Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Abbi il piacere di leggere fino alla fine...(poi pensa... E scegli l opzione numero 1) Cos è il virtu@le? Un giorno entrai di fretta e molto affamato in un ristorante. Scelsi un tavolo lontano da tutti,

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA

LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA C A N I D A S S I S T E N Z A F I D E S LA VITA QUOTIDIANA CON UN CANE DI ASSISTENZA r Mirjam Spinnler e Bayou Caro Bayou, che cosa farei senza di te? Con te la mia vita è più semplice, allegra e colorata.

Dettagli

Esercizi pronomi accoppiati

Esercizi pronomi accoppiati Esercizi pronomi accoppiati 1. Rispondete secondo il modello: È vero che regali una casa a Marina?! (il suo compleanno) Sì, gliela regalo per il suo compleanno. 1. È vero che regali un orologio a Ruggero?

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

La storia di Victoria Lourdes

La storia di Victoria Lourdes Mauro Ferraro La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale La storia di Victoria Lourdes Diario di un adozione internazionale Dedicato a Monica e Victoria «La vuoi sentire la storia

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ

Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta SOGNANDO LA FELICITÀ Flavia Volta, Sognando la felicità Copyright 2014 Edizioni del Faro Gruppo Editoriale Tangram Srl Via Verdi, 9/A 38122 Trento www.edizionidelfaro.it info@edizionidelfaro.it

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata

VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI. Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata VENGO ANCH IO CONDIVIDERE LA MALATTIA E LE CURE CON I FIGLI I BENEFICI DELLA COMUNICAZIONE IN FAMIGLIA Dott.ssa Lucia Montesi Psicologa Psicoterapeuta U.O. Oncologia Area Vasta 3, Macerata FORMATO FAMIGLIA

Dettagli

Reference 1-0,73% Coverage

Reference 1-0,73% Coverage - 1 reference coded [0,73% Coverage] Reference 1-0,73% Coverage Dove ti piacerebbe andare ma anche vivere sì, sì. All interno dell Europa, sicuramente. Però mi piacerebbe vedere anche

Dettagli

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna

Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Helsana Assicurazioni SA, Lucerna Il datore di lavoro Sandra Meier La signora F. è impiegata nella nostra azienda al servizio clienti. Lavora alla Helsana da oltre 20 anni. L ho conosciuta nel 2006 al

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de

TANDEM Köln www.tandem-koeln.de info@tandem-koeln.de Nome: Telefono: Data: Kurs- und Zeitwunsch: 1. Ugo è a. italiano b. da Italia c. di Italia d. della Italia 3. Finiamo esercizio. a. il b. lo c. gli d. l 5. Ugo e Pia molto. a. non parlano b. non parlare

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette

Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Tutti i giorni con me, i miei consigli e le mie ricette Introduzione... 7 Ti lascio una ricetta... 9 Ottobre... 13 Novembre... 51 Dicembre... 89 Gennaio...127 Febbraio...167 Marzo... 203 Aprile... 241

Dettagli

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita

VINO ROSSO TACCO 12. La Perdita VINO ROSSO TACCO 12 Edito da CAIRO Editore Un estratto da La Perdita Arriva un momento in cui capiamo che un capitolo della nostra vita finisce. Un capitolo si chiude e la vita cambia, inesorabilmente.

Dettagli

Linea A 1. BATTISTINI

Linea A 1. BATTISTINI Linea A 5 1. BATTISTINI È lunedì. Una nuova settimana comincia. Come tutte le mattine, il signor Duccio Pucci sta andando a lavorare. - Il lavoro, il lavoro, sempre il lavoro Ma perché devo lavorare così

Dettagli

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti

Tabelle descrittive al tempo zero. Tabella 1. Dati socio-demografici e clinici dei pazienti Tabelle relative ai pazienti con depressione maggiore e ai loro familiari adulti e minori che hanno partecipato allo studio e sono stati rivalutati a sei mesi - dati preliminari a conclusione dello studio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

PAOLO VA A VIVERE AL MARE

PAOLO VA A VIVERE AL MARE PAOLO VA A VIVERE AL MARE Paolo è nato a Torino. Un giorno i genitori decisero di trasferirsi al mare: a Laigueglia dove andavano tutte le estati e ormai conoscevano tutti. Paolo disse porto tutti i miei

Dettagli

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO

Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO Coimbra, Portogallo DIARIO DI VIAGGIO SETTEMBRE: Quando sono arrivata a Coimbra la prima sistemazione che ho trovato è stato un Ostello molto simpatico in pieno centro, vicino a Piazza della Repubblica.(http://www.grandehostelcoimbra.com/).

Dettagli

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI

QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI QUESTIONARI PER GENITORI E BAMBINI UISP SEDE NAZIONALE Largo Nino Franchellucci, 73 00155 ROMA tel. 06/43984345 - fax 06/43984320 www.diamociunamossa.it www.ridiamociunamossa.it progetti@uisp.it ridiamociunamossa@uisp.it

Dettagli

Il Libro dei Sopravvissuti

Il Libro dei Sopravvissuti Il Libro dei Sopravvissuti Cathy Freeman: una GRANDE atleta Nel 2000 ha partecipato alle Olimpiadi di Sydney: è stata la porta bandiera e ha acceso la fiamma olimpica Ha vinto la gara dei 400 metri da

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

LA DISTRUZIONE DEL BALLO

LA DISTRUZIONE DEL BALLO LA DISTRUZIONE DEL BALLO Un bel giorno una ballerina era a casa a guardare la TV quando, all improvviso,suonò il campanello. Andò ad aprire era un uomo che non aveva mai visto il quale disse: Smetti di

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

Supronto Back AG, Egolzwil (LU)

Supronto Back AG, Egolzwil (LU) Supronto Back AG, Egolzwil (LU) La Supronto Back AG Il datore di lavoro Willi Suter: «Siamo una tradizionale panetteria-pasticceria industriale. Io e mia moglie abbiamo iniziato 25 anni fa con un apprendista

Dettagli

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri!

LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO. Dai vita ai tuoi libri! LA BIBLIOTECA DEL CLUB DEL LIBRO Dai vita ai tuoi libri! "I libri. Sono stati i miei grandi amici, perché non c è di meglio che viaggiare con qualcuno che ha fatto già la stessa strada, che ti racconta

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN

SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN 1 SCUOLA ITALIANA PIETRO DELLA VALLE TEHERAN Aprile 2013 ESAME FINALE LIVELLO 3 Nome: Cognome: E-mail & numero di telefono: Numero tessera: 1 2 1. Perché Maria ha bisogno di un lavoro? PROVA DI ASCOLTO

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2011 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Monica, vuoi venire al concerto di Cold

Dettagli

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo.

In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Pensieri.. In Africa muoiono milioni di persone a causa della mancanza di cibo. Simone Per me non è giusto che alcune persone non abbiano il pane e il cibo che ci spettano di diritto. E pensare che molte

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa.

Evangelici.net Kids Corner. Gesù. I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava fuori i pacchetti di semi dal sacchetto della spesa. Che tipo di terreno sei tu? di Linda Edwards Voglio dare una mano! Anche io! Anche io! Posso, per favore? Evangelici.net Kids Corner Gesù I bambini si radunarono intorno eccitati mentre la mamma tirava

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

!"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente

!#$%&%'()*#$*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente !"#$%&%'()*#$"*'' I 3 Pilastri del Biker Vincente Il Terzo Pilastro del Biker Vincente La Mountain Bike e la Vita Ciao e ben ritrovato! Abbiamo visto nelle ultime due lezioni, come i dettagli siano fondamentali

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci

STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci STORIA PERSONALE Elena Grossi, Marina Imposimato sc. pr. Baracca Laura Michelini Monica Turini sc. pr. Balducci LINEA DEL TEMPO I CAMBIAMENTI NEL FISICO Prima Ora/subito Dopo Data LA GIORNATA NELLA MIA

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza

Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza Corso d italiano L2 a cura di Paola Sguazza elementare 1 Presentarsi Ciao! Mi chiamo John e sono senegalese. Il mio Paese è il Senegal. Il Senegal è uno Stato dell Africa. Ho 17 anni e vivo in Italia,

Dettagli

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29

Scritto da Simona Straforini Martedì 03 Marzo 2015 11:27 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 04 Marzo 2015 15:29 Sono qui da 15 giorni e ho già avuto il primo grosso scombussolamento emotivo: un ondata di dubbi, paure, rabbia, senso di inadeguatezza, solitudine e chi più ne ha, più ne metta. Il tutto stimolato da

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità

I colori della musica prendono corpo Insieme con le diverse abilità Progetto di musicoterapia I.P.S. Falcone Palazzolo S/O a.s. 2008/09 1 Scaletta 1 incontro 24 novembre 2008 - Finalità generale: Migliorare la socializzazione. Interazione positiva con tutti i compagni.

Dettagli

Una vita a tappe...ricominciare

Una vita a tappe...ricominciare Una vita a tappe...ricominciare Ciao io sono AN DONG, in italiano ANTONIO, sono un ragazzo cinese di 12 anni abito a Terzigno, e frequento la 2 media. Sono nato a Sarno 12 anni fa, ma all'età di quattro

Dettagli

Le fondamenta del successo

Le fondamenta del successo 13 October 2014 Le fondamenta del successo Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Le fondamenta del successo? Responsabilità al 100%! Le persone di successo si assumono il 100%

Dettagli

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE

TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE TEST GRATUITO (NON VINCOLANTE PER ISCRIZIONE) LIVELLO CONOSCENZA INGLESE Ciao Mario come stai? Abbastanza bene, grazie. Ti presento il mio amico John. Da dove viene John? John è Canadese ed è in Italia

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr

Verona Innovazione 19/06/2015. Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi. Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr Verona Innovazione Chiara Remundos Responsabile Servizio Orientamento Verona Innovazione CCIAA Vr 19/06/2015 Giovani e Imprese Valorizziamo i saperi La parola ai nostri protagonisti Diario descrittivo

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Un viaggio accessibile

Un viaggio accessibile Un viaggio accessibile Cari amici, è da tanto ce non pubblico nulla, questa sera ho riletto il racconto di un viaggio fatto con mio figlio Nicola, e in un territorio come la Romagna dove il turismo accessibile,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena Livello B1

Università per Stranieri di Siena Livello B1 Unità 4 Fare la spesa al mercato CHIAVI In questa unità imparerai: a capire testi che danno informazioni e consigli su come fare la spesa al mercato e risparmiare parole relative agli acquisti e ai consumi

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Quale pensi sia la scelta migliore?

Quale pensi sia la scelta migliore? Quale pensi sia la scelta migliore? Sul nostro sito www.respect4me.org puoi vedere le loro storie e le situazioni in cui si trovano Per ogni storia c è un breve filmato che la introduce Poi, puoi vedere

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista. Al Comitato organizzatore Robocup Jr 2010 ITIS A.ROSSI VICENZA Carissimi, desidero ringraziarvi tutti ancora una volta per averci dato l occasione di vivere un esperienza positiva sotto ogni punto di vista.

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Ci sono gesti che sono semplici, che non

Ci sono gesti che sono semplici, che non famiglia oggi Donare, per salvare una vita di Giorgia Cozza Storia di Laura e della sua grave malattia. E di come la speranza possa di nuovo tornare, attraverso un donatore di midollo osseo che risiede

Dettagli