GENERALI Investments Europe S.p.A. Società di gestione del risparmio Internal Execution Policy

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GENERALI Investments Europe S.p.A. Società di gestione del risparmio Internal Execution Policy"

Transcript

1 GENERALI Investments Europe S.p.A. Società di gestione del risparmio Internal Execution Policy

2 INDICE 1 INTRODUZIONE PREMESSA NUOVO QUADRO NORMATIVO AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA EXECUTION POLICY AMBITO DI OPERATIVITÀ RUOLI E RESPONSABILITA STRATEGIA DI BEST EXECUTION PRINCIPI GENERALI SEDI DI ESECUZIONE FATTORI DI BEST EXECUTION Prezzo Market impact Liquidità e spessore Costi Velocità di esecuzione Probabilità di esecuzione dell ordine e del regolamento SELEZIONE DEGLI INTERMEDIARI (ENTITÀ) MODALITA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI DISPOSIZIONI GENERALI STRUMENTI DI NATURA AZIONARIA STRUMENTI DI NATURA MONETARIA ED OBBLIGAZIONARIA ALTRI VALORI MOBILIARI DERIVATI QUOTATI DERIVATI NEGOZIATI OTC PARTI DI OICR MONITORAGGIO DELL APPLICAZIONE DELLA EXECUTION POLICY MODALITÀ DI REVISIONE DELLA EXECUTION POLICY Allegato A - Elenco degli Strumenti Finanziari Allegato B - Execution Policy di Banca Generali S.p.A. Allegato C - Lista degli Intermediari 2

3 1 INTRODUZIONE 1.1 Premessa Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da GENERALI Investments Europe S.p.A. Società di gestione del risparmio (di seguito anche Società o Generali SGR ) per l esecuzione e per la trasmissione di ordini di negoziazione di strumenti finanziari con riferimento all operatività relativa alle Gestioni Patrimoniali individuali ed alla gestione di Fondi comuni e comparti di SICAV. 1.2 Nuovo quadro normativo Nella nuova cornice recata dalla direttiva 2004/39/CE (la Direttiva MiFID ) l eliminazione della facoltà per gli Stati Membri di imporre l obbligo di negoziazione sui mercati regolamentati (previsto dalla previgente direttiva 93/22/CEE) ha attribuito nuova e piena rilevanza al dovere per l intermediario di ottenere la best execution delle disposizioni dell investitore (cioè la migliore esecuzione per il cliente). In tale contesto, la best execution favorisce la concorrenza fra i vari sistemi di negoziazione e allo stesso tempo tutela gli investitori mediante il riconoscimento agli intermediari della libertà di scegliere le sedi esecuzione degli ordini ( execution venues ), nel rispetto di specifiche procedure volte ad ottenere il miglior risultato possibile. La disciplina in commento nasce, pertanto, dalla volontà del legislatore comunitario di assecondare il nuovo assetto dei mercati finanziari e di garantire contestualmente un adeguata tutela agli investitori, quando ricevono: i) il servizio di esecuzione di ordini per conto del cliente (articolo 21 della Direttiva MiFID), ii) il servizio di gestione portafogli ed il servizio di ricezione e trasmissione di ordini (articolo 45 della direttiva 2006/73/CE, attuativa della Direttiva MiFID). In particolare, la direttiva MiFID impone agli intermediari, in relazione ai servizi in parola, il rispetto dei principi di seguito descritti: i) Con riferimento al servizio di esecuzione di ordini per conto della clientela, la disciplina impone agli intermediari di: - adottare tutte le misure ragionevoli per ottenere...il miglior risultato possibile per i loro clienti, alla luce di una pluralità di fattori (prezzo, costi, rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento) e della importanza relativa che i medesimi rivestono prendendo in considerazione determinati criteri; 3

4 - pre-definire, in un apposito documento, le loro strategie di esecuzione degli ordini ( execution policy ), specificando, per ciascuno strumento finanziario, le sedi esecuzione che l intermediario intende utilizzare; - fornire adeguata informativa al cliente ed ottenere dal medesimo il consenso a tale policy e all operatività fuori dai mercati regolamentati. ii) Con riferimento al servizio di gestione di portafogli (nonché di raccolta e trasmissione di ordini), la disciplina è più scarna in considerazione delle minori problematiche che il predetto servizio in parola presenta laddove prestato attraverso il mero inoltro degli ordini ad altri intermediari (di seguito anche entità ). Tuttavia, qualora il servizio di gestione sia prestato mediante l esecuzione delle decisioni di negoziare, trova applicazione la disciplina prevista per il servizio di esecuzione sopra descritta al punto i). A livello nazionale, il Regolamento Intermediari n del della Consob ( RI ) recepisce la disciplina dettata dalle direttive sopracitate. In linea con l impostazione comunitaria, infatti, l articolo 48 del RI regolamenta la materia per i gestori che trasmettono gli ordini ad altre entità (ricorrendo al c.d. accesso indiretto alle sedi di esecuzione). Nello stesso articolo 48 viene disposto che la normativa relativa al servizio di esecuzione di ordini per conto dei clienti (artt. 45, 46 e 47 del RI) si applichi anche ai gestori che eseguono le decisioni di negoziare e che pertanto utilizzano il c.d. accesso diretto. In tale contesto la Consob ha ritenuto opportuno garantire modalità operative omogenee tra gestione individuale e collettiva e di conseguenza ha esteso a quest ultima la disciplina sulla best execution, adeguandola alle particolari caratteristiche del servizio (artt. 68, 69 e 70 del RI). ll presente documento è approvato dal Consiglio di Amministrazione di Generali SGR. 4

5 2 AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA EXECUTION POLICY 2.1 Ambito di operatività La presente Internal Execution Policy si applica alle attività svolte da Generali SGR, in relazione alla esecuzione/trasmissione ordini di negoziazione inerenti strumenti finanziari negoziati nell ambito dei servizi di gestione dalla medesima prestati ed in particolare nell ambito di: Gestioni Patrimoniali individuali ( Gestioni Individuali ), Fondi comuni di investimento e SICAV ( Gestioni Collettive ). 5

6 3 RUOLI E RESPONSABILITA Il Consiglio di Amministrazione (CdA) di Generali SGR è responsabile della definizione, approvazione e revisione degli orientamenti strategici e delle linee guida dell operatività relativa alla esecuzione/trasmissione di ordini di negoziazione di strumenti finanziari nell ambito delle Gestioni Individuali e della gestione di Fondi comuni di investimento e comparti di SICAV. In relazione a tale operatività, il CdA di Generali SGR definisce: le deleghe e le responsabilità; i ruoli, i processi e le procedure; i criteri di selezione delle execution venues cui accede (direttamente o per mezzo di intermediari). Il CdA di Generali SGR monitora l applicazione della presente Internal Execution Policy da parte delle Funzioni e dei Soggetti competenti. A tal fine, il CdA di Generali SGR è supportato dalla Funzione di Compliance e dai presidi dallo stesso definiti nell ambito di ciascuno delle entità cui si applica la presente Internal Execution Policy. Il CdA di Generali SGR viene supportato, nell ambito delle attività sopra descritte, dalla Direzione Investimenti. In particolare, la Direzione Investimenti supporta il CdA nelle attività connesse a: aggiornamento e revisione delle modalità di esecuzione/trasmissione degli ordini di negoziazione, selezione degli eventuali intermediari esterni da utilizzare, valutazione periodica della coerenza delle modalità di esecuzione definite con la strategia di best execution definita dalla presente Internal Execution Policy. Il Front Office di Generali SGR è responsabile dell esecuzione degli ordini di negoziazione o dell eventuale trasmissione degli stessi ad intermediari esterni. 6

7 4 STRATEGIA DI BEST EXECUTION 4.1 Principi generali Generali SGR, nella prestazione dei suoi servizi di gestione adotta tutte le misure ragionevoli per ottenere a favore della propria Clientela il miglior risultato possibile. Ciò non significa che il miglior risultato possibile nell esecuzione venga raggiunto in relazione ad ogni singolo ordine di negoziazione. Generali SGR definisce la propria Execution Policy con imparzialità. Ai fini sopra indicati Generali SGR prende in considerazione i seguenti fattori: prezzo, market impact, liquidità e spessore, costi, velocità di esecuzione, probabilità di esecuzione e regolamento, come appresso descritti. A tali fattori Generali SGR attribuisce un importanza relativa, prendendo in considerazione i seguenti criteri: - nell ambito della gestione collettiva, gli obiettivi, lo stile di gestione, la politica di investimento ed i rischi specifici dell OICR gestito; nell ambito della gestione individuale di portafogli, le caratteristiche del cliente, compresa la sua classificazione come cliente al dettaglio o professionale; - le caratteristiche dell ordine; - le caratteristiche degli strumenti finanziari che sono oggetto di tale ordine e, nel caso di gestione di OICR, anche le caratteristiche di liquidabilità degli strumenti finanziari medesimi; - le caratteristiche delle sedi di esecuzioni alle quali tale ordine può essere diretto. Nell ambito della gestione individuale Generali SGR determina, per il cliente al dettaglio, l importanza relativa dei fattori di best execution in termini di corrispettivo totale, costituito dal prezzo dello strumento finanziario e dai costi relativi all esecuzione. I costi includono tutte le spese sostenute dal cliente e direttamente collegate all esecuzione dell ordine, comprese le competenze della sede di esecuzione, le competenze per la compensazione, nonché il regolamento e qualsiasi altra competenza pagata a terzi in relazione all esecuzione dell ordine. 4.2 Sedi di esecuzione Per sede di esecuzione (execution venues) degli ordini si intendono: i mercati regolamentati; i sistemi multilaterali di negoziazione (MTF); gli internalizzatori sistematici; i market maker; 7

8 i negoziatori conto proprio; le sedi equivalenti di paese extraeuropeo. 4.3 Fattori di best execution Il principale fattore considerato dalla Società ai fini di assicurare la migliore esecuzione degli ordini è il prezzo cui avviene l esecuzione dell ordine. Oltre al prezzo, la Società può dare la precedenza, nella ricerca della best execution, ad altri fattori che, in relazione alle dimensioni (in termini di quantità da negoziare e controvalore stimato) ed alle caratteristiche dell ordine da eseguire (ad esempio, strumento finanziario quotato o non quotato), possono risultare rilevanti poiché influenzano la determinazione del prezzo stesso: market impact, liquidità e spessore, costi (quali commissioni ed altri costi connessi alla negoziazione), velocità di esecuzione, probabilità di esecuzione e regolamento Prezzo La valutazione delle opportunità di conseguimento delle condizioni più favorevoli di negoziazione, nell ambito di ciascuna sede di esecuzione, è principalmente connessa al prezzo cui le transazioni vengono eseguite. Al fine di selezionare le sedi di esecuzione degli ordini di negoziazione, la Società valuta la qualità dei prezzi espressi su base duratura e le modalità di formazione del prezzo, nell ambito di ciascuna di esse, verificandone liquidità e spessore Market impact Nell esecuzione degli ordini la Società considera, in particolar modo per quelli che presentano un controvalore rilevante, il possibile impatto sul mercato. Per impatto sul mercato si intende l effetto che i partecipanti al mercato generano quando acquistano o vendono uno strumento finanziario nell ambito del mercato stesso Liquidità e spessore Nell esecuzione degli ordini la Società valuta l esposizione continuativa delle proposte di acquisto e vendita degli strumenti finanziari oggetto dei medesimi, attraverso la quale si garantisce liquidità e spessore ai relativi scambi. 8

9 4.3.4 Costi La Società considera, con riferimento a ciascuna potenziale sede di esecuzione, i costi connessi alle transazioni. In particolare: le spese sostenute per la remunerazione del servizio di terzi (es: la Borsa, gli intermediari di riferimento nel mercato regolamentato, i costi legati all attività di una clearing house, della Banca Depositaria) ed i costi di accesso alle execution venues, i costi e le commissioni connesse all operatività di eventuali intermediari esterni utilizzati per la trasmissione degli ordini alle sedi di esecuzione Velocità di esecuzione La velocità sta ad indicare il tempo che intercorre tra la trasmissione dell ordine e la sua esecuzione nell ambito di una sede di negoziazione. La velocità di esecuzione, per ciascuna sede di negoziazione, è principalmente determinata dalle modalità di operatività della relativa sede di negoziazione Probabilità di esecuzione dell ordine e del regolamento La probabilità che un ordine venga eseguito in una sede di negoziazione dipende in gran parte dalla liquidità dello strumento finanziario e dallo spessore della sede di negoziazione. La Società tiene anche in considerazione i rischi derivanti dall eventualità che gli ordini di negoziazione possano essere eseguiti solo in modo parziale. La Società, inoltre, tiene conto del rischio associato all eventualità che, successivamente alla esecuzione dell ordine di negoziazione, il regolamento della transazione possa non avvenire in modo regolare in relazione alla consegna dello strumento finanziario oggetto della negoziazione (c.d. fail tecnico ). 4.4 Selezione degli intermediari (entità) Generali SGR seleziona le entità che hanno una politica di esecuzione coerente con la strategia di best execution di cui al presente documento. Allo scopo di accertare che le entità consentano il miglior risultato possibile, Generali SGR valuta - alternativamente - se ciascuna di esse: - sia soggetta all articolo 21 della Direttiva 2004/39 e acconsenta a trattare Generali SGR come cliente professionale o al dettaglio; - sia disposta ad obbligarsi contrattualmente all adempimento di quanto disposto dall articolo 21 della Direttiva 2004/39; - possa dimostrare un elevata qualità di esecuzione della tipologia di ordini che le vengono trasmessi. Inoltre, Generali SGR potrà selezionare l entità di cui sopra anche sulla base dei seguenti criteri: 9

10 a) Commissioni La Società prende in considerazione le commissioni applicate dall entità per l esecuzione degli ordini trasmessi; b) Struttura organizzativa e gestione dei conflitti di interesse La struttura organizzativa e la gestione dei conflitti di interesse delle entità devono consentire la corretta ed ottimale esecuzione degli ordini trasmessi e devono essere pienamente conformi alla normativa applicabile; c) Qualità ed efficienza dei servizi forniti e in particolare delle informazioni sull esecuzione; d) Capacità dell entità di minimizzare i costi totali di negoziazione, pur conservando la propria stabilità finanziaria. Generali SGR verifica se l entità può mantenere e impiegare un capitale adeguato e se è in grado di operare in periodi di elevata volatilità di mercato; e) Livello di competenza nelle negoziazioni La valutazione della competenza dell entità terrà conto dei seguenti aspetti: - rapidità di esecuzione delle operazioni, - capacità di esecuzione di volumi inusuali; f) Accesso al mercato primario Generali SGR verifica la partecipazione dell entità alle operazioni del mercato primario (IPO, ecc.); g) Qualità della fase di liquidazione Generali SGR valuta l efficienza dell entità nelle attività di settlement; h) Solidità patrimoniale Generali SGR valuta le condizioni finanziarie dell entità, prendendo in considerazione, se disponibile, anche il rating. 10

11 5 MODALITA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 5.1 Disposizioni generali Generali SGR ha individuato le modalità con le quali perseguire la strategia di best execution descritta nell ambito del presente documento. Generali SGR, in considerazione della totalità dei fattori e criteri di best execution descritti nelle precedenti sezioni e tenuto conto dei principi di gestione sana e prudente del servizio nonché del proprio assetto organizzativo, adotterà, in relazione alle diverse tipologie di strumenti finanziari, la politica di trasmissione e di esecuzione descritta nella presente sezione. In particolare, Generali SGR ha individuato modalità operative in relazione alla trasmissione o esecuzione degli ordini per ciascuna delle seguenti tipologie di strumenti finanziari, come ridefinite dall articolo 1 del Decreto Legislativo 24 febbraio 1998, n. 58 ( TUF ) in ricezione della Direttiva MiFID (Allegato I, sez. C, e articolo 4, commi 1.17 e 1.18 della Direttiva MiFID) e riportate, per comodità di consultazione, in allegato A: strumenti di natura azionaria (azioni di società ed altri titoli equivalenti); strumenti di natura monetaria ed obbligazionaria (obbligazioni ed altri titoli di credito nonché strumenti del mercato monetario); altri valori mobiliari, intendendosi per tale categoria qualsiasi altro valore mobiliare che permetta di acquisire o di vendere i citati strumenti o che comporti un regolamento a pronti determinato con riferimento a valori mobiliari, valute, tassi di interesse o rendimenti, merci o altri indici o misure; derivati (di cui all articolata classificazione MiFID) quotati nell ambito di mercati regolamentati; derivati negoziati OTC; parti di OICR. 5.2 Strumenti di natura azionaria Generali SGR, per tale categoria di strumenti finanziari, adotta la seguente STRATEGIA DI TRASMISSIONE. In via generale, Generali SGR si avvale per la trasmissione degli ordini sul mercato azionario di un'unica entità - appartenente al Gruppo - di cui viene riportato in allegato il Documento sintetico di Execution Policy (sub Allegato B). Tale scelta non impedisce a Generali SGR di conformarsi agli obblighi regolamentari richiamati nelle precedenti sezioni, consentendole, nel contempo, di svolgere il servizio in modo più 11

12 efficiente. In particolare, la modalità operativa adottata ha il suo fondamento nell utilizzo, da parte del broker unico selezionato, di adeguati supporti tecnologici (SORS Smart Order Routing System) atti ad un rapido ed efficiente smistamento degli ordini verso i mercati ritenuti più appropriati, in relazione all ordine medesimo. Le commissioni applicate dal broker unico rispondono a principi di convenienza; pertanto l esecuzione degli ordini sugli strumenti di cui alla presente sezione è realizzata con efficienza, garantendo la riservatezza sull operatività dei portafogli del Gruppo. Fermo restando quanto sopra indicato, Generali SGR, in presenza di apposita istruzione della clientela, ovvero se ritenuto opportuno in ragione (i) della natura del cliente, (ii) delle caratteristiche dell ordine, (iii) della natura dello strumento finanziario o (iv) dei volumi, può trasmettere gli ordini ad altri broker, inclusi nell elenco allegato (sub Allegato C, di seguito anche Lista degli Intermediari ), in funzione della relativa policy di esecuzione, dopo aver accertato che tale scelta sia idonea al raggiungimento di un miglior risultato. Alla luce di quanto esposto, in considerazione della modalità operativa adottata, la Società darà particolare enfasi alle attività di monitoraggio e di revisione, per accertare che la scelta posta in essere sia effettivamente la più vantaggiosa nell interesse degli OICR gestiti e dei portafogli della clientela. 5.3 Strumenti di natura monetaria ed obbligazionaria Generali SGR, per tale categoria di strumenti finanziari, adotta la seguente STRATEGIA DI ESECUZIONE. Generali SGR è aderente al mercato regolamentato Bond Vision nonché ai Sistemi Multilaterali di Negoziazione Tradeweb Europe Limited e Market Axess Europe Limited e, per ciascuno degli strumenti ivi quotati, in relazione alla tipologia dell operazione e tenuti presente i criteri e fattori di cui alle sezioni precedenti, sceglie di effettuare l esecuzione direttamente su tali mercati. Generali SGR, alternativamente, può ricorrere, in relazione alla natura dell ordine, ad un adeguato numero di intermediari (di cui alla già citata Lista degli Intermediari), cui verrà richiesto di quotare lo specifico strumento finanziario: in tale circostanza i medesimi agiscono quali dealer, negoziando posizioni proprie in modalità RFQ ( request for quote ). A seguito della comunicazione dei pricing, sulla base dei criteri indicati nelle precedenti sezioni, Generali SGR procederà alla successiva esecuzione della transazione alle migliori condizioni ricevute. La modalità operativa seguita dall intermediario nell ambito dell attività sopra descritta - ricorrendo alla terminologia anglosassone adottata in questo nuovo scenario di operatività sui 12

13 mercati MiFID - qualificherà il medesimo nei rapporti con Generali SGR secondo le formulazioni equivalenti, di seguito elencate: - Intermediary will not be acting on your behalf, - Intermediary will not be acting as your agent, - Intermediary is dealing as principal for its own account, - Intermediary is dealing as counterparty, - without any undertaking to provide best execution. Residualmente rispetto alla sopra descritta Strategia di Esecuzione e in relazione a specifiche caratteristiche di negoziabilità dello strumento, nell ambito della gestione individuale e collettiva, dopo aver accertato che tale scelta sia idonea al raggiungimento di un miglior risultato, potrà essere adottata una STRATEGIA DI TRASMISSIONE dell ordine all intermediario scelto fra quelli della Lista. L intermediario prescelto agirà secondo le formulazioni equivalenti, di seguito elencate: - Intermediary will be acting on your behalf, - Intermediary will be acting as your agent, - with undertaking to provide best execution. 5.4 Valori mobiliari che consentono di acquistare o vendere altri valori mobiliari Generali SGR, per tale categoria di strumenti finanziari adotta la seguente STRATEGIA DI TRASMISSIONE. Generali SGR trasmette gli ordini relativi agli strumenti sopra elencati ad uno o più intermediari di riferimento, selezionati in accordo ai principi della presente policy. 5.5 Derivati quotati Generali SGR, per tale categoria di strumenti finanziari, adotta la seguente STRATEGIA DI TRASMISSIONE. Generali SGR si serve di intermediari esterni per l esecuzione di ordini di negoziazione in relazione a strumenti derivati regolamentati. In particolare, Generali SGR trasmette gli ordini relativi agli strumenti sopra elencati ad uno o più broker di riferimento selezionati in accordo ai principi della presente policy. 13

14 5.6 Derivati negoziati OTC Generali SGR, per tale categoria di strumenti finanziari, adotta la seguente STRATEGIA DI ESECUZIONE. La Società opera in strumenti derivati negoziati OTC con intermediari abilitati. A tale proposito, la Società, in relazione alla tipologia dell operazione e tenuti presenti i fattori e i criteri di cui alle precedenti sezioni, richiede il pricing dello strumento in oggetto ad un adeguato numero di intermediari ed esegue la transazione alle migliori condizioni ricevute. 5.7 Parti di OICR Generali SGR, per tale categoria di strumenti finanziari, adotta la seguente STRATEGIA DI TRASMISSIONE. La Società, nell ambito della propria operatività relativa alle Gestioni individuali e Collettive, opera in quote ed azioni di OICR. A tale proposito, la Società sottoscrive le quote o azioni di OICR direttamente dalle corrispondenti entità o ne effettua la compravendita nell ambito di mercati secondari. La transazione viene effettuata sulla base del NAV del giorno di sottoscrizione/negoziazione. Generali SGR ricerca sempre, in relazione a ciascuna operazione ed alla tipologia del cliente, la migliore classe commissionale al medesimo applicabile. 14

15 6 MONITORAGGIO DELL APPLICAZIONE DELLA EXECUTION POLICY La Funzione di Compliance di Generali SGR, coadiuvata dagli appositi presidi interni, verifica su base continuativa il rispetto delle condizioni, modalità e criteri contenuti definiti dal presente documento. Di tale operatività, la Funzione di Compliance riferisce al Consiglio di Amministrazione di Generali SGR. 15

16 7 MODALITÀ DI REVISIONE DELLA EXECUTION POLICY Generali SGR provvede, con cadenza almeno annuale ed ogni volta si verifichi una modifica rilevante che influisce sulla capacità della Società di continuare ad ottenere in modo continuativo e duraturo il miglior risultato possibile per la Clientela, alla revisione della presente Internal Execution Policy, ridefinendo, se necessario, i criteri, le modalità operative finalizzate all ottenimento degli obiettivi di best execution definiti. Gli aggiornamenti alla presente Internal Execution Policy sono approvati dal CdA di Generali SGR. 16

17 Allegato A Elenco degli Strumenti Finanziari (1) Valori mobiliari, ossia categorie di valori, esclusi gli strumenti di pagamento, che possono essere negoziate nel mercato dei capitali, quali ad esempio: a) azioni di società e altri titoli equivalenti ad azioni di società, di partnership o di altri soggetti e certificati di deposito azionario; b) obbligazioni ed altri titoli di credito compresi i certificati di deposito relativi a tali titoli; c) qualsiasi altro titolo normalmente negoziato che permette di acquisire o di vendere i valori mobiliari indicati alle precedenti lettere; d) qualsiasi altro titolo che comporta un regolamento in contanti determinato con riferimento ai valori mobiliari indicati alle precedenti lettere, a valute, a tassi di interesse, a rendimenti, a merci, a indici o a misure. (2) Strumenti del mercato monetario ossia intendono categorie di strumenti normalmente negoziati nel mercato monetario, quali, ad esempio, i buoni del Tesoro, i certificati di deposito e le carte commerciali. (3) Quote di un organismo di investimento collettivo del risparmio. (4) Contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap», accordi per scambi futuri di tassi di interesse e altri contratti su strumenti derivati connessi a valori mobiliari, valute, tassi di interesse o rendimenti, o di altri strumenti finanziari derivati, indici finanziari o misure finanziarie che possono essere regolati con consegna fisica del sottostante o attraverso il pagamento di differenziali in contanti. (5) contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap», accordi per scambi futuri di tassi di interesse e altri contratti derivati connessi a merci il cui regolamento avviene attraverso il pagamento di differenziali in contanti o può avvenire in tal modo a discrezione di una delle parti, con esclusione dei casi in cui tale facoltà consegue a inadempimento o ad altro evento che determina la risoluzione del contratto. (6) Contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap» e altri contratti derivati connessi a merci il cui regolamento può avvenire attraverso la consegna del sottostante e che sono negoziati su un mercato regolamentato e/o in un sistema multilaterale di negoziazione; (7) Contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap», contratti a termine («forward») e altri contratti derivati connessi a merci il cui regolamento può avvenire attraverso la consegna fisica del sottostante, diversi da quelli indicati alla lettera f) che non hanno scopi commerciali, e aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, considerando, tra l'altro, se sono compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o se sono soggetti a regolari richiami di margini; (8) Strumenti derivati per il trasferimento del rischio di credito; (9) Contratti finanziari differenziali; (10) Contratti di opzione, contratti finanziari a termine standardizzati («future»), «swap», contratti a termine sui tassi d'interesse e altri contratti derivati connessi a variabili climatiche, tariffe di trasporto, quote di emissione, tassi di inflazione o altre statistiche economiche ufficiali, il cui regolamento avviene attraverso il pagamento di differenziali in contanti o può avvenire in tal modo a discrezione di una delle parti, con esclusione dei casi in cui tale facoltà consegue a 17

18 inadempimento o ad altro evento che determina la risoluzione del contratto, nonché altri contratti derivati connessi a beni, diritti, obblighi, indici e misure, diversi da quelli indicati alle lettere precedenti, aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, considerando, tra l'altro, se sono negoziati su un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione, se sono compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o se sono soggetti a regolari richiami di margini. (11) Gli altri contratti derivati che il Ministro dell'economia e delle finanze individua con il regolamento di cui all'articolo 18, comma 5 del TUF e precisamente: a) gli altri contratti derivati di cui al precedente punto (7), aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o soggetti a regolari richiami di margine; b) gli altri contratti derivati di cui al precedente punto (10), aventi le caratteristiche di altri strumenti finanziari derivati, negoziati su un mercato regolamentato o in un sistema multilaterale di negoziazione, compensati ed eseguiti attraverso stanze di compensazione riconosciute o soggetti a regolari richiami di margine. Per «strumenti finanziari derivati» si intendono gli strumenti finanziari sopra indicati nei punti da (4) a (10). I mezzi di pagamento non sono strumenti finanziari. 18

19 Allegato B Execution Policy di Banca Generali S.p.A. (Vedi accluso documento) 19

20 Allegato C Lista degli Intermediari (aggiornamento del 16 Dicembre 2014) ABN AMRO BANK AG -FRANKFURT AUREL BGC - PARIS BAADER BANK - UNTERSCHLEISHEIM BANCA AKROS SPA -MILANO BANCA DEL CERESIO SA-LUGANO BANCA FINNAT EUROAMERICA - RM BANCA GENERALI SPA - TRIESTE BANCA IMI MILANO BANCA IMI SEC CORP. - NEW YORK BANCA LEONARDO - MILANO BANCA PROFILO - MILANO BANCO BILBAO VIZC. ARG.-MADRID BANCO SANTANDER SA - MADRID BANK OF AMERICA - CHARLOTTE BANK OF AMERICA SEC LTD LONDON BARCLAYS BANK PLC - LONDON BAYERISCHE LANDESBANK-MONACO BNP PARIBAS - LONDON BNP PARIBAS - PARIS BNP PARIBAS ARBITRAGE-PARIS BNP PARIBAS EQ FRANCE-PARIS BRED BANQUE POPULAIRE - PARIS BSI SA - LUGANO CACEIS BK LUX - (EX CAIL INV) CAI CHEUVREUX - PARIS CAIXABANK SA - BARCELONA CANACCORD GENUITY LTD-LONDON CITIBANK INTL - LONDON CITIBANK NA - LONDON CITIGROUP GLOB MARKET -FRK CITIGROUP GLOB MARKET INC-NY CITIGROUP GLOB MARKET LTD-LN COMMERZBANK AG - FRANKFURT COMMERZBANK AG - LONDON CONVERGEX LIMITED - LONDON CREDIT AGRICOLE CIB - PARIS CREDIT SUISSE (USA)-NEW YORK 20

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

In breve Febbraio 2015

In breve Febbraio 2015 In breve In breve Febbraio 2015 La nostra principale responsabilità è rappresentata dagli interessi dei nostri clienti. Il principio per tutti i soci è essere disponibili ad incontrare i clienti, e farlo

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA

REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA REGOLAMENTO DELLA BANCA D ITALIA E DELLA CONSOB AI SENSI DELL ARTICOLO 6, COMMA 2-BIS, DEL TESTO UNICO DELLA FINANZA LA BANCA D ITALIA E LA CONSOB VISTO il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n.

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE

BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE BancoPostaFondi SGR BANCOPOSTA FONDI S.p.A. SGR appartenente al Gruppo Poste Italiane REGOLAMENTO DI GESTIONE del Fondo Comune d Investimento Mobiliare Aperto Armonizzato denominato BancoPosta Obbligazionario

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U)

Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Offerta pubblica di sottoscrizione di UNIT LINKED FONDI VITTORIA prodotto finanziario-assicurativo di tipo unit linked (Codice Prodotto 640U) Il presente prodotto è distribuito dalle Agenzie Vittoria Assicurazioni

Dettagli

www.unicreditprivate.it 800.710.710

www.unicreditprivate.it 800.710.710 www.unicreditprivate.it 800.710.710 Portfolio Life TM è la nuova soluzione finanziario-assicurativa Unit Linked a vita intera, realizzata da CreditRas Vita S.p.A. in esclusiva per UniCredit Private Banking.

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT

BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT BNY MELLON INVESTMENT MANAGEMENT COMPETENZE SPECIALIZZATE E SOLIDITÀ DI UN GRANDE LEADER MONDIALE RISERVATO A INVESTITORI PROFESSIONALI 2 UN GRANDE GRUPPO AL VOSTRO SERVIZIO BNY Mellon Investment Management

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti.

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti. Sintesi Professionale Consolidata esperienza nella gestione di progetti complessi volti all introduzione di nuove attività e simmetricamente alla razionalizzazione ed efficientamento di strutture e reti

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATIVI

DOCUMENTI INFORMATIVI Sede sociale: Cortona, Via Guelfa, 4 Iscritta all albo delle Banche al n. matr. 506.6.0 Capitale sociale e riserve al 31/12/2013 32.044.372,37 i.v. Numero di iscrizione al Registro delle Imprese di AREZZO

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ

Definizione di investment banking e commercial banking e finalità delle presenti FAQ Domande frequenti (Frequently Asked Questions - FAQ) su argomenti selezionati in materia di antiriciclaggio di denaro nel contesto dell'investment banking e del commercial banking Preambolo Il Gruppo Wolfsberg

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included autoregolamentazione protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included 1 protocollo di autonomia per la gestione dei conflitti d interessi English version included

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli