Estratto della Procedura di Best Execution

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Estratto della Procedura di Best Execution"

Transcript

1 Estratto della Procedura di Best Execution 1

2 La RREEF FONDIMMOBILIARI, al fine di ottenere il miglior risultato possibile per i fondi gestiti (di seguito, i Fondi ), procede, ai sensi degli artt. 68, 69 e 70 della delibera Consob n del 29 ottobre 2007 (di seguito, il Regolamento Intermediari ), alla definizione di una strategia di trasmissione e/o esecuzione degli ordini su strumenti finanziari (di seguito, la Strategia di Trasmissione e/o Esecuzione ), nell ambito della quale sono individuati, rispettivamente, i soggetti a cui gli ordini di investimento e disinvestimento (di seguito, gli Ordini ) devono essere trasmessi e le sedi di esecuzione degli Ordini. In termini generali, la Strategia di Trasmissione e/o Esecuzione degli Ordini viene elaborata, per ciascun Fondo gestito, dal Responsabile dell Area Finanza e Amministrazione in considerazione della sua specifica conoscenza dei mercati e degli strumenti finanziari, e, al pari di quanto avviene per le strategie generali di investimento e disinvestimento dei Fondi, viene approvata dal Consiglio di Amministrazione della RREEF FONDIMMOBILIARI. A) Strategia di Trasmissione degli Ordini L Area Finanza e Amministrazione, al fine di ottenere il miglior risultato possibile per i Fondi gestiti ai sensi dell art. 70 del Regolamento Intermediari, procede alla definizione di una Strategia di Trasmissione degli Ordini, nell ambito della quale sono individuati, per ciascuna categoria di strumenti finanziari in cui il Fondo investe, gli intermediari a cui saranno trasmessi gli Ordini (di seguito, gli Intermediari Negoziatori e, singolarmente, l Intermediario Negoziatore ). In termini generali, l Area Finanza e Amministrazione provvede ad individuare, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, gli Intermediari Negoziatori in ragione delle strategie di esecuzione adottate da questi ultimi. A tal scopo l Area Finanza e Amministrazione, al momento della individuazione degli Intermediari Negoziatori, dovrà ricevere da questi ultimi una dettagliata informativa concernente le strategie di esecuzione dagli stessi adottate, anche mediante l acquisizione di apposita copia di queste ultime. L Area Finanza e Amministrazione utilizzerà solo Intermediari Negoziatori inseriti in un apposita lista (di seguito, la Lista degli Intermediari Negoziatori ), approvata dal CdA e costantemente aggiornata dalla RREEF FONDIMMOBILIARI e disponibile presso quest ultima. Peraltro, in casi eccezionali, si potranno trasmettere gli Ordini anche ad Intermediari Negoziatori non identificati nella Lista degli Intermediari Negoziatori, purché il ricorso a tali Intermediari consenta di conseguire il miglior risultato possibile per i Fondi. Nello specifico, potrà essere utilizzato un Intermediario Negoziatore diverso da quelli individuati ogni qualvolta gli Ordini abbiano ad oggetto uno strumento finanziario che non è agevolmente negoziabile dagli Intermediari Negoziatori già individuati, in ragione delle caratteristiche inusuali dello strumento finanziario. In ogni caso, il ricorso sistematico ad un nuovo Intermediario Negoziatore determinerà, nella fase di riesame della Strategia di Trasmissione (di seguito descritta), una modifica della stessa finalizzata all inclusione di tale soggetto nella Lista degli Intermediari Negoziatori e all approvazione del CdA. 2

3 La RREEF FONDIMMOBILIARI fornisce agli investitori informazioni appropriate sulla Strategia di Trasmissione adottata e, nel caso di delega di gestione ad altri intermediari abilitati alla prestazione del servizio di gestione collettiva del risparmio, le informazioni relative alla Strategia di Trasmissione e/o Esecuzione adottata da tali intermediari delegati. Il processo di selezione degli Intermediari Negoziatori avviene, per ciascuna categoria di strumenti finanziari, attraverso la scelta, in via preliminare, delle controparti ritenute dall Area Amministrazione e Finanza in grado di offrire la migliore esecuzione degli Ordini in relazione (i) alla strategia di esecuzione adottata da ciascuno di essi e (ii) alla sua affidabilità. La selezione degli Intermediari Negoziatori, da parte dell Area Finanza e Amministrazione, dovrà avvenire, tra l altro, sulla base dei seguenti fattori di best execution (di seguito, i Fattori di Best Execution ), che non costituiscono un elenco esaustivo: a) il prezzo; b) i costi (inclusi le competenze e le commissioni spettanti all Intermediario Negoziatore); c) il mercato e il livello di diffusione dello strumento finanziario; d) la possibilità di ottenere liquidità; e) la rapidità, probabilità ed affidabilità di esecuzione e di regolamento, le dimensioni, la natura degli Ordini o a qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini della sua esecuzione. Nella selezione degli Intermediari Negoziatori, l Area Finanza e Amministrazione terrà conto dei suddetti Fattori di Best Execution secondo il loro ordine di importanza, risultante dai seguenti criteri: 1) gli obiettivi, la politica di investimento e i rischi specifici del Fondo, come indicati nel prospetto informativo ovvero, in mancanza, nel regolamento di gestione del Fondo; 2) le caratteristiche degli Ordini; 3) le caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto degli Ordini e delle condizioni di liquidabilità dei medesimi; 4) le caratteristiche delle sedi di esecuzione individuate dagli Intermediari Negoziatori ai fini dell esecuzione degli Ordini. Con riferimento a tale ultimo criterio, si terrà conto in particolare del fatto che gli Intermediari Negoziatori abbiano una strategia di esecuzione degli Ordini compatibile con l ordine di importanza dei Fattori di Best Execution stabilito. Inoltre, al fine di valutare se gli Intermediari Negoziatori consentano di ottenere il miglior risultato possibile per il Fondo gestito, l Area Finanza e Amministrazione accerterà che ciascuno di essi: 3

4 a) sia soggetto alla disciplina della best execution prevista nel Regolamento Intermediari o, comunque, alla corrispondente disciplina prevista nella direttiva 2004/39/CE (di seguito, la MiFID ); b) sia disposto ad obbligarsi contrattualmente all adempimento della disciplina sulla best execution prevista nel Regolamento Intermediari o comunque nella MiFID; c) possa dimostrare un elevata qualità di esecuzione della tipologia di ordini che le società di gestione del risparmio normalmente trasmettono. Peraltro, l Area Finanza e Amministrazione potrà decidere di trasmettere gli Ordini ad un Intermediario Negoziatore non soggetto alla disciplina della best execution, purché si assicuri che le misure di esecuzione da questi adottate permettano di ottenere il miglior risultato possibile per i Fondi. Potrà essere selezionato anche un unico Intermediario Negoziatore, purché tale opzione consenta di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per conto dei Fondi; inoltre, si dovrà ragionevolmente ritenere che tale Intermediario Negoziatore consenta di conseguire risultati almeno equivalenti a quelli che si potrebbero ottenere mediante altri Intermediari Negoziatori. Possono concorrere a definire la valutazione complessiva di ciascun Intermediario Negoziatore e, dunque, possono determinare l inserimento dello stesso nella Strategia di Trasmissione degli Ordini, i seguenti criteri: a) struttura organizzativa dell Intermediario Negoziatore e politica da esso adottata ai fini della gestione dei conflitti di interesse; b) qualità ed efficienza dei servizi di negoziazione forniti dall Intermediario Negoziatore; c) qualità delle informazioni rese dall Intermediario Negoziatore con riguardo all esecuzione degli Ordini; d) capacità dell Intermediario Negoziatore di minimizzare i costi totali di negoziazione, pur conservando la propria stabilità finanziaria (ad esempio, possibilità dell Intermediario Negoziatore di operare nei periodi di elevata volatilità dei mercati e di minimizzare il numero di negoziazioni incompiute); e) livello di competenza nelle negoziazioni (ad esempio, massimizzazione delle opportunità di miglioramento dei prezzi; riservatezza nell esecuzione degli Ordini; capacità di eseguire volumi di negoziazioni inusuali); f) accesso al mercato primario; g) solidità patrimoniale. Criteri di selezione delle controparti negoziatrici L Area Finanza e Amministrazione, in relazione alla definizione delle Controparti da utilizzare per la propria operatività in strumenti finanziari, si è attivata al fine di reperire le Strategie di Esecuzione 4

5 delle medesime e valutarne i contenuti in termini di efficacia nel raggiungimento della best execution e del miglior risultato per i Fondi gestiti dalla RREEF FONDIMMOBILIARI. Per fare ciò, il primo step di analisi ha riguardato l operatività in strumenti finanziari posta in essere dalla RREEF FONDIMMOBILIARI, al fine di identificare le controparti cui affidare i propri ordini. In considerazione della natura dei fondi gestiti dalla RREEF FONDIMMOBILIARI (fondi chiusi immobiliari) l attività di investimento mobiliare della RREEF FONDIMMOBILIARI ha carattere meramente residuale e si estrinseca essenzialmente in due macro tipologie di investimento, ovvero: 1. investimento della liquidità dei Fondi in TITOLI OBBLIGAZIONARI AREA EURO; 2. copertura dell esposizione finanziaria dei Fondi derivante dai finanziamenti ricevuti per acquisizioni di immobili, attraverso l acquisto di DERIVATI OTC. Gli Intermediari Negoziatori attualmente inclusi nella Lista della RREEF FONDIMMOBILIARI sono i seguenti: a) Titoli di capitale: Allo stato attuale, l operatività della RREEF FONDIMMOBILIARI non prevede l investimento in tale tipologia di strumenti finanziari e, pertanto, non sono stati identificati Intermediari Negoziatori. b) Titoli di debito: L operatività della RREEF FONDIMMOBILIARI prevede quasi esclusivamente l investimento in titoli di Stato Italiano (BOT, CCT e BTP) e/o Area Euro con scadenze coerenti con le indicazioni fornite, con cadenza trimestrale, dal Consiglio di Amministrazione e, di norma, mai superiori ai 2/5 anni. Stante le finalità di tale tipo di investimento (impiego della liquidità del Fondo eventualmente disponibile in determinate fasi gestionali) l operatività non risulta particolarmente dinamica né diversificata (si tratta in generale di poche operazioni per trimestre per tutti i Fondi gestiti). I Fattori di Best Execution presi in considerazioni sono i seguenti, riportati per ordine di importanza: il prezzo; i costi (inclusi le competenze e le commissioni spettanti all Intermediario Negoziatore); il mercato e il livello di diffusione dello strumento finanziario; la possibilità di ottenere liquidità; la rapidità, probabilità ed affidabilità di esecuzione e di regolamento; 5

6 le caratteristiche delle sedi di esecuzione individuate dagli Intermediari Negoziatori ai fini dell esecuzione degli Ordini; le caratteristiche degli strumenti finanziari; le dimensioni, la natura degli Ordini o a qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini della sua esecuzione; gli obiettivi, la politica di investimento e i rischi specifici del Fondo, come indicati nel prospetto informativo ovvero, in mancanza, nel regolamento di gestione del Fondo. In ragione di quanto sopra, la RREEF FONDIMMOBILIARI ha richiesto ad alcune delle principali controparti operanti sul mercato la procedura di esecuzione da esse adottata al fine di verificare che i criteri di esecuzione adottati fossero in linea con i Fattori di Best Execution evidenziati. A conclusione delle analisi effettuate, in virtù delle rispettive strategie di Esecuzione, gli Intermediari Negoziatori con i quali la RREEF FONDIMMOBILIARI porrà in essere la propria operatività in strumenti finanziari obbligazionari, sono i seguenti: (i) Deutsche Bank S.p.A. (ii) Banca IMI S.p.A. (iii) Intermonte S.p.A. c) Derivati OTC L operatività in derivati assume una particolare valenza, dal momento che essi sono sottoscritti e/o acquistati con finalità di copertura dei rischi finanziari legati alle oscillazioni dei tassi relativi ai finanziamenti in essere con controparti bancarie, per le operazioni di acquisto di immobili poste in essere dai Fondi. Premesso che trattasi generalmente di CAP o di SWAP, la struttura di copertura prevede tipicamente le seguenti fattispecie: i. sottoscrizione del contratto derivato di copertura con controparte diversa dalla banca erogatrice del Finanziamento: in questo caso il Fondo ricerca le migliori condizioni tra le controparti di mercato; ii. iii. obbligo contrattuale di sottoscrizione, da parte del Fondo, del contratto derivato di copertura con la stessa controparte bancaria erogatrice del Finanziamento; pattuizione con la Banca erogatrice del finanziamento della c.d. clausola right to match, la quale consente all ente erogatore di concludere con la RREEF FONDIMMOBILIARI il contratto di hedging alle medesime condizioni proposte alla RREEF FONDIMMOBILIARI da altre controparti di mercato. 6

7 Alla luce dell operatività posta in essere e delle caratteristiche tipiche dell operazioni in derivati OTC di copertura, la RREEF FONDIMMOBILIARI ha identificato gli Intermediari Negoziatori con cui porre in essere tali operazioni sulla base dei seguenti criteri: standing internazionale; solidità patrimoniale a fronte del rischio controparte; precedenti rapporti con la RREEF FONDIMMOBILIARI per operazioni poste in essere a buon fine. Gli Intermediari Negoziatoti selezionati sono pertanto i seguenti: Morgan Stanley Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Merrill Lynch Goldman Sachs Intesa Sanpaolo S.p.A. Bayerische Landesbank Credit Suisse Resta ovviamente inteso che, qualora la struttura dell operazione di finanziamento abbia determinate caratteristiche e peculiarità, tali per cui si renda necessaria la ricerca di una controparte diversa da quelle identificate - affinché siano perseguite e ottenute le migliori condizioni per il Fondo ed i sottoscrittori l utilizzo della nuova controparte deve essere oggetto di espressa ratifica da parte del Consiglio di Amministrazione della RREEF FONDIMMOBILIARI nella prima seduta utile e, ove ritenuto opportuno, tale nuova controparte dovrà essere inserita Lista della Società. B) Strategia di Esecuzione degli Ordini Premesso che, allo stato attuale, la RREEF FONDIMMOBILIARI non effettua l esecuzione diretta degli Ordini, nell ipotesi in cui l operatività della RREEF FONDIMMOBILIARI dovesse contemplare anche l esecuzione diretta degli Ordini, senza quindi l intermediazione degli Intermediari Negoziatori, troveranno applicazione le seguenti disposizioni. Ai fini dell acquisto o della sottoscrizione degli strumenti finanziari (compresi gli strumenti finanziari derivati) e, in particolar modo, delle quote di fondi comuni di investimento, l Area Finanza e Amministrazione procede, in conformità alla Strategia di Esecuzione degli Ordini ed alle strategie generali di investimento e disinvestimento approvate dal Consiglio di Amministrazione, a contattare in via preliminare direttamente il soggetto emittente. 7

8 Tale procedura verrà osservata anche in relazione alle operazioni di rimborso delle quote dei fondi. Tanto nel caso in cui la RREEF FONDIMMOBILIARI si rivolga direttamente agli emittenti gli strumenti finanziari, quanto nel caso delle trattative personali, le controparti dei Fondi e le sedi di esecuzione degli Ordini verranno selezionati sulla base dei seguenti Fattori di Best Execution, che non costituiscono un elenco esaustivo: a) il prezzo praticato; b) i costi; c) la rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento dell operazione di compravendita; d) la dimensione degli Ordini; e) la natura degli Ordini; f) qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini dell esecuzione degli Ordini. La RREEF FONDIMMOBILIARI definisce l importanza dei Fattori sopra elencati per ciascuna operazione di investimento o disinvestimento e tenendo conto dei seguenti criteri: 1) gli obiettivi, la politica di investimento e i rischi specifici del Fondo, come indicati nel prospetto informativo ovvero, in mancanza, nel regolamento di gestione del Fondo; 2) le caratteristiche degli Ordini; 3) le caratteristiche degli strumenti finanziari oggetto degli Ordini e delle condizioni di liquidabilità dei medesimi; 4) le caratteristiche delle sedi di esecuzioni alle quali gli Ordini possono essere diretti. La RREEF FONDIMMOBILIARI provvede a differenziare la Strategia di Esecuzione in modo da poter conseguire il miglior risultato possibile per i Fondi gestiti. A tal fine si tiene conto: a) delle diverse categorie di strumenti finanziari in cui investono i Fondi, come ad esempio equities, strumenti di debito, quote di OICR e strumenti derivati; b) degli obiettivi, dello stile di gestione, della politica d investimento e dei rischi specifici dei Fondi gestiti, come indicati nei rispettivi Regolamenti di Gestione. Al contempo, l Area Finanza e Amministrazione seleziona le sedi di esecuzione, al fine di soddisfare il miglior interesse degli investitori; in tale contesto, non si prenderanno in considerazione i costi di esecuzione dell ordine, da intendersi quali commissioni o costi applicati dalle SGR per l esecuzione diretta dell ordine. Al contempo l Area Finanza e Amministrazione potrebbe individuare un unica sede di esecuzione per una o più categorie di strumenti finanziari, sempre rispettando il principio del miglior risultato possibile per il cliente, anche in considerazione 8

9 del fatto che i costi per l inserimento di più sedi di esecuzione potrebbero essere superiori all eventuale miglioramento dei prezzi in tal modo conseguibile. In determinate circostanze, per ottenere il miglior risultato possibile nell interesse dei Fondi gestiti, gli Ordini potranno essere eseguiti al di fuori di un mercato regolamentato, quali i Sistemi Multilaterali di Negoziazione e gli Internalizzatori Sistematici. Il ricorso ai mercati non regolamentati, per i quali si applicano tutte le disposizioni previste nella presente procedura, può avvenire quando il mercato regolamentato di riferimento non sia sufficientemente liquido rispetto allo specifico strumento finanziario oggetto degli Ordini e quando consenta, anche in via occasionale e temporanea, il raggiungimento del miglior risultato possibile, tenendo conto di Fattori di Best Execution diversi dal corrispettivo totale. Quando l Area Finanza e Amministrazione effettua negoziazioni OTC o in mercati all ingrosso, utilizzerà procedure di richiesta di quotazione preventiva o la negoziazione attraverso quotazioni fornite dai Market Makers, dai Brokers o da altri pool di liquidità: ciò vale sia per le transazioni in strumenti finanziari obbligazionari (Fixed Income) che per gli strumenti finanziari derivati OTC. In linea generale, le sedi di esecuzione prescelte saranno costituite prevalentemente dai Mercati Regolamentati, in quanto tali Mercati rappresentano le trading venues che consentono di conseguire, in modo durevole, il miglior risultato possibile per gli investitori. C) Monitoraggio e riesame della Strategia di Trasmissione e/o Esecuzione degli Ordini L Area Finanza e Amministrazione monitorerà l efficacia della Strategia di Trasmissione e/o Esecuzione e, in particolare, la qualità dell esecuzione degli Ordini da parte degli Intermediari Negoziatori e/o l efficacia delle misure di esecuzione degli Ordini da parte della RREEF FONDIMMOBILIARI, al fine di individuare e, se del caso, correggere eventuali inefficienze. Nella fase del controllo, il Responsabile dell Area Finanza e Amministrazione verificherà su base periodica se la Strategia di Trasmissione degli Ordini e gli Intermediari Negoziatori selezionati per l esecuzione forniscano il miglior risultato possibile, e in conseguenza di ciò, potrà apportare le modifiche ritenute necessarie. Il Responsabile potrà verificare l efficacia della Strategia di Trasmissione degli Ordini, anche mediante un controllo a campione. Allo stesso modo, il Responsabile dell Area Finanza e Amministrazione verifica se la RREEF FONDIMMOBILIARI abbia agito in conformità alle misure di esecuzione degli Ordini e alla Strategia di Esecuzione adottata e se il risultato ottenuto rappresenti il miglior risultato possibile per i Fondi gestiti. L attività di monitoraggio potrà essere effettuata anche attraverso il confronto tra transazioni simili nella medesima sede di esecuzione o in differenti sedi di esecuzione individuate tra quelle incluse nella Strategia di Esecuzione degli Ordini. Con cadenza almeno annuale, o al verificarsi di circostanze rilevanti tali da influire sulla capacità di continuare ad ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per i clienti, la RREEF FONDIMMOBILIARI riesamina la Strategia di Trasmissione e/o Esecuzione degli Ordini 9

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1. INTRODUZIONE Come previsto dalla disciplina in materia di best execution della direttiva MiFID 2004/39/CE e della direttiva 2010/43/UE (recante modalità

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi

Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi Documento di Sintesi della Politica di Gestione delle situazioni in Conflitto di Interessi In conformità delle disposizioni normative comunitarie e nazionali attualmente in vigore, Pioneer Investment Management

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [ Pagina Bianca ] Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1 INDICE Introduzione... 3 Fattori di esecuzione... 3 Trasmissione degli

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE DI MPS CAPITAL SERVICES BANCA PER LE IMPRESE S.P.A. INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE ORDINI 1. Definizioni Strategia di Esecuzione o anche semplicemente Strategia : le misure, i meccanismi e le procedure adottate da MPS Capital Services - Banca

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Agg. gennaio 2014. INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PRINCIPI GUIDA... 4 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI... 4 3.1. SERVIZIO DI RICEZIONE

Dettagli

Transmission and Execution Policy

Transmission and Execution Policy Transmission and Execution Policy Luglio 2014 1 INTRODUZIONE Il presente documento - approvato dal Consiglio di Amministrazione di BG Fund Management Luxembourg S.A. (di seguitio BGFML) - definisce e formalizza

Dettagli

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI MiFID POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento approvato dal C.d.A. del 19/12/2014 Sommario 1. PREMESSA...3 2. PRINCIPI GUIDA...3 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI...4

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 17/12/2014 1 Indice 1. Introduzione 3 1.1 Quadro Normativo di Riferimento 3 1.2 Gestioni di Quaestio Capital

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 Aggiornata nel CdA del 23/09/2015 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA...

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Aggiornamenti al documento Edizione Descrizione Settembre 2008 Approvata dal Consiglio di Amministrazione con delibera del 25/9/2008

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Introduzione Lo scopo di questo documento è fornire informazioni sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini di Mediobanca - Banca di Credito

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

BEST EXECUTION POLICY

BEST EXECUTION POLICY BEST EXECUTION POLICY REV. OTTOBRE 2014 1. Premessa Al fine di adeguarsi alla disciplina in tema di best execution, introdotta dalla Direttiva 2004/39/CE e recepita dal Regolamento Intermediari della CONSOB,

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Strategia di trasmissione ed esecuzione degli ordini Informazioni sulle strategie di trasmissione e di esecuzione degli ordini 1. Premessa La Direttiva

Dettagli

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Data documento 19/11/2012 Pagina 1/13 POLICY STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA D ALBA CREDITO COOPERATIVO SC Redatto da In collaborazione con Servizio Compliance e Antiriciclaggio

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 29/07/2015

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI. Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 29/07/2015 STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 29/07/2015 1 Indice 1. Introduzione 3 1.1 Quadro Normativo di Riferimento 3 1.2 Gestioni di Quaestio Capital

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Deliberata nel CdA del 18/12/2007 Aggiornata nel CdA del 20/10/2011 1 INDICE 1. PREMESSA... 2 2. PRINCIPI GUIDA... 2 3. STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI

DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI DOCUMENTO INFORMATIVO SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI E DEI SISTEMI DI PRICING INTERNI Edizione Luglio 2013 Il presente documento rappresenta la sintesi delle attività svolte

Dettagli

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini

State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini State Street Bank S.p.A. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli Ordini Edizione Novembre 2013 1 Sommario 1. Obbligo di Best Execution: principi generali e contesto normativo di riferimento 2. Sedi

Dettagli

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI

PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI PROSPETTO SEMPLIFICATO INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni Generali del Prospetto Semplificato, da consegnare obbligatoriamente all investitore prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Febbraio 2014 1 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI... 1 1 FINALITÀ... 3 2. INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

Fortune. Transmission Policy. Unifortune Asset Management SGR S.p.A. ASSET MANAGEMENT

Fortune. Transmission Policy. Unifortune Asset Management SGR S.p.A. ASSET MANAGEMENT Unifortune Asset Management SGR S.p.A. Transmission Policy Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 28 febbraio 2012 1 1 Premessa La Transmission Policy ( Policy ) illustra la Strategia di Trasmissione

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI N B.4 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 10/12/2015 Data di efficacia: 14/12/2015 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 BEST EXECUTION...

Dettagli

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2

INDICE I SINTESI... 2 II PREMESSA... 2 III DISPOSIZIONI GENERALI... 2 STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI IMPARTITI ALLA BANCA NAZIONALE DEL LAVORO S.P.A, GRUPPO BNP PARIBAS, DAI PROPRI CLIENTI AL DETTAGLIO E PROFESSIONALI INDICE I

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo

Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID Cassa Rurale ed Artigiana di Boves Banca Di Credito Cooperativo La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

KJBSIM - ATTI CONSIGLIO - P06/2015 POLICY. Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini POLICY Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini [Pagina Bianca] Manuale delle procedure aziendali Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 2 INDICE Indice... 3 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Versione 04- Aggiornamento Dicembre 2010 NEXTAM PARTNERS SIM SPA. Strategia per la trasmissione ed esecuzione degli ordini

Versione 04- Aggiornamento Dicembre 2010 NEXTAM PARTNERS SIM SPA. Strategia per la trasmissione ed esecuzione degli ordini NEXTAM PARTNERS SIM SPA Strategia per la trasmissione ed esecuzione degli ordini 1 1. Introduzione. Nextam Partners SIM S.p.A. (di seguito la Società o la "SIM ), con riferimento ai Servizi di ricezione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Transmission Policy. Modalità di trasmissione degli ordini in Südtirol Bank AG. Politica di gestione dei conflitti di interesse

Transmission Policy. Modalità di trasmissione degli ordini in Südtirol Bank AG. Politica di gestione dei conflitti di interesse Transmission Policy Modalità di trasmissione degli ordini in Südtirol Bank AG Transmission Policy (feb 2013) Pagina 1 di 7 Rev_Feb 2013 INDICE 1/ SCOPO ed OBIETTIVO della TRANSMISSION POLICY pag. 3 2/

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE SSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA ********** CDA 09/11/2011 VALIDITA DAL 10/11/2011 Confermato cda 27/03/2012 DOCUMENTO SULLA STRATEGIA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento luglio 2015 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Credito Cooperativo di Pitigliano Cda del 26/08/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 01/20 /2014 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno LA NORMATIVA MIFID DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio e Valle Agno Delibera CdA del 29 Ottobre 2007 La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Consiglio di Amministrazione del 16 dicembre 2014 INDICE PREMESSA... 3 1 MODALITA ADOTTATE DALLA SOCIETA DI GESTIONE PER LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA POPOLARE PUGLIESE - DOCUMENTO DI SINTESI - Società Cooperativa per Azioni * Codice ABI 05262.1 Sede Legale: 73052 Parabita (Le) Via Provinciale Matino, 5 Sede Amministrativa e Direzione Generale: 73046 Matino (Le) Via Luigi Luzzatti, 8 Partita

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 **********

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della BANCA DI PESCIA CREDITO COOPERATIVO Agg. 9/2015 ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini della Banca di Saturnia e Costa d Argento Credito Cooperativo ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento

Dettagli

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le misure e i meccanismi

Dettagli

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID

La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID La disciplina regolamentare della best execution nella MiFID Simone D Ippolito Markets Regulation Borsa Italiana Milano, 15 aprile 2008 Contenuti Aspetti generali L obbligo di best execution La strategia

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure,

Dettagli

STRATEGIA DI BEST EXECUTION

STRATEGIA DI BEST EXECUTION STRATEGIA DI BEST EXECUTION Execution policy e best execution La normativa MiFID supera la facoltà lasciata agli Stati membri d imporre la concentrazione degli scambi nel mercato regolamentato, per cui

Dettagli

LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DI PATRIMONI LINEE GUIDA

LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DI PATRIMONI LINEE GUIDA LA BEST EXECUTION NELLA GESTIONE DI PATRIMONI LINEE GUIDA INDICE INTRODUZIONE...4 PARTE I Trasmissione di ordini...7 1. Ambito di applicazione e fattori di best execution...7 Linea Guida n. 1.1 Ambito

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA PADANA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO SOCIETA COOPERATIVA (08 giugno 2010) La Markets in Financial Instruments

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Documento di sintesi della

Documento di sintesi della Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del settembre 2015 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Modalità operative di trasmissione degli ordini

Modalità operative di trasmissione degli ordini Modalità operative di trasmissione degli ordini 18/06/2012 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Scopo 4 1.2 Riferimenti Normativi 4 1.3 Definizioni 4 2. QUALITÀ DELL ESECUZIONE 6 3. FATTORI DI ESECUZIONE 7 3.1 Eccezioni

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Novembre 2011 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015 -

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015 - STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI ALPI FONDI SGR - versione marzo 2015-1 Sommario 1 PREMESSA...4 1.1 Scopo del documento...4 1.2 Normativa...4 1.3 Ambito di Applicazione...5 1.4 Categorie

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 10 maggio 2011 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI ICCREA BANCA S.P.A. DOCUMENTO DI SINTESI 07 FEBBRAIO 2008 INDICE 1. RIFERIMENTI NORMATIVI 3 2. Sezione Prima - Fattori di esecuzione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a.

Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Strategia di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini presso Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. Introduzione Hypo Alpe-Adria-Bank S.p.a. offre diverse tipologie di servizi d investimento tra cui la ricezione e

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 17/12/2015 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

ARI ALLE CONDIZIONI. Responsabile: Coinvolte: Glossario. Descrizione SGR CIO. del 29/10/2007

ARI ALLE CONDIZIONI. Responsabile: Coinvolte: Glossario. Descrizione SGR CIO. del 29/10/2007 STRATEGIA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIAF ARI ALLE CONDIZIONI PIÙ FAVOREVOLI PER GLI OICR E LA CLIENTELA NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI GESTIONE COLLETTIVA E DI

Dettagli

Strategia. degli ordini

Strategia. degli ordini Strategia di Trasmissione degli ordini Edizione 05/2012 INDICE Premessa 2 Fattori e criteri di esecuzione 2 Strategia di trasmissione degli ordini 2 Trattamento di ordini disposti in particolari condizioni

Dettagli

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob BCC di Valledolmo Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob marzo 2012 Delibera Cda del 16 maggio 2012 Indice BCC di Valledolmo

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI 03/12/2014 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche, le procedure, le

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop.

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Strategia di trasmissione degli ordini su strumenti finanziari VERSIONE N 04 DEL 28/12/2011 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Flumeri Soc. Coop. Documento redatto ai sensi dell art. 48 del

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta

Sintesi Execution/Transmission Policy 2013. Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Documento di sintesi della Strategia di esecuzione degli ordini di Banca Emilveneta Approvato in CdA del 19.12.2013 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

Documento informativo dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati istituiti e gestiti da Anima SGR S.p.A.

Documento informativo dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati istituiti e gestiti da Anima SGR S.p.A. AI SENSI DEL REGOLAMENTO CONSOB N. 16190 DEL 02/11/2007 Documento informativo dei Fondi comuni di investimento mobiliare di diritto italiano armonizzati istituiti e gestiti da Anima SGR S.p.A. 1. Informazioni

Dettagli

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Consiglio di Amministrazione del 18 dicembre 2014 INDICE PREMESSA... 3 1 AMBITO DI RIFERIMENTO... 3 2 FATTORI DETERMINANTI PER L INDIVIDUAZIONE DEI NEGOZIATORI...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane.

* * * La SGR partecipa ai processi di formazione e informazione della rete di vendita di Poste Italiane. Informativa ai partecipanti dei fondi comun di investimento BancoPosta Liquidità Euro, BancoPosta Obbligazionario Dicembre 2017, BancoPosta Replay 12 mesi e BancoPosta Obbligazionario Italia Dicembre 2018

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI

POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI POLICY TRASMISSIONE E ESECUZIONE ORDINI Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 25 giugno 2015 INDICE 1. PREMESSA...1 2. FATTORI RILEVANTI AI FINI DELLA BEST EXECUTION...2 3. PROCEDURA PER IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012

Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale. Edizione Dicembre 2012 Sedi di esecuzione per tipologia di strumento finanziario, canale di vendita filiale Edizione Dicembre 2012 DETTAGLIO DELLE VENUES E DEGLI INTERMEDIARI PER IL SERVIZIO DI RACCOLTA ORDINI E NEGOZIAZIONE

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE VAL DI FASSA E AGORDINO 21 dicembre 2012 LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC di LEVERANO LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA

Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA Strategia di trasmissione degli ordini 1 Transmission Policy BCC CITTANOVA APPROVATO DAL CDA NELLA SEDUTA DEL 06/06/2012 1 BCC CITTANOVA TRANSMISSION POLICY (VERS. 1.7 maggio 2012) INDICE PREMESSA....

Dettagli

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID

Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della Direttiva MIFID Informazioni sull attività di gestione collettiva del risparmio di Fabrica SGR ai sensi della

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY

REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY REGOLAMENTO GENERALE DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI EXECUTION POLICY Edizione settembre 2014 1 SOMMARIO 1. PREMESSA... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE DEI SERVIZI DI NEGOZIAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012

POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A. Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 POLICY PER LA NEGOZIAZIONE DI AZIONI EMESSE DALLA BANCA DI IMOLA S.P.A Approvata dal CDA nella seduta del 30/07/2012 INDICE PREMESSA...3 1.1. Fattori di Rischio...3 2.2. Funzionamento e formazione prezzi...4

Dettagli