STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Transcript

1 1. Premessa Ai sensi della Direttiva 2004/39/CE (MiFID Markets in Financial Instruments Directive), nonché delle relative disposizioni comunitarie di secondo livello e nazionali di attuazione, la Banca Popolare di Spoleto (la Banca ) ha provveduto ad adottare misure e meccanismi efficaci al fine di ottenere, nell'esecuzione di ordini dei clienti ovvero nell'ambito della prestazione ai clienti dei servizi di ricezione e trasmissione di ordini e di gestione di portafogli, il miglior risultato possibile per il cliente (best execution), avendo riguardo ai costi, alla rapidità e alla probabilità di esecuzione e di regolamento, alle dimensioni e alla natura dell'ordine nonché ad altre considerazioni rilevanti. In sintesi, la predetta normativa disciplina sia il comportamento della Banca nella prestazione dei servizi, sia l informativa che la stessa Banca deve rendere al cliente prima dell esecuzione o della trasmissione degli ordini impartiti dal cliente stesso, nel cui ambito la Banca svolge i seguenti servizi di investimento: Servizio di negoziazione per conto proprio; Servizio di esecuzione degli ordini per conto dei clienti; Servizio di ricezione e trasmissione degli ordini. L esecuzione degli ordini consiste nell incarico conferito dal cliente alla Banca di acquistare o vendere strumenti finanziari in una delle sedi di esecuzione degli ordini previste dalla normativa e scelte dalla Banca (negoziatore per conto proprio, mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, internalizzatori non sistematici, market makers e fornitori di liquidità). La trasmissione degli ordini consiste nell incarico conferito dal cliente alla Banca (soggetto raccoglitore dell ordine) di acquistare o vendere strumenti finanziari attraverso un altro intermediario finanziario (soggetto negoziatore) diverso dalla Banca fra quelli previsti dalla normativa (altre banche e/o altri intermediari autorizzati) e scelti dalla stessa Banca. Pertanto, nel rispetto della citata normativa, la Banca deve: 1) definire la strategia di esecuzione (execution policy) ovvero scegliere per ciascuna categoria di strumenti finanziari le sedi di esecuzione che consentono di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per il cliente (best execution); 2) definire la strategia di trasmissione (transmission policy) ovvero scegliere per ciascuna categoria di strumenti finanziari i soggetti ai quali gli ordini sono trasmessi in ragione delle strategie di esecuzione adottate dai predetti soggetti al fine di ottenere in modo duraturo il miglior risultato possibile per il cliente (best execution). La Banca individua fra le seguenti sedi di esecuzione (trading venues) quella verso la quale orienta gli ordini ricevuti dal cliente: - mercato regolamentato. Tale mercato deve essere gestito da un soggetto avente come attività esclusiva la gestione del mercato stesso. Esso consente o facilita l'incontro di interessi multipli di terzi relativi all acquisto e alla vendita di strumenti finanziari ammessi alla negoziazione conformemente alle regole del mercato stesso e/o ai suoi sistemi. Pertanto tale mercato è autorizzato dagli Organi di Vigilanza competenti, nazionali o sovrannazionali, e funziona regolarmente; Pag. 1 di 7

2 - sistema multilaterale di negoziazione (MTF). Tale sistema, diversamente dal mercato regolamentato, può essere gestito anche da un soggetto abilitato e consente l'incontro, in base a regole non discrezionali, di interessi multipli di terzi relativi all acquisto e alla vendita di strumenti finanziari; - internalizzatore sistematico. L internalizzatore è un intermediario che in modo organizzato, frequente e sistematico negozia per conto proprio gli ordini di acquisto e vendita di strumenti finanziari impartiti dal cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione; - internalizzatore non sistematico, market makers e fornitori di liquidità. Tali intermediari negoziano in modo non organizzato, non frequente e non sistematico per conto proprio ordini di acquisto e vendita di strumenti finanziari impartiti dal cliente al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Gli intermediari vengono utilizzati, in particolare, per la negoziazione di strumenti finanziari non ammessi alla negoziazione sui mercati regolamentati o su sistemi multilaterali di negoziazione (MTF) o comunque trattati su altre sedi di esecuzione incluse nella presente strategia ma privi di liquidità spontanea oppure per i quali il cliente abbia impartito l istruzione specifica di esecuzione attraverso tale tipologia di intermediari; - negoziatore per conto proprio. Tale sede si identifica con la medesima Banca nel caso in cui quest ultima esegua gli ordini del cliente di acquisto e vendita di strumenti finanziari in contropartita diretta con il cliente stesso e al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. In sintesi, la Banca deve: a) individuare sia le sedi di esecuzione degli ordini sia gli intermediari nella attività di trasmissione degli ordini, nel rispetto dei criteri disciplinati dalla normativa. In particolare, nell effettuare tale individuazione, la Banca: - valuta i fattori di esecuzione indicati dalla normativa stessa (prezzo, costi, rapidità e probabilità di esecuzione e di regolamento, dimensioni e natura dell ordine o qualsiasi altra considerazione pertinente ai fini dell esecuzione) al fine di assicurare in modo duraturo il miglior risultato possibile per il cliente; - definisce la priorità da attribuire ai predetti fattori con riferimento ai criteri disciplinati dalla normativa (caratteristiche del cliente e classificazione dello stesso in una delle categorie previste, caratteristiche dell ordine del cliente, caratteristiche degli strumenti finanziari, caratteristiche delle sedi di esecuzione, degli intermediari e delle strategie di esecuzione da questi adottate); b) orientare gli ordini impartiti dal cliente verso una delle sedi di esecuzione o verso uno degli intermediari nella attività di trasmissione precedentemente individuate, nel rispetto dei criteri descritti nel precedente punto a) in modo da ottenere il miglior risultato possibile per il cliente; c) definire l informativa da rendere al cliente in merito alle strategie di esecuzione e di trasmissione adottate dalla stessa Banca; d) ricevere dal cliente, prima della prestazione dei servizi di investimento, il consenso alle predette strategie nonché il consenso all esecuzione degli ordini al di fuori di un mercato regolamentato o di un sistema multilaterale di negoziazione. Nel presente documento, la Banca fornisce, in conformità alla MiFID e alla relativa normativa di attuazione, informazioni sulla propria strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Pag. 2 di 7

3 2. Strategia di trasmissione degli ordini 2.1. Importanza relativa dei fattori rilevanti ai fini della trasmissione degli ordini Per quanto riguarda la prestazione ai clienti dei servizi di ricezione e trasmissione di ordini e di gestione di portafogli, la strategia adottata è finalizzata a identificare, per ciascuna categoria di strumenti, gli intermediari (ai quali gli ordini sono trasmessi) che, in ragione delle strategie di esecuzione adottate da questi ultimi, permettono di ottenere il miglior risultato possibile per il cliente. Tra i fattori rilevanti ai fini della selezione degli intermediari negoziatori da inserire nella lista dei negoziatori e da utilizzare in concreto, in relazione a un determinato ordine, la Banca assegna, in linea generale, un'importanza preminente al corrispettivo totale, costituito dal prezzo dello strumento finanziario e dai costi relativi all'esecuzione. Ciò significa che la scelta degli intermediari negoziatori è effettuata, anzitutto, in ragione della capacità dell'intermediario negoziatore di assicurare che l'ordine sia eseguito alle migliori condizioni possibili in termini di corrispettivo totale. L'elenco di spese, commissioni ed ogni altro onere a carico del cliente in relazione ad un ordine trasmesso è disponibile presso tutte le succursali della Banca. In subordine, in generale, si ha riguardo alla probabilità e alla rapidità di esecuzione. Pertanto, nella scelta del negoziatore, si tiene presente, altresì, in secondo luogo, la capacità del negoziatore di assicurare che ci sia un'alta probabilità di esecuzione e che l'ordine sia eseguito con rapidità. Più in particolare, a tal fine, sono prese in considerazione le seguenti circostanze: la liquidità delle sedi di esecuzione prescelte o alle quali ha accesso l'intermediario negoziatore. Le sedi di esecuzione caratterizzate da un elevato grado di liquidità assicurano un'elevata probabilità di esecuzione delle operazioni; la possibilità per il negoziatore di usufruire di dispositivi automatici di connessione alle sedi di esecuzione tali da eliminare la manualità nella gestione degli ordini e, pertanto, assicurare vantaggi in termini di efficienza; il numero delle sedi di esecuzione alle quali il negoziatore ha accesso, in modo diretto o indiretto, tenuto conto che l'accesso ad un maggior numero di sedi di esecuzione offre al negoziatore una più ampia gamma di alternative per eseguire un ordine, con la possibilità di selezionare quella che permette di conseguire il miglior risultato. Rileva anche la disponibilità del negoziatore ad eseguire per conto proprio ordini aventi ad oggetto strumenti finanziari caratterizzati da scarsa liquidità. Considerazioni diverse dal costo totale, dalla probabilità e dalla rapidità di esecuzione, avranno un'importanza minore nella ricerca del miglior risultato possibile per il cliente. Nel caso degli ordini (ovvero, nell'ambito della prestazione del servizio di gestione di portafogli, delle decisioni di investimento prese dalla Banca a valere sui portafogli gestiti) relativi a titoli obbligazionari e titoli di stato esteri ovvero a titoli obbligazionari italiani non quotati su mercati regolamentati, in considerazione della più limitata liquidità di tali strumenti, la Banca attribuisce alla probabilità di esecuzione, insieme sempre al corrispettivo totale, un'importanza prevalente rispetto gli altri fattori. In relazione alla stipulazione di derivati non quotati, la probabilità di esecuzione diventa prioritaria rispetto, nell'ordine, al prezzo e alla rapidità di esecuzione. Inoltre, in questo caso, si tiene conto della capacità del negoziatore di assicurare un'attività di supporto e assistenza nella strutturazione e nella definizione dei termini dell'operazione. In merito all'applicazione della regola di best execution alla negoziazione di derivati OTC, si consideri anche quanto osservato al paragrafo derivati otc Negoziatori Gli ordini impartiti dalla clientela (ovvero, nell'ambito della prestazione del servizio di gestione di portafogli, le decisioni di investimento prese dalla Banca a valere sui portafogli gestiti) aventi ad oggetto gli strumenti di seguito indicati sono trasmessi, per l'esecuzione, ai negoziatori specificati in relazione a ciascuno di essi. Azioni, obbligazioni convertibili, covered warrants, certificates, ETF, diritti di opzione, fondi chiusi e warrant quotati sui Intermonte SIM SpA Pag. 3 di 7

4 mercati gestiti da Borsa Italiana Titoli di stato e titoli obbligazionari, quotati su MOT ed EUROMOT Azioni, covered warrant, certificates, ETF, diritti di opzione, fondi chiusi e warrant non quotati sui mercati gestiti da Borsa Italiana Intermonte SIM SpA Banca IMI Spa Si ritiene che, alla luce dell'importanza relativa dei fattori da prendere in considerazione per valutare l'esecuzione di un ordine alle migliori condizioni possibili, la trasmissione degli ordini ai negoziatori indicati permetta di conseguire il miglior risultato possibile per il cliente. La Intermonte Sim Spa ( Intermonte ) è impegnata contrattualmente nei confronti della Banca a garantire la best execution e tratta quindi gli ordini ricevuti dalla Banca conformemente alla propria strategia di esecuzione degli ordini adottata ai sensi della normativa nazionale e comunitaria. Gli elementi presi in considerazione dalla Banca nella selezione del predetto negoziatore sono i seguenti: - Intermonte prevede come sedi di esecuzione degli ordini aventi ad oggetto gli strumenti finanziari quotati sui mercati gestiti da Borsa Italiana i mercati regolamentati di quotazione, in quanto ritenuti, allo stato attuale, i più idonei a garantire su base sistematica il miglior risultato possibile nell esecuzione degli ordini. Intermonte si riserva, peraltro, la possibilità di operare in contropartita diretta per le azioni illiquide; - Intermonte accorda alla Banca livelli commissionali giudicati più convenienti rispetto a quelli applicati da altri negoziatori presenti sul mercato. Sotto questo profilo, la scelta di utilizzare un unico negoziatore per gli strumenti finanziari quotati sui mercati gestiti da Borsa Italiana ha permesso di concordare un regime commissionale ulteriormente favorevole per la Banca, con un corrispondente risparmio per la clientela. - Intermonte è aderente diretto ai mercati gestiti da Borsa Italiana e la Banca è, a sua volta, collegata automaticamente, tramite il suo sistema informativo, a Intermonte. Ciò è particolarmente rilevante ai fini della rapidità di esecuzione degli ordini dei clienti. Banca Imi riceve dalla Banca gli ordini e provvede alla loro esecuzione, operando in conformità alla propria strategia di esecuzione degli ordini adottata ai sensi della normativa nazionale e comunitaria. Tuttavia la Banca richiede all intermediario negoziatore di eseguire l ordine sul mercato regolamentato di quotazione dello strumento finanziario, fatte salve ovviamente diverse istruzioni specifiche ricevute dal cliente. Gli elementi presi in considerazione dalla Banca nella selezione del predetto negoziatore sono i seguenti: - l ampiezza dei mercati regolamentati esteri ai quali Banca Imi è in grado di accedere, sia in qualità di aderente diretto sia tramite interconnessioni ad altri primari intermediari. Ciò garantisce elevata probabilità di esecuzione degli ordini a condizioni di prezzo ottimali, in considerazione della liquidità dei mercati regolamentati di quotazione degli strumenti finanziari; - Banca Imi garantisce livelli commissionali competitivi rispetto alle condizioni praticate da altri intermediari sul mercato. Sul punto, rileva anche la circostanza che la Banca utilizza Banca Imi come sub-depositaria degli strumenti finanziari esteri di proprietà dei Clienti, con la conseguenza che ciò riduce i costi di regolamento delle transazioni effettuate sui mercati regolamentati per il tramite della medesima Banca Imi. Ciò assume rilievo, unitamente alla qualità dei prezzi degli scambi assicurata dalla liquidità delle sedi di esecuzione prescelte dalla Banca, ai fini del raggiungimento della best execution in termini di total consideration. Pag. 4 di 7

5 3. Strategia di esecuzione degli ordini 3.1. Importanza relativa dei fattori rilevanti ai fini dell'esecuzione degli ordini La strategia, per quanto riguarda l'esecuzione e trasmissione degli ordini dei clienti, è finalizzata a individuare, per ciascuna categoria di strumenti, le sedi di esecuzione che permettono di ottenere il miglior risultato possibile per il cliente, nonché a orientare la scelta della sede di esecuzione tra quelle individuate. Tra i fattori rilevanti ai fini della selezione delle sedi di esecuzione da utilizzare in concreto, in relazione a un determinato ordine, la Banca assegna, in linea generale, un'importanza preminente al corrispettivo totale, costituito dal prezzo dello strumento finanziario e dai costi relativi all'esecuzione. Ciò significa che la scelta delle sedi di esecuzione è effettuata, anzitutto, in ragione della capacità della sede di esecuzione di assicurare che l'ordine sia eseguito alle migliori condizioni possibili in termini di corrispettivo totale. L'elenco di spese, commissioni ed ogni altro onere a carico del cliente in relazione ad un ordine eseguito è disponibile presso tutte le succursali della Banca. In subordine, in generale, si ha riguardo alla probabilità e alla rapidità di esecuzione. Pertanto, nella scelta della sede di esecuzione, si tiene presente, altresì, in secondo luogo, la capacità della sede di esecuzione di assicurare che ci sia un'alta probabilità di esecuzione e che l'ordine sia eseguito con rapidità. Più in particolare, a tal fine, sono prese in considerazione le seguenti circostanze: la liquidità delle sedi di esecuzione prescelte. Le sedi di esecuzione caratterizzate da un elevato grado di liquidità assicurano un'elevata probabilità di esecuzione delle operazioni; la possibilità di usufruire di dispositivi automatici di connessione alle sedi di esecuzione tali da eliminare la manualità nella gestione degli ordini e, pertanto, assicurare vantaggi in termini di efficienza. Considerazioni diverse dal costo totale, dalla probabilità e dalla rapidità di esecuzione, avranno un'importanza minore nella ricerca del miglior risultato possibile per il cliente. Nel caso degli ordini (ovvero, nell'ambito della prestazione del servizio di gestione di portafogli, delle decisioni di investimento prese dalla Banca a valere sui portafogli gestiti) relativi a titoli obbligazionari e titoli di stato esteri ovvero a titoli obbligazionari italiani non quotati su mercati regolamentati, in considerazione della più limitata liquidità di tali strumenti, la Banca attribuisce alla probabilità di esecuzione, insieme sempre al corrispettivo totale, un'importanza prevalente rispetto gli altri fattori Sedi di esecuzione Gli ordini impartiti dalla clientela (ovvero, nell'ambito della prestazione del servizio di gestione di portafogli, le decisioni di investimento prese dalla Banca a valere sui portafogli gestiti) aventi ad oggetto gli strumenti finanziari non ricompresi nella elencazione di cui al precedente paragrafo relativo alla strategia di trasmissione degli ordini, vengono eseguiti dalla Banca, in qualità di negoziatore per conto proprio, secondo le modalità di seguito specificate, in relazione a ciascuna categoria di strumenti finanziari di seguito indicata. Titoli obbligazionari emessi dalla Banca medesima Gli ordini relativi alle obbligazioni (non quotate) emesse dalla Banca sono eseguiti dalla Banca in conto proprio, in quanto si ritiene che questa modalità, tenuto conto della liquidità limitata degli strumenti e dei risparmi di costo che possono essere conseguiti, rappresenti l'alternativa preferibile, nell'ottica del miglior risultato possibile per il cliente. Infatti la Banca, per quanto riguarda i propri prestiti obbligazionari, agisce in qualità di internalizzatore non sistematico, in conformità alla normativa vigente. La negoziazione dei titoli avviene secondo criteri oggettivi e predeterminati, definiti nella pricing policy, adottata ai sensi della normativa MiFID, in vigore al momento della esecuzione dell ordine. Pag. 5 di 7

6 Titoli di stato e titoli obbligazionari non quotati su MOT ed EUROMOT Per quanto riguarda gli ordini relativi a tale categoria residuale di strumenti finanziari, la Banca seleziona, volta per volta, la controparte negoziale con la quale eseguire l ordine (tra quelli affidati dalla Banca) in base al miglior prezzo rilevabile sulla piattaforma di trading elettronico Bloomberg. In mancanza di esposizione di quotazioni sulla piattaforma di trading elettronico Bloomberg, e quindi in assenza di un mercato secondario efficiente, la Banca provvede alla richiesta di quotazioni ad almeno due negoziatori affidati, tra quelli maggiormente attivi sulla tipologia di strumenti considerata, selezionando la migliore offerta. Un elenco aggiornato e completo dei negoziatori affidati dalla Banca, ai quali la Banca potrebbe rivolgersi per la negoziazione degli strumenti di cui si tratta, è disponibile, a richiesta, presso tutte le succursali della Banca (elenco controparti negoziali affidate). Posto che un elevato numero di controparti negoziali affidate rappresenta uno strumento di sicura efficacia per favorire la realizzazione del principio di best execution, la Banca provvede a monitorare costantemente e per quanto possibile incrementare, il numero delle controparti negoziali affidate. Qualora gli strumenti finanziari anzidetti, oggetto dell ordine del cliente, risultino quotati sull MTF EuroTLX, la Banca, volta per volta, seleziona, tra la piattaforma di trading elettronico Bloomberg e l MTF EuroTLX, la sede di esecuzione ove, al momento della esecuzione dell ordine, è rilevabile il miglior prezzo possibile per i clienti. 4. Avvertenze generali relative sia alla esecuzione che alla trasmissione degli ordini 4.1. Istruzioni specifiche (esecuzione e trasmissione degli ordini) Si avvisa che eventuali istruzioni specifiche impartite dal cliente potranno pregiudicare le misure previste, secondo i casi, dalla Banca o dal negoziatore al quale è trasmesso l'ordine per l'esecuzione, al fine di ottenere il miglior risultato possibile relativamente all'esecuzione degli ordini, con riferimento agli elementi oggetto di tali istruzioni. In tali circostanze, gli ordini saranno eseguiti, secondo i casi, dalla Banca o dal negoziatore, nel rispetto delle istruzioni specifiche impartite Ordini eseguiti al di fuori di mercati regolamentati e sistemi multilaterali di negoziazione (esecuzione e trasmissione degli ordini) Mediante la sottoscrizione di specifica dichiarazione a parte il cliente presta il proprio consenso, ai sensi della normativa applicabile, all'esecuzione degli ordini in conto proprio e/o al di fuori di mercati regolamentati o di sistemi multilaterali di negoziazione. Si informa, inoltre, che la Banca ha fornito o fornirà ai negoziatori il proprio consenso affinché gli ordini ad essi trasmessi, a cura della Banca, possano essere eseguiti al di fuori di mercati regolamentati o di sistemi multilaterali di negoziazione. Si informa, infine, che la Banca ha fornito o fornirà ai negoziatori il proprio consenso alla possibilità di non rendere pubblici immediatamente gli ordini con limite di prezzo relativi a strumenti quotati in mercati regolamentati che non siano eseguibili immediatamente alle condizioni di mercato Aggregazione degli ordini (esecuzione e trasmissione degli ordini) Relativamente agli ordini impartiti dal cliente, la Banca potrà aggregare gli ordini trasmessi con ordini di altri clienti o con ordini della Banca stessa. L'aggregazione degli ordini, in determinate circostanze, può consentire di ottimizzare il prezzo, nonché di conseguire un risparmio di costo e di aumentare le probabilità di esecuzione. Gli ordini potranno pertanto essere aggregati quando l'aggregazione risulti necessaria o opportuna a tali fini. A titolo esemplificativo e non esaustivo, si consideri il caso degli ordini di basso controvalore su titoli ammessi a quotazione su mercati esteri, per i quali l aggregazione permette di ottenere migliori condizioni di prezzo. Benché si provveda all'aggregazione degli ordini al fine di migliorare le condizioni di esecuzione (ad esempio con riferimento al prezzo e alla probabilità di esecuzione), non si esclude che, in determinati Pag. 6 di 7

7 casi, l'aggregazione possa incidere sulle modalità di esecuzione dei singoli ordini oggetto di aggregazione (ad esempio, in determinate circostanze, un insieme di ordini aggregati potrebbe essere eseguito meno rapidamente di un ordine singolo, non aggregato). In caso di aggregazione, la Banca tratterà la quantità complessiva degli ordini aggregati (relativi allo stesso strumento finanziario) come un unico ordine. Gli ordini aggregati avranno come unico prezzo di esecuzione il prezzo medio al quale viene eseguita l'intera quantità. In caso di esecuzione parziale degli ordini aggregati, l'assegnazione della quantità eseguita avverrà proporzionalmente al controvalore dell'ordine inserito da ciascun cliente, nel rispetto del taglio minimo negoziabile. Qualora l'aggregazione abbia riguardato ordini di clienti e ordini della Banca, questi ultimi saranno oggetto di assegnazione soltanto dopo che siano stati completamente assegnati gli ordini dei clienti Derivati OTC Per la stipulazione, da parte della clientela, in funzione di particolari esigenze, di derivati non quotati (OTC), la Banca si affida in prevalenza a MPS Finance Capital Services, che si pone come controparte diretta del contratto con il cliente. La scelta di MPS Finance Capital Services si giustifica sulla base di considerazioni in ordine alla probabilità di esecuzione e in virtù della qualità del supporto e dell'assistenza forniti in sede di strutturazione e definizione dei termini delle operazioni. E' tuttavia anche possibile, in determinate circostanze, che il derivato sia stipulato dalla Banca stessa in contropartita diretta con il cliente. In merito all'applicazione della regola di best execution alla negoziazione di derivati OTC, si consideri anche quanto di seguito indicato. Per gli ordini relativi alla stipula di contratti derivati non negoziati su mercati regolamentati (c.d. derivati OTC) e con caratteristiche di particolari complessità necessarie a soddisfare le esigenze dei clienti, la Banca assicurerà la Best Execution nei limiti in cui sussistano, nelle varie sedi di esecuzione disponibili, strumenti comparabili. 5. Revisione La strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini adottata dalla Banca è, come previsto dalla normativa vigente, oggetto di revisione e aggiornamento periodico. La Banca verifica continuamente l efficacia della propria strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini al fine di apportarvi eventuali modifiche che si dovessero rendere opportune. In particolare, accerta se le sedi di esecuzione previste dalla strategia e i negoziatori ai quali trasmette gli ordini per l esecuzione continuano a garantire il miglior risultato possibile per i clienti. La Banca provvederà comunque a riesaminare la propria strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini con periodicità almeno annuale. Qualora vengano apportate variazioni alla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini, esse verranno immediatamente portate a conoscenza della clientela mediante pubblicazione sul sito internet della banca ( sezione Mifid), sul quale sarà sempre consultabile il documento nella sua versione aggiornata, altresì disponibile, a semplice richiesta, presso tutti gli sportelli della Banca. In ogni caso, la banca comunicherà ai clienti le variazioni apportate alla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini in occasione dell invio del primo estratto conto titoli, o altra analoga comunicazione periodica inviata dalla banca, prodotto successivamente alle modifiche. Pag. 7 di 7

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

Execution-Transmission policy

Execution-Transmission policy Execution-Transmission policy Versione Delibera 1 Delibera del Consiglio di Amministrazione del 13/10/2007 2 Aggiornamento con delibera CdA del 23/02/2008 3 Aggiornamento con delibera CdA del 21/03/2008

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso

SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso SCHEMA DI DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC del Carso LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI POLICY DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. PREMESSA.3 2. RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 5 3. PRINCIPI GUIDA PER L ESECUZIONE E LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI..7 4. FATTORI DI ESECUZIONE

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvata con delibera del C.d.A. del 29/10/2007 Aggiornata con delibera del C.d.A. del 26/11/2008 21/10/2009 29/10/2010 24/01/2011 04/06/2012 18/11/2013

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle

- 2 Banca di Credito Cooperativo di Santeramo in Colle STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI SANTERAMO IN COLLE (BARI) Aggiornata con delibera del Consiglio di Amministrazione del 03 DICEMBRE 2014 VVeer r..1111

Dettagli

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy

Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy Banca Popolare di Spoleto S.p.A. Transmission Policy 1. INTRODUZIONE Il presente documento definisce e formalizza le modalità ed i criteri adottati da Banca Popolare di Spoleto S.p.A. (di seguito, la Banca

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (IN VIGORE DAL 1 DICEMBRE 2014) INDICE POLITICA... 1 1 DISPOSIZIONI

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA

INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA 1 INFORMAZIONE SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELLA BANCA CAPASSO ANTONIO SPA Revisione del 01/08/2013 2 INDICE PREMESSA 1.RELAZIONI CON ALTRE NORME E DOCUMENTI 2.PRINCIPI GUIDA

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Edizione 20141015 Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini DI CREDIO COOPERAIVO S.C. DEGLI OBBLIGAZIONISI 1 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Novembre 2014 eramo - 64100 - Via Savini, 1 el. 0861/ 25691 - Fax 0861/ 359919 DI CREDIO COOPERAIVO

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI POLITICA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI INDICE 1. Premessa... 2 1.1 Scopo del documento... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 2. Ambito di applicazione e destinatari... 2 3. Fattori di Best Execution...

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob Approvato con delibera del consiglio di amministrazione del 26 Novembre 2014 Indice

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini

Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Policy esterna di esecuzione / trasmissione degli ordini Pagina 1 di 16 INDICE 1 PREMESSE... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 CURA DELL'INTERESSE DEL CLIENTE... 3 1.2.1 Determinazione del prezzo... 4 1.2.2

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI Nel rispetto della nuova disciplina comunitaria introdotta dalla direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Banca di Ancona Credito Cooperativo Soc. Cooperativa Sede Sociale in Ancona Via Maggini 63/a 60127 iscritta all Albo delle Banche al n. 186.70 all Albo delle Società Cooperative al n. A160770, al Reg.

Dettagli

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

[B] INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Corso Unità d'italia 11, Cantù (Co) - info@cracantu.it - www.cracantu.it Tel 031/719.111 - Fax 031/7377.800 - Swift ACARIT22XXX Cod.Fisc/P.Iva n.00196950133 - R.E.A. n.43395 Como ABI n.08430 - Albo delle

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini

Strategia di Trasmissione degli Ordini Strategia di Trasmissione degli Ordini Revisionato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 1932 del 23 gennaio 2015 Indice 1 PRINCIPI GENERALI... 3 1.1 Principi generali in tema di best execution...

Dettagli

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY)

POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) POLITICA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DI INVESTIMENTO (EXECUTION POLICY) 15.11.2013 La presente politica intende definire la strategia di esecuzione degli ordini di negoziazione inerenti a strumenti finanziari

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB

Strategia di trasmissione degli ordini ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB ai sensi dell art. 48 del Regolamento Intermediari CONSOB Visionato da: Dott. Martha Dichristin e Dott. Martin Selva Approvato dal CDA in data 21.10.2014 Sostituisce l edizione d.d. 08.05.2012 Indice 1.

Dettagli

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI

INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI INFORMATIVA SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI CLIENTI PROFESSIONALI Banca Akros ha predisposto una politica di esecuzione e di gestione degli ordini (di seguito: politica di esecuzione degli ordini)

Dettagli

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE

IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE IMPOSTA SULLE TRANSAZIONI FINANZIARIE (STRUMENTI DERIVATI ED ALTRI VALORI MOBILIARI) Ove non espressamente specificato i riferimenti normativi si intendono fatti al decreto del Ministro dell economia e

Dettagli

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A.

INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. INFORMAZIONI SULLE STRATEGIE DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DELL ISTITUTO CENTRALE DELLE BANCHE POPOLARI ITALIANE S.p.A. EXECUTION POLICY Data decorrenza 09 dicembre 2013 Sede Sociale e Direzione

Dettagli

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI

ASSOSIM DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB SUL RECEPIMENTO DELLA MIFID A. REGOLAMENTO INTERMEDIARI PIAZZA BORROMEO 1-20123 MILANO TEL. 02/86454996 R.A. TELEFAX 02/867898 e.mail assosim@assosim.it www.assosim.it ASSOSIM ASSOCIAZIONE ITALIANA INTERMEDIARI MOBILIARI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DELLA CONSOB

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE / TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ALLE CONDIZIONI PIU FAVOREVOLI PER IL CLIENTE EDIZIONE GENNAIO 2015 CODICE DOCUMENTO REG044/I/BIM (Allegato 1) SOCIETA BANCA INTERMOBILIARE

Dettagli

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica

UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica UNIVERSITA DI URBINO Mercati regolamentati, sistemi multilaterali di negoziazione, internalizzatori sistematici, Best Execution dinamica 17 Ottobre 2011 Indice Pag Sedi di esecuzione MiFID 2 Impatto della

Dettagli

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI

REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI REGOLE DI ESECUZIONE DELLE ISTRUZIONI I. Disposizioni generali 1. Le presenti Regole di esecuzione delle istruzioni dei clienti riguardanti i contratti di compensazione delle differenze (CFD) e gli strumenti

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario

I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario I mercati finanziari: classificazione e realtà italiana. Il mercato monetario 13 maggio 2009 Agenda Criteri di classificazione dei mercati Efficienza dei mercati finanziari Assetto dei mercati mobiliari

Dettagli

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG

MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG MiFID Pacchetto Informativo relativo ai Servizi di Investimento di Hypo Tirol Bank AG Indice absichern anlegen ausleihen bewegen Edizione: ottobre 2013 I. Informazioni generali sulla Banca ed i suoi servizi

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale

Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori. Documentazione Informativa e Contrattuale Contratto Unico per la Prestazione dei Servizi di Investimento ed Accessori Documentazione Informativa e Contrattuale Sommario INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA, SUI SERVIZI D INVESTIMENTO E SULLA SALVAGUARDIA

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Il presente Documento Informativo (di seguito anche Documento ) rivolto ai Clienti o potenziali Clienti della Investire Immobiliare SGR S.p.A è redatto in conformità a quanto prescritto

Dettagli

Un ordine su misura per ogni taglia

Un ordine su misura per ogni taglia Un ordine su misura per ogni taglia Le funzionalità Cross Order e Block Trade Facilities sui mercati cash Cross Order e BTF Introduzione I Cross Order e la Block Trade Facilities (BTF) sono due nuove tipologie

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta

Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Informativa ai partecipanti dei fondi comuni di investimento BancoPosta Il nuovo Regolamento Intermediari n. 16190/2007 emanato dalla Consob ed il Regolamento congiunto del 29 ottobre 2007 emanato da Banca

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015

17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 17 Campionato di Borsa con Denaro Reale Investiment & Trading Cup Edizione 2015 Il Campionato di Borsa con Denaro Reale, organizzato in collaborazione con Directa Sim, Binck Bank, Finanza on Line Brown

Dettagli

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici

derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici derivati azionari guida alle opzioni aspetti teorici PREFAZIONE Il mercato italiano dei prodotti derivati 1. COSA SONO LE OPZIONI? Sottostante Strike

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

I servizi di investimento. Cosa sono e quali tutele sono previste per i risparmiatori. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

I servizi di investimento. Cosa sono e quali tutele sono previste per i risparmiatori. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore I servizi di investimento Cosa sono e quali tutele sono previste per i risparmiatori Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Parte I - I servizi di investimento in generale

Dettagli

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore

Le reverse convertible. Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista. Ottobre 2012. Consob Divisione Tutela del Consumatore Le reverse convertible Cosa sono e quali rischi comportano per chi le acquista Ottobre 2012 Consob Divisione Tutela del Consumatore Indice Introduzione 3 Le reverse convertible 4 Cos è una reverse convertible

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE SULLA DISTRIBUZIONE DI PRODOTTI COMPLESSI AI CLIENTI RETAIL Le osservazioni al documento di consultazione dovranno pervenire entro il 21 Luglio 2014 on-line per il tramite del

Dettagli

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015

1 di 8. Poste Italiane S.p.A. - Società con socio unico Patrimonio BancoPosta. Mifid Condizioni Generali Ed. Giugno 2015 CONDIZIONI GENERALI CHE REGOLANO IL CONTRATTO PER LA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI CUSTODIA E AMMINISTRAZIONE DI STRUMENTI FINANZIARI PER CONTO DEI CLIENTI

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Economia monetaria e creditizia. Slide 3

Economia monetaria e creditizia. Slide 3 Economia monetaria e creditizia Slide 3 Ancora sul CDS Vincolo prestatore Vincolo debitore rendimenti rendimenti-costi (rendimenti-costi)/2 Ancora sul CDS dove fissare il limite? l investitore conosce

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA DELLE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE Questa procedura definisce le modalità adottate di approvazione ed esecuzione delle operazioni poste in essere

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti.

Doti di leadership con forti capacità di coordinamento e motivazione dei team gestiti. Sintesi Professionale Consolidata esperienza nella gestione di progetti complessi volti all introduzione di nuove attività e simmetricamente alla razionalizzazione ed efficientamento di strutture e reti

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

con il patrocinio di in collaborazione con

con il patrocinio di in collaborazione con con il patrocinio di in collaborazione con La Traders Cup, organizzata dalla rivista TRADERS Magazine Italia punto di riferimento per il mondo del trading e dell investimento professionale, è l unica competizione

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Business Process Outsourcing

Business Process Outsourcing Business Process Outsourcing Kedrios propone un modello di outsourcing completo Il Gruppo SIA-SSB, attraverso Kedrios dispone di una consolidata tradizione di offerta di servizi di Outsourcing Amministrativo

Dettagli

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID

scenari di liquidità: quali sfide per gli intermediari? Servizi d investimento e Best Execution a tre anni dalla MiFID SECTORS AND Advisory THEMES Mercati Title alternativi heree scenari di liquidità: quali sfide per gli Additional information in Univers 45 Light 12pt on 16pt leading intermediari? kpmg.com Servizi d investimento

Dettagli

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO

INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO INFORMATIVA PRECONTRATTUALE PER LA CLIENTELA SU SERVIZI E ATTIVITA DI INVESTIMENTO Aggiornamento n. 13 di Aprile 2015 MMM00589 04/2015 Pag. 1 di 34 INDICE: PREMESSA... 3 INFORMAZIONI GENERALI SULLA BANCA...

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell'art. 2 e dell'art. 6 delle disposizioni AIM Italia in tema di Parti Correlate del maggio 2012, nonché

Dettagli