Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Real Time Transport Protocol. Maria Luisa MERANI"

Transcript

1 RTP Real Time Transport Protocol e RTCP, RTP Control Protocol Maria Luisa MERANI 1

2 PREMESSA Dal momento che le applicazioni real-time (o near realtime) dovrebbero fare la parte del leone sulla Internet dei prossimi anni tra queste VoIP e video conferenza non sorprende che enti di standardizzazione riconosciuti a livello internazionale IETF ITU siano impegnati da diversi anni nella definizione e promulgazione di standard per questa classe di applicazioni 2

3 SCOPO Consentire a compagnie diverse, a sviluppatori distinti, di creare nuovi prodotti applicazioni interattive real-time interoperabili RTP è stato ideato e standardizzato a questo scopo di H. Schulzrinne ad oggi piuttosto popolare e complementare ad altri protocolli (SIP, H.323) 3

4 PUNTO DI PARTENZA UDP rappresenta la soluzione più adeguata a livello trasporto per le applicazioni real-time, ma non fornisce supporto per veicolare informazioni basilari per un servizio di telefonia a pacchetto e per videoconferenza Numero di sequenza Informazioni sul timing associato all informazione trasportata» Campioni audio» Frame video A questo sopperisce RTP Normalmente impiegato on top of UDP Definito negli RFC 3550 e

5 ARCHITETTURA PROCOLLARE Host RTP Applicazione (media encoding e/o decoding) RTP RTCP UDP IP 5

6 RTP Che cosa fornisce Sequence numbering Timestamp Payload identification Delivery monitoring E che cosa NON fornisce Garanzia sulla consegna Prenotazione di risorse (no QoS) Instaurazione della connessione Se si sviluppa un applicazione incorporando RTP, anziché uno schema proprietario, l applicazione interagirà più facilmente con altre applicazioni multimediali di rete 6

7 ALCUNE DEFINIZIONI Sessione RTP Identifica un set di partecipanti coinvolti in una comunicazione via RTP Ciascun partecipante della sessione è identificato da Indirizzo IP di destinazione Unicast (o multicast) Una coppia di porte UDP di destinazione Quella dal valore più basso è per il trasporto dati (RTP) Quella con il valore più alto per il controllo (RTCP) In una comunicazione multimediale ciascun flusso è in generale veicolato via sessioni RTP distinte Esempio: videoconferenza a due 2 sessioni RTP: 1 sessione video e 1 sessione audio, ma in tutto 4 flussi RTP OPPURE Bundling audio e video in un unico flusso (dipende dall encoder) => 1 sessione RTP 7

8 I DUE CONTESTI D USO UNICAST FLUSSO RTP FLUSSO RTP MA ANCHE RTCP MULTICAST FLUSSO RTP FLUSSI RTP RTCP 8

9 FORMATO HEADER RTP 0 31 DEFAULT header 12 byte 9

10 CONTINUA V Version 2 bit La versione corrente è la 2 P Padding 1 bit Se settato, il pacchetto contiene dei byte di riempimento alla fine; nell ultimo byte è contenuta l indicazione del numero di byte di padding X Extension 1bit Se settato, l header canonico (12 byte) è seguito da una estensione (header extension appunto) M Marker bit 1 bit Segnala una condizione significativa relativamente al payload Es. termine di un video frame (frame boundary) 10

11 CONTINUA PT Payload Type 7bit Precisa il tipo di dati trasportati Equivalentemente Per uno stream audio specifica il tipo di encoder impiegato Per uno stream video il tipo di codifica video Nel caso di codifica adattativa e di modifica all interno di una sessione, attraverso tale campo il sender informa anticipatamente il destinatario della variazione che a breve introdurrà Interessante: Esiste sia un mapping di default, che staticamente associa ad un determinato valore di PT ES: 0 per ITU G.711 µ-law audio, 26 per Motion JPEG video Ma anche La possibilità di definire via segnalazione out-of-band (SIP, RTSP, H.323) la corrispondenza» Valori per il payload type compresi tra 96 e 127 sono riservati a tale scopo (per il profilo RTP audio/video) 11

12 CONTINUA Sequence number 16 bit Incrementato di una unità per ogni pacchetto RTP Timestamp Impiegato lato receiver per ripristinare la sequenza originaria rilevare eventuali perdite di pacchetti Valore iniziale è random 32 bit Riporta l istante di campionamento del primo byte dei dati contenuti nel payload RTP Ottenuto da un clock presente lato sender La frequenza del clock è media-dependent dependent - Per audio payload tipicamente il clock coincide con la frequenza di campionamento (es. 8 KHz), per video payload 90 KHz Valore iniziale è random Viene incrementato anche se la sorgente è inattiva 12

13 CONTINUA SSRC 32 bit Def. Synchronization source (SSRC): la sorgente di uno stream di pacchetti RTP Tale campo individua la sorgente attraverso un identifier Valore random Entro medesima sessione RTP due sorgenti non hanno lo stesso identificatore CC e CSRC Def. Contributing source (CSRC): una sorgente che ha contribuito ad uno stream generato da un mixer CC: numero di sorgenti che compaiono nella lista CSRC C successiva CSRC lista degli identificatori delle sorgenti che contribuiscono al payload del pacchetto 13

14 E RTCP? 14

15 RTCP RTP Control Protocol Protocollo per il controllo fornisce feedback periodici sulla qualità di ricezione Consente l identificazione dei partecipanti alla sessione Ulteriori informazioni al loro riguardo Notifiche di variazioni nei partecipanti alla sessione Informazioni necessarie per la sincronizzazione di diversi media stream La sua implementazione è interpretabile come costituita da tre componenti I pacchetti (con i loro diversi formati) Le regole di temporizzazione per l invio dei pacchetti di controllo Il database di ogni partecipante VIP M LM 15

16 TRASPORTO DEI PACCHETTI RTCP Abbiamo già visto che Ciascuna sessione è identificata per il singolo partecipante da Indirizzo IP Due porte UDP La porta per i dati RTP dovrebbe essere PARI La porta per RTCP immediatamente successiva alla precedente (DISPARI) Ultima release di RTP rilassa tali vincoli e consente anche l assegnazione di porte non adiacenti I pacchetti RTCP non sono mai trasportati individualmente Raggruppati in compound packet Eccone un esempio 16

17 RTCP COMPOUND PACKET 17

18 PACCHETTI RTCP Le specifiche RTCP ne definiscono di 5 tipi diversi Receiver report RR Sender report SR Source description SDES Membership management BYE Application-defined (APP) 18

19 RTCP Receiver Reports RR Utilizzati per eseguire report sulla qualità di ricezione Inviati da tutti i partecipanti alla sessione RTP che ricevono dati Pacchetti identificati dal valore 201 nel campo packet type Un pacchetto contiene il SSRC del partecipante che invia il report I report block, che a loro volta possono contenere stime di Loss fraction Interarrival jitter Stima della varianza del tempo di transito attraverso la rete Misurato in timestamp units Altro 19

20 SULLA STIMA DEL JITTER Per calcolare la varianza del tempo di transito Sia S i il timestamp RTP del pacchetto i-simo e R i l istante di arrivo di tale pacchetto Differenza nel tempo di transito relativo: D( i, j) = ( R j S j ) ( Ri Si ) Calcolo del jitter attraverso la determinazione di una media mobile: ( D i 1, i) ) = ( J J + i 1 1 J i J i 16 20

21 UTILITÀ dei RR 1. Per il sender del flusso Può modificare la velocità di invio in accordo al feedback ricevuto Loss rate elevate => riduzione send rate e/o tecniche di mascheramento dell errore lato sender più potenti Aumento improvviso del jitter => congestione in atto => riduzione send rate 2. Altri partecipanti alla sessione Possono determinare se eventuali problemi sono locali o comuni a dicersi ricevitori 3. Per un third-party È possibile monitorare attraverso i pacchetti RTCP RR lo stato t di salute della rete 21

22 RTCP Sender Reports SR Pacchetti inviati dai partecipanti alla sessione che recentemente hanno inviato dati Pacchetti identificati dal valore 200 nel campo packet type informazioni sui dati inviati, principalmente per la sincronizzazione di stream multipli Lyp-sync audio/video 22

23 RTCP PACCHETTI SDES Pacchetti identificati dal valore 202 nel campo packet type Impiegati per convogliare l identificazione del partecipante e dettagli ulteriori (gli item) Indirizzo Numero di telefono L informazione è tipicamente fornita dall utente E spesso mostrata nella GUI dell applicazione 23

24 CONTINUA Esempi di item che un pacchetto SDES può contenere CNAME item Identificatore stabile e permanente (al contrario della SSRC) Può essere impiegato per associare sessioni RTP audio e video distinte a scopo di sincronizzazione Si tratta dell unico item obbligatorio Proposto nella forma NAME item Nome del partecipante item Es. PHONE item Es LOCATION item GPS linked 24

25 RTCP BYE RTCP fornisce un controllo lasco della membership per la sessione attraverso il pacchetto BYE Identificato dal packet type 203 Indica quando un partecipante lascia la sessione (o quando cambia il suo SSRC) Può contenere l indicazione i sul motivo dell abbandono d della sessione Utile in fase di display Tali pacchetti Possono andare perduti Alcune applicazioni non li generano ERGO 25

26 RTCP Pacchetti Application-Defined Consente delle estensioni definite dalla singola applicazione che viene sviluppata Il packet type corrispondente è 204 Pacchetti impiegati per Estensioni non-standard Sperimentazione di nuove estensioni 26

27 SCALABILITÀ in RTCP La frequenza di invio dei compound packet che RTCP prevede non è fissa, ma variabile Dipende da tipo di media stream numero di partecipanti alla sessione Obiettivo? Confinare il traffico totale RTCP ad una frazione del traffico totale della sessione Tipicamente pca il 5%, ulteriormente e scorporato in: 25% per i sender, 75% per i receiver SE i sender sono meno del 25% del totale della popolazione ripartito equamente tra tutti i partecipanti p SE i sender sono più del 25% DUNQUE, se il numero di partecipanti cresce 27

28 CONTINUA I compound packet vengono inviati periodicamente La loro trasmissione è governata da Un tempo che intercorre tra un invio ed un successivo Detto REPORTING_INTERVAL un timer random che introduce un offset rispetto a tale valore 28

29 CONTINUA Il valore dell intervallo risultante è comunque confrontato con un valore di minimo assoluto Default 5 s Se il valore computato risultasse inferiore al minimo, si impiega il minimo Ultima release RTP consente di ridurre ulteriormente t tale intervallo Per sessioni con una banda superiore a 72 kbit/s Il valore del reporting interval deve venire ricomputato ogniqualvolta il numero di partecipanti alla sessione varia la frazione dei sender varia 29

30 ESEMPIO 1 Diffusione in streaming da un video server a 2 Mbit/s Impiega RTP-over-IP multicast Traffico RTCP 0.05 * 2 Mbit/s = 100 kbit/s così ripartito: 25% al sender (il video server) 25 kbit/s 75% ai ricevitori 75 kbit/s Se R ricevitori, idealmente ciascuno dovrebbe spedire i compound packet RTCP ad una frequenza F tx =75X10 3 /(R * L) pacchetti/s, se L=dimensione del pacchetto Equivalentemente il reporting interval sarà pari a REPORTING_INTERVAL= 1/F tx 30

31 ESEMPIO 2 maggiormente realistico Internet radio station Audio 128 kbit/s Impiega RTP-over-IP multicast Audience di 1000 ascoltatori Come per l esempio precedente, il valore della banda destinata al controllo è quello di default 5 % Idem per il valore minimo del reporting interval 5 s Dimensione i media pacchetti RTCP 90 byte (header UDP/IP inclusi) 31

32 CONTINUA -precisazione i Il tempo di invio T tra un pacchetto di controllo ed il successivo viene randomizzato T = REPORTING _ INTERVAL ( rand ( 0.5, ) ) Evita problemi di sincronizzazione tra partecipantip I report arrivano tutti insieme, contemporaneamente Se si tratta del primo pacchetto, il tempo di invio è 1 T first = T 2 32

33 CONTINUA Un nuovo membro si aggiunge all audience audience Ipotizza che ci siano solo due partecipanti alla sessione (lui ed il sender) Non ha ancora ricevuto alcun pacchetto RTCP! Dunque i sender sono più del 25% del totale F tx = = pacchetti 1 1 REPORTING _ INTERVAL = = =.225 s F ma.225 s < dunque 5 s 1 REPORTING _ INTERVAL = 5 2 tx [ 5 rand( 0.5,1. )] s RTCP/s 33

34 CONTINUA Mentre il partecipante attende di inviare il suo primo reporting interval, riceve a sua volta pacchetti RTCP che gli consentono di aggiornare la sua stima sul numero di partecipanti alla sessione ES. se l applicazione invia il primo RTCP packet dopo 3.22 s, in tale intervallo riceve approssimativamente 21 pacchetti Perché? Adesso la frazione dei sender stimata è inferiore al 25% del totale, dunque il reporting interval viene stimato in 3 ( ) 0.75 F tx = = pacchetti RTCP/s REPORTING _ INTERVAL = = 3.15 s F Ftx di nuovo 3.15 s < 5 s dunque REPORTING _ INTERVAL = 5 rand( 0.5,1. 5)s 34

35 CONTINUA Dinamicamente, la frequenza di invio dei pacchetti RTCP da parte del nuovo partecipante viene aggiornata Aumenta gradualmente, all aumentare del numero di partecipanti p della cui esistenza il nuovo membro si accorge 35

36 POSSIBILI PROBLEMI SE la sessione è costituita da un numero elevato di partecipanti, una new entry impiega un intervallo non trascurabile prima di stimare correttamente tale valore Durante tale intervallo, la new entry invia pacchetti RTCP ad una frequenza più elevata rispetto a quanto dovrebbe fare Ingressi graduali Nessun problema STEP JOIN Congestione Non esattamente t quel che si desidera da un protocollo di controllo low-rate 36

37 MA Quali sono le grandezze che occorrono al singolo partecipante per determinare il reporting interval? Ecomepuò il singolo partecipante alla sessione stimare tali grandezze? Banda allocata a RTCP Frazione tipicamente fissata della banda della sessione Banda della sessione: Numero di sender simultanei X bit rate del singolo flusso audio/video Dimensione media pacchetti RTCP inviati e ricevuti Numero totale dei partecipanti Frazione dei partecipanti che sono sender 37

38 DATABASE dei PARTECIPANTI Ogni partecipante costruisce ed aggiorna in modalità distribuita un DATABASE per ogni sessione Esempi di variabili contenute nel database Dimensione media dei pacchetti RTCP trasmessi e ricevuti dal partecipante Numero di partecipanti alla sessione Numero di quelli che hanno inviato pacchetti dati RTP durante l ultimo reporting_interval i sender Ultimo sequence number impiegato 38

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Trasporto traffico multimediale in Internet

Trasporto traffico multimediale in Internet Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO Andrea.Bianco@polito.it http://www.telematica.polito.it/ MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista

Dettagli

Trasporto traffico multimediale in Internet

Trasporto traffico multimediale in Internet Trasporto traffico multimediale in Internet Andrea BIANCO Andrea.Bianco@polito.it http://www.telematica.polito.it/ MULTIMEDIA IN INTERNET - 1 Tassonomia delle applicazioni Due classi (dal punto di vista

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2008-09 Lezione n.4 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Trasferimento di informazioni multimediali in Internet

Dettagli

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche

Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche Protocolli a supporto delle applicazioni multimediali distribuite in Internet Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2006-07 Lezione n.3 Prof. Roberto Canonico Università degli Studi di Napoli Federico

Dettagli

Protocollo RTP/RTCP. di Sebastiano Vascon 788442. A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo

Protocollo RTP/RTCP. di Sebastiano Vascon 788442. A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo Protocollo RTP/RTCP di Sebastiano Vascon 788442 A.A 2008/2009 Corso di Reti di Calcolatori Docente S. Balsamo Comunicazione Real-Time Definiremo Real-Time una comunicazione tra due o più host nella quale

Dettagli

Tecniche di Comunicazione Multimediale

Tecniche di Comunicazione Multimediale Tecniche di Comunicazione Multimediale Standard di Comunicazione Multimediale Le applicazioni multimediali richiedono l uso congiunto di diversi tipi di media che devono essere integrati per la rappresentazione.

Dettagli

3) Real time protocol (RTP).

3) Real time protocol (RTP). 3) Real time protocol (RTP). 3.1 Introduzione a RTP. In questo capitolo vedremo il protocollo RTP, il quale costituisce un valido supporto per il trasferimento dati in tempo reale, come per esempio gli

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.6 RTP - SDP Prof. Raffaele Bolla Telematica 2 Trasporto di flussi multimediali! La rete è stata concepita

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità. Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media )

Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità. Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media ) Applicazioni Multimediali Reti per la multimedialità Applicazioni multimediali: audio e video in rete ( continuous media ) 1 Applicazioni Multimediali Tipicamente sensibili a ritardi ed alle variazioni

Dettagli

Distribuzione di contenuti multimediali

Distribuzione di contenuti multimediali PARTE 13 Distribuzione di contenuti multimediali Parte 13 Modulo 1: Introduzione Contenuti multimediali La definizione di multimediale è molto arbitraria Tipicamente, si intende la combinazione di più

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

Streaming Applicazioni di rete

Streaming Applicazioni di rete Applicazioni di rete V Incontro GARR Roma, 25 Novembre 2003 Stefano Zani INFN CNAF Le fasi dello streaming In generale l attività di streaming si svolge in tre fasi (che nel caso della trasmissione in

Dettagli

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo

IP Multicast. Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi. Silvano Gai sgai@cisco.com. Nota di Copyright. Comunicazioni di gruppo IP Multicast Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Silvano Gai sgai@cisco.com Multicast - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Transmission Control Protocol

Transmission Control Protocol Transmission Control Protocol Franco Callegati Franco Callegati IC3N 2000 N. 1 Transmission Control Protocol - RFC 793 Protocollo di tipo connection-oriented Ha lo scopo di realizzare una comunicazione

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

4 - Il livello di trasporto

4 - Il livello di trasporto Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria Gestionale e dell Informazione 4 - Il livello di trasporto Architetture e Protocolli per Internet Servizio di trasporto il livello di trasporto ha il compito

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione Multicast IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei protocolli applicativi

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori

Internet Control Message Protocol ICMP. Struttura di un Messaggio ICMP. Segnalazione degli Errori I semestre 03/04 Internet Control Message Protocol ICMP Comunica messaggi di errore o altre situazioni che richiedono intervento Errore di indirizzo o di istradamento Congestione in un router Richiesta

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

Protocolli per la Multimedialità

Protocolli per la Multimedialità Sistemi Informativi Multimediali Protocolli per la Multimedialità Ombretta Gaggi Università Ca Foscari Venezia Corso di Laurea in Informatica Sommario Caratteristiche dei dati multimediali Problematiche

Dettagli

VideoStreaming su IP

VideoStreaming su IP VideoStreaming su IP Anno Accademico 2007/2008 Agenda Principi di video Streaming Come prevenire gli errori e come mascherarli Appendice Come si realizza la codifica/decodifca Protocollidirete Overview

Dettagli

Introduzione al VoIP

Introduzione al VoIP Introduzione al VoIP Cos è il VoIP (Voice over IP)? tecnica che consente la comunicazione telefonica attraverso Internet Reso possibile da prestazioni di accesso ad Internet in rapida crescita negli ultimi

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

INTRODUZIONE. Prima di affrontare più direttamente le

INTRODUZIONE. Prima di affrontare più direttamente le & imparare & approfondire di GRAZIA ANCONA INTRODUZIONE al VoIP(parte VoIP seconda) Continuiamo la trattazione introducendo le tecniche e i protocolli adottati per ottimizzare le comunicazioni in tempo

Dettagli

IP Internet Protocol

IP Internet Protocol IP Internet Protocol Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 13 IP - 1/20 IP IP è un protocollo a datagrammi In spedizione: Riceve i dati dal livello trasporto e

Dettagli

Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming

Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori L-A Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming Tesi di laurea di: Emanuele

Dettagli

Streaming Red Hat Magazine 2004 N 2

Streaming Red Hat Magazine 2004 N 2 catrambone 2/4/04 9:56 AM Pagina 2 Catra Streaming Platform Streaming Una piattaforma di streaming per il mondo mobile (UMTS, GPRS) e non solo O ggi, trovare un sito web che non includa un qualche tipo

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

Voce su IP. Il flusso vocale. Fulvio Risso. Politecnico di Torino Voce su IP Il flusso vocale Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#9 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

VoIP: : RTP. Luca Veltri. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione. .veltri@unipr.it)

VoIP: : RTP. Luca Veltri. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione. .veltri@unipr.it) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione VoIP: : Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) Corso di Sicurezza nelle reti, Reiti di telecomunicazioni C, a.a.

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 4 1 ESERCIZI RIEPILOGATIVI 2 Esercizio 1 Token Bucket + Leaky Bucket Un Token Bucket con capacità del buffer dei token pari a q TB,MAX =500 kb, rate di picco p

Dettagli

Tappe evolutive della rete Internet

Tappe evolutive della rete Internet UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ANCONA FACOLTA DI INGEGNERIA Dipartimento di Elettronica e Automatica Internet della nuova generazione: protocolli e prestazioni Laureando: ANDREA CAPRIOTTI Relatore: Ing. E.GAMBI

Dettagli

Comunicazioni real-time nel web: attività di standardizzazione in ambito IETF e W3C

Comunicazioni real-time nel web: attività di standardizzazione in ambito IETF e W3C Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Reti di Calcolatori Comunicazioni real-time nel web: attività di standardizzazione in ambito IETF e W3C Anno Accademico

Dettagli

Prova in itinere - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 15.00

Prova in itinere - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 15.00 Prova in itinere - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Mercoledì 23 Maggio 2007, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome:

Dettagli

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale Introduzione VoIP Introduzione Il VoIP (Voice over IP) è la trasmissione della voce in tempo reale su una rete IP Rispetto alla rete telefonica tradizionale (PSTN - Public Switched Telephon Network) Consente

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni

Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Corso DOMOTICA ED EDIFICI INTELLIGENTI UNIVERSITA DI URBINO Docente: Ing. Luca Romanelli Mail: romanelli@baxsrl.com Accesso remoto ad impianti domotici Problemi legati alla sicurezza e soluzioni Domotica

Dettagli

Socket API per il Multicast

Socket API per il Multicast Socket API per il Multicast Massimo Bernaschi Istituto per le Applicazioni del Calcolo Mauro Picone Consiglio Nazionale delle Ricerche Viale del Policlinico, 137-00161 Rome - Italy http://www.iac.cnr.it/

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI Confronto tra ISO-OSI e TCP/IP, con approfondimento di quest ultimo e del livello di trasporto in cui agiscono i SOCKET. TCP/IP

Dettagli

Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute

Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute Internet Control Message Protocol Internet Control Message Protocol (ICMP): usato dagli host, router e gateway per comunicare informazioni riguardanti il livello

Dettagli

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea e anno: Matricola:

Dettagli

Voice over IP. Voice over IP

Voice over IP. Voice over IP Voice over IP Voice over IP VoIP 1 Outline Limiti Elementi costitutivi Codec SIP H.323 MGCP VoIP 2 Limiti Alla fine i vincoli sono sul MOS (qualità percepita) I flussi multimediali sono non elastici Idealmente

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket

Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688. Sockets e DatagramSocket Tesina esame Programmazione di Sistemi Mobile realizzata da Roberto Giuliani matricola 633688 Sockets e DatagramSocket Windows Phone prevede un interfaccia di programmazione per garantire agli sviluppatori

Dettagli

Multimedia su Internet

Multimedia su Internet Multimedia su Internet Giancarlo Fortino g.fortino@unical.it http://paride.deis.unical.it/~fortino 1 Multimedia su Internet Internet fino a 10 anni fa era usata quasi esclusivamente per trasportare dati

Dettagli

Uno strumento per il monitoring della qualità video per applicazioni di streaming in tempo reale

Uno strumento per il monitoring della qualità video per applicazioni di streaming in tempo reale Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica tesi di laurea Uno strumento per il monitoring della qualità video per applicazioni di streaming in tempo Anno Accademico 2006/2007 Relatore

Dettagli

Applicazioni streaming nell UMTS

Applicazioni streaming nell UMTS Multichannel Applications Centre Applicazioni streaming nell UMTS Rossello Placido - 3G Applications Designer, Multichannel Applications Centre Quinary SpA 1 Copyright 2001 Quinary SpA Tutti i diritti

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4 Esercizio Data la rete in figura, si assuma che i terminali T1-T12 e T13-T24 siano connessi tramite collegamenti di tipo UTP a due switch Fast Ethernet. Si assuma che le tabelle ARP di tutti i dispositivi

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Concetti base di Trasmissione Dati. Universita di Pavia

Concetti base di Trasmissione Dati. Universita di Pavia Concetti base di Trasmissione Dati Commutazione di circuito Fase di connessione e di sconnessione Canale dedicato e riservato ad ogni comunicazione Risorsa impegnata anche quando inutilizzata (se non rilasciata)

Dettagli

TCP: trasmissione Source port [16 bit] - Identifica il numero di porta sull'host mittente associato alla connessione TCP. Destination port [16 bit] - Identifica il numero di porta sull'host destinatario

Dettagli

GIOVANNI DI CECCA & VIRGINIA BELLINO 50/887 408/466

GIOVANNI DI CECCA & VIRGINIA BELLINO 50/887 408/466 GIOVANNI DI CECCA & VIRGINIA BELLINO 50/887 408/466 http://www.dicecca.net 2 STREAMING 2005 Giovanni Di Cecca & Virginia Bellino - http://www.dicecca.net In copertina una immagine tratta da 2001: Odissea

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Protocolli multimediali

Protocolli multimediali Protocolli multimediali RTP, RTCP, RTSP Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza,

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso

Contenuti. Corso di Laboratorio di Multimedialità. Programma del corso. Programma del corso Corso di Laboratorio di Multimedialità Anno Accademico 2002-2003 Docente: Claudio Sacchi PARTE 1: INTRODUZIONE AL CORSO E RIEPILOGO DEI CONCETTI DI BASE Contenuti Programma del corso ed articolazione delle

Dettagli

Livello di Trasporto

Livello di Trasporto Livello di Trasporto Introduzione Problemi e requisiti Livello di trasporto in Internet UDP -UserDatagramProtocol TCP - Transmission Control Protocol Meccanismo di ritrasmissione Controllo del flusso Three-way

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

User. Belluno. Group. Soluzioni Linux per il VoIP. Soluzioni Linux per il Voip. Linux. Davide Dalla Rosa e Massimo De Nadal. Belluno, 27 novembre 2004

User. Belluno. Group. Soluzioni Linux per il VoIP. Soluzioni Linux per il Voip. Linux. Davide Dalla Rosa e Massimo De Nadal. Belluno, 27 novembre 2004 Soluzioni per il Voip ak_71@libero.it - maxx@digital-system.it, 27 novembre 2004, 27 novembre 2004 , 27 novembre 2004 Soluzioni per il Voip VoIP: Voice Over IP Tecnologia che permette la comunicazione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment IL DIMENSIONAMENTO SU LAN Soluzione IPTel (PBX virtuali) Gateway con rete PSTN ISDN/PSTN IP Eth. phones Call manager (gatekeeper) Server H.323

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA

ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA ARCHITETTURA DI RETE FOLEGNANI ANDREA INTRODUZIONE È denominata Architettura di rete un insieme di livelli e protocolli. Le reti sono organizzate gerarchicamente in livelli, ciascuno dei quali interagisce

Dettagli

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming.

Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. 1 Sistema di diffusione Audio/Video su streaming. IL Progetto. Il progetto illustrato nel seguito prevede mediante la tecnologia di streaming la diffusione di audio/video su misura del cliente al 100%,

Dettagli

A.A. 2008/2009 Reti di Calcolatori PROTOCOLLO RTP/RTCP Sebastiano Vascon 788442

A.A. 2008/2009 Reti di Calcolatori PROTOCOLLO RTP/RTCP Sebastiano Vascon 788442 A.A. 2008/2009 Reti di Calcolatori PROTOCOLLO RTP/RTCP Sebastiano Vascon 788442 A.A. 2008/2009 http://sebastiano.vascon.it me@xwasco.com 1/34 Indice generale Real-Time, cosa significa?...3 RTP/RTCP...3

Dettagli

VoIP. (L implementazione AdR-BO) Franco Tinarelli

VoIP. (L implementazione AdR-BO) Franco Tinarelli VoIP (L implementazione AdR-BO) Voice over IP: definizioni VoIP è l acronimo di Voice over IP (Voce trasportata dal Protocollo Internet). Raggruppa le tecnologie, hardware e software, in grado di permettere

Dettagli

Tempo svolgimento della prova: 2ore

Tempo svolgimento della prova: 2ore sempio della prova scritta di Internet Per chi non ha superato la prova N Sull indirizzamento IP vedere anche il file sercizi Indirizzamento IP Uso degli appunti NON consentito Tempo svolgimento della

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Analisi e studio dei problemi e dei casi d'uso di VOIP (SIP) over UMTS

Analisi e studio dei problemi e dei casi d'uso di VOIP (SIP) over UMTS Analisi e studio dei problemi e dei casi d'uso di VOIP (SIP) over UMTS Sommario Introduzione... 2 Stato dell'arte... 4 Voice over IP (VoIP)... 4 Session Initiation Protocol (SIP)... 4 Asterisk PBX... 6

Dettagli

Video Over IP (Internet)

Video Over IP (Internet) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Video Over IP (Internet) Maria Luisa Merani 1 INDICE Elementi base della codifica video Costruzione di un background

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 2

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 2 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 2 1 VOIP 2 Esercizio 1 Dimensionamento Si consideri un sistema VoIP che operi con codifica G.729 a r=8 kbit/s. L'intervallo di pacchettizzazione è fissato a T=20ms.

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli