Ente di formazione Professionale accreditato presso la Regione Lazio per l Orientamento, la Formazione Superiore e la Formazione Continua con

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ente di formazione Professionale accreditato presso la Regione Lazio per l Orientamento, la Formazione Superiore e la Formazione Continua con"

Transcript

1 Ente di formazione Professionale accreditato presso la Regione Lazio per l Orientamento, la Formazione Superiore e la Formazione Continua con determina N. D1620 del e N. G04271 del Certificata in qualità ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2008 settore EA37, in data 02/03/2005 n. reg. IT Iscritta a Unindustria Lazio Accreditato Certet cod. ENT-00021

2 indice Premessa pag. 8 Area Sicurezza sul luogo di lavoro A.1 Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (RLS) pag. 12 A.2 Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Aggiornamento per aziende fino a 50 dipendenti (durata 4 ore) pag. 13 A.3 Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Aggiornamento per aziende oltre 50 dipendenti (durata 8 ore) pag. 14 A.4 Formazione e informazione dei lavoratori Rischio Basso pag. 15 A.5 Formazione e informazione dei lavoratori Rischio Medio pag. 17 A.6 Formazione e informazione dei lavoratori Rischio Alto pag. 19 A.7 Formazione e informazione dei lavoratori Aggiornamento Quinquennale pag. 21 A.8 Formazione addetti antincendio Rischio Basso pag. 22 A.9 Formazione addetti antincendio Rischio Medio pag. 23 A.10 Formazione addetti antincendio Rischio Alto pag. 25 A.11 Formazione addetti Primo Soccorso Gruppo A pag. 27 A.12 Formazione addetti Primo Soccorso Gruppo B - C pag. 29 A.13 Formazione per Preposti pag. 31 A.14 Formazione per Spazi Confinati pag. 32 A.15 Formazione PES e PAV pag. 33 A.16 Formazione PES e PAV Aggiornamento pag. 34 A.17 Formazione per ponteggiatori e lavoratori in quota pag. 35 A.18 Formazione per lavori su piattaforme elevabili pag. 36 A.19 Formazione per gru per autocarro pag. 37 A.20 Formazione per gru per autocarro Aggiornamento pag. 39 A.21 Formazione per addetto alla conduzione di gru a torre pag. 40 A.22 Formazione per gru a torre Aggiornamento pag. 41 A.23 Formazione per carrelli sollevatori/elevatori semoventi con conducente a bordo pag. 42 A.24 Formazione per carrelli sollevatori/elevatori semoventi con conducente a bordo - Aggiornamento pag. 43 A.25 Formazione (Modulo base) per gru mobili autocarrate e semoventi su ruote con braccio telescopico o tralicciato ed eventuale pag. 44 falcone fisso A.26 Formazione (Modulo aggiuntivo) per gru mobili su ruote con falcone telescopico o brandeggiante pag. 46

3 A.27 Formazione per trattori a ruote e a cingoli pag. 47 A.28 Formazione per escavatori idraulici e a fune pag. 48 A.29 Formazione per caricatori frontali pag. 50 A.30 Formazione addetti alla conduzione di terne pag. 52 A.31 Formazione per escavatori idraulici, caricatori frontali e terne pag. 54 A.32 Formazione per escavatori idraulici, caricatori frontali e terne Aggiornamento pag. 56 A.33 Formazione per pompe per calcestruzzo pag. 57 A.34 Formazione per operatore di carroponte pag. 59 A.35 Operatori del Settore Alimentare - OSA pag. 60 A.36 Addetto al Controllo delle procedure basate sui principi del sistema HACCP pag. 61 A.37 Sistemi di gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro (durata 12 ore) pag. 64 A.38 Sistemi di gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro (durata 16 ore) pag. 65 A.39 Sistemi di gestione della sicurezza nei luoghi di lavoro (durata 32 ore) pag. 66 A.40 Rischio elettrico Impianti elettrici: rischi e controlli pag. 67 A.41 Il documento di valutazione dei rischi pag. 68 A.42 La valutazione di tutti i rischi, da quelli classici a quelli non indicati esplicitamente nel D.lgs 81/08 pag. 69 A.43 Implementare il sistema gestione sicurezza (SGSL) pag. 70 A.44 Elaborazione del programma operativo di sicurezza pag. 71 A.45 I programmi dei prerequisiti operativi per sviluppare un sistema HACCP pag. 72 Area Qualità B.1 I sistemi di gestione ambientale UNI EN ISO 14001:2004 pag. 75 B.2 Formazione inerente le procedure di gestione integrata pag. 76 B.3 Formazione sui Sistemi di Gestione dell Energia UNI CEI EN 16001:2009 pag. 77 B.4 I Sistemi di Gestione dell Energia: la norma UNI EN ISO 50001:2012 pag. 78 B.5 Eventi sostenibili secondo la norma UNI EN ISO 20121:2013 pag. 79 B.6 I Sistemi di Gestione Ambientale (durata 32 ore) pag. 80 B.7 I Sistemi di Gestione Ambientale (durata 24 ore) pag. 81 B.8 I Sistemi di Gestione Ambientale (durata 16 ore) pag. 82 B.9 Sistema di Gestione per la qualità (durata 24 ore) pag. 83 B.10 Sistema di Gestione per la qualità (durata 16 ore) pag. 84

4 B.11 ISO Sistemi di gestione della sicurezza alimentare pag. 85 B.12 Sistemi per la certificazione di qualità (IFS) pag. 86 B.13 Lo standard internazionale per la sicurezza alimentare ISO 22001:2005 pag. 87 B.14 Sistemi per la certificazione di qualità (Global Gap, BRC, IFS) pag. 88 B.15 La rintracciabilità e la tracciabilità degli alimenti ISO pag. 89 B.16 Sistemi di qualità, sistemi di gestione ambientale e sistemi di gestione integrati: dematerializzazione e archiviazione dei documenti pag. 90 (durata 8 ore) B.17 Sistemi di qualità, sistemi di gestione ambientale e sistemi di gestione integrati: dematerializzazione e archiviazione dei documenti (durata 16 ore) pag. 91 B.18 L implementazione di un sistema di gestione nell organizzazione di un luogo di lavoro (durata 18 ore) pag. 92 B.19 L implementazione di un sistema di gestione nell organizzazione di un luogo di lavoro (durata 36 ore) pag. 93 B.20 BRC Global Standard Food: I requisiti ed il relativo sistema di gestione pag. 94 B.21 Global Gap Sicurezza Integrata in agricoltura La gestione della sicurezza alimentare pag. 95 Area Impatto ambientale C.1 Formazione inerente le norme in materia di gestione rifiuti D.Lgs. 152/06 - Parte IV pag. 97 C.2 Formazione sulla Certificazione energetica degli edifici (durata 24 ore) pag. 99 C.3 Formazione sulla Certificazione energetica degli edifici (durata 40 ore) pag. 100 C.4 Il risparmio energetico e le fonti rinnovabili pag. 101 C.5 La valutazione degli impatti ambientali ed energetici di una impresa agroalimentare pag. 102 C.6 Le bioenergie pag. 104 Area Informatica D.1 Word Processing pag. 106 D.2 Spreadsheet pag. 107 D.3 Using Databases pag. 108 D.4 La Digitalizzazione dei processi aziendali e gestione dei documenti informatici pag. 109 D.5 Digitalizzazione dei processi aziendali e gestione dei documenti informatici (durata 24 ore) pag. 110 D.6 Digitalizzazione dei processi aziendali e gestione dei documenti informatici (durata 16 ore) pag. 111 Area Lingue E.1 Inglese livello A1 pag. 113 E.2 Inglese livello A2 pag. 114

5 E.3 Inglese livello A2 Plus pag. 115 E.4 Inglese livello B1 pag. 116 E.5 Inglese livello B2 pag. 117 E.6 Inglese livello B2 Plus pag. 118 E.7 Inglese livello C1 pag. 119 E.8 Inglese livello C2 pag. 120 E.9 Inglese livello C2 Plus pag. 121 E.10 Business English: rafforzamento delle competenze linguistiche per operare sui mercati internazionali pag. 122 Area Sviluppo organizzativo F.1 La Comunicazione Efficace pag. 124 F.2 La Leadership e Gestione dei Collaboratori pag. 125 F.3 Il processo decisionale e le tecniche di problem solving pag. 126 F.4 Tecniche di vendita pag. 127 F.5 L importanza del servizio al cliente pag. 129 F.6 Organizzazione e gestione del cantiere edile pag. 130 F.7 Organizzazione e gestione di un cantiere presso aziende terze pag. 131 F.8 Nuovi modelli organizzativi nelle pratiche commerciali pag. 132 F.9 Lean Office pag. 133 F.10 Lean Manufacturing pag. 135 F.11 Fondamenti di Project Management pag. 136 F.12 Il ruolo dei lavoratori nella gestione ambientale ed energetica pag. 137 F.13 Responsabilità amministrativa delle Società e degli Enti: D.Lgs. 231/01 pag. 138 Area Innovazione tecnologica di prodotto e di processo G.1 Sistemi Cloud pag. 140 G.2 Progettazione della qualità alimentare: microrganismi di interesse tecnologico, le materie prime, progettazione e ottimizzazione pag. 141 del prodotto G.3 Riduzione degli scarti e delle dissipazioni pag. 142 G.4 Il Packaging alimentare pag. 143 G.5 I team creativi per lo sviluppo dell innovazione pag. 144 G.6 Progettazione meccanica nell ambito dell automazione industriale I liv. pag. 145

6 G.7 Progettazione meccanica nell ambito dell automazione industriale II liv. pag. 146 G.8 Definizione e implementazione innovazioni tecnologiche per la produzione a basso impatto ambientale pag. 147 G.9 La gestione dei documenti all interno del processo di innovazione pag. 148 G.10 Business Process Reengineering pag. 149 G.11 Industrializzazione, programmazione, produzione, approvvigionamenti (durata 40 ore) pag. 150 G.12 Industrializzazione, programmazione, produzione, approvvigionamenti (durata 32 ore) pag. 151 G.13 L Innovazione tecnologica nella filiera dell agroalimentare pag. 152 G.14 Introdurre un innovazione di processo e di prodotto in un azienda agroalimentare: complessità da gestire pag. 153 G.15 Il lancio di un nuovo prodotto innovativo: impatto economico e sul portafoglio prodotti pag. 154 G.16 Tecnologie innovative per il risparmio energetico e per un utilizzo razionale delle fonti rinnovabili (durata 40 ore) pag. 155 G.17 Tecnologie innovative per il risparmio energetico e per un utilizzo razionale delle fonti rinnovabili (durata 24 ore) pag. 156 G.18 SEO Posizionamento web pag. 157 Area Competenze tecnico professionali H.1 Amministrazione del Personale pag. 160 H.2 Marketing e management pag. 162 H.3 Marketing e pianificazione strategico gestionale pag. 163 H.4 Il Bilancio Aziendale (lettura critica del bilancio come momento conoscitivo della situazione aziendale) pag. 164 H.5 CRM: Marketing e Innovazione pag. 165 H.6 Marketing e innovazione: social media e marketing pag. 167 H.7 Tecniche di trasformazione del prodotto agroalimentare pag. 168 H.8 Autocad 2D pag. 169 H.9 Autocad 3D pag. 171 H.10 Progettazione meccanica assistita dal calcolatore pag. 173 H.11 Brand: creare, sviluppare e gestire con consapevolezza un Brand pag. 175 Area Digitalizzazione dei processi aziendali I.1 Principi di dematerializzazione pag. 177 I.2 La gestione del documento informatico pag. 178 I.3 Gli strumenti ICT a supporto dei processi aziendali pag. 179 I.4 La fattura elettronica pag. 180 I.5 Sistemi informativi ed informatici per la gestione d impresa (MEP, ERP, SAP, gestione del magazzino) (durata 32 ore) pag. 181

7 I.6 Sistemi informativi ed informatici per la gestione d impresa (durata 24 ore) pag. 183 Area Commercio elettronico L.1 E-Commerce I livello pag. 185 L.2 E-Commerce II livello pag. 186 L.3 Web Marketing pag. 187 Area Contratto di rete M.1 Il Contratto di rete pag. 190 M.2 Il manager della rete d impresa pag. 191 Area Internazionalizzazione N.1 Business Plan per lo sviluppo nei mercati esteri (durata 12 ore) pag. 193 N.2 Business Plan per lo sviluppo nei mercati esteri (durata 24 ore) pag. 194 N.3 Diritto d impresa e internazionalizzazione pag. 195 N.4 Corso di formazione economico finanziaria pag. 197 N.5 Tecnica del commercio internazionale : strumenti di natura contrattualistica, finanziaria e assicurativa pag. 198 N.6 Le leve strategiche e analisi dei contesti di internazionalizzazione pag. 199

8 Catalogo offerta formativa Premessa Literalia Formazione È un ente di formazione Professionale accreditato presso la Regione Lazio per l Orientamento, la Formazione Superiore e la Formazione Continua con determina N. D1620 del e N. G04271 del L azienda è, inoltre: certificata in qualità ai sensi della norma UNI EN ISO 9001:2008 settore EA37, n.9085 dal 02/03/2005 ad oggi; iscritta a Unindustria Lazio; accreditata Foragri cod ; accreditata Certet cod. ENT Opera principalmente nei settori della Formazione delle risorse umane, della Ricerca, dell Innovazione, della comunicazione, dell assistenza tecnica alle PMI, della ricerca socio-economica. Si avvale della consulenza tecnico-scientifica di uno staff di professionisti qualificati nell erogazione di servizi globali a soggetti pubblici e a PMI, nelle seguenti aree tematiche: comunicazione, qualità, sicurezza e ambiente, sviluppo economico-finanziario, giuridica, informatica e telematica, innovazione tecnologica di processo e di prodotto, internazionalizzazione, innovazione dell organizzazione, rete d impresa, commercio elettronico e digitalizzazione, creazione d impresa e finanza agevolata. I principali ambiti di intervento della società riguardano: la formazione, la ricerca e l innovazione; la comunicazione e l editoria; i servizi per le PMI; l animazione territoriale. La formazione la ricerca e l innovazione La Literalia Formazione s.r.l. è esperta nella realizzazione di indagini, studi e ricerche sul mercato del lavoro, sull innovazione tecnologica di processo e di prodotto, sui profili professionali e sulle figure professionali di interesse per l impresa e per il territorio, progettazione e organizzazione di corsi di formazione di alta qualificazione, progettazione e gestione di interventi formativi complessi e integrati su programmi e iniziative comunitarie, assistenza tecnica ad altre strutture formative, monitoraggio e controllo di qualità delle attività formative. La comunicazione e l editoria La Literalia Formazione s.r.l. è esperta nella realizzazione di prodotti editoriali sia tradizionali che multimediali, comunicazione in rete, assistenza per lo sviluppo di siti e prodotti Internet, sviluppo di piani di comunicazione aziendale. I servizi per le PMI La Literalia Formazione s.r.l. è esperta nella consulenza nello sviluppo di progetti e/o iniziative, con riferimento a ricerca e selezione delle risorse umane, innovazione tecnologica di processo e di prodotto, innovazione organizzativa, internazionalizzazione, digitalizzazione, commercio elettronico, marketing, implementazione di sistemi di e-business, reti d impresa. 8

9 L animazione territoriale La Literalia Formazione s.r.l. è esperta in ricerche, analisi, indagini generali e di settore sulle tematiche dello sviluppo, marketing del territorio, monitoraggio delle opportunità finanziarie di fonte comunitaria, nazionale e regionale, a sostegno dei processi di rafforzamento delle identità locali e dello sviluppo socioeconomico, creazione di eventi culturali e promozionali, ideazione e realizzazione di interventi volti alla valorizzazione dei beni culturali, artistici e ambientali. Sede e date dei corsi I corsi proposti nel catalogo saranno organizzati in date e orari concordati con le aziende al raggiungimento del numero minimo di partecipanti. I corsi possono essere svolti nelle sedi di Formia (LT) della Literalia Formazione s.r.l. o presso le sedi delle aziende richiedenti, purché in possesso di locali che siano conformi alla normativa statale e regionale vigente in materia di sicurezza e igiene nei luoghi di lavoro. Gli orari previsti per l erogazione dei corsi sono i seguenti: e , salvo particolari richieste da parte dei referenti aziendali. Le aziende interessate ai nostri percorsi formativi potranno richiedere di effettuare la formazione presso la propria sede tenendo conto del raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Il nostro personale resterà a disposizione per qualsiasi chiarimento all indirizzo Prenotazione, variazioni e modalità di pagamento Prenotazione: inviare richiesta corso tramite l apposito modulo scaricabile dal link Catalogo Formativo all indirizzo Il modulo contiene le seguenti informazioni: codice e titolo del corso, sede di svolgimento del corso, periodo di erogazione del corso, elenco dei partecipanti. Rinvio e variazione corsi: la Literalia Formazione s.r.l. si riserva la facoltà di rinviare, annullare o modificare il corso programmato dandone comunicazione via ai partecipanti e/o al referente aziendale entro i 7 giorni lavorativi precedenti alla data di inizio del corso; in tal caso suo unico obbligo è provvedere al rimborso dell importo ricevuto senza ulteriori oneri. Conferma corso: la Literalia Formazione s.r.l., 7 giorni prima dell avvio delle attività, provvederà a comunicare tramite o fax la conferma del corso. Revoca della prenotazione corso: il richiedente/cliente può recedere dalla prenotazione del corso entro 15 giorni dalla data di avvio dello stesso senza versare la quota pattuita o, in caso di pagamento già avvenuto, la Literalia Formazione s.r.l. provvederà a restituire le somme versate. In caso di revoca della prenotazione nell arco temporale dei 14 giorni precedenti l avvio del corso, il richiedente/cliente sarà obbligato a versare il 50% della quota prevista. Modalità di pagamento: il pagamento del corso può essere effettuato solo dopo aver ricevuto, da parte della Literalia Formazione s.r.l., il modulo di conferma corso che riporta tutti gli estremi relativi al servizio acquistato. Il pagamento dovrà essere effettuato tramite bonifico bancario intestato a Literalia Formazione s.r.l.; coordinate bancarie: Banca Popolare del Cassinate, codice iban IT25H Modalità di fatturazione: a seguito del ricevimento del bonifico bancario, la Literalia Formazione s.r.l. emetterà regolare fattura che sarà trasmessa tramite posta elettronica certificata e posta ordinaria. Contatti Literalia Formazione s.r.l. LAZIO: via O. Spaventola snc, Formia (LT) Orari di apertura: 09:00 13:00; 15:00-18:00 Cell Tel Fax Sito web: 9

10 La nostra offerta formativa Il nostro catalogo formativo propone un offerta diversificata per andare incontro alle esigenze di tutte le aziende. In particolare, il nostro catalogo propone interventi di formazione sulle aree tematiche Sicurezza sul luogo di lavoro, Impatto ambientale, Lingue, Qualità, Competenze tecnico-professionali, Sviluppo organizzativo, Commercio elettronico, Contratti di rete, Informatica, Digitalizzazione di processi aziendali, Innovazione tecnologica di processo e di prodotto e Internazionalizzazione. Collaborazioni, docenti e certificazione delle competenze La Literalia Formazione s.r.l. ha sviluppato una consolidata collaborazione con l Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, in particolare per quanto riguarda il supporto scientifico e didattico per la progettazione e realizzazione di interventi formativi. Tutta la formazione in materia di sicurezza nei luoghi di lavoro prevede, ove richiesta, la condivisione con gli organismi paritetici di riferimento. Alcuni corsi presenti nel catalogo formativo della Literalia Formazione s.r.l. prevedono la possibilità di acquisire certificazioni delle competenze tramite il sistema CERTET (www.certet.it), un sistema che permette di Certificare i contenuti di un percorso formativo e verificare le competenze professionali e tecniche acquisite dai partecipanti. Il sistema CERTET, infatti, prevede l interazione tra un Organismo accademico scientifico (Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale), che certifica i contenuti didattici del percorso formativo, e un Organismo di certificazione (Certiquality), che assicura il rispetto delle procedure prestabilite. La supervisione sul funzionamento del sistema è affidato ad un apposito Organismo Tecnico (Tre Bit s.r.l.). I corsi afferenti all area tematica Lingue saranno erogati in collaborazione con l Ente Inlingua; la stessa Inlingua provvederà alla verifica finale delle competenze relative a corsi di lingua straniera. Grazie alla collaborazione tra la Literalia Formazione s.r.l. e la Tre Bit s.r.l., Test Center accreditato AICA per il conseguimento della European Computer Driving Licence, è possibile sostenere per i corsi relativi a tali argomenti afferenti all area tematica Informatica esami per il riconoscimento del modulo frequentato ai fini del conseguimento dell ECDL. Nota bene: Di seguito il dettaglio dei costi di certificazione delle competenze e/o verifica finale delle competenze per partecipante: CERTET: 50 + IVA per ogni esame sostenuto. Inlingua: 50 + IVA per ogni esame sostenuto. ECDL: 24,59 + IVA per ogni esame sostenuto (ogni modulo prevede un esame). Per sostenere gli esami ECDL è necessario essere in possesso di una skill card valida. Nel caso non si possegga la skill card, il costo per il suo acquisto è pari a 69,67 + IVA. Verifica finale corsi per i quali non è prevista la certificazione di un soggetto terzo: 15 + IVA diritti di segreteria ed eventuali condivisioni con gli organismi bilaterali. La quota di partecipazione per singolo partecipante, per ogni corso presente nel catalogo, è da considerarsi comprensiva di IVA. 10

11 Area Tematica Sicurezza sul luogo di lavoro

12 Sicurezza sul luogo di lavoro A.1 Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (RLS) 32 ore Nel presente corso verranno trattati i seguenti temi: Aspetti normativi, ruoli e compiti legati all attività dell RLS Principi giuridici comunitari e nazionali, legislazione generale e specifica in materia di salute e sicurezza sul lavoro Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi Principali fattori di rischio e valutazione dei rischi Individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e di tutela Nozioni di tecniche di comunicazione Trasferire adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi. Il corso è rivolto ai lavoratori che acquisiscono il ruolo di rappresentante dei lavoratori (RLS) per la Sicurezza. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 800,00. 12

13 Sicurezza sul luogo di lavoro A.2 Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Aggiornamento per aziende fino a 50 dipendenti 4 ore Nel presente corso verranno trattati i seguenti temi: Aggiornamenti relativi alla normativa in materia di sicurezza sul lavoro Prevenzione incendi, tecniche base e piani di evacuazione Gestione delle emergenze Le figure del sistema di prevenzione: ruoli e comportamenti Misure organizzative, tecniche, procedurali Trasferire adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi. Il corso è rivolto ai rappresentanti dei lavoratori (RLS) per la Sicurezza che hanno già ricevuto la formazione e necessitano dell aggiornamento annuale. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 100,00. 13

14 Sicurezza sul luogo di lavoro A.3 Rappresentate dei lavoratori per la sicurezza (RLS) Aggiornamento per aziende oltre 50 dipendenti 8 ore Nel presente corso verranno trattati i seguenti temi: Aggiornamenti relativi alla normativa in materia di sicurezza sul lavoro Prevenzione incendi, tecniche base e piani di evacuazione Gestione delle emergenze Le figure del sistema di prevenzione: ruoli e comportamenti Misure organizzative, tecniche, procedurali Trasferire adeguate competenze sulle principali tecniche di controllo e prevenzione dei rischi. Il corso è rivolto ai rappresentanti dei lavoratori (RLS) per la Sicurezza che hanno già ricevuto la formazione e necessitano dell aggiornamento annuale. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 200,00. 14

15 Sicurezza sul luogo di lavoro A. 4 Formazione e informazione dei lavoratori Rischio Basso 8 ore Cenni sul sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori Concetti di rischio Il Sistema istituzionale della prevenzione I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale secondo il D. Lgs. 81/2008: compiti, obblighi e responsabilità. Concetto di danno, prevenzione, protezione Organizzazione della prevenzione aziendale. Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali. Organi di vigilanza, controllo e assistenza Rischi infortuni Rischi meccanici generali Rischi elettrici generali, Macchine, Attrezzature. Cadute dall alto Rischi da esplosione Rischi chimici, nebbie, oli fumi, vapori, polveri Etichettatura Rischi cancerogeni Rischi biologici Rischi fisici Rumore, vibrazione e radiazioni Microclima ed illuminazione Videoterminali, DPI ed organizzazione del lavoro La sorveglianza sanitaria Ambienti di lavoro Stress da lavoro-correlato Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto) Segnaletica e Emergenze Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico Procedure di esodo ed incendi 15

16 Procedure organizzative di primo soccorso Incidenti ed infortuni mancati. Altri rischi. Fornire ai partecipanti le informazioni necessarie per conoscere i rischi specifici in azienda oltre ad individuare le procedure di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Inoltre, fornisce conoscenze sul quadro normativo in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Il corso è rivolto ai rappresentanti dei lavoratori (RLS) per la Sicurezza che hanno già ricevuto la formazione e necessitano dell aggiornamento annuale. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 200,00. 16

17 Sicurezza sul luogo di lavoro A.5 Formazione e informazione dei lavoratori Rischio Medio 12 ore Cenni sul sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori Concetti di rischio Il Sistema istituzionale della prevenzione I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale secondo il D. Lgs. 81/2008: compiti, obblighi e responsabilità. Concetto di danno, prevenzione, protezione Organizzazione della prevenzione aziendale. Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali. Organi di vigilanza, controllo e assistenza Rischi infortuni Rischi meccanici generali Rischi elettrici generali, Macchine, Attrezzature. Cadute dall alto Rischi da esplosione Rischi chimici, nebbie, oli fumi, vapori, polveri Etichettatura Rischi cancerogeni Rischi biologici Rischi fisici Rumore, vibrazione e radiazioni Microclima ed illuminazione Videoterminali, DPI ed organizzazione del lavoro La sorveglianza sanitaria Ambienti di lavoro Stress da lavoro-correlato Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto) Segnaletica e Emergenze Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico Procedure di esodo ed incendi 17

18 Procedure organizzative di primo soccorso Incidenti ed infortuni mancati. Altri rischi. Fornire ai partecipanti le informazioni necessarie per conoscere i rischi specifici in azienda oltre ad individuare le procedure di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Inoltre, fornisce conoscenze sul quadro normativo in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Il corso è rivolto ai rappresentanti dei lavoratori (RLS) per la Sicurezza che hanno già ricevuto la formazione e necessitano dell aggiornamento annuale. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 300,00. 18

19 Sicurezza sul luogo di lavoro A.6 Formazione e informazione dei lavoratori Rischio Alto 16 ore Cenni sul sistema legislativo in materia di sicurezza dei lavoratori Concetti di rischio Il Sistema istituzionale della prevenzione I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale secondo il D. Lgs. 81/2008: compiti, obblighi e responsabilità. Concetto di danno, prevenzione, protezione Organizzazione della prevenzione aziendale. Diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali. Organi di vigilanza, controllo e assistenza Rischi infortuni Rischi meccanici generali Rischi elettrici generali, Macchine, Attrezzature. Cadute dall alto Rischi da esplosione Rischi chimici, nebbie, oli fumi, vapori, polveri Etichettatura Rischi cancerogeni Rischi biologici Rischi fisici Rumore, vibrazione e radiazioni Microclima ed illuminazione Videoterminali, DPI ed organizzazione del lavoro La sorveglianza sanitaria Ambienti di lavoro Stress da lavoro-correlato Movimentazione manuale dei carichi Movimentazione merci (apparecchi di sollevamento, mezzi di trasporto) Segnaletica e Emergenze Le procedure di sicurezza con riferimento al profilo di rischio specifico Procedure di esodo ed incendi 19

20 Procedure organizzative di primo soccorso Incidenti ed infortuni mancati. Altri rischi. Fornire ai partecipanti le informazioni necessarie per conoscere i rischi specifici in azienda oltre ad individuare le procedure di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Inoltre, fornisce conoscenze sul quadro normativo in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Il corso è rivolto ai rappresentanti dei lavoratori (RLS) per la Sicurezza che hanno già ricevuto la formazione e necessitano dell aggiornamento annuale. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 400,00. 20

21 Sicurezza sul luogo di lavoro A.7 Formazione e informazione dei lavoratori Aggiornamento Quinquennale 8 ore Nel presente corso verranno trattati i seguenti argomenti: Approfondimenti giuridico - normativi Aggiornamenti tecnici sui rischi ai quali sono esposti i lavoratori Aggiornamenti su organizzazione e gestione della sicurezza in azienda Fonti di rischio e relative misure di prevenzione. L obiettivo del corso è fornire le informazioni necessarie per conoscere i rischi specifici in azienda oltre ad individuare le procedure di utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Inoltre, fornisce conoscenze sul quadro normativo in materia di sicurezza e salute sul lavoro. Il corso intende supportare e aggiornare i partecipanti nell elaborazione e nella gestione del programma delle misure di prevenzione e protezione come strumento di gestione del rischio. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 200,00. 21

22 Sicurezza sul luogo di lavoro A.8 Formazione addetti antincendio Rischio Basso 4 ore Nel presente corso verranno trattati i seguenti argomenti: 1. L incendio e la prevenzione principi sulla combustione e l incendio prodotti della combustione le sostanze estinguenti triangolo della combustione le principali cause di un incendio effetti e rischi dell incendio sull uomo divieti e limitazioni di esercizio principali accorgimenti e misure comportamentali per prevenire gli incendi 2. Protezione antincendio e procedure da adottare in caso di incendio principali misure di protezione antincendio attrezzature ed impianti di estinzione procedure da adottare quando si scopre un incendio o in caso di allarme procedure per l evacuazione modalità di chiamata dei soccorsi rapporti con i vigili del fuoco. Il corso ha l obiettivo di formare il personale addetto all antincendio e all evacuazione sui principi alla base della prevenzione incendi, della gestione delle emergenze e sulle procedure da mettere in atto in caso di incendio nelle aziende a basso rischio. Il corso si rivolge agli addetti alla prevenzione ed estinzione degli incendi e, in generale, agli addetti alle emergenze. La quota di partecipazione per singolo partecipante è pari a 100,00. 22

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE

Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO FORMAZIONE Ambiente e Sicurezza Innovazione Miglioramento Sostenibile CATALOGO 2015 FORMAZIONE HSE - HEALTH SAFETY ENVIRONMENT Salute e Sicurezza RLS - Formazione Base S.S.1 32 RLSA S.S.2 64 RLS - Aggiornamento S.S.3

Dettagli

GRUPPO. Sicurezza per scelta

GRUPPO. Sicurezza per scelta Ge.Ma. Sicurezza per scelta Ge. Ma. la Qualità e la Sicurezza sono valori che costruiamo insieme a te GE.MA. company profile UN OCCHIO APERTO SUL FUTURO UNA REALTÀ DINAMICA, UN MODELLO EVOLUTO DI CONSULENZA

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO SICUREZZA SUL LAVORO In-Formare è già prevenire Questo Mini-Manuale è aggiornato alle più recenti disposizioni 2014 sulla salute, l igiene e la sicurezza sul lavoro: Testo Unico, D.Lgs. 81/2008 e, in particolare,

Dettagli

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso

Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Manuale per gli incaricati di Primo Soccorso Edizione 2010 Questa pubblicazione è stata realizzata dalla Sovrintendenza Medica Generale, a cura

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Linee Guida per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) Guida operativa Ottobre 2003 1 SOMMARIO Presentazione pag. 4 Premessa (da Linee Guida UNI-INAIL) pag. 5 A. Finalità (da

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

REGOLAMENTO PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Pagina 1 di 14 PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Via dell oreficeria, 16-36100 VICENZA SERVIZIO EMERGENZE tel. 0444 969 555 S.A.T.E. (Servizio Assistenza Tecnica Espositori) tel. 0444 969 333 Centralino Uffici

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ

PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ PROFESSIONALITÀ AFFIDABILITÀ RESPONSABILITÀ LE SOLUZIONI AMBIENTALI INTEGRATE DI UN GRUPPO LEADER SOLYECO GROUP ha reso concreto un obiettivo prezioso: conciliare Sviluppo e Ambiente. Questa è la mission

Dettagli

Presentazione Formazione Professionale

Presentazione Formazione Professionale Presentazione Formazione Professionale Adecco Training Adecco Training è la società del gruppo Adecco che si occupa di pianificare, organizzare e realizzare progetti formativi che possono coinvolgere lavoratori

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Cadute dall alto nei lavori in quota

Cadute dall alto nei lavori in quota COLLANA SICUREZZA n. 3 Cadute dall alto nei lavori in quota Cadute dall alto nei lavori in quota Testi a cura di EBAT Ente Bilaterale Artigianato Trentino, OSA Organismo Sicurezza Artigianato Coordinamento

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!!" "

Realizzazione di un. Disposizioni per la prevenzione dei rischi da caduta dall alto!! Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Procedure di sicurezza per l installazione e la manutenzione di pannelli fotovoltaici Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova Realizzazione

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

LE CADUTE DALL ALTO E

LE CADUTE DALL ALTO E LE CADUTE DALL ALTO E LA RESPONSABILITÀ DEGLI AMMINISTRATORI A.U. Salvatore Ruocco Lecce, 15 febbraio 2014 PROGRAMMA 1) Rischio caduta: normativa e soggetti coinvolti 2) UNI EN 795 e dispositivi di ancoraggio

Dettagli

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza.

Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Le nostre parole d ordine: competenza, rapidità, flessibilità, convenienza. Il punto di forza di Integra è uno staff qualificato e competente che ne fa un punto di riferimento credibile ed affidabile per

Dettagli

CARATTERISTICHE PROGETTO

CARATTERISTICHE PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO 1) Ente proponente il progetto: Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia 2) Codice di accreditamento: NZ00042 3) Albo e classe di iscrizione: Nazionale

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E FUNZIONIGRAMMA 1 SCOPO Lo scopo del presente documento è di descrivere le mansioni e le responsabilità connesse alla gestione delle attività da parte di PHISIOVIT SRL 2 DESCRIZIONE DEL DOCUMENTO PHISIOVIT SRL, per favorire

Dettagli

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08

Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Il sistema di gestione della sicurezza: cos è, a cosa serve, i rapporti delle norme tecniche con il D.Lgs. 81/08 Firenze 15 febbraio 2010 Pisa 1 marzo 2010 Siena 29 marzo 2010 Dott. Ing. Daniele Novelli

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS

Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Chi è il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza RLS Definizione di RLS (Art 2, comma 1, lettera i) del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81) persona eletta o designata per rappresentare i lavoratori per

Dettagli

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La politica Nestlé per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro La sicurezza non è negoziabile Nestlé è convinta che il successo a lungo termine possa essere raggiunto soltanto grazie alle sue persone. Nessun

Dettagli

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO LAVORI IN QUOTA: I SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO l dilucarossi, Ricercatore, Dipartimento Tecnologie di Sicurezza, ex-ispesl Osservatorio a cura dell Ufficio Relazioni con il Pubblico

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

STRESS DA LAVORO CORRELATO

STRESS DA LAVORO CORRELATO STRESS DA LAVORO CORRELATO Il presente documento costituisce uno strumento utile per l adempimento dell obbligo di valutazione dei rischi da stress da lavoro correlato sancito dal Testo Unico in materia

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI

QUESTIONARIO PER RACCOLTA DATI E INFORMAZIONI DI POTENZIALI IMPRESE APPALTATRICI PER LAVORI, SERVIZI ORDINARI E FORNITURE SERVIZI Pag. 1/6 SETTORI DI INTERESSE LAVORI SERVIZI Elettrici Impianti fotovoltaici Idraulici Edili Stradali Pulizie Tappezzerie Tinteggiatura e verniciatura Carpenteria metallica FORNITURE Cavi elettrici bt

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h)

Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Formazione ed Informazione dei Lavoratori ai sensi degli art.li 36-37 del D.lgs. 81/08 MODULO GENERALE (4h) Anno 2013 Intervento formativo secondo l accordo STATO-REGIONI del 21.12.2011 A cura dell R.S.P.P.

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro

Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 Testo Unico sulla salute e sicurezza nei luoghi di lavoro PARTE 1 SOMMARIO D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 13 TITOLO I PRINCIPI COMUNI

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI. ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI ai sensi dell art. 29 D.Lgs. 81/2008 1 INDICE I. Procedura standardizzata per la valutazione dei rischi ai sensi dell articolo 6, comma 8, lettera

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14

Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi. Circolare n. 19/14 Organismo per la gestione degli elenchi degli agenti in attività finanziaria e dei mediatori creditizi Circolare n. 19/14 contenente disposizioni inerenti gli obblighi di formazione e di aggiornamento

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

- - - - - - - - - - - - 1 - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AFM S.p.A. Sede Legale in Bologna, Via del Commercio Associato n. 22/28 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO

Dettagli

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.

IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) MODELLO POS. PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i. IMPRESA (denominazione ed eventuale logo) PIANO OPERATIVO di SICUREZZA (P.O.S.) (ai sensi del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81 e s.m.i.) L Impresa: timbro e firma (Il Datore di Lavoro) Impresa Pagina 1 di 23

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA

PROCEDURA DI AUDIT AI TEST CENTER AICA Pag. 1 di 14 PROCEDURA DI AUDIT REVISIONI 1 19/12/2002 Prima revisione 2 07/01/2004 Seconda revisione 3 11/01/2005 Terza revisione 4 12/01/2006 Quarta revisione 5 09/12/2013 Quinta revisione Adeguamenti

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE.

ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. ANTIRICICLAGGIO: LE NOVITÀ DELLA IV DIRETTIVA E LA POSSIBILE EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA NAZIONALE. Casi pratici sulla corretta registrazione delle operazioni attinenti la gestione collettiva del risparmio

Dettagli

Oggetto dell appalto:

Oggetto dell appalto: ALLEGATO 5 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI (art. 26 comma 3 D.Lgs. 81/08) Oggetto dell appalto: Servizio di vigilanza armata da effettuarsi con guardie giurate particolari fornite

Dettagli

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro

Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro Formazione Generale sulla sicurezza sul lavoro ID 142-115743 Edizione 1 Procedura per sottoscrivere la partecipazione: Il professionista sanitario che voglia conoscere i dettagli per l iscrizione al corso

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum

Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Otto regole vitali per chi lavora nell edilizia Vademecum Obiettivo I lavoratori e i loro superiori conoscono le otto regole vitali da rispettare sistematicamente nell edilizia Formatori Assistenti, capi

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita

Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Sicurezza nei lavori in quota linee Vita Enrico Bernardi e Michele Cannata www.anticaduta.com* Le necessità di manutenzione oppure di accesso a vario titolo ad una coperutra determinano importanti problemi

Dettagli

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL)

Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) Guida operativa per l implementazione di un Sistema di Gestione della Salute e Sicurezza sul Lavoro (SGSSL) INDICE 01 PREMESSA PAG. 3 02 POLITICA PAG. 5 03 PIANIFICAZIONE PAG. 7 04 VALUTAZIONE E GESTIONE

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Testo integrale commentato

Testo integrale commentato MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva De Biasio S. Croce 1299 30135 Venezia Accordo Stato-Regioni del 21/12/2011

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Cagliari, 22 luglio 2010

Cagliari, 22 luglio 2010 Cagliari, 22 luglio 2010 L azione dell Ance L Associazione Nazionale Costruttori Edili si è da sempre posta l obiettivo di supportare le imprese associate nella adozione di strumentazione organizzativa

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli