Edizioni L Informatore Agrario

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizioni L Informatore Agrario"

Transcript

1 Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue sucessive modificazioni. Ogni utilizzo di quest opera per usi diversi da quello personale e privato è tassativamente vietato. Edizioni L Informatore Agrario S.p.A. non potrà comunque essere ritenuta responsabile per eventuali malfunzionamenti e/o danni di qualsiasi natura connessi all uso dell opera.

2 di Romano Demaldè APPROFONDIMENTI Ora i trattori parlano solo in Euro III A ridurre l inquinamento dell aria sono chiamati tutti a rapporto, trattori inclusi. Il rispetto dell ambiente e della salubrità dell aria sono tematiche che rientrano ormai nel linguaggio comune delle macchine agricole, le quali devono rispondere alle sempre più esigenti misure anti-inquinamento. Arrivati con non poca fatica allo standard di emissione Euro III, detto anche Tier III, i motori utilizzati nel settore nonroad, quindi fuori strada, devono cominciare a fare i conti con i prossimi limiti di emissione, ancora più severi, e che di certo metteranno a dura prova tecnici e ingegneri delle varie case costruttrici. Le principali tappe da rispettare I primi standard per motori diesel fuori strada, con potenza superiore ai 37 kw (50 CV), sono stati introdotti negli Stati Uniti, tra il 1996 e il 1999, dall Environment Protection Agency, o Epa, con il limite di emissione Tier I, mentre in Europa sono I motori devono inquinare meno. Ma come? Tra filtri antiparticolato e sistemi Egr e Scr, tutte le strategie per ridurre le emissioni nocive arrivati con lo Stage I nel In seguito i vari enti hanno fi ssato standard progressivamente più severi, entrati in vigore tra il 2001 e il 2008, prima con il Tier II/Stage II fi - no al recente Tier III/Stage III A. Questi standard dovranno attraversare un periodo transitorio, nel , in cui si seguiranno le norme Tier III transitorie/stage IIIB, dopo le quali si passerà all applicazione delle normative Tier IV/Stage IV, che dovranno essere attuate entro il Le principali tappe per la riduzione delle emissioni non-road in Ue (>130 kw) Come limitare le emissioni nei diesel Il contenimento delle emissioni può essere ottenuto mediante interventi a monte e a valle del processo di combustione. Nel primo caso si lavora all origine agendo sulla più spinta raffi nazione del combustibile e utilizzando additivi, limitando la temperatura massima di combustione e ottimizzando l iniezione. Circa gli interventi a valle della combustione (post-trattamento) sono utilizzabili i catalizzatori ossidanti, i fi ltri antiparticolato, i sistemi di ricircolo dei gas di scarico e la riduzione selettiva catalitica. Gasolio e lubrificanti puliti Un primo accorgimento è dato dall utilizzo di combustibili e oli lubrifi canti il più possibile privi di zolfo e idrocarburi aromatici policiclici, oppure aggiungendo degli additivi a ogni pieno. Riducendo il tenore di zolfo possono essere ridotte le emissioni dei composti di zolfo (SO x ). Ora l utilizzo di combustibili più raffi nati dei tradizionali gasoli è già una realtà nel settore automobilisti Euro I NO x = 9,2 g/kwh PM = 0,54 g/kwh 2002 Euro II NO x = 6 g/kwh PM = 0,2 g/kwh 2006 Euro IIIA NO x = 4 g/kwh PM = 0,2 g/kwh 2011 Euro IIIB NO x = 2 g/kwh PM = 0,025 g/kwh Nei fumetti vengono riportati i valori ammessi per ogni standard di emissione degli ossidi di azoto (NO x ) e del particolato (PM), con indicato entro quando devono essere rispettati. Da notare come dall attuale standard Euro IIIA al prossimo Euro IIIB, gli NO x dovranno scendere del 50%, mentre le particelle solide di quasi il 90% Euro IV NO x = 0,4 g/kwh PM = 0,025 g/kwh MAD Supplemento al numero 6 Giugno

3 COS È LE EMISSIONI DEI MOTORI DIESEL Dal gas di scarico di un motore diesel a combustione interna, vengono scaricati in atmosfera: monossido di carbonio, idrocarburi incombusti, ossidi di azoto, particolato, anidride carbonica, anidride solforosa e solforica. È utile ricordare che l aria contiene azoto (N 2 ), ossigeno (O 2 ), anidride carbonica (CO 2 ) e altri elementi in piccole quantità, mentre il gasolio contiene carbonio (C), idrogeno (H) e tracce di zolfo (S). Questi cinque elementi si combinano chimicamente tra loro durante la combustione che, non essendo quasi mai completa, produce gas dannosi per l ambiente e per l uomo. Monossido di carbonio (CO) Il carbonio contenuto negli idrocarburi è uno degli elementi che si combina con l ossigeno durante la combustione, che se completa porta alla formazione di anidride carbonica. Durante la discesa del pistone, la temperatura e la pressione nella camera di combustione diminuiscono e la reazione si arresta prima del suo completamento in una fase intermedia. Se l ossigeno è insufficiente, come tipicamente avviene nelle miscele ricche dei motori a ciclo Otto (benzina), la reazione produce monossido di carbonio, pericoloso per l ambiente e letale per l uomo. Nei diesel, essendo sempre la presenza di ossigeno molto elevata anche a pieno carico, la produzione di CO è trascurabile e pari a circa 1/10 di quella prodotta dal motore a benzina. Idrocarburi incombusti (HC) Gli idrocarburi incombusti derivano essenzialmente dal combustibile che non prende parte alla combustione. Tra le cause che concorrono a tale fenomeno si annoverano il riempimento di gasolio in cavità interne alla camera di combustione, solitamente nello spazio tra cilindro e pistone, l assorbimento del combustibile da parte dell olio, lo spegnimento della fiamma in prossimità delle pareti della camera più fredde e della zona centrale del getto di iniezione, dove le goccioline iniettate non trovano ossigeno sufficiente per completare la combustione. Ossidi di azoto (NO x ) Gli NO x, che rappresentano assieme al particolato il principale inquinante emesso dai motori diesel, sono una miscela costituita da ossido di azoto NO (circa il 98%) e biossido di azoto NO 2 (circa il 2%). L azoto è un elemento naturale dell aria; quando la temperatura in camera di combustione è troppo elevata, l azoto si combina con l ossigeno e forma gli ossidi di azoto, che da soli non sono nocivi ma quando sono esposti ai raggi solari si combinano con gli idrocarburi incombusti formando lo smog e concorrono alla formazione di ozono a basse altitudini. Nel caso di impiego di combustibili a elevato contenuto di zolfo, gli NO x influiscono inoltre, in modo notevole, alla formazione delle piogge acide. Per limitarne la formazione occorre diminuire la temperatura del processo di combustione. Particolato (PM) Il particolato (la cosiddetta fuliggine o soot) è costituito da particelle solide (carbonio e idrocarburi derivati dal combustibile e dall olio lubrificante) di diametro compreso tra 10 e 100 μ (1 micron = 1 millesimo di millimetro) e sono molto dannose poiché possono penetrare negli alveoli polmonari (sono cancerogene). Si formano alla presenza di elevate pressioni e temperature, il massimo valore si ha durante il picco di pressione iniziale della fase di espansione. Alcune sperimentazioni hanno evidenziato che nei motori diesel a iniezione indiretta la produzione di particolato può essere inferiore rispetto a quelli a iniezione diretta perché la miscelazione aria-combustibile avviene più rapidamente. La quantità emessa è relativamente ridotta a bassi e medi carichi mentre a pieno carico (accelerazione), riducendosi il rapporto aria/combustibile, l emissione diventa consistente. Anidride carbonica (CO 2 ) L anidride carbonica è un inevitabile prodotto della combustione e dipende direttamente dal consumo di combustibile. L unico modo per ridurla è quello di diminuire i consumi del motore. Si discute di ridurne l emissione a livello mondiale perché ritenuta responsabile dell effetto serra (riscaldamento globale). Composti dello zolfo I composti dello zolfo (SO x ) presenti sottoforma di anidride solforosa e solforica (SO 2 e SO 3 ) si formano a causa del contenuto di zolfo presente nei gasoli. La loro presenza nello smog porta alla formazione delle piogge acide. R.D. MAD Supplemento al numero 6 Giugno Egr Cooler esterno (AGRex inside Fendt) co, dove le maggiori compagnie petrolifere propongono gasoli a bassissimo contenuto di zolfo, ma a prezzo più elevato. La qualità della combustione può essere migliorata limitando la variazione della densità del gasolio. L impiego di scambiatori di calore dedicati al raffreddamento o al riscaldamento del combustibile, secondo le condizioni ambientali, consente un più preciso dosaggio. Motori più efficienti Un contributo importante nella riduzione della quantità di sostanze inquinanti derivanti dalla combustione arriva proprio dai moderni sistemi di iniezione a elevatissima pressione (common rail, pompainiettore), a controllo elettronico e con l ottimizzazione della geometria della camera di combustione. Modifi cando il disegno della camera di combustione, assolutamente necessaria con i nuovi sistemi ad alta pressione, si ottiene una penetrazione del getto più elevata, riducendo i contatti con la parete e quindi la conseguente formazione di particolato. I pistoni presentano una camera di maggior diametro, ma in grado di mantenere invariato il rapporto di compressione. Anche i condotti di aspirazione possono subire delle modifi che, atte a favorire un maggiore swirl (turbolenza a spirale) all interno della camera di combustione. Per favorire questa turbolenza, nel

4 L impiego dei nuovi sistemi ad alta pressione nei motori diesel ha comportato la modifica della geometria della camera di combustione come evidenziato nella figura di destra Il miglioramento fluodinamico nel condotto di aspirazione ha permesso ai costruttori di motori di superare il primo step della normativa sulle emissioni condotto di aspirazione può essere installato lo Swirl Flap, una valvola capace di modificare in base alla sua posizione il moto detto di Swirl all interno della camera di combustione. La sua posizione viene controllata mediante una centralina elettronica in funzione delle condizioni del motore, così da ridurre al massimo i valori di particolato e NO x. Nei motori sovralimentati, un accorgimento per contenere la produzione degli ossidi d azoto è rappresentato dall interrefrigerazione (aria-aria, aria-acqua) che, raffreddando l aria in entrata, riduce pure le temperature massime di combustione. L eventuale nebulizzazione di una certa quantità di miscela acquaglicoletilenico nel condotto di aspirazione, che giunge nella camera di combustione formando una miscela omogenea con il gasolio e prendendo parte attiva alla combustione, consente una notevole riduzione della fumosità e degli NO x. Ciò signifi ca una migliore combustione e un migliore rendimento del motore che si mantiene pulito e più effi - ciente. Funzionamento del ricircolo esterno (Egr) Aspirazione Valvola di non ritorno Egr Cooler Catalizzatore ossidante Il catalizzatore ossidante permette di ridurre monossido di carbonio e idrocarburi incombusti ed è costituito da un involucro metallico contenente una matrice ceramica, generalmente a nido d ape, su cui sono depositati i metalli nobili (platino, palladio, rodio) che rappresentano il materiale catalitico utilizzato per far avvenire le reazioni desiderate in tempi adeguati. L impiego del catalizzatore ossidante è reso diffi cile a causa della presenza di zolfo che può essere ulteriormente ossidato e quindi diventare ancora più pericoloso per l ambiente. Filtro antiparticolato (Fap) Il filtro o trappola antiparticolato (Fap, Dpf, ecc.) è in pratica un setaccio di materiale refrattario in grado di bloccare le particelle soli- Valvola Egr Turbocompressore Scarico di pressione Centralina di controllo de, portate in sospensione dai gas di scarico, di diametro superiore a quello delle celle di cui è composto il filtro. Il filtro è costituito da un corpo ceramico con canali assiali delimitati da pareti porose e chiusi alle estremità per costringere i gas ad attraversare le pareti medesime prima di essere espulsi. Intasandosi progressivamente, il fi ltro riduce la sua effi cienza ma, per evitarne il ricambio, innalzando la temperatura dei gas di scarico si bruciano le particelle carboniose intrappolate nel fi ltro, che si rigenera di conseguenza (rigenerazione termica). L intasamento del fi ltro, inoltre, provoca una differenza di pressione tra l ingresso e l uscita dello stesso, che è misurata tramite sensori di MAD Supplemento al numero 6 Giugno

5 MAD Supplemento al numero 6 Giugno Filtro Modulo di invio dell additivo Agli attuatori Iniettore additivo Una volta ossidati, i gas di scarico reagiscono con l ammoniaca presente nell additivo. Avviene una reazione chimica che trasforma gli ossidi di azoto in ossigeno, acqua e azoto. Funzionamento del sistema Scr (riduzione selettiva catalitica) Catalizzatore Scr pressione. Quando la centralina legge una differenza di pressione superiore al valore impostato (fi ltro intasato) comanda all iniettore del sistema Common rail di eseguire una post-iniezione, cioè un iniezione aggiuntiva di gasolio la quale aumenta la temperatura e rigenera pertanto il fi ltro. Egr (Exaust gas recirculation) Il sistema Egr ha la funzione di rimuovere gli inquinanti NO x direttamente in camera di combustione, Centralina di controllo del dosaggio Dai sensori Il catalizzatore Scr Punto ingresso dell additivo di livello dei gas esausti Serbatoio dell additivo diminuendone la temperatura tramite l inserimento di parte dei gas di scarico, che diluiscono la miscela aspirata. La soluzione più semplice consiste nell aprire momentaneamente la valvola di scarico durante la fase di aspirazione, oppure quella di aspirazione durante la fase di scarico. Entrambi i metodi sono ottenuti mediante una modifi ca dell albero a camme, ma hanno lo svantaggio di non poter essere regolati, in quanto sono indipendenti dal carico e dal regime di rotazione del motore, e penalizzano leggermente la coppia. Una seconda alternativa è rappresentata dal comando elettronico della valvola di scarico che, una volta aperta, consente all olio motore di azionare idraulicamente un pistoncino avente il compito di abbassarla. Il sistema di gestione elettronica del motore evita pertanto la produzione di elementi corrosivi associati al ricircolo esterno dei gas di scarico. Nell Egr esterno, i gas dal collettore di scarico sono rimandati in quello di aspirazione sfruttando la differenza di pressione tra i due creata mediante una valvola o una strozzatura. A seconda delle varie condizioni di funzionamento del motore, sono necessarie quantità differenti di ricircolo, pertanto si inserisce una valvola di regolazione che è comandata dalla centralina. Il problema dato dall Egr è il conseguente aumento del particolato poiché si rimettono in camera di combustione delle particelle che possono facilmente fungere da centri di agglomerazione per altri residui. L Egr Cooler L Egr determina non soltanto un aumento del consumo di combustibile e problemi di imbrattamento delle pareti della camera, ma fa aumentare la temperatura dell aria in ingresso. Infatti, nei moderni sistemi si ha un raffreddamento con uno scambiatore Egr Cooler oppure i gas di scarico sono prelevati in una zona dell impianto di scarico più vicina all uscita e quindi a temperatura minore. In quest ultimo caso si parla di long route Egr. Gli svantaggi dell Egr Cooler sono riconducibili alla conversione dello zolfo del combustibile in acido solforico corrosivo. Riduzione selettiva catalitica Scr Il sistema Scr (Selective Catalityc Reduction), di recente introduzione, permette l abbattimento degli NO x mediante l iniezione nel cilindro di un additivo a base di ammoniaca, contenente il 32,5% di urea. Questo additivo è inserito mediante un iniettore simile a quello usato nei Common rail, su comando della

6 centralina all interno del catalizzatore Scr. Quando l ammoniaca si mescola con i gas di scarico avviene una reazione chimica, che trasforma gli ossidi di azoto in ossigeno, acqua e azoto. Deve essere presente un serbatoio contenente urea, che alimenta il sistema e il catalizzatore adeguatamente coibentato per evitare il congelamento dell additivo (che avviene a 12 C). La quantità di composto necessaria è stimata pari al 3-5% di consumo di gasolio del motore. Considerazioni Non è facile coniugare la riduzione dei consumi (e conseguentemente della CO 2 ) con quella dei vari tipi di inquinanti. Modificare alcuni parametri può consentire l abbattimento di un inquinante ma allo stesso tempo aumentare l emissione di un altro. Un elevato ricircolo dei gas (Egr), ad esempio, riduce notevolmente la quantità di NO x, ma aumenta l emissione di particolato. Diminuire il rapporto di compressione signifi ca diminuire le temperature di combustione e quindi gli NO x, tuttavia cala anche il rendimento termodinamico del motore e quindi aumentano i consumi di combustibile. Occorre perciò realizzare un mix di soluzioni che utilizzino i sistemi visti regolandoli opportunamente tramite la centralina elettronica in funzione di tutte le condizioni del motore. La centralina ha un ruolo assolutamente primario perché riceve segnali dai sensori e in funzione della mappatura (la cui defi nizione è una procedura complicata e costosa) regola l iniezione (quantità di gasolio, durata e sequenza delle iniezioni, eventuali post-iniezioni) e parametri dei dispositivi anti-inquinamento (quantità di Egr, quantità di urea da iniettare nell Scr, eventuale rigenerazione del Fap, COSA FILTRANO Tipo di post-trattamento Catalizzatore ossidante Filtro antiparticolato Ricircolo gas di scarico Riduzione selettiva catalitica Effetti CO HC PM NO x +PM NO x posizione degli Swirl Flap, ecc.) Sarà una bella scommessa riuscire a mantenere bassi i consumi viste le modifi che da apportare ai motori per rientrare entro i limiti di emissione sempre più restrittivi. Le nuove normative richiedono ai costruttori consistenti variazioni progettuali relative ad esempio alla geometria del pistone, al rapporto di compressione, alla turbolenza nel cilindro e nei condotti di aspirazione e scarico, ecc. Romano Demaldè

TECNOLOGIA DEI MOTORI

TECNOLOGIA DEI MOTORI TECNOLOGIA DEI MOTORI UN'AZIENDA CHE CRESCE INSIEME ALLA SOCIETÀ Bobcat è fiera delle sue innovazioni e della loro capacità di dare forma al futuro. Da diversi decenni siamo all'avanguardia nella creazione

Dettagli

Inquinanti nei motori AC

Inquinanti nei motori AC Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica A.A. 2009/2010 II Periodo di lezione Corso di: Macchine B Docente: Prof. Stefano Fontanesi Inquinanti

Dettagli

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x

Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Approfondimento 1: Catalizzatori per l abbattimento degli NO x Il gas fuoriuscente da un motore Diesel viene convogliato nel primo stadio del convertitore catalitico, dove si ha l ossidazione del monossido

Dettagli

Approfondimento Tecnico su FAP DPF

Approfondimento Tecnico su FAP DPF Approfondimento Tecnico su FAP DPF Il filtro antiparticolato è un componente dell impianto di scarico integrato con il catalizzatore e consiste in un supporto monolitico a base di carburo di silicio poroso.

Dettagli

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6

(gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 Progetto Europeo AIR-BOX AUTOMOTIVE 2014 AIR-BOX (gruppo filtro aria perfezionato) per motori EURO 6 APPARATO AIR-BOX per la riduzione dei NOx e del CO2 e per l incremento delle prestazioni del motore

Dettagli

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 315.630 FAP DPF ECO WASHER FLUIDO DI LAVAGGIO PER FILTRI ANTIPARTICOLATO DI MOTORI DIESEL

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 315.630 FAP DPF ECO WASHER FLUIDO DI LAVAGGIO PER FILTRI ANTIPARTICOLATO DI MOTORI DIESEL 315.630 FAP DPF ECO WASHER FLUIDO DI LAVAGGIO PER FILTRI ANTIPARTICOLATO DI MOTORI DIESEL DESCRIZIONE GREEN STAR FAP DPF ECO WASHER è un prodotto professionale formulato per effettuare il lavaggio e la

Dettagli

SCEGLIETE LA COMPETENZA CITROËN GUIDA AL FILTRO ANTIPARTICOLATO

SCEGLIETE LA COMPETENZA CITROËN GUIDA AL FILTRO ANTIPARTICOLATO SCEGLIETE LA COMPETENZA CITROËN GUIDA AL FILTRO ANTIPARTICOLATO IL FILTRO ANTIPARTICOLATO (FAP): UN PRODOTTO DI ALTA TECNOLOGIA Sviluppato dal gruppo PSA PEUGEOT CITROËN, il Filtro antiparticolato (FAP)

Dettagli

GAMMA INDUSTRIALE PER APPLICAZIONI MOVIMENTO TERRA. LA FORZA DELL INNOVAZIONE.

GAMMA INDUSTRIALE PER APPLICAZIONI MOVIMENTO TERRA. LA FORZA DELL INNOVAZIONE. GAMMA INDUSTRIALE PER APPLICAZIONI MOVIMENTO TERRA. LA FORZA DELL INNOVAZIONE. Tier 4 interim/stage IIIB. Energia pulita per motori da 130kW (174 cv) e oltre. Powering the future Energia pulita. Durante

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

LA FRIZIONE È UN APPARATO CHE SI INTERPONE TRA MOTORE E CAMBIO E PERMETTE DI PORRE PROGRESSIVAMENTE IN CONTATTO IL MOTORE, GIÀ ACCESO, CON GLI ORGANI DI TRASMISSIONE. LA FORZA ESERCITATA SUL PEDALE DAL

Dettagli

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro.

Lezione IX - 19/03/2003 ora 8:30-10:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Lezione IX - 9/03/003 ora 8:30-0:30 - Ciclo di Carnot, Otto, Diesel - Originale di Spinosa Alessandro. Ciclo di Carnot Si consideri una macchina termica semplice che compie trasformazioni reversibili,

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

Service Information 99220_131-132_SI_20150305

Service Information 99220_131-132_SI_20150305 Pulizia filtro antiparticolato con micrologic PREMIUM 131-132 Set pulizia per il filtro antiparticolato TUNAP 992 20 Pistola per la pulizia TUNAP TUNAP 994 11 Sonda TUNAP Sommario 1. Introduzione...3 2.

Dettagli

VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation

VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation 1 VALVOLA E.G.R. - Exhaust Gas Recirculation Tra le sostanze inquinanti emesse dai motori ci sono gli ossidi di azoto (NOx), composti che si formano in presenza di alte temperature e pressioni. Tali emissioni

Dettagli

Iveco e FPT Industrial annunciano un esclusiva tecnologia SCR per il rispetto degli standard di emissioni Euro VI

Iveco e FPT Industrial annunciano un esclusiva tecnologia SCR per il rispetto degli standard di emissioni Euro VI Iveco e FPT Industrial annunciano un esclusiva tecnologia SCR per il rispetto degli standard di emissioni Euro VI Iveco e FPT Industrial garantiranno la conformità con le prossime normative Euro VI grazie

Dettagli

Immissioni da traffico nelle aree metropolitane

Immissioni da traffico nelle aree metropolitane Immissioni da traffico nelle aree metropolitane Milano-Palazzo Turati, 14 dicembre 2006 IL CONTROLLO DELLE EMISSIONI DEGLI AUTOVEICOLI Francesco Avella, Antonio Rolla INTRODUZIONE Le emissioni autoveicolari

Dettagli

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html

file://c:\elearn\web\tempcontent4.html Page 1 of 5 GRANDE PUNTO 1.3 Multijet GENERALITA'' - ALIMENTAZIONE INIEZIONE DIESEL CARATTERISTICHE FUNZIONE Il Common Rail Magneti Marelli MJD 6F3 è un sistema di iniezione elettronica ad alta pressione

Dettagli

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs)

Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Sistemi di controllo catalitico dell inquinamento atmosferico per la rimozione di sostanze organiche volatili (VOCs) Bietigheim-, 02.08.2010 I metodi catalitici per trattare gli inquinanti atmosferici

Dettagli

Iveco e FPT Industrial presentano il sistema High Efficiency SCR per un trasporto efficiente e pulito

Iveco e FPT Industrial presentano il sistema High Efficiency SCR per un trasporto efficiente e pulito Iveco e FPT Industrial presentano il sistema High Efficiency SCR per un trasporto efficiente e pulito In occasione del TechDay, che si è svolto oggi al Fiat Industrial Village a Torino, Iveco e FPT Industrial

Dettagli

MOTORI STAGE IV. 160-350 kw

MOTORI STAGE IV. 160-350 kw MOTORI STAGE IV 160-350 kw Costruttore di motori di punta dal 1800. Con oltre 180 anni di storia di innovazione alle spalle, Volvo Construction Equipment è in prima linea dello sviluppo tecnologico. Appartenente

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

Il Gasolio Autotrazione

Il Gasolio Autotrazione Il Gasolio Autotrazione Con il termine gasolio autotrazione viene indicata una miscela di idrocarburi idonea per essere impiegata nei motori diesel. Il gasolio commercializzato in Italia deve possedere

Dettagli

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C).

Benzina: è costituita essenzialmente da idrocarburi (HC), cioè sostanze organiche composte da idrogeno (H) e carbonio (C). InfoTech n 2/2013 STRUMENTO Analizzatori di gas Oggetto L analisi dei gas nei motori a benzina DISPENSA Introduzione Il motore trasforma l energia chimica contenuta nel combustibile (benzina) e nel comburente

Dettagli

Motori endotermici alternativi

Motori endotermici alternativi Scheda riassuntiva 9 capitolo 16 Motori endotermici alternativi Molto diffusi nell autotrazione, i motori endotermici alternativi o motori a combustione interna (c.i.) sono impiegati anche nella propulsione

Dettagli

Impianti di propulsione navale

Impianti di propulsione navale Motori diesel 4T Sistemi per ridurre la fumosità e le emissioni La sempre più continua attenzione alle problematiche ambientali e l inasprirsi di alcune normative regionali in tema di fumosità ed emissioni,

Dettagli

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri

AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori. relazione dell ingegnere Mauro Forghieri AUTO D EPOCA E INQUINAMENTO Le analisi tecniche delle sostante emesse in seguito alla combustione dei motori relazione dell ingegnere Mauro Forghieri Le più stringenti limitazioni alle emissioni nocive

Dettagli

INQUINAMENTO DA TRAFFICO VEICOLARE: MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA (MCI) VOLUMETRICI

INQUINAMENTO DA TRAFFICO VEICOLARE: MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA (MCI) VOLUMETRICI INQUINAMENTO DA TRAFFICO VEICOLARE: MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA (MCI) VOLUMETRICI Sostanze emesse Monossido di Carbonio (CO) Idrocarburi Incombusti Ossidi di Azoto Ammoniaca Idrogeno solforato, Solfuro

Dettagli

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE

MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA INNOVATIVI A RIDOTTO IMPATTO AMBIENTALE Stefano Frigo, Ettore Musu, Riccardo Rossi, Roberto Gentili (Dipartimento di Ingegneria dell Energia e dei Sistemi) Montecatini Terme,

Dettagli

Figura 1.- Sviluppo del sistema di alimentazione nei motori ad accensione comandata

Figura 1.- Sviluppo del sistema di alimentazione nei motori ad accensione comandata Brevi considerazioni sui sistemi di iniezione diretta GDI Nella figura 1 che segue si riporta a grandi linee lo sviluppo del sistema di alimentazione nei motori ad accensione comandata Figura 1.- Sviluppo

Dettagli

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

Stage IIIB Stage IV Q&A

Stage IIIB Stage IV Q&A 1 Diamo forma al futuro: Doosan e lo standard Stage IIIB Si parla molto dello Stage IIIB in questi giorni. Qui di seguito sono riportate le risposte alle domande più frequenti relative alle normative sulla

Dettagli

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia)

Impianto di cogenerazione realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) OPET SEED (Italia) Impianto di realizzato presso una azienda del settore ceramico della provincia di Modena (Emilia-Romagna, Italia) ENERGIE Introduzione L impianto di in esame è installato presso un azienda

Dettagli

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento

Come funziona una centrale a ciclo combinato? Aggiungere l immagine sotto e fare un mix dei due testi di spiegazione del funzionamento LA TECNOLOGIA DEL CICLO COMBINATO A GAS NATURALE La maggiore quantità di energia elettrica generata da Edison è prodotta da 28 centrali termoelettriche. Edison sviluppa, progetta e costruisce interamente,

Dettagli

ENERGIA DA OLI VEGETALI

ENERGIA DA OLI VEGETALI PROGETTO 012 ENERGIA DA OLI VEGETALI IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA TRAMITE DIESEL GENSET ALIMENTATO AD OLIO DI PALMA Prove effettuate nell anno 2009 1 Scopo del documento Riportare i risultati

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

FPT INDUSTRIAL PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE ALL EIMA

FPT INDUSTRIAL PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE ALL EIMA FPT INDUSTRIAL PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE ALL EIMA Torino, novembre 2014 FPT Industrial, società all avanguardia nella progettazione e produzione di propulsori per applicazioni

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie. Corso di Meccanica e. Meccanizzazione Agricola Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Prof. S. Pascuzzi 1 Motori endotermici 2 Il motore endotermico L energia da legame chimico, posseduta dai combustibili

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO. Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it IMPIANTI DI RISCALDAMENTO Ing. Guglielmo Magri Dipartimento di Energetica-Ancona guglielmo.magri@alice.it SISTEMI DI GENERAZIONE Tipologie più diffuse o in sviluppo Generatori a combustione Caldaie

Dettagli

La propulsione Informazioni per il PD

La propulsione Informazioni per il PD Informazioni per il PD 1/10 Compito Come funziona un automobile? Gli alunni studiano i diversi tipi di propulsione (motore) dell auto e imparano qual è la differenza tra un motore diesel e uno a benzina.

Dettagli

Progetto H 2 Filiera Idrogeno

Progetto H 2 Filiera Idrogeno WP 4 MOTORI AD IDROGENO CON INIEZIONE DIRETTA A BASSA PRESSIONE Un ostacolo all uso dell idrogeno negli autoveicoli è portarne a bordo la quantità necessaria per una ragionevole autonomia. La densità energetica

Dettagli

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony

Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony attività - studi & ricerche ssc Emissioni di NOx dai processi di combustione F. Hugony Stazione Sperimentale per i Combustibili Viale A. De Gasperi 3, 20097 S. Donato Milanese (MI) tel +39 02 516041; fax

Dettagli

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA

CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA CONTROLLO E RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DA MOTORI ALIMENTATI A BIOMASSA LIQUIDA MOTORE DIESEL GRANDEZZE CARATTERISTICHE I motori a combustione interna vengono caratterizzati con alcuni importanti parametri

Dettagli

SOLUZIONI INTELLIGENTI PER UN AGRICOLTURA PIÙ EFFICIENTE

SOLUZIONI INTELLIGENTI PER UN AGRICOLTURA PIÙ EFFICIENTE > > > > SOLUZIONI INTELLIGENTI PER UN AGRICOLTURA PIÙ EFFICIENTE www.thecleanenergyleader.com > > > > SALVAGUARDIA DELL AMBIENTE Tutti i costruttori di macchine agricole stanno sviluppando motori che rispettino

Dettagli

AGRITECHNICA 2009: FIAT POWERTRAIN TECHNOLOGIES PRESENTA LA GAMMA DI MOTORI AGRICOLI E INDUSTRIALI

AGRITECHNICA 2009: FIAT POWERTRAIN TECHNOLOGIES PRESENTA LA GAMMA DI MOTORI AGRICOLI E INDUSTRIALI 8 Novembre 2009 AGRITECHNICA 2009: FIAT POWERTRAIN TECHNOLOGIES PRESENTA LA GAMMA DI MOTORI AGRICOLI E INDUSTRIALI FPT Fiat Powertrain Technologies, l azienda del Gruppo Fiat specializzata in ricerca,

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE

CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE ACCADEMIA NAVALE 1 ANNO CORSO APPLICATIVO GENIO NAVALE CORSO DI IMPIANTI DI PROPULSIONE NAVALE Lezione 09 Motori diesel lenti a due tempi A.A. 2011 /2012 Prof. Flavio Balsamo Nel motore a due tempi l intero

Dettagli

AdBlue. The Blue Traction

AdBlue. The Blue Traction AdBlue The Blue Traction Chimitex S.p.A., leader nel campo dei prodotti di chimica di base per il settore industriale, ha scelto di impegnarsi a favore di un ambiente più sano e pulito diventando produttore

Dettagli

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie

Motori endotermici I MOTORI ENDOTERMICI. Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea Scienze e Tecnologie Agrarie Motori endotermici Dipartimento Ingegneria del Territorio - Università degli Studi di Sassari I MOTORI ENDOTERMICI Il motore converte l energia termica del

Dettagli

18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi

18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi 18.4. I motori alternativi a c.i. ad accensione spontanea («motori diesel») a quattro tempi Approfondimenti 18.4.1. Il ciclo Diesel Il rendimento (h) di un ciclo termodinamico è espresso, come è noto,

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero

MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero MOTORI ENDOTERMICI di Ezio Fornero Nei motori endotermici (m.e.t.) l energia termica è prodotta mediante combustione di sostanze liquide o gassose, generalmente dette carburanti. Si tratta di motori a

Dettagli

Dati tecnici Audi A4 Avant 2.0 TDI S tronic (150 CV)

Dati tecnici Audi A4 Avant 2.0 TDI S tronic (150 CV) Dati tecnici Audi A4 Avant 2.0 TDI S tronic (150 CV) Diesel, 4 cilindri in linea, con turbocompressore a gas di scarico VTG, DOHC, iniezione diretta TDI Distribuzione / n valvole per cilindro bilancieri

Dettagli

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II

Metodi di abbattimento delle emissioni. Università di Roma La Sapienza Sistemi Energetici II Metodi di abbattimento delle emissioni Metodi per l abbattimento l delle emissioni I sistemi di abbattimento delle emissioni a valle della camera di combustione risultano indispensabili qualsiasi sia la

Dettagli

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 -

Impianto Pneumatico. Capitolo 6 - 6.1 - Capitolo 6 Impianto Pneumatico - 6.1 - 6.1 Introduzione In diversi casi è conveniente sfruttare energia proveniente da aria compressa; questo è soprattutto vero quando il velivolo possiede dei motori a

Dettagli

Principali Caratteristiche

Principali Caratteristiche GP-Diesel 2 GP-Diesel Principali Caratteristiche Il gasolio speciale GP-Diesel ha un numero di cetano molto alto, riducendo così il ritardo di accensione, con effetti positivi su consumo ed emissioni.

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Introduzione I procedimenti tradizionali di conversione dell energia, messi a punto dall uomo per rendere disponibili, a partire da fonti di energia naturali, energia in forma

Dettagli

CONIC. Sistema per l arricchimento del combustibile e la riduzione delle emissioni. TECHNO Est Milano mail:technoest@nd-techno.it

CONIC. Sistema per l arricchimento del combustibile e la riduzione delle emissioni. TECHNO Est Milano mail:technoest@nd-techno.it CONIC Sistema per l arricchimento del combustibile e la riduzione delle emissioni TECHNO Est Milano mail:technoest@nd-techno.it - DESCRIZIONE - Viene brevemente descritto un sistema di trattamento pre-combustione

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Anno Scolastico 2009/2010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 4 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA Prof. Matteo Intermite 1 4. FUNZIONAMENTO DEL MOTORE A 4 TEMPI 4.1 LE 4 FASI DEL CICLO

Dettagli

Mobil 1 ESP Formula 5W-30. Emission System Protection Soddisfa le ultime specifiche VW, BMW e Mercedes-Benz

Mobil 1 ESP Formula 5W-30. Emission System Protection Soddisfa le ultime specifiche VW, BMW e Mercedes-Benz Mobil 1 ESP Formula 5W-30 Emission System Protection Soddisfa le ultime specifiche VW, BMW e Mercedes-Benz Da oltre 100 anni, i ricercatori della ExxonMobil hanno creato lubrificanti innovativi, consolidando

Dettagli

Elettropompe a membrana per urea

Elettropompe a membrana per urea Elettropompe a membrana per urea Perché l urea? I motori producono gas di scarico dannosi per l ambiente, costituiti per lo più da monossido di carbonio, idrocarburi e ossidi di azoto (NOx), che si tenta

Dettagli

AdBlue. The Blue Traction

AdBlue. The Blue Traction AdBlue The Blue Traction Chimitex S.p.A., leader nel campo dei prodotti di chimica di base per il settore industriale, ha scelto di impegnarsi a favore di un ambiente più sano e pulito diventando produttore

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

AD AGRITECHNICA FPT INDUSTRIAL LANCIA IL NUOVO MOTORE R22 E PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE

AD AGRITECHNICA FPT INDUSTRIAL LANCIA IL NUOVO MOTORE R22 E PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE AD AGRITECHNICA FPT INDUSTRIAL LANCIA IL NUOVO MOTORE R22 E PRESENTA I PROPRI MOTORI PER APPLICAZIONI AGRICOLE Torino, novembre 2013 Società all avanguardia nella progettazione e produzione di propulsori

Dettagli

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti

La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Maintenance Stories Fatti di Manutenzione Kilometro Rosso - Bergamo 13 novembre 2013 La manutenzione per ridurre i costi dell aria compressa ed incrementare l efficienza degli impianti Guido Belforte Politecnico

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

CAMPANILE LUBRIFICANTI. Guida alla lubrificazione. La lubrificazione. Classifica SAE. Classifica API

CAMPANILE LUBRIFICANTI. Guida alla lubrificazione. La lubrificazione. Classifica SAE. Classifica API Guida alla lubrificazione La lubrificazione L attrito comporta una perdita di potenza utile tramite calore. Tale fenomeno implica uno spreco di energia e l usura tra le parti a contatto; tale consumo dipende

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO Alma Mater Studiorum - Università di Bologna SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN

Dettagli

Aria sana nei tunnel informazioni per gli addetti ai lavori

Aria sana nei tunnel informazioni per gli addetti ai lavori Traguardo: Aria sana nei tunnel informazioni per gli addetti ai lavori Assicurare una buona qualità dell aria per gli addetti ai lavori delle opere in sotterraneo. Incontro informativo SUVA Bellinzona

Dettagli

Viaggiare con un filtro antiparticolato intasato o eliminato (o forato)

Viaggiare con un filtro antiparticolato intasato o eliminato (o forato) !!ATTENZIONE!!: NOTE SUI FILTRI ANTIPARTICOLATO: Prima di sostituirlo bisogna capire SEMPRE le cause dell intasamento o rottura del Fap e anche valutare che non ci siano danni collaterali nel veicolo.

Dettagli

I fluidi naturali nel campo della refrigerazione

I fluidi naturali nel campo della refrigerazione Tesi di laurea triennale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio I fluidi naturali nel campo della refrigerazione Anno accademico 2013-2014 Relatore Ch.ma Prof. Adriana Greco Correlatore Ing. Claudia

Dettagli

TSI. Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV

TSI. Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV TSI Turbocharger stratified injection 1.2 CC 105 CV DATI TECNICI: DESCRIZIONE DATI PREFISSO CODICE MOTORE CBZ DISPOSIZIONE E N CILINDRI 4 CILINDRI IN LINEA CILINDRATA 1197 centimetri cubi ALESAGGIO X CORSA

Dettagli

Capitolo 4 FUEL CELLS

Capitolo 4 FUEL CELLS Capitolo 4 FUEL CELLS 4.1 LA TECNOLOGIA Il funzionamento di una cella o pila a combustibile può essere così schematizzato: Il combustibile gassoso (ad esempio H2), è inviato all anodo (elettrodo negativo,

Dettagli

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone

Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone Lo Stabilimento di Ferrera Erbognone LO STABILIMENTO Lo stabilimento, ubicato nel Comune di Ferrera Erbognone (Pavia) nelle adiacenze della Raffineria Eni Divisione R&M di Sannazzaro de Burgondi, è il

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

PRESENTAZIONE COREASSY

PRESENTAZIONE COREASSY PRESENTAZIONE COREASSY ANALISI DI MERCATO Riteniamo il settore del turbocompressore tra i più floridi nel mondo dell Automotive; ampi sono i margini di crescita che si possono riassumere in tre punti fondamentali

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili

Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili Emissioni dei veicoli a motore. Influenza dei combustibili RG 3/2002 NGV System Italia Consorzio metano per auto via Serio, 16 20139 MILANO tel. 02-56810171 fax 02-56810131 e-mail: info@ngvsystem.it 1

Dettagli

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 312.620 322.030 CETANE BOOSTER ADDITIVO PER GASOLIO MIGLIORATORE DEL NUMERO DI CETANO

HIGH TECH LUBRICANTS & ADDITIVES 312.620 322.030 CETANE BOOSTER ADDITIVO PER GASOLIO MIGLIORATORE DEL NUMERO DI CETANO 312.620 322.030 CETANE BOOSTER ADDITIVO PER GASOLIO MIGLIORATORE DEL NUMERO DI CETANO DESCRIZIONE Green Star CETANE BOOSTER è un prodotto specificamente formulato per aumentare il numero di cetano del

Dettagli

PROBLEMA 1. Soluzione. Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4)

PROBLEMA 1. Soluzione. Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4) PROBLEMA 1 Indicare quattro requisiti fondamentali che un fluido frigorigeno deve possedere: 1) 2) 3) 4) Deve possedere un elevato calore latente, cioè, deve evaporare asportando molto calore dall ambiente

Dettagli

1. STABILIZZANTE, che ritarda l' invecchiamento e la normale degradazione del combustibile, ed evita l' aumento di

1. STABILIZZANTE, che ritarda l' invecchiamento e la normale degradazione del combustibile, ed evita l' aumento di Caratteristiche e Funzionamento Caratteristiche Tecniche FASTOL agisce mediante un adeguato proporzionamento di 7 Principi Attivi, 6 dei quali, mirano alla manutenzione, alla protezione ed alla conservazione

Dettagli

SISTEMI DI POST TRATTAMENTO DEI GAS DI SCARICO DI MOTORI DIESEL

SISTEMI DI POST TRATTAMENTO DEI GAS DI SCARICO DI MOTORI DIESEL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Dipartimento Ingegneria Meccanica per l Energetica TESI DI DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA DEI SISTEMI MECCANICI (XVIII CICLO) SISTEMI

Dettagli

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound

air protection technology Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound RTO per SOV alogenate Regenerative Thermal Oxidizer for alogenated compound Sede Legale e Unità Operativa: p.zza Vittorio Veneto 8 20013 MAGENTA (MI) ITALY tel. 02 9790466 02 9790364 fax 02 97297483 E-mail:

Dettagli

AL CONEXPO FPT INDUSTRIAL PRESENTA GLI ULTIMI PROPULSORI PER MACCHINE DA COSTRUZIONE E LE PROPRIE INNOVATIVE SOLUZIONI IN MATERIA DI EMISSIONI

AL CONEXPO FPT INDUSTRIAL PRESENTA GLI ULTIMI PROPULSORI PER MACCHINE DA COSTRUZIONE E LE PROPRIE INNOVATIVE SOLUZIONI IN MATERIA DI EMISSIONI AL CONEXPO FPT INDUSTRIAL PRESENTA GLI ULTIMI PROPULSORI PER MACCHINE DA COSTRUZIONE E LE PROPRIE INNOVATIVE SOLUZIONI IN MATERIA DI EMISSIONI Torino, Febbraio 2014 FPT Industrial, leader mondiale nella

Dettagli

A quale categoria Euro appartiene la mia auto

A quale categoria Euro appartiene la mia auto A quale categoria Euro appartiene la mia auto Dal 1991 la Comunità europea ha emanato una serie di Direttive per regolamentare le emissioni di inquinanti da parte dei veicoli. In base a queste direttive

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Applicazioni del secondo principio. ovvero. Macchine a vapore a combustione esterna: Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel Termodinamica Applicazioni del secondo principio ovvero Macchine a vapore a combustione esterna: macchina di Newcomen e macchina di Watt Macchine a vapore a combustione interna: Ciclo Otto, ciclo Diesel

Dettagli

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo

Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Contate su di noi Vi presentiamo una tecnologia unica al mondo Il mondo si evolve velocemente. Cambia il modo di lavorare, le vostre esigenze si fanno più articolate, le normative sempre più strette.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA E MECCATRONICA Tesi di laurea triennale Le emissioni dei motori a combustione interna e il loro abbattimento

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene

Analisi delle serie storiche. Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Analisi delle serie storiche Monossido di Carbonio Biossido d Azoto Particolato Totale Sospeso Ozono Piombo Biossido di Zolfo Benzene Al fine di rendersi conto dell evoluzione delle concentrazioni di alcuni

Dettagli

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI

A B C. dell ANTINCENDIO SANDRO MARINELLI SANDRO MARINELLI A B C dell ANTINCENDIO Informazione dei lavoratori ai sensi degli artt. 36 e 37 Titolo I, Sez. IV, del D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e s.m., e del D.M. 10 marzo 1998 1 A B C dell INFORMAZIONE

Dettagli

LE NUOVE TECNOLOGIE PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI DEGLI AUTOVEICOLI

LE NUOVE TECNOLOGIE PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI DEGLI AUTOVEICOLI EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO SU STRADA RIUNIONE STRAORDINARIA Firenze, 7 febbraio 2006 LE NUOVE TECNOLOGIE PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI DEGLI AUTOVEICOLI FRANCESCO AVELLA Stazione

Dettagli

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A

EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA. Documento di livello: A EDIZIONE 2015/2016 AGRICOLTURA, ALIMENTAZIONE E SOSTENIBILITA' Il dispacciamento dell energia Andrea Ponta IREN SpA Documento di livello: A Teleriscaldamento: calore e benessere per la città PREMESSA:

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl

MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl MAREMMANA ECOLOGIA SRL Punti vendita carburante: elementi gestionali ed operativi relativi ad aspetti ambientali ECOLIQUID Srl 06 BioDiesel e batteri Prevenire è meglio che curare BioDiesel BioDiesel e

Dettagli

Barry Pickthall Il motore diesel Guida per individuare e risolvere ogni tipo di problema. Traduzione di Marco Tisselli

Barry Pickthall Il motore diesel Guida per individuare e risolvere ogni tipo di problema. Traduzione di Marco Tisselli Barry Pickthall Il motore diesel Guida per individuare e risolvere ogni tipo di problema Traduzione di Marco Tisselli INDICE Introduzione pag. 7 1. FUNZIONAMENTO DI UN MOTORE DIESEL Funzionamento di pag.

Dettagli

9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL

9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL 9-10 MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA e MOTORE DIESEL DIFFERENZE TRA MOTORE A SCOPPIO E DIESEL Il motore a scoppio aspira attraverso i cilindri una miscela esplosiva di aria e benzina nel carburatore, questa

Dettagli

vosges vosges I Nostri Sistemi super magnetic Tecnologia del futuro water treatment systems

vosges vosges I Nostri Sistemi super magnetic Tecnologia del futuro water treatment systems super magnetic water treatment systems vosges Tecnologia del futuro VOSGES di Moreno Beggio Via Roma, 133 36040 TORRI DI QUARTESOLO - Vicenza Tel. 0444 387119 r. a. - Fax 0444 264228 www.vosges-italia.it

Dettagli