Articolo pubblicato sulla rivista Commercio Internazionale IPSOA, n.8/2000, pagg.5 e seguenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo pubblicato sulla rivista Commercio Internazionale IPSOA, n.8/2000, pagg.5 e seguenti"

Transcript

1 E COMMERCE, LE REGOLE DI UNA RIVOLUZIONE ANNUNCIATA Articolo pubblicato sulla rivista Commercio Internazionale IPSOA, n.8/2000, pagg.5 e seguenti L E-commerce (o commercio elettronico, o E-business) ha ormai perso i suoi connotati pionieristici, assumendo per contro anche nel nostro paese una posizione preminente nella conclusione di transazioni commerciali. La tumultuosa crescita dell automatizzazione delle transazioni deve essere imputata sia alla rapidissima diffusione di strumenti per l elaborazione di dati via rete (Internet, EDI, Wan, ecc.) tra i consumatori finali dei prodotti da commercializzare, sia alla pronta attenzione degli organi legislativi nazionali, volta a riempire il vuoto normativo creatosi nel momento in cui si è giunti dalle usuali forme di commercio al fenomeno della cosiddetta delocalizzazione delle transazioni. Prima di addentrarci negli aspetti più propriamente giuridici del commercio elettronico Per un analisi di questi temi sotto il profilo fiscale cfr. La Naia-Gardenal, E-commerce, per ora il fisco si adatta in Commercio Internazionale n.5/2000, p.7, è forse il caso di cercare di fornire una definizione a questo fenomeno, intendendolo come quella particolare transazione in cui le parti interagiscono nella fase preparatoria o di conclusione del contratto non fisicamente ma con l uso di mezzi di comunicazione elettronica. Le parti, in altri termini, eliminano dalla transazione gli usuali scambi fisici o i contatti diretti e utilizzano strumenti virtuali per porre in essere almeno uno degli elementi del contratto. Potranno dunque essere virtuali lo stesso contratto o un ordine di acquisto o di vendita, la manifestazione della volontà, la sottoscrizione, l elemento fisico della consegna del bene (si pensi a un software inviato via ) o la tipologia di pagamento. COMMERCIO ELETTRONICO DI TUTTI I TIPI A seconda poi del ventaglio di possibilità che verranno effettivamente utilizzate dai contraenti nel concludere la transazione, si distingue usualmente tra differenti tipologie di commercio elettronico: - Commercio elettronico in senso stretto, quando tutti gli elementi della transazione (contratto, consegna, pagamento) avvengono per via telematica; - Commercio elettronico in senso lato, quando almeno uno dei summenzionati elementi non viene effettuato in maniera telematica a causa, ad esempio, della materialità del bene compravenduto. Si suole poi distinguere tra: - Commercio elettronico diretto, quando la vendita dei beni avviene per via telematica ma la consegna del prodotto all acquirente avviene invece secondo le tipologie tradizionali (ad esempio, vendita di libri on-line); - Commercio elettronico indiretto, quando anche la consegna, del bene o la prestazione di servizi, successiva alla transazione, è effettuata per via telematica (per esempio, vendita di software da trasferire direttamente sull hard disk del computer dell acquirente). In considerazione della posizione sul piano imprenditoriale detenuta dalle parti che intervengono nella transazione, si tende infine a distinguere tra commercio elettronico - business to business (o electronic trading), che vede la partecipazione nella transazione di un venditore e di un acquirente, entrambi operatori economici; - business to consumer (o electronic shopping), dove l operatore economico si rivolge direttamente ad un pubblico di consumatori.

2 VECCHIE REGOLE E NUOVI CONTRATTI Come sopra accennato, il passaggio dalle usuali forme di commercio all e-commerce è stato compiuto e si compie tutt oggi anche grazie al costante adeguamento delle fonti normative. Nel momento in cui è stata superata la stessa struttura tradizionale del contratto e del documento cartaceo, il primo problema che si sono posti gli operatori del diritto è stato di verificare se le regole codificate in materia di negozi giuridici potevano applicarsi anche alle nuove forme di manifestazione della volontà per via telematica. Il problema non era di poco conto, visto e considerato che dovevano risolversi questioni di estrema importanza, quali la forma del contratto (ad probationem e ad subsantiam), la certezza della provenienza dell atto, le forme di manifestazione del consenso, l efficacia probatoria, il momento e il luogo di conclusione e, più generalmente, l'assimilabilità del documento informatico al documento cartaceo. Introducendo il concetto e le specifiche della firma digitale, per mezzo della quale si conferisce validità giuridica al documento elettronico, il legislatore italiano, con una inusuale velocità reattiva, ha parzialmente adeguato le nostre fonti normative alle nuove esigenze dei mercati La disciplina del documento informatico in Italia si è realizzata fino ad ora in tre fasi successive: 1. dapprima con l art. 15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n.59 ( Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni e agli enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa ); 2. quindi con il d.p.r. 10 novembre 1997 n.513 contenente il Regolamento recante criteri e modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con contenuti informatici e telematici a norma dell art.15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n 59, che a sua volta rinvia ad un emanando Decreto di attuazione del Presidente del Consiglio dei Ministri; 3. infine, con il Decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri, approvato in data LA FIRMA DIGITALE E LA CRITTOGRAFIA ASIMMETRICA Prima di approfondire l esame della nuova normativa, è forse il caso di tentare di spiegare il sistema di crittografia asimmetrica che è presupposto tecnologico sia della firma digitale che del documento informatico. Una volta stabilita sul piano giuridico l equivalenza della firma tradizionale e della firma digitale, il sistema della crittografia asimmetrica permette alla firma digitale di assolvere le funzioni tipiche della firma tradizionale. La scienza crittografica, applicando un algoritmo matematico ad una serie di caratteri alfanumerici intelligibili a chiunque, permette di rendere assolutamente incomprensibile un testo per chiunque tranne che per il destinatario dello stesso. Permette altresì di garantire sia l autenticità del testo cifrato che la sua integrità. La crittografia asimmetrica, o a chiave pubblica, basa il suo funzionamento per la cifratura dei documenti su una coppia di chiavi diverse tra loro; l utilizzatore della firma digitale è in possesso sia di una chiave privata, conosciuta solo da se stesso, che di una chiave pubblica conoscibile da parte di chiunque. Le due chiavi sono tra loro complementari, nel senso che ognuna consente di sbloccare il codice dell altra. Esse sono altresì indipendenti, nel senso che avendo la conoscenza della chiave pubblica non è possibile risalire alla chiave privata.

3 La disciplina del documento informatico in Italia si è realizzata fino ad ora in tre fasi successive: 1. dapprima con l art. 15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n.59 ( Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni e agli enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa ); 2. quindi con il d.p.r. 10 novembre 1997 n.513 contenente il Regolamento recante criteri e modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con contenuti informatici e telematici a norma dell art.15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n 59, che a sua volta rinvia ad un emanando Decreto di attuazione del Presidente del Consiglio dei Ministri; 3. infine, con il Decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri, approvato in data Vediamo ora di fare qualche esempio pratico per verificare le modalità di funzionamento della crittografia asimmetrica, e le garanzie che essa offre. - Autenticità e integrità del documento. Il mittente A cifra il documento con la sua chiave privata; il destinatario B decifra il documento con la chiave pubblica del mittente, a lui nota. In questo modo, B riceve un documento che non può essergli stato inviato che da A, altrimenti non sarebbe riuscita l operazione di decifratura. Ugualmente, per il fatto stesso che la decifratura sia riuscita, significa che il documento è integro e non è stato modificato. - Segretezza del documento. Il mittente A cifra il documento con la chiave pubblica del destinatario B; il destinatario decifra il documento mediante l utilizzo della propria chiave privata; - Segretezza, autenticità e integrità del documento. Il mittente A cifra il documento con la sua chiave privata e con la chiave pubblica del destinatario B; il destinatario decifra il documento con la sua chiave privata e con la chiave pubblica del mittente; - Data e ora della trasmissione del documento. Al fine di acquisire la prova del momento in cui avviene la trasmissione di un documento, si è pensato di ricorrere alla funzione di time stamping. In pratica, colui che è interessato ad avere un riscontro sicuro del momento in cui un dato documento è stato trasmesso, veicola il proprio documento verso il computer di un autorità preposta a questa funzione, la quale certifica la marcatura temporale e gira il documento al destinatario. - Autenticazione della firma digitale. E ora legislativamente contemplata la possibilità di autenticazione della firma digitale (DPR n. 513 /97). Il meccanismo è semplice: il notaio o il pubblico ufficiale appongono la propria firma digitale all atto da certificare, così attestando che la firma digitale è stata apposta in sua presenza dal titolare, previo accertamento della sua identità personale. Dispone infatti l articolo 16, n.3 del citato D.p.r. che l apposizione della firma digitale da parte del pubblico ufficiale integra e sostituisce ad ogni fine di legge l apposizione di sigilli, punzoni, timbri, contrassegni e marchi comunque previsti. La firma così apposta dovrà ritenersi riconosciuta ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 2703 del codice civile. L AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE L istituzione dell autorità di certificazione risponde alla funzione di garantire al destinatario di un documento la certezza sull identità del soggetto che si qualifica come autore del documento medesimo. L autorità di certificazione svolge quindi il fondamentale compito di garantire la corrispondenza tra la coppia di chiavi e l identità personale del soggetto al quale le stesse si riferiscono, certificando tale corrispondenza e curando che ogni evento successivo (estinzione, revoca, modifica, sospensione) riceva adeguata pubblicità.

4 Le chiavi pubbliche vengono poi raccolte e conservate a cura dell autorità di certificazione in un apposito archivio elettronico, chiamato key repository, consultabile on line da chiunque abbia interesse a ottenere notizie su di una determinata chiave pubblica e sul titolare di essa. In virtù di quanto finora esposto, sembra agevole concludere che la firma elettronica ed il documento informatico, proprio per le modalità rigorose con cui sono normativamente strutturati, non solo assolvono alle funzioni tipiche della firma tradizionale, ma anzi rafforzano per certi aspetti la valenza identificativa e probatoria del documento informatico rispetto a quello cartaceo. NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO Uno dei maggiori limiti incontrati dall e-commerce nel suo pur rapido sviluppo, è riscontrabile nelle problematiche relative ai sistemi di pagamento. Il commercio on-line, infatti, non riesce apparentemente a risolvere alcune questioni di ordine pratico quali l imputazione, la prova, la sicurezza e l integrità dei pagamenti. Lo sviluppo dell e-business appare al momento subordinato alla realizzazione di modalità di pagamento capaci di evitare quanto più i rischi e capaci di fornire una giusta sicurezza sulle succitate questioni. Tanto premesso, vediamo di illustrare brevemente i nuovi sistemi di pagamento, quali la moneta elettronica e le carte di credito con protocollo Set. Detti strumenti sono attualmente ancora in fase di studio ma dovrebbero iniziare ad imporsi sul mercato entro breve tempo. Grazie alla loro elaborazione, effettuata tenendo in considerazione proprio le specifiche problematiche sottese all utilizzo della rete, appare plausibile pensare che con la loro introduzione verrà garantita la sicurezza delle transazioni commerciali nel Web. I RISCHI DELLA CARTA DI CREDITO TRADIZIONALE L usuale pagamento a mezzo carta di credito, nato negli anni 60 in un epoca sicuramente antecedente alla diffusione di Internet, è costantemente criticato a causa della sua intrinseca pericolosità per il buon fine della transazione. Si teme infatti che, una volta che l acquirente trasmette al fornitore i propri dati (numero di carta, identità del titolare, scadenza) attraverso Internet, gli stessi potrebbero essere intercettati da terzi ed utilizzati abusivamente. In realtà, il problema sopra esposto potrebbe astrattamente realizzarsi anche al di fuori di Internet, mediante il normale utilizzo della carta di credito: nella ricevuta che rimane in mano al negoziante sono ben presenti gli estremi della nostra carta di credito (numero di carta, identità del titolare e scadenza). La parte che potrebbe essere in astratto maggiormente lesa dall effettuazione di un pagamento a distanza mediante carta di credito è piuttosto il venditore. L Associazione Bancaria Italiana (ABI) ha infatti predisposto delle regole contrattuali e procedurali comunemente adottate dagli istituti di credito che impongono a carico di chi riceve un pagamento a mezzo carta di credito l onere di far sottoscrivere un ordine di pagamento e di verificare l identità tra la sottoscrizione apposta sullo stesso e la sottoscrizione apposta sulla carta di credito. Evidentemente, nelle transazioni via Internet dove manca la sottoscrizione dell ordine, è del tutto impossibile adempiere all obbligo in questione, con l ovvio effetto che il venditore non può essere sicuro dell identità dell acquirente.

5 Ne discende una duplice considerazione: - il venditore che ha accettato il pagamento senza verificare l identità tra titolare della carta di credito e acquirente, appare essere in una posizione giuridicamente molto debole; - l acquirente, per contro, potrà validamente fruire di una tutela molto ampia. Potrà proporre azione di nullità del contratto nei confronti del venditore visto che potrà sostenere, non avendo firmato nulla, di non avere espresso la propria volontà formativa del contratto. Potrà altresì ottenere dall istituto di credito emittente il risarcimento (in forza del disposto di cui all art. B del D.L. 185/99) della somma fraudolentemente pagata. La banca peraltro non potrà validamente sollevare una ipotetica responsabilità del titolare per ritardo nella comunicazione di smarrimento, visto e considerato che un uso illecito della propria carta può essere fatto da terzi, anche se il titolare rimane nella effettiva disponibilità della stessa. LE NUOVE CARTE DI CREDITO CON PROTOCOLLO SET Al fine di migliorare la sicurezza dei pagamenti a mezzo carta di credito, nel febbraio 1996 è stato sviluppato uno specifico protocollo denominato Set (Secure electronic transaction) che si basa sulla medesima tecnologia della firma digitale, ossia la crittografia asimmetrica. Il sistema SET garantisce: - la confidenzialità delle informazioni trattate, - l integrità dei messaggi, - la certificazione di autenticità delle parti coinvolte nella transazione. Esso funziona nel modo seguente: - il titolare della carta di credito Set riceve dalla banca emittente un certificato criptato in forza del quale il titolare è identificato univocamente dall istituto di credito. Il titolare registra sul suo computer il certificato; - nel momento in cui il titolare decide di effettuare un pagamento via Internet, la banca è in grado di certificare al venditore se chi sta utilizzando la carta è l effettivo titolare della stessa. Così facendo, la banca si sostituisce al venditore nell onere di verificare la corrispondenza tra la firma di chi effettua il pagamento e la firma apposta sul retro della carta di credito, onere che ovviamente, nelle transazioni via Internet, risulterebbe impossibile da assolvere. In questo modo chi riceve il pagamento risulta essere maggiormente garantito visto che in caso di problemi potrà tutelarsi sia nei confronti dell acquirente che ha negligentemente permesso che altri utilizzassero per lui la carta Set, sia nei confronti dell istituto emittente che, alla prova dei fatti, non ha saputo garantire un sistema sicuro ed inviolabile. I nuovi contratti delle carte di credito Set imporranno inoltre in capo al titolare un rigoroso onere di custodia del certificato. Se si verificasse l ipotesi che qualcuno, fraudolentemente o con il consenso del titolare, venga a conoscenza del certificato e del numero della carta di credito, il titolare non potrà contestare l eventuale esborso addebitatogli fintanto che non abbia provveduto a denunciare all istituto di credito emittente la violazione di sicurezza. LA MONETA ELETTRONICA L e-cash si pone come l equivalente elettronico del denaro contante. I primi a sperimentare questo tipo di transazione sono stati organismi bancari del calibro della Mark Twain Bank negli Stati Uniti e della Deutsche Bank in Europa. La moneta elettronica è costituita da un software che incorpora un credito acquistato contro contanti presso un istituto di credito emittente.

6 L utilizzo dell e-cash è molto simile a quello della carta telefonica prepagata: l acquirente acquista presso un istituto di credito autorizzato un diritto di spesa che viene trasferito su file o su apposita smart card. La carta può essere ricaricata dall utente presso il proprio conto corrente bancario, per via telefonica o allo sportello automatico. Una volta acquistata la moneta elettronica, l effettuazione della transazione avviene in questi termini: - il consumatore carica il software acquistato sul suo computer e si collega al sito di un commerciante che ha precedentemente stipulato una convenzione con l istituto emittente, il quale accetta la moneta elettronica in pagamento; - a questo punto, si attiva un operazione triangolare che vede l intervento dell istituto emittente. Quest ultimo verifica i codici criptati della moneta spesa dal consumatore e certifica la bontà del pagamento al venditore; - infine, il software registra la transazione cancellando la somma spesa dalla disponibilità del consumatore, contestualmente assegnandola al venditore. E I CONTRATTI? Si accennava alle difficoltà legate al vuoto normativo che circonda tuttora in larga misura le vicende del contratto concluso mediante le nuove forme telematiche. Sempre più urgente appare la necessità di dare una risposta alla crescente domanda di certezza giuridica che sale dagli operatori dell e-commerce. Il commercio elettronico, infatti, mette in crisi i tradizionali criteri interpretativi in tema, ad esempio, di modalità di conclusione del contratto, di prova del contratto, di tutela contro le clausole abusive, o anche di competenza giurisdizionale o di legge applicabile, qualora venditore e acquirente risiedano in Paesi differenti. In questo panorama, le novità sopra descritte in tema di disciplina della firma digitale rappresentano per l operatore economico un primo passo, assai significativo, in direzione di una maggiore certezza nella disciplina delle transazioni commerciali elettroniche. In una realtà economica sempre più proiettata verso una dimensione internazionale del commercio, si pone l esigenza di rispondere al quesito sulla legge applicabile e sul giudice competente a risolvere le controversie nascenti da transazioni internazionali concluse attraverso Internet. Tale esigenza appare ancora maggiore se si considera che in questo momento non sono ancora state ratificate specifiche convenzioni internazionali per questa materia. LA LEGGE APPLICABILE La legge italiana, come è noto, prevede una disposizione valida in generale per tutte le obbligazioni contrattuali, e dunque anche per questo genere di contratti. Si tratta dell articolo 57 della legge 31 maggio 1995 n.218 di riforma del diritto internazionale privato, ove si legge che le obbligazioni contrattuali sono in ogni caso regolate dalla Convenzione di Roma del 19 giugno 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali, resa esecutiva con la legge 18 dicembre 1984 n.975, senza pregiudizio delle altre convenzioni internazionali in quanto applicabili. La Convenzione di Roma vede con favore la libera scelta delle parti circa la legge applicabile, che rappresenta il principale criterio di collegamento (articolo 3).

7 Accanto a questo, c è il criterio della legge del paese con il quale il contratto presenta il collegamento più stretto. In particolare, la legge presume che il collegamento più stretto sia con il paese con il quale la parte che deve fornire la prestazione caratteristica ha la propria residenza abituale o, nel caso di persone giuridiche, l amministrazione centrale. Il riferimento alle altre convenzioni internazionali di cui all articolo 57 potrebbe trovare qualche applicazione alla contrattazione internazionale telematica in relazione alla nota Convenzione internazionale di Vienna del 1980 sulla vendita internazionale di beni mobili. Va però osservato che l applicazione delle norme di questa Convenzione potrebbe essere in realtà piuttosto limitata, perché essa stessa afferma (art.1.2 lett. a) che la convenzione non si applica alle vendite di beni mobili acquistati per uso personale familiare o domestico, a meno che il venditore, in un qualsiasi momento anteriore alla conclusione o al momento di concludere il contratto non sapesse che i beni erano acquistati per tale uso. E il caso di osservare, al di là dei dubbi e delle incertezze, che la transazione conclusa via Internet, pur con tutte le novità e le particolarità che la contraddistinguono, non è tuttavia una transazione astratta dal tempo e dallo spazio: la tecnologia consente infatti di giungere, tramite il server, ad identificare l ubicazione del personal computer del mittente e del destinatario, consentendo in tal modo di rendere applicabili le norme di legge sul momento e sul luogo di conclusione del contratto, dalle quali discendono anche i criteri di identificazione della legge e del foro competente in mancanza di scelta delle parti. CONSUMATORE PROTETTO ANCHE ON-LINE Va piuttosto sottolineata l incidenza che potranno avere nel settore che stiamo esaminando (in particolare nell importante sottocategoria definita business to consumer) le norme di diritto comunitario a tutela dei consumatori introdotte in Europa negli ultimi anni. Intendiamo qui riferirci in modo particolare alle norme: - sulla tutela contro le clausole abusive, - sulla vendita a distanza - sulla tutela della privacy. Il Codice civile italiano sin dal momento della sua stesura originaria prevedeva, agli articoli 1341 e 1342, un onere per la parte predisponente condizioni generali di contratto, vale a dire l onere di portarle preventivamente a conoscenza dell altra parte del contratto: se poi tali clausole avessero avuto carattere vessatorio, a tale onere si aggiungeva quello della specifica approvazione per iscritto. Queste regole naturalmente dovranno ricevere integrale applicazione anche ai contratti via Internet. A questo proposito, si ritiene di distinguere il caso in cui alcune fasi contrattuali avvengano off - line (nel qual caso la richiesta sottoscrizione sarà realizzabile agevolmente su apposito supporto cartaceo) da quello in cui l operazione avvenga interamente on - line, nel qual caso si renderà necessario ricorrere alla sopra descritta metodologia della firma digitale. Quanto sopra vale in via generale; nel segmento specifico detto business to consumer si dovrà prestare molta attenzione alla rigida normativa a protezione dei consumatori introdotta dal legislatore italiano in attuazione della direttiva n.93/13/cee. Si tratta per la precisione della legge 6 febbraio 1996 n.52, che ha introdotto nel Codice civile con il nuovo articolo 1469-bis una nutrita serie di clausole da valutarsi abusive fino a prova contraria. Tale prova contraria consiste nel dimostrare che le stesse siano state fatte oggetto di specifica trattativa.

8 Potrebbe essere facile osservare che nei contratti conclusi in via telematica questa trattativa non sussiste e ricavarne tout court la conclusione che tutte queste clausole sono invalide; in realtà questa conclusione è opinabile, se si considera che l utente di Internet può essere identificato in un soggetto culturalmente preparato ed evoluto al quale potrebbe non essere giustificata l estensione della ratio di tutela in quanto parte oggettivamente debole del contratto che è riconosciuta in generale al consumatore. LA LEGGE DELLE PARTI: QUALE PREVALE? Sempre in tema di tutela del consumatore, non si può tacere il particolare profilo di tutela presente nella Convenzione di Roma del 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali. L articolo 5, comma 3, prevede che, in mancanza di scelta della legge applicabile e in deroga a quanto disposto dall articolo 4 (che pone come si è osservato il criterio del collegamento più stretto) il contratto andrà sottoposto alle legge del paese nel quale il consumatore ha la sua residenza abituale. Di solito, tuttavia, il professionista (cioè l imprenditore) che offre beni e servizi via Internet tende ad indicare come applicabile la legge del proprio paese. In questo caso, entra in gioco il comma 2 dell articolo 5 della Convenzione, secondo il quale la scelta ad opera delle parti della legge applicabile non può avere per risultato di privare il consumatore della protezione garantitagli dalle disposizioni imperative della legge del paese nel quale risiede abitualmente, se la conclusione del contratto è stata preceduta in tale paese da una proposta specifica o da una pubblicità e se il consumatore ha compiuto nello stesso paese gli atti necessari per la conclusione del contratto. La norma pare adattarsi bene alla fattispecie del contratto telematico, dove si verifica la accettazione di una proposta di contratto proveniente in certi casi da un operatore residente in altro Stato. VENDITE FUORI NEGOZIO E VENDITE A DISTANZA Nel novero delle norme inderogabili dell ordinamento cui appartiene il consumatore possiamo senz altro inserire quelle introdotte recentemente in Italia in attuazione di due direttive comunitarie. Si tratta, per l esattezza: - del decreto legislativo 15 gennaio 1992 n.50 di attuazione della direttiva n.85/577/cee in materia di contratti negoziati fuori dei locali commerciali, e - del decreto legislativo 22 maggio 1999 n.185 che ha dato attuazione alla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 maggio 1997 n.97/ 7 /Ce, che si occupa della protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza. Il contratto a distanza viene espressamente definito dalla legge come il contratto avente per oggetto beni o servizi stipulato tra un fornitore e un consumatore nell ambito di un sistema di vendita o di prestazione di servizi a distanza organizzato dal fornitore che, per tale contratto, impiega esclusivamente una o più tecniche di comunicazione a distanza fino alla conclusione del contratto, compresa la conclusione del contratto stesso. Per tecnica di comunicazione a distanza deve intendersi,secondo la legge italiana, qualunque mezzo che, senza la presenza fisica e simultanea del fornitore e del consumatore, possa impiegarsi per la conclusione del contratto tra le dette parti, tra cui, in successivo allegato, viene espressamente menzionata la posta elettronica.

9 Tra gli aspetti più importanti di questa recente normativa vi sono: - il diritto irrinunciabile di recesso che il consumatore si vede riconosciuto entro il termine di : - sette giorni dal ricevimento della merce nel caso generale di vendita conclusa fuori dai locali commerciali (art. 6 del Dlgs.50/1992), - dieci giorni dal ricevimento del bene da parte del consumatore nel caso delle vendite a distanza (art. 5 Dlgs 185 /1999); - dall altro lato, il diritto del consumatore a ricevere una serie di informazioni preventivamente alla conclusione del contratto; informazioni che concernono, ad esempio, l identità e l indirizzo del fornitore, le caratteristiche essenziali del bene e del servizio, il prezzo comprese le spese di consegna, le modalità del pagamento e quelle di consegna del bene, le modalità di esercizio del recesso, etc.. La nuova legge impone che le informazioni, il cui scopo commerciale deve essere inequivocabile, devono essere fornite in modo chiaro e comprensibile, con ogni mezzo adeguato alla tecnica di comunicazione a distanza impiegata, osservando in particolare i principi di buona fede e di lealtà in materia di transazioni commerciali, valutati alla stregua delle esigenze di protezione delle categorie di consumatori particolarmente vulnerabili. Inoltre, le informazioni di cui sopra devono necessariamente essere fatte pervenire al consumatore dopo la conclusione della transazione per iscritto o su altro supporto duraturo a lui accessibile. LA PRIVACY INFORMATICA Il quadro, qui molto sinteticamente esposto, delle norme introdotte in Italia sotto l impulso dell Unione europea e valevoli anche a protezione dell acquirente via Internet si completa -nell attesa che si proceda nell iter di approvazione di una proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che intenderebbe disciplinare taluni aspetti giuridici del commercio elettronico nel mercato interno (proposta già presentata dalla Commissione europea il 23 dicembre 1998 e pubblicata nella Guce 1999/C 30/04) - con le previsioni della legge italiana in materia di tutela della privacy informatica. La normativa in materia di documento informatico rinvia espressamente all applicazione della legge sulla privacy, in particolare in materia di misure di sicurezza per l utilizzo dei documenti informatici (art. 3 comma 4 Dpr 513/97) e di obblighi dell autorità di certificazione (art. 9 comma 2 lett. f, Dpr 513/97). Essa impone attualmente, come è noto, l osservanza di una serie di obblighi pena l applicazione di sanzioni anche pesanti in caso di mancata adozione delle prescritte misure di sicurezza. Tali obblighi sono finalizzati a far sì (si veda l art. 1) che il trattamento dei dati personali (definizione che comprende qualsiasi operazione applicata ai dati stessi, come la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, utilizzo, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione), si svolga nel rispetto delle libertà fondamentali nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all identità personale Ricordiamo brevemente i principali obblighi posti a carico di coloro i quali effettuano il trattamento di dati personali. Innanzitutto, siffatto trattamento può avere luogo unicamente con il consenso espresso dell interessato (art. 11), salvi i casi di esclusione indicati dall art.12. Il trattamento dei cosiddetti dati sensibili (razza, salute, opinioni politiche e religiose, etc.) è invece ammesso soltanto con il consenso scritto dell interessato e previa autorizzazione del garante per la privacy.

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TRENTO DOCUMENTO ELETTRONICO, FIRMA DIGITALE E SICUREZZA IN RETE. INTRODUZIONE ALL ARGOMENTO. A cura di: Eleonora Brioni, Direzione Informatica e Telecomunicazioni ATI NETWORK.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli

2008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari. applicabili all esecuzione di transazioni su titoli 008 Regole di condotta per commercianti di valori mobiliari applicabili all esecuzione di transazioni su titoli Indice Preambolo... 3 A Direttive generali... 4 Art. Base legale... 4 Art. Oggetto... 5 B

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata

Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica certificata Decreto 2 novembre 2005 Regole tecniche per la formazione, la trasmissione e la validazione, anche temporale, della posta elettronica IL MINISTRO PER L'INNOVAZIONE E LE TECNOLOGIE - Visto l articolo 17

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI VIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Approvato con deliberazione di G.C. n. 73 del 28.11.2000 INDICE TITOLO 1 ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART.

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy Una delle principali semplificazioni introdotte dal D.Lgs. n. 196 del 30-6-2003 riguarda l adempimento della notificazione al Garante, ovvero

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale

La par condicio. Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale La par condicio Sintesi dei principali adempimenti per l emittenza radiotelevisiva locale Par condicio fonti normative Legge 515/93 (Disciplina delle campagne elettorali per l elezione alla Camera dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI

CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DI GETYOURHERO PER GLI UTENTI GetYourHero S.L., con sede legale in Calle Aragón 264, 5-1, 08007 Barcellona, Spagna, numero di identificazione fiscale ES-B66356767, rappresentata

Dettagli

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali

Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 relativo alla protezione dei dati personali DATAMATIC S.p.A DOCUMENTO PROGRAMMATICO SULLA SICUREZZA DEI DATI Allegato 5 - Informativa Clienti e Fornitori Oggetto: Informativa ai sensi e per gli effetti dell articolo 13 del D. Lgs. n. 196 del 30

Dettagli

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali

La procedura della contrattazione decentrata integrativa. Comparto Regioni e Autonomie locali La procedura della contrattazione decentrata integrativa Comparto Regioni e Autonomie locali Marzo 2013 INDICE 1. Introduzione... 2 2. Le fasi della procedura... 3 3. Nomina delegazione di parte pubblica...

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO

CONTRATTO DI SERVIZIO Il presente contratto si basa su un accordo quadro stipulato fra l Associazione provinciale delle organizzazioni turistiche dell'alto Adige (LTS), le Associazioni e i Consorzi turistici dell Alto Adige

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità

CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI. presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità CURATORI E INFORMATIZZAZIONE PROCEDURE CONCORSUALI presentazione novità Legge 221/2012 e Legge Stabilità Zucchetti Software Giuridico srl - Viale della Scienza 9/11 36100 Vicenza tel 0444 346211 info@fallco.it

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430.

Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Regolamento del Concorso a premi Con Penny vinci 20 Toyota Ai sensi dell art. 11 del Decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 2001 n 430. Ditta Promotrice Billa Aktiengesellschaft sede secondaria

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l.

Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. TERMINI E CONDIZIONI Smartphone Innovations S.r.l. gestisce il sito www.stonexone.com ( Sito ). Smartphone Innovations S.r.l. ha predisposto le seguenti Condizioni generali per l utilizzo del Servizio

Dettagli