Articolo pubblicato sulla rivista Commercio Internazionale IPSOA, n.8/2000, pagg.5 e seguenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo pubblicato sulla rivista Commercio Internazionale IPSOA, n.8/2000, pagg.5 e seguenti"

Transcript

1 E COMMERCE, LE REGOLE DI UNA RIVOLUZIONE ANNUNCIATA Articolo pubblicato sulla rivista Commercio Internazionale IPSOA, n.8/2000, pagg.5 e seguenti L E-commerce (o commercio elettronico, o E-business) ha ormai perso i suoi connotati pionieristici, assumendo per contro anche nel nostro paese una posizione preminente nella conclusione di transazioni commerciali. La tumultuosa crescita dell automatizzazione delle transazioni deve essere imputata sia alla rapidissima diffusione di strumenti per l elaborazione di dati via rete (Internet, EDI, Wan, ecc.) tra i consumatori finali dei prodotti da commercializzare, sia alla pronta attenzione degli organi legislativi nazionali, volta a riempire il vuoto normativo creatosi nel momento in cui si è giunti dalle usuali forme di commercio al fenomeno della cosiddetta delocalizzazione delle transazioni. Prima di addentrarci negli aspetti più propriamente giuridici del commercio elettronico Per un analisi di questi temi sotto il profilo fiscale cfr. La Naia-Gardenal, E-commerce, per ora il fisco si adatta in Commercio Internazionale n.5/2000, p.7, è forse il caso di cercare di fornire una definizione a questo fenomeno, intendendolo come quella particolare transazione in cui le parti interagiscono nella fase preparatoria o di conclusione del contratto non fisicamente ma con l uso di mezzi di comunicazione elettronica. Le parti, in altri termini, eliminano dalla transazione gli usuali scambi fisici o i contatti diretti e utilizzano strumenti virtuali per porre in essere almeno uno degli elementi del contratto. Potranno dunque essere virtuali lo stesso contratto o un ordine di acquisto o di vendita, la manifestazione della volontà, la sottoscrizione, l elemento fisico della consegna del bene (si pensi a un software inviato via ) o la tipologia di pagamento. COMMERCIO ELETTRONICO DI TUTTI I TIPI A seconda poi del ventaglio di possibilità che verranno effettivamente utilizzate dai contraenti nel concludere la transazione, si distingue usualmente tra differenti tipologie di commercio elettronico: - Commercio elettronico in senso stretto, quando tutti gli elementi della transazione (contratto, consegna, pagamento) avvengono per via telematica; - Commercio elettronico in senso lato, quando almeno uno dei summenzionati elementi non viene effettuato in maniera telematica a causa, ad esempio, della materialità del bene compravenduto. Si suole poi distinguere tra: - Commercio elettronico diretto, quando la vendita dei beni avviene per via telematica ma la consegna del prodotto all acquirente avviene invece secondo le tipologie tradizionali (ad esempio, vendita di libri on-line); - Commercio elettronico indiretto, quando anche la consegna, del bene o la prestazione di servizi, successiva alla transazione, è effettuata per via telematica (per esempio, vendita di software da trasferire direttamente sull hard disk del computer dell acquirente). In considerazione della posizione sul piano imprenditoriale detenuta dalle parti che intervengono nella transazione, si tende infine a distinguere tra commercio elettronico - business to business (o electronic trading), che vede la partecipazione nella transazione di un venditore e di un acquirente, entrambi operatori economici; - business to consumer (o electronic shopping), dove l operatore economico si rivolge direttamente ad un pubblico di consumatori.

2 VECCHIE REGOLE E NUOVI CONTRATTI Come sopra accennato, il passaggio dalle usuali forme di commercio all e-commerce è stato compiuto e si compie tutt oggi anche grazie al costante adeguamento delle fonti normative. Nel momento in cui è stata superata la stessa struttura tradizionale del contratto e del documento cartaceo, il primo problema che si sono posti gli operatori del diritto è stato di verificare se le regole codificate in materia di negozi giuridici potevano applicarsi anche alle nuove forme di manifestazione della volontà per via telematica. Il problema non era di poco conto, visto e considerato che dovevano risolversi questioni di estrema importanza, quali la forma del contratto (ad probationem e ad subsantiam), la certezza della provenienza dell atto, le forme di manifestazione del consenso, l efficacia probatoria, il momento e il luogo di conclusione e, più generalmente, l'assimilabilità del documento informatico al documento cartaceo. Introducendo il concetto e le specifiche della firma digitale, per mezzo della quale si conferisce validità giuridica al documento elettronico, il legislatore italiano, con una inusuale velocità reattiva, ha parzialmente adeguato le nostre fonti normative alle nuove esigenze dei mercati La disciplina del documento informatico in Italia si è realizzata fino ad ora in tre fasi successive: 1. dapprima con l art. 15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n.59 ( Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni e agli enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa ); 2. quindi con il d.p.r. 10 novembre 1997 n.513 contenente il Regolamento recante criteri e modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con contenuti informatici e telematici a norma dell art.15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n 59, che a sua volta rinvia ad un emanando Decreto di attuazione del Presidente del Consiglio dei Ministri; 3. infine, con il Decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri, approvato in data LA FIRMA DIGITALE E LA CRITTOGRAFIA ASIMMETRICA Prima di approfondire l esame della nuova normativa, è forse il caso di tentare di spiegare il sistema di crittografia asimmetrica che è presupposto tecnologico sia della firma digitale che del documento informatico. Una volta stabilita sul piano giuridico l equivalenza della firma tradizionale e della firma digitale, il sistema della crittografia asimmetrica permette alla firma digitale di assolvere le funzioni tipiche della firma tradizionale. La scienza crittografica, applicando un algoritmo matematico ad una serie di caratteri alfanumerici intelligibili a chiunque, permette di rendere assolutamente incomprensibile un testo per chiunque tranne che per il destinatario dello stesso. Permette altresì di garantire sia l autenticità del testo cifrato che la sua integrità. La crittografia asimmetrica, o a chiave pubblica, basa il suo funzionamento per la cifratura dei documenti su una coppia di chiavi diverse tra loro; l utilizzatore della firma digitale è in possesso sia di una chiave privata, conosciuta solo da se stesso, che di una chiave pubblica conoscibile da parte di chiunque. Le due chiavi sono tra loro complementari, nel senso che ognuna consente di sbloccare il codice dell altra. Esse sono altresì indipendenti, nel senso che avendo la conoscenza della chiave pubblica non è possibile risalire alla chiave privata.

3 La disciplina del documento informatico in Italia si è realizzata fino ad ora in tre fasi successive: 1. dapprima con l art. 15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n.59 ( Delega al Governo per il conferimento di funzioni e compiti alle regioni e agli enti locali, per la riforma della pubblica amministrazione e per la semplificazione amministrativa ); 2. quindi con il d.p.r. 10 novembre 1997 n.513 contenente il Regolamento recante criteri e modalità per la formazione, l archiviazione e la trasmissione di documenti con contenuti informatici e telematici a norma dell art.15 comma 2 della legge 15 marzo 1997, n 59, che a sua volta rinvia ad un emanando Decreto di attuazione del Presidente del Consiglio dei Ministri; 3. infine, con il Decreto attuativo del Presidente del Consiglio dei Ministri, approvato in data Vediamo ora di fare qualche esempio pratico per verificare le modalità di funzionamento della crittografia asimmetrica, e le garanzie che essa offre. - Autenticità e integrità del documento. Il mittente A cifra il documento con la sua chiave privata; il destinatario B decifra il documento con la chiave pubblica del mittente, a lui nota. In questo modo, B riceve un documento che non può essergli stato inviato che da A, altrimenti non sarebbe riuscita l operazione di decifratura. Ugualmente, per il fatto stesso che la decifratura sia riuscita, significa che il documento è integro e non è stato modificato. - Segretezza del documento. Il mittente A cifra il documento con la chiave pubblica del destinatario B; il destinatario decifra il documento mediante l utilizzo della propria chiave privata; - Segretezza, autenticità e integrità del documento. Il mittente A cifra il documento con la sua chiave privata e con la chiave pubblica del destinatario B; il destinatario decifra il documento con la sua chiave privata e con la chiave pubblica del mittente; - Data e ora della trasmissione del documento. Al fine di acquisire la prova del momento in cui avviene la trasmissione di un documento, si è pensato di ricorrere alla funzione di time stamping. In pratica, colui che è interessato ad avere un riscontro sicuro del momento in cui un dato documento è stato trasmesso, veicola il proprio documento verso il computer di un autorità preposta a questa funzione, la quale certifica la marcatura temporale e gira il documento al destinatario. - Autenticazione della firma digitale. E ora legislativamente contemplata la possibilità di autenticazione della firma digitale (DPR n. 513 /97). Il meccanismo è semplice: il notaio o il pubblico ufficiale appongono la propria firma digitale all atto da certificare, così attestando che la firma digitale è stata apposta in sua presenza dal titolare, previo accertamento della sua identità personale. Dispone infatti l articolo 16, n.3 del citato D.p.r. che l apposizione della firma digitale da parte del pubblico ufficiale integra e sostituisce ad ogni fine di legge l apposizione di sigilli, punzoni, timbri, contrassegni e marchi comunque previsti. La firma così apposta dovrà ritenersi riconosciuta ai sensi e per gli effetti di cui all articolo 2703 del codice civile. L AUTORITÀ DI CERTIFICAZIONE L istituzione dell autorità di certificazione risponde alla funzione di garantire al destinatario di un documento la certezza sull identità del soggetto che si qualifica come autore del documento medesimo. L autorità di certificazione svolge quindi il fondamentale compito di garantire la corrispondenza tra la coppia di chiavi e l identità personale del soggetto al quale le stesse si riferiscono, certificando tale corrispondenza e curando che ogni evento successivo (estinzione, revoca, modifica, sospensione) riceva adeguata pubblicità.

4 Le chiavi pubbliche vengono poi raccolte e conservate a cura dell autorità di certificazione in un apposito archivio elettronico, chiamato key repository, consultabile on line da chiunque abbia interesse a ottenere notizie su di una determinata chiave pubblica e sul titolare di essa. In virtù di quanto finora esposto, sembra agevole concludere che la firma elettronica ed il documento informatico, proprio per le modalità rigorose con cui sono normativamente strutturati, non solo assolvono alle funzioni tipiche della firma tradizionale, ma anzi rafforzano per certi aspetti la valenza identificativa e probatoria del documento informatico rispetto a quello cartaceo. NUOVI STRUMENTI DI PAGAMENTO Uno dei maggiori limiti incontrati dall e-commerce nel suo pur rapido sviluppo, è riscontrabile nelle problematiche relative ai sistemi di pagamento. Il commercio on-line, infatti, non riesce apparentemente a risolvere alcune questioni di ordine pratico quali l imputazione, la prova, la sicurezza e l integrità dei pagamenti. Lo sviluppo dell e-business appare al momento subordinato alla realizzazione di modalità di pagamento capaci di evitare quanto più i rischi e capaci di fornire una giusta sicurezza sulle succitate questioni. Tanto premesso, vediamo di illustrare brevemente i nuovi sistemi di pagamento, quali la moneta elettronica e le carte di credito con protocollo Set. Detti strumenti sono attualmente ancora in fase di studio ma dovrebbero iniziare ad imporsi sul mercato entro breve tempo. Grazie alla loro elaborazione, effettuata tenendo in considerazione proprio le specifiche problematiche sottese all utilizzo della rete, appare plausibile pensare che con la loro introduzione verrà garantita la sicurezza delle transazioni commerciali nel Web. I RISCHI DELLA CARTA DI CREDITO TRADIZIONALE L usuale pagamento a mezzo carta di credito, nato negli anni 60 in un epoca sicuramente antecedente alla diffusione di Internet, è costantemente criticato a causa della sua intrinseca pericolosità per il buon fine della transazione. Si teme infatti che, una volta che l acquirente trasmette al fornitore i propri dati (numero di carta, identità del titolare, scadenza) attraverso Internet, gli stessi potrebbero essere intercettati da terzi ed utilizzati abusivamente. In realtà, il problema sopra esposto potrebbe astrattamente realizzarsi anche al di fuori di Internet, mediante il normale utilizzo della carta di credito: nella ricevuta che rimane in mano al negoziante sono ben presenti gli estremi della nostra carta di credito (numero di carta, identità del titolare e scadenza). La parte che potrebbe essere in astratto maggiormente lesa dall effettuazione di un pagamento a distanza mediante carta di credito è piuttosto il venditore. L Associazione Bancaria Italiana (ABI) ha infatti predisposto delle regole contrattuali e procedurali comunemente adottate dagli istituti di credito che impongono a carico di chi riceve un pagamento a mezzo carta di credito l onere di far sottoscrivere un ordine di pagamento e di verificare l identità tra la sottoscrizione apposta sullo stesso e la sottoscrizione apposta sulla carta di credito. Evidentemente, nelle transazioni via Internet dove manca la sottoscrizione dell ordine, è del tutto impossibile adempiere all obbligo in questione, con l ovvio effetto che il venditore non può essere sicuro dell identità dell acquirente.

5 Ne discende una duplice considerazione: - il venditore che ha accettato il pagamento senza verificare l identità tra titolare della carta di credito e acquirente, appare essere in una posizione giuridicamente molto debole; - l acquirente, per contro, potrà validamente fruire di una tutela molto ampia. Potrà proporre azione di nullità del contratto nei confronti del venditore visto che potrà sostenere, non avendo firmato nulla, di non avere espresso la propria volontà formativa del contratto. Potrà altresì ottenere dall istituto di credito emittente il risarcimento (in forza del disposto di cui all art. B del D.L. 185/99) della somma fraudolentemente pagata. La banca peraltro non potrà validamente sollevare una ipotetica responsabilità del titolare per ritardo nella comunicazione di smarrimento, visto e considerato che un uso illecito della propria carta può essere fatto da terzi, anche se il titolare rimane nella effettiva disponibilità della stessa. LE NUOVE CARTE DI CREDITO CON PROTOCOLLO SET Al fine di migliorare la sicurezza dei pagamenti a mezzo carta di credito, nel febbraio 1996 è stato sviluppato uno specifico protocollo denominato Set (Secure electronic transaction) che si basa sulla medesima tecnologia della firma digitale, ossia la crittografia asimmetrica. Il sistema SET garantisce: - la confidenzialità delle informazioni trattate, - l integrità dei messaggi, - la certificazione di autenticità delle parti coinvolte nella transazione. Esso funziona nel modo seguente: - il titolare della carta di credito Set riceve dalla banca emittente un certificato criptato in forza del quale il titolare è identificato univocamente dall istituto di credito. Il titolare registra sul suo computer il certificato; - nel momento in cui il titolare decide di effettuare un pagamento via Internet, la banca è in grado di certificare al venditore se chi sta utilizzando la carta è l effettivo titolare della stessa. Così facendo, la banca si sostituisce al venditore nell onere di verificare la corrispondenza tra la firma di chi effettua il pagamento e la firma apposta sul retro della carta di credito, onere che ovviamente, nelle transazioni via Internet, risulterebbe impossibile da assolvere. In questo modo chi riceve il pagamento risulta essere maggiormente garantito visto che in caso di problemi potrà tutelarsi sia nei confronti dell acquirente che ha negligentemente permesso che altri utilizzassero per lui la carta Set, sia nei confronti dell istituto emittente che, alla prova dei fatti, non ha saputo garantire un sistema sicuro ed inviolabile. I nuovi contratti delle carte di credito Set imporranno inoltre in capo al titolare un rigoroso onere di custodia del certificato. Se si verificasse l ipotesi che qualcuno, fraudolentemente o con il consenso del titolare, venga a conoscenza del certificato e del numero della carta di credito, il titolare non potrà contestare l eventuale esborso addebitatogli fintanto che non abbia provveduto a denunciare all istituto di credito emittente la violazione di sicurezza. LA MONETA ELETTRONICA L e-cash si pone come l equivalente elettronico del denaro contante. I primi a sperimentare questo tipo di transazione sono stati organismi bancari del calibro della Mark Twain Bank negli Stati Uniti e della Deutsche Bank in Europa. La moneta elettronica è costituita da un software che incorpora un credito acquistato contro contanti presso un istituto di credito emittente.

6 L utilizzo dell e-cash è molto simile a quello della carta telefonica prepagata: l acquirente acquista presso un istituto di credito autorizzato un diritto di spesa che viene trasferito su file o su apposita smart card. La carta può essere ricaricata dall utente presso il proprio conto corrente bancario, per via telefonica o allo sportello automatico. Una volta acquistata la moneta elettronica, l effettuazione della transazione avviene in questi termini: - il consumatore carica il software acquistato sul suo computer e si collega al sito di un commerciante che ha precedentemente stipulato una convenzione con l istituto emittente, il quale accetta la moneta elettronica in pagamento; - a questo punto, si attiva un operazione triangolare che vede l intervento dell istituto emittente. Quest ultimo verifica i codici criptati della moneta spesa dal consumatore e certifica la bontà del pagamento al venditore; - infine, il software registra la transazione cancellando la somma spesa dalla disponibilità del consumatore, contestualmente assegnandola al venditore. E I CONTRATTI? Si accennava alle difficoltà legate al vuoto normativo che circonda tuttora in larga misura le vicende del contratto concluso mediante le nuove forme telematiche. Sempre più urgente appare la necessità di dare una risposta alla crescente domanda di certezza giuridica che sale dagli operatori dell e-commerce. Il commercio elettronico, infatti, mette in crisi i tradizionali criteri interpretativi in tema, ad esempio, di modalità di conclusione del contratto, di prova del contratto, di tutela contro le clausole abusive, o anche di competenza giurisdizionale o di legge applicabile, qualora venditore e acquirente risiedano in Paesi differenti. In questo panorama, le novità sopra descritte in tema di disciplina della firma digitale rappresentano per l operatore economico un primo passo, assai significativo, in direzione di una maggiore certezza nella disciplina delle transazioni commerciali elettroniche. In una realtà economica sempre più proiettata verso una dimensione internazionale del commercio, si pone l esigenza di rispondere al quesito sulla legge applicabile e sul giudice competente a risolvere le controversie nascenti da transazioni internazionali concluse attraverso Internet. Tale esigenza appare ancora maggiore se si considera che in questo momento non sono ancora state ratificate specifiche convenzioni internazionali per questa materia. LA LEGGE APPLICABILE La legge italiana, come è noto, prevede una disposizione valida in generale per tutte le obbligazioni contrattuali, e dunque anche per questo genere di contratti. Si tratta dell articolo 57 della legge 31 maggio 1995 n.218 di riforma del diritto internazionale privato, ove si legge che le obbligazioni contrattuali sono in ogni caso regolate dalla Convenzione di Roma del 19 giugno 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali, resa esecutiva con la legge 18 dicembre 1984 n.975, senza pregiudizio delle altre convenzioni internazionali in quanto applicabili. La Convenzione di Roma vede con favore la libera scelta delle parti circa la legge applicabile, che rappresenta il principale criterio di collegamento (articolo 3).

7 Accanto a questo, c è il criterio della legge del paese con il quale il contratto presenta il collegamento più stretto. In particolare, la legge presume che il collegamento più stretto sia con il paese con il quale la parte che deve fornire la prestazione caratteristica ha la propria residenza abituale o, nel caso di persone giuridiche, l amministrazione centrale. Il riferimento alle altre convenzioni internazionali di cui all articolo 57 potrebbe trovare qualche applicazione alla contrattazione internazionale telematica in relazione alla nota Convenzione internazionale di Vienna del 1980 sulla vendita internazionale di beni mobili. Va però osservato che l applicazione delle norme di questa Convenzione potrebbe essere in realtà piuttosto limitata, perché essa stessa afferma (art.1.2 lett. a) che la convenzione non si applica alle vendite di beni mobili acquistati per uso personale familiare o domestico, a meno che il venditore, in un qualsiasi momento anteriore alla conclusione o al momento di concludere il contratto non sapesse che i beni erano acquistati per tale uso. E il caso di osservare, al di là dei dubbi e delle incertezze, che la transazione conclusa via Internet, pur con tutte le novità e le particolarità che la contraddistinguono, non è tuttavia una transazione astratta dal tempo e dallo spazio: la tecnologia consente infatti di giungere, tramite il server, ad identificare l ubicazione del personal computer del mittente e del destinatario, consentendo in tal modo di rendere applicabili le norme di legge sul momento e sul luogo di conclusione del contratto, dalle quali discendono anche i criteri di identificazione della legge e del foro competente in mancanza di scelta delle parti. CONSUMATORE PROTETTO ANCHE ON-LINE Va piuttosto sottolineata l incidenza che potranno avere nel settore che stiamo esaminando (in particolare nell importante sottocategoria definita business to consumer) le norme di diritto comunitario a tutela dei consumatori introdotte in Europa negli ultimi anni. Intendiamo qui riferirci in modo particolare alle norme: - sulla tutela contro le clausole abusive, - sulla vendita a distanza - sulla tutela della privacy. Il Codice civile italiano sin dal momento della sua stesura originaria prevedeva, agli articoli 1341 e 1342, un onere per la parte predisponente condizioni generali di contratto, vale a dire l onere di portarle preventivamente a conoscenza dell altra parte del contratto: se poi tali clausole avessero avuto carattere vessatorio, a tale onere si aggiungeva quello della specifica approvazione per iscritto. Queste regole naturalmente dovranno ricevere integrale applicazione anche ai contratti via Internet. A questo proposito, si ritiene di distinguere il caso in cui alcune fasi contrattuali avvengano off - line (nel qual caso la richiesta sottoscrizione sarà realizzabile agevolmente su apposito supporto cartaceo) da quello in cui l operazione avvenga interamente on - line, nel qual caso si renderà necessario ricorrere alla sopra descritta metodologia della firma digitale. Quanto sopra vale in via generale; nel segmento specifico detto business to consumer si dovrà prestare molta attenzione alla rigida normativa a protezione dei consumatori introdotta dal legislatore italiano in attuazione della direttiva n.93/13/cee. Si tratta per la precisione della legge 6 febbraio 1996 n.52, che ha introdotto nel Codice civile con il nuovo articolo 1469-bis una nutrita serie di clausole da valutarsi abusive fino a prova contraria. Tale prova contraria consiste nel dimostrare che le stesse siano state fatte oggetto di specifica trattativa.

8 Potrebbe essere facile osservare che nei contratti conclusi in via telematica questa trattativa non sussiste e ricavarne tout court la conclusione che tutte queste clausole sono invalide; in realtà questa conclusione è opinabile, se si considera che l utente di Internet può essere identificato in un soggetto culturalmente preparato ed evoluto al quale potrebbe non essere giustificata l estensione della ratio di tutela in quanto parte oggettivamente debole del contratto che è riconosciuta in generale al consumatore. LA LEGGE DELLE PARTI: QUALE PREVALE? Sempre in tema di tutela del consumatore, non si può tacere il particolare profilo di tutela presente nella Convenzione di Roma del 1980 sulla legge applicabile alle obbligazioni contrattuali. L articolo 5, comma 3, prevede che, in mancanza di scelta della legge applicabile e in deroga a quanto disposto dall articolo 4 (che pone come si è osservato il criterio del collegamento più stretto) il contratto andrà sottoposto alle legge del paese nel quale il consumatore ha la sua residenza abituale. Di solito, tuttavia, il professionista (cioè l imprenditore) che offre beni e servizi via Internet tende ad indicare come applicabile la legge del proprio paese. In questo caso, entra in gioco il comma 2 dell articolo 5 della Convenzione, secondo il quale la scelta ad opera delle parti della legge applicabile non può avere per risultato di privare il consumatore della protezione garantitagli dalle disposizioni imperative della legge del paese nel quale risiede abitualmente, se la conclusione del contratto è stata preceduta in tale paese da una proposta specifica o da una pubblicità e se il consumatore ha compiuto nello stesso paese gli atti necessari per la conclusione del contratto. La norma pare adattarsi bene alla fattispecie del contratto telematico, dove si verifica la accettazione di una proposta di contratto proveniente in certi casi da un operatore residente in altro Stato. VENDITE FUORI NEGOZIO E VENDITE A DISTANZA Nel novero delle norme inderogabili dell ordinamento cui appartiene il consumatore possiamo senz altro inserire quelle introdotte recentemente in Italia in attuazione di due direttive comunitarie. Si tratta, per l esattezza: - del decreto legislativo 15 gennaio 1992 n.50 di attuazione della direttiva n.85/577/cee in materia di contratti negoziati fuori dei locali commerciali, e - del decreto legislativo 22 maggio 1999 n.185 che ha dato attuazione alla direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio del 20 maggio 1997 n.97/ 7 /Ce, che si occupa della protezione dei consumatori in materia di contratti a distanza. Il contratto a distanza viene espressamente definito dalla legge come il contratto avente per oggetto beni o servizi stipulato tra un fornitore e un consumatore nell ambito di un sistema di vendita o di prestazione di servizi a distanza organizzato dal fornitore che, per tale contratto, impiega esclusivamente una o più tecniche di comunicazione a distanza fino alla conclusione del contratto, compresa la conclusione del contratto stesso. Per tecnica di comunicazione a distanza deve intendersi,secondo la legge italiana, qualunque mezzo che, senza la presenza fisica e simultanea del fornitore e del consumatore, possa impiegarsi per la conclusione del contratto tra le dette parti, tra cui, in successivo allegato, viene espressamente menzionata la posta elettronica.

9 Tra gli aspetti più importanti di questa recente normativa vi sono: - il diritto irrinunciabile di recesso che il consumatore si vede riconosciuto entro il termine di : - sette giorni dal ricevimento della merce nel caso generale di vendita conclusa fuori dai locali commerciali (art. 6 del Dlgs.50/1992), - dieci giorni dal ricevimento del bene da parte del consumatore nel caso delle vendite a distanza (art. 5 Dlgs 185 /1999); - dall altro lato, il diritto del consumatore a ricevere una serie di informazioni preventivamente alla conclusione del contratto; informazioni che concernono, ad esempio, l identità e l indirizzo del fornitore, le caratteristiche essenziali del bene e del servizio, il prezzo comprese le spese di consegna, le modalità del pagamento e quelle di consegna del bene, le modalità di esercizio del recesso, etc.. La nuova legge impone che le informazioni, il cui scopo commerciale deve essere inequivocabile, devono essere fornite in modo chiaro e comprensibile, con ogni mezzo adeguato alla tecnica di comunicazione a distanza impiegata, osservando in particolare i principi di buona fede e di lealtà in materia di transazioni commerciali, valutati alla stregua delle esigenze di protezione delle categorie di consumatori particolarmente vulnerabili. Inoltre, le informazioni di cui sopra devono necessariamente essere fatte pervenire al consumatore dopo la conclusione della transazione per iscritto o su altro supporto duraturo a lui accessibile. LA PRIVACY INFORMATICA Il quadro, qui molto sinteticamente esposto, delle norme introdotte in Italia sotto l impulso dell Unione europea e valevoli anche a protezione dell acquirente via Internet si completa -nell attesa che si proceda nell iter di approvazione di una proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio che intenderebbe disciplinare taluni aspetti giuridici del commercio elettronico nel mercato interno (proposta già presentata dalla Commissione europea il 23 dicembre 1998 e pubblicata nella Guce 1999/C 30/04) - con le previsioni della legge italiana in materia di tutela della privacy informatica. La normativa in materia di documento informatico rinvia espressamente all applicazione della legge sulla privacy, in particolare in materia di misure di sicurezza per l utilizzo dei documenti informatici (art. 3 comma 4 Dpr 513/97) e di obblighi dell autorità di certificazione (art. 9 comma 2 lett. f, Dpr 513/97). Essa impone attualmente, come è noto, l osservanza di una serie di obblighi pena l applicazione di sanzioni anche pesanti in caso di mancata adozione delle prescritte misure di sicurezza. Tali obblighi sono finalizzati a far sì (si veda l art. 1) che il trattamento dei dati personali (definizione che comprende qualsiasi operazione applicata ai dati stessi, come la raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, utilizzo, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione), si svolga nel rispetto delle libertà fondamentali nonché della dignità delle persone fisiche, con particolare riferimento alla riservatezza e all identità personale Ricordiamo brevemente i principali obblighi posti a carico di coloro i quali effettuano il trattamento di dati personali. Innanzitutto, siffatto trattamento può avere luogo unicamente con il consenso espresso dell interessato (art. 11), salvi i casi di esclusione indicati dall art.12. Il trattamento dei cosiddetti dati sensibili (razza, salute, opinioni politiche e religiose, etc.) è invece ammesso soltanto con il consenso scritto dell interessato e previa autorizzazione del garante per la privacy.

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi. Milano,

Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi. Milano, Firma digitale: aspetti tecnologici e normativi Milano, Premessa digitale Il presente documento ha la finalità di supportare le Amministrazioni che intendono dotare il proprio personale di digitale, illustrando

Dettagli

Il diritto nell Informatica

Il diritto nell Informatica Il diritto nell Informatica Introduzione L utilizzazione sempre più diffusa dell Informatica nel corso degli anni ha investito tutti gli ambiti della vita sociale. La raccolta, l elaborazione e la trasmissione

Dettagli

La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo. Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo

La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo. Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo La Firma Digitale La sperimentazione nel Comune di Cuneo Pier Angelo Mariani Settore Elaborazione Dati Comune di Cuneo Perchè questa presentazione Il Comune di Cuneo, aderente alla RUPAR, ha ricevuto due

Dettagli

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione

Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Il documento informatico: sottoscrizione e conservazione Prof. Avv. Giusella Finocchiaro Studio legale Finocchiaro www. studiolegalefinocchiaro.it 1 Il quadro normativo Percorso lungo e complesso: normativa

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ALBO ON-LINE Approvato con deliberazione n. 5 del 15.06.2011 INDICE Art. 1 ) Oggetto del Regolamento Art. 2 ) Istituzione e finalità dell Albo on line Art. 3 ) Finalità

Dettagli

R E G O L A M E N T O SUI CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA

R E G O L A M E N T O SUI CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia R E G O L A M E N T O SUI CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA Articolo 11 comma 13 del D.L.gs 163 del 2006 e articolo 15 della Legge 7 Agosto 1990, n. 241, come modificati

Dettagli

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice

Diritto dei mezzi di comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE IX IL DOCUMENTO ELETTRONICO E LA FIRMA DIGITALE PROF. SIMONE OREFICE Indice 1 Il Documento Elettronico e La Firma Digitale ----------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Firma digitale INTRODUZIONE

Firma digitale INTRODUZIONE Firma digitale INTRODUZIONE La firma digitale costituisce uno dei dieci obiettivi del Piano per l e-government. Per quanto riguarda la PA, l obiettivo, abilitante allo sviluppo dei servizi on line, si

Dettagli

(estratto da) 3. Firma digitale, posta elettronica certificata e dematerializzazione Daniela Redolfi

(estratto da) 3. Firma digitale, posta elettronica certificata e dematerializzazione Daniela Redolfi (estratto da) 3. Firma digitale, posta elettronica certificata e dematerializzazione Daniela Redolfi (...) 3.2 Elementi della tecnologia e aspetti legali Il documento cartaceo sottoscritto possiede alcuni

Dettagli

a) GENERAZIONE DELL IMMAGINE DELL ASSEGNO (art. 3 e capitoli 1 e 2 dell Allegato tecnico)

a) GENERAZIONE DELL IMMAGINE DELL ASSEGNO (art. 3 e capitoli 1 e 2 dell Allegato tecnico) Osservazioni a cura di ANORC (Associazione Nazionale Operatori e Responsabili della Conservazione digitale), ANORC Professioni e AIFAG (Associazione Italiana Firma elettronica Avanzata biometrica e grafometrica)

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli TENUTA E CONSERVAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI CON MODALITA INFORMATICHE Documento n. 27 del 24 ottobre 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma tel.: 06/85.440.1 (fax 06/85.440.223)

Dettagli

La firma digitale CHE COSA E'?

La firma digitale CHE COSA E'? La firma digitale La Firma Digitale è il risultato di una procedura informatica che garantisce l autenticità e l integrità di messaggi e documenti scambiati e archiviati con mezzi informatici, al pari

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO - PUBBLICITA LEGALE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto del 5 Novembre 2013 Il presente regolamento entra in vigore il

Dettagli

Introduzione al commercio elettronico

Introduzione al commercio elettronico Introduzione al commercio elettronico Definizioni di commercio elettronico Comunicazione della Commissione europea al parlamento europeo, al Consiglio, al comitato economico e sociale ed al comitato delle

Dettagli

SI.CE.ANT. Sistema Certificazione Antimafia

SI.CE.ANT. Sistema Certificazione Antimafia Il sottoscritto (titolare del certificato) dichiara di essere a conoscenza che le attività di identificazione e registrazione, funzionali al Servizio di Certificazione, sono state delegate da ACTALIS S.p.A.

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA

DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE DEI CONTRATTI IN MODALITÀ ELETTRONICA Approvato con Delibera di GC n. 133 del 10 luglio 2014 C O M U N E D I C O L L E F E R R O Provincia di Roma DISCIPLINARE PER LA STIPULAZIONE

Dettagli

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che,

Con l espressione tecnica di comunicazione a distanza si intende fare riferimento a qualunque mezzo che, Un peculiare modo di formazione del contratto è quello che caratterizza i c.d. contratti a distanza, definiti dal legislatore come quei contratti, aventi ad oggetto beni o servizi, stipulati tra un professionista

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE

DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE Prof. Stefano Pigliapoco DOCUMENTI INFORMATICI, POSTA CERTIFICATA E DEMATERIALIZZAZIONE s.pigliapoco@unimc.it Codice dell amministrazione digitale Il codice dell amministrazione digitale (Co.A.Di.) è contenuto

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

NOTA * * * IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

NOTA * * * IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI. di concerto con IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO D.M. 19 ottobre 2012 n. 199 NOTA Il Decreto 19 ottobre 2012, emanato dal Ministero delle politiche agricole, alimentari e forestali di concerto con il Ministero dello sviluppo economico, nella G.U.R.I.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DEI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE. Versione 4.0. CG43 Vers. 10/2012 2

CONDIZIONI GENERALI DEI SERVIZI DI CERTIFICAZIONE. Versione 4.0. CG43 Vers. 10/2012 2 InfoCert S.p.A., con sede legale in Roma, P.zza Sallustio n. 9, ufficio amministrativo in Roma, Via Marco e Marcelliano n. 45, Sede Operativa in Padova, Corso Stati Uniti 14, opera quale certificatore

Dettagli

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono:

Gli elementi comunemente contenuti nella fattura, sia cartacea che elettronica, sono: Fattura elettronica: caratteristiche e vantaggi La legge per tutti.it Stefano Veltri Il recente decreto sviluppo ha modificato la disciplina sulla fattura elettronica, allo scopo di favorirne la diffusione.

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita

comma 1 sono ricompresi anche i contratti pubblici disciplina apposita Articolo 22 (Norme di interpretazione e modifiche al D.Lgs. 231/2002, recante attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali Caso

Dettagli

La Posta Elettronica Certificata

La Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Lo stato dell arte 31 agosto 2009 ver. 1.1 Sintresis s.r.l. tel: 0125/627026 via Castiglia, 4 http://www.sintresis.it 10015 Ivrea email: info@sintresis.it Indice 1. Introduzione...3

Dettagli

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013

TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 FAQ TRASPARENZA AMMINISTRATIVA: GLI OBBLIGHI NORMATIVI PER LE SCUOLE DOPO IL D.LGS. n. 33/2013 IDENTIFICATIVO VERSIONE Ed. 1 Rev. 0/04-01-2013 RTI : HP Enterprise Services Italia S.r.l. Selex ES S.p.A.

Dettagli

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione.

Allo stesso modo il Decreto citato garantisce i diritti delle persone giuridiche e d ogni altro ente o associazione. PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY GENERALE RIVOLTA AI NAVIGATORI DEL SITO WWW.ITALIANCONVERTER.IT RESA AI SENSI DELl ART. 13 DEL D.LGS. 196/2003 Il D. Lgs 196/2003, denominato Codice in materia di protezione

Dettagli

Criteri per la presentazione di richieste di contributo

Criteri per la presentazione di richieste di contributo Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de Baldi Criteri per la presentazione di richieste di contributo alla Fondazione della Banca di Credito Cooperativo di Pianfei e Rocca de

Dettagli

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI Informativa sul trattamento dei dati personali ex ar t. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 Il D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito più brevemente il

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO. Approvato dal Consiglio d Istituto in data

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO. Approvato dal Consiglio d Istituto in data REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PUBBLICAZIONE DEGLI ATTI ALL ALBO INFORMATICO Approvato dal Consiglio d Istituto in data Articolo 1 Oggetto del Regolamento 1. In attuazione dei principi di pubblicità e di trasparenza

Dettagli

LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.)

LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA (P.E.C.) INDICE 1) cenni generali e riferimenti normativi 2) caratteristiche e vantaggi della P.E.C. a) la sicurezza b) il risparmio e la rapidità di trasmissione c) valore

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.

Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA. Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro. Il Codice dell Amministrazione Digitale LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Prefettura di Reggio Calabria 23-25 novembre 2010 www.vincenzocalabro.it 1 Il Codice dell Amministrazione Digitale Capo IV - Trasmissione

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SULLA FIRMA GRAFOMETRICA

NOTA INFORMATIVA SULLA FIRMA GRAFOMETRICA NOTA INFORMATIVA SULLA FIRMA GRAFOMETRICA Documento predisposto da Reale Mutua Assicurazioni ai sensi dell articolo 57, commi 1 e 3, del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22/02/2013,

Dettagli

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE

PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE PROVINCIA DI COSENZA DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA DISCIPLINA DELL ALBO PRETORIO ON-LINE INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Istituzione dell Albo Pretorio on-line Art. 3 - Finalità della pubblicazione

Dettagli

Piattaforma Imprese - Versione 20140805

Piattaforma Imprese - Versione 20140805 Piattaforma Imprese - Versione 20140805 REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA INFORMATICA PIATTAFORMA IMPRESE ONLINE Articolo 1 PREMESSA 1. Con il presente regolamento (il Regolamento ), Cassa depositi

Dettagli

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC.

Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Il glossario della Posta Elettronica Certificata (PEC) Diamo una definizione ai termini tecnici relativi al mondo della PEC. Avviso di mancata consegna L avviso, emesso dal sistema, per indicare l anomalia

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Questo vademecum ha lo scopo di riassumere i concetti relativi alla PEC. Per approfondimenti e verifiche, si rimanda alla legislazione vigente. 1 COS E ED A COSA SERVE PEC

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto del 27/01/2012 Il presente regolamento entra in vigore il 28/01/2012

Dettagli

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015

REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO N. 8 DEL 3 MARZO 2015 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA DEFINIZIONE DELLE MISURE DI SEMPLIFICAZIONE DELLE PROCEDURE E DEGLI ADEMPIMENTI NEI RAPPORTI CONTRATTUALI TRA IMPRESE DI ASSICURAZIONI, INTERMEDIARI

Dettagli

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI

DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI Circolare informativa per la clientela Settembre Nr. 2 DOCUMENTI INFORMATICI CONSERVAZIONE e RIPRODUZIONE ai FINI degli OBBLIGHI FISCALI In questa Circolare 1. Codice dell amministrazione digitale 2. Modifiche

Dettagli

R E G O L A M E N T O A L B O P R E T O R I O O N - L I N E

R E G O L A M E N T O A L B O P R E T O R I O O N - L I N E COMUNE DI BORGIA P r o vincia di Catanzaro REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON-LINE ( A l l e g a t o A a l R e g o l a m e n t o s u l l o r d i n a m e n t o d e g l i u f f i c i e d e i s e r v i z i a p

Dettagli

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas

Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas Deliberazione 30 ottobre 2009 - GOP 46/09 Approvazione della Disciplina della partecipazione ai procedimenti di regolazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI GALLICANO (Provincia di Lucca) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE 1 INDICE 1. Oggetto.3 2. Accesso al servizio...3 3. Finalità della pubblicazione...3 4. Atti da pubblicare....3

Dettagli

La dematerializzazione dei documenti amministrativi. La formazione del documento digitale. Notaio Gea Arcella garcella@notariato.

La dematerializzazione dei documenti amministrativi. La formazione del documento digitale. Notaio Gea Arcella garcella@notariato. La dematerializzazione dei documenti amministrativi La normativa di riferimento (cenni al DL 179/2012 in vigore dal 20 ottobre 2012) La formazione del documento digitale Notaio Gea Arcella garcella@notariato.it

Dettagli

La Firma Digitale e la Posta Elettronica Certificata. Centro Tecnico RUPAR Puglia - Tecnopolis Csata Chiara Valerio Bari, 14 dicembre 2006

La Firma Digitale e la Posta Elettronica Certificata. Centro Tecnico RUPAR Puglia - Tecnopolis Csata Chiara Valerio Bari, 14 dicembre 2006 La Firma Digitale e la Posta Elettronica Certificata Centro Tecnico RUPAR Puglia - Tecnopolis Csata Chiara Valerio Bari, 14 dicembre 2006 INNOVAZIONE DELLA P.A. Quadro normativo Il Codice dell Amministrazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA

FOGLIO INFORMATIVO INFORMAZIONI SUL MEDIATORE CREDITIZIO CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DELLA MEDIAZIONE CREDITIZIA FOGLIO INFORMATIVO Redatto secondo le indicazioni contenute nel Provvedimento del 29 Aprile 2005 dell'uic, nella Deliberazione del CICR del 4 marzo 2003, del Provvedimento della Banca d Italia del 25 luglio

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE COMUNE DI SANSEPOLCRO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con delibera di Giunta Municipale n. 9 del 10.01.2011 INDICE 1. Premessa 2. Accesso al servizio 3. Finalità della

Dettagli

E, in seguito denominato Ente, con sede in cod. fiscale/partita IVA rappresentato da nella propria qualità di PREMESSO CHE

E, in seguito denominato Ente, con sede in cod. fiscale/partita IVA rappresentato da nella propria qualità di PREMESSO CHE CONVENZIONE TRA COMUNE DI MONTELABBATE E AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI PER LA CONSULTAZIONE E LA VERIFICA DEI DATI ANAGRAFICI PER FINI ISTITUZIONALI ai sensi degli artt. 50 e

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dario Obizzi

LA FIRMA DIGITALE E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dario Obizzi LA FIRMA DIGITALE E LA POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Dario Obizzi Premessa L utilizzo sempre più diffuso delle nuove tecnologie e quindi di elaboratori e di sistemi informatici e telematici ha creato profondi,

Dettagli

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense

Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Testo del parere dell'ufficio del Garante per la protezione dei dati personali sulle proposte del Consiglio Nazionale Forense Roma, 3 giugno 2004 Prot. N. 22457 Consiglio nazionale forense Via del Governo

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO PRETORIO ON LINE ISTITUTO COMPRENSIVO di SCUOLA dell INFANZIA, PRIMARIA e SECONDARIA di I GRADO Via Roma 98061 BROLO (ME) C. F. 94007200838 C.M. MEIC83900A Fax 0941/562689, Tel. 0941/561503 e-mail: MEIC83900A@istruzione.it

Dettagli

Cos'è, in concreto la firma digitale? Come si utilizza?

Cos'è, in concreto la firma digitale? Come si utilizza? Cos'è, in concreto la firma digitale? Come si utilizza? Con buona approssimazione, il procedimento avviene mediante l'uso di una smart-card personale (un tesserino tipo bancomat) che - con l'ausilio di

Dettagli

I CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA

I CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA I CONTRATTI IN FORMA ELETTRONICA ANCE- Direzione Legislazione Opere Pubbliche CAGLIARI, 27 SETTEMBRE 2013 1 LA FORMA DEI CONTRATTI ART. 11 CODICE, comma 13 - prima Il contratto è stipulato mediante atto

Dettagli

Seminario formativo. Firma Digitale

Seminario formativo. Firma Digitale Coordinamento territoriale per l Amministrazione Digitale della provincia di Viterbo Seminario formativo sull utilizzo della Firma Digitale Viterbo 7 febbraio 2011 (Ce.F.A.S.) Viterbo 22 febbraio 2001

Dettagli

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007)

(DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE N. 12/2007) OSSERVAZIONI ANIA SULLO SCHEMA DI REGOLAMENTO ISVAP IN MATERIA DI CERTIFICATO DI ASSICURAZIONE, CONTRASSEGNO E MODULO DI DENUNCIA DI SINISTRO DELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DEI VEICOLI A MOTORE E DEI

Dettagli

http://www.sabart.it

http://www.sabart.it Via Zoboli,18-42124 Reggio Emilia - Italy Tel. +39 0522 508511 Fax. +39 0522 514542 Web: www.sabart.it e-mail: info@sabart.it PEC: sabartsrl@legalmail.it Oggetto: Informativa per il sito web In questa

Dettagli

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA

Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Posta Elettronica Certificata obbligo e opportunità per le Imprese e la PA Belluno 28 gennaio 2014 www.feinar.it PEC: Posta Elettronica Certificata Che cos'è e come funziona la PEC 3 PEC: Posta Elettronica

Dettagli

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali

Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Fatturazione elettronica adempimento degli obblighi fiscali e tenuta delle scritture contabili mediante strumenti digitali Milano, 4 giugno 2004 Avv. Luigi Neirotti Studio Legale Tributario - EYLaw 1 Normativa

Dettagli

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA

Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA Versione 1.0 Aggiornato al 29 Luglio 2009 www.to.camcom.it/guideregistroimprese Appendice 2 POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA ANAGRAFE ECONOMICA - REGISTRO IMPRESE REGISTRO IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI TORINO

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo)

L ISVAP (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo) REGOLAMENTO N. 34 DEL 19 MARZO 2010 REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROMOZIONE E COLLOCAMENTO A DISTANZA DI CONTRATTI DI ASSICURAZIONE DI CUI AGLI ARTICOLI 183 E 191, COMMA 1, LETTERE A)

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLE PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE ALL ALBO PRETORIO ON-LINE Approvato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE

REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE REGOLAMENTO PROCEDURE DI PUBBLICAZIONE Articolo 1:Contesto normativo 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di pubblicazione sul sito informatico dell'istituto Comprensivo di Castellucchio di

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri

Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Inquadramento giuridico della Posta Elettronica Certificata (PEC) Avv. Pierluigi Perri Dottore di ricerca in Informatica giuridica e diritto dell informatica - Università di Milano Definizione Una casella

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1

LA FIRMA DIGITALE. Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 LA FIRMA DIGITALE Estratto dal sito web del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA) 1 COPYRIGHT NOTES: I contenuti del sito codice di script, grafica, testi, tabelle,

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona

COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona COMUNE DI CASTELFIDARDO Provincia di Ancona Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto

Dettagli

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale

L addetto all Ufficio Protocollo riceve quotidianamente la posta pervenuta tramite servizio postale Tempestività dei pagamenti delle pubbliche amministrazioni. Relazione tecnica sulle misure organizzative da adottare in attuazione dell articolo 9 del decreto legge 1 luglio 2009, n. 78, convertito con

Dettagli

Denunce e atti presentati all ufficio del registro delle imprese in via telematica. Imposta di bollo. D.M. 17 maggio 2002 n. 127.

Denunce e atti presentati all ufficio del registro delle imprese in via telematica. Imposta di bollo. D.M. 17 maggio 2002 n. 127. Denunce e atti presentati all ufficio del registro delle imprese in via telematica. Imposta di bollo. D.M. 17 maggio 2002 n. 127. Premessa. Con D.M. 17 maggio 2002 n. 127 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA

Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA Guida alla FATTURAZIONE ELETTRONICA 1) Normativa Le disposizioni della Legge finanziaria 2008 prevedono che l emissione, la trasmissione, la conservazione e l archiviazione delle fatture emesse nei rapporti

Dettagli

I sistemi di informazioni creditizie SIC -: il codice deontologico e la tutela dei soggetti censiti

I sistemi di informazioni creditizie SIC -: il codice deontologico e la tutela dei soggetti censiti I sistemi di informazioni creditizie SIC -: il codice deontologico e la tutela dei soggetti censiti I SIC - sistemi di informazioni creditizie sono delle banche dati che raccolgono e gestiscono informazioni

Dettagli

CHE COS E LA FIRMA DIGITALE

CHE COS E LA FIRMA DIGITALE CHE COS E LA FIRMA DIGITALE La firma digitale può essere definita l'equivalente elettronico di una tradizionale firma apposta su carta, assumendone lo stesso valore legale. E' associata stabilmente al

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Written by Marco DI MARCO Friday, 21 March 2008 12:02 - Last Updated Wednesday, 09 April 2008 14:45

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Written by Marco DI MARCO Friday, 21 March 2008 12:02 - Last Updated Wednesday, 09 April 2008 14:45 1. OGGETTO E PARTI DEL CONTRATTO ON LINE 2. PREZZI DI VENDITA E MODALITà DI PAGAMENTO 3. ESECUZIONE DELLE FORNITURA E TERMINI DI CONSEGNA 4. INFORMATIVA E DISPONIBILITà DEI PRODOTTI 5. RESPONSABILITA'

Dettagli

NORMATIVA SULLA PRIVACY

NORMATIVA SULLA PRIVACY NORMATIVA SULLA PRIVACY Il presente codice si applica a tutti i siti internet della società YOUR SECRET GARDEN che abbiano un indirizzo URL. Il documento deve intendersi come espressione dei criteri e

Dettagli

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice

Diritto dei Mezzi di Comunicazione. Indice INSEGNAMENTO DI DIRITTO DEI MEZZI DI COMUNICAZIONE LEZIONE X IL MERCATO FINANZIARIO ONLINE PROF. ERNESTO PALLOTTA Indice 1 I servizi ed i prodotti finanziari online ----------------------------------------------------------------

Dettagli

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità

La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità La nuova disciplina in materia di tutela della privacy (D.Lgs. 30.6.2003 n. 196) Principali novità INDICE 1 Il nuovo Codice sulla privacy... 2 2 Ambito di applicazione... 2 3 Soggetti coinvolti dal trattamento

Dettagli

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy

Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Semplificazione degli adempimenti per l'adeguamento alla normativa sulla Privacy Approssimandosi la scadenza per il rinnovo annuale del DPS (Documento programmatico sulla Sicurezza) è utile sapere che

Dettagli

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta

R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE. Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale. Servizio Segreteria della Giunta R E G I O N E U M B R I A GIUNTA REGIONALE Direzione Affari Generali della Presidenza e della Giunta regionale Servizio Segreteria della Giunta Disciplinare sull utilizzo della posta elettronica certificata

Dettagli

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica.

Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. ALLEGATO A) Direttive concernenti le comunicazioni con le pubbliche amministrazioni e lo scambio di documenti per via telematica. 1. Premessa Le presenti direttive disciplinano le comunicazioni telematiche

Dettagli

Seminario Formativo. La Posta Elettronica Certificata (PEC)

Seminario Formativo. La Posta Elettronica Certificata (PEC) Comune di Viterbo Prefettura di Viterbo Provincia di Viterbo Coordinamento territoriale per l Amministrazione Digitale della provincia di Viterbo Seminario Formativo La Posta Elettronica Certificata: aspetti

Dettagli

Oggetto: Informativa per il sito web

Oggetto: Informativa per il sito web Oggetto: Informativa per il sito web In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Si tratta dell informativa

Dettagli

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO

IL RAGIONIERE GENERALE DELLO STATO Determina del Ragioniere generale dello Stato concernente le modalità di trasmissione e gestione di dati e comunicazioni ai Registri di cui al decreto legislativo 27 gennaio 2010, n. 39, concernente la

Dettagli

Regolamento Pubblicazione su Area Pubblicità Legale

Regolamento Pubblicazione su Area Pubblicità Legale Regolamento Pubblicazione su Area Pubblicità Legale Il presente Regolamento disciplina le modalità di pubblicazione sul sito informatico del 1 Circolo Didattico Carmine di Nicosia di atti e provvedimenti

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO ON LINE

REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA IN MATERIA DI GESTIONE DELL ALBO ON LINE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA CIRCOLO DIDATTICO MORBEGNO Via Prati Grassi, 76 23017 MORBEGNO Tel. 0342/610837 Fax 342/600315 C. F. 82001750148 C.M. SOEE01100V E-Mail soee01100v@istruzione.it

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

Visto Visto Visto Visto Visto Visto Visto Vista

Visto Visto  Visto Visto Visto Visto Visto Vista Approvazione del formato elettronico dei modelli di certificato tipo inerenti il registro delle imprese di cui al decreto ministeriale 13 luglio 2004, come modificato e integrato dal decreto ministeriale

Dettagli

Le presenti condizioni generali saranno valide ed efficaci solo nel territorio italiano.

Le presenti condizioni generali saranno valide ed efficaci solo nel territorio italiano. Le presenti condizioni generali di vendita regolano la vendita a distanza tra Carpediemphoto, ed il CLIENTE secondo quanto previsto sotto, mediante accesso del CLIENTE al sito internet www.carpediemphoto.it.

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO SERVIZIO INDAGINI FINANZIARIE DEFINIZIONI Ai fini del presente contratto si intende per: - Contratto : denominato anche Contratto per l uso del Servizio Indagini Finanziarie indica le presenti Condizioni Generali di Contratto, la Richiesta

Dettagli

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it

Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it Attivita' scudate, quando viene meno la riservatezza Le indicazioni nella circolare n. 29/E/2012 Ipsoa.it di Marco Piazza Si puo' far cessare il regime di riservatezza dei conti e depositi scudati e quindi

Dettagli

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO

COMUNE DI CERRO AL LAMBRO COMUNE DI CERRO AL LAMBRO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con delibera del Consiglio Comunale nr. del 1 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli