Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Studio in Scienze Turistiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Studio in Scienze Turistiche"

Transcript

1 Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Studio in Scienze Turistiche

2 Presentazione del Corso di Studio: Presentazione del Corso di Studio Università: Denominazione Università degli Studi della Calabria Tipologia Statale Facoltà ECONOMIA Denominazione del Corso di Studio SCIENZE TURISTICHE Titolo rilasciato Dottore in Scienze Turistiche Classe L-15 Ufficio Statistico Durata nominale Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione 3 anni Anno Accademico 2011/2012 ITALIANO Livello del titolo di studio Sede delle Attività didattiche PRIMO CICLO RENDE Previsioni sull utenza sostenibile 230 Modalità di frequenza e forme prevalenti di didattica OBBLIGATORIA E CONVENZIONALE Requisiti e Obiettivi della Formazione L obiettivo generale del Corso di Laurea è quello di formare laureati da impegnare ai livelli superiori nel campo del turismo, che rappresenta oggi uno dei settori produttivi più rilevanti nell economia italiana e mondiale Monitoraggio I livelli di apprendimento conseguiti dagli studenti sono periodicamente valutati attraverso prove orali e scritte e colloqui tra docenti e studenti. Inoltre, durante gli studi le capacità strumentali sono valutate grazie ad esperienze di laboratorio ed attività utili per l'inserimento nel mondo del lavoro. Per acquisire le suddette competenze, lo studente compie un percorso formativo che comprende, oltre al superamento di esami, la frequenza obbligatoria di lezioni frontali. Il percorso si completa con la frequenza obbligatoria dei laboratori linguistici per l'acquisizione di 2

3 Presentazione del Corso di Studio: un adeguato livello di conoscenza delle lingue straniere. Percorso formativo Il corso di Laurea prevede per il primo ed il secondo anno di studi insegnamenti ritenuti indispensabili per fornire agli studenti un adeguata conoscenza delle discipline di base economiche, aziendali, sociologiche, storico-culturali e giuridiche ed una buona padronanza dei metodi della ricerca sociale ed economica e delle due lingue straniere. Gli insegnamenti del terzo anno hanno l obiettivo di rinforzare alcune competenze specifiche in funzione di un più efficace ed immediato inserimento nel mondo del lavoro. Risorse Sistema di gestione Per eventuali altre informazioni sul Corso di Studio e per le attività di segreteria si rimanda ai seguenti siti web e indirizzi 3

4 Requisiti ed obiettivi della formazione Area A Requisiti ed obiettivi della Formazione A1 - Obiettivi formativi qualificanti della classe I laureati sono in grado di comprendere i meccanismi economici e sociali che sottostanno ai processi di sviluppo turistico sia nell'ottica formale/ informale che in quella locale/globale. Inoltre, sono in grado di comprendere il funzionamento dei sistemi territoriali di domanda e di offerta turistica attuali e potenziali e le politiche ed i meccanismi di governo del territorio elaborate dagli organismi pubblici. Tali capacità di comprensione sono conseguenza delle conoscenze acquisite attraverso il completamento del percorso di studi universitario. A2 - Obiettivi formativi specifici Il percorso di studio mira a formare laureati in possesso di: - conoscenze di base delle discipline sociologiche, economiche, giuridiche e culturali con riferimento al contesto regionale, nazionale ed internazionale; - capacità di analizzare le problematiche del settore turistico in un ottica interdisciplinare; l attenzione, infatti, è specificamente rivolta alle interdipendenze del turismo con gli altri aspetti delle realtà locali (beni culturali, ambiente, sistema produttivo, infrastrutture e sistemi di mobilità) in modo da preparare operatori in grado di integrare ed ottimizzare l'offerta turistica con la realtà sociale, culturale e economica locale; - abilità nell utilizzare i metodi della ricerca e le tecniche di rilevamento e trattamento dei dati negli ambiti sociale, economico e culturale; - conoscenze e competenze per l individuazione e la valorizzazione a fini turistici del patrimonio naturale, paesaggistico, monumentale e culturale dei territori, con particolare attenzione ai giacimenti archeologici, nonché delle opportunità offerte dall organizzazione di eventi, quali fiere, mostre, spettacoli; - conoscenze e competenze nell ambito delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione e delle loro applicazioni alla multimedialità in ambito turistico; - conoscenze e competenze per la comprensione delle responsabilità ambientali, sociali ed etiche dell azione di sviluppo; - capacità di inserire le conoscenze d'ambito locale nel più generale contesto economico, aziendale, giuridico e culturale a livello nazionale e internazionale, eventualmente grazie all'esperienza di studio all'estero maturata presso Università dell'unione Europea nel quadro del progetto Socrates- Erasmus; - capacità di utilizzare efficacemente, oltre all'italiano, in forma scritta e orale, la lingua inglese e di comunicare in altra lingua straniera, in relazione alle esigenze del settore turistico. 4

5 Requisiti ed obiettivi della formazione A3 - Consultazione con le organizzazioni rappresentative del mondo della produzione, dei servizi e delle professioni Organizzazioni consultate o direttamente o tramite documenti di settore - Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria - Soprintendenza per i beni architettonici e per il paesaggio della Calabria - Assessore regionale al turismo - Ufficio Scolastico Provinciale di Cosenza - Camera di Commercio di Cosenza - Provincia di Cosenza - Comune di Cosenza - Comune di rende - Centro per l impiego - CGIL CISL UIL Modalità e tempi di consultazioni Incontri una tantum Documentazione Sintesi della consultazione L'incontro dedicato alla presentazione del corso è stato organizzato presso l'università il 2 ottobre Le parti intervenute hanno espresso apprezzamento per l'organizzazione del corso, sottolineando l'importanza di creare professionalità turistiche specializzate che sono indispensabili per uno sviluppo turistico regionale. Posta in evidenza l'importanza delle attività di stage, che con i nuovi ordinamenti didattici sono stati ulteriormente consolidati. I partecipanti hanno dichiarato ampia disponibilità a ospitare studenti per stage e tirocini; ad avviare progetti con il corso di laurea, attivando tavoli permanenti di confronto, anche in considerazione della necessità di dare attuazione alla legge regionale 8/08 sul riordino dell'organizzazione turistica A4 - sbocchi occupazionali e professionali previsti per i laureati Il Corso di Laurea è finalizzato alla preparazione di laureati con competenze specifiche miranti a formare esperti del settore turistico, che potranno svolgere attività nei vari ambiti del comparto, sia a livello pubblico che privato. 5

6 Requisiti ed obiettivi della formazione A5 Figure professionali e competenze di riferimento previste per i laureati Figure professionali che il CdS intende formare oppure filiere previste per la prosecuzione degli studi Figure professionali Il corso prepara alle professioni di: tecnici delle attività ricettive e professioni assimilate; organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali; organizzatori di convegni e ricevimenti; animatori turistici e professioni assimilate; agenti di viaggio; guide ed accompagnatori naturalistici e sportivi; guide turistiche. Principali funzioni esercitate dalla figura professionale oppure conoscenze necessarie per la prosecuzione degli studi Il Corso di Laurea è finalizzato alla preparazione di laureati con competenze specifiche miranti a formare esperti del settore turistico, che potranno svolgere attività nei vari ambiti del comparto, sia a livello pubblico che privato. I laureati del corso potranno, quindi, trovare impiego in vari campi, quali il turismo, l organizzazione di attività sociali compatibili con l ambiente, la comunicazione turistica per il mercato dell editoria tradizionale, multimediale e negli uffici stampa di enti e di imprese del settore. Inoltre, potranno svolgere incarichi gestionali ed organizzativi in diversi ambiti di servizi per il turismo, la programmazione di attività connesse, la divulgazione del patrimonio culturale e la promozione del territorio. In particolare, i laureati potranno trovare sbocchi occupazionali negli enti pubblici e nelle aziende private dedite alla promozione del patrimonio naturale e culturale sia locale che nazionale e all ideazione di percorsi turistico-culturali ad elevato contenuto storico-artistico, archeologico, ambientale, nonché nella gestione di servizi/strutture legati al turismo, al marketing turistico e all organizzazione di eventi. 6

7 Percorso Formativo Area B Percorso formativo B1 - Requisiti di ammissione Per i Corsi di Laurea triennale e di Laurea a ciclo unico: Conoscenze richieste/consigliate per l accesso Possono essere ammessi al : (a) i diplomati degli istituti di istruzione superiore di durata quadriennale o quinquennale; (b) quanti siano in possesso di altro titolo di studio conseguito all estero, riconosciuto idoneo dalla Facoltà prima e dal Senato Accademico poi, su proposta del Consiglio di Corso di Laurea, fatti salvi gli accordi bilaterali in materia e le convenzioni internazionali. Per l ammissione al Corso di Laurea, inoltre, si richiede una preparazione iniziale corrispondente a quella mediamente acquisita attraverso la formazione scolastica a livello d'istruzione secondaria superiore. Modalità di verifica del possesso delle conoscenze richieste/consigliate per l accesso Criteri per l assegnazione di specifici obblighi formativi aggiuntivi, attività formative integrative, modalità di verifica del loro soddisfacimento Per i Corsi di Laurea Magistrale / Specialistica: Lauree riconosciute idonee Requisiti curriculari richiesti Modalità di verifica dell adeguatezza della preparazione personale 7

8 Percorso Formativo B2.a - Risultati di apprendimento attesi Risultati di apprendimento attesi (espressi tramite i descrittori di Dublino) Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding) I laureati sono in grado di comprendere i meccanismi economici e sociali che sottostanno ai processi di sviluppo turistico sia nell'ottica formale/ informale che in quella locale/globale. Inoltre, sono in grado di comprendere il funzionamento dei sistemi territoriali di domanda e di offerta turistica attuali e potenziali e le politiche ed i meccanismi di governo del territorio elaborate dagli organismi pubblici. Tali capacità di comprensione sono conseguenza delle conoscenze acquisite attraverso il completamento del percorso di studi universitario. Le conoscenze e la capacità di comprensione vengono acquisite attraverso la frequenza ai corsi tenuti in lezioni frontali nelle quali sono utilizzati testi, manuali, dispense redatte dai docenti, articoli pubblicati su riviste scientifiche nazionali e non, working paper presentati a convegni di rilevanza nazionale e internazionale; le lezioni si tengono anche con il supporto di strumenti audiovisivi. Utili per rafforzare le conoscenze acquisite nellambito della didattica tradizionale sono la partecipazione alle attività di laboratorio previste e agli stage obbligatori da svolgersi presso imprese, enti pubblici o privati, ordini professionali italiani e/o stranieri. L organizzazione di seminari e convegni su tematiche di specifico interesse del corso contribuisce ad arricchire le conoscenze degli studenti. Particolare attenzione è dedicata alla conoscenza delle lingue straniere, specie dellinglese e del Tedesco, attraverso la frequenza di corsi e di laboratori, e dell'informatica finalizzata all'utilizzo delle nuove tecnologie nella promozione turistica. Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledge and understanding) Le capacità e le conoscenze dei laureati permettono di intervenire nella valorizzazione turistica del territorio, tenendo presenti le specificità locali, le forme di turismo emergenti (in tal senso in accordo con le politiche comunitarie) ed il principio della sostenibilità; consentono di intervenire nella gestione ed organizzazione delle aziende private, con specifico riferimento alle funzioni manageriali di promozione e gestione aziendale nei settori dell'hospitality, dei tour operator, delle agenzie di viaggio; conoscono le metodologie di valorizzazione consapevole dell'insieme di risorse culturali di cui dispone un territorio, attraverso la comprensione delle specificità del patrimonio culturale ed in particolare di quello del Mediterraneo. Tutti i laureati hanno competenze linguistiche in altre due lingue straniere oltre litaliano (inglese e tedesco/francese/spagnolo) e conoscono e utilizzano i principali software. In relazione alle competenze linguistiche, le relative si sviluppano non solo attraverso la frequenza al corso ma anche mediante la modalità del laboratorio, che comporta la stretta interazione fra studente e docente e consente l immediata applicazione e verifica delle conoscenze acquisite e degli strumenti da utilizzare. La capacità di applicare conoscenza e comprensione è conseguita attraverso una impostazione didattica comune agli insegnamenti. È prevista, infatti, la possibilità che la formazione teorica sia accompagnata da esempi, lavori individuali e di gruppo e verifiche che sollecitino la partecipazione attiva, la capacità di elaborazione autonoma e di comunicazione dei risultati del lavoro svolto. Riveste importanza fondamentale lo studio personale di preparazione all esame, mezzo mediante il quale lo studente approfondisce le tematiche svolte a lezione con spirito critico. L organizzazione di seminari, convegni, escursioni, visite guidate, ecc., molte delle quali finalizzate all'approfondimento di tematiche connesse con il mondo del lavoro e delle professioni 8

9 Percorso Formativo turistiche, è utile per rafforzare le capacità applicative della conoscenza. Particolare rilevanza rivestono gli incontri con gli operatori economici privati e con i rappresentanti degli enti pubblici. A completamento degli strumenti offerti allo studente per lo sviluppo dell applicazione delle conoscenze acquisite vi è la frequenza obbligatoria a stage in imprese ed enti pubblici che operano nellambito turistico in Italia o allestero. La verifica delle capacità di applicazione della conoscenza e comprensione viene effettuata attraverso: - le esercitazioni/studio di casi /discussioni guidate inserite come metodologie didattiche allinterno degli insegnamenti; - il superamento di eventuali verifiche intermedie e degli esami per ciascun insegnamento; - la relazione finale al termine dello stage svolto; - lelaborato finale, che di norma comprende, oltre alla parte di ricerca e studio, unanalisi empirica su uno o più casi del settore di riferimento. Autonomia di giudizio (making judgements) I laureati sono in grado di raccogliere dati ed interpretare i fenomeni turistici. In particolare, sanno interpretare le dinamiche sociali ed economiche, le strategie di marketing, le norme giuridiche, i dati statistici, le caratteristiche dei luoghi e dei beni culturali calabresi, confrontandoli anche con il contesto nazionale. Sanno, inoltre, formulare giudizi autonomi, elaborando anche riflessioni sui temi sociali o etici connessi al fenomeno turistico; sono, infine, in grado di proporre soluzioni innovative finalizzate alla realizzazione di un offerta turistica integrata e sostenibile. Lautonomia di giudizio viene acquisita attraverso una visione interdisciplinare della materia turistica, che deriva dallimpegno dello studente in ambiti scientifico-disciplinari afferenti al campo economico-aziendale, sociologico, giuridico e umanistico, e dal confronto delle relative metodologie ai fini di una loro corretta applicazione alle esigenze del comparto turistico. Attraverso gli insegnamenti di carattere teorico e metodologico, le attività di laboratorio tecnico e applicativo, le esercitazioni e gli stage il Corso di Laurea consente agli studenti di acquisire le capacità di reperire autonomamente le fonti e i riferimenti necessari per approfondire le proprie competenze, per elaborare sintesi personali di queste competenze e per utilizzarle in modo autonomo. La verifica in merito ai risultati conseguiti con riferimento a questo aspetto viene effettuata con i seguenti strumenti: - le prove desame che possono essere scritte e/o orali, sulla base della discrezionalità dei docenti; - la redazione di una relazione al termine dello stage previsto; - la redazione di un elaborato finale. Abilità comunicative (communication skills) I laureati sono in grado di comunicare informazioni, idee, problemi e soluzioni a interlocutori specialisti e non specialisti. Tale abilità sono acquisite attraverso: - la partecipazione attiva ad iniziative di incontro e/o confronto (seminari, convegni, conferenze, ecc.) organizzate dal corso di laurea con operatori pubblici e privati del settore turistico nonché nellambito di seminari di studio di tipo scientifico all'interno delle università; - lillustrazione e la discussione di temi scientifici o professionali ad opera di gruppi di studenti nellambito di alcuni Corsi di insegnamento; - le esercitazioni e le attività sul campo; - gli stage obbligatori presso imprese ed enti pubblici italiani e stranieri 9

10 Percorso Formativo La verifica è effettuata: - nelle prove desame di ogni singolo insegnamento, in cui si valutano le capacità espositive; - nella relazione al termine della partecipazione a seminari, incontri, conferenze, che consentono di valutare le capacità espositive scritte; - nella relazione al termine dello stage, in cui si valutano le capacità espositive scritte; - nella redazione e nella discussione dellelaborato finale, attraverso cui si valutano le capacità di comunicazione scritta e verbale. Capacità di apprendimento (learning skills) I laureati hanno sviluppato capacità di apprendimento sufficienti ad effettuare scelte successive di vita con un rilevante grado di autonomia; si tratta sia di scelte legate all'attività professionale che di scelte relative al proseguimento del proprio percorso formativo con l'iscrizione a Master di primo livello su materie turistiche o attraverso la prosecuzione degli studi universitari iscrivendosi ad una laurea magistrale, in particolare alla classe di laurea LM-49 "Progettazione e gestione dei sistemi turistici". Le modalità e gli strumenti didattici mediante cui la capacità di apprendimento viene sviluppata sono le lezioni ed esercitazioni in aula, i seminari, lo stage ed i laboratori. Il Corso di laurea prevede che alcuni insegnamenti ed i laboratori promuovano attività di esercitazione condotte singolarmente e in gruppo dagli studenti, che implicano la ricerca autonoma di fonti testuali, iconografiche e documentarie, nonché la loro elaborazione a cura degli studenti. La verifica dei risultati conseguiti è effettuata attraverso: - gli esami di profitto; - la relazione presentata al termine dello svolgimento dello stage; - la redazione dellelaborato finale La consapevolezza delle proprie capacità di apprendimento è, dunque, conseguenza del continuo confronto con il corpo docente e del risultato valutativo di tutte le attività svolte (didattiche e non, fuori e dentro l'università) durante il percorso universitario. Tale consapevolezza contribuirà ad orientare in modo rilevante sia la scelta dell'eventuale prosecuzione degli studi universitari sia quella di optare per il mondo del lavoro. B2.b - Risultati di apprendimento previsti Ambito disciplinare Risultati di apprendimento previsti (espressi tramite i descrittori di Dublino) Insegnamenti /attività formative Insegnamento1.. 10

11 Percorso Formativo B3_a - Descrizione del percorso formativo: schema del Corso Insegnamento Ambito Disciplinare Tipologia SSD CFU Economia aziendale discipline economiche e aziendali attività formative caratterizzanti SECS-P/07 10 Economia e gestione delle discipline economiche, statistiche attività formative di imprese turistiche e giuridiche base SECS-P/08 10 attività formative per Lingua Inglese 1 (laboratorio) discipline linguistiche la conoscenza di almeno una lingua 5 straniera Storia della Magna Grecia L-ANT/02 Moduli coordinati attività formative Storia della Magna Grecia 1 discipline storico-artistiche caratterizzanti (1) (5 cfu) L-ANT/03 10 Storia della Magna Grecia 2 (5 cfu) Diritto del Turismo Privato discipline economiche, statistiche attività formative di e giuridiche base IUS/01 10 Sociologia del Turismo discipline sociali e territoriali attività formative di SPS/10 10 Lingua Tedesca 1 (laboratorio) discipline linguistiche base attività formative per la conoscenza di almeno una lingua straniera TOTALE CREDITI

12 Percorso Formativo SECONDO ANNO Insegnamento Ambito Disciplinare Tipologia SSD CFU attività formative Discipline economiche e aziendali caratterizzanti SECS-P/02 10 discipline linguistiche attività formative di base L-LIN/12 5 Politica Economica del Turismo Lingua Inglese 2 Archeologia classica e didattica del parco e del museo Moduli coordinati Archeologia Classica (5 cfu) Didattica del parco e del museo (5 cfu) Discipline storico-artistiche 12 attività formative caratterizzanti L-ANT/07 10 Statistica discipline economiche, statistiche attività formative di e giuridiche base SECS-S/01 10 Laboratorio redazionale Tirocini formativi e di altre attività formative orientamento (art.10 comma 5 lett.d) 2 Informatica per il turismo discipline dell'organizzazione dei attività formative servizi turistici caratterizzanti ING-INF/05 10 Sociologia dell ambiente discipline sociologiche, attività formative psicologiche e antropologiche caratterizzanti SPS/10 10 Lingua Tedesca 2 Discipline linguistiche attività formative di base L-LIN/14 5 TOTALE CREDITI 62 TERZO ANNO Insegnamento Ambito Disciplinare Tipologia SSD CFU Marketing del Turismo Attività formative affini o attività affini ed SECSintegrative integrative P/08 10

13 Percorso Formativo Metodi e Tecniche per la ricerca discipline sociologiche, attività formative sociale psicologiche e antropologiche caratterizzanti SPS/10 5 Attività formative a scelta dello altre attività formative (a studente* scelta dello studente) Tirocinio esterno Per stage e tirocini presso imprese, enti, ecc. Altre attività formative 10 Prova finale Per la prova finale Altre attività formative 3 Gli studenti dovranno scegliere, inoltre, insegnamenti per un totale di 10 cfu tra quelli indicati nella seguente tabella: Insegnamento Ambito Disciplinare Tipologia SSD CFU Storia delle tradizioni popolari e antropologia del turismo Moduli coordinati Storia delle tradizioni popolari (5 cfu) Antropologia del turismo (5 cfu) Modelli matematici per l'azienda Governance e sviluppo locale Moduli coordinati Governance Sviluppo locale Attività formative affini o integrative Attività formative affini o integrative Attività formative affini o integrative Inoltre gli studenti dovranno scegliere una dei seguenti insegnamenti per un totale di 5 cfu: 13 attività affini ed integrative attività affini ed integrative attività affini ed integrative M- DEA/01 SECS- S/ SPS/10 10 Insegnamento Ambito Disciplinare Tipologia SSD CFU Discipline sociologiche, attività formative Analisi delle società complesse SPS/09 5 psicologiche e antropologiche caratterizzanti

14 Percorso Formativo Psicologia Generale discipline sociologiche, psicologiche e antropologiche attività formative caratterizzanti M-PSI/01 5 Insegnamenti a scelta (crediti Liberi) Storia delle tradizioni popolari e antropologia del turismo -Moduli coordinati: Storia delle tradizioni popolari (5 cfu) - Antropologia del turismo (5 cfu) Modelli matematici per l azienda (10 cfu) Governance e sviluppo locale - Moduli coordinati: Governance (5 cfu) - Sviluppo locale (5 cfu) Analisi delle società complesse (5 cfu) Archeologia Cristiana (5 cfu) Psicologia Generale (5 cfu) Informatica Generale (5 cfu) Psicologia del Turismo (5 cfu) Museologia (5 cfu) Storia Bizantina (5 cfu) 14

15 Percorso Formativo B3_b Descrizione del percorso formativo: elenco degli insegnamenti Anno Periodo didattico Codice Docente Responsabile Denominazione CFU Insegnamento nell A.A. 2011/ Economia aziendale 10 Rubino Franco Ernesto Economia e gestione delle imprese turistiche 10 Miceli Gaetano Lingua Inglese 1 (laboratorio) 5 Ruffolo Ida Storia della Magna Grecia Moduli coordinati Storia della Magna Grecia 1 (5 cfu) Storia della Magna Grecia 2 (5 cfu) 10 Squillace Giuseppe Cristofori Alessandro Diritto del Turismo Privato 10 Torchia Francesco Sociologia del Turismo 10 Romita Tullio Lingua Tedesca 1 (laboratorio) 5 Homeyer Gerda Politica Economica del Turismo 10 Solforino Nazaria Lingua Inglese 2 5 Ruffolo Ida Archeologia classica e didattica del parco e del museo Moduli coordinati Archeologia Classica (5 cfu) Didattica del parco e del museo (5 cfu) 10 La Marca Antonio/Mancuso Stefania Statistica 10 Marozzi Marco Laboratorio redazionale 2 De Luca Enrico Informatica per il turismo 10 Garro Alfredo Sociologia dell ambiente 10 Catalano Gilda 15

16 Percorso Formativo Lingua Tedesca 2 5 Homeyer Gerda Marketing del Turismo 10 Ferrari Sonia Metodi e Tecniche per la ricerca sociale 5 Fiorelli Santino Storia delle tradizioni popolari e antropologia del turismo Moduli coordinati 10 Barbuto Domenico Storia delle tradizioni popolari (5 cfu) Antropologia del turismo (5 cfu) Modelli matematici per l'azienda 10 Lamantia Fabio Giovanni Governance e sviluppo locale Moduli coordinati Governance Sviluppo locale 10 Tocci Giovanni Sivini Silvia Analisi delle società complesse 5 Della Corte Elisabetta 3 - Psicologia Generale 5 - B4 - Caratteristiche della prova finale La prova finale consiste in una discussione, in presenza di una commissione giudicatrice composta da docenti del Corso di laurea, su un elaborato sintetico. L argomento della prova finale viene concordato dallo studente con un docente titolare di un insegnamento compreso nel suo piano di studio e può altresì riguardare l attività di stage svolta. Al superamento della prova finale è attribuito un voto espresso in trentesimi e 3 cfu. 16

17 Percorso Formativo B5 Calendario delle attività formative e date delle prove di verifica dell apprendimento calendario: orario delle lezioni : calendario delle prove di verifica dell apprendimento: composizione delle commissioni d esame: calendario delle prove finali. composizione della commissione per la valutazione della prova 17

18 Risorse Denominazione Area C Risorse C1.a - Personale docente strutturato Barbuto Domenico Catalano Gilda D Atri Gianfranco Della Corte Elisabetta Ferrari Sonia Garro Alfredo Lamantia Fabio Marozzi Marco Miceli Gaetano Pugliese Aldo Romita Tullio Servidio Rocco Carmine Strano Gioacchino Torchia Francesco C1.b - Personale docente a contratto SOLFERINO Nazaria C2 Infrastrutture C2_a Aule - Aule e posti disponibili a.a

19 Risorse Denominazione N Progressivo Nome Aula N Posti a sedere Titolo dell'uso 1 CONS Proprietà 2 CONS Proprietà 3 CONS Proprietà 4 CONS Proprietà 5 SSP1 151 Proprietà 6 SSP2 150 Proprietà 7 EP1 149 Proprietà 8 SG2 (Già OA2) 120 Proprietà 9 SG3 (Già OA3) 120 Proprietà 10 EP2 108 Proprietà 11 SSP5 100 Proprietà 12 ZENITH Proprietà 13 ZENITH Proprietà 14 SG1 (Già OA1) 75 Proprietà 15 SG4 (Già OA4) 75 Proprietà 16 EP3 54 Proprietà 17 EP5 54 Proprietà 18 EP6 54 Proprietà 19 SSP4 54 Proprietà 20 EP4 36 Proprietà 21 SSP3 36 Proprietà - Aule utilizzate da corsi di studio di più facoltà 19

20 Risorse Denominazione Aule condivise tra più facoltà (a livello di Ateneo) N Nome Aula N Posti Titolo dell'uso Facoltà 1 Facoltà 2 1 CONS Proprietà ECONOMIA INGEGNERIA C2_b - Laboratori e aule informatiche Laboratori informatici (per studenti) N progressivo Nome Laboratorio Aula Informatica 1 Aula Informatica 2 Aula Informatica 3 Laboratorio Statistico Informatico SEDE Cubo 3/C Cubo 3/C Cubo 3/D Cubo O/C Riferimenti organizzativi (**) Facoltà di Economia Facoltà di Economia Facoltà di Economia Facoltà di Economia N postazioni (in rete) Ore di apertura settimanale

21 Risorse Denominazione C2_c - Sale studio C2_d - Biblioteche C3 - Servizi di contesto Denominazione del Servizio Descrizione del Servizio C4 - Iniziative speciali 21

22 Monitoraggio Denominazione Area D Monitoraggio D1 - Dati di ingresso, di percorso e di uscita D2 Efficacia del processo formativo percepita dagli studenti D3 - Efficacia esterna D4 - Efficienza 22

23 Monitoraggio Denominazione D5 Requisiti qualificanti Il numero medio di CFU acquisiti nell anno di riferimento da ciascuno studente è superiore al valore mediano nazionale dei corsi della stessa classe La percentuale di insegnamenti coperti con docenza di ruolo, espressa dai relativi CFU acquisibili dagli studenti è superiore al valore mediano nazionale relativo ai raggruppamenti di facoltà definiti in relazione a quanto previsto dal Sub. Allegato A.2.) del D.M. n. 362/2007 La percentuale degli insegnamenti in cui viene rilevato il parere degli studenti è superiore al valore mediano nazionale, relativo ai raggruppamenti di facoltà definiti in relazione a quanto previsto dal Sub. Allegato A.2.) del D.M. n. 362/2007 Sono state previste procedure per la verifica dei requisiti richiesti per l'ammissione degli studenti ai corsi di studio, ai sensi dell art. 6, commi 1 e 2, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270 e sono state predisposte attività formative propedeutiche e di recupero per eventuali obblighi formativi È previsto un sistema di valutazione della qualità delle attività svolte, diverso dalla sola raccolta delle opinioni degli studenti frequentanti Sono state predisposte specifiche modalità organizzative della didattica per studenti iscritti part-time, in quanto impegnati in attività lavorative È disponibile almeno un tutor per ogni 30 studenti immatricolati ai corsi dei gruppi A e B dell allegato B al D.M. 31 ottobre 2007, n. 544, un tutor per ogni 60 studenti immatricolati negli altri gruppi, di cui alle tabelle 8, 9 e 10 Per i corsi di laurea, il rapporto tra docenti equivalenti e il totale dei docenti di ruolo impegnati negli insegnamenti attivati negli stessi sia non inferiore a 0,8 Per i corsi di laurea magistrale, le pubblicazioni scientifiche di almeno 3 docenti attivi in tali corsi negli ultimi 5 anni, corrispondano a parametri definiti, in relazione alla specificità delle varie aree, dal CIVR SI NO 23

Presentazione del Corso di Studio: Corso di Laurea in Scienze Turistiche

Presentazione del Corso di Studio: Corso di Laurea in Scienze Turistiche Presentazione del Corso di Studio: Corso di Laurea in Scienze Turistiche Facoltà di Economia Università: Università degli Studi della Calabria Tipologia Statale Facoltà ECONOMIA del Corso di Studio SCIENZE

Dettagli

Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Studio in Valorizzazione dei Sistemi Turistico-Culturali

Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Studio in Valorizzazione dei Sistemi Turistico-Culturali Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Studio in Valorizzazione dei Sistemi Turistico-Culturali Requisiti ed obiettivi della formazione Corso di Laurea Magistrale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA di SCIENZE DELLA FORMAZIONE ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN: FORMAZIONE DI OPERATORI TURISTICI Classe L15 Art. 1 - Premesse 1. Il corso

Dettagli

Corso di Laurea Interfacoltà Lettere e Filosofia ed Economia in

Corso di Laurea Interfacoltà Lettere e Filosofia ed Economia in Corso di Laurea Interfacoltà Lettere e Filosofia ed Economia in SCIENZE TURISTICHE Classe di laurea n.39 - Scienze del Turismo Manifesto degli studi A.A. 2007-2008 Ordinamento didattico OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA A.A. 2014-2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN Consulenza pedagogica e coordinamento di interventi formativi CLASSE LM- 85 (Scienze pedagogiche) AI SENSI

Dettagli

Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Antichità

Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Antichità Quadri del Modello Informativo per l Assicurazione della Qualità del Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Antichità 1 A.A. 2008/2009 Facoltà di Lettere e Filosofia Presentazione del Corso di Studio

Dettagli

Modello Informativo CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MATEMATICA

Modello Informativo CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MATEMATICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN MATEMATICA Università: Denominazione Università della Calabria Modello Informativo Presentazione del Corso di Studio Tipologia Statale Facoltà: Scienze Matematiche Fisiche

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PER IL TURISMO (CLASSE 3)

CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PER IL TURISMO (CLASSE 3) CORSO DI LAUREA IN MEDIAZIONE LINGUISTICA E CULTURALE PER IL TURISMO (CLASSE 3) Informazioni generali Il Corso di laurea in Mediazione Linguistica e Culturale per il Turismo ha durata triennale. Per conseguire

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) a.a. 2015/16 Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI ECONOMIA, MANAGEMENT E DIRITTO DELL IMPRESA CORSO DI LAUREA IN PROGETTAZIONE E MANAGEMENT DEI SISTEMI TURISTICI E CULTURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Scienza dei Materiali. Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici del corso...2 2.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI STUDI AZIENDALI E GIUSPRIVATISTICI CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DELLE AZIENDE E DEI SERVIZI TURISTICI REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2014-2015

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia. Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia. Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea in ECONOMIA AZIENDALE Classe di appartenenza: L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale Nome inglese del corso: BUSINESS

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del Corso di Studi per il conseguimento della laurea in Discipline e Arti della Musica e dello Spettacolo Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...2 1. Obiettivi specifici

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN STORIA DELL ARTE (Classe LM-89) ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento didattico disciplina il di laurea, la programmazione, gestione e valutazione

Dettagli

ECONOMIA E FINANZA (MEF)

ECONOMIA E FINANZA (MEF) ECONOMIA E FINANZA (MEF) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Finanza si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività di natura specialistica

Dettagli

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1

ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology. Art. 1 1 ORDINAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MUSICOLOGIA Musicology Art. 1 È istituito il corso di laurea magistrale in Musicologia appartenente alla classe delle lauree magistrali in Musicologia

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-16 Finanza

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-16 Finanza Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso Università degli Studi di VERONA LM-16 - Finanza Banca e finanza adeguamento di: Banca

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E QUALITÀ Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE

CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI BIOSCIENZE CORSO DI LAUREA IN BIOLOGIA MOLECOLARE LAUREA MAGISTRALE CLASSE LM-6 BIOLOGIA ANNO ACCADEMICO 2015-2016 OBIETTIVI FORMATIVI Obiettivi formativi

Dettagli

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04)

corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M. 270/04) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE Regolamento didattico di corso di studio (laurea di II livello) corso di laurea magistrale in Management internazionale e del turismo (di nuova istituzione D.M.

Dettagli

Corso di laurea magistrale in Archeologia A.A. 2010/2011

Corso di laurea magistrale in Archeologia A.A. 2010/2011 A.A. 2010/2011 Facoltà di Lettere e Filosofia Presentazione del Corso di Studio Università: Denominazione Università della Calabria Tipologia Statale Facoltà Lettere e Filosofia Denominazione del Corso

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia, Statistica ed Informatica per l'azienda Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica

Regolamento Didattico. Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Regolamento Didattico Corso di Laurea Magistrale Interateneo (Università del Sannio e Università Federico II di Napoli) in Ingegneria Energetica Sede amministrativa: Università degli Studi del Sannio ART.

Dettagli

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008

Corso di Laurea in. Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici. Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 Corso di Laurea in VALORIZZAZIONE DEI SISTEMI TURISTICO-CULTURALI Classe di laurea 55/S Progettazione e gestione dei sistemi turistici Manifesto degli studi Anno Accademico 2007/2008 OBIETTIVI FORMATIVI

Dettagli

Modello Informativo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA

Modello Informativo CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA Università: Denominazione Università della Calabria Modello Informativo Presentazione del Corso di Studio Tipologia Statale Facoltà: Scienze Matematiche Fisiche

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Logistica e trasporti (Adeguamento di corso

Dettagli

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56)

Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Regolamento didattico Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico (LM 56) Obiettivi formativi Il Corso di Laurea Magistrale in Management e Sviluppo Socioeconomico ha l obiettivo

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea Magistrale in Scienze Pedagogiche Classe di appartenenza: LM - 85 Pedagogical Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del corso...1 2. Risultati di apprendimento

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28 Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Regolamento didattico del corso di studio per il conseguimento della laurea in Fisica dell Atmosfera e Meteorologia Art.1 - Norme generali...1 Art.2 - Obiettivi formativi...1 1. Obiettivi specifici del

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea in SERVIZIO SOCIALE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea in SERVIZIO SOCIALE Università degli Studi di FIRENZE Laurea in SERVIZIO SOCIALE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2013/2014 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso in inglese

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Economia Varese MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2008/2009 Corso di laurea magistrale in Economia e Commercio Corso di laurea magistrale in Economia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SOCIOLOGIA E POLITICHE SOCIALI CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI IN SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) Ai

Dettagli

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77

SCUOLA DI ECONOMIA. REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Classe LM-77 ALLEGATO N. 3 AL VERBALE N. 2 DEL CONSIGLIO DELLA SCUOLA DI ECONOMIA DEL 18 APRILE 2013 SCUOLA DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MARKETING E COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l'organizzazione didattica e lo svolgimento delle attività formative del

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE TURISTICHE (interfacoltà Economia-Lettere) Classe di laurea L-15 - Scienze del Turismo. Manifesto degli Studi

Corso di laurea in SCIENZE TURISTICHE (interfacoltà Economia-Lettere) Classe di laurea L-15 - Scienze del Turismo. Manifesto degli Studi Corso di laurea in SCIENZE TURISTICHE (interfacoltà Economia-Lettere) Classe di laurea L-15 - Scienze del Turismo Manifesto degli Studi Anno Accademico 2011-2012 Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2014/15 LAUREA IN ORGANIZZAZIONE E RISORSE UMANE (ORU) (Classe L-16) Immatricolati fino all'a.a. 2013/2014 GENERALITA' Classe di laurea di appartenenza:

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione )

Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione ) Dipartimento di Studi Umanistici Corso di Laurea Magistrale in TEORIA DELLA COMUNICAZIONE E COMUNICAZIONE PUBBLICA (LM-92 - Teorie della comunicazione ) Manifesto degli Studi A.A. 2014/2015 Presentazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Economia Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Economia Corso di Laurea Magistrale in MANAGEMENT, FINANZA E INTERNATIONAL BUSINESS Classe di appartenenza: LM 77 Scienze economico-aziendali Nome inglese del

Dettagli

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA)

ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) ECONOMIA E DIREZIONE AZIENDALE (MEDA) Coorte: 2008/2009 Il Corso di laurea magistrale in Economia e Direzione Aziendale si propone di fornire una formazione di livello avanzato per l'esercizio di attività

Dettagli

Corso di laurea in SCIENZE TURISTICHE (interfacoltà Economia-Lettere) Classe di laurea L-15 - Scienze del Turismo. Manifesto degli Studi

Corso di laurea in SCIENZE TURISTICHE (interfacoltà Economia-Lettere) Classe di laurea L-15 - Scienze del Turismo. Manifesto degli Studi Corso di laurea in SCIENZE TURISTICHE (interfacoltà Economia-Lettere) Classe di laurea L-15 - Scienze del Turismo Manifesto degli Studi Anno Accademico 2012/2013 Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca

Università degli Studi di Milano-Bicocca Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in Scienze del Turismo e Comunità Locale Classe L-15 (Scienze del turismo) Denominazione inglese del corso: Tourism Sciences

Dettagli

Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011.

Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011. Allegato al Verbale del Consiglio di Facoltà del 26 ottobre 2011. Corso di Laurea Magistrale in Consulenza aziendale e libera professione (Classe di laurea LM-77) Regolamento didattico Art. 1 Obiettivi

Dettagli

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE

SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE 66 Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE FILOSOFICHE E DELLA COMUNICAZIONE (Classe LM-78 - ex D.M. 270/04) Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-78 Scienze filosofiche I laureati nei corsi

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Economia Aziendale (Adeguamento di corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA. Facoltà di Medicina e Chirurgia. LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO-BICOCCA Facoltà di Medicina e Chirurgia LAUREA MAGISTRALE IN Scienze infermieristiche ed ostetriche REGOLAMENTO DIDATTICO - ANNO ACCADEMICO 2009-2010 DESCRIZIONE Il Corso

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA DI MODENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

FACOLTÀ DI INGEGNERIA DI MODENA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA) (CLASSE LM-32 ) ALLEGATO 2 Sezione Off.F della Banca-dati dell offerta formativa del Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica (classe di laurea LM-32) relativa alla coorte di studenti che si

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI CULTURALI PER OPERATORI DEL TURISMO (Classe XXXIX - Scienze del Turismo)

CORSO DI LAUREA IN BENI CULTURALI PER OPERATORI DEL TURISMO (Classe XXXIX - Scienze del Turismo) CORSO DI LAUREA IN BENI CULTURALI PER OPERATORI DEL TURISMO (Classe XXXIX - Scienze del Turismo) 1. INFORMAZIONI GENERALI Presidente: Prof.ssa Anna Pasqualini Ogni altra informazione: www.lettere.uniroma2.it

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del C.d.F. del 07.05.03, modificato con delibera del CdF del 8.10.03, del 12.05.04, del 01.06.2005, 21.12.2005) Regolamento

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in STORIA DELL'ARTE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione del corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA in FORMAZIONE DI OPERATORI TURISTICI approvato dal Senato accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento Scienze

Dettagli

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello)

Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE (già Istituto Universitario Navale) Regolamento didattico di corso di studio (laurea di I livello) corso di laurea in Risorse turistiche e beni culturali (Adeguamento

Dettagli

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14

L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 L-18 Economia aziendale REGOLAMENTO in vigore dall a.a. 2013-14 Art.1 Denominazione del corso di studio e classe di appartenenza E istituito presso l Università di Firenze il Corso di Laurea in Economia

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA AZIENDALE XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento disciplina l articolazione

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN SOCIETÀ E SVILUPPO LOCALE Classe delle Lauree Magistrali in Servizio sociale e politiche sociali (LM-87) Sede didattica del Corso di Laurea Magistrale: Alessandria

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE Emanato con Decreto del Presidente del Consiglio dell Università n. 04 del 12.0.2009 (decorrenza a.a. 2009/2010) STR 1 Art. 1 Definizione e

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA

ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA ATENEO TELEMATICO LEONARDO DA VINCI E UNIVERSITÀ G. D ANNUNZIO CHIETI - PESCARA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO TELEMATICO IN SCIENZE PSICOLOGICHE CLASSE L-24

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE. Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE Corso di laurea magistrale in Ingegneria meccanica Classe di laurea magistrale n. LM-33 Ingegneria meccanica DM 270/2004,

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-59 Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-59 Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Università Cattolica del Sacro Cuore LM-59 - Scienze della comunicazione pubblica, d'impresa e pubblicità Comunicazione pubblica

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE DEL LAVORO 1. Il presente Regolamento specifica gli aspetti organizzativi del corso di laurea specialistica in Scienze del lavoro (classe delle

Dettagli

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità

Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM. Facoltà di Comunicazione, relazioni pubbliche e pubblicità Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM Corso di laurea in Relazioni pubbliche e comunicazione d'impresa Classe di appartenenza L-20 Scienze della comunicazione Nome inglese del corso: Public

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea Magistrale in TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea Magistrale in TURISMO, TERRITORIO E SVILUPPO LOCALE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del

Dettagli

TITOLO I DATI GENERALI ARTICOLO 1. Funzioni e struttura del Corso di studio

TITOLO I DATI GENERALI ARTICOLO 1. Funzioni e struttura del Corso di studio REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN SCIENZE PER L'INVESTIGAZIONE E LA SICUREZZA CLASSE L-40 - Sociologia AI SENSI DEL D.M. 270/2004 TITOLO I DATI GENERALI ARTICOLO 1 Funzioni e struttura del Corso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERFACOLTA IN INFORMAZIONE ED EDITORIA (CLASSE LM-19) Art. 1 Premessa ed ambito di competenza. Il presente Regolamento, in conformità allo Statuto

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale

Obiettivi formativi qualificanti della classe: LM-65 Scienze dello spettacolo e produzione multimediale Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Università degli Studi ROMA TRE LM-65 - Scienze dello spettacolo e produzione multimediale Cinema, televisione e produzione

Dettagli

ARTICOLI DEL REGOLAMENTO

ARTICOLI DEL REGOLAMENTO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale in Lingue, Culture e Comunicazione Internazionale (LM-38) Approvato dal Consiglio di Facoltà di Lingue e Letterature

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE POLITICHE E DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI (CLASSE DELLE LAUREE L-36 e L 16) CORSO DI LAUREA INTERCLASSE SCIENZE POLITICHE E RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale)

Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Regolamento didattico del Corso di Laurea di Amministrazione ed Economia delle Imprese Classe 17 b (Scienze dell'economia e della gestione aziendale) Approvato dal Consiglio di Corso di Laurea nelle sedute

Dettagli

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013 Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze MM.FF.NN. /Como Corso di laurea in Matematica, L-35 Scienze Matematiche Nome Inglese del Corso: Mathematics MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

Dettagli

PARTE I Principi generali

PARTE I Principi generali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Banca e Finanza Laurea: Classe: Struttura di riferimento: Altre strutture di riferimento: Banca e Finanza Banking

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in STORIA DELL ARTE E BENI CULTURALI approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI 1.1 Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione D. R. 87 2 Maggio 200 Classe delle lauree n. 1 TITOLO I STRUTTURA DIDATTICA DEL CORSO DI LAUREA Art. 1 - DENOMINAZIONE 1 - È istituito

Dettagli

CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE (INTERFACOLTÀ)

CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE (INTERFACOLTÀ) CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DELLA QUALITÀ 125 CLASSE DELLE LAUREE IN SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE (INTERFACOLTÀ) ECONOMIA E INGEGNERIA DELLA QUALITA SEDE DI PRATO Presidente del Corso

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali

Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT. Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali Regolamento Didattico del Corso di laurea di II livello in: MANAGEMENT Classe delle lauree specialistiche 84/S Scienze economico-aziendali ART. 1 Istituzione del corso di laurea in Management (MGT) Presso

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E DELL ORGANIZZAZIONE FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE DELLA LIBERA UNIVERSITA DEGLI STUDI PER L INNOVAZIONE E LE ORGANIZZAZIONI (LUSPIO) ROMA

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-icocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia e amministrazione delle imprese, Classe di appartenenza L-18 Scienze dell'economia e della gestione aziendale Nome

Dettagli

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in SCIENZE DEL TURISMO E COMUNITÀ LOCALE

Università degli Studi di Milano Bicocca. Laurea in SCIENZE DEL TURISMO E COMUNITÀ LOCALE Università degli Studi di Milano Bicocca Laurea in SCIENZE DEL TURISMO E COMUNITÀ LOCALE D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2015/201 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di Scienze della Formazione. Corso di Laurea in Scienze Psicologiche. Classe di appartenenza: L - 24 Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Laurea in Scienze Psicologiche Classe di appartenenza: L - 24 Psychological Studies REGOLAMENTO DIDATTICO Art. 1 Presentazione

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia

Università degli Studi di Milano-Bicocca. Facoltà di Economia Università degli Studi di Milano-Bicocca Facoltà di Economia Corso di laurea in Economia delle banche, delle assicurazioni e degli intermediari finanziari, Classe appartenenza L-1 Scienze dell'economia

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-15 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management

Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-15 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Facoltà di Giurisprudenza - Como Corso di Laurea in Scienze del Turismo Classe L-1 Scienze del Turismo Degree in Tourism Management Sede del corso: Como MANIFESTO

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE Classe L 18

Dettagli

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO del CORSO di LAUREA MAGISTRALE in LINGUE PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 22 ottobre 2013 1. DATI GENERALI

Dettagli

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina

Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologia Quantitative (SEAM) Università degli Studi di Messina REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE ECONOMICHE E FINANZIARIE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea triennale in Classe Facoltà ECONOMIA E MANAGEMENT DELLE IMPRESE DI SERVIZI XVII Scienze dell economia e della gestione aziendale Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Art. 4 Ordinamento didattico Art. 5 Quadro degli insegnamenti e delle attività formative Art. 6 Piano degli studi annuale

Art. 4 Ordinamento didattico Art. 5 Quadro degli insegnamenti e delle attività formative Art. 6 Piano degli studi annuale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA, D IMPRESA E PUBBLICITÀ LM 59 Art. 1 Finalità 1. Il presente regolamento didattico

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52)

Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 LM-52) Corso di Laurea Magistrale in SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (D.M. 270/2004 L52) Sede didattica Classe delle lauree Durata sito web Dipartimento di riferimento Coordinatore: Genova Relazioni internazionali

Dettagli