UNA GRANDE CONSEGNA. Buona lettura! Piccole Sorelle Jesus Caritas Anno 2009 N. 2. In questo Numero:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNA GRANDE CONSEGNA. Buona lettura! Piccole Sorelle Jesus Caritas Anno 2009 N. 2. In questo Numero:"

Transcript

1 Piccole Sorelle Jesus Caritas Anno 2009 N. 2 UNA GRANDE CONSEGNA Africa, il continente cuore del mondo, così variegato geograficamente e così carico di contraddizioni, contrasti e paradossi. La culla della vita, dove ogni giorno bambini muoiono ancora per fame e malattie che dovrebbero essere già debellate. C è il grande deserto, il Sahara, ma ci sono anche le grandi foreste equatoriali con la loro esplosione di vegetazione. Un continente che qualcuno definisce malato, ma a farlo ammalare siamo stati noi occidentali con il nostro sfruttamento indiscriminato delle risorse e con le nostre politiche sbagliate. Un continente che stenta a decollare perché quelli che contano stanno altrove e chi vuole un futuro lo va a cercare al di là del mare, invece che avere la possibilità di migliorare la sua nazione. Una situazione culturale molto diversa dalla nostra, ma che ogni giorno bombardiamo con messaggi contraddittori e falsi. Africa, con la sua povertà e le immense ricchezze sfruttate da altri; Africa, un continente antico, ma con la popolazione giovanissima; Africa! Cento anni fa questo continente, nella sua parte più inospitale, il deserto del Sahara, ha visto scorrere la vicenda di un uomo che, più di ogni altra cosa, cercava Dio e cercava l uomo. Quest uomo era Charles de Foucauld con la sua esperienza unica, si è fatto povero come Gesù per avvicinarsi agli uomini poveri perché non conoscevano Dio! Quest uomo è stato un pioniere delle strade di Dio attraverso il cammino sulla sabbia e nell incontro con chi era il più lontano. La sua forza l attingeva da una sorgente inesauribile, dall Eucaristia, che sempre l accompagnava come la roccia che accompagnò il vagare d Israele nel deserto! Un uomo senza tante pretese e morto solo, che però ha segnato profondamente la vita della Chiesa. Un uomo che con le sue intuizioni e il suo coraggio è diventato il buon seme che caduto in terra marcisce, per produrre molto frutto. A chi segue le sue orme, Egli indica un unico Maestro e Modello, Gesù! Charles de Foucauld scegliendo il deserto del Sahara per la sua vita, ha consegnato, in modo speciale, come eredità a tutti quelli che l avrebbero seguito, il continente africano. Ha consegnato il suo modello di evangelizzazione che è quello della prossimità e della vicinanza, dell amicizia e del dialogo franco e aperto nonostante le differenze, comprese quelle religiose. Ha consegnato il suo metodo particolare: l evangelizzazione attraverso una vita semplice e una preghiera di intercessione costante. In questo Numero: Fratel Oswaldo C. ci parla de: La conversione di Charles de Foucauld a pag. 2. Sorella Paola ci racconta il suo viaggio in Burundi: Kase Bakenzi Benvenuti Amici! nelle pag Sorella Diomira e Ivana del Medico ci raccontano le vicende della casa d accoglienza: Da Casa Betesda a pag. 7. Infine, appuntamenti e varie a pag. 8. Buona lettura! LE PICCOLE SORELLE JESUS CARITAS 1

2 LA CONVERSIONE DI CHARLES DE FOUCAULD Il visconte Charles de Foucauld ( ), dopo la perdita prematura dei genitori (1864), assieme alla sorellina Marie, viene allevato dal nonno materno, il colonnello Charles de Morlet, ed educato secondo la tipica morale cattolica della borghesia francese dell epoca. Appena adolescente Charles perde la fede e ben presto si da ad una vita sfrenata, che dovette smettere, almeno in parte, perché chiamato a combattere a Orano, in Algeria, con il suo reggimento. Volgarmente, per conversione s intende un ritorno a Dio o, per dirla in termini evangelici, secondo la parabola del figliol prodigo, un ritorno al Padre. In realtà, però, la conversione spirituale è segno di adesione continua dell uomo a Dio, in seguito a una scelta precisa, da realizzare nella quotidianità della vita cristiana. Potremmo anche parlare di un continuo convergere verso Gesù. Nel rapporto esistenziale tra l uomo e Dio c è sempre una continua chiamata divina ad una risposta umana. Chiamata e risposta formano, per così dire, il tessuto vitale dell essere cristiano. Dopo un lungo itinerario di vita interiore favorito da avvenimenti vari e da alcuni incontri provvidenziali, a 28 anni Charles de Foucauld si converte. Nella sua conversione, come in ogni conversione, si può riscontrare un incontro tra la grazia divina e l opera umana. Dio prende l iniziativa, come sempre, e si offre gratuitamente all uomo inquieto. Questi, assetato di assoluto, risponde gradualmente sino a prendere coscienza del disegno divino su di lui. Immediatamente dopo aderisce incondizionatamente alla persona di Cristo, attraverso cui gli è rivelato il Padre, e si pone alla sua sequela. Le parole scritte da Charles ad un grande amico, Henry de Castries, ci rivelano i suoi sentimenti più profondi: Con quale miracolo l infinita misericordia di Dio mi ha riportato da così lontano? Non posso attribuirlo che a una sola cosa: alla Sua bontà infinita Appena credetti che c era un Dio, compresi che non potevo fare altrimenti che vivere solo per Lui Agli inizi la fede ebbe molti ostacoli da vincere, ma la grazia divina e i consigli del mio confessore dissiparono quelle nubi. Oltre il contatto con la religione islamica avvenuta in Marocco, così benefico per il giovane alla ricerca dell assoluto di Dio, vi furono due persone di cui Dio si servì per la sua conversione: la cugina Marie de Bondy e don Huvelin, parroco della Chiesa di S. Agostino a Parigi. In casa di sua zia, madame Moitessier in un clima di estrema calma angoscia, dubbi, ripensamenti, ricordi d infanzia e di gioventù sfrenata prendevano sempre più possesso del suo spirito e ne mettevano in crisi convinzioni e punti di vista fino a quel momento ritenuti giusti e intoccabili. In questo clima psicologico Charles rimaneva incantato dinanzi alla presenza silenziosa, ma tanto convincente e incisiva, di sua cugina Marie. Il modo di fare di questa donna profondamente convinta gli creava intorno un ambiente invitante alla riflessione, e un aria di pace e serenità che contrastava con il suo subbuglio interiore. Accanto a questa figura di donna così autenticamente credente, ve n era un altra, quella di don Huvelin, anche questi strumento di cui Dio si servì per portare a compimento la conversione di Charles. Amico e confessore di casa Moitessier, don Huvelin era un uomo di squisita intelligenza, di acuta sensibilità, ma soprattutto un santo sacerdote. Al momento della sua conversione, Charles nel ricevere la sua seconda comunione, s era innamorato follemente della condizione di servo e dello stato di abbassamento umilmente assunto dal Verbo divino nell incarnarsi, al punto tale da decidersi a seguirlo su questa strada che Egli aveva abbracciata e percorsa. Gli anni che gli resteranno da vivere gli impiegherà per comprendere dove e come poter imitare meglio la vita del suo beneamato Fratello e Signore Gesù. Charles de Foucauld è diventato davvero Charles di Gesù. FR. OSWALDO J. C. 2

3 KASE BAGENZI! BENVENUTI AMICI! Racconto del viaggio in Burundi Dal 26 dicembre 2008 al 6 gennaio 2009, un gruppo di 7 persone, ha affrontato la grande avventura di un viaggio pellegrinaggio in Burundi. Il gruppo è alquanto strano: c è il Rettore del Seminario di Fermo Don Sandro Salvucci, il diacono permanente Don Reginaldo Tassotti, un infermiere in pensione Sandro Luca, poi le donne: in primis Antonietta Costantini, due insegnanti Angela Maria Pistolesi e Meri Ruggeri ed in fine la scrivente sorella Paola. Un gruppo ben assortito che tra i preparativi di Natale, quest anno ha preparato anche questa sortita in terra straniera, in terra africana. Ora mi sembra doveroso spendere due righe per ricordare ai più una piccola nazione, martoriata da 12 anni di guerra civile, come il Burundi. La Repubblica del Burundi si trova nella regione dei grandi laghi, confina a nord con il Ruanda, ad ovest con la repubblica democratica del Congo e il lago Tanganyka e a sud e ad est con la Tanzania. La sua superficie è di km , di poco più grande della superficie del nostro Piemonte! Capitale è Bujumbura. Gli abitanti sono più di 8 milioni di abitanti, una popolazione molto giovane, con una densità per km 2 di circa 300 persone. Le lingue parlate sono il kirundi, il francese e, verso la Tanzania, anche il swahili. La moneta è il franco burundese. È un ex colonia tedesca poi un ex possedimento Belga indipendente dal 1 luglio Solo il 60% della popolazione è alfabetizzata ed ha un economia prevalente di agricoltura di sussistenza. Il territorio è montuoso con un clima tropicale, mitigato dall altezza e dalla presenza del lago Tanganyka. L arrivo il 26 dicembre. Siamo partiti da Roma, con scalo ad Adis Ababa e arrivo nella capitale Bujumbura alle ore 12,30 circa ora locale. Al nostro arrivo ci ha raccolti Don Salvatore e con un pulmino, guidato da Eri, abbiamo raggiunto Bururi intorno alle ore 18,00. Bururi è collocata a 1800 m. di altitudine. In totale abbiamo viaggiato per circa 24 ore e siamo stati fortunati: non ci sono stati ritardi! Mentre salivamo dalla capitale per raggiungere Bururi, lo spettacolo della natura, monti e vegetazione, che ci si presentava dinanzi è davvero mozzafiato. Vediamo piantagioni da Thé, banane, granturco, manioca, ecc. e pian piano iniziamo a prendere confidenza con queste piante mai viste prima! Al nostro arrivo ci accorgiamo che siamo attesi per l inizio della Santa Messa nella cappella del vescovato. Durante questa messa i due canditati al sacerdozio, Don Ildephonse e Don Pasteur hanno pronunciato il giuramento al loro vescovo. Quasi una festa nazionale: 27 dicembre 2008 l ordinazione presbiterale di Don Pasteur e Don Ildephonse. Dopo la colazione, partiamo per Routovu, nella chiesa parrocchiale si è svolta la celebrazione dell ordinazione dei nostri due amici. La cerimonia è stata allietata da balli e canti com è consuetudine a queste latitudini, abbiamo così iniziato ad assaporare le cerimonie africane, molto partecipate e frequenti in questo periodo (le festività natalizie!). Tra la celebrazione, i saluti e i ringraziamenti abbiamo trascorso circa 5 ore in Chiesa. Dopo abbiamo partecipato ad un intrattenimento e ad un pasto, nei pressi della vicina scuola di Routovu. Il miracolo della strada: 28 dicembre raggiungiamo il villaggio di Don Ildephonse Kidobori. Sì! Un miracolo: per permettere lo svolgimento della festa nel villaggio di Don Ildephonse, si sono mobilitati tutti i fedeli di questa chiesa succursale della grande parrocchia di Routovu. Infatti, c è un altra strada per raggiungere questo villaggio, che sale dalla valle, ma per scongiurare il pericolo che gli invitati provenienti da lontano rimanessero imprigionati dal fango, visto che i mesi di dicembre e gennaio sono mesi di piogge, si è pensato di fare un altra strada, quella che vedere nella foto accanto. Al posto di questa strada, prima c era solo un piccolo sentiero di montagna 3

4 percorribile solo a piedi. Tutti hanno dato una mano e hanno permesso questo miracolo. La nuova strada che si inerpica sulla montagna è lunga più di 2 km. Così, grazie alla generosità di tutti, abbiamo potuto assistere alla celebrazione della prima Messa di Don Ildephonse nel suo villaggio chiamato Kidobori nella collina di Munyinya a 1936 m di altezza. All evento celebrazione sono accorsi da tutti i villaggi vicini, anche da km di distanza. Era presente, per la prima volta in questa zona, anche il Vescovo Baccinoni. Molte persone di questo villaggio hanno visto per la prima volta un musungu, cioè un bianco! Una bellissima celebrazione e, alla fine, un pranzo per tutti gli invitati che ha richiesto molti preparativi. Durante questa S. Messa sono stati battezzati 22 bambini, tra cui il nipotino di Don Ildephonse. In ricordo di un martire per la pace: 29 dicembre commemorazione a Minago. Alla mattina siamo partiti alla volta di Minago: siamo scesi verso il lago Tanganuka per una visita al monumento in ricordo del Nunzio Apostolico, Mons. Michael Aidan Courtney, di origine irlandese, che fu ucciso il 29 dicembre del 2003 in un attentato dai ribelli. Il Nunzio predicava la riconciliazione e il dialogo tra le etnie, per questo sul monumento è scritto: Ha donato la sua vita per la pace. Al momento dell attentato, al suo fianco nell automobile c era l attuale Vescovo di Bururi, Mons. Baccinoni, che ogni anno ricorda questo tragico avvenimento con una celebrazione commemorativa nel luogo dell imboscata e con la successiva S. Messa nella vicina parrocchia di Rumonge. Durante la guerra, lungo questa strada che collega Bururi e Rumonge, le abitazioni sono state distrutte e transitavano solo ribelli e militari. La zona, quindi, era pericolosissima per i civili. Ora le case sono state ricostruite e riabitate. Abbiamo visitato la parrocchia sulla riva del lago e, nonostante il caldo umido, abbiamo assistito alla S. Messa in ricordo del Nunzio ucciso. I Martiri della Fraternità: 30 dicembre a Buta. Da Bururi verso Buta si attraversa il villaggio protestante pentecostale di Kiremba. Buta fino a 15 anni fa era solamente la sede del seminario minore della diocesi di Bururi, ma il è stata teatro dell uccisione di 40 seminaristi giovani (tra i 14 e i 16 anni), uccisi dai ribelli. Per ricordarne la memoria, è sorto qui il Santuario dei Martiri della Fraternità Abapfiriye Umuvukano. Quel giorno è rimasto perennemente impresso nella memoria dei nostri due amici sacerdoti che furono protagonisti di questo episodio; Don Pasteur ha perso suo fratello ucciso dai ribelli, mentre Don Ildephonse rimase ferito più volte alla gamba, solo dopo un operazione in Italia ricupererà la sua funzionalità. A Buta partecipiamo alla S. Messa che si celebra ogni 30 del mese a ricordo dei 40 giovani seminaristi uccisi. Qui incontriamo molti giovani e gente venuta per la celebrazione tra cui alcuni genitori dei ragazzi uccisi; incontriamo anche Don Zakkaria che nel 97 era rettore del seminario. Oggi è il fondatore del monastero maschile di Buta poco distante dal Santuario. In serata, rientrando a Bururi abbiamo fatto una sosta alla clinica privata e alla farmacia di Don Leopold che pratica la medicina tradizionale. Verso il lago: 31 dicembre a Nyanza-Lac. Da Bururi attraversando Rumonge e costeggiando il lago Tanganyka si arriva a Nyanza-Lac, cioè alla parte più a sud e a confine con la Tanzania. Abbiamo fatto una sosta nella parrocchia di Kigwena dove, non lontano, è stato fondato 4

5 il Liceo intitolato a Don Mauro Bartolini, sacerdote della diocesi di Fermo. Visitando la scuola, la cui costruzione è curata da Don Salvatore, abbiamo incontrato i 350 ragazzi che la frequentano nonostante che siano giorni di festa, i ragazzi sono venuti solo per incontrare noi. Qui frequentano le scuole medie e le superiori, gli insegnanti sono stipendiati dallo Stato, ma il direttore della scuola è cattolico visto che la parrocchia e la diocesi provvedono alla costruzione. Questa scuola inoltre, ospita sia protestanti che musulmani. Verso Nyanz-Lac visitiamo una nuova Chiesa Isengero in costruzione; qui notiamo anche la presenza di profughi burundesi di rientro dalla Tanzania. Abbiamo pranzato nella parrocchia e, data la vicinanza del lago, gustiamo il pesce tipico Inguhe. Al nostro rientro a Bururi abbiamo festeggiato la fine dell anno tra canti e danze locali. A mezzanotte abbiamo cantato il Te Deum di ringraziamento in kirundi! Quasi un safari: 1 gennaio Messa nella succursale di Don Ildephonse. Siamo partiti da Bururi alla volta di Mwungeremwe parrocchia di Don Ildephonse per la celebrazione della S. Messa con i suoi parenti tra cui sua nonna. Per raggiungere questo luogo abbiamo attraversato un ponte fatto di tronchi con il pulmino. Nel pomeriggio visita a le sorgenti del Nilo riconosciute come la fonte più a sud. Visita a Gitega: il 2 gennaio. Da Ruotovu partiamo per Gitega. Facciamo tappa al Seminario maggiore e incontriamo il rettore. Poi ci spostiamo per visitare l impianto di trasformazione dell olio di Avocado di proprietà di un italiano. Ma prima assistiamo ad uno spettacolo dei ragazzi della scuola media di Murrayi con tamburi e danze. A Gitega visitiamo l orfanotrofio delle suore Bene Bernadetta e la Maison Mere dove abbiamo incontrato la Superiora Generale. Suor Consolata ci accompagna in questa giornata e ci illustra i vari luoghi, visto che parla in italiano avendo studiato a Roma. Da Gitega siamo andati a Gihofi (a 1200 m) dove abbiamo visitato le piantagioni di canna da zucchero lavorate in loco dalla Sosumo. Da qui all orizzonte si vede la vicina Tanzania. La festa di Don Pasteur: 3 gennaio a Jenda. Da Bururi abbiamo raggiunto Muyange (Jenda) dove vive la famiglia di Don Pasteur e dove è stata organizzata la festa proprio nel suo villaggio. Qui abbiamo celebrato la S. Messa presieduta dal Vescovo Baccinoni e abbiamo festeggiato. La famiglia di Don Pasteur ha regalato a ciascuno di noi un dono particolare: oltre all abito tradizionale, Bubu, per le donne agli uomini delle camice oltre che oggetti tipici tra cui il cesto in corda chiamato Agaseke, alla suora il contenitore per il latte. Anche Don Pasteur ha ricevuto dei doni tra cui una mucca e mezza e una pecora con il suo agnellino. Saluto a Bururi: 4 gennaio. Dopo esserci congedati con il Vescovo Baccinoni che ci ha ospitato nella vicina casa adibita agli ospiti, posiamo per la classica foto di gruppo: gli Abasungu lasciamo Bururi portando una parola, Amahoro cioè pace che ci ha accompagnato per tutto il tempo. Raggiungiamo così la Chiesa succursale di Kivunu, dove Don Pasteur celebra la S. Messa; abbiamo pranzato nei locali della parrocchia e poi partenza per Bujumbura. Durante il viaggio facciamo una sosta a Matana presso la casa del fratello di Don Giuseppe che ora è in Italia e precisamente a Civitanova Marche. 5

6 Turisti nella capitale: 5 gennaio. Dopo aver pernottato nella capitale Bujumbura, abbiamo avuto l occasione per visitare prima l orfanotrofio e la scuola Fondati da Don Vittorio Blasi, sacerdote della nostra diocesi, poi il mercato di Bujumbura. Abbiamo anche visitato la riserva naturale di Rusizi alle foci del fiume omonimo che si immette nel lago Tanganyka. Qui abbiamo visto degli animali tra cui un coccodrillo Ingona, gli ippopotami Invubu e diverse specie di uccelli. Abbiamo raggiunto Gatumba al confine con il Congo e al ritorno ci siamo fermati sulla spiaggia del lago. Inoltre abbiamo fatto visita al Centro Giovanile Kamenge fondato e gestito dai padri saveriani alla periferia della capitale: è un luogo di incontro e di aggregazione per tutti i giovani, vista anche la vicinanza con l università. A cena siamo stati invitati a casa di un altro fratello di Don Giuseppe che vive e lavora a Bujumbura. Il rientro: 6 gennaio. Nella mattinata ancora qualche giro per la città al mercato e al museo, poi alle 13,00 all aereoporto per il rientro! Che cosa rimane? Nonostante il tempo trascorso in questi luoghi davvero suggestivi, sia stato molto poco, senz altro rimane una profonda nostalgia per una vita semplice e senza tanti crucci, al contrario dei nostri ritmi affannosi, una vita che è più a misura d uomo, nonostante la mancanza di mezzi. Rimane l esperienza dell accoglienza, profonda e calda, che abbiamo potuto sperimentare in ogni luogo, in ogni parrocchia o casa che abbiamo visitato. L aver incontrato un altra cultura, diversa dalla nostra, che va amata e rispettata e non criticata. Rimane ancora impresso il ricordo delle celebrazioni liturgiche, così vive e partecipate con i canti, le danze e il ritmo. Esperienza che ci ha interrogato profondamente perché abbiamo incontrato una Chiesa giovane che può dire molto al nostro mondo vecchio e stanco. L incontro è stato il segno distintivo di questi giorni, nonostante la lingua diversa, abbiamo sperimentato un linguaggio universale, quello dell Amicizia. Voglio ora ringraziare i nostri due sacerdoti amici che ci hanno permesso di vivere questa esperienza: Don Pasteur e Don Ildephonse. A loro due, che in questo momento sono in Italia per continuare i loro studi, va il nostro augurio di ogni bene nel Signore e che il loro ministero possa essere sempre fecondo, in Italia come in Burundi. Il loro impegno nella formazione personale è anche in vista del loro servizio una volta rientrati in patria. Occorrono persone formate e coraggiose che vivano in una mentalità nuova, come loro ci hanno testimoniato, la mentalità del perdono evangelico, che può sanare le enormi ferite di questo popolo. Inoltre, il nostro augurio è anche per tutto il popolo burundese, per la nazione intera, perché ritrovi e viva sempre più nella Pace Amahoro. Parafrasando le parole del beato Giovanni XXIII, ogni bene non è bene senza la pace! Chissà, se i nostri piedi torneranno ancora a percorrere le strade del Burundi? Restiamo aperti a ciò che il Signore vorrà e certo non mancherà di sollecitare noi a cercare un coinvolgimento di tanti verso le problematiche vissute da questo popolo e troppo spesso dimenticate. Allora Amahoro mesa Pace a tutti! p. s. Paola j.c. 6

7 Da Casa Betesda sorella Diomira e Ivana Del Medico Venite... e riposatevi un poco (cfr. Mc 6, 31) Ogni uomo conserva in fondo al proprio cuore l anelito verso il futuro e ciò è una cosa bellissima perché vuol dire mettere le ali alla speranza. Forse ciò che offusca e danneggia questo anelito è vivere questa speranza (di un lavoro, di una casa, della famiglia, ecc.) con ansia, angustia e... forse con rabbia. Sembra che, un giorno dietro l altro, questo sole che tanto si spera di vedere, continui a giocare a nascondino dietro le nubi: è tempo di crisi, sei straniero, non mi piacciono i neri, non avete voglia di lavorare, sono stato tradito, ecc. Tutte queste frasi purtroppo sono spesso pronunciate da color che non hanno mai conosciuto la povertà e non sanno com è umiliante trovarsi in queste condizioni e, peggio ancora, elemosinare ciò che è un diritto per ogni essere umano. Dice San Giovanni nella sua prima lettera: «Figlioli, non amiamo a parole ne con la lingua, ma coi fatti e nella verità». E ancora: «... se uno ha ricchezze di onesto mondo e vedendo il suo fratello in necessità gli chiude il proprio cuore, come dimora in lui l amore di Dio?» (cfr. 1 Gv 3, 17-18). Queste parole ci devono interrogare, specialmente se ci definiamo cristiani! Ad ogni fratello che incontriamo diciamo la Parola di Gesù: «Venite a me, voi tutti, che siete affaticati e oppressi, e io vi ristorerò» (Mt 11, 28). Tutti: affaticati, stanchi, delusi, voi tutti sperate in Dio perché un Dio grande ed eccelso sono, ma abito accanto agli ultimi! Dio non tarderà, Egli non è sordo, Egli vede e ha udito il pianto del tuo cuore... coraggio, presto verrà! Diceva un contadino brasiliano: Se dentro di te e attorno a te è buio, alza gli occhi in alto e vedrai, una stella ti illuminerà!. Questa stella è la fiducia in un Dio che ci ama e non ci abbandona. Guardiamo Gesù, Lui così grande si è rivestito di carne mortale, vivendo a Nazareth, povero tra i poveri, sconosciuto, rifiutato non solo dal suo popolo, ma anche da noi, tutte le volte che i nostri pensieri sono diversi dai suoi e le nostre vie si allontanano dalle sue vie! Questo nostro mondo non ci aiuta certo a cercare ciò che è vero, giusto, elevato, anzi ci spinge verso il possesso di persone e cose che solo apparentemente ci riempie il cuore e la mente, ma che alla fine risulta effimero e vuoto! Da questo deriva che la vera povertà è il non avere Gesù nel cuore; è voler fare a meno di Lui, è voler dirigere la propria esistenza senza di Lui, è cedere alla tentazione della propria autosufficienza. Però solo dove c è Gesù scompare la paura, dove c è Gesù si dissolve l inquietudine; dove c è Lui non ha più spazio l angoscia. Allora, riposare in Gesù è avere il coraggio di scavalcare le nostre vedute e... fidarci, ascoltare. Così alla fine troveremo quello che tanto ansiosamente cerchiamo! p. s. DIOMIRA J. C. Casa Betesda, la casa d accoglienza della Caritas, dove le Piccole Sorelle Jesus Caritas svolgono il loro servizio sulle orme del Beato Charles de Foucauld. Io sono entrata in questa realtà! Molte volte mi sono posta questa domanda: Mi hanno invitata, oppure Gesù mi ha indicato questa strada?. Sono diversi mesi, infatti, che svolgo un volontariato qui, presso Casa Betesda, dove persone meno fortunate di noi trovano accoglienza ed aiuto. Col passare dei giorni, trovo risposta alla mia domanda e mi vado convincendo sempre più che è Gesù che mi ha indicato questa strada, un luogo dove lo posso trovare tutte le volte che lo cerco. Gesù è qui, in mezzo ai nostri fratelli che hanno bisogno di aiuto, di un sorriso, di un gesto d Amore. È qui che mi ricordo le parole del Vangelo: «Ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l avete fatto a me» (Mt 25, 40). Volontariato è una grande parola, ma spesso ci confrontiamo con la realtà e pensiamo: che cosa si può fare? Si può fare molto e in diversi modi, dall aiuto alle persone per ricercare un lavoro, una casa, un pasto a quello che è più importante: aiutare le persone nel ritrovare la speranza nel futuro, la fiducia nella vita e ad andare avanti perché la vita un dono grande e vale la pena di viverla fino in fondo. Questo è quello che si fa a Casa Betesda, dove le Piccole Sorelle tutti i giorni si prendono cura degli altri senza nessuna barriera di colore, lingua religione. La mia esperienza di volontariato? Beh! Posso affermare con sicurezza che è più ciò riceve di ciò che in realtà riesco a dare! IVANA DEL MEDICO 7

8 INCONTRIAMO LA PAROLA Le Beatitudini Ultimi due incontri sulla parola: Il 07 maggio 2009 Beati gli operatori di pace Il 04 giugno 2009 Beati i perseguitati per la giustizia. Pregare con le Piccole Sorelle a Casa Betesda: ore 06,30 ore 15,00 ore 18,00 ore 21,30 Lodi e Adorazione Ora media Ufficio letture e Vespri Compieta Il Giornalino La Fraternità lo puoi trovare anche on line sul sito SONO PASSATI A CASA BETESDA: Il 14 dicembre 2008 un gruppo di seminaristi del Seminario Redemptoris Mater di Macerata per una giornata di ritiro. Il 16 dicembre 2008 gruppo della Parrocchia Santa Caterina di Fermo. Il 22 dicembre 2008 serata con un gruppo della parrocchia San Marco alle Paludi Fermo. 29 dicembre 2008 Gruppo ragazzi della Parrocchia di S. Alessandro Fermo. Il 24 gennaio 2009 gruppo di giovani dell oratorio Parrocchia di Sant Antonio, Fermo. Il 13 marzo 2009 serata con i giovani partecipanti alla Settimana della Vita Comune. La Fraternità delle Piccole Sorelle augura a tutti gli amici, i simpatizzanti, una Via G. P. da Palestrina, FERMO FM Tel. Fax Sito: Scriveteci! 8

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Preghiera per la Fede Paolo VI

Preghiera per la Fede Paolo VI Preghiera per la Fede Paolo VI Signore, io credo: io voglio credere in Te. O Signore, fa che la mia fede sia piena, senza riserve, e che essa penetri nel mio pensiero, nel mio modo di giudicare le cose

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

IL BURUNDI DEGLI ESPLORATORI

IL BURUNDI DEGLI ESPLORATORI IL BURUNDI DEGLI ESPLORATORI 10 giorni / 9 notti - pensione completa LAGO TANGANYIKA - SORGENTE DEL NILO - TAMBURI SACRI 2 giorno 3 giorno 4 giorno Giornata libera.concerto serale. 5 giorno 6 giorno 7

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni.

Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Domenica 4 settembre la Comunità Parrocchiale Mater Domini ha salutato don Donato Panna l ha guidata per otto anni. Prima della conclusione della S. Messa, concelebrata da don Donato, don Giuseppe Pendinelli

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari

Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Omelia del Vescovo Mons. Ottorino Assolari Anzitutto voglio dare il mio saluto cordiale ed affettuoso a questa cara comunità di Gorle che già mi accoglie da diversi anni, quindi esprimo la mia riconoscenza

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt.

CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo. Lectio Divina (1 Pt. CONSEGNA DELLE LINEE PASTORALI 2010 2011 Chiesa Cattedrale 5 settembre 2010 ITALO CASTELLANI arcivescovo Lectio Divina (1 Pt.2,1-5; 3,15) Vocazione e missione della comunità cristiana: il cammino degli

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

... uscendo per le strade!

... uscendo per le strade! And a r e...... uscendo per le strade! percorsi giovani _ 2015/2016 Azione Cattolica diocesi di Bergamo Carissimo/a giovane, n e l l An n o Sa n t o della Misericordia, t i p r o p o n ia m o a l c u n

Dettagli

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella.

CANTORI DELLA STELLA. Non è mai troppo tardi. per le strade del ticino. per formare un gruppo di Cantori della Stella. Non è mai troppo tardi per formare un gruppo di Cantori della Stella. Se desiderate formare un gruppo e volete una mano non esitate a chiamarci. Abbiamo fatto tesoro dei consigli e dell esperienza dei

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013

Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca. Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Ai Cristiani dell Arcidiocesi di Lucca Lettera per indicare il cammino pastorale Anno 2012-2013 Per voi sono Vescovo con Voi sono cristiano (S. Agostino) Parti della Lettera Prima Parte: CHIESA di LUCCA

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani

Si X X Cipielle 1994 26 min Giovani Segni e simboli nei sacramenti "In quanto essere corporale e spirituale insieme, l'uomo esprime e percepisce le realtà spirituali attraverso segni e simboli materiali" (CCC, n. 1146). Gesù, con i segni

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA DELL INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO VERBICARO PLESSI : Molinelli, Pantano e Orsomarso INSEGNANTI :Biondi Beatrice - D Aprile Carmelina - Di Santo Tiziana

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse

Il Vescovo di Crema. 2. Risorse Il Vescovo di Crema Alla Comunità parrocchiale di Ripalta Guerina, al parroco don Elio Costi, ai membri del consiglio pastorale, ai catechisti e ai diversi collaboratori Sono state veramente giornate intense

Dettagli

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero:

Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini. Numero 01, Gennaio 2009. In questo numero: in Kosovo Newsletter di Aggiornamento sui Progetti di Amici dei Bambini Numero 01, Gennaio 2009 In questo numero: Benvenuto caro sostenitore! Un regalo per me! I bambini dimostrano quello che sanno sull

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Il Giubileo della Misericordia

Il Giubileo della Misericordia Il Giubileo della Misericordia Il cammino che da qualche anno impegna la nostra diocesi nel formare adulti in una Chiesa adulta, e dunque uomini e donne che sempre più rispondono al dono della vita nuova

Dettagli

Celebrazione eucaristica per il Ventunesimo anniversario dell uccisione di Don Peppino Diana

Celebrazione eucaristica per il Ventunesimo anniversario dell uccisione di Don Peppino Diana Diocesi di Aversa Parrocchia San Nicola Casal Di Principe 19 marzo 2015 Celebrazione eucaristica per il Ventunesimo anniversario dell uccisione di Don Peppino Diana Carissimi Confratelli nel sacerdozio,

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni

La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni La domenica rivela il senso del tempo: giorno dei giorni 74. «Il tempo nel cristianesimo ha un importanza fondamentale. Nel tempo viene creato il mondo, al suo interno si svolge la storia della salvezza,

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Scuole dell Infanzia Gianni Rodari Istituto Comprensivo Crespellano R E L I G I O N E C A T T O L I C A Anno scolastico 2014-2015 Insegnante: Calì Angela PREMESSA Insegnare

Dettagli

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio

Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio X Forum Internazionale dei Giovani - Rocca di Papa (Roma), 24-28 marzo 2010 Testimonianze: Vivere la sessualità secondo il disegno di Dio Fabian Lair, Austria PREMESSA Viviamo in un mondo in cui tutto

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi

Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano GIOVANNI PAOLO II: AMICO DEI GIOVANI Porto dentro di me una grande sollecitudine, ed è una sollecitudine per voi 1.

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita LE FORME E LE ESPRESSIONI DELLA PREGHIERA NEL TEMPO DELLA CHIESA S. Tommaso d Aquino 8 gennaio 2002 Schema della riflessione tenuta da Nasca Michelangelo INTRODUZIONE Il cristiano che non prega più deve

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire

Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015. Coraggio, sono io. Rimanere, andare, gioire Azione Cattolica Diocesi di Chioggia LINEE PROGRAMMATICHE 2014-2015 Coraggio, sono io Rimanere, andare, gioire La salvezza che Dio ci offre è opera della sua misericordia. Non esiste azione umana, per

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI RAPPRESENTANTI DELLE CHIESE CRISTIANE E COMUNITÀ ECCLESIALI E DELLE RELIGIONI MONDIALI CONVENUTI IN ASSISI

DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI RAPPRESENTANTI DELLE CHIESE CRISTIANE E COMUNITÀ ECCLESIALI E DELLE RELIGIONI MONDIALI CONVENUTI IN ASSISI DISCORSO DI GIOVANNI PAOLO II AI RAPPRESENTANTI DELLE CHIESE CRISTIANE E COMUNITÀ ECCLESIALI E DELLE RELIGIONI MONDIALI CONVENUTI IN ASSISI Piazza inferiore della Basilica di San Francesco Domenica, 27

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE

DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE E PROPRIO NECESSARIO UN SITO PARROCCHIALE? DIRETTORIO SULLE COMUNICAZIONI SOCIALI NELLA MISSIONE DELLA CHIESA MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLV GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

Dettagli

(Patrick Geddes, 1919)

(Patrick Geddes, 1919) "Ogni città è in fondo una città sacra: perché un nocciolo di sentimenti religiosi è sempre rintracciabile all'origine delle sue attività e dei suoi spazi collettivi, e quindi della sua stessa esistenza,

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli