Newsletter NORME & TRIBUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Newsletter NORME & TRIBUTI"

Transcript

1 Newsletter NORME & TRIBUTI DIRITTO COMMERCIALE E DEGLI AGENTI DI COMMERCIO IN ITALIA: L errore sul valore delle azioni non implica l annullabilità del contratto di compravendita di partecipazioni sociali In una sentenza pubblicata recentemente (Sezione III, 19 luglio 2007, n ), la Corte di Cassazione è tornata a pronunziarsi sul tema cruciale della (non) annullabilità dei contratti di compravendita di partecipazioni sociali nell ipotesi di errore circa il valore economico delle azioni acquisite. La Suprema Corte ha ribadito che in difetto di apposite garanzie pattuite tra le parti - il contratto di compravendita stipulato ad un prezzo non corrispondente al valore delle azioni cedute non può essere annullato per vizio del consenso, poiché il valore economico delle partecipazioni non rientra tra le qualità che l art del Codice Civile considera essenziali ai fini della determinazione del consenso del contraente. Secondo la Cassazione, in particolare, l errore essenziale non ricorrerebbe neppure nell ipotesi in cui il bilancio della società pubblicato prima della vendita sia falso e nasconda una situazione tale da rendere applicabili le norme in materia di riduzione e perdita del capitale sociale. L annullamento potrebbe invece essere ammissibile laddove le passività emerse successivamente al trasferimento delle azioni siano state occultate con artifizi e raggiri, versandosi, in tal caso, in un ipotesi di dolo. L orientamento espresso dalla giurisprudenza suggerisce ancora una volta la necessità di prevedere sempre contrattualmente un sistema di garanzie volte a tutelare l acquirente in ipotesi di sopravvenienze passive ovvero situazioni patrimoniali e finanziarie della target non rispondenti a quanto rappresentato dal venditore. n.40 febbraio 2009 Avv. Paolo Peroni IN GERMANIA: Il è entrato in vigore il Regolamento Comunitario ( Roma I ) sulla legge applicabile ai rapporti contrattuali Il Regolamento si applica ai contratti conclusi dopo il Contiene le regole di diritto internazionale in materia contrattuale valide per gli stati membri dell UE (eccetto Danimarca e Gran Bretagna). In primis sono le parti a stabilire il diritto applicabile. In mancanza di scelta incontrovertibile Roma I determina espressamente il diritto da applicare ad una serie di contratti. Ad esempio, i contratti di compravendita e di prestazione di servizi sono disciplinati dalla legge del paese in cui il venditore ovvero il prestatore di servizi risiede abitualmente. Anche nei contratti di distribuzione è decisivo il luogo di residenza abituale del commerciante o del rappresentante. Per tipi di contratto ivi non specificati rileva la residenza abituale della parte che effettua la prestazione caratteristica. Regole particolari sono previste per questioni relative alla validità formale (in particolare per contratti conclusi a distanza, ad es. per telefax o posta) e per i casi di cessione del credito e di compensazione. Nel complesso Roma I porterà più chiarezza a favore di una maggiore certezza del diritto. DERRA, MEYER & PARTNER Rechtsanwalt Avvocato Alessandro Honert, Bologna Avvocato Rechtsanwältin Paola della Campa, Milano

2 DIRITTO TRIBUTARIO IN ITALIA: La disciplina fiscale delle spese di rappresentanza La Legge Finanziaria 2008 ha apportato rilevanti modifiche alla disciplina delle spese di rappresentanza, disponendo che queste sono deducibili sulla base dei requisiti dell inerenza e della congruità. Il Decreto del Ministro dell Economia e delle Finanze del 19 novembre 2008, che ha dato attuazione a tale nuova disciplina, ha previsto che, ad esempio, sono spese di rappresentanza: - le spese per viaggi turistici in occasione dei quali siano programmate e concretamente svolte significative attività promozionali dei beni o dei servizi la cui produzione o il cui scambio costituisce oggetto dell attività caratteristica dell impresa, - le spese per feste, ricevimenti e altri eventi di intrattenimento organizzati in occasione di ricorrenze aziendali, dell inaugurazione di nuove sedi, uffici o stabilimenti dell impresa, - spese di mostre, fiere ed eventi simili in cui sono esposti i beni e i servizi prodotti dall impresa. Le sopra menzionate spese, deducibili nel periodo di imposta di sostenimento, sono parametrate all ammontare dei ricavi e dei proventi della gestione caratteristica dell impresa, risultanti dalla Dichiarazione dei Redditi relativa allo stesso periodo, in misura pari: - all 1,3 per cento dei ricavi e altri proventi fino a Euro 10 milioni, - allo 0,5 per cento dei ricavi e altri proventi per la parte eccedente Euro 10 milioni e fino a 50 milioni, - allo 0,1 per cento dei ricavi e altri proventi per la parte eccedente Euro 50 milioni. Particolari disposizioni sono state introdotte per le imprese di nuova costituzione: queste, infatti, potranno portare in deduzione le spese sostenute nei periodi d imposta anteriori a quello in cui sono conseguiti i primi ricavi dal reddito dello stesso periodo e di quello successivo, se e nella misura in cui le spese sostenute in tali periodi siano inferiori all importo deducibile. Rechtsanwältin Dr. Cora Steinringer Dott. Ignazio La Candia IN GERMANIA: Inizio e organizzazione dell attività commerciale in Germania Quando si inizia o comunque si intraprende un attività commerciale all estero, è necessario affrontare tutta una serie di problemi. Oltre a dover prendere decisioni di carattere organizzativo, giuridico e legate al personale, si devono anche considerare le disposizioni esistenti in materia fiscale. Non si deve quindi trascurare nessun ambito, se si vuole che l impegno all estero, nel caso in questione in Germania, venga coronato da successo. Se per un magazzino che effettua consegne si devono considerare in prevalenza questioni legate all imposta sul valore aggiunto, in caso di presenza operativa in Germania, è anche necessario regolare il problema della stabile organizzazione. Da ciò consegue tutta una serie di obblighi (contabilità, redazione dei bilanci e obblighi fiscali in Germania); rientrano nella stabile organizzazione anche le filiali, le concessionarie o le società affiliate. In Germania può esistere una stabile organizzazione anche inconsapevolmente, qualora vengano rispettate le relative disposizioni previste dalla convenzione sulla doppia imposizione. Una rappresentanza, un magazzino oppure una sede dipendente esterna (p. es. per uno studio di mercato), da soli non costituiscono una stabile organizzazione. Un collaboratore a cui è stata conferita procura a concludere, è sufficiente per giustificare obblighi fiscali in Germania. Se una stabile organizzazione è presente in Germania, allora le procedure commerciali devono essere chiaramente distinte a seconda dei Länder. Anche in questo contesto, sulla base delle prime esperienze fatte, si può valutare insieme al consulente se la via più opportuna da seguire per garantire un successo all impresa nel suo complesso, sia quella di una concessionaria piuttosto che di una società affiliata. Dott. Commercialista Martin Seiler

3 IN ITALIA: Ammortizzatori sociali in deroga DIRITTO DEL LAVORO La Finanziaria 2009 ha introdotto disposizioni per la proroga, in deroga alle normative ordinarie, degli ammortizzatori sociali. In attesa della riforma degli ammortizzatori sociali e, in ogni caso, sino al 31 dicembre 2009, sono concessi trattamenti di integrazione salariale straordinaria e di mobilità ai dipendenti delle imprese esercenti attività commerciali con più di cinquanta dipendenti, delle agenzie di viaggio e turismo, compresi gli operatori turistici, con più di cinquanta dipendenti e delle imprese di vigilanza con più di quindici dipendenti. Proroga al 31 dicembre 2009 della possibilità di iscrizione nelle liste di mobilità per i lavoratori delle piccole imprese (meno di 16 dipendenti) licenziati per giustificato motivo oggettivo. Il diritto all'iscrizione è riconosciuto ai soli fini dei benefici contributivi conseguenti all'eventuale rioccupazione (esclusione dell'indennità di mobilità). Identica proroga per le imprese che non rientrano nell'ambito ordinario di applicazione della disciplina dei contratti di solidarietà. La disciplina transitoria interessa le imprese artigiane (anche con meno di 16 dipendenti) e le imprese che non ricadono nel campo di applicazione della cassa integrazione guadagni straordinaria. La proroga in esame può determinare l'allungamento della durata del trattamento fino a 24 mesi. Avv. Elio Cherubini IN GERMANIA: Novità circa il passaggio di ramo d azienda Con sentenza del 27 novembre 2008 (Causa n. C-396/07) la Corte di giustizia europea ha ulteriormente precisato la sua giurisprudenza in materia di trasferimento d azienda. Una mensa aziendale era stata ceduta ad un nuovo gestore. Qui trovava applicazione un altro contratto collettivo, più sfavorevole per la dipendente parte attrice. Mantenere in vigore l accordo collettivo valido nella vecchia azienda era fuori questione in quanto tale contratto era scaduto il giorno della cessione dell azienda. Ne seguì la risoluzione immediata del proprio contratto di lavoro da parte della dipendente, la quale tuttavia pretendeva altresì dal nuovo gestore il suo stipendio sino alla decorrenza del termine di preavviso ordinario in caso di licenziamento e un indennità per risoluzione illegittima del contratto di lavoro. La Corte ha messo in chiaro che, in caso di peggioramento sostanziale delle condizioni di lavoro quale conseguenza automatica della cessione d azienda, il cessionario debba effettivamente essere consideralo come se fosse stato lui, e non il dipendente, a porre fine al rapporto di lavoro. Ciò significa che il cessionario sarà di regola tenuto a versare lo stipendio ed eventuali altre prestazioni relative scadute sino alla fine del termine di preavviso che avrebbe dovuto rispettare. L obbligo ulteriore di prestare delle indennità di licenziamento dipenderà invece dal rispettivo diritto nazionale. In Germania non esiste in linea di principio un indennità di licenziamento obbligatoria. In Italia dovrebbe essere pagato il consueto trattamento di fine rapporto (TFR). Rechtsanwalt Dr. Georg Sterzenbach

4 DIRITTO SOCIETARIO IN ITALIA: La nuova disciplina sulla fusione transfrontaliera Con D.lgs. 108 del 30 maggio 2008 è stata recepita la Direttiva CE 2005/56 sulle fusioni transfrontaliere (cross border), che coinvolgono, cioè, società costituite secondo la legge di più Paesi della Comunità Europea e il cui progetto comune di fusione venga approvato dopo il 2 luglio La fusione transfrontaliera costituisce una delle possibili modalità di esercizio del diritto di stabilimento - riconosciuta dall'art. 43 comma 2 del Trattato Istitutivo della Comunità Europea - e rappresenta l'alternativa alla creazione della "società europea" di cui al Regolamento CE 2157/01. La disciplina italiana della fusione transfrontaliera si applica alle società italiane partecipanti alla fusione, e tende a garantire il controllo sul progetto di fusione e la pubblicità dell'operazione in Italia. L'ambito di applicazione del D.lgs. 108/2008 è più esteso di quello della direttiva comunitaria, in quanto si estende alle fusioni alle quali partecipino anche società diverse da quelle di capitali, alla condizione che tutti i Paesi membri a cui appartengono le società partecipanti alla fusione abbiano recepito la Direttiva CE 2005/56. Da notare che la disciplina italiana della fusione transfrontaliera prevede altresì il diritto di recesso del socio non consenziente della società italiana partecipante alla fusione, quando la società risultante dalla fusione sia costituita secondo il diritto di un Paese straniero. RAin Nadine Liesching, LL. M. IN GERMANIA: Die Unternehmergesellschaft (haftungsbeschränkt) La legge del 23 ottobre 2008 (MoMiG) ha fondamentalmente riformato il diritto della GmbH (Srl tedesca). Una delle innovazioni è l introduzione della Unternehmergesellschaft (haftungsbeschränkt) (società di imprenditore con responsabilità limitata). Nella circolazione giuridica deve utilizzare la ditta addizionale Unternehmergesellschaft (haftungsbeschränkt) o UG (haftungsbeschränkt). Per l introduzione della UG il legislatore vuol mettere a disposizione una forma giuridica competitiva alla Limited. Diverso dalla GmbH non c è un capitale sociale minimo alla fondazione. Le spese sono più piccole a causa della formalità della procedura di fondazione (statuto modello). La procedura di fondazione può essere terminata in poci giorni. Tuttavia la UG deve ogni anno riservare un quarto del profitto annuale. Quindi questo importo non può essere distribuito. Del resto le regole del Codice della GmbH si applicano in gran parte anche per la UG. La UG trova un interesse pratico vivace. Secondo le proiezioni più di UG saranno fondate sino alla fine dell anno Però tra queste fondazioni saranno probabilmente tante di cui il progetto di gestione è incerto a causa della mancanza del capitale proprio necessario come con molte Limited tedesche. Rechtsanwalt Rainer M. Jöckel Rechtsanwalt Dr. Lothar Mahlberg

5 DIRITTO FALLIMENTARE IN ITALIA: Applicazione dell art. 65 L.F. nel caso di estinzione anticipata del debito prevista direttamente ed inderogabilmente da specifiche disposizioni di legge Con decisione del 18 luglio 2008, n , i giudici di legittimità hanno statuito che, qualora il diritto di conseguire l estinzione anticipata del debito e la correlativa cancellazione dell ipoteca sia accordato al mutuatario direttamente ed inderogabilmente da specifiche disposizioni di legge, non trova applicazione l art. 65 L.F., a tenore del quale, come è noto, «sono privi di effetto rispetto ai creditori i pagamenti di crediti che scadono nel giorno della dichiarazione di fallimento o posteriormente, se tali pagamenti sono stati eseguiti nei due anni anteriori alla dichiarazione di fallimento». Nel caso di specie, una società, poco prima di essere dichiarata fallita, aveva estinto anticipatamente il debito derivante dall erogazione di un mutuo fondiario ipotecario concessole da un istituto di credito. Ad opinione della Supr. Corte, occorre distinguere: qualora l anticipazione del pagamento rispetto alla data originaria di scadenza del debito discenda da un iniziativa del fallito o del creditore (ad esempio, per decadenza del debitore dal beneficio del termine ex art cod. civ. o, ancora, a seguita di una esplicita pattuizione contrattuale), troverebbe applicazione l art. 65 L.F.: ciò al fine di prevenire un elusione sistematica dell art. 65 L.F., vanificando così la tutela della massa dei creditori, posto che il pagamento, se non fosse stato anticipato, avrebbe dovuto essere eseguito in moneta fallimentare. Diversamente, nel caso di specie: l efficacia del pagamento discenderebbe dal rilievo che finalità della specifica previsione legislativa (cfr. art. 40 d.lgs. n. 385/1993, così come modificato dall art. 6 d.lgs. n. 342/1999 e la conseguente deliberazione CICR del 9 febbraio 2000) è proprio agevolare l erogazione del credito, assicurando particolari garanzie all ente mutuante, evidentemente considerate espressione di un preminente interesse generale. Prof. Avv. Alessandro P. Scarso Avv. Alessandra Santonocito IN GERMANIA: Il risultato della riforma delle srl, operata attraverso la legge per l attualizzazione del diritto delle srl per il contrasto degli abusi (MoMiG), in vigore a far data dal , in materia di diritto fallimentare - abrogazione della legge sulla sostituzione del capitale sociale (artt. 30, 31 legge sulla srl) La riforma delle srl, in vigore a far data dal , ha avuto ripercussioni sulla Legge fallimentare. Attraverso la legge per l attualizzazione del diritto delle srl per il contrasto degli abusi (MoMiG), sono stati abrogati gli articoli 32a e 32b della Legge sulla srl e tali articoli sono stati trasportati nel diritto fallimentare, in maniera da non contrastare con la riforma. In tal modo, è venuta meno la dibattuta e complessa differenziazione tra i finanziamenti dei soci diretti a sostituire il capitale sociale e gli usuali finanziamenti dei soci. Ora, i finanziamenti dei soci alla società vengono trattati alla stessa stregua di altri simili strumenti, a prescindere dalla situazione finanziaria della società e sono da considerarsi crediti chirografari (art. 39, co. I riforma del diritto fallimentare). I rimborsi che la società fa ai soci con riguardo ai finanziamenti da questi ultimi ricevuti cadono in revocatoria se vengono effettuati entro un anno dalla istanza di apertura del fallimento o successivamente a tale domanda (art. 135 riforma del diritto fallimentare). Il cosiddetto privilegio di sanatoria e di piccola partecipazione continua a valere. I finanziamenti diretti al risanamento e i finanziamenti dei soci con una partecipazione azionaria minore del 10%, e che non svolgono funzioni di amministrazione della società, sono esclusi sia dalla postergazione del credito, sia dall azione revocatoria. I casi venuti in essere fino al continueranno, anche per il futuro, ad essere regolati dalla Legge sulla sostituzione del capitale sociale. ECOVIS Bianchi Schierholz Montani e Partners Avv. Fabrizio Bianchi Schierholz

6 DIRITTO DEI BREVETTI, DEI MARCHI E D AUTORE Accordo di cooperazione per la protezione dei diritti di Proprietà Intellettuale DIRITTO EDILIZIO Si chiama Action Plan l accordo siglato lo scorso 30 gennaio da Unione Europea e Cina per In intensificare Italia: la cooperazione tra dogane nella tutela dei diritti di proprietà intellettuale. L Action Dassi Plan e prevede Ferrari la costituzione di gruppi di lavoro dedicati allo studio dei flussi di prodotti contraffatti tra Cina e Unione Europea; lo scambio di informazioni tra dogane; la cooperazione tra autorità doganali presso porti e aeroporti come ad esempio Shangai, Shenzhen, Rotterdam; lo scambio di funzionari doganali; lo sviluppo di partnership con il settore privato per meglio individuare spedizioni di merci sospette. La protezione dei diritti di proprietà intellettuale costituisce uno dei più importanti temi nell Unione Europea la cui economia è minacciata dal crescente commercio di prodotti contraffatti. Il pericolo proviene soprattutto dalla Cina quale paese di origine di circa il 60% dei prodotti contraffatti sequestrati presso le dogane dell Unione Europea. L accordo di cooperazione tra Unione Europea e Cina faciliterà l attività di investigazione e di intervento delle autorità doganali e renderà più efficace la lotta al commercio illegale di prodotti contraffatti o pirata. Avv. Maria Teresa Saguatti Dott.ssa Roswitha Wahler DIRITTO DEI CARTELLI E DELLA CONCORRENZA IN ITALIA: Cartello dei produttori di tubi marini: linea dura della Commissione Il 28 gennaio 2009 la Commissione ha condannato Avv. Alessandro 5 gruppi Steinhaus (Bridgestone, Dunlop Oil & Marine/Continental, Trelleborg, Parker ITR, Manuli) per aver realizzato dal1986 al 2007 un cartello nel settore dei tubi marini, utilizzati per caricare petrolio greggio dai siti di produzione alle navi. La Commissione ha imposto sanzioni per I partecipanti al cartello si riunivano periodicamente per fissare i prezzi, ripartirsi appalti e mercati e scambiarsi informazioni commerciali sensibili. Le indagini e le ispezioni a sorpresa, coordinate tra Commissione, Department of Justice negli Stati Uniti e Office of Fair Trading nel Regno Unito, erano state avviate grazie a Yokohama, partecipante al cartello che ne aveva rivelato l esistenza presentando una richiesta di immunità ai sensi della Comunicazione relativa all'immunità dalle ammende o alla riduzione del loro importo nei casi di cartelli tra imprese del La Commissione ha concesso a Yokohama la non applicazione delle sanzioni e riconosciuto a Manuli una riduzione delle sanzioni del 30% per la collaborazione alle indagini. Di contro, ha applicato a Bridgestone e Parker ITR delle aggravanti per il loro ruolo di capofila nel cartello. Avv. Rossella Incardona IN GERMANIA: Reperibilità dei prestatori di servizi operanti via Internet Con sentenza del 16 ottobre 2008 la Corte di Giustizia Europea (Corte) ha preso posizione sulla questione della reperibilità dei prestatori di servizi operanti via Internet (causa C-298/07). Secondo la Corte l art. 5 n. 1 lett. c) della direttiva 2000/31/CE, relativa a taluni aspetti giuridici dei servizi della società dell informazione, deve essere interpretato nel senso che il prestatore di servizi è tenuto a fornire ai destinatari del servizio, prima della stipulazione di un qualsiasi contratto con questi ultimi, oltre al suo indirizzo di posta elettronica, altre informazioni che consentano una rapida presa di contatto. Tali informazioni, ad avviso della Corte, non devono necessariamente corrispondere al numero di telefono. Esse possono anche consistere in una maschera elettronica di richiesta di informazioni, tramite la quale i destinatari del servizio possono rivolgersi in Internet al prestatore di servizi e alla quale quest ultimo risponde per posta elettronica.

7 Eventuali violazioni della direttiva 2000/31/CE ovvero della relativa legge di attuazione tedesca, la legge in materia di servizi di telecomunicazione (Telemediengesetz = TMG), costituiscono al contempo una violazione del 4 n. 11 della legge tedesca contro la concorrenza sleale (Gesetz gegen den Unlauteren Wettbewerb = UWG) e possono essere vietate da concorrenti e da associazioni di consumatori perseguiti a mezzo di diffide e azioni inibitorie ovvero provvedimenti d urgenza. Si consiglia pertanto ai prestatori di servizi di prestare la massima attenzione nell osservanza delle disposizioni sulla società dell informazione di cui alla direttiva 2000/31/CE. Rechtsanwalt Dr. Herbert Asam DIRITTO PROCESSUALE CIVILE ED ARBITRATO IN ITALIA: È in vigore il decreto ingiuntivo europeo Dal è applicabile in tutti gli Stati dell Unione Europea, tranne la Danimarca, il Regolamento 1896/2006, che istituisce la procedura europea di ingiunzione di pagamento. Il decreto ingiuntivo europeo si può ottenere per i crediti pecuniari liquidi ed esigibili, in materia civile e commerciale, nelle controversie transfrontaliere. La procedura è standard in tutti gli Stati Membri: la domanda è presentata mediante un modulo, che deve contenere la descrizione del credito e delle prove a sostegno della domanda (ma non è richiesta la prova scritta del credito come per la procedura di ingiunzione italiana); il decreto ingiuntivo europeo viene poi notificato al debitore, il quale entro trenta giorni può presentare opposizione, dichiarando di contestare il credito. Se non vi è opposizione, il decreto diviene esecutivo in tutti gli Stati membri, senza necessità di riconoscimento. In caso di opposizione, il giudizio prosegue secondo le norme procedurali ordinarie: non è chiaro tuttavia come ciò potrà avvenire in Italia, dove è previsto che l opposizione sia introdotta con atto di citazione notificato al creditore. DERRA, MEYER & PARTNER Avvocato Dr. Irene Grassi, Bologna Rechtsanwältin Eva Knickenberg-Giardina,Milano IN GERMANIA: Corte di Cassazione Federale (BGH): Fine della sospensione della prescrizione tramite cessazione delle trattative fra le parti Con la recente sentenza del (Az.: IX ZR 158/07) la Corte di Cassazione Tedesca (BGH) ha meglio delineato i limiti di applicazione della norma, che prevede la sospensione della prescrizione in seguito a trattative avviate fra le parti. La sospensione, a differenza dalla normativa italiana, non comporta l effetto dell inizio di un nuovo periodo di prescrizione (Art cc italiano, interruzione ), ma solo, appunto, la sospensione, che si protrae solo in caso di trattative in corso. La sospensione della prescrizione si deve considerare cessata nel momento in cui il creditore ometta di rispondere a tempo dovuto all ultima richiesta o proposta di trattativa da parte del debitore. La decisione è importante in quanto in liti internazionali appare evidente il danno che si potrebbe arrecare ai propri interessi nel caso in cui, sotto l applicazione del diritto tedesco (!), il creditore italiano ometta di tener in corso le trattative, considerando che la giurisprudenza tedesca può ritenere finite le trattative anche dopo pochi mesi di silenzio ingiustificato. Rechtsanwalt Mario Prudentino

8 APPALTI IN ITALIA: Sul risarcimento del danno da mancata aggiudicazione Il Consiglio di Stato (Consiglio di Stato, Sez. V, sentenza 8 gennaio 2009, n. 23) si è recentemente soffermato sull'entità del danno da mancata aggiudicazione. Il Collegio, in particolare, richiamando un orientamento consolidato, sottolinea che l utile economico che sarebbe derivato dall esecuzione dell appalto che sarebbe spettato sicuramente all impresa ricorrente vittoriosa, e che la giurisprudenza riconosce nella misura del 10% (con riferimento all art. 345 della L. n. 2248/1865, all. F ora riprodotto dall art. 122 del regolamento emanato con dpr n. 554/99), è applicabile solo nel caso in cui l impresa possa documentare di non aver potuto utilizzare le maestranze ed i mezzi, lasciati disponibili, per l espletamento di altri servizi. Nel caso in cui, invece, tale dimostrazione non sia stata offerta è da ritenere che l impresa possa aver ragionevolmente riutilizzato mezzi e manodopera per lo svolgimento di altri analoghi lavori o di servizi o di forniture, così vedendo in parte ridotta la propria perdita di utilità; in tale ipotesi il risarcimento può essere ridotto in via equitativa, in misura pari al 5% dell offerta dell impresa (cfr. Cons. St., 8 luglio 2002, n. 3796; Cons. St., Sez. V, 24 ottobre 2002, n. 5860; v. pure Cons. St., Sez. V, 18 novembre 2002, n. 6393, che esclude l utilizzo dell art. 345 della legge n. 2248/1865 all. F ove non sia fornito un principio di prova sulle opportunità alternative alle quali l interessato ha dovuto rinunciare)". RA u. Avv. Wolf Michael Kühne IN ITALIA: Il c.d. Decreto Anticrisi DIRITTO BANCARIO Il Decreto Legge, 29 novembre 2008, n.185, (c.d. Decreto Anti Crisi ), convertito in Legge n. 2, 29 gennaio 2009 ha introdotto specifiche misure che incidono sul sistema bancario. Al fine di assicurare un appropriato flusso di finanziamenti all economia (i.e.: imprese e privati) e un adeguato livello di patrimonializzazione del sistema bancario, il Ministero dell Economia e delle Finanze è autorizzato, fino al 31 dicembre 2009, su richiesta delle banche interessate, a sottoscrivere strumenti finanziari privi dei diritti di voto, computabili nel patrimonio di vigilanza, emessi da banche italiane o da società capogruppo di gruppi bancari italiani le cui azioni sono negoziate su mercati regolamentati. La sottoscrizione degli strumenti finanziari dipende, in ultima istanza, da una valutazione della Banca d Italia incentrata sulle condizioni economiche dell operazione, tenendo conto, in particolare, delle finalità di rafforzamento patrimoniale a cui gli strumenti finanziari sono diretti per la loro computabilità nel patrimonio di vigilanza della banca medesima. Criteri, condizioni e modalità di sottoscrizione degli strumenti finanziari dovranno essere determinati con un Decreto, di natura non regolamentare, da adottare dal Ministero dell Economia e delle Finanze, sentita la Banca d Italia. Il Decreto Anticrisi, inoltre ha introdotto previsioni volte a contenere: - l importo delle rate dei mutui a tasso non fisso (non oltre il 4%); - eventuali commissioni di c.d. massimo scoperto. Avv. Giovanni Stefanin Legal Senior Manager

9 PRIVACY IN ITALIA: La figura dei c.d. "Amministratori di Sistema" introdotta dal provvedimento del Garante per la Protezione dei Dati Personali del Con il provvedimento del , il Garante per la Protezione dei Dati Personali ha introdotto nuovi adempimenti a carico delle imprese, prescrivendo in relazione ai trattamenti attuati con strumenti elettronici la designazione individuale degli amministratori di sistema (A.S.) aventi la funzione di gestire basi di dati, di reti e di apparati di sicurezza informatica, strettamente collegate con la protezione dei dati personali, e ciò anche quando le loro attività si limitino al salvataggio dei dati o all organizzazione dei flussi di rete. La nomina degli A.S. dovrà avvenire per iscritto, dovrà contenere l indicazione analitica delle funzioni loro attribuite e l ambito della loro operatività. I nominativi degli A.S., anche in caso di outsourcing, dovranno essere indicati nel Documento Programmatico sulla Sicurezza. Il Titolare dovrà inoltre verificare con cadenza almeno annuale le attività degli A.S. Gli accessi degli A.S. ai sistemi ed agli archivi elettronici dovranno essere registrati. Tali misure sono già obbligatorie per i trattamenti successivi al e dovranno essere attuate entro il per tutti i trattamenti già in essere. Avv. Marialaura Boni Avv. Gretel Malmsheimer DIRITTO FARMACEUTICO, DEI DISPOSITIVI MEDICI E DEI COSMETICI IN ITALIA: Proroga dei termini previsti per i dispositivi medici privi del numero identificativo e restrizioni alla commercializzazione di apparecchiature contenenti il mercurio Con decreto ministeriale del 20 febbraio 2007, il Ministero della Salute aveva stabilito che a partire dal 1 gennaio 2009, i dispositivi medici commercializzati in Italia precedentemente al 1 Maggio 2007, non potevano più essere acquistati, utilizzati o dispensati nell ambito del Servizio sanitario nazionale se privi del numero identificativo e non pubblicati nel Repertorio dei dispositivi medici. Tale termine è stato prorogato, con Ordinanza del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali del 23 dicembre 2008, fino al 30 aprile A tale proposito, si ricorda che il decreto ministeriale del 20 febbraio 2007 impone che dal 1 Agosto 2007 vengano iscritti nel Repertorio dei dispositivi medici tutti i prodotti commercializzati per la prima volta in Italia dopo il 1 Maggio 2007 (prevedendo, quindi, un periodo transitorio soltanto per i prodotti già immessi sul mercato anteriormente a tale data). Il numero identificativo è assegnato se il dispositivo medico, dopo la validazione dei dati trasmessi al Ministero della Salute, viene iscritto in tale Repetorio. Va, tuttavia, tenuto presente che il numero assegnato può essere in ogni momento ritirato, con provvedimento motivato, dal Ministero della Salute, ove il prodotto non risulti conforme alla normativa vigente. Tale numero deve anche essere utilizzato nella compilazione delle schede relative alle segnalazioni di incidenti o mancati incidenti che coinvolgono dispositivi medici. A tale proposito si informa, inoltre, che dal 1 Ottobre 2008 la pubblicazione web degli avvisi di sicurezza da parte della Direzione Generale Farmaci e Dispositivi Medici del Ministero della Salute, sarà la principale modalità di divulgazione degli avvisi. Tali avvisi consistono in lettere di informazioni di sicurezza che i fabbricanti inviano agli utilizzatori in caso di ritiro dal mercato o altre azioni (cosiddette azioni correttive di campo ) con riferimento ai dispositivi medici. Si informa infine, che è stata ristretta la commercializzazione di apparecchiature di misura contenenti mercurio al fine di impedire a tale sostanza di entrare nel flusso dei rifiuti, tutelando, in tal modo, l ambiente e la salute umana (v. Direttiva 2007/51/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 settembre 2007, recepita in Italia attraverso il decreto del 30 luglio 2008). Tra i prodotti coinvolti dal provvedimento in questione ricadono anche alcune tipologie di dispositivi medici. Con Circolare del Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali del 15 gennaio 2009, la Direzione Generale dei Farmaci e Dispositivi Medici ha fornito indicazioni in merito all applicazione di questa nuova normativa.

10 In particolare precisa, che i termometri per la misurazione della temperatura corporea, non potranno essere più commercializzati a partire dal 3 aprile 2009 se contengono il mercurio. Inoltre, gli sfigmomanometri e le altre apparecchiature di misura contenenti mercurio utilizzate nel settore sanitario, non potranno più essere vendute al grande pubblico a partire dalla data del 3 aprile Avv. Dr. Barbara Klaus DECRETO LEGISLATIVO 231/2001 RESPONSABILITÀ AMMINISTRATIVA IN ITALIA: Modello di organizzazione, gestione e controllo: un esimente o un obbligo? Nell ordinamento italiano, il D. Lgs. n. 231/01, e successive modificazioni, stabilisce la c.d. responsabilità amministrativa degli enti, incluse le società, per taluni reati commessi dai soggetti apicali e/o sottoposti, ove dalla condotta del soggetto agente derivi un interesse o vantaggio per l ente stesso. Tra le condotte esimenti di tale responsabilità, previste dagli art. 6 e 7 del D. Lgs. n. 231/01, assume particolare rilevanza l adozione e l efficace attuazione, da parte dell ente, di un Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo (il Modello ) idoneo a prevenire i reati della specie di quello verificatosi. La scelta di adottare o meno le misure indicate dal D. Lgs. n. 231/01, tra cui il Modello, rientra certamente nella discrezionalità della persona giuridica, che la esercita per il tramite dell organo amministrativo. Tuttavia, di recente, il Tribunale di Milano, con la sentenza n. 1774/2008, ha comunque affermato la responsabilità per inadeguata attività amministrativa del Presidente ed Amministratore Delegato di una società per azioni (ancorché in concorso al 50% con la società) per non aver attivato l organo amministrativo in relazione all adozione del Modello, e ciò a prescindere dal riconosciuto addebito in sede penale a carico di tale soggetto per i reati di corruzione, turbativa d asta e truffa. Più precisamente, secondo i giudici milanesi, il convenuto, nella sua veste di Presidente e Amministratore Delegato, aveva il dovere di attivare tale organo (n.d.r. il Consiglio di Amministrazione), rimasto inerte al riguardo. Quanto alla responsabilità personale degli altri componenti dell organo amministrativo, il Tribunale non si è pronunciato in quanto essi non erano parti in causa. Avv. Paola Barazzetta Legal Partner IVA E DAZI IN ITALIA: Iva - Prove delle cessioni Intracomunitarie Con Risoluzione n. 477/E del l'agenzia delle Entrate ha chiarito un aspetto determinante in tema di cessioni intracomunitarie, riguardante la verifica di uno dei presupposti indicati dalla norma ovvero il trasferimento fisico del bene da un territorio ad un altro della comunità. Tale aspetto è sicuramente il più controverso poiché riguarda in particolare la ricerca, l'individuazione e la costituzione degli elementi di prova posti a carico del cedente nelle operazioni intracomunitarie. Va ricordato che la VI Direttiva Comunitaria aveva rimesso ai legislatori interni la determinazione delle condizioni per assicurare la corretta applicazione del principio di non imponibilità e per prevenire possibili abusi. Il Legislatore italiano non si è avvalso della facoltà, causando un vuoto normativo che ha generato non poche incertezze tra gli operatori.

11 In merito alla necessità di determinare gli elementi di prova delle cessioni comunitarie, l'agenzia delle Entrate con R.M. n. 477/08 ha chiarito che, "nel caso il cedente nazionale non abbia provveduto direttamente al trasporto delle merci e non sia in grado di esibire il relativo documento di trasporto, la prova di cui sopra potrà essere fornita con qualsiasi altro documento idoneo a dimostrare che le merci sono state inviate in altro Stato membro". Dott. Stefano Amoroso DIRITTO ALIMENTARE E DEL FORAGGIO Nuova normativa in materia di additivi, enzimi e aromi alimentari Il 16 dicembre 2008 sono stati adottati i quattro regolamenti del Parlamento Europeo e del Consiglio, qui di seguito descritti, denominati anche con il termine inglese Food Improvement Agents Package (FIAP). Più precisamente, si tratta del Regolamento (CE) n. 1331/2008 riguardante una procedura uniforme di autorizzazione per gli additivi, gli enzimi e aromi alimentari, in base al quale saranno stabiliti elenchi comunitari, che includeranno tutte le sostanze (additivi, enzimi e aromi) consentite e le relative condizioni di impiego. L inclusione di tali sostanze nelle liste avviene attraverso una procedura uniforme di valutazione e di autorizzazione basata su una valutazione del rischio effettuata dall EFSA, con sede a Parma. Il Regolamento (CE) n. 1332/2008 relativo agli enzimi alimentari stabilisce che in futuro potranno essere utilizzati unicamente gli enzimi riportati negli elenchi comunitari. Inoltre, in via di principio, gli enzimi alimentari dovranno essere indicati nella lista degli ingredienti riportata sull etichetta degli alimenti. In base al Regolamento (CE) n. 1333/2008 relativo agli additivi alimentari, possono essere utilizzati soltanto gli additivi autorizzati che saranno riportati negli suddetti elenchi comunitari, e soltanto alle condizioni ivi descritte. La novità è rappresentata dal fatto che per determinati coloranti (giallo-arancio S, giallo di chinolina, carmoisina, rosso allura, tartrazine, ponceau), l etichettatura degli alimenti in cui essi sono contenuti deve includere, oltre alle indicazioni generali, l informazione che la rispettiva sostanza può influire negativamente sull attività e l attenzione dei bambini. Secondo il Regolamento (CE) n. 1334/2008 relativo agli aromi alimentari si applicherà, in futuro, anche all utilizzo degli aromi il principio di divieto con riserva di permesso; inoltre per l utilizzo di specifiche sostanze in determinati alimenti composti (ad es. cumarina nei prodotti di panetteria) si applicheranno i tenori massimi. I suddetti Regolamenti sono entrati in vigore il 20 gennaio La decorrenza dell applicazione di ciascun Regolamento, così come quella delle singole regole ivi stabilite, ha tuttavia date differenti. L applicazione dei Regolamenti esposti susciterà, quindi, nella prassi numerosi quesiti. Avv. Dr. Barbara Klaus DIRITTO DELL ENERGIA IN ITALIA: Novità scambio sul posto per impianti da fonti rinnovabili (Decreto Ministeriale e Delibera AEEG 74/08) Il legislatore italiano ha migliorato il meccanismo dello scambio sul posto rendendolo più facile e trasparente. Tale meccanismo permette ai gestori di impianti da fonti rinnovabili di piccole dimensioni l immissione di energia prodotta in rete e il prelievo della stessa in un momento successivo; il saldo viene operato su base annuale. Questo servizio viene offerto dall esclusivamente dal GSE per impianti da fonti rinnovabili < 20 kw, e,

12 per quelli entrati in esercizio dopo il se di potenza tra 20 kw e 200 kw ed è disponibile, salvo eccezioni, per tutti gli impianti da fonti rinnovabili che non accedono alla tariffa fissa omnicomprensiva, introdotta con lo stesso D.M.; ricorrendo determinati presupposti è possibile invece il passaggio da un sistema all altro. Diversamente, gli impianti fotovoltaici sono incentivati mediante il Conto Energia II e lo scambio sul posto. Il termine entro il quale presentare l istanza è stato appena prorogato fino al Ulteriori novità relative al trattamento fiscale di questo meccanismo sono contenute nella delibera 13/E/2009 dell Agenzia delle Entrate. Rechtsanwältin (Avv.) Svenja Bartels IN GERMANIA: Legge tedesca sulle energie rinnovabili (EEG) 2009 La nuova legge sulle energie rinnovabili - EEG è entrata in vigore il 1 gennaio Con tale legge il governo tedesco intende aumentare la percentuale delle energie rinnovabili sul totale dell energia prodotta sino al 25% / 30% entro il Alcune delle maggiori modifiche previste dalla EEG 2009 per il settore dell energia eolica: - Aumento del prezzo iniziale: Il prezzo per i primi cinque anni per nuovi impianti di energia eolica su terra (prezzo iniziale) è stato aumentato da 8,03 centesimi/kwh a 9,2 centesimi/kwh, la regressione annuale è pari all 1% anziché il 2%. Nel caso in cui gli impianti soddisfino certe condizioni che riguardano la regolazione della rete, il prezzo iniziale aumenta di 0,5 centesimi/kwh. - Incentivi per il repowering di impianti su terra: Anche nel caso in cui vecchi impianti di almeno 10 anni vengano sostituiti da nuovi impianti nella stessa provincia o nella provincia confinante con una potenza paria ad almeno il doppio, ma non superiore a cinque volte la potenza del vecchio impianto, il prezzo iniziale aumenta di 0,5 centesimi/kwh. - Eolico off-shore: Al fine di tener conto dei maggiori costi di investimento, fino all anno 2015 il prezzo iniziale per i primi dodici anni dall attivazione di un nuovo impianto è stato aumentato da 9,1 centesimi/kwh a 15 centesimi/kwh. - Vendita diretta: La legge prevede come alternativa alla messa in rete sia per l energia eolica sia per gli altri tipi di energia rinnovabile la possibilità della vendita diretta dell energia generata di mese in mese se il gestore della rete è stato informato nel mese precedente in tal senso. - Gestione della messa in rete: Diversamente dal passato, il gestore della rete deve corrispondere un contributo per l energia non accettata dalla rete. Rechtsanwältin Dr. Cora Steinringer Avv. Gabriele Bricchi Impressum: DEinternational Italia s.r.l., Via Napo Torriani n. 29, I Milano, P.I. / C.F Tel Fax Contenuti/ links: DEinternational Italia s.r.l. non si assume la responsabilità e non garantisce in alcun modo i contenuti, l incompletezza o la correttezza dei testi delle pagine e/o siti collegati tramite link (collegamento ipertestuale). Invio dati/ privacy: Informativa ai sensi dell art. 13 del decreto legislativo 196/2003 sul trattamento dei dati personali e consenso al trattamento dei dati. I dati raccolti in questo documento hanno la finalità di attivare nei confronti dell interessato un servizio informativo. L interessato può richiedere la propria cancellazione dalla mailing list, contattando la DEinternational Italia s.r.l..

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione.

1. Il licenziamento collettivo prima della modifica dell art.24 della L.223/91: nozione e ambito di applicazione. DOTT. SABRINA PAGANI - PARTNER AVV. ROBERTO RESPINTI - PARTNER Milano, 4 Dicembre 2014 Licenziamenti collettivi e Dirigenti: novità in vigore dal 25.11.2014. (Legge 30 Ottobre 2014 n. 161 che estende l

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI

L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI L IMPOSTA SOSTITUTIVA SUI FINANZIAMENTI BANCARI a cura Giuseppe Demauro La complessa fase di erogazione dei finanziamenti stipulati con le banche, si caratterizza anche per la determinazione dell imposta

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è

agevolazione prevista dal citato DPR n. 601 del 1973, art. 15, la quale come tutte le disposizioni che prevedono delle agevolazioni tributarie, è RISOLUZIONE N. 121/E Roma, 13 dicembre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio e lungo termine DPR 29 settembre 1973, n. 601, articoli 15 e seguenti Contratti

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE

PR. SCADENZA ADEMPIMENTO NOTE COMMISSIONE PROCEDURE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI DEL CURATORE 1 Entro 30 gg. dalla Comunicare all Agenzia delle Entrate la dichiarazione di fallimento sentenza di con modello di variazione dati (art. 35 Dpr 633/72). fallimento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LIBRO FONDIARIO CIRCOLARE N..4/ 2007 Trreennt too,, 55 ffeebbbbrraai ioo 22000077 Oggetto: D.L. 31 gennaio 2007, n.7, c.d. decreto Bersani ( convertito con Legge 2.04.2007

Dettagli

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE

COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNE DELLA SPEZIA DIPARTIMENTO 1 REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 24 del 19.7.2004 e Modificato con Deliberazione C.C. n. 10 del 29/03/2007 Modificato

Dettagli

CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA

CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA CONTRATTO DI SCONTO DI CREDITI IVA Tra - la società/ditta individuale (di seguito, per brevità: il Cedente), con sede in, P.IVA ; rappresentata ai fini del presente atto dal sig., C.F. e - la società Alma

Dettagli

RISOLUZIONE N. 354/E

RISOLUZIONE N. 354/E RISOLUZIONE N. 354/E Roma, 06 dicembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello n. 954-578/2007 Art. 10 DPR 26 ottobre 1972, n. 633 ALFA S.p.A. La Direzione Regionale.. ha trasmesso

Dettagli

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n.

Roma, 23 dicembre 2010. Prot. n. CIRCOLARE N. 59/E Roma, 23 dicembre 2010 Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Iva Prot. n. OGGETTO: Applicabilità del meccanismo dell inversione contabile o reverse charge alle

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 175/E

RISOLUZIONE N. 175/E RISOLUZIONE N. 175/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma 28 aprile 2008 Oggetto: Operazioni finanziarie IVA Art. 10 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633 Istanza di interpello 2007. Con istanza

Dettagli

STUDIO MURER COMMERCIALISTI

STUDIO MURER COMMERCIALISTI 1 R E N A T O M U R E R G A B R I E L E G I AM B R U N O R O B E R T A F A Z Z A N A C A R M E N B A T T I S T E L DOTTORI COMMERCIALISTI REVISORI CONTABILI San Donà di Piave, 10 dicembre 2002 Alle Spett.li

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015

Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Circolare N. 7 del 16 Gennaio 2015 Rapporti con la PA - dal 01.01.2015 l IVA non viene incamerata dal privato ma versata dall ente pubblico (Legge di stabilita per il 2015 - art. 1 commi 629, 630, 632

Dettagli

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5

Oggetto. Contenuto. Circolare Numero 10/2014. C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 1 6 g e n n a i o 2 0 1 4 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 10/2014 Oggetto LEGGE STABILITÀ 2014 NOVITÀ IN TEMA DI REDDITO D IMPRESA Contenuto La Legge di stabilità 2014, ovvero la

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI

LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI LE NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA DI AFFIDAMENTI E SCONFINAMENTI Ambito di applicazione Il decreto si applica alle seguenti operazioni: Aperture di credito regolate in conto corrente, in base alle quali il

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Intermediazione in Cambi

FOGLIO INFORMATIVO. Intermediazione in Cambi FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi della normativa in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari (Titolo VI del D.Lgs 385/1993, Testo Unico Bancario, e relative disposizioni

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento

Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento Contratti di distribuzione Disciplina sui ritardi di pagamento Corso di Diritto civile, A.A. 2014-2015 Prof. Giuseppe Vettori 7 ottobre 2014 Mario Mauro I contratti di distribuzione I contratti di distribuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere.

C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. MUTUI FONDIARI: Risoluzione del contratto. C.C. Sentenza N. 204449 del 18/5/05. Divieto di anatocismo alle rate a scadere. Premessa. L anatocismo viene praticato oltre che sui conti correnti anche sui

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

Tariffario dei Consulenti del lavoro

Tariffario dei Consulenti del lavoro Tariffario dei Consulenti del lavoro Bologna 14 novembre 2011 Silvia Bradaschia 1 MANOVRA DI FERRAGOSTO Nella legge 148 /11, l articolo 3 è dedicato alle professioni e il comma 5 punto d) prende in esame

Dettagli

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo.

L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. L applicazione degli interessi moratori sugli interessi corrispettivi della rata del mutuo fondiario integra un ipotesi di anatocismo. Nota alla sentenza Cassazione, sez. I Civile, n. 11400 15 gennaio

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524

NEWSLETTER LAVORO RUCELLAI&RAFFAELLI. Studio Legale. Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 RUCELLAI&RAFFAELLI Studio Legale Milano Via Monte Napoleone, 18 Telefono: +39 02 7645771 Fax: +39 02 783524 Roma Via dei Due Macelli, 47 Telefono: +39 06 6784778 Fax: +39 06 6783915 Bologna Via Cesare

Dettagli

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0

Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti finanziari 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Il modello dell impresa del futuro I nuovi strumenti 1 2 N O V E M B R E 2 0 1 0 Indice Necessità di cambiamento nella gestione delle imprese Pag. 3 Gli strumenti e i titoli di debito Le fonti normative

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997)

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI DEL 17.10.1997) REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Art.1 Art.2 Art.3 Oggetto Il presente regolamento

Dettagli

L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI

L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI L ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI. I PRESUPPOSTI DI ASSOGGETTABILITA DEI RIFIUTI ALLE IMPOSTE COMUNALI A cura della Dott.ssa Valentina Vattani Il tema dell assimilazione dei rifiuti

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente:

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente: RISOLUZIONE N. 88/E ma, Roma, 25 agosto 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore Servizi Energetici - GSE articolo 2 della legge 24 dicembre

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Tassi di interesse v/erario E stato pubblicato sulla

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati

Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati LEGALE E TRIBUTARIO Circolare del 28 Dicembre 2006 a cura dello Studio De Vito e Associati Partecipazioni ancora in attesa di chiarimenti. Sono intervenuti in questa Circolare: Dr. Gaetano De Vito, Dr.

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA Reg. Gen. n. 351 del 22/07/2015 DETERMINAZIONE N 123 DEL 22.7.2015 CODICE IDENTIFICATIVO GARA (C.I.G.): Z5D1560660 OGGETTO: SERVIZIO DI CONNETTIVITA E SICUREZZA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Numero verde

Dettagli

RISOLUZIONE N. 147/E

RISOLUZIONE N. 147/E RISOLUZIONE N. 147/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,10 aprile 2008 Oggetto: Interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Variazione dell imponibile Iva in conseguenza dell applicazione

Dettagli

Agevolazioni al trasferimento del portafoglio e del personale delle imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa

Agevolazioni al trasferimento del portafoglio e del personale delle imprese di assicurazione poste in liquidazione coatta amministrativa D.L. 26 settembre 1978, n. 576 convertito, con modificazioni, nella L. 24 novembre 1978, n. 738 (G.U. 28 settembre 1978, n. 272; G.U. 25 novembre 1978, n. 330) Agevolazioni al trasferimento del portafoglio

Dettagli

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute.

Tutti i soci sono tenuti alla massima e più scrupolosa osservanza delle norme in esso contenute. REGOLAMENTO DEI DEPOSITI DEI SOCI PREMESSA Il presente regolamento interno ha come scopo la disciplina dei conferimenti in denaro, a titolo di prestito, effettuati dai soci per il conseguimento dell oggetto

Dettagli

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1

PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 PROVVEDIMENTO 29 dicembre 2010, prot. n. 188376 1 Modalità di diniego o revoca dell autorizzazione ad effettuare operazioni intracomunitarie ai sensi del comma 7-bis dell articolo 35 del D.P.R. n. 633

Dettagli

JONES DAY COMMENTARY

JONES DAY COMMENTARY settembre 2006 JONES DAY COMMENTARY Aspetti Fiscali delle operazioni immobiliari Le novità del Decreto Bersani Negli ultimi mesi il governo italiano ha operato una importante riforma della fiscalità delle

Dettagli

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO

RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO RACCOLTA DI PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO 1 SCOPI E FUNZIONAMENTO ARTICOLO 1 In attuazione dell art. 4 dello Statuto Sociale ed ai sensi di quanto prescritto dalle leggi, dalle deliberazioni del Comitato

Dettagli

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto

Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Regolamento dell organismo di composizione della crisi da sovraindebitamento dell Ordine dei Dottori Commercialisti ed Eserti Contabili di Taranto Articolo 1 OGGETTO Il presente regolamento si applica

Dettagli

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc.

STUDIO ANTONELLI. Piazza Aurelio Saffi n. 43-47100 FORLÌ - Tel. 0543 27342-27317 - Fax 0543 27379 e-mail: segreteria@studioantonelli.fc. Dott. Alessandro Antonelli TRIBUTARISTA - PUBBLICISTA Dott.ssa Giancarla Berti COMMERCIALISTA Dott. Federico Mambelli ASSISTENTE Dott. Alessandro Mengozzi COMMERCIALISTA Dott. Stefano Sgarzani COMMERCIALISTA

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO

CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO CONDIZIONI DI FINANZIAMENTO 1. Definizioni Nell ambito delle presenti Condizioni di Finanziamento, ciascuno dei seguenti termini, quando viene scritto con l iniziale maiuscola, sia al singolare che al

Dettagli

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001

Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO. ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Nufarm Italia S.r.l MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ai sensi del D.Lgs. n. 231/2001 Il presente documento ha lo scopo di illustrare il Modello di Organizzazione, Gestione e Controllo adottato

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA

Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA Art. 82 L.R. 8/02 FONDO DI ROTAZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI PROGRAMMI PLURIENNALI DI EDILIZIA RESIDENZIALE AGEVOLATA CONVENZIONE CON ISTITUTI DI CREDITO Tra: Sviluppo Lazio S.p.A. (di seguito Sviluppo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 417/E

RISOLUZIONE N. 417/E RISOLUZIONE N. 417/E Roma, 31 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Cessione complesso aziendale Adempimenti procedimentali

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 OGGETTO: NOVITᾺ FISCALI APPLICABILI DAL PERIODO D IMPOSTA 2011 Di seguito Vi segnaliamo in sintesi le principali novità introdotte per il periodo d imposta 2011,

Dettagli

MUTUI IPOTECARI PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE

MUTUI IPOTECARI PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE MUTUI IPOTECARI PER L ACQUISTO DELL ABITAZIONE PRINCIPALE (Informativa ai sensi dell art. 2, comma 5, del Decreto Legge 185/2008 convertito in legge 2/2009) La presente informativa contiene informazioni

Dettagli

12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413. Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio

12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413. Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio Roma 12 febbraio 2010 Prot. CO/LG/TR/BA/000413 Agli Associati Loro Sedi Avviso comune per la sospensione dei debiti delle PMI verso il settore creditizio Si fa seguito alla lettera circolare del 14 gennaio

Dettagli

Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI

Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI ACQUISTI MICHELIN ITALIA Agosto 2015 EUR/A/IM CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1 CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. Premessa... 3 2. Principi etici... 3 3. Prezzi... 3 4. Consegna della fornitura... 3 5.

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO. PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO. Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 02 DEL 12 gennaio 2011 IL QUESITO Unica Partecipazione in SRL appartenente a più soggetti Quando più eredi acquisiscono la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 251/E

RISOLUZIONE N. 251/E RISOLUZIONE N. 251/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 14 settembre 2007 Oggetto: Interpello - Alfa S.p.a. - Disciplina applicabile, ai fini IRES e IRAP, agli indennizzi assicurativi spettanti

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica RISOLUZIONE N. 203/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 5 agosto 2009 OGGETTO: obblighi contabili Iva relativi ai diritti di segreteria dovuti alle Camere di Commercio Consulenza giuridica

Dettagli

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive"

di concerto con VISTA la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante Disciplina della subfornitura nelle attività produttive Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013

CIRCOLARE N. 38/E. Roma, 23 dicembre 2013 CIRCOLARE N. 38/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Roma, 23 dicembre 2013 OGGETTO: Le nuove disposizioni in materia di monitoraggio fiscale. Adempimenti

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA. Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015. In collaborazione con

Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA. Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015. In collaborazione con Fiscalità 2015: RECENTI SENTENZE E PROVVEDIMENTI IN MATERIA DI IVA Dr Alberto Perani Milano, 24 febbraio 2015 In collaborazione con Recenti sentenze e provvedimenti in materia di Iva Corte di Giustizia

Dettagli

Schema di CONVENZIONE

Schema di CONVENZIONE Schema di CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI NEMBRO E LA SOCIETA SERIO SERVIZI AMBIENTALI S.R.L. PER LA REALIZZAZIONE DEI SEGUENTI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: - IMPIANTO FOTOVOLTAICO SULLA SCUOLA PRIMARIA DEL CENTRO;

Dettagli

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO

OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO OPERAZIONI TRIANGOLARI E PROVA DELL USCITA DEI BENI DAL TERRITORIO DELLO STATO Stefano Battaglia Stefano Carpaneto Umberto Terzuolo Torino, martedì 29 aprile 2014 Triangolazioni intracomunitarie Operazioni

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 Numero 00503/2015 e data 19/02/2015 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 17 dicembre 2014 NUMERO AFFARE 01829/2013 OGGETTO: Autorita' garante della

Dettagli

- A. Torcini Adempimenti fiscali del Curatore fallimentare - ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE. A cura di Alessandro TORCINI

- A. Torcini Adempimenti fiscali del Curatore fallimentare - ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE. A cura di Alessandro TORCINI ADEMPIMENTI FISCALI DEL CURATORE FALLIMENTARE A cura di Alessandro TORCINI 1 ADEMPIMENTI FISCALI INIZIALI predisporre i registri IVA entro 30 giorni dalla notifica, comunicare all Agenzia delle Entrate

Dettagli

Autoimprenditorialità

Autoimprenditorialità Autoimprenditorialità Aspetti giuridici e burocratici dell impresa Febbraio 2012 La figura giuridica dell imprenditore L art. 2082 del Codice Civile definisce imprenditore chi esercita professionalmente

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO...

CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E L ISTITUTO DI CREDITO... SCHEMA DI CONVENZIONE TRA LA PROVINCIA DELL AQUILA E GLI ISTITUTI DI CREDITO CHE VI ADERIRANNO PER L ATTIVAZIONE DEL FONDO A FAVORE DEI LAVORATORI COINVOLTI IN PROCESSI DI CRISI AZIENDALE CONVENZIONE TRA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 42/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 42/E f Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2008 Oggetto: Operazione di aggregazione aziendale tra due società inglesi e secondo le disposizioni del Regno Unito.

Dettagli

Condizioni generali di Assicurazione

Condizioni generali di Assicurazione Schema di Polizza Fidejussoria a garanzia degli obblighi derivanti dalla gestione operativa dell impianto di discarica controllata per rifiuti non pericolosi ubicato in contrada Autigno Comune di Brindisi

Dettagli

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario.

29 ottobre 1993, n. 427) in modo distinto a seconda della residenza fiscale del cedente e del cessionario. Operazioni intracomunitarie e internazionali La disciplina IVA delle «vendite a distanza» in ambito intracomunitario La disciplina Iva delle «vendite a distanza», per tali intendendosi le vendite in base

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

Materiali da costruzione si

Materiali da costruzione si Materiali da costruzione si Antonio Oddo Seppur posticipato nel tempo, il passaggio da Direttiva a Regolamento determina rilevanti modifiche perché tocca diversi elementi di contenuto legati in primo luogo

Dettagli

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012

Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Circolare N.50 del 04 Aprile 2012 Deroga al limite all utilizzo del denaro contante per gli acquisti effettuati da turisti stranieri. Disponibile la comunicazione di adesione alla disciplina Deroga al

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2010: PERIODICITA, TEMPISTICA E MODALITA DI PRESENTAZIONE Dispensa chiusa il 21/02/2010

ELENCHI INTRASTAT 2010: PERIODICITA, TEMPISTICA E MODALITA DI PRESENTAZIONE Dispensa chiusa il 21/02/2010 Alla data di redazione di queste note, non erano ancora stati emanati il D.M. e il Decreto direttoriale dell Agenzia delle Dogane che hanno visto la luce lunedì 22/02/2010 con la loro pubblicazione sul

Dettagli