NOTA INTEGRATIVA ALLO STATO PATRIMONIALE ED AL CONTO ECONOMICO (Art C.C.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTA INTEGRATIVA ALLO STATO PATRIMONIALE ED AL CONTO ECONOMICO (Art. 2427 C.C.)"

Transcript

1 NOTA INTEGRATIVA ALLO STATO PATRIMONIALE ED AL CONTO ECONOMICO (Art C.C.) Introduzione Ai sensi delle disposizioni contenute nel Codice Civile in tema di bilancio di esercizio ed in ottemperanza a quanto previsto dall'art. 2427, si forniscono le informazioni seguenti ad integrazione di quelle espresse dai valori contabili dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico. Il presente bilancio adotta le metodologie alle quali si è fatto riferimento per la redazione dei precedenti bilanci, seguendo i principi di coerenza e continuità nei criteri di valutazione; nella presente nota integrativa sono stati indicati i concetti utilizzati allo scopo di rendere più chiara la lettura e la comprensione delle voci. Principi di carattere generale di redazione del bilancio Come previsto dalla norma dell'art. 2423, 1 comma del Codice Civile, il presente bilancio risulta costituito dallo Stato Patrimoniale, dal Conto Economico e dalla Nota integrativa oggetto del presente elaborato. Nella redazione del bilancio sono stati rispettati i principi di prudenza e le disposizioni di legge attualmente vigenti. Inoltre le voci sono state iscritte secondo gli schemi e nell'ordine indicati tassativamente previsti negli articoli 2424 e 2425 c.c.. Per ogni voce è stato indicato l'importo corrispondente dell'anno precedente così come richiesto dall'art ter. Nella redazione del Bilancio sono state rispettate le condizioni generali previste dall'art bis, il quale prevede esplicitamente i principi da seguire. Le voci dello Stato Patrimoniale e del Conto Economico sono state valutate secondo i principi posti dalla normativa civilistica e fiscale congiuntamente ai principi contabili elaborati dai Dottori Commercialisti. Il presente fascicolo di bilancio viene redatto nella nuova moneta unica (EUR). Le differenze da arrotondamento, eventualmente emerse a causa della redazione del bilancio di esercizio in unità di euro, a fronte della tenuta della contabilità con due cifre decimali, sono contabilizzate, a seconda della loro provenienza, nella voci di Conto Economico denominate Proventi e Oneri Straordinari, ovvero nella voce di Stato Patrimoniale denominata Altre Riserve. Più dettagliatamente, nella valutazione delle voci di bilancio risultano osservati i seguenti criteri: - gli elementi patrimoniali destinati ad essere utilizzati durevolmente sono iscritti tra le immobilizzazioni al costo di acquisizione; - il costo delle immobilizzazioni materiali ed immateriali, la cui utilizzazione è limitata nel tempo, verrà ammortizzato in relazione alla rispettiva loro residua possibilità di utilizzo e di utilità, con criteri conformi a quelli generalmente adottati e nel rispetto dei limiti imposti da provvedimenti di natura fiscale; - le immobilizzazioni finanziarie consistenti in crediti verso imprese collegate sono presenti nel bilancio della Vs. società, in quanto riferite a pagamenti effettuati alla società immobiliare che ha concesso in locazione il capannone in cui ha operato la Alfa spa fino alla realizzazione della nuova sede, a fronte di un impegno futuro a cedere tale immobile alla Vs. società; i legami operativi e finanziari presenti tra le due società, le rendono tali da farle considerare tra loro collegate; tale voce è iscritta in bilancio al valore nominale. - le immobilizzazioni finanziarie consistenti nella quota di partecipazione al Consorzio e nelle azioni Banca A sono invece state iscritte al costo storico. - nel presente bilancio le voci rappresentative di costi di impianto e ampliamento, così come quelle Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.0

2 di ricerca, sviluppo, aventi durata pluriennale sono presenti e sono iscritte nell attivo di bilancio al costo di realizzazione; - vengono evidenziati i valori di avviamento nell'attivo dello stato patrimoniale, poiché sono stati sostenuti specifici costi per i medesimi. Per l'analisi delle variazioni e dei movimenti intervenuti nella consistenza delle immobilizzazioni si rimanda alla specifica nota illustrativa del conto. Le variazioni intervenute nella consistenza delle poste dello stato patrimoniale sono state illustrate per singola voce nel prosieguo della presente nota integrativa. Si rimanda ad esse per tutti i dettagli necessari. I crediti sono stati iscritti secondo il rispettivo presumibile valore di realizzazione e non si evidenziano tra di essi crediti esigibili oltre l esercizio successivo. I debiti della società sono stati iscritti al loro valore nominale. I debiti esigibili oltre l esercizio successivo sono evidenziati con l indicazione della quota parte esigibile oltre i cinque esercizi successivi. Non sussistono crediti o debiti in valuta extra UE. I costi e i ricavi sono stati contabilizzati nel pieno rispetto del principio di competenza economica. Le imposte dell esercizio sono state iscritte in bilancio sulla base dell effettivo onere fiscale di competenza. Nel giugno del 2000 è stato contratto un mutuo ipotecario a lungo termine dell importo iniziale di EUR con la Banca B destinato a fornire risorse finanziarie da destinare allo sviluppo. La durata del finanziamento è di 10 anni (scadenza giugno 2010) e prevede rate di rimborso mensili posticipate. Il valore residuo del debito al di EUR è stato esposto tra i debiti in Stato Patrimoniale ripartendo la quota in scadenza entro i prossimi 12 mesi (EUR ), la quota in scadenza nel periodo successivo (EUR ). La società immobiliare collegata alla Vs. società, la Beta snc, ora denominata Gamma snc di Rossi., proprietaria del capannone industriale concesso in precedenza in locazione alla ALFA SPA, ha concesso garanzie ipotecarie iscritte a valere su tale immobile, a favore della Banca erogante per un valore complessivo di EUR Nel mese di luglio 2002 è stato acceso, a fronte dell acquisto di un nuovo autocarro, un finanziamento con la società Banca F per un importo iniziale pari a euro La durata del finanziamento è di 48 mesi (scadenza giugno 2006) e prevede rate di rimborso mensili. Il valore residuo del debito di EUR è stato esposto ripartendo la quota in scadenza entro i prossimi 12 mesi (EUR 4.008) e la quota in scadenza nel periodo successivo (EUR 2.111). Non sono state concesse particolari forme di garanzia a fronte dell erogazione ottenuta dalla banca. Nel mese di dicembre 2003 è stato contratto un finanziamento a medio termine dell importo iniziale di EUR con la Banca E mirato al finanziamento di nuovi investimenti produttivi. La durata del finanziamento è di cinque anni (scadenza novembre 2008) e prevede rate di rimborso mensili a decorrere da gennaio Il valore residuo del debito di EUR è stato esposto tra i debiti in Stato Patrimoniale ripartendo la quota in scadenza entro i prossimi 12 mesi (EUR ) e la quota in scadenza nel periodo successivo (EUR ). Non sono state concesse particolari forme di garanzia a fronte dell erogazione ottenuta dalla banca. Nel mese di febbraio 2003 è stato contratto un finanziamento dell importo iniziale di EUR con il Banca E mirato al finanziamento di nuovi investimenti produttivi. La durata del Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.1

3 finanziamento è di 2 anni e 10 mesi (scadenza dicembre 2005) e prevede rate di rimborso trimestrali a decorrere da giugno. Il valore residuo del debito di EUR è stato esposto tra i debiti in Stato Patrimoniale in scadenza entro i prossimi 12 mesi. Non sono state concesse particolari forme di garanzia a fronte dell erogazione ottenuta. Nel mese di giugno 2003 è stato contratto un finanziamento dell importo iniziale di EUR con la società Neri Vending mirato al finanziamento di nuovi investimenti produttivi. La durata del finanziamento è di 2 anni (scadenza giugno 2005) e prevede rate di rimborso mensili a decorrere da luglio. Il valore residuo del debito di EUR è stato esposto tra i debiti in Stato Patrimoniale in scadenza entro i prossimi 12 mesi. Non sono state concesse particolari forme di garanzia a fronte dell erogazione ottenuta. Nel corso del 2004 è stato contratto un finanziamento dell importo iniziale di EUR con la società Fidi O mirato al finanziamento di nuovi investimenti produttivi. La durata del finanziamento è di 1 anno (scadenza aprile 2005) e prevede rate di rimborso mensili. Il valore residuo del debito di EUR è stato esposto tra i debiti in Stato Patrimoniale in scadenza entro i prossimi 12 mesi. Non sono state concesse particolari forme di garanzia a fronte dell erogazione ottenuta. Nel corso del 2004 è stato contratto un finanziamento dell importo iniziale di EUR con la società Veneta Factoring mirato al finanziamento di nuovi investimenti produttivi. Il finanziamento ha scadenza aprile 2007 e prevede rate di rimborso mensili. Il valore residuo del debito di Eur è stato esposto tra i debiti in Stato Patrimoniale in scadenza entro i prossimi 12 mesi per Eur e oltre i prossimi 12 mesi per Eur Non sono state concesse particolari forme di garanzia a fronte dell erogazione ottenuta. Nel corso del 2004 è stato estinto un finanziamento a medio termine dell importo iniziale di EUR con la Banca C mirato al finanziamento di nuovi investimenti produttivi. Per quanto riguarda i rimanenti contenuti obbligatori imposti dalla normativa sopra citata (art c.c.), essi sono stati presentati nei dettagli delle singole voci ai quali rimandiamo. E' peraltro opportuno ricordare anche in questa sede, che non esistono azioni, obbligazioni e titoli simili, emessi dalla Vostra Società, in quanto la natura giuridica della Alfa spa (società a responsabilità limitata) non ne prevede l'esistenza. STATO PATRIMONIALE: ATTIVO Nota esplicativa al conto: Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti Questa voce non presenta alcun saldo. Nota esplicativa al conto: Immobilizzazioni immateriali Il saldo rappresenta il totale dei cespiti ammortizzabili così come risulta dal libro cespiti; la sua composizione analitica è la seguente: Valore di costo Valore in bilancio Ammortamento Avviamento "THETA" Valore iniziale Acquisti Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.2

4 Dismissioni Ammortamenti Valore finale Avviamento "SIGMA" Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Software Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Costi pubblicità Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Spese ricerca e sviluppo Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale TOTALE Nota esplicativa al conto: Immobilizzazioni materiali Il saldo rappresenta il totale dei cespiti ammortizzabili così come risulta dal libro cespiti; la sua composizione analitica è la seguente: Valore di costo Fondo ammortam. Valore in bilancio Descrizione Impianti e macchinario Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Attrezzature industriali 0 Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Mobili ed arredi Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.3

5 Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Macchine elettroniche Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Automezzi Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale Altri beni Valore iniziale Acquisti Dismissioni Ammortamenti Valore finale TOTALE Nota esplicativa al conto: Immobilizzazioni finanziarie Tale voce presenta un saldo pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è composta da: a) Crediti verso imprese collegate per EUR 258'228 rappresentativi del versamento effettuato a favore della società Gamma snc di Rossi - proprietaria dell immobile industriale locato alla ALFA SPA. Tale pagamento risulta dovuto sulla base della promessa di vendita di tale immobile rilasciata a favore della Vs.società. b) Azioni BANCA A per EUR 1.202; c) Partecipazioni in Consorzi per EUR 52. Nota esplicativa al conto: Rimanenze La valutazione delle rimanenze è stata effettuata ricorrendo al metodo del costo medio ponderato, considerando sia le giacenze presso il magazzino centrale, sia le merci depositate presso i distributori automatici. Complessivamente la voce presenta un saldo pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Descrizione Differenza Rim. Fin. Prodotti finiti e merci TOTALE RIMANENZE FINALI Nota esplicativa al conto: Crediti Crediti esigibili entro l esercizio successivo Tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.4

6 ed è di seguito ulteriormente dettagliata Verso clienti: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata: Descrizione Differenza Clienti Italia Nord TOTALE RIMANENZE FINALI Crediti tributari: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata: erario c/iva , Erario c/irpeg-ires Erario c/ Irap Erario c/ imposta sostitutiva riv. TFR TOTALE Verso altri: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata: depositi cauzionali crediti diversi crediti AIP lavoro altri crediti TOTALE Crediti esigibili oltre i 12 mesi Non sussistono crediti esigibili oltre l esercizio successivo. Nota esplicativa al conto: Attività finanziarie Questo gruppo di conti non presenta alcuna voce movimentata. Nota esplicativa al conto: Disponibilità liquide: risultano così composte: Tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata: Banca c/c cassa TOTALE Nota esplicativa al conto: Ratei e risconti attivi Tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.5

7 Risconto assicurazioni risconto abbonamen to provider Risconto canoni di leasing Risconto canoni locazione bar ministore edicola Risconto canoni locazione capannone Risconto canoni locazione distributori Risconto premio fideiussione rimb. IVA Risconto interessi finanziamento DELTA Risconto commissioni garanzia mutuo Banca E Risconto commissioni garanzia mutuo Banca C Risconto commissioni garanzia ETA Risconto spese telefoniche Risconti Veneta Altri risconti TOTALE RISCONTI ATTIVI Rateo su interessi di conto corrente Rateo su rimborso assicurazione Rateo resi periodici Rateo resa quotidiani Rateo Telecom Rateo premio S TOTALE RATEI ATTIVI TOTALE RATEI E RISCONTI ATTIVI Nota esplicativa al conto: Conti d'ordine attivi Canoni di leasing: la voce presenta un saldo di EUR ,26, pari alla somma dei canoni di leasing ancora da pagare. Garanzie prestate:: la voce presenta un saldo di EUR , pari all importo dell ipoteca sull immobile. STATO PATRIMONIALE: PASSIVO Nota esplicativa ai Conti di patrimonio netto Rappresentano il livello complessivo dei mezzi propri della azienda; il saldo di tale voce è pari a Euro rispetto a euro dell esercizio precedente. Le movimentazioni intervenute nel corso dell esercizio, interamente riferibili alla destinazione del risultato d esercizio 2004, sono evidenziate nella seguente tabella: Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.6

8 Capitale Riserva da sovrapprezzo delle azioni Riserva di rivalutazione Riserva legale Riserva per azioni proprie in portafoglio Riserve statutarie Altre riserve, distintamente indicate 0 a) riserva straordinaria b) riserva sovrapprezzo c) riserva da conversione Utili (perdite) portati a nuovo Utile (perdita) dell'esercizio TOTALE Nota esplicativa al conto: Fondi per rischi ed oneri Questo gruppo di conti non presenta alcuna voce movimentata. Nota esplicativa al conto: Fondo per il Trattamento di Fine Rapporto subordinato La voce in oggetto si riferisce al saldo del fondo per il TFR al 31/12/2004, la cui composizione è dettagliata di seguito: Nominativo Data assunz. Data licenz. Fondo TFR imposta sost. Riv. Competenza 2004 Licen Fondo TFR TFR Pinco 23-ott giu Rossini 26-ott Verdi 04-dic ago Bianchi 15-gen Brambilla 21-mar feb Bonetti 05-mar Gialli 08-gen gen Ferrari 02-mag set Pallino 13-ott Tizio 22-ott Caio 12-dic Sempronio 15-dic Azzurri 02-dic Grigi 02-dic Vecchi 02-dic Arancio 02-dic Rosa 02-dic Nerini 02-dic Cesari 02-dic Augusti 02-gen ott Vespasiani 07-gen Neroni 13-lug Massimi 27-ago Bruti 29-set Costantini 14-apr Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.7

9 Cassii 18-gen TOTALE Nel corso dell esercizio sono state assunte sette nuove persone, delle quali una ha tuttavia concluso dopo breve tempo il rapporto di lavoro con la società. Altre 5 persone in forze nell esercizio 2004 si sono dimesse. La composizione del Fondo TFR ha tenuto opportunamente conto delle predette movimentazioni di personale. L organico a fine esercizio risulta essere composto da venti dipendenti. Nota esplicativa al conto: Debiti Debiti esigibili entro l esercizio successivo Tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata Debiti verso banche: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Banca B Banca C Banca A Banca D Banca H Banca I Banca L Banca E TOTALE Debiti verso altri finanziatori: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Finanziamento Banca F Finanziamento Neri Vending Finanziamento Fidi O Finanziamento Veneta factoring TOTALE Debiti verso fornitori: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Fornitori Italia Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.8

10 Fatture da ricevere TOTALE Debiti tributari: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Erario c/ IRPEG Erario c/irap Erario c/rit. AIP lavoro Erario c/rit.red.lav.dip Erario c/rit.red.lav.aut imp sost. Riv. Tfr TOTALE Debiti verso istituti di previdenza e sicurezza sociale: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Inail Enti previdenzialei e assistenziali TOTALE Altri debiti: tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: Depositi cauzionali debiti verso il personale per stipendi altri debiti debiti verso associato in partecipazione Clenti c/nc da emettere TOTALE Debiti verso banche esigibili oltre 12 mesi Tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata. Banca B Banca C Banca E Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.9

11 TOTALE Di seguito viene evidenziata la quota parte, già ricompresa nella tabella precedente, con scadenza successiva ai cinque esercizi. Descrizione 31/12/2004 Banca B TOTALE Debiti verso altri finanziatori esigibili oltre 12 mesi Tale voce presenta un saldo pari a EUR , rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata. Finanziamento Banca F Finanziamento Neri Vending Finanziamento Veneta factoring TOTALE Tali debiti risultano interamente esigibili entro il quinto esercizio successivo. Debiti verso altri: tale voce presenta un saldo pari a EUR 8.444, rispetto a EUR 0 dell esercizio precedente ed è di seguito ulteriormente dettagliata. Depositi cauzionali TOTALE Nota esplicativa al conto: Ratei e risconti passivi Tale voce presenta un saldo pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente. La consistenza e le variazioni intervenute nel corso dell esercizio sono ulteriormente dettagliate nella seguente tabella: RATEI E RISCONTI PASSIVI 31/12/ /12/2003 Differenza rateo giornali e periodici rateo interessi di conto corrente Banca E rateo interessi di conto corrente Banca C rateo interessi di conto corrente BANCA M rateo interessi di conto corrente B rateo spese istruttoria fido Banca I rateo spese bancarie Risconti passivi canoni leasing altri ratei passivi TOTALE RATEI E RISCONTI PASSIVI Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.10

12 Nota esplicativa ai Conti d'ordine passivi Si rimanda a quanto già illustrato per l'attivo. CONTO ECONOMICO Nota esplicativa al conto: Valore della produzione Ricavi delle vendite e delle prestazioni: La voce presenta un saldo pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente e rappresenta i ricavi derivanti dalle somministrazioni a mezzo distributori automatici e nonché dalla nuova attività di gestione di bar, ministore e edicole svoltasi presso i presidi ospedalieri di D.e G. Tale voce è principalmente composta da: ricavi da corrispettivi per euro , ricavi erogazioni fatturate per euro , ricavi bar/ministore/edicola D. per euro , ricavi bar/ministore/edicola G. per euro e rappresenta i ricavi derivanti dalle somministrazioni a mezzo distributori automatici e nonché dalla nuova attività di gestione di bar, ministore e edicole svoltasi presso i presidi ospedalieri di D.e G.. Altri ricavi e proventi: La voce presenta un saldo pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è principalmente composta da affitti attivi per euro e a sopravvenienze attive per euro Nota esplicativa al conto: Costi della produzione Costi per materie prime, sussidiarie e di merci: La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente, ed è composta come segue: Descrizione 31/12/2004 materiali alimentari abbigliamento 1832 prodotti igiene e non alimentari giornali e riviste distributori acqua altri costi TOTALE Nota esplicativa al conto: Costi per servizi La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente, ed è principalmente composta da spese per assistenza amministrativa per euro , spese per coordinamento gestionale per euro , ristoranti per euro e assicurazioni per euro Nota esplicativa al conto: Spese per godimento beni di terzi La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente. ed è composta come segue: Descrizione 31/12/2004 leasing autocarri leasing distributori automatici Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.11

13 leasing immobile industriale noleggio furgone noleggio automobili affitto capannone affitto bar-ministore-edicola affitto distributori (G.)+ (D.) Leasing sollevatore elettrico TOTALE Nota esplicativa al conto: Costi per il personale La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è composta come segue: Descrizione 31/12/2004 salari e stipendi oneri sociali trattamento di fine rapporto altri costi 0 TOTALE Al 31/12/2004 risultano complessivamente in forze alla società n 20 dipendenti, Per ulteriori dettagli si veda la ricostruzione del Fondo TFR al 31/12/2004. Nota esplicativa al conto: Ammortamenti immobilizzazioni immateriali La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è composta come segue: avviamento THETA per EUR 7.746, avviamento SIGMA EUR 1.292, software euro 580, pubblicità EUR , spese di ricerca e sviluppo EUR Nota esplicativa al conto: Ammortamenti immobilizzazioni materiali La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente. ed è composta come segue: impianti EUR 692, attrezzature EUR 3.512, macch. Uff. ord. EUR 306, macch. Uff. el. EUR 2.673, automezzi EUR 6.338, impianto antifurto EUR 1.161, distributori EUR , sistemi di pagamento EUR e altri beni EUR 187. Nota esplicativa al conto: Oneri diversi di gestione La voce presenta un valore pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è principalmente composta da compensi per associati in partecipazione per euro , imposte e oneri di gestione euro e sopravvenienze passive per euro Nota esplicativa al conto: Proventi e oneri finanziari Il saldo di tale voce è pari a EUR negativo rispetto a EUR negativo dell esercizio precedente ed è composta come segue: Descrizione 31/12/2004 Interessi passivi c/c C Interessi passivi Banca E Interessi passivi BANCA B Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.12

14 Interessi passivi BANCA A Interessi passivi BANCA D Interessi passivi su Banca H Interessi passivi Banca L Interessi passivi Banca I Interessi passivi su mutuo BANCA B Interessi passivi su mutuo Banca C Interessi passivi su mutuo Banca E Interessi passivi Finanz. Fidi O -255 Interessi passivi su mutuo Banca C Interessi passivi su finan. Banca F -569 Interessi passivi su finan. Neri Vending Interessi passivi su factoring -128 Commissioni massimo scoperto Interessi passivi vari (ravv., mora ) Interessi passivi Finanz. Veneta -319 TOTALE Nota esplicativa al conto: Imposte sul reddito dell esercizio: Il saldo di tale voce è pari a EUR rispetto a EUR dell esercizio precedente ed è composta da IRES per euro e Irap per euro Non sussistono imposte differite. Il Presidente del Consiglio di Amministrazione Prospetti aggiuntivi facoltativi pag. 5.13

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013

MONDO ACQUA S.P.A. Nota integrativa ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2013 MONDO ACQUA S.P.A. Codice fiscale 02778560041 Partita iva 02778560041 VIA VENEZIA n. 6/B - 12084 MONDOVI' CN Numero R.E.A. 235902 - CN Registro Imprese di CUNEO n. 02778560041 Capitale Sociale 1.100.000,00

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI

AMIR S.P.A. 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO DATI ANAGRAFICI 711 - BILANCIO ORDINARIO D'ESERCIZIO Data chiusura esercizio 31/12/2013 DATI ANAGRAFICI Indirizzo Sede legale: RIMINI RN VIA DARIO CAMPANA 63 Numero REA: RN - 259282 Forma giuridica: SOCIETA' PER AZIONI

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio

Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Gli articoli del codice civile sulla redazione del bilancio d esercizio Sezione IX Del bilancio Art. 2423. Redazione del bilancio. Gli amministratori devono redigere il bilancio di esercizio, costituito

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Il bilancio civilistico

Il bilancio civilistico Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Coronella 1 Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Stefano Coronella Il bilancio civilistico Dispense a cura del Prof. Coronella 2 1. Considerazioni

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

Il riparto dell utile nelle società per Azioni

Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle società per Azioni Il riparto dell utile nelle spa è soggetto alle limitazioni imposte dal codice civile e dallo statuto. Solo dopo aver soddisfatto i predetti vincoli l utile

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO

LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO LA CONTABILITÀ E IL BILANCIO CHIAREZZA, VERITÀ, CORRETTEZZA, I CONTI D ORDINE, IL BUDGET D ESERCIZIO, IL CONTROLLO DI GESTIONE, LA RICERCA DEL DATO FALSO O INATTENDIBILE: IL FALSO IN BILANCIO Relatore:

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova

IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000. A cura del Gruppo di Studio di Diritto tributario istituito presso l Ordine di Padova IL COMMERCIALISTA VENETO n. 133 - GENNAIO / FEBBRAIO 2000 ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLE TRE VENEZIE L'INSERTO 2 Analisi della rilevanza ai fini IRAP delle voci del Conto Economico A cura

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott.

RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013. Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO. Curatore Dott. RELAZIONE SINTETICA DI STIMA ELETTRO 33 S.P.A. Procedura N 89/2013 Giudice Delegato: Dott. Vito FEBBRARO Curatore Dott.ssa Elena MOGNONI Facciamo seguito all incarico conferitoci dalla Dott.ssa Elena MOGNONI

Dettagli

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi

OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi OIC 24 Immobilizzazioni immateriali Sintesi dei principali interventi Svalutazioni per perdite durevoli di valore: attualmente la disciplina relativa alle svalutazioni per perdite durevoli di valore è

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli