"Commenti" «Democrazia sindacale:la legge è inutile» - di M.Tiraboschi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download ""Commenti" «Democrazia sindacale:la legge è inutile» - di M.Tiraboschi"

Transcript

1 "Commenti" «Democrazia sindacale:la legge è inutile» - di M.Tiraboschi commenti venerd15 novembre 2002 RAPPRESENTANZA..LE RAGIONI DI UN DISSENSO DI MICHELE TIRABOSCHI «Democrazia sindacale:la legge inutile» Caro Direttore, leggo su il Riformista di gioved7 un editoriale dedicato alla questione delle regole sulla rappresentanza nel nostro sistema di relazioni industriali. Di questo editoriale non condivido non solo lanalisi, ma anche la principale conclusione, e cioche gli accordi separati e lo stato attuale dei rapporti tra le grandi confederazioni sindacali impongano di affidare alla legge il compito di misurare con regole certe il grado di rappresentativit del sindacato. Come giurista sarei portato a sviluppare alcune argomentazioni tecniche, per spiegare le ragioni del mio dissenso. Ma non questa la sede. Da studioso delle relazioni industriali vorrei invece ricordare che un riformista come Marco Biagi ciouno degli estensori di quel Libro Bianco che, si legge nelleditoriale, affrontil tema con miopia ci aveva da tempo ammoniti, sulla scorta di una meticolosa analisi della esperienza di altri Paesi, che «richiamarsi al numero dei voti ottenuti nelle elezioni per affermare la propria rappresentativit una soluzione che ha sempre dato risultati non convincenti () e che non farebbe altro che esasperare le divisioni giprofonde fra le nostre organizzazioni sindacali, destabilizzando ancor di pi il sistema di relazioni industriali nel suo complesso» (M. Biagi, Votare sui contratti esaspera le divisioni, Il Sole-24 Ore del 23 novembre 2001). Accordi separati producono certamente profonde lacerazioni. La storia del nostro Paese dimostra tuttavia che si sono potute gestire e superare situazioni assai pi gravi e dirompenti, senza mettere mano a una legge che, nel misurare la forza del sindacato, lo espone inevitabilmente a possibili ingerenze o forme di controllo da parte dello Stato. Lo stesso articolo 39 richiamato spesso a sproposito, nellattuale dibattito sulla rappresentanza non ha avuto attuazione anche perché incentrato su un modello storico di sindacalismo unitario messo in crisi nei mesi immediatamente successivi alla entrata in vigore della Costituzione. Eppure, nemmeno dopo la rottura del fronte sindacale

2 unitario, con la costituzione prima della Cisl e poi della Uil, il sindacato ha ritenuto di dover appellarsi al legislatore per risolvere conflitti di legittimazione interni alla dialettica sindacale e che solo in essa possono trovare adeguata soluzione. E stato lo stesso sindacato che, con lungimiranza, ha visto nella non attuazione dellarticolo 39 una opportunit per rafforzare il proprio peso nella societ Lopzione dellastensionismo legislativo stata poi confermata dal legislatore, che si sino a oggi opportunamente limitato a recepire gli esiti della libera dialettica sindacale, senza privilegiare aprioristicamente un determinato modello di mediazione e rappresentanza degli interessi dei lavoratori. Ciha consentito di valorizzare appieno il ruolo del sindacato, lasciando che fossero i rapporti di forza tra le parti - e non una determinazione eteronoma dello Stato - a stabilire le linee di sviluppo del sistema di relazioni industriali, vuoi nella forma conflittuale, vuoi nella forma collaborativa e partecipativa. La questione di democrazia, sollevata a mio avviso impropriamente nelleditoriale, tutta qui. E il fondamentale principio di libert di azione sindacale che rende non solo superflua, ma anche dannosa, per una societ complessa come la nostra che aspira ad essere aperta e pluralista, una legge di disciplina eteronoma della rappresentanza sindacale. Solo un sindacato debole o collaterale a un partito politico di governo pusentire il bisogno di meccanismi legislativi volti a sostenerlo con lestensione anche ai non iscritti della efficacia dei contratti collettivi che stipula. Non certo un caso che un sindacato capace di ottenere sul campo il riconoscimento della controparte ha sempre visto con giustificato orgoglio la non attuazione dellarticolo 39, laddove la richiesta di una legge che ne certifichi la forza, oltre a legittimare un possibile intervento del giudice nelle dinamiche delle relazioni industriali, una ammissione della incapacitdi conseguire i propri obiettivi e di misurare, nel libero confronto con le controparti, la propria rappresentativit E non sarallora certo una legge dello Stato a poter risolvere la disputa, propria della attuale dialettica intersindacale, sul ruolo e le funzioni del sindacato in una societdemocratica e pluralista. Soprattutto nei momenti di crisi e lacerazione del confronto politicosindacale, cidi cui non si sente affatto bisogno la prospettiva di una societchiusa, in cui qualcuno, magari con lausilio di una misurazione formalistica della propria rappresentativit dia ad intendere di possedere lunica Verit Chi davvero crede in un progetto democratico e pluralista, ci insegnava Karl Popper, non puinvece che aderire a una concezione aperta della societ una societ che vive e si alimenta anche di conflitti e che nasce dalla libertproprio perché in essa nessuno pupermettersi di assolutizzare, tanto meno con lintervento di una legge o del giudice, le proprie visioni del mondo.

3 commenti venerd15 novembre 2002 RAPPRESENTANZA..LE RAGIONI DI UN DISSENSO DI MICHELE TIRABOSCHI «Democrazia sindacale:la legge inutile» Caro Direttore, leggo su il Riformista di gioved7 un editoriale dedicato alla questione delle regole sulla rappresentanza nel nostro sistema di relazioni industriali. Di questo editoriale non condivido non solo lanalisi, ma anche la principale conclusione, e cioche gli accordi separati e lo stato attuale dei rapporti tra le grandi confederazioni sindacali impongano di affidare alla legge il compito di misurare con regole certe il grado di rappresentativit del sindacato. Come giurista sarei portato a sviluppare alcune argomentazioni tecniche, per spiegare le ragioni del mio dissenso. Ma non questa la sede. Da studioso delle relazioni industriali vorrei invece ricordare che un riformista come Marco Biagi ciouno degli estensori di quel Libro Bianco che, si legge nelleditoriale, affrontil tema con miopia ci aveva da tempo ammoniti, sulla scorta di una meticolosa analisi della esperienza di altri Paesi, che «richiamarsi al numero dei voti ottenuti nelle elezioni per affermare la propria rappresentativit una soluzione che ha sempre dato risultati non convincenti () e che non farebbe altro che esasperare le divisioni giprofonde fra le nostre organizzazioni sindacali, destabilizzando ancor di pi il sistema di relazioni industriali nel suo complesso» (M. Biagi, Votare sui contratti esaspera le divisioni, Il Sole-24 Ore del 23 novembre 2001). Accordi separati producono certamente profonde lacerazioni. La storia del nostro Paese dimostra tuttavia che si sono potute gestire e superare situazioni assai pi gravi e dirompenti, senza mettere mano a una legge che, nel misurare la forza del sindacato, lo espone inevitabilmente a possibili ingerenze o forme di controllo da parte dello Stato. Lo stesso articolo 39 richiamato spesso a sproposito, nellattuale dibattito sulla rappresentanza non ha avuto attuazione anche perché incentrato su un modello storico di sindacalismo unitario messo in crisi nei mesi immediatamente successivi alla entrata in vigore della Costituzione. Eppure, nemmeno dopo la rottura del fronte sindacale unitario, con la costituzione prima della Cisl e poi della Uil, il sindacato ha ritenuto di dover appellarsi al legislatore per risolvere conflitti di legittimazione interni alla dialettica sindacale e che solo in essa possono trovare adeguata soluzione. E stato lo stesso sindacato che, con lungimiranza, ha visto nella non

4 attuazione dellarticolo 39 una opportunit per rafforzare il proprio peso nella societ Lopzione dellastensionismo legislativo stata poi confermata dal legislatore, che si sino a oggi opportunamente limitato a recepire gli esiti della libera dialettica sindacale, senza privilegiare aprioristicamente un determinato modello di mediazione e rappresentanza degli interessi dei lavoratori. Ciha consentito di valorizzare appieno il ruolo del sindacato, lasciando che fossero i rapporti di forza tra le parti - e non una determinazione eteronoma dello Stato - a stabilire le linee di sviluppo del sistema di relazioni industriali, vuoi nella forma conflittuale, vuoi nella forma collaborativa e partecipativa. La questione di democrazia, sollevata a mio avviso impropriamente nelleditoriale, tutta qui. E il fondamentale principio di libert di azione sindacale che rende non solo superflua, ma anche dannosa, per una societ complessa come la nostra che aspira ad essere aperta e pluralista, una legge di disciplina eteronoma della rappresentanza sindacale. Solo un sindacato debole o collaterale a un partito politico di governo pusentire il bisogno di meccanismi legislativi volti a sostenerlo con lestensione anche ai non iscritti della efficacia dei contratti collettivi che stipula. Non certo un caso che un sindacato capace di ottenere sul campo il riconoscimento della controparte ha sempre visto con giustificato orgoglio la non attuazione dellarticolo 39, laddove la richiesta di una legge che ne certifichi la forza, oltre a legittimare un possibile intervento del giudice nelle dinamiche delle relazioni industriali, una ammissione della incapacitdi conseguire i propri obiettivi e di misurare, nel libero confronto con le controparti, la propria rappresentativit E non sarallora certo una legge dello Stato a poter risolvere la disputa, propria della attuale dialettica intersindacale, sul ruolo e le funzioni del sindacato in una societdemocratica e pluralista. Soprattutto nei momenti di crisi e lacerazione del confronto politicosindacale, cidi cui non si sente affatto bisogno la prospettiva di una societchiusa, in cui qualcuno, magari con lausilio di una misurazione formalistica della propria rappresentativit dia ad intendere di possedere lunica Verit Chi davvero crede in un progetto democratico e pluralista, ci insegnava Karl Popper, non puinvece che aderire a una concezione aperta della societ una societ che vive e si alimenta anche di conflitti e che nasce dalla libertproprio perché in essa nessuno pupermettersi di assolutizzare, tanto meno con lintervento di una legge o del giudice, le proprie visioni del mondo. commenti venerd15 novembre 2002

5 RAPPRESENTANZA..LE RAGIONI DI UN DISSENSO DI MICHELE TIRABOSCHI «Democrazia sindacale:la legge inutile» Caro Direttore, leggo su il Riformista di gioved7 un editoriale dedicato alla questione delle regole sulla rappresentanza nel nostro sistema di relazioni industriali. Di questo editoriale non condivido non solo lanalisi, ma anche la principale conclusione, e cioche gli accordi separati e lo stato attuale dei rapporti tra le grandi confederazioni sindacali impongano di affidare alla legge il compito di misurare con regole certe il grado di rappresentativit del sindacato. Come giurista sarei portato a sviluppare alcune argomentazioni tecniche, per spiegare le ragioni del mio dissenso. Ma non questa la sede. Da studioso delle relazioni industriali vorrei invece ricordare che un riformista come Marco Biagi ciouno degli estensori di quel Libro Bianco che, si legge nelleditoriale, affrontil tema con miopia ci aveva da tempo ammoniti, sulla scorta di una meticolosa analisi della esperienza di altri Paesi, che «richiamarsi al numero dei voti ottenuti nelle elezioni per affermare la propria rappresentativit una soluzione che ha sempre dato risultati non convincenti () e che non farebbe altro che esasperare le divisioni giprofonde fra le nostre organizzazioni sindacali, destabilizzando ancor di pi il sistema di relazioni industriali nel suo complesso» (M. Biagi, Votare sui contratti esaspera le divisioni, Il Sole-24 Ore del 23 novembre 2001). Accordi separati producono certamente profonde lacerazioni. La storia del nostro Paese dimostra tuttavia che si sono potute gestire e superare situazioni assai pi gravi e dirompenti, senza mettere mano a una legge che, nel misurare la forza del sindacato, lo espone inevitabilmente a possibili ingerenze o forme di controllo da parte dello Stato. Lo stesso articolo 39 richiamato spesso a sproposito, nellattuale dibattito sulla rappresentanza non ha avuto attuazione anche perché incentrato su un modello storico di sindacalismo unitario messo in crisi nei mesi immediatamente successivi alla entrata in vigore della Costituzione. Eppure, nemmeno dopo la rottura del fronte sindacale unitario, con la costituzione prima della Cisl e poi della Uil, il sindacato ha ritenuto di dover appellarsi al legislatore per risolvere conflitti di legittimazione interni alla dialettica sindacale e che solo in essa possono trovare adeguata soluzione. E stato lo stesso sindacato che, con lungimiranza, ha visto nella non attuazione dellarticolo 39 una opportunit per rafforzare il proprio peso nella societ Lopzione dellastensionismo legislativo stata poi confermata dal legislatore, che si sino a oggi opportunamente limitato a recepire gli esiti della libera dialettica sindacale, senza privilegiare aprioristicamente un determinato modello di mediazione e rappresentanza degli interessi dei lavoratori. Ciha

6 consentito di valorizzare appieno il ruolo del sindacato, lasciando che fossero i rapporti di forza tra le parti - e non una determinazione eteronoma dello Stato - a stabilire le linee di sviluppo del sistema di relazioni industriali, vuoi nella forma conflittuale, vuoi nella forma collaborativa e partecipativa. La questione di democrazia, sollevata a mio avviso impropriamente nelleditoriale, tutta qui. E il fondamentale principio di libert di azione sindacale che rende non solo superflua, ma anche dannosa, per una societ complessa come la nostra che aspira ad essere aperta e pluralista, una legge di disciplina eteronoma della rappresentanza sindacale. Solo un sindacato debole o collaterale a un partito politico di governo pusentire il bisogno di meccanismi legislativi volti a sostenerlo con lestensione anche ai non iscritti della efficacia dei contratti collettivi che stipula. Non certo un caso che un sindacato capace di ottenere sul campo il riconoscimento della controparte ha sempre visto con giustificato orgoglio la non attuazione dellarticolo 39, laddove la richiesta di una legge che ne certifichi la forza, oltre a legittimare un possibile intervento del giudice nelle dinamiche delle relazioni industriali, una ammissione della incapacitdi conseguire i propri obiettivi e di misurare, nel libero confronto con le controparti, la propria rappresentativit E non sarallora certo una legge dello Stato a poter risolvere la disputa, propria della attuale dialettica intersindacale, sul ruolo e le funzioni del sindacato in una societdemocratica e pluralista. Soprattutto nei momenti di crisi e lacerazione del confronto politicosindacale, cidi cui non si sente affatto bisogno la prospettiva di una societchiusa, in cui qualcuno, magari con lausilio di una misurazione formalistica della propria rappresentativit dia ad intendere di possedere lunica Verit Chi davvero crede in un progetto democratico e pluralista, ci insegnava Karl Popper, non puinvece che aderire a una concezione aperta della societ una societ che vive e si alimenta anche di conflitti e che nasce dalla libertproprio perché in essa nessuno pupermettersi di assolutizzare, tanto meno con lintervento di una legge o del giudice, le proprie visioni del mondo. commenti venerd15 novembre 2002 RAPPRESENTANZA..LE RAGIONI DI UN DISSENSO DI MICHELE TIRABOSCHI «Democrazia sindacale:la legge inutile» Caro Direttore, leggo su il Riformista di gioved7 un editoriale dedicato alla questione delle regole sulla rappresentanza nel nostro sistema di relazioni industriali. Di questo editoriale non condivido non

7 solo lanalisi, ma anche la principale conclusione, e cioche gli accordi separati e lo stato attuale dei rapporti tra le grandi confederazioni sindacali impongano di affidare alla legge il compito di misurare con regole certe il grado di rappresentativit del sindacato. Come giurista sarei portato a sviluppare alcune argomentazioni tecniche, per spiegare le ragioni del mio dissenso. Ma non questa la sede. Da studioso delle relazioni industriali vorrei invece ricordare che un riformista come Marco Biagi ciouno degli estensori di quel Libro Bianco che, si legge nelleditoriale, affrontil tema con miopia ci aveva da tempo ammoniti, sulla scorta di una meticolosa analisi della esperienza di altri Paesi, che «richiamarsi al numero dei voti ottenuti nelle elezioni per affermare la propria rappresentativit una soluzione che ha sempre dato risultati non convincenti () e che non farebbe altro che esasperare le divisioni giprofonde fra le nostre organizzazioni sindacali, destabilizzando ancor di pi il sistema di relazioni industriali nel suo complesso» (M. Biagi, Votare sui contratti esaspera le divisioni, Il Sole-24 Ore del 23 novembre 2001). Accordi separati producono certamente profonde lacerazioni. La storia del nostro Paese dimostra tuttavia che si sono potute gestire e superare situazioni assai pi gravi e dirompenti, senza mettere mano a una legge che, nel misurare la forza del sindacato, lo espone inevitabilmente a possibili ingerenze o forme di controllo da parte dello Stato. Lo stesso articolo 39 richiamato spesso a sproposito, nellattuale dibattito sulla rappresentanza non ha avuto attuazione anche perché incentrato su un modello storico di sindacalismo unitario messo in crisi nei mesi immediatamente successivi alla entrata in vigore della Costituzione. Eppure, nemmeno dopo la rottura del fronte sindacale unitario, con la costituzione prima della Cisl e poi della Uil, il sindacato ha ritenuto di dover appellarsi al legislatore per risolvere conflitti di legittimazione interni alla dialettica sindacale e che solo in essa possono trovare adeguata soluzione. E stato lo stesso sindacato che, con lungimiranza, ha visto nella non attuazione dellarticolo 39 una opportunit per rafforzare il proprio peso nella societ Lopzione dellastensionismo legislativo stata poi confermata dal legislatore, che si sino a oggi opportunamente limitato a recepire gli esiti della libera dialettica sindacale, senza privilegiare aprioristicamente un determinato modello di mediazione e rappresentanza degli interessi dei lavoratori. Ciha consentito di valorizzare appieno il ruolo del sindacato, lasciando che fossero i rapporti di forza tra le parti - e non una determinazione eteronoma dello Stato - a stabilire le linee di sviluppo del sistema di relazioni industriali, vuoi nella forma conflittuale, vuoi nella forma collaborativa e partecipativa. La questione di democrazia, sollevata a mio avviso impropriamente nelleditoriale,

8 tutta qui. E il fondamentale principio di libert di azione sindacale che rende non solo superflua, ma anche dannosa, per una societ complessa come la nostra che aspira ad essere aperta e pluralista, una legge di disciplina eteronoma della rappresentanza sindacale. Solo un sindacato debole o collaterale a un partito politico di governo pusentire il bisogno di meccanismi legislativi volti a sostenerlo con lestensione anche ai non iscritti della efficacia dei contratti collettivi che stipula. Non certo un caso che un sindacato capace di ottenere sul campo il riconoscimento della controparte ha sempre visto con giustificato orgoglio la non attuazione dellarticolo 39, laddove la richiesta di una legge che ne certifichi la forza, oltre a legittimare un possibile intervento del giudice nelle dinamiche delle relazioni industriali, una ammissione della incapacitdi conseguire i propri obiettivi e di misurare, nel libero confronto con le controparti, la propria rappresentativit E non sarallora certo una legge dello Stato a poter risolvere la disputa, propria della attuale dialettica intersindacale, sul ruolo e le funzioni del sindacato in una societdemocratica e pluralista. Soprattutto nei momenti di crisi e lacerazione del confronto politicosindacale, cidi cui non si sente affatto bisogno la prospettiva di una societchiusa, in cui qualcuno, magari con lausilio di una misurazione formalistica della propria rappresentativit dia ad intendere di possedere lunica Verit Chi davvero crede in un progetto democratico e pluralista, ci insegnava Karl Popper, non puinvece che aderire a una concezione aperta della societ una societ che vive e si alimenta anche di conflitti e che nasce dalla libertproprio perché in essa nessuno pupermettersi di assolutizzare, tanto meno con lintervento di una legge o del giudice, le proprie visioni del mondo. commenti venerd15 novembre 2002 RAPPRESENTANZA..LE RAGIONI DI UN DISSENSO DI MICHELE TIRABOSCHI «Democrazia sindacale:la legge inutile» Caro Direttore, leggo su il Riformista di gioved7 un editoriale dedicato alla questione delle regole sulla rappresentanza nel nostro sistema di relazioni industriali. Di questo editoriale non condivido non solo lanalisi, ma anche la principale conclusione, e cioche gli accordi separati e lo stato attuale dei rapporti tra le grandi confederazioni sindacali impongano di affidare alla legge il compito di misurare con regole certe il grado di rappresentativit del sindacato. Come giurista sarei portato a sviluppare alcune argomentazioni tecniche, per spiegare

9 le ragioni del mio dissenso. Ma non questa la sede. Da studioso delle relazioni industriali vorrei invece ricordare che un riformista come Marco Biagi ciouno degli estensori di quel Libro Bianco che, si legge nelleditoriale, affrontil tema con miopia ci aveva da tempo ammoniti, sulla scorta di una meticolosa analisi della esperienza di altri Paesi, che «richiamarsi al numero dei voti ottenuti nelle elezioni per affermare la propria rappresentativit una soluzione che ha sempre dato risultati non convincenti () e che non farebbe altro che esasperare le divisioni giprofonde fra le nostre organizzazioni sindacali, destabilizzando ancor di pi il sistema di relazioni industriali nel suo complesso» (M. Biagi, Votare sui contratti esaspera le divisioni, Il Sole-24 Ore del 23 novembre 2001). Accordi separati producono certamente profonde lacerazioni. La storia del nostro Paese dimostra tuttavia che si sono potute gestire e superare situazioni assai pi gravi e dirompenti, senza mettere mano a una legge che, nel misurare la forza del sindacato, lo espone inevitabilmente a possibili ingerenze o forme di controllo da parte dello Stato. Lo stesso articolo 39 richiamato spesso a sproposito, nellattuale dibattito sulla rappresentanza non ha avuto attuazione anche perché incentrato su un modello storico di sindacalismo unitario messo in crisi nei mesi immediatamente successivi alla entrata in vigore della Costituzione. Eppure, nemmeno dopo la rottura del fronte sindacale unitario, con la costituzione prima della Cisl e poi della Uil, il sindacato ha ritenuto di dover appellarsi al legislatore per risolvere conflitti di legittimazione interni alla dialettica sindacale e che solo in essa possono trovare adeguata soluzione. E stato lo stesso sindacato che, con lungimiranza, ha visto nella non attuazione dellarticolo 39 una opportunit per rafforzare il proprio peso nella societ Lopzione dellastensionismo legislativo stata poi confermata dal legislatore, che si sino a oggi opportunamente limitato a recepire gli esiti della libera dialettica sindacale, senza privilegiare aprioristicamente un determinato modello di mediazione e rappresentanza degli interessi dei lavoratori. Ciha consentito di valorizzare appieno il ruolo del sindacato, lasciando che fossero i rapporti di forza tra le parti - e non una determinazione eteronoma dello Stato - a stabilire le linee di sviluppo del sistema di relazioni industriali, vuoi nella forma conflittuale, vuoi nella forma collaborativa e partecipativa. La questione di democrazia, sollevata a mio avviso impropriamente nelleditoriale, tutta qui. E il fondamentale principio di libert di azione sindacale che rende non solo superflua, ma anche dannosa, per una societ complessa come la nostra che aspira ad essere aperta e pluralista, una legge di disciplina eteronoma della rappresentanza sindacale. Solo un sindacato debole o collaterale a un partito politico di governo pusentire il bisogno di meccanismi legislativi volti a sostenerlo

10 con lestensione anche ai non iscritti della efficacia dei contratti collettivi che stipula. Non certo un caso che un sindacato capace di ottenere sul campo il riconoscimento della controparte ha sempre visto con giustificato orgoglio la non attuazione dellarticolo 39, laddove la richiesta di una legge che ne certifichi la forza, oltre a legittimare un possibile intervento del giudice nelle dinamiche delle relazioni industriali, una ammissione della incapacitdi conseguire i propri obiettivi e di misurare, nel libero confronto con le controparti, la propria rappresentativit E non sarallora certo una legge dello Stato a poter risolvere la disputa, propria della attuale dialettica intersindacale, sul ruolo e le funzioni del sindacato in una societdemocratica e pluralista. Soprattutto nei momenti di crisi e lacerazione del confronto politicosindacale, cidi cui non si sente affatto bisogno la prospettiva di una societchiusa, in cui qualcuno, magari con lausilio di una misurazione formalistica della propria rappresentativit dia ad intendere di possedere lunica Verit Chi davvero crede in un progetto democratico e pluralista, ci insegnava Karl Popper, non puinvece che aderire a una concezione aperta della societ una societ che vive e si alimenta anche di conflitti e che nasce dalla libertproprio perché in essa nessuno pupermettersi di assolutizzare, tanto meno con lintervento di una legge o del giudice, le proprie visioni del mondo.

NOTE TECNICHE SUL PROGETTO DI

NOTE TECNICHE SUL PROGETTO DI NOTE TECNICHE SUL PROGETTO DI Norme in materia di rappresentatività sindacale, di rappresentanza in azienda ed efficacia del contratto collettivo aziendale Gruppo di lavoro formato dai proff. Bruno Caruso

Dettagli

Legge sindacale: le ragioni del no

Legge sindacale: le ragioni del no Legge sindacale: le ragioni del no di Michele Tiraboschi Una legge sulla rappresentanza sindacale? Se ne parla da oltre sessant anni, in ragione della mancata attuazione dell art. 39 Cost. La recente sentenza

Dettagli

INTERVENTO DELL ON. ELENA CENTEMERO

INTERVENTO DELL ON. ELENA CENTEMERO 1054 INTERVENTO DELL ON. ELENA CENTEMERO Dichiarazione di voto finale sulla mozione recante iniziative in relazione al settantesimo anniversario del voto alle donne 10 marzo 2016 a cura del Gruppo Parlamentare

Dettagli

La rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro: dalle rappresentanze sindacali aziendali (r.s.a.) alle rappresentanze sindacali unitarie (r.s.u.

La rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro: dalle rappresentanze sindacali aziendali (r.s.a.) alle rappresentanze sindacali unitarie (r.s.u. La rappresentanza sindacale nei luoghi di lavoro: dalle rappresentanze sindacali aziendali (r.s.a.) alle rappresentanze sindacali unitarie (r.s.u.) Autore: La Marchesina Dario In: Diritto del lavoro Premessa

Dettagli

DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA

DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA (testo approvato dal Comitato Direttivo della CGIL del 15 gennaio 2011) A. IL PERCORSO 1. definire una griglia di principi e proposte che portano a sintesi una lunga elaborazione

Dettagli

LAVORO E RAPPRESENTANZA. A partire dall esperienza sindacale

LAVORO E RAPPRESENTANZA. A partire dall esperienza sindacale LAVORO E RAPPRESENTANZA A partire dall esperienza sindacale Nota di metodo Le seguenti slides costituiscono una traccia utile al docente in aula nonché agli studenti. Non è necessario quindi seguire le

Dettagli

Misurazione della rappresentatività.

Misurazione della rappresentatività. PROTOCOLLO D INTESA Con la presente intesa le parti intendono dare applicazione all accordo del 28 giugno 2011 in materia di rappresentanza e rappresentatività per la stipula dei Contratti Collettivi Nazionali

Dettagli

Regole, conflitto, partecipazione

Regole, conflitto, partecipazione ISBN 88-14-18128-4 Regole, conflitto, partecipazione Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni industriali Regole, conflitto, partecipazione Letture

Dettagli

CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACATI AUTONOMI LAVORATORI ottobre 2014 E DEI LAVORATORI ITALIANI DAL RIFORMISMO ANNUNCIATO ALLE BUONE RIFORME

CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACATI AUTONOMI LAVORATORI ottobre 2014 E DEI LAVORATORI ITALIANI DAL RIFORMISMO ANNUNCIATO ALLE BUONE RIFORME CONFEDERAZIONE GENERALE SINDACATI AUTONOMI LAVORATORI CONSIGLIO GENERALE CONFSAL 22-23 -24 ottobre 2014 LA LEGITTIMA ASPETTATIVA DEI CITTADINI E DEI LAVORATORI ITALIANI DAL RIFORMISMO ANNUNCIATO ALLE BUONE

Dettagli

Antonio Foccillo La rappresentanza e rappresentatività. Art. 19 legge 300/70

Antonio Foccillo La rappresentanza e rappresentatività. Art. 19 legge 300/70 A12 Antonio Foccillo La rappresentanza e rappresentatività Art. 19 legge 300/70 Copyright MMXIV Aracne editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Quarto Negroni, 15 00040

Dettagli

Comunicazioni sul Memorandum d intesa sul lavoro pubblico. Commissione XI Camera dei Deputati. 21 febbraio 2007, ore 08.30

Comunicazioni sul Memorandum d intesa sul lavoro pubblico. Commissione XI Camera dei Deputati. 21 febbraio 2007, ore 08.30 Comunicazioni sul Memorandum d intesa sul lavoro pubblico Commissione XI Camera dei Deputati 21 febbraio 2007, ore 08.30 Signor Presidente, onorevoli deputati Con il Memorandum d intesa su lavoro pubblico

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE

INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE 1. L articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori e le Rappresentanze Sindacali aziendali

Dettagli

FEDERAZIONE CGIL-CISL-UIL DELLA LOMBARDIA IL SINDACATO COME SOGGETIO DI CONTRA TI AZIONE DEI PROCESSI DI RISTRUTIURAZIONE PRODUTIIVA

FEDERAZIONE CGIL-CISL-UIL DELLA LOMBARDIA IL SINDACATO COME SOGGETIO DI CONTRA TI AZIONE DEI PROCESSI DI RISTRUTIURAZIONE PRODUTIIVA ~,,. I I FEDERAZIONE CGIL-CISL-UIL DELLA LOMBARDIA IL SINDACATO COME SOGGETIO DI CONTRA TI AZIONE DEI PROCESSI DI RISTRUTIURAZIONE PRODUTIIVA Cari nei I Garavi n i I Ghezzi I Greco Liso/Lucchesi/Mammone

Dettagli

Siglato il 9 giugno 2008 l Accordo interconfederale per il recepimento dell Accordo quadro europeo sullo stress lavoro-correlato concluso l 8 ottobre 2004 tra Unice-Ueapme, Ceep e Ces Dopo il recepimento

Dettagli

Il mercato del lavoro in Italia e il ruolo delle Parti Sociali

Il mercato del lavoro in Italia e il ruolo delle Parti Sociali Il mercato del lavoro in Italia e il ruolo delle Parti Sociali Sostenere le persone nel passaggio dai posti di lavoro ai percorsi professionali Città del Messico, 14 ottobre 2009 A cura di Fiorenzo Colombo

Dettagli

Dialogo su. Politica, Lavoro e Sindacato. a cura di Agostino Megale Presidente Ires CGIL

Dialogo su. Politica, Lavoro e Sindacato. a cura di Agostino Megale Presidente Ires CGIL Dialogo su Politica, Lavoro e Sindacato a cura di Agostino Megale Presidente Ires CGIL 27 marzo 2007 Una giornata di studio Impegno assunto nel Direttivo CGIL tre giorni dopo le elezioni Ragionare sui

Dettagli

Le scissioni sindacali e la nascita di CGIL, CISL, UIL

Le scissioni sindacali e la nascita di CGIL, CISL, UIL Le scissioni sindacali e la nascita di CGIL, CISL, UIL Le scissioni Il mutamento del clima internazionale incide in modo determinante: termina l alleanza antifascista e antinazista a livello nazionale

Dettagli

COMUNE DI MONTEPULCIANO Provincia di Siena

COMUNE DI MONTEPULCIANO Provincia di Siena COMUNE DI MONTEPULCIANO Provincia di Siena PRATICA DET - 503-2016 DETERMINAZIONE PERSONALE N 496 del 14-03-2016 OGGETTO: SERVIZIO PERSONALE DETERMINAZIONE DEL CONTINGENTE DEI PERMESSI SINDACALI SPETTANTI

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI TEMPISTICA DELLE PROCEDURE ELETTORALI In data 11 aprile 2011, alle ore

Dettagli

2 settembre A tutti gli economisti agrari italiani. Cari Colleghi,

2 settembre A tutti gli economisti agrari italiani. Cari Colleghi, 2 settembre 2006 A tutti gli economisti agrari italiani Cari Colleghi, il Prof. Gian Paolo Cesaretti - sul caso che mi riguarda e che ha coinvolto il mondo dell economia agraria accademica italiana ha

Dettagli

.. classificazione di tipo storico

.. classificazione di tipo storico caratteri 1. Lo Stato è il Sovrano. 2. Concentrazione del potere. 3. Coincidenza tra patrimonio dello Stato e quello del Sovrano. 1. Lo Stato è il Sovrano. Tutti i sudditi sono sottoposti alle leggi del

Dettagli

Contarsi per contare e per contrattare meglio. Serafino Negrelli Sociologo del lavoro - Università degli Studi di Milano Bicocca

Contarsi per contare e per contrattare meglio. Serafino Negrelli Sociologo del lavoro - Università degli Studi di Milano Bicocca Contarsi per contare e per contrattare meglio Serafino Negrelli Sociologo del lavoro - Università degli Studi di Milano Bicocca L accordo interconfederale sulla rappresentanza del 31 maggio si configura

Dettagli

Evento di Formazione Gruppo ODCEC Area Lavoro

Evento di Formazione Gruppo ODCEC Area Lavoro Le intese aziendali sul lavoro e gli interventi possibili per le parti delegate: i contratti aziendali di secondo livello e la contrattazione di prossimità Evento di Formazione Gruppo ODCEC Area Lavoro

Dettagli

La CGIL STRUTTURA e SISTEMA DI FINANZIAMENTO. a cura del Dipartimento Politiche Organizzative CGIL Lombardia

La CGIL STRUTTURA e SISTEMA DI FINANZIAMENTO. a cura del Dipartimento Politiche Organizzative CGIL Lombardia La CGIL STRUTTURA e SISTEMA DI FINANZIAMENTO a cura del Dipartimento Politiche Organizzative CGIL Lombardia LA STRUTTURA La CGIL nel Territorio CAMERA del LAVORO Territoriale o Metropolitana Categoria

Dettagli

(CGIL CISL UIL CONFINDUSTRIA 10 gennaio 2014)

(CGIL CISL UIL CONFINDUSTRIA 10 gennaio 2014) Testo Unico sulla RAPPRESENTANZA (CGIL CISL UIL CONFINDUSTRIA 10 gennaio 2014) 1 Accordo quadro-riforma degli assetti contrattuali del 22 gennaio 2009 Confindustria -Confederazioni sindacali, CISL e UIL.

Dettagli

L Archivio nazionale dei contratti collettivi di lavoro

L Archivio nazionale dei contratti collettivi di lavoro Ufficio di supporto agli Organi Collegiali L Archivio nazionale dei contratti collettivi di lavoro Presentazione ad uso della visita didattica per alternanza scuola-lavoro degli alunni del liceo scientifico

Dettagli

DOCUMENTO FINALE. VI Conferenza di Organizzazione UILA Aprile 2017

DOCUMENTO FINALE. VI Conferenza di Organizzazione UILA Aprile 2017 DOCUMENTO FINALE VI Conferenza di Organizzazione UILA Aprile 2017 La VI Conferenza di Organizzazione della UILA, riunita a Verona dal 10 al 12 aprile 2017, approva la relazione del Segretario Organizzativo

Dettagli

LANZILLOTTA, SUSTA, GIANNINI, DALLA ZUANNA, DELLA VEDOVA, OLIVERO, ALBERTINI, DI BIAGIO, DI MAGGIO, D ONGHIA, MARAN, MERLONI, ROMANO

LANZILLOTTA, SUSTA, GIANNINI, DALLA ZUANNA, DELLA VEDOVA, OLIVERO, ALBERTINI, DI BIAGIO, DI MAGGIO, D ONGHIA, MARAN, MERLONI, ROMANO Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 993 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ICHINO, LANZILLOTTA, SUSTA, GIANNINI, DALLA ZUANNA, DELLA VEDOVA, OLIVERO, ALBERTINI, DI BIAGIO, DI MAGGIO, D

Dettagli

[Chi ha il 18 e chi no] Ufficio Studi. compreso) sui licenziamenti individuali attive tra i lavoratori dipendenti e pasubordinati del Veneto.

[Chi ha il 18 e chi no] Ufficio Studi. compreso) sui licenziamenti individuali attive tra i lavoratori dipendenti e pasubordinati del Veneto. 2014 Ufficio Studi [Chi ha il 18 e chi no] [Il dibattito sull art.18 sull articolo è aperto 18 è cominciato da quando il (maggio giorno 1970) stesso lo della Statuto sua dei approvazione Lavoratori è da

Dettagli

I MECCANISMI ELETTORALI DEL MATTARELLUM CAPOVOLTO

I MECCANISMI ELETTORALI DEL MATTARELLUM CAPOVOLTO APPENDICE al libro Come finisce una democrazia. I sistemi elettorali dal dopoguerra ad oggi, scritto da Paolo BECCHI e Giuseppe PALMA, edito da Arianna editrice il 22 settembre 2017 (in e-book) https://www.ariannaeditrice.it/prodotti/come-finisce-una-democrazia-pdf

Dettagli

DIMENSIONI E PROCESSI DELLA DEMOCRAZIA

DIMENSIONI E PROCESSI DELLA DEMOCRAZIA DIMENSIONI E PROCESSI DELLA DEMOCRAZIA Democrazia: definizioni sostanziali e procedurali Democrazia come obiettivo sostanziale Si dice democratico un regime che stabilisce delle procedure che assicurino

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 3

PROPOSTA DI LEGGE N. 3 PROPOSTA DI LEGGE N. 3 presentata dai consiglieri Bagatin, Cremaschi, Da Giau, Shaurli, Lauri, Paviotti, Gabrovec, Agnola, Boem, Codega, Edera, Gerolin, Gratton, Gregoris, Liva, Marsilio, Martines, Moretti,

Dettagli

COSA SONO LE R.S.U. - RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE

COSA SONO LE R.S.U. - RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE COSA SONO LE R.S.U. - RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE PREMESSA Questo breve testo non ha la pretesa di spiegare compiutamente il tema, bensì di fornire alcune risposte alle frequenti domande poste dai

Dettagli

Il sindacato SANDRA BURCHI /

Il sindacato SANDRA BURCHI / Anno Accademico 2014-2015 Sociologia del Lavoro Modulo Sociologia del Lavoro 27-02-2015 Il sindacato SANDRA BURCHI / sandra.burchi@sp.unipi.it I poteri del lavoro (Borghi, Dorigatti, 2011) Potere strutturale:

Dettagli

OGGETTO: Nota di chiarimenti in materia di relazioni sindacali.

OGGETTO: Nota di chiarimenti in materia di relazioni sindacali. Roma, 15 febbraio 2002 A tutte le Amministrazioni Loro sedi Prot. 1702 OGGETTO: Nota di chiarimenti in materia di relazioni sindacali. In risposta ai numerosi quesiti, sia telefonici che scritti, pervenuti

Dettagli

della popolazione, del prodotto interno lordo, del gettito fiscale e degli investimenti

della popolazione, del prodotto interno lordo, del gettito fiscale e degli investimenti Documento approvato dalla Direzione provinciale del Partito Democratico di Torino - 1 luglio 2014 Percorso di accompagnamento alla costituente Città Metropolitana Torinese Documento redatto dal Comitato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN CONSULENZA E MANAGEMENT AZIENDALE DIRITTO DEL LAVORO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN CONSULENZA E MANAGEMENT AZIENDALE DIRITTO DEL LAVORO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTÀ DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN CONSULENZA E MANAGEMENT AZIENDALE Tesi di laurea in DIRITTO DEL LAVORO Efficacia soggettiva del contratto collettivo:

Dettagli

1. La violenza basata sul genere nella prospettiva del mondo del lavoro

1. La violenza basata sul genere nella prospettiva del mondo del lavoro Il Lavoro e la violenza sulle donne nei luoghi di lavoro: Le analisi e le proposte di CGIL CISL UIL Roma 27 novembre 2012 Luigi Cal Direttore ILO Roma 1. La violenza basata sul genere nella prospettiva

Dettagli

INDICE SOMMARIO NOZIONE ED ORIGINE DEL DIRITTO SINDACALE

INDICE SOMMARIO NOZIONE ED ORIGINE DEL DIRITTO SINDACALE INDICE SOMMARIO DIRITTO SINDACALE Capitolo Primo NOZIONE ED ORIGINE DEL DIRITTO SINDACALE 1. La nozione di diritto sindacale... Pag. 3 2. L origine del sindacato...» 5 3. L azione sindacale nel periodo

Dettagli

LA NUOVA LOBBYING IN 12 LIBRI. Cosa fare come fare. Recensione di Caterina Nigo LA NUOVA LOBBYING IN 12 LIBRI ROMA 19/10/15

LA NUOVA LOBBYING IN 12 LIBRI. Cosa fare come fare. Recensione di Caterina Nigo LA NUOVA LOBBYING IN 12 LIBRI ROMA 19/10/15 Cosa fare come fare ROMA 19/10/15 Recensione di Caterina Nigo Il libro descrive, attraverso esperienze concrete, i metodi da applicare per permettere la partecipazione pubblica nel momento in cui si deve

Dettagli

Elezioni RLS e lavoratori in somministrazione lavoro.

Elezioni RLS e lavoratori in somministrazione lavoro. Elezioni RLS e lavoratori in somministrazione lavoro. CENTRO STUDI Circolare n.10 del 2016 Pagina 1 Carissimi amici e amiche, Innanzi tutto auguri di un meraviglioso Natale ed uno splendido 2017 a tutti

Dettagli

Contrattazione di secondo livello: contratti integrativi o di prossimità?

Contrattazione di secondo livello: contratti integrativi o di prossimità? Milano, 10 aprile 2017 Contrattazione di secondo livello: contratti integrativi o di prossimità? Presentazione a «Tuttolavoro, Il Sole 24 Ore» Avv. Angelo Zambelli azambelli@grimaldilex.com Accordo Interconfederale

Dettagli

IL REGOLAMENTO INTERNO

IL REGOLAMENTO INTERNO IL REGOLAMENTO INTERNO (art.6 L.03/04/01 n.142) 18 novembre 2014 Fonti normative Introdotto dall art. 6 Legge 3 aprile 2001 n. 142 Modifiche con Legge 14 febbraio 2003 n.30 Ultima proroga art. 23 sexies

Dettagli

Azienda Policlinico di Modena. Elezioni RSU 2012: perché votare FP CGIL

Azienda Policlinico di Modena. Elezioni RSU 2012: perché votare FP CGIL Azienda Policlinico di Modena Elezioni RSU 2012: perché votare FP CGIL Sono stati loro Il Governo Berlusconi dal suo insediamento nel 2008 ha iniziato un attacco frontale al mondo del lavoro; ha bloccato

Dettagli

Programmare i territori del welfare

Programmare i territori del welfare Emanuele Polizzi, Cristina Tajani, Tommaso Vitale Programmare i territori del welfare Attori, meccanismi ed effetti Carocci editore 1 a edizione, ottobre 2013 copyright 2013 by Carocci editore S.p.A.,

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA C. Fisc. P. IVA 00496080243 DETERMINAZIONE N 269 DEL 18/04/2014 Servizio PERSONALE OGGETTO: RIPARTIZIONE MONTE ORE PERMESSI SINDACALI ANNO 2014.

Dettagli

ART. 39 DELLA COSTITUZIONE IV COMMA: DALLE MACERIE DEL SISTEMA CORPORATIVO VERSO UN DIVERSO CONTRATTO ERGA OMNES

ART. 39 DELLA COSTITUZIONE IV COMMA: DALLE MACERIE DEL SISTEMA CORPORATIVO VERSO UN DIVERSO CONTRATTO ERGA OMNES ART. 39 DELLA COSTITUZIONE IV COMMA: DALLE MACERIE DEL SISTEMA CORPORATIVO VERSO UN DIVERSO CONTRATTO ERGA OMNES La mancata attuazione dell art. 39 della Costituzione nei comma di carattere programmatico

Dettagli

SOMMARIO DEL 10 LUGLIO Cgil, Cisl, Uil e Confindustria difendono il carrozzone.. Confederali e Squinzi difendono carrozzone PA

SOMMARIO DEL 10 LUGLIO Cgil, Cisl, Uil e Confindustria difendono il carrozzone.. Confederali e Squinzi difendono carrozzone PA SOMMARIO DEL 10 LUGLIO 2012 La Repubblica Uff.Stampa Fismic Asca MF-Dow Jones Corriere della Sera Il Tempo Il Foglio La Stampa La Repubblica Il Sole 24 Ore QN La Stampa Avvenire Finanza&Mercati Il Sole

Dettagli

Rappresentanza e rappresentatività delle Associazioni di impresa. Associazione Bancaria Italiana

Rappresentanza e rappresentatività delle Associazioni di impresa. Associazione Bancaria Italiana Rappresentanza e rappresentatività delle Associazioni di impresa Associazione Bancaria Italiana 1. La funzione istituzionale dell ABI - Dati sulla membership La funzione istituzionale di ABI, sul versante

Dettagli

La Riforma Costituzionale -II. Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino

La Riforma Costituzionale -II. Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino La Riforma Costituzionale -II Anna Maria Poggi Professore di Diritto Costituzionale Università di Torino Aggiungiamo alcune considerazioni non tecniche: Luoghi comuni Aspetti positivi Aspetti problematici

Dettagli

Diritto di voto al rinnovo delle R.s.u. nei comparti del pubblico impiego: il parere del Consiglio di Stato (Maurizio Danza) *

Diritto di voto al rinnovo delle R.s.u. nei comparti del pubblico impiego: il parere del Consiglio di Stato (Maurizio Danza) * Diritto di voto al rinnovo delle R.s.u. nei comparti del pubblico impiego: il parere del Consiglio di Stato (Maurizio Danza) * Di particolare interesse per tutti i comparti del pubblico impiego il recente

Dettagli

Per forma di Stato si intende il rapporto che intercorre tra i governanti e i governati.

Per forma di Stato si intende il rapporto che intercorre tra i governanti e i governati. Le forme di Stato Per forma di Stato si intende il rapporto che intercorre tra i governanti e i governati. 1. lo Stato assoluto E' la prima forma di Stato in senso moderno e risale al periodo 1400-1600

Dettagli

I punti qualificanti del nuovo accordo riguardano: Misurazione della rappresentatività Peso della rappresentatività; Nuove modalità di voto Rsu;

I punti qualificanti del nuovo accordo riguardano: Misurazione della rappresentatività Peso della rappresentatività; Nuove modalità di voto Rsu; 6 giugno 2013 I punti qualificanti del nuovo accordo riguardano: Misurazione della rappresentatività Peso della rappresentatività; Nuove modalità di voto Rsu; Titolarità negoziale Piattaforme di rinnovo;

Dettagli

Migliorare il welfare per migliorare il paese

Migliorare il welfare per migliorare il paese Migliorare il welfare per migliorare il paese Osservatorio Sociale della Contrattazione Territoriale Rapporto 2016 Ripartire dalla contrattazione sociale di prossimità per un welfare integrato e inclusivo

Dettagli

Provincia di Rovigo VERBALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL UFFICIO RAGIONERIA/PERSONALE

Provincia di Rovigo VERBALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL UFFICIO RAGIONERIA/PERSONALE Bosaro Crespino Guarda Veneta Polesella Provincia di Rovigo VERBALE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL UFFICIO RAGIONERIA/PERSONALE N. 57 /RP Reg. Gen. 2014 OGGETTO: Ripartizione dei permessi sindacali

Dettagli

LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NEL PUBBLICO IMPIEGO

LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NEL PUBBLICO IMPIEGO LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NEL PUBBLICO IMPIEGO Contrattazione collettiva P.I. - Fenomeno relativamente recente (il primo CCNL è stato sottoscritto il 16 maggio 1995 Comparto Ministeri - parte normativa

Dettagli

PROPOSTE PER LA PARTECIPAZIONE E LA DEMOCRAZIA ECONOMICA LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE

PROPOSTE PER LA PARTECIPAZIONE E LA DEMOCRAZIA ECONOMICA LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 PROPOSTE PER LA PARTECIPAZIONE E LA DEMOCRAZIA ECONOMICA LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 Le direttrici di manovra Strumenti di intervento 1. Aggiornare e rendere esigibili i diritti di informazione

Dettagli

ORONZO MAZZOTTA DIRITTO SINDACALE. Seconda edizione G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO

ORONZO MAZZOTTA DIRITTO SINDACALE. Seconda edizione G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO ORONZO MAZZOTTA DIRITTO SINDACALE Seconda edizione G. GIAPPICHELLI EDITORE - TORINO INDICE CAPITOLO I I RAPPORTI COLLETTIVI: LIBERTÀ, ORGANIZZAZIONE, RAPPRESENTANZA Sezione I. La libertà 1. Di cosa si

Dettagli

Il principio costituzionale di libertà sindacale. L organizzazione sindacale è libera (art. 39, comma 1 Cost.)

Il principio costituzionale di libertà sindacale. L organizzazione sindacale è libera (art. 39, comma 1 Cost.) Il principio costituzionale di libertà sindacale L organizzazione sindacale è libera (art. 39, comma 1 Cost.) La libertà sindacale del singolo lavoratore La libertà sindacale positiva La libertà sindacale

Dettagli

Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA

Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA 1. INTRODUZIONE 1. INTRODUZIONE PERCHÉ LE RSU CHI PARTECIPA CHI SI PUÒ CANDIDARE COME SI ELEGGONO IL RUOLO DELLA SCUOLA SONO DIRIGENTI SINDACALI LE NOVITÀ?

Dettagli

È proprio l'eliminazione di questo comma che irrita alcune rappresentanze sindacali.

È proprio l'eliminazione di questo comma che irrita alcune rappresentanze sindacali. OSSERVAZIONI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO SULLA LETTERA DELLE ORGANIZZAZIONI SINDACALI CGIL, CISL E UILPA DEL 10 FEBBRAIO 2016, INDIRIZZATA AL MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI E PER CONOSCENZA AL

Dettagli

Da subito verranno costituiti dei gruppi di lavoro finalizzati a trasferire gli impegni delle Linee guida in una piattaforma organica.

Da subito verranno costituiti dei gruppi di lavoro finalizzati a trasferire gli impegni delle Linee guida in una piattaforma organica. Roma, 13 Settembre 2017 Si è svolto oggi l attivo nazionale di Filt Fit Uilt per discutere delle Linee guida presentate dalle segreterie nazionali per il rinnovo del contratto nazionale del settore marittimo

Dettagli

Chiarimenti di Confindustria sul Protocollo d'intesa del 31 maggio 2013

Chiarimenti di Confindustria sul Protocollo d'intesa del 31 maggio 2013 Chiarimenti di Confindustria sul Protocollo d'intesa del 31 maggio 2013 Misurazione della rappresentatività La misurazione della rappresentatività avviene prendendo a riferimento due dati: il dato associativo

Dettagli

Città di Portogruaro Provincia di Venezia

Città di Portogruaro Provincia di Venezia Prot. n. 0035113 Portogruaro, lì 1 luglio 2008 Alla Ditta Industrie Zignago Santa Margherita S.p.A. Via Ita Marzotto n. 8 30025 Fossalta di Portogruaro (Venezia) Alla Ditta Linificio e Canapificio Nazionale

Dettagli

INDICE IL DIRITTO DEL LAVORO

INDICE IL DIRITTO DEL LAVORO INDICE Prefazione alla prima edizione... Pag. XV Prefazione alla seconda edizione...» XIX Prefazione alla terza edizione...» XXI Prefazione alla quarta edizione...» XXIII Prefazione alla quinta edizione...»

Dettagli

Statuto CISL Scuola e Formazione Federazione Regionale Lombardia

Statuto CISL Scuola e Formazione Federazione Regionale Lombardia Statuto CISL Scuola e Formazione Federazione Regionale Lombardia CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Costituzione 1. E' costituita la Federazione Regionale denominata CISL Scuola e Formazione Lombardia (di

Dettagli

I rapporti tra contratti collettivi di diverso livello nella categoria dei metalmeccanici Giuseppe Santoro Passarelli Università La Sapienza Roma

I rapporti tra contratti collettivi di diverso livello nella categoria dei metalmeccanici Giuseppe Santoro Passarelli Università La Sapienza Roma Atti del Convegno Nazionale NUOVI ASSETTI DELLE FONTI DEL DIRITTO DEL LAVORO eisbn 978-88-6561-005-3, ISBN 978-88-6561-006-0 DOI 10.2423/csdn.cp2011p229 CASPUR-CIBER Publishing, http://caspur-ciberpublishing.it

Dettagli

I PUNTI PRINCIPALI DELLE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULL ITALICUM

I PUNTI PRINCIPALI DELLE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULL ITALICUM 255 I PUNTI PRINCIPALI DELLE MOTIVAZIONI DELLA SENTENZA DELLA CORTE COSTITUZIONALE SULL ITALICUM 10 febbraio 2017 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Il Popolo della Libertà Berlusconi

Dettagli

Pesaro, 7 dicembre Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro

Pesaro, 7 dicembre Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro Pesaro, 7 dicembre 2004 Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA R.S.U. DEL COMUNE DI PESARO I giorni 16, 17 e 18 novembre 2004 i dipendenti del

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 28 GIUGNO 2011 IN MATERIA DI RAPPRESENTANZA ED ESIGIBILITA DELLA CONTRATTAZIONE AZIENDALE - NOTA DI COMMENTO

ACCORDO INTERCONFEDERALE 28 GIUGNO 2011 IN MATERIA DI RAPPRESENTANZA ED ESIGIBILITA DELLA CONTRATTAZIONE AZIENDALE - NOTA DI COMMENTO ACCORDO INTERCONFEDERALE 28 GIUGNO 2011 IN MATERIA DI RAPPRESENTANZA ED ESIGIBILITA DELLA CONTRATTAZIONE AZIENDALE - NOTA DI COMMENTO Martedì 28 giugno Confindustria con la Presidente, Emma Marcegaglia,

Dettagli

Le relazioni sindacali nelle amministrazioni Pubbliche A cura dell Avv.Maurizio Danza

Le relazioni sindacali nelle amministrazioni Pubbliche A cura dell Avv.Maurizio Danza Università Popolare degli Studi Giuridici, Economici e Sindacali Le relazioni sindacali nelle amministrazioni Pubbliche A cura dell Avv.Maurizio Danza Le relazioni sindacali nel quadro della riforma del

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. per i dipendenti da aziende di confezione in serie di prodotti di abbigliamento

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. per i dipendenti da aziende di confezione in serie di prodotti di abbigliamento CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per i dipendenti da aziende di confezione in serie di prodotti di abbigliamento 27 LUGLIO 1995 Art. 7 (Ambiente di lavoro - Rappresentanti per la sicurezza) 1 -

Dettagli

Apprendistato e Formazione interna all azienda: obbligo di Regolamentazione Regionale

Apprendistato e Formazione interna all azienda: obbligo di Regolamentazione Regionale Apprendistato e Formazione interna all azienda: obbligo di Regolamentazione Regionale pubblicato, il 20 maggio 2010, sulla rivista Guida Normativa de Il Sole 24 Ore La Corte Costituzionale ha dichiarato

Dettagli

La parola sovranità va intesa come titolarità riconosciuta e legale del potere di effettuare scelte e di imporle alla comunità di riferimento.

La parola sovranità va intesa come titolarità riconosciuta e legale del potere di effettuare scelte e di imporle alla comunità di riferimento. FORME DI STATO 1/ a DEFINIZIONE - Per forma di STATO si intende l insieme di norme che regolano i rapporti tra i tre elementi costitutivi dello stato, in particolare tra: a) sovranità e territorio b) sovranità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DEL N. 34 del 12/03/2013 OGGETTO: ADESIONE ALLA XVIII GIORNATA

Dettagli

Cos è uno Stato? Copre un TERRITORIO Individua un POPOLO COMUNITA INDIVIDUI (CITTADINI) Esercita una SOVRANITA

Cos è uno Stato? Copre un TERRITORIO Individua un POPOLO COMUNITA INDIVIDUI (CITTADINI) Esercita una SOVRANITA Stato e società Cos è uno Stato? STATO Copre un TERRITORIO Individua un POPOLO COMUNITA INDIVIDUI (CITTADINI) Esercita una SOVRANITA Esercita POTERI E sorretto da ISTITUZIONI POLITICO-SOCIALI Possiede

Dettagli

Conflict management e A.D.R.

Conflict management e A.D.R. Conflict management e A.D.R. Il corso di Conflict management: metodi e tecniche per la gestione e la risoluzione dei conflitti è un percorso formativo di 80 ore, suddiviso in 13 lezioni di 6 ore e dieci

Dettagli

FORME DI PARTECIPAZIONE: MODELLI PARTECIPATIVI NEGLI ORGANISMI SOCIETARI GIORGIO VERRECCHIA

FORME DI PARTECIPAZIONE: MODELLI PARTECIPATIVI NEGLI ORGANISMI SOCIETARI GIORGIO VERRECCHIA FORME DI PARTECIPAZIONE: MODELLI PARTECIPATIVI NEGLI ORGANISMI SOCIETARI GIORGIO VERRECCHIA To.Be.E. EWC Towards a better employee involvement in undertakings: roles and tasks of the main actors in establishing

Dettagli

Elezioni regionali 2015 UMBRIA

Elezioni regionali 2015 UMBRIA Elezioni regionali 2015 UMBRIA Introduzione di Claudio Carnieri Presidente dell Aur 11 giugno 2015 Sala della Partecipazione (Consiglio Regionale dell Umbria) Perugia 1 2 Una avvertenza L analisi elettorale

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 28 DEL 12 Marzo 2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DELL ORGANIGRAMMA DELLA MACROSTRUTTURA DELL ENTE AI SENSI DELL ART. 15 DEL VIGENTE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI Provincia di Milano

COMUNE DI MOTTA VISCONTI Provincia di Milano COMUNE DI MOTTA VISCONTI Provincia di Milano DETERMINAZIONE SETTORE: SEGRETERIA /AA.GG. Registro di Settore n.33 del 07/03/2014 Registro Generale n. 64 del 3/04/2014 OGGETTO: RIPARTIZIONE DEI PERMESSI

Dettagli

diritto sindacale di Gino Giugni Pietro Curzio e Mario Giovanni Garofalo aggiornato da

diritto sindacale di Gino Giugni Pietro Curzio e Mario Giovanni Garofalo aggiornato da diritto sindacale di Gino Giugni aggiornato da Lauralba Bellardi, Pietro Curzio e Mario Giovanni Garofalo CACUCCI EDITORE 2010 proprietà letteraria riservata 2010 Cacucci Editore - Bari Via Nicolai, 39-70122

Dettagli

SINTESI DEL DOCUMENTO

SINTESI DEL DOCUMENTO SINTESI DEL DOCUMENTO 1 Il Comitato di Distretto del Mobile Imbottito, nell attuale scenario di crisi, al fine di contribuire al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro dei dipendenti delle

Dettagli

Segreteria Regionale di Basilicata STATUTO DELLA FEDERAZIONE CISL-MEDICI REGIONE BASILICATA

Segreteria Regionale di Basilicata STATUTO DELLA FEDERAZIONE CISL-MEDICI REGIONE BASILICATA STATUTO DELLA FEDERAZIONE CISL-MEDICI REGIONE BASILICATA 2 ART. 1 Costituzione E costituita la Federazione dei medici della CISL, denominata Federazione CISL-Medici Basilicata con sede a Potenza conseguente

Dettagli

FPS/CISL firmato CISL firmato FAS/CISAL FAS =========

FPS/CISL firmato CISL firmato FAS/CISAL FAS ========= CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO SULL INTERPRETAZIONE AUTENTICA DELL ART. 13 DEL CCNL DEL PERSONALE DEL COMPARTO MINISTERI SOTTOSCRITTO IN DATA 16.2.1999 A seguito del parere favorevole espresso,

Dettagli

Welfare Tour Padova. Andrea Keller - Amministratore Delegato Edenred Italia

Welfare Tour Padova. Andrea Keller - Amministratore Delegato Edenred Italia Welfare Tour 2016 - Padova Andrea Keller - Amministratore Delegato Edenred Italia Agenda Le aree del Welfare Aziendale Un nuovo dialogo con i Lavoratori I benefit più interessanti I nuovi strumenti del

Dettagli

DIRITTO SINDACALE E DIRITTO DEL LAVORO

DIRITTO SINDACALE E DIRITTO DEL LAVORO DIRITTO SINDACALE E DIRITTO DEL LAVORO DIRITTO DEL LAVORO SI DISTINGUE IN: DIRITTO DEL RAPPORTO INDIVIDUALE DEL LAVORO DIRITTO SINDACALE DIRITTO DELLA PREVIDENZA SOCIALE DEFINIZIONE DEL DIRITTO DEL LAVORO:

Dettagli

CORSO PER MEDIATORE CIVILE

CORSO PER MEDIATORE CIVILE Ente di Formazione Accademia Nazionale del Diritto Organismo di Mediazione e Conciliazione Via Filippo Erenia, 12 - Roma CORSO PER MEDIATORE CIVILE Ai sensi dell art. 18 co. 2 lett. F) D.M. 180/2010 pubblicato

Dettagli

Lo scenario europeo secondo l indagine IEA-ICCS 2016 e lo spazio nell ordinamento italiano

Lo scenario europeo secondo l indagine IEA-ICCS 2016 e lo spazio nell ordinamento italiano Bruno Losito, Università Roma Tre Lo scenario europeo secondo l indagine IEA-ICCS 2016 e lo spazio nell ordinamento italiano Un idea di scuola per una società in trasformazione. Il contributo di Cittadinanza

Dettagli

Rassegna del 29/11/2017

Rassegna del 29/11/2017 Rassegna del 29/11/2017 LAVORO 29/11/2017 Corriere della Sera La ripresa non frena la fuga dei giovani Fubini Federico 1 29/11/2017 Foglio Inserto Lettera. L'unica strada per riformare i sindacati è quella

Dettagli

Sistema di Qualità Nazionale e marchi collettivi: per quali prodotti e a quali condizioni?

Sistema di Qualità Nazionale e marchi collettivi: per quali prodotti e a quali condizioni? Sistema di Qualità Nazionale e marchi collettivi: per quali prodotti e a quali condizioni? Prof. Gabriele Canali Dipartimento di Economia Agro-alimentare e SMEA, Alta scuola in economia agroalimentare,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Sindacato Sociale e Lavoro Insieme In sigla SINDACATO SLI

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Sindacato Sociale e Lavoro Insieme In sigla SINDACATO SLI STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Sindacato Sociale e Lavoro Insieme In sigla SINDACATO SLI Art. 1 Costituzione È costituita, con sede in Casalnuovo di Napoli, l Associazione denominata Sindacato Sociale e Lavoro

Dettagli

DATI DI RIFERIMENTO ATTEGGIAMENTI E PERCEZIONI VERSO IL LAVORO

DATI DI RIFERIMENTO ATTEGGIAMENTI E PERCEZIONI VERSO IL LAVORO QUESTIONARIO 1. Anno di nascita 2. Sesso 1. M 2. F DATI DI RIFERIMENTO ATTEGGIAMENTI E PERCEZIONI VERSO IL LAVORO 3. Si ritiene soddisfatta/o della sua attuale condizione lavorativa? (dare UNA SOLA risposta)

Dettagli

Costituzione europea e democrazia pluralista nella globalizzazione

Costituzione europea e democrazia pluralista nella globalizzazione Costituzione europea e democrazia pluralista nella globalizzazione Francisco Balaguer Callejón 1. Quo vadis Europa, Quo vadis Italia? Vorrei, innanzitutto, ringraziare Antonio Cantaro per questo invito.

Dettagli

Alcune importanti leggi e riforme del lavoro. Dallo Statuto dei Lavoratori al Jobs Act

Alcune importanti leggi e riforme del lavoro. Dallo Statuto dei Lavoratori al Jobs Act Alcune importanti leggi e riforme del lavoro Dallo Statuto dei Lavoratori al Jobs Act Soffermiamoci su. La legge n. 300 del 1970, denominata Statuto dei Lavoratori Il decreto legislativo n. 276 del 2003,

Dettagli

DOCUMENTO. OSSERVAZIONI SUL DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DEL GOVERNO SOPPRESSIONE DI ENTI INTERMEDI ovvero ABOLIZIONE DELLE PROVINCE

DOCUMENTO. OSSERVAZIONI SUL DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DEL GOVERNO SOPPRESSIONE DI ENTI INTERMEDI ovvero ABOLIZIONE DELLE PROVINCE DOCUMENTO OSSERVAZIONI SUL DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE DEL GOVERNO SOPPRESSIONE DI ENTI INTERMEDI ovvero ABOLIZIONE DELLE PROVINCE Ordine del Giorno dell Assemblea dei Presidenti di Provincia, dei

Dettagli

FILCTEM -CGIL FEMCA - CISL UILTEC - UIL

FILCTEM -CGIL FEMCA - CISL UILTEC - UIL Prot.: 276 Roma,1 luglio 2015 FILCTEM -CGIL FEMCA - CISL UILTEC - UIL REGOLAMENTO PER IL RINNOVO DEI CONTRATTI COLLETTIVI NAZIONALI DI LAVORO DI CATEGORIA Premessa La contrattazione è elemento strategico

Dettagli

FLESSIBILITA, TUTELE E DIRITTI

FLESSIBILITA, TUTELE E DIRITTI FLESSIBILITA, TUTELE E DIRITTI Fiorenzo Colombo Segretario Generale Femca Cisl Lombardia Convegno La gestione flessibile come sistema: organizzazioni, mestieri, qualità Verona 12 Giugno 2003 12 giugno

Dettagli

Composizione quali-quantitativa ottimale del Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio scpa

Composizione quali-quantitativa ottimale del Consiglio di amministrazione della Banca Popolare di Sondrio scpa Società cooperativa per azioni - fondata nel 1871 Sede sociale e direzione generale: I - 23100 Sondrio So - Piazza Garibaldi 16 Iscritta al Registro delle Imprese di Sondrio al n. 00053810149 Iscritta

Dettagli