INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE"

Transcript

1 INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE 1. L articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori e le Rappresentanze Sindacali aziendali 1.1. Le ragioni della crisi di rappresentatività 1.2. Il modello della maggiore rappresentatività presunta 1.3. L insufficienza di tale modello e la necessità di una doppia legittimazione 2. La risposta fornita dal Protocollo del 23 luglio L Accordo Interconfederale del 20 dicembre 1993: significato e obiettivi 2.2. Il referendum del 1995 e la nuova disciplina delle Rappresentanze Sindacali Aziendali 2.3. I requisiti del sindacato <<maggiormente rappresentativo>> e l incidenza del referendum del 1995 sui requisiti di rappresentatività del sindacato 2.4. Problemi di conciliabilità tra il sistema legale e sistema negoziale: la possibile coesistenza tra RSA e RSU 2.5. RSU e RSA: una difficile transizione 2.6. Relazione finale della Commissione per la verifica del Protocollo del luglio 1993: obiettivi, metodi, criticità 2

2 CAPITOLO II LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE NEL SETTORE PRIVATO 1. Le RSU: natura, costituzione e composizione 1.1. I diritti, i permessi, le libertà sindacali, le tutele e modalità di esercizio 1.2. I diritti di attività sindacale: a) l assemblea Segue. b) il referendum Segue. c) il diritto di affissione e i locali 1.3. I diritti sindacali strumentali: i permessi retribuiti in favore dei componenti delle Rsu 1.4. La tutela del rappresentante sindacale: il licenziamento e il trasferimento 1.5. I poteri delle Rsu 2. Il procedimento elettorale 2.1. Strumenti e garanzie per la corretta gestione della fase elettorale: la posizione del datore di lavoro, il ruolo della Commissione elettorale, il Comitato dei Garanti 2.2. Rapporto tra RSU e sindacato esterno e il rapporto tra le componenti sindacali della RSU 3. Alcuni problemi sulla RSU 3

3 4. Rappresentanza sindacale e contrattazione collettiva a livello aziendale 4.1. Struttura della contrattazione: competenze, durata, e soggetti del livello contrattuale decentrato 4.2. Rsu, azienda e unità produttiva 4.3. Le procedure negoziali, indennità di vacanza contrattuale, clausole di raffreddamento del conflitto 4.4. L efficacia del contratto aziendale stipulato dalla RSU: problemi in tema di efficacia soggettiva 4.5. Efficacia del contratto collettivo aziendale e il principio di maggioranza CAPITOLO III LE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE NEL PUBBLICO IMPIEGO 1. Alle origini dell istituto. Le ragioni della riforma del Pubblico Impiego: l esigenza di selezionare i sindacati rappresentativi 1.1. La privatizzazione del Pubblico Impiego. Rinnovato il quadro normativo resta immutato l assetto della rappresentanza 1.2. Il referendum abrogativo dell art. 47, d.lgs. n. 29 del La rappresentatività sindacale e nuove regole. La seconda privatizzazione 4

4 2. Le RSU al centro del nuovo sistema contrattuale pubblico 2.1. La qualificazione giuridica delle Rappresentanze Unitarie del Personale 2.2. La costituzione della RSU 2.3. Le RSA residuali 2.4. La soglia percentuale e i suoi ambiti di rilevanza. Il declino della maggiore rappresentatività confederale 3. Elezione: presentazione delle liste ed i soggetti legittimati 3.1. La riserva dei posti per la rappresentanza di genere e per le categorie minoritarie 3.2. Il metodo di elezione e i numeri della rappresentanza 3.3. Il procedimento di rilevazione e certificazione dei dati elettorali ed associativi e le modalità di raccolta 3.4. Ipotesi di decadenza e regime di incompatibilità 4. Costituzione di terminali associativi 5. Funzioni e prerogative delle RSU. il quadro legale tra ambiguità e favor nei confronti dell organismo elettivo 5.1. La disciplina negoziale su diritti e prerogative della RSU 5.2. L esercizio congiunto o disgiunto da parte della RSU dei diritti di organizzazione 5.3. I soggetti titolari dei diritti di informazione e partecipazione 5

5 6. Assetto della struttura contrattuale e ruolo della contrattazione di secondo livello 6.1. segue. Autonomia della contrattazione integrativa 6.2. I poteri negoziali della RSU fra legge e contrattazione collettiva 6.3. I livelli di decentramento contrattuale 6.4. Procedure della contrattazione integrativa 6.5. RSU e procedure di stipulazione 6.6. Efficacia soggettiva del contratto integrativo 7. Aran: natura giuridica e struttura 7.1. Competenze 7.2. L Aran nella contrattazione decentrata CAPITOLO IV PROSPETTIVE DI RIFORMA DELLA RAPPRESENTANZA SINDACALE NEL SETTORE PRIVATO 1. La rappresentatività nella Costituzione e nel vecchio testo dell articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori 1.1. Dal pubblico al privato. La ricerca di nuove regole in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale 2. La proposta di legge sulle Rappresentanze Sindacali Unitarie 2.1. Obiettivi della legge e conformità con la Costituzione secondo Gasperoni 6

6 2.2. Rappresentatività e attività sindacale in azienda nel nuovo progetto di legge 2.3. Rappresentatività sindacale e attività negoziale in azienda 2.4. Il progetto Gasperoni e la inadeguatezza del suo coordinamento con il sistema 3. <<Oltre>> o <<contro>> la Costituzione? 4. Perché si è bloccato il d.d.l. Gasperoni alla Camera? 5. Il problema oggi 6. La legge è ancora attuale? BIBLIOGRAFIA NOTA REDAZIONALE La presente tesi si compone di 382 pagine 7

VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI

VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI VADEMECUM PER LE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE TESTO UNICO SULLA RAPPRESENTANZA CGIL CISL UIL E CONFINDUSTRIA - CONFSERVIZI 10 gennaio 2014 10 FEBBRAIO 2014 Il Testo Unico ha come riferimento tre

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale)

Esame delle proposte di legge C.5 ed abb. (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) CAMERA DEI DEPUTATI XI Commissione (Lavoro pubblico e privato) (Disposizioni in materia di rappresentanza e rappresentatività sindacale) 27 novembre 2013 AUDIZIONI ABI 2013 AUDIZIONI ABI - 2013 Le proposte

Dettagli

Vi alleghiamo il materiale che è stato distribuito oggi nel Seminario sulla Rappresentanza e che si compone:

Vi alleghiamo il materiale che è stato distribuito oggi nel Seminario sulla Rappresentanza e che si compone: Data 30 Gennaio 2014 Protocollo: 22/14/PC/cm Servizio: Politiche Industria Contrattazione Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Oggetto: Invio documentazione Seminario sul Testo Unico sulla Rappresentanza.

Dettagli

Commissione Lavoro Senato della Repubblica

Commissione Lavoro Senato della Repubblica Audizione sul Disegno di Legge recante norme sulle rappresentanze sindacali unitarie nei luoghi di lavoro, sulla rappresentatività sindacale e sull efficacia dei contratti collettivi di lavoro Commissione

Dettagli

Capitolo 7 L attività sindacale nei luoghi di lavoro: rappresentanze e diritti sindacali

Capitolo 7 L attività sindacale nei luoghi di lavoro: rappresentanze e diritti sindacali Edizioni Simone - Vol. 10 Compendio di Diritto Sindacale Capitolo 7 L attività sindacale nei luoghi di lavoro: rappresentanze e diritti sindacali Sommario 1. Generalità. - 2. Le rappresentanze sindacali

Dettagli

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza

Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Prime considerazioni sull Accordo 10 gennaio 2014 Testo Unico sulla rappresentanza Il 10 gennaio Confindustria ha sottoscritto con Cgil, Cisl e Uil il Testo Unico sulla rappresentanza. Di seguito alcune

Dettagli

10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale

10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale 10-06-2008 Al via la trattativa per la riforma del sistema contrattuale a cura di MAURO ZANONI In questi giorni, dopo le numerose assemblee sindacali svolte nei luoghi di lavoro, prende avvio la trattativa

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4340 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI DAMIANO, BARETTA, BELLANOVA, BERRETTA, BOCCUZZI, CODURELLI, GNECCHI, MIGLIOLI, RAMPI, SCHIRRU

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE.

ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. ACCORDO INTERCONFEDERALE 20 DICEMBRE 1993 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL, CISL E UIL - COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE. Parte prima Premessa Il presente accordo assume la disciplina generale

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Normal 0 14 CCNL 02.05.2006 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i dipendenti da istituti di vigilanza privata Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. - Premessa Art.

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE

INDICE PARTE PRIMA MODALITÀ DI COSTITUZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE ACCORDO COLLETTIVO QUADRO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE PER IL PERSONALE DEI COMPARTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PER LA DEFINIZIONE DEL RELATIVO REGOLAMENTO ELETTORALE

Dettagli

ARAN NOTA 27 MAGGIO 2004 - PROT. 4260

ARAN NOTA 27 MAGGIO 2004 - PROT. 4260 ARAN NOTA 27 MAGGIO 2004 - PROT. 4260 RACCOLTA DI CHIARIMENTI SULLA COMPOSIZIONE DELLE DELEGAZIONI TRATTANTI NELLA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA E I SOGGETTI TITOLARI DELLE PREROGATIVE SINDACALI (DISTACCHI,

Dettagli

TESTO COORDINATO DELL ACCORDO DI DATA 19.01.98 E DELL INTEGRAZIONE DI DATA 20.11.98 PER L ISTITUZIONE DI UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I

TESTO COORDINATO DELL ACCORDO DI DATA 19.01.98 E DELL INTEGRAZIONE DI DATA 20.11.98 PER L ISTITUZIONE DI UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I TESTO COORDINATO DELL ACCORDO DI DATA 19.01.98 E DELL INTEGRAZIONE DI DATA 20.11.98 PER L ISTITUZIONE DI UN FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DIPENDENTI DEL TERRITORIO DEL TRENTINO-ALTO ADIGE

Dettagli

NOTA SULLE PRINCIPALI QUESTIONI TECNICO GIURIDICHE CONSEGUENTI ALLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CCNL 20 GENNAIO 2008

NOTA SULLE PRINCIPALI QUESTIONI TECNICO GIURIDICHE CONSEGUENTI ALLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CCNL 20 GENNAIO 2008 NOTA SULLE PRINCIPALI QUESTIONI TECNICO GIURIDICHE CONSEGUENTI ALLA CESSAZIONE DEGLI EFFETTI DEL CCNL 20 GENNAIO 2008 Premessa La mancata firma della Fiom del CCNL 15 ottobre 2009 e la nostra comunicazione

Dettagli

Copyright Esselibri S.p.A.

Copyright Esselibri S.p.A. CAPITOLO SECONDO I SINDACATI NELL ORDINAMENTO GIURIDICO VIGENTE SOMMARIO: 1. Il concetto di sindacato. - 2. Il fondamento costituzionale del sindacato. - 3. Segue: Il sistema attuale. - 4. I soci e le

Dettagli

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA. Per l Aran Avv. Guido Fantoni, Presidente f.f..

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA. Per l Aran Avv. Guido Fantoni, Presidente f.f.. ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO NAZIONALE PENSIONE COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLA SCUOLA A seguito del parere favorevole espresso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 7 febbraio

Dettagli

A. RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE (R.S.U.) PREMESSA

A. RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE (R.S.U.) PREMESSA ACCORDO PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E PER LA ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA NELLE SOCIETA FS, RFI, TRENITALIA, FERSERVIZI, ITALFERR E FERROVIE REAL

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE 2010-2012 Roma 30.03.2011

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE 2010-2012 Roma 30.03.2011 CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO DEI DIPENDENTI DI POSTE ITALIANE 2010-2012 Roma 30.03.2011 Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane SpA. 2010 2012.

Dettagli

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE

IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE IL DISEGNO DI LEGGE DI RIFORMA DELLA PARTE SECONDA DELLA COSTITUZIONE APPROVATO IN SEDE REFERENTE DALLA 1 a COMMISSIONE DEL SENATO NELLA SEDUTA DEL 10 LUGLIO 2014 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI

Dettagli

Nuovo CCNL della Mobilità. e CCNL delle Attività Ferroviarie. del. maggio 2012 (BOZZA DEL 27 MAGGIO 2012)

Nuovo CCNL della Mobilità. e CCNL delle Attività Ferroviarie. del. maggio 2012 (BOZZA DEL 27 MAGGIO 2012) Nuovo CCNL della Mobilità e CCNL delle Attività Ferroviarie del. maggio 2012 (BOZZA DEL 27 MAGGIO 2012) PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il Protocollo d'intesa 30 aprile - 14 maggio

Dettagli

Allegati: lettera CGIL e Linee guida per la revisione dell accordo 1996 relativo ai RLS

Allegati: lettera CGIL e Linee guida per la revisione dell accordo 1996 relativo ai RLS Protocollo n. 202/U Roma, 31 luglio 2001 Alle segreterie regionali Alle segreterie comprensoriali Oggetto: RLS: Revisione Accordo Quadro Care compagne e cari compagni, siamo finalmente in condizione di

Dettagli

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo

Indice. Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo Indice Presentazione p. 7 Una grande prova di democrazia di Domenico Pantaleo PARTE PRIMA - La RSU 11 Capitolo I Che cosa è la RSu 13 Capitolo II Come lavora la RSu 18 Capitolo III - Il negoziato: tempi

Dettagli

Uil - Pubblica Amministrazione

Uil - Pubblica Amministrazione Uil - Pubblica Amministrazione Le RSU Elezioni 2007 Guida alle elezioni ed all incarico di componente delle rappresentanze sindacali unitarie nella Pubblica Amministrazione Presentazione: Salvatore Bosco,

Dettagli

DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI AZIENDALI

DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI AZIENDALI DIRITTO DEL LAVORO E RELAZIONI SINDACALI AZIENDALI Roma, Febbraio Marzo 2014 Centro Congressi Cavour Via Cavour 50/a Orario: 9.15-17.15 MODULI 1 MODULO Il rapporto di lavoro individuale 12 13 Febbraio

Dettagli

(Professore presso la Università degli Studi di Napoli «Federico II»)

(Professore presso la Università degli Studi di Napoli «Federico II») Italia Giuseppe Ferraro (Professore presso la Università degli Studi di Napoli «Federico II») 1. Quadro generale 1.1 Modalità di attuazione della normativa internazionale nel diritto interno 1.2 La formazione

Dettagli

CGIL CISL UIL LOMBARDIA

CGIL CISL UIL LOMBARDIA CGIL CISL UIL LOMBARDIA GUIDA APPLICATIVA ALL'ACCORDO DEL 22 GIUGNO 1995 TRA CONFINDUSTRIA E CGIL-CISL-UIL, RELATIVO AL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA - DECRETO LEGISLATIVO 19 SETTEMBRE

Dettagli

PARTECIPARE PER TUTELARE I LAVORATORI

PARTECIPARE PER TUTELARE I LAVORATORI Non possiamo insegnare direttamente a qualcuno, possiamo solo facilitare il suo apprendimento (Rogers C. 1961) PARTECIPARE PER TUTELARE I LAVORATORI Progetto di Sante Giannoccaro segretario generale UILPA

Dettagli

MANUALE PER LE R.S.U. E LE R.L.S. DELLA UIL POST DI VERONA

MANUALE PER LE R.S.U. E LE R.L.S. DELLA UIL POST DI VERONA INDICE PARTE PRIMA Tutto sulle RSU. pag. 3 - Le fonti delle RSU.... pag. 4 - Cosa è la RSU.. pag. 4 - Natura della RSU.... pag. 4 - Dove si può costituire.. pag. 5 - Iniziativa per la costituzione... pag.

Dettagli

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil

Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Documento sulle politiche contrattuali Presentato da Gianni Rinaldini, segretario generale Fiom-Cgil Cervia 16 Maggio 2008 UNA NUOVA FASE DI CONTRATTAZIONE La contrattazione collettiva di tutti gli aspetti

Dettagli

1.2. Le parti opereranno una prima verifica alla scadenza di 6 mesi dalla firma, mentre quelle successive avverranno a richiesta di una delle parti.

1.2. Le parti opereranno una prima verifica alla scadenza di 6 mesi dalla firma, mentre quelle successive avverranno a richiesta di una delle parti. PROTOCOLLO D INTESA TRA AGCI, CCI, LEGACOOP E CGIL, CISL, UIL PER L APPLICAZIONE DEL D.LGS. 19.9.94 N. 626 (CONCERNENTE IL MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI SUL LUOGO DI LAVORO)

Dettagli

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue.

IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. IL Ministro per la pubblica amministrazione e l innovazione, Le Regioni, le Province e i Comuni, le Organizzazioni sindacali, concordano quanto segue. La pubblica amministrazione è stata oggetto negli

Dettagli

Vediamo nel dettaglio quali sono questi vantaggi. Ogni aderente può:

Vediamo nel dettaglio quali sono questi vantaggi. Ogni aderente può: La previdenza complementare è un valido aiuto per mantenere, una volta in pensione, un tenore di vita simile a quello che si aveva durante l attività lavorativa. Tutti i dipendenti, con minore o maggiore

Dettagli

Il personale dei piccoli comuni e lo sviluppo delle gestioni associate obbligatorie

Il personale dei piccoli comuni e lo sviluppo delle gestioni associate obbligatorie e lo sviluppo delle gestioni associate obbligatorie Avv. Giuseppe Ragadali - Come operano i limiti di spesa del personale nelle gestioni associate -Forme di impiego del personale nelle gestioni associate

Dettagli

C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a.

C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a. C.C.N.L. 14-04-2011 Contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti del gruppo Poste italiane S.p.a. Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula Testo del C.C.N.L. Sfera di applicazione

Dettagli

LE RELAZIONI SINDACALI IN SEDE DECENTRATA

LE RELAZIONI SINDACALI IN SEDE DECENTRATA Istituto Nazionale Previdenza Sociale LE RELAZIONI SINDACALI IN SEDE DECENTRATA I Soggetti, la Contrattazione e le altre forme di partecipazione A cura della Direzione Centrale Sviluppo e Gestione Risorse

Dettagli

Agli eletti nelle RSU ************** SOMMARIO:

Agli eletti nelle RSU ************** SOMMARIO: Questo Vademecum è stato realizzato nel gennaio 2002 a cura della Federazione Territoriale Pubblico Impiego della RdB Sardegna (utilizzando materiale di RdB-PARASTATO-ACI), e rielaborato per le elezioni

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 527

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 527 Senato della Repubblica Fascicolo Iter DDL S. 527 Disposizioni per semplificare la sottoscrizione delle liste elettorali, delle candidature e delle richieste di referendum mediante l'impiego della posta

Dettagli

Un arancia meccanica: l accordo separato Fiat - Mirafiori e le rappresentanze nei luoghi di lavoro. Quali prospettive?

Un arancia meccanica: l accordo separato Fiat - Mirafiori e le rappresentanze nei luoghi di lavoro. Quali prospettive? Un arancia meccanica: l accordo separato Fiat - Mirafiori e le rappresentanze nei luoghi di lavoro. Quali prospettive? di Stefania Scarponi Sommario: 1. Un arancia meccanica. - 2. Il diritto a costituire

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE FONDO PENSIONE AGRIFONDO Fondo Pensione Complementare a capitalizzazione per gli Operai agricoli e florovivaisti e per i Quadri e gli Impiegati agricoli Iscritto al n. 157 dell Albo Fondi Pensione I Sezione

Dettagli

STATUTO DEI LAVORATORI

STATUTO DEI LAVORATORI Rif.: Modulo preliminare 1 Lo Statuto dei Lavoratori STATUTO DEI LAVORATORI Legge 20 Maggio 1970, n. 300 63/S IL NOSTRO PERCORSO: Le premesse storiche, economiche e sociali Il percorso politico dello Statuto

Dettagli

NUOVO CCNL DELLA MOBILITA. 3. disciplina del sistema delle relazioni industriali e diritti sindacali;

NUOVO CCNL DELLA MOBILITA. 3. disciplina del sistema delle relazioni industriali e diritti sindacali; NUOVO CCNL DELLA MOBILITA PREMESSA Le parti, visto il Protocollo d'intesa 30 aprile - 14 maggio 2009 sul CCNL della Mobilità, che s'intende richiamato in ogni sua parte, con riferimento alla lettera C

Dettagli

Piattaforma per il rinnovo del CCNL VETRO LAMPADE E DISPLAY INDUSTRIA 1 settembre 2013 31 agosto 2016

Piattaforma per il rinnovo del CCNL VETRO LAMPADE E DISPLAY INDUSTRIA 1 settembre 2013 31 agosto 2016 Piattaforma per il rinnovo del CCNL VETRO LAMPADE E DISPLAY INDUSTRIA 1 settembre 2013 31 agosto 2016 Le organizzazioni sindacali Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil unitamente intendono, sulla base della

Dettagli

Confronto tra il CCNL dei metalmeccanici e il Contratto Fiat

Confronto tra il CCNL dei metalmeccanici e il Contratto Fiat Confronto tra il CCNL dei metalmeccanici e il Contratto Fiat IL contratto Fiat entra in vigore 1-1-2012 e varrà fino al 31-12-2012. Si intenderà rinnovato se non disdetto tre mesi prima. Sarà applicato

Dettagli

ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL. Parte prima

ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL. Parte prima ACCORDO INTERCONFEDERALE 22 giugno 1995 il rappresentante per la sicurezza tra CONFINDUSTRIA e CGIL, CISL e UIL Parte prima 1. Il rappresentante per la sicurezza L'art. 18 - il cui comma 1 contiene l'enunciazione

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI

PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI PROTOCOLLO PER LA DEFINIZIONE DEL CALENDARIO DELLE VOTAZIONI PER IL RINNOVO DELLE RAPPRESENTANZE UNITARIE DEL PERSONALE DEI COMPARTI TEMPISTICA DELLE PROCEDURE ELETTORALI In data 28 ottobre 2014, alle

Dettagli

Coordinamento Nazionale Ricercatori Precari

Coordinamento Nazionale Ricercatori Precari Newsletter Maggio 2012 Coordinamento Nazionale Ricercatori Precari CSA DELLA CISAL UNIVERSITÀ EDERAZIONE LE AUTONOMO DELLA CONF (COORDINAMENTO SINDACA MI DEI LAVORATORI SETTORE ITALIANA SINDACATI AUTONO

Dettagli

Organismo Integrato per la Formazione Avanzata MASTER DI ALTA FORMAZIONE MANAGERIALE IN GESTIONE, SVILUPPO ED AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE

Organismo Integrato per la Formazione Avanzata MASTER DI ALTA FORMAZIONE MANAGERIALE IN GESTIONE, SVILUPPO ED AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER DI ALTA FORMAZIONE MANAGERIALE IN GESTIONE, SVILUPPO ED AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE PIANO DELLE MATERIE DI STUDIO E PROSPETTO DELLE ATTIVITA DI VERIFICA FINALE NOME E COGNOME DEL/LA PARTECIPANTE

Dettagli

PROPOSTA SULLA RSU SCUOLA DELL ISITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI

PROPOSTA SULLA RSU SCUOLA DELL ISITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI PROPOSTA SULLA RSU SCUOLA DELL ISITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEONARDO DA VINCI Gruppo di Lavoro formato da Stefano Fusi (cobas), Giuseppe Cazzato (cobas), Daniele Leoni (cisl), Giovanni Giuliani

Dettagli

30-12-2014. Supplemento straordinario n. 16 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 301

30-12-2014. Supplemento straordinario n. 16 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 301 964 965 966 967 968 969 { [ ]} = { [ ]} = 970 . 971 972 . 973 [2 x soglia massima x ( Costo del venduto e per la produzione di servizi (2 x soglia massima + 365) Rimanenzefinali) - ( Esistenzeiniziali

Dettagli

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34

UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 UNIONE ITALIANA DEL LAVORO SEDE NAZIONALE SEDE EUROPEA SEGRETERIA CONFEDERALE 00187 ROMA VIA LUCULLO 6 R. DU GOVERNEMENT PROVISOIRE 34 TELEFONO 47531 1000 BRUXELLES TELEX 622425 TELEFONO 00322 / 2178838

Dettagli

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI. delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone,

ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI. delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone, ACCORDO PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE NAZIONALE PER I LAVORATORI delle aziende esercenti l industria della Carta e del Cartone, delle aziende Grafiche ed Affini e delle aziende Editoriali In data

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo STRADA COMUNALE PANTANO, SNC 85010 PIGNOLA (PZ) Telefono 0971/420857 Fax E-mail Nazionalità francesca.milione@regione.basilicata.it

Dettagli

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione centrale per le risorse umane Ufficio relazioni sindacali URGENTE

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione centrale per le risorse umane Ufficio relazioni sindacali URGENTE Direzione centrale per le risorse umane Ufficio relazioni sindacali URGENTE Prot. OM. 7738/6210 Roma, 16 settembre 2004 - AI SIGG. DIRIGENTI DELLE DIREZIONI INTERREGIONALI DELLA POLIZIA DI STATO - AI SIGG.

Dettagli

I diritti sindacali e tutela giudiziale della condotta antisindacale

I diritti sindacali e tutela giudiziale della condotta antisindacale I diritti sindacali e tutela giudiziale della condotta antisindacale Lezione di ripasso e approfondimento Corso Diritto del Lavoro Prof. Tursi dott. Claudia Ogriseg - Università degli Studi di Milano Indice

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL SEGRETERIE NAZIONALI Corso Trieste, 36-00198 - Roma - Tel. +39 06 852621 IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL FEDERMECCANICA-ASSISTAL definita dalle Segreterie nazionali Fim, Fiom, Uilm il 12

Dettagli

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi

Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA. CONFSAL-SALFi Per essere protagonisti del nostro FUTURO!!! VOTA E FAI VOTARE LA LISTA CONFSAL-SALFi RSU: Un po di teoria.. RSU è l acronimo di Rappresentanza Sindacale Unitaria. È un organismo sindacale che esiste in

Dettagli

Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare

Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare Caratteristiche funzionamento finanziamento e garanzie, dei fondi di previdenza complementare 1 I destinatari Lavoratori dipendenti, privati e pubblici Quadri Lavoratori autonomi Liberi professionisti

Dettagli

a cura dell Ufficio Confederale RSU/RSA dell Unione Generale del Lavoro

a cura dell Ufficio Confederale RSU/RSA dell Unione Generale del Lavoro a cura dell Ufficio Confederale RSU/RSA dell Unione Generale del Lavoro 1 Indice Tempistica delle procedure elettorali...3 Tempistica dettagliata e adempimenti....4 ACCORDO COLLETTIVO QUADRO PER LA COSTITUZIONE

Dettagli

Maria Vittoria Ballestrero DIRITTO SINDACALE. Quarta edizione aggiornata. Aggiornamento. G. Giappichelli Editore Torino

Maria Vittoria Ballestrero DIRITTO SINDACALE. Quarta edizione aggiornata. Aggiornamento. G. Giappichelli Editore Torino Maria Vittoria Ballestrero DIRITTO SINDACALE Quarta edizione aggiornata Aggiornamento G. Giappichelli Editore Torino 2 Nelle pagine che seguono, l Autore ha proceduto alla revisione delle parti del testo

Dettagli

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare

Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare In data 29 gennaio 2000 Allegato O C.C.N.L. Accordo attuativo sulla previdenza complementare ANCE FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA - CGIL tra e quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente

Dettagli

Nei prossimi giorni verranno inviati alle Strutture in indirizzo, gli Inviti Omaggio per ottenere i biglietti di ingresso gratuiti per la Fiera.

Nei prossimi giorni verranno inviati alle Strutture in indirizzo, gli Inviti Omaggio per ottenere i biglietti di ingresso gratuiti per la Fiera. Data 25 Settembre 2014 Protocollo: 261/14/ML/cm Servizio: Politiche Industria Contrattazione Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Oggetto: Inviti Fiera Ambiente e Lavoro Bologna 23 ottobre 2014

Dettagli

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE

FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE FONDAPI - FONDO NAZIONALE PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER I LAVORATORI DELLE PICCOLE E MEDIE AZIENDE REGOLAMENTO ELETTORALE PARTE I Elezione dei delegati in rappresentanza dei lavoratori per la costituzione

Dettagli

1. Profili generali dell idealtipo subordinato a tempo indeterminato. L art.2094c.c... 23

1. Profili generali dell idealtipo subordinato a tempo indeterminato. L art.2094c.c... 23 xi Presentazione... vii INTRODUZIONE IL DIRITTODEL LAVOROEDELLAPREVIDENZA COME SCIENZA GIURIDICA AUTONOMA 1. Rivoluzioneindustrialeedirittodeiborghesi... 3 1.1. La prima disciplina civilistica e la difesa

Dettagli

Gilda degli Insegnanti di Bologna

Gilda degli Insegnanti di Bologna Piccolo manuale sui compiti della Commissione elettorale a cura di Enzo Gallo membro del comitato dei garanti per la Federazione Gilda Unams DESIGNAZIONE: compete esclusivamente alle organizzazioni sindacali

Dettagli

ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO

ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO Page 1 of 8 ACCORDO RELATIVO AI LAVORATORI DIPENDENTI PER L ISTITUZIONE DEL FONDO PENSIONE DEI LAVORATORI, SOCI E DIPENDENTI, DELLE COOPERATIVE DI LAVORO Addì 6 maggio 1998, in Roma LEGA NAZIONALE DELLE

Dettagli

I MODELLI ORGANIZZATIVI PREVISTI DAL D.lgs. 231/2001 IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORATORE

I MODELLI ORGANIZZATIVI PREVISTI DAL D.lgs. 231/2001 IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORATORE I MODELLI ORGANIZZATIVI PREVISTI DAL D.lgs. /00 IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORATORE I Modelli organizzativi : Cosa sono, come si realizzano Bologna, 0 giugno 0 DI COSA SI COMPONE UN MODELLO

Dettagli

Rappresentanza dei lavoratori e contrattazione collettiva oggi

Rappresentanza dei lavoratori e contrattazione collettiva oggi Rappresentanza dei lavoratori e contrattazione collettiva oggi 1 Vincenzo Bavaro (Università di Bari) Che il sistema contrattuale delineato nel 1993 col Protocollo sulla politica dei redditi mostrasse

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane SpA

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane SpA Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per il personale non dirigente di Poste Italiane SpA INDICE PARTI STIPULANTI DICHIARAZIONE PROGRAMMATICA CONGIUNTA DICHIARAZIONE A VERBALE PREMESSA CAPITOLO I DISCIPLINA

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

PREROGATIVE SINDACALI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO

PREROGATIVE SINDACALI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica TESTI E DOCUMENTI PREROGATIVE SINDACALI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO A cura dell'ufficio Relazioni Sindacali - Servizio per la rappresentatività

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

A.Ra.N. Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche amministrazioni

A.Ra.N. Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche amministrazioni Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle pubbliche amministrazioni Guida all accesso all Area Riservata alle Pubbliche Amministrazioni e agli Enti VERSIONE 1.0 DEL 25 AGOSTO 2011 Sommario 1. Premessa.

Dettagli

II CONGRESSO FILCTEM CGIL LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA CATEGORIA

II CONGRESSO FILCTEM CGIL LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA CATEGORIA II CONGRESSO FILCTEM CGIL LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE NELLA CATEGORIA Perugia 8-9-10 Aprile 2014 ELEZIONI 2012 2013 Rinnovo Assemblee dei Fondi Pensione Fondo Voti Filctem Cgil Rappresentanti lavoratori

Dettagli

Dipartimento della Funzione Pubblica TESTI E DOCUMENTI

Dipartimento della Funzione Pubblica TESTI E DOCUMENTI Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Funzione Pubblica TESTI E DOCUMENTI PREROGATIVE SINDACALI E NORMATIVA DI RIFERIMENTO A cura dell Ufficio Relazioni Sindacali - Servizio per la rappresentatività

Dettagli

Accordo per l istituzione del Fondo Nazionale di Pensione Complementare

Accordo per l istituzione del Fondo Nazionale di Pensione Complementare Accordo per l istituzione del Fondo Nazionale di Pensione Complementare per i lavoratori dei comparti delle Regioni e delle Autonomie Locali e del Servizio Sanitario Nazionale Il giorno 14 maggio 2007,

Dettagli

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare

Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Documento delle parti sociali sullo schema di provvedimento di attuazione della riforma della previdenza complementare Premessa Lo schema del provvedimento approvato dal Consiglio dei Ministri il 1 luglio

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Sezione prima TEMI GENERALI E FONTI CAPITOLO I DIRITTO DEL LAVORO E DINTORNI

INDICE INTRODUZIONE. Sezione prima TEMI GENERALI E FONTI CAPITOLO I DIRITTO DEL LAVORO E DINTORNI INTRODUZIONE 1. Diritto e vita... 1 2. Fra metodo e filosofia... 4 3. Dal testo alla cosa... 6 4. Dalla cosa al testo: il linguaggio... 9 5. Alla ricerca della ratio: per un interpretazione bifocale...

Dettagli

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI

ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO AGLI ORGANI DI PREVEDI 1) Indizione delle elezioni Almeno 5 mesi prima della scadenza del mandato dei componenti l Assemblea dei delegati, il Consiglio

Dettagli

CIRCOLARE n. 15 / 2014 DETASSAZIONE RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA ANNO 2014

CIRCOLARE n. 15 / 2014 DETASSAZIONE RETRIBUZIONE DI PRODUTTIVITA ANNO 2014 Terrazzini & partners consulenti del lavoro p.i./c.f. 05505810969 www.terrazzini.it Via Campanini n.6 20124 Milano Via Marsala n.29 26900 Lodi Via De Amicis n.10 27029 Vigevano t. +39 02 6773361 f. +39

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. per la Formazione Professionale

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. per la Formazione Professionale Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per la Formazione Professionale 1 gennaio 2007 31 dicembre 2010 INDICE Pag. Protocollo di Intesa Politica del 6 giugno 2006 3 PARTE PRIMA Capitolo I: RELAZIONI

Dettagli

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Quadri e gli Impiegati delle Aziende del Gruppo Sviluppo Italia

Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Quadri e gli Impiegati delle Aziende del Gruppo Sviluppo Italia Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per i Quadri e gli Impiegati delle Aziende del Gruppo Sviluppo Italia Roma, 5 aprile 2006 INDICE Articolo 1 - Campo di applicazione... 4 Articolo 2 - Inscindibilità

Dettagli

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL

tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL Roma, 7 Novembre 2001 tra ANIEM - ASSOCIAZIONE NAZIONALE IMPRESE EDILI e FeNEAL-UIL FILCA-CISL FILLEA-CGIL quali Parti unitariamente intese come Parti istitutive rispettivamente per le imprese e per i

Dettagli

RACCOLTA SISTEMATICA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI

RACCOLTA SISTEMATICA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI RACCOLTA SISTEMATICA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Comparto Regioni ed Autonomie locali Personale non dirigente Settembre 2012 INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 6 PARTE PRIMA... 8 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Appalti pubblici e call center: cosa cambia con la nuova legge delega approvata dal Parlamento il 14 gennaio 2016

Appalti pubblici e call center: cosa cambia con la nuova legge delega approvata dal Parlamento il 14 gennaio 2016 Appalti pubblici e call center: cosa cambia con la nuova legge delega approvata dal Parlamento il 14 gennaio 2016 Riforma degli appalti pubblici I decreti legislativi del Governo: entro il 18 aprile 2016

Dettagli

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione

La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La disciplina comunitaria degli appalti pubblici. L attuazione La direttiva: obiettivi e strategie. Appalti e concorrenza Semplificazioni e rafforzamento della disciplina Modernizzazione: appalti e nuove

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE R.S.U./R.L.S. Gruppo A2A Premessa Il presente regolamento è riferito alle elezioni RSU/RLS del Gruppo A2A (perimetro ex-aem) sulla base delle previsioni dell accordo sottoscritto

Dettagli

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO

Prot. N. 931 /E7 Volterra, 14 aprile 2014 INTESA CONTRATTO INTEGRATIVO D ISTITUTO ISTITUTO d ISTRUZIONE SUPERIORE GIOSUÈ CARDUCCI LICEO CLASSICO, SCIENTIFICO, SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO V.le Trento e Trieste n 26-56048 - Volterra (PI) - tel. 0588 86055 - fax 0588 90203 ISTITUTO STATALE

Dettagli

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori

tra quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori FEDERLEGNO-ARREDO UNITAL 1 FENEAL UIL FILCA CISL FILLEA CGIL tra e quali parti unitariamente intese quali fonti istitutive rispettivamente per le imprese e per i lavoratori vista la legge 8 Agosto 1995

Dettagli

I lavori del Convegno saranno chiusi dal Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo.

I lavori del Convegno saranno chiusi dal Segretario Generale della UIL Carmelo Barbagallo. Data 30 Gennaio 2015 Protocollo: 31/15/PC/cm Servizio: Sviluppo Sostenibile Salute e Sicurezza Bilateralità Cooperazione Oggetto: Convegno Nazionale CGIL CISL UIL sugli Appalti Pubblici. Roma 10 febbraio

Dettagli

IPSOA GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER. Bologna, dal 23 ottobre al 27 novembre 2015 EDIZIONE

IPSOA GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI MASTER. Bologna, dal 23 ottobre al 27 novembre 2015 EDIZIONE IPSOA MASTER GESTIONE DEI CONFLITTI AZIENDALI E DELLE RELAZIONI SINDACALI Bologna, dal 23 ottobre al 27 novembre 2015 V EDIZIONE www.formazione.ipsoa.it LA SCUOLA DI FORMAZIONE IPSOA La Scuola di Formazione

Dettagli

la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. Ponti

la Deutsche Bank S.p.A. (in seguito la Banca ) rappresentata dai Sigg. P. P. Cellerino, F. Zambruno, P. R. Ferrarini e F. Ponti ACCORDO SINDACALE AZIENDALE IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER LA DEFINIZIONE DI PROPOSTE DI MODIFICHE STATUTARIE DI ADEGUAMENTO AL DECRETO LEGISLATIVO 5 DICEMBRE 2005 N. 252 In Milano, in data

Dettagli

RACCOLTA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI

RACCOLTA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI RACCOLTA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Comparto Università Personale non dirigente Giugno 2013 INDICE INDICE... 1 INTRODUZIONE... 6 Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del

Dettagli

Intesa SanPaolo PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEI FONDI DI PREVIDENZA DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

Intesa SanPaolo PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEI FONDI DI PREVIDENZA DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DEI FONDI DI PREVIDENZA DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO INCONTRO CON LE ORGANIZZAZIONI SINDACALI DEL 14 FEBBRAIO 2013 Intesa SanPaolo 1 Il sistema Welfare di Intesa Sanpaolo Previdenza

Dettagli

ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E PER LA ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E PER LA ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA ACCORDO PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E PER LA ELEZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Fra Ntv S.p.A. rappresentata da: e Filt Cgil rappresentata da: Fit

Dettagli

RSU RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE VADEMECUM PER LE RSU

RSU RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE VADEMECUM PER LE RSU RSU RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE VADEMECUM PER LE RSU Contenente il TESTO DELL ACCORDO INTERCONFEDERALE 20-12-1993 REGOLANTE LA MATERIA, con inserimento di Consigli, Commenti, Proposte, Fac-simile

Dettagli

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi

A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Prot. 222/2011 Cagliari 18 aprile 2011 A Tutti i Dipendenti R.A.S. Amministrazione CFVA Enti Agenzie - Aziende Loro Sedi Come preannunciato nel nostro comunicato dell 8 aprile u.s., il 15 aprile 2011 è

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 POSTE ITALIANE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E LE NUOVE REGOLE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO AI SENSI DEL DECRETO LEGISLATIVO 252/05 La presente informativa è stata redatta da Poste

Dettagli

RACCOLTA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI

RACCOLTA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI RACCOLTA DELLE DISPOSIZIONI CONTRATTUALI Comparto Università Personale non dirigente Gennaio 2013 INDICE INTRODUZIONE... 6 Contratto collettivo nazionale di lavoro relativo al personale del comparto Università

Dettagli