PARTE TEMATICA DEL PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI ASSESSORATO ALLE RISORSE IDRICHE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE TEMATICA DEL PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI ASSESSORATO ALLE RISORSE IDRICHE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ"

Transcript

1 Unità Organizzativa Gestioni Rifiuti PROGRAMMA PER LA DECONTAMINAZIONE E LO SMALTIMENTO DEGLI APPARECCHI SOGGETTI AD INVENTARIO, DEGLI APPARECCHI CONTAMINATI DA PCB E DEGLI OLII CONTENUTI IN ATTUAZIONE DELLA DIR. 96/65/CE PARTE TEMATICA DEL PIANO REGIONALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI ASSESSORATO ALLE RISORSE IDRICHE ED AI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ Data Ver. N Redazione Validazione Stato di approvazione 05/ Unità Operativa Pianificazione e Normative A.Vignali A. Ribaudo ARPA Settore Suolo Rifiuti Bonifiche L. Ottenziali F. Carrera M. Lombardi R. Racciatti Dipart. subprovinciale Milano città A. Alberici P. Jean F. Bigatti Direzione Generale Risorse Idriche e Servizi di Pubblica Utilità Direzione Generale Artigianato Direzione Generale Attività Produttive Direzione Generale Sanità Da sottoporre a concertazione esterna con le Associazioni ANIE e Ausitra Assoambiente Da iscrivere all odg della conferenza delle autonomie locali Previsione di approvazione con D.G.R. entro il

2 INDICE 1. RIFERIMENTI TECNICI E NORMATIVI 2. DEFINIZIONI ED OBBLIGHI 2.1 Divieti e obblighi 2.2 Censimento 2.3 Definizioni (ex art. 2, d.lgs. 209/99) 2.4 Comunicazioni, Inventario e Programmi (artt. 3 e 4, d.lgs. 209/99;d.m. 11/10/2001) 2.5 Obblighi di decontaminazione e smaltimento (art. 5, d.lgs. 209/99; d.m. 11/10/2001) 2.6 Etichettatura (art. 6, d.lgs. 209/99) 2.7 Modalità di decontaminazione e smaltimento (art. 7, d.lgs. 209/99; d.m. 11/10/2001) 2.8 Divieti 3. DATI RELATIVI ALLA PRESENZA E SMALTIMENTO DI PCB IN LOMBARDIA 3.1 Comunicazioni ed inventario apparecchiature contenenti PCB 3.2 Inventario apparecchiature contenenti PCB e stato di recupero e smaltimento da MUD 3.3 Anagrafe autorizzazioni impianti 4. ASPETTI TECNICI E LINEE GUIDA 4.1 Linee guida per un piano di raccolta e smaltimento apparecchiature vol. < 5 dm3 4.2 Eliminazione e smaltimento apparecchiature PCB soggette a comunicazione 4.3 Smaltimento delle apparecchiature e bonifiche dei locali 5 CONSIDERAZIONI FINALI 5.1 Quantitativi PCB 5.2 ENEL Distribuzione 5.3 Indicazioni tecnico/procedurali 5.4 Conclusioni APPENDICE PROGRAMMA PER LA RACCOLTA E IL SUCCESSIVO SMALTIMENTO DEGLI APPARECCHI CONTENENTI PCB PER UN VOLUME INFERIORE O PARI A 5 DM3 IN ATTUAZIONE DELLA DIR. 96/65/CE Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 2

3 1. RIFERIMENTI TECNICI E NORMATIVI riferimenti normativi D.P.R. 24 maggio 1988 n. 216 "Attuazione della direttiva CEE numero 85/467 recante sesta modifica (PCB/PCT) della Direttiva CEE n. 76/769 concernente il ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati pericolosi, ai sensi dell'art. 15 della legge 16 aprile 1987, n. 183" (G.U. 20 giugno 1988, n. 143, S.O.) D.M. 11 febbraio 1989 Modalità per l attuazione del censimento dei dati e per la presentazione delle denunce delle apparecchiature contenenti fluidi isolanti a base di PCB (G.U. 28 febbraio 1989, n. 49) D.M. 17 gennaio 1992 Modalità di etichettatura degli apparecchi di impianti contenenti Policlorobifenili (PCB) e Policlorotrifenili (PCT) (G.U. 6 febbraio 1992, n. 30) Direttiva 96/59/CE Direttiva 96/59/CE del Consiglio del 16 settembre 1996 concernente lo smaltimento dei policlorobifenili e dei policlorotrifenili (PCB/PCT) (G.U.C.E. 24 settembre 1996, n. L 243) D.Lgs. 22 maggio 1999, n. 209 Attuazione della direttiva 96/59/CE relativa allo smaltimento dei policlorobifenili e dei policlorotrifenili (G.U. 30 giugno 1999, n. 151) Decreto 11 ottobre 2001 Condizioni per l utilizzo dei trasformatori contenenti PCB in attesa della decontaminazione o dello smaltimento (G.U. 2 novembre 2001, n. 255) D.Lgs. 27 gennaio 1992, n. 95 Attuazione delle direttive 75/439/CEE e 87/101/CEE relative alla eliminazione degli olii usati (G.U. 15 febbraio 1992, n. 38, S.O.) Decreto 16 maggio 1996, n. 392 Regolamento recante norme tecniche relative alla eliminazione degli olii usati (G.U. 25 luglio 1996, n. 173) Riferimenti tecnici Norme CEI 10-1 Guida per il controllo e il trattamento degli oli minerali isolanti in servizio nei trasformatori e nelle apparecchiature elettriche) 10-6 Norme per gli askarel Installazione ed esercizio di trasformatori e di apparecchi contenenti askarel Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 3

4 10-38 Fluidi isolanti Guida tecnica per l inventario, il controllo, la gestione, la decontaminazione e/o lo smaltimento di apparecchiature elettriche e liquidi isolanti contenenti PCB Norme Europee EN Determinazione dei PCB e dei prodotti correlati Separazione e determinazione di cogeneri dei PCB mediante gascromatografia (GC) con rilevatore a cattura di elettroni (ECD) pren Determinazione dei PCB e prodotti correlati Parte 2: Calcolo del contenuto di policlorobifenili Norme IEC Liquidi isolanti Contaminazione da policlorobifenili (PCB) Metodo di determinazione mediante gascromatografia con colonna capillare Regione Lombardia Linee guida della D.G. Sanità Prot. n /g /S del 24 luglio 1991 Regioni varie Programmi di decontaminazione e smaltimento PCB Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 4

5 2. DEFINIZIONI ED OBBLIGHI 2.1 Divieti e obblighi D.P.R. 216/88 divieto di immissione sul mercato di: 1. Difenili policlorurati (PCB), ad eccezione dei difenili mono e diclorurati; 2. Trifenili policlorurati (PCT); 3. Preparati, inclusi gli oli usati, la cui percentuale in PCB o in PCT supera lo 0,005% in peso. utilizzo degli apparecchi esistenti: consentito fino all eliminazione o alla fine della durata operativa, purchè sottoposti a controlli, almeno annuali, secondo norme CEI o altre norme tecniche di settore. 2.2 Censimento Presso ogni Regione è istituito il registro dei dati relativi alla detenzione di apparecchi, impianti e fluidi costituiti da: - apparecchi elettrici a sistema chiuso: trasformatori, resistenze e induttanze; - grandi condensatori (> = 1kg di peso totale); - piccoli condensatori (purché la percentuale massima di cloro dei PCB sia del 43% e che essi non contengano più del 3,5% di difenili pentaclorurati o di difenili maggiormente clorurati); - fluidi termovettori negli impianti caloriferi a sistema chiuso; - fluidi idraulici per l'equipaggiamento sotterraneo delle miniere. Obbligo di denuncia della cessazione d uso entro trenta giorni. D.Lgs. 209/99 e D.M. 11 ottobre Definizioni (art. 2, d.lgs. 209/99) PCB 1. i policlorodifenili; 2. i policlorotrifenili; 3. il monometiltetraclorodifenilmetano, il monometildiclorodifenil-metano, monometildibromodifenilmetano; 4. ogni miscela che presenti una concentrazione complessiva di qualsiasi delle suddette sostanze superiore allo 0,005% in peso. apparecchi contenenti PCB: qualsiasi apparecchio che contiene o è servito a contenere PCB e che non ha costituito oggetto di decontaminazione. Gli apparecchi di un tipo che possono contenere PCB sono considerati contenenti PCB a meno che sussistono fondati motivi di presumere il contrario; PCB usati: qualsiasi PCB considerato rifiuto ai sensi del Decreto Legislativo 5 febbraio 1997, n. 22; detentore: la persona fisica o la persona giuridica che detiene PCB, PCB usati ovvero apparecchi contenenti PCB; decontaminazione: l insieme delle operazioni che rendono riutilizzabili o riciclabili o eliminabili nelle migliori condizioni gli apparecchi, gli oggetti, le sostanze o i fluidi contaminati da PCB e che possono comprendere la sostituzione, cioè l insieme delle operazioni che consistono nel sostituire ai PCB un fluido adeguato che non contiene PCB; Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 5

6 smaltimento: le operazioni D8, D9, D10, D12 (limitatamente al deposito sotterraneo sicuro e situato in profondità localizzato in una formazione rocciosa asciutta e esclusivamente per apparecchi contenenti PCB e PCB usati che possono essere decontaminati) e D15 di cui all allegato B del D.Lgs. n. 22/ Comunicazioni, Inventario e Programmi (artt. 3 e 4, d.lgs. 209/99; allegati al d.m. 11 ottobre 2001) soggetti obbligati alla comunicazione: i detentori di apparecchi contenenti PCB di volume superiore a 5 dm 3, inclusi i condensatori di potenza per i quali il limite di 5 dm 3 deve essere inteso come comprendente il totale dei singoli elementi di un insieme composito; destinatari delle comunicazioni: le Sezioni regionali e Provinciali del Catasto Rifiuti territorialmente competenti; informazioni da comunicare (apparecchi con fluidi con PCB>0,05% in peso) a) nome ed indirizzo; b) collocazione e descrizione degli apparecchi; c) quantitativo e concentrazione di PCB contenuto negli apparecchi; d) date e tipi di trattamento o sostituzioni effettuati o previsti; e) quantitativo o concentrazione di PCB detenuto; f) data della denuncia effettuata ai sensi dell art. 5 del DPR 24 maggio 1988, n. 216 (Censimento). informazioni da comunicare (apparecchi con fluidi con 0,005%>PCB>0,05% in peso) a) nome ed indirizzo; b) collocazione e descrizione degli apparecchi. modulistica: allegati al d.m. 11 ottobre frequenza comunicazione: biennale, con obbligo di ripresentazione entro 10 giorni in caso di variazione numero apparecchi o quantitativo PCB detenuti. inventario: presso l Agenzia Nazionale per l Ambiente e per i Servizi Tecnici (APAT). programmi (per la decontaminazione e lo smaltimento degli apparecchi soggetti ad inventario e dei PCB in essi contenuti, nonché un programma per la raccolta ed il successivo smaltimento degli apparecchi contenenti PCB per un volume inferiore o pari a 5 dm 3 ): adottati dalle Regione e dalle Province autonome. 2.5 Obblighi di decontaminazione e smaltimento (art. 5, d.lgs. 209/99; art. 1, d.m. 11 ottobre 2001) entro il 31 dicembre 2005: le apparecchiature con volume inferiore a 5 dm 3, qualsiasi sia il contenuto in PCB; entro il 31 dicembre 2010: le apparecchiature con volume superiore a 5 dm 3 e contenenti fluidi con PCB>0,05% in peso; al termine della loro vita operativa: le apparecchiature con volume superiore a 5 dm 3 e contenenti fluidi con 0,005%<PCB<0,05% in peso; nel caso dei trasformatori, deve essere comunicato alla Provincia territorialmente competente che i trasformatori sono in buono stato funzionale, non presentano perdite di fluidi ed i PCB in essi contenuti sono conformi alle norme o alle specifiche tecniche relative alla qualità dielettrica di cui alle norme CEI 10-1 o 10-6 e sono eserciti nel rispetto delle norme CEI 10-1 o 10-6 e 11-19; la documentazione comprovante il rispetto delle condizioni relative alla qualità dielettrica devono essere conservate presso l unità locale. 2.6 Etichettatura (art. 6, d.lgs. 209/99) per le apparecchiature con volume superiore a 5 dm 3 e contenenti fluidi con PCB>0,05% in peso: obbligo di riportare sull apparecchiatura e sulla porta del locale l etichetta di cui all allegato 1 del d.lgs. 209/99; Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 6

7 per le apparecchiature contenenti fluidi con 0,005%<PCB<0,05% in peso: obbligo di essere contrassegnati con un etichetta riportante la scritta Contaminazione da PCB inferiore a 0,05% ; per i trasformatori decontaminati: obbligo di essere contrassegnati con l etichetta di cui all allegato 2 del d.lgs. 209/ Modalità di decontaminazione e smaltimento (art. 7, d.lgs. 209/99; art. 2, d.m. 11 ottobre 2001) trasformatori contenenti più dello 0,05% in peso di PCB: a) la decontaminazione deve ridurre il tenore di PCB ad un valore inferiore allo 0,05% in peso e, possibilmente, non superiore allo 0,005% in peso; b) il fluido sostitutivo non contenente PCB deve comportare rischi nettamente inferiori, anche sotto l'aspetto dell'incendio e dell'esplosione, e deve essere conforme alla norma CEI 10-1; c) la decontaminazione si ritiene conclusa quando, effettuata una determinazione analitica nel periodo compreso fra 180 e 210 giorni dall effettuazione della decontaminazione, il contenuto in PCB risulti inferiore allo 0,05% in peso (e possibilmente non superiore allo 0,005%); in caso contrario è necessario ripetere il trattamento entro 60 giorni; d) la sostituzione del fluido non deve compromettere il successivo smaltimento dei PCB trasformatori contenenti fluidi con 0,005%<PCB<0,05% in peso a) il fluido sostitutivo non contenente PCB deve comportare rischi nettamente inferiori, anche sotto l'aspetto dell'incendio e dell'esplosione, e deve essere conforme alla norma CEI 10-1; b) la sostituzione del fluido non deve compromettere il successivo smaltimento dei PCB smaltimento dei PCB e dei PCB usati mediante incenerimento, nel rispetto della direttiva 94/67/CE (d.m. 25 febbraio 2000, n. 124), oppure mediante altri metodi, previo parere di APAT. 2.8 Divieti - è vietata la separazione dei PCB dalle altre sostanze a scopi di recupero e riutilizzo dei PCB medesimi; - è vietato il riempimento dei trasformatori con PCB; - è vietato lo smaltimento in discarica di PCB e di PCB usati, ad eccezione del deposito sotterraneo sicuro e situato in profondità localizzato in una formazione rocciosa asciutta e esclusivamente per apparecchi contenenti PCB e PCB usati che non possono essere decontaminati; - è vietato l'incenerimento dei PCB o dei PBC usati sulle navi; - fatto salvo quanto previsto dall'articolo 9 del decreto legislativo 5 febbraio 1997, n. 22, e successive modificazioni ed integrazioni, è vietata la miscelazione dei PCB e dei PCB usati di cui all' articolo 2, comma 1, lettere a) e c), d.lgs. 209/99, con altre sostanze o fluidi. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 7

8 3. DATI RELATIVI ALLA PRESENZA E SMALTIMENTO DI PCB IN LOMBARDIA Le basi della conoscenza si basano essenzialmente su tre fonti di dati: 1. comunicazioni e inventario delle apparecchiature contenti PCB, relative al biennio (art. 3, d.lgs. 209/99); 2. dichiarazioni MUD dei rifiuti prodotti e trattati, relative agli anni 1999, 2000 e 2001 (l. 70/94 e art. 11, d.lgs. 22/97); 3. anagrafe delle autorizzazioni degli impianti di recupero/smaltimento rifiuti di cui agli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/ Comunicazioni ed inventario apparecchiature contenenti PCB Ai sensi dell art. 3 del d.lgs. 209/99, i detentori di apparecchiature contenenti PCB di volume superiore a 5 dm 3, inclusi i condensatori di potenza per i quali il limite di 5 dm 3 deve essere inteso come comprendente il totale dei singoli elementi di un insieme composito, devono effettuare una comunicazione alle Sezioni Regionali del Catasto dei rifiuti con cadenza biennale, contenente le informazioni di cui al medesimo art. 3, co. 1 e 2. Il successivo D.M. 11 ottobre 2001 contiene i modelli da utilizzarsi per l effettuazione di tale comunicazione. La Sezione Regionale del Catasto Rifiuti, presso ARPA Lombardia, ha previsto per ENEL Distribuzione - Unità Territoriale Rete della Lombardia - una particolare modalità di effettuazione delle comunicazioni dell inventario per rendere più agevole l invio di tutte le informazioni richieste, nel rispetto della normativa, dato che questo soggetto detiene più di un terzo delle apparecchiature soggette a denuncia in Lombardia. Trenitalia SPA ha invece effettuato un accordo analogo con l APAT, in funzione del fatto che le apparecchiature detenute sono situate sul materiale rotabile, e quindi soggette a spostamenti: la comunicazione viene resa a livello centrale per tutto il territorio nazionale. I dati relativi alle comunicazioni pervenute sono contenuti nelle tabelle seguenti. Si precisa che i dati riportati sono quelli relativi al biennio 1999/2000, che, in assenza dell emanazione del d.m. 11 ottobre 2001 che contiene i modelli per la compilazione e le metodiche analitiche di riferimento, non godono di quella completezza e affidabilità di quelli del biennio 2001/2002, di cui si sta completando la validazione. Tabella 1: numero unità locali e apparecchiature Fonte ARPA Provincia numero apparecchi n unità locali A (PCB>0,05%) B (0,005%<PCB<0,05%) (tranne Enel) totali totale totale di cui Enel BERGAMO BRESCIA COMO CREMONA LECCO LODI MANTOVA MILANO PAVIA SONDRIO VARESE TOTALE Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 8

9 Tabella 2: tipologia apparecchiature Fonte ARPA Provincia trasformatore condensatore batterie rifasamento circuito diatermico cisterna commutatore fusti interruttore raddrizzatore reattanza reostato altro (non dichiarata) TOTALE PROVINCIA BERGAMO BRESCIA COMO CREMONA LECCO LODI MANTOVA MILANO PAVIA SONDRIO VARESE TOTALE Tabella 3: percentuale trasformatori e condensatori sul totale apparecchi Fonte ARPA Trasformatori Condensatori Altro/non dichiarato TOTALE numero apparecchi percentuale 70,3% 27,1% 2,6% 100% Tabella 4: quantitativo d olio contaminato con PCB>0,05% e con PCB>1% Fonte ARPA PROVINCIA Totale (PCB>0,05%) PCB>1% n apparecchi kg olio n apparecchi kg olio BERGAMO , ,0 BRESCIA , ,7 COMO , ,4 CREMONA , ,0 LECCO , ,8 LODI , ,0 MANTOVA , ,0 MILANO , ,7 PAVIA ,6 2 36,1 SONDRIO , ,0 VARESE , ,0 TOTALE , ,6 Nella tabella 4, relativa ai quantitativi di olio contaminato contenuto nelle apparecchiature con PCB>0,05%, è stata fatta un estrapolazione sulla base dell effettiva concentrazione di PCB. Sono stati evidenziati, sulla base dei dati dichiarati, il numero di apparecchiature e il relativo contenuto di olio contaminato con PCB>1%, in funzione della possibilità di procedere alla dealogenazione con efficienza ed economicità. Si ritiene quindi che per questa quota di apparecchiature, si dovrà prevedere presumibilmente lo smaltimento dell olio mediante incenerimento. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 9

10 Tabella 5: età apparecchiature Fonte ARPA apparecchiature con indicazione dell anno di cui con PCB>1% A B totale n kg età>30anni (<1973) <età<25 ( ) <età<20 ( ) <età<15 ( ) <età<10 ( ) <età<5 ( ) età<5anni (>1998) TOTALE Anche l età delle apparecchiature, laddove dichiarata e considerandone in alcuni casi l attendibilità, è stata analizzata, per valutare lo stato di anzianità delle apparecchiature stesse. Anche questo aspetto è una discriminante da evidenziare, in funzione delle attività da eseguire (decontaminazione, manutenzione, smaltimento) su una apparecchiatura che potrebbe aver esaurito la sua vita funzionale (l art. 5, co. 4 e 5, del d.lgs. 209/99, prevede la possibilità di smaltimento a fine vita operativa delle apparecchiature con PCB compreso fra lo 0,05% e lo 0,005%, a condizione che non presentino perdite di fluidi, che siano in buono stato funzionale, anche dal punto di vista delle proprietà del dielettrico). 3.2 INVENTARIO APPARECCHIATURE CONTENENTI PCB E STATO DI RECUPERO E SMALTIMENTO DA MUD I dati desumibili dalle comunicazioni ex d.lgs. 209/99 consentono di avere conoscenza di una parte dell universo PCB, in quanto non è dato di sapere i quantitativi di olio riferiti alle apparecchiature con PCB compreso fra lo 0,05% e lo 0,005%, né tanto meno di tutte quelle di volume inferiore ai 5 dm 3, indipendentemente dalla concentrazione di PCB. E per questo che tali dati vanno integrati con quelli riferiti alla gestione dei rifiuti contenenti PCB, come desumibili dal MUD. Sono state prese in considerazione le ultime dichiarazioni MUD disponibili, cioè quelle riferite agli anni 1999, 2000, I codici rifiuto da considerare quindi sono ancora quelli del vecchio CER, e cioè: "Oli per circuiti idraulici contenenti PCB e PCT"; "Oli isolanti e di trasmissione di calore esauriti ed altri liquidi contenenti PCB e PCT"; "Trasformatori o condensatori contenenti PCB o PCT". Essendo tutti classificati come rifiuti pericolosi esiste l obbligo di dichiarazione anche per i produttori, oltre che per chi ne effettua poi la gestione. Le considerazioni che possono essere effettuate dall analisi di tali dati offrono una panoramica più completa ed interpretabile (pur nelle relative incertezze del MUD) perché permette di analizzare l andamento della richiesta di smaltimento di apparecchiature e di olio contaminato da PCB e di verificare i flussi (all interno della Lombardia e come import/export con le altre Regioni). Tutto ciò in funzione di verificare l equilibrio fra domanda e offerta (cioè fra quantitativi da smaltire e disponibilità di impianti autorizzati preposti). I dati sono esposti suddivisi per codice rifiuto, per anno di riferimento e per Provincia. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 10

11 Tabella 6: produzione PCB per provincia ( ) Fonte ARPA Rifiuto Oli per circuiti idraulici contenenti PCB e PCT Totale Oli isolanti e di trasmissione di calore esauriti ed altri liquidi contenenti PCB e PCT Totale Trasformatori o condensatori contenenti PCB e PCT Totale Sigla 1999 (kg) 2000 (kg) 2001 (kg) in UL fuori UL in UL fuori UL in UL fuori UL Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi Milano Mantova Pavia Sondrio 52 Varese Bergamo Brescia Como Cremona Lecco Lodi , Milano ,50 Mantova Pavia Sondrio Varese Bergamo , , , Brescia Como Cremona , Lecco Lodi , Milano , Mantova Pavia Sondrio Varese Tabella 7: destinazione rifiuti contenenti PCB ( ) Fonte ARPA Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 11

12 1999 (kg) 2000 (kg) 2001 (kg) Rifiuto fuori fuori fuori in Regione in Regione in Regione Regione Regione Regione Tabella 8: provenienza rifiuti contenenti PCB smaltiti in Lombardia ( ) Fonte ARPA 1999 (kg) 2000 (kg) 2001 (kg) Rifiuto dalla Regione da fuori Regione dalla Regione da fuori Regione dalla Regione da fuori Regione Sostanzialmente si evidenziano alcuni aspetti particolari: - In genere esiste un rapporto 1 a 10 fra la quantità prodotte di oli (codici e ) e trasformatori (codice ); - C è stato un picco evidente relativamente al 1999 (circa il doppio rispetto al 2001, e circa tre volte rispetto al 2000), giustificabile forse che, con l entrata in vigore del d.lgs. 209/99, molti detentori hanno preferito smaltire e sostituire le apparecchiature; - Rispetto al biennio 2000/2001 vi è un trend crescente di produzione; - Vi è un flusso di rifiuti sia in entrata che in uscita dalla Regione. 3.3 Anagrafe autorizzazioni impianti Per lo stoccaggio e/o il trattamento di apparecchiature contenti PCB o di PCB usati è necessaria l autorizzazione ai sensi del d.lgs. 22/97, non essendo contemplata la procedura semplificata per questi rifiuti. Inoltre, per lo stoccaggio degli oli decadenti dalle attività di bonifica è necessario rispettare le condizione del d.m. 392/96, relativamente alle modalità di stoccaggio, così come per poter ritirare oli usati, ancorché contaminati da PCB, è necessario essere autorizzati anche ai sensi del d.lgs. 95/92. In effetti, dei 27 impianti autorizzati in Lombardia a ritirare i rifiuti di cui trattasi (oli o trasformatori), solo 2 effettuano anche operazioni di trattamento (uno effettua la separazione olio/apparecchiatura, l altro effettua la sostituzione del fluido), mentre gli altri 23 effettuano del semplice deposito preliminare. Come accennato in precedenza, i rifiuti stoccati presso questi impianti vengono poi destinati ad altri impianti (in genere presso tre impianti situati in Piemonte) che ne effettuano l effettivo trattamento. Parte degli oli vengono inviati all estero per la termodistruzione. La Regione Lombardia ha autorizzato anche l esercizio di due impianti mobili che effettuano la dealogenazione degli oli presso il detentore: secondo quanto previsto dall art. 28, co. 7, del d.lgs. 22/97, essi possono operare su tutto il territorio nazionale, previa comunicazione alla Regione territorialmente competente dell effettuazione delle campagne. Di seguito si riassume la situazione impiantistica della Lombardia, evidenziando il numero di impianti per Provincia. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 12

13 Tabella 9: n /tipi di impianti per provincia, con relativi rifiuti e operazioni effettuate. Fonte ARPA PROVINCIA totale fissi tipo rifiuti ritirati operazioni effettuate MILANO BRESCIA BERGAMO PAVIA VARESE Impianti mobili TOTALE NOTA: gli impianti che trattano i nuovi codici CER relativi ai rifiuti contenenti PCB (130101, , , , , ) sono dettagliatamente riportati nell appendice alla Tabella 4. totale mobili stoccaggio svuotamento re-filling dealogenaz. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 13

14 4. ASPETTI TECNICI E LINEE GUIDA 4.1 Linee guida per un piano di raccolta e smaltimento delle apparecchiature di volume < 5 dm3 Nel piano regionale di smaltimento dei rifiuti contenenti PCB una specifica attenzione va rivolta al problema dei piccoli apparecchi, esentati dall obbligo della comunicazione. Questi apparecchi di piccole dimensioni sono presenti in particolare negli elettrodomestici costruiti anteriormente all entrata in vigore del divieto di utilizzo dei PCB (1990); si tratta in generale di piccoli condensatori in macchine lavatrici e altri elettrodomestici. La Direttiva 2002/96/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 gennaio 2003 sui rifiuti di apparecchiature elettriche e elettroniche avrà certamente un forte impatto sulla raccolta separata e lo smaltimento corretto delle apparecchiature elettriche contenenti PCB, individuando precisi obblighi e responsabilità a carico dei servizi pubblici di raccolta dei rifiuti nonché dei produttori e distributori di apparecchiature elettriche ed elettroniche; già il d.lgs. 209/1999 all articolo 7, co 8, prescrive che i condensatori e in genere gli apparecchi contenenti PCB non soggetti a inventario siano rimossi entro il 31 dicembre 2005 e raccolti separatamente in caso di dismissione, riciclo o smaltimento dell apparecchiatura che li contiene. Al momento appare importante e prioritario promuovere un azione di informazione e sensibilizzazione presso il pubblico, i produttori e distributori di elettrodomestici, le Associazioni di categoria (elettricisti, impiantisti elettrici, riparatori, ecc.) e prevedere l organizzazione di circuiti e/o modalità di raccolta specifiche (ad es.: accordi di programma fra Province e associazioni Commercianti, convenzioni fra Comuni e soggetti che fanno assistenza/manutenzione, ecc.). 4.2 Eliminazione e smaltimento delle apparecchiature PCB soggette a comunicazione- Aspetti tecnici Gli apparecchi contenenti PCB di volume > 5 dm3 devono essere decontaminati o smaltiti: - entro il 31 dicembre 2010, se il contenuto di PCB è > 500 mg/kg (0,05%); - al termine della loro esistenza operativa, se il contenuto di PCB è compreso tra 50 e 500 mg/kg (0,005% e 0,05%). Peraltro le precedenti previsioni possono essere modificate qualora: - si proceda a decontaminazione dei trasformatori, mediante processi di sostituzione con liquidi isolanti esenti da PCB e conformi alle norme CEI 10-1 ovvero di dealogenazione; in funzione del risultato ottenuto, l apparecchiatura può essere dimessa alla fine della esistenza operativa - in caso di tenore finale di PCB tra 50 e 500 mg/kg (0,005% e 0,05%) - ovvero essere declassificata come apparecchiatura non- PCB uscendo dalla relativa disciplina - se il PCB contenuto è inferiore a 50mg/kg (0,005%); - gli esiti delle verifiche periodiche prescritte per i trasformatori indichino la necessità di interventi correttivi. Decontaminazione E ragionevolmente applicabile quando la vita operativa residua dell apparecchiatura sia sufficientemente lunga da giustificarne il costo ovvero quando si abbia l obiettivo di smaltire l apparecchiatura come esente da PCB ovvero con contenuto di PCB conforme ai requisiti richiesti per un suo successivo corretto recupero. Ove possibile, in linea generale, è preferibile la dealogenazione in quanto i rifiuti che ne derivano sono molto limitati e comunque esenti da PCB, mentre la sostituzione evidentemente comporta la necessità di smaltimento del fluido PCB sostituito. Poiché il PCB residuo assorbito dalle componenti porose presenti nei trasformatori nel tempo viene rilasciato andando a contaminare il fluido trattato o di sostituzione, la decontaminazione ai fini della declassificazione a apparecchiatura non-pcb è praticamente realizzabile per tenori iniziali fino a mg/kg (0,05% - 1%); per trattamenti che permettano l utilizzo dell apparecchiatura fino al termine dell esistenza operativa, il tenore massimo iniziale non dovrebbe superare quindi tale soglia indicativa. Sulla base dei dati dell inventario delle apparecchiature nella Regione Lombardia, escludendo i trasformatori ENEL (per i quali si rimanda al paragrafo conclusivo) e considerando la potenziale vita operativa residua delle apparecchiature, si può prevedere che la decontaminazione ai fini di ulteriore utilizzo non riguarderà più del 50% delle apparecchiature con PCB inferiore a 500 mg/kg (0,05%) e non più del 10% con Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 14

15 apparecchiature con PCB più elevato: appaiono pertanto del tutto sufficienti per le necessità regionali gli impianti già autorizzati. Sorveglianza I trasformatori comunque contaminati da PCB in concentrazione > 50 mg/kg (0,005%) possono essere tenuti in esercizio alle seguenti condizioni: 1. non presentino perdite; 2. siano in buono stato funzionale; 3. il fluido isolante sia sottoposto a periodiche verifiche e risulti conforme alle specifiche tecniche applicabili relative alla qualità dielettrica, specifiche che saranno oggetto di apposito Decreto ministeriale. Il rispetto delle citate condizioni deve risultare da apposita comunicazione da inviare alla Provincia territorialmente competente, pena la decontaminazione immediata delle apparecchiature. In attesa dell emanazione del previsto Decreto, si fa riferimento alla recente Norma Italiana CEI Fluidi isolanti Guida tecnica per l intervento, il controllo, la gestione, la decontaminazione e/o lo smaltimento di apparecchiature elettriche e liquidi isolanti contenenti PCB e in particolare alle indicazioni contenute nel paragrafo 7 Esercizio e manutenzione. In tale Norma peraltro riprendendo Norme CEI precedenti- sono richiamati gli obblighi di verifiche, prove e controlli anche analitici che devono essere svolti da personale competente e esperto, nonché sono indicate le azioni correttive da realizzare in caso di anomalie, perdite o degrado delle proprietà dielettriche; si richiama comunque quanto già indicato nelle linee guida della Regione Lombardia Prot /G 35392/S del 24/7/91 in attuazione degli artt. 4 e 7 ex D.P.R. 216/88 soprattutto in merito ai criteri di valutazione dei risultati dei controlli e delle verifiche. Particolare importanza rivestono gli interventi che comportano la dismissione immediata dell apparecchiatura ovvero le azioni correttive che comportano la rimozione, anche temporanea, del fluido o l apertura dell involucro che lo contiene, quali: 1. trattamenti di decontaminazione fisico-chimica del liquido isolante, quali depolarizzazione e/o riadditivazione eseguiti mediante circolazione; 2. trattamenti di essiccazione mediante evacuazione della cassa e/o circolazione dell olio; 3. interventi di riparazione/revisione elettromeccanica dei componenti interni (avvolgimenti, nucleo magnetico, ecc.) conseguenti, in genere, a eventi di guasto, on-site o presso ditte autorizzate Questi interventi sono considerati di manutenzione straordinaria e l apparecchiatura deve essere necessariamente o decontaminata o smaltita. E inoltre prevedibile che i detentori, a fronte degli impegni onerosi connessi alla sorveglianza in capo a loro e richiamati dalla Norma CEI, preferiscano anticipare la sostituzione delle apparecchiature intere o del solo fluido; ciò peraltro dipenderà anche dall attenzione che gli Enti di controllo dedicheranno al problema. Si ritiene necessario che, in collaborazione con le Province cui spetta la funzione di controllo come indicato all art. 9 D Lgs 209/1999, sia avviata un azione di sensibilizzazione e richiamo nei confronti dei detentori, nonché di verifica del rispetto dell obbligo della comunicazione e dei suoi contenuti. 4.3 Smaltimento delle apparecchiature e bonifica dei locali Alcuni cenni infine si ritengono opportuni in merito alla gestione delle operazioni di smaltimento delle apparecchiature contenenti dielettrici a base di o contaminati da PCB ed eventuale bonifica dei siti di loro alloggiamento. Il trattamento delle apparecchiature fuori uso contenenti PCB deve avvenire presso impianti autorizzati ai sensi degli artt. 27 e 28 del D.Lgs. n. 22/97 e consiste sostanzialmente nelle seguenti fasi: - eventuale trattamento chimico, es. dealogenazione, degli oli minerali contaminati da PCB; - estrazione del liquido dielettrico contenuto nelle apparecchiature elettriche e raccolta dello stesso in contenitori stagni; - smantellamento e cernita dei rifiuti, smontaggio dei trasformatori, condensatori ed altre apparecchiature elettriche. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 15

16 E di norma necessario procedere a lavaggio con solventi clorurati in autoclave o in cabina di lavaggio delle diverse parti metalliche e ceramiche che sono state in contatto con oli contaminati da PCB al fine della valorizzazione del rottame metallico da inviare in un ciclo tecnologico di seconda fusione e materiali ceramici da conferirsi a ditte autorizzate allo smaltimento. In Regione Lombardia esiste un solo centro autorizzato alle operazioni indicate, mentre risulta elevato il ricorso a strutture extra-regionali, in particolare in Piemonte. Concomitante alla dismissione delle apparecchiature PCB si dovrà procedere alla verifica ed eventuale bonifica dei locali in cui le apparecchiature erano alloggiate; a tal fine si richiamano le indicazioni contenute nel DM 471/1999 e che saranno richiamate e approfondite in prossima linea-guida allo studio presso ARPA Lombardia. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 16

17 6 CONSIDERAZIONI FINALI Dall esame dei dati e delle informazioni che a vario titolo intervengono sull argomento e di cui si è a conoscenza, e rispetto a quanto riportato in precedenza, si possono effettuare alcune considerazioni di merito. 5.1 Quantitativi PCB - è oggettivamente difficile fare delle previsioni certe rispetto agli effettivi quantitativi di apparecchiature e di oli contaminati presenti sul territorio regionale, in funzione del sistema di monitoraggio che fa capo alle comunicazioni rese ai sensi del d.lgs. 209/99; - i dati relativi all inventario delle apparecchiature, come prima esposti, permettono solo di fare alcune valutazioni generali; - l analisi dei dati desunti dal MUD ha evidenziato il flusso di importazione ed esportazione di rifiuti tra la Lombardia e le altre regioni, che fa supporre quindi che la disponibilità di impianti permetta la gestione dei rifiuti; l equilibrio raggiunto va letto anche alla luce della considerazione che, essendovi il divieto della produzione e commercializzazione di PCB fin dall 88 (d.p.r. 216/88) e sussistendo comunque anche obblighi relativamente allo smaltimento (d.lgs. 209/99), è difficile ipotizzare investimenti privati in impianti specifici, essendo probabilmente un settore di attività con una bassissima prospettiva di vita, a fronte di investimenti consistenti, data la pericolosità dei rifiuti; - per quello che riguarda la presenza di PCB non soggetta a dichiarazione (piccole apparecchiature) sarà necessario attivare campagne di informazione e sensibilizzazione presso il pubblico, i produttori e distributori di elettrodomestici, le Associazioni di categoria (elettricisti, impiantisti elettrici, riparatori ecc), per portare all attenzione la problematica e diffondere le procedure corrette per la gestione dei rifiuti, oltre a prevedere l organizzazione di circuiti e/o modalità di raccolta specifiche (ad es. convenzioni con i Comuni per le microraccolte di rifiuti speciali in base all art. 21, co. 5, d.lgs. 22/97); - considerando le apparecchiature con PCB>0,05%, per le quali sussiste l obbligo di smaltimento entro il 2010, ed effettuata una approssimativa stima media di smaltimento per i prossimi 7 anni, in base ai quantitativi dichiarati, si è verificato che tali quantità sono ampiamente confrontabili con quelli rilevati dai dati MUD , e pertanto gli impianti di smaltimento sono sufficienti allo scopo; - è comunque prevedibile che, anche in funzione delle considerazioni effettuate relativamente alle apparecchiature con PCB>1% (per le quali il processo di dealogenazione si presume difficilmente applicabile) e all età della apparecchiature stesse (per cui esiste una previsione di vita tecnica bassa oltre i 30 anni, in funzione sia della qualità del dielettrico, che della struttura stessa), vi possono essere dei picchi di produzione di rifiuti, legati alla dismissione delle apparecchiature (in particolare il primo atteso per il 2005 in concomitanza con il primo dei due obblighi previsti dall art. 5 del d.lgs. 209/99). Si ritiene comunque che possano essere assorbiti dal sistema di smaltimento attuale. 5.2 ENEL Distribuzione - grazie alla disponibilità e sensibilità dimostrata da ENEL Distribuzione - Unità Territoriale Rete della Lombardia nel definire con ARPA Lombardia una procedura per l effettuazione della comunicazione biennale, è stato possibile anche verificare che, come procedure interne, legate anche al Sistema di Gestione Ambientale, l ENEL Distribuzione gestisce la questione PCB a livello nazionale, con la stipula di contratti con ditte autorizzate; - dall analisi delle comunicazioni pervenute ad ARPA Lombardia. è emerso che poco più di un terzo del totale delle apparecchiature appartengono a questa società, tutte con PCB inferiore a 0,05% (circa il 60% di quelle in bassa contaminazione), per le quali è prevista una gestione della manutenzione e dell eventuale smaltimento a livello nazionale, che quindi permette di programmare con efficienza la tempistica degli interventi; - ENEL Distribuzione prevede, a puro titolo indicativo, di eliminare completamente il PCB dalle loro apparecchiature nei prossimi 10 anni. 5.3 Indicazioni tecnico/procedurali - riprendendo quanto descritto nel paragrafo specifico e rimandando ai riferimenti tecnici oltre riportati, si richiama la necessità di una responsabilizzazione e di una attenzione particolare rivolta alla questione da

18 parte di tutti i soggetti coinvolti (cittadini, imprese, Amministrazioni, Enti), ognuno per quanto di sua competenza; - in particolare, si porta all attenzione la necessità di seguire le previste procedure di buona tecnica nei casi di decontaminazione e smaltimento delle apparecchiature e locali, sia per tutelare i lavoratori e l ambiente, sia per consentire di recuperare le parti metalliche delle apparecchiature in altri processi produttivi. 5.4 Conclusioni Nel breve-medio periodo si ritiene che non esistano i presupposti per degli interventi strutturali a sostegno della offerta di impianti di smaltimento. Questa considerazione potrà essere verificata a breve con l elaborazione delle comunicazioni pervenute nel biennio 2001/2002, che potranno dare un quadro più aggiornato e attendibile della situazione. Si ritengono invece proponibili interventi di tipo volontario (accordi di programma, convenzioni, campagne di informazione e sensibilizzazione) per far emergere ed intercettare tutte le piccole apparecchiature, oltre alla necessità di coordinare gli interventi di prevenzione sul territorio. Gestione Rifiuti - Unità Pianificazione e Normative 18

19 PREMESSA Il presente documento costituisce integrazione e aggiornamento all allegato al Programma regionale per la decontaminazione e lo smaltimento degli apparecchi contenenti PCB ai sensi dell art. 4 del d.lgs. 209/99, approvato con d.g.r. n del 1 agosto A seguito della procedura di infrazione 1999/2263 e delle relative richieste avanzate dalla Commissione Europea, si è provveduto ad effettuare le seguenti integrazioni: - in primo luogo l aggiornamento dell inventario della apparecchiature contaminate da PCB presenti sul territorio della Regione Lombardia con i dati relativi al biennio ; - successivamente sono stati aggiornati anche i dati relativi allo smaltimento di oli e apparecchiature in Regione Lombardia estraendo i dati relativi dai MUD 2003 (dati 2002), anche se è bene sottolineare che, alla data di stesura del presente documento, non sono stati ancora forniti dati definitivi dal sistema camerale: i dati a disposizione, pur essendo praticamente completi, come informalmente comunicato, non sono ancora stati sottoposti alle procedure di bonifica e validazione da parte della Sezione regionale del Catasto rifiuti. In prima approssimazione si possono comunque considerare ammissibili nelle considerazioni statistiche in seguito esposte; - analisi dei flussi di rifiuti all interno della Regione e delle importazioni/esportazioni con altre regioni e all estero; - integrazione dell elenco degli impianti autorizzati in Regione Lombardia allo stoccaggio e al trattamento di rifiuti contaminati da PCB, ivi compresi gli impianti mobili; - previsione della programmazione scadenzata delle apparecchiature e oli ancora presenti sul territorio regionale. Dati relativi alla presenza e smaltimento di PCB in Lombardia Le basi della conoscenza si basano essenzialmente su tre fonti di dati: 5. comunicazioni e inventario delle apparecchiature contenti PCB, relative al biennio (art. 3, d.lgs. 209/99); 6. dichiarazioni MUD dei rifiuti prodotti e trattati, relative agli anni 1999, 2000 e 2001 (con codici rifiuto del vecchio CER) e all anno 2002 (nuovo codice CER, di cui alla decisione 2000/532/CE e s.m.i.) (l. 70/94 e art. 11, d.lgs. 22/97); 7. anagrafe delle autorizzazioni degli impianti di recupero/smaltimento rifiuti di cui agli artt. 27 e 28 del d.lgs. 22/97 Comunicazioni ed inventario apparecchiature contenenti PCB I dati relativi alle comunicazioni pervenute sono contenuti nelle tabelle seguenti. Si precisa che i dati relativi al biennio 1999/2000, in assenza dell emanazione del d.m. 11 ottobre 2001 che contiene i modelli per la compilazione e le metodiche analitiche di riferimento, non godono di quella completezza e affidabilità di quelli del biennio 2001/2002, che invece sono risultati più omogenei, completi e affidabili, anche grazie ai numerosi riscontri diretti effettuati. Si è proceduto al confronto dei dati relativi ai due bienni, per ovviare ad evidenti carenze che avrebbero inficiato completamente la validità statistica della prima comunicazione: sono state integrate alcune informazioni mancanti della prima (numeri di matricola e/o caratteristiche tecniche delle apparecchiature) con i dati più recenti e completi della seconda, perché compilati sui modelli del decreto 11 ottobre E per questo motivo che un eventuale confronto diretto fra i dati esposti nella d.g.r /2003 e questi potrebbe portare a delle incongruenze. Da un analisi della tabella 1 si evince che complessivamente il numero totale degli apparecchi presenti in Lombardia, pari a 7.035, è diminuito di oltre il 30% rispetto al biennio precedente, anche se con diverse tendenze da provincia a provincia. Anche il numero di comunicazioni è diminuito, sia per gli avvenuti smaltimenti, sia perché molte ditte avevano effettuato la prima comunicazione in via cautelativa, senza avere la certezza della contaminazione delle proprie apparecchiature (anche in assenza delle metodiche analitiche di riferimento, contenute nel d.m. 11 ottobre 2001): successivamente non hanno più effettuato la comunicazione. Complessivamente risultano 490 soggetti dichiaranti e 555 unità locali (ad esclusione di quelle riferite a ENEL distribuzione che ha i trasformatori collocati su tutto il territorio regionale nelle cabine di distribuzione, facenti capo comunque a 15 Unità Territoriali, non conteggiate). Incrociando i dati del numero di apparecchiature con i soggetti dichiaranti, si evidenzia come 17 soggetti detengono circa il 66% delle apparecchiature dichiarate. Più in dettaglio: - ENEL Distribuzione detiene, su tutto il territorio regionale, apparecchiature, pari al 38% (il 60% di quelle a bassa contaminazione); - Tamini trasformatori (MI) detiene 596 apparecchiature, pari al 8%; - 15 ditte hanno un numero di apparecchiature compreso fra 50 e 200, per un totale di 1.468, pari al 20%; 19

20 - 55 ditte hanno un numero di apparecchiature compreso fra 10 e 50, per un totale di 1.190, pari al 17%; - le rimanenti 418 ditte hanno un numero massimo di 10 apparecchi per un totale di apparecchiature, pari al 15%. Tabella 1: numero unità locali e apparecchiature - Fonte ARPA Provincia n unità locali (tranne Enel) numero totale apparecchi (incluso Enel) diff BERGAMO ,1% 960 BRESCIA ,6% COMO ,9% 429 CREMONA ,4% 180 LECCO ,3% 473 LODI ,0% 133 MANTOVA ,4% 342 MILANO ,4% PAVIA ,0% 252 SONDRIO ,0% 47 VARESE ,5% 515 TOTALE ,2% (-31,7%) Tabella 1b: numero apparecchiature suddivise per % contaminazione - Fonte ARPA A Provincia (PCB>0,05%) B (0,05%>PCB>0,005%) totale totale di cui Enel BERGAMO BRESCIA COMO CREMONA LECCO LODI MANTOVA MILANO PAVIA SONDRIO VARESE TOTALE (-24%) (-35%) (-35%) La tabella 2 riporta le tipologie di apparecchiature come risultanti dall inventario. Tabella 2a: tipologia apparecchiature - Fonte ARPA 20

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività

Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività Il suolo è una risorsa essenzialmente non rinnovabile, che garantisce la sopravvivenza degli ecosistemi e fornisce servizi essenziali per le attività umane. Le pressioni ambientali a cui è sottoposto sono

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Informazione agli impianti di trattamento

Informazione agli impianti di trattamento dell'articolo 11, comma 1, o di conferimento gratuito senza alcun obbligo di acquisto per i RAEE di piccolissime dimensioni ai sensi dell'articolo 11, comma 3; c) gli effetti potenziali sull'ambiente e

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE

Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche RAEE Istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati (ai sensi dell art. 40 del D.Lgs. 49/2014) Premessa

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

REGISTRO DI CARICO E SCARICO

REGISTRO DI CARICO E SCARICO REGISTRO DI CARICO E SCARICO Registro di carico e scarico Soggetti obbligati Gestione dei rifiuti chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti commercianti ed intermediari

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015.

Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2015. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 299 del 27 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione

Scheda 2.4 Imprese di pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione Scheda 2.4 Imprese di, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione SOGGETTI RICHIEDENTI/AMBITO DI APPLICAZIONE La presente scheda riguarda unicamente soggetti ricadenti nella qualifica

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : /

Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa. Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / Da compilare da parte del personale del Garda Uno Spa Codice Anagrafico: Codice Utenza: ODI: / Contratto N : / GARDA UNO SPA Spazio per timbro e data di protocollo Via I. Barbieri, 20 25080 PADENGHE s/g

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE

MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE MODELLO 1 DA UTILIZZARE PER LA COMUNICAZIONE ALL ARPAV AI SENSI DELL ART. 41BIS, COMMA 1, DELLA LEGGE N. 98/2013 E PER LE EVENTUALI MODIFICHE Dichiarazione del proponente/produttore in merito al rispetto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE

PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE PRINCIPIO DI REVISIONE INTERNAZIONALE (ISA) N. 210 ACCORDI RELATIVI AI TERMINI DEGLI INCARICHI DI REVISIONE (In vigore per le revisioni contabili dei bilanci relativi ai periodi amministrativi che iniziano

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Guida alla compilazione della DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE Indice INTRODUZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Documento per la consultazione. (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015) CRITERI GENERALI PER LA DEFINIZIONE DI REGOLE PER IL MANTENIMENTO DEGLI INCENTIVI IN CONTO ENERGIA Documento tecnico di riferimento Documento per la consultazione (invio osservazioni entro: 6 marzo 2015)

Dettagli

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO

PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E RISCHI DI INCIDENTI RILEVANTI IN LOMBARDIA ESEMPIO DI PIANIFICAZIONE NEL COMUNE DI RHO A.Romano*, C. Gaslini*, L.Fiorentini, S.M. Scalpellini^, Comune di Rho # * T R R S.r.l.,

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013

RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 Direzione Generale per il Terzo Settore e le Formazioni Sociali RELAZIONE SULL ATTIVITA SVOLTA 2012-2013 A seguito della soppressione dell Agenzia per il Terzo Settore (ex Agenzia per le Onlus), le relative

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi

Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Misure per la tutela dell ambiente e degli ecosistemi Carlo Zaghi Dirigente Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Direzione Generale per le Valutazioni e le Autorizzazioni Ambientali

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale

Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale Obblighi dei medici nei casi di infortunio e malattia professionale A cura di: - Inail Direzione Regionale Lombardia - Regione Lombardia - Direzione Generale Sanità Documento realizzato nell ambito della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti

DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti 27.4.2006 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 114/9 DIRETTIVA 2006/12/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 5 aprile 2006 relativa ai rifiuti (Testo rilevante ai fini del SEE) IL PARLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera

GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia. Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera GliimpiantiperiltrattamentodeirifiutiinItalia Con il Patrocinio di: In collaborazione con: Osservatorio Nazionale sui Rifiuti Rimini Fiera Ulteriora mirari, praesentia sequi. (Guardare al futuro, stare

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO

ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A. DATTOLO CONSIGLIO REGIONALE DELLA CALABRIA IV COMMISSIONE ASSETTO E UTILIZZAZIONE DEL TERRITORIO - PROTEZIONE DELL AMBIENTE ESAME ABBINATO DELLE P. L. N. 33/9^ - 62/9^ E 87/9^ TESTO PROPOSTO DAL RELATORE ON. A.

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio

LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE. settore antincendio LINEA GUIDA LA GESTIONE DEI RIFIUTI DA MANUTENZIONE settore antincendio Maggio 2011 Al fine di contribuire a un adeguata gestione dello smaltimento dei rifiuti prodotti durante l attività di manutenzione,

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE

REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE Arch. Alverio Camin Progetto Speciale Recupero Ambientale e Urbanistico delle aree Industriali - PAT REALIZZAZIONE DI UNA BANCA DATI AMBIENTALE 1. Esperienza

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE

ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE D.A. 175/GAB ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE L ASSESSORE Visto lo Statuto della Regione Siciliana; Vista la legge 4 gennaio 1968, n. 15 ( Norme sulla documentazione amministrativa e sulla legalizzazione

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008)

Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Decreto 10 ottobre 2008 (G.U. Serie Generale n. 288 del 10 dicembre 2008) Disposizioni atte a regolamentare l'emissione di aldeide formica da pannelli a base di legno e manufatti con essi realizzati in

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA

CAPITOLO 10 RIFIUTI. Coordinatore statistico: Cristina FRIZZA 1. Coordinatore tematico: Rosanna LARAIA 1 con il contributo di Andrea LANZ 1) ISPRA 10. RIFIUTI CAPITOLO 10 RIFIUTI Autori: Letteria ADELLA 1, Gabriella ARAGONA 1, Patrizia D ALESSANDRO 1, Valeria FRITTELLONI 1, Cristina FRIZZA 1, Andrea Massimiliano LANZ 1, Rosanna LARAIA 1, Irma LUPICA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA

HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Prot. Generale n. 19033 del 23.10.2012 Primo livello di help desk HELP DESK FRONT OFFICE VADEMECUM PER L UTENZA Qui di seguito si riportano alcune delle più frequenti domande con le relative risposte.

Dettagli

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 8 «La gestione integrata dei rifiuti» LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA GERARCHIA PER UNA CORRETTA La Direttiva 2008/98/CE introduce una importante distinzione

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE

INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE INDICAZIONI PER L UTILIZZO E LA GESTIONE DELLE TERRE E ROCCE DA SCAVO NEI LAVORI PRIVATI SOTTOPOSTI A DIA O A PERMESSO DI COSTRUIRE L art. 186 del d.lgs.152/06 indica le condizioni alle quali è consentito

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 15 febbraio 2010. Modi che ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009, recante: «Istituzione del sistema di controllo della tracciabilità

Dettagli

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Sintesi analitica dei Bandi di concorso 2013 per l ammissione ai corsi di laurea delle Professioni sanitarie Introduzione... 3 Università Politecnica delle Marche (Ancona)... 4 Università degli Studi di

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli