Non c è limite alla irresponsabilità e allo spreco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Non c è limite alla irresponsabilità e allo spreco"

Transcript

1

2

3 Apla e il Editoriale territorio Non c è limite alla irresponsabilità e allo spreco 4 Manovra lavoro 6 Export 8 Web 11 Speciale Edilizia 16 Apla informa 20 Trasporti 21 Credito Parma Artigiana Mensile Direttore Responsabile: Gianfranco Ragonesi Hanno collaborato a questo numero: Lauretta Bertoncini Annamaria Borelli Clementino Gabbi Gianluigi Pellegrini Manuela Pollari Davide Soliani Sara Soliani Carlotta Varga Davide Zanettini Coordinamento editoriale: Carlotta Varga Binario comunicazione, viale Fratti 14, Parma tel , Stampa e grafica: Tipolito AMC Via Nitti, 5, Parma, tel Pubblicità Francesco Melley - Tel Cell In un momento di generale e grave diffi coltà economica e fi nanziaria che sta coinvolgendo gli italiani (cittadini e imprese) fanno particolarmente male le notizie riportate dalle prime pagine dei giornali. Emerge una situazione che, se confermata, richiede non solo una pesante spending rewiew, da noi invocata da tempo, ma anche una profonda riforma legislativa sul fi nanziamento ai partiti e, soprattutto, una revisione totale di ciò che viene rimborsato ai politici per spese nell ambito del loro incarico. Questo magna magna generale fa ancor più male se pensiamo alle diffi coltà che cittadini e imprese stanno affrontando in un momento che non ha precedenti. Gli sprechi e l utilizzo di risorse pubbliche per fi ni personali rischiano di ingrassare il partito dell antipolitica. Un quotidiano nazionale come Il Sole 24 ore riferiva che dal 2001 ad oggi le regioni hanno aumentato tasse e tributi di loro competenza del 50%. I Costi della politica, sempre con rifermento agli organi regionali, sono aumentati dal 1999 al 2010 del 98%. I rappresentanti delle regioni alla Conferenza Stato Regioni hanno proposto la riduzione del 30% del numero dei consiglieri regionali e di ridurre il denaro messo a disposizione dei partiti. A noi pare che un azione del genere, dopo che è scoppiato l ennesimo caso di spreco di denaro pubblico, rappresenti una solenne presa in giro per i cittadini. Si tentano di chiudere i portoni delle stalle quando i buoi sono già fuggiti. Ha ragione il Capo dello Stato: occorre che la politica si ripulisca. Con la riforma del titolo V della Costituzione si pensava, e forse oggi possiamo dire che c eravamo illusi, che portando più competenze ma anche più autonomia alle regioni si instaurasse un circolo virtuoso perché era il modo di avvicinare il cittadino, doveva essere un modo perchè il Pubblico potesse spendere in modo più puntuale e rispondere ai veri bisogni. Sarebbe auspicabile vedere che la velocità utilizzata dal legislatore per produrre provvedimenti di aumento della pressione fi scale e di introduzione di riforme estremamente penalizzanti per i cittadini, fosse la stessa adottata per fare riforme che vanno a ridurre e a razionalizzare la spesa pubblica. Se non la si mette sotto controllo anche i governi che verranno dopo Monti faranno la scelta più facile: aumentare le tasse. Non sarebbe male inoltre pensare ad una specie di class action che permetta ai cittadini di chiedere i danni al loro rappresentante politico, che comportandosi in modo disonesto ha derubato i propri concittadini tradendo la loro fi ducia. Possiamo certamente concludere che i recenti accadimenti ci confermano che non c è distinzione tra prima e seconda repubblica. Senza soluzione di continuità i fatti sono sempre gli stessi e la storia si ripete. Cambiano le facce ma la disonestà resta sempre. Se la politica non riuscirà a riformare se stessa trovando la forza di fare pulizia e di rinnovarsi il rischio per la fi ne della democrazia sarà sempre più concreto. Fino a quando gli italiani potranno sopportare certe cose? Marco Granelli Presidente Confartigianato Imprese Apla di Parma ottobre 2012 parma artigiana 3

4 Apla Manovra e il territorio lavoro Riforma Fornero Le novità in materia di contratto a termine N umerose e non tutte positive per le aziende sono le novità introdotte da questo istituto (art. 1, commi da 9 a 13) cui si ricorre con sempre maggiore frequenza, stante anche l attuale situazione che non incentiva assunzioni definitive. Con una decisione che non mira certo a ridurre il costo del lavoro si stabilisce che a decorrere dal gennaio 2013 venga aumentata dell 1,4% la contribuzione a carico ditta per le assunzioni con contratto a termine, ad esclusione di quelle stagionali o dovute a sostituzione. In caso di conferma o di riassunzione a tempo indeterminato entro 6 mesi viene concesso un rimborso della maggiorazione fino ad un massimo di 6 mensilità. La contribuzione aggiuntiva servirà per finanziare la neonata Aspi (assicurazione sociale per l impiego), in pratica un indennità contro la disoccupazione involontaria che entrerà in vigore dal gennaio Vengono allungati da 10 a 60 e da 20 a 90 (a seconda che il contratto abbia una durata inferiore o superiore ai 6 mesi) i giorni di interruzione dell attività lavorativa per stipulare un nuovo contratto con il medesimo lavoratore. La contrattazione collettiva potrà prevedere la riduzione dei predetti periodi fino a 20 e 30 giorni in determinate ipotesi. Il termine inizialmente fissato potrà proseguire oltre la scadenza per esigenze organizzative fino ad un massimo di 30 giorni (per contratti fino a 6 mesi, prima i giorni erano 20) o di 50 giorni (per durate superiori ai 6 mesi, prima erano 30), ovviamente applicando la maggiorazione retributiva già oggi prevista per tali fattispecie: il 20% per i primi 10 giorni e il 40% per i successivi. Al verificarsi di tale prosecuzione è previsto l obbligo di comunicazione preventiva al Centro per l impiego specificando la durata della stessa. Nel caso si tratti del primo rapporto in assoluto con il lavoratore (se in precedenza vi è stata somministrazione del medesimo non si può parlare di primo rapporto ) non sussiste l obbligo di 4 parma artigiana ottobre 2012 dichiarare la causale dell assunzione, elemento essenziale per evitare la trasformazione immediata a tempo indeterminato; in tal caso però il rapporto non potrà eccedere i 12 mesi e, nel caso la durata iniziale sia inferiore, non sarà prorogabile. Anche i contratti di somministrazione potranno beneficiare di tale possibilità a condizione che si tratti della prima missione del lavoratore (si ritiene nell ambito dell azienda richiedente). In presenza di ipotesi che dovranno però essere espressamente indicate dai Ccnl (fra le quali: avvio di una nuova attività, lancio di un prodotto o di un servizio innovativo, implementazione di un rilevante cambiamento tecnologico, fase supplementare di un significativo progetto di ricerca o sviluppo, rinnovo o proroga di una consistente commessa) vi sarà la possibilità di assumere senza indicare la causale un numero di lavoratori fino al 6% della forza lavoro occupata nell unità produttiva (non dell impresa nel suo complesso). Viene confermata l automatica trasformazione a tempo indeterminato del rapporto nel caso in cui una pluralità di assunzioni a termine nel corso del tempo con il medesimo soggetto abbia raggiunto una durata complessiva di 36 mesi. Una circolare ministeriale ha poi specificato che ai fini del computo dei 36 mesi si contano anche i periodi di somministrazione, ma solo se stipulati successivamente al 18 luglio Nel caso in cui il contratto a termine sia dichiarato illegittimo (a seguito di impugnazione da inoltrare entro 120 giorni dalla fine del rapporto) si avrà la conversione a tempo indeterminato del medesimo e il riconoscimento al lavoratore di un indennità risarcitoria onnicomprensiva compresa tra le 2,5 e le 12 mensilità avendo riguardo al numero di dipendenti occupati, all anzianità di servizio del lavoratore, alle dimensioni dell impresa ed al comportamento tenuto dalle parti.

5 Manovra lavoro Art. 1 commi da 28 a 31 e quelle di associazione in partecipazione V iene profondamente rivisitata in senso restrittivo anche questa forma di rapporto che, evidentemente, è stata ritenuta fonte di forme elusive di rapporto, utilizzata cioè per mascherare rapporti formalmente autonomi ma in realtà di lavoro subordinato. Pertanto il numero degli associati viene limitato a tre (indipendentemente dal numero degli associanti) per l azienda nel suo complesso e non per ogni singola unità produttiva o punto vendita, a meno che gli associati siano legati con l associante/i da rapporto coniugale, di parentela entro il terzo a riforma Fornero ha introdotto una specifica disposizione al fine di contrastare il fenomeno delle partite IVA cosiddette fittizie, ossia quei casi in cui le prestazioni formalmente rese in regime di lavoro autonomo o da soggetti titolari di partita IVA mascherino nella realtà rapporti aventi le caratteristiche tipiche di una co.co.co. o di lavoro subordinato. Tale argomento relativo alla genuinità del rapporto autonomo è stato dettagliatamente illustrato sul precedente numero di Parmartigiana, ma in sede di conversione del Decreto Sviluppo, avve- grado o di affinità entro il secondo. Sempre con la finalità di instaurare veri rapporti di associazione si stabilisce che, qualora l associato non sia reso effettivamente partecipe degli utili dell impresa oppure non vi sia consegna del rendiconto - come previsto dall art 2552 Codice Civile - il rapporto si considera di lavoro subordinato a tempo indeterminato, con le pesanti conseguenze di natura contributiva e sanzionatoria. È fatta comunque salva la (non facile) prova contraria da parte dell azienda. La trasformazione in rapporto di lavoro subordinato si avrà anche nel caso Lavoratori autonomi con Partita IVA L nuta lo scorso mese di agosto, sono state modificate le lettere a) e b) del comma 1 dell art. 69-bis, D.Lgs. n. 276/2003 (in pratica l art.1 comma 26, lettere a) e b) della Legge Fornero) con aggiunte di estrema importanza. Ecco il nuovo testo (come modificato): Le prestazioni lavorative rese da persona titolare di posizione fiscale ai fini dell imposta sul valore aggiunto sono considerate, salvo che sia fornita prova contraria da parte del committente, rapporti di collaborazione coordinata continuativa, qualora ricorrano almeno due dei seguenti presupposti: a) che in cui gli associati svolgano mansioni prettamente esecutive e ripetitive, vale a dire non caratterizzate dal possesso di competenze teoriche di grado elevato acquisite attraverso significativi percorsi formativi o rilevanti esperienze maturate nell esercizio dell attività. La decorrenza della normativa è immediata, fatti salvi fino alla loro cessazione i soli contratti in essere che siano stati oggetto di precedente certificazione in base agli articoli 75 e seguenti del dlgs 276/2003, procedura quest ultima di fatto mai (o comunque rarissimamente) applicata. la collaborazione con il medesimo committente abbia una durata complessiva superiore a otto mesi annui per due anni consecutivi; b) che il corrispettivo derivante dalla collaborazione, anche se fatturato a più soggetti riconducibili al medesimo centro di imputazione di interessi, costituisca più del 80 per cento dei corrispettivi annui complessivamente percepiti dal collaboratore nell arco di due anni solari consecutivi; c) che il collaboratore disponga di una postazione fissa di lavoro presso una delle sedi del committente. A cura di Clementino Gabbi ottobre 2012 parma artigiana 5

6 Export I Consorzi export nel nuovo contesto nazionale ed internazionale I l Decreto Sviluppo ha previsto la nascita di una nuova tipologia di Consorzi per l internazionalizzazione, abrogando la Legge 83/89 che li regolava in precedenza. Alla luce dei questa modifi ca, la Regione Emilia-Romagna ha deciso di avviare una revisione dei criteri e delle modalità di assegnazione dei contributi di sostegno all export e, attraverso il Comitato per l Internazionalizzazione, sta rendendo partecipi le Associazioni di categoria di questo processo di adeguamento. Il coordinatore regionale Confartigianato per l internazionalizzazione ha presenziato al primo di una serie di appuntamenti, volti proprio ad illustrare come cambieranno i parametri ed i criteri di accesso ai fi nanziamenti per le aziende che si organizzano in forma aggregata ai fi ni dell esportazione. Queste modifi che prevedono l inevitabile adeguamento dell annuale bando regionale di sostegno all export, slegandolo dalla L.83/89 ed allineandolo alla nuova realtà normativa. Compatibilmente con la legislazione comunitaria in materia di aiuti di Stato, il Decreto stabilisce che i contributi ai Consorzi siano concessi come aiuti de minimis e che ai progetti agevolati possano partecipare anche piccole e medie imprese non consorziate, attraverso contratti di rete. Di conseguenza, l obiettivo della Regione è quello di ridefi nire l oggetto dei Consorzi, in considerazione di un più ampio concetto di internazionalizzazione, e di ampliarne la possibile composizione. In linea con la legislazione nazionale, è infatti prevista la partecipazione di imprese anche di grandi dimensioni e sono contemplati nuovi settori di appartenenza, quali ad esempio i servizi o il commercio. Al fi ne di contribuire alla crescita qualitativa dei Consorzi in questa diversa veste, il Comitato regionale per l internazionalizzazione sta fi ssando nuovi criteri che, nelle sue intenzioni, dovranno servire ad elevare la qualità consortile, la loro diffusione 6 parma artigiana ottobre 2012 territoriale e la loro incisività sui mercati internazionali, il tutto mantenendo intatte le risorse allocate. Una delle esigenze maggiormente sentite è quella di favorire l accorpamento delle strutture e l aumento del livello qualitativo, affi nché i nuovi Consorzi si presentino sui mercati esteri con maggiori capacità competitive. Nelle attività consortili per l internazionalizzazione, funzionali al raggiungimento dei nuovi parametri individuati dalla Regione, saranno ricomprese le attività relative all importazione di materie prime e di prodotti semilavorati, alla formazione specialistica per l internazionalizzazione, alla qualità, alla tutela e all innovazione dei prodotti e dei servizi commercializzati nei mercati esteri, anche attraverso marchi in con-titolarità o collettivi. Confartigianato rimane a disposizione delle Aziende interessate per qualsiasi informazione. Annamaria Borelli Internazionalizzazioni Un autunno di iniziative alla Cciaa Con un denso calendario di iniziative la Camera di commercio si propone di supportare lo sviluppo delle imprese locali sui mercati esteri. Sono previste Giornate Paese, seminari tematici, incontri con i referenti dei desk all estero, strutture stabili all estero che offrono i propri servizi di informazione e assistenza; assistenza tecnica e logistica per viaggi e missioni di lavoro; ricerca agenti, fornitori, partner; supporto per promozione dei prodotti e la partecipazione a fi ere nel paese, direttamente ed esclusivamente a favore degli organismi promotori e delle aziende ad essi collegate e anche seminari di formazione sulle tematiche del commercio estero e missioni all estero. Ecco un primo elenco di attività: ottobre (data da definire) - Giornata Paese Slovenia - Seminario tematico organizzato in collaborazione con Unicredit, la partecipazione è gratuita. Ottobre-novembre (date da defi nire), corso di formazione: L uffi cio commerciale estero: come costruirlo. Organizzazione, competenze, risorse e strategie. Il corso, organizzato in 3 moduli, si rivolge alle imprese che stanno valutando la possibilità di esportare all estero o che lo fanno in maniera occasionale e fornirà ai partecipanti le informazioni su come creare e strutturare un uffi cio commerciale estero e sulle normative, le prassi e le tecniche per la sua gestione. La partecipazione è gratuita gennaio 2013, missione in Algeria e Marocco, dedicata alle imprese dei settori edilizia e comparti collegati, meccanica e impiantistica per l agroalimentare e macchine per l agricoltura e la silvicoltura, prevede due giornate di incontri d affari con aziende algerine e marocchine preventivamente selezionate dai partner esteri con i quali la missione viene organizzata. Sono a carico dei partecipanti le sole spese di viaggio e soggiorno, mentre la Camera di commercio si fa carico di tutti gli oneri organizzativi. Info: Ufficio Internazionalizzazione Cciaa, tel /280/246

7

8 Web Porta la tua azienda sul web I nternet e il web 2.0 hanno cambiato il modo di interagire della maggior parte delle persone e da questo nuovo e più dinamico sistema di interagire non sono certo escluse le aziende. Essere presenti sul web oggi non è più una scelta ma una necessità. Non esserci significa non essere presenti in un mondo virtuale e parallelo ma ormai molto più frequentato di quello reale. Sempre più spesso le scelte anche di fornitori e artigiani vengono fatte online da tutti, indistintamente da età, istruzione e territorialità. Un mondo, quello virtuale, non meno tangibile e probabilmente molto più vivace e in fermento di quello reale. Tuttavia una ditta può incontrare alcuni ostacoli nell intraprendere questa strada che appare però ormai indispensabile: dai costi di realizzazione alle effettive capacità di gestire correttamente lo strumento; dal tempo necessario ai dubbi sulla effettiva redditività dell investimento. Per questo Confartigianato Imprese Apla ha ideato un progetto destinato alle aziende che vogliono avvicinarsi al web e conoscere gli strumenti e le loro potenzialità, le opportunità e 8 parma artigiana ottobre 2012 FATTI TROVARE! Studio personalizzato delle tue esigenze Mini prezzo Maxi servizio Aggiornamento facile ed autonomo senza ulteriori costi Della mia azienda ne parlano tutti Social network, FORMart insegna a gestirli P er arricchire le conoscenze del web, FORMart organizza un corso dedicato alle imprese che vogliono aumentare la visibilità della loro immagine on line. Per garantire la massima effi cacia al percorso, ai partecipanti è richiesta una conoscenza di base nell utilizzo del computer e dei principali strumenti di navigazione. Sono utili, ma non indispensabili, conoscenze di base in ambito marketing. L orario degli incontri sarà dalle 19 alle 22 con una durata complessiva di 15 ore. Il programma degli incontri si divide in cinque parti. le relative strategie, senza trascurare i costi. La consulenza è gratuita e presenta due possibili scelte: il sito web aziendale personalizzato e ge- Info: Manuela Pollari, tel , Info: FORMart, tel , stibile con estrema facilità col supporto di personale dell associazione, e/o la realizzazione e la gestione della pagina aziendale su facebook. 1) Introduzione al social media marketing: principi base del Web 2.0, accesso, partecipazione, condivisione, relazione; i social network più conosciuti e più utilizzati (Facebook, LinkedIn, Twitter, YouTube); comportamento del consumatore. 2) Definizione di un piano strategico di social media marketing: creare brand, lanciare prodotti, offrire servizi; i nuovi linguaggi della comunicazione via web; geo local marketing; l importanza del posizionamento on line dell azienda; strumenti e trucchi per gestire ed ottenere un buon posizionamento. 3) Nuovi strumenti e nuovi linguaggi: come comunicare, la creazione e la diffusione di messaggi virali; creare e far crescere community online; location based services, geolocalizzazione, realtà aumentata, proximity marketing; la gestione delle relazioni online come fattore critico di successo per il marketing; cenni di brand reputation. 4) Piano operativo di social media marketing: tecniche per la creazione e la gestione dei profili sociali; scrivere per il web; la promozione dei contenuti. 5) Infi ne, una passeggiata nelle piazze più frequentate seguendo i principi del viral marketing, facebook marketing, twitter marketing, you- Tube marketing, linkedin per trovare collaboratori.

9 Apla e il territorio Tra intimismo e incanto di colore A Punto Arte dal 1 al 31 ottobre la personale di Andrea Zanlari S arà il colore a dominare gli spazi di Punto Arte all interno di Confartigianato Apla nel mese di ottobre con la personale di Andrea Zanlari, nato a Parma dove vive e lavora. I suoi quadri sono il risultato di una ricerca costante di dialogo tra segno e colore, che lo ha portato negli anni ad uno studio anatomico della natura. Le pagine bianche diventano libri di appunti, ogni gesto, ogni pensiero si sviluppa nel lavoro quotidiano. Le opere in mostra saranno visibili negli orari di apertura dell Associazione, dal lunedì al venerdì dalle ore 8.00 alle ore e dalle ore alle ore in Viale Mentana 139/a. Di lui hanno detto: «Nelle composizioni di Andrea Zanlari vi è uno stretto rapporto fra colore ed emozione. Un accentuato cromatismo che supera la pura espressione formale e segue percorsi dettati dalla propria intima sensibilità ai segni. In questo modo il colore assume suggestioni plastiche lasciando una forte impronta carnale e gestuale, un gesto che diventa superamento di forma e sacralità intelligibile, una sorta di indagine introspettiva finalizzata alla ricerca della vera essenza dell umanità. Tutto nei quadri di Zanlari è studiato e calibrato in funzione di una complessiva e complessa armonia, di uno stupefacente equilibrio tra forma e colore. È con una sapiente orchestrazione di luce e gradazioni cromatiche che Zanlari supera la realtà fenomenica e non si limita ad accontentare l occhio con l appagamento dell apparenza, ma induce alla ricerca di una realtà più profonda e vera e a cogliere l intima essenza delle cose. Fornisce così alla spirito la possibilità di dare vita ad una nuova e personale realtà, di scoprire il potere magico dell arte e la sua capacità di commuovere. Opere intimiste che sono una felice combinazione di originalità compositiva e di rispetto per la lezione storica della pittura del Novecento, a cominciare dai grandi maestri del cubismo e dell astrattismo, fino ad arrivare alla complessa poetica informale. I suoi esiti suggeriscono ascendenze nobili, come Paul Klee, sia per la ricchezza di sperimentazioni sul colore e sulla luce, sia per la funzione espressiva e simbolica dei soggetti rappresentati. Si può riscontrare una radice informale che si avvicina alle soluzioni di Karel Appel, Pierre Soulages o Asger Jorn per l evidente desiderio di esprimere la vitalità dell anima umana e l essenza delle cose. Dipinti che si delineano come mappe mentali organizzate tonalmente per evocare la suggestione di percorsi interiori in grado di suggerire una dimensione vivificante ed un incessante metamorfosi del proprio intimo che diviene espressione artistica». Silvia Bonomini Info: ottobre 2012 parma artigiana 9

10 Apla e il territorio Prevenzione Ictus Presentazione del progetto di Ancos S arà presentato in Biblioteca Palatina, il 20 ottobre, il progetto di Ancos sulla prevenzione dell ictus. Ad illustrare l iniziativa, patrocinata da Azienda Ospedaliera e Università di Parma, nonché da Comune e Provincia di Parma sarà Francesca Strozzi nota giornalista cittadina. L intervento d informazione e di educazione sanitaria sui fattori di rischio, sugli stili di vita e sui comportamenti utili da seguire in caso di ictus, sarà supportato da una concreta azione di screening sulla popolazione. Si cercherà di sensibilizzare la comunità con incontri strutturati educazionali circa le problematiche delle malattie cardio e cerebrovascolari ed in particolare dell ictus. Verrà effettuata una valutazione del profilo di rischio cardio e cerebro-vascolare, attraverso l identificazione dei fattori di rischio tradizionali per aterosclerosi (famigliarità per malattia cardiovascolare precoce, ipertensione, dislipidemia, fumo, diabete, sedentarietà, obesità), di alcuni fattori di rischio emergenti (PCR, iperglicemia a digiuno e sindrome metabolica) e di quelli specifici per ictus (FA in particolare), con stima del rischio assoluto di eventi a 10 anni, utilizzando l algoritmo specifico per la popolazione italiana. L analisi verrà svolta su 1000 soggetti tra gruppi di varie comunità del territorio attraverso un semplice prelievo di sangue e ogni donatore riceverà una relazione finale con le necessarie indicazioni di correzione dei fattori di rischio identificati. Inoltre, per alcuni casi ritenuti a rischio si procederà a valutazioni aggiuntive: valutazione cardiologica in caso di sospetta FA, Eco-color Doppler dei TSA in caso di rischio assoluto a 10 anni intermedio (5-20%). Per informazioni dettagliate e per aderire allo screening ci si può rivolgere alla segreteria Ancos - Patrizia Gualerzi - tel tutte le mattine dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13. Rinnovata la convenzione con le Terme di Salsomaggiore e Tabiano Nella gamma delle convenzioni di Confartigianato Imprese Apla Parma si rinnova la presenza di un prestigioso partner: Terme di Salsomaggiore e di Tabiano. Grazie all accordo gli imprenditori associati, i pensionati ANAP, gli aderenti ANCOS ed i collaboratori della associazione potranno usufruire di particolari agevolazioni in relazione all erogazione di cure, servizi termali e trattamenti benessere. CURE TERMALI CONVENZIONE Stabilimento Zoja-Salso Riduzioni 20% da listino 2012 cure termali e percorsi vascolari da effettuarsi presso lo sta Zoja Stabilimento Respighi-Tabiano Riduzioni 20% da listino 2012 cure termali TRATTAMENTI BENESSERE Centro benessere Berzieri-Salso Riduzioni 10% da listino 2012 trattamenti estetici di benessere e percorsi acquatici Centro benessere T-Spatium Tabiano Riduzioni 10% da listino 2012 trattamenti estetici di benessere e percorsi acquatici Prodotti delle linee di Salso e Tabiano Riduzioni 40% da listino 2012 Acquisti presso gli shop termali Info: Confartigianato Imprese Apla Parma, Fabio Bonatti, tel , mail: 10 parma artigiana ottobre 2012

11 Speciale Edilizia E stato rinnovato il contratto provinciale di lavoro per le imprese parmensi dell edilizia ed affi ni che applicano la contrattazione del settore industria. Fra le innovazioni salienti da rilevare l avvio di una serie di azioni congiunte di parti datoriali e sindacati nei confronti delle pubbliche amministrazioni fi nalizzate a contrastare il lavoro nero ed irregolare. Anche a tal fi ne, da ottobre, verrà istituito alla Cassa Edile il Fondo regolarità del settore alimentato con un contributo mensile dello 0,15% sulle retribuzioni; contestualmente verrà ridotta l aliquota dovuta al Fondo indumenti di una pari percentuale. Viene inoltre auspicata l introduzione di una normativa più stringente per l accesso alla professione e conseguentemente in materia di formazione e di sicurezza. In tale ambito sono state defi nite le modalità per l elezione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (rlsa) il cui incarico (rinnovabile alla scadenza) durerà tre anni. La formazione iniziale del rlsa sarà di 32 ore e si terrà al CSE/scuola edile, mentre l aggiornamento annuale sarà di 6 ore per imprese che occupano da 15 a 50 dipendenti e 12 ore per quelle che superano i 50. Dal punto di vista economico si è concordata l istituzione dell EVR (elemento variabile retributivo), vale a dire un premio di risultato che prevede l erogazione di salario solo Speciale Edilizia a cura di Clementino Gabbi Imprese che applicano il Ccnl industria Rinnovato il contratto integrativo provinciale di lavoro nell ipotesi in cui vengano raggiunti determinati risultati precedentemente concordati. In sostanza sono stati identifi cati 5 indicatori di riferimento a livello provinciale ognuno dei quali recante una percentuale di importanza : Numero lavoratori iscritti alla Cassa Edile di Parma 25% Monte salari denunciato in Cassa Edile 25% Ore denunciate in Cassa Edile 25% Valore aggiunto del settore costruzioni riferito alla Provincia come individuato da Istat 5% Rapporto ore effettivamente lavorate e ore complessivamente denunciate a Cassa Edile 20%. A questi si aggiungono due indicatori aziendali, che quindi differiranno per ogni singola impresa: Ore denunciate in Cassa Edile (imprese con soli impiegati le ore lavorate dedotte dal LUL) Volume d affari Iva come rilevabile esclusivamente dalle dichiarazioni annuali Iva presentate. Raffrontando i dati dell ultimo triennio (es. 2011, 2010, 2009) con quelli del triennio immediatamente precedente ( ) si otterranno i risultati dell andamento di ogni singolo indicatore dopo di che, attraverso una serie di calcoli piuttosto complessi, si otterrà l importo complessivo da erogare ogni anno, importo che verrà corrisposto in tranches mensili a partire dal mese di marzo di ogni anno. Per il solo anno in corso l erogazione avverrà a partire dal mese di dicembre. Relativamente ai dati aziendali è da rilevare che qualora risultino negativi su uno o entrambi i parametri l impresa, per aver diritto ad un erogazione ridotta o addirittura nulla, dovrà trasmettere alla Cassa Edile un autodichiarazione (redatta esclusivamente sulla base di uno schema allegato al Ccipl) che verrà esaminata da un apposita commissione costituita da componenti datoriali e sindacali. Le somme corrisposte a titolo di EVR non incideranno su altre partite quali maggiorazioni varie, istituti diretti o indiretti, Tfr, versamenti a Cassa Edile compresi. Sono infi ne state concordate modifi - che alle fasce chilometriche giornaliere ai fi ni dell indennità di trasferta e del rimborso spese di trasporto, il tutto con decorrenza gennaio Dalla stessa data aumenterà a 5 euro giornalieri l importo aggiuntivo a carico dell impresa nel caso di pasti consumati dai dipendenti in trattoria. Infi ne, con decorrenza gennaio 2013, agli operai addetti alla rimozione, smaltimento e bonifi ca dell amianto verrà riconosciuta un indennità retributiva. CG ottobre 2012 parma artigiana 11

12 Speciale Edilizia Imprese inquadrate all Inps come artigiane Novità sulla richiesta della Cig R ispondendo ad uno specifi co interpello, la Direzione Generale per l attività ispettiva del Ministero del Lavoro ha fi nalmente accolto una richiesta da tempo inoltrata dalla Confederazione, ponendo di fatto rimedio ad un assurda discriminazione fra imprese edili artigiane ed industriali fi no ad ora vigente. Ci si riferisce al caso di aziende edili inquadrate previdenzialmente nel settore artigiano richiedenti periodi di sospensione a zero ore (sia per maltempo che per mancanza lavoro) con conseguente ricorso alla Cassa integrazione guadagni gestita dall Inps. Come si ricorderà, a seguito della crisi che ha interessato l intero comparto produttivo a decorrere dal mese di aprile 2009 venne chiarito che le aziende industriali non edili potevano estendere i periodi di sospensione dell attività anche oltre le 13 settimane consecutive, limite fi no a quel momento considerato pressoché invalicabile. La disposizione di possibile proroga oltre la 13ª settimana consecutiva di sospensione venne successivamente ampliata (luglio 2010) anche alle imprese edili purché ricorressero entrambe le seguenti condizioni: la presenza di un accordo sindacale ed il fatto che l impresa edile interessata fosse previdenzialmente inquadrata nel settore industria, concetto quest ultimo ripreso esplicitamente dalla Direzione Regionale Inps Emilia Romagna che, con messaggio del 10 settembre 2010, escludeva apertamente da tale possibilità le imprese edili dell artigianato, indirizzando le medesime alla Cig in deroga nel caso di cui trattasi. Tale assurda discriminazione è stata ripetutamente contestata dalla Confederazione e fi nalmente, il 1 agosto 2012, rispondendo ad uno specifico interpello, la Direzione Generale del Ministero ha riconosciuto l estensione a tutti gli effetti alle imprese edili previdenzialmente Responsabilità solidale appaltatore - subappaltatore inquadrate nel settore artigiano dei medesimi benefi ci concessi a quelle indusrtiali. Pertanto in caso di ricorso alla Cassa integrazione guadagni (sia per maltempo che per mancanza lavoro) per un periodo di 13 settimane consecutive non seguito da ripresa, anche parziale, potrà essere richiesta una proroga della sospensione fi no al tetto un massimo di 52 settimane consecutive previsto dalla Legge. La nota ministeriale non esprime indicazioni in tal senso ma è consigliabile sottoscrivere un accordo sindacale al verifi carsi di tale situazione di proroga. CG Lo scorso 3 agosto il Senato ha dato il via libera al decreto sviluppo (dl 83/2012) convertito nella legge n.134/2012 e approdato sulla G.U. n.187 dell 11 agosto Tra le disposizioni introdotte in sede di conversione in legge, è prevista la responsabilità in solido tra appaltatore e subappaltatore, nei limiti dell ammontare del corrispettivo dovuto, del versamento Irpef e Iva in relazione alle prestazioni effettuate nell ambito del rapporto di subappalto. La responsabilità è esclusa se l appaltatore verifi ca la correttezza degli adempimenti anche attraverso un asseverazione rilasciata da un consulente del lavoro, da un commercialista o da un Caf. Il pagamento del corrispettivo dovuto dal committente all appaltatore è subordinato all esibizione della documentazione che attesti il corretto adempimento dei predetti obblighi. L inosservanza della prescrizione da parte del committente è punita con la sanzione amministrativa da a euro. La responsabilità solidale si applica in relazione ai contratti di appalto e subappalto conclusi da soggetti che stipulano tali contratti in attività rilevanti ai fini Iva con esclusione della PA. Davide Soliani 12 parma artigiana ottobre 2012

13 Speciale Edilizia Imprese individuali dell edilizia Quando è in dubbio l autonomia imprenditoriale C on una specifi ca circolare (16/2012) diramata lo scorso luglio il Ministero del Lavoro è nuovamente intervenuto sulla delicata materia dei lavoratori autonomi artigiani che prestano, in particolare, la loro attività nel campo dell edilizia in forma di impresa individuale. Finalità della circolare è quella di fornire indicazioni agli Organi Ispettivi per contrastare e perseguire situazioni che, pur essendo formalmente ricomprese nel lavoro autonomo, si concretizzano nella prestazione di attività all interno dei cantieri edili mediante il totale inserimento del lavoratore autonomo nel ciclo produttivo ed organizzativo di altre imprese maggiori (committenti), spesso con la prestazione della medesima attività svolta dai dipendenti di queste ultime, magari con lo stesso orario di lavoro, nonché con l assoggettamento dell autonomo alle direttive tecniche ed organizzative dei capicantiere. Invitando il personale ministeriale ispettivo ad approfondire la natura del rapporto al sussistere delle citate situazioni, la circolare emana come direttiva quella di accertare se in capo ai lavoratori autonomi che operano in forma individuale vi sia la proprietà di adeguate attrezzature necessarie per l esecuzione dei lavori commissionati (ponteggi, motocarri, escavatori, apparecchi di sollevamento ed altri analoghi macchinari edili), indicando nella presenza di tale elemento la possibile sussistenza di un rapporto di lavoro autonomo genuino ; al contrario qualora in capo al lavoratore autonomo sussista la sola proprietà di minuta attrezzatura (secchi, pale, picconi, martelli e similari) tale genuinità è da considerarsi fortemente messa in dubbio. Altro elemento evidenziato dalla circolare che contribuisce a presumere l esistenza di un rapporto di subordinazione è quello relativa alla monocommittenza, vale a dire lo svolgimento di attività continuativa e ripetuta con il medesimo committente anziché con una pluralità. Con una dovizia di precisazioni che non trova precedenti il Ministero si spinge addirittura ad elencare una serie di lavorazioni edili che, effettuate da lavoratori autonomi individuali in assenza degli indicatori di genuinità sopraelencati, devono indurre il personale ispettivo a contestare senza ulteriori indugi l esistenza di un rapporto di lavoro autonomo considerando il soggetto interessato come lavoratore dipendente a tutti gli effetti, con le gravose conseguenze sanzionatorie. Le lavorazioni esplicitamente citate che rientrano nel mirino ispettivo sono: Manovalanza Muratura Carpenteria Rimozione amianto Posizionamento di ferri e ponteggi Addetti a macchine edili fornite dall impresa committente o dall appaltatore. Quale ultima ed importante precisazione la circolare ministeriale esclude dalla presunzione di subordinazione le attività non edili svolte all interno del cantiere (lavori idraulici, elettrici, di falegnameria, ecc) e, anche se svolte in forma individuale, quelle di natura edile ritenute specialistiche, quali le operazioni di decoro e di restauro architettonico, il montaggio di infi ssi e controsoffi tti, la posa in opera di pavimenti e rivestimenti. Ricordiamo in proposito che da tempo l Associazione ha richiamato l attenzione delle imprese edili in ordine a quanto sopra nonostante alcuni contenuti della circolare siano in parte non condivisibili in quanto in palese contrasto con i dettami della legge 443/85 (Legge Quadro sull Artigianato) in materia di costitutività dell iscrizione all Albo delle Imprese Artigiane. Quale ultima precisazione va ricordato che, essendo la citata circolare precedente all entrata in vigore della Legge n. 92 (18 luglio Riforma Fornero), le direttive sono da intendersi certamente rivolte alle situazioni in essere alla data di entrata in vigore della legge stessa. Qualche dubbio sussiste sull applicabilità delle direttive ministeriali ai rapporti insorti successivamente, in quanto l art. 1 (commi da 26 a 31) della legge di riforma stravolge completamente la materia. In particolare per le Imprese iscritte all Albo Artigiani si attende l emanazione (entro il 18 ottobre) di un decreto che preciserà le condizioni in presenza delle quali tale iscrizione è garanzia di autonomia e quindi di legittimità del rapporto. CG ottobre 2012 parma artigiana 13

14 Apla Speciale e il territorio Edilizia Più tempo per rateizzare i debiti con la Cassa Edile U n importante accordo è stato sottoscritto a livello nazionale lo scorso luglio tra le organizzazioni dei datori di lavoro - categoria edilizia ed affi ni ed i sindacati dei lavoratori Cgil, Cisl e Uil. Si tratta di un agevolazione riguardante la rateazione che la Cassa Edile può concedere alle aziende in diffi coltà con il versamento dei contributi e degli accantonamenti. In precedenza, infatti, la possibilità di concedere rateazioni per partite debitorie arretrate anche di notevole portata economica era soggetta a una limitazione: il periodo massimo concedibile per la dilazione non poteva andare oltre quello previsto per la liquidazione delle ferie o della gratifi ca natalizia. Quindi una rateazione chiesta ad esempio in marzo non poteva concludersi oltre giugno (mese di liquidazione della gratifi ca feriale), mentre una chiesta in luglio non poteva andare oltre dicembre (mese di liquidazione della gratifi ca natalizia). La limitazione comportava notevoli diffi coltà di natura economica per imprese che, già in crisi di liquidità e quindi costrette a rateizzare il debito, dovevano comprimere ulteriormente i tempi di pagamento, pena il mancato rilascio del Durc. L accordo, recepito a livello provinciale lo scorso 12 settembre, stabilisce che per le rateazioni chieste a decorrere dal mese di settembre e fi no almeno al 31 dicembre 2013 il debito risultante con la Cassa Edile di Parma possa essere saldato mediante una rateazione massima di 12 rate mensili, ferma restando la prestazione di adeguate garanzie inerenti il rispetto degli adempimen- Certificazione dei crediti nei confronti della PA Si può utilizzare in compensazione e cessione dei crediti ti, attualmente consistenti nella presentazione di un portafoglio ordini di adeguato importo. La rateazione dovrà formare oggetto di specifico accordo sindacale da redigere in appositi incontri presso la Cassa Edile di Parma che le parti sociali fi rmatarie hanno calendarizzato con cadenza settimanale tutti i martedì pomeriggio. L intera procedura si dovrà comunque esaurire entro 20 giorni (10 giorni per le Imprese fi no a 20 dipendenti) decorrenti dalla data della richiesta di rateazione che l impresa dovrà inoltrare direttamente alla Cassa Edile di Parma. CG È stato definitivamente approvato dal Senato il 4 luglio scorso il decreto legge 52/2012, recante disposizioni urgenti per la razionalizzazione della spesa pubblica, convertito con modificazioni nella legge 94 del 6 luglio Il provvedimento, in linea con i recenti decreti del Ministero dell Economia, interviene ancora una volta in tema di certificazione e compensazione dei crediti maturati dalle imprese verso la PA e gli enti locali. Il sistema della certificazione introdotto (che non ha scadenza), permette alle imprese creditrici nei confronti della PA, che ne fanno richiesta, di conseguire, in tempi determinati per legge, un titolo che dia certezza, liquidità ed esigibilità al proprio credito. Il credito certificato può essere utilizzato in compensazione per eventuali debiti iscritti a ruolo al 30 aprile 2012 (per tributi erariali, regionali o locali, con enti previdenziali - Inps e Inail). Con il possesso del credito certificato, che attesta la sussistenza e l importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle PA di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati, è inoltre possibile ottenere il rilascio del Documento di regolarità contributiva (Durc). Il credito certificato in alternativa, potrà essere ceduto oppure potrà essere oggetto di anticipazione bancaria (eventualmente assistita dalla garanzia e controgaranzia del Fondo centrale di garanzia a favore delle PMI). Per attivare la procedura di certificazione è sufficiente utilizzare i moduli disponibili sul sito Internet compilabili on-line ed inviabili a mezzo posta elettronica certificata (pec). Resta ferma la possibilità prevista dal precedente provvedimento in materia (giugno 2012) che prevede la possibilità di convertire il credito con titoli di Stato. Inoltre, qualora il creditore risultasse anche debitore nei confronti del medesimo ente pubblico, il credito potrà essere in ogni caso certificato per un importo al netto del debito. L ammontare risultante da tale differenza potrà essere impiegato con le modalità precedentemente precisate. Davide Soliani Info: ufficio Edilizia, Alessandro Di Domenico, tel ; Andrea Saracca, tel ; Davide Soliani, tel parma artigiana ottobre 2012

15 OGGI HAI DI VANTAGGI CON L EQUIPAGGIAMENTO TREND. * Crossover : da scelta di moda a scelta di vita. Subaru XV riassume 40 anni di storia nel 4x4 elevando la sicurezza al grado più alto. L aderenza del Symmetrical AWD, il sistema di trazione integrale permanente Subaru, si integra con il baricentro più basso nella categoria crossover. Con un fattore stabilizzante ulteriore ed esclusivo: il motore Boxer di ultima generazione. Subaru XV: Diesel, Benzina e BI-Fuel (Benzina e GPL). Il crossover. Ma di Subaru. Gamma Subaru XV: consumi l/100 km da 5,6 a 9,6 - emissioni CO2 gr/km da 139 a 160. *Negli showroom che aderiscono all iniziativa. SUBARU CONSIGLIA Concessionaria Ufficiale SUBARU NOME MELEGARI SHOWROOM VIA VIA LA PAOLO SPEZIA, ROSSI , MILANO. PARMA TEL TEL

16 Apla informa Le principali scadenze di ottobre Lunedì 15 Ottobre Scadenza prorogata al 31 marzo 2013 La comunicazione dei beni in godimento a soci/familiari IVA Dichiarazioni d intento Martedì 16 Ottobre IVA liquidazione mensile Versamento Ritenute Versamento INPS gestione separata Versamento quinta rata saldo 2011 acconto 2012 Redditi persone fisiche titolari di partita Iva e società Versamento terza rata saldo 2011 acconto 2012 Redditi Persone fisiche titolari di partita Iva, società che hanno usufruito della proroga in quanto soggette agli studi di settore che hanno versato la prima rata il 20/08 con maggiorazione del 0.4% Ottobre Giovedì 25 Ottobre Iva comunitaria - Elenchi Intrastat mensili IVA Elenchi Black-list mensili settembre e 3 trimestre 2012 Mercoledì 31 Ottobre Versamento quinta rata saldo 2011 e acconto 2012 redditi persone fisiche non titolari di partita IVA Versamento quarta rata saldo 2011 e acconto 2012 redditi persone fisiche non titolari di partita IVA che hanno versato la prima rata il 20/08 con la maggiorazione dello 0.4% mese e anno indice variazione annuale Variazione annuale mensile intera 100% ridotta 75% Agosto ,4 +3,10% +2,325% Alcune novità del decreto crescita N UOVO TRATTAMENTO IVA PER CESSIONI/LOCAZIONI DI IMMOBILI Nell ambito del c.d. Decreto Crescita è stato nuovamente modificato il regime IVA applicabile alle cessioni/ locazioni di immobili ad uso abitativo e strumentale. La modifica, finalizzata ad estendere il campo di applicabilità dell IVA, in luogo dell esenzione, è volta a evitare di far perdere alle imprese il diritto alla detrazione dell imposta relativa alla costruzione/ristrutturazione dell immobile con inevitabile aggravio di costi. In particolare si evidenzia che: - per le imprese costruttrici/di ristrutturazione è sempre possibile assoggettare ad IVA la cessione/locazione dell immobile (sia abitativo che strumentale), venendo così meno l indetraibilità dell IVA a credito afferente la costruzione/ristrutturazione degli immobili stessi; - l obbligo di applicare il reverse charge è stato esteso a tutti i casi in cui il cedente opta per l imponibilità; - alle locazioni di fabbricati abitativi poste in essere dall impresa costruttrice/di ristrutturazione nonché a quelle aventi ad oggetto fabbricati destinati ad alloggi sociali è applicabile l aliquota IVA del 10%. 16 parma artigiana ottobre 2012 L opzione per l imponibilità è stata estesa anche alle locazioni e cessioni di fabbricati abitativi destinati ad alloggi sociali. In seguito a tali modifiche ci si pone il problema di effettuare l opzione per i contratti in essere al 26 giugno 2012 (data di entrata in vigore del Decreto). S.R.L. A CAPITALE RIDOTTO E stata anche introdotta la possibilità di costituire la s.r.l. a capitale ridotto (da 1 a un massimo di ) per gli over 35. Tale agevolazione tut- tavia troverà un forte limite dal punto di vista del credito in quanto è logico che difficilmente le banche saranno disposte a concedere prestiti a società dotate di 1 di capitale se non verranno fornite adeguate garanzie aggiuntive. IVA PER CASSA E stato ampliato il limite del volume d affari da 200mila Euro a 2milioni per l utilizzo del regime Iva per cassa. Tuttavia ai fini dell applicazione dovrà essere emanato un decreto. Se la dichirazione è omessa il credito non è riconosciuto L Agenzia Entrate ha precisato che qualora dalla dichiarazione omessa emerge un credito che viene riportato nella dichiarazione del successivo periodo d imposta detto credito non viene riconosciuto. Di conseguenza l ufficio procederà con la richiesta di pagamento di tale somma oltre alle sanzioni e solo successivamente il contribuente è legittimato a chiedere il rimborso che sarà erogato previa verifica dell effettiva spettanza da parte dell Ufficio. Il reverse charge è applicabile anche all appalto per expo 2015 Con decorrenza 1 settembre 2012 è stata estesa la possibilità di applicare il meccanismo del reverse charge (il prestatore emette fattura senza addebitare l IVA ex art. 17 DPR 633/1972) anche all appaltatore oltre che al subappaltatore relativamente alle prestazioni rese nel settore edile nei confronti dei committenti Arexpo S.p.A. ed Expo 2015 S.p.A.

17 Apla e Apla il territorio informa Sicurezza sul lavoro La formazione dei lavoratori entrata in vigore dell Accordo partire dall entrata in vigore della nuova normativa, Confartigianato Imprese L Stato - Regioni dello scorso 11 gennaio ha ridefinito le modalità Apla ha già provveduto alla formazione riguardanti la formazione, in materia di oltre 350 dipendenti delle proprie associate, consentendo così alle impre- di sicurezza sul lavoro, delle figure del datore di lavoro - RSPP, del preposto e se che hanno aderito ai vari programmi dei lavoratori. formativi, di raggiungere un importante Come già ricordato ampiamente nei obiettivo nell investimento in materia di mesi scorsi, la nuova formazione sicurezza sul luogo di lavoro. (l obbligo, infatti, era e rimane a carico Nel periodo intercorso, sono stati formati anche datori di lavoro - RSPP, della figura del datore di lavoro) viene impostata, per ogni figura, in base al addetti alle emergenze (antincendio livello di rischio individuato a seconda e primo soccorso) e addetti all utilizzo dell attività esercitata. di attrezzature specifiche quali carrelli Grazie all impegno delle imprese, a elevatori, piattaforme di sollevamento, Info: Ufficio Ambiente e Sicurezza, tel FORMart cambia sede I prossimi corsi in programma L a sede di FORMart si è trasferita in via Paradigna 63/A Parma, sulla rotatoria dell ingresso al Centro Torri. Ecco i prossimi corsi gratuiti in programma dedicati alle aziende: - Saldatura MAG135: inizio 12 ottobre, chiusura iscrizioni 10 ottobre. Il corso è aperto a imprenditori/ imprenditrici e dipendenti di piccole imprese della provincia di Parma. Si svolge il venerdì dalle 8.30 alle e dalle alle per un totale di 40 ore di aula. - Il processo di riqualificazione degli edifici esistenti: inizio 16 ottobre, chiusura iscrizioni 12 ottobre. Il corso è aperto a imprenditori/imprenditrici e dipendenti di piccole imprese della provincia di Parma. Si svolge il martedì dalle alle per un totale di 21 ore di aula. - La diagnosi energetica ambientale e le opportunità di risparmio ed ottimizzazione dei consumi: inizio 18 ottobre, chiusura iscrizioni 16 ottobre. Il corso è aperto a imprenditori/imprenditrici di piccole imprese Info: FORMart, tel ; carri ponte, per un totale di oltre 150 persone. I prossimi mesi vedranno l associazione nuovamente impegnata a portare a compimento il programma formativo 2012 e ad iniziare quello del 2013, finalizzato ad accrescere la cultura della sicurezza nelle aziende. Cogliamo l occasione per ricordare che, in caso di lavoratori neo-assunti (con qualsiasi tipologia contrattuale), ogni ditta, a partire dalla data di assunzione, ha 60 giorni di tempo utile per provvedere alla formazione del lavoratore. della provincia di Parma. Si svolge il giovedì dalle alle per un totale di 21 ore di aula. - Crescita imprenditoriale ed efficienza organizzativa: inizio 15 novembre, chiusura iscrizioni 13 novembre. Il corso è aperto a imprenditori/imprenditrici di piccole imprese della provincia di Parma. Si svolge il giovedì dalle alle per un totale di 18 ore di aula. ottobre 2012 parma artigiana 17

18 Apla e informa il territorio Ordinanza per vendita e consumo di alcolici Partite del Parma FC S ono in vigore le ordinanze emesse dal sindaco di Parma che disciplinano la vendita di bevande alcooliche in occasione delle manifestazioni sportive 2012/2013 di serie A allo stadio Ennio Tardini. In particolare è vietata la vendita di bevande alcoliche e superalcoliche nei contenitori di vetro e nelle lattine, è consentita la vendita solo in contenitori di carta o plastica. È inoltre vietata la vendita di bevande alcoliche per tutti i pubblici esercizi (fatta eccezione per la sola somministrazione al tavolo effettuata congiuntamente al pasto), punto di ristoro interno allo stadio, circoli privati, attività di commercio su area pubblica, attività artigianali operanti nel settore alimentare (quali pizze- Info: Lauretta Bertoncini, tel ria d asporto, gastronomie.), attività dotate di distributori automatici di bevande e alle attività di vendita al dettaglio ricomprese nelle seguenti strade: piazzale Risorgimento, viale Partigiani d Italia (nel tratto compreso da piazzale Risorgimento a via Zarotto), via Zarotto (nel tratto compreso da via Emilia Est a via Montebello), via Montebello (nel tratto compreso da via Zarotto fi no a viale Rustici), viale Rustici (nel tratto compreso da via Montebello fi no a viale Berenini), viale Berenini (nel tratto compreso da viale Rustici fi no a barriera Farini) strada Farini (nel tratto compreso da piazza Garibaldi fi no a barriera Farini), piazza Garibaldi, strada della Repubblica (nel tratto compreso da piazza Garibaldi fi no CONVENZIONE ASSOCIATI CONFARTIGIANATO VEICOLI COMMERCIALI a piazzale Vittorio Emanuele II fi no a strada Zarotto). È, infi ne, vietato il consumo di alcolici e superalcolici nelle vie di adduzione ai tornelli di ingresso dello stadio Tardini nella parte di territorio delimitato dalle seguenti strade pure ricomprese: piazzale Risorgimento, viale Partigiani d Italia, via Puccini, strada Torelli via Pezzani e via Scarlatti. Il non rispetto dell ordinanza costituisce illecito amministrativo punibile con la sanzione pecuniaria da 25 a 500 euro per il primo accertamento. Dal secondo, oltre alla sanzione pecuniaria sopra citata, vi sarà la sospensione dell esercizio da uno a tre giorni. Go Further Via Toscana, 45/a - Parma Tel Fax Nuova sede * L'offerta è valida per veicoli disponibili in stock: Lo sconto è applicato sul listino. Escluse IVA, messa su strada e I.P.T. Il Cliente dovrà fornire la documentazione valida di iscrizione all'associazione. La presente convenzione è valida per il primo trimestre 2012 salvo variazioni in corso, applicate da Ford Italia spa relativa alla politica Fleet. **Tan 1,21 Taeg 8,30 comprensivo di costi assicurativi incidente /furto /kasco e spese istruttoria 290,00 euro anticipo 20% salvo approvazione finanziaria. 18 parma artigiana ottobre 2012

19 Via Pasolini N 6/ SAN POLO DI TORRILE PR TEL FAX Sughi Pasta Marmellate e confetture Mostarde Vellutate biologiche Caffè Strenne natalizie per aziende Consegne in tutta Italia Vini nazionali ed esteri Champagnes e bollicine Grappe Olii ed aceti Sali e zuccheri Grissini

20 Trasporti a cura di Davide Zanettini Gasolio per autotrazione Aperti i termini per le domande L Agenzia delle Dogane ha aperto i termini per la presentazione della domanda di rimborso delle accise sui quantitativi di gasolio acquistati nel terzo trimestre dell anno Pertanto, per i consumi di gasolio effettuati tra il 1 luglio e il 30 settembre la dichiarazione dovrà essere presentata entro il 31 ottobre. I crediti sorti con riferimento ai consumi relativi al secondo trimestre dell anno in corso potranno essere utilizzati in compensazione entro il 31 dicembre Come per il precedente trimestre occorre ricordare che possono essere ammessi al rimborso sia i veicoli immatricolati in conto proprio sia per conto terzi, aventi massa complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate; i consumi rilevanti devono essere comprovati solo esclusivamente tramite fatture d acquisto e nella fattura d acquisto deve essere obbligatoriamente indicato, pena la non ammissibilità, la targa del mezzo e i litri di gasolio acquistati. L ufficio Trasporti di Confartigianato Imprese Apla ha istituito il servizio per la predisposizione della domande. Per poter compensare il rimborso tramite F24 con le prossime scadenze, vi invitiamo, entro il 26 ottobre 2012, a fissare un appuntamento nel nostro ufficio, per la compilazione della documentazione. Paesi extracomunitari Autorizzazioni cemt I l 31 ottobre prossimo scade il termine perentorio per la presentazione delle domande relative al rinnovo delle autorizzazioni multilaterali cemt per il 2013 e per partecipare alla graduatoria per l assegnazione delle autorizzazioni ulteriormente disponibili per il prossimo anno. Per il rinnovo dell autorizzazione cemt già posseduta nel corrente anno è necessario dimostrare di averla utilizzata per svolgere almeno 11 percorsi, nei primi 11 mesi del 2012 (con una media di 1 percorso al mese). detto utilizzo va comprovato con la restituzione dei fogli viaggi, debitamente compilati, del libretto allegato a ciascuna autorizzazione (al fine del calcolo dell attività svolta, il ministero terrà conto dei fogli viaggi pervenuti entro il 15 dicembre 2012). Possono partecipare alla graduatoria cemt 2013 anche le imprese che non hanno utilizzato in maniera corretta e sufficiente l autorizzazione cemt posseduta nel corrente anno (non effettuando ad esempio alcun viaggio o svolgendo comunque meno di 11 percorsi nei primi 11 mesi del 2012). dette imprese verranno tuttavia ammesse alla graduatoria con un punteggio decurtato, per non penalizzare le aziende che invece hanno fatto registrare un corretto utilizzo delle autorizzazioni cemt. Le domande devono essere inviate per posta direttamente al ministero, fa fede il timbro postale di spedizione della raccomandata con avviso di ricevimento, da effettuare entro il 31 ottobre Trasporto in conto proprio La decisione della Cassazione L a Corte di Cassazione (con sentenza n depositata il 31 luglio scorso) ha stabilito un nuovo principio secondo il quale non rappresenta violazione l esecuzione del trasporto in conto proprio da parte di impresa che esercita il trasporto in conto terzi. Info: ufficio Trasporti, Davide Zanettini, tel , 20 parma artigiana ottobre 2012 Pertanto è illegittima la sanzione amministrativa nei confronti di chi svolga attività di trasporto per conto proprio in assenza del relativo titolo abilitativo, ma possegga il titolo per svolgere l attività di trasporto per conto terzi, da ritenersi di contenuto più ampio e, dunque, comprensivo anche del secondo.

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Dr. Rag. D Antuono Emilio

Dr. Rag. D Antuono Emilio Aggiornato al 26/02/2013 Copyright Riproduzione Riservata IL REVERSE CHARGE IN EDILIZIA L Art. 1 comma 44 della legge n. 296/2006 ha introdotto nel nostro sistema il meccanismo del REVERSE CHARGE o INVERSIONE

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011

Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 Prot. 6/cp Vercelli, 11 febbraio 2011 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE - LORO SEDI- Oggetto: Lavoro part-time. In seguito alle comunicazioni CNCE n. 433 del 27 luglio 2010, n. 436 del 29 settembre 2010, n.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014)

PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) PART TIME IN EDILIZIA Riepilogo normativa e regolarizzazione rapporti nel MUT (Aggiornato Aprile 2014) CONTRATTI PART TIME ATTIVATI DOPO L 01/01/2011 LIMITI DI ASSUNZIONE Il C.C.N.L. edilizia industria

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli