COMUNE DI TRAVERSETOLO. Provincia di Parma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI ACCOGLIENZA PER STRANIERI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI TRAVERSETOLO. Provincia di Parma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI ACCOGLIENZA PER STRANIERI"

Transcript

1 COMUNE DI TRAVERSETOLO Provincia di Parma REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI ACCOGLIENZA PER STRANIERI 1

2 CENTRO DI ACCOGLIENZA PER EXTRACOMUNITARI (Regolamento generale) ) DEFINIZIONE E FINALITA ) UTENTI DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA ) TEMPORANEITA DELL OSPITALITA ) OBBLIGHI A CARICO DEGLI OSPITI ) COMPITI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE E DELLA COMMISSIONE ) QUOTA DI PARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEL SERVIZIO... 4 CENTRO DI ACCOGLIENZA PER EXTRACOMUNITARI (Regolamento interno)

3 CENTRO DI ACCOGLIENZA PER EXTRACOMUNITARI (Regolamento generale) 1) DEFINIZIONE E FINALITA Il Centro di accoglienza è un servizio che assicura ospitalità ai lavoratori immigrati di sesso maschile in grave disagio abitativo. La finalità di tale struttura di accoglienza è di provvedere, in via temporanea, alle esigenze alloggiative di quanti pur lavorando nel Comune di Traversetolo, non hanno trovato alcuna sistemazione abitativa. Il Centro di accoglienza rappresenta quindi una possibilità, una prima risposta, in attesa che gli interessati possano organizzare la ricerca di soluzioni adeguate e stabili. 2) UTENTI DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA Sono utenti del Centro di accoglienza i cittadini immigrati regolarmente soggiornanti, addetti ad una attività economica all interno del territorio stesso. Il Sindaco in situazioni di emergenza, può disporre l alloggiamento nel Centro di accoglienza di stranieri non in regola con le disposizioni sull ingresso e sul soggiorno in attesa di accertamenti tramite gli organi preposti quali Prefettura e organi di Polizia. Per accedere al Centro di accoglienza, gli interessati debbono presentare richiesta su modulo, al Comune di Traversetolo presso l ufficio servizi sociali. Le domande corredate di tutta la documentazione necessaria (fotocopia del permesso di soggiorno, carta di soggiorno, fotocopia dell ultima busta paga, ecc.) verranno sottoposte all esame di una commissione composta dal Sindaco, dall assessore ai servizi sociali, dall assistente sociale, da n. 1 consigliere di maggioranza, n. 2 consiglieri di minoranza e dall istruttore dell ufficio sanita che stilerà una graduatoria in base alla quale verranno fatte le assegnazioni fino a concorrenza dei posti. Nella formulazione della graduatoria verranno valutate la situazione socioeconomica e familiare del richiedente, la sistemazione abitativa all atto della domanda, l ordine cronologico di arrivo della domanda, il periodo di lavoro e di residenza nel Comune di Traversetolo. 3) TEMPORANEITA DELL OSPITALITA La permanenza nella struttura ha e deve mantenere il carattere di provvisorietà. L assegnazione del posto ha durata di 1 anno eccezionalmente prorogabile. Allo scadere del periodo, il posto diventa vacante e disponibile per una diversa assegnazione. Il Centro di accoglienza e finalizzato a rendere autosufficienti gli stranieri ivi ospitati nel piu breve tempo possibile. 3

4 4) OBBLIGHI A CARICO DEGLI OSPITI All atto del loro ingresso, che dovrà avvenire entro 7 giorni dalla data in cui viene loro confermata l assegnazione, gli ospiti del Centro di accoglienza si impegnano firmando per accettazione a rispettare le norme previste dal Regolamento Interno predisposte dall amministrazione. Dovranno inoltre versare una cauzione pari a 3 mensilita Il non rispetto di quanto stabilito dal Regolamento Interno, il mancato pagamento della quota mensile (di cui all art. 6) senza validi e provati motivi preventivamente comunicati agli operatori dell ufficio servizi sociali, o la perdita dello status di lavoratore che perduri per più di 3 mesi, avranno come conseguenza la revoca dell assegnazione e l allontanamento dal Centro di accoglienza. 5) COMPITI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE E DELLA COMMISSIONE L amministrazione comunale e, in particolare, la Commissione, si impegnano ad assicurare le condizioni che garantiscono l ottimale funzionamento del Centro di accoglienza rispetto alle funzioni cui e destinato. Sara facolta della Commissione inserire nel Centro di accoglienza cittadini italiani o cittadini di altri Paesi dell Unione europea in situazioni di difficolta. Sara, inoltre, facolta della Commissione accogliere gratuitamente persone che si trovino in situazioni di emergenza. 6) QUOTA DI PARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AL COSTO DEL SERVIZIO Poiché l utenza del Centro di accoglienza è costituita da lavoratori che fruiscono di reddito e solo eccezionalmente da persone incapaci di provvedere alle proprie esigenze di sussistenza, l ospitalità non è a titolo gratuito. L amministrazione determina annualmente l ammontare della quota a carico degli utenti o a titolo di concorso o di rimborso totale delle spese di gestione del servizio. 4

5 CENTRO DI ACCOGLIENZA PER EXTRACOMUNITARI (Regolamento interno) 1) La casa offre ospitalità temporanea ai lavoratori extracomunitari di sesso maschile occupati in aziende del comune di Traversetolo sprovvisti di alloggio o in condizioni abitative particolarmente precarie e comunque dalle persone individuate nella graduatoria stilata dalla commissione. Una persona (amico, fratello, cugino ecc.) che non abita nella casa puo dormirci solo con il permesso degli operatori del serv. Soc. 2) Gli ospiti della Casa di prima accoglienza dovranno esibire all atto dell accettazione i documenti di identità personale ed eventuali altri documenti richiesti. 3) Al fine di verificare il rispetto del Regolamento e una adeguata gestione degli spazi comuni si costituisce una Direzione della Casa, che dovrà riunirsi periodicamente, composta da: 2 rappresentanti degli ospiti e 2 rappresentanti del Comune. 4) Gli ospiti eleggono fra di loro 2 responsabili che avranno il compito di rappresentare gli stessi e di garantire il buono e corretto andamento della Comunità. 5) Gli ospiti sono tenuti alla salvaguardia della struttura e a collaborare al suo miglioramento, al rispetto degli arredi e di qualsiasi attrezzatura interna ed esterna, impegnandosi a sostituirli o ripararli in caso di rottura da parte di un ospite, al fine di lasciare il patrimonio integro al momento dell uscita dalla Casa. 6) Tutti gli ospiti sono responsabili dell igiene, dell ordine e della pulizia della propria parte di appartamento come delle zone comuni e di quelle all esterno della Casa. Spetta a loro organizzarsi per la divisione dei compiti e l alternanza dei turni. 7) Coloro i quali dopo l assegnazione del posto letto dovessero perdere il lavoro avranno diritto a rimanere nella struttura per ulteriori 3 mesi. Dopo questo termine perderanno il diritto al posto letto e potranno essere allontanati, a meno che non trovino un altro lavoro. 5

6 8) Nei casi di assenze superiori ai 7 giorni non segnalate, l ospite può perdere il diritto alla permanenza; durante le assenze l utente dovra pagare ugualmente il rimborso posto a suo carico. 9) La vita della Comunità è improntata ai principi del rispetto, della tolleranza e dell aiuto reciproco. Ogni ospite è libero di praticare la propria fede religiosa, nel rispetto delle norme previste dalla Costituzione Italiana. 10) Qualora il comportamento di un ospite non fosse corretto e rispettoso delle norme di questo Regolamento e diventasse di disturbo al buon andamento della comunità, o recasse danno alle strutture, l ospite dopo essere stato richiamato, potrà essere allontanato per decisione del Sindaco. 11) Il contributo spese e fissato annualmente dall amministrazione e deve essere pagato entro e non oltre il giorno 10 di ogni mese ed e relativo al mese in corso. 12) La non osservanza delle regole indicate o la perdita di uno dei requisiti che hanno giustificato l assegnazione, comporta la revoca dell assegnazione del posto. Firma per accettazione 6

7 Il presente regolamento è stato approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 29 Del 19 marzo 1999 IL SINDACO Ginetto Mari Il SEGRETARIO COMUNALE Dott.ssa Rosa Lucente Il presente Regolamento è divenuto esecutivo ai sensi di legge il giorno 01 aprile 1999 Ripubblicato all'albo Pretorio del Comune per 15 giorni consecutivi dal 23 aprile al 8 aprile 1999 senza osservazioni ed opposizioni. Li, Il Funzionario Incaricato Maria Rosa Ramazzotti 7

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI MONTECHIARUGOLO PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DI DOMICILI DI EMERGENZA DI PROPRIETA O DISPONIBILITA COMUNALE (approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 66 del 22/12/2005.) 1 INDICE Articolo 1 CONTENUTO E

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE E FUNZIONAMENTO CASA COLETTI

REGOLAMENTO DI GESTIONE E FUNZIONAMENTO CASA COLETTI REGOLAMENTO DI GESTIONE E FUNZIONAMENTO CASA COLETTI Art. 1 - FINALITA E CONTENUTO Art. 2 - OGGETTO E PRESTAZIONI EROGATE Art. 3 - MODALITA D ACCESSO Art. 4 - SITUAZIONI PARTICOLARI Art. 5 -PROGETTO INDIVIDUALE

Dettagli

Per chi non ha una casa

Per chi non ha una casa Per chi non ha una casa Una risposta temporanea al bisogno di abitazione di persone o famiglie senza casa. Descrizione: Il Servizio Alloggiativo è una risposta temporanea al bisogno di abitazione di persone

Dettagli

COMUNE DI MONTIRONE Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

COMUNE DI MONTIRONE Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO COMUNE DI MONTIRONE Provincia di Brescia REGOLAMENTO DEL SERVIZIO PASTI A DOMICILIO Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n 40 del 30/09/2009 Art. 1 Finalità 1. Il Servizio Pasti a Domicilio

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE Direzione Servizi Sociali. A. PENSIONATO LAVORATORI Via Baccio da Montelupo n. 233/5

COMUNE DI FIRENZE Direzione Servizi Sociali. A. PENSIONATO LAVORATORI Via Baccio da Montelupo n. 233/5 COMUNE DI FIRENZE Direzione Servizi Sociali CRITERI E MODALITA PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ASSEGNAZIONE DEI POSTI LETTO NEI PENSIONATI PER LAVORATORI STRANIERI Per l anno 2012-2013, l accoglienza

Dettagli

CONVENZIONE oo0oo L'anno 2013 il giorno del mese di ottobre in Monopoli, tra

CONVENZIONE oo0oo L'anno 2013 il giorno del mese di ottobre in Monopoli, tra CONVENZIONE per la concessione in uso in favore del Comune di Monopoli in via sperimentale per mesi tre, rinnovabili, di n. 4 stanze (con capienza di n. 4 posti letto cadauno) con annessi n. 2 servizi

Dettagli

COMUNE DI BRISIGHELLA REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA CONDUZIONE DI ALLOGGI PROTETTI

COMUNE DI BRISIGHELLA REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA CONDUZIONE DI ALLOGGI PROTETTI COMUNE DI BRISIGHELLA REGOLAMENTO PER L ACCESSO E LA CONDUZIONE DI ALLOGGI PROTETTI Eliminato: ALLEGATO A - NUOVO TESTO Art. 1 - Finalità Il Comune di Brisighella individua nel fabbricato di P.tta Pianori

Dettagli

Comune di Casaletto Lodigiano Provincia di Lodi. Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili

Comune di Casaletto Lodigiano Provincia di Lodi. Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Comune di Casaletto Lodigiano Provincia di Lodi Regolamento Comunale per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione C.C. n. 15 del 7 maggio 2007 Indice generale Art.1 Oggetto e finalità

Dettagli

BANDO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA ABITATIVA NEL DISTRETTO VT4. Art. 1 -Principi e finalità-

BANDO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA ABITATIVA NEL DISTRETTO VT4. Art. 1 -Principi e finalità- BANDO PER INTERVENTI DI ASSISTENZA ABITATIVA NEL DISTRETTO VT4 Art. 1 -Principi e finalità- Il Distretto Socio Sanitario VT4 predispone interventi per l emergenza abitativa, nello specifico per il sostegno

Dettagli

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER I NONNI VIGILI

COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER I NONNI VIGILI COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO PER I NONNI VIGILI Approvato con deliberazione C.C. n. 46 del 8.6.2010 PREMESSA E FINALITA GENERALI DEL SERVIZIO Attraverso l attuazione del progetto

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari N. 44 Del 21/04/2016 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: Approvazione criteri per inserimenti lavorativi. Originale L anno 2016 addì 21 del mese di Aprile,

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA DI LUNATA

REGOLAMENTO INTERNO DEL CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA DI LUNATA REGOLAMENTO INTERNO DEL CENTRO DI PRIMA ACCOGLIENZA DI LUNATA Art. 1 - L'ospitalità di persone straniere, maggiorenni e di sesso maschile, in possesso di un lavoro nel Centro di Accoglienza di Lunata si

Dettagli

COMUNE di SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO PER ANZIANI

COMUNE di SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO PER ANZIANI COMUNE di SASSUOLO (Provincia di Modena) REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI CENTRO DIURNO PER ANZIANI (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 42 in data 09/03/1995)

Dettagli

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale Bando di concorso per contributi mobilità internazionale approvato con delibera n. 29 del 16/06/2015 SOMMARIO Mobilità internazionale Oggetto art. 1 Importo dei contributi art. 2 Destinatari art. 3 Incompatibilità

Dettagli

1. FINALITÀ E OGGETTO DELL AVVISO 2. RISORSE FINANZIARIE REGIONALI PER IL DESTINATARI DEL CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ PER IL 2016

1. FINALITÀ E OGGETTO DELL AVVISO 2. RISORSE FINANZIARIE REGIONALI PER IL DESTINATARI DEL CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ PER IL 2016 SETTORE 6 - Servizi alla persona UFFICIO ALLOGGI Telefono 0331.472.512 Fax 0331.472.516 e-mail: uff.casa@legnano.org CONTRIBUTO REGIONALE DI SOLIDARIETÀ PER L ANNO 2016 AI NUCLEI FAMILIARI ASSEGNATARI

Dettagli

BANDO SALVIAMO LA SCUOLA SCADENZA 1 marzo 2010

BANDO SALVIAMO LA SCUOLA SCADENZA 1 marzo 2010 BANDO SALVIAMO LA SCUOLA SCADENZA 1 marzo 2010 Casa gratis, niente tasse comunali per 8 anni (acqua + ta.r.s.u.) se iscrivi i tuoi figli alle scuole elementari e medie di Canna. SI RENDE NOTO CHE DA OGGI,

Dettagli

IL DIRIGENTE RENDE NOTO. Tipologia: Settore Alimentare; Settore Produttori Agricoli; Settore Non Alimentare;

IL DIRIGENTE RENDE NOTO. Tipologia: Settore Alimentare; Settore Produttori Agricoli; Settore Non Alimentare; Bando pubblico per l assegnazione di posteggi per operatori del settore commercio al dettaglio su area pubblica nell ambito del mercato settimanale del venerdì IL DIRIGENTE Vista la Legge Regionale n.

Dettagli

Oggetto: regolamento per l assegnazione di posti auto - approvazione. Il Consiglio Comunale

Oggetto: regolamento per l assegnazione di posti auto - approvazione. Il Consiglio Comunale Oggetto: regolamento per l assegnazione di posti auto - approvazione. Il Consiglio Comunale Premesso che l articolo 42, comma 2, lettera a), del D.Lgs. 18 agosto 2000 numero 267 T.U.EE.LL. attribuisce

Dettagli

COMUNE DI SENIGALLIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO

COMUNE DI SENIGALLIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO COMUNE DI SENIGALLIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI SOGGIORNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 37 del 29/3/2012 *Le modifiche apportate sono evidenziate

Dettagli

COMUNE DI ZERBOLO Provincia di Pavia

COMUNE DI ZERBOLO Provincia di Pavia ALLEGATO A ALLA DELIBERA G.C. N. 99 DEL 09/11/2006 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento Art. 2 Funzioni Art. 3 Luoghi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI

REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI E DELLE UNIONI CIVILI Approvato con delibera di C.C. n. 27 del 31.07.2013 e modificato con delibera di C.C. n. 67 del 28.11.2016 Sommario SOMMARIO...2

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI MODULI ABITATIVI PROVVISORI M.A.P.

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI MODULI ABITATIVI PROVVISORI M.A.P. COMUNE DI SAN GIACOMO DELLE SEGNATE (Provincia di Mantova) Tel 0376/616101 - Fax 0376/616756 sgsproto@tin.it Sito internet: www.comune.san-giacomo-delle-segnate.mn.it REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI MAGIONE ASILO NIDO COMUNALE DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNO EDUCATIVO 2016/2017. Il/La sottoscritto/a, nato/a a il,

COMUNE DI MAGIONE ASILO NIDO COMUNALE DOMANDA DI ISCRIZIONE ANNO EDUCATIVO 2016/2017. Il/La sottoscritto/a, nato/a a il, COMUNE DI MAGIONE AREA SOCIO EDUCATIVA Tel. 075/8477047/020/069 Fax. 0758477041 - E-mail: giuseppina.marcantoni@comune.magione.pg.it; sauretta.rossi@comune.magione.pg.it. All Area Socio-Educativa del Comune

Dettagli

a. a 2013/2014 Bando per la concessione di: Contributi di mobilità internazionale

a. a 2013/2014 Bando per la concessione di: Contributi di mobilità internazionale Azienda Regionale per il Diritto agli Studi Superiori dell Emilia Romagna a. a 2013/2014 Bando per la concessione di: Contributi di mobilità internazionale Bando di concorso per contributi mobilità internazionale

Dettagli

COMUNE DI LIMBIATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO

COMUNE DI LIMBIATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNE DI LIMBIATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO TRASPORTO DI CITTADINI DISABILI O IN SITUAZIONE DI DISAGIO E NECESSITA. Approvato con atto del Consiglio Comunale N.

Dettagli

COMUNE DI CAMBIANO. Provincia di Torino

COMUNE DI CAMBIANO. Provincia di Torino COMUNE DI CAMBIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO DELLE ASSUNZIONI MEDIANTE MOBILITA ESTERNA VOLONTARIA DA ALTRE AMMINISTRAZIONI 1 - Art. 1 - Ambito di applicazione 3 - Art. 2 - Principi generali 3 -

Dettagli

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale Bandicomuni Bando di concorso per contributi mobilità internazionale approvato con determinazione del Direttore n. 98 del 09/06/2016 SOMMARIO Mobilità internazionale Oggetto art. 1 Importo dei contributi

Dettagli

COPIA. Provincia di PADOVA

COPIA. Provincia di PADOVA COPIA COMUNE DI CASTELBALDO Provincia di PADOVA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n.36 Oggetto: ASSEGNAZIONE DI UN ALLOGGIO DI PROPRIETÀ COMUNALE SITUATO IN VIA GARIBALDI. Soggetta invio ai

Dettagli

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Fontevivo SETTORE: SERVIZI GENERALI E ALLA PERSONA DISCIPLINA ORGANIZZATIVA PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI La presente disciplina: - È stata approvata con deliberazione della Giunta

Dettagli

Casa di Riposo Corti Nemesio. REGOLAMENTO per l inserimento in R.S.A.

Casa di Riposo Corti Nemesio. REGOLAMENTO per l inserimento in R.S.A. Comune di Delebio Provincia di Sondrio Casa di Riposo Corti Nemesio REGOLAMENTO per l inserimento in R.S.A. Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n 10 del 29.03.2007 in vigore dal 1 aprile

Dettagli

Comune di Binasco (Provincia di Milano)

Comune di Binasco (Provincia di Milano) Comune di Binasco (Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI VOLONTARIATO COMUNALE (APPROVATO CON DELIBERAZIONE CC 34 DEL 26.9.2012 ) 1 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità....pag. 3 Art. 2 Ambito

Dettagli

COMUNE di RIPARBELLA

COMUNE di RIPARBELLA COMUNE di RIPARBELLA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Seduta del 1 Ottobre 2015 Verbale n. 56 COPIA OGGETTO: DISPOSIZIONI IN MERITO ALL ATTESTAZIONE IDONEITA ALLOGGIO DI

Dettagli

DISCIPLINA DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

DISCIPLINA DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA COMUNE DI BRESCIA SETTORE SERVIZI SOCIALI E POLITICHE PER LA FAMIGLIA DISCIPLINA DEI CENTRI DI ACCOGLIENZA (deliberazione del Consiglio Comunale 22.12.2011 n. 219/61451 P.G. e deliberazione della Giunta

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per l utilizzazione della palestra e delle attrezzature annesse al centro scolastico della fraz. Piazza Approvato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DI ASSISTENZA E BENEFICENZA

COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DI ASSISTENZA E BENEFICENZA COMUNE DI SAN GIOVANNI IN MARIGNANO Provincia di Rimini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI DI ASSISTENZA E BENEFICENZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL C.C. N 86 DEL 17 dicembre 2012 INDICE ART.

Dettagli

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale

Bando di concorso per contributi mobilità internazionale Bando di concorso per contributi mobilità internazionale Approvato con delibera n. 43 del 30 maggio 2008 SOMMARIO Mobilità internazionale Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Oggetto Importo

Dettagli

COMUNE DI ALA Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RICOVERO PRESSO CASE DI RIPOSO DI PERSONE ANZIANE O INABILI.

COMUNE DI ALA Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RICOVERO PRESSO CASE DI RIPOSO DI PERSONE ANZIANE O INABILI. COMUNE DI ALA Provincia Autonoma di Trento REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI RICOVERO PRESSO CASE DI RIPOSO DI PERSONE ANZIANE O INABILI. Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 84

Dettagli

COMUNE DI COSIO VALTELLINO Provincia di Sondrio REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CASA VACANZE DI SACCO

COMUNE DI COSIO VALTELLINO Provincia di Sondrio REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CASA VACANZE DI SACCO COMUNE DI COSIO VALTELLINO Provincia di Sondrio REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA CASA VACANZE DI SACCO Allegato alla Delibera C.C. 32 del 24.11.2015 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Oggetto del Regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA DI VIMERCATE

REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA DI VIMERCATE REGOLAMENTO DELLA CONSULTA SPORTIVA DI VIMERCATE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 51 del 18 maggio 1998 e modificato con deliberazione del Consiglio comunale n. 19 dell 8 giugno 2004.

Dettagli

CIRCOLO AZIENDALE ACQUEDOTTO PUGLIESE

CIRCOLO AZIENDALE ACQUEDOTTO PUGLIESE CIRCOLO AZIENDALE ACQUEDOTTO PUGLIESE Settore Solidarietà Contributo di solidarietà a favore del personale dipendente di AQP S.p.A. Progetto ADELE Indice Premessa... 3 Criteri... 3 Termini della richiesta...

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE DEL COMUNE DI CISERANO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE DEL COMUNE DI CISERANO Comune di Ciserano REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA SALA PROVE MUSICALE DEL COMUNE DI CISERANO 1 Sommario TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Finalità. Art.2 Soggetti legittimati all'utilizzo. Art.3 Disponibilità

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 13 del 31-03-2015 1 Indice generale Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Piano di intervento per il sostegno abitativo

Piano di intervento per il sostegno abitativo Piano di intervento per il sostegno abitativo Conferenza stampa 23 maggio 2014 La Delibera approvata ieri dalla Giunta capitolina dà il via libera al nuovo Piano di intervento per il sostegno abitativo

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO PIEMONTE Provincia di Salerno AVVISO PER BANCO ALIMENTARE ANNUALITA' 2017 IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLITICHE SOCIALI

COMUNE DI SAN MANGO PIEMONTE Provincia di Salerno AVVISO PER BANCO ALIMENTARE ANNUALITA' 2017 IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLITICHE SOCIALI COMUNE DI SAN MANGO PIEMONTE Provincia di Salerno AVVISO PER BANCO ALIMENTARE ANNUALITA' 2017 IL RESPONSABILE DEL SETTORE POLITICHE SOCIALI - in esecuzione della delibera di GC n. 64 del 13/10/2016 - in

Dettagli

REGOLAMENTO dell ASILO NOTTURNO L. MASSOERO

REGOLAMENTO dell ASILO NOTTURNO L. MASSOERO REGOLAMENTO dell ASILO NOTTURNO L. MASSOERO Approvato con deliberazione del C.C. n. 13 del 12.2.2002 In vigore dal 26.3.2002 PARTE PRIMA Dei servizi in generale Art. 1) Oggetto L Asilo Notturno L. Massoero

Dettagli

IL 5 BANDO EMERGENZA LAVORO

IL 5 BANDO EMERGENZA LAVORO BANDO PER L EROGAZIONE DI UN CONTRIBUTO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO FINALIZZATO ALLA CONTRIBUZIONE PER LA LOCAZIONE DI ALLOGGI IN EDILIZIA PRIVATA Vista l attuale situazione di emergenza sociale dovuta

Dettagli

Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax

Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n Imola Tel Fax Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 4 40026 Imola Tel. 0542-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE DI SOGGIORNI CLIMATICI PER ANZIANI E L ACCESSO ALLA CONTRIBUZIONE COMUNALE Approvato

Dettagli

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di ForlÄ - Cesena

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di ForlÄ - Cesena COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di ForlÄ - Cesena DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE NÄ 122 del 07/08/2014 OGGETTO: AMPLIAMENTO DEL CIMITERO COMUNALE - 1Ä BLOCCO - APPROVAZIONE CRITERI E MODALITA'

Dettagli

AVVISO PREMESSO VISTE:

AVVISO PREMESSO VISTE: AVVISO Evento sismico del 24 agosto 2016. - Manifestazione di interesse per l accoglienza delle persone colpite dal sisma rivolta ai titolari di strutture ricettive del territorio limitrofo alle zone interessate.

Dettagli

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE?

CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? A CHI PUO ESSERE RICONOSCIUTO LO STATUS DI MOROSO INCOLPEVOLE? CHE COS E LA MOROSITÀ INCOLPEVOLE? Il Decreto Legge n. 102 del 31 agosto 2013 - convertito nella legge n. 124 del 28 ottobre 2013 - ha istituito presso il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

ASP Centro servizi alla Persona - Ferrara

ASP Centro servizi alla Persona - Ferrara ASP Centro servizi alla Persona - Ferrara VERBALE DI PROCEDURA COMPARATIVA SERVIZIO ACCOGLIENZA DISABILI ADULTI IN STRUTTURE RESIDENZIALI ACCREDITATE PERIODO DAL 01-04-2016 AL 31-03-2018 L anno 2016 (duemilasedici)

Dettagli

SOGGIORNI MARINI PER ANZIANI REGOLAMENTO. Art.1 Oggetto e ambito di applicazione

SOGGIORNI MARINI PER ANZIANI REGOLAMENTO. Art.1 Oggetto e ambito di applicazione SOGGIORNI MARINI PER ANZIANI REGOLAMENTO Art.1 Oggetto e ambito di applicazione Il servizio di soggiorno marino è costituito dalle seguenti prestazioni rese a favore dei partecipanti e aderenti: a. servizio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 17 DEL REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 17 DEL REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 17 DEL 24-07-2001 REGIONE PUGLIA "Istituzione e disposizioni normative dell'attività ricettiva di Bed \& Breakfast (affittacamere)" Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA N.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI DELLA FONDAZIONE ANTONIO CACCIA E MARIA BURLO GAROFOLO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI DELLA FONDAZIONE ANTONIO CACCIA E MARIA BURLO GAROFOLO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI DELLA FONDAZIONE ANTONIO CACCIA E MARIA BURLO GAROFOLO 1) La Fondazione A. Caccia e M. Burlo Garofolo concede alloggi a famiglie o persone singole residenti nella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI GIOIOSA IONICA (Provincia di Reggio Calabria) Partita IVA 00288960800 - (0964) 51536 - Fax (0964) 410520 REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione

Dettagli

FARMERS MARKET (Legge nr. 296 del 27 dicembre 2006, art. 1 comma 1065, Decreto Ministeriale 20 novembre 2007 e L.R. nr. 12 del 13 luglio 2012)

FARMERS MARKET (Legge nr. 296 del 27 dicembre 2006, art. 1 comma 1065, Decreto Ministeriale 20 novembre 2007 e L.R. nr. 12 del 13 luglio 2012) Servizio AA.PP. REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI FARMERS MARKET (Legge nr. 296 del 27 dicembre 2006, art. 1 comma 1065, Decreto Ministeriale 20 novembre 2007 e L.R. nr. 12

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI COMUNE DI DIZZASCO PROVINCIA DI COMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE POSTI AUTO AI RESIDENTI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 09.07.2005 Modificato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE FIERE LOCALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE FIERE LOCALI COMUNE DI TORINO DI SANGRO PROVINCIA DI CHIETI REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DELLE FIERE LOCALI (approvato con delibera di consiglio comunale n 11 del 30 marzo 2009 e modificato con delibera

Dettagli

COMUNE DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL FONDO DI SOLIDARIETA DI CUI ALL ART. 5 DELLA L.R.C. 14/8/97 N 19

COMUNE DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL FONDO DI SOLIDARIETA DI CUI ALL ART. 5 DELLA L.R.C. 14/8/97 N 19 COMUNE DI NAPOLI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL FONDO DI SOLIDARIETA DI CUI ALL ART. 5 DELLA L.R.C. 14/8/97 N 19 Approvato con Delibera di Giunta Municipale n 306 del 9/2/2000. Per la disciplina di quanto

Dettagli

Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero presso le residenze sanitario assistenziali per anziani (R.S.A.

Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero presso le residenze sanitario assistenziali per anziani (R.S.A. Regolamento per l erogazione dei contributi integrativi delle rette di ricovero presso le residenze sanitario assistenziali per anziani (R.S.A.) Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 4 del 07/05/2015

Dettagli

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE

DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE COMUNE DI OZZANO DELL'EMILIA Provincia di Bologna --- DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE DISPOSIZIONI ATTUATIVE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CON RITO CIVILE INDICE

Dettagli

INDIRIZZI PER LA NOMINA E DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI

INDIRIZZI PER LA NOMINA E DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI 32 INDIRIZZI PER LA NOMINA E DESIGNAZIONE DEI RAPPRESENTANTI DEL COMUNE PRESSO ENTI, AZIENDE ED ISTITUZIONI AMMINISTRAZIONE 2014-2019 APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 108 REG./59 PROP.

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Deliberazione della Giunta Comunale N. 40 del 27/02/2015 OGGETTO: INIZIATIVA CORSO DI CUCINA INTERNAZIONALE. PROVVEDIMENTI. Pubblicata all'albo pretorio

Dettagli

Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030

Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030 Comune di Monte San Vito Provincia di Ancona Codice Comune ISTAT 42030 Oggetto: ASSEGNAZIONE A TITOLO GRATUITO DI PIANTE D'OLIVO STAGIONI 2014-2015-2016 A V V I S O PREMESSO che l Amministrazione comunale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA ED IL FUNZIONAMENTO DELLA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI VIGILANZA SUI LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA CONDUZIONE DI ORTI URBANI

COMUNE DI PISTOIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA CONDUZIONE DI ORTI URBANI COMUNE DI PISTOIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA CONDUZIONE DI ORTI URBANI Approvato con deliberazione CC n 173 del 7/11/2011 1 INDICE Art. 1 Finalità del servizio Art. 2 Procedimento per l assegnazione

Dettagli

COMUNE DI SUCCIVO Provincia di Caserta

COMUNE DI SUCCIVO Provincia di Caserta COMUNE DI SUCCIVO Provincia di Caserta Assessorato Alla Cultura Politiche Giovanili Rapporti Con Le Associazioni Proponente: Assessore Vincenzo Pastena REGOLAMENTO REGISTRO COMUNALE DELLE LIBERE FORME

Dettagli

COMUNE DI PREGANZIOL Provincia di Treviso

COMUNE DI PREGANZIOL Provincia di Treviso COMUNE DI PREGANZIOL Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 46 del 26.7.2010 Indice generale Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE IGIENE E SANITÀ, PREVIDENZA E SICUREZZA SOCIALE, POLITICHE SOCIALI, SPORT; TERRITORIO, AMBIENTE E AGRICOLTURA

COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE IGIENE E SANITÀ, PREVIDENZA E SICUREZZA SOCIALE, POLITICHE SOCIALI, SPORT; TERRITORIO, AMBIENTE E AGRICOLTURA LA COMMISSIONE CONSILIARE PERMANENTE IGIENE E SANITÀ, PREVIDENZA E nelle sedute del 22 aprile e dell 8 maggio 2014 ha esaminato ed approvato in sede referente il progetto di legge Norme che definiscono

Dettagli

CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE

CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE COPIA Deliberazione della Giunta Comunale N. 14 del 18/02/2016 CITTA' DI CALIMERA PROVINCIA DI LECCE Oggetto: Approvazione Convenzione e Progetto Formativo per n. 1 tirocinio di inserimento/reinserimento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA E DEL GONFALONE COMUNE DI LEDRO

REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA E DEL GONFALONE COMUNE DI LEDRO COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento REGOLAMENTO PER L USO DELLO STEMMA E DEL GONFALONE COMUNE DI LEDRO Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 82 di data 12 ottobre 2010 Entrato in vigore

Dettagli

Allegato C.C. n. 047 del REGOLAMENTO DELLA SEZIONE SEPARATA D ARCHIVIO. TITOLO I Dotazione e finalità

Allegato C.C. n. 047 del REGOLAMENTO DELLA SEZIONE SEPARATA D ARCHIVIO. TITOLO I Dotazione e finalità Allegato C.C. n. 047 del 24.09.1997 REGOLAMENTO DELLA SEZIONE SEPARATA D ARCHIVIO TITOLO I Dotazione e finalità ART. 1 - La separata sezione d Archivio del Comune di Lunamatrona è costituita dalle seguenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI SOCIALI PER MINORI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI SOCIALI PER MINORI COMUNE DI ARENZANO PROVINCIA DI GENOVA Ufficio Politiche sociali e abitative REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI SOCIALI PER MINORI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 21/03/2012 INDICE

Dettagli

Comune di Roncegno Terme Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE

Comune di Roncegno Terme Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE Comune di Roncegno Terme Provincia di Trento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER IL MIGLIORAMENTO AMBIENTALE Approvato con deliberazione consiliare n. 62 di data 13/9/2006 Il Sindaco Il Segretario

Dettagli

COMUNE DI MONCLASSICO PROVINCIA DI TRENTO. OGGETTO: Schema di convenzione tra il Comune di Monclassico

COMUNE DI MONCLASSICO PROVINCIA DI TRENTO. OGGETTO: Schema di convenzione tra il Comune di Monclassico COMUNE DI MONCLASSICO PROVINCIA DI TRENTO Registro n. / Atti Privati OGGETTO: Schema di convenzione tra il Comune di Monclassico ed il Comune di Caldes per l utenza del nido d infanzia comunale di Monclassico.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI. Approvato con deliberazione C.C. n. 9 del 01/04/2014

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI. Approvato con deliberazione C.C. n. 9 del 01/04/2014 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione C.C. n. 9 del 01/04/2014 ART. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento detta le modalita di celebrazione

Dettagli

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI RAGALNA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 30.12.2015 N. 125 OGGETTO: Utilizzo in convenzione ex art 14 CCNL 2004 di una unita di personale Cat. C4 Istruttore di Polizia Municipale,

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA)

COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) COMUNE DI PONTEDERA (PROVINCIA DI PISA) BANDO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ALLOGGI ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Indetto ai sensi degli artt. 19-20-21-22 della L.R. 20.12.1996

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA ESTERNA ED INTERNA

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA ESTERNA ED INTERNA COMUNE DI DISO PROVINCIA DI LECCE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE I CRITERI E LE MODALITA DI GESTIONE DELLA MOBILITA ESTERNA ED INTERNA (approvato con deliberazione G.C. n. 71 del 18.09.2012) Art. 1 Principi

Dettagli

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA CITTA' SERVIZI AI CITTADINI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE

COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA SERVIZI ALLA CITTA' SERVIZI AI CITTADINI PROVVEDIMENTO DIRIGENZIALE Settore: SC Proponente: 16 Proposta: 2015/58 Classifica: del 14/02/2015 COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA R.U.A.D. 195 del 14/02/2015 SERVIZI ALLA CITTA' SERVIZI AI CITTADINI Dirigente: BEVILACQUA Dr. Alberto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI All. sub A alla delibera di C.C. n. 06 del 17.02.2004 COMUNE DI MARENO DI PIAVE PROVINCIA DI TREVISO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELLE COMMISSIONI COMUNALI Art. 1 - Oggetto del regolamento 1. Il presente

Dettagli

COMUNE DI UMBERTIDE (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

COMUNE DI UMBERTIDE (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI UMBERTIDE (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con Delibera di C.C. n. 8 del 17 aprile 2016 1 Indice Art. 1 : Oggetto e finalità del

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA MOBILITA

REGOLAMENTO PER LA MOBILITA Documento allegato come parte integrante e sostanziale alla deliberazione dell Ufficio di Presidenza n. 138 del 10 dicembre 09 REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE REGOLAMENTO PER LA MOBILITA DIREZIONE

Dettagli

Comune di Acquaviva Picena Provincia di Ascoli Piceno ECONOMATO RAGIONERIA SERVIZI SOCIALI TRIBUTI

Comune di Acquaviva Picena Provincia di Ascoli Piceno ECONOMATO RAGIONERIA SERVIZI SOCIALI TRIBUTI Comune di Acquaviva Picena Provincia di Ascoli Piceno ECONOMATO RAGIONERIA SERVIZI SOCIALI TRIBUTI Allegato B alla deliberazione di G.C. n. 94 del 22/09/2011 LEGGE 431 DEL 09/12/1998 ART. 11 FONDO SOCIALE

Dettagli

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra

COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra COPIA COMUNE DI LANUSEI Provincia dell'ogliastra DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 20 DEL 13/03/2014 OGGETTO: ATTUAZIONE DELIBERAZIONE G.R. N. 47/2013 - SUSSIDI UNA TANTUM DI NATURA STRAORDINARIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE

REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE REGOLAMENTO PER LA TENUTA DELL ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 79 del 24/09/2013 e modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 82 del 17/11/2015

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Servizio Didattica Ufficio Diritto allo studio e servizi agli studenti Rep. N. 539 Anno 2015 Tit. V Cl. 5 Fasc. 34 N. Allegati 4 Rif. it/vc/pp/fr Oggetto: presso il Collegio Universitario Carlo Cattaneo

Dettagli

COMUNE DI MORANO SUL PO

COMUNE DI MORANO SUL PO COMUNE DI MORANO SUL PO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO DEL BARATTO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera Giunta Comunale n. 2 del 18.01.2016 Art.1 Riferimenti legislativi L art.24 della legge n.164

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST

SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST SEGNALAZIONE CERTIFICATA INIZIO ATTIVITA (S.C.I.A.) DI BED AND BREAKFAST AL COMUNE DI FOSSATO DI VICO UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE Il sottoscritto: Cognome Nome C.F. Sesso M _ F _ Data di nascita: cittadinanza

Dettagli

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Comune di Padova REGOLAMENTO PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 7 marzo 2016 1 INDICE GENERALE Art. 1 - Oggetto e finalità Art. 2 - Funzioni

Dettagli

BANDO PUBBLICO MISURE ANTI CRISI SOSTEGNO ECONOMICO STRAORDINARIO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA

BANDO PUBBLICO MISURE ANTI CRISI SOSTEGNO ECONOMICO STRAORDINARIO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA All.1 BANDO PUBBLICO MISURE ANTI CRISI SOSTEGNO ECONOMICO STRAORDINARIO ALLE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA L Amministrazione Comunale di Sarezzo rende noto che con Delibera Giunta Comunale n. 51 del 09/04/2009,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO 1. FINALITA E OGGETTO DELL AVVISO

AVVISO PUBBLICO 1. FINALITA E OGGETTO DELL AVVISO AVVISO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI REGIONALI DI SOLIDARIETA PER L ANNO 2016 AI NUCLEI FAMILIARI ASSEGNATARI DI SERVIZI ABITATIVI PUBBLICI DI PROPRIETA DEI COMUNI DI: BUSTO ARSIZIO LUINO (PROV.

Dettagli

C O M U N E D I O P E R A REGOLAMENTO COMUNALE SOGGIORNI PER ANZIANI E DISABILI

C O M U N E D I O P E R A REGOLAMENTO COMUNALE SOGGIORNI PER ANZIANI E DISABILI C O M U N E D I O P E R A P R O V I N C I A D I M I L A N O REGOLAMENTO COMUNALE SOGGIORNI PER ANZIANI E DISABILI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 27 FEBBRAIO 1996 MODIFICATO CON

Dettagli

DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI TIVOLI RMG3 Comune di Tivoli - Capofila

DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI TIVOLI RMG3 Comune di Tivoli - Capofila DISTRETTO SOCIO SANITARIO DI TIVOLI RMG3 Comune di Tivoli - Capofila COMUNI DI: CASAPE, CASTEL MADAMA, CERRETO LAZIALE, CICILIANO, GERANO, LICENZA, MANDELA, PERCILE, PISONIANO, POLI, ROCCAGIOVINE, SAMBUCI,

Dettagli

BANDO Corso di informatica finalizzato all acquisizione della Patente Europea ECDL

BANDO Corso di informatica finalizzato all acquisizione della Patente Europea ECDL ALLEGATO A2 BANDO Corso di informatica finalizzato all acquisizione della Patente Europea ECDL IMPORTO CONTRIBUTO: 3.000,00 pari al 90% della spesa complessiva prevista per l iniziativa. SCOPO dell iniziativa:

Dettagli

Regolamento per l'utilizzo nuovi spazi culturali in edifici di proprietà dell'amministrazione Comunale. Art. 1. Art. 2

Regolamento per l'utilizzo nuovi spazi culturali in edifici di proprietà dell'amministrazione Comunale. Art. 1. Art. 2 Regolamento per l'utilizzo nuovi spazi culturali in edifici di proprietà dell'amministrazione Comunale Art. 1 Il presente regolamento disciplina l uso dei seguenti locali: a) Salette al primo piano nuovo

Dettagli

AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA EX PROVINCIA OLBIA TEMPIO Legge Regionale 12 marzo 2015, n. 7 Delibera Giunta Regionale n.14/8 del 8.4.

AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA EX PROVINCIA OLBIA TEMPIO Legge Regionale 12 marzo 2015, n. 7 Delibera Giunta Regionale n.14/8 del 8.4. AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA EX PROVINCIA OLBIA TEMPIO Legge Regionale 12 marzo 2015, n. 7 Delibera Giunta Regionale n.14/8 del 8.4.2015 Settore 4 CENTRO SERVIZI PER IL LAVORO DI OLBIA CONVENZIONE TRA

Dettagli

Comune di Biccari Provincia di Foggia REGOLAMENTO CIRCOLO ANZIANI

Comune di Biccari Provincia di Foggia REGOLAMENTO CIRCOLO ANZIANI Comune di Biccari Provincia di Foggia REGOLAMENTO CIRCOLO ANZIANI Art. 1 Principi generali Il funzionamento del Circolo Anziani istituito dal Comune di Biccari è disciplinato dal presente Regolamento.

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli COPIA COMUNE DI GRAGNANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA (nominata con DPR del 30-03-2012) n. 49 del 05-03-2014 OGGETTO: Concessione Patrocinio morale all Associazione ANPANA -

Dettagli