Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica"

Transcript

1 Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2015 Pubblicato in data 30 luglio

2 INDICE 1. Introduzione Situazione Operatori TEE emessi Transazioni di TEE Titoli movimentati Transazioni sul mercato organizzato Prezzi e volatilità Analisi domanda/offerta Transazioni bilaterali

3 1. Introduzione Il presente rapporto di monitoraggio del Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica (TEE), relativo al primo semestre 2015, viene redatto in applicazione del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico 28 dicembre 2012 (art.11). Riferimenti normativi: DD.MM. 20 luglio 2004 D.M. 21 dicembre 2007 Delibera AEEG n. 345/07 D. Lgs. 30 maggio 2008 n. 115 Delibera AEEG 11 febbraio 2009 EEN 1/09 Delibera AEEG 27 ottobre 2011 EEN 9/11 Delibera AEEG 14 febbraio /213/R/EFR Deliberazione 13 marzo 2014 AEEGSI - 107/2014/R/EFR Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge di stabilità 2015 reverse charge) Deliberazione 616/2014/R/efr (nuove funzionalità del mercato dei TEE) 2. Situazione Operatori Al 30 giugno 2015 gli operatori iscritti al Registro TEE, gestito dal Gestore dei Mercati Energetici (GME) erano Al 31 dicembre 2014 gli operatori iscritti al Registro TEE risultavano pari a Nel corso del primo semestre 2015 si è pertanto registrato un incremento del numero di operatori pari a 173. Dei operatori iscritti al Registro, 955 hanno richiesto ed ottenuto la qualifica di operatori di mercato (836 al 31 dicembre 2014), con un aumento di 119 operatori iscritti nel primo semestre

4 3. TEE emessi I titoli emessi dal GME nel primo semestre 2015, previa autorizzazione da parte del Gestore dei Servizi Energetici (GSE) 1, sono stati , di cui: del tipo I (attestanti risparmi di energia elettrica); del tipo II (attestanti risparmi di gas); di tipo II-CAR (attestanti interventi di risparmio energetico ottenuti su impianti di cogenerazione ad alto rendimento); del tipo III (attestanti risparmi di energia primaria); 56 del tipo IV (attestanti il conseguimento di risparmi di forme di energia diverse dall'elettricità e dal gas naturale, realizzati nel settore dei trasporti e valutati con le modalità previste dall'articolo 30 del D.Lgs n. 28/11). Il totale dei titoli emessi dall avvio dell operatività del registro dei TEE al 30 giugno 2015 è pari a di cui: del tipo I (energia elettrica); del tipo II (gas); del tipo II-CAR (cogenerazione alto rendimento); del tipo III (energia primaria): 985 del tipo IV (trasporti) 1 L art.5 del D.M. 28 dicembre 2012 ha previsto il trasferimento dall AEEG al GSE delle attività di gestione, valutazione e certificazione dei risparmi correlati a progetti di efficienza energetica condotti nell ambito del meccanismo dei certificati bianchi. 4

5 4. Transazioni di TEE 4.1 Titoli movimentati Il totale dei titoli movimentati nel primo semestre del 2015 risulta pari a , di cui scambiati attraverso il mercato organizzato e attraverso contratti bilaterali. Dei titoli negoziati tramite contratti bilaterali, sono relativi a scambi tra società dello stesso gruppo (12,08 %). Nella prima metà del 2015, il volume totale degli scambi risulta in diminuzione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno di titoli, mentre gli obblighi di risparmio di energia primaria relativi al 2014, da raggiungere entro maggio 2015, sono aumentati passando da 5,51 milioni nel 2013 a 6,75 nel Per ciò che riguarda la liquidità del mercato organizzato, nel corso del 2015 la percentuale di scambi avvenuti nella sede organizzata dal GME sul totale degli scambi, è aumentata al 38,86% rispetto al 32,23% registrato nello stesso periodo del 2014; di conseguenza, la percentuale di scambi sulla piattaforma dei bilaterali è diminuita, passando al 61,14% rispetto al 67,77 % del I semestre Al netto degli scambi infragruppo, la percentuale delle transazioni di mercato nel primo semestre 2015 è stata pari al 44,20 % (38,29% nel I semestre 2014), contro una percentuale di transazioni bilaterali non infragruppo pari al 55,80 % (61,71% nel I semestre 2014). 4.2 Transazioni sul mercato organizzato Il numero totale di TEE scambiati nel primo semestre 2015 sul mercato organizzato e gestito dal GME risulta pari a Nel corso del semestre in esame sono state organizzate 25 sessioni di mercato. I dati di sintesi delle sessioni di mercato relative al I semestre sono i seguenti: 5

6 Tabella 1 MERCATO Tipo I Tipo II Tipo II Car Tipo III Tipo V Tipo I Tipo II Tipo II Car Tipo III Tipo V Volumi TEE scambiati (n.tee) Controvalore ( ) Prezzo minimo ( /TEE) 90,00 97,00 98,10 97,00 103,98 Prezzo massimo ( /TEE) 110,00 109,50 109,50 109,50 104,00 Prezzo medio ( /TEE) 103,95 103,62 103,84 104,00 104,00 Il prezzo medio ponderato è calcolato moltiplicando il prezzo di ciascuna transazione per il corrispondente volume e dividendo la somma di detti valori per il totale dei volumi scambiati. Il prezzo medio ponderato relativo a tutte le transazioni sul mercato organizzato, nel periodo in esame prescindendo dalla tipologia, è stato pari a 103,77 (119,38 nel primo semestre 2014). 4.3 Prezzi e volatilità L andamento dei prezzi medi dei TEE nel primo semestre 2015 è rappresentato dal seguente grafico: Grafico1 /tep 112 Tipo I Tipo II Tipo II Car Tipo III Tipo V Contributo Tariffario Prev gen 20-gen 27-gen 3-feb 10-feb 17-feb 24-feb 3-mar 10-mar 17-mar 24-mar 31-mar 8-apr 14-apr 21-apr 28-apr 5-mag 12-mag 19-mag 26-mag 29-mag 4-giu 9-giu 16-giu 23-giu data sessione mercato 6

7 Nel corso del primo semestre 2015, i prezzi dei TEE hanno dapprima registrato un andamento in crescita sino al picco del mese di febbraio (109,99 Tee di Tipo II CAR), probabilmente a causa della necessità degli operatori di approvvigionarsi dei TEE necessari al raggiungimento dell obbligo 2014, per poi scendere e proseguire attorno al range 101,00 104,00. Rispetto al valore del contributo tariffario preventivo 2014 Del AEEGSI del 2 luglio 2014 pari a 110,39 (indicato nel grafico), la media dei prezzi registrati sulla piattaforma risulta inferiore, grazie alla percezione da parte degli operatori di un offerta congrua rispetto alle necessità per l adempimento dell obbligo. Infatti, per ciò che concerne la situazione delle emissioni dei titoli rispetto alla domanda dei soggetti obbligati, si segnala che il numero di TEE emessi dall inizio del meccanismo a fine maggio 2015 è stato pari a circa 34,65 milioni di TEE, a fronte di un quantitativo di TEE cumulato necessario ai soggetti obbligati per gli adempimenti 2014, in scadenza a maggio 2015, pari a 34,37 milioni di TEE (si veda la tabella seguente). Anno di obbligo Obblighi effettivi Distributori Energia Elettrica (mln di TEE) Obblighi effettivi Distributori Gas (mln di TEE) Totale Totale cumulato per l'adempimento (mln di TEE) Titoli emessi dall'inizio del meccanismo (mln di TEE) ,1 0,06 0,16 0, ,19 0,12 0,31 0, ,39 0,25 0,64 1,11 1, ,2 1 2,2 3,31 2, ,8 1,4 3,2 6,51 5, ,4 1,9 4,3 10,81 8, ,1 2,2 5,3 16,11 11, ,5 2,5 6 22,11 17, ,03 2,48 5,51 27,62 23, ,71 3,04 6,75 34,37 32, ,26 3,49 7,75 42,12 34, ,23 4,28 9,51 51,63 " Fonte: eleborazioni in base al Decreto Interministeriale del Il quantitativo cumulato di TEE necessario per coprire le necessità dei distributori obbligati è stato quindi in linea con i titoli complessivamente emessi. Per ciò che riguarda la volatilità sul mercato organizzato, è stata effettuata un analisi calcolando la variazione percentuale dei prezzi medi ponderati di ciascuna sessione di mercato del primo semestre 2015, rispetto alla sessione precedente, relativamente alle singole tipologie di titoli. Si riportano di seguito i grafici relativi agli scostamenti percentuali: 7

8 Grafico 2 4,0% Tipo I 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% -0,5% -1,0% -1,5% -2,0% 13-gen 20-gen 27-gen 3-feb 10-feb 17-feb 24-feb 3-mar 10-mar 17-mar 24-mar 31-mar 8-apr 14-apr 21-apr sessioni I Semestre apr 5-mag 12-mag 19-mag 26-mag 29-mag 4-giu 9-giu 16-giu 23-giu Grafico 3 4,0% Tipo II 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% -0,5% -1,0% -1,5% -2,0% 13-gen 20-gen 27-gen 3-feb 10-feb 17-feb 24-feb 3-mar 10-mar 17-mar 24-mar 31-mar 8-apr 14-apr 21-apr sessioni I Semestre apr 5-mag 12-mag 19-mag 26-mag 29-mag 4-giu 9-giu 16-giu 23-giu 8

9 Grafico 4 5,0% 4,5% 4,0% 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% -0,5% -1,0% -1,5% -2,0% Tipo II Car 13-gen 20-gen 3-feb 10-feb 17-feb 24-feb 3-mar 10-mar 17-mar 24-mar 31-mar 8-apr 14-apr 21-apr sessioni I Semestre apr 5-mag 12-mag 19-mag 26-mag 29-mag 4-giu 9-giu 16-giu Grafico 5 4,0% Tipo III 3,5% 3,0% 2,5% 2,0% 1,5% 1,0% 0,5% 0,0% -0,5% -1,0% -1,5% -2,0% 13-gen 20-gen 27-gen 3-feb 10-feb 17-feb 24-feb 3-mar 10-mar 17-mar 24-mar 31-mar 8-apr 14-apr 21-apr sessioni I Semestre apr 5-mag 12-mag 19-mag 26-mag 29-mag 4-giu 9-giu 16-giu 23-giu Gli scostamenti percentuali registrati rispetto al prezzo medio per tutte le tipologie, evidenziano nella prima parte dell anno una volatilità positiva, con valori che arrivano a toccare 9

10 quasi il 4%. Minori sono state le variazioni negative, con percentuali che non sono andate oltre il -1,5%. Dal mese di aprile fino alla fine del periodo in esame, probabilmente grazie ad una percezione del sostanziale equilibrio tra titoli necessari per l adempimento dell obbligo e titoli emessi, si è invece registrata una minore oscillazione dei prezzi, la quale si è mantenuta attorno a ± 0,5%. 4.4 Analisi domanda/offerta Con riferimento all insieme delle tipologie di titoli scambiati sul mercato organizzato, si è proceduto ad un analisi sulla concentrazione della domanda e dell offerta. Dal punto di vista della concentrazione lato domanda, i primi 3 operatori hanno rappresentato il 49,3 % della domanda di titoli, in diminuzione rispetto al 56,3 % del primo semestre 2014, mentre i primi 10 operatori hanno rappresentato il 73,6 %, in diminuzione rispetto all 79,3% relativo al I semestre Per ciò che riguarda, invece, la concentrazione lato offerta, i primi 3 operatori hanno rappresentato il 13,5 %, in leggera diminuzione rispetto al 14,0% del primo semestre 2014, mentre i primi 10 operatori hanno rappresentato il 30,4 %, anch essa in diminuzione rispetto al 40,0% del primo semestre Tabella 2 Quote di mercato operatori Acquirenti Venditori Primi 3 49,3% 13,5% Primi 10 73,6% 30,4% 10

11 Grafico 5 Quote di mercato primi 10 operatori lato domanda I semestre % 31,6% 30% 25% 20% 15% 11,7% 10% 5% 6,0% 5,8% 5,2% 3,1% 3,0% 2,7% 2,6% 2,0% 0% Grafico 6 Quote di mercato primi 10 operatori lato offerta I semestre

12 8% 7% 6,7% 6% 5% 4% 3% 2% 3,4% 3,4% 3,1% 3,0% 2,4% 2,4% 2,2% 2,0% 1,9% 1% 0% L analisi effettuata conferma il maggior grado di concentrazione della domanda rispetto a quello dell offerta, in linea con quanto osservato nei periodi precedenti. Nel dettaglio, tuttavia, si osserva una riduzione della quota percentuale della domanda dei primi 3 operatori lato acquisto, rappresentata da soggetti obbligati (dal 56,3 % del primo semestre 2014 al 49,3 % del I semestre 2015) e lato vendita, rappresentata soprattutto da ESCO, (dal 14% del primo semestre 2014 e 13,5 % del I semestre 2015). Per quanto riguarda la quota di mercato dei primi 10 operatori lato acquisti, si conferma anche qui la diminuzione, anche se meno accentuata (dal 79,3% del primo semestre 2014, al 73,6 % del primo semestre 2015), mentre l andamento della quota percentuale dei primi 10 venditori, si attesta nel periodo in considerazione a 30,4 %, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno (40%). La tendenza ad una minore concentrazione delle quote di mercato conferma il processo di maturazione del mercato stesso, a beneficio dell efficienza nel processo di formazione dei prezzi. Per quanto riguarda, infine, il numero di operatori che hanno effettuato almeno una transazione sul mercato organizzato, dal lato della domanda, gli operatori che hanno negoziato TEE in acquisto sono risultati in numero pari a 69, in aumento rispetto ai 59 del 12

13 primo semestre 2014, mentre, lato vendita, sono 437 gli operatori che hanno effettuato almeno una transazione dei TEE, in aumento rispetto ai 333 del primo semestre Transazioni bilaterali Il numero totale di TEE scambiati bilateralmente nel primo semestre 2015 risulta pari a , di cui: di Tipo I; di Tipo II; di Tipo II-CAR di Tipo III. Nel periodo 1 gennaio 30 giugno 2015, i dati di sintesi delle transazioni bilaterali registrate sono riportati nella seguente tabella 3: Tabella 3 OTC Tipo I Tipo II Tipo II Car Tipo III Tipo I Tipo II Tipo II Car Tipo III Volumi TEE scambiati (n.tee) Prezzo minimo ( /TEE) 0,00 0,00 0,00 0,00 Prezzo massimo ( /TEE) 128,80 128,80 110,39 128,80 Prezzo medio ( /TEE) 101,89 91,72 102,08 103,57 Di seguito vengono riportati i grafici con la distribuzione delle transazioni bilaterali per classi di prezzo, relativa a tutte le tipologie di titoli: Grafico 6 13

14 tep Bilaterali per classi di prezzo ,00-9, , , , , , , , ,99 classi di prezzo ( /tep) 90-99, , , , , , La media ponderata dei prezzi di tutte le transazioni bilaterali nel corso del I semestre 2015 è risultata pari a 95,92 inferiore alla media relativa allo stesso periodo nel mercato organizzato, pari a 103,77. La differenza tra le due medie si riduce qualora si escludano le transazioni bilaterali registrate a prezzo zero, nel qual caso la media dei bilaterali sale a 103,66, inferiore di 0,11 rispetto al prezzo medio del mercato. La media dei prezzi delle transazioni bilaterali eseguite solo tra società dello stesso gruppo è risultata pari a 101,43.Infine, la media dei prezzi delle transazioni bilaterali con l esclusione di quelli a prezzo 0 e degli scambi infragruppo è risultata pari a 103,38. Per quanto riguarda la distribuzione dei prezzi dei contratti bilaterali rispetto alla media dei prezzi del mercato organizzato, il 92,03 % dei volumi bilaterali si concentra attorno ad un intervallo compreso tra +/- 10% rispetto alla media del mercato organizzato, in aumento rispetto al primo semestre 2014 (49,49 %). Detta percentuale sale al 92,32 % considerando l intervallo a +/- 20% del prezzo medio di mercato (94,25 % nel primo semestre 2014). Considerando le transazioni bilaterali al netto degli scambi infragruppo, la percentuale è pari al 91,04 % relativamente all intervallo compreso tra +/- 10% rispetto alla media del mercato 14

15 organizzato e ed è pari al 91,24 % considerando l intervallo +/- 20% del prezzo medio di mercato. Nel grafico successivo si riassumono, infine, gli andamenti dei volumi, dei prezzi, delle emissioni cumulate GME (istogramma in grigio) e del contributo tariffario 2014/2015 sia nel mercato organizzato che bilaterali nel corso del primo semestre 2015: Grafico 7 tep TEE approvati dal GME Volumi bilaterali Volumi Mercato Prezzo medio bilaterale Prezzo medio mercato Contributo tariffario /tep Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno 0 15

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2016 Pubblicato in data 19 Luglio 2016 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2014 Pubblicato in data 21 luglio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2016 Pubblicato in data 27 gennaio 2017 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2013 Pubblicato in data 22 luglio 2013 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2012 Pubblicato in data 28 Gennaio 2013 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2009 Pubblicato in data 13 gennaio 2010 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Situazione Operatori...3 3. TEE emessi...3

Dettagli

Il Mercato TEE. Principali risultati nel corso del Silvia Marrocco. Rimini, 10 novembre 2011

Il Mercato TEE. Principali risultati nel corso del Silvia Marrocco. Rimini, 10 novembre 2011 Il Mercato TEE Principali risultati nel corso del 2011 Silvia Marrocco Rimini, 10 novembre 2011 2 INDICE Tee emessi Andamento TEE (gennaio- settembre 2011 vs gennaio settembre 2010) Scambi sul mercato

Dettagli

Anna Autore Gestione mercati per l ambiente FIRE

Anna Autore Gestione mercati per l ambiente FIRE Anna Autore Gestione mercati per l ambiente FIRE Rimini, 8 novembre 2013 Dal progetto ai TEE Definizione del progetto 0 1 2 3 4 5 Approvazione del progetto da parte di GSE* Realizzazione Progetto Risparmio

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2015 Pubblicato in data 3 febbraio 2016 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Anna Autore. Gestione mercati per l ambiente FIRE Rimini, 8 novembre

Anna Autore. Gestione mercati per l ambiente FIRE Rimini, 8 novembre Anna Autore Gestione mercati per l ambiente FIRE Rimini, 8 novembre 2013-1 - Dal progetto ai TEE Definizione del progetto 0 1 2 3 4 5 Approvazione del progetto da parte di GSE* Realizzazione Progetto Risparmio

Dettagli

L andamento del mercato TEE

L andamento del mercato TEE L andamento del mercato TEE Anna Autore Mercati per l Ambiente FIRE Roma, 19 marzo 2015 Dal progetto ai TEE Definizione del progetto 0 1 2 3 4 5 Approvazione del progetto da parte di GSE* Realizzazione

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2014 Pubblicato in data 02 febbraio 2015 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale I semestre 2012 Pubblicato in data 17 luglio 2012 1 INDICE 1. Introduzione...3 2. Situazione Operatori...3 3. TEE emessi...3

Dettagli

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica

Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica Rapporto di monitoraggio semestrale II semestre 2013 Pubblicato in data 30 gennaio 2014 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Situazione Operatori... 3 3. TEE emessi...

Dettagli

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano. Trend del rimborso in tariffa e altre considerazioni

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano. Trend del rimborso in tariffa e altre considerazioni 5 a conferenza annuale Fire Roma, 12 aprile 2016 Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano Trend del rimborso in tariffa e altre considerazioni Marco De Min Direzione Mercati

Dettagli

Allegato A Articolo 1 anno d obbligo anno d obbligo corrente contributo tariffario unitario CSEA deliberazione 435/2017/R/efr

Allegato A Articolo 1 anno d obbligo anno d obbligo corrente contributo tariffario unitario CSEA deliberazione 435/2017/R/efr REGOLE PER LA DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO A COPERTURA DEI COSTI SOSTENUTI DAI DISTRIBUTORI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS NATURALE SOGGETTI AGLI OBBLIGHI NELL AMBITO DEL MECCANISMO DEI TITOLI DI

Dettagli

Certificati bianchi: il mercato dei TEE a cura di Fire. contributo tariffario e aspetti di mercato

Certificati bianchi: il mercato dei TEE a cura di Fire. contributo tariffario e aspetti di mercato Key Energy 2016 Rimini, 10 novembre 2016 Certificati bianchi: il mercato dei TEE a cura di Fire contributo tariffario e aspetti di mercato Marco De Min Direzione Mercati Autorità per l Energia Elettrica

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 LUGLIO 2017 514/2017/R/EFR APPROVAZIONE DELL AGGIORNAMENTO DELLE REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (CERTIFICATI BIANCHI) AI SENSI DELLA DELIBERAZIONE

Dettagli

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano 4 a Conferenza annuale Fire Roma, 19 marzo 2015 Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano Trend del rimborso in tariffa e altre considerazioni Marco De Min Direzione Mercati

Dettagli

Stati Generali dell Energia in Toscana

Stati Generali dell Energia in Toscana Stati Generali dell Energia in Toscana Firenze, 14 dicembre 2006 Il contributo dell uso efficiente dell energia al conseguimento degli obiettivi di politica energetica: evidenza dal meccanismo dei certificati

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI AGOSTO 2007

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CERTIFICATI BIANCHI: SITUAZIONE E PROSPETTIVE IN ITALIA

EFFICIENZA ENERGETICA E CERTIFICATI BIANCHI: SITUAZIONE E PROSPETTIVE IN ITALIA EFFICIENZA ENERGETICA E CERTIFICATI BIANCHI: SITUAZIONE E PROSPETTIVE IN ITALIA Roberto Malaman Direttore Generale Questa presentazione non è un documento ufficiale dell AEEG Il nuovo contesto normativo

Dettagli

Roberto Malaman. Direttore Generale. Autorità per l energia elettrica e il gas. Autorità per l'energia elettrica e il gas 1

Roberto Malaman. Direttore Generale. Autorità per l energia elettrica e il gas. Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 Importanza dell efficienza energetica fonte:

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE MERCATI RETAIL E TUTELA DEI CONSUMATORI DI ENERGIA DELL AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE MERCATI RETAIL E TUTELA DEI CONSUMATORI DI ENERGIA DELL AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE DMRT/EFC/4/2018 DETERMINAZIONE 22 GIUGNO 2018 DEFINIZIONE, IN MATERIA DI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA, DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO DEFINITIVO PER L ANNO D OBBLIGO 2017 E DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO DI RIFERIMENTO

Dettagli

"Speciale Energia Rinnovabile" Principali indicatori relativi ai diversi meccanismi di incentivazione delle fonti rinnovabili

Speciale Energia Rinnovabile Principali indicatori relativi ai diversi meccanismi di incentivazione delle fonti rinnovabili "Speciale Energia Rinnovabile" Principali indicatori relativi ai diversi meccanismi di incentivazione delle fonti rinnovabili Roma, 20 gennaio Evoluzione Il contesto I meccanismi di incentivazione Il Gestore

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 5 DICEMBRE 2017 847/2017/R/EFR APPROVAZIONE DEI CORRISPETTIVI, RELATIVI ALL ANNO 2018, PER IL FUNZIONAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E DELLE PIATTAFORME DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI

Dettagli

Certificati bianchi: passato e futuro prossimo

Certificati bianchi: passato e futuro prossimo Il futuro dei mercati ambientali alla luce dei recenti sviluppi delle politiche comunitarie Assolombarda, Milano, 3 aprile 2008 Certificati bianchi: passato e futuro prossimo Marcella Pavan Responsabile

Dettagli

L AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE

L AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE DELIBERAZIONE 9 OTTOBRE 2018 501/2018/R/EFR APPROVAZIONE DELL AGGIORNAMENTO DEL REGOLAMENTO DELLE TRANSAZIONI BILATERALI E DELLE REGOLE DI FUNZIONAMENTO DEL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano. Contributo tariffario: criticità e proposte dell Autorità

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano. Contributo tariffario: criticità e proposte dell Autorità 6 a conferenza annuale Fire Milano, 30 maggio 2017 Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano Contributo tariffario: criticità e proposte dell Autorità Marco De Min Direzione

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 14 SETTEMBRE 2017 634/2017/R/EFR GRADUALITÀ NELL APPLICAZIONE DELLE REGOLE DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 435/2017/R/EFR E APPROVAZIONE DELL AGGIORNAMENTO

Dettagli

NUOVI SCENARI: MERCATO DELL ENERGIA

NUOVI SCENARI: MERCATO DELL ENERGIA NUOVI SCENARI: MERCATO DELL ENERGIA 19 aprile 2007 Indice Il mercato dell energia Mercato Titoli di Efficienza Energetica (TEE) Mercato Certificati Verdi (CV) 2 Il mercato dell energia 3 PRODUZIONE TRASPORTO

Dettagli

Nuovi obiettivi per i certificati bianchi

Nuovi obiettivi per i certificati bianchi keyenergy - Fire Nuovi obiettivi per i certificati bianchi il DCO dell AEEG sul rimborso in tariffa Marco De Min Direz. Mercati Elettricità e Gas - Autorità per l Energia Elettrica e il Gas unità Produzione

Dettagli

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA

I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA I CERTIFICATI BIANCHI PER LA PROMOZIONE DELL EFFICIENZA ENERGETICA IN ITALIA Roberto Malaman Direttore Generale Autorità per l'energia elettrica e il gas 1 Principali innovazioni negli strumenti di policy

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2008

Dettagli

Efficienza energetica, fonti rinnovabili e domanda di energia

Efficienza energetica, fonti rinnovabili e domanda di energia Efficienza energetica, fonti rinnovabili e domanda di energia Costantino Lato Direttore Efficienza e Energia Termica La domanda di energia continua a calare: dato congiunturale o strutturale? Roma 19 Marzo

Dettagli

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL

ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL ANDAMENTO DEL PREZZO DEL GPL IN PROVINCIA DI PERUGIA Ottobre 2015 ooo A cura dell Ufficio Prezzi Camera di Commercio di Perugia Indice Introduzione pag. 5 I prezzi del GPL nel I semestre 2015 - Sintesi

Dettagli

L AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE

L AUTORITÀ DI REGOLAZIONE PER ENERGIA RETI E AMBIENTE DELIBERAZIONE 5 DICEMBRE 2018 633/2018/R/EFR APPROVAZIONE DEI CORRISPETTIVI, RELATIVI ALL ANNO 2019, PER IL FUNZIONAMENTO DEI MERCATI ORGANIZZATI E DELLE PIATTAFORME DI REGISTRAZIONE DEGLI SCAMBI BILATERALI

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE MERCATI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE MERCATI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DMEG/EFR/9/2014 DETERMINA 30 GIUGNO 2014 DEFINIZIONE, IN MATERIA DI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA, DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO DEFINITIVO PER L ANNO D OBBLIGO 2013 E DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO PREVENTIVO

Dettagli

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE MERCATI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

IL DIRETTORE DELLA DIREZIONE MERCATI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DMEG/EFR/11/2016 Determina 16 giugno 2016 DEFINIZIONE, IN MATERIA DI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA, DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO DEFINITIVO PER L ANNO D OBBLIGO 2015 E DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO PREVENTIVO

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI APRILE 2008

Dettagli

Mercato dei TEE: aspetti e criticità per i soggetti obbligati

Mercato dei TEE: aspetti e criticità per i soggetti obbligati Mercato dei TEE: aspetti e criticità per i soggetti obbligati INCONTRO ANIGAS -GSE Roma, 27 settembre 2017 1 INDICE: Anigas: i numeri dell Associazione I TEE per i soggetti obbligati dopo il D.M. 11.01.2017

Dettagli

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano. Regolazione del meccanismo dei TEE

Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano. Regolazione del meccanismo dei TEE 7 a conferenza annuale Fire Roma, 18 aprile 2018 Certificati bianchi titoli di efficienza energetica a portata di mano Regolazione del meccanismo dei TEE Marco De Min Direzione Mercati Retail e Tutele

Dettagli

L andamento del valore dei titoli

L andamento del valore dei titoli L andamento del valore dei titoli Anna Autore Gestione Mercati per l Ambiente FIRE Roma, 10 aprile 2014 Dal progetto ai TEE Definizione del progetto 0 1 2 3 4 5 Approvazione del progetto da parte di GSE*

Dettagli

Il raggiungimento degli obiettivi viene assolto dalle aziende distributrici:

Il raggiungimento degli obiettivi viene assolto dalle aziende distributrici: TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA O CERTIFICATI BIANCHI I titoli di efficienza energetica o certificati bianchi, costituiscono uno strumento incentivante degli interventi e progetti di efficienza energetica

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA DIPARTIMENTO REGIONALE ENERGIA DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI AGOSTO 2009 1 ITALIA Produzione lorda di energia elettrica

Dettagli

Relazione tecnica alla deliberazione 18 novembre 2010, EEN 17/10

Relazione tecnica alla deliberazione 18 novembre 2010, EEN 17/10 Presupposti e fondamenti per la determinazione del valore del contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2011 di cui ai decreti ministeriali 20 luglio

Dettagli

RILEVAZIONI (E FLUSSI INFORMATIVI) SVOLTE CON CADENZA PERIODICA A FAVORE DELL'AEEG

RILEVAZIONI (E FLUSSI INFORMATIVI) SVOLTE CON CADENZA PERIODICA A FAVORE DELL'AEEG DESTINATARI SCADENZA Anagrafica Operatori Tutte le imprese Continua - aggiornamento entro 15 GOP 35/08 gg dal verificarsi delle variazioni EE / / IDRICO Anagrafica Territoriale Gas Distributori Continua

Dettagli

RAPPORTO 405/2016/I/EFR STATO E PROSPETTIVE DEL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA

RAPPORTO 405/2016/I/EFR STATO E PROSPETTIVE DEL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA RAPPORTO 405/2016/I/EFR STATO E PROSPETTIVE DEL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA Rapporto sullo stato dei servizi 14 luglio 2016 1 Premessa Nell ambito delle competenze assegnate all Autorità

Dettagli

Il Mercato dei Titoli di Efficienza

Il Mercato dei Titoli di Efficienza Il Mercato dei Titoli di Efficienza Energetica del GME: principali risultati Stefano Alaimo Ecomondo - Rimini, 29 ottobre 2009 2 TEE emessi Titoli di Efficienza Energetica emessi dal GME su richiesta dell

Dettagli

IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI I principali risultati raggiunti e punti di attenzione sullo schema dei TEE in Italia

IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI I principali risultati raggiunti e punti di attenzione sullo schema dei TEE in Italia IL MECCANISMO DEI CERTIFICATI BIANCHI I principali risultati raggiunti e punti di attenzione sullo schema dei TEE in Italia Costantino Lato Direttore Efficienza e Energia Termica Seminario ENSPOL 23 settembre

Dettagli

SISTEMI ENERGETICI COGENERATIVI. Aspetti economici. Prof. Pier Ruggero Spina Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara

SISTEMI ENERGETICI COGENERATIVI. Aspetti economici. Prof. Pier Ruggero Spina Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara SISTEMI ENERGETICI COGENERATIVI Aspetti economici Prof. Dipartimento di Ingegneria - Benefici di legge per la cogenerazione Emissione di Certificati Bianchi (tipologia II) Agevolazione fiscale sull acquisto

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE 2009

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE 2009 REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA DIPARTIMENTO REGIONALE ENERGIA DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI SETTEMBRE 2009 a cura di Claudio Basso ed Elena Di Cesare

Dettagli

L andamento dei mercati ambientali organizzati e gestiti dal GME

L andamento dei mercati ambientali organizzati e gestiti dal GME L andamento dei mercati ambientali organizzati e gestiti dal GME Claudio Fumagalli Gestione Mercati per l Ambiente - GME FIRE - Roma, 22 Aprile 2008 2 IL MERCATO DEI CERTIFICATI VERDI 22 Gestore Mercato

Dettagli

L evoluzione del meccanismo dei TEE e l implementazione del D.Lgs. 102/14. Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico*

L evoluzione del meccanismo dei TEE e l implementazione del D.Lgs. 102/14. Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico* Key Energy 2014 Rimini, 6 novembre 2014 Direttiva 2012/27/UE Efficienza Energetica: una direttiva, molte opportunità a cura di Italcogen L evoluzione del meccanismo dei TEE e l implementazione del D.Lgs.

Dettagli

Il meccanismo dei Certificati Bianchi Workshop «Gli strumenti per finanziare l Efficienza Energetica» Domenico Rotiroti Unità Certificati Bianchi

Il meccanismo dei Certificati Bianchi Workshop «Gli strumenti per finanziare l Efficienza Energetica» Domenico Rotiroti Unità Certificati Bianchi Il meccanismo dei Certificati Bianchi Workshop «Gli strumenti per finanziare l Efficienza Energetica» Domenico Rotiroti Unità Certificati Bianchi Milano, 17 Marzo 2016 Expocomfort - Assistal Non solo energia

Dettagli

FONDO NAZIONALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

FONDO NAZIONALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA FONDO NAZIONALE PER L EFFICIENZA ENERGETICA Istituito presso il Ministero dello sviluppo economico (articolo 15, comma 1, del decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102), il Fondo, disciplinato dal decreto

Dettagli

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma

Risparmio energetico ed efficienza energetica. perché l'energia più economica è quella che non si consuma Risparmio energetico ed efficienza energetica perché l'energia più economica è quella che non si consuma L importanza dell Efficienza Energetica e del Risparmio Energetico Importazioni energetiche 2012

Dettagli

Opportunità e prospettive nel mercato dei TEE Il punto di vista di Enel Distribuzione

Opportunità e prospettive nel mercato dei TEE Il punto di vista di Enel Distribuzione Opportunità e prospettive nel mercato dei TEE Il punto di vista di Enel Distribuzione 3 Conferenza Annuale FIRE Certificati Bianchi Laura Montanari Efficienza Energetica e Smart City, Enel Distribuzione

Dettagli

_executive summary 2016 GSE S.p.A Gestore dei Servizi Energetici

_executive summary 2016 GSE S.p.A Gestore dei Servizi Energetici Rapportoo Annuale Certificatii Bianchi _execu utive summary GSE S.p.A Gestore dei Servizi Energetici RAPPORTOO ANNUALE CERTIFICATI BIANCHI Certificati Bianchi _executive summary I PROGETTI Nel sono state

Dettagli

Certificati Bianchi Chiarimenti operativi

Certificati Bianchi Chiarimenti operativi Certificati Bianchi Chiarimenti operativi Milano, 30 maggio 2017 Indice Certificati Bianchi: chiarimenti operativi I numeri del 2016 e le previsioni del 2017 Il soggetto titolare del progetto I progetti

Dettagli

Manuale per la compilazione della raccolta dati «Contratti Bilaterali per l acquisto di TEE»

Manuale per la compilazione della raccolta dati «Contratti Bilaterali per l acquisto di TEE» Manuale per la compilazione della raccolta dati «Contratti Bilaterali per l acquisto di TEE» Ai sensi della deliberazione 28 dicembre 2007, n.345/07, ciascun distributore di energia elettrica e di gas

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 16 MARZO 2017 172/2017/E/EFR AVVIO DI PROCEDIMENTO PER L ADEGUAMENTO DELLE REGOLE DI DEFINIZIONE DEL CONTRIBUTO TARIFFARIO DI CUI AL MECCANISMO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA ALLE PREVISTE

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DELL'ENERGIA E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ DIPARTIMENTO DELL ENERGIA SERVIZIO II OSSERVATORIO REGIONALE E UFFICIO STATISTICO PER L ENERGIA U.O. 2/1 DATI SULLA PRODUZIONE

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 28 dicembre 2007, n. 345/07 Disposizioni in materia di contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2008 di cui ai decreti ministeriali 20

Dettagli

ANALISI SUL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (TEE)

ANALISI SUL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (TEE) ANALISI SUL MERCATO DEI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA (TEE) Documento Tecnico di Supporto 10 Febbraio 2017 Studio realizzato dal Dott. Paolo Garbellini INDICE PREMESSA 3 1. OBIETTIVI DEL DOCUMENTO 4

Dettagli

Previsione della produzione. L esperienza del GSE.

Previsione della produzione. L esperienza del GSE. Previsione della produzione. L esperienza del GSE. Gennaro Niglio, Direttore Previsione e Gestione Energia Milano, 8 maggio 2014-1 - CONTENUTI Contenuti La previsione del GSE. L attività di ottimizzazione

Dettagli

Sviluppo del mercato

Sviluppo del mercato Certificati verdi Certificati verdi Il sistema di incentivazione della produzione di energia rinnovabile, introdotto dall'art.11 del decreto 79/99, prevede il superamento del vecchio criterio di incentivazione

Dettagli

Attuazione dei DM : modalità per la presentazione dei progetti e gestione del meccanismo

Attuazione dei DM : modalità per la presentazione dei progetti e gestione del meccanismo Il mercato dell efficienza energetica Convegno FIRE Milano, 5 marzo 2004 Attuazione dei DM 24.4.2001: modalità per la presentazione dei progetti e gestione del meccanismo Marcella Pavan Responsabile Divisione

Dettagli

Il meccanismo dei Titoli di efficienza energetica: nuove opportunità di risparmio e ricavo

Il meccanismo dei Titoli di efficienza energetica: nuove opportunità di risparmio e ricavo Il meccanismo dei Titoli di efficienza energetica: nuove opportunità di risparmio e ricavo Claudio Fumagalli Gestione Mercati per l Ambiente - GME Forum PA - Roma, 12-15 Maggio 2008 2 I mercati ambientali

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI OTTOBRE 2009

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI OTTOBRE 2009 REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA DIPARTIMENTO REGIONALE ENERGIA DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA ELETTRICA AGGIORNATI AL MESE DI OTTOBRE 2009 a cura di Claudio Basso ed Elena Di Cesare

Dettagli

Parigi 2015: le politiche italiane ed europee per i cambiamenti climatici

Parigi 2015: le politiche italiane ed europee per i cambiamenti climatici 1 Parigi 2015: le politiche italiane ed europee per i cambiamenti climatici Bologna, Ingegneria per il Territorio 14 settembre 2015 Roma Alessandro Bianchi, Davide Tabarelli, Nomisma Energia 2 Agenda La

Dettagli

Titoli di efficienza energetica. Ing. Andrea Nicolini

Titoli di efficienza energetica. Ing. Andrea Nicolini Titoli di efficienza energetica Ing. Andrea Nicolini Cos è una ESCo (Energy Saving Company) La caratteristica peculiare di queste società è che gli interventi materiali e finanziari volti al risparmio

Dettagli

Deliberazione 24 novembre EEN 12/11

Deliberazione 24 novembre EEN 12/11 Deliberazione 24 novembre 2011 - EEN 12/11 Disposizioni in materia di contributo tariffario per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico per l anno 2012, di cui ai decreti ministeriali

Dettagli

Richiesta di energia elettrica

Richiesta di energia elettrica GWh Luglio, 2015 Lo scenario energetico 2014 ed il primo semestre 2015 1 Il quadro dell energia elettrica in Italia si è chiuso nel 2014 con due elementi caratteristici: l ulteriore riduzione della domanda

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 30 NOVEMBRE 2017 786/2017/S/EFR IRROGAZIONE DI SANZIONI AMMINISTRATIVE PECUNIARIE PER MANCATO CONSEGUIMENTO DELL OBIETTIVO DI RISPARMIO DI ENERGIA PRIMARIA ANNO 2015 E PER MANCATA COMPENSAZIONE

Dettagli

Febbraio, Lo scenario energetico 2014

Febbraio, Lo scenario energetico 2014 Febbraio, 2015 Lo scenario energetico 2014 Il quadro dell energia elettrica in Italia vede persistere due elementi caratteristici: il perdurare della crisi economica con conseguente riduzione della domanda

Dettagli

Deliberazione 11 febbraio 2009 EEN 1/09

Deliberazione 11 febbraio 2009 EEN 1/09 Deliberazione 11 febbraio 2009 EEN 1/09 Adeguamento delle deliberazioni dell Autorità per l'energia elettrica e il gas 18 settembre 2003 n. 103/03, 16 dicembre 2004 n. 219/04 e 23 maggio 2006 n. 98/06,

Dettagli

AEIT. sez. veneta, Padova

AEIT. sez. veneta, Padova AEIT sez. veneta, Padova Efficienza energetica: a che punto siamo? e.e.: una lettura aggiornata dello scenario e delle nuove misure di incentivazione e supporto Marco De Min direzione Mercati Elettricità

Dettagli

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di maggio 2011

NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA. La cassa integrazione nel Lazio nel mese di maggio 2011 NOTE DEL SERVIZIO ANALISI E FINANZA La cassa integrazione nel Lazio nel mese di maggio 2011 A cura di Giaime Gabrielli Giugno 2011 o Analisi e Finanza di Sviluppo Lazio 2 Si riduce nel periodo gennaio-maggio

Dettagli

Obblighi di risparmio di energia primaria in capo ai distributori di energia elettrica e di gas naturale per l anno d obbligo 2017

Obblighi di risparmio di energia primaria in capo ai distributori di energia elettrica e di gas naturale per l anno d obbligo 2017 Obblighi di risparmio di energia primariaa in capo ai soggetti obbligati per l anno d obbligo 2017 ai sensi dell articolo 4, comma 9, del decreto interministeriale 111 gennaio 2017 GSE S.p.A Gestore dei

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO

LA NUOVA DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA ASSESSORATO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI DIREZIONE POLITICHE COMUNITARIE E MIGLIORAMENTI FONDIARI LA NUOVA DISCIPLINA DELLO SCAMBIO SUL POSTO delibera arg/elt 74/08 Con

Dettagli

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI SOMMARIVA PERNO PROVINCIA DI CUNEO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 76 OGGETTO : CONVENZIONE CON LA SOCIETA' DI SERVIZI ESSEPI INGEGNERIA S.P.A. PER LA GESTIONE E VENDITA

Dettagli

Cogenerazione, Conto Termico e Certificati Bianchi

Cogenerazione, Conto Termico e Certificati Bianchi Cogenerazione, Conto Termico e Certificati Bianchi Costantino Lato Direttore Efficienza e Energia Termica Sesta Conferenza Nazionale per l Efficienza Energetica Roma, Palazzo Rospigliosi 9 e 10 Dicembre

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA E ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA E ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 3 AGOSTO 2017 607/2017/R/EFR RIESAME DELLA DECISIONE DELL AUTORITÀ IN TEMA DI RICONOSCIMENTO DI TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA NEI CONFRONTI DELLA SOCIETÀ EDIL PROJECT 2006 S.R.L. L AUTORITÀ

Dettagli

Le ESCO per l efficientamento energetico nella PA

Le ESCO per l efficientamento energetico nella PA Idee per lo sviluppo sostenibile Le ESCO per l efficientamento energetico nella PA Rino Romani ABSTRACT Il significativo know-how in merito a tecnologie, processi e buone pratiche di efficienza e risparmio

Dettagli

I certificati bianchi

I certificati bianchi I certificati bianchi Attività del 2015 Luigi Risorto Unità Certificati Bianchi Roma - 16 febbraio 2016 Certificati Bianchi: i progetti valutati nel 2015 Nel corso dell anno 2015 sono state valutate oltre

Dettagli

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA

DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA REGIONE SICILIANA - ASSESSORATO INDUSTRIA UFFICIO SPECIALE PER IL COORDINAMENTO DELLE INIZIATIVE ENERGETICHE U.O. 2 DATI SULLA PRODUZIONE ED OFFERTA DI ENERGIA AGGIORNATI AL MESE DI MARZO 2006 ITALIA Produzione

Dettagli

Settembre, Quadro energetico 1

Settembre, Quadro energetico 1 Settembre, 216 Quadro energetico 1 I principali dati energetici del primo semestre 216 e la variazione percentuale rispetto al primo semestre del 215 sono mostrati in Tabella 1: la continua riduzione della

Dettagli

La gestione dell energia. Il mercato energetico: andamento, drivers e incentivi per la Green Economy

La gestione dell energia. Il mercato energetico: andamento, drivers e incentivi per la Green Economy La gestione dell energia Il mercato energetico: andamento, drivers e incentivi per la Green Economy Milano, 1 Marzo 2011 Agenda Tera Energy Mercati energetici Drivers Trend Scenario Incentivi per la Green

Dettagli

Tradizionali 77% TWh. Rinnovabili 23% TWh

Tradizionali 77% TWh. Rinnovabili 23% TWh Energy & Strategy Group - 215 1 Le fonti rinnovabili nel 214 hanno prodotto il 23% dell energia elettrica necessaria a soddisfare il fabbisogno di energia a livello mondiale, garantendo oltre 5.4 TWh di

Dettagli

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili

Lo sviluppo delle fonti rinnovabili Lo sviluppo delle fonti rinnovabili Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa Presentazione Rapporto di Legambiente "Comuni Rinnovabili 2013" GSE Roma, 26 marzo 2013 Il ruolo del GSE Le principali

Dettagli

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI

RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI RIDUZIONE DEI COSTI ENERGETICI NEGLI IMPIANTI SPORTIVI POLITICHE DI INCENTIVAZIONE AL RISPARMIO ENERGETICO ED ALL UTILIZZO DELLE ENERGIE RINNOVABILI PER GLI IMPIANTI SPORTIVI: AMBITO NORMATIVO ED ITER

Dettagli

Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti. Ing. Emanuele Bulgherini EfficiencyKNow Project Manager 27 Maggio 2015

Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti. Ing. Emanuele Bulgherini EfficiencyKNow Project Manager 27 Maggio 2015 Il quadro normativo sull efficienza energetica e gli strumenti incentivanti Ing. Emanuele Bulgherini EfficiencyKNow Project Manager 27 Maggio 2015 o Legge 10/91 obbligo Energy Manager o Decreti legislativi

Dettagli

ENERGIA ELETTRICA EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE <10MVA E >10MVA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI

ENERGIA ELETTRICA EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE <10MVA E >10MVA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI ENERGIA ELETTRICA EVOLUZIONE DEL QUADRO NORMATIVO RELATIVO AGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE 0MVA ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI Delibera n. 34-05 del 23-2-2005 Rumo, marzo 2005 POTENZA NOMINALE DEGLI

Dettagli

Gestione del meccanismo dei Certificati Bianchi da parte del GSE. 5 febbraio 2013 Roma

Gestione del meccanismo dei Certificati Bianchi da parte del GSE. 5 febbraio 2013 Roma Gestione del meccanismo dei Certificati Bianchi da parte del GSE 5 febbraio 2013 Roma Efficienza energetica e Certificati Bianchi L efficienza energetica costituisce una priorità nell ambito del panorama

Dettagli

mercato libero ADEMPIMENTI DELIBERA 164/08 e s.m.i.

mercato libero ADEMPIMENTI DELIBERA 164/08 e s.m.i. mercato libero ADEMPIMENTI DELIBERA 164/08 e s.m.i. qualità VENDITA gas ed energia elettrica In adempimento all art. 40.1 del Testo Integrato Qualità Vendita (TIQV), Allegato A alla Delibera 164/08 dell

Dettagli

Newsletter. Introduzione. Il DM 11 gennaio Energy Business Unit Il Decreto Correttivo in materia di Certificati Bianchi

Newsletter. Introduzione. Il DM 11 gennaio Energy Business Unit Il Decreto Correttivo in materia di Certificati Bianchi Newsletter Energy Business Unit Il Decreto Correttivo in materia di Certificati Bianchi 09-2014 Introduzione Nella Gazzetta ufficiale n.158 del 10 luglio 2018, è stato pubblicato il decreto 10 maggio 2018

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 15 dicembre 2011 - ARG/elt 179/11 Approvazione della procedura tecnica e delle procedure concorrenziali finalizzate ad assegnare le garanzie d origine predisposte dal Gestore dei Servizi

Dettagli

3 PARTE I I I PARTE II - 12 PARTE III

3 PARTE I I I PARTE II - 12 PARTE III Il meccanismo dei Titoli di Efficienza Energetica dall 1 gennaio al 31 maggio 2009 Secondo Rapporto Statistico Intermedio relativo all anno d obbligo 2008, predisposto ai sensi dell articolo 8, comma 1,

Dettagli