ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA. Rassegna Stampa. 10 febbraio 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ORGANISMO UNITARIO DELL AVVOCATURA ITALIANA. Rassegna Stampa. 10 febbraio 2015"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna Stampa 10 febbraio 2015 Responsabile: Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO PAG. 3 GIUSTIZIA CIVILE: Danni ai veicoli e separazioni. La negoziazione assistita al debutto (Il Corriere della Sera) PAG. 4 GIUSTIZIA CIVILE: Negoziazione assistita di rigore (Italia Oggi) PAG. 6 AVVOCATI: Avvocati, cinque cause annue (Il Sole 24 Ore) PAG. 8 AVVOCATI: Minimi, avvocati alla Cassa (Italia Oggi) PAG. 9 AVVOCATI: Marchesi eletto presidente dell'ordine degli avvocati (Il Tirreno Pisa) PAG.10 RIFORMA GIUSTIZIA: Falso in bilancio, resta lo sconto (La Repubblica) PAG.12 RIFORMA GIUSTIZIA: Sul reato di falso in bilancio si apre il nodo delle soglie (La Stampa) PAG.14 L INTERVENTO: Orlando e il populismo giudiziario di Valerio Spigarelli (L Opinione) PAG.16 PREVIDENZA: Casse, welfare in costruzione E in convenzione servizi a 360 (Italia Oggi Sette) PAG.17 PROFESSIONI: Il capitale rientra e crea lavoro (Italia Oggi Sette) PAG.19 PROFESSIONI: Rapporti di lavoro blindati (Italia Oggi) PAG.21 PROFESSIONI: Tirocinio professionale, arriva il vademecum (Italia Oggi) PAG.22 GIUDICI DI PACE: Giudici di Pace in sciopero dal 9 al 14 marzo (Quotidiano del Lazio) PAG.24 FISCO: Italia divisa dal fisco il 55% degli autonomi con meno di 15 mila euro (La Repubblica) PAG.26 FISCO: Michela e la ricetta dell'autonomia «Consapevolezza e incoscienza» (Il Corriere della Sera) PAG.27 FISCO: Fisco, sciopero sotto la lente dell'authority (Italia Oggi) PAG.28 FISCO: Voluntary, prime domande (Il Sole 24 Ore) PAG.30 FISCO: Per il 730 stop privacy (Italia Oggi) PAG.31 FISCO: Incarico «doc» per il professionista (Il Sole 24 Ore) PAG.33 FISCO: Nuovo catasto, percorso a ostacoli (Il Sole 24 Ore) PAG.35 FISCO: Certificazioni, gli studi chiedono correzioni (Il Sole 24 Ore) PAG.36 ECONOMIA: «Bene il Jobs act, priorità a fisco e istruzione» (Il Sole 24 Ore) PAG.38 CONDOMINIO: Formazione senza incertezze (Il Sole 24 Ore) PAG.40 CONDOMINIO: Per i lavori sul tetto degli edifici obbligatorie le «linee-vita» (Il Sole 24 Ore) PAG.42 CONDOMINIO: Condominio in breve (Il Sole 24 Ore) PAG.44 CASSAZIONE Gay, niente nozze ma statuto ok (Italia Oggi) PAG.45 CASSAZIONE: Per gli omessi versamenti fa fede il Cud (Il Sole 24 Ore) PAG.47 CASSAZIONE: Rumore, reato se turba quiete pubblica (Il Sole 24 Ore) PAG.48 CASSAZIONE: Niente pubblicazioni per le coppie omosessuali (Il Sole 24 Ore) 2

3 IL CORRIERE DELLA SERA Danni ai veicoli e separazioni La negoziazione assistita al debutto È iniziata la fase tre. Da ieri è obbligatoria la negoziazione assistita che, insieme a mediazione e arbitrato, rappresenta uno degli strumenti con cui il ministro della Giustizia Orlando punta a sveltire la macchina della giustizia italiana. La negoziazione assistita da ieri è obbligatoria per le controversie «in materia di risarcimento del danno da circolazione di veicoli e natanti» senza limiti di valore; per i casi di separazione e divorzio consensuali e per le domande di pagamento «a qualsiasi titolo di somme non eccedenti cinquantamila euro». Le due parti in lite dunque potranno presentarsi davanti al giudice con i rispettivo avvocati e dare il via a una negoziazione che duri non meno di un mese e non più tre. Una soluzione che però ha riscosso qualche perplessità per la sua obbligatorietà (stessa obiezione sollevata a suo tempo per la mediazione). Del tutto positivo invece il giudizio che arriva dal Consiglio nazionale forense: «Questa è una opportunità per i cittadini e per gli avvocati - fanno sapere dal Cnf -. Non si tratta né di abbattere in pochi mesi l`arretrato né di risollevare le sorti della giustizia civile; obiettivi che richiedono molto più che l`impegno di una sola categoria professionale e cioè: investimenti, digitalizzazione, organizzazione degli uffici, verifiche di produttività, riforme organiche dei codici. Piuttosto si tratta di contribuire all`affermazione di strumenti alternativi di risoluzione delle controversie basati sulla volontarietà delle parti, sulla professionalità degli avvocati, su regole di procedura semplici ma garantite, il cui obiettivo è trovare una soluzione ai loro problemi concreti». Parere favorevole ma un po` più critico arriva dall`organismo unitario dell`avvocatura: «Servirebbero incentivi fiscali, ancora non previsti - afferma Mirella Casiello, presidente dell`oua - e resta irrisolto il problema del giusto compenso per l`avvocato di un cliente non abbiente. Quello della negoziazione assistita, sia per la semplificazione di divorzi e separazioni sia per incidenti e giudizi relativi a pagamenti di somme sotto a 5omila euro, comunque, deve essere solo un tassello di un processo di modernizzazione della giustizia». In attesa della fase quattro. Isidoro Trovato 3

4 ITALIA OGGI È entrata in vigore la disposizione del decreto 132/2014. Gli avvocati in pole position Negoziazione assistita di rigore Sinistri, mini cause: prima del tribunale si prova l'intesa Al via la negoziazione assistita obbligatoria. Si tratta di una procedura alternativa al tribunale per chiudere le liti civili, varata dal decreto legge 132/2014, che vede protagonisti gli avvocati, che è partita ieri 9 febbraio Si affianca alla mediazione obbligatoria disciplina dal dlgs 28/2010. Per due gruppi di materie, dunque, non si può iniziare subito la causa, ma si deve prima tentare di trovare un accordo con i propri avvocati. I gruppi di controversie sono due: sinistri stradali e tra natanti; pagamento somme fino a 50 mila euro. L'esito sperato della negoziazione assistita è un accordo tra le parti, che però è anche un titolo esecutivo, in quanto asseverato dall'avvocato. Il verbale di accordo ha, così, efficacia pari a una sentenza. Per arrivare a questo risultato è richiesto il rispetto di una serie di formalità. Si parte dall'invito a trattare rivolto da uno dei litiganti all'altro: deve spiegare l'oggetto della controversia e deve avvisare controparte sulle conseguenze negative in caso di mancato accordo (aggravio di spese e condanna al risarcimento del danno nel successivo eventuale giudizio). Il destinatario dell'invito ha 30 giorni per rispondere. Nei casi di negoziazione obbligatoria, si può andare in causa se l'invito non è seguito da adesione o è seguito da rifiuto entro 30 giorni dalla su ricezione oppure quando è decorso il periodo di tempo stabilito dalla convenzione per chiudere il procedimento. Se arriva l'adesione, allora, bisogna stipulare una convenzione di negoziazione, con l'assistenza di un avvocato. La convenzione non è altro che l'impegno a non farsi causa per un determinato periodo. Contenuto essenziale del predetto accordo è costituita dal termine per l'espletamento della procedura (in ogni caso non inferiore a un mese) e dall'oggetto della controversia. 4

5 La legge stabilisce che il termine, concordato dalle parti per l'espletamento della procedura, non possa essere superiore a tre mesi, prorogabile per ulteriori trenta giorni su accordo tra le parti. La norma non definisce i contenuti specifici della convenzione, ma le parti potranno indicare le modalità di svolgimento delle riunioni e di scambio di corrispondenza; potranno indicare le modalità di documentazione e verbalizzazione dei vari incontri; potranno decidere se chiedere approfondimenti tecnici su singoli aspetti. Alla fase iniziale segue la trattativa vera e propria, nella quale si devono osservare alcune prescrizioni generali: gli avvocati e le parti hanno l'obbligo di comportarsi con lealtà e di tenere riservate le informazioni ricevute. A tutela della buona riuscita della negoziazione le dichiarazioni rese e le informazioni acquisite nel corso del procedimento non possono essere utilizzate nel giudizio avente in tutto o in parte il medesimo oggetto. Inoltre i difensori delle parti e coloro che partecipano al procedimento non possono essere tenuti a deporre sul contenuto delle dichiarazioni rese e delle informazioni acquisite. La violazione degli obblighi di lealtà e riservatezza costituisce per l'avvocato illecito disciplinare. La negoziazione può approdare a un nulla di fatto oppure a una soluzione concordata. Se le trattative non giungono in porto con esito favorevole la dichiarazione di mancato accordo è certificata dagli avvocati designati. Nel secondo caso l'accordo deve rispettare alcune prescrizioni. Deve essere firmato dalle parti e dagli avvocati, che autenticano le firme, ma soprattutto certificano la conformità dell'accordo a norme imperative e all'ordine pubblico.. L'accordo, si è detto, è titolo esecutivo e quindi può essere posto a base di una esecuzione; può essere utilizzato anche per iscrivere ipoteca a garanzia dell'adempimento delle obbligazioni contenute (come una sentenza o un decreto ingiuntivo). Bisognerà, però, sempre passare da un notaio quando l'accordo implica trasferimento di diritti per cui è prevista la trascrizione nei registri pubblici. Inoltre l'accordo, se si deve procedere a esecuzione forzata, e dovrà essere integralmente trascritto nel precetto ai sensi dell'articolo 480, secondo comma, del codice di procedura civile. Copia degli accordi dovrà essere spedita all'ordine degli avvocati, ma per la conservazione dell'originale è consigliabile che le parti stipulino una clausola ad hoc. Antonio Ciccia 5

6 IL SOLE 24 ORE Professione forense. Nel regolamento della Giustizia l obbligo di seguire un certo numero di controversie Avvocati, cinque cause annue Necessari anche indirizzo Pec, assicurazione e versamenti alla Cassa Milano. Verifiche triennali sul possesso contemporaneo di otto requisiti. Il ministero della Giustizia ha messo a punto lo schema di regolamento sull accertamento delle condizioni per l'esercizio della professione di avvocato. Il provvedimento, adesso trasmesso al Consiglio nazionale forense, va a costituire un nuovo tassello di quell opera di attuazione del nuovo ordinamento professionale il cui immediato precedente è della scorsa settimana con la pubblicazione in «Gazzetta» della riforma della difesa d ufficio. Al centro delle misure sta una delle questioni principali per una categoria che ormai conta quasi 250mila iscritti all Albo. Il che, oltre che a rendere indifferibile l avvio di una riflessione sulle forme e modalità di accesso alla professione, fa diventare cruciale anche il tema della conservazione stessa dell iscrizione all Albo nel nome dell effettività all esercizio della professione. Il testo messo a punto dall Ufficio legislativo di via Arenula fissa innanzi tutto le scadenze cui si dovranno uniformare i consigli dell ordine: a partire dall entrata in vigore del regolamento, i consigli dovranno, ogni tre anni, procedere alla verifica sulla conservazione dei requisiti per l esercizio della professione che andrà svolta in maniera effettiva, continuativa, abituale e prevalente. A essere solo un po più ampio è il momento del primo controllo che non potrà avvenire se non dopo cinque anni dalla prima iscrizione all Albo. Il regolamento puntualizza poi nel dettaglio quando la professione legale è svolta in modo effettivo, continuativo, abituale e prevalente. Serve cioè: la titolarità di una partita Iva; l uso di locali e di almeno un utenza telefonica destinati allo svolgimento dell attività professionale, anche in forma collettiva (associazione professionale, società professionale, associazione di studio con altri colleghi); la trattazione di almeno cinque affari per ogni anno dei tre presi in considerazione, anche se l incarico è stato inizialmente conferito ad altro 6

7 legale; la titolarità di un indirizzo Pec comunicato al Consiglio dell ordine; l avere assolto l obbligo di aggiornamento professionale secondo modalità e condizioni stabilite dal Cnf; la stipula di una polizza assicurativa a copertura della responsabilità civile che deriva dall esercizio della professione; la corresponsione dei contributi annuali dovuti al Consiglio dell ordine; il pagamento delle quote alla Cassa di previdenza forense. Il possesso degli otto requisiti deve essere congiunto e un futuro decreto del ministero della Giustizia stabilirà le modalità con cui gli ordini dovranno individuare con sistemi automatici le dichiarazioni sostitutive da sottoporre ogni anno a controllo a campione. La cancellazione dall Albo è disposta quando il Consiglio dell ordine accerta la mancanza dell esercizio della professione legale secondo le condizioni determinate e l avvocato non è in grado di dimostrare l esistenza di giustificati motivi. In ogni caso, prima di deliberare la cancellazione, il Consiglio deve lasciare all avvocato, che potrà sempre essere ascoltato personalmente se lo richiede, un termine di 30 giorni per presentare le proprie osservazioni. È poi possibile la nuova iscrizione per il legale che è stato cancellato quando dimostra di avare acquisito i requisiti. Reiscrizione che è in genere immediata con l eccezione di cancellazione determinata dal mancato rispetto della condizione sugli affari trattati e di quella sull aggiornamento: in questo caso dovrà trascorrere almeno un anno dalla cancellazione. Giovanni Negri AGGIORNAMENTO Secondo il regolamento del Cnf, l avvocato deve conseguire, nell arco del triennio formativo, almeno 60 crediti di cui 9 nelle materie obbligatorie di ordinamento e previdenza forensi e deontologia ed etica professionale. Ogni anno il legale iscritto deve conseguire almeno 15 crediti, di cui 3 nelle materie obbligatorie. È consentita la compensazione dei crediti maturati solo nell ambito del triennio formativo e nella misura massima di 5 crediti per anno. La compensazione è esclusa per la materia di deontologia ed etica professionale 7

8 ITALIA OGGI Nuove modalità Minimi, avvocati alla Cassa Avvocati alla cassa per i contributi minimi previdenziali La prima scadenza per il pagamento della prima rata (o dell'unica soluzione) è fissato infatti per il 28 febbraio Con una nuova funzionalità di produzione e stampa dei bollettini di versamento, disponibile sul sito web della Cassa di previdenza e assistenza forense da ieri. È lo stesso Ente a comunicarlo, tramite una nota informativa sulle nuove modalità di riscossione dei contributi minimi I bollettini di pagamento, infatti, anche quest'anno dovranno essere generati e stampati direttamente dall'iscritto, mediante accesso diretto al sito internet della Cassa, alla sezione «Accessi Riservati - Posizione Personale - Servizi On-Line - M.Av. - M.Av. Contributi Minimi». Tali contributi sono stati determinati, sulla base dei singoli status previdenziali, ai sensi degli artt. 7, 8, 9 e 12 del Regolamento di attuazione dell'art. 21 della legge n. 247/2012, che prevedono riduzioni e agevolazioni per i neo iscritti, nei primi nove anni di iscrizione. Gli importi effettivamente dovuti, da ogni singolo iscritto, saranno comunicati direttamente dalla Cassa a mezzo mail o Pec, in corso di spedizione. Quanto alle scadenze dei pagamenti, la prima rata o l'unica soluzione (prevista attraverso la stampa e il pagamento di tutti e quattro i bollettini) scade, come detto, il 28 febbraio. La seconda rata il 30 aprile 2015, la terza il 30 giugno e la quarta il 30 settembre prossimo. Per i pensionati di vecchiaia, invece, il pagamento del contributo di maternità avviene alle stesse scadenze di cui sopra, tramite però trattenuta sui ratei mensili di pensione se tale modalità è già stata richiesta nel corso dell'anno Qualora non si fosse effettuata tale richiesta, comunica la Cassa forense, è possibile inoltrare la stessa utilizzando l'apposito modulo presente nella sezione «modulistica» del portale web della Cassa. Per i pensionati che non intendessero utilizzare tale modalità, invece, il pagamento del contributo di maternità deve essere effettuato con la produzione e la stampa dei bollettini come per tutti gli altri iscritti. Per maggiori informazioni è possibile contattare, anche via mail, l'information Center di Cassa Forense. Gabriele Ventura 8

9 IL TIRRENO Pisa Marchesi eletto presidente dell'ordine degli avvocati Prende il posto di Rosa Capria. Nuovo direttivo in carica fino al 2018 PISA. Alberto Marchesi è il nuovo presidente dell Ordine provinciale degli avvocati. È stato eletto all unanimità dal consiglio uscito dalle elezioni che si sono svolte dal 20 al 23 gennaio che resterà in carica nel quadriennio Marchesi, studio a Pontedera, prende il posto di Rosa Capria eletta nel consiglio nazionale dell Ordine degli avvocati. Segretario è stato eletto Stefano Pulidori, tesoriere Giovanni Paolo Savino. I componenti del consiglio, oltre a Marchesi, Pulidori e Savino, sono Agnese Bertini, Lucia Concetti, Ettore Bechini, Valentina Abbondanza De Giorgi, Enrico Fascione, Alessia Terreni, Gabriele Bonadio, Barbara Gambini, Carlo Porcaro D Ambrosio, Riccardo Taverniti, Serena Sbrana e Lucia Alessandra Vergine. 9

10 LA REPUBBLICA Falso in bilancio, resta lo sconto Una parte del Pd vuole eliminare la soglia di depenalizzazione, ma il governo intende mantenerla e valuta la riduzione. Prescrizione, le nuove norme non si applicano ai processi in corso, Berlusconi compreso ROMA. Falso in bilancio e prescrizione, show down in settimana. Sono le questioni più calde della giustizia. La quadra non è stata ancora trovata, soprattutto sul reato. Lavoro febbrile in via Arenula, dove sul tavolo del Guardasigilli Andrea Orlando si fronteggiano tre ipotesi che fanno i conti con la soglia di non punibilità del 5% finora prevista dal governo. L`unico fatto certo, in una trattativa in corsa, è che il ministro sarebbe intenzionato a non far cadere del tutto la soglia di non punibilità, perché, come ha ripetuto in queste ore ai suoi collaboratori, «non si può punire allo stesso modo un falso commesso da una grande azienda e quello di un carrozziere». Ma le vie per raggiungere il risultato sono almeno tre. Tenendo presente che, nel Pd, ci sono posizioni di netta fermezza come quelle della presidente della commissione Giustizia della Camera Donatella Ferranti che, ancora ieri sera, ripeteva: «Il falso in bilancio non è un mero errore, non si può considerare una svista, per cui sono contraria a una soglia netta di non punibilità e ritengo preferibile una punibilità attenuata». Netto no alle soglie invece dal sottosegretario alla Giustizia, Enrico Costa di Ncd, che però è favorevole «ad ampliare l`area della non punibilità peraltro già prevista dal testo del governo». In commissione Giustizia, al Senato, si comincia a votare da domani, ma non è detto che, in assenza di un`intesa forte, il governo non decisa di rinviare all`aula il suo emendamento. Nessun dubbio invece sulla prescrizione e sulla norma transitoria che esclude l`applicabilità delle nuove regole ai processi in corso. Sarà presentata giovedì alla Camera. Quindi Berlusconi è salvo, il suo processo sulla compravendita dei senatori a Napoli è destinato a saltare. Ma pure qui Ferranti, autrice del 10

11 ddl, dice: «La norma transitoria è ultronea. I maggiori esperti di diritti sono d`accordo: una norma più sfavorevole non si applica comunque ai processi in corso». Ma eccoci alle ipotesi sul falso in bilancio. Su cui oggi lo staff tecnico della Giustizia si confronterà col relatore del ddl anti-corruzione Nico D`Ascola di Ncd. Diamo conto subito però del pettegolezzo principale: il governo vuole tenere in piedi le soglie di non punibilità per "analogia" con la famosa soglia del 3% che esclude la punibilità dell`evasione fiscale. Orlando nega, ma la voce resta. Le ipotesi. Il testo ora dice che «la punibilità è esclusa se le falsità o le omissioni determinano una variazione del risultato economico, al lordo delle imposte, non superiore al 5%». La prima soluzione potrebbe essere quella di abbassare la soglia del 5% al 3 o anche al 2, mantenendo del tutto la non punibilità. Una zona franca più bassa, ma comunque una zona franca. La seconda ipotesi è quella di tenere la soglia sempre al 5%, ma introducendo una sanzione penale o interdittiva. È la «punibilità attenuata» di cui parla anche Ferranti. Le sotto ipotesi prevedono o una forbice di pena più bassa, anziché 2-6 anni previsto per il reato principale, 2-4 anni. Oppure 1-3 anni. Ma qui Ncd già piglia le distanze, perché in questo modo, per assurdo, si rischierebbe di veder punito in modo più grave un reato iscritto sotto la soglia, ma trattato da un giudice più severo, rispetto a uno sopra la soglia ma giudicato da una toga più benevola. Sarebbe il guazzabuglio. Una sotto soluzione potrebbe essere quella di punire i falsi sotto la soglia con una pena interdittiva, per esempio il divieto di ottenere lavori dalla pubblica amministrazione per l`impresa che "tarocca" il bilancio. Ultima ipotesi, rinunciare alla soglia, ma prevedere una clausola di non punibilità che giochi sui criteri di non rilevanza del fatto, una sorta di "soglia di trascurabilità" legata alle dimensioni del falso commesso e alle dimensioni dell`impresa. In quest`ultimo caso verrebbero modificate le poche righe che precedono quella sulle soglie, laddove è scritto che «il fatto non è punibile se le falsità o le omissioni non hanno determinato un`alterazione sensibile della rappresentazione della situazione economica, patrimoniale e finanziaria della società». Liana Milella 11

12 LA STAMPA Sul reato di falso in bilancio si apre il nodo delle soglie La decisione potrà avere ricadute sulla delega fiscale Soglie di punibilità o non soglie di punibilità? Dubbi amletici per le ultime ore che mancano per riscrivere il reato di falso in bilancio. La settimana scorsa la maggioranza si era trovata concorde nel dire che l`abuso d`ufficio, così com`è, o meglio come è stato proposto al Senato nell`ambito del ddl Anticorruzione, non va bene. Era stata annunciata una riscrittura del reato nel senso di ridimensionare l`area della non punibilità. Quell`area che aveva fatto gridare allo scandalo i magistrati, e in Parlamento aveva scatenato la protesta dei grillinì. Ma quando dai principi astratti si è passati al concreto, ecco i problemi. Ci sono almeno due ipotesi che si fronteggiano: la prima prevede di cancellare ogni soglia di non punibilità, lasciando le pene come sono state previste, da 1 a 4 anni, e che siano i magistrati a decidere quanto è grave un`eventuale falsificazione; la seconda ipotesi lascia in piedi le soglie, magari sagomandole diversamente da come sono oggi (ossia una variazione del risultato economico di esercizio non superiore al 5%), magari portando il tetto al fatidico 3%, tanto per allinearsi alle ipotizzate soglie dei reati fiscali, o quantomeno una soglia in valori assoluti. In questo secondo caso, ci sarebbe un doppio binario: se il falso è sotto la soglia, pene da 1 a 4 anni; se supera la soglia, pene più severe da 2 a 6 anni. E in realtà i binari sono tre, perché c`è da considerare il recentissimo decreto legislativo sulla «lieve tenuità del fatto» per cui, ove mai il magistrato ritenesse che il falso in bilancio è lieve, o commesso per mero errore, potrebbe richiedere direttamente l`archiviazione del procedimento. In un caso come nell`altro, comunque, il reato sarà perseguibile d`ufficio e non più a querela (quando sotto la soglia). Su queste due ipotesi oggi i capigruppo di maggioranza si confronteranno alle 12 in una riunione con i tecnici del ministero della Giustizia. Ma non sfugge che la scelta sarà politica. Se si conferma il principio di una soglia purchessia, sarebbe più semplice e logico, difendere l`analogo principio anche il 20 febbraio quando il 12

13 governo varerà i decreti sui reati fiscali. E si sa che Renzi vorrebbe confermare l`impianto delle soglie. Viceversa, a togliere di mezzo oggi le soglie, sarebbe più complicato difenderle tra dieci giorni. Questioni tecniche, insomma, ma dalle fortissime ricadute politiche. Non è un caso, dunque, se ieri il responsabile Giustizia del Pd, David Ermini, non si sbilanciava per nessuna tra le diverse soluzioni, che pure in tutta evidenza ben conosce. «Ognuna è valida, purché sia chiaro che tutti i falsi in bilancio saranno punibili e non si lasciano aree di impunità». Anche il viceministro della Giustizia, Enrico Costa, Ncd, preferisce glissare: «Siamo d`accordo nel diminuire l`area di non punibilità e Ncd sarebbe più favorevole all`abolizione tout court delle soglie, ma vedremo». Questo sul falso in bilancio l`ultimo scoglio. Poi, tra domani e dopodomani, la commissione Giustizia del Senato licenzierà un ddl che langue da 2 anni. 13

14 L OPINIONE Orlando e il populismo giudiziario di Valerio Spigarelli Intervenendo all inaugurazione dell anno giudiziario dei penalisti italiani, il ministro Andrea Orlando ha ammonito a tenere alta la guardia sul populismo giudiziario ed a non gravare il processo (e... la giustizia) penale di un impropria funzione di controllo etico sulle classi dirigenti. Entrambe le proposizioni non possono che essere condivise da chi ha una concezione liberale delle cose del mondo, e di quelle di giustizia in particolare. Il fatto è, però, che affermazioni simili devono essere poi seguite da scelte conseguenti da parte di chi ha responsabilità politiche. Prendiamo il primo caso, quello del populismo giudiziario. Che significa quell espressione? Per semplificare possiamo dire che allude alla consuetudine nostrana di rispondere ai fatti che la cronaca giudiziaria propone (meglio ancora al clamore che quei fatti provocano) introducendo nuovi tipi di reato o comunque aggravando sanzioni già esistenti. Il tutto sulla scorta della propagandata inadeguatezza delle norme esistenti a fronteggiare i fenomeni criminali che in quei fatti di cronaca si iscrivono, e nell ingenua (ad essere benevoli) convinzione che gli stessi fenomeni si possano governare attraverso lo strumento legislativo e non rimuovendo le cause che li determinano. In questo senso la stretta sanzionatoria o l introduzione di nuove fattispecie penali sono gli strumenti consueti del populismo giudiziario. Il tutto immerso nella singolare amnesia della classe politica, che in tali casi dimentica di essere intervenuta sulla stessa materia magari solo pochi mesi prima, con ciò dimostrando la contraddizione intrinseca che si 14

15 annida in ogni forma di populismo. Ora, se si esamina la vicenda delle norme sulla corruzione che dovrebbero essere varate a breve si possono riscontrare tutti gli ingredienti evidenziati. Di fronte ad una normativa che era stata introdotta nel novembre del 2012, è bastato il clamore della indagine sulla cosiddetta mafia-capitale a far proporre l innalzamento delle pene, ovvero l estensione della legislazione premiale o delle misure di prevenzione patrimoniali in tema di reati contro la Pubblica amministrazione. Se non è populismo giudiziario questo, come lo si deve chiamare? Peraltro, come sempre avviene quando questo copione si ripete, le iniziative di tal genere vengono anche giustificate con il fatto che occorre dare risposta alle richieste della pubblica opinione, la quale, per la verità, chiede che i fenomeni vengano fronteggiati ma si affida al legislatore quanto agli strumenti. E che esistano strumenti diversi rispetto a quelli indicati lo racconta da tempo, tra gli altri, anche uno come Carlo Nordio, che di mestiere fa il pubblico ministero. Nordio, ad ogni innalzamento di pene, ripete che la corruzione si batte con la semplificazione delle procedure amministrative, che incide sul fenomeno ben più di pene talmente alte da impedire la sospensione condizionale o il patteggiamento, come vuole la vulgata di questi giorni. Infine, il populismo giudiziario è generalmente legato ad una escalation in forza della quale c è sempre uno più puro che ti epura. In questo caso, ad esempio, nello sforzo di sterilizzare le iniziative del ministro ombra, Nicola Gratteri, c è il rischio che Orlando lasci spazio alle idee estremistiche di chi vuole esportare nel campo dei reati contro la pubblica amministrazione anche gli strumenti propri della legislazione antimafia, dai benefici a chi collabora alla introduzione dell agente provocatore. Tutta roba che non sposterà di un millimetro la situazione ma finirà con l imbarbarire ancor più il processo penale. In nome del più puro populismo giudiziario. 15

16 ITALIA OGGI SETTE Viaggio all'interno degli ammortizzatori sociali per i professionisti iscritti agli enti privati Casse, welfare in costruzione E in convenzione servizi a 360 Il welfare delle professioni resta un cantiere aperto. Complice un'azione ormai sistematica di imposizione di nuovi oneri a ogni manovra finanziaria, le Casse di previdenza autonome infatti da qualche tempo hanno scelto la strada della costruzione di un pacchetto di convenzioni in grado, da un lato, di migliorare la tutela assistenziale dell'iscritto e, dall'altro, di abbattere i costi dell'attività professionale. Dall'indagine di IoLavoro, infatti, emerge quanto ampia sia diventata l'offerta di servizi a costi agevolati a completamento dei fondi diretti erogati agli iscritti, per esempio, per finanziare l'apertura dello studio o per far fronte alle calamità naturali impreviste (si vedano tabelle in pagina). È certamente l'ente dei medici (l'enpam è anche la Cassa con più iscritti) a fornire la gamma più completa di convenzioni. Che spaziano dai servizi bancari ai parchi divertimento passando per l'assistenza fiscale. Anche se, più in generale, tutti gli istituti di vecchia generazione (privatizzati nel 1994) sono molto attrezzati. Sono diversi anni che le Casse organizzano convegni a tema. E la crisi economica degli ultimi anni ha solo accentuato la necessità di costruire un sistema più maturo di ammortizzatori sociali. Tuttavia, dall'ingresso degli enti previdenziali dei professionisti nell'elenco Istat delle pubbliche amministrazioni è stato un continuo aumento delle tasse a carico dei fondi. Tanto da far diventare, quella italiana, «la previdenza di gran lunga più tassata d'europa». Basta ricordare che solo negli ultimi anni è intervenuta prima la spending review sulle spese degli enti (anche se questi non percepiscono fondi pubblici) poi un graduale aumento (fino a farlo arrivare al 26%) della tassazione sulle rendite finanziarie. In soli tre anni, stando alle stime dell'adepp, «il peso degli oneri tributari, propri ed impropri è raddoppiato, sottraendo risorse alla previdenza e ai servizi, deprimendo un patrimonio che rappresenta la garanzia della solidità degli enti e del patto tra generazioni. Serve un riallineamento», spiegano dall'associazione, «ai parametri comunitari innescando un circuito virtuoso tra sostegno alla professione, maggior reddito e maggiori entrate, a favore degli iscritti e dello stato». Ignazio Marino 16

17 ITALIA OGGI SETTE Gli studi professionali potenziano gli organici per i complessi calcoli legati all'operazione Il capitale rientra e crea lavoro Caccia a tributaristi e analisti per la voluntary disclosure Effetti collaterali da voluntary disclosure: cresce la ricerca di professionisti tributaristi e di analisti finanziari. Una prima conseguenza, forse inaspettata, della procedura di collaborazione volontaria che consente ai contribuente che hanno capitali irregolari all'estero di fare pace con il fisco entro il 30 settembre 2015, è la ricerca di figure specializzate da parte degli studi professionali per rispondere sia all'esigenze della clientela sia per ottemperare a tutti i gli adempimenti, soprattutto calcoli, legati a una serie di norme di non semplicissima gestione. Sul fronte dei conteggi, infatti, la collaborazione volontaria prevede la ricostruzione capillare, e a tratti diabolica, di tutte le movimentazioni finanziarie derivanti dalle risorse detenute all'estero dal contribuente. Un percorso a ritroso che può andare indietro fino anche a dieci anni (nei casi in cui il frutto dell'evasione sconfini nell'ambito penale con il raddoppio dei termini). Si parla di patrimoni frammentati e spezzettati in prodotti di investimento, azioni, fondi o più semplicemente in liquidità di conto corrente. Un vaso di Pandora moltiplicato all'infinito perché, raccontano gli operatori a IoLavoro, già solo le banche svizzere più piccole hanno clienti italiani potenzialmente interessati alla voluntary disclosure che vanno dalle centinaia alle migliaia. Ecco allora che alcuni grossi studi italiani non sono andati tanto per il sottile e, per far fronte alle domande di nuovi clienti, hanno dato in outsourcing i calcoli finanziaria a società esterne. Un ruolo importante lo stanno giocando le fiduciarie che hanno messo a disposizione l'esperienza maturata anche nei precedenti scudi per i calcoli e la gestione di questa fase della partita sulla voluntary disclosure. «Le società fiduciarie, in specie quelle più grandi e meglio strutturate, da anni ormai svolgono complesse attività contabili e fiscali strettamente connesse allo svolgimento del loro ruolo di sostituto d'imposta. Nel nostro caso», spiega Fabrizio Vedana, vicedirettore di Unione 17

18 fiduciaria, «amministrando circa 12 miliardi di euro, dei quali più della metà depositati in banche estere, possiamo contare su una struttura amministrativa collaudata (che ha gestito tutte le diverse edizioni degli scudi fiscali) e soprattutto di un innovativo software proprietario in grado di assicurare anche i necessari trasferimenti informatici delle informazioni necessarie per fare i complessi calcoli fiscali». Altri invece hanno previsto una riorganizzazione al proprio interno e contano di affiancare le risorse esistenti con nuovi profili, con consulenze finalizzate al periodo di durata del rimpatrio dei capitali. «I problemi che stiamo affrontando», spiega a IOLavoro Massimo Zamboni, partner di Anaford, «sono di due tipi. Il primo è sui numeri, soddisfare la richiesta dei nuovi clienti che quotidianamente arrivano e dunque effettuare una ricostruzione delle operazioni attraverso la fiscalità finanziaria e poi il secondo è in ordine alla conoscenza delle materie di fiscalità internazionale». Spesso infatti non è sufficiente essere esperti di diritto tributario italiano, gli asset detenuti all'estero sono in paesi che hanno ciascuno una propria disciplina per la gestione dei patrimoni e regole molto diverse anche per la richiesta della documentazione. «Altro problema da considerare», aggiunge Zamboni, «è quello della traduzione dei documenti». L'Agenzia delle entrate infatti vuole che la documentazioni arrivi tutta in italiano con quindi anche da mettere in preventivo i costi di una traduzione certificata. Caccia a esperti di fiscalità internazionale che sappiano davvero interloquire con i clienti stranieri. Lo conferma Giulia Cipollini, avvocato di Withers studio legale: «la voluntary disclosure fa sì che gli studi debbano rafforzare i loro organici internazionali. Io in prima persona», spiega l'avvocato Cipollini, «sto facendo selezione per rafforzare il nostro team di legali che abbiano formazione tributaria e che sappiano parlare bene l'inglese». Un'occasione lavorativa per Cipollini che non è destinata a concludersi con la voluntary disclosure. Le assunzioni spesso finalizzate ai tempi della collaborazione volontaria possono portare il professionista assunto a emergere e a essere integrato nella struttura in cui lavora. In fase di organizzazione anche Kpmg: Antonio Deidda conferma che al momento «le risorse si stanno organizzando all'interno, è una squadra che si sta formando e che è sicuramente destinata a crescere», proprio perché anche le società di revisione stanno aspettando una grossa richiesta di «ordinativi» legati alla collaborazione volontaria. Cristina Bartelli 18

19 ITALIA OGGI La Fondazione Studi dei consulenti del lavoro illustra la procedura operativa Rapporti di lavoro blindati Al via all'asseverazione grazie alla piattaforma Asse.Co Dal 2 febbraio 2015 è online la piattaforma Asse.Co. con la quale i Consulenti del lavoro potranno «asseverare» la regolarità contributiva e retributiva delle imprese nella gestione dei rapporti di lavoro. Tramite questo strumento, infatti, si potranno semplificare gli adempimenti e al tempo stesso promuovere la cultura della legalità. La Fondazione Studi Consulenti del lavoro, che ne gestisce la procedura operativa, ha diramato le prime istruzioni. FORMAZIONE Il consulente del lavoro che vuole assumere il ruolo di CDLAss deve per prima cosa registrarsi e accedere alla piattaforma per svolgere il corso di formazione online. Il corso si articola in tre moduli. Nel corso e al termine di ciascuno sono proposte domande per la valutazione dell'esatta comprensione di procedure e funzioni dell'asseverazione. La risposta esatta alle domande proposte consentirà la prosecuzione nell'iter del modulo formativo. Una volta concluso positivamente il percorso di formazione bisognerà caricare il certificato di partecipazione sulla piattaforma e attendere che l'utenza sia abilitata come Cdl Asseveratore da un operatore. ACCESSO ALLA PIATTAFORMA OPERATIVA Accedendo alla piattaforma la prima attività da porre in essere sarà la propria profilazione personale inserendo tutti i dati richiesti. Una volta inseriti i dati richiesti il CDLAss potrà inserire le aziende che intende portare in asseverazione. La procedura guidata parte dal menu «Inserisci Asseverazione» attraverso il quale sarà possibile procedere all'inserimento dei dati delle organizzazioni da asseverare. 19

20 HELP ONLINE La procedura, semplice e intuitiva, è corredata da una serie di help per facilitarne l'utilizzo e comunque sarà sempre possibile richiamare i filmati che ne illustrano le funzionalità. Il consulente del lavoro asseveratore potrà sempre consultare il regolamento di asseverazione e tutta la documentazione utile nella medesima piattaforma di lavoro. A supporto del CDLAss è disponibile un servizio di helpdesk tramite Per informazioni su Asse.Co e/o sulle modalità di registrazione scrivere a 20

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA

CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA ALLEGATO E) CONTRATTO DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE TRA Regione Toscana DG Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Settore Politiche di Welfare regionale, per la famiglia e cultura della legalità, C.F.

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.

TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia. TRIBUNALE DI FIRENZE Presidenza Viale Guidoni n.61-50127 Firenze -lei. 0557996279 -fax 0557996384 e-mail: presidenza.tribunale.firenze@qiustizia.it Firenze,.18. (?D.-l ~ AI SIGG.RI PRESIDENTIDEGLI ORDINI

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli