Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile"

Transcript

1 Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando euro termine per la presentazione dei progetti 30 aprile 2015 contenuti: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ED ALLEGATI 4. SCHEDA PROGETTO 5. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI 6. SCHEDA AI FINI CIVILISTICI 7. ATTESTAZIONE AI FINI TRIBUTARI La domanda completata con il sistema on-line del sito dovrà essere stampata, firmata e inviata alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto entro e non oltre il 30 aprile Per apprendere le modalità tecniche di presentazione dei progetti con il sistema online, si chiede di prendere visione delle informazioni contenute al punto 4 della guida generale per la presentazione dei progetti pubblicata sul sito. Lo staff della Fondazione (tel ) resta a disposizione per fornire ulteriori informazioni o chiarimenti.

2 A. NORMATIVA DEL BANDO 1. Finalità del bando La Fondazione Caritro, considerato che la ricerca è uno strumento fondamentale per garantire innovazione e sviluppo delle comunità, intende sostenere progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile che dimostrino potenziali risultati e ricadute per il sistema economico trentino. 2. Caratteristiche essenziali dei progetti presentati I progetti presentati devono avere le seguenti caratteristiche: 1. prevedano di essere programmati e realizzati in collaborazione tra più realtà secondo logiche di rete per una proficua condivisione di obiettivi, conoscenze, strumentazioni/piattaforme tecnologiche e risorse umane; 2. prevedano il coinvolgimento di almeno un giovane ricercatore post-doc; 3. dimostrino di prevedere risultati (conoscitivi o applicativi) e ricadute per il sistema economico trentino; 4. siano avviati entro il 2015 e prevedano una durata non superiore a 24 mesi. 3. Destinatari del bando Il bando è rivolto esclusivamente a reti formate da almeno tre realtà. La rete deve individuare una realtà di ricerca capofila (Enti, Dipartimenti Universitari, Istituti e Centri) con sede in Trentino e prevedere la collaborazione di almeno altre due realtà partner che dimostrino di operare con esperienza e qualificazione nell ambito del progetto presentato (anche a livello nazionale o internazionale). Tra esse è possibile coinvolgere anche realtà/enti/imprese del sistema economico trentino. La realtà capofila del progetto deve dimostrare: a) di avere formalmente, come da Statuto, sede in Trentino; b) che nel proprio Statuto la ricerca scientifica è un obiettivo primario; c) di svolgere la ricerca scientifica con adeguata esperienza e riconoscimento; d) di avere adeguata disponibilità diretta e non mediata di risorse umane ed attrezzature per realizzare attività di ricerca. La rete di realtà partner deve prevedere il coinvolgimento di almeno un giovane ricercatore post-doc che al momento della presentazione della domanda risulti già in possesso del titolo di dottorato, che abbia un profilo coerente al tipo di progetto che viene presentato e che non risulti già strutturato nell organigramma dell istituzione capofila o dei partner del progetto. 4. Presentazione delle domande e risorse messe a disposizione Ciascuna realtà capofila (Enti, Dipartimenti Universitari, Istituti e Centri di ricerca qualificati) non può presentare più di un progetto. I progetti devono essere presentati in italiano. Nel caso di collaborazioni internazionali possono essere presentati in inglese. I progetti presentati devono prevedere le tipiche logiche della ricerca scientifica, ponendosi obiettivi innovativi, da perseguire secondo un percorso conoscitivo ben programmato, con mete intermedie e risultati verificabili, menzionando i possibili risultati conoscitivi-applicativi o le potenziali ricadute per il sistema economico trentino. Ciascun progetto di ricerca dovrà specificare in modo preciso l ambito nel quale si intende operare e fondarsi su significativi dati preliminari o su solide basi scientifiche, sottolineando anche l innovatività dell argomento trattato rispetto allo scenario scientifico di riferimento. Ciascun progetto dovrà inoltre evidenziare i metodi di studio proposti e la sua fattibilità pratica. I programmi di ricerca potranno adottare un approccio interdisciplinare, che veda l integrazione di differenti competenze scientifiche, anche grazie al concorso degli altri partner che compongono la rete. Nella ricerca dei partner locali, nazionali o internazionali si devono dunque identificare le competenze indispensabili per la completa realizzazione del progetto. 2

3 Il co-finanziamento richiesto alla Fondazione non potrà superare il 50% del costo complessivo previsto per la realizzazione dell intera iniziativa. L eventuale contributo della Fondazione a sostegno di ciascun progetto non potrà comunque essere superiore a euro e potrà essere destinato alla copertura delle seguenti tipologie di spesa: a) compensi, borse o assegni di ricerca previsti per i giovani ricercatori inseriti nel progetto b) missioni dei giovani ricercatori coinvolti per lo svolgimento de progetto (questa non può superare il 10% dei costi del progetto); c) materiali di consumo e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione del progetto (questa non può superare il 30% dei costi del progetto). La parte rimanente dovrà essere sostenuta necessariamente tramite risorse della realtà capofila, delle altre realtà coinvolte oppure di ulteriori co-finanziamenti di terzi. 5. Domande non ammissibili Oltre ai motivi di esclusione già elencati al punto 5 della guida generale per la presentazione dei progetti, verranno escluse dal presente bando: domande presentate da istituzioni che non presentano i requisiti per essere considerati Enti, Dipartimenti, Istituti e Centri di ricerca in base a quanto previsto al paragrafo 3 del bando; richieste per la costituzione o l avvio di nuovi istituti o centri di ricerca; richieste di contributo per la mera acquisizione di macchinari, attrezzature e apparecchiature scientifiche; domande per progetti che si configurino solamente come scritti puramente compilativi o in cui prevalga la funzione descrittiva; richieste presentate da realtà capofila che, alla data stabilita quale termine per la presentazione delle domande, hanno in corso più di un progetto co-finanziato dalla Fondazione; richieste per progetti che non prevedano altre fonti di co-finanziamento, oltre al contributo richiesto alla Fondazione. 6. Valutazione dei progetti La Fondazione valuterà, a proprio insindacabile giudizio, i progetti presentati, anche con l apporto di esperti esterni, secondo i criteri di seguito elencati: 1. rispondenza alle finalità del bando; 2. chiarezza e precisione nella descrizione del progetto; 3. qualità scientifica dei contenuti; 4. effettiva collaborazione secondo logiche di rete con altre realtà; 5. solidità dei dati preliminari ed effettiva realizzabilità del progetto; 6. previsione di possibili risultati applicativi o conoscitivi; 7. potenziali ricadute per il sistema economico trentino; 8. coerenza del profilo dei giovani ricercatori coinvolti rispetto al programma di attività previsto; 9. adeguatezza delle modalità previste di monitoraggio, valutazione e valorizzazione dei risultati e delle successive ricadute; 10. congruità delle previsioni di spesa rispetto alle attività previste e del contributo richiesto alla Fondazione anche rispetto alle altre compartecipazioni economiche. Nella valutazione comparata dei progetti si terrà conto della congruità delle spese elencate rispetto alle attività previste e della congruità del contributo richiesto in riferimento alle spese ammissibili e alle entrate previste. La Fondazione opera una selezione accurata volta a sostenere i progetti più meritevoli per contenuti, modalità esecutive e fattibilità, cercando di sostenere i progetti ammessi con contributi ritenuti congrui per la realizzazione dei programmi previsti e rispetto ai contributi richiesti. La Fondazione si riserva la facoltà di chiedere ulteriore documentazione integrativa e, se ritenuto opportuno, di sollecitare l integrazione tra progetti con caratteristiche simili. L esito conclusivo della valutazione dei progetti sarà comunicato tramite lettera entro giugno La Fondazione sottopone tutti i progetti ammessi a contributo a ulteriori valutazioni sia in corso d opera, sia a consuntivo. La Fondazione si riserva, inoltre, la possibilità di effettuare valutazioni dirette in loco, da concordare con il responsabile scientifico del progetto. La documentazione fornita a corredo delle richieste non verrà restituita. 3

4 7. Modalità di rendicontazione conclusiva Per tutti i progetti ammessi viene richiesta la presentazione, da parte della realtà di ricerca capofila, entro tre mesi dalla conclusione delle attività annuali, della seguente documentazione (sia cartacea, sia in formato elettronico): (a) Dettagliata relazione descrittiva conclusiva della fase annuale dalla quale risultino elementi qualitativi e quantitativi riguardanti i risultati della ricerca condotta. La relazione conclusiva dovrà essere sottoscritta dal referente della realtà di ricerca capofila e dovrà contenere anche precisi riferimenti circa: -i risultati conoscitivi o applicativi riscontrati in riferimento agli obiettivi iniziali del progetto -le possibili applicazioni pratiche di interesse per il territorio -il ruolo svolto dai giovani ricercatori coinvolti ed il loro percorso di crescita -le potenziali ricadute prevedibili per il territorio e per il sistema economico trentino. (b) Tabella finanziaria, sottoscritta dal Legale Rappresentante in forma di certificato sostitutivo di atto notorio, attestante in modo analitico l elenco delle spese effettivamente sostenute e l elenco delle entrate totali effettivamente conseguite per la realizzazione del progetto (comprensive delle risorse proprie impiegate, delle risorse messe a disposizione da altri partner, dei contributi ottenuti da terzi). (c) Documentazione formale delle spese effettivamente sostenute (fatture, ricevute fiscali, etc. in originale che saranno vistate e restituite) per le voci ammesse a contributo della Fondazione con la relativa documentazione dell avvenuto pagamento delle stesse; (d) Documentazione dettagliata che dimostri il programma di comunicazione volto a promuovere e valorizzare il progetto, anche al fine di comprovare la visibilità del sostegno offerto dai soggetti cofinanziatori ed in particolare dalla Fondazione. Oltre alle varie forme di comunicazione previste dal progetto, il programma di comunicazione dovrà necessariamente prevedere: 1) la pubblicazione di informazioni nel sito dell ente di ricerca e delle realtà partner, prevedendo anche un link al sito della Fondazione; 2) una presentazione pubblica dei risultati del progetto concluso, da concordare con la Fondazione. 8. Modalità di erogazione del contributo In aggiunta a quanto previsto al punto 8 della guida generale per la presentazione dei progetti, si prevede che la somma stanziata per il progetto venga corrisposta annualmente con le seguenti modalità: 1) L anticipo pari al 50% dell importo del primo anno sarà liquidato a seguito dell invio da parte dell istituzione capofila della dichiarazione formale di inizio delle attività; 2) Il saldo pari al 50% dell importo annuale sarà liquidato a seguito della valutazione della relazione conclusiva di fine anno, da inviare per posta e tramite entro tre mesi successivi alla scadenza dell annualità, contenente le informazioni richieste al precedente paragrafo 7. Per i progetti pluriennali, contestualmente sarà liquidato anche l acconto del 50% sulla successiva annualità. 3) La Fondazione può ridurre a suo insindacabile giudizio il contributo deliberato qualora: l attività svolta risulti diversa o inferiore rispetto al progetto iniziale; si verifichino difformità tra le spese effettivamente sostenute e documentate nel rendiconto e quelle previste; si verifichino difformità tra le entrate effettivamente realizzate e quelle previste per il progetto. 4) Agli effetti dell erogazione del contributo, non vengono riconosciute spese documentate nel rendiconto ma non incluse nelle previsioni di spesa del progetto, salvo motivata e preventiva richiesta e parere positivo espresso per iscritto da parte della Fondazione. 5) La Fondazione potrà revocare a suo insindacabile giudizio il contributo, qualora: la documentazione richiesta non pervenga entro i termini stabiliti; le modalità di comunicazione dell iniziativa in corso d opera e a consuntivo non siano conformi a quanto richiesto in termini di visibilità per la Fondazione. 6) In caso di revoca del contributo o di impossibilità nella realizzazione del progetto, le somme eventualmente già liquidate dovranno essere interamente restituite alla Fondazione entro 30 giorni dalla data di notifica. Per meglio approfondire le finalità degli interventi della Fondazione realizzate tramite i bandi e le modalità tecniche di presentazione dei progetti si chiede di prendere visione della guida generale per la presentazione dei progetti pubblicata sul sito alla pagina modulistica. 4

5 B. MODULO DI DOMANDA Alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto Via Calepina, TRENTO Oggetto: Bando 2015 per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Il sottoscritto legale rappresentante di (denominazione dell Ente, Dipartimento, Istituto o Centro di ricerca capofila del progetto) c h i e d e di beneficiare dei contributi stanziati da codesta Fondazione per il co-finanziamento del progetto descritto nell allegato e dal titolo: (titolo del progetto) Il costo complessivo del progetto è di euro. La domanda di co-finanziamento è di euro. Il sottoscritto dichiara di: a) avere preso visione ed accettare i contenuti della guida generale per la presentazione dei progetti; b) avere preso visione ed accettare integralmente il bando proposto dalla Fondazione; c) accettare incondizionatamente il risultato della selezione dei progetti; d) autorizzare, ai sensi dell art 10 D.Lgs. 196/2003, la raccolta presso gli uffici della Fondazione dei dati forniti per le finalità di gestione del presente bando (come indicato nell informativa dell allegato 5; e) confermare la disponibilità della realtà capofila a concordare con la fondazione forme di presentazione pubblica dei risultati ottenuti e di fornire informazioni sulle successive ricadute riscontrate dopo la conclusione del progetto. Si allega, inoltre, la documentazione richiesta. Data Firma del Legale Rappresentante della realtà capofila 5

6 C. SCHEDA INFORMATIVA DENOMINAZIONE DELLA REALTA CAPOFILA PROPONENTE SINTESI DELLE FINALITA PREVISTE DALLO STATUTO (nel caso di istituzioni diverse dai dipartimenti o centri universitari) SEDE (indirizzo completo, e C.A.P.) DATA DI COSTITUZIONE (inserire la data come da Atto Costitutivo) NR. TELEFONO NR. FAX INDIRIZZO INDIRIZZO WEB FORMA GIURIDICA DELLA REALTA PROPONENTE CODICE FISCALE PARTITA I.V.A BANCA DI APPOGGIO CODICE IBAN LEGALE RAPPRESENTATE (generalità e funzione): Alla documentazione cartacea inviata per posta, dovranno essere allegati i seguenti documenti: 1) Statuto e Atto Costitutivo dell istituzione capofila in vigore alla data della domanda (se non già precedentemente inviati alla Fondazione in versione elettronica); 2) per l istituzione capofila, copia dell'ultimo bilancio approvato (o specificazione del link ad una versione consultabile da internet); 3) curriculum vitae del giovane ricercatore post-doc; 4) una lettera sottoscritta dal legale rappresentante della realtà capofila che dichiari come i giovani coinvolti nel progetto (e per i quali si richiede alla Fondazione la copertura delle spese) non siano già inseriti nella stessa o nella realtà partner appartenente al sistema economico produttivo; 5) eventuali preventivi delle spese previste per la realizzazione del progetto; 6

7 1. Il progetto Titolo del progetto Principali discipline scientifiche interessate Data di inizio delle attività Durata del progetto in mesi Luogo di svolgimento 2. Sintesi strutturata del progetto D. SCHEDA PROGETTO Finalità ed obiettivi (nella descrizione non superare le 10 righe) Metodi e materiali che si intendono adottare per la realizzazione (nella descrizione non superare le 5 righe) Risultati attesi (nella descrizione non superare le 5 righe) Numero di giovani ricercatori coinvolti Numero di realtà partner di ricerca coinvolte Numero di realtà/enti/imprese del sistema economico trentino coinvolte Risultati, eventuali applicazioni o ricadute attese (nella descrizione non superare le 5 righe) 3. Attività di ricerca svolte dalla realtà capofila Descrizione sintetica delle principali attività di ricerca svolte dalla realtà capofila sui temi relativi al progetto Selezione delle 10 più recenti pubblicazioni complessivamente prodotte dai componenti del team proponente (realtà capofila, realtà partner, giovani ricercatori coinvolti) sui temi relativi al progetto (con eventuale specificazione dell impact factor della rivista e h-index dei responsabili delle unità che compongono il progetto) 4. Responsabile scientifico del progetto Nominativo Indirizzo Telefono e Fax Curriculum scientifico sintetico 5. Collaborazioni con realtà partner 1 Specificazione dei diversi referenti Descrizione sintetica delle principali competenze inerenti al progetto Descrizione delle modalità di collaborazione previste per il progetto e degli eventuali sviluppi potenziali di partnership anche per il futuro Descrizione del ruolo ricoperto dalla realtà partner e del suo apporto nel contesto del progetto 6. Collaborazioni con realtà partner 2 Specificazione dei diversi referenti Descrizione sintetica delle principali competenze inerenti al progetto Descrizione delle modalità di collaborazione previste per il progetto e degli eventuali sviluppi potenziali di partnership anche per il futuro Descrizione del ruolo ricoperto dalla realtà partner e del suo apporto nel contesto del progetto 7

8 7. Eventuali collaborazioni con altre realtà partner Elenco di altre realtà qualificate coinvolte come partner nel progetto e specificazione dei diversi referenti Descrizione sintetica per ciascuna realtà partner delle principali competenze inerenti al progetto Descrizione delle modalità di collaborazione previste per il progetto e degli eventuali sviluppi potenziali di partnership anche per il futuro Descrizione del ruolo ricoperto dalle realtà partner nel contesto del progetto 8. Profilo del giovane ricercatore post-doc coinvolto nel progetto Nominativo Data di nascita Telefono / Indirizzo di residenza Titolo di studi al momento della presentazione della domanda Curriculum vitae (da allegare) e Curriculum scientifico sintetico Per le istituzioni di ricerca che alla data di presentazione del progetto non sono in grado di conoscere la persona o le persone coinvolte come giovani ricercatori, si chiede di descrivere in modo dettagliato il profilo delle competenze ed esperienze richieste. 9. Profilo di eventuali altri giovani ricercatori coinvolti nel progetto Nominativo Data di nascita Telefono / Indirizzo di residenza Titolo di studi al momento della presentazione della domanda Curriculum vitae e Curriculum scientifico sintetico Nominativo Data di nascita Telefono / Indirizzo di residenza Titolo di studi al momento della presentazione della domanda Curriculum vitae e Curriculum scientifico sintetico Per le istituzioni di ricerca che alla data di presentazione del progetto non sono in grado di conoscere la persona o le persone coinvolte come giovani ricercatori, si chiede di descrivere in modo dettagliato il profilo delle competenze ed esperienze richieste. 8

9 10. Descrizione dettagliata del progetto 1) Esposizione dei dati preliminari e di contesto che motivano la realizzazione del progetto 2) Descrizione dell innovatività della ricerca proposta 3) Descrizione dettagliata delle attività di ricerca suddivisa per fasi di realizzazione e mete intermedie specificando anche le attività di ciascun partner coinvolto 4) Sintesi delle eventuali ipotesi previste di piani alternativi in caso di mancato raggiungimento di mete prefissate 5) Descrizione sintetica di eventuali approcci interdisciplinari e di come essi vengano integrati nel programma delle attività previste 6) Descrizione delle modalità di coinvolgimento e ruolo ricoperto dal giovane post-doc e da eventuali altri giovani ricercatori nel contesto del progetto 7) Descrizione dei risultati scientifici previsti a conclusione del progetto e del loro potenziale impatto sui temi della gestione dell ambiente e del territorio trentino 8) Descrizione dei risultati previsti in termini applicativi e conoscitivi per il sistema economico trentino 9) Indicazione delle modalità previste per il monitoraggio delle attività in corso e degli strumenti di valutazione (quantitativa e qualitativa) dei risultati a conclusione del progetto 10) Schema temporale di realizzazione del progetto inclusa la specificazione del numero di mesi/uomo per ciascuna risorsa umana coinvolta (coordinatore, personale interno dei vari partner, eventuali consulenti esterni, ciascuno dei giovani ricercatori coinvolti) 11) Elenco sintetico delle modalità previste per divulgare i risultati della ricerca 12) Descrizione dettagliata del piano di promozione del progetto, valorizzazione e disseminazione dei risultati, incluse le modalità previste per rendere visibile il contributo dei soggetti co-finanziatori del progetto 13) Descrizione delle ricadute attese dopo la conclusione del progetto anche a medio-lungo termine Lo staff della Fondazione (tel ) resta a disposizione per fornire ulteriori informazioni o chiarimenti circa le modalità di compilazione del progetto. Si ricorda che come previsto dal paragrafo 7 del bando, il programma di comunicazione dovrà necessariamente prevedere: 1) la pubblicazione di informazioni sul progetto nel sito dell ente di ricerca e delle realtà partner, prevedendo anche un link al sito della Fondazione; 2) una presentazione pubblica dei risultati del progetto concluso, da concordare con la Fondazione. La Fondazione mette a disposizione delle istituzioni di ricerca le proprie sale conferenze a Trento, nella sede di Via Calepina, o a Rovereto, in Piazza Rosmini, per realizzare conferenze stampa o incontri pubblici di presentazione volti a promuovere i progetti da realizzare oppure per presentare e rendere visibili i risultati dei progetti conclusi. Si ricorda che per i progetti ammessi a contributo la Fondazione richiede alle realtà capofila un impegno a fornire informazioni aggiornate circa le ricadute dei progetti che vengono riscontrate dopo la conclusione dei progetti. 9

10 SCHEDA ANALITICA DI PREVISIONE DELLE SPESE DEL PROGETTO Collaborazioni Coordinatore responsabile del progetto Personale dipendente direttamente coinvolto nel progetto (dettagliare le spese per le risorse umane di ciascuno dei tre partner) Borse/assegni/contratti del ricercatore post-doc coinvolto nel progetto non già strutturato nell organigramma della realtà capofila o dei partner Borse/assegni/contratti di altri giovani ricercatori coinvolti nel progetto non già strutturati nell organigramma della realtà capofila o dei partner (dettagliare le spese previste per ciascun giovane) Eventuali consulenze scientifiche e tecniche esterne (dettagliare le spese previste per ciascuna consulenza) Eventuali missioni dei giovani ricercatori (dettagliare le spese previste) Materiali e beni di consumo, attrezzature Materiali di consumo relativi al progetto (specificare le spese per ciascun bene di consumo) Attrezzature e apparecchiature strettamente funzionali al progetto (specificare in modo analitico le diverse voci di spesa) Altre spese funzionali al progetto (specificare in modo analitico le diverse voci di spesa) Comunicazione Spese per la divulgazione dei risultati intermedi e finali (dettagliare le diverse componenti di spesa) Eventuali pubblicazioni (dettagliare le diverse componenti di spesa) Totale delle spese previste per il progetto totale delle spese inserire il costo inserire il costo per ciascuna risorsa inserire il costo costo per ciascun ricercatore totale delle spese totale delle spese totale complessivo delle spese Si ricorda che sono ammissibili a contributo della Fondazione solamente le seguenti spese: a) compensi, borse o assegni di ricerca previsti per i giovani ricercatori inseriti nel progetto b) missioni dei giovani ricercatori coinvolti per lo svolgimento de progetto (questa non può superare il 10% dei costi del progetto); c) materiali di consumo e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione del progetto (questa non può superare il 30% dei costi del progetto). Sono ammissibili nell elenco delle spese del progetto soltanto i costi relativi al personale strutturato direttamente coinvolto nel progetto. Non sono ammesse tra le spese i costi generali. Si ricorda inoltre che le diverse voci di costo elencate sono da considerarsi al lordo dell IVA solo nel caso in cui l IVA costituisca un costo effettivo per il proponente. 10

11 SCHEDA ANALITICA DI PREVISIONE DI COPERTURA DELLE SPESE Risorse interne al team di proponenti Risorse della realtà capofila specificare in modo analitico le diverse tipologie di risorse (economiche, umane, attrezzature, sevizi, etc.) messe a disposizione Risorse della realtà partner 1 che collabora alla programmazione e realizzazione del progetto specificare in modo analitico le diverse tipologie di risorse (economiche, umane, attrezzature, sevizi, etc.) messe a disposizione Risorse della realtà partner 2 che collabora alla programmazione e realizzazione del progetto specificare in modo analitico le diverse tipologie di risorse (economiche, umane, attrezzature, sevizi, etc.) messe a disposizione Risorse da realtà esterne Contributi di enti pubblici specificare in modo analitico gli eventuali contributo di ciascun ente Contributi di enti privati specificare in modo analitico gli eventuali contributo di ciascun ente Altre tipologie di entrata Ulteriori tipologie di entrate non comprese nell elenco (dettagliare in modo analitico le diverse componenti di entrata) Contributo complessivo richiesto alla Fondazione (entro il limite del 50% del costo complessivo del progetto e per un non superiore a euro) totale delle risorse per ciascuna tipologia di risorsa per ciascuna tipologia di risorsa per ciascuna tipologia di risorsa totale delle risorse per ciascun ente per ciascun ente totale delle risorse per ciascuna tipologia totale contributo richiesto NOTE: 1. Il progetto deve necessariamente essere co-finanziato tramite mezzi propri o intervento di terzi. La mancanza di previsione di co-finanziamento è motivo di esclusione del progetto. 2. Nel corso della valutazione comparata dei progetti saranno privilegiate le domande che mostrino coerenza tra le risorse richieste e la dimensione delle attività previste. Ferme restando le limitazioni specificate al paragrafo 4, è dunque possibile richiedere un inferiore al limite indicato. 3. L intento della Fondazione è di operare una selezione accurata volta a sostenere i progetti più meritevoli per contenuti e modalità realizzative, cercando di sostenere i progetti ammessi con contributi ritenuti congrui per la realizzazione dei programmi previsti. 11

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis

Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis Piano Giovani di Zona Quattro Vicariati Comuni di Ala, Avio, Brentonico, Mori e Ronzo-Chienis BANDO PER LA PRESENTAZIONE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2015 PREMESSA:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari

+ CON. Il bando. Finalità. Destinatari + CON Il bando AMNU e STET promuovono un bando rivolto alle scuole di ogni ordine e grado del territorio dell Alta Valsugana e Bersntol. Il bando sollecita l attivazione di progetti finalizzati al risparmio

Dettagli

Guida alla compilazione

Guida alla compilazione Guida alla compilazione 1 Guida alla compilazione... 1 PARTE I REGISTRAZIONE ORGANIZZAZIONE... 5 LA PRIMA REGISTRAZIONE... 5 ACCESSO AREA RISERVATA (LOGIN)...11 ANAGRAFICA ORGANIZZAZIONE...12 ANAGRAFICA

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile

LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile LABORATORI DAL BASSO L iniziativa di Arti e Bollenti Spiriti per imparare a fare impresa sostenibile INVITO A PRESENTARE MANIFESTAZIONI DI INTERESSE 1. COSA SONO I LABORATORI DAL BASSO I Laboratori dal

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

PROGRAMMA VINCI Bando 2015

PROGRAMMA VINCI Bando 2015 PROGRAMMA VINCI Bando 2015 L Università Italo Francese / Université Franco Italienne (UIF/UFI) emette il quindicesimo bando Vinci, volto a sostenere le seguenti iniziative: I. Corsi universitari binazionali

Dettagli

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo

Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo Fondo per lo sviluppo della produzione audiovisiva Preambolo La Regione autonoma Valle d Aosta promuove e sostiene nel rispetto della normativa europea il settore cinematografico, audiovisivo e multimediale,

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015

L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 L ORÉAL Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale Italiana per l UNESCO Edizione 2014/2015 Regolamento per l'istituzione di borse di studio Art. 1 - Scopi e destinatari

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo

Istruzioni per la compilazione del Piano economico rendicontativo I MATERIALI FORMATIVI costituiscono un supporto pratico alla rendicontazione dei progetti; la loro funzione principale è quella di mostrare l applicazione delle regole a casi concreti con l ausilio degli

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali

FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali Misura 124 del PSR 2007-2013 della Regione Toscana FORMULARIO per la presentazione delle proposte progettuali ACRONIMO DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO SETTORE DI RIFERIMENTO PREVALENTE FLOROVIVAISMO AGRIENERGIE

Dettagli

INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE E DI ASSISTENZA

INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE E DI ASSISTENZA INVITO A MANIFESTARE INTERESSE PER LA CONDUZIONE E LA GESTIONE INTEGRATA DEI SERVIZI DI PULIZIA E SANIFICAZIONE E DI ASSISTENZA BAGNANTI E PULIZIA VASCHE DEGLI EDIFICI E DELLE PISCINE, NONCHE DI ACCOGLIENZA

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI

SOGGETTI AMMISSIBILI E CARATTERISTICHE DEI PROGETTI BANDO SVILUPPO DI RETI LUNGHE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE DELLE FILIERE TECNOLOGICHE CAMPANE - FAQ Frequent Asked Question : Azioni di sistema per l internazionalizzazione della filiera tecnologica

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Form di presentazione progetto

Form di presentazione progetto Form di presentazione progetto Il presente form deve essere compilato in tutte le sue parti e inviato con allegati (CV referente, altri CV persone chiave) a info@piazzevive.it entro il 6 dicembre 2013.

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO

AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO AVVISO SELEZIONE PUBBLICA PER L ASSEGNAZIONE DELL INCARICO DI CONSULENTE ARTISTICO Premessa Il Centro Servizi Culturali Santa Chiara propone annualmente una Stagione di Teatro che si compone di differenti

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

Università di Camerino

Università di Camerino Università di Camerino FONDO DI ATENEO PER LA RICERCA Bando per il finanziamento di Progetti di Ricerca di Ateneo Anno 2014-2015 1. Oggetto del bando L Università di Camerino intende sostenere e sviluppare,

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Disturbi dell Apprendimento

Disturbi dell Apprendimento Master in Disturbi dell Apprendimento in collaborazione con IPS nelle sedi di MILANO ROMA PADOVA BARI CAGLIARI CATANIA RAGUSA Questo modulo d iscrizione, unitamente alla fotocopia della ricevuta del versamento

Dettagli

Linee guida per le Scuole 2.0

Linee guida per le Scuole 2.0 Linee guida per le Scuole 2.0 Premesse Il progetto Scuole 2.0 ha fra i suoi obiettivi principali quello di sperimentare e analizzare, in un numero limitato e controllabile di casi, come l introduzione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare

Dettagli

Unione Europea Fondo Sociale Europeo

Unione Europea Fondo Sociale Europeo Unione Europea Fondo Sociale Europeo M.P.I. LICEO SCIENTIFICO STATALE G. D Alessandro Via S.Ignazio di Loyola - BAGHERIA www.lsdalessandro.it e-mail liceodalessandro@istruzione.it PEC paps09000v@postacertificata.org

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE

UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione dei progetti di servizio civile nazionale da realizzare in Italia e all

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto

Lucca. Project contest 2015. Premio Giovanni Martinelli. XI concorso nazionale per nuovi autori di fumetto art.1 Per favorire l inserimento di nuovi talenti nel panorama editoriale italiano, comics & Games, in collaborazione con edizioni BD, organizza il contest Premio Giovanni Martinelli, concorso per progetti

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

IL BUDGET. Che cos è il budget.

IL BUDGET. Che cos è il budget. IL BUDGET Che cos è il budget. Ogni progetto deve possedere una sostenibilità economica che permette la realizzazione delle attività e il raggiungimento degli obiettivi. Questa sostenibilità economica

Dettagli

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE

ECM Educazione Continua in Medicina Accreditamento Provider MANUALE UTENTE ECM Educazione Continua in MANUALE UTENTE Ver. 3.0 Pagina 1 di 40 Sommario 1. Introduzione... 3 2. Informazioni relative al prodotto e al suo utilizzo... 3 2.1 Accesso al sistema... 3 3. Accreditamento

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico Il Ministro dello Sviluppo Economico Vista la legge 17 febbraio 1982, n. 46 che, all articolo 14, ha istituito il Fondo speciale rotativo per l innovazione tecnologica; Visto il decreto-legge 22 giugno

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio

BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti Erogatori di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio BUONI DI SERVIZIO Procedura di richiesta di inserimento nell Elenco dei Soggetti di Servizi attraverso lo Strumento Buoni di Servizio Aprile 2011 INDICE 1. ACCESSO ALLA PROCEDURA... 1 2. INSERIMENTO DATI...

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui

MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui MODELLO A allegato all avviso di procedura comparativa di cui al D.D. n. 7 del 01/04/2015 Al Direttore del Dipartimento di LETTERE dell Università degli Studi di Perugia Piazza Morlacchi, 11-06123 PERUGIA

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti

Programma di Sviluppo Rurale per il Veneto 2007-2013 Asse 4 LEADER. 2. GAL Prealpi e Dolomiti FEASR REGIONE DEL VENETO Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali SCHEDA INTERVENTO A REGIA GAL Approvata con Deliberazione del Consiglio Direttivo del GAL n. 16

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N.

AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. AVVISO PUBBLICO PER IL REPERIMENTO DI N. 4 PROPOSTE DI RESIDENZA CREATIVA DA REALIZZARSI NEL PERIODO 1 FEBBRAIO 31 MAGGIO PRESSO IL TEATRO DI VILLA TORLONIA NELL AMBITO DELLE ATTIVITA DEL SISTEMA CASA

Dettagli

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo

VADEMECUM Finanziamenti diretti europei. Come redigere un progetto di successo VADEMECUM Finanziamenti diretti europei Come redigere un progetto di successo redazione: Petra Sevvi, Renata Tomi Info Point Europa della Provincia autonoma di Bolzano Alto Adige Ripartizione Europa Ufficio

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0

Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 E 1011060 E 75-0 Numer o Data Tipo Codice bilancio Capitolo-Articolo Note Previsione 2011- Accer. Impegnato al 08-08-2011 Previsione 2012 Previsione 2013 1 16/08/2011 E 1011060 E 75-0 1011060: ADDIZIONALE COMUNALE ALL'IRPEF

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020)

LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) LINEE GUIDA PER LA PARTECIPAZIONE AI PROGRAMMI A GESTIONE DIRETTA DELL UNIONE EUROPEA (2014-2020) PREMESSA Per l attuazione delle proprie politiche la Commissione europea finanzia un ampio numero di programmi/strumenti

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Progetti per l Inclusione Sociale

Progetti per l Inclusione Sociale Unione Europea Fondo Sociale Europeo Repubblica Italiana ASSESSORADU DE S'IGIENE E SANIDADE E DE S'ASSISTÈNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DELL IGIENE, SANITA E DELL ASSISTENZA SOCIALE Direzione Generale delle

Dettagli

MIUR IL DIRETTORE GENERALE

MIUR IL DIRETTORE GENERALE CI MIUR Firenze lì 24 aprile 2015 Bando per gli istituti scolastici pubblici e legalmente riconosciuti di ogni ordine e grado ad evidenza pubblica mediante procedura comparativa finalizzata alla creazione

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE

P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE P.A.R. F.A.S. REGIONE TOSCANA Linea di Azione 1.1.a.3 SOSTEGNO A PROGETTI DI RICERCA IN MATERIA DI SCIENZE SOCIO ECONOMICHE E UMANE LINEE GUIDA PER LA RENDICONTAZIONE versione 3-24.01.2011 1 PREMESSA...

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli