Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile"

Transcript

1 Bando per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile budget complessivo del bando euro termine per la presentazione dei progetti 30 aprile 2015 contenuti: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ED ALLEGATI 4. SCHEDA PROGETTO 5. INFORMATIVA SUL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI 6. SCHEDA AI FINI CIVILISTICI 7. ATTESTAZIONE AI FINI TRIBUTARI La domanda completata con il sistema on-line del sito dovrà essere stampata, firmata e inviata alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto entro e non oltre il 30 aprile Per apprendere le modalità tecniche di presentazione dei progetti con il sistema online, si chiede di prendere visione delle informazioni contenute al punto 4 della guida generale per la presentazione dei progetti pubblicata sul sito. Lo staff della Fondazione (tel ) resta a disposizione per fornire ulteriori informazioni o chiarimenti.

2 A. NORMATIVA DEL BANDO 1. Finalità del bando La Fondazione Caritro, considerato che la ricerca è uno strumento fondamentale per garantire innovazione e sviluppo delle comunità, intende sostenere progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile che dimostrino potenziali risultati e ricadute per il sistema economico trentino. 2. Caratteristiche essenziali dei progetti presentati I progetti presentati devono avere le seguenti caratteristiche: 1. prevedano di essere programmati e realizzati in collaborazione tra più realtà secondo logiche di rete per una proficua condivisione di obiettivi, conoscenze, strumentazioni/piattaforme tecnologiche e risorse umane; 2. prevedano il coinvolgimento di almeno un giovane ricercatore post-doc; 3. dimostrino di prevedere risultati (conoscitivi o applicativi) e ricadute per il sistema economico trentino; 4. siano avviati entro il 2015 e prevedano una durata non superiore a 24 mesi. 3. Destinatari del bando Il bando è rivolto esclusivamente a reti formate da almeno tre realtà. La rete deve individuare una realtà di ricerca capofila (Enti, Dipartimenti Universitari, Istituti e Centri) con sede in Trentino e prevedere la collaborazione di almeno altre due realtà partner che dimostrino di operare con esperienza e qualificazione nell ambito del progetto presentato (anche a livello nazionale o internazionale). Tra esse è possibile coinvolgere anche realtà/enti/imprese del sistema economico trentino. La realtà capofila del progetto deve dimostrare: a) di avere formalmente, come da Statuto, sede in Trentino; b) che nel proprio Statuto la ricerca scientifica è un obiettivo primario; c) di svolgere la ricerca scientifica con adeguata esperienza e riconoscimento; d) di avere adeguata disponibilità diretta e non mediata di risorse umane ed attrezzature per realizzare attività di ricerca. La rete di realtà partner deve prevedere il coinvolgimento di almeno un giovane ricercatore post-doc che al momento della presentazione della domanda risulti già in possesso del titolo di dottorato, che abbia un profilo coerente al tipo di progetto che viene presentato e che non risulti già strutturato nell organigramma dell istituzione capofila o dei partner del progetto. 4. Presentazione delle domande e risorse messe a disposizione Ciascuna realtà capofila (Enti, Dipartimenti Universitari, Istituti e Centri di ricerca qualificati) non può presentare più di un progetto. I progetti devono essere presentati in italiano. Nel caso di collaborazioni internazionali possono essere presentati in inglese. I progetti presentati devono prevedere le tipiche logiche della ricerca scientifica, ponendosi obiettivi innovativi, da perseguire secondo un percorso conoscitivo ben programmato, con mete intermedie e risultati verificabili, menzionando i possibili risultati conoscitivi-applicativi o le potenziali ricadute per il sistema economico trentino. Ciascun progetto di ricerca dovrà specificare in modo preciso l ambito nel quale si intende operare e fondarsi su significativi dati preliminari o su solide basi scientifiche, sottolineando anche l innovatività dell argomento trattato rispetto allo scenario scientifico di riferimento. Ciascun progetto dovrà inoltre evidenziare i metodi di studio proposti e la sua fattibilità pratica. I programmi di ricerca potranno adottare un approccio interdisciplinare, che veda l integrazione di differenti competenze scientifiche, anche grazie al concorso degli altri partner che compongono la rete. Nella ricerca dei partner locali, nazionali o internazionali si devono dunque identificare le competenze indispensabili per la completa realizzazione del progetto. 2

3 Il co-finanziamento richiesto alla Fondazione non potrà superare il 50% del costo complessivo previsto per la realizzazione dell intera iniziativa. L eventuale contributo della Fondazione a sostegno di ciascun progetto non potrà comunque essere superiore a euro e potrà essere destinato alla copertura delle seguenti tipologie di spesa: a) compensi, borse o assegni di ricerca previsti per i giovani ricercatori inseriti nel progetto b) missioni dei giovani ricercatori coinvolti per lo svolgimento de progetto (questa non può superare il 10% dei costi del progetto); c) materiali di consumo e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione del progetto (questa non può superare il 30% dei costi del progetto). La parte rimanente dovrà essere sostenuta necessariamente tramite risorse della realtà capofila, delle altre realtà coinvolte oppure di ulteriori co-finanziamenti di terzi. 5. Domande non ammissibili Oltre ai motivi di esclusione già elencati al punto 5 della guida generale per la presentazione dei progetti, verranno escluse dal presente bando: domande presentate da istituzioni che non presentano i requisiti per essere considerati Enti, Dipartimenti, Istituti e Centri di ricerca in base a quanto previsto al paragrafo 3 del bando; richieste per la costituzione o l avvio di nuovi istituti o centri di ricerca; richieste di contributo per la mera acquisizione di macchinari, attrezzature e apparecchiature scientifiche; domande per progetti che si configurino solamente come scritti puramente compilativi o in cui prevalga la funzione descrittiva; richieste presentate da realtà capofila che, alla data stabilita quale termine per la presentazione delle domande, hanno in corso più di un progetto co-finanziato dalla Fondazione; richieste per progetti che non prevedano altre fonti di co-finanziamento, oltre al contributo richiesto alla Fondazione. 6. Valutazione dei progetti La Fondazione valuterà, a proprio insindacabile giudizio, i progetti presentati, anche con l apporto di esperti esterni, secondo i criteri di seguito elencati: 1. rispondenza alle finalità del bando; 2. chiarezza e precisione nella descrizione del progetto; 3. qualità scientifica dei contenuti; 4. effettiva collaborazione secondo logiche di rete con altre realtà; 5. solidità dei dati preliminari ed effettiva realizzabilità del progetto; 6. previsione di possibili risultati applicativi o conoscitivi; 7. potenziali ricadute per il sistema economico trentino; 8. coerenza del profilo dei giovani ricercatori coinvolti rispetto al programma di attività previsto; 9. adeguatezza delle modalità previste di monitoraggio, valutazione e valorizzazione dei risultati e delle successive ricadute; 10. congruità delle previsioni di spesa rispetto alle attività previste e del contributo richiesto alla Fondazione anche rispetto alle altre compartecipazioni economiche. Nella valutazione comparata dei progetti si terrà conto della congruità delle spese elencate rispetto alle attività previste e della congruità del contributo richiesto in riferimento alle spese ammissibili e alle entrate previste. La Fondazione opera una selezione accurata volta a sostenere i progetti più meritevoli per contenuti, modalità esecutive e fattibilità, cercando di sostenere i progetti ammessi con contributi ritenuti congrui per la realizzazione dei programmi previsti e rispetto ai contributi richiesti. La Fondazione si riserva la facoltà di chiedere ulteriore documentazione integrativa e, se ritenuto opportuno, di sollecitare l integrazione tra progetti con caratteristiche simili. L esito conclusivo della valutazione dei progetti sarà comunicato tramite lettera entro giugno La Fondazione sottopone tutti i progetti ammessi a contributo a ulteriori valutazioni sia in corso d opera, sia a consuntivo. La Fondazione si riserva, inoltre, la possibilità di effettuare valutazioni dirette in loco, da concordare con il responsabile scientifico del progetto. La documentazione fornita a corredo delle richieste non verrà restituita. 3

4 7. Modalità di rendicontazione conclusiva Per tutti i progetti ammessi viene richiesta la presentazione, da parte della realtà di ricerca capofila, entro tre mesi dalla conclusione delle attività annuali, della seguente documentazione (sia cartacea, sia in formato elettronico): (a) Dettagliata relazione descrittiva conclusiva della fase annuale dalla quale risultino elementi qualitativi e quantitativi riguardanti i risultati della ricerca condotta. La relazione conclusiva dovrà essere sottoscritta dal referente della realtà di ricerca capofila e dovrà contenere anche precisi riferimenti circa: -i risultati conoscitivi o applicativi riscontrati in riferimento agli obiettivi iniziali del progetto -le possibili applicazioni pratiche di interesse per il territorio -il ruolo svolto dai giovani ricercatori coinvolti ed il loro percorso di crescita -le potenziali ricadute prevedibili per il territorio e per il sistema economico trentino. (b) Tabella finanziaria, sottoscritta dal Legale Rappresentante in forma di certificato sostitutivo di atto notorio, attestante in modo analitico l elenco delle spese effettivamente sostenute e l elenco delle entrate totali effettivamente conseguite per la realizzazione del progetto (comprensive delle risorse proprie impiegate, delle risorse messe a disposizione da altri partner, dei contributi ottenuti da terzi). (c) Documentazione formale delle spese effettivamente sostenute (fatture, ricevute fiscali, etc. in originale che saranno vistate e restituite) per le voci ammesse a contributo della Fondazione con la relativa documentazione dell avvenuto pagamento delle stesse; (d) Documentazione dettagliata che dimostri il programma di comunicazione volto a promuovere e valorizzare il progetto, anche al fine di comprovare la visibilità del sostegno offerto dai soggetti cofinanziatori ed in particolare dalla Fondazione. Oltre alle varie forme di comunicazione previste dal progetto, il programma di comunicazione dovrà necessariamente prevedere: 1) la pubblicazione di informazioni nel sito dell ente di ricerca e delle realtà partner, prevedendo anche un link al sito della Fondazione; 2) una presentazione pubblica dei risultati del progetto concluso, da concordare con la Fondazione. 8. Modalità di erogazione del contributo In aggiunta a quanto previsto al punto 8 della guida generale per la presentazione dei progetti, si prevede che la somma stanziata per il progetto venga corrisposta annualmente con le seguenti modalità: 1) L anticipo pari al 50% dell importo del primo anno sarà liquidato a seguito dell invio da parte dell istituzione capofila della dichiarazione formale di inizio delle attività; 2) Il saldo pari al 50% dell importo annuale sarà liquidato a seguito della valutazione della relazione conclusiva di fine anno, da inviare per posta e tramite entro tre mesi successivi alla scadenza dell annualità, contenente le informazioni richieste al precedente paragrafo 7. Per i progetti pluriennali, contestualmente sarà liquidato anche l acconto del 50% sulla successiva annualità. 3) La Fondazione può ridurre a suo insindacabile giudizio il contributo deliberato qualora: l attività svolta risulti diversa o inferiore rispetto al progetto iniziale; si verifichino difformità tra le spese effettivamente sostenute e documentate nel rendiconto e quelle previste; si verifichino difformità tra le entrate effettivamente realizzate e quelle previste per il progetto. 4) Agli effetti dell erogazione del contributo, non vengono riconosciute spese documentate nel rendiconto ma non incluse nelle previsioni di spesa del progetto, salvo motivata e preventiva richiesta e parere positivo espresso per iscritto da parte della Fondazione. 5) La Fondazione potrà revocare a suo insindacabile giudizio il contributo, qualora: la documentazione richiesta non pervenga entro i termini stabiliti; le modalità di comunicazione dell iniziativa in corso d opera e a consuntivo non siano conformi a quanto richiesto in termini di visibilità per la Fondazione. 6) In caso di revoca del contributo o di impossibilità nella realizzazione del progetto, le somme eventualmente già liquidate dovranno essere interamente restituite alla Fondazione entro 30 giorni dalla data di notifica. Per meglio approfondire le finalità degli interventi della Fondazione realizzate tramite i bandi e le modalità tecniche di presentazione dei progetti si chiede di prendere visione della guida generale per la presentazione dei progetti pubblicata sul sito alla pagina modulistica. 4

5 B. MODULO DI DOMANDA Alla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto Via Calepina, TRENTO Oggetto: Bando 2015 per progetti di ricerca scientifica nell ambito della gestione e salvaguardia dell ambiente, territorio e sviluppo sostenibile Il sottoscritto legale rappresentante di (denominazione dell Ente, Dipartimento, Istituto o Centro di ricerca capofila del progetto) c h i e d e di beneficiare dei contributi stanziati da codesta Fondazione per il co-finanziamento del progetto descritto nell allegato e dal titolo: (titolo del progetto) Il costo complessivo del progetto è di euro. La domanda di co-finanziamento è di euro. Il sottoscritto dichiara di: a) avere preso visione ed accettare i contenuti della guida generale per la presentazione dei progetti; b) avere preso visione ed accettare integralmente il bando proposto dalla Fondazione; c) accettare incondizionatamente il risultato della selezione dei progetti; d) autorizzare, ai sensi dell art 10 D.Lgs. 196/2003, la raccolta presso gli uffici della Fondazione dei dati forniti per le finalità di gestione del presente bando (come indicato nell informativa dell allegato 5; e) confermare la disponibilità della realtà capofila a concordare con la fondazione forme di presentazione pubblica dei risultati ottenuti e di fornire informazioni sulle successive ricadute riscontrate dopo la conclusione del progetto. Si allega, inoltre, la documentazione richiesta. Data Firma del Legale Rappresentante della realtà capofila 5

6 C. SCHEDA INFORMATIVA DENOMINAZIONE DELLA REALTA CAPOFILA PROPONENTE SINTESI DELLE FINALITA PREVISTE DALLO STATUTO (nel caso di istituzioni diverse dai dipartimenti o centri universitari) SEDE (indirizzo completo, e C.A.P.) DATA DI COSTITUZIONE (inserire la data come da Atto Costitutivo) NR. TELEFONO NR. FAX INDIRIZZO INDIRIZZO WEB FORMA GIURIDICA DELLA REALTA PROPONENTE CODICE FISCALE PARTITA I.V.A BANCA DI APPOGGIO CODICE IBAN LEGALE RAPPRESENTATE (generalità e funzione): Alla documentazione cartacea inviata per posta, dovranno essere allegati i seguenti documenti: 1) Statuto e Atto Costitutivo dell istituzione capofila in vigore alla data della domanda (se non già precedentemente inviati alla Fondazione in versione elettronica); 2) per l istituzione capofila, copia dell'ultimo bilancio approvato (o specificazione del link ad una versione consultabile da internet); 3) curriculum vitae del giovane ricercatore post-doc; 4) una lettera sottoscritta dal legale rappresentante della realtà capofila che dichiari come i giovani coinvolti nel progetto (e per i quali si richiede alla Fondazione la copertura delle spese) non siano già inseriti nella stessa o nella realtà partner appartenente al sistema economico produttivo; 5) eventuali preventivi delle spese previste per la realizzazione del progetto; 6

7 1. Il progetto Titolo del progetto Principali discipline scientifiche interessate Data di inizio delle attività Durata del progetto in mesi Luogo di svolgimento 2. Sintesi strutturata del progetto D. SCHEDA PROGETTO Finalità ed obiettivi (nella descrizione non superare le 10 righe) Metodi e materiali che si intendono adottare per la realizzazione (nella descrizione non superare le 5 righe) Risultati attesi (nella descrizione non superare le 5 righe) Numero di giovani ricercatori coinvolti Numero di realtà partner di ricerca coinvolte Numero di realtà/enti/imprese del sistema economico trentino coinvolte Risultati, eventuali applicazioni o ricadute attese (nella descrizione non superare le 5 righe) 3. Attività di ricerca svolte dalla realtà capofila Descrizione sintetica delle principali attività di ricerca svolte dalla realtà capofila sui temi relativi al progetto Selezione delle 10 più recenti pubblicazioni complessivamente prodotte dai componenti del team proponente (realtà capofila, realtà partner, giovani ricercatori coinvolti) sui temi relativi al progetto (con eventuale specificazione dell impact factor della rivista e h-index dei responsabili delle unità che compongono il progetto) 4. Responsabile scientifico del progetto Nominativo Indirizzo Telefono e Fax Curriculum scientifico sintetico 5. Collaborazioni con realtà partner 1 Specificazione dei diversi referenti Descrizione sintetica delle principali competenze inerenti al progetto Descrizione delle modalità di collaborazione previste per il progetto e degli eventuali sviluppi potenziali di partnership anche per il futuro Descrizione del ruolo ricoperto dalla realtà partner e del suo apporto nel contesto del progetto 6. Collaborazioni con realtà partner 2 Specificazione dei diversi referenti Descrizione sintetica delle principali competenze inerenti al progetto Descrizione delle modalità di collaborazione previste per il progetto e degli eventuali sviluppi potenziali di partnership anche per il futuro Descrizione del ruolo ricoperto dalla realtà partner e del suo apporto nel contesto del progetto 7

8 7. Eventuali collaborazioni con altre realtà partner Elenco di altre realtà qualificate coinvolte come partner nel progetto e specificazione dei diversi referenti Descrizione sintetica per ciascuna realtà partner delle principali competenze inerenti al progetto Descrizione delle modalità di collaborazione previste per il progetto e degli eventuali sviluppi potenziali di partnership anche per il futuro Descrizione del ruolo ricoperto dalle realtà partner nel contesto del progetto 8. Profilo del giovane ricercatore post-doc coinvolto nel progetto Nominativo Data di nascita Telefono / Indirizzo di residenza Titolo di studi al momento della presentazione della domanda Curriculum vitae (da allegare) e Curriculum scientifico sintetico Per le istituzioni di ricerca che alla data di presentazione del progetto non sono in grado di conoscere la persona o le persone coinvolte come giovani ricercatori, si chiede di descrivere in modo dettagliato il profilo delle competenze ed esperienze richieste. 9. Profilo di eventuali altri giovani ricercatori coinvolti nel progetto Nominativo Data di nascita Telefono / Indirizzo di residenza Titolo di studi al momento della presentazione della domanda Curriculum vitae e Curriculum scientifico sintetico Nominativo Data di nascita Telefono / Indirizzo di residenza Titolo di studi al momento della presentazione della domanda Curriculum vitae e Curriculum scientifico sintetico Per le istituzioni di ricerca che alla data di presentazione del progetto non sono in grado di conoscere la persona o le persone coinvolte come giovani ricercatori, si chiede di descrivere in modo dettagliato il profilo delle competenze ed esperienze richieste. 8

9 10. Descrizione dettagliata del progetto 1) Esposizione dei dati preliminari e di contesto che motivano la realizzazione del progetto 2) Descrizione dell innovatività della ricerca proposta 3) Descrizione dettagliata delle attività di ricerca suddivisa per fasi di realizzazione e mete intermedie specificando anche le attività di ciascun partner coinvolto 4) Sintesi delle eventuali ipotesi previste di piani alternativi in caso di mancato raggiungimento di mete prefissate 5) Descrizione sintetica di eventuali approcci interdisciplinari e di come essi vengano integrati nel programma delle attività previste 6) Descrizione delle modalità di coinvolgimento e ruolo ricoperto dal giovane post-doc e da eventuali altri giovani ricercatori nel contesto del progetto 7) Descrizione dei risultati scientifici previsti a conclusione del progetto e del loro potenziale impatto sui temi della gestione dell ambiente e del territorio trentino 8) Descrizione dei risultati previsti in termini applicativi e conoscitivi per il sistema economico trentino 9) Indicazione delle modalità previste per il monitoraggio delle attività in corso e degli strumenti di valutazione (quantitativa e qualitativa) dei risultati a conclusione del progetto 10) Schema temporale di realizzazione del progetto inclusa la specificazione del numero di mesi/uomo per ciascuna risorsa umana coinvolta (coordinatore, personale interno dei vari partner, eventuali consulenti esterni, ciascuno dei giovani ricercatori coinvolti) 11) Elenco sintetico delle modalità previste per divulgare i risultati della ricerca 12) Descrizione dettagliata del piano di promozione del progetto, valorizzazione e disseminazione dei risultati, incluse le modalità previste per rendere visibile il contributo dei soggetti co-finanziatori del progetto 13) Descrizione delle ricadute attese dopo la conclusione del progetto anche a medio-lungo termine Lo staff della Fondazione (tel ) resta a disposizione per fornire ulteriori informazioni o chiarimenti circa le modalità di compilazione del progetto. Si ricorda che come previsto dal paragrafo 7 del bando, il programma di comunicazione dovrà necessariamente prevedere: 1) la pubblicazione di informazioni sul progetto nel sito dell ente di ricerca e delle realtà partner, prevedendo anche un link al sito della Fondazione; 2) una presentazione pubblica dei risultati del progetto concluso, da concordare con la Fondazione. La Fondazione mette a disposizione delle istituzioni di ricerca le proprie sale conferenze a Trento, nella sede di Via Calepina, o a Rovereto, in Piazza Rosmini, per realizzare conferenze stampa o incontri pubblici di presentazione volti a promuovere i progetti da realizzare oppure per presentare e rendere visibili i risultati dei progetti conclusi. Si ricorda che per i progetti ammessi a contributo la Fondazione richiede alle realtà capofila un impegno a fornire informazioni aggiornate circa le ricadute dei progetti che vengono riscontrate dopo la conclusione dei progetti. 9

10 SCHEDA ANALITICA DI PREVISIONE DELLE SPESE DEL PROGETTO Collaborazioni Coordinatore responsabile del progetto Personale dipendente direttamente coinvolto nel progetto (dettagliare le spese per le risorse umane di ciascuno dei tre partner) Borse/assegni/contratti del ricercatore post-doc coinvolto nel progetto non già strutturato nell organigramma della realtà capofila o dei partner Borse/assegni/contratti di altri giovani ricercatori coinvolti nel progetto non già strutturati nell organigramma della realtà capofila o dei partner (dettagliare le spese previste per ciascun giovane) Eventuali consulenze scientifiche e tecniche esterne (dettagliare le spese previste per ciascuna consulenza) Eventuali missioni dei giovani ricercatori (dettagliare le spese previste) Materiali e beni di consumo, attrezzature Materiali di consumo relativi al progetto (specificare le spese per ciascun bene di consumo) Attrezzature e apparecchiature strettamente funzionali al progetto (specificare in modo analitico le diverse voci di spesa) Altre spese funzionali al progetto (specificare in modo analitico le diverse voci di spesa) Comunicazione Spese per la divulgazione dei risultati intermedi e finali (dettagliare le diverse componenti di spesa) Eventuali pubblicazioni (dettagliare le diverse componenti di spesa) Totale delle spese previste per il progetto totale delle spese inserire il costo inserire il costo per ciascuna risorsa inserire il costo costo per ciascun ricercatore totale delle spese totale delle spese totale complessivo delle spese Si ricorda che sono ammissibili a contributo della Fondazione solamente le seguenti spese: a) compensi, borse o assegni di ricerca previsti per i giovani ricercatori inseriti nel progetto b) missioni dei giovani ricercatori coinvolti per lo svolgimento de progetto (questa non può superare il 10% dei costi del progetto); c) materiali di consumo e attrezzature strettamente funzionali alla realizzazione del progetto (questa non può superare il 30% dei costi del progetto). Sono ammissibili nell elenco delle spese del progetto soltanto i costi relativi al personale strutturato direttamente coinvolto nel progetto. Non sono ammesse tra le spese i costi generali. Si ricorda inoltre che le diverse voci di costo elencate sono da considerarsi al lordo dell IVA solo nel caso in cui l IVA costituisca un costo effettivo per il proponente. 10

11 SCHEDA ANALITICA DI PREVISIONE DI COPERTURA DELLE SPESE Risorse interne al team di proponenti Risorse della realtà capofila specificare in modo analitico le diverse tipologie di risorse (economiche, umane, attrezzature, sevizi, etc.) messe a disposizione Risorse della realtà partner 1 che collabora alla programmazione e realizzazione del progetto specificare in modo analitico le diverse tipologie di risorse (economiche, umane, attrezzature, sevizi, etc.) messe a disposizione Risorse della realtà partner 2 che collabora alla programmazione e realizzazione del progetto specificare in modo analitico le diverse tipologie di risorse (economiche, umane, attrezzature, sevizi, etc.) messe a disposizione Risorse da realtà esterne Contributi di enti pubblici specificare in modo analitico gli eventuali contributo di ciascun ente Contributi di enti privati specificare in modo analitico gli eventuali contributo di ciascun ente Altre tipologie di entrata Ulteriori tipologie di entrate non comprese nell elenco (dettagliare in modo analitico le diverse componenti di entrata) Contributo complessivo richiesto alla Fondazione (entro il limite del 50% del costo complessivo del progetto e per un non superiore a euro) totale delle risorse per ciascuna tipologia di risorsa per ciascuna tipologia di risorsa per ciascuna tipologia di risorsa totale delle risorse per ciascun ente per ciascun ente totale delle risorse per ciascuna tipologia totale contributo richiesto NOTE: 1. Il progetto deve necessariamente essere co-finanziato tramite mezzi propri o intervento di terzi. La mancanza di previsione di co-finanziamento è motivo di esclusione del progetto. 2. Nel corso della valutazione comparata dei progetti saranno privilegiate le domande che mostrino coerenza tra le risorse richieste e la dimensione delle attività previste. Ferme restando le limitazioni specificate al paragrafo 4, è dunque possibile richiedere un inferiore al limite indicato. 3. L intento della Fondazione è di operare una selezione accurata volta a sostenere i progetti più meritevoli per contenuti e modalità realizzative, cercando di sostenere i progetti ammessi con contributi ritenuti congrui per la realizzazione dei programmi previsti. 11

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali

bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali bando per progetti di ricerca nell ambito delle scienze umanistiche, giuridiche e sociali budget complessivo del bando 450.000 euro termine per la presentazione dei progetti 31 agosto 2011 contenuti: 1.

Dettagli

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori

bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori bando per progetti di ricerca scientifica svolti da giovani ricercatori budget complessivo del bando 500.000 euro termine per la presentazione dei progetti 15 luglio 2014 contenuti: A. NORMATIVA DEL BANDO

Dettagli

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi

bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi bando per progetti di riordino e valorizzazione di archivi riguardanti la storia della comunità, dell economia e delle istituzioni trentine budget complessivo 150.000 euro termine per la presentazione

Dettagli

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale

bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale bando per progetti di inserimento lavorativo in campo sociale programmati e realizzati con logiche di rete e di collaborazione tra più realtà per fronteggiare situazioni di disagio o esclusione sociale

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI:

Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: Bando per il sostegno alla realizzazione di congressi, convegni e seminari di approfondimento scientifico CONTENUTI: 1. NORMATIVA DEL BANDO 2. MODULO DI DOMANDA 3. SCHEDA INFORMATIVA ENTE RICHIEDENTE 4.

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 2 Ricerca applicata in campo medico 2015/2016 Istruzione Universitaria e Ricerca 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1

Dettagli

BANDO 2016 REGOLAMENTO

BANDO 2016 REGOLAMENTO BANDO 2016 REGOLAMENTO La Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, nell ambito della propria attività istituzionale, promuove un bando per la presentazione di richieste di finanziamento a favore di progetti

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi.

Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DEL BANDO 1) Come presentare un progetto sul bando Nutrire il pianeta 2014 Il bando Nutrire il pianeta 2014 prevede una selezione dei progetti in due fasi. Fase 1 Nella prima fase

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI FONDI PER IL FINANZIAMENTO DI PROGETTI DI RICERCA NELL AREA DELL ONCOLOGIA CLINICA E DELLA CARDIOLOGIA ANNO 2011 La Fondazione Umberto Veronesi bandisce un pubblico concorso

Dettagli

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI

CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI 32 7.9.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 36 COMUNE DI QUARRATA (Pistoia) Selezione pubblica, per prove selettive, per chiamata nominativa di n. 1 Collaboratore Professionale Amministrativo

Dettagli

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato

Art. 4. Durata dei progetti e tutte le attività concluse entro la data del 30 maggio 2016. Art. 5. Importo del finanziamento assegnato Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica promossi e realizzati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della regione

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI

REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO CONTRIBUTI E PATROCINI INDICE: Art. 1

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014

Titolo Bando CSV FVG ANIMAZIONE E PROMOZIONE DEL VOLONTARIATO GIOVANILE Anno 2014 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 1) - Scheda progettuale Bando (MOD 2) - Piano dei costi (MOD 3) - Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà a cura delle Odv (MOD 4) - Lettera di partenariato

Dettagli

AVVISO Programma a sostegno dello sviluppo del capitale umano Piano di aggiornamento e di riqualificazione del personale degli uffici giudiziari

AVVISO Programma a sostegno dello sviluppo del capitale umano Piano di aggiornamento e di riqualificazione del personale degli uffici giudiziari AVVISO Programma a sostegno dello sviluppo del capitale umano Piano di aggiornamento e di riqualificazione del personale degli uffici giudiziari 1. Premessa Atti n. 173945\2012 15.5\2009\2 APPROVATO CON

Dettagli

-FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012

-FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012 -FoRST- FONDAZIONE PER LA RICERCA SCIENTIFICA TERMALE BANDO 2012 BANDO IN MEDICINA TERMALE RIABILITATIVA E OTORINOLARINGOIATRICA PROGETTI DI RICERCA FoRST invita a sottoporre proposte di finanziamento

Dettagli

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni.

Autore: Luca Masi Versione: 8/3/2012. Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. LEGGERE UN BANDO DI FINANZIAMENTO PER LE ORGANIZZAZIONI NON PROFIT Capire le caratteristiche di un bando e valutare se preparare il progetto: appunti, domande e riflessioni. Data di scadenza Ho il tempo

Dettagli

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione BANDO "DAI DISTRETTI PRODUTTIVI AI DISTRETTI TECNOLOGICI -2" Distretto 9.2 - Elettronica e Meccanica di Precisione MANUALE DI RENDICONTAZIONE Criteri di ammissibilità dei costi e modalità di rendicontazione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento PRESTITO D ONORE (Delibere C.P. 27/04, 4/05 ) ------------------------------- La Provincia Regionale di Enna, IV Settore Programmazione e Sviluppo Economico concede

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 110-25.2.2011 N. 14175 P.G. OGGETTO: Area Sicurezza, Polizia Locale, Decentramento e Demografici. Settore Partecipazione e Decentramento. Modalità di presentazione

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA CONTRIBUTO

MODULO DI RICHIESTA CONTRIBUTO MODULO DI RICHIESTA CONTRIBUTO MODALITÀ DI PRESENTAZIONE DELLA RICHIESTA Per presentare una richiesta di contributo alla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, finalizzata a sostenere un progetto,

Dettagli

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione

Pianeta Galileo. Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione Pianeta Galileo Avviso pubblico per il finanziamento di progetti di educazione scientifica presentati da Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e paritari, della Toscana 1. Finalità

Dettagli

PROGETTI DI RICERCA DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI - REGOLAMENTO -

PROGETTI DI RICERCA DELL ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA BRUNO UBERTINI - REGOLAMENTO - ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL'EMILIA ROMAGNA Bruno Ubertini ------------------------------------- BRESCIA Via Bianchi, 9 25124 BRESCIA Tel. 030-22901 Fax: 030-2290264 PROGETTI

Dettagli

Settore Istruzione, Educazione Formazione

Settore Istruzione, Educazione Formazione Documento Programmatico Previsionale 2016 Settore Istruzione, Educazione Formazione GIOVANI E MONDO DEL LAVORO - LINEA 1) L A L I N E A D I I N T E R V E N T O QUALE FINALITÀ Creare percorsi di avvicinamento

Dettagli

Il benessere della comunità:

Il benessere della comunità: Il benessere della comunità: Volontariato, Territorio e Relazioni! Linea di finanziamento per favorire la coesione sociale e il benessere delle comunità attraverso processi di progettazione partecipata.

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

BANDO DI GARA BOOM POLMONI URBANI REGOLAMENTO

BANDO DI GARA BOOM POLMONI URBANI REGOLAMENTO Movimento 5 Stelle Boom Polmoni Urbani BANDO DI GARA BOOM POLMONI URBANI REGOLAMENTO ART. 1 Descrizione dell iniziativa Nel rispetto degli impegni presi con i Cittadini, il Movimento 5 Stelle Sicilia con

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. 1 Bando 2009

PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO. 1 Bando 2009 PRESENTAZIONE PROGETTO E RICHIESTA DI FINANZIAMENTO 1 Bando 2009 ASSISTENZA SOCIALE E SOCIO-SANITARIA - RICERCA SCIENTIFICA E IN CAMPO SANITARIO FORMAZIONE - TUTELA, PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DI ATTIVITA

Dettagli

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi:

l progetti Ordinari Minori sono volti ad incentivare le attività delle singole OdV che realizzano uno o più dei seguenti interventi: 1 Art.1 Oggetto del bando Il Bando per il biennio 2014/2015 del CSV Asso.Vo.Ce. Microprogettazione Sociale è volto al sostegno della progettazione sociale delle Organizzazioni di Volontariato, di seguito

Dettagli

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità

CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI. Articolo 1 Finalità Allegato parte integrante ALLEGATO A CRITERI E MODALITA PER IL FINANZIAMENTO DI ATTIVITA COMPRESE IN PROGETTI INNOVATIVI O SPERIMENTALI Articolo 1 Finalità L articolo 38 della legge provinciale 27 luglio

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Criteri e procedure per il finanziamento e la gestione di progetti di ricerca per lo sviluppo, l innovazione e la valorizzazione del sistema agroalimentare

Dettagli

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI

ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI ATTIVITA ISTITUZIONALE - DISCIPLINARE PER GLI INTERVENTI EROGATIVI Il presente documento disciplina le procedure per lo svolgimento dell attività istituzionale riferita alla presentazione di progetti da

Dettagli

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali.

I finanziamenti erogati a valere sul Fondo sono destinati unicamente agli Enti locali. Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Guida per la presentazione dei progetti Fondo per il sostegno agli investimenti per l innovazione negli enti locali - Art. 1, comma 893, della legge 27 dicembre

Dettagli

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI

BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO PER PROGETTI EMBLEMATICI MINORI BANDO ANNO 2015 FINALITÀ Gli interventi emblematici provinciali si riferiscono a progetti diretti a perseguire obiettivi coerenti con quelli dei piani di azione di

Dettagli

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita.

Premesse. Il tema di Expo Milano 2015 (Esposizione universale Milano 2015) è Nutrire il Pianeta, Energia per la vita. Agenzia Regionale per lo Sviluppo e l Innovazione dell Agricoltura del Lazio AVVISO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI PER IL FINANZIAMENTO TOTALE O PARZIALE DI PROGETTI DI PROMOZIONE AGRICOLA

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI AZIONI DI EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITÀ RIVOLTO ALLE SCUOLE PUBBLICHE ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ L Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sostenibilità

Dettagli

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO

INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO INVITO A PRESENTARE PROGETTI IN MATERIA DI CULTURA DEL DIRITTO D AUTORE IN AMBITO UNIVERSITARIO Premessa Nel rinnovare l accordo (19 luglio 2007) per il pagamento dei diritti d autore sulle fotocopie effettuate

Dettagli

III BANDO PER BORSE DI ALTI STUDI 2015

III BANDO PER BORSE DI ALTI STUDI 2015 Programma di Studi Sull Età e la Cultura del Barocco III BANDO PER BORSE DI ALTI STUDI 2015 La bandisce un concorso per 3 Borse di alti studi sull Età e la Cultura del Barocco. Termine per la presentazione

Dettagli

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV

WWW.CSVROVIGO.IT. Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI CSV BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI Scadenze 15 ottobre e 31 dicembre 2015 WWW.CSVROVIGO.IT Centro di Servizio per il Volontariato di Rovigo CSV 2 CSV ROVIGO - BANDO 2015 PICCOLI PROGETTI 1. INTRODUZIONE Il Centro

Dettagli

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS

FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS Art. 1 - Promotore FONDO GAETANO SESSA CRA BCC DI FISCIANO PRESSO LA FONDAZIONE DELLA COMUNITA SALERNITANA ONLUS 1 AVVISO ANNO 2015 Scuole aperte e promozione della cittadinanza attiva La Fondazione della

Dettagli

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. cofinanziamento di idee progettuali. nel settore a) ricerca scientifica e tecnologica

FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014. cofinanziamento di idee progettuali. nel settore a) ricerca scientifica e tecnologica FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI PUGLIA AVVISO ANNO 2014 cofinanziamento di idee progettuali nel settore a) ricerca scientifica e tecnologica Art.1 PREMESSE La Fondazione Cassa di Risparmio di Puglia,

Dettagli

Programma di Ricerca Regione-Università

Programma di Ricerca Regione-Università Programma di Ricerca Regione-Università Area 2 - Bando 2013 Ricerca per il Governo Clinico Note per la compilazione della modulistica e della scheda di budget del progetto completo Questa nota è intesa

Dettagli

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO

BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO BANDO 2015.9 ATTIVITÀ CULTURALI TUTELA E VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO STORICO E ARTISTICO PER L INDIVIDUAZIONE DI PROGETTI DI UTILITÀ SOCIALE DA FINANZIARSI DALLA FONDAZIONE CON IL CONCORSO DI ALTRI SOGGETTI

Dettagli

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres.

L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. L.R. 5/2012, artt. 18 e 33 B.U.R. 8/10/2014, n. 41 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 24 settembre 2014, n. 0183/Pres. Regolamento concernente criteri e modalità per la concessione di contributi per

Dettagli

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010

Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Bandi per il finanziamento di progetti a rilevanza territoriale locale 2010 Premessa Nel rispetto delle direttive del Comitato di Gestione del Fondo Speciale per il Volontariato e della normativa vigente,

Dettagli

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152

BANDO PROMOZIONE. Delegazione di Potenza: via Sicilia - 85100 Potenza tel/fax 0971 273152 BANDO PROMOZIONE Programma operativo 2014 www.csvbasilicata.it p. 1 di 18 INDICE Art. 1 Finalità del Bando... 3 Art. 2 Oggetto delle proposte progettuali... 3 Art. 3 Destinatari e termini di presentazione

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE UFFICIO VI BANDO PER LA RICHIESTA DI CONTRIBUTI PER MISSIONI ARCHEOLOGICHE, ANTROPOLOGICHE, ETNOLOGICHE ITALIANE ALL ESTERO - ANNO 2013 - Articolo

Dettagli

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate

BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate BANDO LAVORO & INCLUSIONE SOCIALE Favorire l inserimento lavorativo, in forma stabile e qualificata, di persone emarginate e svantaggiate Il contesto L emarginazione sociale è un fenomeno che affligge

Dettagli

NOTIZIE UTILI PER LA GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI PRIN

NOTIZIE UTILI PER LA GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI PRIN NOTIZIE UTILI PER LA GESTIONE E RENDICONTAZIONE DEI PROGETTI PRIN (Ex COFIN Ex 40%) 1. PRIN in generale 2. RD, RA e Cofinanziamento di altre amministrazioni 3. Erogazione del finanziamento 4. Voci di Spesa.

Dettagli

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE

SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE SISTEMA TURISTICO LOCALE SULCIS IGLESIENTE - PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS - PIANO DI ATTIVITA 2009 ASSE 3.2.C. SVILUPPO DELL AGGREGAZIONE CONTRIBUTI PER LA COMPARTECIPAZIONE A PROGETTI FINALIZZATI A

Dettagli

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete.

Le Organizzazioni iscritte possono scegliere se partecipare al bando in forma singola o, in alternativa, sotto forma di Organizzazioni in rete. ALLEGATO A BANDO 2014 PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEI PROGETTI PRESENTATI DALLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO ISCRITTE ALLA SEZIONE REGIONALE E ALLE SEZIONI PROVINCIALI DEL REGISTRO GENERALE

Dettagli

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA

BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BANDO CON RACCOLTA N. 3 ANNO 2015 PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI E ARTISTICHE A FAVORE DI GIOVANI SETTORI DI INTERVENTO: ARTE E CULTURA BUDGET COMPLESSIVO : Euro 50.000 messi a disposizione dalla

Dettagli

ATTENZIONE! 2. Prima di formulare la richiesta, leggere attentamente il Bando.

ATTENZIONE! 2. Prima di formulare la richiesta, leggere attentamente il Bando. BANDO 2012 GENERICO PER ATTIVITÀ VARIE ATTENZIONE! 1. La richiesta di contributi deve essere formulata esclusivamente on-line, accedendo alla sezione Contributi del sito Internet della Fondazione (www.fondazionecarilucca.it)

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

Titolo Bando CSV FVG PROMOZIONE e SVILUPPO DEL VOLONTARIATO Anno 2015

Titolo Bando CSV FVG PROMOZIONE e SVILUPPO DEL VOLONTARIATO Anno 2015 Data pubblicazione: 10 aprile 2015 Data scadenza 1 finestra: 30 aprile 2015 Data scadenza 2 finestra: 31 luglio 2015 Data scadenza 3 finestra: 31 ottobre 2015 MODULISTICA - Domanda di contributo (MOD 01)

Dettagli

Linee guida per la Gestione, la Rendicontazione e la Comunicazione delle attività sostenute dalla Compagnia di San Paolo

Linee guida per la Gestione, la Rendicontazione e la Comunicazione delle attività sostenute dalla Compagnia di San Paolo Linee guida per la Gestione, la Rendicontazione e la Comunicazione delle attività sostenute dalla Compagnia di San Paolo La Compagnia di San Paolo vuole condividere con gli enti destinatari dei propri

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Criteri per la concessione da parte del Dipartimento della Protezione Civile dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato di Protezione Civile nel triennio

Dettagli

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015

BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 BANDO DI EROGAZIONE ESERCIZIO 2015 1 Verso il welfare di comunità Assistenza sociale 1 Indice 1 Premessa... 3 1.1 Le risorse a disposizione... 3 2 Enti ammissibili... 3 2.1 Ente responsabile e partenariato...

Dettagli

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15)

BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) BANDO PER LA PROMOZIONE DELLA CULTURA CINEMATOGRAFICA (ART. 15) La Regione, allo scopo di favorire lo sviluppo e la diffusione nel territorio della cultura cinematografica, sostiene gli organismi pubblici

Dettagli

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL

Bando 2015 FONDAZIONE SOCIAL Bando 2015 Indice A. Premessa B. Caratteristiche del Bando B.1. Risorse B.2 Obiettivi B.3 Aree di interesse B.4 Ambito di intervento e soggetti beneficiari C. Soggetti proponenti D. Progetti ammissibili

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale

Regione Autonoma della Sardegna Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Assessorato del Lavoro, Formazione Professionale, Cooperazione e Sicurezza Sociale Servizio Programmazione, Gestione, Monitoraggio e Controllo della Formazione BANDO PUBBLICO PER IL FINANZIAMENTO DI CORSI

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI

BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI BANDO A SOSTEGNO DELLA REALIZZAZIONE DI NUOVE IDEE IMPRENDITORIALI IN PROVINCIA DI LODI Mantenere il lavoro, la propria abitazione e assicurarsi con continuità l'accesso al cibo in questi anni è diventato

Dettagli

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione

Indice. 1. Finalità. 2. Tipologia di aiuto. 3. Beneficiari. 4. Intensità dell aiuto e spese ammissibili. 5. Criteri di selezione Allegato alla Delib.G.R. n. 28/41 del 17.7.2013 Modifica delle direttive in materia di aiuto all avviamento delle organizzazioni dei produttori (OP), delle loro unioni (OC) non ortofrutta e dei consorzi

Dettagli

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida

BANDI 2013 2. Bando con scadenza 30 settembre 2013. Contesto di riferimento. Premessa. Linee guida Bando con scadenza 30 settembre 2013 BANDI 2013 2 Bando ad invito Promuovere progetti internazionali finalizzati ad incrementare l attrattività del sistema ricerca regionale FASE 2 Individuazione dei progetti

Dettagli

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali

ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE. PARAGRAFO 1 Disposizioni generali ALLEGATO III DISPOSIZIONI FINANZIARIE PARAGRAFO 1 Disposizioni generali La sovvenzione si basa sul principio del cofinanziamento, in quanto completa il contributo finanziario del beneficiario. L importo

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani

BANDO DI CONCORSO. CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani BANDO DI CONCORSO CREATIVITÀ IN AZIONI 2012 Giovani per i giovani INDICE: Art. 1 Finalità Art. 2 Indirizzi di programma ed obiettivi Art. 3 Procedure e termini di presentazione delle domande Art. 4 Requisiti

Dettagli

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia

Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia COMUNE DI BRESCIA Bando 2014 per Organizzazioni di Volontariato del Comune di Brescia OBIETTIVI DEL BANDO La Fondazione della Comunità Bresciana ed il Comune di Brescia intendono congiuntamente continuare

Dettagli

Ripartizione Politiche Educative Giovanili

Ripartizione Politiche Educative Giovanili AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA II^ EDIZIONE DEL CONCORSO SOFT ECONOMY START - UP DI MICROIMPRESA INNOVATIVA GIOVANILE NELL AMBITO DEL PIANO LOCALE GIOVANI DIFFERENZE GENERAZIONALI Art. 1 - Descrizione dell

Dettagli

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015

BANDO. per le associazioni socie del Cesvot. per la presentazione. di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 BANDO per le associazioni socie del Cesvot per la presentazione di progetti di formazione per il volontariato ANNO 2015 volontariato ANNO 2015 Pagina 1 1. Chi può presentare Hanno diritto a presentare

Dettagli

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo

Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua. Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua Manuale per le attività di Vigilanza e Controllo 1 Sommario 1. Vigilanza e Controllo... 3 2. Modalità e procedure di esercizio delle

Dettagli

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI

IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI IN ITINER@ BANDO DI VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO MONUMENTALE DEDICATO A VISITE ED ITINERARI Criteri generali Obiettivi del bando Il bando intende promuovere la vocazione turistico-culturale dei Comuni

Dettagli

Bando per la concessione di contributi

Bando per la concessione di contributi Allegato A 2015 Bando per la concessione di contributi L Assessorato alle Politiche scolastiche e giovani intende promuovere la realizzazione di iniziative a favore del protagonismo giovanile attraverso

Dettagli

ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE

ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE ALLEGATO: PROGETTO DI FORMAZIONE 1) DATI SALIENTI SUL PROGETTO Prima parte - Proposta di capitolato tecnico Titolo o Titolo del progetto. o Titolo del progetto in lingua inglese. o Soggetto proponente.

Dettagli

Regolamento per l esercizio della Attività Istituzionale

Regolamento per l esercizio della Attività Istituzionale Regolamento per l esercizio della Attività Istituzionale Regolamento per l esercizio dell attività istituzionale della Fondazione di Piacenza e Vigevano Art. 1 Ambito di applicazione Il presente regolamento,

Dettagli

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese

Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO. Incentivi per la creazione di nuove imprese Fondazione per la Promozione della Cultura Professionale e dello Sviluppo Economico Progetto speciale multiasse INTRAPRENDO Incentivi per la creazione di nuove imprese Azioni di sostegno allo start-up

Dettagli

I Progetti territoriali

I Progetti territoriali I Progetti territoriali PROGETTI TERRITORIALI: IN SINTESI Chi? Che cosa? Enti pubblici Enti ecclesiastici/religiosi civilmente riconosciuti Enti nonprofit, cooperative e imprese sociali Progetti che: hanno

Dettagli

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo

PROGETTI SPECIALI. AVVISO 5/12Ter. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo PROGETTI SPECIALI AVVISO 5/12Ter Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di innovazione tecnologica e di processo AVVISO PROGETTI SPECIALI 5/12Ter FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELL AVVISO: 31 gennaio 2014

DATA DI PUBBLICAZIONE DELL AVVISO: 31 gennaio 2014 AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI SUPPORTO AMMINISTRATIVO/CONTABILE ALL ATTUAZIONE DEI PROGETTI FINANZIATI NELL AMBITO DEI PROGRAMMI ALCOTRA 2007-2013, PAR FAS VALLE D AOSTA 2007/13

Dettagli

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R.

BANDO PER LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DI AZIONI DI PREVENZIONE E CONTRASTO ALLE FORME DI DIPENDENZA DAL GIOCO D AZZARDO LECITO L.R. Bollettino Ufficiale 45 D.G. Territorio, urbanistica e difesa del suolo D.d.u.o. 13 marzo 2015 - n. 1934 Bando per lo sviluppo e il consolidamento di azioni di prevenzione e contrasto alle forme di dipendenza

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

BANDO 2014. Obiettivi

BANDO 2014. Obiettivi BANDO 2014 Obiettivi La Fondazione persegue esclusivamente fini di utilità sociale e di promozione dello sviluppo economico del territorio e, tenuto conto delle risorse disponibili, realizza la propria

Dettagli

Tabella 2. I criteri di valutazione dei progetti presentati dalle allanze territoriali alle Asl

Tabella 2. I criteri di valutazione dei progetti presentati dalle allanze territoriali alle Asl Tabella 2. I criteri di valutazione dei progetti presentati dalle allanze territoriali alle Asl Bando Criteri di valutazione Bergamo Brescia Como Qualità dell'ʹanalisi dei bisogni territoriali Percentuale

Dettagli

3 Bando 2015 CULTURA

3 Bando 2015 CULTURA 3 Bando 2015 CULTURA Per il finanziamento di progetti di utilità sociale nel settore delle Iniziative Culturali OBIETTIVI DEL BANDO Individuare progetti di utilità sociale nel settore delle iniziative

Dettagli

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest

Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest Bando 2014.3 EXPOniamoci con il supporto operativo del Consorzio Sistema Bibliotecario Nord Ovest 1. PROMOTORE E FINALITÀ DEL BANDO In connessione con la manifestazione EXPO2015 si intende favorire lo

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche

Capo I disposizioni generali. Capo II contributi per il rimborso delle spese assicurative. Capo III contributi per l acquisto di attrezzature tecniche Regolamento per la concessione dei contributi a favore delle organizzazioni di volontariato, di cui agli articoli 9, 10 e 28 della legge regionale 9 novembre 2012, n. 23 (Disciplina organica sul volontariato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A SOGGETTI PUBBLICI E PRIVATI (Art. 12, legge 7 Agosto 1990, n. 241 e s.m.) Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale.

DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale. DIREZIONE GENERALE PER LA PROMOZIONE DEL SISTEMA PAESE Unità per la Cooperazione Scientifica e Tecnologica Bilaterale e Multilaterale d intesa con MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DELLA FAMIGLIA Avviso di finanziamento relativo all anno 2011 per progetti a valere sull articolo 9 della legge 8 marzo 2000 n. 53, così

Dettagli

AVVISO TEMATICO 1/12

AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 AVVISO TEMATICO 1/12 FONDO PARITETICO INTERPROFESSIONALE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA DEL TERZIARIO FOR.TE. Promozione di Progetti formativi per la formazione in materia di

Dettagli

Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th

Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th Piano Giovani di Zona Giudicarie Esteriori Space For You th BANDO PER LA PRESENTAZIONE PRELIMINARE DI PROGETTI PER LA FORMAZIONE DEL PIANO OPERATIVO GIOVANI (POG) Anno 2016 PREMESSA Che cos è il Piano

Dettagli

Servizio Ambiente e Protezione Civile Unità Ambiente

Servizio Ambiente e Protezione Civile Unità Ambiente Servizio Ambiente e Protezione Civile Unità Ambiente BANDO PER IL FINANZIAMENTO DI CONTRIBUTI PER AZIONI DI SOSTEGNO ALLA TUTELA AMBIENTALE NEL COMUNE DI FORLI' ART. 1 - OGGETTO E FINALITÀ L Assessorato

Dettagli

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine).

1) IDEA PROGETTUALE (max. 4 pagine). Proposta preliminare di sviluppo di un Progetto Integrato di Frontiera (PIF FORMULARIO Nome del PIF: Area Tematica ( a scelta fra quelle indicate nell appendice 1 dell Avviso Pubblico Abstract (1 pagina

Dettagli

BANDO DI ATENEO TRANSITION GRANT - HORIZON 2020

BANDO DI ATENEO TRANSITION GRANT - HORIZON 2020 BANDO DI ATENEO TRANSITION GRANT - HORIZON 2020 ARTICOLO 1 TRANSITION GRANT HORIZON 2020 LINEE DI FINANZIAMENTO E FONDI DISPONIBILI L Università degli Studi di Milano (UNIMI), al fine di sostenere la progettualità

Dettagli

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO.

BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO. BANDO PER L ACCESSO AL COFINANZIAMENTO DEL COMUNE DI FIRENZE PER PROGETTI DI PROMOZIONE E VALORIZZAZIONE DEL TESSUTO ECONOMICO FIORENTINO Anno 15 Articolo 1 Finalità 1. Il Comune di Firenze, nell ambito

Dettagli

Art. 1 FINANZIAMENTI DI ATENEO PER LA RICERCA SCIENTIFICA Anno 2015

Art. 1 FINANZIAMENTI DI ATENEO PER LA RICERCA SCIENTIFICA Anno 2015 IL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE RICERCA FAQ PROGETTI DI RICERCA BANDO 2015 Art. 1 FINANZIAMENTI DI ATENEO PER LA RICERCA SCIENTIFICA Anno 2015 La Sapienza promuove progetti di avvio alla ricerca per giovani

Dettagli