SQL. Structured Query Language 1974: SEQUEL by IBM 1981: SQL by IBM : SQL ISO 9075:1992 SQL:1999 SQL:2003

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SQL. Structured Query Language 1974: SEQUEL by IBM 1981: SQL by IBM 1986 1992: SQL ISO 9075:1992 SQL:1999 SQL:2003"

Transcript

1 SQL Structured Query Language 1974: SEQUEL by IBM 1981: SQL by IBM : SQL ISO 9075:1992 SQL:1999 SQL:2003

2 SQL Il linguaggio SQL è stato originariamente dichiarativo, diventando nel tempo sempre più procedurale (ovvero non specifica le sequenze di operazioni da compiere per ottenere il risultato). Integra al suo interno le 3 sotto-famiglie di linguaggi DDL, DML e DCL. Il modello si basa su tabelle, non più su relazioni. SQL adotta la logica a 3 valori introdotta nell algebra relazionale: vero, falso, sconosciuto (null).

3 Database Sailor(Sid, Sname, Srate, Sage) Boat(Bid, Bname, Bcolor) Rent(Sid, Bid, date) Sid Sname Srate Sage 22 Popeye Soldini Rusty Lubber 2 22 Bid Bname Bcolor 129 Sealion red 72 Alinghi red 313 Bathtub blu Sid Bid Rdate

4 SELECT select [all distinct] <attrib expr> [[as] <alias>] [, <attrib expr> [[as] <alias>] ] from <tabella> [[as] <alias>] [, <tabella> [[as] <alias>] ] [where <condizione>] clausola where target list clausola from Seleziona le tuple del prodotto cartesiano tra le tabelle della clausola from che rendono vera la clausola where ed esegue la proiezione sugli attributi della target list.

5 SELECT: esempi Proiezione 1. select Sid, Sname from Sailor 2. select distinct Bcolor from Boat 3. select Sage/Srate as Ratio from Sailor Sid Sname 22 Popeye 18 Soldini 7 Rusty 28 Lubber Bcolor red blu Ratio

6 SELECT: esempi Selezione tutti gli attributi select * from Sailor where Sname = Popeye condizione di selezione (predicato locale) operatori di confronto: Sid Sname Srate Sage =, >, <, <>, >=, <= 22 Popeye 9 56 Proiezione e selezione select Bname from Boat where Bcolor = red or Bid > 100 Bname Sealion Alinghi Bathtub operatori logici: OR, AND, NOT

7 SELECT: esempi prodotto cartesiano select Sailor.*, Boat.* from Sailor, Boat In caso di ambiguità i nomi degli attributi sono prefissati dalle tabelle di origine Sid Sname Srate Sage Bid Bname Bcolor 22 Popeye Sealion red 18 Soldini Sealion red 7 Rusty Sealion red 28 Lubber Sealion red 22 Popeye Alinghi red

8 SELECT: esempi join naturale select Sailor.Sid as Sid, Sname, Srate, Sage, Bid, Rdate from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid predicato di join Sid Sname Srate Sage Bid Rdate 22 Popeye Soldini Lubber

9 SELECT: esempi theta-join select Bname from Boat, Rent where Rent.Bid > Boat.Bid Bname Sealion Alinghi Sealion Alinghi

10 SELECT: esempi join complessi select Sname, Bname from Sailor, Boat, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid and Rent.Bid = Boat.Bid and not (Bcolor = blu and Rdate > ) Sname Popeye Soldini Bname Alinghi Bathtub self-join select S.Sname as S1, S.Sname as S2 from Sailor S, Sailor S where S.Srate > S.Srate S1 S2 Popeye Soldini Popeye Rusty Popeye Lubber Soldini Rusty......

11 SELECT: esempi select [all distinct] <attrib expr> [[as] <alias>] [, <attrib expr> [[as] <alias>] ] from <tabella> [[as] <alias>] [TipoJoin] join <tabella> [[as] alias] on <condizione> [where <condizione>] predicato locale predicato di join TipoJoin: inner (default) right outer left outer full outer inner indica il theta-join classico il qualificatore outer è opzionale

12 SELECT: esempi join naturale full join select Sailor.Sid as Sid, Sname, Srate, Sage, Bid, Rdate from Sailor join Rent on Sailor.Sid = Rent.Sid select Sailor.Sid as Sid, Sname, Srate, Bid, Rdate from Sailor full join Rent on Sailor.Sid = Rent.Sid Sid Sname Srate Bid Rdate 22 Popeye Soldini Lubber Rusty 6 NULL NULL

13 SELECT: funzioni di gruppo count( < * [ [ distinct all ] attributi ] > ) Esempi: select count(*) as Num_righe from Sailor Num_righe 4 select count(distinct Bcolor) as Num_colori from Boat Num_colori 2 NOTA: nella target list possono coesistere attributi e funzioni di gruppo, a condizione che gli attributi siano specificati nella clausola GROUP BY!

14 SELECT: funzioni di gruppo sum( [ distinct all ] <attrib/expr> ) Altre funzioni di gruppo: avg, min, max. Esempi: 1. select sum(srate) as Somma_rate from Sailor where Sage > select avg(sage) as Eta_media from Sailor 3. select min(sage) as Eta_minima from Sailor where Srate > 6 Somma_rate 25 Eta_media Eta_minima 38 NOTA: nella target list possono coesistere attributi e funzioni di gruppo, a condizione che gli attributi siano specificati nella clausola GROUP BY!

15 SELECT: altri operatori like select Bname from Boat where Bname like A% select Sname from Sailor where Sname like P _ Bname Alinghi Sname Popeye is [not] null select Bid from Boat where Bname is not null Bid

16 SELECT: altri operatori between select Sname from Sailor where Srate between 6 and 9 Sname Popeye Soldini Rusty in select Sid from Sailor where Sname in ( Popeye, Soldini ) Sid 22 18

17 SELECT: clausola di ordinamento order by <attrib> [ asc desc ] [, <attrib> [ asc desc ] ] select * from Boat order by Bname Bid Bname Bcolor 72 Alinghi red 313 Bathtub blu 129 Sealion red select * from Boat order by Bcolor desc, Bid Bid Bname Bcolor 72 Alinghi red 129 Sealion red 313 Bathtub blu

18 SELECT: clausola GROUP BY group by <attrib> [, <attrib> ] select Bcolor, max(bid) as Max_Bid from Boat group by Bcolor Bcolor Max_Bid red 129 blu 313 select Sage, avg(srate) as rate_medio from Sailor group by Sage Sage rate_medio NOTA: nella target list possono coesistere attributi e funzioni di gruppo, a condizione che gli attributi siano specificati nella clausola GROUP BY!

19 SELECT: clausola HAVING having <condizione> select max(bid) from Boat group by Bcolor having max(bid) > 150 max(bid) 313 select Sage, avg(srate) from Sailor group by Sage having count(*) > 2 Sage avg(srate) NOTA: la clausola having si applica solo a funzioni di gruppo!

20 SELECT: esempi where + group by + having I passo: si selezionano le tuple che superano la clausola where II passo: si raggruppano le tuple selezionate in base alla clausola group by III passo: si calcola il risultato solo per i gruppi che soddisfano la clausola having Esempio select Srate, avg(sage) from Sailor where Sage > 45 group by Srate having min(srate) < 7 Srate avg(sage) 6 63

21 Altri operatori union (unione): <comando_select> union [all] <comando select> select Sid from Rent union all select Sid from Sailor where Sage < 25 Sid senza all: unione insiemistica con all: unione con duplicati

22 Altri operatori except (differenza): <comando_select> except [all] <comando select> select Sid from Rent except select Sid from Sailor where Sage < 25 Sid senza all: differenza insiemistica con all: differenza con duplicati - Entrambe le query devono includere lo stesso numero di colonne, nello stesso ordine. - I tipi di dati devono essere compatibili.

23 Altri operatori intersect (intersezione): <comando_select> intersect [all] <comando select> select Sid from Rent intersect select Sid from Sailor where Sage < 25 Sid 28 senza all: intersezione insiemistica con all: intersezione con duplicati

24 Subquery Un comando SELECT che compare all interno di un altro comando SELECT si dice subquery. Le subquery aumentano il potere espressivo di SQL. Attenzione: l uso di subquery può ridurre l efficienza in termini di prestazioni. Il tipo di risultato prodotto dalla subquery determina l uso che se ne può fare all interno del comando SELECT. Alcune restrizioni: non è ammesso il confronto tra subquery una subquery non può contenere la clausola GROUP BY (dipende dal dialetto utilizzato )

25 Subquery un comando select si dice scalare quando restituisce una costante select avg(srate) from Sailor subquery scalare in espressioni di confronto: attributo operatore_di_confronto (subquery_scalare) select * from Sailor where Srate > (select avg(srate) from Sailor) Sid Sname Srate Sage 22 Popeye Soldini 8 38

26 Subquery subquery scalare in calcolo di espressioni nella target list select Sname, Srate - (select avg(srate) from Sailor) as differenza from Sailor Sname differenza Popeye 2,75 Soldini 1,75 Rusty -0,25 Lubber -4,25

27 Subquery un comando select si dice di colonna quando restituisce una tabella con un singolo attributo select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid subquery di colonna in espressione di confronto quantificato attributo operatore_di_confronto ALL ANY (subquery_di_colonna) select * from Sailor where Sage > ALL (select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid) Sid Sname Srate Sage 7 Rusty 6 63

28 Subquery un comando select si dice di colonna quando restituisce una tabella con un singolo attributo select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid subquery di colonna in espressione di confronto quantificato attributo operatore_di_confronto ALL ANY (subquery_di_colonna) select * from Sailor where Sage > ANY (select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid) Sid Sname Srate Sage 22 Popeye Soldini Rusty 6 63

29 Subquery un comando select si dice di colonna quando restituisce una tabella con un singolo attributo select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid subquery di colonna in espressione di confronto quantificato attributo operatore_di_confronto ALL ANY (subquery_di_colonna) select * from Sailor where Srate > 2 and Sage = ANY (select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid) Sid Sname Srate Sage 22 Popeye Soldini 8 38

30 Subquery un comando select si dice di colonna quando restituisce una tabella con un singolo attributo: select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid subquery di colonna in espressione di confronto quantificato attributo [NOT] IN (subquery_di_colonna) select * from Sailor where Sage IN (select Sage from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid) Sid Sname Srate Sage 22 Popeye Soldini Lubber 2 22

31 Subquery un comando select si dice di tabella quando restituisce una tabella con diversi attributi: select Sage, Srate from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid subquery di tabella in espressione di confronto quantificato [NOT] EXISTS (subquery_di_tabella) select Sname from Sailor where EXISTS (select Sage, Srate from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid) Sname Popeye Soldini Rusty Lubber

32 Regole di scope: Subquery una tabella T è visibile in ogni subquery del comando SELECT la cui clausola FROM include T, a meno che la subquery non rilegga la stessa tabella T. un comando SELECT non ha visibilità delle tabelle incluse nella clausola FROM delle sue subquery. subquery FROM FROM T 1,, T m T 1,, T n

33 Subquery select Bname from Boat where exists (select * from Rent where Rent.Bid = Boat.Bid) Bname Alinghi Bathtub select Rdate, Bname from Rent, Boat where Rent.Bid = Boat.Bid AND Rdate > ALL (select Rent.Rdate from Rent as Rent where Rent.Rdate <> Rent.Rdate) Rdate Bname Bathtub

34 Subquery select Sname, (select max(rdate) from Rent where Rent.Sid = Sailor.Sid) as ultimo_noleggio from Sailor Sname ultimo_noleggio Popeye Soldini Rusty NULL Lubber

35 DML: aggiornamento dati inserimento tuple insert into <tabella> [(<lista_attributi>)] <origine> [(<lista_attributi>)]: per default si assumono tutte le colonne della tabella, altrimenti solo quelle esplicitamente specificate <origine>: 1. values( valore_attr_1,, valore_attr_n 2. <comando_select> Esempio: insert into Boat values (113, Oracle, blu )

36 DML: aggiornamento dati inserimento tuple insert into <tabella> [(<lista_attributi>)] <origine> Deve esserci corrispondenza tra attributi e valori. La lista degli attributi si può omettere, nel qual caso vale l ordine con cui sono stati definiti. Se la lista non include tutti gli attributi, I restanti assumono valore NULL (se ammesso) o il valore di DEFAULT (se specificato). E anche possibile inserire le tuple che rappresentano il risultato di una query: insert into sedipesaro (sedepe, resp) select sede, responsabile from sedi where citta = pesaro

37 DML: aggiornamento dati modifica tuple update <tabella> set <colonna> = <espressione> [ {, <colonna> = <espressione>} ] [where <condizione>] Esempi: update Boat set Bcolor= white where Bname= Alinghi update Sailor set Srate=(select max(srate) from Sailor) where Sname= Popeye

38 DML: aggiornamento dati modifica tuple update <tabella> set <colonna> = <espressione> [ {, <colonna> = <espressione>} ] [where <condizione>] L istruzione update può far uso di espressioni per determinare I nuovi valori. Esempio: Update imp set stipendio = 1.1*stipendio where ruolo = programmatore

39 DML: aggiornamento dati cancellazione tuple delete from <tabella> [where <condizione>] Esempi: delete from Boat delete from Rent where Rdate < delete from Sailor where Sage > (select avg(sage) from Sailor)

40 SQL: domini elementari character [varying] [(<Lunghezza>)] varying: la lunghezza della stringa varia nel range [0..Lunghezza] Lunghezza: default = 1. numeric [(<Precisione> [, <Scala>])] Precisione: massimo numero di cifre, default = 1 Scala: cifre a destra della virgola, default = 0 integer float [(<Precisione>)] date Formato data: YYYY MM DD enum ( valore1, valore2, )

41 SQL: DDL creazione database: create schema <nome_database> creazione tabella: create table <nome_tabella> ( <definizione_elemento_tabella> [ {, <definizione_elemento_tabella> } ] ) <definizione_elemento_tabella> : <definizione_di_colonna> <definizione_vincolo_di_tabella>

42 SQL: DDL <definizione_di_colonna> : <nome_attributo> <tipo> [default <valore>] [<vincolo_di_colonna>] <vincolo_di_colonna> : [CONSTRAINT <nome_vincolo>] <tipo_vincolo> <tipo_vincolo>: not null unique primary key check (<espressione>) references <tabella_esterna> [(<colonna_esterna>)] [<azione>] <azione> : on {update delete} {no action set null set default cascade}

43 SQL: DDL <definizione_vincolo_di_tabella> : [CONSTRAINT <nome_vincolo>] <tipo_vincolo> <tipo_vincolo>: unique (<attributo> [ {, <attributo>} ] ) check (<espressione>) primary key (<attributo> [ {, <attributo>} ] ) foreign key <lista_attributi> references <tabella_esterna> [(<lista_attributi>)] [<azione>] <azione> : on {update delete} {no action set null set default cascade}

44 SQL: DDL Esempio create schema Rent_a_boat create table Sailor(Sname char(30) not null, Sid numeric(3) primary key, Sage numeric(2) check (value > 14), Srate numeric(1) default 6) create table Boat(Bname char(30), Bid numeric(3) primary key, Bcolor enum( red, blu, green, black, yellow, white )) create table Rent(Sid numeric(3) references Sailor(Sid) on update cascade on delete no action, Bid numeric(3) references Boat(Bid) on update cascade on delete no action, Rdate date, primary key (Sid, Bid, Rdate))

45 SQL: DDL asserzione (vincolo su più tabelle): create assertion <nome_asserzione> check (<espressione>) Esempio create assertion marinai check (not exists (select * from Sailor where Sailor.Sid not in (select Sailor.Sid from Rent, Sailor where Sailor.Sid = Rent.Sid)))

46 SQL: DDL asserzione (vincolo su più tabelle): create assertion <nome_asserzione> check (<espressione>) Esempio CREATE TABLE Esame (Sno Char(6) REFERENCES Studente ON DELETE CASCADE, Cno Char(6) REFERENCES Corso, Voto Integer NOT NULL, PRIMARY KEY (Sno,Cno), CONSTRAINT Voto-constr CHECK Voto > 18 AND Voto < 30);

47 SQL: DDL dominio (tipo di dato non predefinito): create domain <nome_dominio> as <tipo> [ <tipo_vincolo>] [<clausola_default>] Esempio create domain rate as numeric(2) default 6 check (value between 4 and 10) seguito da... create table Sailor(, Srate rate)

48 DML: aggiornamento schema cancellazione tabelle e database drop table <tabella> {RESTRICT CASCADE} drop schema <database> {RESTRICT CASCADE} solo se non riferita in ogni caso solo se vuoto in ogni caso modifica tabelle alter table <tabella> add <colonna> <definizione_di_colonna> alter table <tabella> add <vincolo_di_tabella> alter table <tabella> alter <colonna> {set <clausola_default> drop default} alter table <tabella> drop <colonna> {RESTRICT CASCADE} alter table <tabella> drop <nome_vincolo> {RESTRICT CASCADE}

49 DML: aggiornamento schema cancellazione asserzioni drop assertion <asserzione> cancellazione e modifica domini alter domain <dominio> set <clausola_di_default> alter domain <dominio> drop default alter domain <dominio> add <vincolo_di_colonna> alter domain <dominio> drop <nome_vincolo>

50 Viste La vista è una tabella virtuale ottenuta proiettando il contenuto di altre tabelle. La definizione dello schema di relazione di una vista dipende dalla struttura delle tabelle di origine. La vista appare all utente come una tabella reale. VANTAGGI: accesso ai dati semplificato visione dei dati a diversi livelli di astrazione diversificazione dei permessi di accesso indipendenza logica

51 Definizione di viste create view <nome_vista> [ (<nome_colonna> [ {, <nome_colonna>} ] ) ] as <comando_select> Esempi: vista di gruppo create view BluBoat as select * from Boat where Bcolor= blu create view activesailor(asname, asid) as select Sname, Sailor.Sid from Sailor, Rent where Sailor.Sid = Rent.Sid create view avgsailor(age, avgrate) as select Sage, avg(srate) from Sailor group by Sage

52 Uso di viste Uso di viste in un comando SELECT: nessuna restrizione per viste non di gruppo se la vista è di gruppo: la clausola FROM che contiene una vista di gruppo non può contenere riferimenti ad altre tabelle il comando SELECT la cui clausola FROM contiene una vista di gruppo non può usare le clausole WHERE e GROUP BY Esempi: select Bname from BluBoat, Rent where BluBoat.Bid = Rent.Bid and Rdate > select asname from activesailor select max(avgrate) from avgsailor

53 Uso di viste Una vista si dice aggiornabile se attraverso un suo accesso è possibile aggiornare i dati delle tabelle di origine. Una vista è aggiornabile se la sua definizione soddisfa le seguenti condizioni: la clausola DISTINCT non appare nella target list la target list contiene solo attributi (no funzioni di gruppo o espressioni) la clausola FROM contiene una sola tabella o vista aggiornabile la clausola WHERE non contiene subquery la clausola GROUP BY non è usata Esempio update BluBoat set Bid = 310 where Bid = 313

54 Definizione di viste aggiornabili create view <nome_vista> [ (<nome_colonna> [ {, <nome_colonna>} ] ) ] as <comando_select> [with [local cascaded] check option] Esempi create view BluBoat as select * from Boat where Bcolor= blu with check option update BluBoat set Bcolor = red where Bid = 313 NO! create view BluBoat2 as select * from BluBoat where Bid > 200 with check option update BluBoat2 set Bcolor = red where Bid = 313 NO!

55 Cancellazione di viste drop view <nome_vista> {RESTRICT CASCADE} Esempi create view BluBoat as select * from Boat where Bcolor= blu with check option create view BluBoat2 as select * from BluBoat where Bid > 200 drop view BluBoat RESTRICT drop view BluBoat CASCADE nessun effetto entrambe le viste sono eliminate

56 SQL: caratteristiche evolute STORED PROCEDURES permettono di associare un nome ad una istruzione SQL permettono di specificare parametri per lo scambio di informazioni con la procedura Esempio procedure addsailor (:nome char(30), ) insert into Sailor values(:nome, ); addsailor(:nome, );

57 SQL: caratteristiche evolute TRIGGER le regole attive seguono il paradigma Evento-Condizione-Azione si attivano quando occorre uno specifico evento e, se verificata una specifica condizione, eseguono un azione stabilita create trigger <nome_trigger> <before after> <insert update delete> into <nome_tabella> for each row <comando_sql>

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine

Il linguaggio SQL Basi di dati 1. Il linguaggio SQL. Angelo Montanari. Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 1 Il linguaggio SQL Angelo Montanari Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine Il linguaggio SQL Basi di dati 2 Introduzione SQL (Structured Query Language)

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Introduzione a MySQL

Introduzione a MySQL Introduzione a MySQL Cinzia Cappiello Alessandro Raffio Politecnico di Milano Prima di iniziare qualche dettaglio su MySQL MySQL è un sistema di gestione di basi di dati relazionali (RDBMS) composto da

Dettagli

Dal modello concettuale al modello logico

Dal modello concettuale al modello logico Dal modello concettuale al modello logico Traduzione dal modello Entita - Associazione al modello Relazionale Ciclo di sviluppo di una base di dati (da parte dell utente) Analisi dello scenario Modello

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Esercitazione su SQL

Esercitazione su SQL Esercizio 1. Esercitazione su SQL Si consideri la base di dati relazionale composta dalle seguenti relazioni: impiegato Matricola Cognome Stipendio Dipartimento 101 Sili 60 NO 102 Rossi 40 NO 103 Neri

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste

Trovare l aeroporto italiano con il maggior numero di piste AEROPORTO (Città, Nazione, NumPiste) VOLO (IdVolo, GiornoSett, CittàPart, OraPart, CittàArr, OraArr, TipoAereo) AEREO (TipoAereo, NumPasseggeri, QtaMerci) Datalog - Aeroporti da cui non partono aerei per

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002

Database, SQL & MySQL. Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 Database, SQL & MySQL Dott. Paolo PAVAN Maggio 2002 1 Struttura RDBMS MYSQL - RDBMS DATABASE TABELLE 2 Introduzione ai DATABASE Database Indica in genere un insieme di dati rivolti alla rappresentazione

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati

Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Fondamenti di Teoria delle Basi di Dati Riccardo Torlone Parte 6: Potenza espressiva del calcolo Calcolo su domini, discussione Pregi: dichiaratività Difetti: "verbosità": tante variabili! espressioni

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

SQL. Dipartimento del Tesoro

SQL. Dipartimento del Tesoro Dipartimento del Tesoro SQL 1 Database...4 1.1 COS È UN DATABASE...4 1.2 DAGLI ARCHIVI AI DBMS...5 1.3 VANTAGGI OFFERTI DAI DBMS...6 1.4 INDIPENDENZA DEI DATI DALL APPLICAZIONE...7 1.5 RISERVATEZZA NELL

Dettagli

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica

PHP: form, cookies, sessioni e. Pasqualetti Veronica PHP: form, cookies, sessioni e mysql Pasqualetti Veronica Form HTML: sintassi dei form 2 Un form HTML è una finestra contenente vari elementi di controllo che consentono al visitatore di inserire informazioni.

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1

Cross Software ltd Malta Pro.Sy.T Srl. Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Il gestionale come l'avete sempre sognato... Pag. 1 Le funzionalità di X-Cross La sofisticata tecnologia di CrossModel, oltre a permettere di lavorare in Internet come nel proprio ufficio e ad avere una

Dettagli

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database

Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database Un client su arduino invia i dati acquisiti ad un database PROBLEMA Si vogliono inviare, periodicamente, i dati acquisiti da alcuni sensori ad un database presente su di un server. Arduino con shield Ethernet

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010

I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 I.Stat Guida utente Versione 1.7 Dicembre 2010 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali di I.Stat 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della lingua 7 Individuazione

Dettagli

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0

Piattaforma Applicativa Gestionale. Import dati. Release 7.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import dati Release 7.0 COPYRIGHT 2000-2012 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati. Questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it

Gli asteroidi. Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Esempio sull'utilizzo dell'osservatorio Virtuale Gli asteroidi Informazioni e contatti: http://vo-for-education.oats.inaf.it - iafrate@oats.inaf.it Distribuzione degli asteroidi Il Sistema Solare è composto

Dettagli

lavorare con dati tabellari in ArcGis

lavorare con dati tabellari in ArcGis lavorare con dati tabellari in ArcGis 1. gestione delle tabelle 2. aggregazione di dati tabellari 3. relazioni con tabelle esterne 4. modifica di dati tabellari (1) gestione delle tabelle Tipi di tabelle

Dettagli

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice

Appendice I. Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice . Principali procedure ed istruzioni per la gestione di files, l'analisi statistica di tipo descrittivo e la correlazione semplice Ordinamento di osservazioni: PROC SORT PROC SORT DATA=fa il sort è numerico

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le basi. Creare un elenco

Le basi. Creare un elenco Le basi Creare un elenco Fabrik Tables New dare un titolo (che apparirà) alla tabella su label in Intoduction sarà visualizzato un testo che apparirà sopra la tabella nella scheda Publishing: Published:

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill)

Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. McGraw-Hill) Il caso StraSport (tratto da: Golfarelli, Rizzi. Data Warehouse. Teoria e pratica della progettazione. cgraw-hill) Progettazione concettuale Scelta dei fatti: Fatto ORDINATO FATTURATO BUDGET Relazione

Dettagli

Breve guida all uso di AMPL

Breve guida all uso di AMPL Breve guida all uso di AMPL Renato Bruni AMPL (A Modeling Language for Mathematical Programming) è un linguaggio di modellazione per la programmazione matematica. Serve ad esprimere un problema di ottimizzazione

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC

EndNote Web. Quick Reference Card THOMSON SCIENTIFIC THOMSON SCIENTIFIC EndNote Web Quick Reference Card Web è un servizio online ideato per aiutare studenti e ricercatori nel processo di scrittura di un documento di ricerca. ISI Web of Knowledge, EndNote

Dettagli

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI

SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI c 88-08-07003-4 1 Approfondimenti Capitolo 2 SQL PER SISTEMI RELAZIONALI AD OGGETTI I sistemi relazionali ad oggetti sono sistemi basati sul modello dei dati relazionale esteso con le caratteristiche tipiche

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment

Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio. IDE = Integrated Development Environment Bloodshed Dev-C++ Bloodshed Dev-C++ è l IDE usato durante le esercitazioni/laboratorio IDE = Integrated Development Environment Gerardo Pelosi 01 Ottobre 2014 Pagina 1 di 8 Dev-C++ - Installazione Potete

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

INFORMATIVA FINANZIARIA

INFORMATIVA FINANZIARIA Capitolo 10 INFORMATIVA FINANZIARIA In questa sezione sono riportate le quotazioni e le informazioni relative ai titoli inseriti nella SELEZIONE PERSONALE attiva.tramite la funzione RICERCA TITOLI è possibile

Dettagli

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it

INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it PROCEDURA E-COMMERCE BUSINESS TO BUSINESS Guida alla Compilazione di un ordine INTERPUMP GROUP SPA-VIA E. FERMI 25 42040 S.ILARIO (RE) http: //www.interpumpgroup.it INDICE 1. Autenticazione del nome utente

Dettagli

Parking su Sedo. Manuale d uso e lettura delle statistiche

Parking su Sedo. Manuale d uso e lettura delle statistiche Parking su Sedo Manuale d uso e lettura delle statistiche Indice Introduzione 1. Statistics 1.1 Select Domains 1.1.1 Selezione attraverso le lettere inziali 1.1.2 Domain contains 1.2 Domain List 1.3 Creazione

Dettagli

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002

Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Rapida Introduzione all uso del Matlab Ottobre 2002 Tutti i tipi di dato utilizzati dal Matlab sono in forma di array. I vettori sono array monodimensionali, e così possono essere viste le serie temporali,

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Data warehouse.stat Guida utente

Data warehouse.stat Guida utente Data warehouse.stat Guida utente Versione 3.0 Giugno 2013 1 Sommario INTRODUZIONE 3 I concetti principali 4 Organizzazione dei dati 4 Ricerca 5 Il browser 5 GUIDA UTENTE 6 Per iniziare 6 Selezione della

Dettagli

SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici OWASP. The OWASP Foundation

SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici OWASP. The OWASP Foundation SQL Injection: le tecniche, i tool ed esempi pratici SMAU E- Academy 2006 Antonio Parata collaboratore -Italy http://www.ictsc.it antonio.parata@ictsc.it http://www.owasp.org/index.php/italy Copyright

Dettagli

Appunti di Logica Matematica

Appunti di Logica Matematica Appunti di Logica Matematica Francesco Bottacin 1 Logica Proposizionale Una proposizione è un affermazione che esprime un valore di verità, cioè una affermazione che è VERA oppure FALSA. Ad esempio: 5

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Sicurezza nei DataBase

Sicurezza nei DataBase Sicurezza nei DataBase Sicurezza Quando si parla di Sicurezza Informatica vengono coinvolti tre aspetti molto importanti di qualsiasi sistema informatico: riservatezza, integrità e disponibilità. Alessandro

Dettagli

RefWorks Guida all utente Versione 4.0

RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Accesso a RefWorks per utenti registrati RefWorks Guida all utente Versione 4.0 Dalla pagina web www.refworks.com/refworks Inserire il proprio username (indirizzo e-mail) e password NB: Agli utenti remoti

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it

Zabbix 4 Dummies. Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Zabbix 4 Dummies Dimitri Bellini, Zabbix Trainer Quadrata.it Relatore Nome: Biografia: Dimitri Bellini Decennale esperienza su sistemi operativi UX based, Storage Area Network, Array Management e tutto

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Windows Compatibilità

Windows Compatibilità Che novità? Windows Compatibilità CODESOFT 2014 é compatibile con Windows 8.1 e Windows Server 2012 R2 CODESOFT 2014 Compatibilità sistemi operativi: Windows 8 / Windows 8.1 Windows Server 2012 / Windows

Dettagli

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati

Tipologie di pianificatori. Pianificazione. Partial Order Planning. E compiti diversi. Pianificazione gerarchica. Approcci integrati Tipologie di pianificatori Pianificazione Intelligenza Artificiale e Agenti II modulo Pianificazione a ordinamento parziale (POP) (HTN) pianificazione logica (SatPlan) Pianificazione come ricerca su grafi

Dettagli

Specifiche API. Gestione utenti multipli

Specifiche API. Gestione utenti multipli Specifiche API Gestione utenti multipli v1.3.73 Last update: Ludovico 28/12/2009 Sommario Descrizione del servizio... 3 Come diventare partner... 3 Modalità di accesso al servizio con gestione utenti multipli...

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE

catalogo generale SPAZZATRICI AND URBAN POWER SWEEPERS PROFESSIONAL E URBANE cataogo generae genera cataogue SPAZZATRICI PROFESSIONALI E URBANE PROFESSIONAL AND URBAN POWER SWEEPERS Operatore a terra Wak behind modes SM Spazzatrice manuae a spinta Manua pushing sweeper con a soa

Dettagli

Guida. acquisti online. agli. nell Esko Store. Un utile manuale con istruzioni dettagliate per effettuare acquisti nel negozio online di Esko.

Guida. acquisti online. agli. nell Esko Store. Un utile manuale con istruzioni dettagliate per effettuare acquisti nel negozio online di Esko. Guida agli acquisti online nell Esko Store Un utile manuale con istruzioni dettagliate per effettuare acquisti nel negozio online di Esko. Sommario 1. Acquisto Aggiunta di articoli al carrello Verifica

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++

PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ PROGRAMMAZIONE ORIENTATA AGLI OGGETTI in C++ Classi ed oggetti. Classi derivate, ereditarietà e polimorfismo. Template Capitoli 12, 13, 14 Luis Joyannes Aguilar. Fondamenti di Programmazione in C++. Algoritmi,

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

DEFT Zero Guida Rapida

DEFT Zero Guida Rapida DEFT Zero Guida Rapida Indice Indice... 1 Premessa... 1 Modalità di avvio... 1 1) GUI mode, RAM preload... 2 2) GUI mode... 2 3) Text mode... 2 Modalità di mount dei dispositivi... 3 Mount di dispositivi

Dettagli

Lab. 1 - Introduzione a Matlab

Lab. 1 - Introduzione a Matlab Lab. 1 - Introduzione a Matlab Alcune informazioni su Matlab Matlab è uno strumento per il calcolo scientifico utilizzabile a più livelli, dalla calcolatrice tascabile, alla simulazione ed analisi di sistemi

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

Editor vi. Editor vi

Editor vi. Editor vi Editor vi vi 1 Editor vi Il vi è l editor di testo standard per UNIX, è presente in tutte le versioni base e funziona con qualsiasi terminale a caratteri Permette di visualizzare una schermata alla volta

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé.

il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. il materiale e Le forme evocano direttamente il corpo celeste, lo riproducono in ogni venatura. Proprio come avere una piccola luna tutta per sé. COLLECTION luna material and shapes evoke the celestial

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL

FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL FUNZIONI AVANZATE DI EXCEL Inserire una funzione dalla barra dei menu Clicca sulla scheda "Formule" e clicca su "Fx" (Inserisci Funzione). Dalla finestra di dialogo "Inserisci Funzione" clicca sulla categoria

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Elenco delle funzioni di OpenOffice.org Calc

Elenco delle funzioni di OpenOffice.org Calc Elenco delle funzioni di OpenOffice.org Calc OpenOffice.org Calc è un foglio elettronico che potete utilizzare per eseguire calcoli, nonché per analizzare e per gestire i vostri dati. Con Calc potete inoltre

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica L uso delle funzioni in C++ Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 Funzioni Nel C++ è possibile scomporre problemi complessi in moduli più semplici

Dettagli

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1

SOMMARIO. 2003 Gruppo 4 - All right reserved 1 SOMMARIO STUDIO DEL DOMINIO DI APPLICAZIONE...2 Introduzione...2 Overview del sistema...2 Specificità del progetto 2...2 Utente generico...3 Studente...3 Docente...3 Amministratore di sistema...3 GLOSSARIO...4

Dettagli