PERIODICO A CURA DELLA SOCIETÀ CANAVESANA SERVIZI - n 5 - ANNO 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PERIODICO A CURA DELLA SOCIETÀ CANAVESANA SERVIZI - n 5 - ANNO 2010"

Transcript

1 SCS n :04 Pagina 1 PERIODICO A CURA DELLA SOCIETÀ CANAVESANA SERVIZI - n 5 - ANNO 2010 foto: Fulvio Lavarino Pubblicità diretta non indirizzata SMA NO234/2009

2 EDITORIALE DEL PRESIDENTE I luoghi e i contenitori di raccolta Imparare a conferire correttamente i rifiuti è un esercizio che fa bene all ambiente, ma anche al portafoglio. Come già nell ultimo numero di InfoCanaveseRifiuti avevamo focalizzato l attenzione sui conferimenti della plastica, anche questa volta abbiamo il dovere di avvisare tutti gli utenti che è fondamentale differenziare in modo corretto questo materiale. Purtroppo, nei cassonetti si continuano a gettare anche altri materiali e questa cattiva e scorretta abitudine potrebbe essere la causa di rincari significativi delle tariffe. In realtà, dall analisi eseguita dal Consorzio Nazionale per la Raccolta, il Riciclaggio ed il Recupero dei Rifiuti di Imballaggi in Plastica emerge che, grazie all introduzione dei nuovi cassonetti, le impurità presenti nella plastica sono diminuite sensibilmente dimezzandosi. Tuttavia non dobbiamo abbassare la guardia, ma continuare ad impegnarci affinchè la raccolta differenziata sia corretta e quindi più efficace. In questo numero, dedicato in modo particolare ai luoghi e ai contenitori di raccolta, è stato dedicato uno spazio dettagliato sui Centri di Raccolta del territorio per capire dove sono e quali servizi offrono agli utenti. Ad affiancare i centri, ci sono poi i nuovi cassonetti che entro i primi mesi del 2011 verranno collocati in tutti i 57 comuni serviti da Scs. E ci sono i cassonetti interrati, il sistema innovativo di conferimento sotterraneo che fa capolino anche in Canavese, al lido di Anzasco e in futuro potrebbe comparire in centri storici e luoghi a vocazione turistica. La pagina riservata al servizio a domicilio dei rifiuti ingombranti completa la rassegna dedicata ai luoghi e ai contenitori di raccolta. Questo servizio, che vede impegnati molti operatori Scs, dal call center per la prenotazione all effettivo ritiro, è una parte integrante e fondamentale di tutta la catena di raccolta della zona che va utilizzata con coscienza e spirito di collaborazione per vivere bene in un territorio pulito. Buona lettura. Giovanni Truant, Presidente Società Canavesana Servizi ASSEMBLEA SOCI SCS: NOMINE, COSTI E RICAVI I risultati economici e di servizio premiano la politica di gestione di Scs Il 29 aprile 2010 si è tenuta l Assemblea Soci SCS nella quale è stato approvato il bilancio di esercizio 2009 e sono stati confermati i componenti del consiglio di amministrazione e del collegio sindacale per i prossimi tre esercizi. L esercizio chiuso al 31 dicembre 2009 riporta un risultato positivo pari a euro. Mentre i ricavi realizzati ammontano a euro. Nello specifico, il giro d affari realizzato nel corso dell esercizio è così specificato: Descrizione Ricavi vendite e prestazioni Altri ricavi e proventi Per quanto riguarda i costi, i principali sono relativi alla gestione operativa e si possono di seguito evidenziare: Descrizione Costo per il personale Costo per materie prime, sussidiarie... Costo per servizi 31/ Interessi e oneri finanziari / Variazione % 0,70 151,97 Importo

3 Il risultato ottenuto è in linea con quello del budget approvato a suo tempo dall Assemblea. E vale la pena ricordare che l indebitamento complessivo verso banche, fornitori e creditori diversi è ulteriormente sceso. Durante l assemblea è stato anche reso noto che nel corso del 2009 sono state raccolte complessivamente tonnellate di rifiuti, di cui tonnellate di rifiuti urbani indifferenziati, tonnellate di rifiuti assimilabili e RUP (rifiuti urbani pericolosi) e tonnellate di rifiuti da raccolta differenziata. La popolazione di riferimento (popolazione residente misurata per convenzione al 31 dicembre dell anno precedente) è salita a unità dalle unità del La media giornaliera di rifiuti globali prodotti da ogni singolo utente è stata di 1,194 chilogrammi (contro 1,227 chilogrammi del 2008). Il dato indica un leggero decremento in linea con i dati registrati nella provincia di Torino. L ottimo risultato della raccolta differenziata (pari al 67.2% e quindi migliore del 66.9% posto come obbiettivo di budget) è stato ottenuto grazie al consolidamento delle modalità di raccolta del sistema integrato di raccolta rifiuti adottate nel territorio dei comuni della nostra società ed all impegno delle amministrazioni comunali e degli utenti del servizio. Luigi Palma Direttore Generale Scs Consiglio di amministrazione Presidente Giovanni Ing. Truant Vicepresidente Bruno Ciocca Consigliere Luigi Ghisi Direzione Generale Luigi Ing. Palma Collegio Sindacale Presidente Gianni Dott. Celleghin Membro Diego Rag. Borla Membro Pasquale Rag. Fiumara Revisore Contabile Pino Dott. Barra Società Canavesana Servizi 2008 / RICAVI ANDAMENTO ( x 1000) Servizi Raccolta a Tariffa Spazzamento Altri servizi e proventi Smaltimenti Cessioni materiali da R.D. Totale ricavi Budget Approvazione Bilancio Assemblea Soci del 29 aprile Società Canavesana Servizi 2008 / COSTI ANDAMENTO ( x 1000) Raccolta e trasporto rifiuti Smaltimento e trattamento Spese correnti di gestione Ammortamenti Accantonamenti Imposte e costi del capitale Totale costi Budget Approvazione Bilancio Assemblea Soci del 29 aprile Società Canavesana Servizi 2008 PROVINCIA TO - COSTO COMPLESSIVO PROCAPITE Gestore Servizio Covar 14 Cisa CCS Asa SCS Cadps Cidiù Cados Acsel Bacino 18 Bacino 16 Acea Sede Carignano Cirié Chieri Castellamonte Ivrea Collegno Susa Torino Settimo Torinese Pinerolo abt anno (2006) 96 (2006) N.B. i costi complessivi non includono lo spazzamento - Fonte: Provincia di Torino Approvazione Bilancio Assemblea Soci del 29 aprile

4 SCS n :04 Pagina 4 Interviste ai Sindaci AD ANZASCO SONO ARRIVATI I CASSONETTI INTERRATI Parla il sindaco di Piverone Benito Favaro Nel 2004 ogni abitante conferiva all anno 109 chili di rifiuti differenziati e nel 2009 si è passati a conferire 232 chili di rifiuti differenziati. E Piverone è stato il primo dei comuni gestiti da Scs a dotarsi di un isola interrata per la raccolta. Perché l amministrazione ha scelto di introdurre l isola interrata? Il lido di Anzasco richiama molti turisti in un area abbastanza circoscritta. I cassonetti interrati risolvono problemi di spazio, sporcizia e disordine. Certo, affinché funzionino bene dovremo appellarci all educazione e al buon senso della gente. Sono stati predisposti due raccoglitori per l indifferenziato, uno per il vetro, uno per la plastica e uno per la carta. Come potrebbe aumentare la percentuale di raccolta differenziata a Piverone? I cittadini si impegnano molto però i risultati percentuali non aumentano perché siamo penalizzati dalla presenza dei ricoveri e della zona turistica del lago. Qui i rifiuti indifferenziati fanno molto volume a scapito dei tanti cittadini che differenziano in modo oculato. E i rifiuti prodotti dal plesso scolastico? Posso affermare con orgoglio che i ragazzi ricevono un ottima educazione in fatto di produzione e raccolta rifiuti e con il nuovo anno scolastico, introdurremo in mensa, oltre ai bicchieri già presenti, anche piatti e bicchieri biologici. Quali suggerimenti offre ad Scs per migliorare il servizio? La disponibilità e la competenza con cui Scs affronta e risolve i problemi che segnaliamo sono molto buone e inoltre possiamo contare sul lavoro prezioso del nostro assessore delegato Gianni Godone che si occupa in prima persona della questione rifiuti. Forse sarebbe bene avere più cura del metodo di raccolta, evitando di sfrecciare con gli automezzi per le strade strette, lasciando anche le rastrelliere aperte che fanno cadere dei rifiuti. POTENZIARE LA RACCOLTA PLASTICA Parla il sindaco di San Giorgio Massimo Arri Nel 2004 ogni cittadino produceva e non separava 362 chili di rifiuti che venivano smaltiti in discarica. Con il passare degli anni le cifre sono migliorate e nel 2009 i chili di rifiuti conferiti in discarica sono passati a 174 per abitante. Come affrontano la raccolta differenziata i cittadini di San Giorgio? C è chi segue le regole e chi non le rispetta. Credo potremmo fare di meglio, ma comunque non dobbiamo dimenticare che il territorio è attraversato da numerosi assi viari di collegamento: perciò le persone che lasciano qui i propri rifiuti non sono tutte residenti. In ogni caso, l approccio alla questione del corretto smaltimento dei rifiuti dipende da un fatto culturale. Dobbiamo fare di più per convincere le famiglie, affiancando l ottimo lavoro che già svolgono con i ragazzi gli insegnanti della scuola primaria. Quali soluzioni verranno adottate per monitorare le isole di raccolta? Rivedremo il posizionamento di alcune isole e, mio malgrado, dovremo dotarci di impianti di video sorveglianza. Temo sia inevitabile, anche per contrastare i vandali che non mancano neanche da qui a San Giorgio. E poi, punendo i trasgressori, valorizziamo il senso civico di chi si comporta correttamente. Quale opinione ha del servizio Scs sul territorio di San Giorgio? In linea generale, il servizio che Scs effettua in questo comune è di qualità e sono soddisfatto della sollecitudine con la quale la società interviene per risolvere i problemi. Mi piacerebbe però che gli addetti pulissero meglio e più sovente i cassonetti e le isole. Spesso questo lavoro viene fatto con troppa fretta e il risultato non è sempre dei migliori. Inoltre sarebbe necessario migliorare la raccolta della plastica e degli imballaggi, magari aumentando i passaggi settimanali di raccolta e posizionando qualche contenitore in più. 4

5 SCS n :05 Pagina 5 I CENTRI DI RACCOLTA DEL TERRITORIO I centri di raccolta organizzati e gestiti da Scs sono in tutto 6 e sono stati distribuiti sul territorio con lo scopo di riuscire a servire ognuna circa ventimila abitanti e consentire i conferimenti delle utenze domestiche (le uni- che autorizzate ad eccezione del centro di Ivrea) in un raggio di circa 10 chilometri. Il primo centro di raccolta istituito è stato quello di Colleretto Giacosa in funzione dal 1997 e collocato nell area della discarica esaurita. Attualmente il centro è in fase di ristrutturazione e verrà completato prima dell autunno. Il centro di Ivrea invece è in funzione dal 1999, si trova a fianco della sede di Scs nell area industriale di San Bernardo ed è l unico centro di raccolta dove è possibile il conferimento anche da parte delle utenze non domestiche. Il centro di Strambino è in funzione dal 2001 e a seguire sono stati approntati i centri di raccolta ad Albiano nel 2002, a Caluso nel 2005 e infine a Quassolo nel Tutte queste stazioni sono state costruite con il contributo del 50% da parte della Provincia di Torino e sono state adeguate alla normativa vigente in materia dell aprile I centri di raccolta sono stati tutti accreditati presso il centro di coordinamento RAEE Nazionale ed usufruiscono costantemente del premio di efficienza per tutti i raggruppamenti delle apparecchiature elettriche ed elettroniche ad esse conferibili da parte dei cittadini dei 57 comuni che fanno parte di Scs. A partire dal mese di giugno del 2010 tutte i centri di raccolta sono stati dotati di sistemi di sicurezza antiintrusione e di telecamere collegate in tempo reale alla centrale del sistema di sicurezza aziendale. Questo sistema salvaguarda le strutture dalle continue intrusioni che avvenivano costantemente in orario di chiusura. Le intrusioni rappresentavano naturalmente un problema significativo in quanto venivano danneggiate le strutture, si verificavano atti di vandalismo e numerosi furti di varie apparecchiature. 5

6 CENTRO DI RACCOLTA AD IVREA E COLLERETTO GIACOSA ISCRIZIONE ALL ALBO NAZIONALE DEI GESTORI AMBIENTALI CAT. 1 CLASSE C CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI DI TIPO B DLgs. 16/01/08 N. 4 REGOLAMENTO DI CONFERIMENTO RIFIUTI (DM 8 aprile 2008 G.U. n. 99 del 28/04/08) - SONO AMMESSI SIA RIFIUTI DI PROVENIENZA DOMESTICA CHE NON DOMESTICA - I CONFERITORI DOVRANNO COMPROVARE LA LORO RESIDENZA ATTRAVERSO L ESIBIZIONE DI UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO VALIDO - I CONFERITORI DOVRANNO COMPROVARE INOLTRE DI ESSERE IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI - SONO AMMESSI CONFERITORI RESIDENTI NEI COMUNI APPARTENENTI AL BACINO DI UTENZA S.C.S. - I QUANTITATIVI DI RIFIUTI ACCETTATI DAL SINGOLO CONFERITORE DEVONO SEGUIRE IL CONCETTO DI MODICA QUANTITÀ - I CONFERIMENTI POTRANNO ESSERE EFFETTUATI SOLAMENTE DURANTE L ORARIO DI APERTURA DEL CENTRO DI RACCOLTA(vedi cartello apposito) E CON LE MODALITÀ IMPARTITE DAL NOSTRO PERSONALE INCARICATO A SECONDA DELLA TIPOLOGIA DI RIFIUTO, IN FUNZIONE ANCHE DELL AFFLUENZA, PER CONSENTIRE UN ADEGUATO CONTROLLO E LA DOVUTA REGISTRAZIONE DEI DATI NEI MODULI PREDISPOSTI PER LEGGE - SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI ABBANDONI DI RIFIUTI AL DI FUORI DELL AREA RECINTATA; I TRASGRESSORI SARANNO PUNITI CON LA SANZIONE AMMINISTRATIVA A NORMA DI LEGGE - I CONFERIMENTI DEI RIFIUTI NON DI PROVENIENZA DOMESTICA SONO A PAGAMENTO SECONDO IL LISTINO ESPOSTO (vedi apposito cartello) TIPOLOGIA DI RIFIUTI AMMESSI DESCRIZIONE RIFIUTO IMBALLAGGI IN CARTA E CARTONE RIFIUTI IN VETRO TUBI FLUORESCENTI E CORPI LUMINOSI RIFIUTI DI APP. ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PILE, BATTERIE ED ACCUMULATORI AL PIOMBO SFALCI E POTATURE PNEUMATICI CODICE CER , , , DESCRIZIONE RIFIUTO INGOMBRANTI RIFIUTI LEGNOSI RIFIUTI METALLICI CARTUCCE TONER ESAURITE ABITI E PRODOTTI TESSILI IMBALLAGGI IN MATERIALI MISTI FARMACI SCADUTI CODICE CER , , , CENTRO DI RACCOLTA AD ALBIANO, STRAMBINO, CALUSO, QUASSOLO ISCRIZIONE ALL ALBO NAZIONALE DEI GESTORI AMBIENTALI CAT. 1 CLASSE C CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI DLgs. 16/01/08 N. 4 REGOLAMENTO DI CONFERIMENTO RIFIUTI (DM 8 aprile 2008 G.U. n. 99 del 28/04/08) - SONO AMMESSI SOLTANTO RIFIUTI DI PROVENIENZA DOMESTICA - I CONFERITORI DOVRANNO COMPROVARE LA LORO RESIDENZA ATTRAVERSO L ESIBIZIONE DI UN DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO VALIDO - I CONFERITORI DOVRANNO COMPROVARE INOLTRE DI ESSERE IN REGOLA CON IL PAGAMENTO DELLA TASSA RIFIUTI - SONO AMMESSI CONFERITORI RESIDENTI NEI COMUNI APPARTENENTI AL BACINO DI UTENZA S.C.S. - I QUANTITATIVI DI RIFIUTI ACCETTATI DAL SINGOLO CONFERITORE DEVONO SEGUIRE IL CONCETTO DI MODICA QUANTITÀ - I CONFERIMENTI POTRANNO ESSERE EFFETTUATI SOLAMENTE DURANTE L ORARIO DI APERTURA DEL CENTRO DI RACCOLTA (vedi cartello apposito) E CON LE MODALITÀ IMPARTITE DAL NOSTRO PERSONALE INCARICATO A SECONDA DELLA TIPOLOGIA DI RIFIUTO, IN FUNZIONE ANCHE DELL AFFLUENZA, PER CONSENTIRE UN ADEGUATO CONTROLLO E LA DOVUTA REGISTRAZIONE DEI DATI NEI MODULI PREDISPOSTI PER LEGGE - SONO ASSOLUTAMENTE VIETATI ABBANDONI DI RIFIUTI AL DI FUORI DELL AREA RECINTATA; I TRASGRESSORI SARANNO PUNITI CON LA SANZIONE AMMINISTRATIVA A NORMA DI LEGGE TIPOLOGIA DI RIFIUTI AMMESSI DESCRIZIONE RIFIUTO IMBALLAGGI IN CARTA E CARTONE RIFIUTI IN VETRO TUBI FLUORESCENTI E CORPI LUMINOSI RIFIUTI DI APP. ELETTRICHE ED ELETTRONICHE PILE, BATTERIE ED ACCUMULATORI AL PIOMBO SFALCI E POTATURE PNEUMATICI CODICE CER , , , DESCRIZIONE RIFIUTO INGOMBRANTI RIFIUTI LEGNOSI RIFIUTI METALLICI CARTUCCE TONER ESAURITE ABITI E PRODOTTI TESSILI IMBALLAGGI IN MATERIALI MISTI FARMACI SCADUTI CODICE CER , , ,

7 DI CENTRI DI RACCOLTA IL NOME Dal 2010 quelle che prima si chiamavano Stazioni Ecologiche attrezzate, sono diventate i Centri di Raccolta rifiuti. Stazione di conferimento di Ivrea COSA SONO I Centri di Raccolta sono aree, recintate e custodite, adibite al deposito in sicurezza dei rifiuti in modo differenziato conferiti gratuitamente dagli utenti del servizio pubblico per un periodo di tempo limitato. I centri di raccolta non sono discariche: da lì i rifiuti sono trasportati presso impianti specializzati nel trattamento e nel recupero dei materiali. Stazione di conferimento di Caluso PERCHÉ CI SONO I Centri di Raccolta permettono di conferire quei rifiuti per cui non è previsto il cassonetto stradale o il ritiro a domicilio e si tratta solitamente dei rifiuti più ingombranti e/o pericolosi, sono strutture che integrano i servizi di raccolta presenti nei comuni. I Centri di Raccolta riducono gli abbandoni dei rifiuti, migliorano la qualità della raccolta differenziata, favoriscono il recupero di materiali riciclabili evitando anche la dispersione di sostanze pericolose. DOVE SONO Ivrea; Albiano; Caluso; Collaretto; Strambino; Quassolo. (gli indirizzi e gli orari di apertura sono sempre inseriti nell ultima pagina di InfoCanaveseRifiuti). COSA NON SI CONFERISCE Nei Centri di Raccolta non possono più essere depositati i rifiuti contenenti amianto bonificato, i rifiuti a base di catrame, le bombole a gas. Stazione di conferimento di Quassolo COSA SI CONFERISCE IMBALLAGGI IN CARTA E CARTONE; RIFIUTI IN VETRO; TUBI FLUORESCENTI E CORPI LUMINOSI; RIFIUTI DI APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE; PILE, BATTERIE ED ACCUMULATORI AL PIOMBO; SFALCI E POTATURE; PNEUMATICI; INGOMBRANTI; RIFIUTI LEGNOSI; RIFIUTI METALLICI; CARTUC- CE TONER ESAURITE; ABITI E PRODOTTI TES- SILI; IMBALLAGGI IN MATERIALI MISTI; FAR- MACI SCADUTI. 7

8 RIFIUTI INGOMBRANTI: LA RACCOLTA A DOMICILIO Molti cittadini hanno richiesto al numero verde di Scs, un servizio di raccolta rifiuti direttamente presso la propria abitazione. Il servizio, completamente gratuito, è utilizzato per liberarsi di oggetti che terminando le funzioni e gli scopi per cui un tempo erano stati acquistati e che oggi invece rappresentano un ingombro di cui ci si vuole liberare. Ma quanto è utilizzato questo servizio definito il porta a porta degli ingombranti? I dati dell analisi sull anno 2009 forniscono risultati molto interessanti, ossia nel 2009 sono state effettuate raccolte a domicilio e sono stati prelevati in tutto oggetti. Se si proietta il numero delle prese sulla popolazione servita da Scs ci si accorge che 1 cittadino ogni 15 ha usufruito di questo servizio nel corso del 2009, dato che, letto in chiave di unità familiare, una famiglia ogni sei si è rivolta ad Scs per liberarsi di oggetti ritenuti a fine vita. Tutte le prese sono catalogate in un data base di Scs: i dati servono sia per calibrare meglio modalità, frequenze e logistica degli interventi, sia per analizzare la tipologia degli oggetti e manufatti ritirati. In questo modo si scopre che in un anno di servizio le tipologie di rifiuti caricati presso le abitazioni dei cittadini eporediesi sono quelle esposte in tabella: Ancora più interessante è capire nel dettaglio la tipologia dei singoli oggetti e manufatti prelevati dal servizio Scs nel corso del 2009 ed in tabella sono esposti i 10 articoli più numerosi: Tipo Televisori Frigoriferi Materassi Sedie Mobili / pensili Porte / finestre Lavatrici Manufatti in legno Reti Divani e poltrone Quantità Di tutti questi oggetti quanti hanno ancora una vita residua, sono cioè ancora utilizzabili per gli scopi per cui furono prodotti, anziché essere trattati come dei semplici rifiuti? Giorgio Bono Direttore servizi operativi Scs Tipologia materiali Alluminio Sanitari Ferro Indumenti Ingombranti Legno Plastica Pneumatici R.A.E.E.* R.U.P.** Vetro totale anno 2009 Quantità pezzi NB: *Rifiuti apparecchiature elettriche e lettroniche - ** Rifiuti urbani pericolosi 8

9 I CASSONETTI INTERRATI Perché conferire i propri rifiuti sottoterra I cassonetti cambiano forma: quelli che prima erano dei contenitori a vista, spesso ingombranti e traboccanti di rifiuti, ora si trasformano in contenitori interrati per meglio contenere i sacchetti e migliorare l estetica di piazze e vie dei centri storici. I vantaggi offerti da questo nuovo sistema di conferimento riguardano lo spazio urbano che viene recuperato in quanto a parità di area occupata si raccoglie un volume superiore rispetto ai cassonetti tradizionali. E il volume dei rifiuti si riduce anche grazie alla naturale compattazione gravitazionale che si verifica nel contenitore interrato. Ma non solo. Interrare i rifiuti permette anche di eliminare gli odori sgradevoli perché sottoterra l ambiente è più fresco e lo sviluppo di batteri viene rallentato. Inoltre i rifiuti non saranno più accessibili ad animali randagi e roditori. I piccoli bidoncini che si Cassonetti interrati al lido di Anzasco vedono in superficie sono dotati di una porta che impedisce il passaggio dei cattivi odori e la visione dei rifiuti. L interramento dei cassonetti significa dunque minore impatto ambientale, maggiore pulizia, miglioramento della qualità dell aria, recupero di spazio e investimento sul decoro urbano. GLI ELETTRODOMESTICI USATI SI RICONSEGNANO AL RIVENDITORE Dal 18 giugno è possibile comprare un elettrodomestico e lasciare al negozio quello usato Dal 18 giugno 2010 è possibile riconsegnare gratuitamente il proprio elettrodomestico direttamente al rivenditore quando se ne acquista uno nuovo. Il regolamento, secondo il Decreto 8 marzo 2010, n. 65 del Ministero dell'ambiente del Territorio e del Mare, è stato adottato in attuazione del decreto legislativo n. 151 del 2005, che prevede per i distributori di apparecchiature elettriche ed elettroniche l obbligo di assicurare il ritiro gratuito, in ragione di uno contro uno, dell apparecchiatura usata al momento della fornitura di una nuova apparecchiatura. In questo modo per i cittadini sarà più semplice disfarsi dei vecchi elettrodomestici quando ne acquisteranno di nuovi. Il provvedimento stabilisce l obbligo del distributore di ritirare gratuitamente il vecchio apparecchio alla consegna del nuovo e precisa che i costi sono a carico dei produttori presenti sul mercato nell anno solare in cui si verificano i costi, in proporzione alla rispettiva quota di mercato. Il decreto inoltre vieta al produttore di indicare separatamente all acquirente, al momento della vendita, i relativi costi di raccolta, trattamento e smaltimento. Il finanziamento delle operazioni di raccolta, trasporto, trattamento, recupero e smaltimento compatibile con l ambiente viene erogato per le apparecchiature immesse sul mercato dopo il 13 agosto Entro tale data ogni Stato dell Unione Europea deve garantire che siano istituiti sistemi che consentano agli utenti e ai distributori di rendere i rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. Il servizio pubblico deve attivare aree attrezzate per la raccolta di questi rifiuti tecnologici aperte a cittadini e venditori, con l obiettivo di attivare operazioni di riciclaggio e di recupero differenziato. Il distributore è autorizzato a raggruppare i RAEE nei locali del proprio punto vendita o in altro luogo idoneo in attesa del loro trasporto ai centri di raccolta istituiti. I RAEE dovranno essere trasportati al centro di raccolta con cadenza mensile e, comunque, quando il quantitativo raggruppato raggiunge complessivamente i 3500 chili. Il distributore, per raccogliere e trasportare i RAEE, deve iscriversi in un apposita sezione dell Albo Nazionale Gestori Ambientali. COSA SONO I RAEE? I rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche o semplicemente rifiuti elettronici sono citati anche con l'acronimo RAEE e sono rifiuti di tipo particolare che consistono in qualunque apparecchiatura elettrica o elettronica di cui il possessore intenda disfarsi in quanto guasta, inutilizzata, o obsoleta e dunque destinata all'abbandono SCS ALLA FIERA DELLA PAROLA Anche la Società Canavesana Servizi ha presenziato con un proprio stand alla settima edizione della Fiera della Parola. Lo scorso giugno, nel parco di Villa Casana ad Ivrea, Scs ha preso parte all evento organizzato dall Associazione L assessore all ambiente Archivio Storico del comune di Ivrea Paolo Dallan Olivetti per illustrare ai visitatori quali sono i metodi corretti per fare la raccolta differenziata.

10 SCS n :05 Pagina 10 IL CALL CENTER DI SCS Nel 2003 Scs ha istituito il numero verde per la raccolta a domicilio dei rifiuti ingombranti. E da allora le richieste sono aumentate tanto da impegnare gli addetti con 35 ritiri al giorno per cin- stato alquanto efficiente. Certo, non mancano le lamentele, ma anche le telefonate di chi ci ringrazia per aver risolto i loro problemi. E tutti noi facprima e mettere in strada i ciamo del nostro meglio per rifiuti quando arrivano gli mantenere alta la qualità del addetti. Inoltre gli operatori servizio». Per prenotare il ritiro dei rifiuti ingombranti Scs ritirano gli ingombranti Un servizio chiamare al numero verde esclusivamente nelle aree che seppur Per avere informazioni chiamare allo efficiente e pubbliche e non ritirano dentro le case o dentro i cortili que giorni a settimana. Per molto utilizzato purtroppo privati. Gli addetti ritirano solrichiedere questo servizio granon è ancora riuscito a ridurre tanto gli oggetti che sono stati tuito bisogna telefonare a Scs: drasticamente l abbandono prenotati - precisano Patrizia e Patrizia, Silvia e Letizia gestiselvaggio dei rifiuti. Infatti Scs Silvia -. Non possono ritirare scono le richieste e organizzarivolge un appello ai propri di più perché la raccolta giorno le prenotazioni in relazioutenti invitandoli a chiamare il naliera che viene organizzata ne al paese di residenza pernumero verde per evitare che i deve tenere conto del volume chè i 57 comuni gestiti da Scs rifiuti ingombranti vengano di tutti gli oggetti prenotati. Il sono suddivisi in zone per abbandonati nelle campagne, volume di ingombranti che meglio organizzare la raccolta nei boschi e lungo le strade. Il riusciamo a ritirare per ogni degli ingombranti in base ai servizio di raccolta è sempre giorni della settimana. «Nei Perché abbandonare i rifiuti sulle strade o in campagna? giorni festivi e in caso di scioscs ritira gratis i rifiuti ingombranti peri il servizio viene sospeso utente a passaggio è circa l espiegano le operatrici del gratuito. «Ci sono alcune regoquivalente di due lavatrici». numero verde -. In media le da rispettare - spiegano Telefonare ad Scs è importanorganizziamo circa 170 ritiri a Patrizia e Silvia -. Spesso gli te per avere tutte le informasettimana. Il servizio finora è utenti prima mettono fuori zioni che si desiderano e casa i rifiuti e poi ci telefoquando c è la segreteria nano per prendere appuntelefonica è bene lasciare il tamento così gli ingomproprio recapito telefonico branti restano in strada affinché le operatrici possano per alcuni giorni. Meglio richiamare. prendere appuntamento Totale chiamate dal 01/07/2009 al 30/06/2010 nei comuni serviti da Scs 7226 Prenotazioni in cui all arrivo degli operatori non è stato trovato nulla circa 400 Recupero ingombranti abbandonati 463

11 CORSI CORSI SUL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Nell ambito del progetto di cooperazione transfrontaliera Italia - Francia (Alcotra) R2D2 - Riduzione Raccolta - Dèchets de Demain avente come oggetto la prevenzione della produzione di rifiuti urbani e la raccolta differenziata, che vede il Consorzio Canavesano Ambiente tra i partner, è prevista una specifica iniziativa di promozione del compostaggio domestico. Si tratta di una pratica che presenta molti vantaggi sotto il profilo ambientale ed economico, consentendo di chiudere sul posto il ciclo della frazione organica, che rappresenta circa un terzo in peso dei rifiuti urbani, evitando i costi e gli impatti della raccolta, del trasporto, del trattamento in impianti di tipo industriale. È previsto quindi la realizzazione di corsi per i cittadini che vogliono avvicinarsi al compostaggio domestico o che già lo praticano e vogliono migliorare le proprie conoscenze in merito. In alcuni comuni l adesione da parte delle famiglie al compostaggio domestico, sia effettuato con compostiera, sia con metodi tradizionali o fai da te, consente tra l altro di ottenere uno sconto sulla Tassa o Tariffa Rifiuti. Tutti coloro che hanno la possibilità di usufruire di un giardino o di uno spazio adeguato possono praticare il compostaggio domestico. Sul nostro territorio saranno organizzati, a partire dalla fine dell estate, corsi gratuiti sul tema, articolati in una lezione teorica serale e una pratica il sabato (mattina o pomeriggio). Durante le lezioni si parlerà di: Che cosa è il compostaggio: materiali, processo, agenti ecc. Perché compostare: benefici ambientali ed economici, inquadramento del compostaggio domestico nell assetto locale della gestione dei rifiuti Come compostare: tecniche e attrezzature per il compostaggio domestico, indicatori di processo, problemi e soluzioni Come utilizzare il compost Cenni ai servizi di supporto (monitoraggio, controlli, assistenza tecnica). Per informazioni sul Progetto R2D2 consultare il sito I NUOVI CASSONETTI Da qualche settimana in alcuni comuni serviti da Scs è possibile usufruire dei nuovi cassonetti per la raccolta della plastica e del vetro. Questo cambiamento è stato necessario anche a causa dell alta percentuale di frazione estranea che veniva conferita nei cassonetti tradizionali con il rischio di non ricevere, nel 2010, alcun contributo per la cessione dei materiali. Inoltre le linee curve dei nuovi cassonetti sono state studiate per ridurre l ingombro, garantire la massima sicurezza ed accessibilità a tutti gli utenti e l inserimento in qualsiasi contesto urbano. Entro i primi mesi del 2011 tutti i comuni serviti da Scs disporranno dei nuovi cassonetti. Le amministrazioni comunali, a fronte del cospicuo intervento economico, ricordano agli utenti di conferire solo ed esclusivamente: Plastica, lattine in alluminio e in ferro: bottiglie e flaconi (acqua, bibite e detersivi), polistirolo da imballo, buste e sacchetti, vaschette e vasetti per yogurt, uova, gelati e formaggi, lattine in alluminio e in ferro Vetro: bottiglie in vetro, vasi in vetro, bicchieri, vasetti (di conserve e confetture) 11

12 CENTRI DI RACCOLTA IVREA San Bernardo Via Cuneo Area Industriale da Lunedì a Giovedì ore Venerdì - Sabato ore CALUSO Regione Nabriole Strada per Foglizzo Martedì ore Giovedì e Sabato ore COLLERETTO GIACOSA Pedemontana Giovedì ore Sabato ore ALBIANO Zona ex Canile Via Caravino Martedi e Sabato ore Venerdì ore QUASSOLO Strada Gorrei Lunedì ore Mercoledì e Sabato ore STRAMBINO Regione Cotti Lunedì e Sabato ore Mercoledì ore I Cittadini che utilizzano i Centri di Raccolta devono presentarsi agli addetti muniti dell ultima bolletta Tassa Raccolta Rifiuti RACCOLTA PLASTICA Dalle analisi effettuate nel mese di agosto, la percentuale di impurita riscontrata nella plastica, e stata superiore al 25%, questo significa la perdita del contributo da parte di COREPLA ed il conseguente aumento dei costi per i cittadini E sufficiente il comportamento scorretto da parte di poche persone per compromettere la qualita della raccolta differenziata e danneggiare economicamente l intera Comunita!!! Segreteria SCS - Tel dal LUNEDI al VENERDI mattino pomeriggio FAX LETTERE al Direttore Invitiamo i lettori a dare il proprio contributo sulla raccolta differenziata con consigli, suggerimenti, osservazioni. Scriveteci! Pubblicazione periodica della Società Canavesana Servizi. Registrato al Tribunale di Ivrea n 149 del Segreteria e redazione Via Novara - San Bernardo d Ivrea (TO) Direttore Responsabile: Elisa Pescina Redazione: Ferdinando Giuliano Fotografie: Marco Leonardi SERVIZIO GRATUITO Progetto e realizzazione: Grafica Michelangelo &C. snc - (Ivrea) Stampa: C.D.N. Litografia di Negri Luca &C. (Bricherasio)

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

MANUALE RACCOLTA RIFIUTI

MANUALE RACCOLTA RIFIUTI COMUNE DI SAN GIORGIO CANAVESE Provincia di Torino Tel. 0124-32.121 Fax. 0124-32.51.06 e-mail: municipio@comunesangiorgio.it P.E.C.: sangiorgiocanavese@pcert.it P.IVA/Cod.Fisc.: 02143040018 MQ Ref.: E:\Documenti\Desktop\S.C.S.

Dettagli

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio

Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Mini guida relativa al funzionamento del centro di raccolta rifiuti sito nel Comune di Ardesio Il Centro di Raccolta Differenziata dei rifiuti è un area presidiata ove si svolge l attività di raccolta

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro

Carta dei servizi. Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana. Comune di Pradalunga. Comune di Ranica. Comune di Nembro Carta dei servizi Raccolta e smaltimento dei rifiuti e igiene urbana Comune di Nembro Comune di Ranica Comune di Pradalunga Comune di Alzano Lombardo che cos è la carta dei servizi La Carta dei Servizi

Dettagli

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE

COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE COMUNE di PAGAZZANO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI COMUNALE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 3 Aprile 2006 n 152 e successive

Dettagli

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO

CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO Comune di Toscolano-Maderno CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI ISTRUZIONI PER L USO CHE COS È Il CENTRO DI RACCOLTA comunale o intercomunale (o isola ecologica ) è un area presidiata ed allestita ove si svolge

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA DEI RIFIUTI IN FORMA DIFFERENZIATA IN LOCALITÀ EX MACELLI. Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta è un area presidiata

Dettagli

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA

COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA COMUNE DI S. STINO DI LIVENZA Allegato A) alla deliberazione di C.C. n.11 del 25.05.2015 REGOLAMENTO PER LA CONDUZIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE DEL CAPOLUOGO ART. 1 FINALITA Il Comune di Santo Stino

Dettagli

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta

1. Presentazione della società. 2. Perché una carta dei servizi 3. PRINCIPI FONDAMENTALI. Validità della carta ! "! 1. Presentazione della società Cisterna Ambiente è l azienda partecipata dal Comune di Cisterna di Latina che gestisce nel territorio comunale i servizi ambientali e cioè la pulizia della città, la

Dettagli

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO

COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n.16 del 26 Giugno 2008 IL SEGRETARIO COMUNALE DIRETTORE GENERALE Brando dr. Giuseppe COMUNI DI FARA OLIVANA CON SOLA ed ISSO REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA Approvato con deliberazione C.C. n. 7 del 15.02.2007 Art. 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento ha per oggetto

Dettagli

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA

TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA TABELLA A : SANZIONI IN MATERIA DI RACCOLTA RIFIUTI Allegato a D.G.C. 1/2011 ZONA AL DI FUORI DEL PERIMETRO PORTA A PORTA ARTICOLO DI RIFERIMENTO FATTISPECIE VIOLAZIONE SANZIONE MINIMO EDITTALE 1.1 Nelle

Dettagli

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE

COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE COMUNE DI VENEGONO SUPERIORE PROVINCIA DI VARESE POLIZIA LOCALE ORDINANZA N 103 Venegono Superiore, 20 novembre 2009 Oggetto: Disposizioni in materia di conferimento dei rifiuti. IL SINDACO Visto l art.

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI GE.S.IDR.A. S.p.A. Gestione Servizi Idrici Ambientali Via Lazio sn 24055 Cologno al Serio (Bg) Tel. 035 4872331 - Fax 035 4819691 e-mail: protocollo@gesidra.it SERVIZIO DI IGIENE URBANA PER I COMUNI SOCI

Dettagli

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro.

LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. LA NUOVA TARIFFA DEI RIFIUTI. Guida al passaggio da tassa a tariffa nel Comune di Castel San Pietro. Poste Italiane - tassa pagata - invii senza indirizzo auto./dc/er/bo/isi/3627/2003 del 20/06/2003. Alla

Dettagli

C O M U N E D I P A L A I A

C O M U N E D I P A L A I A C O M U N E D I P A L A I A Provincia di Pisa Servizio LL.PP. Ambiente, Protezione Civile, Sicurezza sul Lavoro, Patrimonio REGOLAMENTO COMUNALE DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA Approvato

Dettagli

TITOLO 5 - ECOCENTRO

TITOLO 5 - ECOCENTRO TITOLO 5 - ECOCENTRO 1. L' ecocentro comunale è connesso e funzionale al sistema di gestione dei rifiuti urbani. 2. Il Comune e il Gestore del servizio rendono pubblico il sito ove è realizzato l'ecocentro

Dettagli

Carissimi concittadini,

Carissimi concittadini, Carissimi concittadini, a distanza di un anno dall avvio della raccolta porta a porta nel centro urbano, torniamo nelle Vostre case a presentarvi un nuovo modello adattato alle reali esigenze del paese,

Dettagli

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa

COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa COMUNE DI PONTEDERA Provincia di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SITO NEL COMUNE DI PONTEDERA ZONA INDUSTRIALE LA BIANCA VIA DON MEI Art. 1 Definizione centro raccolta

Dettagli

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Stabilimenti balneari Guida alla raccolta differenziata dei rifiuti urbani. lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una tonnellata di carta riciclata neanche

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INTERCOMUNALE SITO NEL COMUNE DI CALCINAIA LOC. MARRUCCO VIA DEL MARRUCCO Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA E SUA FINALITA Il Centro di Raccolta

Dettagli

Calendario Raccolta Rifiuti

Calendario Raccolta Rifiuti P Comune di San Zeno di Montagna Provincia di Verona Calendario Raccolta Rifiuti Modalità e giorni di raccolta ECOman presenta La nuova guida per la raccolta differenziata porta a porta. Più vicino a te,

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto

COMUNE DI MASSA MARITTIMA Prov. di Grosseto REGOLAMENTO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE SOMMARIO Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 2 GESTIONE DEL CENTRO Art. 3 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 4 ACCESSO SOGGETTI AUTORIZZATI (UTENTI) - MODALITÀ Art.

Dettagli

pag. 11 - servizio sulla raccolta della plastica

pag. 11 - servizio sulla raccolta della plastica PERIODICO A CURA DELLA SOCIETÀ CANAVESANA SERVIZI - n 8 - ANNO 2013 Pubblicità diretta non indirizzata SMA NO234/2009 LE SORPRESE NON FINISCONO MAI. pag. 11 - servizio sulla raccolta della plastica Buon

Dettagli

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA

COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA COMUNE DI ISOLA DEL LIRI REGOLAMENTO PER IL CENTRO COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA Testo emendato ed approvato con deliberazione C.C. n.8 del 27.03.2012 INDICE TITOLO 1 DISPOSIZIONI GENERALI ART.

Dettagli

riciclabili per natura

riciclabili per natura Comunità montana Walser alta Valle del Lys riciclabili per natura in collaborazione con: carta vetro e ALLUMiNio imballaggi in plastica rifiuti indifferenziati apparecchi elettrici ed elettronici ingombranti

Dettagli

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale

Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale Prima di chiedersi come si puliscono le città, bisognerebbe chiedersi come si sporcano. Guido Viale fare la raccolta differenziata non è solo un obbligo di legge è un segno di rispetto e di grande civiltà!

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DELL ISOLA ECOLOGICA Art. 1 - Oggetto del regolamento 1.1 Il presente regolamento ha per oggetto la disciplina della gestione e dell'utilizzo dell'area opportunamente

Dettagli

La Raccolta Differenziata

La Raccolta Differenziata La Raccolta Differenziata Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Il Regolamento comunale è un insieme di norme utili a salvaguardare il decoro di Roma e a garantire una corretta

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI COMUNE DI CALCI PROVINCIA DI PISA SETTORE 5 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI DIFFERENZIATI Approvato con Art. 1 DEFINIZIONE DI CENTRO DI RACCOLTA ATTREZZATO E SUA FINALITA Il centro

Dettagli

Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti

Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti Il nuovo Regolamento per la gestione dei rifiuti Le norme principali Le istruzioni per l uso Le norme principali Raccolta differenziata Tutti i materiali riciclabili devono essere raccolti in modo differenziato

Dettagli

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE

Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Allegato alla Delibera Di C. C. n. 41del 23/12/2008 REGOLAMENTO D USO DELLE PIAZZOLE ECOLOGICHE Art. n.1 Definizione e Campo di Applicazione. Le piazzole ecologiche o ecopiazzole sono aree attrezzate destinate

Dettagli

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento)

COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) COMUNE DI FAVARA (Provincia di Agrigento) Ordinanza n. 235 del 21/11/2014 Prot. n. 50795 del 21/11/2014 OGGETTO: Servizio di raccolta dei Rifiuti solidi urbani domestici nel centro urbano modifica ed integrazione

Dettagli

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA

CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA Pagina 1 di 7 CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DI OMEGNA impianto di stoccaggio provvisorio e messa in riserva di rifiuti urbani e assimilati operante ai sensi del D.M. 08/04/2008, D.M. 13/05/2009, DL 205/2010

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 21/12/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE TIPOLOGIE DI RIFIUTI DIFFERENZIATI, PROVENIENTI DALL UTENZA DOMESTICA,

Dettagli

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani

COMUNE DI SERMONETA. Provincia di Latina. Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani COMUNE DI SERMONETA Provincia di Latina Regolamento sulla gestione del Centro Comunale per la raccolta differenziata dei rifiuti urbani Approvato con deliberazione CC. n. 33 del 16/12/2013 Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI CAMPOLONGO TAPOGLIANO PROVINCIA DI UDINE Piazza Indipendenza n. 2 - C.A.P. 33040 Tel. 0431-99092 Fax 0431-973707 e-mail: tecnico@com-campolongo-tapogliano.regione.fvg.it - Cod.Fisc. - P.IVA 02551830306

Dettagli

Isola Ecologica FILICHITO

Isola Ecologica FILICHITO COMUNE DI CASALNUOVO DI NAPOLI - Provincia di Napoli - Isola Ecologica FILICHITO - Regolamento di Gestione - 1 ART. 1) - OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e la gestione dell Isola

Dettagli

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie

La Raccolta Differenziata a casa tua. guida per le famiglie La Raccolta Differenziata a casa tua istruzioni per l uso guida per le famiglie Raccolta Differenziata Le novità Una soluzione alla portata di tutti La produzione di rifiuti è in continuo aumento e deve

Dettagli

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO

COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como REGOLAMENTO COMUNALE PER L UTILIZZO DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA IN LOC. FORNACETTA DI INVERIGO Approvato con atto C.C. n. 28/2000 - Modificato con atto C.C. n. 23 del

Dettagli

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta

CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta CITTA DI CASAGIOVE Provincia di Caserta REGOLAMENTO DI GESTIONE CENTRO DI RACCOLTA RIFIUTI URBANI DIFFERENZIATI PER FRAZIONI OMOGENEE Art.1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina l organizzazione e

Dettagli

UTENZE NON DOMESTICHE

UTENZE NON DOMESTICHE Comune di San Cesareo UTENZE NON DOMESTICHE per informazioni numero verde 800.180.330 www.comune.sancesareo.rm.it www.aimeriambiente.it Massimilian Massimiliano Rosolino, testimonial per l Ambiente FRAZIONE

Dettagli

II Settore. GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA. campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata

II Settore. GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA. campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata II Settore GUIDA alla raccolta DIFFERENZIATA campagna informativa sulla nuova raccolta differenziata CAMPAGNA PROMOZIONALE PESCHICI PULITA LETTERA INVITO AI CITTADINI Cari Cittadini, II Settore questa

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007

REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata. APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE Stazione Ecologica Attrezzata APPROVATO CON DELIBERA CONSILIARE N. 23 del 31.05.2007 REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA STAZIONE ECOLOGICA ATTREZZATA (SEA) ART. 1 - FUNZIONE E DESTINATARI

Dettagli

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO

1 GIUGNO 2012 PARTE LA NUOVA GESTIONE SPECIALE RIFIUTI. Raccolta dei rifiuti a Sale Marasino: COMUNE DI SALE MARASINO COMUNE DI SALE MARASINO L obiettivo delle norme italiane, conforme alle indicazioni dell Unione Europea, è il 65% di Raccolta Differenziata entro il 31 dicembre 2012 per garantire una migliore qualità

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa DISCIPLINARE PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE Approvato con Deliberazione di Giunta Comunale n 12 del 21.01.2012 In vigore dal 21.01.2012 REGOLAMENTO

Dettagli

Cesenatico per l ambiente. Guida alla corretta gestione dei rifiuti per la tutela della nostra città. Comune di Cesenatico

Cesenatico per l ambiente. Guida alla corretta gestione dei rifiuti per la tutela della nostra città. Comune di Cesenatico Cesenatico per l ambiente. Guida alla corretta gestione dei rifiuti per la tutela della nostra città. Comune di Cesenatico Cesenatico per l ambiente Una corretta gestione dei servizi ambientali è fondamentale

Dettagli

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI

Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI Allegato B COMUNE DI SEREGNO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLA PIATTAFORMA COMUNALE

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica

Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica Regolamento comunale per la gestione della piattaforma ecologica 1 Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art.21 comma 2 del D.Lvo. n.22 del 5/2/1997, ha per oggetto

Dettagli

e AL COMUNI DI: Arnad, Ayas, Brusson, Challand-Saint-Anselme, Challand-Saint-Victor, Champdepraz, Issogne, Montjovet, Verrès in collaborazione con:

e AL COMUNI DI: Arnad, Ayas, Brusson, Challand-Saint-Anselme, Challand-Saint-Victor, Champdepraz, Issogne, Montjovet, Verrès in collaborazione con: COMUNI DI: Arnad, Ayas, Brusson, Challand-Saint-Anselme, Challand-Saint-Victor, Champdepraz, Issogne, Montjovet, Verrès Carta Plastica Vetro e AL www.quendoz.it in collaborazione con: cartone da imballaggio

Dettagli

differenza i colori fanno la RACCOLTA DIFFERENZIATA campagna per la promozione della

differenza i colori fanno la RACCOLTA DIFFERENZIATA campagna per la promozione della Comune di Spotorno i colori fanno la differenza campagna per la promozione della RACCOLTA DIFFERENZIATA per gli utenti di Via alla Rocca, Via alla Torre, Via Magiarda, Via Puccini, Via Coreallo Via Verdi

Dettagli

Impariamo anche noi a fare la differenza.

Impariamo anche noi a fare la differenza. La raccolta rifiuti diventa una faccenda domestica. Impariamo anche noi a fare la differenza. Comune di Campegine COS E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE? La raccolta differenziata domiciliare è un

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DELL ECOCENTRO Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13.03.2003 con deliberazione n 9 2 CAPITOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Art. 1 - Obiettivi

Dettagli

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO

Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO Comune di Padova DISCIPLINARE PER L'ACCESSO E LA GESTIONE DEI CENTRI DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI RACCOLTI IN MODO DIFFERENZIATO 1. OGGETTO DEL DISCIPLINARE Il presente disciplinare determina i criteri

Dettagli

Impariamo anche noi a fare la differenza.

Impariamo anche noi a fare la differenza. La raccolta rifiuti diventa una faccenda domestica. Impariamo anche noi a fare la differenza. Comune di Castelnovo nè Mon COS E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE? La raccolta differenziata domiciliare

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti

Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Comune di Osio Sotto (Provincia di Bergamo) Regolamento comunale per la gestione del Centro di raccolta rifiuti Novembre 2011 Art. 1 Istituzione del servizio Il Comune di Osio Sotto istituisce il servizio

Dettagli

La Carta dei Servizi

La Carta dei Servizi La Carta dei Servizi - Allegato B - DETTAGLIO SULLE STRUTTURE E I SERVIZI FORNITI Le principali attività garantite da ACEA sono: la raccolta stradale per eco-punti; le raccolte domiciliari; il lavaggio

Dettagli

vt.it integrazioni, DM

vt.it integrazioni, DM Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 01010 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www.comune.marta. vt.it Regolamento sulla gestione dell ecocentro comunale per la raccolta

Dettagli

COMUNE DI DECOLLATURA

COMUNE DI DECOLLATURA COMUNE DI DECOLLATURA ORDINANZA N.29 DELL 8.11.2010 ( PROVINCIA DI CATANZARO) Tel. 0968/61169 fax. 0968/61247 IL COMMISSARIO STRAORDINARIO per le UTENZE DOMESTICHE RITENUTO necessario adottare apposito

Dettagli

Regolamento comunale per la gestione dei conferimenti alla stazione ecologica attrezzata

Regolamento comunale per la gestione dei conferimenti alla stazione ecologica attrezzata COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA Codice Fiscale e Partita IVA 00242970366 Tel.(059) 75.99.11 - Fax (059) 73.01.60 E-mail: info@comune.savignano-sul-panaro.mo.it Regolamento comunale per

Dettagli

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA

Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA Comune di Caronno Pertusella (VA) Piazza A. Moro 1 ORDINANZA N. D ORDINE REGISTRO DELLE ORDINANZE 125 DATA EMISSIONE 21/11/2014 SETTORE SERVIZIO AFFARI ISTITUZIONALI ECOLOGIA OGGETTO DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna

Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011. COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n.59 del 25/10/2011 COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE Provincia di Bologna RICONOSCIMENTO DI CONTRIBUTI ECONOMICI PER IL CONFERIMENTO DIRETTO DI ALCUNE

Dettagli

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308

33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 COMUNE DI CASSACCO Comun di Cjassà 33010 CASSACCO (UD) Piazza A. Noacco, 1 Tel. 0432 852811 Fax. 0432 853412 Cod. Fiscale 80007390307 Partita IVA 01010880308 Regolamento per la gestione dei centri di raccolta

Dettagli

UN PARADISO DA RISPETTARE MEGLIO

UN PARADISO DA RISPETTARE MEGLIO UN PARADISO DA RISPETTARE MEGLIO DIFFERENZIARE È OBBLIGATORIO cartone da imballaggio di di piccole dimensioni (scatole di pasta, biscotti...) cartone per bevande (Tetra Pak): latte, succhi, alimenti carta

Dettagli

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta

Piano Comunale dei Rifiuti. Sommario. progetto di raccolta differenziata. Comune di Roccaromana Provincia di Caserta Sommario _ Introduzione : il SIGRS _ Produzione _ Definizione di rifiuto _ Aspetti normativi 1) Variabili progettuali : _ natura e storia del territorio in cui si opera _ demografiche _ urbanistiche _

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA CITTA DI ARESE Provincia di Milano Assessorato all Ambiente REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI SITA IN VIA MONTE GRAPPA INDICE

Dettagli

COMUNE DI BENTIVOGLIO Provincia di Bologna

COMUNE DI BENTIVOGLIO Provincia di Bologna COMUNE DI BENTIVOGLIO Provincia di Bologna Regolamento comunale per la gestione del Centro di Raccolta dei Rifiuti urbani raccolti in modo differenziato (già Stazione Ecologica Attrezzata) Norme di accesso

Dettagli

raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it

raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it raccolta differenziata porta a porta San Pietro in Palazzi da lunedì 10 novembre 2008 www.reaspa.it L Amministrazione Comunale, in collaborazione con REA, avvierà, nel mese di novembre, nel quartiere di

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3]

COMUNE DI AGLIANO TERME. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO FINANZIARIO [ART.8 D.p.r. 158/1999, comma 3] 1 A. MODELLO GESTIONALE E ORGANIZZATIVO (ART. 8 D.P.R. n.158/1999, comma 3, lettera

Dettagli

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo

stampato su carta riciclata ottobre 2014 URP 051.6638507 - www.comune.san-giorgio-di-piano.bo.it consulta on-line o scarica la app il Rifiutologo Calendario 0 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano stampato su riciclata ottobre 0 Per informazioni Servizio Clienti Utenze non domestiche 00..00 chiamata gratuita, attivo dal al dalle.00

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI 1 COMUNE D'EUROPA CITTÀ DI SAN MAURO TORINESE PROVINCIA DI TORINO SETTORE PIANIFICAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Servizio Ecologia e Ambiente REGOLAMENTO DEL CENTRO COMUNALE DI RACCOLTA DEI RIFIUTI URBANI

Dettagli

COMUNE DI ARESE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI ARESE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI ARESE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLA PIATTAFORMA ECOLOGICA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Approvato con Delibera

Dettagli

RIDUCI I RIFIUTI mettiti in gioco! SCHEDE DI ISTRUZIONE

RIDUCI I RIFIUTI mettiti in gioco! SCHEDE DI ISTRUZIONE AZIONI CONDIVISE DI MIGLIORAMENTO PER LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI E LA QUALITÀ DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA RIDUCI I RIFIUTI mettiti in gioco! SCHEDE DI ISTRUZIONE 2 CONFERIMENTO RIFIUTI AL CRM I centri raccolta

Dettagli

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona

COMUNE DI SCANDOLARA RAVARA Provincia di Cremona Prot. 952 Scandolara Ravara, 12/04/2016 Ordinanza Sindacale n. 5/2016 del 12/04/2016 OGGETTO: Disposizioni per il conferimento dei rifiuti presso il Centro di Raccolta Comunale. IL SINDACO VISTO il Regolamento

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI Provincia di Palermo Regolamento sulla gestione del centro comunale per la raccolta dei rifiuti urbani (CCR) Art. 183, comma 1, lettera c), del D.lgs. 12 aprile 2006 e successive

Dettagli

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano

Utenze domestiche. stampato su carta riciclata novembre 2014. Calendario 2015. Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Utenze domestiche stampato su riciclata novembre 2014 Calendario 2015 Raccolta differenziata domiciliare San Giorgio di Piano Centro di Raccolta Rifiuti (stazione ecologica) I Centri sono luoghi a disposizione

Dettagli

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE . COMUNE DI BARONISSI Provincia di Salerno ASSESSORATO ALL AMBIENTE Allegato Delibera di Giunta Comunale n. 54 del 15.02.2010-1 - INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi

Dettagli

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con

COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente. In collaborazione con COMUNE DI LAINATE (Provincia di Milano) Assessorato Ambiente In collaborazione con REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Premessa

Dettagli

Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma. Zona 2

Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma. Zona 2 Dove lo butto? Guida alla raccolta differenziata domiciliare nel Comune di Parma Zona 2 Organico: da oggi è condominiale Da un ambiente sano e pulito dipende direttamente la nostra qualità della vita e

Dettagli

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE

COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE COMUNE DI OSTRA ASSESSORATO ALL AMBIENTE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 7 del 27/04/2012. INDICE Art. 1 Riferimenti Normativi Art. 2 Principi e finalità Art. 3 Campi di applicazione

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco

COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco COMUNE DI TORTOLI Provincia dell Ogliastra Ufficio del Sindaco Ordinanza n. 46 del 27 Maggio 2013 Oggetto: Modalità di gestione e conferimento Rifiuti Solidi Urbani.- IL SINDACO (In qualità di Autorità

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P.

Art. 1 Oggetto del Regolamento. 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. Art. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il Centro di Raccolta del Comune di Rapagnano è situato in via San Paolo, lungo la S.P. 72 Rapagnanese; 2. Oggetto del presente regolamento è la gestione, l organizzazione

Dettagli

Comune di Spilimbergo ANNO 2008

Comune di Spilimbergo ANNO 2008 Comune di Spilimbergo ANNO 2008 RICICLABILE 39,1% NON RICICLABILE 60,9% SITUAZIONE ATTUALE! "# INDUSTRIALI 13% CARTA 9% PLASTICA 6% VETRO 8% INGOMBRANTI 7% VERDE 11% UMIDO 9% INERTI 10% SECCO 26% OBIETTIVI

Dettagli

Servizi Comunali S.p.A.

Servizi Comunali S.p.A. Servizi Comunali S.p.A. In collaborazione con l Amministrazione l Comunale di Cavernago I rifiuti, una risorsa? Cavernago, 14 gennaio 2014 Raccolta differenziata perché farla? Valenza ecologica (rispetto

Dettagli

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI

COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI COMUNE DI USINI Provincia di Sassari SETTORE SERVIZI TECNICI - MANUTENZIONI AVVISO AI CITTADINI APERTURA ECOCENTRO COMUNE DI USINI Alle ore 9:00 di Sabato 14 Marzo 2015 avrà luogo l inaugurazione del Centro

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE COMUNE DI SPELLO Provincia di Perugia REGOLAMENTO DI GESTIONE DELLE STAZIONI ECOLOGICHE Approvato con deliberazione consiliare n. 9 del 14 marzo 2005 Modificato ed integrato con deliberazione consiliare

Dettagli

Impariamo anche noi a fare la differenza.

Impariamo anche noi a fare la differenza. La raccolta rifiuti diventa una faccenda domestica. Impariamo anche noi a fare la differenza. Comune di Rio Saliceto COS E LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DOMICILIARE? La raccolta differenziata domiciliare

Dettagli

Apriamo le porte alla raccolta differenziata.

Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Utenze domestiche Borgo San Giuliano di Rimini Apriamo le porte alla raccolta differenziata. Comune di Rimini lo sapevate che: Per fare una tonnellata di carta ci vogliono 15 alberi, mentre per fare una

Dettagli

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA LABORATORIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA Che cosa è un RIFIUTO? I RIFIUTI SONO COSE SPORCHE E PUZZOLENTI I RIFIUTI SONO COSE INUTILIZZABILI, SCARTI O COSE ROTTE I RIFIUTI SONO UNA RISORSA PER IL FUTURO, DA

Dettagli

Raccolta differenziata (RD) per materiale

Raccolta differenziata (RD) per materiale Raccolta differenziata (RD) per materiale I servizi di raccolta differenziata sono effettuati con il sistema porta a porta con: - frequenza di raccolta settimanale di carta, cartone; - frequenza di raccolta

Dettagli

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg

DESCRIZIONE RIFIUTO SUL TOTEM. PUNTI Al Kg TABELLA A Allegato A Prog. TIPOLOGIA RIFIUTO CODICE CER DESCRIZIONE CER Limit. CDR : limitazione della tipologia di rifiuti conferibili al Centro di Raccolta rispetto alla tipologia descritta dal Codice

Dettagli

rifiuti come, dove, quando

rifiuti come, dove, quando rifiuti come, dove, quando 71% del totale dei rifiuti domestici prodotti a Rovereto viene differenziato grazie all impegno di tutti i cittadini.* Solo con la collaborazione di ognuno si può aumentare ancora

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI COMUNE DI MOTTA VISCONTI PROVINCIA DI MILANO Piazza San Rocco 9/a 20186 MOTTA VISCONTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L USO DELLA PIATTAFORMA PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI (PIATTAFORMA

Dettagli

Comune di. Canegrate

Comune di. Canegrate Comune di Canegrate UMIDO ORGANICO Nei sacchetti in Mater-Bi dentro l apposito cestino aerato. Per la raccolta il sacchetto va spostato nel MASTELLO MARRONE da mettere fuori casa. Grandi quantità di verde

Dettagli