BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA"

Transcript

1 Città di Lecce BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA in seduta pubblica (pubblicato integralmente sul profilo del committente: - canale istituzionale di accesso Albo Pretorio - Bandi ed avvisi di gara Comune di Lecce ) In adozione alla Determinazione Dirigenziale a contrarre (C.d.R. XX n. 29 del 13/03/2015) viene indetta procedura aperta per l'aggiudicazione dei servizi di cui all'oggetto. OGGETTO: Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale. CIG (Codice Identificativo Gara): FD STAZIONE APPALTANTE: Comune di Lecce, via Francesco Rubichi, 16 CAP 73100, tel. (centralino) n R.U.P. dott. biol. Antonio De Rinaldis tel fax , LUOGO DELLA GARA: La gara verrà esperita il giorno 05/05/2015 alle ore 9.30 (noveetrenta), presso il Settore Ambiente del Comune di Lecce via Lombardia n. 7 - Lecce, piano 3, in seduta pubblica. SOGGETTI AMMESSI ALLA GARA. - Sono ammessi a partecipare i soggetti singoli o raggruppati secondo quanto previsto dagli articoli 34, 37, 49 (avvalimento) del d.lgs. n.163/2006 nonché in coerenza con le norme del bando. Tali soggetti devono essere iscritti, per attività comprendenti l oggetto del presente appalto, nel Registro delle Imprese tenuto dalla C.C.I.A.A. della Provincia in cui l impresa ha sede, o analogo Registro dello Stato di appartenenza. I requisiti di ammissione per il concorrente singolo ovvero per il mandatario ed i mandanti dei raggruppamenti temporanei di cui all art. 37 del d.lgs.n.163/2006 sono quelli previsti dal D.P.R. n.207/2010. E consentita la presentazione di offerte da parte di raggruppamenti o di consorzi ordinari di concorrenti non ancora costituiti, ai sensi dell art. 37 comma 8 del d.lgs.n.163/2006, che siano, pena l esclusione dalla gara, in possesso dei requisiti, a seconda della fattispecie, previsti dal d.p.r. n.207/2010. In tale caso la busta documenti, pena l esclusione, deve contenere una DICHIARAZIONE di impegno sottoscritta da tutti i soggetti costituenti il Raggruppamento Temporaneo che, in caso di aggiudicazione della gara, i soggetti medesimi conferiranno mandato collettivo speciale con rappresentanza ad uno di essi, da indicare come mandatario, il quale stipulerà il contratto in nome e per conto proprio e dei mandanti, ai sensi dell art.37 del d.lgs.n.163/2006. Inoltre, l offerta deve essere sottoscritta a pena di esclusione da tutti i soggetti (siano essi persone fisiche o persone giuridiche) che costituiranno il raggruppamento o il consorzio. (La stazione appaltante richiede tale adempimento quale minima garanzia di serietà dell offerta congiunta). Nel caso di soggetti di cui all art. 34 lett. d) ed e) (raggruppamenti o di consorzi ordinari di concorrenti già costituiti) è espressamente richiesto, a pena di esclusione dalla gara, l atto costitutivo ai sensi dell art.37 del d.lgs.n.163/2006, in originale o copia resa conforme nei modi di legge. 1

2 In conformità alle previsioni di cui all art. 37 comma 4 del D.Lgs. n. 163/06 il RAGGRUPPAMENTO, pena l esclusione, deve indicare nella documentazione amministrativa, le parti del servizio che saranno eseguite dai singoli operatori economici riuniti o consorziati. Ai sensi dell art.275 co.2 del D.P.R. n.207/2010 per i raggruppamenti temporanei di cui all art.34, comma 1, lett.d) del codice, i consorzi di cui all art.34, comma 1, lett. e) del codice ed i soggetti di cui all art.34, comma 1, lett. f) ed d- bis) del codice, di tipo orizzontale, i requisiti di qualificazione economico-finanziari e tecnico-organizzativi devono essere posseduti come indicato al paragrafo Requisiti di partecipazione alle pagine seguenti del presente bando. La mandataria in ogni caso deve possedere i requisiti ed eseguire le prestazioni in misura maggioritaria. Si ricorda che è fatto divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in più di un raggruppamento temporaneo o consorzio ordinario di concorrenti ovvero di partecipare alla gara anche in forma individuale qualora abbia partecipato alla gara medesima in raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti. Ai sensi dell art.140 del D.L.gs n. 163/06 l Amministrazione si riserva la facoltà, in caso di fallimento dell'appaltatore o di liquidazione coatta e concordato preventivo dello stesso o di risoluzione del contratto ai sensi degli artt.135 e 136 o di recesso dal contratto ai sensi dell art.11 co.3 del d.p.r n.252, di interpellare progressivamente i soggetti partecipanti alla procedura di gara, risultanti dalla relativa graduatoria, al fine di stipulare un nuovo contratto per l'affidamento del completamento del servizio. Si procederà all'interpello a partire dal soggetto che ha formulato la prima migliore offerta, fino al quinto miglior offerente, escluso l'originario aggiudicatario. L affidamento avverrà alle medesime condizioni già proposte dall originario aggiudicatario in sede di offerta. I CONSORZI di cui all'articolo 34, comma 1, lettere b) (Consorzi tra società cooperative di produzione e lavoro costituiti a norma della legge 25 giugno 1909 n. 422, del decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 14 dicembre 1947 n.1577, e successive modificazioni, ed i consorzi tra imprese artigiane di cui alla legge n.443), c) (CONSORZI STABILI) ed e) (CONSORZI ORDINARI DI CONCORRENTI) sono tenuti ad indicare, a pena di esclusione dalla gara, in sede di istanza di partecipazione, per quali consorziati il consorzio concorre; a questi ultimi è fatto divieto di partecipare, in qualsiasi altra forma, alla medesima gara; in caso di violazione sono esclusi dalla gara sia il consorzio sia il consorziato in caso di inosservanza di tale divieto si applica l articolo 353 del codice penale. E vietata la partecipazione a più di un consorzio stabile. Al fine di consentire una verifica del rispetto del divieto di contestuale partecipazione alla gara e per uno snellimento della procedura, nel caso di consorzi ex art.34 comma 1 lett. b) e c) del D. Lgs. n.163/2006, il concorrente è tenuto, a pena di esclusione dalla gara, a fornire nella busta documenti l elenco aggiornato dei soggetti consorziati, indicando denominazione e sede sociale di ciascuno. N.B. Ogni consorziato per il quale il consorzio concorre, pena l esclusione del consorzio dalla gara, è tenuto a presentare Istanza di ammissione alla gara e Dichiarazione Unica secondo il fac-simile allegato A al presente bando, adeguatamente formulata in relazione alla partecipazione alla gara, nonché tanti allegato A-bis (come da fac-simile) in caso ricorrano le condizioni ivi previste. Ai sensi dell art.37 comma 9 D. Lgs. n.163/2006 è vietata l'associazione in partecipazione. Salvo quanto disposto ai commi 18 e 19 dell art.37 D. Lgs. n.163/2006 è vietata qualsiasi modificazione alla composizione dei raggruppamenti temporanei e dei consorzi ordinari di concorrenti rispetto a quella risultante dall'impegno presentato in sede di offerta. Non possono partecipare alla medesima gara concorrenti che si trovino fra di loro in una delle situazioni di controllo di cui all'articolo 2359 del codice civile. La stazione appaltante procede, altresì, ad escludere dalla gara i concorrenti, nel caso venga accertato sulla base di univoci elementi, che le relative offerte sono imputabili ad un unico centro decisionale. E' vietata la partecipazione alla medesima procedura di affidamento del consorzio stabile e dei consorziati; in caso di inosservanza di tale divieto si applica l'articolo 353 del codice penale. L inosservanza dei divieti di cui sopra comporta l annullamento dell aggiudicazione o la nullità del contratto, nonché l esclusione dei concorrenti riuniti in raggruppamento o consorzio ordinario di concorrenti, concomitanti o successivi alle procedure di affidamento relative al medesimo appalto. Sono ammesse le aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di rete (art.34 comma 1 lett. e-bis D.Lgs. n.163/2006 reti di impresa) ai sensi dell art.3, co.4-ter del d.l n.5 convertito con modificazioni dalla legge n.33/2009, per le quali si applicano le disposizioni dell art.37 del codice. In tal caso le modalità/formalità di partecipazione sono 2

3 quelle indicate nella determinazione dell Autorità di Vigilanza n.3 del in funzione del modulo contrattuale adottato dalle imprese retiste nonché di quanto previsto nel presente bando per i raggruppamenti temporanei. TERMINE RICEZIONE delle OFFERTE. Le offerte redatte in lingua italiana dovranno pervenire al seguente indirizzo: COMUNE di LECCE Ufficio Protocollo - via F. Rubichi n.16 entro e non oltre, pena di esclusione (in ragione del rispetto del principio di parità di trattamento e del giusto procedimento), le ore 12,00 (dodici) del giorno 04/05/2015, in plico chiuso e sigillato ed esclusivamente a mezzo raccomandata del servizio postale ovvero posta celere ovvero mediante agenzia di recapito. Sul plico, contenente le buste offerta e documenti, dovrà essere riportato oltre il mittente, la seguente dicitura: Amministrazione Comunale di Lecce Procedura aperta per l Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale. Per consentire alla Stazione Appaltante di inviare tempestive comunicazioni inerenti la gara è opportuno che il concorrente indichi sul plico un recapito telefonico, il numero di fax e/o l indirizzo e/o l indirizzo di posta certificata (pec). Il recapito del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente ove, per qualsiasi motivo, non giunga a destinazione e/o integro in ogni sua parte entro le ore e il giorno fissato come termine ultimo per la presentazione dell offerta. In tal caso farà fede unicamente il timbro, con indicazione della data e dell ora d arrivo, apposti sul plico medesimo dall Ufficio Protocollo. Si avvisa che, anche ai sensi e per gli effetti della legge n.241/90 e s.m.e i, la Stazione appaltante si riserva la facoltà di pubblicare avvisi ed informazioni, inerenti la presente gara e relativi alla eventuale necessità di : - integrazioni; - revoca parziale o totale;- sospensione;-rinvio. Si avverte, altresì, che ai sensi dell art.117 del D.P.R. n.207/2010 le sedute di gara potranno essere sospese ed aggiornate ad altra ora o ad un giorno successivo salvo che nella fase di apertura delle offerte economiche. IMPORTO A BASE DI GARA L importo complessivo dell appalto è pari a ,00 IVA esclusa per la durata di anni 4, di cui ,00 per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso di cui 2.379,50 per DUVRI (e, cioè, ,00 per servizi annui soggetti a ribasso ed 9.000,00 annui per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso). CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI La categoria oggetto del servizio è la categoria 16 CPV servizi di disinfezione e disinfestazione di aree urbane o rurali di cui all allegato II^ A del D. Lgs. n.163/2006. Ai sensi dell art.37 co.2 del D.Lgs. n.163/2006 le prestazioni oggetto dell appalto, eseguibili in proprio se in possesso dei relativi requisiti, sono così strutturate: Tabella 1 Parti dell appalto (sintesi) CPV Importi in (%) arrotondata PRESTAZIONE PRINCIPALE servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale ,00 100% Totale appalto prestazione principale ,00 100% NORMATIVA DI RIFERIMENTO D. Lgs. n.163/2006 ss.mm.ii, D.P.R. 207/2010, Capitolato speciale d Appalto, Regolamento Comunale dei Contratti. OGGETTO DEL SERVIZIO L appalto ha quale oggetto l affidamento del servizio di derattizzazione, disinfestazione contro insetti volanti (in particolare zanzare e mosche) e non (zecche, scarafaggi, formiche ) e disinfezione da espletare in aree, strutture e pertinenze dell Amministrazione Comunale di Lecce con l obiettivo di ridurre al minimo i disagi per la popolazione salvaguardando gli equilibri ambientali ed ecologici delle aree non urbanizzate e protette. Per quanto riguarda gli interventi di derattizzazione e disinfestazione, sono comprese le attività di recupero delle carogne e, al termine degli interventi, dei materiali utilizzati, nonché la predisposizione e l affissione degli avvisi al pubblico. 3

4 I calendari degli interventi devono essere presentati tassativamente presso il responsabile dell Ufficio Ambiente del Comune di Lecce entro un mese dell inizio degli stessi interventi e devono essere corredati di schede tecniche e di sicurezza dei prodotti che si intende utilizzare affinchè vengano per tempo vidimati e accettati dalla ASL. Gli interventi di disinfestazione a calendario dovranno sempre partire da Piazza Bottazzi e non potranno cominciare senza l assenso scritto di almeno una unità del settore ambiente che dovrà certificare la dotazione di DPI, prodotti, uomini e mezzi occorrenti per la corretta realizzazione del servizio contrattualizzato. DURATA DEL SERVIZIO L affidamento avrà la durata di anni 4 (quattro) a decorrere dalla data di consegna del servizio. INFORMAZIONI - DOCUMENTAZIONE di gara: Presso l Ufficio Gare in Lecce al vico Storella n. 4 secondo piano, tel fax , i giorni di martedì e venerdì dalle ore 10,00 alle ore 13,00 si può visionare il bando di gara ed il Capitolato speciale d appalto, nonché acquisire informazioni inerenti la gara contattando i numeri telefonici o inviando ai seguenti indirizzi oppure e ovvero sul sito Istituzionale del Comune di Lecce (www.comune.lecce.it) alla voce bandi ed esiti di gara. FINANZIAMENTI E PAGAMENTI Il servizio in oggetto è finanziato con fondi comunali. I pagamenti in favore della ditta aggiudicataria saranno effettuati mensilmente, su presentazione di regolare fattura e attestazione degli interventi effettuati, in ragione dell importo aggiudicato suddiviso in quarantotto rate mensili. MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DEL CORRISPETTIVO: a misura - ai sensi di quanto previsto dall articolo 53 comma 4 del d.lgs.n.163/2006. MODALITA' DI GARA. L aggiudicazione verrà effettuata mediante procedura aperta con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art.83 del d.lgs.n.163/2006 ss.mm.ii. secondo i criteri di valutazione dell offerta di seguito indicati. La somma dei punteggi da assegnare agli elementi componenti il servizio è pari ad un massimo di 100 (cento) punti, così suddivisi: - Punteggio relativo al merito tecnico max 70 punti; - Punteggio relativo al merito economico max 30 punti; Criteri di valutazione dell offerta tecnica Per la valutazione dell offerta tecnica, la Commissione di gara procederà all assegnazione del punteggio in base alle caratteristiche tecniche e funzionali della proposta tecnica con particolare riguardo alla chiarezza espositiva, alla coerenza, alla completezza, alla fattibilità e alla qualità, nonché all innovazione della proposta. La Commissione di gara procederà alla valutazione dell offerta tecnica, per ciascuna delle seguenti componenti (voce), attribuendo il punteggio massimo di seguito indicato: A Progetto Tecnico Operativo punti 40 B Migliorie al progetto base punti 10 C Prodotti, attrezzature, mezzi innovativi punti 20 Totale punti 70 La Commissione di gara valuterà gli elementi indicati nella proposta tecnica, per ciascuna delle suddette voci, secondo i seguenti criteri. Per ogni componente (voce) sono individuati uno o più requisiti, a ciascuno dei quali è assegnato un peso (punti max) secondo gli schemi che seguono: Componente: A Progetto Tecnico - Operativo (max punti 40) Requisito Peso (punti max) 4

5 A1 Organicità della proposta e sua coerenza al capitolato d appalto punti 9 A2 Modalità operative punti 11 A3 Risorse umane impiegate, livello di aggiornamento prof.le punti 10 A4 Attrezzature tecniche utilizzate punti 10 Componente: B Migliorie al progetto base (max punti 10) Requisito Peso (punti max) B1 Frequenza degli interventi punti 4 (gli interventi aggiuntivi devono essere puntualmente specificati e resi omogenei agli altri interventi da capitolato nella relazione tecnica) B2 Reperibilità di mezzi e persone punti 3 (orari di reperibilità del responsabile tecnico e degli operatori, vicinanza del deposito mezzi ed attrezzature alle aree oggetto di intervento, tempi necessari a che gli operatori siano attivi in caso di emergenza) B3 Metodi alternativi di monitoraggio e lotta infestanti punti 3 Componente: C Prodotti, attrezzature, mezzi innovativi (max punti 20) Requisito Peso (punti max) C1 Prodotti innovativi dal punto di vista tecnologico punti 5 C2 - Attrezzature innovative dal punto di vista tecnologico punti 5 C3 - Prodotti innovativi dal punto di vista ecologico punti 5 C4 - Attrezzature innovative dal punto di vista ecologico punti 5 Il punteggio assegnato dalla Commissione di gara ad ogni requisito sarà dato dal prodotto del peso (punti max) per il fattore di valutazione (coefficiente), il quale è determinato per le componenti A, B e C secondo la seguente classificazione: Giudizio sintetico Valutazione Descrizione (coefficiente) Ottimo 1 Il requisito è trattato in misura pienamente esauriente dal punto di vista tecnico e funzionale. La soluzione risponde pienamente a quanto richiesto. Buono 0,75 Il requisito è trattato in misura più che esauriente dal punto di vista tecnico e funzionale. La soluzione risponde in maniera più che soddisfacente a quanto richiesto. Sufficiente 0,50 Il requisito è trattato in misura appena esauriente dal punto di vista tecnico e funzionale. La soluzione risponde in maniera appena soddisfacente a quanto richiesto. Scarso 0,25 Il requisito è trattato in misura non del tutto esauriente dal punto di vista tecnico e funzionale. La soluzione risponde in maniera non del tutto soddisfacente a quanto richiesto. Inadeguato 0 Il requisito non è offerto o non è stato trattato o la soluzione proposta risponde in maniera non soddisfacente a quanto richiesto. Criterio di valutazione dell offerta economica max punti 30: Il punteggio relativo all offerta economica sarà determinato dalla seguente formula: P = (Rp x 30): Rmx Dove: P = Punteggio da attribuire R p = Ribasso percentuale proposto dal singolo concorrente R mx= Ribasso massimo offerto 30 = Punti a disposizione Non saranno ammesse offerte in aumento. 5

6 Si provvede all aggiudicazione stessa anche quando sia pervenuta una sola offerta validamente prodotta, ritenuta congrua e soddisfacente dalla Commissione di Gara. Nessun compenso è dovuto per la partecipazione alla gara, quale che sia il suo esito. In caso di parità di punteggio si procederà come segue: a) l appalto sarà aggiudicato al concorrente che avrà ottenuto il miglior punteggio parziale, (offerta tecnica), prescindendo da quello attribuito al prezzo; b) in caso di parità anche del punteggio parziale di cui alla precedente lettera a) si procederà mediante sorteggio, alla presenza delle ditte interessate. Non si procede all aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all oggetto del contratto (art.81 d.lgs.n.163/2006). L Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di sospendere e/o annullare la procedura di gara in qualsiasi momento. REQUISITI DI PARTECIPAZIONE : Per partecipare alla gara, a pena di esclusione, i concorrenti dovranno essere in possesso oltre ai requisiti di ordine generale di cui all art.38 del d.lgs.n.163/2006, dei seguenti requisiti (tutti soggetti ad eventuale successiva verifica): a) iscrizione nel registro della C.C.I.A.A. o, in caso di cittadino di altro stato membro, iscrizione in uno dei registri professionali o commerciali del paese di residenza, per attività comprendente l oggetto dell appalto; b) capacità tecnico-organizzativa: 1) espletamento, nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando, di servizi di disinfezione e disinfestazione/derattizzazione, svolti con buon esito, in almeno 4 Enti Pubblici o Privati (si precisa che i servizi possono riferirsi a periodi non continuativi e non contemporanei per i 4 Enti purchè complessivamente ricompresi nel triennio di riferimento). 2) disponibilità (es. proprietà, noleggio, leasing, ecc.) di adeguate attrezzature necessarie all espletamento del servizio, nonché degli autocarri, minimo n.2, di cui almeno n.1 idoneo per l uso specifico ad operare nel centro storico, nonché un automezzo omologato uso speciale per disinfestazione con gruppo atomizzatore di almeno 30 Hp; 3) dichiarazione di impegno a disporre di operatori adeguatamente formati (corsi o giornate di formazione); c) capacità economico- finanziaria: a. fatturato specifico, per servizi analoghi a quelli oggetto della presente procedura, conseguito negli ultimi tre esercizi, presso Enti pubblici e privati, per un importo complessivo pari ad almeno il 60% dell importo posto a base di gara pari a ,00 e, quindi, non inferiore a ,00; d) Certificazione ISO 9001:2008 per servizi per l igiene pubblica e privata nella disinfestazione, disinfezione, derattizzazione; e) Certificazione ISO 14001:2004 per servizi per l igiene pubblica e privata nella disinfestazione, disinfezione, derattizzazione. Si precisa che nel caso di raggruppamento di tipo orizzontale i requisiti di cui al punto b- 1) dovranno essere posseduti da tutti i soggetti raggruppati e i requisiti di cui al punto c- 1) dovranno essere posseduti cumulativamente da tutti i soggetti raggruppati, mentre per la mandataria nella misura non inferiore al 40% del 60 % dell importo posto a base di gara ossia pari a ,00; relativamente ai punti a), b-3), b-2), è richiesto il possesso da parte della mandataria e di tutti i soggetti raggruppati; I requisiti d) ed e), devono essere posseduto da almeno uno dei soggetti raggruppati. Avvalimento E ammesso l avvalimento conformemente alle previsioni di cui all art.49 del d.lgs. N.163/2006 e all art.88 del d.p.r. n.207/2010. Si tenga conto della obbligatorietà della presentazione delle dichiarazioni e del contratto di cui all art.49 del d.lgs. N.163/2006. Si tenga, inoltre, conto che per espressa previsione regolamentare il contratto di avvalimento, ai sensi del comma 1 dell art.88 del d.p.r. n.207/2010, tra le atre, deve riportare in modo compiuto, esplicito ed esauriente: A) Oggetto: le risorse e i mezzi prestati in modo determinato e specifico; B) Durata; C) Ogni altro utile elemento ai fini dell avvalimento. Entrambi i soggetti (avvalente ed avvalso) ai fini della dichiarazione del possesso dei requisiti generali dovranno effettuare le dichiarazioni di cui all allegato A e A-bis (se ricorre) del presente bando di gara, obbligatoriamente quelle discendenti dalle previsioni di cui all art.49 del D.Lgs. n.163/2006. SUBAPPALTO: In conformità alla normativa vigente. CAUZIONE. [**] La documentazione dei concorrenti deve essere corredata, a pena di esclusione, da una cauzione provvisoria, come prevista dall art.75 del d.lgs.n.163/2006 dell importo, non inferiore a ,00 ( ,00 + 6

7 1.236,00) e cioè pari al 2% del prezzo base indicato nel bando ex art.75 D.Lgs. n.163/ l 1 per mille del valore della gara ex art.38 co.2 bis D.Lgs. n.163/2006. Detta cauzione provvisoria deve essere conforme alle prescrizioni di cui all art.75 del D.Lgs. n.163/06; si avverte, però, che non è ammessa la modalità in contanti per problemi di gestione del denaro dei concorrenti. Pertanto, detta cauzione provvisoria può essere costituita a scelta dell offerente in titoli del debito pubblico garantiti dallo Stato al corso del giorno del deposito, presso una Sezione di Tesoreria Provinciale o presso le aziende autorizzate a titolo di pegno a favore della stazione appaltante. La fideiussione, sempre a scelta dell offerente, può essere bancaria ovvero assicurativa ovvero rilasciata da intermediari finanziari, iscritti nell elenco speciale di cui all articolo 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, che svolgono in via esclusiva o prevalente attività di rilascio di garanzie, a ciò autorizzati dal Ministero dell economia e delle finanze. La garanzia dovrà, pena l esclusione: a) avere validità per almeno a 180 giorni dalla data di presentazione dell offerta; b) prevedere la rinuncia da parte dell obbligato in solido con il debitore principale al beneficio della preventiva escussione del debitore principale; c) prevedere l operatività della garanzia entro quindici giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante; d) contenere la dichiarazione con la quale il fideiussore si impegna a rilasciare la garanzia fideiussoria per l esecuzione del contratto, di cui all art.113 del D.Lgs. n.163/06, qualora l offerente risultasse aggiudicatario; e) prevedere la rinuncia all eccezione di cui all art (scadenza dell obbligazione principale) comma 2 del codice civile; f) riferimento alla copertura della sanzione dell 1/1000 di cui all art.38 comma 2-bis del D.Lgs. n.163/2006 (è consentita anche appendice alla polizza di cui all art.75 D.Lgs. n.163/2006) L importo della garanzia, e del suo eventuale rinnovo, è ridotto del cinquanta per cento (50%) per i concorrenti (operatori economici) ai quali venga rilasciata, da organismi accreditati, ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN e della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17000, la certificazione del sistema di qualità conforme alle norme europee della serie UNI CEI ISO Per fruire di tale beneficio, il concorrente deve, a pena di esclusione, segnalare nella documentazione amministrativa il possesso del requisito e deve documentare lo stesso, in lingua italiana, nei modi prescritti dalle norme vigenti. In caso di soggetti raggruppati (Raggruppamenti temporanei di concorrenti, consorzi ordinari di concorrenti, o di G.E.I.E.) non ancora formalmente costituiti la cauzione, a pena di esclusione, deve essere intestata a tutti i concorrenti raggruppandi. [**] - N.B. Per i contratti fidejussori ed assicurativi potranno essere utilizzati gli schemi di polizza tipo approvati con Decreto Ministero delle Attività produttive 12 marzo 2004, n.123 (art.1 - commi 1 e 3), purchè integrati con le clausole previste nel presente bando e all art. 75 del D.lgs. n. 163/06. E consentito prestare cauzione provvisoria sia nella precedente formulazione (più articolata), sia in forma semplificata -purchè integrati con le clausole previste nel presente bando e all art. 75 del D.lgs. n. 163/06 - (secondo le schede tecniche approvate con il D.M. n.123/2004 preferibilmente complete della seguente dicitura: la presente scheda tecnica costituisce parte integrante dello schema tipo 1.1. di cui al Decreto Ministero 12 marzo 2004, n.123 e riporta i dati e le informazioni necessarie all attivazione della garanzia fidejussoria di cui al citato schema tipo; la sua sottoscrizione costituisce atto formale di accettazione incondizionata di tutte le condizioni previste nello schema tipo. E consentito, altresì, allegare appendici alle polizze o alle suddette schede tecniche al fine di contenere tutte le condizioni per la cauzione provvisoria previste dal bando e dall art. 75 del D.Lgs. n. 163/06. In caso di Associazione, di Consorzio o di G.E.I.E. non ancora formalmente costituiti la cauzione, a pena di esclusione, deve essere intestata a tutti i concorrenti associandi. Si avverte che, alle imprese non aggiudicatarie, la garanzia è svincolata dall Amministrazione contestualmente alla comunicazione dell avvenuta aggiudicazione, tempestivamente e, comunque, entro un termine non superiore a trenta giorni dall aggiudicazione, anche quando non sia ancora scaduto il termine di validità della garanzia. MODALITA DI REDAZIONE DELL OFFERTA E DOCUMENTAZIONE DA ESIBIRE. 7

8 Per la partecipazione alla gara l operatore economico interessato dovrà far pervenire entro i termini ed all'indirizzo suindicati in unico plico sigillato e controfirmato sui lembi, pena l esclusione dalla gara (in ragione del principio di segretezza dell offerta), quanto segue : 1. BUSTA - DOCUMENTI: a pena di esclusione, chiusa, sigillata con striscia di carta incollata o nastro adesivo o con equivalenti strumenti idonei a garantire la sicurezza contro eventuali manomissioni e controfirmata sui lembi di chiusura, su cui, oltre al mittente, dovrà essere apposta la seguente dicitura : Busta documenti Stazione Appaltante: Comune di Lecce - Procedura aperta per la Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale e contenente, pena l esclusione dalla gara, la seguente documentazione: 1. ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA secondo il fac-simile ALLEGATO - A in calce al presente bando, ovvero, a pena di esclusione, tutte le stesse informazioni e dichiarazioni ivi contenute qualora non si utilizzi lo stesso allegato (da presentare anche in caso di avvalimento); 2. DICHIARAZIONI A bis secondo il fac-simile allegato in calce al presente bando (qualora ne ricorrano le condizioni da presentare anche nel caso di avvalimento) ovvero tutte le stesse informazioni e dichiarazioni ivi contenute (le quali sono tutte previste a pena di esclusione come per l allegato A); 3. cauzione provvisoria, secondo le indicazioni e prescrizioni di cui al presente bando; 4. documentazione richiesta, a seconda dei casi di partecipazione alla gara, nei modi previsti dal d.lgs.n.163/2006 e comunque quelli ai sensi degli articoli 37 e/o 49 e/o 50 d.lgs.n.163/06 e dagli articoli 88,92 del D.P.R n.207/10 (ad esempio: mandato congiunto conferito al mandatario e sottoscritto da tutti i soggetti da raggruppare; dichiarazione secondo il fac-simile allegato A ed eventuale A-bis, resa ai sensi del d.p.r. n.445/2000, da ogni consorziata designata per l espletamento del servizio; documentazione prevista dall art. 49 e/o 50 d.lgs. n.163/2006 in caso di avvalimento; ecc.); 5. attestazione dell avvenuto versamento del contributo all A.N.AC. (ex Autorità di Vigilanza sui Contratti Pubblici) pari a 140,00 ai sensi della delibera dell AVCP del I concorrenti sono tenuti al pagamento del contributo stabilito nella tabella di cui all art.2 della suddetta delibera, da versare attenendosi alle istruzioni operative pubblicate sul sito dell Autorità al seguente indirizzo: in favore dell Autorità sui contratti pubblici; 6. PASS OE, debitamente sottoscritto dal legale rappresentante dell operatore economico partecipante, rilasciato dall A.N.AC. (già A.V.C.P.) per la gara di che trattasi all operatore medesimo, con cui si autorizza la Stazione Appaltante ad accedere ai dati e/o documenti ad esso associati nell utilizzo del sistema AVCpass per la verifica dei requisiti; 7. Capitolato speciale d appalto sottoscritto in ogni pagina per accettazione (con timbro e firma del legale rappresentante); 2. BUSTA OFFERTA TECNICA: a pena di esclusione, chiusa, sigillata con striscia di carta incollata o nastro adesivo o con equivalenti strumenti idonei a garantire la sicurezza contro eventuali manomissioni, controfirmata sui lembi di chiusura, su cui, oltre al mittente, dovrà essere apposta la seguente dicitura : Busta Offerta Tecnica Stazione Appaltante: Comune di Lecce - Procedura aperta per la Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale e contenente, pena l esclusione, la seguente documentazione: - Progetto tecnico-operativo, sottoscritto in ogni pagina dal titolare o dal legale rappresentante del concorrente o da un suo procuratore nonché da tutti i legali rappresentanti delle imprese temporaneamente raggruppate, che dovrà contenere tutti gli elementi necessari per la valutazione e l attribuzione del punteggio di cui a pag. 4/5 del presente bando ed in particolare: Modalità operative ed organizzative del servizio con descrizione dei tipi di presidi medico chirurgici/biocidi di cui propone l utilizzo per ogni tipo di intervento e per ogni ambiente (in particolare per quanto attiene il servizio di lotta antilarvale, deblattizzazione e derattizzazione sino allo smaltimento del rifiuto), con l indicazione del numero degli operatori e delle squadre per ogni tipo di intervento, descrizione dei mezzi e delle attrezzature di cui gli operatori si potranno avvalere nel corso delle operazioni; Numero del personale che si intende impiegare e relative mansioni per ogni tipo di intervento; Modalità di esecuzione dei servizi ed eventuali elementi innovativi rispetto a quelli previsti nel capitolato d appalto; Copia delle schede tecniche e schede di sicurezza di tutti i prodotti che si intendono usare, contenenti anche gli estremi di registrazione, presso il Ministero della Sanità, del prodotto, quale Presidio Medico Chirurgico. 8

9 Il Progetto tecnico-operativo non deve superare complessivamente le 50 pagine, progressivamente numerate, su una sola facciata, in formato A/4, con carattere Times New Roman non inferiore a 11. Nel calcolo delle pagine sono escluse le schede tecniche e le schede di sicurezza dei prodotti. L offerta tecnica dovrà essere redatta rispettando l ordine sequenziale degli elementi A, B e C da valutare come sopra indicato. Nella busta contenente l Offerta Tecnica non devono essere inseriti altri documenti. 3. BUSTA OFFERTA ECONOMICA: a pena di esclusione, chiusa, sigillata con striscia di carta incollata o nastro adesivo o con equivalenti strumenti idonei a garantire la sicurezza contro eventuali manomissioni, controfirmata sui lembi di chiusura, su cui, oltre al mittente, dovrà essere apposta la seguente dicitura : Busta Offerta Economica Stazione Appaltante: Comune di Lecce Procedura aperta per la Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale e contenente, pena l esclusione, la seguente documentazione: (N.B.: è ammessa anche un unica dichiarazione) Dichiarazione, regolarizzata agli effetti dell imposta di bollo, sottoscritta a pena di esclusione dal titolare o dal legale rappresentante della società o da suo procuratore o da tutti i legali rappresentanti in caso di RTI o Consorzio, contenente l indicazione della misura percentuale (espressa in cifre e in lettere, con un massimo di tre decimali) di ribasso sull elenco prezzi posto a base di gara (al netto degli oneri di sicurezza); Dichiarazione, sottoscritta dal titolare o dal legale rappresentante della società o da suo procuratore o da tutti i legali rappresentanti in caso di RTI o Consorzio, nella quale il concorrente attesta: che ai sensi dell art.86 comma 3-bis e dell art.87 comma 4 del D. Lgs. n.163/2006, l offerta è comprensiva degli oneri di sicurezza a carico dell impresa quantificati in (in lettere ). Precisa, altresì, che detti costi sono diversi e distinti dagli oneri di sicurezza individuati dalla stazione appaltante nel bando. Le cifre decimali oltre la terza non saranno prese in considerazione (ossia come non scritte) né arrotondate. [Pertanto, l importo definitivo di aggiudicazione, da porre a base del relativo contratto d appalto, sarà determinato deducendo dall importo netto per lavori l offerta aggiudicataria espressa con un massimo di tre cifre decimali, maggiorato dall importo per gli oneri di sicurezza. Resta inteso che l importo definitivo sarà arrotondato con tre cifre decimali secondo le norme dell euro]. In caso di discordanza tra il ribasso percentuale offerto espresso in cifre e quello espresso in lettere sarà ritenuto valido quello più vantaggioso per la stazione appaltante; pertanto, al fine di evitare contestazioni interpretative, si invitano i concorrenti a scrivere il ribasso con cifre e lettere a stampatello. La suddetta dichiarazione di offerta non può presentare abrasioni, sé correzioni che non siano espressamente confermate e sottoscritte dalla ditta concorrente, pena l esclusione dalla gara (in ragione del principio di serietà dell offerta, espressione della volontà del sottoscrittore). Alla procedura di gara si applicano solo le cause di esclusione tassativamente previste dal Codice dei Contratti (D.L.gs 163/2006 e ss.mm.ii.) e del relativo Regolamento (D.P.R. n. 207/2010 e ss.mm.ii.) secondo quanto sancito dall'art. 46, comma 1 bis del Codice. MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA GARA E AGGIUDICAZIONE La Commissione di gara, nominata ai sensi dell art. 84 del D.lgs n. 163/06, nella prima seduta pubblica, procederà: a) alla verifica della regolarità dei plichi pervenuti; b) all esclusione di quelli, eventualmente pervenuti fuori dei termini; pertanto, tali plichi non saranno aperti e saranno custoditi in apposito luogo tramite un dipendente addetto; c) all'apertura di volta in volta, dei plichi pervenuti entro i termini fissati, costatando, altresì, la presenza all interno di ciascuno di essi delle buste richieste a pena di esclusione: n.1, n.2 e n.3; d) all apertura di volta in volta delle buste Busta n.1 - Documenti, verificando la correttezza formale della documentazione e delle dichiarazioni e disporre l ammissione o l esclusione delle ditte concorrenti; e) a siglare e custodire le buste Offerta Tecnica e Offerta Economica delle ditte escluse inserendo le stesse in apposito plico che sarà sigillato e siglato sui lembi di chiusura dai componenti la Commissione e custodito, in apposito luogo, da un funzionario addetto; f) a siglare le buste Offerta Tecnica e Offerta Economica delle ditte ammesse e a custodire le stesse, in apposito luogo, da un funzionario addetto; g) all apertura delle buste Offerta Tecnica delle ditte ammesse, al fine di verificarne il contenuto e di siglare lo stesso; h) alla verifica del possesso dei requisiti prevista dall art.48 del D.Lgs. n.163/2006, qualora non si disponga della funzionalità del sistema AVCPass ovvero qualora il concorrente abbia allegato nella busta Documenti idonea 9

10 certificazione probatoria. Comunque, è salva la facoltà dell Amministrazione di procedere alla verifica di tutti i soggetti partecipanti La Commissione, in sedute riservate, procederà alla verifica delle buste Offerta Tecnica delle ditte ammesse a seguito dell eventuale verifica dei requisiti, di volta in volta effettuando per ciascun concorrente la valutazione della validità tecnico-funzionale dell offerta Tecnica ed assegnando i relativi punteggi sulla base dei criteri di cui al bando di gara. Successivamente, in seduta pubblica, della quale sarà data notizia ai concorrenti, la Commissione comunicherà le eventuali esclusioni dei concorrenti che non hanno dimostrato i requisiti e dopo aver comunicato il punteggio attribuito alla offerta tecnica, aprirà le buste Offerta Economica delle ditte ammesse; procederà, quindi, a verificare la correttezza formale delle stesse, escludendo, ove del caso, le ditte concorrenti; infine, darà lettura di ciascuna offerta economica. Procederà, poi, ad attribuire l ulteriore punteggio riveniente dall effettuazione del calcolo matematico innanzi indicato. Detti punteggi saranno poi sommati a quelli relativi all offerta tecnica per determinare il punteggio complessivo conseguito da ciascun concorrente ed in conseguenza la graduatoria finale provvisoria. La commissione ovvero il R.U.P., in conformità all art.86 co.2 del D.Lgs. 163/2006 e all art.121 del D.P.R. n.207/2010, procederà alla verifica dell anomalia dell offerta, iniziando dalla prima offerta in graduatoria. L aggiudicazione avverrà in favore della prima offerta non dichiarata anomala. L aggiudicatario che risulterà non avere i requisiti dichiarati, perderà ogni diritto di aggiudicazione e sarà perseguibile penalmente secondo la normativa vigente. L aggiudicazione avrà luogo anche in presenza di una sola offerta valida, sempre che sia ritenuta valida e conveniente per l Amministrazione. Non si procederà all aggiudicazione se nessuna offerta risulti conveniente o idonea in relazione all oggetto del contratto. L Amministrazione si riserva in ogni caso, a proprio insindacabile giudizio, la facoltà di non dar luogo alla gara e/o di prorogarne la data o di non procedere all aggiudicazione per sopravvenuti motivi di interesse pubblico, senza che ciò comporti pretesa alcuna da parte dei concorrenti. L aggiudicazione è immediatamente impegnativa per l impresa aggiudicataria mentre per l Ente appaltante diventa tale a decorrere dalla data della determinazione dirigenziale relativa all aggiudicazione. Si procederà all aggiudicazione definitiva dopo che l impresa risultata aggiudicataria in via provvisoria avrà prodotto alla stazione appaltante tutta la documentazione e certificazione prevista per legge, nonché quella in materia di lotta alla mafia. La stipula del contratto è, comunque, subordinata al positivo esito delle certificazioni e versamento di quanto dovuto per spese di registrazione, diritti di rogito, marche da bollo, ecc. L Amministrazione comunale si riserva, altresì, la facoltà di sottoporre a verifica la correttezza e veridicità delle dichiarazioni rese in gara. L aggiudicatario provvisorio dovrà confermare, entro il termine richiesto, a mezzo di dichiarazione del titolare o del legale rappresentante, resa ai sensi e per gli effetti degli art.46 e 47 del DPR. n.445/2000 e s.m. e i. che consapevole delle responsabilità e sanzioni penali previste dall'articolo 76 del DPR n.445/2000 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi indicate, che non sono intervenute modifiche alla ragione sociale dell impresa dalle date riportate negli atti di gara esibiti, nonché la permanenza, in capo all impresa ed ai soggetti tenuti per legge, dei requisiti di ordine generale di cui d.lgs. n.163/2006, e di ordine speciale richiesti e dichiarati (corredata da copia del documento di identità del sottoscrittore, in corso di validità) - inoltre, l aggiudicatario provvisorio, qualora non ancora esibita, dovrà trasmettere altresì la documentazione posta a comprova. Nel caso di mancata conferma o permanenza dei requisiti si applicano le disposizioni del d.lgs. n.163/2006 e le altre di legge. Verranno esclusi dalla gara per violazione del principio della segretezza delle offerte (art.75 del R.D n.827), i concorrenti che non abbiano formulato la propria offerta autonomamente, in violazione alle previsioni di cui all art.38 co.1 lett. m-quater) del D.Lgs. n.163/2006 nonché del Protocollo d Intesa tra il Comune di Lecce e la Prefettura di Lecce, firmato il al fine di salvaguardate l attività della stazione appaltante nell esecuzione dei servizi, da eventuali tentativi di condizionamento, pressione o infiltrazione mafiosa nonché di contrastare tentativi di turbativa d asta. La stazione appaltante, ai sensi dell art.38 co.2 ultimo periodo del D.Lgs. n.1163/2006, valutata in seduta riservata la documentazione, esclude i concorrenti per i quali viene accertato che le relative offerte sono imputabili ad un unico centro decisionale sulla base di univoci elementi. La verifica e l eventuale esclusione sono disposte dopo l apertura delle buste contenenti l offerta economica. 10

11 ADEMPIMENTI A CARICO DELL AGGIUDICATARIO IN VIA DEFINITIVA: L aggiudicatario in via definitiva è tenuto: 1) a presentare: a) Cauzione definitiva da prestarsi secondo le prescrizioni di cui al Capitolato speciale d appalto e nelle forme previste dall'art.113 commi 1, 2, 3, 4 e 5 del d.lgs.n.163/2006 e s.m. e i. che disciplina le garanzie di esecuzione e coperture assicurative. Si fa presente che qualora la ditta aggiudicataria sia munita di una certificazione indicata all art.40 comma 7 del d.lgs.n.163/2006 usufruisce del beneficio della riduzione al 50% della garanzia in argomento; b) Ricevuta del deposito delle spese di contratto, di registro ed accessorie; 2) a dare immediato compimento a quanto richiesto dall Amministrazione Comunale per l inizio del servizio e la stipulazione del contratto; 3) a firmare il contratto nel giorno e nell ora che verranno indicati con comunicazione scritta, con avvertenza che, in caso contrario, l Amministrazione procederà nei modi di legge; 4) ad ottemperare a quanto indicato dal Capitolato speciale d appalto oltre alle prescrizioni del presente bando; 5) a comunicare le generalità dei soggetti da sottoporre ai controlli antimafia ai sensi del D.Lgs. n.159/2011; 6) a rimborsare alla Stazione Appaltante, ai sensi dell art.34 co.35 della Legge n,221, entro il termine di sessanta giorni dall aggiudicazione, le spese sostenute per la pubblicazione sui quotidiani relativi alla procedura di gara di cui all oggetto, pari a.1.801,32 (Iva inclusa). CONTROVERSIE: Per qualsiasi controversia è competente esclusivamente il Foro di Lecce; non è consentito il ricorso a giudizio arbitrale. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: dott. biol. Antonio De Rinaldis Funzionario tecnico del Settore Ambiente del Comune di Lecce Tel INFORMAZIONI E PRESCRIZIONI Nella presente procedura, in attuazione al protocollo d intesa La rete dei responsabili della legalità negli appalti pubblici, sottoscritto in data 9 ottobre 2012 dal Sindaco di Lecce, dal Prefetto di Lecce e le Associazioni di Categoria degli Imprenditori, il concorrente è obbligato all osservanza, pena esclusione, delle norme pattizie contenute nel protocollo medesimo. Di seguito vengono riportate alcune clausole del suddetto protocollo di legalità, visionabile sul sito avente lo scopo, di salvaguardare, tra l altro, l attività della stazione appaltante nell esecuzione dei lavori, da eventuali tentativi di condizionamento, pressione o infiltrazione mafiosa nonché di contrastare tentativi di turbativa d asta. (N.B.: il riferimento all art.10 del D.P.R. n. 252/98 deve intendersi sostituito dall art.91 del nuovo codice antimafia : d.lgs.n.159/ I termini indicati devono intendersi modificati secondo l art.92, commi 2 e 3 del nuovo codice antimafia). Clausola n. 1 La stazione appaltante si riserva di acquisire sia preventivamente alla stipulazione dell appalto, sia preventivamente all autorizzazione dei sub-contratti di importo pari o superiore a ,00 o di qualsiasi importo per le forniture o servizi sensibili le informazioni del Prefetto ai sensi dell art. 10 del D.P.R. n. 252/98. Qualora il Prefetto attesti, ai sensi e per gli effetti dell art. 10 del D.P.R. n. 252/98 emergono elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa, la stazione appaltante procede all esclusione del soggetto risultato aggiudicatario ovvero al divieto del sub-contratto. Clausola n. 2 Qualora l informativa prefettizia segnali, ai sensi e per gli effetti dell art. 10 del D.P.R. n. 252/98, che sussistono elementi relativi a tentativi di infiltrazione mafiosa, la stazione appaltante procede all esclusione del soggetto risultato aggiudicatario ovvero al divieto del sub-contratto. Nei casi di autorizzazioni di subappalti, o altri affidamenti la stazione appaltante con immediatezza richiede le suddette informazioni prefettizie. Trascorsi i termini di legge procede all autorizzazione salvo revoca della stessa in caso di informazioni prefettizie indicative di tentativi di infiltrazione mafiosa, anche in corso di esecuzione. In ogni caso la stazione appaltante recederà, in qualsiasi tempo, dal contratto, revocherà la concessione o l autorizzazione al sub-contratto, cottimo, nolo o fornitura e alla automatica risoluzione del vincolo al verificarsi dei presupposti stabiliti dall art. 11, comma 3, del D.P.R. 3 giugno 1998, n.252. Clausola n. 3 Qualora la commissione di gara rilevi anomalie in ordine alle offerte, considerate dal punto di vista dei valori in generale, della loro distribuzione numerica o raggruppamento, della provenienza territoriale, delle modalità o singolarità con le quali le stesse offerte sono state compilate e presentate, etc., il procedimento di aggiudicazione è sospeso per acquisire le valutazioni (non vincolanti) dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici. Decorso il termine di 10 giorni la commissione di gara, anche in assenza delle valutazioni dell Autorità, dà corso al procedimento di aggiudicazione. Nelle more, è individuato il soggetto responsabile della custodia degli atti di gara che adotterà scrupolose misure necessarie ad impedire rischi di manomissione, garantendone l integrità e l inalterabilità. 11

12 ALTRE INFORMAZIONI: 1. La verifica del possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario, relativi alla procedura aperta, avverrà secondo le modalità previste dalla normativa vigente; 2. Non sono, altresì, ammessi a partecipare alle gare soggetti privi dei requisiti generali di cui all articolo 38 del D.lgs. n. 163/06 ss.mm.ii.; 3. Ai fini della procedura di gara e della relativa aggiudicazione le indicazioni del bando prevalgono aul capitolato d appalto e sugli altri atti amministrativi; pertanto, saranno considerate inefficaci le eventuali indicazioni non coerenti con il presente bando integrale, con i fac-simile Allegati A, A-bis e con il D. Lgs. n.163/ Ai sensi dell art. 77 comma 1 del D.lgs n. 163/06 i mezzi di comunicazione e di informazione dalla stazione appaltante all operatore economico prescelti sono il fax ovvero la posta elettronica certificata a discrezione della stazione appaltante; dall operatore alla stazione appaltante in via primaria la posta ovvero il fax, salva diversa indicazione della stazione appaltante medesima. 5. La stipulazione del contratto è, comunque, subordinata al positivo esito delle procedure previste dalla normativa vigente in materia di lotta alla mafia; 6. Le varianti saranno come per legge. Non sono ammesse offerte di importo pari alla base di gara, in aumento, parziali o condizionate. Verranno escluse, altresì, le offerte prive dell oggetto della gara in quanto indeterminate. 7. A norma dell art.38 comma 2-bis del d.lgs. n.163/2006 la mancanza, l'incompletezza e ogni altra irregolarità essenziale delle dichiarazioni sostitutive di cui al comma 2 dell art. 38 del decreto citato obbliga il concorrente che vi ha dato causa, al pagamento, in favore della stazione appaltante, della sanzione pecuniaria pari all'uno per mille del valore della gara ( ,00), il cui versamento è garantito dalla cauzione provvisoria. In tal caso, l Amm.ne Com.le assegnerà al concorrente un termine, non superiore a dieci giorni, perché siano rese, integrate o regolarizzate le dichiarazioni necessarie, indicandone il contenuto e i soggetti che le devono rendere. Nei casi di irregolarità non essenziali ovvero di mancanza o incompletezza di dichiarazioni non indispensabili, la stazione appaltante non ne richiede la regolarizzazione, né applica alcuna sanzione. In caso di inutile decorso del termine di cui al secondo periodo il concorrente è escluso dalla gara. Ogni variazione che intervenga, anche in conseguenza di una pronuncia giurisdizionale, successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte non rileva ai fini del calcolo di medie nella procedura, né per l individuazione della soglia di anomalia delle offerte. 8. A norma dell art.46 comma 1-ter del d.lgs n.163/2006 Le disposizioni di cui articolo 38, comma 2-bis, si applicano a ogni ipotesi di mancanza, incompletezza o irregolarità delle dichiarazioni, anche di soggetti terzi, che devono essere prodotte dai concorrenti in base alla legge, al bando di gara o al disciplinare di gara 9. L appalto ha come oggetto principale l espletamento di servizi, la stipulazione avverrà mediante contratto a misura in forma pubblica amministrativa in modalità elettronica, sottoscritto con firma digitale. 10. L Amm.ne com.le non ha al momento istituito lo sportello dei contratti pubblici di cui all art.9 del d.lgs.n.163/2006; 11. Si richiama l applicazione delle seguenti norme: il d.lgs.n.163/2006 ss.mm.ii.; il D.P.R. n.207/2010; R.D. n.827/1924; la Legge n.136/2010 e ss.mm.ii., nonché il D.P.R. n.445/2000; il D.Lgs. n.159/11; 12. Qualora l istanza di ammissione o altro documento soggetto non sia in bollo verrà trasmesso all Agenzia delle Entrate per la regolarizzazione dell imposta di bollo. 13. Il trattamento dei dati personali ai sensi del Decreto Legislativo n. 196/2003 sarà limitato alle procedure di gara nonché alle segnalazioni da effettuarsi per legge od eventuali, all Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici, alla Prefettura o comunque ad altra Autorità. - Si evidenzia che i dati richiesti per la compilazione degli allegati A e A bis inclusi i recapiti telefonici e di fax, sono necessari ad uno snellimento delle procedure di gara, quali, a mero titolo esemplificativo e non esaustivo, per chiarire la documentazione esibita dal concorrente nonché per consentire gli opportuni accertamenti di veridicità delle dichiarazioni (Agenzie, INPS, INAIL, Casse Edili, ecc.) ed, infine, in sede di segnalazioni ad altre Autorità ed Enti competenti. 14. Si preavvisa che, trattandosi fra l altro di procedura aperta, indipendentemente dall esito riveniente dall aggiudicazione definitiva, l Amministrazione comunale non procederà ad alcun rimborso o compenso agli operatori economici interessati alla gara (siano essi aggiudicatari, classificati non aggiudicatari, rinunciatari, esclusi ovvero non ammessi perché hanno esibito la documentazione oltre il termine fissato dal bando). 15. Entro i termini di legge il bando di gara potrà essere impugnato al Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia, sezione di Lecce, con sede in Lecce alla via F. Rubichi 23/A. 16. Non è stata effettuata preinformazione. Il bando è stato spedito per la pubblicazione sulla G.U.C.E. in data. L appalto non rientra nel campo di applicazione dell Accordo. 12

13 Lecce, IL DIRIGENTE SETTORE AMBIENTE Arch. F. BONOCUORE 13

14 fac- simile ALLEGATO - A ISTANZA DI AMMISSIONE ALLA GARA E DICHIARAZIONE UNICA N.B. Le prescrizioni di cui al presente allegato sono previste a pena di esclusione. Istruzione per la compilazione: 1. La dichiarazione va compilata correttamente in ogni sua parte barrando, se necessario, le parti che non interessano. 2. Segnalare il caso di coincidenza fra legale rappresentante e direttore tecnico. 3. Qualora lo spazio non sia sufficiente per inserire i dati, allegare fogli aggiuntivi, apporre un timbro di congiunzione, e sottoscriverli. 4. Apporre una marca da bollo da 16,00 euro, sulla prima pagina (in quanto istanza di ammissione). 5. I singoli periodi del fac simile possono essere modificati dal concorrente in relazione al tipo di partecipazione alla gara (es. soggetto singolo, raggruppato, ecc.) purchè siano coerenti con le norme di legge e con quelle del bando. marca da bollo da 16,00 Al COMUNE DI LECCE Ufficio Protocollo via F. Rubichi LECCE OGGETTO: Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale. C.I.G.: FD dati relativi al dichiarante Il sottoscritto cod. fisc.. nato a il e residente in... Prov... CAP.... alla via... tel./cell... dati relativi all impresa (anche ai fini del D.U.R.C. per quanto di competenza) in qualità di dell impresa Cod.Fisc.... partita IVA n... tel... fax... Denominazione / Ragione sociale... Sede legale cap... Comune... Prov... Via/Piazza... N... Sede operativa cap... Comune... Prov... Via/Piazza... N.... Recapito corrispondenza sede legale oppure sede operativa Tipo impresa impresa lavoratore autonomo C.C.N.L. applicato Edile Industria Edile Piccola Media Impresa Edile Cooperazione Edile Artigianato Altro non edile Dimensione aziendale da 0 a 5 da 6 a 15 da 16 a 50 da 51 a 100 oltre ENTI PREVIDENZIALI: INAIL codice ditta... INAIL Posizioni assicurative territoriali... INPS matricola azienda... INPS sede competente... CHIEDE (barrare una casella e se del caso completare i puntini) di partecipare al procedura aperta indicata in oggetto come soggetto di cui all art.34 comma 1 del d.lgs.n.163/2006: lett. a) imprenditore individuale, artigiano, società commerciale, società cooperativa; lett.b) consorzio tra società cooperative di produzione e lavoro costituito a norma della legge , 14

15 n. 422 e del d.lvo C.p.S , n.1577 e s.m. ovvero consorzio tra imprese artigiane di cui alla L , n. 443; lett.c) consorzio stabile (costituito anche in forma di società consortile ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile, tra imprenditori individuali, anche artigiani, società commerciali, società cooperative di produzione e lavoro, secondo le disposizioni dell art.36 d.lgs.n.163/2006); lett.d) capogruppo ovvero mandante di raggruppamento temporaneo di concorrenti (costituiti dai soggetti di cui alle lettere a), b) e c) - si applica l art.37 d.lgs.n.163/2006); lett.e) consorzio ordinario di concorrenti di cui all'articolo 2602 del codice civile (costituito tra i soggetti di cui alle lettere a), b) e c), anche in forma di società ai sensi dell'articolo 2615-ter del codice civile, - si applica l art.37 d.lgs.n.163/2006); lett.e-bis) aggregazioni tra le imprese aderenti al contratto di rete ai sensi dell art.3, comma 4-ter, del decretolegge 10 febbraio 2009 n.5, convertito con modificazioni, dalla legge 9 aprile 2009 n.33; si applicano le disposizioni di cui all art.37 d.lgs. n.163/2006; lett.f) soggetto che ha stipulato contratto di gruppo europeo di interesse economico (GEIE) ai sensi del d. l.vo 23 luglio 1991, n. 240 (si applica l art.37 d.lgs.n.163/2006); consorziato per il quale il consorzio... (indicare la tipologia del consorzio) concorre; lett.f-bis) operatore economico, ai sensi dell art.3 co.22 del d.lgs.n.163/2006, stabilito in altro Stato membro, costituito conformemente alla legislazione vigente nel rispettivo Paese; A tal fine, ai sensi degli art.46 e 47 del D.P.R. n.445/2000, consapevole delle responsabilità e sanzioni penali previste dall art.76 dello stesso D.P.R., per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi indicate DICHIARA: di non trovarsi in una delle condizioni di esclusione previste dall art.38 comma 1 e 2 del d.lgs. n. 163/2006 ss.mm.ii., ed in particolare: a) che non si trova in stato di fallimento, di liquidazione coatta, di concordato preventivo, salvo il caso di cui all art.186-bis del regio decreto 16 marzo 1942 n.267, o nei cui riguardi sia in corso un procedimento per la dichiarazione di tali situazioni; b) che a proprio carico non è pendente procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'art. 6 del D. Lgs. n.159/11 né una delle cause ostative previste dall art.67 del medesimo D.Lgs. n.159/2011; c) che a proprio carico non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale; d) che a proprio carico non è stata pronunciata condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un'organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all'articolo 45, paragrafo 1, della direttiva 2004/18/CE; (SBARRARE DUE DEI TRE PERIODI CHE NON INTERESSANO) e) che non ricorre una delle cause di esclusione previste all art.38 comma 1 lettera c) del d.lgs.n.163/2006 per uno dei soggetti di cui al medesimo comma 1 lettera c) cessati dalle relative cariche nell anno antecedente la data di pubblicazione del bando; Si indicano i seguenti soggetti cessati dalle cariche: COGNOME - NOME CARICA RICOPERTA.. COGNOME - NOME CARICA RICOPERTA.. ovvero (qualora ricorra una delle cause di esclusione) allega apposita documentazione comprovante l adozione da parte dell impresa di una completa ed effettiva dissociazione della condotta penalmente sanzionata per uno o più soggetti di cui all art.38 comma 1 lett.c) del d.lgs.n.163/2006 cessati dalle relative cariche nell anno 15

16 antecedente la data di pubblicazione del bando ovvero si forniscono le seguenti ulteriori dichiarazioni/precisazioni... ovvero che non vi sono stati, nell anno antecedente la data di pubblicazione del bando, soggetti di cui al comma 1 lettera c) dell art.38 del D.lgs.n.163/06, cessati dalle relative cariche; (SBARRARE UNO DEI DUE PERIODI CHE NON INTERESSA) f) di non essersi avvalso di piani individuali di emersione, di cui alla legge n.383/2001, come modificata dal D.L n.210, convertito con la Legge n.266 del ovvero di essersi avvalso di piani individuali di emersione, di cui alla legge n.383/2001, come modificata dal D.L n.210, convertito con la Legge n.266 del , ma che il periodo di emersione si è concluso; (SBARRARE UNO DEI DUE PERIODI CHE NON INTERESSA) g) che ai sensi e per gli effetti dell art.38 comma 2 del d. lgs. n.163/2006 non ha riportato alcuna condanna penale, ivi comprese quelle con il beneficio della non menzione; ovvero che ai sensi e per gli effetti del comma 2 dell art.38 del d. lgs. n.163/2006, ha riportato la seguente condanna penale (specificare quale ), beneficiando della non menzione per la seguente condanna (specificare quale) ; DICHIARA ALTRESI h) che l impresa è iscritta nel registro delle imprese della Camera di Commercio di.. per la seguente attività (attività comprendente l oggetto dell appalto) ed attesta i seguenti dati (N.B.: per le ditte con sede in uno stato straniero, indicare i dati di iscrizione nell Albo o Lista ufficiale dello Stato di appartenenza ovvero indicare i motivi per i quali non è richiesta l iscrizione alla C.C.I.A.A.): numero di iscrizione... data di iscrizione.. durata della ditta / data termine.. forma giuridica (completare la dichiarazione a seconda delle figure facenti parte dell impresa) Titolari Direttori tecnici Amministratori muniti di rappresentanza Soci accomandatari (indicare i nominativi e le qualifiche). Tutti i soci (per società in nome collettivo) Tutti i soci accomandatari (per società in accomandita semplice) Tutti gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza (per altri tipi di società o di consorzio). Il socio unico persona fisica (per altri tipi di società o di consorzio)... (per altri tipi di società o di consorzio) il socio di maggioranza. in caso di società con meno di quattro soci: socio..socio.socio... i) di essere in possesso della certificazione ISO 9001:2008 per servizi per l igiene pubblica e privata nella disinfestazione, disinfezione, derattizzazione; j) di essere in possesso della certificazione ISO 14001:2004 per servizi per l igiene pubblica e privata nella disinfestazione, disinfezione, derattizzazione; k) Ai fini della dimostrazione della capacità tecnico-organizzativa si elencano i principali servizi di disinfezione, disinfestazione/derattizzazione, svolti con buon esito, in almeno 4 Enti Pubblici o Privati, eseguiti nel triennio antecedente la data di pubblicazione del bando, come da elenco: servizio di importo data committente servizio di importo data committente servizio di importo data committente servizio di importo data committente 16

17 (N.B.: l omessa elencazione è motivo di esclusione. I servizi possono riferirsi a periodi non continuativi e non contemporanei per i 4 Enti, purchè complessivamente ricompresi nel triennio di riferimento); l) Di disporre (specificare.es. proprietà, noleggio, leasing, ecc.) di adeguate attrezzature necessarie all espletamento del servizio, nonché degli autocarri, minimo n.2, di cui almeno n.1 idoneo per l uso specifico ad operare nel centro storico, nonché un automezzo omologato uso speciale per disinfestazione con gruppo atomizzatore di almeno 30 Hp; m) Di impegnarsi a disporre di operatori adeguatamente formati (corsi o giornate di formazione); n) Il conseguimento di fatturato specifico pari a per servizi analoghi a quelli oggetto della presente procedura, realizzato negli ultimi tre esercizi (N.B.: l importo complessivo deve essere pari ad almeno il 60% dell importo posto a base di gara pari a ,00 e, quindi, non inferiore a ,00); (SBARRARE DUE DEI TRE PERIODI CHE NON INTERESSANO) Ai sensi dell art.38 comma 1 lettera m-quater e comma 2 D.Lgs. n.163/2006, dichiara: o) di non trovarsi in alcuna situazione di controllo di cui all art del codice civile con alcun soggetto e di aver formulato l offerta autonomamente; ovvero di non essere a conoscenza della partecipazione alla presente procedura di soggetti che si trovano, rispetto al sottoscritto concorrente, in una delle situazioni di controllo di cui all art.2359 del codice civile e di aver formulato l offerta autonomamente; ovvero di essere a conoscenza della partecipazione alla presente procedura dei seguenti soggetti (denominazione. ragione sociale e sede..) che si trovano, rispetto al sottoscritto concorrente, in situazione di controllo di cui all art.2359 del codice civile e di aver formulato l offerta autonomamente; p) di non trovarsi, rispetto ad altro partecipante alla presente procedura di affidamento, in una qualsiasi relazione anche di fatto che comporti che le rispettive offerte siano imputabili ad un unico centro decisionale; (SBARRARE UNO DEI DUE PERIODI CHE NON INTERESSA) q) Che non ha violato il divieto di intestazione fiduciaria posto all'articolo 17 della legge 19 marzo 1990, n. 55; ovvero che pur avendo violato il divieto di intestazione fiduciaria posto all'articolo 17 della legge 19 marzo 1990, n. 55 è trascorso un anno dall accertamento definitivo della violazione e comunque la violazione è stata rimossa; r) che non ha commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di sicurezza e a ogni altro obbligo derivante dai rapporti di lavoro (risultanti dai dati in possesso dell'osservatorio); s) che, secondo motivata valutazione della stazione appaltante, non ha commesso grave negligenza o malafede nell'esecuzione delle prestazioni affidate dalla stazione appaltante che bandisce la gara; t) che non ha commesso un errore grave nell esercizio della propria attività professionale, accertato con qualsiasi mezzo di prova da parte della stazione appaltante; u) che non ha commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, rispetto agli obblighi relativi al pagamento di debiti per imposte e tasse certi, scaduti ed esigibili, secondo la legislazione italiana o quella dello Stato in cui sono stabiliti; v) che nell'anno antecedente la data di pubblicazione del bando di gara non ha reso false dichiarazioni in merito ai requisiti e alle condizioni rilevanti per la partecipazione alle procedure di gara e per l affidamento dei subappalti, risultanti dai dati in possesso dell'osservatorio; w) che l impresa rappresentata non è iscritta nel casellario informatico di cui all art.7, comma 10, del D.Lgs. n.163/2006 ai fini dell esclusione dalle procedure di gara e dagli affidamenti di subappalto ai sensi del comma 1 lett. h) per aver presentato falsa dichiarazione o falsa documentazione nelle procedure di gara e negli affidamenti di subappalto; 17

18 x) che non ha commesso violazioni gravi, definitivamente accertate, alle norme in materia di contributi previdenziali e assistenziali, secondo la legislazione italiana o dello Stato in cui è stabilito; y) che non vi sono soggetti nei cui confronti è stata applicata la sanzione interdittiva di cui all articolo 9, comma 2, lettera c), del decreto legislativo 8 giugno 2001 n. 231 o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione, compresi i provvedimenti interdettivi di cui all art. 14 del d.lgs. n.81/2008; z) (SBARRARE DUE DEI TRE PERIODI CHE NON INTERESSANO) che non è stato vittima di reati previsti e puniti dagli artt.317 (CONCUSSIONE) e 629 (ESTORSIONE) del codice penale, aggravati ai sensi dell articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991 n.152, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 1991 n.203, e non ha, in conseguenza denunciato alcun fatto all autorità giudiziaria; ovvero che è stato vittima di reati previsti e puniti dagli artt.317 e 629 del codice penale aggravati ai sensi dell articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991 n.152, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 1991 n.203, ed ha, in conseguenza denunciato i fatti all autorità giudiziaria; ovvero che pur essendo stato vittima di reati previsti e puniti dagli artt.317 e 629 del codice penale, aggravati ai sensi dell articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991 n.152, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 1991 n.203, non ha denunciato i fatti all autorità giudiziaria, ricorrendo i casi previsti dall art.4, primo comma, della legge 24/11/1981 n.689; aa) bb) cc) dd) DICHIARA di avere esaminato il Capitolato speciale d appalto e gli atti e documenti in esso richiamati di aver effettuato uno studio approfondito dei servizi da espletare, di ritenere il prezzo congruo e di aver preso conoscenza e di aver tenuto conto nella formulazione dell offerta delle condizioni contrattuali e degli oneri compresi quelli eventuali relativi alla raccolta, trasporto e smaltimento dei rifiuti e/o residui di lavorazione nonché degli obblighi e degli oneri relativi alle disposizioni in materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove devono essere consegnate le forniture; che ai sensi e per gli effetti dell art.118 del d.lgs.n.163/2006, intende subappaltare (a Ditte in possesso dei prescritti requisiti) i servizi o le parti del servizio di seguito indicate nei limiti consentiti:. ; Di rinunciare a richiedere compensi e rimborsi di sorta per qualsiasi spesa da essa sostenuta, qualunque sia l esito della gara, e di assumere a proprio carico qualunque imposta, tassa o diritto che possa gravare sull appalto e su tutti gli atti relativi e conseguenti; di autorizzare il Comune di Lecce al trattamento dei dati personali ai sensi del d.lgs , n. 196 per le attività indicate al paragrafo ALTRE INFORMAZIONI del bando e per quelle attinenti le procedure di gara; ee) ff) di conoscere e di accettare senza riserva alcuna tutti gli obblighi, oneri, cauzioni e garanzie previsti dal d.lgs.n.163/2006, dal D.P.R. n.207/2010, dagli atti progettuali, dal capitolato speciale d appalto e dal bando di gara, a carico dell aggiudicatario, e, di conoscere e di accettare senza riserva alcuna tutte le norme e disposizioni del bando di gara e relativi fac-simile allegati A e A-bis; di impegnarsi, in caso di aggiudicazione definitiva, prima dell avvio del contratto, a prestare le garanzie di cui al Capitolato speciale d appalto; gg) hh) di avere tenuto conto, nel formulare la propria offerta, di eventuali maggiorazioni per lievitazione dei prezzi che dovessero intervenire durante l espletamento del servizio, rinunciando fin d ora a qualsiasi azione o eccezione in merito nonché di tutti gli oneri e adempimenti previsti nel capitolato d oneri; di impegnarsi a mantenere valida e vincolante l'offerta almeno per 180 (centottanta) giorni consecutivi a decorrere dalla scadenza del termine per la presentazione delle offerte; ii) jj) di impegnarsi a tenere indenne l amministrazione comunale da qualsiasi responsabilità verso terzi per fatti conseguenti ad atti e comportamenti comunque commessi con l adempimento delle prestazioni; che ad ogni effetto di legge regionale e nazionale, di essere a conoscenza e di accettare, in caso di 18

19 kk) aggiudicazione, l obbligo ad applicare nei confronti dei lavoratori dipendenti o, nel caso di cooperative, dei soci, quale che sia la qualificazione giuridica del rapporto di lavoro intercorrente, contratti collettivi nazionali e territoriali del settore di appartenenza, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei lavoratori e dalle associazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale; di essere in regola e di impegnarsi al rispetto delle norme nazionali e regionali in materia di contrasto al lavoro sommerso ed irregolare nonchè in materia di sicurezza e tutela dei luoghi di lavoro così come prescritto dal D. Lgs. n.81/08; ll) di conoscere e di accettare, senza nulla eccepire, che le controversie derivanti dall esecuzione del contratto sono devolute all Autorità Giudiziaria competente e che è esclusa la possibilità di deferire le stesse a competenza arbitrale; mm) di accettare l eventuale esecuzione anticipata della prestazione, sotto riserva di legge, nelle more della stipulazione del contratto, qualora ricorrano le condizioni di cui all art.11 del D. Lgs. n.163/2006 ss.mm.ii.; nn) oo) pp) di applicare integralmente tutte le norme contenute nel contratto collettivo nazionale di lavoro e nei relativi accordi integrativi, applicabili al caso di specie, in vigore per il tempo e nella località in cui si svolgono le prestazioni, nonché di rispettare tutte le norme e procedure previste in materia; di essere a conoscenza, di nulla eccepire e di impegnarsi a rimborsare alla stazione appaltante, ai sensi dell art.34 della legge n.221, entro il termine di sessanta giorni dall aggiudicazione, le spese sostenute per la pubblicazione sui quotidiani relative alla procedura di gara in oggetto pari a 1.801,32; nei cui confronti non vi è provvedimento di sospensione dell attività imprenditoriale ex art.14 del D. Lgs. n.81/08 per lavoro sommerso o irregolare o per gravi violazioni delle norme in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro; qq) (SBARRARE DUE DEI TRE PERIODI CHE NON INTERESSANO) di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, ai sensi dell'art.17 legge , n.68; ovvero che l'impresa non è tenuta all'applicazione delle norme che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili di cui alla legge n.68/99, avendo alle dipendenze un numero di lavoratori inferiore a quindici; ovvero che l impresa avendo alle dipendenze un numero di lavoratori compreso tra 15 e 35 e, non avendo proceduto successivamente al ad assunzioni che abbiano incrementato l organico, non è attualmente obbligata a presentare il prospetto informativo di cui all art.9 della L. n.68/99; rr) Di autorizzare espressamente la stazione appaltante ad inviare ogni richiesta e comunicazione, incluse quelle di cui agli art.77 e 79 del D. Lgs. n.163/2006 al seguente indirizzo di posta elettronica certificata (pec) ovvero al seguente numero di fax e che il referente dell azienda è il sig. tel. ovvero cell. ; ss) di conoscere e di accettare che a norma dell art.38 comma 2-bis del d.lgs. n.163/2006 la mancanza, l'incompletezza e ogni altra irregolarità essenziale delle dichiarazioni sostitutive di cui al comma 2 dell art. 38 del decreto citato obbliga il concorrente che vi ha dato causa al pagamento, in favore della stazione appaltante, della sanzione pecuniaria pari all'uno per mille del valore della gara ( ,00), il cui versamento è garantito dalla cauzione provvisoria. In tal caso, l Amm.ne assegnerà al concorrente un termine, non superiore a dieci giorni, perché siano rese, integrate o regolarizzate le dichiarazioni necessarie, indicandone il contenuto e i soggetti che le devono rendere. Nei casi di irregolarità non essenziali ovvero di mancanza o incompletezza di dichiarazioni non indispensabili, la stazione appaltante non ne richiede la regolarizzazione, né applica alcuna sanzione. In caso di inutile decorso del termine di cui al secondo periodo il concorrente è escluso dalla gara. Ogni variazione che intervenga, anche in conseguenza di una pronuncia giurisdizionale, successivamente alla fase di ammissione, regolarizzazione o esclusione delle offerte non rileva ai fini del calcolo di medie nella procedura, né per l individuazione della soglia di anomalia delle offerte. 19

20 tt) di conoscere e di accettare che a norma dell art.46 comma 1-ter del d.lgs n.163/2006 Le disposizioni di cui articolo 38, comma 2-bis, si applicano a ogni ipotesi di mancanza, incompletezza o irregolarità delle dichiarazioni, anche di soggetti terzi, che devono essere prodotte dai concorrenti in base alla legge, al bando di gara o al disciplinare di gara. uu) (dichiarazione facoltativa) di essere iscritto alla white list della Prefettura di. per la seguente attività.. ai sensi della normativa antimafia vigente (legge 190/2012; DPCM ; legge 114/2014); vv) nel caso di consorzi di concorrere per i seguenti consorziati: (indicare denominazione e sede legale di ciascun consorziato): ; ww) nel caso di consorzi di cui all art.34, comma 1, lettera b) e c) D. Lgs. n.163/2006 si fornisce il seguente elenco aggiornato dei soggetti consorziati: (indicare denominazione e sede legale di ciascuno ; xx) yy) zz) che, in caso di aggiudicazione, sarà conferito mandato speciale con rappresentanza o funzioni di capogruppo a ; di conoscere e di accettare le prescrizioni di cui alla Legge n.136/2010 Piano Straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia; di impegnarsi, sin d ora, ad ottemperare a tutte le prescrizioni di cui all art.3 della legge citata e, al contempo, a fornire alla stazione appaltante in caso di aggiudicazione della gara di che trattasi, numero di conto corrente dedicato, se pur non in via esclusiva, secondo quanto previsto all art.3 medesimo; DICHIARA INOLTRE, in osservanza alle clausole contenute nel protocollo d intesa La rete dei responsabili della legalità negli appalti pubblici sottoscritto in data 9 ottobre 2012 dal Sindaco di Lecce e dal Prefetto di Lecce, (visionabile sul sito nell interesse pubblico, di salvaguardare, tra l altro, l attività della stazione appaltante nell esecuzione dei lavori, da eventuali tentativi di condizionamento, pressione o infiltrazione mafiosa nonché di contrastare tentativi di turbativa d asta : (N.B. il riferimento all art.10 del D.P.R. n. 252/98 deve intendersi sostituito dall art.91 del nuovo codice antimafia : d.lgs.n.159/2011) Clausola n. 5/a Il sottoscritto offerente, dichiara di essere a conoscenza di tutte le norme pattizie di cui al protocollo di legalità, e che qui si intendono integralmente riportate e di accettarne incondizionatamente il contenuto e gli effetti. Clausola n. 5/b Il sottoscritto offerente, nel caso di aggiudicazione si obbliga espressamente a comunicare tramite il RUP quale titolare dell ufficio di direzione lavori alla stazione appaltante e all Osservatorio regionale dei lavori pubblici lo stato di avanzamento dei lavori, l oggetto, l importo e la titolarità dei contratti di sub appalto e derivati di importo pari o superiore a ,00 o di qualsiasi importo per i servizi e forniture sensibili di seguito indicati, nonchè la modalità di scelta dei contraenti e il numero e le qualifiche dei lavoratori da occupare. Si obbliga altresì espressamente a inserire identica clausola nei subcontratti ed è consapevole che in caso contrario le eventuali autorizzazioni non saranno concesse. Servizi e forniture sensibili o trasporto di materiale a discarica; o trasporto e smaltimento rifiuti; o fornitura e/o trasporto terra e materiale inerti; o fornitura e/o trasporto di calcestruzzo; o fornitura e trasporto di bitume; o noli a freddo di macchinari; o fornitura di ferro lavorato; o forniture con posa in opera (qualora il subcontratto non debba essere assimilato al subappalto ai sensi dell art. 118 del D. Lgs. 163/2006); o acquisizioni, dirette o indirette, di materiale da cava per inerti e di materiale da cave di prestito per realizzazione di opere in terra; 20

21 o noli a caldo (qualora il subcontratto non debba essere assimilato al subappalto ai sensi dell art.118 del D. Lgs.163/2006); o servizi di autotrasporti; o servizi di guardiania di cantieri; Clausola n. 5/c Il sottoscritto offerente altresì dichiara: - nel caso di aggiudicazione si obbliga espressamente a segnalare alla stazione appaltante qualsiasi tentativo di turbativa, irregolarità o distorsione nelle fasi di svolgimento della gara e/o durante l esecuzione del contratto, da parte di ogni interessato o addetto o di chiunque possa influenzare le decisioni relative alla gara in oggetto. Si obbliga, altresì, espressamente a collaborare con le forze di polizia, denunciando ogni tentativo di estorsione, intimidazione o condizionamento di natura criminale (richieste di tangenti, pressioni per indirizzare l assunzione di personale o l affidamento di subappalti a determinate imprese, danneggiamenti/furti di beni personali o in cantiere, etc.). La suddetta dichiarazione è condizione rilevante per la partecipazione alla gara, sicchè, qualora la stazione appaltante accerti, nel corso del procedimento di gara, una situazione di collegamento sostanziale, attraverso indizi gravi, precisi e concordanti, l impresa verrà esclusa. Clausola n. 5/d Il sottoscritto offerente dichiara di conoscere e di accettare la clausola risolutiva espressa che prevede la risoluzione immediata ed automatica del contratto, ovvero la revoca dell autorizzazione al subappalto o subcontratto, qualora dovessero essere comunicate dalla Prefettura, successivamente alla stipula del contratto o subcontratto, informazioni interdittive analoghe a quelle di cui all art. 10 del D.P.R. 252/98, ovvero la sussistenza di ipotesi di collegamento formale e/o sostanziale o di accordi con altre imprese partecipanti alle procedure concorsuali d interesse. Qualora il contratto sia stato stipulato nelle more dell acquisizione delle informazioni del Prefetto, sarà applicata a carico dell impresa, oggetto dell informativa interdittiva successiva, anche una penale nella misura del 10% del valore del contratto ovvero, qualora lo stesso non sia determinato o determinabile, una penale pari al valore delle prestazioni al momento eseguite; le predette penali saranno applicate mediante automatica detrazione, da parte della stazione appaltante, del relativi importo dalle somme dovute all impresa in relazione alla prima erogazione utile. Clausola n. 5/e Il sottoscritto offerente dichiara di conoscere e di accettare la clausola risolutiva espressa che prevede la risoluzione immediata ed automatica del contratto, ovvero la revoca dell autorizzazione al subappalto o subcontratto, in caso di grave e reiterato inadempimento delle disposizioni in materia di collocamento, igiene e sicurezza sul lavoro anche con riguardo alla nomina del responsabile della sicurezza e della tutela dei lavoratori in materia contrattuale e sindacale. Clausola n. 5/f Il sottoscritto offerente dichiara di conoscere e di accettare la clausola risolutiva espressa che prevede la risoluzione immediata ed automatica del contratto ovvero la revoca dell autorizzazione al subappalto o al subcontratto nonchè l applicazione delle sanzioni amministrative pecuniarie di cui alla legge n. 136/2010 e successive modificazioni qualora venga effettuata una movimentazione finanziaria (in entrata o in uscita) senza avvalersi degli intermediari e dei conti dedicati di cui all art. 3 della legge citata. La sottoscritta impresa dichiara di conoscere ed accettare l obbligo di effettuare gli incassi e i pagamenti, relativi ai contratti di cui al presente Protocollo, attraverso conti dedicati accesi presso un intermediario autorizzato tramite bonifico bancario o postale, ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni, il cui mancato utilizzo determina la risoluzione di diritto del contratto; in caso di violazione di tale obbligo, senza giustificato motivo, sarà applicata una penale nella misura del 10% del valore di ogni singola movimentazione finanziaria cui la violazione si riferisce, traendo automaticamente l importo dalle somme dovute in relazione alla prima erogazione utile. Clausola n. 5/g La sottoscritta impresa dichiara di essere a conoscenza che, aggiudicatosi l appalto, è tenuta prima dell inizio dei lavori a comunicare le generalità dell amministratore, del direttore tecnico attuale e di quelli che si sono succeduti negli ultimi tre anni. Clausola n. 6 Il sottoscritto offerente dichiara espressamente ed in modo solenne: - di non trovarsi in situazioni di controllo o di collegamento (formale e/o sostanziale) con altri concorrenti e che non si è accordato e non si accorderà con altri partecipanti alle gare; - che non subappalterà lavorazioni di alcun tipo ad altre imprese partecipanti alla gara in forma singola o associata ed è consapevole che, in caso contrario, tali subappalti non saranno autorizzati; - che la propria offerta, è improntata a serietà, integrità, indipendenza e segretezza; - si impegna a conformare i propri comportamenti ai principi di lealtà, trasparenza e correttezza. 21

22 Clausola n. 7 Qualora dovesse risultare aggiudicataria, la sottoscritta impresa si impegna ad accettare quanto disposto dal Protocollo e impronterà tutti i contratti di subappalto e derivati al disposto dello stesso, i cui obblighi verranno contrattualmente assunti nei confronti dell impresa aggiudicataria anche dal terzo affidatario a qualsiasi titolo interessato all esecuzione dei lavori e la cui inosservanza comporterà la revoca degli affidamenti. Si obbliga ancora espressamente a inserire identiche clausole nei contratti di subappalto e derivati ed è consapevole che, in caso contrario, le eventuali autorizzazioni non saranno concesse. DATA... FIRMA e TIMBRO... eventuali ALLEGATI ALLA PRESENTE: ( specificare ) N.B.: La dichiarazione deve essere corredata, a pena di esclusione, da fotocopia, non autenticata, di documento di identità del sottoscrittore. Trattandosi di un fac simile potrebbe non essere esaustivo in relazione alla forma giuridica ovvero ai requisiti del soggetto dichiarante e, pertanto, la compilazione va curata con eventuali integrazioni o rettifiche al testo di cui sopra. 22

23 Fac- simile di DICHIARAZIONE A bis da rendere, (a pena di esclusione), in caso ricorra, da : N.B. Le prescrizioni di cui al presente allegato sono previste a pena di esclusione. - tutti i direttori tecnici (per impresa individuale e qualunque tipologia di soggetto concorrente) - tutti i soci (per società in nome collettivo) - tutti i soci accomandatari (per società in accomandita semplice) - tutti gli amministratori muniti di poteri di rappresentanza (per altri tipi di società o di consorzio) - il socio unico persona fisica (per altri tipi di società o di consorzio) - il socio di maggioranza in caso di società con meno di quattro soci (per altri tipi di società o di consorzio) Al COMUNE DI LECCE via F. Rubichi LECCE OGGETTO: Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale. C.I.G.: FD dati relativi al dichiarante Il sottoscritto..... cod. fisc.. nato a il e residente in... Prov... CAP.... alla via... tel./cell... in qualità di dell impresa Ai sensi e per gli effetti dell articolo 46 del D.P.R. n.445/2000 e s.m.e i., consapevole delle responsabilità e sanzioni penali previste dall'articolo 76 del D.P.R. n.445/2000 per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci ivi indicate, DICHIARA di non trovarsi in una delle condizioni di esclusione previste dall art.38 comma 1 lett. b) e c) del d.lgs.n.163/2006, ed in particolare: A. che a proprio carico non è pendente procedimento per l'applicazione di una delle misure di prevenzione di cui all'art.6 del d. l.vo n. 159/2011 o di una delle cause ostative previste dall'art. 67 del d. l.vo n. 159/2011; B. che a proprio carico non è stata pronunciata sentenza di condanna passata in giudicato, o emesso decreto penale di condanna divenuto irrevocabile, oppure sentenza di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell'articolo 444 del codice di procedura penale, per reati gravi in danno dello Stato o della Comunità che incidono sulla moralità professionale; C. che a proprio carico non è stata pronunciata condanna, con sentenza passata in giudicato, per uno o più reati di partecipazione a un'organizzazione criminale, corruzione, frode, riciclaggio, quali definiti dagli atti comunitari citati all'articolo 45, paragrafo 1, della direttiva 2004/18/CE. D. (DEI DUE PERIODI BARRARE QUELLO CHE NON INTERESSA) che ai sensi e per gli effetti dell art.38 comma 2 del d.lgs.n.163/2006, ha riportato le seguenti condanne penali (specificare quale):... beneficiando della non menzione per la seguente condanna (specificare quale):. ; ovvero che ai sensi e per gli effetti dell art.38 comma 2 del d.lgs.n.163/2006 non ha riportato alcuna condanna, ivi comprese quelle con il beneficio della non menzione; E. (SBARRARE DUE DEI TRE PERIODI CHE NON INTERESSANO) che non è stato vittima di reati previsti e puniti dagli artt.317 (CONCUSSIONE) e 629 (ESTORSIONE) del codice penale, aggravati ai sensi dell articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991 n.152, convertito 23

24 con modificazioni dalla legge 12 luglio 1991 n.203, e non ha, in conseguenza denunciato alcun fatto all autorità giudiziaria; ovvero che è stato vittima di reati previsti e puniti dagli artt.317 e 629 del codice penale aggravati ai sensi dell articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991 n.152, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 1991 n.203, ed ha, in conseguenza denunciato i fatti all autorità giudiziaria; ovvero che pur essendo stato vittima di reati previsti e puniti dagli artt.317 e 629 del codice penale, aggravati ai sensi dell articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991 n.152, convertito con modificazioni dalla legge 12 luglio 1991 n.203, non ha denunciato i fatti all autorità giudiziaria, ricorrendo i casi previsti dall art.4, primo comma, della legge 24/11/1981 n.689. Autorizza il COMUNE di Lecce al trattamento dei dati personali ai sensi del d.lgs , n. 196 per le attività indicate al paragrafo ALTRE INFORMAZIONI del bando e per quelle attinenti le procedure di gara. DATA FIRMA (del concorrente)... N.B. La dichiarazione deve essere sottoscritta a pena di esclusione. Il presente allegato A bis, essendo un fac- simile potrebbe essere non esaustivo in relazione alle particolari condizioni del soggetto dichiarante e pertanto la sua compilazione va curata con eventuali integrazioni o rettifiche al testo di cui sopra. 24

25 Città di Lecce CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DERATTIZZAZIONE, DISINFEZIONE E DISINFESTAZIONE SUL TERRITORIO COMUNALE Durata 4 anni Febbraio 2015 Il Progettista Arch. Fernando Bonocuore 25

26 ART. 1: OGGETTO DELL APPALTO Affidamento del servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale da espletare tramite offerta economicamente vantaggiosa. Importo posto a base di gara Euro oltre Euro per oneri di sicurezza ed I.V.A. esclusa, di cui 2.379,50 per DUVRI (e, cioè, ,00 per servizi annui soggetti a ribasso ed 9.000,00 annui per oneri di sicurezza non soggetti a ribasso). L appalto ha la durata di quattro anni, eventualmente rinnovabile, da aggiudicare mediante esperimento di procedura aperta ai sensi dell art. 3, comma 37 e dell art. 55 del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Il presente Capitolato Speciale d Appalto ha per oggetto la disciplina del servizio di derattizzazione, disinfestazione contro insetti volanti (in particolare zanzare e mosche) e non (zecche, scarafaggi, formiche..) e disinfezione da espletare in aree, strutture e pertinenze dell Amministrazione Comunale di Lecce ricadenti sul proprio territorio comunale che comprende anche le marine di Torre Rinalda, Spiaggia Bella, Torre Chianca, Frigole, San Cataldo, nonché ogni agglomerato urbano in esso ricadente, con l obiettivo di ridurre al minimo i disagi per la popolazione salvaguardando gli equilibri ambientali ed ecologici delle aree non urbanizzate e protette. Rientrano nell oggetto del presente capitolato, per quanto riguarda gli interventi di derattizzazione e disinfestazione anche le attività di recupero delle carogne e, al termine degli interventi, dei materiali utilizzati, nonché la predisposizione e l affissione degli avvisi al pubblico. La Ditta appaltatrice, su esplicita e motivata richiesta del Responsabile del Servizio Ambiente, è tenuta ad intervenire anche su aree e immobili pubblici e privati non di proprietà comunale, e il relativo onere sarà a carico dei rispettivi proprietari e/o gestori. I calendari degli interventi devono essere presentati tassativamente presso il responsabile dell Ufficio Ambiente del Comune di Lecce entro un mese dall inizio degli stessi interventi e devono essere corredati di schede tecniche e di sicurezza dei prodotti che si intende utilizzare affinché vengano per tempo vidimati e accettati dalla ASL. Gli interventi di disinfestazione a calendario dovranno sempre partire da Piazza Bottazzi e NON potranno cominciare senza l assenso scritto di almeno una unità del settore ambiente che dovrà certificare la dotazione di DPI, prodotti, uomini e mezzi occorrenti per la corretta realizzazione del servizio contrattualizzato. ART.2: CICLO ANNUALE DEI TRATTAMENTI Il programma annuale individuato degli interventi prevede: Trattamenti territoriali di disinfestazione larvicida, trattamenti di disinfestazione adulticida, trattamenti di deblattizzazione, trattamenti di derattizzazione, realizzati negli ambiti comunali; Trattamenti localizzati di disinfestazione, disinfezione, deblattizzazione, derattizzazione realizzati nelle scuole pubbliche, negli edifici e nei locali di proprietà comunale presenti sul territorio del Comune di Lecce. (Si precisa che nel caso in cui dovesse venir meno dall elenco innanzi detto un edificio in seguito a scadenza di contratto di affitto o alienazione; i trattamenti dovranno essere effettuati sull immobile che eventualmente andrà a sostituire quello venuto meno). 26

27 Per tali trattamenti è richiesto l impiego di formulati di comprovata efficacia, in quantità e concentrazioni tali da non essere tossici e/o nocivi per uomini e/o animali, di composizione idonea a limitare eventuali fenomeni di assuefazione che potrebbero determinarsi nella comunità degli animali infestanti. I prodotti offerti dalle ditte concorrenti dovranno essere tutti registrati come Presidio Medico Chirurgici o come Biocidi se già registrati con la nuova normativa e al momento d uso non dovrà essere intervenuto provvedimento di revoca dell autorizzazione; in tal caso, si potrà utilizzare un prodotto sostitutivo equivalente, registrato presso il Ministero della Salute, il cui impiego potrà avvenire dopo aver acquisito il parere del competente Servizio di Igiene e Sanità Pubblica. Il numero ed epoca dei trattamenti, realizzati in tutti gli ambienti descritti al successivo articolo dovranno essere almeno i seguenti: N 10 interventi antilarvali per ditteri culicidi annuali previsti da Aprile a Ottobre (incluso). Ossia uno ogni 20 giorni circa. N 14 interventi adulticidi annuali previsti da Maggio a Ottobre (incluso). Ossia 1 nei mesi di Aprile e Maggio, 2 a Giugno, 3 nel mese di Luglio, 3 nel mese di Agosto e 2 nel mese di Settembre e 2 nel mese di Ottobre. N 2 cicli annuali di disinfestazione degli immobili comunali. N 2 cicli annuali di disinfestazione del tribunale. N 2 cicli annuali di disinfestazione degli edifici scolastici. N 6 cicli annuali di disinfestazione dei canili e gattili. N 2 cicli annuali di disinfezione degli edifici scolastici. N 10 interventi di derattizzazione annui per la posa delle esche ossia uno al mese nei periodi primaverili, estivi e autunnali e uno ogni due mesi nel periodo invernale; N 1 intervento di derattizzazione per l implementazione della rete di erogatori di esche ratticide. N 4 cicli annuali di derattizzazione degli immobili comunali. Ossia a cadenza trimestrale. N 4 cicli annuali di derattizzazione del tribunale. Ossia a cadenza trimestrale. N 12 cicli annuali di derattizzazione degli edifici scolastici. Ossia a cadenza mensile. N 12 interventi annuali di derattizzazione dei canili e gattili. Ossia a cadenza mensile. N 4 interventi annuali di deblattizzazione cittadina. Ossia uno ogni 3 mesi. N 4 cicli annuali di deblattizzazione degli immobili comunali. Ossia uno ogni 3 mesi. N 4 cicli annuali di deblattizzazione del tribunale. Ossia uno ogni 3 mesi. N 4 cicli annuali di deblattizzazione degli edifici scolastici. Ossia uno ogni 3 mesi. N 4 cicli annuali di deblattizzazione dei canili e gattili. Ossia uno ogni 3 mesi. N 30 interventi annui di emergenza a richiesta come di seguito descritto. ART. 3 DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI 1. Disinfestazione da ditteri con particolare attenzione ai culicidi Obiettivo: Contenimento, riduzione o bonifica dei focolai d infestazione di mosche, zanzare e simili. 1.1 Servizio di disinfestazione cittadino 27

28 La Ditta dovrà effettuare un monitoraggio adeguato del territorio nella fase iniziale primaverile, per individuare tempestivamente i focolai di sviluppo larvale degli insetti e predisporre un tempestivo piano di lotta differenziato in interventi: adulticidi: che hanno come obiettivo l eliminazione degli adulti d insetti; larvicidi: utili contro insetti allo stadio larvale. Modalità e ambiti d intervento: Presso tutte le strade, piazze, aree verdi, reti fognarie, canali andrà effettuata la disinfestazione delle caditoie (tombini e bocche di lupo, grigliati di piazzali e parcheggi), anche quelle apparentemente asciutte. Nel periodo che va da metà giugno a fine ottobre, nell arco del quale statisticamente si ha la maggiore incidenza di infestazioni acute e/o quando se ne ravvisi la necessità, su richiesta del Comune di Lecce, dovranno essere eseguiti i trattamenti compresi nel canone in tutto il centro urbano. Calendario operativo degli interventi di disinfestazione in ambito urbano: N 10 interventi antilarvali annuali previsti da Aprile a Ottobre (incluso). Ossia uno ogni 20 giorni circa. N 14 interventi adulticidi annuali previsti da Maggio a Ottobre (incluso). Ossia 1 nei mesi di Aprile e Maggio, 2 a Giugno, 3 nel mese di Luglio, 3 nel mese di Agosto e 2 nel mese di Settembre e 2 nel mese di Ottobre. Ogni ciclo di trattamento dovrà essere concluso entro 7 giorni lavorativi dalla data di avvio, salvo cause di forza maggiore debitamente documentate. La scelta degli orari degli interventi sarà effettuata in base alle abitudini di vita delle specie oggetto di disinfestazione. Norme generali d intervento Ogni trattamento deve intendersi comprensivo dell impiego di prodotti di assoluta efficacia e consentiti all uso dal Ministero della Sanità. La Ditta invierà mensilmente all Ufficio Ambiente del Comune di Lecce e al competente servizio AUSL LE il piano di lotta contro ditteri sia muscidi che culicidi e il calendario dei trattamenti relativi al mese successivo. Quando necessario, ove i trattamenti non possano essere eseguiti direttamente da area pubblica, sarà richiesto il permesso ad attraversare fondi privati, al fine di raggiungere aree umide particolarmente rilevanti e vicine all abitato. La Ditta dovrà inoltre informare la cittadinanza e le Autorità Competenti riguardo agli interventi di disinfestazione calendarizzati con preavviso minimo di giorni 5, sfruttando i principali mezzi di comunicazione (stampa, radio, televisione, internet). Le unità operative addette ai trattamenti dovranno stilare un report giornaliero di fine intervento relativo all attività svolta da inviare, a mezzo posta elettronica, al Committente entro 24 ore dal termine del ciclo di trattamento giornaliero. Il report deve contenere almeno: la data di intervento, l elenco delle vie disinfestate col relativo numero di tombini trattati, la quantità di miscela impiegata, la quantità di prodotto usato o il numero di compresse utilizzate a seconda che il trattamento venga effettuato con prodotto liquido, granulare o in pasticche, l elenco degli eventuali tombini non trattati e relativa motivazione. 28

29 Qualunque situazione ostativa al normale svolgimento del lavoro dovrà essere segnalata tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. Gli interventi devono essere eseguiti nel rispetto della legislazione vigente, garantendo il minimo impatto ambientale. Nei trattamenti larvicidi dovranno essere impiegati prodotti antilarvali registrati per uso civile in ambiente esterno e potranno essere in formulazione granulare, in compressa o liquida. Non sono ammessi prodotti che richiedano turni di intervento inferiori alle 3 settimane. Gli operatori addetti ai trattamenti larvicidi dovranno essere dotati di cartellino personale di riconoscimento e utilizzare pettorine (gilet) ad alta visibilità con esplicita indicazione del nome della Ditta. Si richiedono idonee attrezzature quali pompe a pressione di tipo portatile con serbatoio della capacità minima di 10 litri per la distribuzione di formulati larvicidi liquidi o attrezzature idonee alla distribuzione di formulati granulari. Si precisa che, in riferimento all attrezzatura idonea, nel trattamento di bocche di lupo l operatore deve assicurare il raggiungimento dell acqua da parte del formulato alle dosi prestabilite. I trattamenti adulticidi, diurni o notturni, dovranno essere eseguiti in condizioni climatiche ottimali (in assenza di pioggia o di forte vento). I formulati ad azione adulticida devono essere a base di piretroidi anche sinergizzati con piperonil butossido da utilizzare alle dosi indicate in etichetta per lo specifico impiego. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il/i formulati proposti devono essere registrati come Presidi Medico-chirurgici/biocidi per la lotta all esterno contro gli insetti in ambito civile. Non sono ammessi formulati che presentino nella composizione (desunta dalle sez. 2 e 16 della Scheda Dati di Sicurezza ) coformulanti classificati con la frase di rischio: R40 ( Possibilità di effetti irreversibili ); R45 ( Può provocare il cancro ); R49 ( Può provocare il cancro per inalazione accompagnata dal simbolo T+ (teschio); R61 ( Può danneggiare i bambini non ancora nati ); R63 ( Possibile rischio di danni ai bambini non ancora nati ). Per il servizio adulticida si richiede la disponibilità di almeno n. 1 unità operativa costituita da un operatore specializzato dotato di idoneo automezzo portante nebulizzatore a Basso Volume (LV) da impiegarsi nel trattamento di ampi spazi (es. vie cittadine, parchi pubblici) e/o di nebulizzatori dorsali a motore per il trattamento a piedi in spazi di limitata estensione e/o impossibili da raggiungere col nebulizzatore sull automezzo. I nebulizzatori portati dall automezzo o spalleggiati devono essere in grado di produrre aerosol freddo con diametro di particelle minori di 50 micron Servizio di disinfestazione immobili comunali L impresa dovrà eseguire trattamenti localizzati nelle strutture di pertinenza comunale di cui all allegato elenco compresi seminterrati e aree adiacenti. Nei suddetti luoghi dovranno essere trattate le caditoie (tombini e bocche di lupo, grigliati di piazzali e parcheggi), anche asciutte e, se necessario, i pozzetti apparentemente chiusi che raccolgono acqua. Calendario operativo: N 2 cicli annuali da concordarsi con l Amministrazione comunale 29

30 1.3. Servizio di disinfestazione tribunale Il tribunale di Lecce sarà incluso nell attività di disinfestazione, ivi compresi seminterrati e aree adiacenti. Gli interventi comprenderanno caditoie e pozzetti così come previsto per i restanti immobili comunali. Calendario operativo: N 2 cicli annuali da concordarsi con L Amministrazione comunale 1.4. Servizio di disinfestazione edifici scolastici L impresa dovrà eseguire trattamenti localizzati nelle strutture scolastiche di cui all allegato elenco, compresi seminterrati e aree adiacenti, con modalità simili a quelle descritte per le strutture precedenti. Calendario operativo: N 2 cicli annuali da concordarsi con L Amministrazione comunale 1.5. Servizio di disinfestazione canili e gattili L impresa dovrà eseguire trattamenti localizzati nei canili e gattili, anche quelli che verranno costruiti nel corso del presente appalto, comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili, giardini annessi etc.), Calendario operativo: N 6 cicli annuali da concordarsi con l Amministrazione comunale 2. Servizio di disinfezione edifici scolastici Obiettivo: prevenire la trasmissione e lo sviluppo di microrganismi patogeni attraverso acqua, oggetti e superfici contaminate. La Ditta aggiudicataria eseguirà specifici trattamenti di disinfezione all interno delle scuole del Comune, utili a eliminare, inattivare e prevenire lo sviluppo e la trasmissione di microrganismi patogeni infettivi di origine virale e batterica tra i discenti e il personale scolastico. Modalità e ambiti d intervento: Il servizio di disinfezione consiste nell esecuzione degli interventi e nel rispetto delle seguenti indicazioni in ciascuno degli edifici di cui all allegato 2: 1. disinfezione degli ambienti utilizzando appropriati disinfettanti per l abbattimento di microrganismi patogeni; 2. Ispezione, controllo e sanificazione della rete di distribuzione di acqua e dei serbatoi adibiti alla raccolta idrica. Calendario operativo: N 2 cicli annuali Gli interventi di disinfezione saranno effettuati in due momenti: nel periodo antecedente l apertura dell anno scolastico e nel periodo pasquale o in occasione di consultazioni elettorali. In ogni caso, fatta eccezione per gli interventi di emergenza su chiamata, la disinfezione dovrà essere effettuata senza interferire in alcun modo con le attività scolastiche. Norme generali d intervento 30

31 Ogni trattamento deve intendersi comprensivo dell impiego di prodotti di assoluta efficacia e consentiti all uso dal Ministero della Sanità. Qualunque situazione ostativa al normale svolgimento del lavoro dovrà essere segnalata tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. Prima e dopo gli interventi di disinfezione previsti, il servizio potrà includere, a discrezione ed a onere dell Amministrazione Comunale, per ogni edificio comunale trattato, i campionamenti dell aria con metodologia SAS e conseguenti analisi microbiologiche, nonché i test batteriologici dell acqua. Le suddette analisi saranno effettuate da un laboratorio chimico a cura e spese dell Amministrazione Comunale e costituiranno certificazione dell avvenuta disinfezione. Gli operatori addetti ai trattamenti di disinfezione delle scuole dovranno essere dotati di cartellino personale di riconoscimento con esplicita indicazione del nome della Ditta. Gli interventi devono essere eseguiti nel rispetto della legislazione vigente, garantendo il minimo impatto ambientale. Sono esclusi dal servizio in questione: la disinfezione degli arredi, degli impianti di condizionamento e dei locali adibiti a cucina e mensa presenti nelle strutture in questione. 3. Derattizzazione Obiettivo: 1Contenimento, riduzione o eliminazione della popolazione sinantropa di topi e ratti in ambito urbano e suburbano Servizio di derattizzazione cittadino Gli interventi di derattizzazione dovranno essere messi in atto sulla base di sopralluoghi e indagini volti a valutare la reale entità dell infestazione dei luoghi presi in esame. L acquisizione di parametri quantitativi e specifici d intervento permetterà quindi una pianificazione ottimale e una diversificazione efficace delle operazioni. Modalità e ambiti d intervento: Le aree pubbliche interessate sono quelle maggiormente a rischio per la presenza dei roditori come: mercati ortofrutticoli, giardini pubblici, parchi aperti alla cittadinanza, vicoli del centro cittadino, perimetri esterni degli edifici pubblici, condotti fognari di acque meteoriche, tombini, canali e cunicoli sotterranei di proprietà pubblica, ecc.. Negli spazi aperti, la Ditta dovrà predisporre una rete di n erogatori di sicurezza complessivi nei 4 anni, fissi di esche rodenticide con chiusura a chiave, inaccessibili ad animali non target e a persone non autorizzate, a tutela della sicurezza della cittadinanza. Dovrà quindi collocare 500 erogatori all anno per un totale di nei 4 anni; tali sistemi saranno collocati in aree poco accessibili al fine di evitare ad esempio atti di vandalismo e nel rispetto dell'integrità dell'ambiente in cui si svolgeranno i trattamenti. Il numero di erogatori posizionati per zona sarà in funzione del livello di infestazione e della dimensione dell area trattata. Dovranno comunque essere previsti n. 200 erogatori di sicurezza e con chiusura a chiave in più nei 4 anni da sostituire nel caso quelli montati a venissero distrutti o rubati. Nella fognatura cittadina di raccolta delle acque meteoriche, nelle vasche di raccolta e in genere nelle reti sotterranee dovranno essere utilizzate esche paraffinate legate mediante filo di ferro controllate costantemente per valutarne lo stato e il consumo. 31

32 Calendario operativo: N 10 interventi annui per la posa delle esche ossia uno al mese nei periodi primaverili, estivi e autunnali e uno ogni due mesi nel periodo invernale; N 1 intervento per l implementazione della rete di erogatori di esche ratticide. I trattamenti dovranno indicativamente prevedere: 1. controllo con frequenza minima mensile del consumo di prodotto ratticida; 2. rabbocco di esche in caso di controllo con frequenza minore di un mese; 3. sostituzione mensile delle esche; 4. rotazione delle esche, ove necessario, per l individuazione dell attrattivo migliore; 5. spostamento eventuale degli erogatori con nuova mappatura; 6. diversificazione, in conseguenza delle diverse esigenze delle zone da trattare, dei prodotti da impiegare; 7. sostituzione degli erogatori esistenti se deteriorati, danneggiati o rubati fino a un massimo di 50 annui per un totale di 200 nei 4 anni; 8. raccolta e smaltimento delle vecchie esche topicida e pulizia delle zone interessate; 9. attività di recupero delle carogne di topi e ratti rinvenute nelle strutture, nelle aree di proprietà e di pertinenza comunale, ovvero carcasse non rientranti nella fattispecie ricomprese nei capitolati speciali di raccolta urbana. In occasione dell ultimo intervento utile programmato gli erogatori dovranno essere rimossi. Norme generali d intervento Ogni trattamento deve intendersi comprensivo dell impiego di prodotti di assoluta efficacia e consentiti all uso dal Ministero della Sanità. Tutti gli interventi devono essere condotti secondo le buone pratiche in materia di derattizzazione in ambito civile e in linea con la normativa vigente (Ordinanza Ministeriale 14/01/10 e s.m.i In generale tutti i preparati dovranno essere confezionati e posizionati in modo tale da escludere la possibilità di venire a contatto con animali domestici e/o persone. Nelle aree sottoposte a trattamento dovrà essere installata idonea segnaletica indicante l operazione in corso, il nome della ditta esecutrice e il recapito telefonico del responsabile tecnico, oltre all indicazione della sostanza antidoto da utilizzare in caso di avvenuto contatto da parte di animali e/o persone con le esche rodenticida ed il numero del centro antiveleni di riferimento. La rete di erogatori fissi dovrà essere opportunamente riportata su apposita cartografia messa a disposizione del Servizio Ambiente e aggiornata all occorrenza. La Ditta invierà mensilmente all Ufficio Ambiente del Comune di Lecce e al competente servizio AUSL LE il piano di lotta contro topi e ratti e il calendario degli interventi relativi al mese successivo. Tale calendario operativo potrà subire variazioni nella programmazione temporale per condizioni metereologiche non idonee all esecuzione dell intervento. La Ditta dovrà inoltre informare la cittadinanza e le Autorità Competenti riguardo agli interventi di derattizzazione calendarizzati con preavviso minimo di giorni 5, sfruttando i principali mezzi di comunicazione (stampa, radio, televisione, internet). I trattamenti dovranno essere effettuati senza arrecare disturbo alla cittadinanza e senza interrompere il normale funzionamento di qualsiasi attività, in casi che comportino necessità particolari la Ditta provvederà a interpellare il Committente. 32

33 Qualunque situazione ostativa al normale svolgimento del lavoro dovrà essere segnalata tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. La sostituzione degli erogatori dovrà essere accompagnata all aggiornamento della mappa di riferimento, consegnata dalla Ditta all Ufficio Ambiente del Comune a inizio servizio. In caso di segnalazione la Ditta dovrà, di norma, entro 24 ore dalla ricezione della segnalazione da parte dell Ufficio Ambiente del Comune, effettuare un sopralluogo nell area oggetto della segnalazione ed effettuare l intervento utilizzando preparati con modalità e periodicità funzionali alla reale gravità dell infestazione riscontrata. Le modalità d intervento devono essere comunicate entro 24 ore all Ufficio Ambiente. Per fronteggiare situazioni di emergenza, segnalate dall Ufficio Ambiente, la ditta dovrà garantire l intervento entro 6 ore. Per tutti i servizi, per la durata dell appalto, l Ufficio Ambiente riceverà le segnalazioni e trasmetterà la richiesta di intervento alla Ditta via fax o tramite . L intervento della Ditta aggiudicataria su chiamata è previsto, in caso di segnalazione dell Ufficio Ambiente, ogniqualvolta venga richiesto, senza limiti annui. Norme comuni alla derattizzazione di edifici Gli interventi di derattizzazione dovranno essere effettuati, lì dove possibile, senza interrompere il normale funzionamento di uffici, scuole o altre attività Servizio di derattizzazione Immobili comunali La Ditta dovrà prevedere un servizio di monitoraggio con frequenza almeno trimestrale per gli edifici di proprietà comunale comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili e giardini annessi, etc.) Calendario operativo: N 4 interventi annuali previsti a cadenza trimestrale Servizio di derattizzazione Tribunale Gli interventi di derattizzazione del tribunale di Lecce includeranno seminterrati e aree adiacenti di cui all allegato elenco, con una frequenza di monitoraggio minima trimestrale. Calendario operativo: N 4 interventi annuali previsti a cadenza trimestrale Servizio di derattizzazione edifici scolastici La Ditta dovrà prevedere un servizio di monitoraggio con frequenza mensile degli edifici scolastici comunali (nido, materne, elementari e medie) comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili, giardini annessi agli edifici scolastici etc.), per verificare l eventuale presenza di tracce di presenza murina ed effettuare, se necessario, idonei interventi di derattizzazione straordinaria con periodicità opportuna rispetto alla situazione riscontrata di volta in volta. Calendario operativo: N 12 interventi annuali previsti a cadenza mensile. 33

34 Il monitoraggio deve essere effettuato con esca virtuale, che non contenga principi attivi velenosi e comunque posizionata in erogatori di esche ratticide di sicurezza in locali non frequentati da personale non tecnico e dai discenti. Per motivi di sicurezza gli interventi presso le scuole dovranno essere effettuati nei periodi di chiusura delle stesse o durante i fine settimana Servizio di derattizzazione canili e gattili La Ditta dovrà prevedere un servizio di monitoraggio con frequenza mensile dei canili e dei gattili, anche quelli che verranno costruiti nel corso del presente appalto, comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili, giardini annessi etc.), per verificare l eventuale presenza di tracce di presenza murina ed effettuare, se necessario, idonei interventi di derattizzazione straordinaria con periodicità opportuna rispetto alla situazione riscontrata di volta in volta. Calendario operativo: N 12 interventi annuali previsti a cadenza mensile. 4. Deblattizzazione Obiettivo: Disinfestazione da blattari (blatte e/o blattelle, scarafaggi) Servizio di deblattizzazione cittadino I trattamenti saranno preceduti da sopralluoghi tecnici atti a valutare l'entità e la localizzazione dei focolai d infestazione, in modo da articolare un programma d intervento cadenzato ed efficace. Modalità e ambiti d intervento: La ditta dovrà operare durante l anno trattamenti antiblatte con prodotti a bassissima tossicità per l uomo e gli animali in genere. A seconda dei casi, essi saranno orientati verso prevenzione, bonifica o mantenimento e controllo delle infestazioni rilevate in base alle informazioni raccolte in fase di sopralluogo, di monitoraggio e alle segnalazioni pervenute. I prodotti utilizzati sono di natura insetticida adulticida, distribuiti come liquidi tramite appositi erogatori o dosati sotto forma di esche in gel in caso di trattamenti in locali interni. Le aree pubbliche interessate sono: mercati ortofrutticoli, giardini pubblici, parchi aperti alla cittadinanza, vicoli del centro, perimetri esterni e locali interni degli edifici pubblici, aree incolte, caditoie stradali, rete fognaria bianca, tombini e cunicoli sotterranei di proprietà pubblica, canali, ecc.. Agli interventi di deblattizzazione deve obbligatoriamente seguire a distanza di due ore circa un intervento di pulizia delle aree sopra i tombini e delle strade lì dove vi è presenza di blatte morte a seguito dell intervento. Calendario operativo: N 4 interventi annuali ossia uno ogni 3 mesi. La scelta degli orari degli interventi sarà effettuata in base alle abitudini di vita delle specie oggetto di disinfestazione. Norme generali d intervento Ogni trattamento deve intendersi comprensivo dell impiego di prodotti di assoluta efficacia e consentiti all uso dal Ministero della Sanità. 34

35 La Ditta dovrà inviare mensilmente al Servizio Ambiente e al competente servizio ASL LE il calendario dei trattamenti previsti per il mese successivo, per consentire di darne debita pubblicità con congruo anticipo sulla data di effettuazione degli interventi medesimi. In caso di segnalazione la Ditta dovrà, di norma, entro 24 ore dalla ricezione della segnalazione da parte dell Ufficio Ambiente del Comune, effettuare un sopralluogo nell area oggetto della segnalazione ed effettuare l intervento utilizzando preparati con modalità e periodicità funzionali alla reale gravità dell infestazione riscontrata. Le modalità d intervento devono essere comunicate entro 48 ore all Ufficio Ambiente. Per fronteggiare situazioni di emergenza, segnalate dall Ufficio Ambiente, la ditta dovrà garantire l intervento entro 6 ore. Per tutti i servizi, per la durata dell appalto, l Ufficio Ambiente riceverà le segnalazioni e trasmetterà la richiesta di intervento alla Ditta via fax o tramite . Gli operatori addetti ai trattamenti di deblattizzazione dovranno essere dotati di cartellino personale di riconoscimento e utilizzare pettorine (gilet) ad alta visibilità con esplicita indicazione del nome della Ditta. Qualunque situazione ostativa al normale svolgimento del lavoro dovrà essere segnalata tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. Norme comuni alla deblattizzazione negli edifici La Ditta dovrà prevedere un servizio di monitoraggio in edifici e zone limitrofe (ad esempio spazi antistanti gli edifici, cortili, giardini annessi, etc.), per verificare l eventuale presenza di tracce di blattoidei ed effettuare, se necessario, idonei interventi di disinfestazione con periodicità opportuna rispetto alla situazione riscontrata di volta in volta. Inoltre, in caso di segnalazione dell Ufficio Ambiente, questa dovrà intervenire su chiamata ogni qualvolta venga richiesto, senza limite di numero di interventi annui. Gli interventi di deblattizzazione necessari, dovranno essere effettuati, lì dove possibile, senza interrompere il normale funzionamento di uffici, scuole o altre attività. I trattamenti in locali interni dovranno indicativamente prevedere: sostituzione trimestrale dell attrattivo e della trappola collante; spostamento eventuale di erogatori e trappole per il monitoraggio con nuova mappatura; In occasione dell ultimo intervento utile programmato le trappole dovranno essere rimosse. La sostituzione di trappole per il monitoraggio dovrà essere accompagnata all aggiornamento della mappa di riferimento, consegnata dalla Ditta all Ufficio Ambiente del Comune a inizio servizio Servizio di deblattizzazione immobili comunali La Ditta dovrà prevedere un servizio di monitoraggio con frequenza almeno trimestrale per gli edifici di proprietà comunale comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili e giardini annessi, etc.) Calendario operativo: N 4 interventi annuali previsti a cadenza trimestrale Servizio di deblattizzazione tribunale Gli interventi di deblattizzazione del tribunale di Lecce includeranno seminterrati e aree adiacenti, con una frequenza di monitoraggio minima trimestrale. 35

36 Calendario operativo: N 4 interventi annuali previsti a cadenza trimestrale Servizio di deblattizzazione edifici scolastici La Ditta dovrà garantire un monitoraggio a frequenza mensile degli edifici scolastici comunali (nido, materne, elementari e medie), comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili, giardini annessi agli edifici scolastici etc.), per verificare l eventuale presenza di blattari ed effettuare, se necessario, interventi disinfestanti. Calendario operativo: N 4 interventi annuali previsti a cadenza trimestrale. Per motivi di sicurezza gli interventi presso le scuole dovranno essere effettuati nei periodi di chiusura delle stesse o durante i fine settimana Servizio di deblattizzazione canili e gattili La Ditta dovrà prevedere un servizio di monitoraggio con frequenza almeno trimestrale dei canili e gattili, anche quelli che verranno costruiti nel corso del presente appalto, comprese le zone immediatamente limitrofe (ad es. spazi antistanti gli edifici, cortili e giardini annessi, etc.) Calendario operativo: N 4 interventi annuali previsti a cadenza trimestrale. 5. Trattamenti di disinfestazione e disinfezione servizio di emergenza Su richiesta del Servizio Ambiente, fino a un massimo di 30 (trenta) interventi annui, la Ditta aggiudicataria dovrà garantire trattamenti fitosanitari e di disinfestazione di emergenza in vie, piazze ed aree pubbliche da: culicidi (Aedes, Anopheles, Culex ecc.); blattari (blatte - Blatta orientalis, Blattella germanica, Periplaneta americana); imenotteri (vespe, formiche - Vespa crabro, Vespula germanica); sifonatteri (afanitteri, pulci Pulex irritans, Ctenocephalus felis); altri artropodi indesiderati (ragnetti rossi, psocoidei, tisanuri, ecc.); PROCESSIONARIA DEL PINO; ZECCHE Ixodida. causa d inconvenienti igienico sanitari. Saranno altresì garantiti trattamenti di disinfezione di locali e strutture comunali fino a copertura del succitato limite annuo di trattamenti previsto per servizi di emergenza. Norme comuni alla richiesta di interventi di emergenza La richiesta d intervento del Servizio Ambiente del Comune, sulla base delle segnalazioni della cittadinanza, sarà formulata per mezzo di una scheda di raccolta dati contenente le informazioni relative al caso (localizzazione, generalità dell esponente, indirizzo e numero di telefono, eventuali commenti). La scheda sarà inviata via fax o tramite all Impresa, che entro 24 ore dovrà recarsi nell area oggetto della segnalazione per una verifica della situazione segnalata. 36

37 A conferma della presenza di un infestazione localizzata in area pubblica, la Ditta adotterà i provvedimenti necessari ritrasmettendo via fax al Servizio Ambiente la scheda medesima controfirmata dal tecnico che ha eseguito l intervento, con l annotazione della data. La scelta degli orari degli interventi sarà effettuata in base alle abitudini di vita delle specie oggetto di disinfestazione e alle peculiarità dell intervento richiesto. I trattamenti dovranno essere effettuati senza arrecare disturbo alla cittadinanza e senza interrompere il normale funzionamento di qualsiasi attività, in casi che comportino necessità particolari la Ditta provvederà a interpellare il Committente. Gli operatori addetti ai trattamenti di emergenza dovranno essere dotati di cartellino personale di riconoscimento e utilizzare pettorine (gilet) ad alta visibilità con esplicita indicazione del nome della Ditta. Qualunque situazione ostativa al normale svolgimento del lavoro dovrà essere segnalata tempestivamente dalla Ditta aggiudicataria del servizio. Tutti gli interventi eseguiti su espressa richiesta del Comune saranno liquidati a parte. ART.4 PRODOTTI CONSIGLIATI Tutti i formulati da utilizzare devono essere registrati presso il Ministero della Salute come Presidio Medico Chirurgici o come Biocidi per uso civile ed industriale e nel caso debbano essere utilizzati in zone con presenza di verde ornamentale o in luoghi dove si immagazzinano, lavorano o consumano alimenti, deve essere riportata in etichetta la dicitura Applicabile in aree con verde ornamentale o Applicabile in industrie alimentari. Tutti i formulati indicati dovranno essere utilizzati durante la campagna di bonifica, secondo le indicazioni tecniche contenute nella relazione presentata dalla Ditta ed approvata dal Servizio competente e comunque sempre secondo le indicazioni riportate in etichetta e nelle schede tecniche. In alternativa ad essi, la Ditta potrà presentare formulati analoghi per i quali dovrà essere presentata etichetta, scheda tecnica e di sicurezza, da sottoporre preventivamente alla verifica del Responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della ASL. 4.1 Principi attivi per l esecuzione del servizio di disinfestazione cittadino Disinfestazione ad azione larvicida Diflubenzuron in formulazione liquida, pasticche o granulare a seconda degli ambienti da trattare Metoprene in formulazione liquida, pasticche o granulare a seconda degli ambiernti da trattare Bacillus thuringiensis in formulazione liquida, pasticche o granulare a seconda degli ambienti da trattare Bacillus thuringiensis e Bacillus sphaericus in formulazione granulare Disinfestazione adulticida Permetrina, tetrametrina e PBO 37

38 Permetrina, Esbiotrina e PBO Permetrina e PBO Deltametrina, Esbiotrina e PBO Cipermetrina Cipermetrina, Tetrametrina e PBO D-Fenotrin D-Fenotrin e Tetrametrina Disinfestazione immobili comunali, tribunale, edifici scolastici Piretro Piretro con piretroidi Permetrina, Cipermetrina e PBO in formulazione microincapsulata Cipermetrina in formulazione microincapsulata Permetrina in formulazione microincapsulata Permetrina, tetrametrina e PBO Permetrina, Esbiotrina e PBO D-Fenotrin D-Fenotrin e Tetrametrina Disinfestazione canili e gattili Permetrina, tetrametrina e PBO Permetrina, Esbiotrina e PBO Permetrina e PBO Deltametrina, Esbiotrina e PBO D-Fenotrin D-Fenotrin e Tetrametrina 4.2 Disinfezione degli edifici scolastici Quaternari d ammonio in formulazione liquida Aldeide glutarica Ipoclorito di sodio 4.3. Derattizzazione Difenacum formulato in bustine pasta fresca o blocchi paraffinati a seconda degli ambienti da trattare Bromadiolone formulato in bustine pasta fresca o blocchi paraffinati a seconda degli ambienti da trattare Brodifacum formulato in bustine pasta fresca o blocchi paraffinati a seconda degli ambienti da trattare L uso di formulati diversi nella derattizzazione diventa fondamentale quando si opera in ambienti diversissimi tra loro. La derattizzazione delle zone acquitrinose, alvei coperti e scoperti, condotte di fogna bianca ecc. dovrà essere eseguita mediante distribuzione di esche paraffinate in erogatori di sicurezza, al fine di impedire fenomeni di dispersione o di alterazione delle esche stesse; zone meno 38

39 difficili dal punto di vista dell umidità e della temperatura dovranno essere trattate con formulati esca fresca al fine di avere massima attrattività. Nel corso dell esecuzione dei trattamenti, i prodotti utilizzati potranno essere sottoposti a prelievo ed analisi presso laboratori o Strutture Pubbliche in modo da verificare la rispondenza con quelli offerti in gara. Il Responsabile del Servizio, qualora dovesse verificare l inefficacia di un prodotto, può chiederne la sostituzione. ART. 5 PERSONALE E ATTREZZATURE RICHIESTE In considerazione del piano di bonifica richiesto e della vastità del territorio di competenza del Comune di Lecce, si ritiene necessario che la ditta disponga di quanto di seguito richiesto, di assicurare la tempestività e la generalità dei trattamenti e garantirne quindi l efficacia. 5.1 Direttore tecnico dei lavori Il direttore tecnico dei lavori di bonifica deve essere in possesso del titolo specifico per l assunzione di tale direzione (Laurea in agraria o Scienze Forestali, Biologia, Scienze Ambientali, Chimica ). Il direttore tecnico dei lavori potrà essere dipendente dell azienda concorrente o di una delle associate in caso di A.T.I. o di una delle consorziate in caso di Consorzio, oppure potrà assumere tale incarico in qualità di consulente. In caso di Consorzi e/o A.T.I., il Direttore tecnico dei lavori dovrà essere unico sia per il consorzio che per l A.T.I. Il Direttore tecnico dei Lavori sarà il referente unico dell impresa, del Consorzio o dell A.T.I. aggiudicataria, per i rapporti con il Responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica Personale Il personale dipendente deve possedere i requisiti di idoneità ed essere specializzato per i servizi richiesti, deve essere costantemente formato con corsi o giornate di formazione. Per i servizi richiesti, l impresa dovrà avere alle dipendenze almeno 2 unità qualificate come disinfestatore e inquadrate al livello 5 e almeno 3 inquadrate minimo al livello 2 come da CCNL di appartenenza. Il personale dipendente dovrà essere idoneo allo svolgimento della mansione e quindi valutato idoneo dal medico competente e dovrà portare ben visibile il tesserino di riconoscimento, predisposto secondo quanto prevede la normativa Automezzi La Ditta dovrà possedere un adeguato parco automezzi, almeno così composto: autocarri, non inferiori a n.2, di cui n.1 almeno idoneo per l uso specifico ad operare nel centro storico. un automezzo omologato uso speciale per disinfestazione con gruppo atomizzatore di almeno 30 Hp e le attrezzature atomizzanti montate dovranno essere conformi alla normativa CEE 89/392. La Ditta dovrà, inoltre, possedere le seguenti attrezzature: 39

40 adeguato numero di atomizzatori a spalla, autonomi, per il servizio di disinfezione e disinfestazione in ambienti interni ed esterni e in zone non accessibili dagli automezzi. Attrezzature sussidiarie per l ispezione di tombini di fogna bianca durante gli interventi di deblattizzazione e derattizzazione. Attrezzatura termonebbiogena Attrezzatura micronizzatrice a ULV elettrica per la disinfezione e disinfestazione dei locali interni. ART.6 RELAZIONE TECNICA In conformità a quanto stabilito nel bando di gara. ART. 7 DOCUMENTAZIONE TECNICA In conformità a quanto stabilito nel bando di gara. ART.8 VERIFICHE E CONTROLLI SULL ESECUZIONE DEL SERVIZIO Al termine di ogni intervento o cicli di intervento, l Amministrazione Comunale potrà effettuare dei controlli sullo svolgimento del servizio. Qualora le operazioni effettuate, risultassero inefficaci o di parziale efficacia, la ditta aggiudicataria dovrà provvedere ad effettuare ulteriori interventi supplementari a richiesta della stessa senza onere alcuno per l Amministrazione, pena la non liquidazione dell intervento già eseguito; in tal caso i controlli potranno estendersi anche sulla qualità delle esche e sugli altri prodotti utilizzati con eventuali analisi chimiche, il cui costo sarà addebitato alla ditta appaltatrice qualora i risultati fossero difformi a quanto dichiarato nella documentazione presentata in sede di gara. In caso di non puntuale rispetto del presente capitolato e delle ulteriori definizioni esplicitate in sede contrattuale, il Comune di Lecce contesterà formalmente tali inadempienze con l invito alla ditta/impresa aggiudicataria a provvedere sollecitamente a fornire le dovute controdeduzioni. Qualora queste ultime non fossero ritenute esaustive, ovvero in ogni caso se lo riterrà opportuno. ART.9 PENALI Il Comune potrà comminare specifiche penali, da un minimo di Euro 50,00= ad un massimo di Euro 2.500,00=, nel seguente caso: gravi negligenze nella gestione del servizio comportanti pregiudizio all incolumità degli utenti e all immagine dell Amministrazione; mancato rispetto di quanto stabilito all art. 3 del presente capitolato di gara; L ammontare della sanzione sarà commisurata alla gravità dell infrazione e all entità del danno. L applicazione delle penali predette, non preclude eventuali azioni giudiziarie da parte dell Amministrazione Comunale, comprese richieste di risarcimento di eventuali danni materiali e morali. La risoluzione del contratto, per gravi inadempienze contrattuali, fa sorgere a favore dell Amministrazione il diritto di affidare il servizio ad altra ditta/impresa. Alla parte inadempiente verranno addebitate le maggiori spese sostenute dal Comune di Lecce. Per ottenere la rifusione di eventuali danni subiti, il rimborso delle spese ed il pagamento delle penalità, qualora l aggiudicatario, opportunamente avvisata, non adempia, l Amministrazione Comunale potrà rivalersi, mediante trattenute, sui crediti della ditta stessa, per servizi già eseguiti ovvero sulla cauzione definitiva, che deve essere immediatamente reintegrata. ART. 10 MODALITA DI PAGAMENTO 40

41 I pagamenti in favore della ditta aggiudicataria saranno effettuati mensilmente, su presentazione di regolare fattura e attestazione degli interventi effettuati, in ragione dell importo aggiudicato suddiviso in quarantotto rate mensili. Allegati: 1. Quadro Tecnico Economico 2. Elenco degli edifici pubblici, tribunali, scuole oggetto di appalto 3. Mappa dei confini comunali. Ai sensi dell art. 1341, comma 2, cod. civ., si approvano specificamente ed espressamente per iscritto tutti gli articoli del presente Disciplinare. 41

42 ALLEGATO N. 1: Affidamento del servizio di Derattizzazione, Disinfezione e Disinfestazione sul territorio comunale (Durata 4 anni) QUADRO TECNICO ECONOMICO Categoria aliquota importo A servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione A.1 Importo a base di gara A.2 Oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso su A.1 di cui 2.379,50 per DUVRI , ,00 Totale A ,00 B Somme a disposizione dell'amministrazione B.1 IVA su A.1 e A.2 22% ,00 B.2 Contributo AVCP 600,00 B.3 Pubblicazioni 4.000,00 B.4 Consulenze, Direzione di ,00 esecuzione, ecc B.5 Imprevisti ed arrotondamenti 1.280,00 sommano B ,00 TOTALE PROGETTO ,00 42

43 ALLEGATO N. 2: ELENCO DEGLI EDIFICI PUBBLICI, TRIBUNALI, SCUOLE OGGETTO DI APPALTO EDIFICI PUBBLICI SEDE DEL COMUNE DI LECCE SETTORE TRIBUTI UFFICIO ERP UFFICIO PATRIMONIO UFFICIO CENTRO STORICO LL.PP. SETTORE SVILUPPO ECONOMICO SETTORE CULTURA SETTORE STRATEGICO SETTORE SPORT UFFICIO EUROPA SETTORE SERVIZI DEMOGRAFICI E STATISTICA SETTORE AMBIENTE UFFICIO CASA UFFICIO ARCHIVIO STORICO SETTORE LL. PP. SETTORE URBANISTICA SETTORE SERVIZI SOCIALI (Villa Citti) SETTORE MOBILITA' E TRASPORTI SETTORE POLIZIA MUNICIPALE SPORTELLO ANAGRAFE SPORTELLO ANAGRAFE PALAZZO CARAFA PIAZZA PARTIGIANI PIAZZA PARTIGIANI PIAZZA PARTIGIANI PIAZZETTA DUCA D'ATENE - EX CONSERVATORIO SANT'ANNA PIAZZETTA PANZERA VIA LIBERTINI - EX CONVENTO DEI TEATINI VIA LIBERTINI - EX CONVENTO DEI TEATINI VIA LIBERTINI - EX CONVENTO DEI TEATINI VIA LIBERTINI - EX CONVENTO DEI TEATINI VIA LOMBARDIA VIA LOMBARDIA VIA LOMBARDIA VIA PAPA PIO XII VIA XX SETTEMBRE VIALE MARCHE (EX OMNI) VIALE MARCHE (VILLA CITTI) VIALE ROSSINI VIALE ROSSINI V.LE DELLA REPUBBLICA VIA COSIMO DI PALMA 43

44 SPORTELLO ANAGRAFE SPORTELLO ANAGRAFE UFFICIO EDILIZIA SCOLASTICA SETTORE ISTRUZIONE SERVIZI CIMITERIALI P.ZZA NAPOLI FRIGOLE P.ZZA BERTACCHI VIALE UGO FOSCOLO VIALE UGO FOSCOLO PRESSO CIMITERO COMUNALE TRIBUNALI VIALE DE PIETRO VIA BRENTA VIA CALABRIA PLESSI SSCOLASTICI ASILI NIDO NICOLAS GREEN IL CERBIATTO ILARIA ALPI IL PICCOLO PRINCIPE VIAPERSANO VIA CUOCO VIA ROMA VIA N. DELLA NOTTE SCUOLE INFANZIA COMUNALI CAPPUCCETTO ROSSO SARACENO TOPOLINO VIA DELLE ANIME VIA V. EMANUELE VIAMARUGI 44

45 SCUOLE PRIMARIE STATALI I Circolo CESARE BATTISTI" II Circolo "EDMONDO DE AMICIS" IV Circolo "SIGISMONDO CASTROMEDIANO" CANTOBELLI V Circolo "LIVIO TEMPESTA" - VIA TRINCHESE (INFANZIA) - P.ZZA PARTIGIANI (INFANZIA) - VIA COSTA (PRIMARIA) - VIA DANIELE (INFANZIA) - VIA PALUMBO (PRIMARIA) - P.TTA C. ACCARDO (PRIMARIA) - VIA CANTOBELLI (INFANZIA) - VIA CANTOBELLI (PRIMARIA) - VIA VALZANI (INFANZIA+ PRIMARIA) - VIA OFANTO (INFANZIA) - VIA OFANTO (PRIMARIA) - VIA A. DA TARANTO (PRIMARIA) - P.TTA MONTALE (INFANZIA) 45

46 SCUOLE SECONDARIE I GRADO STATALI QUINTO ENNIO "ASCANIO GRANDI" VIA IMBRIANI VIA PATITARI ISTITUTI COMPRENSIVI STATALI "GALATEO- FRIGOLE" - VIA D. FONTANA (SECONDARIA I GRADO) - FRIGOLE (INFANZIA+ PRIMARIA) "AMMIRATO- FALCONE" - VIA ABRUZZI (INFANZIA + MATERNA) - VIA R. SANZIO (SECONDARIA l GRADO) "ALIGHIERI- DIAZ" - VIA APRILE (PRIMARIA) - VIA E. REALE (PRIMARIA) - VIA ESTRAFALLACES (INFANZIA) - VIA DI VERETO (SECONDARIA I GRADO) - VIA CASAVOLA (INFANZIA) "STOMEO - ZIMBALO" - VIA SIRACUSA (SECONDARIA I GRADO) - VIA CARRARA (INFANZIA+ PRIMARIA) - V.LE ROMA (INFANZIA l) - V.LE ROMA (INFANZIA 2 +PRIMARIA) 46

47 ALLEGATO 3: 47

48 Città di Lecce Servizio di derattizzazione, disinfezione e disinfestazione sul territorio comunale DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA (ai sensi dell art.26 del D.Lgs. n 81/2008 e ss. mm. e ii.) Il Committente: Comune di Lecce Il presente documento è allegato ai contratti di appalto relativi ai servizi affidati a imprese esterne committente Bonocuore Il datore di lavoro Arch. Fernando 48

49 Sommario INTRODUZIONE DEFINIZIONI PREMESSA FINALITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO METODOLOGIA STRUTTURA E ARTICOLAZIONE DEL DOCUMENTO MODALITÀ DI AGGIORNAMENTO DEL DUVRI SEZIONE 1 - AMMINISTRAZIONE APPALTANTE/SEDE OGGETTO DELL APPALTO AMMINISTRAZIONE APPALTANTE INFORMAZIONI GENERALI DATI RELATIVI AI LUOGHI DI LAVORO DOVE SI SVOLGERÀ L APPALTO DESCRIZIONE DELLE ATTIVITA LAVORATIVE ORGANIGRAMMA DELLA SICUREZZA SEZIONE 2 - APPALTI PREMESSA ELENCO DEGLI APPALTI SEZIONE 3 - VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZA PREMESSA INDIVIDUAZIONE DELLE INTERFERENZE RISCHI GENERALI DA INTERFERENZE RISCHI SPECIFICI DA INTERFERENZE COSTI DELLA SICUREZZA Allegato 1 - Documento Informativo per le imprese appaltatrici e prestatori d opera RISCHI POTENZIALI ESISTENTI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO OGGETTO DELL APPALTO 71 ESTRATTO PROCEDURE DI EMERGENZA Gestione delle emergenze PROCEDURA SCHEMATICA DI ALLARME ED EVACUAZIONE STABILITA DAL PIANO DI EMERGENZA PER LE PERSONE ESTERNE REGOLAMENTO INTERNO PER LA SICUREZZA DEGLI APPALTI NORME PARTICOLARI: DISCIPLINA INTERNA NORME E DISPOSIZIONI RIGUARDANTI LA SICUREZZA SUL LAVORO Allegato 2 - Condivisione e presa visione del Documento CONDIVISIONE DEL DOCUMENTO

50 INTRODUZIONE DEFINIZIONI Appalti pubblici di forniture : appalti pubblici diversi da quelli di lavori o di servizi, aventi per oggetto l acquisto, la locazione finanziaria, la locazione o l acquisto a riscatto, con o senza opzione per l acquisto, di prodotti (art.3 c.9 del D.L.vo n 163/2006) o fornitura di prodotti e, a titolo accessorio, lavori di posa in opera e di installazione (art.14 c.2 lettera a) del D.L.vo n 163/2006). Appalti pubblici di servizi : appalti pubblici diversi dagli appalti pubblici di lavori o forniture, aventi per oggetto la prestazione dei servizi di cui all allegato II (art.3 c.10 del D.L.vo n 163/2006) o contratto misto in cui il valore dei servizi supera quello dei prodotti oggetto dell appalto o in cui i servizi costituiscano l oggetto principale del contratto (art.14 del D.L.vo n 163/2006). Appalti pubblici di lavori : sono appalti pubblici aventi per oggetto l'esecuzione o, congiuntamente, la progettazione esecutiva e l'esecuzione, ovvero, previa acquisizione in sede di offerta del progetto definitivo, la progettazione esecutiva e l'esecuzione, relativamente a lavori o opere rientranti nell'allegato I del D.L.vo n 163/2006, oppure, limitatamente alle ipotesi di cui alla parte II, titolo III, capo IV del medesimo decreto legislativo, l'esecuzione, con qualsiasi mezzo, di un'opera rispondente alle esigenze specificate dalla stazione appaltante o dall'ente aggiudicatore, sulla base del progetto preliminare posto a base di gara. I «lavori» comprendono le attività di costruzione, demolizione, recupero, ristrutturazione, restauro, manutenzione, di opere. Per «opera» si intende il risultato di un insieme di lavori, che di per sè esplichi una funzione economica o tecnica. Le opere comprendono sia quelle che sono il risultato di un insieme di lavori edilizi o di genio civile di cui all'allegato I, sia quelle di presidio e difesa ambientale e di ingegneria naturalistica. Committente : il soggetto che affida il contratto in quanto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dello specifico appalto, ai sensi dell art.26 cc.3 e 3-ter del D.L.vo n 81/2008. R.U.P. (Responsabile Unico del Procedimento): soggetto responsabile dell'esecuzione del contratto, nei limiti delle proprie competenze professionali; in particolare svolge tutti i compiti relativi alle procedure di affidamento ed alla vigilanza sulla corretta esecuzione dei contratti. Ditta appaltatrice (appaltatore) : colui che si assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, l'obbligazione di compiere in favore di un'altra (committente o appaltante) un'opera o un servizio. b Ditta subappaltatrice (subappaltatore) : la normativa sugli appalti pubblici non fornisce una definizione precisa di contratto di subappalto, che peraltro si ricava indirettamente solo dall art c.c. Per la verità, neppure il codice civile fornisce una definizione diretta: il richiamato art c.c. si limita a prevederne il divieto in mancanza di autorizzazione del committente. In base a detta disposizione normativa, il subappalto può pertanto definirsi come il contratto con il quale l appaltatore affida ad un terzo l esecuzione di determinate lavorazioni nell ambito di un lavoro che l appaltatore stesso si è impegnato a realizzare nei confronti di un committente. General contractor (gestore del contratto): Il GC è un insieme articolato e complesso di risorse professionali, che si costituisce come interlocutore unico del Committente per realizzare il progetto con qualsiasi mezzo, garantendo qualità, tempi di realizzazione e costi certi. Datore di Lavoro : il soggetto presso il quale si esegue il contratto, che ha la responsabilità dell organizzazione o dell unità produttiva nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività, ai sensi dell art.2 c.1 lett.b), art.18 c.1 ed art.26 cc.1, 3 e 3-ter del D.L.vo n 81/2008. Rischi generali: rischi che derivano da condizioni generali che possono riguardare tutti i soggetti che a vario titolo operano nell Ente, a prescindere dalle circostanze lavorative in cui essi sono coinvolti. Tale categoria descrive quindi i rischi cui è esposta la collettività. Rischi da interferenza: tutti i rischi correlati all affidamento di appalti all interno dell Azienda o dell unità produttiva, evidenziati nel D.U.V.R.I. Non sono rischi interferenti quelli specifici propri delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi. 50

51 Non conformità: qualunque deviazione da standard, procedure, regolamenti, performance, ecc. che possono direttamente o indirettamente produrre il mancato soddisfacimento di un requisito. Misure di prevenzione e protezione: misure e interventi che sono ritenute idonee a garantire la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori a seguito della valutazione dei rischi presenti nei luoghi di lavoro. Interferenza : contatto rischioso tra il personale del Committente e quello dell Appaltatore o tra il personale di Imprese diverse che operano nella stessa sede aziendale con contratti differenti. In particolare la valutazione dei rischi da interferenza deve avvenire con riferimento non solo al personale interno ed ai lavoratori delle Imprese Appaltatrici, ma anche agli utenti che a vario titolo possono essere presenti, quali pubblico, visitatori, studenti (Determinazione n 3/2008 dell Autorità per la Vigilanza sui contratti pubblici). Documento di Valutazione dei Rischi da Interferenza : documento elaborato dal Datore di Lavoro-Committente, previo svolgimento dell attività di coordinamento e cooperazione con i Datori di Lavoro di tutte le Ditte Appaltatrici, compresi i Subappaltatori, operanti nella stessa sede, contenente l indicazione delle misure adottate per eliminare, o quantomeno ridurre al minimo, i rischi da interferenza. Tale documento va allegato al contratto e va adeguato in funzione dell evoluzione dell appalto (art.26 c.1 lett.b), 2, 3 e 3-ter del D.L.vo n 81/2008). In particolare nel Duvri non devono essere riportati i rischi specifici propri dell attività svolta dalle singole Imprese Appaltatrici - in quanto trattasi di rischi per i quali resta immutato l obbligo per ciascun Datore di Lavoro di elaborare il proprio Documento di Valutazione dei Rischi e di provvedere all attuazione delle misure di sicurezza necessarie per eliminare, o quantomeno ridurre al minimo, tali rischi - ma solo i rischi derivanti dalle interferenze presenti nell effettuazione della prestazione oggetto di appalto, ai sensi dell art.26 c.3 del D.L.vo n 81/2008. Nell ambito di applicazione del D.L.vo n 163/2006 l obbligo di redigere tale documento è in capo al Committente ai sensi dell art.26 c.3 del D.L.vo n 81/2008. Si sottolinea che il Documento di Valutazione dei Rischi da Interferenza, costituendo specifica tecnica ai sensi dell art.68 ed Allegato VIIIdel D.L.vo n 163/2006, deve essere messo a disposizione dei Concorrenti per la formulazione dell offerta (Linee Guida per la stima dei costi della sicurezza nei contratti pubblici di forniture o servizi, emanate il 20/3/2008 dalla Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome). Costi della sicurezza : sono quantificabili come costi della sicurezza afferenti all esercizio dell attività svolta da ciascuna Ditta, definiti costi della sicurezza ex-lege, quelli riguardanti le misure per prevenire i rischi relativi all attività della Ditta stessa, che esulano dal Duvri e sono a carico della Ditta stessa, la quale deve specificamente indicarli nell offerta e deve dimostrare, in sede di verifica dell anomalia delle offerte, che gli stessi sono congrui rispetto a quelli desumibili dai prezzari o dal mercato. Si richiamano in merito le disposizioni di cui agli artt.18 e 26 c.6 del D.L.vo n 81/2008 ed agli art.86 c.3-bis ed 87 del D.L.vo n 163/2006. Costi della sicurezza da interferenze: sono quantificabili come costi della sicurezza da interferenze, definiti costi della sicurezza contrattuali, quelli riguardanti le misure, in quanto compatibili, di cui all art.7 c.1 del D.P.R. n 222/2003 (al quale si rimanda) previste nel Duvri per l eliminazione dei rischi da interferenze, i quali vanno evidenziati nella procedura negoziale tenendoli distinti dall importo a base d asta e non sono soggetti a ribasso. Si richiamano, in merito alla quantificazione di detti costi, le disposizioni, in quanto compatibili, di cui all Allegato XV punto 4 del D.L.vo n 81/2008. In fase di verifica dell anomalia detti costi non sono oggetto di alcuna verifica essendo stati quantificati e valutati a monte dall Amministrazione Aggiudicatrice. A richiesta, saranno messi a disposizione dei Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza e delle Organizzazioni Sindacali dei Lavoratori. Si richiamano in merito le disposizioni di cui all art.26 cc.3 e 5 del D.L.vo n 81/2008 ed agli artt. 86 c.3-bis, 87 e 131 c.3 del D.L.vo n 163/

52 Procedura : le modalità (modo scelto per l esecuzione dell operazione o per lo svolgimento dell attività) e le sequenze (successione delle fasi realizzative ovvero eseguire una operazione o svolgere un attività dopo o prima di un altra) stabilite per eseguire una determinata operazione o per svolgere una specifica attività (Allegato XV punto 4 del D.L.vo n 81/2008) PREMESSA Il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza (DUVRI) si configura come un documento di regolamentazione interna che affronti in maniera organica il tema della gestione coordinata delle attività appaltate a ditte esterne e di quelle svolte dal personale dell unità produttiva. Pertanto, il DUVRI, in attuazione dei concetti già introdotti dalla precedente normativa, ora ribaditi dall art.26 del D.Lgs.81/08, fornisce una visione esaustiva e sistematica dell organizzazione e della gestione, dal punto di vista prevenzionistico, delle attività appaltate a terzi all interno dell unità produttiva, configurandosi come un documento operativo di riferimento per tutte le ditte appaltatrici durante l esecuzione delle attività e, al tempo stesso, un documento dinamico che necessita di aggiornamento costante nel tempo. L obiettivo è, infatti, quello di definire e organizzare preventivamente il coordinamento delle attività appaltate a terzi mediante l identificazione puntuale delle interferenze e dei relativi rischi derivanti e la conseguente definizione delle misure di prevenzione e protezione, delle procedure e delle azioni di coordinamento da attuare al fine di ridurre e/o eliminare tali rischi. Il DUVRI individua le potenziali interferenze che si potrebbero venire a creare nell esecuzione degli appalti e le conseguenti misure adottate per eliminare, o quantomeno ridurre al minimo, le interferenze stesse. Parte integrante di detto documento sono i costi della sicurezza relativi alla eliminazione delle interferenze. Il DUVRI costituisce specifica tecnica ai sensi dell art.68 ed Allegato VIII del D.L.vo n 163/2006 e come tale deve essere messo a disposizione dei concorrenti ai fini dell offerta. Tale documento viene allegato al contratto di appalto o di opera e va adeguato in funzione dell evoluzione dei lavori, servizi e forniture. FINALITÀ Il DUVRI rappresenta lo strumento attraverso il quale il Datore di Lavoro in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture ad un impresa appaltatrice o a lavoratori autonomi all interno della propria azienda, o di una singola unità produttiva valuta l esistenza di rischi interferenti e definisce specifiche scelte prevenzionali atte ad eliminare/ridurre gli stessi. In particolare il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenza ha lo scopo di: valutare i rischi derivanti dalle interferenze reciproche dovuti alle diverse attività appaltate e presenti nell unità produttiva; indicare le misure di prevenzione e protezione adottate per eliminare i rischi da interferenza; indicare le misure di prevenzione e protezione adottate per ridurre al minimo i rischi non eliminabili; valutare i costi della sicurezza da interferenza. Il Documento di valutazione dei rischi da interferenza viene redatto dalla stazione appaltante per promuovere: la cooperazione fra datori di lavoro, appaltatori e committenti, per l'attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull'attività lavorativa oggetto dell'appalto (art. 26 comma 2 punto a del D.Lgs. 81/2008); 52

53 il coordinamento fra datori di lavoro, appaltatori e committenti, al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze fra le attività appaltate a terzi e quelle presenti nell unità produttiva (art.26 comma 2 punto b del D.Lgs.81/2008). CAMPO DI APPLICAZIONE La Determinazione dell'autorità per la Vigilanza sui Contratti Pubblici di Lavori, Servizi e Forniture n. 3 del 05 marzo 2008 ha chiarito che l'elaborazione del documento Unico di Valutazione dei Rischi e la stima dei costi della sicurezza si riferiscono ai soli casi in cui siano presenti interferenze. La stessa Determinazione ha chiarito che "si parla di interferenza nella circostanza in cui si verifica un contatto rischioso tra il personale del committente e quello dell'appaltatore o tra il personale di imprese diverse che operano nella stessa sede aziendale con contratti differenti." La Determinazione ha, inoltre, precisato che si possono considerare interferenti i rischi: derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte da operatori di appaltatori diversi; immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell'appaltatore; esistenti nel luogo di lavoro del committente, ove è previsto che debba operare l'appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell'attività propria dell'appaltatore; derivanti da modalità di esecuzione particolari richieste esplicitamente dal committente (che comportino pericoli aggiuntivi rispetto a quelli specifici dell'attività appaltata). L obbligo di redigere il DUVRI non viene applicato nei seguenti casi (comma 3-bis dell Art.26 del D.Lgs. 81/2008): mera fornitura di materiali o attrezzature; servizi di natura intellettuale (consulenze, sorveglianza sanitaria,attività informatiche, etc); lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai due giorni, che non comportino rischi derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, biologici, atmosfere esplosive, o dalla presenza di rischi particolari (riportati nell Allegato XI del D.Lgs 81/08). Si evidenzia che, come specificato nella Determinazione 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture, per gli appalti su riportati è possibile escludere preventivamente la predisposizione del DUVRI e la conseguente stima dei costi della sicurezza, salvo i casi in cui siano necessarie attività o procedure suscettibili di generare interferenza con la fornitura stessa, come per esempio la consegna di materiale e prodotti nei luoghi di lavoro o nei cantieri (con l esclusione di quelli ove i rischi interferenti sono stati valutati nel piano di sicurezza e coordinamento. NORMATIVA DI RIFERIMENTO D.P.R. 21 dicembre 1999, n. 554 Regolamento di attuazione della legge 11 febbraio 1994, n. 109 ; Decreto Ministero lavori Pubblici 19 aprile 2000, n. 145 Regolamento recante il capitolato generale d'appalto dei lavori pubblici ai sensi dell'articolo 3, comma 5, della legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modificazioni D.P.R. 20 agosto 2001, n. 384 Regolamento di semplificazione dei procedimenti di spese in economia ; D.P.R. 3 luglio 2003, n. 222 Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109 (novellato nell art. 131 del D.Lgs. 163/2006); 53

54 Linee Guida Itaca per l applicazione del D.P.R. 222/2003, approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 1 marzo 2006;D.Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE ; Determinazione dell Autorità per la vigilanza sui lavori pubblici n. 4 del 26 luglio 2006; Schema di regolamento di esecuzione e attuazione del Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163, approvato dal Consiglio dei Ministri il 21 dicembre 2007; Legge n. 123 del 3 agosto 2007 (Misure in tema di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro e delega al Governo per il riassetto e la riforma della normativa in materia), Circolare Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale n. 24 del 14 novembre 2007;Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81: Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. D.Lgs 81/2008: Articolo 26: Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione (rif.: art. 1, comma 2, lett. s., n. 1, l. n. 123/2007; art. 7 d.lgs. n. 626/1994 modificato dalla l. n. 123/2007) Determinazione dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture n. 3 del 5 marzo METODOLOGIA Alla luce di quanto evidenziato la metodologia attuata per l elaborazione del Documento Unico di Valutazione delle Interferenze e successivo aggiornamento si articola nelle seguenti fasi operative di seguito illustrate: FASE A: fase in cui l Amministrazione predispone la gara e la relativa documentazione a disposizione delle imprese ai fini della formulazione dell offerta; FASE B: fase preliminare all aggiudicazione dell offerta (in caso di gara con criterio di aggiudicazione economicamente più vantaggiosa) e/o successiva all aggiudicazione; FASE C: fase di esecuzione dell attività. Per ciascuna fase operativa si riporta di seguito un diagramma sintetico del processo attuato, con evidenza delle specifiche sottofasi. 54

55 55

56 56

57 57

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4

CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 CITTA DI CINISELLO BALSAMO VIA XXV APRILE, 4 20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.02/660231 Fax 02/66011464 www.comune.cinisello-balsamo.mi.it E indetta con Determinazione Dirigenziale n.246 del 06/03/2007

Dettagli

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA

Articolo 1 PROCEDURA DI GARA DISCIPLINARE DI GARA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI STABILI SEDE DEGLI UFFICI DEL CONSIGLIO REGIONALE IN TRIESTE LOTTO UNICO PERIODO TRE ANNI Articolo 1 PROCEDURA DI GARA L aggiudicazione

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSICURAZIONE RELATIVO ALLA COPERTURA ASSICURATIVA DEL RISCHIO INFORTUNI DEI DIPENDENTI DELLA FONDAZIONE ENPAIA. CIG: 6220412E5B DETERMINA A CONTRARRE del

Dettagli

CITTÀ DI TERRACINA PROVINCIA DI LATINA DIPARTIMENTO- III- LAVORI PUBBLICI BANDO DI GARA

CITTÀ DI TERRACINA PROVINCIA DI LATINA DIPARTIMENTO- III- LAVORI PUBBLICI BANDO DI GARA CITTÀ DI TERRACINA PROVINCIA DI LATINA DIPARTIMENTO- III- LAVORI PUBBLICI BANDO DI GARA SERVIZIO DI PULIZIA DELL AREA PORTUALE Procedura aperta - massimo ribasso- ex art.82 comma 2 lett.b) D.Lgs n 163/2006

Dettagli

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o

COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o COMUNE DI FRABOSA SOTTANA P r o v i n c i a d i C u n e o Via IV Novembre, 12 C.A.P. 12083 - Tel.0174/244481-2 - Fax.0174/244730 e-mail: comune@comune.frabosa-sottana.cn.it PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Comune di Gravina in Puglia

Comune di Gravina in Puglia Comune di Gravina in Puglia c.a.p. 70024 Partita Iva 0036498722 Codice Fiscale PROVINCIA DI BARI DISCIPLINARE DI GARA PER LA REALIZZAZIONE DI UN CENTRO VISITA E DI UNA RETE SENTIERISTICA NEL SIC BOSCO

Dettagli

COMUNE DI CALTAGIRONE AREA 6 ---------------------------------------- BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA CIG:Z4012C736A

COMUNE DI CALTAGIRONE AREA 6 ---------------------------------------- BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA CIG:Z4012C736A COMUNE DI CALTAGIRONE AREA 6 ---------------------------------------- BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA CIG:Z4012C736A Oggetto: Affidamento in LOCAZIONE degli spazi pubblicitari esistenti su pensiline

Dettagli

Città di Lecce CULTURA, BENI CULTURALI, SPETTACOLO, TURISMO, SISTEMI MUSEALI, SPORT E TEMPO LIBERO BANDO DI GARA

Città di Lecce CULTURA, BENI CULTURALI, SPETTACOLO, TURISMO, SISTEMI MUSEALI, SPORT E TEMPO LIBERO BANDO DI GARA Città di Lecce CULTURA, BENI CULTURALI, SPETTACOLO, TURISMO, SISTEMI MUSEALI, SPORT E TEMPO LIBERO BANDO DI GARA Oggetto: PO FESR Puglia 2007/20013 Asse IV linea 4.2 azione 4.2.2. Sistemi Ambientali e

Dettagli

Disciplinare di gara. Il plico contenente la domanda di partecipazione unitamente alle offerte, pena l esclusione dalla

Disciplinare di gara. Il plico contenente la domanda di partecipazione unitamente alle offerte, pena l esclusione dalla PUBBLICO INCANTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI LAVAGGIO E SISTEMAZIONE DELLA VETRERIA E DEI MATERIALI DI LABORATORIO, PULIZIA DELLA STRUMENTAZIONE E DELLE SUPPELLETTILI DI LABORATORIO DELL AGENZIA

Dettagli

_ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç

_ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç _ uxüé VÉÇáÉÜé É VÉÅâÇtÄx w gütñtç EX ART. 1 L.R. N. 8 DEL 24/3/2014 già Provincia Regionale di Trapani Settore n. 1 Servizio n. 8 Gare e Contratti A V V I S O Procedura negoziata ad evidenza pubblica

Dettagli

IMPORTO A BASE DI GARA: 71.970,80 IVA COMPRESA.

IMPORTO A BASE DI GARA: 71.970,80 IVA COMPRESA. LAVORI DI RIMOZIONE ETERNIT PRESSO PRESSO IL PARCO MEZZI CINGOLATI DI LENTA (VC) MAPPALE: COMUNE DI LENTA (VC) FOGLIO 26 PARTICELLA 16 CAPANNO 2 IMPORTO A BASE DI GARA: 71.970,80 IVA COMPRESA. L APERTURA

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio appalti e contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI N. 2 VEICOLI COMMERCIALI PER IL C.O. VALDINIEVOLE. CIG 4171698218.

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI N. 2 VEICOLI COMMERCIALI PER IL C.O. VALDINIEVOLE. CIG 4171698218. DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI N. 2 VEICOLI COMMERCIALI PER IL C.O. VALDINIEVOLE. CIG 4171698218. Ente appaltante: PROVINCIA DI PISTOIA Piazza San Leone, 1 51100 Pistoia Tel.

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA

COMUNE DI GENZANO DI ROMA Lì, Spett.le OGGETTO: invito a formulare offerta per l affidamento ex art. 125 comma 11,del D.Lgs. 163/2006 del SERVIZIO DI GESTIONE DEI SINISTRI DERIVANTI DA RESPONSABILITÀ CIVILE E VERSO PRESTATORI D

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Regionale Toscana Coordinamento Attività tecnico edilizia 50122 Firenze - via del Proconsolo, 10 - telefono 055/23781 fax 055/2378761 Lavori di ripristino

Dettagli

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE PROGRAMMAZIONE ECONOMICA E FINANZIARIA Servizio Appalti e Contratti BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO, IN FAVORE DEL COMUNE DI REGGIO CALABRIA,

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Codice Identificativo Gara (CIG) 5493686D17. denominazione UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA UNISOB

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Codice Identificativo Gara (CIG) 5493686D17. denominazione UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA UNISOB BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Codice Identificativo Gara (CIG) 5493686D17 1. Amministrazione aggiudicatrice: denominazione UNIVERSITA DEGLI STUDI SUOR ORSOLA BENINCASA UNISOB indirizzo VIA SUOR ORSOLA

Dettagli

Amministrazione Aggiudicatrice Oggetto dell appalto : Esclusa Condizioni partecipazione

Amministrazione Aggiudicatrice Oggetto dell appalto : Esclusa Condizioni partecipazione DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA PER LE SCUOLE PRIMARIE DI PRIMO GRADO SITE NEL COMUNE DI BORZONASCA PER GLI ANNI SCOLASTICI 2010/2011, 2011/2012 E 2012/2013 Amministrazione

Dettagli

1. STAZIONE APPALTANTE Milanosport S.p.A. viale Tunisia n. 35-20124 Milano - tel. 02-62345110/07 - fax 02/62345191.

1. STAZIONE APPALTANTE Milanosport S.p.A. viale Tunisia n. 35-20124 Milano - tel. 02-62345110/07 - fax 02/62345191. PROCEDURA APERTA PER LA CONCESSIONE D USO DI IMPIANTI PUBBLICITARI INSISTENTI PRESSO I CENTRI SPORTIVI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI MILANO ED IN GESTIONE A MILANOSPORT S.p.A. - APPALTO REP. 3/2014 - CIG

Dettagli

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA

FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA DISCIPLINARE DI GARA OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente appalto è relativo alla fornitura, consegna e installazione di attrezzature cardiovascolari, isotoniche e altro

Dettagli

Ristrutturazione Campanile di Castiglione

Ristrutturazione Campanile di Castiglione DISCIPLINARE DI GARA Ristrutturazione Campanile di Castiglione Il presente disciplinare costituisce integrazione al bando di gara relativamente alle procedure di appalto, ai requisiti e modalità di partecipazione

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E TRIBUTI Tel.081 8853222 Fax 081 8858336 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E TRIBUTI Tel.081 8853222 Fax 081 8858336 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE PROGRAMMAZIONE FINANZIARIA E TRIBUTI Tel.081 8853222 Fax 081 8858336 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso

Dettagli

DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO

DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO Pag. 1 a 5 DIOCESI DI CASSANO ALL JONIO Cassano all Jonio li 19 febbraio 2014 Prot. N 64 RACCOMANDATA ½ posta elettronica certificata LETTERA D INVITO ALL IMPRESA: Oggetto: Invito a partecipare alla gara

Dettagli

Comune di Cremona LAVORI DI BITUMATURA STRADE 2 LOTTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Comune di Cremona LAVORI DI BITUMATURA STRADE 2 LOTTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA Comune di Cremona LAVORI DI BITUMATURA STRADE 2 LOTTO MANUTENZIONE STRAORDINARIA DISCIPLINARE DI GARA MEDIANTE PUBBLICO INCANTO (NORME INTEGRATIVE AL BANDO) 1. MODALITA DI PRESENTAZIONE E CRITERI DI AMMISSIBILITA

Dettagli

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta

Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Via Unità Italiana, 28 81100 Caserta Servizio Provveditorato TEL.0823/445189 - FAX 0823/279581 AVVISO DI GARA CIG: LOTTO N. 1 CIG 5758272460 LOTTO N. 2 CIG 57582870C2 Questa ASL di Caserta indice procedura

Dettagli

ANCONAMBIENTE S.p.A. Via del Commercio n. 27-60127 Ancona AN

ANCONAMBIENTE S.p.A. Via del Commercio n. 27-60127 Ancona AN ANCONAMBIENTE S.p.A. Via del Commercio n. 27-60127 Ancona AN DISCIPLINARE DI GARA Servizio di recupero della frazione organica proveniente dalla raccolta differenziata 2014. CIG: 5387177717 CPV: 90513000

Dettagli

C O M U N E D I S E R R A R I C C O 1 6 0 1 0 P r o v i n c i a d i G e n o v a

C O M U N E D I S E R R A R I C C O 1 6 0 1 0 P r o v i n c i a d i G e n o v a C O M U N E D I S E R R A R I C C O 1 6 0 1 0 P r o v i n c i a d i G e n o v a CODICE FISCALE/PARTITA IVA 00853850105 sito: www.comune.serraricco.ge.it tel.0107267331 fax.010752275 e-mail : personale@comune.serraricco.ge.it

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA. Prot. 10570/14

DISCIPLINARE DI GARA. Prot. 10570/14 DISCIPLINARE DI GARA Prot. 10570/14 LAVORI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA ED ALLESTIMENTO DI N. 2 TELAI E N. 2 ATTREZZATURE SU MEZZI DELL ANCONAMBIENTE SPA. CIG:ZBE112873F. 1 SISTEMA DELL APPALTO E MODALITA

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010 BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA UFFICI E SERVIZI COMUNALI E DI CUSTODIA DI PALAZZO CUSANO ANNO 2010 ENTE APPALTANTE: Comune di Cusano Milanino Piazza Martiri di

Dettagli

ASSICURAZIONE DELLA. Servizio Sanitario REGIONE SARDEGNA

ASSICURAZIONE DELLA. Servizio Sanitario REGIONE SARDEGNA DISCI PLINARE AMMINISTRATIVO ASSICURAZIONE DELLA RESPONSABILI TÀ CIVI LE VERSO TERZI E VERSO I P RESTATORI DI LAVORO Timbro e Firma: 1 INDICE Art. 1 Oggetto pag. 3 Art. 2 Requisiti di partecipazione pag.

Dettagli

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PROCEDURA APERTA Rif GM ATO ME 2 S.p.A. Strada Statale S. Antonino, 461 98051 Barcellona Pozzo di Gotto (ME) tel. 090.9798675 - fax 090.9704954 www.atome2.it - e-mail atome2spa@gmail.com Registro delle Imprese di Messina

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI GARA

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI GARA ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA BANDO DI GARA APPALTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA, SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI, DISINFESTAZIONE/DERATTIZZAZIONE E GIARDINAGGIO

Dettagli

COMUNE DI MUGNANO DI NAPOLI

COMUNE DI MUGNANO DI NAPOLI COMUNE DI MUGNANO DI NAPOLI Provincia di Napoli Ufficio Tecnico Area Urbanistica Ambiente BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SMALTIMENTO E SELEZIONE DEI RIFIUTI PROVENIENTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA:

Dettagli

COMUNE DI BARLASSINA BANDO DI GARA PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN CORSO MILANO 39

COMUNE DI BARLASSINA BANDO DI GARA PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN CORSO MILANO 39 COMUNE DI BARLASSINA Prot. 13057 (PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA) BANDO DI GARA PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE IMMOBILE DI PROPRIETA COMUNALE SITO IN CORSO MILANO 39 1. ENTE LOCATORE Comune di Barlassina

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.P.A. BANDO DI GARA CODICE CIG:60274297C1

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.P.A. BANDO DI GARA CODICE CIG:60274297C1 1 AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.P.A. BANDO DI GARA CODICE CIG:60274297C1 1) Ente appaltante Azienda Metropolitana Trasporti Catania S.p.A. Via S. Euplio n 168, 95125 Catania (CT) Tel. 095/7519111

Dettagli

OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI ROMA Economato

OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI ROMA Economato GARA DA ESPERIRE MEDIANTE PROCEDURA RISTRETTA (LICITAZIONE PRIVATA) PER L AFFIDAMENTO ANNUALE DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DELL OSSERVATORIO ASTRONOMICO DI ROMA SITA IN MONTE PORZIO CATONE (RM) E

Dettagli

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A

COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A COTTIMO FIDUCIARIO PER TRASLOCO BIBLIOTECA, CENTRO MULTIMEDIALE AL CENTRO ILPERTINI INDETTO CON DETERMINAZIONE 1.597/2011 - CIG 3638406B9A DITTA: 3. CORTESI REQUISITI GIURIDICO-AMMINISTRATIVI - BUSTA A

Dettagli

ALL B. COMUNE DI GAETA Provincia di Latina AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DISCIPLINARE DI GARA

ALL B. COMUNE DI GAETA Provincia di Latina AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI GAETA Provincia di Latina ALL B AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE DISCIPLINARE DI GARA Art. 1 Oggetto e Caratteristiche generali del servizio Oggetto del presente

Dettagli

PROCEDURA APERTA GARA SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA

PROCEDURA APERTA GARA SERVIZIO SOSTITUTIVO MENSA DISCIPLINARE DI GARA per stipula Accordo Quadro per servizio sostitutivo mensa destinato ai dipendenti delle aziende appartenenti al gruppo ASA SpA, mediante l erogazione di pasti con l utilizzo di carte

Dettagli

10. TERMINE DI VALIDITA DELL OFFERTA: l offerta dei concorrenti deve avere validità per 180 giorni dalla data dell esperimento di gara.

10. TERMINE DI VALIDITA DELL OFFERTA: l offerta dei concorrenti deve avere validità per 180 giorni dalla data dell esperimento di gara. BANDO DI GARA PUBBLICO INCANTO 1. STAZIONE APPALTANTE: MINISTERO DELLA DIFESA COMMISSARIATO GENERALE PER LE ONORANZE AI CADUTI IN GUERRA Via XX Settembre, 123/A 00187 ROMA Tel. 06 47355165 06 47355119

Dettagli

ParmaInfanzia S.p.A.

ParmaInfanzia S.p.A. Sede Legale: via Tonale n. 6, 43100 Parma - Tel. 0521/709511; Sede Amministrativa: via Colorno n. 63, 43100 Parma; Tel. 0521/600611, Fax 0521/606260; Bando di gara mediante Pubblico Incanto per la gestione

Dettagli

COMUNE DI FONTE NUOVA Provincia di Roma

COMUNE DI FONTE NUOVA Provincia di Roma COMUNE DI FONTE NUOVA Provincia di Roma DISCIPLINARE DI GARA Procedura semplificata ai sensi degli artt. 20 e 27 del D. Lgs. n 163/2006 per la conclusione di un accordo quadro con unico operatore per l

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA S. CAMILLO FORLANINI DISCIPLINARE DI GARA

AZIENDA OSPEDALIERA S. CAMILLO FORLANINI DISCIPLINARE DI GARA AZIENDA OSPEDALIERA S. CAMILLO FORLANINI DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO DI PRESIDIO E PRONTO INTERVENTO PER LA GESTIONE DI GUASTI E/O INTERRUZIONI DEL FUNZIONAMENTO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI, IDRAULICI E

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Prot. Del Spett.le Ditta OGGETTO: Invito a procedura ristretta per l affidamento in appalto del servizio sostitutivo della mensa per il personale dipendente del Comune di Selargius. Codice CIG: 6428742DB6.

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. DISCIPLINARE DI GARA (Allegato A - parte integrante e sostanziale del Bando di gara)

Università per Stranieri di Siena. DISCIPLINARE DI GARA (Allegato A - parte integrante e sostanziale del Bando di gara) Università per Stranieri di Siena Appalto per la contrazione di un mutuo ipotecario trentennale a tasso fisso per un importo compreso fra un minimo di Euro 13.635.204,00 ed un massimo di Euro 18.135.204,00

Dettagli

SERVIZIO DI ASSICURAZIONI VARIE. TUTELA LEGALE, INCENDIO E CRISTALLI, FURTO, ELETTRONICA, RCT- RCO, PER L ANNO 2013 (1 LOTTO) Cig ZAD07B4008

SERVIZIO DI ASSICURAZIONI VARIE. TUTELA LEGALE, INCENDIO E CRISTALLI, FURTO, ELETTRONICA, RCT- RCO, PER L ANNO 2013 (1 LOTTO) Cig ZAD07B4008 BANDO/DISCIPLINARE DI GARA SERVIZIO DI ASSICURAZIONI VARIE TUTELA LEGALE, INCENDIO E CRISTALLI, FURTO, ELETTRONICA, RCT- RCO, PER L ANNO 2013 (1 LOTTO) Cig ZAD07B4008 D&O AMMINISTRATORI RC-AMMINISTRATORI

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI N. 3 AUTOMEZZI DI SERVIZIO E CONTESTUALE RITIRO DI N. 4 VETTURE USATE DISCIPLINARE DI GARA

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI N. 3 AUTOMEZZI DI SERVIZIO E CONTESTUALE RITIRO DI N. 4 VETTURE USATE DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI N. 3 AUTOMEZZI DI SERVIZIO E CONTESTUALE RITIRO DI N. 4 VETTURE USATE DISCIPLINARE DI GARA I N D I C E Art. 1 Premessa Art. 2 Condizioni di ammissione alla gara Art.

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Città di Lecce Ufficio Gare BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA in seduta pubblica (pubblicato integralmente sul profilo del committente: www.comune.lecce.it - canale istituzionale di accesso Albo Pretorio

Dettagli

C O M U N E D I R I E T I

C O M U N E D I R I E T I AVVISO PUBBLICO Servizio raccolta foglie in alcuni viali e vie della Città di Rieti; determina a contrarre 1271 del 10/10/2014 - indizione gara ufficiosa ai sensi dell art. 125 co. 8: codice CIG Z61112A02F

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA COMUNE DI GALATONE (Provincia di Galatone) Cap 73044 Piazza Costadura - www.comune.galatone.le.it SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel. 0833.865028 Fax. 0833 864617 BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA OGGETTO:

Dettagli

Sviluppo Basilicata SpA Via Centomani,11 85100 Potenza tel.0971.50661 fax 0971.506664

Sviluppo Basilicata SpA Via Centomani,11 85100 Potenza tel.0971.50661 fax 0971.506664 Sviluppo Basilicata SpA Via Centomani,11 85100 Potenza tel.0971.50661 fax 0971.506664 DISCIPLINARE DI GARA I.1 Oggetto appalto Affidamento del servizio di conto corrente fruttifero periodo 2010 2011 dedicato

Dettagli

BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118)

BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118) BANDO DI GARA Gara d appalto per la fornitura di energia elettrica (CIG: 534907118) I AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Società appaltante: TALETE S.p.A. Indirizzo

Dettagli

Consiglio Superiore della Magistratura

Consiglio Superiore della Magistratura GARA EUROPEA A PROCEDURA RISTRETTA PER L AFFIDAMENTO DELLA COPERTURA ASSICURATIVA SANITARIA PER IL PERSONALE DEL CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA CIG 06449841A2 ****** DISCIPLINARE DI GARA Pag 1

Dettagli

Raccordo Autostradale Valle d Aosta S.p.A. DISCIPLINARE DI GARA Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte

Raccordo Autostradale Valle d Aosta S.p.A. DISCIPLINARE DI GARA Modalità di presentazione e criteri di ammissibilità delle offerte Raccordo Autostradale Valle d Aosta S.p.A. Luogo: Regione Autonoma Valle d Aosta. Esecuzione servizio invernale di caricamento e spargimento dei cloruri e di sgombero neve da effettuarsi sull Autostrada

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO DISCIPLINARE DI GARA Art 1. OGGETTO Il Consiglio regionale del Veneto ha bandito, in esecuzione

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA CIG. N. 483514470C BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA 1) STAZIONE APPALTANTE: Città di Mesagne Servizio Affari generali Appalti e Contratti - Via Roma n. 4-72023 Mesagne (BR), tel. 0831 732241 0831 732253,

Dettagli

Catanzaro, 10 aprile 2015 Spett.le. Mail. Raccomandata A.R.

Catanzaro, 10 aprile 2015 Spett.le. Mail. Raccomandata A.R. Catanzaro, 10 aprile 2015 Spett.le Mail Raccomandata A.R. OGGETTO: Invito per l'affidamento dei servizi di noleggio di n. 8 Stampanti Multifunzione SCANNER/COPIA/STAMPA - Procedimento in economia a mezzo

Dettagli

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI **************

UNITA OPERATIVA AFFARI GENERALI PERSONALE - SERVIZI DEMOGRAFICI ************** Comune di Isili Provincia di Cagliari 08033 Piazza San Giuseppe n.6 P.I. 00159990910 Tel.0782/804460-804461 Fax 0782/804469 Email affarigenerali@comune.isili.ca.it Pec protocollo.isili@pec.comunas.it UNITA

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE CIG. 60347701BF

DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE CIG. 60347701BF DISCIPLINARE DI GARA PER LA FORNITURA DI GAS METANO PER AUTOTRAZIONE CIG. 60347701BF 1 1) OGGETTO DELL APPALTO Il presente appalto ha per oggetto la fornitura di gas metano per autotrazione per il fabbisogno

Dettagli

COMUNE DI TORTOLI. 2. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Comune di Tortolì

COMUNE DI TORTOLI. 2. LUOGO DI ESECUZIONE DEL SERVIZIO: Comune di Tortolì COMUNE DI TORTOLI BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Prot. n. 11525 del 03.06.2009 1. AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE: Comune di Tortolì - Via Garibaldi - 08048 Tortolì (OG) Tel. 0782/600700 Telefax 0782/623049.

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA COMUNE DI USMATE VELATE PROVINCIA DI MILANO Corso Italia n. 22-20040 USMATE VELATE Tel. 039.6757039 P.I. 00714670965 - C.F. 01482570155 AREA TERRITORIO E AMBIENTE sito internet: www.comune.usmatevelate.mi.it

Dettagli

AFFIDAMENTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO

AFFIDAMENTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PESCARA GAS S.P.A. AFFIDAMENTO SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO Pescara Gas S.p.A. intende affidare il servizio di brokeraggio assicurativo per tutti gli aspetti riguardanti la gestione delle polizze

Dettagli

COMUNE DI PONTE DELL OLIO Provincia di Piacenza Centrale Unica di Committenza Comuni di Ponte dell Olio Bettola Farini Ferriere Gropparello Vigolzone

COMUNE DI PONTE DELL OLIO Provincia di Piacenza Centrale Unica di Committenza Comuni di Ponte dell Olio Bettola Farini Ferriere Gropparello Vigolzone COMUNE DI PONTE DELL OLIO Provincia di Piacenza Centrale Unica di Committenza Comuni di Ponte dell Olio Bettola Farini Ferriere Gropparello Vigolzone DISCIPLINARE GARA procedura aperta per l affidamento

Dettagli

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA Prot. n. 000961/2015 Tolentino, li 11/03/2015 BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA a) Stazione appaltante: COSMARI Srl - Località Piane di Chienti - 62029 Tolentino (MC) - tel. 0733/203504 - fax 0733/204014

Dettagli

Materiale documentale messo a disposizione dal Committente 5) Durata dell appalto Ammontare dell appalto e finanziamento: è comprensivo

Materiale documentale messo a disposizione dal Committente 5) Durata dell appalto Ammontare dell appalto e finanziamento: è comprensivo SERVIZIO ELABORAZIONE STIPENDI ED ADEMPIMENTI PREVIDENZIALI E FISCALI CONNESSI PER IL PERSONALE DEL PARCO NAZIONALE VAL GRANDE 2016-2020 CIG ZB415FBACD Disciplinare di gara Il presente disciplinare di

Dettagli

C I T T A D I A L T A M U R A

C I T T A D I A L T A M U R A C I T T A D I A L T A M U R A PROVINCIA DI BARI Piazza Municipio, n.2 Tel. 080/3107434 Fax 080/310/7204 BANDO DI GARA D APPALTO MEDIANTE PROCEDURA APERTA lì, 8 Agosto 2014 Il presente bando è stato redatto

Dettagli

Tel: 045/6335807 Fax: 045/6335833

Tel: 045/6335807 Fax: 045/6335833 COMUNE DI MOZZECANE Via C. Bon Brenzoni 26 37060 Mozzecane (Vr) Codice Fiscale e Partita Iva 00354500233 www.comunemozzecane.it Settore Risorse interne e Tributi PEC : protocollo@pec.comunemozzecane.it

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE

STAZIONE UNICA APPALTANTE COMUNITA' MONTANA VALSESIA Corso Roma, n.35-13019 - Varallo (VC) Tel.0163-51.555/53.800 fax 0163-52.405 STAZIONE UNICA APPALTANTE DISCIPLINARE DI GARA PER L'AFFIDAMENTO IN GESTIONE, MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti

COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti BANDO DI GARA COMUNE DI AGLIANO TERME Provincia di Asti Bando di gara per l affidamento del servizio di REFEZIONE SCOLASTICA PER LA PREPARAZIONE ED IL TRASPORTO PRESSO LA SCUOLA DELL INFANZIA E LA SCUOLA

Dettagli

COMUNE DI GROSSETO DIREZIONE PROVVEDITORATO

COMUNE DI GROSSETO DIREZIONE PROVVEDITORATO COMUNE DI GROSSETO DIREZIONE PROVVEDITORATO Appalto per la fornitura di cancelleria, oggettistica per ufficio e carta per fotocopie e buste. DISCIPLINARE DI GARA Il presente disciplinare di gara, che costituisce

Dettagli

Servizio di brokeraggio assicurativo

Servizio di brokeraggio assicurativo Servizio di brokeraggio assicurativo DISCIPLINARE DI GARA CIG Z01092E626 PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO PREMESSA Molise Acque ha indetto gara a procedura aperta

Dettagli

PROCEDURA APERTA - DISCIPLINARE DI GARA SEZIONE 1^ - INFORMAZIONI GENERALI ==================================

PROCEDURA APERTA - DISCIPLINARE DI GARA SEZIONE 1^ - INFORMAZIONI GENERALI ================================== C O M U N E D I B O R D I G H E R A ( I M ) Ufficio legale e contratti Via XX Settembre, 32 - cap 18012 - tel. 0184 272209 - fax 0184 260144 - sito internet www.bordighera.it APPALTO DEI SERVIZI DI MENSA

Dettagli

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico

Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Circondario del Tribunale di Napoli Nord- Ente Pubblico non economico BANDO DI GARA SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DELL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI

Dettagli

RETTIFICA BANDO DI GARA

RETTIFICA BANDO DI GARA AREA TECNICA SETTORE 7 URBANISTICA E AMBIENTE PEC: edilizia@pec.comune.roggianogravina.cs.it Via Bufaletto n 18-87017 Roggiano Gravina Tel. 0984/501538 Fax 0984/507389 C.F. 00355760786 Prot. 3418 del 17/04/

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER: FORNITURA DI CARTOGRAFIA NUMERICA ALLA SCALA 1:500 DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE E SUO AGGIORNAMENTO DISCIPLINARE DI GARA

PROCEDURA APERTA PER: FORNITURA DI CARTOGRAFIA NUMERICA ALLA SCALA 1:500 DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE E SUO AGGIORNAMENTO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE SISTEMI INFORMATIVI PROCEDURA APERTA PER: FORNITURA DI CARTOGRAFIA NUMERICA ALLA SCALA 1:500 DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE E SUO AGGIORNAMENTO DISCIPLINARE DI GARA Il

Dettagli

COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE, EXTRATRIBUTARIE, PATRIMONIALI E ASSIMILATE NON RISCOSSE DIRETTAMENTE

Dettagli

Provincia di Milano. Area Gestione Territorio BANDO DI GARA. 1.STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI BARANZATE Via Conciliazione, 19 C.A.P.

Provincia di Milano. Area Gestione Territorio BANDO DI GARA. 1.STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI BARANZATE Via Conciliazione, 19 C.A.P. BANDO DI GARA 1.STAZIONE APPALTANTE: COMUNE DI BARANZATE Via Conciliazione, 19 C.A.P. 20021 2.PROCEDURA DI GARA: procedura aperta ai sensi dell art. 55 del D.Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. CODICE IDENTIFICATIVO

Dettagli

COMUNE DI LORETO. (Provincia di Ancona) Settore III. Loreto, 30/05/2014

COMUNE DI LORETO. (Provincia di Ancona) Settore III. Loreto, 30/05/2014 COMUNE DI LORETO (Provincia di Ancona) Settore III Loreto, 30/05/2014 AVVISO PUBBLICO BANDO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DELLA PALESTRA COMUNALE SITA IN VIA BERSAGLIERI D ITALIA Articolo

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO RACCOMANDATA A.R. N. 15111 di Prot. Casorate Primo lì 28 novembre 2008 Spett. le Determinazione Servizio Finanziario n. 56 del 26/11/2008 Oggetto: Invito alla Procedura Negoziata l affidamento delle coperture

Dettagli

COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari)

COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) COMUNE DI CORATO (Prov. di Bari) BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta del prezzo più basso mediante

Dettagli

AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE

AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE CIG 63723158AF L Azienda Servizi Integrati S.p.A., con sede

Dettagli

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari

COMUNE DI SELARGIUS Provincia di Cagliari Prot. Del Spett.le Ditta OGGETTO: Invito a procedura negoziata per l affidamento del servizio di pulizia dei locali comunali. - Codice CIG: 60666749C0. Il Comune di Selargius deve procedere all affidamento

Dettagli

BANDO PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE INFORMAGIOVANI - 2016/2018 - CIG 6455128C21

BANDO PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DEL SERVIZIO DI GESTIONE DELLA BIBLIOTECA COMUNALE INFORMAGIOVANI - 2016/2018 - CIG 6455128C21 COMUNE DI NONE Città Metropolitana di Torino Piazza Cavour 9 Cod. Fis. Cf 85003190015 Tel. 011 9990848 Fax 011 9863053 E-mail:protocollo@comune.none.to.it BANDO PER L AFFIDAMENTO, MEDIANTE PROCEDURA APERTA,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Strada delle Scotte n. 15 53100 Siena P.IVA 00388300527. Bando di gara

AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE. Strada delle Scotte n. 15 53100 Siena P.IVA 00388300527. Bando di gara AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA SENESE Strada delle Scotte n. 15 53100 Siena P.IVA 00388300527 Bando di gara 1. Stazione appaltante: Azienda Ospedaliera Universitaria Senese (AOUS), telefono 0577/585010

Dettagli

COMUNE DI TUILI. Provincia di Medio Campidano. Via Matteotti n 4, 09029 TUILI. Prot N 324 Addi 30/01/2014

COMUNE DI TUILI. Provincia di Medio Campidano. Via Matteotti n 4, 09029 TUILI. Prot N 324 Addi 30/01/2014 COMUNE DI TUILI Provincia di Medio Campidano Via Matteotti n 4, 09029 TUILI Prot N 324 Addi 30/01/2014 OGGETTO: PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE. CIG (Codice identificatico

Dettagli

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II, n 3 20153 Milano

Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II, n 3 20153 Milano Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II, n 3 20153 Milano Oggetto: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato Art. 1 Procedura semplificata ai

Dettagli

Disciplinare di Gara

Disciplinare di Gara Progetto Città della Scienza 2.0: nuovi prodotti e servizi dell economia della conoscenza finanziato dal MIUR a valere sulle risorse del Fondo Integrativo Speciale per la Ricerca (FISR). Delibera CIPE

Dettagli

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE ROMA-LATINA AGGLOMERATO INDUSTRIALE DI CASTELROMANO

CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE ROMA-LATINA AGGLOMERATO INDUSTRIALE DI CASTELROMANO CONSORZIO PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE ROMA-LATINA AGGLOMERATO INDUSTRIALE DI CASTELROMANO 1/6 OGGETTO: Procedura aperta per l appalto a corpo dei lavori di: Progetto opere di urbanizzazione Agglomerato

Dettagli

Provincia di Barletta Andria Trani Settore 12 - Edilizia e Manutenzione - Impianti termici - Espropriazioni

Provincia di Barletta Andria Trani Settore 12 - Edilizia e Manutenzione - Impianti termici - Espropriazioni Provincia di Barletta Andria Trani Settore 12 - Edilizia e Manutenzione - Impianti termici - Espropriazioni BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55 decreto legislativo

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.P.A. BANDO DI GARA CODICE CIG: 5865284977

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.P.A. BANDO DI GARA CODICE CIG: 5865284977 1 AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA S.P.A. BANDO DI GARA CODICE CIG: 5865284977 1) Ente appaltante Azienda Metropolitana Trasporti Catania S.p.A. Via S. Euplio n 168, 95125 Catania (CT) Tel. 095/7519111

Dettagli

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel.

CIG 567040563B. 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. BANDO DI GARA: APPALTO N. 1/2014 CIG 567040563B 1. STAZIONE APPALTANTE : MILANO RISTORAZIONE S.p.A.- Ufficio Acquisti e Contratti - Via B. Quaranta n.41- Milano. tel. 02/88463.267 Fax 02/884.66.237 2.

Dettagli

2) DURATA DELL APPALTO: dall 1/09/2013 al 31/08/2014 con possibilità di rinnovo per un ulteriore anno.

2) DURATA DELL APPALTO: dall 1/09/2013 al 31/08/2014 con possibilità di rinnovo per un ulteriore anno. AVVISO A PRESENTARE OFFERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DI UFFICI E IMPIANTI CON UTILIZZO DI PRODOTTI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE CIG: 5153862D74 L Azienda Servizi Integrati S.p.A., con sede

Dettagli

BANDO E DISCIPLINARE DI GARA

BANDO E DISCIPLINARE DI GARA BANDO E DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO CON PROCEDURA APERTA DELL APPALTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA DELL ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA PER IL PERIODO DAL 01.01.2010 AL 31.12.2014 - CIG : 0363264EEB

Dettagli

DI GARA A PROCEDURA APERTA AGGIORNAMENTO MASTERPLAN AEROPORTO DI CATANIA FONTANAROSSA 2013-2030 CIG : 56366495E6

DI GARA A PROCEDURA APERTA AGGIORNAMENTO MASTERPLAN AEROPORTO DI CATANIA FONTANAROSSA 2013-2030 CIG : 56366495E6 S.A.C. Società Aeroporto Catania S.p.A. BANDO DI GARA A PROCEDURA APERTA AGGIORNAMENTO MASTERPLAN AEROPORTO DI CATANIA FONTANAROSSA 2013-2030 CIG : 56366495E6 SEZIONE I - ENTE AGGIUDICATORE I.1 Denominazione,

Dettagli

Provincia di Imperia

Provincia di Imperia COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia Protocollo n. 17331 Bordighera, 14/08/2015 Trasmissione a mezzo PEC:. Spett.le ditta OGGETTO: AFFIDAMENTO A BROKER DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, CONSULENZA E GESTIONE

Dettagli

C O M U N E D I L O N G A R E

C O M U N E D I L O N G A R E C O M U N E D I L O N G A R E Provincia di Vicenza PREMESSA AVVISO PER LA SELEZIONE DI COOPERATIVE SOCIALI DI TIPO B) A CUI AFFIDARE IL SERVIZIO DI PULIZIA IMMOBILI COMUNALI PER IL PERIODO 01/07/2014 30/06/2017

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UN GRUPPO DI SPREMITURA A FREDDO PER LA PRODUZIONE DI OLIO VEGETALE COMBUSTIBILE DISCIPLINARE DI GARA

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UN GRUPPO DI SPREMITURA A FREDDO PER LA PRODUZIONE DI OLIO VEGETALE COMBUSTIBILE DISCIPLINARE DI GARA PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI UN GRUPPO DI SPREMITURA A FREDDO PER LA PRODUZIONE DI OLIO VEGETALE COMBUSTIBILE DISCIPLINARE DI GARA I N D I C E Art. 1 Premessa Art. 2 Condizioni di ammissione alla

Dettagli