Jobs act, legge di Stabilità, Italicum, illazioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Jobs act, legge di Stabilità, Italicum, illazioni"

Transcript

1 GIOVEDÌ 20 NOVEMBRE In Italia EURO 1,40 ANNO N > Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano Milano, Via Solferino 28 - Tel Roma, Via Campania 59/C - Tel Una democrazia da rifondare TANTE SPERANZE (QUASI) TRADITE di Ernesto Galli della Loggia Jobs act, legge di Stabilità, Italicum, illazioni sul Quirinale, e poi tutto il resto che ogni giorno ammannisce la politica italiana, fatta di progetti di legge discussi per anni, di sentenze del Tar, di pronunce del Csm, di dibattiti tra i partiti più o meno sempre eguali. Ma non è solo la politica italiana. È questa in genere la politica democratica: fatta di riti un po stucchevoli, di discussioni pompose che preludono di regola a compromessi al ribasso realizzati da figure perlopiù mediocri. E infatti finora è stata più o meno quasi sempre questa la politica anche negli altri Paesi d Europa: in quell Europa dove, non a caso, siede oggi alla testa dell Unione un grigio politicante lussemburghese come Jean-Claude Juncker, abile a restare per decenni al potere tra servizi segreti ed evasori fiscali. Ma almeno nel nostro continente, e qui da noi in modo particolare, tutto l universo storico in cui questa politica delle democrazie grigia e costosa, ma per molto tempo efficace è stata iscritta, scricchiola. Il mito della continua crescita economica non è più che un mito; il lavoro sta cessando di avere un valore coesivo tra individui e strati sociali: aumenta sempre più il divario tra chi ha e chi non ha, così come la differenza tra i destini dei singoli o tra ciò che significa vivere in un luogo o in un altro, mentre la secolarizzazione aggredisce alla radice l intero mondo valoriale e simbolico dei tradizionali rapporti tra gli individui (dalla parentela alla genitorialità). In tutta Europa, insomma, si profila una crisi profonda dai contorni ancora imprecisi ma di sicuro inquietanti. Improvvisamente la democrazia si è trovata davanti un ospite inatteso: la povertà in crescita. Mentre masse sempre più ampie appaiono ideologicamente allo sbando, mentre si afferma dovunque e ad ogni occasione un rabbioso sentimento di rivolta contro le élites. L Italia vede tutti questi fenomeni aggravati dalla congenita inconsistenza, non solo organizzativa, del nostro Stato mangiato dal partitismo, dalle corporazioni, dall ordinamento regionale e dalla malavita, spesso uniti in un unico intreccio corroso dalla sostanziale latitanza della legge. La disintegrazione ormai fisica della Penisola a cui assistiamo in queste ore appare quasi il segno di una metafora e insieme di un presagio. Naturalmente di fronte a tutto ciò c è chi pensa che ogni cosa finirà comunque per aggiustarsi (anche se non si sa come). Ma forse è più ragionevole chiedersi se l Europa che abbiamo conosciuto non sia ormai entrata nella prospettiva di una vera e propria nuova fase storica, segnata tra l altro dai terremoti che dal Medio Oriente all Europa sud orientale, all Africa subsahariana, stanno sconvolgendo tutti gli scenari nelle nostre vicinanze. continua a pagina 32 FONDATO NEL 1876 L antologia La buona letteratura che nasce sui treni di Gian Antonio Stella a pagina 41 I duecento anarchici che agitano Milano Chi sono gli antagonisti degli scontri anti sgomberi. Attentato alla sede dell Aler di Gianni Santucci hi sono gli antagonisti delle C proteste contro gli sgomberi. Ieri attentato nella sede dell Aler, l istituto che gestisce le case popolari. Sempre ieri la fiaccolata per i due residenti arrestati in via Vespri Siciliani, nella guerriglia scattata a difesa degli abusivi. L emergenza raccontata dall inchiesta del Corriere sposa malessere nei quartieri e strategie degli anarchici. alle pagine 22 e 23 con un articolo di Andrea Galli, Cesare Giuzzi IDEE& INCHIESTE IL CONTO INESIGIBILE BOLOGNA, STRAGE DA DUE MILIARDI di Giovanni Bianconi ultimo paradosso della L strage di Bologna è una cifra: due miliardi. È il risarcimento chiesto agli ex terroristi neri Giusva Fioravanti e Francesca Mambro: che però risultano «incapienti». a pagina 24 POSSIBILE RINVIO A GENNAIO I SOLDI ALL ESTERO FRENO SULLA LEGGE di Mario Sensini ischia di slittare all anno R nuovo il provvedimento per il rientro volontario dei capitali detenuti illecitamente all estero: un ritardo che rischia di trasformare la misura in un clamoroso flop. a pagina 11 L incontro Mengoni in cattedra «Io cantautore al tempo della crisi» di Andrea Laffranchi a pagina 45 RETROSCENA IL RISCHIO DI AZIONI DI «LUPI SOLITARI» CHE SI ISPIRANO ALL ISIS Minacce e droni, i timori per il Papa GIANNELLI Servizio Clienti - Tel mail: di Massimo Franco ell agosto del 2014, di ritorno dal suo viaggio in Corea N del Sud, papa Francesco voleva fare tappa in Kurdistan, un area incorniciata tra Siria, Turchia, Iraq e Iran. Aveva intenzione di lanciare anche da lì il suo appello a favore dei cristiani del Medio Oriente massacrati dai fondamentalisti islamici. Ma i servizi segreti lo hanno fermato, elencandogli i pericoli che il cambio di programma avrebbe rappresentato. L episodio riaffiora in questo autunno inoltrato, mentre i timori sulla sua sicurezza si sono impercettibilmente impennati. Forse è solo un riflesso del disorientamento psicologico, oltre che geopolitico, dell Occidente. Sono i filmati degli ostaggi decapitati dai macellai dell Isis, lo Stato islamico che ormai sta superando in crudeltà Al Qaeda; e che, oltre a fare proseliti in Europa, alimenta i timori di un attacco contro il Pontefice che ha unito in preghiera cattolici, ebrei, musulmani e ortodossi. continua alle pagine 2 e 3 con gli articoli di Gian Guido Vecchi e Maria Antonietta Calabrò Cassazione Migliaia i morti per le polveri d amianto. L unico imputato era il miliardario svizzero Schmidheiny Nessuno pagherà per Eternit Prescritta la condanna a 18 anni. Il grido dei familiari contro i giudici: «Vergogna» Stati Uniti Un decreto presidenziale per 5 milioni di stranieri Doppio duello Obama-Congresso su Datagate e immigrazione di Massimo Gaggi rima è giunto lo schiaffo della maggioranza repubblicana al P Senato, che ha bocciato il progetto del presidente per la limitazione della sorveglianza della Nsa (l agenzia di intelligence federale) su traffico telefonico e Internet. Poi è arrivato l annuncio di un «ordine esecutivo» della Casa Bianca: un decreto che oggi realizzerà la legalizzazione, a lungo attesa, di cinque milioni di clandestini. Tra Barack Obama e il Congresso si apre una nuova stagione di sfide e tensioni. a pagina 17 con un commento a pagina 33 AFP / MANDEL NGAN Processo Eternit, la Cassazione ha annullato la sentenza della Corte d appello di Torino del 3 giugno Prescritta la condanna a 18 anni. L unico imputato era il miliardario svizzero Schmidheiny. L ira dei familiari: «Vergogna». alle pagine 5 e 6 Fasano, Imarisio, Piccolillo I FRONTI SCONTRO ANCHE SUI TAGLI ALLA RAI Sciopero generale il 12 dicembre e fischi a Poletti Sciopero generale il 12 dicembre contro Jobs act e legge di Stabilità. La Cgil sposta la data per arrivare alla protesta con la Uil. Non parteciperà la Cisl. Il sindacato di Annamaria Furlan farà lo sciopero del pubblico impiego e altre manifestazioni territoriali. Fischi per il ministro Poletti al congresso Uil. Scontro anche sui tagli alla Rai. a pagina 8 Marro, L. Salvia a pagina 12 Conti MICHAEL CONNELLY

2 2 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera Primo piano La Santa Sede LE MINACCE DELL ISIS CONTRO IL VATICANO Il timore dei «lupi solitari» Innalzata la protezione per il Papa I gendarmi Sono i gendarmi vaticani ad avere il compito di occuparsi della sicurezza sia in piazza San Pietro che fuori, nelle visite di papa Francesco Al vertice della Gendarmeria c è Domenico Giani, un poliziotto italiano, che ricopre il ruolo di ispettore generale SEGUE DALLA PRIMA Così, ai fantasmi dell attentato del turco Ali Agca contro Giovanni Paolo II nel maggio del 1981 proprio in piazza San Pietro, tra la folla, si somma lo spettro di un azione eversiva del fondamentalismo islamico. Il dubbio che possa accadere qualcosa aleggia da quando è diventato Papa. La scelta di vivere a Casa Santa Marta, altamente simbolica, rappresenta un incognita. È un albergo, per quanto unico, e dunque riceve dall esterno forniture di pasta, pane, carne, si fa notare. È un piccolo porto di mare, per quanto super-controllato, separato dall Italia solo dalle mura che danno su via di Porta Cavalleggeri. E dunque, in teoria il pericolo aumenta. Si aggiungano le udienze nelle quali il Papa cerca di incontrare e di intrattenersi con più gente possibile. Auto blindata e agenti in borghese Insomma, qualche motivo di apprensione è giustificato, perché oltre tutto Francesco vive con una punta di insofferenza le misure di sicurezza. Ne sanno qualcosa alla Gendarmeria vaticana, che all inizio ha faticato per convincere il primo pontefice argentino ad accettare un minimo di prevenzione. «Sull auto blindata ci salite voi!». Raccontano che abbia accolto così Le caratteristiche Le potenzialità di un drone acquistabile su Internet Il peso dell oggetto 1-2 kg Altezza massima metri Il telaio La struttura è in fibra di carbonio Il peso che può sostenere 1-1,5 kg Velocità massima km/h Le eliche Molti modelli ne hanno quattro o otto Distanza massima dal pilota metri Corriere della Sera la prima offerta di protezione, peraltro di routine. Durante la visita alla parrocchia di Tor Sapienza, nella periferia romana, a dicembre del 2013, disse dal pulpito: «Se qualcosa vi ha disturbato di questa visita, forse un eccesso di sicurezza, sappiate che io non sono d accordo con quello, sono d accordo con voi». E quando alcuni mesi dopo decise di andare a far visita a un amico protestante a Caserta, in Campania, non fu facile fargli capire che usare l auto invece dell elicottero avrebbe comportato problemi maggiori: Autostrada del Sole congestionata, scorta della polizia, posti di blocco. Alla fine si adattò ad un piccolo elicottero. Non è un papa molto «gestibile», sebbene si sia abituato a convivere con gli imperativi della prevenzione, e ad accettarli. Sembra perfino che i suoi collaboratori a volte scherzino con lui sulle minacce di morte. «Santo Padre, ancora non l hanno ammazzata oggi?», lo apostrofano superando il timore reverenziale che pure incute. «Jorge, ti proteggono abbastanza?», gli gridano i connazionali alle udienze, sotto gli occhi inquieti degli agenti in borghese con l auricolare, disposti strategicamente a distanza intorno a lui anche sul sagrato di piazza San Pietro. Il pontefice ha imposto un modello di religiosità che significa distruzione di qualunque diaframma tra il papa-re ed i suoi sudditi: uno stile che lo ha reso un mito delle folle, e un obiettivo terroristico potenzialmente «facile». La bandiera nera sull obelisco D altronde, Dabiq, la rivista online dell Isis, diffusa da luglio anche in Europa in lingue diverse, a ottobre del 2014 ha messo sulla sua copertina digitale un fotomontaggio. Campeggia un immagine di piazza San Pietro con l obelisco sovrastato dalla sua bandiera nera e il titolo: «La Crociata fallita». L Isis promette di non fermare la Jihad, la Guerra santa dell Islam, «finché non ci troveremo sotto gli alberi di ulivo di Roma ed avremo distrutto quell edificio osceno che si chiama Casa Bianca». Il nome della testata è altamente simbolico. Dabiq è il villaggio siriano dove nel 1516 gli Ottomani sconfissero i Mammalucchi, consolidando l ultimo califfato della storia. E le sue minacce vengono prese sul serio. Nelle ambasciate occidentali a Roma si avverte una certa inquietudine. Tra i diplomatici ci si scambia impressioni che danno corpo agli scenari più foschi. Ma i servizi di sicurezza italiani e vaticani appaiono più cauti. Analizzando la rivista Dabiq, la sensazione dell intelligence è che con i suoi proclami l Isis (acronimo di Islamic State of Iraq and Syria) stia parlando innanzi tutto all interno del mondo musulmano, per Gli allarmi Tra agosto e settembre in diverse occasioni i miliziani dell Isis (il gruppo che si batte per la creazione di un califfato in Medio Oriente) hanno minacciato i cristiani e il Papa. Nella loro rivista online compariva il fotomontaggio di una bandiera nera in piazza San Pietro Il 21 settembre, in occasione della visita in Albania di Francesco, la sicurezza è stata rafforzata con tiratori scelti sui tetti di Tirana per il timore che jihadisti albanesi o kosovari potessero compiere un attentato contro il Pontefice Dal 28 al 30 novembre il Papa andrà in Turchia: un Paese musulmano che potrebbe rappresentare un altra tappa delicata La nomina Per la prima volta un laico guida l AIF Lo svizzero Brülhart nuovo presidente Per la prima volta un laico guiderà l Aif, l Autorità di informazione finanziaria della Santa Sede, cioè l organismo antiriciclaggio vaticano. Papa Francesco, infatti, ha nominato presidente l avvocato svizzero René Brülhart. La promozione di Brülhart, che è direttore dell Aif dal 7 novembre 2012, è il riconoscimento per il lavoro da lui svolto per la costruzione del nuovo sistema di controlli su tutte le attività finanziarie di Oltretevere. Ciò che ha permesso al Vaticano di superare il secondo «esame» del Comitato Moneyval del Consiglio d Europa (dicembre 2013), e la riapertura dei canali di operatività dello Ior con il sistema bancario italiano, il cui primo passo è stato il rientro in Vaticano di 23 milioni di euro sequestrati quattro anni fa dalla Procura di Roma. Brülhart, 42 anni, è uno dei massimi esperti mondiali della lotta all antiriciclaggio e al finanziamento del terrorismo. È stato vicepresidente del Gruppo Egmont, la rete mondiale delle Unità di intelligence finanziaria (Fiu) dal 2010 al 2012 e ha guidato la Fiu del Liechtenstein dal 2004 al La sua nomina a presidente è per un quinquennio. M.Antonietta Calabrò

3 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre 2014 PRIMO PIANO 3 Lo spettro dell attentato di un affiliato europeo Ipotesi di droni usati su San Pietro durante un udienza Cautela dei servizi di sicurezza italiani e d Oltretevere imporre il primato sunnita contro gli odiati sciiti e accreditarsi come unico vero nemico dell Occidente. Ma non esistono indizi di attentati clamorosi in preparazione da parte del gruppo terroristico. L unico timore è che qualche affiliato europeo, per imitazione prepari un azione dimostrativa fai-da-te: magari utilizzando un drone da pilotare su piazza San Pietro durante un udienza. «Per ora», viene spiegato, «il pericolo non è quello di grandi attentati ma dell atomizzazione dell eversione». Il nodo di Santa Marta Sono informazioni simili a quelle che circolano nei centri studi sull antiterrorismo, da Washington a Londra. Sono stati esaminati documenti e rapporti che parlano di minacce al Papa. Ma non sono ancora ritenuti tali da convalidare la tesi di un piano sofisticato in incubazione, o di una minaccia concreta. La sensazione degli analisti è che per ora l Isis concentri i suoi assassinii in Mesopotamia, senza uscire da quei confini religiosi e geografici: sebbene esorti i suoi seguaci europei a colpire, e il numero di terroristi inglesi e francesi «arruolati» Nessuna preoccupazione Il Pontefice non appare per niente turbato dai rischi E non sembra intenzionato a cambiare residenza e abitudini dall organizzazione metta i brividi. Ma il Pontefice continua a fare la vita di sempre. Uno degli aspetti che quanti lavorano con lui sottolineano, è che vuole essere padrone del suo tempo e della sua agenda, geloso della propria libertà. Una volta il cardinale statunitense Timothy Dolan ha spiegato in un intervista che Francesco si dovrà abituare alle restrizioni necessarie per garantire la sua incolumità personale: anche lui ci si era rassegnato quando era capo dei vescovi Usa. Ma non è chiaro quanto il Pontefice si sia adattato davvero a tutto questo. Un cardinale italiano che conosce bene Casa Santa Marta sostiene da tempo che prima o poi potrebbe accadere qualcosa tale da suggerire il trasferimento del Papa nell Appartamento papale nel palazzo apostolico: quello occupato dai predecessori, oggi vuoto anche perché identificato con gli intrighi e gli scandali di Vatileaks: il furto di documenti riservati di Benedetto XVI, compiuto dal suo maggiordomo. Ma Francesco non appare né turbato né spaventato da quanto sta avvenendo. È assillato dalle persecuzioni e le stragi dei cristiani in Medio Oriente, e non smette di ricordare le vittime del terrorismo. Ha appena condannato l ultimo attentato alla sinagoga di Gerusalemme. Ma non si preoccupa per i rischi che corre personalmente; né è intenzionato a cambiare residenza e abitudini. Il quotidiano La Nación di Buenos Aires ha riferito che Juàn Carlos Molina, un prete argentino di un organizzazione che combatte il traffico di droga, la Sedronar, il 12 novembre è stato a colloquio con Francesco per quaranta minuti. Hanno sorseggiato insieme con la cannuccia il mate caldo, l infuso tipico del loro Paese. E Molina ha raccontato di avere detto al Papa, dandogli del tu come fanno molti sacerdoti che lo conoscono dai tempi in cui era arcivescovo di Buenos Aires: «Attento, ti possono ammazzare. Francesco mi ha risposto: È la cosa migliore che mi potrebbe capitare. E anche a te...». Non erano parole rassegnate. Sembrava dire, più semplicemente, che bisogna essere pronti anche al martirio. Massimo Franco In piazza Papa Francesco arriva a bordo della papamobile e circondato dalla sicurezza vaticana in piazza San Pietro poco prima dell udienza generale. Il pontefice non ha mai nascosto la sua insofferenza per le eccessive misure di sicurezza attorno a sé (foto di Donatella Giagnori/Eidon) Il punto Bergoglio al lavoro per preparare il prossimo Sinodo di Gian Guido Vecchi A un mese dalla conclusione del Sinodo sulla famiglia, Francesco è già al lavoro per il grande Sinodo che si riunirà dal 4 al 25 ottobre Il Papa ha presieduto martedì il Consiglio ordinario del Sinodo, composto da quindici cardinali e vescovi, che si è riunito due giorni e ha definito ieri il testo da spedire nelle prossime settimane a tutte le conferenze episcopali del mondo. Alla «Relazione finale» votata dai padri sinodali il 18 ottobre si aggiunge una sorta di questionario, domande e «richieste di approfondimento» rivolte alle diocesi del pianeta. Non c è tempo da perdere. La Relatio accompagnata dalle domande rappresenta i cosiddetti Lineamenta cui le chiese del mondo risponderanno «entro Pasqua», in modo che si possa preparare l Instrumentum laboris, cioè il testo che sarà la base di lavoro al Sinodo La prima «tappa» era già stata preceduta da un questionario rivolto a tutti i fedeli. Il secondo questionario è più contenuto e concentrato sulle discussioni del mese scorso: ciascuna conferenza episcopale deciderà poi come coinvolgere la «base» dei cattolici. Nel voto del 18 ottobre tre paragrafi due sui divorziati e risposati e uno sugli omosessuali avevano ottenuto la maggioranza assoluta ma non quella di due terzi che sarebbe richiesta per l approvazione. Ma il Papa aveva disposto che fossero pubblicati lo stesso nella Relatio finale: la discussione prosegue. Altrettanto significativo è che Francesco abbia confermato per il 2015 sia il relatore generale sia il segretario speciale del Sinodo: il cardinale Péter Erdo e l arcivescovo teologo Bruno Forte. Classique Chronométrie 7727 BREGUET BOUTIQUE VIA MONTENAPOLEONE,19 MILANO /

4 4 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera

5 # Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre Primo piano La sentenza Eternit, prescrizione e condanna annullata La decisione della Cassazione. Sfumano anche i risarcimenti. Guariniello: ora si apre il capitolo omicidi I giudizi Il maxi processo Eternit comincia nel 2009 per trovare i responsabili dei quasi morti e 700 malati a causa del contatto con l amianto tra i dipendenti degli stabilimenti della multinazionale a Casale Monferrato, Cavagnolo, Rubiera e Bagnoli Nel 2012 arriva la sentenza di primo grado che condanna a 16 anni Stephan Schmidheiny, ex presidente del consiglio di amministrazio ne, e Louis de Cartier de Marchienne, direttore dell azienda negli Anni 60 Nel 2013 la pena aumenta di due anni. Nel frattempo, però, de Cartier è morto, lasciando sul banco degli imputati soltanto il miliardario svizzero Schmidheiny ROMA Prescritta. La strage dell Eternit resterà impunita. Si è chiuso così il «processo del secolo» contro il magnate svizzero Stephan Schmidheiny, a capo dell azienda accusato di disastro ambientale per aver esposto i lavoratori all amianto e alla conseguente morte per mesotelioma pleurico. Assolto, tra i fischi e le grida dei familiari di alcune delle oltre 3 mila vittime registrate nei 4 stabilimenti italiani della multinazionale elvetico-belga e tra i cittadini di Casale Monferrato (Alessandria), Cavagnolo (Torino), Rubiera (Reggio Emilia) e Bagnoli (Napoli). «Vergogna», «buffoni», «assassini», hanno L intervista di Giusi Fasano «Dopo le prime parole non sentivo nemmeno più... Sono disgustata, abbattuta». Come prendere un pugno sul ring. Assunta Prato ha ascoltato soltanto metà di quello che ha detto il giudice. Tutto prescritto, tutto annullato. E si è sentita barcollare. A quel punto non c era parola che avesse più senso. «Un colpo nello stomaco, sì. Anzi, in faccia alle nostre lotte di tutti questi anni. Domani troveremo la forza di reagire, ci rimetteremo in piedi e ricominceremo la guerra daccapo. Ma certo adesso...». «Adesso» sono le nove e venti di ieri sera, l ora del verdetto. Mentre i giudici della Cassazione sentono urlare «vergogna» dal fondo dell aula, Assunta pensa a suo marito Paolo Ferraris, morto diciotto anni fa di mesotelioma pleurico. «Aveva 49 anni e non aveva mai messo piede all Eternit...». Sospiro. Il pensiero torna al presente. «Sono incazzata, e scusi se per una volta dico una parolaccia. Ma come si fa ad abbattere anni di battaglie così? E per fortuna che non hanno detto che il fatto non sussiste... A Casale Monferrato c è stata gente che ha costruito fortune sulla pelle di persone che poi sono morte. La città si è svenata per urlato in tanti. Invano. Crolla così il castello costruito dal pm di Torino Guariniello che però assicura: «Il reato c è. Non demordiamo. Ora apriremo il capitolo omicidi». Mentre il magnate assolto dichiara: «L Italia è l unico Paese che vuole risolvere la catastrofe dell amianto attraverso processi. Sarebbe meglio abbandonarlo». È la conferma che nei precedenti gradi di giudizio sono stati violati i principi del giusto processo. Ora basta processi ingiustificati». Sfumano i risarcimenti previsti dalla sentenza di appello per le 983 parti civili: familiari e comunità locali. I 2 18 Anni La pena inflitta a Stephan Schmidheiny in secondo grado 983 Le parti civili (parenti ed enti locali) costituite in processo La protesta I familiari delle vittime dell Eternit ieri davanti alla sede della Cassazione in attesa della sentenza (Eidon) «Mio marito morto a 49 anni Disgustata, ma non mi arrendo» La vedova: ho speso la vita a insegnare il rispetto dell ambiente Ex insegnante Assunta Prato, 63 anni, nel 1996 ha perso il marito bonifiche che non bastano mai. Qualcuno dovrà pur pagare, alla fine». La rabbia di oggi si mescola con i ricordi di ieri: «Rivedo il giorno in cui abbiamo saputo di cosa sarebbe morto Paolo... Lui era assessore regionale al Bilancio e prima di morire si diede da fare per trovare i primi fondi per la bonifica di Casale. Nel tempo, la stessa malattia di Paolo ha portato via tanti amici, conoscenti, vicini di casa... duemila persone soltanto a Casale. Sono davvero tante duemila persone... Quando ho sentito pronunciare quelle parole annullamento, prescrizione sono rimasta annichilita». La signora Prato, madre di tre figli ormai grandi, ha 63 anni e da tre è in pensione dopo una vita passata a insegnare Lettere ai ragazzini delle scuole medie. Da quando suo marito mila parenti che hanno raggiunto un accordo extragiudiziale potranno tenere i compensi. È di 280 milioni di euro la perdita dell Inail, condannata con l Inps a pagare le spese e priva di risarcimento per le prestazioni erogate ai malati. Una strage che continua e dovrebbe avere il suo picco nel Ma che si sarebbe potuta evitare: secondo i processi, le conseguenze dell esposizione all amianto erano note ai vertici Eternit, che però le ignorarono. Resta il monito del sostituto pg della Cassazione, Francesco Iacoviello: «Per reati come le morti per amianto che ha una latenza di decenni, serve un intervento legislativo». Perché a volte «diritto e giustizia vanno da parti opposte». Parole che avevano suscitato l applauso delle parti civili convinte di ascoltare la conferma di condanna a 18 anni per Schmidheiny dal pg definito: «Responsabile di tutte le condotte a lui ascritte». Alla richiesta di assoluzione il sorriso si è trasformato in maschera di dolore indignato: «Reato prescritto». Troppo vecchi i fatti cui faceva riferimento l imputazione di disastro. «Un reato non agganciato alle lesioni e alle morti», aveva evidenziato il difensore del magnate, Franco Coppi. E, secondo il pg, prescritto già dal 1998, 12 anni dopo il fallimento dell azienda. Una tesi che ha convinto anche i giudici della prima sezione penale. Ma non i parenti. «Ma come prescritto se c è gente che sta morendo?», protestavano madri, figli, mogli, mostrando le foto di chi non c è più. Chi piangeva. Chi, con le mani tra i capelli, muto, guardava fisso nel vuoto. Chi, al telefono, gridava per far capire, a un anziana madre in attesa, che giustizia per il figlio perduto non ci sarà mai più: «Non c è un altro giudice, mamma. È finita. È finita per sempre». Virginia Piccolillo morì giurò a se stessa e al mondo che avrebbe lottato per il resto dei suoi giorni contro un nemico invisibile, l amianto. Oggi è un punto di riferimento dell Afeva, (l Associazione familiari vittime amianto) e anche se giura che è «talmente demoralizzata da non aver voglia di far grandi discorsi» una cosa si sente di promettere a nome di tutti: «Non ci arrenderemo mai, in qualche modo andremo avanti, sapremo trasformare il nostro dolore in voglia di reagire». Ci vuole tutta la forza che ha per non piangere: «È durissima. Fa male sentir parlare di prescrizione perché per noi i morti non si prescrivono mai. Abbiamo vissuto e viviamo sotto scacco ogni santo giorno, le conseguenze dei reati di cui stiamo parlando sono ancora lì sotto i nostri occhi, esistono eccome». A scuola, quando insegnava, Assunta aveva fatto in modo che nei suoi alunni crescesse la coscienza del rispetto ambientale, quello che sa convivere con il diritto al lavoro e con lo sviluppo sostenibile. «Io e tanti miei colleghi ci siamo adoperati per sensibilizzare i ragazzi su questi temi. Ricerche, storie, prospettive, interviste, statistiche, idee: abbiamo fatto un lavoro che non ha eguali da nessun altra parte. E io ho anche scritto un fumetto e una fiaba». Il fumetto si intitola «Eternit dissolvenza in bianco», la fiaba «Attenti al polverino». L argomento è sempre quello, le polveri d amianto che contengono le fibre, le stesse che suo marito e tanti altri respirarono, ammalandosi. Alle dieci di sera Assunta torna a casa. È gia tempo di pensare alle prossime lotte: «Faremo una battaglia ad altri livelli, chiederemo che questi reati non si prescrivano mai». Fare, fare e ancora fare. Il nemico è ancora lì in PERCHÉ ACCONTENTARSI DI ESSERE PRECISI QUANDO SI PUÒ ESSERE I PIÙ PRECISI? MASTER TOURBILLON DUALTIME. Calibro Jaeger-LeCoultre 978B con data a scatto brevettata. Vincitore del primo Concorso Internazionale di Cronometria del ventunesimo secolo, tenutosi sotto la supervisione dell Osservatorio di Ginevra, il Calibro Jaeger-LeCoultre 978 vanta una precisione impareggiabile in una nuova cassa in oro rosa dal diametro di 41,5 mm. Il suo regolatore a tourbillon composto da 71 elementi presenta una gabbia ultraleggera in titanio grado 5 e un largo bilanciere a inerzia variabile che batte al ritmo di alternanze all ora. TI MERITI UN VERO OROLOGIO. Boutique: Milano Roma Venezia Per informazioni:

6 6 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera Primo piano L analisi di Marco Imarisio La sentenza L ultima vittima seppellita sabato La sofferenza rimasta senza giustizia A Casale 50 morti solo quest anno. La fabbrica era un sogno, è diventata una maledizione L ultimo è stato seppellito sabato scorso. A salutare Luigino Bozzo nella chiesa di Roncaglia c era la sua famiglia e qualche abitante della frazione più piccola di Casale Monferrato. Faceva il geometra, aveva 58 anni. Il mesotelioma ci ha messo appena tre mesi a farlo annegare nell acqua dei suoi polmoni. Fuori pioveva forte. La bara è stata caricata in fretta sull auto dell impresa funebre. Dieci minuti dopo sul piazzale non c era più nessuno. Quest anno è peggio dell ultimo. Appena metà novembre e siamo già a cinquanta. Al procuratore generale e ai giudici della Cassazione forse non può e non deve interessare. Ma in queste terre belle e sfortunate si continua a morire, come se essere nati da queste parti, aver respirato quest aria sia una condanna destinata prima o poi a diventare esecutiva. La sentenza di ieri fissa invece un punto fermo in una storia che è un continuo e atroce divenire. Ci saranno tutti i crismi di legalità, che dubbio c è, ma le facce della gente che ieri piangeva disperata sulle scale del Palazzaccio romano dovrebbero dire anch esse qualcosa. Molte di quelle persone La «mala polvere» L amianto ricopriva gli operai, veniva spalmato sui vialetti ed era un gioco per i bimbi sono venute a Roma per la prima volta in vita loro, così come in questi anni si sono messe in coda all alba sul corso Valentino per salire sul pullman che le avrebbe portate alle udienze del processo di Torino. Lo hanno fatto perché credevano nella possibilità di quel risarcimento morale che ci ostiniamo a chiamare giustizia dopo aver assistito impotenti alle sofferenze indicibili dei loro figli, delle loro madri e padri. C era Valeria, la figlia di «Pica» Busto, che lavorava in banca e correva sugli argini del Po, come poteva sapere che tutto quel bianco dell acqua e della terra conteneva un veleno che lui inalava. Valeria aveva due anni quando papà se ne andò per sempre, alla vigilia del Natale 88. Sua moglie fece affiggere dei cartelli funebri che dicevano «l inquinamento da amianto lo ha tolto all affetto di chi lo amava», e quel necrologio fu uno schiaffo in faccia a una città che stentava a comprendere il motivo di quelle morti repentine, tutte uguali, tosse secca, dolore appena sotto le scapole, e poi l inutile macelleria chirurgica, persone che tornavano a casa e sembravano spettri, e nessuna speranza, mai. A Casale Monferrato sono morte di amianto tremila persone, senza contare quelle non dichiarate, in ogni paese se ne contano almeno una decina. Più delle vittime del conflitto in Nord Irlanda. La «fabbrica» era arrivata in città nel 1906 portandosi dietro un brevetto innovativo che mischiava fibre di cemento a quelle di amianto, La vicenda L «Eternit» è un marchio di fibrocemento a base amianto che non è più in vendita dal È anche il nome della ditta che lo produceva Venne brevettato dall austriaco Ludwig Hatschek nel 1901 ed è stato ribattezzato con il nome «Eternit» (dal latino aeternitas, eternità) per la sua altissima resistenza. Nel 1902 il commerciante Alois Steinmann acquista la licenza e apre nel 1903, a Niederurnen (Svizzera), la Schweizerische Eternitwerke AG Nel 1907 viene aperto lo stabilimento Eternit di Casale Monferrato (Alessandria): all interno di quello che ai tempi rappresenta il più grande stabilimento del genere in Europa lavorano circa persone I pericoli dell amianto diventano noti negli anni 60, ma si continua a produrlo fino all 86: tra il 92 e il 94 è vietata in Italia l estrazione, l importazione, l esportazione, la vendita e la produzione capace di resistere al tempo e al fuoco. Lo chiamarono Eternit perché era destinato a durare per sempre. Gli abitanti consideravano quello stabilimento di 94 mila metri quadrati come la Fiat di Casale Monferrato, entrarci significava dire addio alla malora, alla vita nei campi. Gli operai morivano, ma erano separati dal resto della città T&CO da quel recinto di cemento in fondo al quartiere del Ronzone. Era meglio non sapere, altrimenti magari la fabbrica chiude, allora erano in tanti a pensarla così. Nel 1969 accadde però che il vento fece un giro strano per molti mesi. In via Roma, il cuore di Casale, morirono sette «civili» in poco tempo. Morì il maestro che aveva insegnato le tabelline a intere generazioni e ieri in aula c erano i suoi figli, uno di loro con la bombola d ossigeno, perché non c è scampo, ti viene a prendere, anche dopo tutto questo tempo. E insomma, si cominciò a capire che stava succedendo qualcosa di mostruoso. La prescrizione decorrerà MILANO VIA DELLA SPIGA, 19/A MILANO EXCELSIOR, GALLERIA DEL CORSO, 4 BOLOGNA GALLERIA CAVOUR, 9/A VERONA VIA MAZZINI, 6 PRESSO EXCELSIOR FIRENZE VIA DE TORNABUONI, 37/R ROMA VIA DEL BABUINO, 118 ROMA VIA COLA DI RIENZO, 173 PRESSO COIN TIFFANY.COM Vittime Sono i morti per tumore causato dall amianto negli stabilimenti Eternit: hanno accettato l indennizzo 700 Malati Sono le persone che si sono ammalate a vario titolo lavorando negli anni Sessanta negli stabilimenti italiani di Eternit 280 Milioni Tanto sono costate all Inail le prestazioni ai lavoratori colpiti da patologie provocate dall amianto. In Italia ci sono ancora 34 mila siti da bonificare: 380 ad alto rischio Protesta Una donna mostra un manifesto con scritto: «Stephan Schmidheiny il vostro posto è in prigione». Un gesto di protesta fatto nel febbraio 2012 mentre era ancora in corso a Torino il processo contro il magnate svizzero dell amianto senza dubbio dal momento in cui Eternit chiuse, nel lontano Ma quelli che conoscono Casale Monferrato e le altre città colpite da questa morte bianca che non conosce prescrizione, sanno che l effetto sarà devastante e allontanerà intere comunità fatte di gente perbene e senza fortuna dalla giustizia. Nel 2000 la fabbrica del Ronzone fu tumulata nel cemento con un operazione uguale a quella fatta con il reattore di Chernobyl. Gli operai si estinsero, o quasi. Ma i «civili», ormai la maggioranza nel pallottoliere dei caduti, hanno continuato a morire nell indifferenza. Poi arrivò Raffaele Guariniello che raccolse le denunce fatte dagli ostinati familiari delle vittime, e per un attimo durato il tempo di due sentenze sembrò davvero che lo Stato facesse la sua parte. Adesso anche questa pare illusione. Il magistrato torinese giura che non si fermerà. In fondo, dice, «è solo prevalsa a sorpresa una diversa interpretazione del concetto di disastro. Ora si ricomincia con l accusa di omicidio doloso». Parole che sembrano frutto della sua preoccupazione per la differenza tra le cose della legge e l enormità di questa vicenda. Le sentenze vanno rispettate. Ma la sensazione che chiude questa giornata è terribile. Sappiamo che il procuratore generale non è tenuto a leggere le parole di un giornalista, ma ci piacerebbe che l avesse fatto. Marco Giorcelli aveva 51 anni. Era il direttore del giornale locale. Aveva una moglie, una figlia, amava girare in bici per le nostre colline. Quando scoprì di essere condannato scrisse il suo ultimo editoriale, tenuto nel cassetto fino a dopo la morte. Non conosciamo modo migliore per chiudere questo articolo. «Provo pena per gli imputati, più che rabbia. Per come hanno negato il senso dell umanità nel nome del profitto, del potere. Certo, noi di Casale Monferrato chiediamo giustizia. Per i nostri morti, per le nostre famiglie sconquassate come se sul nostro cielo si fosse combattuta, nel XX secolo, un altra guerra. Lunghissima, estenuante. E senza possibilità di difenderci. Un crimine contro l umanità».

7 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre

8 8 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera Primo piano Il lavoro Sciopero generale il 12 dicembre Poletti non parla sul palco Uil: è scontro Via libera al Jobs act in commissione. Tra un mese forse il primo decreto attuativo Congresso Il segretario generale della Cisl Annamaria Furlan, 56 anni, e il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, che ieri ha compiuto 63 anni, al XVI congresso della Uil a Roma (foto Lanni) ROMA Dopo l accusa arrivata dagli ultrà renziani sul «ponte è servito», la Cgil sposta la data dello sciopero generale contro il Jobs act e la legge di Stabilità, per farlo insieme con la Uil. Non più il 5 dicembre, il venerdì prima dell Immacolata, ma una settimana dopo, il 12. Data concordata ieri mattina tra i due segretari generali. C era anche quello della Cisl, che però ha confermato che non parteciperà. Il sindacato di Annamaria Furlan farà solo lo sciopero del pubblico impiego, il primo dicembre, più una serie di manifestazioni territoriali nei tre giorni successivi. Messe a posto tutte le date sul calendario, l adesione allo sciopero costa al segretario in pectore della Uil, Carmelo Barbagallo che venerdì prenderà il posto di Luigi Angeletti, il primo scontro con il governo. Proprio al congresso della Uil, cominciato ieri, doveva parlare anche Giuliano Poletti. Ma visto il «mutato contesto» il ministro del Lavoro decide di non salire sul palco. In sala viene letto un suo messaggio fischiato dalla platea, innescando uno scambio di convenevoli che prosegue fino a sera. «Ho l impressione che in questo governo non ci sia nessun ministro che abbia libertà di parlare», attacca il prossimo segretario della Uil Barbagallo. «Dopo il rispetto mostrato ad un importante organizzazione dei lavoratori, mi aspetterei analogo rispetto e garbo dai suoi massimi dirigenti», risponde Poletti provando a chiudere lo strappo senza riuscirci. «Forse voleva festeggiare il suo compleanno», ironizza Paolo Pirani ancora per la Uil. Il clima resta teso anche tra governo e Cgil: «Ci rassegniamo e aspettiamo?», si chiede il segretario Susanna Camusso, «non è la scelta che può fare un sindacato perché significherebbe essere parte del problema». Mentre la Cisl si difende: «Non ci siamo sfilati perché non abbiamo mai valutato di aderire», dice Furlan. In attesa dello sciopero, ieri la commissione Lavoro della Camera ha concluso l esame del Jobs act. Oggi l ultimo atto, con il mandato al relatore Cesare Damiano (Pd), prima del dibattito in Aula che comincerà domani e si dovrebbe chiudere anche prima della scadenza fissata al 26 novembre. Sarà poi necessario tornare al Senato dove però il presidente della commissione Lavoro Maurizio «Sui licenziamenti si segue la nostra linea Fu Bersani a frenarci» Fornero: ma per i disciplinari la scelta è sbagliata ROMA Professoressa Elsa Fornero, a inizio ottobre, dopo il via libera al Jobs Act al Senato, aveva dato 18 a Matteo Renzi. Adesso che voto gli dà? «Dal 18 siamo passati al 20. In particolare per il coraggio e la determinazione che ha dimostrato, anche in Europa, per abbassare le tasse sul lavoro». E sull articolo 18, invece? «Sui licenziamenti economici mi pare il proseguimento del percorso che avevamo tracciato noi. Nella sua formulazione originaria anche la nostra riforma cancellava il reintegro. Fu poi per insistenza di Bersani, e con l esplicito accordo di Casini e Alfano, che inserimmo quella formula che permette il reintegro solo quando il motivo economico è manifestamente insussistente. Ma già adesso chi vince una causa ottiene quasi sempre un indennità. Non cambia molto». Chi è Elsa Fornero, 66 anni, economista dell università di Torino, è stata il ministro al Lavoro del governo Monti e ha firmato una riforma del mercato del lavoro oggi in via di superamento La vera battaglia è stata sui licenziamenti disciplinari. «Sì, e la soluzione trovata mi sembra rischi di essere in parte sbagliata e in parte illusoria». Perché sbagliata? «Il governo vorrebbe sostanzialmente abolire la discrezionalità del giudice. Ma, così come ci sono lavoratori che si comportano male, ci possono essere anche datori di lavoro che si comportano male. E se c è una controversia a decidere deve essere un terzo. Non vedo chi se non un magistrato». L idea del governo, però, è che il reintegro scatti solo se l azienda accusa il lavoratore di un reato falso. «In questo temo che la soluzione trovata possa essere illusoria. Il margine di discrezionalità che si mette fuori dalla porta potrebbe rientrare dalla finestra. La questione non è così semplice come sembra». I punti Via l articolo 18 con due eccezioni 1Il Jobs act cancella l articolo 18, il diritto al reintegro sul posto di lavoro in caso di licenziamento senza giusta causa. Restano due eccezioni, che riguardano i licenziamenti discriminatori e quelli disciplinari. Il reintegro resta se l allontanamento dal posto di lavoro è dovuto a motivi basati sul credo politico o sulla fede religiosa I licenziamenti disciplinari 2Il diritto a essere reintegrati sul posto di lavoro resta anche per i licenziamenti disciplinari immotivati, quando cioè l infrazione contestata non sussiste, ma solo per «specifiche fattispecie». Questi casi specifici saranno definiti nei decreti attuativi che riempiranno di contenuti la legge delega sul lavoro L indennizzo negli altri casi 3A parte questi due limiti, non è previsto il reintegro in caso di licenziamento senza giusta causa, ma un indennizzo economico: sarà «certo e crescente con l anzianità di servizio» del lavoratore. Sarà l indennizzo la tutela, quindi, in caso di licenziamenti economici, legati cioè all andamento delle aziende Tempi certi per i ricorsi 4Nella legge delega si specifica che le norme attuative devono «prevedere tempi certi per l impugnazione del licenziamento». Oggi il limite è di 60 giorni. Potrebbe essere ridotto a 30, ma allo studio c è una procedura espressa per agevolare le conciliazioni con l azienda Sacconi (Ncd) assicura un esame rapidissimo. Già a metà dicembre il governo potrebbe portare in Consiglio dei ministri il primo decreto attuativo della riforma, quello che definirà le «specifiche fattispecie» di licenziamento disciplinare ingiustificato che potranno portare al reintegro nel posto di lavoro. L ipotesi è sempre quella di limitarsi al caso del lavoratore che viene licenziato sulla base di un reato che poi si rivela falso. Ma se il meccanismo dovesse dimostrarsi troppo complicato, resta in piedi l ipotesi B: consentire all azienda di scegliere l indennizzo anche quando il giudice dispone il reintegro, pagando però una somma più alta. L. Sal. Dicono tutti di aver vinto. «Non mi sorprende. Il merito interessa molto meno del riflesso politico. Non credo che ci sia un solo imprenditore, italiano o straniero, che non assuma perché ha il problema dell articolo 18, così come cambiato da noi. È solo un simbolo sul quale mettere la bandiera». Il governo ripete che le nuove regole valgono solo per i nuovi assunti. Per chi ha un contratto non cambia nulla. Sarà davvero così? «Credo che nel medio termine le nuove regole saranno applicate a tutti. So bene che l impostazione è dire si comincia e poi si estende. Ma, se si ritengono migliori queste norme, bisognerebbe avere il coraggio di dire che le modifiche riguarderanno tutti i lavoratori privati, anche quelli già assunti. E, perché no, anche i dipendenti pubblici. Altrimenti si perpetuano le diseguaglianze». Lo sciopero dei sindacati? «Una risposta politica ad un impostazione politica del problema. Anche loro giocano sul piano del vinco io lasciando perdere il merito». E il ministro Poletti che non parla dal palco della Uil? «Non voglio dare giudizi sulle scelte altrui. Posso solo dire di non aver mai rifiutato il dialogo, nemmeno quando sapevo di avere interlocutori ostili». Lorenzo Salvia lorenzosalvia Divisi Sciopero Cgil e Uil hanno proclamato lo sciopero generale, contro le politiche del governo, il 12 dicembre (nelle foto in alto i segretari della Cgil, Susanna Camusso, e della Uil, Carmelo Barbagallo, che prenderà la guida del sindacato dopo le dimissioni di Luigi Angeletti). Il fronte sindacale è diviso: si è smarcata la Cisl, che ha indetto uno sciopero solo del pubblico impiego per il 1 dicembre Pagelle Il mio voto al premier? Dal 18 siamo passati al 20 per il coraggio dimostrato anche in Europa Assunzioni Non c è un solo imprenditore che non assuma per l articolo 18 così come cambiato da noi Il caso Quelle parole di Squinzi sullo stop sindacale di Enrico Marro «Con i bassi livelli di attività che abbiamo nell industria, forse è un vantaggio». Così ieri mattina il presidente di Confindustria rispondendo ai giornalisti sugli effetti dello sciopero generale del 12 dicembre. Una gaffe, una battuta, una provocazione? Forse c è anche questo nella risposta istintiva di Giorgio Squinzi, ma probabilmente anche un fondo di verità, da parte di uno che le imprese le conosce bene. È il paradosso dello sciopero in tempi di recessione. Anziché danneggiare le imprese può finire per aiutarle. Se a ciò si aggiunge che sullo sciopero il sindacato è diviso, con la Cisl che non parteciperà al fermo indetto da Cgil e Uil, l arma appare davvero spuntata. Giampaolo Galli, che da capo economista e direttore generale di Confindustria di scioperi generali ne ha visti tanti, e che dal 2013 è deputato del Pd, conferma: «Lo sciopero crea molto danno quando la domanda tira e l impresa rischia di perdere clienti. Ora, invece, in certe aziende e in alcuni settori potrebbe esserci un vantaggio. In ogni caso non creerà grandi problemi al sistema produttivo, anche perché credo che la partecipazione dei lavoratori sarà molto bassa perché le motivazioni dello sciopero sono debolissime». Più possibilista è invece Paolo Agnelli, imprenditore bergamasco a capo di un gruppo leader nella lavorazione dell alluminio con circa 300 dipendenti e presidente di Confimi, associazione di piccole e medie imprese manifatturiere: «Credo che per i sindacati sia uno sciopero obbligato. Un rito necessario per non dare l idea ai loro tesserati che si possa subire passivamente la modifica dell articolo 18 sui licenziamenti. Ma per le aziende, in un momento come questo, un giorno in meno di lavoro non è certo un problema». I più danneggiati, saranno invece i lavoratori, che perderanno un giorno di paga. Non ha dubbi Alberto Bombassei, ex vicepresidente di Confindustria e ora deputato di Scelta Civica: «Uno sciopero non è mai un vantaggio, è sempre una sconfitta, e per tutti. In questo caso però, più che in passato, danneggia in modo particolare i lavoratori. Il sindacato deve capire che le trattative, e magari anche gli scioperi, si fanno nelle aziende. E si fanno su aspetti concreti, su ciò che riguarda la produttività e la qualità del lavoro e non su principi, importanti in passato, ma superati dalla storia. In molte aziende succede già ma forse i leader nazionali non se ne sono accorti».

9 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre Primo piano Il retroscena Renzi e la scelta di affrontare le contestazioni di Maria Teresa Meli ROMA «Questo giochetto mi ha rotto le scatole»: Matteo Renzi è un tipo che va per le spicce, e quando affida ai collaboratori i suoi pensieri, è ancora più esplicito. Al ritorno dall Australia, il premier ha trovato una situazione immutata, sotto un certo punto di vista. Il sindacato, secondo lui, «continua ad avere un atteggiamento pregiudiziale: dice solo dei no». E nel frattempo vengono organizzate o minacciate manifestazioni di protesta contro di lui un po in tutta Italia. Anche oggi in Emilia, dove il premier si appresta a chiudere la campagna elettorale. Centri sociali o sindacati che siano, la pressione su Renzi è forte. E al premier si imputa anche il fatto di non essere accorso nelle zone d Italia travolte dal maltempo. Tutto questo a una manciata di giorni da una tornata elettorale in Emilia e in Calabria. Renzi è convinto che non sia un caso. E testardo com è è pronto a prendersi fischi e insulti, ma oggi visiterà lo stesso le imprese dell Emilia e gli amministratori dei comuni alluvionati di quella ragione. Accetta la sfida e rilancia: «Non ho paura delle contestazioni. Se qualcuno spera di tenermi rinchiuso a Palazzo Chigi si sbaglia di grosso. Io non rinuncio a girare per l Italia». E poi Renzi non rinuncerebbe per nulla al mondo a questo giro elettorale, anche perché la prima tappa del suo tour sarà Parma, dove sarà ospite del sindaco Pizzarotti, cinque stelle in odore di scomunica. È un occasione più che ghiotta, per chi intende impostare la campagna elettorale esattamente come quella delle europee: «Noi siamo la speranza contro la rabbia». Allora quella fu la carta vincente: di fronte al Grillo urlante, gli italiani preferirono il Renzi che prefigurava un Paese diverso. Ora i focolai della rabbia si sono estesi. C è la Lega, che cresce, c è la Cgil, che si è schierata contro il premier e alla quale il premier continua a non concedere niente. Riuscirà Renzi a fare il bis delle europee? Sulle percentuali del Pd è più che tranquillo. Il problema è un altro: si allargherà o no il fenomeno dell astensionismo? Lo stesso problema si presenterà nelle regionali 2015, con la differenza che lì bisognerà anche sedare i litigi nel Pd. Tant è vero che si pensa di offrire la candidatura alla leadership della Campania a un esponente Ncd e di presentare in quella regione una coalizione identica a quella che attualmente regge il governo nazionale. Le riforme La vicenda Berlusconi, che incontra Renzi il 12 novembre, conferma l impegno di FI su riforme e Italicum, ma critica le richieste di modifica del premier Nel partito cresce il malumore contro la linea morbida verso Renzi. Il leader di FI ricuce con l ala Fitto e annuncia un opposizione più decisa alle politiche del governo Berlusconi si smarca con il «No tax day»: in campo alla grande Il leader di FI: opposizione sul fronte economico 130 parlamentari formano i gruppi di Forza Italia, di cui 70 alla Camera e 60 a Palazzo Madama ROMA Che il clima sia «cambiato» dopo la «forzatura di Renzi» che ha costretto Berlusconi a scendere a patti con chi lo sfidava nel partito, a presentarsi battendo i tacchi all incontro a Palazzo Chigi e a dargli un via libera generico sulle riforme riconfermando il Nazareno, in Forza Italia lo dicono in tanti. E così, la lettera inviata ieri ai suoi parlamentari e ai suoi elettori, con la quale invita alla mobilitazione per il «No tax day» del weekend del 29 e 30 novembre (la prima di una serie di manifestazioni) e all opposizione contro le politiche economiche del governo, non arriva a sorpresa. Era annunciata la missiva del Cavaliere, che è ancora ricoverato a Milano per l uveite ma che domani tornerà a Cesano Boscone. E in parte era anche scontata: si contestano le politiche che hanno portato a più tasse sulla casa e non solo, come si criticano le decisioni di Renzi che si è mosso «a favore del proprio elettorato di riferimento», «tartassando» tutte le Il dibattito nel Movimento M5S, caso scontrini: 19 nel mirino (e.bu.) Dovevano affrontare il caso dei «ritardatari», ieri, i parlamentari 5 Stelle: in 19 nel Movimento di Beppe Grillo (foto) non sono in regola con il rendiconto dello stipendio (e delle quote restituite). E si parla anche di espulsioni. altre categorie. Ma c è un di più che non è passato inosservato: è quando Berlusconi specifica che la mobilitazione del No tax day «servirà a dare un segnale chiaro della nostra opposizione alle politiche economiche e fiscali del governo». E quando, alla fine, fa capire che sta davvero per rientrare sulla scena con tutto il suo peso: «Tra poco torno in campo, innocente e alla grande». Non significa che stiano per saltare gli accordi di collaborazione siglati con Renzi. Non ora, comunque. Ma significa certamente che il clima idilliaco degli scorsi mesi, complici anche i prossimi appuntamenti elettorali, è venuto meno. All ex premier non è piaciuto come Renzi abbia cercato di metterlo in riga sulle riforme, come abbia forzato la mano anche imponendo modifiche alla legge elettorale non gradite. E Berlusconi ha cominciato a notare crepe nello «stellone» del premier, che «perde consensi», non «doma» l opposizione interna e sembra dice «in affanno e nervoso». Per questo diventa una sorta di prova del nove il cammino Legge elettorale Mani libere sul punto indigesto dell Italicum: premio alla lista e non alla coalizione della legge elettorale, solo apparentemente scontato. Ieri FI ha votato con la maggioranza l ok al testo base in commissione, ma ha drizzato le antenne (come tutti gli altri che non vogliono rischiare il voto anticipato) quando la presidente della commissione e relatrice Anna Finocchiaro ha dato ragione all ex presidente della Consulta, Silvestri, che avvertiva come sarebbe impossibile varare una legge elettorale valida solo per la Camera e non per il Senato, almeno finché questo resterà in carica. Un ovvietà in teoria, ma non in pratica: perché se si prevedesse una soluzione anche per il Senato, una volta varato l Italicum si potrebbe andare a votare in qualsiasi momento, al di là di qualsiasi rassicurazione sul prosieguo della legislatura che Renzi si è già affannato a dare ai suoi alleati come a FI. E quindi si annuncia complicato il cammino della legge, sulla quale gli azzurri si tengono le mani libere almeno sul punto che meno condividono, quello del premio alla lista e non alla coalizione. Un cammino che risentirà anche dei risultati del voto delle Regionali di domenica: un tracollo eventuale di FI ai danni della Lega in Emilia e degli avversari in Calabria indebolirebbe ulteriormente il patto del Nazareno. Paola Di Caro

10 10 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera Primo piano La legge di Stabilità Bonus bebè di 80 euro ai redditi più bassi Incentivi raddoppiati per i macchinari, prorogata la compensazione tra i crediti e i debiti fiscali Attesa lunedì la lettera di Bruxelles: verrebbe evitata la bocciatura ma resta la questione debito alto La vicenda La legge di Stabilità è all esame della commissione Bilancio della Camera in vista del passaggio all aula di Montecitorio Tra le novità ancora da discutere si segnala la proposta del governo per consentire la pensione con le regole precedenti la riforma Fornero agli insegnanti a «quota 96», ossia coloro che avevano compiuto 60 anni nel 2012 e raggiunto 36 anni di contributi ROMA Bonus bebè solo ai redditi più bassi, raddoppio degli incentivi per l acquisto dei macchinari industriali, proroga della compensazione tra i debiti fiscali e i crediti verso la Pubblica amministrazione. Sono queste alcune delle novità della legge di Stabilità introdotte dagli emendamenti approvati ieri nella commissione Bilancio della Camera, presieduta da Francesco Boccia. Non sono passate invece le proposte di riduzione della tassazione del Tfr (trattamento di fine rapporto) in busta paga e quelle, sostenute dalla sinistra del Pd e da Sel, che tendevano a agganciare il bonus Irpef da 80 euro all Isee, l indicatore della situazione economica. «Può darsi che il bonus sia nato per motivi elettorali ha ammesso ieri il viceministro all Economia, Enrico Morando ma ora lo stabilizziamo». Senza ulteriori modifiche. L esame europeo Intanto da Bruxelles filtrano indiscrezioni incoraggianti circa il giudizio sulla manovra che sarà validato lunedì: «Il tema del debito c è, ma la Commissione Ue al momento è orientata ad una apertura di credito» per l Italia «in attesa di valutare l impatto delle riforme», apprendeva ieri l Ansa da fonti Come cambia la legge di Stabilità Cambia il bonus bebè 1Il governo, per bocca del viceministro Morando, si è detto disponibile a «modificare parzialmente la struttura del bonus bebè» per renderlo «più efficace per i minori poverissimi o in povertà assoluta». Tra le novità attese nelle prossime ore il pacchetto del governo per i comuni dopo le proteste dei sindaci sui tagli e la definizione del nodo previdenziale per gli insegnanti con i requisiti per il ritiro prima della riforma Fornero europee. La messa a punto degli emendamenti governativi ieri pomeriggio è stata oggetto di un confronto tra il premier Matteo Renzi e il ministro dell Economia, Pier Carlo Padoan, tra questi c è il pacchetto di interventi richiesto dai Comuni per abbassare l impatto della manovra sui loro conti. Se invece nulla cambiasse, nel bilancio del Comune di Firenze si determinerebbe «un ammanco di 50 milioni» ha detto ieri il sindaco Dario Nardella, già braccio destro di Renzi. Il governo, per bocca di Morando, si è detto disponibile a Incentivi per i macchinari 2Sarebbe considerato realizzabile il raddoppio del plafond della nuova legge Sabatini, destinata a favorire l acquisto di macchinari aziendali. Il decreto del Fare del 2013 aveva previsto fondi per 2,5 miliardi che salirebbero a cinque. C è già via libera invece per la proroga a tutto il 2015 della possibilità per le imprese di compensare i debiti fiscali con i crediti nei confronti della Pubblica amministrazione Tfr, salta la detassazione 3Non sono passate le proposte di riduzione della tassazione del Tfr (trattamento di fine rapporto) in busta paga e quelle, sostenute dalla sinistra del Pd e da Sel, che tendevano ad agganciare il bonus Irpef da 80 euro all Isee, l indicatore della situazione economica. Salta anche la soglia di euro al di sotto della quale oggi, in caso di ricorso al giudice di pace per le cause di conciliazione, non si pagano le notifiche richieste agli ufficiali giudiziari «modificare parzialmente la struttura del bonus bebè in rapporto all esigenza di renderlo più efficace per i minori poverissimi o in povertà assoluta», come proposto dalla sinistra del Pd. Bis per gli incentivi Sarebbe ormai considerato realizzabile il raddoppio del plafond della nuova legge Sabatini, destinata a favorire l acquisto di macchinari aziendali. Il decreto del Fare del 2013 aveva previsto fondi per 2,5 miliardi che salirebbero a cinque. È già via libera invece per la proroga a tutto il 2015 della possibilità per le imprese di compensare i debiti fiscali con i crediti nei confronti della Pubblica amministrazione, secondo un emendamento del M5S. Salta la soglia di euro al di sotto della quale oggi, in caso di ricorso al giudice di pace per le cause di conciliazione, non si pagano le notifiche richieste agli ufficiali giudiziari, nonché i diritti e le indennità di trasferta, che saranno ora a carico di chi fa causa. Un altro tema oggetto di polemiche ricorrenti ieri ha avuto un esito interlocutorio: sono 133 per cento la percentuale di debito pubblico rispetto al Pil stati ammessi alla discussione dal governo gli emendamenti che consentono di andare in pensione con le regole vigenti prima della riforma Fornero per gli insegnanti «quota 96». «La maggioranza ha detto Morando dovrà decidere se affrontare la spesa di 157 milioni l anno» per questo intervento. La discussione riprenderà oggi ed è possibile che il governo riveli il pacchetto per i Comuni mentre per eventuali modifiche su Tfr e fondi pensione bisognerà aspettare il passaggio in Senato, quando il via libera di Bruxelles sarà (si spera) arrivato. Vendita delle Fs Ieri il ministro Padoan e quello dei Trasporti, Maurizio Lupi, hanno annunciato la partenza dell iter per la privatizzazione delle Ferrovie dello Stato con la costituzione di un gruppo di lavoro congiunto tra i ministeri e Fs. A breve potrebbe essere nominato un advisor, ma intanto Padoan avrebbe chiesto all amministratore delegato di Fs, Michele Elia, di predisporre tutta la documentazione necessaria all approfondimento. La privatizzazione in ogni caso non dovrebbe partire prima del Antonella Baccaro La deflazione Rossi (Bankitalia): senza l euro Paese a rischio collasso shop.swatch.it Il profilo Salvatore Rossi, 65 anni, direttore generale della Banca d Italia e presidente dell istituto per la vigilanza sulle assicurazioni. Membro del comitato del Fondo strategico italiano e del board della fondazione Giovanni Agnelli. In via Nazionale ha ricoperto anche il ruolo di responsabile del Servizio Studi MILANO «L area euro è sull orlo della deflazione» e l andamento dei prezzi, allo 0,4% a ottobre, rischia «di disancorare le aspettative di inflazione a lungo termine», tanto che «la credibilità della banca centrale nel cogliere l obiettivo della stabilità dei prezzi è chiamata in causa». Lo ha detto il direttore generale della Banca d Italia, Salvatore Rossi, all università di Verona. L obiettivo della Banca centrale europea un aumento dei prezzi nel medio periodo di quasi il 2% appare oggi quindi lontano. Tanto che lo scorso lunedì il presidente della Bce, Mario Draghi, ha parlato esplicitamente della possibilità di acquistare titoli di Stato. Ieri, poi, a Francoforte si è tenuto il periodico consiglio direttivo dell Authority. «Uscire dalla moneta unica ha continuato ieri Rossi significherebbe far collassare l economia italiana, equivarrebbe ad una guerra nucleare». Resta però il fatto che «la stessa Banca d Italia ha aggiunto il direttore generale aveva previsto una piccola ripresa per il secondo trimestre 2014 ma questa non c è stata, poi per il terzo trimestre e pure non c era e l ha fatto anche il quarto trimestre 2014 e qui vedremo i risultati. Siamo quindi di fronte ad uno slittamento in avanti rispetto alle previsioni». Inoltre, «la crisi dei debiti sovrani ha risvegliato un mostro dormiente in Europa: la diffidenza fra nazioni. È il frutto avvelenato della crisi». E «il problema vero sta nell essere l euro una moneta senza Stato». Per Rossi, comunque, le misure della Bce degli ultimi anni hanno avuto un effetto sul Pil italiano di «poco meno di tre punti percentuali nel biennio ». Tuttavia, ha aggiunto, «l incompletezza dell integrazione europea può compromettere la politica monetaria: ne ostacola la trasmissione tra i Paesi dell area, mina l indipendenza funzionale della banca centrale». Intanto il «New York Times» è tornato sul ruolo della Bce durante la crisi bancaria a Cipro, sostenendo che l Authority potrebbe aver sfidato le proprie regole: scenario respinto da Francoforte. Giovanni Stringa

11 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre 2014 PRIMO PIANO 11 Scenari Il giudizio (rivisto) dell Europa e il test riforme di Luigi Offeddu Il giorno del giudizio, pare, verrà lunedì. Ma quel giudizio sarà sfumato, o sospeso a metà: molto probabilmente, la Commissione europea guidata da Jean-Claude Juncker non infliggerà alla legge di Stabilità italiana la bocciatura temuta o profetizzata da tanti. Così dicono varie fonti ufficiose a Bruxelles. Sarà piuttosto un «ni», un assoluzione per insufficienza di prove, in attesa che Bruxelles valuti fra qualche mese l esito delle riforme preannunciate da Matteo Renzi. Non mancheranno le richieste di ulteriori ritocchi, e anche di qualche correzione in profondità: specialmente nella lotta al debito pubblico, che la Commissione evidenzierà come il pericolo più grave per la stabilità del Paese. Ma la manovra, almeno per ora, non dovrebbe essere rispedita al mittente. Che cosa è successo? Solo un mese fa, la bocciatura dell Italia era data quasi per scontata. Come del resto quella della legge di Stabilità francese, con il suo deficit sfrecciante come una cometa. Le ipotesi sono due: dopo il caso «LuxLeaks» e le accuse ai governi lussemburghesi di cui Juncker fu primo ministro, quello stesso Juncker indebolito avrebbe trattato con Renzi al G20 di Brisbane, e optato per una prudente frenata; oppure, lontano dalle dietrologie, con la recessione che per la terza volta torna a scuotere l Ue, Juncker avrebbe scelto l uniforme del pompiere d accordo con la stessa regina del rigore, Angela Merkel. Così Francia e Italia, nella confusione generale, si preparano forse a seppellire il Fiscal Compact, il verbo di Angela. Fisco e rientro di capitali Scudi fiscali Dati in miliardi di euro capitali emersi incasso del Fisco 2 5,6 Fonte: Tax Research Uk L iter Il disegno di legge è stato approvato dalla Camera il 16 ottobre e oggi è in discussione al Senato, sia in commissione Finanze, sia in commissione Giustizia Si va verso nuove modifiche, per cui il ritorno del disegno di legge alla Camera appare inevitabile Il cammino parlamentare del provvedimento s intreccia con quello della Stabilità 2015, che ha la precedenza Le quote pagate Le stime dell evasione Valore del sommerso 5 5/7% Gettito fiscale perduto in Italia Dati in miliardi di euro Tasse perse , ,5% DEL CAPITALE 418,2 Rientro dei capitali a rischio Ai conti mancano 4 miliardi Il testo tornerà alla Camera, possibile slittamento oltre gennaio 77 miliardi I capitali rientrati con lo scudo fiscale del miliardi I capitali rientrati con lo scudo fiscale del La fabbrica Thyssen Krupp Per Ast Terni negoziato in stallo sugli esuberi La Fiom: non firmeremo mai per i licenziamenti ROMA Dopo giorni e notti di trattative ad oltranza al ministero dello Sviluppo Economico (Mise), si è arenata sul nodo esuberi la vertenza sull azienda siderurgica Ast di Terni, che fa parte della tedesca Thyssen Krupp. Ieri mattina i sindacati, i vertici dell Ast e il ministro Federica Guidi hanno proseguito il confronto sul piano industriale sul quale pesano 291 esuberi. Divergenze anche sul tema dei salari. «Non firmeremo mai i licenziamenti annuncia in una pausa delle riunioni Rosario Rappa della Fiom Cgil. Un conto è la mobilità su base volontaria, un conto è licenziare». Al tavolo il management dell acciaieria ha proposto, in una prima bozza di accordo, la possibilità di esuberi strutturali che potrebbero ROMA Il rientro volontario dei capitali detenuti illecitamente all estero rischia seriamente di slittare all anno nuovo. E di perdere mordente, visto che dal primo gennaio, tra tutti i Paesi europei, compreso il Lussemburgo, e la Svizzera, scatta lo scambio automatico di informazioni tra le autorità fiscali. La speranza del governo di fare il «pieno» di capitali rimpatriati entro la fine dell anno, prima che scatti il nuovo regime europeo, nonostante le banche abbiano già predisposto moltissime pratiche e l attesa sia altissima, è sempre più remota. Il progetto, partorito dal governo due anni fa e dal quale si attendono forti entrate una tantum (almeno 3-4 miliardi) e in seguito strutturali, procede con forte ritardo. Il provvedimento è stato approvato dalla Camera il 16 ottobre e ora è in discussione al Senato, sia in commissione Finanze che in commissione Giustizia. Nonostante il difficile compromesso raggiunto a Montecitorio si prospettano modifiche, per cui il ritorno del disegno di legge alla Camera appare inevitabile. Il cammino del provvedimento, per giunta, si intreccia con quello della legge di Stabilità 2015, che ha ovviamente la precedenza. Rendendo ancora più difficile l approvazione della legge in tempo utile per far scattare la «voluntary disclosure» entro fine anno. Da gennaio 2015, poi, il rientro agevolato dei capitali dall estero, con il pagamento delle tasse arretrate ma con sanzioni molto ridotte, avrà anche un «concorrente» nel nuovo ravvedimento operoso previsto dalla legge di Stabilità. Per i casi più semplici, per riportare i capitali in Italia, potrebbe convenire fare una dichiarazione integrativa con i redditi maturati all estero in tutti i periodi d imposta che possono essere ancora soggetti ad accertamenti da parte del Fisco. La «voluntary disclosure» resta l unica alternativa quando i beni esteri da rimpatriare sono proventi di reati penali, come quelli tributari o l autoriciclaggio, il reato che viene introdotto dallo stesso provvedimento, che diventano non punibili se il meccanismo di autodenuncia viene attivato, secondo il testo attuale, entro il 15 settembre Ma sulla non punibilità di alcuni reati, il funzionamento dei meccanismi di garanzia, e sulla stessa definizione di autoriciclaggio, che molti non ritengono chiara a sufficienza, il Senato potrebbe intervenire ancora. I problemi aperti sono ancora molti. C è quello dell insanabilità dell evasione Iva, che è un tributo comunitario, ed i essere individuati tra i lavoratori in cassa integrazione, al termine dei primi due anni di rilancio dello stabilimento ternano. «I negoziati in questo momento sono in una fase di stallo osserva Rappa nel pomeriggio. Possono precipitare così come possono riprendere quota. Abbiamo fatto delle proposte, stiamo aspettando le risposte. Poi decideremo il da farsi». In serata, dopo qualche passo in avanti sull integrativo aziendale, la speranza di un accordo è sfumata durante un nuovo incontro tra il ministro Guidi, l ad di Ast Lucia Morselli e i sindacati che hanno bocciato le proposte che riguardavano gli esuberi presentate dai vertici dell azienda. Francesco Di Frischia 180,2 Corriere della Sera relativi profili penali. C è un problema sulla regolarizzazione delle società italiane che potrebbe non procedere parallelamente all eventuale regolarizzazione dei beni dei suoi soci. C è anche il rischio che l operazione diventi un massacro fiscale per i contribuenti, perché allo stato attuale il Fisco non riconosce la detraibilità di eventuali tasse pagate all estero sui capitali nascosti. E la definizione stessa dell autoriciclaggio come reato non convince tutti: secondo alcuni la formula attuale, definita dopo una lunga trattativa tra Economia, Giustizia e Presidenza del Consiglio, rischia di essere inapplicabile, o quanto meno di prestarsi ad interpretazioni soggettive. «Valuteremo emendamenti migliorativi sull autoriciclaggio, su cui la commissione Giustizia ha condotto un lavoro più avanzato» ha detto ieri Claudio Moscardelli, Pd, relatore del provvedimento in commissione Finanze al Senato. Il governo, ha precisato, è d accordo. C è apertura anche ad alcune modifiche su aspetti «di carattere procedurale», si ragiona «sulla possibilità di far valere le tasse pagate all estero», ma anche su aspetti che riguardano il versamento dei contributi sociali. Il termine per gli emendamenti è stato fissato per il primo dicembre ed il via libera del Senato dovrebbe arrivare prima del 9 dicembre, quando a Palazzo Madama arriverà la legge di Stabilità. In caso di modifiche, che potrebbero esser definite in Commissione per abbreviare i tempi, il provvedimento dovrebbe comunque passare alla Camera. E prima di avviare l operazione «rimpatrio» bisognerà aspettare il provvedimento dell Agenzia delle Entrate sulle modalità applicative, di presentazione dell istanza e di pagamento dei relativi debiti fiscali. Mario Sensini ù RIPRODUZIONE RISERVATA Disponibile in FARMACIA. UNA MARCIA IN PIÙ ALLE TUE DIFESE? SU CON IMMUNO Per preparare il tuo organismo all arrivo della stagione fredda e quando le tue difese immunitarie sono messe a dura prova dalle molteplici situazioni di stress, SU con Sustenium Immuno Energy. La sua formula a doppia azione, con GLICINA, GLUTAMMINA, VITAMINE e ZINCO, è studiata per ATTIVARE e RINFORZARE le tue difese immunitarie.

12 12 Primo piano Il caso Ricorso della Rai contro i tagli Todini non ci sta: mi dimetto Il cda decide a maggioranza. Il governo: voto politico, andiamo avanti ROMA Scontro generale sulla Rai. La maggioranza del Consiglio di amministrazione ha di fatto lanciato una sfida al direttore generale Luigi Gubitosi. E nello stesso tempo si è aperta una voragine tra Viale Mazzini e il governo Renzi. Ieri, durante una tempestosa riunione che ha portato alle dimissioni del consigliere Luisa Todini, il consigliere Antonio Verro (area Forza Italia, considerato molto vicino a Berlusconi) ha presentato un ordine del giorno che impegna il vertice di Viale Mazzini a presentare un ricorso contro il prelievo forzoso di 150 milioni di euro previsto dalla spending review e annunciato a suo tempo dallo stesso presidente del Consiglio, Matteo Renzi. La proposta di Verro («Tengo a sottolineare che questo voto non ha alcun valore politico, come alcuni vogliono far credere. In trasparenza, hanno prevalso esclusivamente gli interessi dell azienda e dei lavoratori del servizio pubblico») ha spaccato il Consiglio. La presidente Anna Maria Tarantola si è astenuta, Luisa Todini (che si è dimessa immediatamente e dopo tante polemiche sul doppio incarico resta soltanto I numeri Ricavi Fonte: Rai In milioni di euro Tagli In milioni di euro Costi esterni per beni e servizi presidente delle Poste) ha votato contro con Antonio Pilati (espresso dal Pdl). A favore hanno votato il consigliere indicato a suo tempo dal ministero dell Economia, Marco Pinto (quindi dal governo Monti), i due consiglieri di centrosinistra Benedetta Tobagi e Gherardo Colombo, Rodolfo De Laurentiis a suo tempo vicino a Pier Ferdinando Casini, e Guglielmo Rositani, centrodestra. Come si vede gli schieramenti sono saltati. La scelta di Verro, vecchio amico di Silvio Berlusconi, sembra in parte smentire certe voci sul patto milioni di euro I tagli chiesti dal governo Corriere della Sera del Nazareno (un patto Renzi- Berlusconi per tenere ferma la Rai e favorire Mediaset, come ha accusato Pier Luigi Bersani) Ma lo schieramento contrario al voto comincia dal cuore di Viale Mazzini. Per il direttore generale Luigi Gubitosi si tratta di un ricorso «inopportuno». Il debutto RaiWay ha debuttato in Borsa con un +4,7% La soddisfazione di Palazzo Chigi Luisa Todini, dimettendosi, parla di scelta «inaccettabile e irresponsabile». Applaude l Usigrai, il sindacato interno dei giornalisti Rai. Molto duro il sottosegretario alle Comunicazioni, Antonello Giacomelli: «Nel giorno in cui RaiWay debutta con successo in Borsa (la rete di ponti che trasmette il segnale ieri ha registrato un +4,68%, ndr) e la Rai finalmente valorizza un asset strategico, il Cda assume a maggioranza una decisione incomprensibile, autolesionista, contraria agli interessi dell azienda e lontana dai problemi del Paese. Smentendo tutti i presagi di sventura, RaiWay raccoglie in poche ore sul mercato ben più del contributo richiesto per assicurare gli 80 euro alle famiglie italiane. È un voto determinato solo da logiche perverse». Ma sulla Rai, conclude Giacomelli, il governo andrà avanti «per liberare il servizio pubblico dalle vecchie logiche che ne hanno bloccato lo sviluppo». Tutto questo avviene mentre il presidente del Consiglio esprime soddisfazione per l operazione in borsa di RaiWay. P. Co. Chi è Luisa Todini, 48 anni, imprenditrice, è stata eurodeputata, eletta nel 1994 con Forza Italia Siede nel cda Rai dal 2012, in quota centrodestra È presidente di Poste Italiane da aprile. Dopo le polemiche sul doppio incarico aveva annunciato di voler lasciare il cda Rai Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera Il commento L eccezione impossibile nell Italia che tira la cinghia di Paolo Conti roviamo a mettere da parte per una volta valutazioni politiche, o logiche P banali (questo è un ragionamento né renziano né antirenziano). Il punto è uno solo. Viviamo tutti le conseguenze di una revisione generale della spesa pubblica. Le famiglie stringono la cinghia in senso non metaforico, rinunciando non ai lussi, ma spesso al necessario. I tagli coinvolgono persino un diritto fondamentale come la sanità pubblica, provocando la chiusura di ospedali importanti per molti territori. La Rai può fare eccezione? Può la tv pubblica, sostenuta per metà dei suoi introiti da un canone faticosamente pagato proprio dalla popolazione colpita dai recenti provvedimenti del governo, sottrarsi a un contributo chiesto all intera collettività? Perché mai un azienda che ha nel ministero dell Economia (la «centrale» della spending review) il proprio azionista dovrebbe rappresentare una clamorosa anomalia e ritagliarsi uno spazio di privilegio rispetto ad altre realtà pubbliche? Gli italiani sono legati al loro Servizio pubblico, e fanno bene. Come ricordano tanti documenti della Ue, una tv di Stato assicura ai cittadini un informazione sottratta ai poteri più o meno forti di turno, li libera dalla schiavitù dell ossessione commerciale, può raccontare le realtà meno emerse del Paese, è di fatto un essenziale elemento collante della società. Ma non può proclamarsi repubblica autonoma nella tempesta che sta cambiando l Italia. In più, ma questo è un puro dato tattico, la Rai così entra in aperta rotta di collisione con il governo. Tutto questo conviene? E a chi?

13 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre Primo piano Le riforme Il divorzio si fa «lampo» e spacca la maggioranza Malumori anche nel Pd Sì in commissione al Senato, Ncd abbandona i lavori I reali di Spagna ROMA Il «divorzio lampo» senza separazione, approvato in commissione al Senato con i voti di mezzo Pd, del M5S e di parte di FI, crea grossi guai nella famiglia della maggioranza: il Ncd abbandona la commissione con l ex ministro Maurizio Sacconi che guida la rivolta dei cattolici («O c è un chiarimento oppure lascio») mentre tra i Dem ben 30 senatori guidati da Stefano Lepri, Giuseppe Cucca, Giampiero Dalla Zuanna, Roberto Cociancich, Emma Fattorini, Giancarlo Sangalli e Rosa Maria De Giorgi firmano un documento «contro la scelta» del loro partito «di varare il divorzio lampo che prevede l abolizione del periodo di separazione». Il governo, rappresentato dal sottosegretario Enrico Costa (Ncd), non ha espresso un parere dopo aver invece dato un mezzo via libera la scorsa settimana con il sottosegretario Cosimo Ferri. Per Costa, «il testo ora è decisamente migliorabile in aula». Così per le coppie che non hanno figli minori, figli portatori di handicap e figli con meno di 26 anni economicamente non autonomi, si apre la strada del «divorzio lampo» davanti al giudice quando oggi, invece, servono tre anni di separazione prima di sciogliere il matrimonio. Il testo varato dalla Camera si posizionava su un punto di mediazione: attesa di 6 mesi prima del divorzio in caso di separazione consensuale che diventavano 12 con la separazione giudiziale. Alla fine, la relatrice Rosanna Filippin (Pd) ha riformulato un emendamento di Giuseppe Lumia (Pd) ma il testo del «divorzio lampo» al Senato ha avuto lo stesso l effetto di uno tsunami. In commissione Giustizia, Forza Italia si è divisa in tre: Giacomo Caliendo non ha partecipato al voto, Lucio Malan ha detto no, Ciro Falanga ha votato sì. Lega contraria mentre il socialista Enrico Buemi ha votato a favore. Nel Pd i sì sono stati 6 su 7 (Casson, Lumia, Filippin, Cirinnà, Capacchione, Lo Giudice) con il voto contrario di Cucca. Con i voti del M5s la maggioranza è dunque andata al fronte laico. Pinotti e il volo di Stato Pm verso l archiviazione I 5 Stelle: ha mentito e deve dimettersi I 30 «obiettori» del Pd («Tra di noi ci sono anche non cattolici», precisa Lepri) puntano ora a ripristinare in aula quanto meno il testo della Camera. Maurizio Sacconi (Ncd) è duro: «Gravissima combinazione tra buona parte del Pd e M5S, tra laicismo e giustizialismo, espressione di una maggioranza anomala in commissione Giustizia, che richiede a questo punto un robusto chiarimento politico». Dino Martirano Il tour romano di Felipe e Letizia Si sono concessi anche una breve passeggiata per Roma il re di Spagna Felipe VI e la moglie Letizia Ortiz, ieri a Roma per la prima visita ufficiale: dopo aver incontrato a Palazzo Chigi il premier Matteo Renzi (foto Di Vita), la coppia ha passeggiato, tra passanti e turisti, fino a Montecitorio, dove ha visitato l Aula. In mattinata l incontro al Quirinale con Giorgio Napolitano. La vicenda La Procura di Roma, su denuncia del M5S, ha aperto un fascicolo sul volo dell aeronautica militare che il 5 settembre ha portato a Genova la ministro Pinotti. Il procedimento pare destinato all archiviazione ROMA È destinata all archiviazione l inchiesta avviata, dopo la denuncia del M5S, sul Falcon dell Aeronautica utilizzato dal ministro della Difesa Roberta Pinotti per tornare a casa a Genova lo scorso 5 settembre. Il procuratore Giuseppe Pignatone e il pm Roberto Felici, dopo aver ricevuto i documenti dal dicastero, sembrano orientati a iscrivere il nome del ministro sul registro degli indagati (atto obbligatorio previsto dalla legge) e, contestualmente, a chiedere al Tribunale dei ministri di archiviare l istruttoria. L ipotesi di reato è peculato d uso ma a carico di ignoti. Nessuna reazione dal ministro, ma dal suo entourage trapela assoluta tranquillità e si lascia intendere che, non appena l inchiesta sarà conclusa, è probabile l avvio di richieste di risarcimento danni per chiunque ne abbia infangato l immagine. «Dispiace constatare come la strumentalizzazione mediatica e politica legata al volo di addestramento compiuto dal velivolo Falcon 50 del 31 Stormo dell Aeronautica Militare non tenga conto dei dati che testimoniano un altra verità da quella raccontata», hanno precisato dalla stessa Aeronautica. «Si è trattato di una missione addestrativa pianificata il 2 settembre e programmata per il giorno 5 settembre con decollo previsto alle per la tratta Ciampino-Genova con l obiettivo addestrativo di recurrency training (mantenimento delle qualifiche per gli equipaggi di volo)». Di tutt altro avviso i parlamentari del M5S: «La massima chiarezza è doverosa per chi assolve ad un ruolo istituzionale di responsabilità, qual è il ministro della Difesa, ma Roberta Pinotti ha dimostrato di non rispettare tale principio, trincerandosi finora in un silenzio del tutto imbarazzante circa l ausilio, improprio, di un aereo di Stato, mascherato in un addestramento militare», hanno sostenuto i deputati di Grillo della commissione Difesa. «I tabulati dell Enav confermano che il ministro Pinotti ha mentito. Deve dimettersi», hanno insistito. Dura Rosa Calipari, vicepresidente pd della commissione Difesa: «Vile attacco del M5S al ministro». Flavio Haver

14 14 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera t WORKSHOP Via Trebbia 26, Milano

15 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre Primo piano Il personaggio di Marco Imarisio Le Regionali La Lega in Emilia con un ingegnere folk Obiettivo: un voto in più di Forza Italia Fabbri: il leader ci ha resuscitati. Lo staff del capo: da qui parte la scalata al centrodestra DAL NOSTRO INVIATO PIACENZA «Devi passare una giornata con me? Che sfortuna...». Naturalmente l ultima parola era molto ma molto più gergale. Alan Fabbri rappresenta l anello di congiunzione tra i Modena City Ramblers, il gruppo folk-rock militante dell Emilia Romagna, e il leghismo della prima ora, diciamo primi anni Novanta. Al mercato di Carpaneto Piacentino le signore con la sporta della spesa si chiedono perché i fotografi corrano dietro a quel ragazzone con barba incolta e i capelli raccolti in un codino. E a volte sembra chiederselo anche lui. «Ho bisogno di te». Il messaggio di Matteo Salvini lo colse mentre si trovava in Bielorussia. Bondeno, il paese della Bassa ferrarese del quale è sindaco al secondo mandato, ha un gemellaggio in corso con il villaggio di Orsha, e ogni estate accoglie in vacanza i bimbi ospiti degli orfanatrofi dell ex Unione sovietica. Appena dieci giorni dopo uno spaesato e candidato Alan faceva ingresso nella villa di Arcore per siglare l accordo politico con Forza Italia per le elezioni regionali in Emilia Romagna. Dopo la cena e le consuete barzellette, Silvio Berlusconi chiese di rimanere solo con lui. «Sei anche di bell aspetto» gli disse l ex Cavaliere. «Ma almeno i capelli e la barba dovresti tagliarteli». Fabbri guardò quell uomo famoso che aveva visto solo in televisione. «Gli risposi che la peluria facciale mi sembrava un bel valore aggiunto. Lo so, è una cazzata, ma la verità è che non sapevo cosa dire». Gli aneddoti vengono snocciolati durante lo slalom tra i mercati dei paesini e del centro di Piacenza. A gentile richiesta, Fabbri si mette in posa reggendo le cassette della frutta. I suoi genitori gestiscono una azienda agricola che produce zucche e ortaggi, un compromesso storico agricolo con papà Fabrizio democristiano e mamma Angela che rimane una irriducibile comunista modenese. «Poi sono arrivato io, la pecora nera». Gli ultimi Chi è Alan Fabbri, ingegnere, leghista da 21 dei suoi 35 anni di età, è al suo secondo mandato da sindaco di Bondeno, in provincia di Ferrara. È il candidato alla presidenza della Regione per una coalizione che include, oltre alla Lega Nord, anche Forza Italia e Fratelli d Italia. Non è invece sostenuto dai centristi, Ncd e Udc. Nel Carroccio emiliano ha un ruolo significativo da tempo: nel 2010 è stato il commissario del partito a Bologna manifesti portano il suo nome senza il suo volto, sostituito da quello di Matteo Salvini. Ma non c è problema. «Se non era per lui non credo proprio che si parlerebbe di me. Credo nel suo progetto di una Lega trasversale. Oh ragazzi, questo ha fatto un miracolo, ci ha resuscitati». In una intera giornata Fabbri non riesce proprio a lanciarsi in una delle tirate anti Se non era per Matteo non credo che si parlerebbe di me Credo nel suo progetto di Lega trasversale, lui ha fatto un miracolo Non c è affatto un bel clima Quando a Brescello ho preso il caffè al bar di quelli della ndrangheta mi ha scortato la Digos immigrati care al suo Capo. «Ma sono d accordo, eh. Non è che se una tavola viene apparecchiata per 5 si possono sedere in dieci, capisci?» Poi ci pensa sopra. Dipendesse da lui, è chiaro che raddoppierebbe le posate. «Casa mia è la nebbia, è fare i salami l otto di dicembre, il giorno che dalle nostre parti si disfa il maiale». Ogni estate organizza nel parco golenale del Po la Festa celtica di Bondeno. Nella frazione di Scortichino partecipa alla manifestazione folk al bar esibendosi nelle cover di De Andrè. Fabbri non dà mai la sensazione di prendersi troppo sul serio. Si porta dietro la consapevolezza di appartenere a un mondo di paese, che ama con tutto se stesso. È un indubbio pregio, che contribuisce a renderlo molto simpatico. Forse anche il suo limite. Mentre passeggia sotto i portici di via Cavour scherza con i volontari al gazebo della Lega Nord. «Quelli del Pd hanno delle donne a distribuire i volantini. Noi siamo solo uomini, e neanche troppo belli». Passa un auto che suona il clacson, il conducente si sporge dal finestrino per salutarlo. «Ciao ragazzo!» è la sua replica. Scusa Alan, chi era quel signore? «Ah, io non lo so mica». L accoglienza è buona ovunque, le tensioni della visita al campo rom di Bologna sono un ricordo lontano. «Io ero seduto dietro, e ti dico che ho avuto paura. Non c è un bel clima. Quando sono andato a Brescello a prendere il caffè nel bar degli ndranghetisti di stanza in quel paese sono stato scortato dalla Digos. Ci vogliono impedire di andare in piazza». Gli scherzi finiscono qui. Su questo ragazzone di 35 anni, ingegnere laureato a Ferrara, portatore di un salvinismo temperato, incombono come nuvole le speranze della Lega Nord di nuovo conio. A pranzo in una trattoria di Piacenza gli fanno corona gli uomini più fidati del Capo, a cominciare da Alessandro Marelli, capogruppo della Lega Nord a Milano qui presente in qualità di stratega e autista del furgone noleggiato a Bologna, e Andrea Crippa, suo assistente parlamentare a Bruxelles. Quando Fabbri si alza per la milionesima intervista radiofonica, i due spiegano bene qual è la posta in palio di queste elezioni regionali dove si corre per arrivare secondi. «Se prendiamo un voto in più di Forza Italia, Matteo può lanciare la scalata al centrodestra italiano». Si lanciano in percentuali. Poi il candidato Alan rientra e con un sorriso disegna un numero su un tovagliolo di carta. Se davvero ci arriva, altro che scalata. Lui comunque aspetterà i risultati a casa sua, con i suoi amici, al bar Il Mister, presso il campo sportivo di Scortichino. E i capelli non se li è ancora tagliati. Il leader del Carroccio Salvini a Salerno applausi e contestazioni L accusa era estorsione Sandra Mastella e il figlio assolti a Benevento Il segretario leghista Matteo Salvini ieri era a Salerno per la manifestazione «Panorama d Italia» in cui ha risposto alle domande di Bruno Vespa e Giorgio Mulé. Ad attenderlo fuori dal Palazzo di Città, qualche decina di militanti dei centro sociali che lo hanno accolto al grido di «fascista». Al contrario, all interno l accoglienza è stata particolarmente buona. Al punto che il leader leghista, che si è intrattenuto con il sindaco De Luca, si è detto «emozionato». Il tribunale di Benevento ha assolto «perché il fatto non sussiste», la moglie dell ex ministro Clemente Mastella, Sandra Lonardo, e il figlio Elio. L accusa era di estorsione: secondo gli inquirenti, i familiari dell ex Guardasigilli avrebbero chiesto contributi non dovuti ai partecipanti di un iniziativa pubblica a Benevento. Soddisfatta Sandra Mastella: «Sono grata ai magistrati che con serenità e severità hanno riconosciuto che io e la mia famiglia siamo persone perbene».

16 16 Esteri Strade chiuse e case demolite Gerusalemme sotto assedio Pressing degli oltranzisti sul premier Netanyahu. Abu Mazen sotto accusa DAL NOSTRO CORRISPONDENTE GERUSALEMME Shimon Peres e Yasser Arafat camminano tenendosi sottobraccio, sullo sfondo una lastra di vetro comincia a incrinarsi fino a spezzarsi in due: «Peres dividerà Gerusalemme», ammonisce la voce in tono tragico. Yedioth Ahronoth, il quotidiano più venduto in Israele, rievoca in un editoriale quello spot elettorale del 1996: lo slogan funziona, Benjamin Netanyahu e la destra vincono le elezioni. «Sono passati diciotto anni scrive il giornale e la città è unita sulla carta e divisa in pratica. Il governo non ha soluzioni contro gli attentati: potrebbe solo innalzare barricate e filo spinato per separare i quartieri arabi. Non può permetterselo». Perché Netanyahu ha promesso (e lo ha ribadito nel discorso alla nazione dopo l attacco di lunedì alla sinagoga) che Gerusalemme «resterà la nostra capitale indivisibile per l eternità». Eppure le misure per cercare di riportare la calma creano di fatto una divisione («questa volta senza un accordo di pace come avrebbe voluto Peres», conclude Yedioth): le vie che portano ai quartieri abitati dagli arabi sono state chiuse dai posti di blocco, ieri l esercito ha demolito la casa di Abdelrahman Shalodi, il palestinese che il 22 ottobre ha scagliato l auto sulla fermata del tram, uccidendo una bambina di tre mesi e una ragazza dell Ecuador. A Gerusalemme la punizione non veniva messa in atto dal 2009 («andremo avanti con le distruzioni», avverte Netanyahu), mentre in questi anni è rimasta una procedura applicata in Cisgiordania. Il premier deve dimostrare di essere ancora Mr Sicurezza (altro slogan delle sue campagne elettorali) anche quando la sicurezza per le strade scompare: 6 attacchi in meno di un mese, 10 morti. Deve competere per i voti della destra (ieri il Comune di Gerusalemme ha annunciato 78 nuove abitazioni nelle zone arabe) con ministri oltranzisti come Naftali Bennett, che propone per la città un operazione militare «nello stile di quelle condotte in Cisgiordania durante la seconda Intifada». Sia Bennett che Netanyahu accusano Abu Mazen di incitare gli assalti. Il presidente palestinese è visto invece come una soluzione dai comandanti dell esercito e dai servizi segreti: «Lo difendono contro le critiche dei politici commenta Ben Caspit, prima firma del quotidiano Maariv perché sanno che ha impartito l ordine alle sue truppe di combattere i terroristi». Davide La vicenda Martedì 18 novembre due attentatori fanno irruzione nella sinagoga del quartiere ultraortodosso di Har Nof, a Gerusalemme, durante la preghiera. Uccidono quattro persone a colpi di mannaia, accetta, pistola Gli aggressori, due cugini palestinesi, sono fermati e uccisi dai poliziotti. Un agente druso, Zidan Sif, resta gravemente ferito: morirà alcune ore dopo (nella foto Getty, i funerali ai quali ieri hanno partecipato in migliaia) Il premier israeliano Benjamin Netanyahu dichiara: «Gerusalemme è sotto attacco, dobbiamo restare uniti». Ieri il ministro dell Economia Naftali Bennett ha invocato un «intervento militare» a Gerusalemme Est Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera Il racconto Quei due popoli «nemici intimi» che amano gli stessi film di Khaled Diab P er accompagnare mio figlio a scuola preferisco la bici. Se questo è normale in una qualsiasi città europea amica delle due ruote, qui a Gerusalemme è tutta un altra storia, e non solo per il traffico disordinato e il saliscendi delle colline. Mentre la situazione nella Città Santa si aggrava di ora in ora e scivola verso il baratro, lentamente anch io mi sento contagiare dal terrore che attanaglia sia arabi che ebrei quando sono con mio figlio. E se qualche estremista israeliano ci sente parlare in arabo? E se qualche estremista palestinese ci prende per ebrei, un uomo di carnagione scura con un figlio biondo? Il vile attentato alla sinagoga di Gerusalemme ha pressoché azzerato il senso di sicurezza e quel residuo di fiducia reciproca che resistevano in questa città così aspramente contesa. Dall estate di odio appena trascorsa, molti miei conoscenti palestinesi di Gerusalemme non osano più avventurarsi nei quartieri Ovest e alcuni di loro, che lavorano per aziende israeliane, si sono dimessi o si accingono a farlo. Allo stesso modo, tanti ebrei di Gerusalemme che avevano l abitudine di recarsi nei quartieri Est della città, i quartieri arabi, ora li evitano. Difficile immaginare che la popolazione di questa città dilaniata un tempo vivesse diversamente, quando non esistevano muri e le barriere psicologiche erano meno radicate. Gli anziani ricordano un tempo quando arabi ed ebrei si muovevano liberamente tra i vari quartieri e persino la Cisgiordania e Gaza erano accessibili. A quei tempi tanto i palestinesi che gli israeliani amavano recarsi a Gaza, per godersi le spiagge, i mercati e l ottima cucina. Andiamo ancora di più a ritroso nel tempo, e i vecchi di Gerusalemme ricordano i giorni in cui arabi ed ebrei vivevano fianco a fianco, quando ciascuna comunità religiosa partecipava alle festività dell altra, e tutti restavano incantati dalla magia del cinema egiziano durante la sua epoca di massimo splendore, come racconta ancora oggi con nostalgia il mio vicino palestinese ultranovantenne. Israeliani e palestinesi sono più simili di quanto si rendano conto o siano disposti ad ammettere. Due gerosolimitani incarnano questa simmetria in modo simbolico, e direi anche poetico. Lo scomparso studioso americano-palestinese, musicista e attivista Edward Said, e lo scrittore e attivista israeliano Amos Oz condividono quella straordinaria fantasia capace di raccontare «un destino che mi appariva serenamente sgombro da cambiamenti sgraditi», nell immaginazione di Said, e che «ci avrebbe assicurato una migliore probabilità di sopravvivenza», nelle parole di Oz. Palestinesi e israeliani condividono la medesima mentalità mediterranea, caratterizzata, tra le altre cose, dal ruolo centrale della famiglia, dall amore per i bambini e dallo scarso rispetto delle regole, dal fumo alla guida. In ambito culinario, ciò si riflette nella passione degli israeliani per l hummus e l infatuazione dei palestinesi per le cotolette. Purtroppo, collettivamente, le due società sono profondamente traumatizzate. Gli israeliani vivono con il ricordo dell Olocausto e la pressoché totale estinzione delle comunità ebraiche in gran parte dell Europa e del Medio Oriente, mentre i palestinesi vivono nell ombra della Nakba, la perdita della Palestina e l occupazione militare. Anche sotto il profilo politico, le due società hanno visto uno spostamento dal nazionalismo secolare e di sinistra verso il populismo di destra, con forti connotazioni religiose. Tutte queste analogie mi spingono a definire israeliani e palestinesi «nemici intimi». Pace e coesistenza sono possibili, ma occorre uno sforzo concreto, da una parte e dall altra, per ripensare priorità, aspirazioni e narrative. Scrittore arabo, vive a Gerusalemme (Traduzione di Rita Baldassarre)

17 Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre 2014 La doppia sfida di Obama con il Congresso Oggi il decreto per legalizzare cinque milioni di clandestini. I repubblicani promettono battaglia L annuncio poche ore dopo la sconfitta subita in Aula sulla riforma delle intercettazioni della Nsa ESTERI 17 DAL NOSTRO INVIATO NEW YORK Non è la sanatoria definitiva che aveva promesso per risolvere, una volta per tutte, il problema degli 11 milioni di immigrati clandestini che vivono negli Usa. Per una riforma del genere era necessario un accordo col Parlamento che non è mai arrivato. Ma, benché temporanea e di portata assai più limitata, la misura che Barack Obama annuncerà stasera con un messaggio televisivo alla nazione segnerà una svolta nelle politiche seguite nei confronti dei lavoratori stranieri privi di documenti. E, inevitabilmente, alimenterà un nuovo, durissimo scontro tra la Casa Bianca e un Congresso che è ormai a maggioranza repubblicana. E che ieri, con un voto a sorpresa al Senato, ha bocciato anche il provvedimento sulla limitazione della sorveglianza della Nsa, l agenzia di «intelligence» federale, sul traffico telefonico e su Internet: una norma che aveva raccolto anche il consenso di alcuni senatori della destra. I leader conservatori già accusano Obama di abuso di potere per la decisione sugli immigrati, ma il presidente ha preso le sue precauzioni: il provvedimento, basato sui poteri esecutivi presidenziali, è stato concepito dai legali della Casa Bianca in modo da non ledere le prerogative parlamentari. Non è, quindi, una riforma generale e permanente della Accuse I leader conservatori già accusano Obama di abuso di potere per la sanatoria La vicenda Sono 11 milioni i clandestini che vivono negli Stati Uniti: per una sanatoria completa occorre l accordo in Parlamento. Il provvedimento di Obama riguarda 5 milioni di persone tervento ai ragazzi del liceo Del Sol di Las Vegas. Una scelta non casuale: il Nevada è lo Stato con la più alta percentuale di lavoratori clandestini e questa è la scuola dalla quale, nel gennaio del 2013, Obama lanciò un appello al Parlamento per il varo della riforma. Per un po era parso che quello dell immigrazione fosse uno dei pochi terreni sui quali democratici e repubblicani potevano mettersi d accordo, visto che anche la destra ha interesse a recuperare il voto degli ispanici. Ma poi tutto si è bloccato per le spaccature emerse nel Partito repubblicano. Obama dovrebbe quindi avere le spalle abbastanza coperte. L unico problema di vulnerabilità se lo è procurato da solo quando in passato, davanti ai «latinos» che lo accusavano per la sua inerzia, si è difeso dicendo che la legge gli impediva CHI HA DETTO CHE LE JAGUAR SONO IRRAGGIUNGIBILI? Studio Ovale Il presidente Usa Barack Obama firma il «Child Care Act», un programma di assistenza ai bambini su cui c è stato il consenso di repubblicani e democratici. Scontro a tutto campo invece sull annunciata riforma dell immigrazione (Reuters) di fare di più senza l avallo parlamentare: «Sono un presidente, non un imperatore» disse allora. Lo slogan sulla prepotenza dell «imperatore Obama» i repubblicani se lo trovano già fatto. Massimo Gaggi La storia La disperata fuga di Isabel e Maria verso l eterno sogno americano WASHINGTON Isabel e Maria. Spinte dal sogno americano sono entrate in un incubo e solo all ultimo istante hanno evitato il peggio. Le hanno arrestate in Texas, contea di Brooks, quando ormai erano senza forze. Un esperienza vissuta dalle migliaia di clandestini che ogni anno provano a entrare negli Stati Uniti dal confine meridionale. Isabel e Maria i nomi veri sono altri sono partite dal Salvador, con pochi spiccioli e molta paura. Gli immigrati non solo devono pagare il «biglietto» ai «coyotes», i trafficanti che garantiscono il passaggio oltre il muro, ma spesso sono spogliati d ogni cosa da banditi e da poliziotti corrotti che chiedono il «pizzo». Chi non si piega può pagare con la vita. In questi mesi in tanti hanno lasciato il Centro America, costretti dalla povertà e ingannati dall idea che Obama materia, ma solo una sospensione temporanea delle deportazioni dei clandestini. Dunque un intervento limitato all applicazione delle sanzioni previste dalla legge: un campo nel quale le Corti riconoscono al governo un ampia discrezionalità. La misura amministrativa che sta per essere emanata non avrà, poi, portata generale, ma dovrebbe applicarsi solo a circa 5 milioni di immigrati, 4 milioni dei quali individuati con criteri basati sulla durata della presenza negli Stati Uniti e sui legami familiari con persone legalmente residenti nel Paese. Non ci sarà, invece, un trattamento preferenziale per i lavoratori agricoli. Per ridurre ulteriormente i rischi di contestazioni giudiziarie, il provvedimento dovrebbe essere presentato come una semplice estensione dell atto amministrativo varato nel 2012 dallo stesso Obama per mettere al riparo dal rischio di arresto e rimpatrio nei Paesi d origine i giovani figli di clandestini che sono cresciuti e hanno studiato negli Usa. Un precedente che ha un rilevante valore legale e anche politico è quello dei presidenti repubblicani, da Reagan a George Bush padre, che a suo tempo hanno varato minisanatorie simili a quella di Obama, anche se di portata più limitata. Politicamente, insomma, il presidente dovrebbe muoversi su un terreno abbastanza solido anche perché ha dato al Parlamento tutto il tempo per agire. Domani, dopo l annuncio alla nazione, Obama andrà a spiegare nei dettagli il suo in- JAGUARXFR-SPORTLAUNCHEDITION. LOSTILESPORTIVOÈGIÀSULLATUASTRADA. CosapotevamoaggiungereallatecnologiaevolutaealpiacerediguidadiXF?LostilesportivodiJaguar XF R-Sport Launch Edition. Il design dinamico è accentuato dal body kit aerodinamico, prese laterali in stile R,soglied ingressoevolanteconlogor-sport.all interno,comfortecuraneidettagli.unesempio? Isediliinmorbidapellemartellataconinsertiintessutoecucitureacontrasto.XFR-Sport2.2D200CV LaunchEditionconbluetooth,sensoridiparcheggioposterioriecerchiinlegada18 ètuaa *. E su Jaguar hai tre anni di garanzia a chilometraggio illimitato. JaguarèBestBrandsecondoilsondaggioWhatCar?J.D.Power2014. Perilterzoannoconsecutivol affidabilitàdijaguarèvincente. Vieni in Concessionaria. Prenota il tuo Test Drive su e scopri XF R-Sport. JAGUAR.IT HOWALIVEAREYOU? Consumi ciclo combinato da 4,9 a 11,6 l/100 km. Emissioni CO 2 da129a270g/km.xfr-sportlaunchedition2.2d200cv,conbluetooth, sensori di parcheggio posteriori e cerchi in lega da 18. *Prezzo di listino chiavi in mano Prezzo finale a voi riservato chiavi in mano con un vantaggio pari a col contributo del Concessionario. Offerta valida fino al 31/12/2014, disponibilità limitata. Isabel e Maria in una foto della polizia avrebbe concesso l amnistia a chi era «dentro». Una voce messa in giro dai contrabbandieri di persone per incassare più dollari. I registi del traffico, da buoni manager, hanno modificato i corridoi. Per anni il punto preferito è stata l Arizona. Un percorso pericoloso attraverso il deserto per evitare i controlli della Border Patrol. A centinaia sono morti, portati via dalla sete, dal calore terribile, dalla fatica che ti impedisce di fare un passo, dalla pallottola dei briganti. Se sei stanco e chiedi di fermarti, i «coyotes» ti abbandonano in qualche canyon sperduto. A volte una slogatura equivale ad una condanna capitale: non puoi stare al passo degli altri e li vedi andare via. Al clandestino non rimane che stendersi sotto un cespuglio e aspettare la fine. Le associazioni umanitarie, con le quali siamo stati più volte a sud di Tucson (Arizona), hanno contato oltre 100 resti umani solo nel Ma chissà quanti sono quelli mai recuperati lungo «il cammino del diavolo». Non va meglio in Texas, nuovo punto critico, dove nello stesso periodo sono deceduti 155 immigrati. Due scheletri non erano lontani da dove hanno trovato Isabel e Maria. Vittime senza nome di un viaggio dove non sono ammessi errori. Guido

18 18 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera

19 # Corriere della Sera Giovedì 20 Novembre 2014 Tre fasi La nascita del Ku Klux Klan, nel 1865, è legata alla lotta tra schiavisti e antischiavisti e contro il suffragio dei neri. Nel 1869 è soppresso Rinasce nel 1915, con l immigrazione di massa. Il razzismo è esteso a ebrei e cattolici Ritorna negli anni 60, in reazione alla lotta di Kennedy contro la discriminazione razziale Anonymous toglie i cappucci agli adepti del Ku Klux Klan Diffusi i nomi dei razzisti alla vigilia della sentenza di Ferguson WASHINGTON I cyber guerrieri mascherati contro i razzisti con il cappuccio. Anonymous contro il Ku Klux Klan. Una battaglia sul web attorno a quella che si potrebbe accendere nelle vie di Ferguson, Missouri. I militanti hacker hanno smascherato le identità di molti adepti xenofobi ed hanno postato su Internet le informazioni sulla loro vita privata. Nomi, familiari, figli, indirizzi, professione, contatti. In alcuni casi hanno anche assunto il controllo degli account Twitter o lasciato foto per ridicolizzare gli avversari. Un attacco profondo in vista della decisione del Gran Giurì su Darren Wilson, il poliziotto che uccise in agosto un ragazzo afro-americano nel sobborgo di St Louis. Gli attivisti di Anonymous si sono presentati sul web con un messaggio: «Non perdoniamo, non dimentichiamo. Ku Klux Klan, preparati che arriviamo». E poi hanno lanciato l assalto cercando di dare nome e cognome ai loro avversari. I razzisti hanno risposto: «Leggiamo divertiti le vostre minacce. Pensavamo che voi foste per la libertà di espressione. Ma siete solo dei codardi». Controreplica: «Non vi attacchiamo per quello in cui credete ma per quanto volete fare contro chi protesta a Ferguson... Siete un gruppo terrorista, avete le mani sporche di sangue». Gli hacker hanno presentato la loro azione come una rappresaglia. Qualche giorno fa gli incappucciati avevano annunciato il ricorso alla forza nei confronti dei manifestanti di Ferguson. La sortita del Ku Klux Klan è stata seguita da un altra non meno preoccupante. Un organizzazione, definitasi «Resistenza militante», ha offerto 5 mila dollari a chi Sfilata Una riunione dei membri della «Fratellanza dei cavalieri bianchi del Ku Klux Klan» nel Tennessee: l organizzazione minaccia di usare la forza contro i manifestanti anti-razzismo a Ferguson (Spencer Platt / Getty Images / Afp) svelerà il luogo segreto dove vive l agente Wilson, una richiesta legata ad una possibile ritorsione. Dunque, nulla di buono in una zona dove la tensione cresce di ora in ora. L incursione di Anonymous è certamente ad effetto, toglie letteralmente la maschera agli estremisti «in bianco». Ma è davvero efficace? Alcuni esperti dubitano e sostengono che ai membri del KKK in realtà importi poco di mantenere segreta l identità. Il cappuccio è solo un simbolo e molti non nascondono la loro appartenenza. Forse solo chi abita in zone razziali miste o svolge un lavoro insieme ad altri potrebbe avere qualche problema. Un rilievo diverso arriva invece da Mark Potok, esponente dello SPLC, il noto istituto che conduce ricerca su formazioni estremiste e xenofobe. A suo giudizio i figli dei membri del KKK dovrebbero essere lasciati fuori dalla contesa, non c entrano nulla con le scelte dei padri. L esperto poi aggiunge che il movimento non è compatto e spesso è più impegnato nelle diatribe interne che lo distolgono dalle vere campagne. Quando dicono di voler usare la «forza letale» a Ferguson è perché cercano di recuperare terreno proponendosi come i paladini dei bianchi. La minaccia non va sottovalutata ma neppure ingigantita. Ora molti si attendono eventuali contromosse da parte degli ultrà di destra. Qualche colpo che catturi l attenzione e contrasti Anonymous. Una partita infinita su Internet, il fronte senza confini. Guido Nuove accuse ESTERI 19 Ashton Kutcher, 36 anni, ex marito di Demi Moore Ha finanziato Uber e ne ha difeso la scelta di «spiare» i giornalisti Non solo reporter «Uber spia anche i clienti» Uber è sempre più nella bufera. Lunedì la polemica legata all uscita confidenziale del vicepresidente Emil Michael sull intenzione di sorvegliare i giornalisti «scomodi». Il numero 2 dell azienda Usa avrebbe già frugato tra i dati personali di Johana Bhuiyan di BuzzFeed e anche Sarah Lacy del Pando Daily sarebbe stata nel mirino. L attore Ashton Kutcher, ex di Demi Moore e finanziatore di Uber ha preso le difese di Michael: «Cosa c è di male ha twittato a scavare nella vita dei giornalisti poco corretti?» Ieri è arrivata la notizia che i dipendenti avrebbero a disposizione una app per controllare tutto e tutti. «God View», usata per seguire gli spostamenti delle auto Uber e i clienti che hanno fatto richiesta di un passaggio, sarebbe utilizzata per tracciare i clienti, avrebbero riferito a BuzzFeed due ex dipendenti di Uber. Lo conferma la reporter Johana Bhuiyan che al suo arrivo agli uffici di Uber si è ritrovata davanti il gm: stavo seguendo i suoi movimenti, le avrebbe detto lui.

20 20 Giovedì 20 Novembre 2014 Corriere della Sera

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI

QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI 934 QUELL INUTILE GUERRA A PUTIN CHE PUÒ COSTARCI 3 MILIARDI R. Brunetta per Il Giornale 14 giugno 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà -

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

GLI ITALIANI E LO STATO

GLI ITALIANI E LO STATO GLI ITALIANI E LO STATO Rapporto 2014 NOTA INFORMATIVA Il sondaggio è stato condotto da Demetra (sistema CATI) nel periodo 15 19 dicembre 2014. Il campione nazionale intervistato è tratto dall elenco di

Dettagli

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione

La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo una regolamentazione Economia > News > Italia - mercoledì 16 aprile 2014, 12:00 www.lindro.it Sulla fame non si spreca La bolla finanziaria del cibo Emanuela Citterio: Non demonizziamo i mercati finanziari, chiediamo solo

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Sono gocce, ma scavano il marmo

Sono gocce, ma scavano il marmo Sono gocce, ma scavano il marmo di Alberto Spampinato G occiola un liquido lurido e appiccicoso. Cade a gocce. A gocce piccole, a volte a goccioloni. Può cadere una sola goccia in due giorni. Possono caderne

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio

OSSIGENO. Perché un ennesimo osservatorio OSSIGENO Osservatorio Fnsi-Ordine Giornalisti su I CRONISTI SOTTO SCORTA E LE NOTIZIE OSCURATE Perché un ennesimo osservatorio Alberto Spampinato* Il caso dei cronisti italiani minacciati, costretti a

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

CI INTERESSA visione, strategia, politiche

CI INTERESSA visione, strategia, politiche CI INTERESSA visione, strategia, politiche 45 Convegno Santa Margherita Ligure Grand Hotel Miramare 5 6 giugno 2015 La politica e le politiche sono cose molto diverse. La prima troppo spesso sembra attenta

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra:

Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un esame del DdL n. 1385 e connessi non può esimersi dal considerare il contesto in cui tale disegno è nato e i vincoli che esso incontra: Un primo vincolo è rappresentato dalla sentenza della Corte Costituzionale

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste

N on discuterò qui l idea di Patria in sé. Non mi piacciono queste L obbedienza non è più una virtù di Lorenzo Milani lavorare per la pace leggere scrivere TESTO INFORMATIVO- ESPOSITIVO livello di difficoltà Lorenzo Milani (Firenze, 1923-1967) Sacerdote ed educatore,

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera

10. LICENZIAMENTI INDIVIDUALI di Mauro Soldera 10. di Mauro Soldera La Legge n. 92/2012 (Riforma Fornero) interviene in maniera significativa sulla disciplina dei licenziamenti individuali regolamentati dall art. 18 della Legge n. 300/1970 (Statuto

Dettagli

Porto di mare senz'acqua

Porto di mare senz'acqua Settembre 2014 Porto di mare senz'acqua Nella comunità di Piquiá passa un onda di ospiti lunga alcuni mesi Qualcuno se ne è già andato. Altri restano a tempo indeterminato D a qualche tempo a questa parte,

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde

Inizio della vita di Hyde e prime malefatte-si trasforma in Hyde 1 STRUTTURA FABULA: Primi esperimenti del Dr Jekyll -Jekyll nasce nel 18.. Jekyll ha divergenze con Lanyon -Poole comincia a lavorare come maggiordomo da Jekyll nel 1860 circa Jekyll scopre la dualità

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Sommario Rassegna Stampa

Sommario Rassegna Stampa Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Pag. Rubrica Edilizia 38 Il Sole 24 Ore 23/01/2015 IN BREVE - EDILIZIA 3 Rubrica Lavori pubblici 36 Il Messaggero - Cronaca di Roma 23/01/2015 DAL MUSEO

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli