COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 02/02/2015 PIANO DEGLI INTERVENTI (P.I.) - ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO EX ART. 6 DELLA L.R. 11/2004. DITTA BI.MO. SRL Nr. Progr. Data Seduta Nr. 6 21/01/ Adunanza ORDINARIA, seduta di PRIMA Convocazione in data 21/01/2015 ore Il SINDACO ha convocato il CONSIGLIO COMUNALE nella sala delle Adunanze, oggi 21/01/2015 alle ore in adunanza Ordinaria di PRIMA convocazione previo invio di invito scritto a domicilio, nei modi e nei termini previsti dallo Statuto Comunale. Fatto l'appello nominale risultano: Cognome e Nome Qualifica Presenza Marini Gabriele SINDACO Presente Burti Luigi CONSIGLIERE COMUNALE Presente Valenti Adriana CONSIGLIERE COMUNALE Presente Dal Bosco Silvio CONSIGLIERE COMUNALE Presente Maccarrone Rosario CONSIGLIERE COMUNALE Presente Floriani Agostino Moreno CONSIGLIERE COMUNALE Presente Caelli Damiano CONSIGLIERE COMUNALE Presente Emilio Corinna CONSIGLIERE COMUNALE Presente Dal Bosco Andrea CONSIGLIERE COMUNALE Presente Bolla Gianni CONSIGLIERE COMUNALE Assente Ros Teresa CONSIGLIERE COMUNALE Presente Carletto Antonio CONSIGLIERE COMUNALE Presente Costantini Federico CONSIGLIERE COMUNALE Presente Totale Presenti 12 Totale Assenti 1 Partecipa il SEGRETARIO COMUNALE Dott. Consolaro Giorgio. DOTT. MARINI GABRIELE in qualità di SINDACO, assume la presidenza e, constatata la legalità dell'adunanza, dichiara aperta la seduta invitando il Consiglio a deliberare sull'oggetto sopra indicato.

2 IL SINDACO Illustra brevemente l argomento e dà la parola al Dott. Giuseppe Dalla Torre che relazione ampiamente sulla proposta mettendo in evidenza che l accordo, come per legge, è rivolto a proseguire il pubblico interesse e che l accordo non prevede la perequazione in quanto non vengono attribuiti volumi aggiuntivi, ma bensì la monetizzazione di standards che, in caso di piano attuativo, avrebbero dovuto essere realizzati e ceduti; Sottolinea che, con la stipula dell accordo, si potrà intervenire per la messa in sicurezza della fermata ATV di Piazza Martiri, via XX Settembre; Apre la discussione durante la quale: ROS: chiede chiarimenti ed in particolare se nell intervento siano previsti aree a verde e parcheggio per non aggravare la situazione esistente e, al termine preannuncia il proprio voto favorevole in considerazione della diminuzione della volumetria e dei miglioramenti ambientali; CARLETTO: si dichiara favorevole al tipo di intervento proposto ritenendo che la mancata realizzazione di standards non ponga problemi rileva che l Amministrazione ottiene sicuri benefici e che, a stretto rigore, l opera proposta risulterebbe nelle competenze dell Amministrazione Provinciale ritiene che il miglioramento urbanistico ed ambientale sia meritevole di voto favorevole ed auspica che anche nel futuro eventuali nuovi accordi siano sottoposti all esame del Consiglio; COSTANTINI richiede quale destinazione avrà la volumetria che viene rinunciata nell ambito e si dichiara d accordo sulla proposta; Al termine, IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - con deliberazione n. 23 del , il Consiglio Comunale provvedeva all esame delle osservazioni ed all approvazione della prima variante del Piano degli Interventi (PI); - nel contesto di tale variante risultano individuati alcuni ambiti per i quali l intervento edilizio risulta subordinato a preventivo accordo, tra soggetti pubblici e privati, ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004; - la ditta BI.MO. Srl, proprietaria di un area sita in Viale Europa di questo Comune, ha presentato domanda per la riqualificazione di tale area, prevedendo la demolizione di un consistente complesso di vecchi capannoni ad uso commerciale e la realizzazione di tre nuove unità abitative; - a tale scopo, la BI.MO. Srl si è resa disponibile, coerentemente con le previsioni del P.I. vigente, a sottoscrivere apposito accordo di programma, ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004 e s.m.i.; - che il dott. Giuseppe Dalla Torre, estensore della prima variante al Piano degli Interventi, ha curato l istruttoria della proposta con oneri a carico del proprietario richiedente; Vista la documentazione tecnica predisposta ed in particolare la relazione tecnica dalla quale si evince che: - la riqualificazione comporterà la completa demolizione dell attuale fabbricato ad uso commerciale ed il riutilizzo dell area per edilizia residenziale non intensiva con rinuncia all ulteriore volumetria assentibile di circa mc; - il proponente si impegna a realizzare, a propria cura e spese, opere di pubblica utilità per l importo di ,00 (trentamila);

3 Dato atto che la tipologia dell intervento proposto va effettivamente a riqualificare un area a forte densità edilizia e che il beneficio, a favore dell Amministrazione, rende opportuno l accoglimento della proposta stessa; Rilevato inoltre che l ubicazione dell ambito e l esistenza di tutti i servizi primari rendono possibile non assoggettare l intervento a preventivo strumento attuativo; Vista la Legge Regionale 23/04/2011 n. 11 Norme per il Governo del Territorio e ss.mm.ii. ed in particolare l art 6; Attesa la propria competenza in materia, ai sensi del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267: Testo Unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali ; Visti i pareri di cui all art. 49 del D.Lgs. 267/2000 ; Ritenuto di provvedere in merito, Con voti unanimi favorevoli espressi nelle forme di legge, D E L I B E R A a) Di fare propria ed approvare la proposta di accordo pubblico-privato, ai sensi dell art. 6 della L.R. 11/2004 e s.m.i., presentata dalla ditta Bi.MO. srl, da realizzare in Viale Europa di questo Comune, e così composta: - Elaborato grafico; - Relazione tecnica; - Accordo Pubblico-Privato; b) Di autorizzare il Responsabile del Settore Tecnico Edilizia Privata e Beni Ambientali Ecologia, alla sottoscrizione dell accordo predetto e di ogni atto inerente e conseguente; c) Di dare atto e disporre che, in conformità all accordo di cui trattasi, la realizzazione degli interventi sia effettuato mediante l ordinario procedimento edilizio; d) Di dare atto che il presente accordo viene allegato alla Prima Variante al Piano degli Interventi approvata con Deliberazione del Consiglio Comunale N. 23 del ; e) Di dichiarare, con separata ed unanime votazione, la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, 4 comma del Testo Unico sull Ordinamento delle autonomie Locali, approvato con D.Lgs. 267/2000.

4 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 6 DEL 21/01/2015 Letto, approvato e sottoscritto. Il Presidente F.to Dott. Marini Gabriele Il Segretario Comunale F.to Dott. Consolaro Giorgio Copia della presente è stata affissa all'albo Pretorio e vi rimarrà per 15 giorni consecutivi. Monteforte d'alpone, 02/02/2015 Il Segretario Comunale F.to Dott. Consolaro Giorgio Copia conforme all'originale. Monteforte d'alpone, 02/02/2015 Il Segretario Comunale Dott. Consolaro Giorgio La presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi dell'art. 134, comma 3, del D. Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, (T.U.E.L.) Monteforte d'alpone, Il Segretario Comunale F.to Dott. Consolaro Giorgio PRATICA ASSEGNATA A:

5 Comune di Monteforte d Alpone Regione del Veneto Legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio Art. 6 Accordi tra soggetti pubblici e privati PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA DITTA BI.MO. S.R.L. VIALE EUROPA, N Sindaco dott. Gabriele Marini Segretario Comunale dott. Giorgio Consolaro Responsabile dell Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata ing. Felice Renato Pontalto Gennaio 2015

6

7 ACCORDO PUBBLICO / PRIVATO (art. 6 della Legge Regionale del Veneto , n. 11) L anno, il giorno del mese di presso il Municipio di Monteforte d Alpone (VR), tra il Sig. Leonello Bissolo, nato a ( ) il e residente a ( ) in via n., codice fiscale, in qualità di legale rappresentante della Ditta BI.MO. S.r.l., con sede a Monteforte d Alpone (VR) in viale Europa n. 17, proprietaria dell area sita in Comune di Monteforte d Alpone, viale Europa n. 17, censita a N.C.T. nel modo che segue: Comune di Monteforte d'alpone, sezione unica - foglio 24 - mappale n. 128, denominata in seguito per brevità Privato e il Comune di Monteforte d Alpone, in questo atto rappresentato da, premesso - che il Comune di Monteforte d Alpone è dotato di Piano di Assetto del Territorio (PAT), approvato nella Conferenza di Servizi del 05 Febbraio 2014, nonché di Piano degli Interventi (PI), la cui Variante n. 1 è stata approvata con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 25 Luglio 2014; - che tra gli obiettivi prioritari del Piano di Assetto del Territorio (PAT) rientra la riqualificazione e la riconversione di ambiti degradati o aventi destinazioni d uso contrastanti con quella residenziale (art. 37 NT); - che il Piano di Assetto del Territorio (PAT) ha individuato, a margine di viale Europa, una zona interessata da aree di riqualificazione e riconversione sulla quale intervenire conformemente agli obiettivi di cui sopra;

8 - che la Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) ha fatto proprie le previsioni del Piano di Assetto del Territorio (PAT), individuando l area in oggetto come Ambito sottoposto ad Accordo pubblico - privato". Ritenuto che l art. 17, comma 4 della Legge Regionale n. 11/2004 recita: Per individuare le aree nelle quali realizzare interventi di nuova urbanizzazione o riqualificazione, il Comune può attivare procedure ad evidenza pubblica, cui possono partecipare i proprietari degli immobili nonché gli operatori interessati, per valutare le proposte di intervento che risultano più idonee a soddisfare gli obiettivi e gli standard di qualità urbana ed ecologico - ambientale definiti dal PAT. La procedura si conclude con le forme e nei modi previsti dall art. 6, non escludendo la possibilità che il Privato possa esporre direttamente alla Pubblica Amministrazione le proprie proposte operative relativamente alle aree in proprietà. Preso atto - che in data 7 Gennaio prot. n. 138/2015 il Privato ha presentato una proposta di intervento sull area di proprietà sopra descritta e così individuata: Catasto Terreni del Comune di Monteforte d Alpone: sezione unica - foglio 24 - mappale n. 128, - che il Privato ha proposto l intervento secondo le seguenti carature: 1. demolizione del fabbricato ad uso commerciale (superficie coperta di mq. e volume di mc.). 2. Realizzazione di tre unità abitative nella parte orientale dell ambito disposte secondo l orientamento Nord - Sud, con accesso da Ovest. Gli immobili residenziali di progetto prevedono una superficie coperta di 495 mq. ed un volume di mc.. L indice fondiario è di 1,48 mc./mq.. 4

9 3. Previsione di una superficie scoperta di mq., di cui 971 mq. destinati a verde. 4. Realizzazione della viabilità di accesso alle residenze e delle relative aree per la sosta (per una superficie pari a 597 mq.). 5. Qualificazione ambientale mediante la messa a dimora di alberature nelle aree a verde e di una siepe lungo il confine della proprietà. 6. Monetizzazione delle aree da adibire a standard, in quanto il Privato intende mantenerle ad uso esclusivo delle residenze. - che la proposta appare idonea a soddisfare gli obiettivi e gli standard di qualità urbana ed ecologico - ambientale definiti dal Piano di Assetto del Territorio (PAT). Considerato, - che l articolo 6 della citata legge regionale n. 11/2004 prevede, fra l altro, che: gli Enti Locali possono concludere accordi con soggetti privati per assumere nella pianificazione proposte di progetti e iniziative di rilevante interesse per la comunità locale, al fine di determinare talune previsioni dal contenuto discrezionale degli atti di pianificazione territoriale ed urbanistica, nel rispetto della legislazione e pianificazione sovraordinata vigente, senza pregiudizio del diritto dei terzi; l Accordo costituisce parte integrante dello strumento di pianificazione cui accede ed in quanto tale completa la procedura di redazione, adozione ed approvazione del Piano degli Interventi (PI) che espressamente lo prevede nel caso in parola; - che la proposta di intervento presentata dal Privato è stata oggetto di valutazione da parte del Comune di Monteforte d Alpone, il quale è giunto alla conclusione che la proposta stessa appare meritevole di attenzione in quanto: consente di eliminare da un contesto residenziale, un complesso di fabbricati ad uso commerciale di bassa qualità architettonica ed estranei al tessuto urbano residenziale, nonché prevede uno specifico intervento di bonifica mediante la rimozione e lo smaltimento delle componenti in Eternit; 5

10 riqualifica un area vocata per gli insediamenti residenziali; permette di attuare interventi di pubblica utilità utilizzando le risorse messe a disposizione dal Privato, in base alle esigenze dell Amministrazione Comunale; l intervento di riqualificazione è assoggettato a perequazione urbanistica ai sensi dell art. 35 della L.r. n. 11/2004, secondo i criteri e le modalità stabilite dall art. 7 delle Norme Tecniche Operative della Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) vigente; - che, in considerazione di questi particolari aspetti, il presente Accordo, acquisisce i contenuti di rilevante interesse pubblico di cui all art. 6 della citata L.r. n. 11/2004, nonché evidenzia le motivazioni per cui il Consiglio comunale di Monteforte d'alpone possa non assoggettarlo alla procedura del Piano Urbanistico Attuativo (PUA): significativo intervento di riqualificazione urbanistica; parte preponderante sotto il profilo delle superfici e delle volumetrie; assetto proprietario frammentato e in buona parte inerte. Da aggiungere le condizioni attuali dell area di cui si tratta in quanto inserita in un contesto urbanizzato e dotato di tutti i servizi primari. Tutto ciò premesso e considerato, tra le parti si conviene quanto segue. Art. 1 - Rapporti con la Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) Il presente Accordo e la relativa procedura di approvazione costituiscono il completamento di quanto disposto dall art. 6 della L.r. n. 11/2004. In particolare si dà compimento alla procedura di legge regionale mediante l assunzione di specifica Deliberazione di Consiglio Comunale. Art. 2 - Impegni reciproci Il Privato prende atto e condivide gli obiettivi e gli obblighi esposti nelle premesse e si impegna, fin d ora, a rispettare i contenuti del presente Accordo con particolare riguardo: alla demolizione degli immobili ad uso commerciale, alla riorganizzazione 6

11 degli spazi, agli obblighi di carattere economico da assumere nei confronti dell Amministrazione Comunale di Monteforte d Alpone. Il Privato prende atto e condivide la determinazione dell importo della quota perequativa che ammonta a ,00 Euro (Euro trentamila/00). Il Privato, inoltre, si impegna a sostenere i costi per le prestazioni professionali necessarie per la redazione degli elaborati tecnici dell Accordo pubblico - privato, fissati in 4.500,00 Euro (Euro quattromilacinquecento/00) oltre ad oneri previdenziali (4%) ed I.V.A. (22%). Il beneficio pubblico, commisurato all importo sopra citato, consisterà nella progettazione e realizzazione di una rampa per disabili e di una piazzola per la posa in opera di una cabina di attesa per l autobus lungo via XX Settembre (Piazza Martiri), secondo le indicazioni che saranno fornite dal Comune di Monteforte d'alpone medesimo. Il Privato si impegna a dare piena ed integrale attuazione delle opere sopra citate, nell ambito della spesa pattuita, entro due anni dalla sottoscrizione del presente Accordo. Il Privato, infine, si impegna: - a presentare la documentazione tecnica relativa alla proposta di intervento entro e non oltre 1 (uno) anno dalla sottoscrizione del presente Accordo; - a produrre specifica documentazione attestante la soluzione alle problematiche coordinate all'allontanamento delle acque meteoriche, in particolare nella parte orientale della proprietà; - ad effettuare la verifica di assoggettabilità a Valutazione Ambientale Strategica (VAS) dell intervento; - a rinunciare in via definitiva alla volumetria concessa dagli indici di zona del Piano degli Interventi (PI) e non utilizzata nella soluzione progettuale oggetto dell Accordo. In particolare, preso atto che la Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) consente la realizzazione di 7.632,50 mc. e che con il presente Accordo è previsto l utilizzo di 4.518,96 mc., il Privato rinuncia alla possibilità di realizzare la quota di 3.113,54 mc.; 7

12 - a portare a conoscenza esplicitamente i propri aventi causa dell esistenza del presente Accordo; - a prevedere negli atti di trasferimento, qualora avesse a determinarsene la condizione, l espressa assunzione da parte degli acquirenti degli obblighi di cui al presente Accordo. Art. 3 - Garanzie Il Privato si impegna a produrre polizza fideiussoria per importi pari a quelli dovuti, cioè di Euro (Euro trentamila/00) per le opere e di Euro 4.500,00 (Euro quattromilacinquecento) oltre ad oneri previdenziali (4%) ed I.V.A. (22%) per le spese professionali; somme che potranno essere incassate, parzialmente o totalmente, dal Comune in caso di inadempimento degli impegni assunti in merito al rispetto degli obblighi di cui sopra. Per quanto riguarda il contributo di costruzione (oneri di urbanizzazione e costo di costruzione) relativo ai nuovi edifici, il Privato dovrà impegnarsi al loro pagamento al momento del ritiro del Permesso di costruire, ovvero costituire polizza fideiussoria per la quota parte non pagata oggetto di eventuale rateizzazione. Nell ipotesi di inadempimento alle obbligazioni di cui al presente Accordo, il Privato autorizza il Comune di Monteforte d Alpone a disporre della cauzione stessa nel modo più ampio, con rinuncia espressa ad ogni opposizione giudiziale e stragiudiziale a chiunque notificata e con l esonero da ogni responsabilità a qualunque titolo per i pagamenti e prelievi che il Comune dovrà fare. Ai sensi dell art e seguenti del Codice Civile, il Privato assume in solido le obbligazioni di cui alla presente convenzione. Art. 4 - Attuazione dell accordo e flessibilità L attuazione delle previsioni del presente Accordo avrà luogo mediante l ordinario procedimento edilizio a mezzo di uno o più Permessi di Costruire. 8

13 Art. 5 - Inadempienze Qualora il Privato rinunci a partecipare alla fase attuativa del presente Accordo e, in particolare, non avesse a predisporre e presentare il progetto di intervento entro il termine stabilito, il Comune di Monteforte d Alpone è autorizzato ad incamerare la cauzione di cui all art. 3. Nel caso in cui il contenuto e le clausole del presente Accordo non fossero portate a conoscenza degli aventi causa del Privato, l Amministrazione Comunale si riserva di assumere, nei confronti del medesimo inadempiente, le opportune iniziative, anche giudiziarie, a tutela dei propri interessi. In particolare, in caso di inadempienza, l Amministrazione Comunale si riserva la facoltà, ai sensi dell art. 17/4 della L.r. 11/2004, di attivare procedure ad evidenza pubblica cui possano partecipare gli operatori interessati, per valutare le proposte di intervento che risultino più idonee a soddisfare gli obiettivi e gli standard di qualità urbana ed ecologica ciò al fine di perseguire, comunque, l interesse pubblico e gli obiettivi strategici del Piano di Assetto del Territorio (PAT) e quelli operativi del Piano degli Interventi (PI). In tal caso il Comune potrà provvedere all espropriazione del bene ai sensi del D.P.R. 08 giugno 2001 n 327. Art. 6 - Richiami normativi Per quanto non espressamente previsto nel presente Accordo, trovano applicazione le disposizioni dell art. 6 della L.r. n. 11/2004 e successive modifiche e integrazioni, oltre alle disposizioni contenute nei commi 2 e seguenti dell art. 11 della legge n. 241/1990 e successive modifiche e integrazioni, nonché, in quanto compatibili, i principi del Codice Civile in materia di obbligazioni e contratti. 9

14 Art. 7 - Recesso Il Comune di Monteforte d Alpone, per ragioni di pubblico interesse e dandone tempestiva comunicazione scritta al Privato, può recedere unilateralmente dal presente Accordo, come previsto dall art. 11, comma 4 della legge n. 241/1990 come modificata dalla legge n. 15/2005. Art. 8 - Risoluzione di eventuali controversie Le controversie in materia di formazione, conclusione ed esecuzione degli obblighi derivanti dal presente Accordo sono riservate, a norma dell art. 11, comma 5 della legge n. 241/1990, alla giurisdizione esclusiva del giudice amministrativo. La presente scrittura consta di numero dieci facciate. La stessa, previa lettura, viene sottoscritta dalle parti, come sopra rappresentate e intervenute. Letto, confermato e sottoscritto. Per il Privato Per il Comune di Monteforte d Alpone Allegati: - Tavola n. 1 comprendente: Inquadramento CTRN, Ortofoto, Cartografia catastale, Piano di Assetto del Territorio (PAT), Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI). - Relazione Tecnica. 10

15

16 Comune di Monteforte d Alpone Regione del Veneto Legge regionale 23 aprile 2004, n. 11 Norme per il governo del territorio e in materia di paesaggio Art. 6 Accordi tra soggetti pubblici e privati PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA DITTA BI.MO. S.R.L. VIALE EUROPA, N RELAZIONE TECNICA Sindaco dott. Gabriele Marini Segretario Comunale dott. Giorgio Consolaro Responsabile dell Ufficio Urbanistica ed Edilizia Privata ing. Felice Renato Pontalto Gennaio 2015

17

18 INDICE 1. PREMESSA LOCALIZZAZIONE E STATO DI FATTO INQUADRAMENTO URBANISTICO. IL PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO (PAT) INQUADRAMENTO URBANISTICO. LA VARIANTE N. 1 AL PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) ARTICOLAZIONE PROGETTUALE E FINALITA VALUTAZIONE DEL BENEFICIO PUBBLICO DERIVANTE DALL INTERVENTO... 10

19 1. PREMESSA L articolo 6 della Legge regionale del 23 aprile 2004, n. 11 Norme per il governo del territorio ed in materia di paesaggio prevede la possibilità per i Comuni, le Province e la Regione di concludere accordi con soggetti privati per assumere nella pianificazione proposte di progetti ed iniziative di rilevante interesse pubblico. L Accordo che si viene a stipulare costituisce parte integrante dello strumento di pianificazione cui accede. Nel caso specifico la ditta BI.MO. S.r.l., in linea con quanto previsto dalla Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI), ha proposto la stipula di un Accordo con l Amministrazione Comunale di Monteforte d Alpone per conseguire la riqualificazione dell area di proprietà, attualmente utilizzata a fini commerciali e residenziali, sita nel Capoluogo comunale, lungo viale Europa al civico LOCALIZZAZIONE E STATO DI FATTO L ambito oggetto di intervento è sito a Sud del Centro Storico del Capoluogo nel compendio tra Viale Europa (civico n. 17, in corrispondenza dell incrocio con via Pascoli) ed il torrente Alpone. Catastalmente è censito come segue: Comune di Monteforte d Alpone, Foglio n. 24, particella n Vista dell ambito da Viale Europa 4

20 Si tratta di un area privata prospiciente viale Europa avente una superficie complessiva di mq. ed un utilizzo commerciale e residenziale. All interno dell ambito sono presenti un edificio di tipo commerciale ed uno di tipo residenziale (residenza del proprietario). L intorno vede la presenza, a Nord e a Sud, di altri immobili artigianali/commerciali, mentre ad Est si sviluppa una zona residenziale di recente formazione. Ad Ovest, come anticipato, corre viale Europa che funge da asse viario principale del Capoluogo. Inquadramento dell ambito nel sistema insediativo di Monteforte d Alpone Capoluogo 5

21 3. INQUADRAMENTO URBANISTICO. IL PIANO DI ASSETTO DEL TERRITORIO (PAT) Esaminando gli elaborati tecnici, é possibile determinare quanto segue. Relativamente alla Tavola n. 1 Carta dei Vincoli e della Pianificazione Territoriale emerge che l ambito è interessato da: 1. vincolo paesaggistico. Trattasi di area di notevole interesse pubblico dichiarata con Decreto Ministeriale 30 luglio 1974 (Gazzetta Ufficiale n. 235 del 9 settembre 1974). Il vincolo è disciplinato dall art. 4 delle Norme Tecniche del Piano di Assetto del Territorio (PAT), che, a sua volta, rimanda alla disciplina specifica in materia di paesaggio, così come definita dal D. Lgs. n. 42/2004 e dalle indicazioni di carattere paesaggistico degli strumenti urbanistici comunali. 2. Vincolo paesaggistico dei corsi d acqua, generato dal torrente Alpone. Si rileva che l ambito non è assoggettato al citato vincolo in quanto ricade all interno di una Zona Territoriale Omogenea (ZTO) di tipo B da data antecedente al 6 settembre 1985 e, pertanto, escludibile dal vincolo ai sensi del D. Lgs. n. 42/2004, art. 142, comma Pericolosità idraulica media, come indicato dal Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) del Bacino del fiume Adige. La Tavola n. 2 Carta delle Invarianti non presenta criticità o caratteri identitari relazionabili al contesto dell intervento. La Tavola n. 3 Carta delle Fragilità classifica l area come: 1. idonea a condizione, disciplinata dall art. 30 delle Norme Tecniche che definisce le misure da adottare per conseguire la messa in sicurezza degli insediamenti. 2. Soggetta a dissesto idrogeologico. L art. 32 delle Norme Tecniche del Piano di Assetto del Territorio (PAT) stabilisce che in tali zone è fatto divieto di realizzare costruzioni accessorie sotto la quota campagna. 6

22 3. Parte della fascia di ricarica degli acquiferi. Vale quanto riportato al punto precedente. La Tavola n. 4 Carta della Trasformabilità mostra che l intervento: 1. è parte di una più estesa area di urbanizzazione consolidata. Il tema è disciplinato dall art. 50 delle Norme Tecniche del Piano di Assetto del Territorio (PAT), il quale demanda al Piano degli Interventi (PI) la suddivisione in Zone Territoriali Omogenee (ZTO) e la definizione delle tipologie di intervento ammissibili. 2. E assoggettato alla stipula di un Accordo tra soggetti pubblici e privati. L art. 36 delle Norme Tecniche prevede che i progetti oggetto di Accordo siano sottoposti a Verifica di assoggettabilità a procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS), ai sensi dell art. 12 del D. Lgs. n. 152/2006, fatte salve le fattispecie di esclusione di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale n del 07 agosto Riguarda una porzione di un ambito di riqualificazione e riconversione. L articolo 37 delle Norme Tecniche dispone che gli interventi previsti possano essere conseguiti mediante la conclusione di Accordi pubblico - privati e che vengano sottoposti a Verifica di assoggettabilità a procedura di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) ai sensi dell art. 12 del D. Lgs. n. 152/2006, fatte salve le fattispecie di esclusione di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale n del 07 agosto INQUADRAMENTO URBANISTICO. LA VARIANTE N. 1 AL PIANO DEGLI INTERVENTI (PI) La Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) conferma quanto individuato dal Piano di Assetto del Territorio (PAT), ovvero la presenza: del vincolo paesaggistico (art. 8 delle Norme Tecniche Operative), del vincolo paesaggistico dei corsi d acqua (art. 8), della pericolosità idraulica media del Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) 7

23 (art. 21), della zona soggetta ad allagamenti (art. 22) e dell indicazione della necessità di redigere un Accordo tra soggetti pubblici e privati (art. 6). Valgono, per le tipologie di vincolo elencate, le medesime prescrizioni normative indicate dalle Norme Tecniche del Piano di Assetto del Territorio (PAT), in particolare, in relazione al D. Lgs. n. 42/2004 ed al Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico (PAI) del bacino del fiume Adige. La Variante n. 1, inoltre, colloca l ambito all interno di una Zona Territoriale Omogenea (ZTO) di tipo Bc e assoggetta l intervento alla redazione di un Piano Urbanistico Attuativo (PUA). Nel caso specifico, considerato: il significativo intervento di riqualificazione urbanistica proposto; la parte interessata dall'intervento che costituisce la frazione preponderante sotto il profilo delle superfici e delle volumetrie, nonché l'assetto proprietario frammentato, il Consiglio Comunale intende esonerare la Ditta proponente dagli adempimenti propri del Piano Urbanistico Attuativo (PUA), consentendo l'intervento edilizio diretto; anche in considerazione del fatto che l area di cui si tratta risulta inserita in un contesto urbanizzato e dotato di tutti i servizi primari. La Zona Territoriale Omogenea di tipo Bc è disciplinata dall articolo 30 delle Norme Tecniche Operative, che indica: le tipologie edilizie ammesse (edifici isolati, in linea ed a schiera), le destinazioni d uso (residenza, artigianato non molesto, attività terziarie e commerciali), l indice fondiario massimo (2,5 mc./mq.), il rapporto di copertura massimo (40%), il numero massimo di piani (n. 2), l altezza massima dei fabbricati (7 m.), la superficie scoperta minima a verde (30%), la distanza dal ciglio stradale (allineamento o 5 m.) e quella dai confini (5 m. o in aderenza). L intervento, inoltre, deve osservare le indicazioni del Prontuario per la Qualità Architettonica e la Mitigazione Ambientale relativamente all ambiente costruito (Titolo II, Capo I), al paesaggio urbano (Titolo II, Capo II) e alle dimensioni degli elementi architettonici (Titolo II, Capo IV). 8

24 4. ARTICOLAZIONE PROGETTUALE E FINALITA La proposta di Accordo Pubblico - Privato presentata dalla Ditta BI.MO. S.r.l. è finalizzata a riqualificare il compendio territoriale in cui è inserita mediante la demolizione degli immobili ad uso commerciale di proprietà, in favore della costruzione di tre unità residenziali. Gli immobili commerciali presentano una qualità architettonica di basso valore e costituiscono un elemento di contrasto rispetto alla destinazione d uso prevalente nella zona, ovvero quella residenziale. Necessita, altresì, porre in essere un intervento specifico di bonifica riguardante la rimozione delle parti costruttive in Eternit. L intervento, pertanto, comporta un miglioramento dell assetto architettonico del contesto insediativo, nonché la riduzione della superficie coperta, con l'incremento della superficie permeabile. Nello specifico, l intervento proposto prevede: 1. la demolizione del fabbricato ad uso commerciale (superficie coperta di mq. e volume di mc.), con la rimozione e lo smaltimento delle componenti in Eternit; 2. la realizzazione di tre unità abitative nella parte orientale dell ambito, disposte secondo l orientamento Nord - Sud, con accesso da Ovest. Gli immobili residenziali di progetto prevedono, complessivamente, una superficie coperta di 495 mq., un volume di mc. e un indice fondiario di 1,48 mc./mq.; 3. la previsione di una superficie scoperta di mq., di cui 971 mq. destinati a verde; 4. la realizzazione della viabilità di accesso alle residenze e delle relative aree per la sosta (per una superficie di 597 mq.); 5. la messa a dimora di alberature nelle aree a verde e di una siepe di Tuia lungo il confine della proprietà. 9

25 5. VALUTAZIONE DEL BENEFICIO PUBBLICO DERIVANTE DALL INTERVENTO Il beneficio pubblico derivante dall intervento, come si evince dall Elaborato n. 4 Verifica dell interesse pubblico dell intervento, riguarda la valorizzazione urbanistica ed ambientale del compendio territoriale in cui risulta inserito. Essa si realizza mediante la demolizione degli immobili ad uso commerciale e la costruzione di tre unità residenziali, con un miglioramento complessivo della qualità architettonica e della distribuzione degli spazi. La valorizzazione ambientale si concretizza con: l incremento della permeabilità del suolo attraverso la riduzione della superficie coperta; la realizzazione di pavimentazioni esterne drenanti; la rimozione e lo smaltimento delle componenti in Eternit. Inoltre, il beneficio pubblico dell intervento é integrato dall'assunzione, da parte della Ditta proponente, dell'onere delle seguenti spese: Euro ,00 (Euro trentamila/00) per la progettazione e costruzione di opere di pubblica utilità che la Ditta proponente si impegna ad eseguire entro due anni dalla data di sottoscrizione dell Accordo. Tali opere sono individuate dall Amministrazione Comunale nella realizzazione di una rampa per disabili e di una piazzola per la posa in opera di una cabina di attesa per l autobus lungo via XX Settembre (Piazza Martiri). Competenze professionali relative alla consulenza ed alla redazione degli elaborati tecnici dell Accordo pubblico - privato. Inoltre, la Ditta proponente si impegna a rinunciare alla volumetria concessa dagli indici di zona della Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) per la parte non utilizzata dalla soluzione progettuale oggetto dell Accordo. In particolare, poiché la Variante n. 1 al Piano degli Interventi (PI) consentirebbe la realizzazione di 7.632,50 mc. e la soluzione progettuale prevede un utilizzo di 4.518,96 mc., la Ditta proponente rinuncia alla quota di 3.113,54 mc.. 10

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 14/12/2015 REVISIONE ELENCO AREE PER INSTALLAZIONI CIRCHI E SPETTACOLI VIAGGIANTI

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 18/06/2015 INCARICO STUDIO ARENA BROKER SRL PER CONSULENZE ASSICURATIVE Nr.

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO. Provincia di Verona CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO

COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO. Provincia di Verona CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO COMUNE DI SAN MARTINO BUON ALBERGO Provincia di Verona Repertorio n. CONVENZIONE URBANISTICA PER ACCORDO PUBBLICO-PRIVATO (come previsto dall articolo 6 della Legge Regionale del Veneto n. 11/2004) Repubblica

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del IL SINDACO Proposta N. 10 del 31/01/2014 SERVIZIO --Pianificazione Urbanistica Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Città di Campodarsego Provincia di Padova

Città di Campodarsego Provincia di Padova Città di Campodarsego Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 87 O G G E T T O DETERMINAZIONE DEL VALORE VENALE IN COMUNE COMMERCIO AL 1 GENNAIO DELL ANNO DI IMPOSIZIONE DELLE

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015 Rep. 2015/145 Oggetto n 84 Ufficio: 007 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 145 Seduta del giorno 20 Maggio 2015 PRESENTI TOSI SIG. FLAVIO CASALI AVV. STEFANO CORSI P. I. ENRICO

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE PROPOSTA DI DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE Enunciato l argomento iscritto al n. dell o.d.g., il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione: OGGETTO: VARIANTE AL REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 23/10/2014 APPROVAZIONE DELLO SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI MONTEFORTE

Dettagli

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5

Art. 3 Elaborati di piano... 2. Art. 6 Dati di piano... 5 SOMMARIO Art. 1 Campo di applicazione... 2 Art. 2 Ambito del Piano Urbanistico Attuativo... 2 Art. 3 Elaborati di piano... 2 Art. 4 Convenzione attuativa... 3 Art. 5 Modalità di intervento... 3 Art. 6

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

ACCORDO. (ex art. 6 della L.R. n. 11/2004) tra IL COMUNE DI CASALEONE

ACCORDO. (ex art. 6 della L.R. n. 11/2004) tra IL COMUNE DI CASALEONE ACCORDO (ex art. 6 della L.R. n. 11/2004) tra IL COMUNE DI CASALEONE e AMBROSI NERINO, AMBROSI FABIO, AMBROSI ROBERTO I sottoscritti AMBROSI NERINO nato a Casaleone il 05.02.1965, residente in Casaleone

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE N. 47 COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Deliberazione della Giunta Regionale 22 ottobre 2012, n. 2077. Concessione finanziamento regionale relativo

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 64 del 12/05/2010 ================================================================= OGGETTO: INDIRIZZI SULLA VERIFICA

Dettagli

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia

COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia Repubblica Italiana COMUNE DI CASTELPIZZUTO Provincia di Isernia DELIBERAZIONE di GIUNTA MUNICIPALE COPIA n. 16 del 30-03-2015 OGGETTO: LOCAZIONE ALLA DITTA CENTRO ALLARME MOLISE CON SEDE IN FERRAZZANO

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 40 del 30/09/2011 Adunanza ordinaria di prima convocazione - N - Seduta Pubblica ======================================================================

Dettagli

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18

Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Comune di Caldogno (VI) Piano degli Interventi L.R. 23 aprile 2004 n 11, art.18 Bando di raccolta delle proposte di Accordi Pubblico-Privato COMUNE DI CALDOGNO (VI) REDAZIONE DEL PIANO DEGLI INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI 2015.

Dettagli

Indirizzi e Criteri Generali

Indirizzi e Criteri Generali Comune di ROVERÈ VERONESE Accordi Pubblico Privato - Applicazione art. 6 L. R. n. 11/2004 Indirizzi e Criteri Generali Premessa L'Amministrazione Comunale di Roverè Veronese ai sensi degli artt. 35, 36

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE:

LA GIUNTA COMUNALE. Vista la seguente proposta di deliberazione PREMESSO CHE: OGGETTO: ADOZIONE, AI SENSI DELL'ART. 30 DELLA L.R. 34/92 E S.M.I. DELLE MODIFICHE AL PIANO ATTUATIVO COMPARTO DI RICUCITURA URBANA IN LOC. SASSONIA V.LE D.ALIGHIERI - ST1_P11, APPROVATO CON D.G.C. N 496

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COPIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 31 del 03/09/2011 Adunanza ordinaria di prima convocazione - N - Seduta Pubblica ======================================================================

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 35 In data 17.07.2014 Prot. N. 10861 OGGETTO: COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria

Dettagli

PIANO DEGLI INTERVENTI

PIANO DEGLI INTERVENTI COMUNE DI MUSSOLENTE Provincia di Vicenza P.R.C. Elaborato Scala PIANO DEGLI INTERVENTI Atto di Indirizzo Criteri perequativi per il Piano degli Interventi IL SINDACO Maurizio Chemello IL SEGRETARIO Maria

Dettagli

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA. Deliberazione della Giunta Comunale N. 129

COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA. Deliberazione della Giunta Comunale N. 129 C O P I A COMUNE DI QUART REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D'AOSTA Deliberazione della Giunta Comunale N. 129 OGGETTO: PROGETTO PER REALIZZAZIONE DI PARCHEGGIO ESTERNO PRESSO FABBRICATO INDUSTRIALE IN LOC.

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 46 DATA 05.08.2014 OGGETTO: Richiesta autorizzazione occupazione suolo pubblico

Dettagli

COMUNE DI ROVOLON PROVINCIA DI PADOVA PROPOSTA DI DELIBERA DI GIUNTA DEL 10-01-2014 N.3

COMUNE DI ROVOLON PROVINCIA DI PADOVA PROPOSTA DI DELIBERA DI GIUNTA DEL 10-01-2014 N.3 COMUNE DI ROVOLON PROVINCIA DI PADOVA AREA: UFFICIO: EDILIZIA PRIVATA Soggetta a controllo Immediatamente eseguibile PROPOSTA DI DELIBERA DI GIUNTA DEL 10-01-2014 N.3 Oggetto: ADOZIONE I^ VARIANTE AL PIANO

Dettagli

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente 1 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE DI CUI ALL ART. 74 DELLA LEGGE REGIONALE N. 65/2014. CONVENZIONE DI P.M.A.A. (ex art.

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 46 in data: 06.11.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE 'PROVINCIA PIU' BELLA' TRA IL COMUNE DI

Dettagli

COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI

COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI COMUNE DI PESCOROCCHIANO PROVINCIA DI RIETI deliberazione della Giunta Comunale su proposta del Delibera n.10 del 23/02/2015 Sindaco elaborata dall Area Affari Generali OGGETTO: Integrazione deliberazione

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI

A REGISTRO DELLE OSSERVAZIONI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICA SCHEDA NORMA 2-T2 NELLA FRAZIONE DI VADA E VARIANTE CARTOGRAFICA PER PRESA D ATTO DEL NUOVO TRACCIATO AUTOSTRADALE E DELLA VIABILITÀ SECONDARIA.

Dettagli

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento

Figura 1 - Inquadramento lotto d'intervento Indice 1. Inquadramento...2 2. Consistenza degli edifici esistenti...4 3. Regole urbanistiche e ambientali...4 4. Assetto planivolumetrico...6 5. Ubicazione e descrizione dell'area...6 6. Opere di urbanizzazione

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI ARCUGNANO Provincia di Vicenza N. DG / 87 / 2012 di registro VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE In data 18 Aprile - 2012 OGGETTO: APPROVAZIONE CONTENUTI ATTO D OBBLIGO CESSIONE AREE

Dettagli

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE

La Giunta Comunale PROPOSTA DI DELIBERAZIONE OGGETTO: Piano urbanistico attuattivo ambito territoriale denominato Altanea Brian. Ditte AGRICOLA ED IMMOBILIARE STRETTI s.s., SOCIETA AGRICOLA NOGARA s.s., SOCIETA AGRICOLA LAGUNA VERDE s.a.s. ADOZIONE.

Dettagli

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 273 Seduta del giorno 09 Settembre 2015 ASSENTI PRESIEDE TOSI SIG.

Comune di Verona. Deliberazione della Giunta Comunale. N. Progr. 273 Seduta del giorno 09 Settembre 2015 ASSENTI PRESIEDE TOSI SIG. Rep. 2015/273 Oggetto n 47 Ufficio: 007 Comune di Verona Deliberazione della Giunta Comunale N. Progr. 273 Seduta del giorno 09 Settembre 2015 PRESENTI PISA SIG. LUIGI TOFFALI AVV. ENRICO LESO SIG.RA ANNA

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE. - Provincia di Bologna - REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE. - Provincia di Bologna - REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE - Provincia di Bologna - Repertorio n.. REPUBBLICA ITALIANA ACCORDO PRELIMINARE AI SENSI DELL ART. 18 DELLA LEGGE DELLA REGIONALE 24 MARZO 2000, N. 20 E ART. 11 LEGGE N.

Dettagli

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese

COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese COMUNE DI BARDELLO Provincia di Varese VERBALE DI DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE COPIA Numero 37 del 29-09-2009 Oggetto: L.R. 16 LUGLIO 2009 N. 13 - RIDUZIONE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE E REPERIMENTO

Dettagli

Deliberazione originale della Giunta Comunale

Deliberazione originale della Giunta Comunale N. prot. Ai capigruppo consiliari N. 37 Reg. Al Collegio Interno C O M U N E D I C A S S O L A P R O V I N C I A D I V I C E N Z A Deliberazione originale della Giunta Comunale OGGETTO: Esame ed adozione

Dettagli

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca

COMUNE DI MASSAROSA Provincia di Lucca Oggetto: Piano Attuativo denominato SALOV e Centro Leasing - Adozione- Proposta di deliberazione del Consiglio Comunale Premesso che: con deliberazione del Consiglio Comunale del 27.4.2004 n. 51 è stato

Dettagli

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova

COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova COMUNE DI VEGGIANO Provincia di Padova Copia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n. 21 del 05-03-2012 Oggetto:Aggiornamento dei diritti di segreteria da applicarsi alle pratiche edilizie e di

Dettagli

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012

CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 CONVENZIONE in attuazione della delibera del Consiglio comunale di Spinea n. 32 del 25/05/2012 fra il COMUNE DI SPINEA, cf. 82005610272, rappresentato in questo atto dall arch. Fiorenza Dal Zotto nata

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA

LA GIUNTA COMUNALE DELIBERA INSERIRE QUI IL LOGO DEL COMUNE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 284 Del 08-04-10 COPIA Oggetto: PROPOSTA PROGRAMMA INTEGRATO IN LOCALITA' S. SIL= VESTRO - SOGGETTO PROPONENTE FIDIA

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO

COMUNE DI VALEGGIO SUL MINCIO C O P I A DELIBERAZIONE N. 46 DEL 10/07/2014 Deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: MODIFICA GRADO DI PROTEZIONE PER APPLICAZIONE "PIANO CASA" AD EDIFICIO COMPRESO NEL CENTRO STORICO DEL CAPOLUOGO.

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 343-6.8.2013 N. 74658 P.G. OGGETTO: Area Centro Storico e Servizi Tecnici. Settore Logistica Tecnica. Area Gestione del Territorio Settore Urbanistica. Acquisizione

Dettagli

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE

SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE SCHEDE DESCRITTIVE AREE DEGRADATE In adeguamento al Regolamento n.1 di attuazione della legge regionale n. 50/2012, articolo 2 - comma 6, nel Comune di Tezze sul Brenta è stata individuata un area degradata

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 17 in data: 15.05.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AUTORIZZAZIONE ALLE CELEBRAZIONI DI MATRIMONI DI RITO

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 del 24.03.2014 OGGETTO:Variante al PRG ai sensi dell art. 6 della L.R. 4/2011 (piano casa) e riperimetrazione area boscata Località Belvedere pratiche

Dettagli

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n

a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n a r c h i t e t t o m a u r o c a s a r i n PLEOSINVEST SAS DI BARBIERO MARIO BOSELLO LILIANA A VARIANTE AMBITO E DEL PDL DI VIA TREVISO APPROVATO CON DELIBERA G.C. 17/2012 E 64/2012 RELAZIONE DICHIARAZIONI

Dettagli

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova

MOD. E085_D Atto unilaterale tipo per Zone Attività Economiche. Comune di Mantova ATTO UNILATERALE D OBBLIGO TIPO PER LE ZONE OMOGENEE D Relativo all intervento di ristrutturazione urbanistica / ristrutturazione edilizia / demolizione / ampliamento / nuova costruzione dell immobile

Dettagli

COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia

COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia COMUNE DI CASTEL MELLA Provincia di Brescia Oggetto : INDIVIDUAZIONE ZONA DI RECUPERO A NORMA DELL ART. 27 LEGGE 457/78 IN VIA DELLA SUARDA E ADOZIONE RELATIVO PIANO DI RECUPERO Testo Proposta: VISTO che

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FRASSINORO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari ai sensi dell'art. 125 D.Lgs. 267/2000 il 03/04/2013 Nr. Prot. 1470 Affissa all'albo

Dettagli

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI UDINE. OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI UDINE C.C. 28/09/2015 2 OGGETTO: Approvazione P.A.C. di iniziativa privata in via Cotonificio scheda norma C.21. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto il vigente Piano Regolatore Generale Comunale approvato

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

COMUNE DI CAVALLINO-TREPORTI Provincia di Venezia OGGETTO

COMUNE DI CAVALLINO-TREPORTI Provincia di Venezia OGGETTO COPIA N 9 COMUNE DI CAVALLINO-TREPORTI Provincia di Venezia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO Approvazione della Variante al Progetto Unitario n. 31 del Campeggio Villa al Mare, ai

Dettagli

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MODENA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 1 COMUNE DI MODENA Prot. Gen: 2011 / 10282 - PT DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE L anno duemilaundici il giorno otto del mese di febbraio ( 08/02/2011 ) alle ore 09:00 nella Residenza Comunale di Modena,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.5

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.5 C o p i a A l b o SOGGETTA a comunicazione prefettura. NON SOGGETTA a comunicazione prefettura. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.5 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO N.

Dettagli

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni;

lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la L.R. 13 novembre 1998, n.31 e successive modifiche e integrazioni; ASSESSORATO DEGLI ENTI LOCALI FINANZE Direzione generale della pianificazione urbanistica territoriale e della Vigilanza edilizia del 08/10/2008 OGGETTO: Verifica di conformità ai sensi dell art. 52 delle

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 151 in data: 28.12.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE N. 151 in data: 28.12.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI GORLA MAGGIORE UFFICIO SEGRETERIA (PROVINCIA DI VARESE) P.ZZA MARTIRI DELLA LIBERTÀ, 19 21050 TEL.0331.617121 FAX 0331.618186 E.MAIL: segreteria@comunegorlamaggiore.it COPIA DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI VILLAVERLA

COMUNE DI VILLAVERLA COMUNE DI VILLAVERLA Provincia di Vicenza Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Originale N N 108/2013 del 05/12/2013 OGGETTO: ADOZIONE PIANO DI LOTTIZZAZIONE REDENZIALE DENOMINATO "POLETTO POLETTO"

Dettagli

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA Repertorio n. CONVENZIONE EDILIZIA relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via Colonnello Aprosio 106/108/110 Vallecrosia (ex Hotel Impero) REPUBBLICA ITALIANA L

Dettagli

COMUNE DI MONTEFIORINO PROVINCIA DI MODENA

COMUNE DI MONTEFIORINO PROVINCIA DI MODENA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTEFIORINO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari il 04/07/2015 Nr. Prot. 4060 Affissa all'albo Pretorio il 04/07/2015 Allegati

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Provincia di Venezia Prot. N. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Originale N 26 del 31/05/2006 OGGETTO: PIANO DI LOTTIZZAZIONE DI INIZIATIVA PRIVATA PN 7/A SITO

Dettagli

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca

C O M U N E D I S E R A V E Z Z A. Provincia di Lucca C O M U N E D I S E R A V E Z Z A Provincia di Lucca OGGETTO: PIANO DI RECUPERO PER L'AREA RR14 POSTA IN POZZI, VIA MARTIRI DI SANT'ANNA ADOTTATO IN DATA 30 SETTEMBRE 2011 - PRONUNCIAMENTO SULLE OSSERVAZIONI

Dettagli

COMUNE DI CASALSERUGO

COMUNE DI CASALSERUGO Elaborato1.2 COMUNE DI CASALSERUGO Documento del sindaco Piano Regolatore Comunale LR 11/2004 Piano degli Interventi n. 02 PI 2013 Gruppo di lavoro PROGETTISTI Urbanista Raffaele Gerometta CONTRIBUTI SPECIALISTICI

Dettagli

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici;

opere riguardanti il rifacimento ed il restauro di facciate o di parti esterne degli edifici; REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E AGEVOLAZIONI ECONOMICHE PER IL MIGLIORAMENTO ESTETICO ED IL RISANAMENTO DEI CENTRI STORICI DI SCANZO E ROSCIATE ART. 1 - CONCESSIONE DI CONTRIBUTI Il Comune

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO CONVENZIONE TIPO Permesso di costruire convenzionato ai sensi dell art. 28 bis DPR 380/01 L anno addì del mese

Dettagli

Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA. Deliberazione n. 194 Data 27-12-2011. Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile

Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA. Deliberazione n. 194 Data 27-12-2011. Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA Deliberazione n. 194 Data 27-12-2011 Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N N VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE VARIANTE

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 121 di Reg. Data 17/9/2012 OGGETTO: Opere immediatamente cantierabili. Valorizzazione percorsi culturali e riqualificazione

Dettagli

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE

COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE COMUNE DI NOVENTA DI PIAVE Quarta Variante Parziale al Piano degli Interventi (PRG) modifica dell articolo 34 Parcheggi e servizi pubblici delle N.T.A.. Ai sensi dell'art. 18 della L.R.V. 11/2004 e s.m.i..

Dettagli

COMUNE DI VILLANOVA SOLARO

COMUNE DI VILLANOVA SOLARO COMUNE DI VILLANOVA SOLARO Provincia di Cuneo ORIGINALE VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 17 OGGETTO: Approvazione Piano Finanziario Servizi Indivisibili e relative aliquote " TASI" anno

Dettagli

Valutazione integrata

Valutazione integrata COMUNE DI CAPOLIVERI PROVINCIA DI LIVORNO Valutazione integrata D.P.G.R. 09/02/2007 n 4/r Piano Attuativo Camping Laconella Il Responsabile del Procedimento Ing. Federico Brugioni Il Responsabile del servizio

Dettagli

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE:

CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: scheda N 1 loc. PIEDIMONTE / COMPARTO 46 R CONTENUTI DELLA MANIFESTAZIONE: Realizzazione di manufatti con destinazione artigianale/industriale/direzionale per una S.U.L. complessiva di mq 4.000 e una volumetria

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE "VECCHIE FONTANE" A CESUNA AI SENSI DELL'ARTICOLO 20 DELLA L.R. N. 11/2004.

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE VECCHIE FONTANE A CESUNA AI SENSI DELL'ARTICOLO 20 DELLA L.R. N. 11/2004. Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA Deliberazione n. 72 Data 15-04-2014 Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N N VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI RIO MARINA PROVINCIA DI LIVORNO PIAZZA SALVO D'ACQUISTO, 7-57038 - RIO MARINA (LI) C.F. 82001270493 - P.I. 00418180493 TEL 0565/925511 - FA 0565/925536 www.comuneriomarina.li.it Verbale di deliberazione

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 36 del 16.12.2013 OGGETTO: Accordo di programma tra Ministero ambiente e Regione Lazio. intervento n. 48 consolidamento del versante occidentale della rupe.

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256

GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 Immediatamente Eseguibile COPIA SEGRETERIA GENERALE 56125 PISA Piazza V. Emanuele II, 14 T. 050/ 929 317 318 346 GIUNTA PROVINCIALE SEDUTA DEL GIORNO 16 NOVEMBRE 2011 OGGETTO N 256 OGGETTO : Integrazione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI PALAGANO PROVINCIA DI MODENA C O P I A Comunicata ai Capigruppo Consiliari ai sensi dell'art. 125 D.Lgs. 267/2000 il 22/07/2011 Nr. Prot. Affissa all'albo

Dettagli

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101

COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101 C o p i a COMUNE DI ZEDDIANI PROVINCIA DI OR V E R B AL E D I D E L I B E R AZ I ONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 101 OGGETTO: INTERVENTO DI MANUTENZIONE,SISTEMAZIONE E COMPLETAMENTO DEL MAGAZZINO COMUNALE

Dettagli

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI

Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Schede delle aree di trasformazione MODIFICATA A SEGUITO DELLE CONTRODEDUZIONI Novembre 2012 INDICE Nuove aree di trasformazione... 3 Ambito A - Residenziale e Commerciale... 4 Ambito B - Residenziale

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 Spazio riservato al protocollo: Spazio riservato all Ufficio: Il sottoscritto COGNOME E NOME SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA Art. 145/2 lett. a) LRT 65/2014 LUOGO

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova

Comune di San Giorgio di Mantova Comune di San Giorgio di Mantova Piazz a dell a Repu bbl ica, 8. T e l 037 6 2731 11 F ax 037 6 2731 54 p. e.c. c o m u ne. san gio rgi o di m an tova@p e c. regione.lombardia. it C. F. 800 046 102 02

Dettagli

COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012

COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012 COMUNE DI ZOCCA (PROVINCIA DI MODENA) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE NR. 50 DEL 07 GIUGNO 2012 OGGETTO: RIDEFINIZIONE DELL ONERE E DELLE MODALITA APPLICATIVE DEI CONTRIBUTI D ED S DI CUI ALLE TABELLE

Dettagli

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA

COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO PROVINCIA DI BOLOGNA AREA PROGRAMMAZIONE E GESTIONE TERRITORIO COPIA DETERMINAZIONE N. 289 del 31/12/2009 OGGETTO APPROVAZIONE DISCIPLINARE D'INCARICO PER LA REDAZIONE DI

Dettagli

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA TRA IL COMUNE DI COSTABISSARA E LA SOCIETA AGGIUDICATARIA DELL APPALTO INTEGRATO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE

Dettagli

OGGETTO: PRESA D ATTO DELLA RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO DI AFFITTO AGRARIO CON LA SOC. AGR. VILLOSIO LIVIO E DOMENICO S.S.

OGGETTO: PRESA D ATTO DELLA RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO DI AFFITTO AGRARIO CON LA SOC. AGR. VILLOSIO LIVIO E DOMENICO S.S. OGGETTO: PRESA D ATTO DELLA RISOLUZIONE ANTICIPATA DEL CONTRATTO DI AFFITTO AGRARIO CON LA SOC. AGR. VILLOSIO LIVIO E DOMENICO S.S. LA GIUNTA COMUNALE PREMESSO che: - Con D.G.C. 32 del 26/4/2013 è stato

Dettagli

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano

COMUNE DI LACONI. Provincia di Oristano COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano SETTORE : Responsabile: UFFICIO TECNICO COMUNALE Dott. Ing. Massimo Dessanai COPIA DETERMINAZIONE N. 116 DEL 03/03/2015 PROPOSTA DETERMINAZIONE N. 117 DEL 03/03/2015

Dettagli

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

U.P. SERVIZI PER IL TERRITORIO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA RELAZIONE Oggetto: VARIANTE ART.32 bis L.R.n.20/2000 AL PIANO STRUTTURALE COMUNALE INCREMENTO DELL ALTEZZA CONSENTITA PER LA REALIZZAZIONE DI MAGAZZINI AUTOMATICI PREMESSA La presente variante al Piano

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 29/01/2016 ADESIONE AL "PATTO TERRITORIALE PER FAVORIRE OPPORTUNITÀ DI INSERIMENTO

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia)

COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) COMUNE DI SAN MARTINO SICCOMARIO (Provincia di Pavia) PROGRAMMA INTEGRATO DI INTERVENTO RELATIVO ALL AREA RICOMPRESA TRA LE VIE GRAMSCI, MAZZINI, BANFI, ED IL CONFINE COL TERRITORIO COMUNALE DI CAVA MANARA

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI COPIA DI DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 39 del 30/12/2010 (CON I POTERI SPETTANTI ALLA GIUNTA COMUNALE) ======================================================================

Dettagli

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino

COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino COMUNE DI PRATOLA SERRA Provincia di Avellino DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 180 Del 29-12-2014 C O P I A Oggetto: Lavori di realizzazione di impianti per la produzione di energia rinnovabile

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A REP. GENERALE N. 342 DEL 14/12/2015 SETTORE TECNICO E TERRITORIO DETERMINAZIONE N. 33 DEL 14/12/2015 OGGETTO: LAVORI DI COMPLETAMENTO RSA PER

Dettagli