Bilancio separato semestrale abbreviato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bilancio separato semestrale abbreviato"

Transcript

1 Bilancio separato semestrale abbreviato

2 Prospetti contabili Prospetto della situazione patrimoniale e finanziaria (euro) Note Variazioni Attività non correnti Immobili, impianti e macchinari ( ) Investimenti immobiliari ( ) Attività immateriali Partecipazioni in controllate e collegate Partecipazioni in altre imprese Attività per imposte anticipate ( ) Altre attività non correnti ( ) Totale attività non correnti ( ) Attività correnti Rimanenze Crediti commerciali ( ) Altre attività correnti inclusi gli strumenti derivati ( ) Crediti tributari ( ) Partecipazioni, obbligazioni e crediti finanziari correnti Disponibilità liquide Totale attività correnti Totale attività ( ) Patrimonio netto Capitale Riserve sovrapprezzo azioni Riserve ( ,0) Azioni proprie ( ) ( ) - Utili a nuovo ( ) Totale patrimonio netto ( ) Passività non correnti Passività finanziarie ( ) Benefici ai dipendenti Fondi ( ) Altre passività non correnti ( ) Totale passività non correnti ( ) Passività correnti Debiti verso banche e prestiti a breve Passività finanziarie Debiti commerciali ( ) Altre passività correnti ( ) Totale passività correnti Totale passività Totale patrimonio netto e passività ( ) 2

3 Prospetto del conto economico (euro) Note % % Variazione % Ricavi , ,0 ( ) -5,6 Altri ricavi e proventi operativi Variazioni rimanenze Lavori interni Costi per materie prime e accessori 15 ( ) ( ) Costi per servizi 16 ( ) ( ) Costi per il personale 17 ( ) ( ) Oneri e proventi operativi diversi Margine Operativo Lordo corrente ,9 ( ) -3, n.s. Plusvalenze nette da cessione di immobilizzazioni Altri proventi/ (oneri) non ricorrenti 19 ( ) ( ) Margine Operativo Lordo ,4 ( ) -2, n.s. Ammortamenti 2 ( ) ( ) Rettifiche di valore su immobilizzazioni 2 ( ) 0 Risultato operativo ( ) -15,4 ( ) -15, ,4 Proventi finanziari Oneri finanziari 20 ( ) ( ) Differenze cambio e derivati netti ( ) Rettifiche di valore di attività finanziarie 3 ( ) ( ) Risultato ante imposte (38.733) 0, ,1 ( ) n.s. Imposte del periodo 21 ( ) Risultato del periodo ( ) -1, ,0 ( ) n.s. n.s. = non significativa 3

4 Prospetto del conto economico complessivo (euro) Note % % Variazione % Risultato del periodo ( ) -1, ,0 ( ) n.s. Aggiustamenti al valore di fair value su: Attività finanziarie disponibili per la vendita Strumenti finanziari derivati ( ) ( ) Imposte relative alle altre componenti di conto economico ( ) Altre componenti di conto economico 8 ( ) ( ) Totale conto economico complessivo ( ) -3, ,6 ( ) n.s. n.s. = non significativa 4

5 Prospetto delle variazioni nel patrimonio netto (euro) Capitale sociale Riserva da sovrapprezzo delle azioni Riserva fair value per attività finanziarie disponibili per la vendita Riserve Riserva fair value per strumenti finanziari derivati Altre riserve Azioni proprie Utili a nuovo Totale patrimonio netto Saldi al 31 dic ( ) ( ) Risultato del periodo Totale altre componenti di conto economico Stock option Distribuzione di utili: Dividendi ( ) ( ) Saldi al 30 giu ( ) ( ) Risultato del periodo ( ) ( ) Totale altre componenti di conto economico ( ) ( ) ( ) Stock option ( ) ( ) Distribuzione di utili: Dividendi - Saldi al 31 dic ( ) ( ) Risultato del periodo ( ) ( ) Totale altre componenti di conto economico ( ) ( ) Stock option - Distribuzione di utili: Dividendi ( ) ( ) Saldi al 30 giu ( ) ( )

6 Rendiconto finanziario (euro) A) Flusso dell'attività operativa 30 giugno giugno 2011 Risultato ante imposte (38.733) Ammortamenti e svalutazioni Rettifiche di valore di attività finanziarie Plusvalenza cessione ramo d'azienda ( ) - (Plusvalenze)/minusvalenze vendite immobilizzazioni ( ) ( ) Variazione fondi per benefici verso dipendenti e altri fondi ( ) Stock options Storno oneri (proventi) finanziari netti ( ) ( ) Flusso dell'attività operativa ante imposte, oneri/proventi finanziari e variazione del capitale d'esercizio: ( ) ( ) Capitale circolante operativo ( ) Altre attività/passività ( ) Totale variazione capitale di esercizio ( ) Oneri finanziari netti pagati ( ) ( ) Dividendi ricevuti Imposte (pagate) o eccedenze recuperate ( ) ( ) B) Flusso da attività di investimento: Investimenti in immobilizzazioni: Totale A) Immateriali ( ) ( ) Materiali ( ) ( ) Finanziarie (Partecipazioni) ( ) ( ) Altre attività (5.661) - Totale investimenti ( ) ( ) Realizzo disinvestimenti per cessione ramo d'azienda Crediti per cessione ramo d'azienda ( ) - Realizzo disinvestimenti per immobilizzazioni nette cedute Totale disinvestimenti Variazione altre attività/passività finanziarie a lungo termine C) Flusso da attività finanziaria: Totale B) ( ) ( ) Nuovi debiti finanziari a lungo termine Rimborso debiti finanziari a lungo termine ( ) ( ) Variazione debiti a breve termine Variazione altre attività finanziarie ( ) Dividendi distribuiti ( ) ( ) Totale C) D) Variazione disponibilità liquide (A+B+C) ( ) E) Disponibilità liquide iniziali Disponibilità liquide finali (D+E)

7 Indice Note illustrative 1. Note relative al bilancio intermedio 2. Immobili, impianti e macchinari e Investimenti immobiliari 3. Partecipazioni in controllate, collegate e Partecipazioni in altre imprese 4. Altre attività non correnti 5. Crediti commerciali 6. Altre attività correnti 7. Partecipazioni, obbligazioni e crediti finanziari correnti 8. Patrimonio netto 9. Benefici ai dipendenti 10. Fondi 11. Indebitamento finanziario netto 12. Impegni 13. Ricavi 14. Altri ricavi e proventi operativi 15. Costi per materie prime ed accessori 16. Costi per servizi 17. Costi per il personale 18. Oneri e proventi operativi diversi 19. Proventi e oneri non ricorrenti 20. Proventi e oneri finanziari, differenze cambio e derivati netti 21. Imposte del periodo 22. Rapporti con parti correlate 23. Operazioni non ricorrenti 24. Eventi successivi alla chiusura del periodo 7

8 1. Note relative al bilancio intermedio Il bilancio semestrale abbreviato al 30 giugno 2012 di Italcementi S.p.A. è stato approvato dal Consiglio di amministrazione tenutosi in data 30 luglio 2012 che ne ha autorizzato la diffusione attraverso comunicato stampa del 30 luglio 2012 contenente gli elementi principali del bilancio stesso Espressione di conformità agli IFRS - Principi contabili Il bilancio è preparato in conformità ai Principi contabili internazionali (IFRS) in vigore al 30 giugno 2012 così come adottati dalla Commissione delle Comunità Europee ed in particolare il presente bilancio semestrale abbreviato è stato preparato secondo il Principio contabile internazionale IAS 34 relativo ai bilanci intermedi. Il bilancio semestrale abbreviato non riporta tutte le informazioni e le note del bilancio annuale, pertanto deve essere letto congiuntamente al bilancio di Italcementi S.p.A. al 31 dicembre I principi contabili adottati per la predisposizione del bilancio semestrale abbreviato sono conformi a quelli utilizzati per la preparazione del bilancio annuale al 31 dicembre 2011 ai quali si aggiungono i principi e le interpretazioni omologati dall Unione Europea, applicabili a partire dal 1 gennaio 2012: Modifiche all IFRS 7 strumenti finanziari: informazioni integrative trasferimenti di attività finanziarie. Tali cambiamenti non hanno prodotto effetti di rilievo nel periodo in esame. La redazione del bilancio e delle relative note, in conformità con i principi contabili internazionali, richiede l effettuazione di stime che hanno un incidenza sui valori delle attività, delle passività, dei proventi e dei costi, quali ammortamenti e accantonamenti nonché sull informativa relativa ad attività e passività potenziali contenuta nelle note illustrative. 8

9 2. Immobili, impianti e macchinari e investimenti immobiliari Gli immobili, impianti e macchinari ammontano a migliaia di euro; gli incrementi per investimenti pari a migliaia di euro si riferiscono prevalentemente al normale processo di rinnovamento del dispositivo industriale e al completamento del realizzo del nuovo centro di ricerca e innovazione presso il kilometro Rosso. In data 30 giugno si è perfezionata la cessione del ramo d azienda di Pontassieve (FI), a fronte della quale è stata contabilizzata una plusvalenza di migliaia di euro. Nel primo semestre sono state effettuate svalutazioni di impianti per migliaia di euro in relazione alla dichiarazione di chiusura di due siti produttivi. Il valore di carico delle immobilizzazioni derivanti da operazioni di leasing finanziario o da contratti di affitto rientranti nella definizione di leasing prevista da principi contabili internazionali ammontano a migliaia di euro al 30 giugno 2012 e a migliaia di euro al 31 dicembre 2011 e riguardano le categorie fabbricati (666 migliaia di euro), impianti e macchinari ( migliaia di euro) e autovetture (33 migliaia di euro). 3. Partecipazioni in imprese controllate, collegate e Partecipazioni in altre imprese 3.1. Partecipazioni in imprese controllate e collegate Le variazioni delle partecipazioni in imprese controllate e collegate rispetto al 31 dicembre 2011 sono state le seguenti: acquisizioni pari a migliaia di euro riferite principalmente al versamento in conto copertura perdite della Nuova Sacelit S.p.A. e del Cementificio di Montalto S.p.A. rispettivamente di migliaia di euro e migliaia di euro, oltre al versamento a Calcestruzzi S.p.A. per reintegro Capitale sociale e costituzione di Riserva Straordinaria per l ammontare complessivo di migliaia di euro; cessioni pari a migliaia di euro riferite alla vendita della partecipazione Silos Granari della Sicilia S.r.l.. rettifiche di valore di attività finanziarie pari a migliaia riferite principalmente alla Calcestruzzi S.p.A. (8.757 migliaia di euro) Partecipazioni in altre imprese Questa voce, classificata nelle attività non correnti ammonta a migliaia di euro e comprende le partecipazioni iscritte nella categoria disponibili per la vendita come previsto dal principio IAS 39 e non ha subito variazioni rispetto al 31 dicembre Altre attività non correnti Variazione Depositi cauzionali Crediti per espropri Obbligazioni Italcementi Finance S.A Strumenti derivati su commodity ( ) Crediti finanziari verso società del gruppo Crediti per cessione ramo d'azienda Crediti verso controllante per adesione al consolidato fiscale Totale ( 8.926) 9

10 Nel mese di gennaio sono state acquistate ulteriori obbligazioni Italcementi Finance S.A. per un valore nominale di 1 milione di euro. 5. Crediti commerciali I crediti commerciali ammontano al 30 giugno 2012 a migliaia di euro, di cui migliaia di euro vantati nei confronti di società del gruppo, e presentano una variazione in diminuzione pari a migliaia di euro rispetto al 31 dicembre Il fondo svalutazione crediti si incrementa rispetto al 31 dicembre 2011 di migliaia di euro, quale differenza tra l accantonamento del periodo di migliaia di euro e gli utilizzi effettuati per migliaia di euro. 6. Altre attività correnti La voce, che ammonta a migliaia di euro, include il valore attuale del credito per quote CO 2 nuove entranti riconosciute per il periodo ( migliaia di euro), il credito riferito alle operazioni in strumenti derivati ( migliaia di euro) e risconti attivi relativi a commissioni pagate per l accensione di linee di credito (5.449 migliaia di euro). 7. Partecipazioni, obbligazioni e crediti finanziari correnti L incremento di migliaia di euro è dovuto principalmente all aumento dei crediti di conto corrente intrattenuti con società del Gruppo a supporto del loro fabbisogno gestionale; tali rapporti sono regolati ai normali tassi di mercato. 8. Patrimonio netto 8.1. Riserve Al 30 giugno 2012 le riserve, che comprendono la riserva sovrapprezzo delle azioni, la riserva fair value per strumenti finanziari derivati e la riserva stock option, presentano una diminuzione di migliaia di euro rispetto al 31 dicembre 2011, dovuta alla riduzione della riserva fair value dei contratti derivati di copertura dei rischi di tasso e di cambio Dividendi pagati I dividendi deliberati nel 2012 e 2011 sono così dettagliati: giugno giugno 2011 (euro per azione) (euro per azione) Azioni ordinarie 0,120 0, Azioni risparmio 0, , Totale dividendi I dividendi pagati nel 1 semestre 2012 sono pari a migliaia di euro ( migliaia di euro nel 2011). 10

11 9. Benefici verso dipendenti Questa voce comprende il Fondo trattamento di fine rapporto adeguato secondo i criteri stabiliti dallo IAS 19 e le passività riferite agli impegni futuri, sotto forma di premi, da erogare ai dipendenti in base alla loro permanenza nella società; tali passività derivano dalle valutazioni attuariali al 31 dicembre 2011 proiettate al 30 giugno 2012, rettificate per tener conto delle indennità erogate nel semestre. La variazione in diminuzione rispetto all esercizio precedente è pari a migliaia di euro. Sono stati inoltre accantonati i costi previsti in relazione al ricorso alla cassa integrazioni guadagni straordinaria e a procedure di mobilità a fronte della prosecuzione del piano di riorganizzazione delle attività della sede e delle reti produttive: l importo accantonato nel periodo è pari a migliaia di euro, mentre l utilizzo, pari a migliaia di euro, comprende il rilascio a conto economico di eccedenze per migliaia di euro. 10. Fondi I fondi presentano un decremento di migliaia di euro, risultato dell accantonamento netto al fondo ripristino cave per 276 migliaia di euro, dell accantonamento di 147 migliaia di euro per probabili costi connessi a cause in essere e dell utilizzo complessivo di migliaia di euro del fondo rischi imposte, di cui 850 migliaia di euro per rilascio a conto economico di eccedenze. 11

12 11. Indebitamento finanziario netto Nella seguente tabella si riporta il raccordo delle voci che compongono la posizione finanziaria netta con le voci di stato patrimoniale: Categoria di attività e passività finanziaria Voce di stato patrimoniale Impieghi monetari e finanziari a breve ( ) ( ) Disponibilità liquide Disponibilità liquide ( 1.348) ( 479) Crediti finanziari correnti Partecipazioni, obbligaz. e crediti finanziari correnti ( ) ( ) Altre attività finanziarie correnti Altre attività correnti ( 5.449) ( 4.618) Strumenti derivati Altre attività correnti ( 931) ( 1.537) Debiti finanziari a breve Debiti verso banche e prestiti a breve 30 giugno dicembre 2011 Debiti verso banche e prestiti a breve Debiti finanziari correnti Debiti finanziari correnti Strumenti derivati Altre passività correnti Attività finanziarie a M/L ( ) ( ) Titoli e obbligazioni Altre attività non correnti ( 9.291) ( 8.551) Crediti finanziari non correnti Altre attività non correnti ( ) ( ) Debiti finanziari a M/L Debiti finanziari non correnti Debiti finanziari non correnti Strumenti derivati Altri passività non correnti Indebitamento finanziario netto Debiti finanziari Nella seguente tabella si riportano i debiti finanziari per categoria ripartiti tra parte non corrente e corrente: 30 giugno dicembre 2011 Debiti verso banche Parte non corrente su mutui e finanziamenti Debiti finanziari verso società del gruppo Debiti finanziari non correnti Fair value degli strumenti derivati di copertura Totale debiti finanziari a medio lungo termine Debiti verso banche e prestiti a breve Parte corrente mutui e finanziamenti Debiti finanziari verso società del gruppo Debiti verso banche e debiti finanziari correnti Fair value degli strumenti derivati di copertura Totale debiti finanziari a breve termine Totale debiti finanziari I debiti finanziari verso società del gruppo sono rappresentati essenzialmente da rapporti di conto corrente e da un finanziamento ricevuto da Italcementi Finance S.A. 12

13 Nel maggio 2012, Italcementi S.p.A., ha negoziato una linea di credito rinnovabile a 5 anni a tasso variabile per 200 milioni di euro che andrà a sostituire un finanziamento in scadenza a Dicembre. In linea con la politica introdotta, Italcementi Finance S.A. è parte del contratto come beneficiario alternativo della linea di credito, in questa eventualità a Italcementi S.p.A è riservato il ruolo di garante. Al 30 giugno 2012, la linea non è utilizzata Linee di credito confermate e non utilizzate Al 30 giugno 2012, oltre ai debiti finanziari iscritti in bilancio, Italcementi S.p.A. dispone di linee di credito confermate e non utilizzate per 720 milioni di euro (765 milioni di euro al 31 dicembre 2011) Ripartizione per scadenza dei debiti finanziari non correnti entro 1 anno Totale debiti finanziari al 30 giugno entro 2 anni entro 3 anni entro 4 anni entro 5 anni oltre Strumenti finanziari Fair value degli strumenti finanziari derivati Di seguito si riporta il fair value degli strumenti finanziari iscritti in bilancio dettagliati per tipologia di coperture: 30 giugno dicembre 2011 Attivi Passivi Attivi Passivi Derivati su tassi di interesse per copertura flussi di cassa Derivati su cambi per copertura flussi di cassa Derivati su cambi per copertura Fair Value Totale a breve termine Derivati su tassi d'interesse per copertura flussi di cassa Totale a medio lungo termine Totale Covenants Oltre alle clausole abituali, alcuni contratti di finanziamento concessi alla Società comprendono clausole particolari («covenants») che stabiliscono il rispetto di alcuni indici finanziari, determinati principalmente alla data di chiusura dell esercizio. Per linee di credito bilaterali e dei finanziamenti, il mancato rispetto di tali clausole comporta l estinzione con conseguente rimborso anticipato, tuttavia tali clausole prevedono altresì un periodo di stand-by prima dell effettivo esercizio. Le linee di credito e i contratti di finanziamento sottoscritti non contengono clausole che possano dare luogo a rimborsi in caso di ribasso del rating (Rating triggers). Taluni finanziamenti prevedono l assunzione di impegni quali negative pledge verso la controparte, che risultano tuttavia circoscritti a determinate fattispecie che non compromettono sostanzialmente la capacità della Società di finanziare o rifinanziare le proprie operazioni. Le linee di credito e i finanziamenti sottoposti a covenants costituiscono, al 30 giugno 2012, il 12% del totale degli utilizzi rappresentati dai debiti finanziari lordi (1.383 milioni di euro al 30 giugno 2012 al nominale con l esclusione degli impatti del fair value degli strumenti derivati). Al 30 giugno 2012 la Società rispetta tutti i propri impegni contrattuali e i ratio finanziari legati ai covenants sono sotto i limiti contrattuali previsti nei rispettivi finanziamenti. La società prevede di rispettare i propri covenants e nel caso di deterioramento della propria situazione finanziaria sarà data opportuna informazione. 13

14 12. Impegni La società ha prestato fidejussioni per un importo di migliaia di euro nell interesse quasi esclusivo di società del Gruppo a favore di Istituti di credito in relazione agli impianti assunti. L importo comprende migliaia di euro relative a garanzie rilasciate alla controllata Italcementi Finance S.A. a fronte della negoziazione di linee di credito e al prestito obbligazionario emesso. I contratti e ordini emessi per investimenti in Immobili, impianti e macchinari al 30 giugno 2012 sono così dettagliati: (milioni di euro) 30 giugno 2012 meno di 1 anno da 1 a 5 anni più di 5 anni Impegni per acquisti di immobilizzazioni materiali

15 13. Ricavi I ricavi delle vendite e delle prestazioni, il cui totale è di migliaia di euro, sono così suddivisi: 1 semestre semestre 2011 Variazione Vendite prodotti e semilavorati ( ) Rivendita prodotti materie prime Ricavi per prestazioni di servizi Totale ( ) 14. Altri ricavi e proventi operativi Ammontano a migliaia di euro ( migliaia di euro nel 1 semestre 2011) e comprendono affitti attivi e altri proventi patrimoniali per migliaia di euro e proventi per interrompibilità energia elettrica per migliaia di euro. 15. Costi per materie prime e accessori I costi per materie prime e accessori pari a migliaia di euro sono così dettagliati: 1 semestre semestre 2011 Variazione Acquisto materie prime e semilavorati ( ) Acquisto combustibili ( ) Acquisto imballaggi, materiali, macchinari e altri ( 4.141) Acquisto prodotti finiti e merci Energia elettrica, acqua e gas Variazione rimanenze materie prime, consumo e altre ( 5.502) ( 6.512) Totale ( ) 16. Costi per servizi I servizi pari a migliaia di euro, si riferiscono a: 1 semestre semestre 2011 Variazione Prestazioni di imprese e manutenzioni ( 1.547) Trasporti ( 9.216) Legali e consulenze ( 1.666) Affitti, canoni, spese fabbricati civili e strumentali ( 1.275) Assicurazioni ( 62) Altre spese varie ( 2.695) Totale ( ) Le Altre spese varie comprendono riaddebiti di personale e servizi infragruppo per l importo di migliaia di euro. 17. Costi per il personale Il costo complessivo del personale è pari a migliaia di euro e risulta così ripartito: 15

16 1 semestre semestre 2011 Variazione Salari e stipendi ( 148) Oneri sociali ( 1.102) Accantonamenti T.f.r. e altri benefici a dipendenti ( 249) Costi relativi ai piani di stock option ( 685) Altri costi Totale Gli Altri costi si riferiscono ai compensi al consiglio di amministrazione e a spese relative al personale dipendente quali servizio mensa, assicurazioni, spese viaggio e formazione. Il numero dei dipendenti è riportato nella seguente tabella: (unità) 1 semestre semestre 2011 Numero dipendenti alla fine del periodo Numero medio dipendenti Oneri e proventi operativi diversi Gli oneri operativi diversi al netto dei proventi sono pari a migliaia di euro e sono così ripartiti: 1 semestre 1 semestre Variazione Altre imposte Perdite e svalutazioni crediti commerciali Accantonamento ai fondi ripristino ambientali e cave ( 421) Proventi diversi ( ) ( ) Totale ( 4.300) ( ) I Proventi diversi comprendono introiti netti per cessione diritti emissioni CO 2 per migliaia di euro, proventi attualizzati derivanti dal rimborso quote CO 2 nuovi entranti riconosciuti per il periodo per migliaia di euro, proventi inerenti l assegnazione di certificati bianchi per migliaia di euro e compensi per uso di combustibili alternativi per migliaia di euro. 19. Proventi e oneri non ricorrenti I proventi al netto degli oneri non ricorrenti sono pari a migliaia di euro (4.033 migliaia di euro nel 2011) e si riferiscono a plusvalenze nette realizzate dalla cessione di cespiti e del ramo d azienda di Pontassieve (FI) per migliaia di euro e ad oneri netti connessi a riassetti organizzativi per migliaia di euro. 20. Proventi, oneri finanziari, differenze cambio e derivati netti I proventi finanziari al netto degli oneri, sono pari a migliaia di euro. Tale importo risulta così composto: 16

17 1 semestre semestre 2011 migliaia di euro Proventi Oneri Proventi Oneri Interessi attivi Interessi passivi (18.426) (18.763) Sub totale (18.426) (18.763) Interessi netti correlabili alla posizione finanziaria netta - (14.888) - (15.168) Dividendi e altri proventi da partecipazione Altri proventi finanziari Altri oneri finanziari (31.905) (10.768) Totale proventi e (oneri) finanziari (50.331) (29.531) Utili/(perdite) da strumenti derivati su rischio tassi di interesse Utili/(perdite) da strumenti derivati su rischio cambi 49 (73) Differenze cambio nette 967 (983) Differenze cambio e derivati netti (337) Totale proventi (oneri) finanziari, differenze cambio e derivati netti Imposte del periodo Le imposte a carico del periodo, pari a migliaia di euro, sono analizzate come segue: 1 semestre semestre 2011 Variazione Imposte correnti ( ) Imposte differite ( 212) Imposte esercizi precedenti Eccedenze accantonamento al fondo imposte ( 850) - ( 850) Totale ( ) 22. Rapporti con parti correlate I rapporti di Italcementi S.p.A. con parti correlate hanno riguardato: - la controllante Italmobiliare S.p.A. e le società del gruppo Italmobiliare (controllate, nonché joint venture, collegate e loro controllate); - le società controllate, le joint venture, le società collegate e le loro controllate; - altre parti correlate. Il compimento di operazioni con parti correlate risponde all interesse di Italcementi S.p.A. di concretizzare le sinergie esistenti nell ambito del Gruppo in termini di integrazione produttiva e commerciale, efficiente impiego delle competenze esistenti, razionalizzazione dell utilizzo delle strutture centrali e delle risorse finanziarie. Nell esercizio non sono state poste in essere operazioni atipiche o inusuali, come definite nella Comunicazione Consob n. DEM / del 28 luglio 2006 Tutti i rapporti con parti correlate, sia quelli relativi allo scambio di beni, prestazioni, servizi, sia quelli di natura finanziaria, sono regolati secondo le usuali condizioni praticate dal mercato, nonché nel rispetto di quanto previsto dal Codice di Autodisciplina. Nell ambito delle azioni intraprese in materia di governo societario, Italcementi S.p.A. ha adottato la Procedura per le operazioni con parti correlate. 17

18 Rapporti con la controllante Italmobiliare S.p.A. e società da questa controllate Italcementi S.p.A. è soggetta all attività di direzione e coordinamento da parte di Italmobiliare S.p.A.. L attività di direzione e coordinamento da parte di Italmobiliare S.p.A. e i rapporti infragruppo intercorsi con la stessa Italmobiliare S.p.A. e con le altre società soggette alla sua direzione e coordinamento hanno positivamente influenzato lo svolgimento della gestione e i risultati economici, consentendo un efficiente impiego nell interesse comune di risorse e professionalità presenti nelle due società. Italcementi S.p.A. assicura a Italmobiliare S.p.A. e a sue controllate i servizi di gestione del personale e intrattiene rapporti che prevedono lo scambio di servizi e prestazioni. A Italmobiliare S.p.A. vengono inoltre forniti i servizi di gestione del libro soci e di gestione amministrativa delle assemblee degli azionisti. A seguito dell introduzione nel sistema tributario italiano del regime del consolidato fiscale, Italcementi S.p.A. e alcune sue società controllate italiane hanno optato per il consolidato fiscale nazionale di cui agli articoli del TUIR, in capo alla controllante-consolidante Italmobiliare S.p.A.. Italcementi S.p.A. non possiede, né ha posseduto in corso d anno, direttamente o indirettamente, azioni di Italmobiliare S.p.A.. Rapporti con società controllate, joint venture, collegate e loro controllate Italcementi S.p.A. intrattiene correnti rapporti commerciali e presta servizi di tipo tecnico e/o amministrativo a società controllate, joint venture, collegate e loro controllate. Sono inoltre intercorsi rapporti tra Italcementi S.p.A. e Ciments Français S.A. e sue società controllate riguardanti lo scambio di prestazioni di personale, sempre al fine di ottimizzare l utilizzo delle risorse professionali esistenti e lo sviluppo di iniziative comuni. Costi sostenuti da Italcementi S.p.A. per lo sviluppo di progetti organizzativi, di sviluppo internazionale, assicurativi e informatici sono stati riaddebitati a Ciments Français S.A. per la quota di competenza. Tra Italcementi S.p.A. e Ciments Français S.A. è in essere un contratto di servizi per la ripartizione dei costi relativi alle funzioni di gruppo che svolgono attività in favore di entrambe le società o indistintamente, a favore di tutto il Gruppo. Sul piano finanziario Italcementi S.p.A. fornisce a proprie controllate supporto in termini sia di finanziamento sia di rilascio di garanzie e fidejussioni e ottimizza la gestione di tesoreria tramite conti correnti e finanziamenti infra gruppo. Rapporti con altre parti correlate Nel primo semestre 2011, Finsise S.p.A., società di cui è azionista di maggioranza il dott. Italo Lucchini Consigliere di amministrazione di Italcementi S.p.A., ha fornito servizi amministrativi, finanziari, di contrattualistica, di consulenza tributaria nonché di supporto all organizzazione di operazioni di riassetto societario, a fronte dei quali sono stati riconosciuti corrispettivi per 180 mila euro. Kilometro Rosso S.p.A., società partecipata dal Consigliere di amministrazione ing. Alberto Bombassei, ha addebitato Italcementi S.p.A. per 8 mila euro quale residuo di spese legate al contratto di occupazione terreni. Nel 1 semestre 2012 Italcementi S.p.A. ha erogato alla Fondazione Italcementi Cav. Lav. Carlo Pesenti l importo di 300 mila di euro per la copertura dei costi di gestione. In relazione al contratto per la fornitura di servizi di natura amministrativo-societaria e a prestazioni, Italcementi S.p.A. ha addebitato alla Fondazione la somma di 92 mila euro, mentre per altri servizi sono stati addebitati 14 mila euro. 18

19 Dettaglio crediti e debiti con parti correlate Descrizione Società Importo Incidenza % sui valori Crediti commerciali Calcestruzzi S.p.A Ciments Francais S.A S.Francesco S.c.a.r.l Intercom S.r.l C.T.G. S.p.A Ciments du Maroc Vassiliko Cements Works Ltd Zuari Cement Ltd Suez Cement Helwan Cement 775 Italgen S.p.A. 685 Ciments Calcia S.A. 633 Altre società Altre parti correlate 67 Valori Riferimento Totale crediti commerciali ,5% Nota 5 Crediti di c/c e altri crediti finanziari Calcestruzzi S.p.A Cementificio di Montalto S.p.A Italgen S.p.A International city for Ready Mix Co. Finanziamento Nuova Sacelit S.r.l Calcementi Jonici S.r.l Bravosolution S.p.A Bravosolution S.p.A. prestito obbligazionario Ing. Sala S.p.A Intercom S.r.l Italterminali S.r.l C.T.G. S.p.A Altre società 131 Totale crediti finanziari correnti ,9% Nota 7 Altre attività correnti Ciments Calcia S.A Devnya Cement AD Sociedad Financiera Y Minera S.A. 695 Altre società 573 Totale altre attività correnti ,5% Nota 6 Altre attività non correnti Ciments Francais S.A Italmobiliare S.p.A. crediti adesione al consolidato fiscale Italcementi Finance Prestito obbligazionario Totale altre attività non correnti ,1% Nota 4 19

20 (Dettaglio crediti e debiti con parti correlate segue) Descrizione Società Importo Incidenza % sui valori Debiti commerciali Gruppo Italsfusi S.r.l. ( 6.461) Italmobiliare S.p.A. ( 4.598) Interbulk Trading S.A. ( 4.163) Ciments Francais S.A. ( 3.597) C.T.G. S.p.A. ( 2.941) Italgen S.p.A. ( 1.741) Intercom S.r.l. ( 1.351) Cementificio di Montalto S.p.A. ( 1.021) BravoSolution S.p.A. ( 538) Altre società ( 1.854) Altre parti correlate ( 90) Valori Totale debiti commerciali ( ) 22,1% Debiti di c/c e altri debiti finanziari Italcementi Finance S.A. ( ) Italcementi Ingegneria S.r.l. ( 5.192) SAMA S.r.l. ( 4.382) Esa Monviso S.p.A. ( 3.569) Gruppo Italsfusi S.r.l. ( 1.899) Aliserio S.r.l. ( 1.897) Altre società ( 681) Riferimento Totale passività finanziarie correnti ( ) 26,1% Nota 11 Italcementi Finance S.A. finanziamento ( ) Totale passività finanziarie non correnti ( ) 29,6% Nota 11 Altre passività Ciments Calcia S.A. ( 3.227) Devnya Cement AD ( 2.217) Sociedad financiera Y Minera S.A. ( 719) Altre società ( 888) Altre parti correlate ( 50) Totale altre passività correnti ( 7.101) 10,0%

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Debiti. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Debiti Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI

INDICE. Relazione sulla Gestione RELAZIONE SULLA GESTIONE ORGANI SOCIALI STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE PAG. ORGANI SOCIALI PAG. STRUTTURA DEL GRUPPO ANDAMENTO DELLA SOCIETÀ ALTRE INFORMAZIONI PROSPETTI CONTABILI AL 31 DICEMBRE 2013 PAG. SITUAZIONE PATRIMONIALE-FINANAZIARIA

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes)

IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) IAS 12 Imposte sul Reddito (Income Taxes) INDICE INTRODUZIONE L EVOLUZIONE DELLO STANDARD OGGETTO, FINALITÀ ED AMBITO DI APPLICAZIONE DELLO STANDARD LA RILEVAZIONE DI IMPOSTE RILEVAZIONE DEGLI EFFETTI

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008

Indice. Cariche Sociali. Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Indice Cariche Sociali Bilancio della Banca di Legnano dell'esercizio 2008 Consiglio di Amministrazione Presidente Corali Enrico ** Vice Presidenti Castelnuovo Emilio ** Martellini Maria ** Consiglieri

Dettagli

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1

PARTECIPAZIONI. Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè. Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11. Page 1 PARTECIPAZIONI Università Roma Tre Facoltà di Economia Federico Caffè Prof. Ugo Marinelli Anno accademico 10-11 Page 1 Generalità Art. 2424 b iii immobilizzazioni finanziarie. Partecipazioni Crediti Altri

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015

PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE PER L ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 2015 PROGETTO DI RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALEE PER L ESERCI IZIO AL 31 DICEMBRE 2014 Guanzate 13 marzo 20155 PAGINA BIANCA PAGINA BIANCA RATTI S.p.A. Sede in Guanzate (Como) Via Madonna, 30 Capitale Sociale

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l.

Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Bilancio della Banca Popolare di Milano Soc. Coop. a r.l. Esercizio 2014 433 Dati di sintesi ed indicatori di bilancio della Banca Popolare di Milano 435 Schemi di bilancio riclassificati: aspetti generali

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO 18. PARTECIPAZIONI ISCRITTE TRA LE IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE CONTENUTO L utilizzo durevole è il criterio per classificare le partecipazioni come immobilizzazioni finanziarie. Le tipologie

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo

SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo SOL S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2014 SOL S.p.A. e Consolidato di Gruppo CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Presidente e Amministratore Delegato ING. ALDO FUMAGALLI ROMARIO Vice Presidente e Amministratore

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013)

COMUNICATO STAMPA. Proposto un dividendo di 8 centesimi di euro per azione (6 centesimi nel 2013) COMUNICATO STAMPA Conferma della solida patrimonializzazione del Gruppo: Common Equity Tier 1 ratio phased in al 31 dicembre 2014: 12,33% 1 (13% al 30/09/2014) Common Equity Tier 1 ratio pro forma stimato

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi

OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi OIC 19 Debiti - Sintesi dei principali interventi Si è ritenuto di precisare che nel caso di un prestito obbligazionario che prevede un unico rimborso alla scadenza o di obbligazioni senza cedola (zero

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights

COMUNICATO STAMPA. FIAT CHRYSLER AUTOMOBILES - Highlights FCA ha chiuso il terzo trimestre con ricavi in crescita del 14% a 23,6 miliardi di euro e l EBIT in crescita del 7% a 0,9 miliardi di euro. L Indebitamento netto industriale si è attestato a 11,4 miliardi

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA

BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO GRUPPO ACEA 2013 BILANCIO DI ACEA SPA BILANCIO CONSOLIDATO DEL GRUPPO ACEA INDICE RELAZIONE SULLA GESTIONE MODELLO ORGANIZZATIVO DI ACEA 8 ORGANI SOCIALI

Dettagli

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali

OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI OIC xx Passaggio ai principi contabili nazionali BOZZA PER LA CONSULTAZIONE Si prega di inviare eventuali osservazioni preferibilmente entro il

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Titoli di debito. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Titoli di debito Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni

Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria Requisiti di informativa relativi alla composizione del patrimonio Testo delle disposizioni Giugno 2012 Il presente documento è stato redatto in lingua inglese.

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II

TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II TEMI SPECIALI DI BILANCIO MODULO II Lezione 6 IAS 19: Benefici per i dipendenti Marco Rossi Senior Manager Deloitte & Touche S.p.A. marrossi@deloitte.it Facoltà di Economia anno 2011 2012 24 aprile 2012

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Crediti. Giugno 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Crediti Giugno 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro.

FUSIONE PROGETTO DI. rispetto al 1Q 2012) ) investimenti in. finanziario. Indebitamento. riconosciuta. decremento milioni di euro. Torino, 10 maggio 2013 COMUNICATO STAMPA RESOCONTO INTERMEDIO DI GESTIONE DEL GRUPPO SIASS AL 31 MARZO 2013 PROGETTO DI FUSIONE PER INCORPORAZIONE DELLA D SOCIETÀ INTERAMENTE CONTROLLATA HOLDING PIEMONTE

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli