6. La posizione del curatore rispetto agli atti del fallito anteriori al fallimento

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "6. La posizione del curatore rispetto agli atti del fallito anteriori al fallimento"

Transcript

1 108 FALLIMENTO società debitrice, che, non osservando gli obblighi inerenti alla conservazione dell integrità del patrimonio sociale, lo abbiano reso insufficiente al soddisfacimento dei loro crediti (art c.c.). Nel fallimento la legittimazione all esercizio di queste azioni atte a tutelare la massa dei creditori denominate per l appunto azioni della massa viene sottratta ai creditori uti singuli ed attribuita al curatore. Il curatore, quindi, si sostituisce al fallito nell esercizio dei diritti e delle azioni ad esso spettanti e si sostituisce anche ai creditori nell esercizio delle azioni della massa. 6. La posizione del curatore rispetto agli atti del fallito anteriori al fallimento In questa prospettiva va affrontata la vexata quaestio della posizione del curatore rispetto agli atti del fallito: talora considerato terzo, in quanto rappresenta gli interessi della collettività dei creditori, altre volte parte, in quanto e- sercita i diritti e le azioni spettanti al fallito. Movendo dalla premessa, assolutamente pacifica, che il curatore rappresenta anche e soprattutto l interesse della collettività dei creditori, occorre allora considerare che i creditori, quando impugnano atti del debitore, assumono indiscutibilmente la posizione di terzi 5 ; ma quando esercitano l azione surrogatoria si sostituiscono al debitore e si collocano nella sua stessa posizione. Anche nell ambito del procedimento esecutivo, poi, il creditore può venirsi a trovare, in un certo momento, nella stessa posizione del debitore. Infatti quando fa valere la pretesa espropriativa si colloca nella posizione di terzo rispetto agli atti del debitore di disposizione del diritto pignorato: ed, infatti, come si è visto, sono inefficaci gli atti di disposizione anteriori se anteriormente al pignoramento non sono state poste in essere le formalità necessarie per renderli opponibili ai terzi (art c.c.). Una volta imposto il vincolo di indisponibilità, tuttavia, il creditore può venirsi a trovare nella stessa posizione del debitore esecutato: in particolare nell espropriazione dei crediti il creditore pignorante non può pretendere dal terzo debitore più di quanto può pretendere il debitore pignorato 6. Allo stesso modo il curatore si colloca nella posizione di terzo quando fa valere la pretesa espropriativa, quindi: a) quando contesta l opponibilità di un atto di disposizione anteriore al fallimento (art. 45); b) quando impugna un 5 Se, ad esempio, propongono azione di simulazione, in quanto terzi possono provare la simulazione con qualunque mezzo (art c.c). 6 Nell eventuale giudizio ex art. 548 c.p.c. possono, quindi, essergli opposte tutte le eccezioni che il terzo poteva opporre al pignorato, salvo quelle relative ad eventi estintivi successivi al pignoramento (art c.c.).

2 BENI E DIRITTI 109 atto simulato (art. 1416, 2 comma, c.c.) od un atto pregiudizievole ai creditori (artt. 64 ss.); c) quando si oppone a pretese di terzi vòlte ad escludere dall esecuzione concorsuale beni acquisiti al fallimento: ad esempio quando il terzo propone un azione di rivendicazione od impugna con l azione di annullamento, risoluzione, ecc., il titolo di acquisto del fallito. Quando, invece, il curatore esercita diritti ed azioni compresi nel fallimento si sostituisce al debitore fallito e si colloca nella sua stessa posizione; quindi a) quando fa valere contro un terzo pretese creditorie; b) quando fa valere contro terzi pretese reali; c) quando impugna atti compiuti dal fallito se ai creditori non è riconosciuta un autonoma legittimazione (l azione di simulazione può ad esempio essere proposta dai creditori del simulato alienante, mentre l azione di annullamento o quella di risoluzione non possono essere autonomamente proposte dai creditori). 7. La sostituzione del curatore nei rapporti processuali La sostituzione del curatore al fallito opera ovviamente anche sul piano processuale: l art. 43, 1 comma, statuisce infatti che nelle controversie, anche in corso, relative a rapporti di diritto patrimoniale del fallito compresi nel fallimento sta in giudizio il curatore. Secondo la giurisprudenza di legittimità, la perdita della legittimazione processuale del fallito non determinava automaticamente l interruzione dei procedimenti in corso e l evento interruttivo cioè il fallimento non poteva essere rilevato d ufficio o dichiarato dalla controparte e doveva essere invece dichiarato, nelle forme prevedute dall art. 300 c.p.c., ad opera di coloro che possono proseguire il giudizio (nella specie, curatore fallimentare), mentre se l evento interruttivo non veniva dichiarato il procedimento continuava contro il fallito, ma la sentenza non era opponibile al fallimento. Gli inconvenienti di questo orientamento erano evidenti posto che di regola la parte in bonis ha interesse a non vedersi ulteriormente trascinata in un procedimento contro il fallito e può avere invece interesse ad una decisione in contraddittorio con il curatore e quindi opponibile al fallimento. Perciò con la riforma si è statuito che l apertura del fallimento determina l interruzione del processo (art. 43, 3 comma), con ciò sancendo l automaticità dell evento interruttivo 7. 7 Residua il problema dei procedimenti promossi dal fallito dopo la dichiarazione di fallimento. Con riguardo a questa ipotesi in giurisprudenza era emersa la preoccupazione di evitare una duplicità di iniziative, del fallito e del curatore: si era così affermato che il fallito conserva la capacita processuale... rispetto a quei rapporti di diritto patrimoniale che, pur essendo suscettibili di essere acquisiti al fallimento, di fatto non vi rientrano per essersene gli organi fallimentari disinteressati, omettendo di agire in giudizio per la tutela

3 110 FALLIMENTO Nelle controversie relative a rapporti di diritto patrimoniale compresi nel fallimento il fallito può dispiegare intervento solo per le questioni dalle quali può dipendere un imputazione per bancarotta o se l intervento è previsto dalla legge (art. 43, 2 comma). Così, ad esempio, se il curatore promuove un azione per accertamento della simulazione di atti di disposizione, l intervento del fallito è consentito perché l accertamento del fatto può fondare un imputazione di bancarotta per distrazione. 8. La sostituzione del curatore nei rapporti sopravvenuti L art. 42, 2 comma, statuisce che sono compresi nel fallimento anche i beni che pervengono al fallito durante il fallimento, dedotte le passività incontrate per l acquisto e la conservazione dei beni medesimi. Occorre ricordare, in proposito, che il principio sancito dall art. 2740, 1 comma, c.c. in forza del quale il debitore risponde dell adempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri non trova integrale applicazione nel fallimento, perché non sono ammissibili al concorso i debiti contratti dal fallito dopo il fallimento. Nel riaffermare che il debitore risponde, dei medesimi (Cass. 5 novembre 1990, n ). Movendo da questa premessa si era giunti alla conclusione che il difetto di capacità processuale del fallito è rilevabile d ufficio quando, prima delle iniziative giudiziarie del fallito, il curatore avesse concretamente dimostrato di interessarsi al rapporto controverso (Cass. 11 aprile 1983, n. 2544) e non potesse, invece, essere eccepito dalla controparte, né rilevato d ufficio se nell inerzia del curatore il fallito agisce in giudizio per proprio conto (Cass. 14 febbraio 1995, n. 1576). Se, peraltro, si muove dalla premessa che sono compresi nel fallimento tutti i beni, diritti, poteri e facoltà spettanti al fallito, con la sola eccezione di quelli preveduti dall art. 46, l inerzia del curatore che può disinteressarsi di determinati rapporti patrimoniali senza che ciò gli precluda la facoltà di interessarsene in un momento successivo non sembra possa fondare una legittimazione processuale del fallito; configurabile, invece, quando il disinteresse sia correlato all esclusione ex lege del diritto dal fallimento [come quello derivante dalla locazione della casa di abitazione del fallito] o ad una scelta definitiva del curatore [come nel caso dei beni sopravvenuti cui ineriscono passività superiori al loro valore (infra, 8) o dei beni preesistenti la cui amministrazione e liquidazione appaia antieconomica e vengano quindi esclusi dal fallimento in forza di un decreto di derelizione]. In questi casi, escluso il bene o diritto dal patrimonio separato fallimentare, la legittimazione e la capacità processuale del fallito derivano dalla definitiva esclusione della sostituzione fallimentare. Quando, viceversa, l inerzia del curatore è legata ad una sua valutazione contingente, il bene o diritto rimane compreso nel fallimento: si pensi all ipotesi in cui il curatore ometta di agire per la riscossione di crediti del fallito in considerazione delle scarse prospettive legate all insufficienza di elementi atti a provare la fondatezza della pretesa o all impossidenza del debitore, allorché può sempre assumere iniziative in un momento successivo, quando rinvenga sufficienti elementi di prova o muti la situazione patrimoniale del debitore. Non è, dunque, il disinteresse del curatore ma solo la definitiva esclusione del bene o diritto dal patrimonio separato fallimentare a fondare la legittimazione sostanziale e processuale del fallito.

4 BENI E DIRITTI 111 anche nel fallimento, con tutti i suoi beni presenti e futuri si doveva perciò affrontare il problema dei diritti dei creditori successivi: e lo si è risolto riconoscendo loro il diritto al soddisfacimento integrale sui beni futuri compresi nel fallimento solo in caso di inerenza del credito all acquisto o alla conservazione del bene; e riconfermando il principio dell inopponibilità al fallimento degli altri debiti e dell insussistenza di un diritto di questi creditori a soddisfarsi sui beni, anche futuri, compresi nel fallimento. Movendo dalla premessa che i beni futuri sono compresi nel fallimento al netto delle passività incontrate per l acquisto e la conservazione, occorre distinguere fra inerenza giuridica ed inerenza economica. Se il bene e le passività derivano dallo stesso atto (ad esempio debito del prezzo dovuto per l acquisto del bene) l onere del curatore di far fronte alle passività, ove intenda avvalersi dell acquisto del bene, discende direttamente dall inefficacia relativa dell atto compiuto dal fallito. L inefficacia investe necessariamente l atto nella sua interezza in ragione della inscindibilità dei suoi effetti ed il curatore non può quindi invocare l inefficacia per disconoscere il debito e, nel contempo, non invocarla per far proprio l acquisto [allo stesso modo in cui ha l onere di pagare in prededuzione i debiti derivanti da rapporti preesistenti se intende esercitare i diritti che ne derivano (infra, sez. II, 1)]. Se viceversa, il debito non deriva dallo stesso atto il curatore potrebbe considerare compresi nel fallimento gli acquisti e avvalersi, nel contempo, dell inefficacia dei differenti atti dai quali derivano i debiti. Soccorre, allora, la norma dell art. 42, 2 comma, che valorizza anche la semplice inerenza economica, per evitare che i creditori concorsuali si avvantaggino degli acquisti in danno dei terzi verso i quali con atti separati, siano stati assunti debiti per l acquisto e la conservazione, conseguendo, in tal modo, un arricchimento ingiustificato 8. Si disputava se i beni sopravvenuti si dovessero considerare automaticamente compresi nel fallimento o se, in relazione all esigenza di deduzione delle passività incontrate per l acquisto e la conservazione, l acquisizione non potesse essere automatica. Considerato che il fallito non può disporre liberamente dei beni sopravve- 8 Spesso non è agevole stabilire se inerenza vi sia. Si disputa, ad esempio, se si debbano considerare inerenti i debiti contratti dal fallito in vista dell acquisto del bene, ad esempio un mutuo. Con riferimento, poi, al deposito bancario aperto dal fallito, si discute se si debbano considerare acquisite al fallimento tutte le somme versate dal fallito, senza tener conto di quelle delle quali egli abbia poi disposto traendo assegni a favore di terzi: ed in giurisprudenza si afferma che la banca deve rimettere al curatore tutte le somme versate senza poter dedurre l ammontare dei pagamenti che essa su ordine del fallito ha eseguito a favore di terzi (Cass. 22 settembre 1995, n ), salvo il caso che il conto sia stato aperto per l esercizio di un impresa, dovendosi allora considerare i pagamenti eseguiti dal fallito quali passività sostenute per la produzione del reddito affluito sul conto stesso (Cass. 10 dicembre 1993, n ). Se l acquisto deriva non da un atto isolato del fallito, ma da un attività complessa, come l esercizio dell impresa, viene così introdotto il concetto di inerenza generale, con conseguente deduzione di tutte le passività incontrate nell esercizio dell attività.

5 112 FALLIMENTO nuti, in quanto compresi nel fallimento ai sensi dell art. 42, 2 comma e che, nel contempo il curatore non può essere tenuto a far fronte integralmente alle passività senza una sua valutazione di convenienza ed una sua scelta, si era sostenuto che ad essere acquisiti al fallimento non devono essere considerati i beni in quanto tali, ma il potere di dare attuazione al rapporto dal quale gli acquisti derivano (con una sostituzione del curatore nella dinamica del rapporto); sicché da un lato il fallito non può disporre dei beni e, dall altro, il curatore rimane obbligato a far fronte in prededuzione alle passività inerenti solo dopo aver deciso di dare attuazione al rapporto. Questa interpretazione sembra essere stata sostanzialmente recepita con la riforma, essendosi statuito che il curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori, può rinunciare ad acquisire i beni che pervengono al fallito durante la procedura fallimentare qualora i costi da sostenere per il loro acquisto e la loro conservazione risultino superiori al presumibile valore di realizzo del bene (art. 42, 3 comma). In tal modo può peraltro venirsi a determinare una situazione di stallo analoga a quella che si presenta quando il curatore non sceglie fra scioglimento o subentro nei rapporti preesistenti. La facoltà del terzo contraente di far mettere in mora il curatore (art. 72, 2 comma) costituisce strumento per imporre al curatore una decisione definitiva sulla sorte dei rapporti preesistenti. Anche per quelli sopravvenuti si deve ritenere che il curatore possa essere invitato ad assumere una definitiva determinazione e lo strumento potrebbe essere quello della richiesta di pagamento delle passività inerenti. Ove i beni sopravvenuti, in esito ad una determinazione definitiva del curatore, rimangono esclusi dal patrimonio fallimentare, vengono a far parte del patrimonio personale del fallito e possono essere aggrediti da tutti i creditori: il soddisfacimento preferenziale delle passività inerenti opera infatti soltanto se i beni rimangono acquisiti al fallimento; se ne sono esclusi costituiscono la garanzia comune di tutti i creditori anche non concorsuali. 9. I beni non compresi nel fallimento Nel fallimento è tendenzialmente compreso l intero patrimonio del debitore. Ne restano, tuttavia, esclusi i beni e diritti elencati nell art. 46 l. fall. Accanto al patrimonio separato fallimentare, destinato al soddisfacimento dei creditori concorsuali, è quindi, configurabile un patrimonio personale, nel quale sono compresi beni e diritti destinati al soddisfacimento di esigenze di vita del fallito e della sua famiglia e, inoltre, diritti il cui esercizio è legato a valutazioni di carattere extrapatrimoniale. Vi fanno parte: a) I beni e diritti di natura strettamente personale (art. 46, n. 1). Trattasi di diritti che hanno, almeno in parte, contenuto patrimoniale, ma il

6 BENI E DIRITTI 113 cui esercizio è rimesso a valutazioni anche di ordine non patrimoniale: vi rientrano il diritto di far pubblicare opere dell ingegno o di ritirarle dal commercio, il diritto di revocare donazioni per ingratitudine o sopravvenienza di figli, ecc. 9. Ha contenuto patrimoniale anche il diritto al risarcimento dei danni da lesione di diritti personalissimi (diritto all integrità fisica, all onore, ecc.) e si disputa se il carattere strettamente personale del diritto leso si comunichi alla pretesa risarcitoria. Il problema è stato di frequente affrontato con riferimento al diritto all integrità fisica e si è sostenuto che il curatore non può sostituirsi al fallito nella decisione di far valere la pretesa risarcitoria, ma che del risultato utile egli può profittare (Cass. 31 marzo 1960, n. 709; Cass. 7 maggio 1963, n. 1123). L affermazione non sembra condivisibile e si deve, piuttosto, verificare se la lesione del diritto personale abbia arrecato pregiudizio al patrimonio: ad esempio in caso di diffamazione e, quindi, di lesione del diritto all onore, possono essere stati pregiudicati gli affari dell imprenditore e non par dubbio che, in tal caso, la legittimazione a chiedere il risarcimento dei danni spetti al curatore. Più complesso è il caso della lesione del diritto all integrità fisica, che può tradursi in una menomazione della capacità lavorativa e, quindi, di una fonte di reddito della quale possono beneficiare come risulta dalla disposizione del n. 2 dell art. 46 sia il fallito sia i creditori concorsuali: in tal caso sembra corretta l affermazione che la somma dovuta a titolo di risarcimento è compresa nel fallimento e il giudice delegato, attraverso la valutazione di tutti gli elementi concreti, può attribuire parte delle somme al fallito per sopperire alle necessità del mantenimento suo e della famiglia (Cass. 4 febbraio 1992, n. 1210); ma l acquisizione al fallimento non sembra possa avere ad oggetto soltanto la somma dovuta in esito a sentenza o come nel caso esaminato nella decisione sopra citata in esito a transazione, venendosi solo allora a determinare la trasformazione del diritto personale all integrità fisica in diritto patrimoniale sulla somma ; e si deve ritenere abbia ad oggetto la stessa pretesa risarcitoria in quanto vòlta a far valere un danno patrimoniale consistente nella menomazione della capacità di produrre reddito. Quando, viceversa, la lesione del diritto personale non incide o nella misura in cui non incide sul patrimonio, la pretesa risarcitoria ha carattere strettamente personale e non è compresa nel fallimento: tale è certamente la pretesa al risarcimento del danno biologico o morale e la legittimazione a farla valere non viene meno, ai sensi dell art. 46, 1 comma, n. 1, per effetto della dichiarazione di fallimento dell interessato (Cass., 11 gennaio 2006, n. 392). 9 Anche l accettazione dell eredità implica valutazioni di carattere non esclusivamente patrimoniale e, tuttavia, l art. 35 prevede che il curatore può accettare l eredità con l autorizzazione del comitato dei creditori: ma valutata la normativa alla luce di quanto dispone l art. 524 c.c. si deve ritenere che il curatore possa essere autorizzato ad accettare l eredità al solo scopo di consentire il soddisfacimento dei creditori concorsuali e che il fallito rimanga libero di rinunziare all eredità, con conseguente devoluzione agli ulteriori chiamati di quanto dovesse residuare dopo il soddisfacimento integrale dei creditori.

7 114 FALLIMENTO b) Gli assegni aventi carattere alimentare, gli stipendi, pensioni, salari e ciò che il fallito guadagna con la sua attività, entro i limiti di quanto occorre per il mantenimento suo e della famiglia (art. 46, n. 2 e cpv.). Il soddisfacimento delle esigenze di vita del fallito e della sua famiglia può essere assicurato da assegni di carattere alimentare, da pensioni o dall attività da lui svolta. Il fallito può svolgere non solo attività di lavoro subordinato, maturando stipendi o salari, ma anche attività di libero professionista salvo che il fallimento osti all iscrizione all albo professionale o di lavoratore autonomo. Non si può considerare precluso al fallito nemmeno lo svolgimento di attività imprenditoriale, salvo che in sede penale gli sia stata irrogata la pena accessoria dell inabilitazione all esercizio di un impresa commerciale (artt. 216 ss.) o sia necessaria l iscrizione ad un albo, cui sia di ostacolo la dichiarazione di fallimento: ovviamente il fallito non può impiegare beni compresi nel fallimento e ove acquisti beni da terzi è esposto al rischio che vengano acquisiti al fallimento, come beni sopravvenuti, ex art. 42, 2 comma Qualunque sia l attività svolta i guadagni del fallito così come anche assegni alimentari e pensioni sono lasciati nella sua disponibilità nei limiti di quanto necessario al mantenimento suo e della sua famiglia, fissati con decreto del giudice delegato. Questa disciplina è in rapporto di specialità con quella che prevede i limiti di pignorabilità di pensioni, stipendi e salari (Cass. 7 febbraio 2007, n. 2718): il giudice delegato può quindi lasciare i guadagni del fallito, se modesti, interamente nella sua disponibilità; o, se cospicui, può assoggettarli all esecuzione concorsuale in misura superiore a quella consentita nell esecuzione individuale 10. Il giudice delegato nel fissare i limiti entro i quali i guadagni del fallito non sono compresi nel fallimento deve valutare quanto sia necessario ad assicurare in conformità al parametro fissato dall art. 36 Cost. un esistenza libera e dignitosa a lui e alla sua famiglia (intesa come famiglia nucleare, composta cioè dai famigliari conviventi e a carico): tenendo conto come si è precisato con la riforma della condizione personale del fallito e di quella della sua famiglia. All esclusione dal fallimento dei suoi guadagni, nei limiti sopra indicati, il fallito ha un diritto soggettivo: il decreto del giudice delegato emanato ex art. 46, 2 comma, può quindi essere impugnato con reclamo al tribunale e contro il decreto del tribunale che decide sul reclamo può essere proposto ricorso per cassazione. 10 Risolvendo un annosa questione la giurisprudenza di legittimità ha precisato che il riconoscimento delle esigenze di mantenimento del fallito e della sua famiglia... non richiede la contemporaneità fra la necessità addotta e la disponibilità delle somme atte a soddisfarla; la situazione indicata dalla legge può essere integrata anche nel caso in cui il fallito abbia soddisfatto delle esigenze vitali facendo ricorso al credito, con relativi obblighi di restituzione (Cass. 2 settembre 1995, n. 9268).

8 BENI E DIRITTI 115 Dalla formulazione letterale della norma in esame [ non sono compresi nel fallimento... gli assegni aventi carattere alimentare, gli stipendi... entro i limiti... fissati con decreto del giudice delegato (art. 46, 1 comma, n. 2 e 2 comma)] risulta che il decreto del giudice delegato è necessario non per comprendere nel fallimento i guadagni del fallito, ma per escluderli. Conseguentemente, in forza di quanto dispone l art. 44, 2 comma, il terzo debitore non è liberato se paga al fallito: poiché, tuttavia, i guadagni del fallito, nei limiti di quanto necessario al mantenimento suo e della sua famiglia, si devono considerare concettualmente esclusi dal fallimento anche prima del provvedimento ricognitivo del giudice delegato, il solvens può essere chiamato a pagare una seconda volta al curatore solo nei limiti della differenza fra quanto corrisposto al fallito e quanto necessario al suo mantenimento (Cass., 27 settembre 2007, n ). Alla medesima esigenza di assicurare al fallito il soddisfacimento di esigenze essenziali di vita è riconducibile la previsione dell art. 47, 2 comma, secondo il quale la casa di sua proprietà, nei limiti in cui è necessaria all abitazione di lui e della sua famiglia, non può essere distratta da tale uso fino alla liquidazione delle attività. Nonostante la dizione letterale della norma, essa non va intesa nel senso che la casa di abitazione non possa essere coattivamente venduta sino a quando non sia stato interamente liquidato il restante patrimonio fallimentare; va intesa, invece, nel senso che il fallito ha diritto di abitarvi, occupando i locali strettamente necessari a lui e alla sua famiglia, sino alla vendita coattiva, com è possibile anche nell esecuzione individuale (art. 560, 3 comma, c.p.c.). Ove il fallito non disponga di mezzi di sussistenza, può essergli accordato un sussidio alimentare (art. 47, 1 comma). Trattasi di facoltà attribuita al giudice delegato, da esercitarsi tenendo conto delle disponibilità liquide del fallimento e della misura dell incidenza del sussidio alimentare sul diritto al riparto dei creditori concorsuali. Si nega possa essere riconosciuto al fallito un diritto soggettivo al sussidio. c) I frutti derivanti dall usufrutto legale sui beni dei figli, i beni costituiti in fondo patrimoniale e i frutti di essi, salvo quanto disposto dall art. 170 c.c. (art. 46, n. 3). Trattasi di frutti e redditi assoggettabili ad esecuzione solo per debiti che il creditore non conosceva essere stati contratti per scopi estranei ai bisogni della famiglia. Sono acquisibili al fallimento come patrimonio separato e si ritiene solo se siano stati ammessi allo stato passivo creditori aventi titolo a soddisfarsi su di essi. d) Le cose che non possono essere pignorate per disposizione di legge (art. 46, n. 5). L espressione cose o beni è non di rado usata in senso traslato per indicare i diritti, anche di credito, dei quali le cose o beni costituiscono l oggetto. In particolare con riguardo all esclusione dall assoggettamento ad azione 5.

9 116 FALLIMENTO esecutiva dei crediti verso l assicuratore derivanti da contratti di assicurazione sulla vita, l art. 1923, 1 comma, c.c. parla di somme dovute dall assicuratore. Si deve quindi ritenere che la norma in esame abbia inteso recepire integralmente la disciplina processualcivilistica sull impignorabilità con l eccezione di quella su pensioni, stipendi e salari, trovando in tal caso applicazione la norma speciale dell art. 46, n. 2, e siano quindi esclusi dal fallimento non solo le cose ma anche i diritti impignorabili Gli effetti personali Gli effetti personali sono preveduti in funzione di quelli patrimoniali. Così l art. 48 statuisce che il fallito persona fisica è tenuto a consegnare la propria corrispondenza di ogni genere, inclusa quella elettronica, riguardante i rapporti compresi nel fallimento. Prima della riforma la previsione della consegna al curatore di tutta la corrispondenza era stata intesa nel senso che vi doveva provvedere l incaricato del recapito e pertanto la sentenza di fallimento veniva comunicata all amministrazione delle poste che disponeva l inoltro al curatore. Non solo la preoccupazione di tutelare la libertà epistolare ma anche la diffusione di strumenti di trasmissione della corrispondenza non suscettibili di essere automaticamente dirottati, ha indotto a porre a carico del fallito l obbligo di consegna della corrispondenza relativa ai rapporti compresi nel fallimento. La sanzione per l inosservanza di detto obbligo è la preclusione all accesso all esdebitazione. In caso di fallimento di una società o di un ente con il decreto correttivo è stata preveduta la consegna della corrispondenza al curatore. L art. 49, poi, prevede non più, come prima della riforma, un divieto di allontanarsi dalla residenza senza permesso del giudice delegato, ma l obbligo di comunicare al curatore ogni cambiamento della propria residenza o del proprio domicilio. L obbligo è vòlto come lo era prima ad assicurare la collaborazione del fallito o del legale rappresentante della società fallita per la definizione delle posizioni debitorie e per la acquisizione dei dati occorrenti all accertamento e ricostruzione dell attivo: per contemperare queste esigenze 11 Nella giurisprudenza di merito si è talora affermato che la norma dell art. 1923, 1 comma, c.c., non è applicabile nel fallimento (Trib. Vicenza 25 marzo 1986, in Fallimento, 1986, 1259), ma la giurisprudenza di legittimità ha ripetutamente affermato l esclusione dal fallimento delle somme dovute dall assicuratore al contraente e al beneficiario (Cass. 2 ottobre 1972, n. 2802; Cass. 28 luglio 1965, n. 1811), precisando che sono invece comprese nel fallimento le somme già percepite (Cass. 3 dicembre 1988, n. 6548). Sull acquisibilità al fallimento delle somme dovute non a seguito dell evento morte e sopravvivenza, ma a seguito dell esercizio, da parte dell assicurato, del diritto di riscatto v., in senso affermativo, Cass. 26 giugno 2000, n Ma viene esclusa la facoltà del curatore di esercitare il diritto di riscatto (Cass., sez. un., 31 marzo 2008, n. 8271).

10 BENI E DIRITTI 117 con il principio di libertà di circolazione si è, dunque, previsto un obbligo di assicurare la reperibilità e l obbligo di presentarsi agli organi della procedura che ne facciano richiesta (art. 49, 2 comma), consentendo però, su autorizzazione del giudice delegato, la comparizione a mezzo di mandatario per qualsivoglia giustificato motivo.

INDICE CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE

INDICE CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE INDICE 1 PREMESSA CAPITOLO 1 POSIZIONE SOSTANZIALE E PROCESSUALE DEL CURATORE FALLIMENTARE 9 1. Il nuovo volto e ruolo del curatore 17 2. (Segue): i rapporti del curatore con gli altri organi 22 3. Posizione:

Dettagli

Inventario, custodia e reperimento delle attività

Inventario, custodia e reperimento delle attività Inventario, custodia e reperimento delle attività Genova 28 marzo 2014 La gestione della crisi d impresa Dott. Marco Abbondanza abbondanzamarco@odcge.it Effetti sul patrimonio del fallito LO SPOSSESSAMENTO

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati:

TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: TRIBUNALE ORDINARIO DI BRESCIA Sezione Fallimentare e Commerciale Il Tribunale, riunito in camera di consiglio in persona dei seguenti magistrati: dott. Antonio Cumin, presidente dott. Giovanni Frangipane,

Dettagli

LA SURROGA DELL ASSICURATORE

LA SURROGA DELL ASSICURATORE LA SURROGA DELL ASSICURATORE L ASSICURATORE CHE HA PAGATO L INDENNITÀ È SURROGATO, FINO ALLA CONCORRENZA DELL AMMONTARE DI ESSA NEI DIRITTI DELL ASSICURATO VERSO I TERZI RESPONSABILI. (Art. 1916 C.C.)

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI

LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI LA CHIUSURA DELLE PROCEDURE CONCORSUALI IL MANDATO IRREVOCABILE AD INCASSARE E A DISTRIBUIRE IL CREDITO ERARIALE ATTRIBUITO A UNA SOCIETA FIDUCIARIA: ESAME DI UN CASO PRATICO 1 Il problema - Le Procedure

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012. Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI IN MATERIA TRIBUTARIA PARERE N. 12 DEL 27.03.2012 Risarcimento danni per il dipendente IL QUESITO Quale è il trattamento fiscale delle somme riconosciute

Dettagli

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO

LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO LA TUTELA DEL SOSTEGNO CREDITIZIO ALLE IMPRESE IN CRISI: ISTRUZIONI PER L USO di Giorgio Tarzia, Avvocato e professore Sommario: 1. Premessa - 2. Quali sono le impugnative non esperibili nel successivo

Dettagli

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI

P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B. OPERAZIONI SOCIETARIE NELL AMBITO DI PROCEDURE CONCORSUALI P.B.1 (DELIBERAZIONI SULLE PERDITE DI SOCIETÀ SOGGETTA A CONCORDATO PREVENTIVO O AD ACCORDO DI RISTRUTTURAZIONE DEI DEBITI OMOLOGATI 1 pubbl.

Dettagli

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II)

DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) DISPOSIZIONI DEL CODICE CIVILE (Libro I, Titolo II, Capo II) CODICE CIVILE Artt. 14-42 CAPO II Delle associazioni e delle fondazioni Art. 14. Atto costitutivo Art. 15.Revoca dell atto costitutivo della

Dettagli

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE

SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Situazioni giuridiche soggettive - dispense 1 DIRITTO PRIVATO LE SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE (dispense a cura di Carlo Dore) SITUAZIONI GIURIDICHE SOGGETTIVE Premesso che la principale funzione della

Dettagli

del 10 maggio 1910 (Stato il 1 gennaio 1997)

del 10 maggio 1910 (Stato il 1 gennaio 1997) Regolamento concernente il pignoramento, il sequestro e la realizzazione di diritti derivanti da polizze d assicurazione, a termini della legge federale 2 aprile 1908 sui contratti d assicurazione (RPAss)

Dettagli

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato

MASSIME PENALE. Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato MASSIME PENALE Corte di Cassazione Sez. VI Penale 23 Aprile 2014, n 17691 (Pres. De Roberto; Rel. Aprile) Penale Delitti contro la famiglia Assegno di mantenimento Reato di violazione degli obblighi di

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers

4. I mediatori di assicurazione e riassicurazione o brokers La distribuzione del prodotto assicurativo 105 Subagente, coagenzia e procacciatore d affari Il subagente è un soggetto il quale viene incaricato da un agente, verso corrispettivo, di promuovere la conclusione

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione

La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione (Tribunale di Bari, G.E. dott. N.Magaletti, ord. del 18.11.2013) MUTUO FONDIARIO CONCORDATO PREVENTIVO DIVIETO AZIONI ESECUTIVE La procedura è improseguibile ed è sospesa fino all omologazione di Walter

Dettagli

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero

Il fallimento italiano delle società trasferite all estero Il fallimento italiano delle società trasferite all estero La globalizzazione, con l apertura delle frontiere, e l allargamento dei mercati, comporta contatti sempre più intensi con imprenditori esteri.

Dettagli

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1

Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Parte I Evoluzione storica ed ambito di applicazione dell espropriazione forzata dei beni indivisi... pag. 1 Capitolo I Dal divieto di vendita forzata della quota alla riforma del 2005...» 3 1.1. Premessa:

Dettagli

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI

4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4. FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI 4 FONDO PATRIMONIALE E GRATUITÀ DELL ATTO DI DESTINAZIONE DEI BENI AI BISOGNI FAMILIARI. L ESPERIBILITÀ DELL AZIONE

Dettagli

Factoring Tour: Bari

Factoring Tour: Bari Factoring Tour: Bari Il factoring: la gestione professionale dei crediti al servizio dell impresa LA CESSIONE DEI CREDITI IVA E NOVITA IN TEMA DI REVOCATORIA FALLIMENTARE Intervento di Massimo Lupi, avvocato

Dettagli

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni

IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni IL REGIME PATRIMONIALE TRA I CONIUGI Disciplina delle spettanze e dei poteri dei coniugi in ordine all acquisto e alla gestione dei beni REGIMI PATRIMONIALI TIPICI COMUNIONE DEI BENI: disciplina della

Dettagli

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.)

FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) FONDO PATRIMONIALE (artt. 167-171 C.C.) COSTITUZIONE AMMINISTRAZIONE EFFICACIA OPPONIBILITA REVOCATORIA CESSAZIONE REGIME FISCALE DOTT.SSA ALESSANDRA DE LEONARDIS OBIETTIVI DEL FONDO CONCETTO DI FAMIGLIA

Dettagli

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99

DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 DL 18 OTTOBRE 2012, N. 179 ( DL SVILUPPO-BIS ) GIUSTIZIA DIGITALE - MODIFICHE ALLA LEGGE FALLIMENTARE E AL D.LGS. N. 270/99 Le modifiche introdotte dal DL Sviluppo bis in materia concorsuale riguardano:

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto

Il dopo di noi La sostituzione fedecommissaria L usufrutto Il dopo di noi E comune, per i genitori o per il coniuge o comunque per gli stretti parenti di una persona con disabilità, la preoccupazione per l ipotesi in cui il loro familiare abbia da sopravvivere

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE

CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE CASSA DI PREVIDENZA INTEGRATIVA PER I DIPENDENTI DELLE AZIENDE CONVENZIONATE Chiarimenti sulla disciplina fiscale del d. lgs. n. 252/2005 (c.d. Testo Unico della previdenza complementare) Circolare dell

Dettagli

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile

TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile TRIBUNALE DI BUSTO ARSIZIO Seconda Sezione Civile Direttiva numero 4 del 21 maggio 2012 Al Presidente della Commissione Studi Procedure Concorsuali dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa della deputata COVELLO. Modifiche al codice civile in materia di successione Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati XVII LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI N. 3466 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa della deputata COVELLO Modifiche al codice civile

Dettagli

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014

LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO. Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 LE NOVITA DEL PROCESSO ESECUTIVO Il Decreto Legge 132/2014 convertito con modifiche dalla legge 162/2014 Le principali novità Iscrizione a ruolo del processo esecutivo per espropriazione (art. 518 co.6)

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA

LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA LE «AZIONI DI MASSA» NEL FALLIMENTO: UN INTRODUZIONE Roberto BATTAGLIA Battaglia Roberto (In memoria del Prof. Lino Guglielmucci). P&D.IT Nel diritto fallimentare il termine «azioni di massa» indica l

Dettagli

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni

CORTE D APPELLO DI MILANO. Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia. Dott.ssa Anna Maria Paganoni N. 826/07R. R. Vol. G. CORTE D APPELLO DI MILANO Sezione delle Persone, dei Minori e della Famiglia La Corte, riunita in camera di consiglio nelle persone dei signori Dott.ssa Anna Maria Paganoni Dott.

Dettagli

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** ***

Tribunale di Milano Sez. XII, sentenza n. 11798 del 29 ottobre 2012, Giudice ORSENIGO *** ** *** FACTORING La legittimità della clausola contrattuale sulla revoca della garanzia del pro soluto nel caso di contestazioni, da parte del debitore ceduto, sulle forniture effettuate dal cedente a cura di

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI DELLA CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VARESE CORSO DI FORMAZIONE La Riforma della Legge Fallimentare nei suoi aspetti pratici 3 a giornata Venerdì 19 Maggio 2006 Esercitazioni

Dettagli

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015

Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione. Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 Concordato preventivo: il credito contestato non è una causa di risoluzione Tribunale, Reggio Emilia, sez. fallimentare, decreto 24/06/2015 di Giuseppina Mattiello Pubblicato il 14/09/2015 Il creditore

Dettagli

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n.

ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1) Fatti di bancarotta fraudolenta documentale (art. 216, comma 1, n. ALL. 2 Fatti di bancarotta fraudolenta patrimoniale (art. 216, comma 1, n. 1): L art. 216, primo comma, n. 1, L. Fall. sanziona l imprenditore, dichiarato fallito, che prima della dichiarazione di fallimento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE

INDICE SOMMARIO. Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE Presentazione.................................. XIII Parte Prima TUTELA CAUTELARE E GIURISDIZIONE CONTABILE CAPITOLO I L INQUADRAMENTO DELLA TUTELA CAUTELARE NELL AMBITO DEI GIUDIZI INNANZI ALLA CORTE

Dettagli

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali

Cancellazione ed estinzione delle società: aspetti sostanziali e processuali avv. prof. Rolandino Guidotti : aspetti sostanziali e processuali Modena 10 ottobre 2013 10 ottobre 2013 1 Società in nome collettivo (non modificata riforma 2003) Art. 2311 c.c. (Bilancio finale di liquidazione

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO FATTO

COLLEGIO DI MILANO FATTO COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 6 EFFICACIA OBBLIGATORIA O REALE DEL PREAVVISO DI RECESSO IL QUESITO Si chiede quale sia la natura del preavviso

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA

L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA Pubblicità L IMPATTO DEL D.L. SVILUPPO SULLA CRISI D IMPRESA PIANO ATTESTATO DI RISANAMENTO Il piano attestato di risanamento può essere pubblicato nel r.i. su richiesta del debitore. CONCORDATO PREVENTIVO

Dettagli

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore

4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore 4. Il contenuto dell accordo o del piano del consumatore Testo in vigore Art. 8 Contenuto dell accordo o del piano del consumatore 1. La proposta di accordo o di piano del consumatore prevede la ristrutturazione

Dettagli

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO ODCEC Torino Scheda introduttiva alle PROCEDURE DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO 1 PREMESSA Quanto segue rappresenta una prima analisi della normativa. Tale analisi è stata necessariamente

Dettagli

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE

Circolare n. 10. del 20 giugno 2014. Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE Circolare n. 10 del 20 giugno 2014 Installazione POS per Professionisti e imprese INDICE 1 Premessa...2 2 Ambito applicativo...2 2.1 Decreto attuativo...2 2.2 Proroga al 30.6.2014...3 2.3 Intervento del

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando

TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE. Sezione Fallimentare. PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando TRIBUNALE DI NOCERA INFERIORE Sezione Fallimentare Fallimento n. 92/2014 PROCEDURA COMPETITIVA DI VENDITA II Bando INVITO A PRESENTARE OFFERTE IRREVOCABILI PER L ACQUISTO DI BENI MOBILI Il Dott. Alessandro

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

Avv. Rossella D Onofrio

Avv. Rossella D Onofrio Avv. www.weblegale.com L attività dell Avv. si svolge dinanzi ai Tribunali di Lecce, Brindisi e Taranto. Si caratterizza per una struttura organizzativa idonea ad assicurare la consulenza ed assistenza,

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... xv Capitolo 1 NATURA ED OGGETTO DEL PIGNORAMENTO PRESSO TERZI 1.1. L espropriazione in generale e l espropriazione persso terzi........ 2 1.2. Premesse

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO *************************************

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOSCRIZIONE DEL TRIBUNALE DI VIGEVANO ************************************* Verbale di riunione dei componenti della commissione del 14 maggio

Dettagli

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006

CORPUS IURIS FISCALIS. Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 CORPUS IURIS FISCALIS Agenzia delle Entrate Risoluzione n. 10 del 2006 RISOLUZIONE DEL 17/01/2006 N. 10 Oggetto: Istanza d interpello - Curatela del Fallimento Immobiliare X S.r.L. Procedura esecutiva

Dettagli

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente

TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA. nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico preventivo, e vertente Tribunale di Napoli - Sez. Fallimentare 7 agosto 2009 (data decisione), ord. TRIBUNALE DI NAPOLI SEZIONE FALLIMENTARE ORDINANZA nel procedimento n. 17597/2009 RG, avente ad oggetto: accertamento tecnico

Dettagli

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione

L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione L apporto di nuova finanza nel Concordato con continuità aziendale e requisiti per il beneficio della prededuzione DOTT. ALBERTO GUIOTTO Bergamo, 5 febbraio 2013 STUDIO AGFM CONCORDATO PREVENTIVO E NUOVA

Dettagli

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità.

1. Decesso dell assicurato o pensionato in assenza di un coniuge superstite avente i requisiti per la pensione indiretta o di reversibilità. Circolare INPS del 27 giugno 2001 n. 132 OGGETTO: Articolo 9, comma 3, della legge n. 898/1970, nel testo sostituito dall articolo 13 della legge 6 marzo 1987, n. 74. Attribuzione al coniuge divorziato,

Dettagli

Decisione N. 1789 del 25 marzo 2014

Decisione N. 1789 del 25 marzo 2014 COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) CARRIERO (NA) CONTE (NA) PATRONI GRIFFI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) RUSSO Membro designato

Dettagli

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO

17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO 17.1.2013 L EQUO INDENNIZZO NEL CONTRATTO DI LEASING: UN APPROCCIO FINANZIARIO di Luciano Quattrocchio, Professore Sommario: 1. I riferimenti normativi - 2. La disciplina nel contesto fallimentare - 3.

Dettagli

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia

Parma, 14 gennaio 2016. OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia CIRCOLARE DI STUDIO 4/2016 Parma, 14 gennaio 2016 OGGETTO: Lavoro dipendente all estero di un pilota di aerei residente in Italia La circolare esamina il trattamento fiscale dei redditi percepiti da una

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO www.collegioperitiagrarisa.it - e-mail: collegio.salerno@pec.peritiagrari.it - collegio.salerno@peritiagrari.it Prot.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ROSTAN

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ROSTAN Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2483 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ROSTAN Modifiche all articolo 545 del codice di procedura civile in materia di limiti alla

Dettagli

La gestione delle crisi di Impresa

La gestione delle crisi di Impresa La gestione delle crisi di Impresa L'ottica della banca nella crisi d'impresa: valutazioni e rischi connessi ai crediti pregressi e alla "nuova finanza" Marco Cavazzutti Responsabile Restructuring Italy

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

Art. 2901 - Condizioni

Art. 2901 - Condizioni Art. 2901 - Condizioni [I]. Il creditore, anche se il credito è soggetto a condizione o a termine, può domandare che siano dichiarati inefficaci nei suoi confronti gli atti di disposizione del patrimonio

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima

L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima L adesione del consumatore (a cura dell Avv. Fabrizio Cipollaro) Le adesioni dei consumatori all azione collettiva possono essere manifestate prima dell atto introduttivo del giudizio, perché le azioni

Dettagli

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce

La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce PRELIMINARI DI PERMUTA E FALLIMENTO. IPOTESI SPECIFICHE PER LE AREE EDIFICABILI E GLI IMMOBILI DA COSTRUIRE. La prassi commerciale conosce da tempo e la giurisprudenza riconosce fattispecie negoziali in

Dettagli

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco

L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti. Alberto Bosco L appuntamento con l Esperto Jobs Act: il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti Alberto Bosco La L. 10 dicembre 2014, n. 183, all art. 1, co. 7, lettera c) dispone che la delega va attuata,

Dettagli

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi

IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi IL CONCORDATO PREVENTIVO Schema di sintesi Premessa. La pendenza della procedura di concordato preventivo non produce uno spossessamento del debitore ma soltanto una limitazione dei suoi poteri. Tale limitazione

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI

FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI 20 MARZO 1 FOCUS MENSILE FISCALITA IL CREDITO D IMPOSTA PER INVESTIMENTI IN BENI STRUMENTALI NUOVI Esame dell agevolazione alla luce anche dei chiarimenti contenuti nella circolare dell Agenzia delle Entrate

Dettagli

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione.

La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. La solidarietà tributaria passiva dei soci illimitatamente responsabili riceve lo stop della Cassazione. di Enrico Larocca Dottore Commercialista e Revisore Contabile in Matera Una delle questioni più

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Cessione e pignoramento degli stipendi

Cessione e pignoramento degli stipendi Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P.IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO

Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 QUESITO RISOLUZIONE N. 105/E Roma, Alla Direzione regionale Roma, 21 aprile 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n.212. Art. 19 bis 1,

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 I profili di responsabilità nei rapporti banca cliente La violazione degli obblighi Biennio

Dettagli

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO

TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO TRA. domiciliato in Roma, via presso l Avv. A.d.B. che lo rappresenta contumace DISPOSITIVO FATTO E DIRITTO Tribunale di Roma, Sez. Lavoro, 4 febbraio 2013 TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE LAVORO Il Giudice designato, Dott. E. FOSCOLO Nelle cause riunite 16964/12 e 16966/12 TRA M.V. e M.G.S. Domiciliati in Roma, presso

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel quinquennio.

OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel quinquennio. RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 6 ottobre 2003 OGGETTO: Istanza d interpello - Imposta di registro Decadenza dell agevolazione c.d. prima casa per trasferimento nel

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

studio associato zaniboni

studio associato zaniboni N. protocollo: 40/2013 Oggetto: LA DISCIPLINA DELLE PERDITE SU CREDITI Con un ritardo poco comprensibile, dopo la chiusura dei bilanci e delle dichiarazioni, l Agenzia delle Entrate con la circolare n.26/e

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO

CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO CONSIGLIO NAZIONALE DEL NOTARIATO Studio n. 59-2006/I Acquisto di quote o azioni proprie da parte di un confidi operante in forma di società cooperativa Approvato dal Gruppo di Studio Consorzi Fidi il

Dettagli

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE

Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Corte di Giustizia UE, Seconda Sezione, sentenza 7 aprile 2016, causa C-546/14 (*) «Rinvio pregiudiziale Fiscalità IVA Articolo 4, paragrafo 3, TUE Direttiva 2006/112/CE Insolvenza Procedura di concordato

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI...

Editrice PROPRETARIO EX ART. 2929-BIS C.C. (DOPO IL D.L. 83/2015) Formula annotata di Giulio SPINA TRIBUNALE DI... Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 Pubblicazione del 24.9.2015 La Nuova Procedura Civile, 3, 2015 Editrice ATTO DI PIGNORAMENTO IMMOBILIARE CONTRO IL TERZO PROPRETARIO

Dettagli

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni)

Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) Allegato 2: Le attestazioni speciali di cui agli artt. 182 quinquies e 186 bis l.f. (cenni) 1. L oggetto delle attestazioni speciali L art. 182- quinquies, comma 1, l.f. stabilisce che, se l impresa debitrice

Dettagli