Guida breve al Giardino e al Palazzo Rospigliosi-Pallavicini

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida breve al Giardino e al Palazzo Rospigliosi-Pallavicini"

Transcript

1 Guida breve al Giardino e al Palazzo Rospigliosi-Pallavicini Veduta aerea di Palazzo Rospigliosi in una foto del 1950 NOTE SULLE ORIGINI DEL GIARDINO SEGRETO DI MONTECAVALLO a cura di Nunzio Primavera La vasta area dove si trova Palazzo Pallavicini-Rospigliosi ha avuto come proprietario dal 1610 al 1616 il cardinale Scipione Borghese Caffarelli, "cardinal nepote" di Paolo V Borghese ( ). In quest'area il grande cardinale, famoso per la sua indefessa attività di accaparratore di opere d'arte e di patrimoni per la sua famiglia, oltre che di costruttore di palazzi, aveva voluto realizzare il suo "giardino di Montecavallo", proprio nei pressi del magnifico palazzo pontificio del Quirinale, per il quale suo zio Paolo V aveva dedicato grandi sforzi. Passione breve e costosissima per Scipione Borghese che vende dopo solo sette anni a Giovanni Angelo Altemps l'area del giardino e dei numerosi edifici presenti. Non si può parlare ancora, all'epoca, del grande palazzo che vediamo oggi e che nel suo assetto unitario ingloba diversi edifici, alcuni precedenti, altri voluti dal cardinale Borghese e altri che si devono ai successivi proprietari Altemps, Bentivoglio, Lante, Mazzarino e Pallavicini-Rospigliosi. Scipione Borghese abbandonerà il suo bel "giardino secreto" per il palazzo di Ripetta (il "Clavicembalo") e per la vigna al Pincio, dove oggi è

2 il museo Borghese. A queste fabbriche dedicherà sforzi notevoli, da vero amante dell'arte qual era. I risultati ne fanno ancora oggi, con il palazzo Borghese a Ripetta, la villa Borghese con il palazzo sede della Galleria Borghese e tutti gli edifici costruiti nell'area della "vigna", un patrimonio monumentale tra i più interessanti al mondo. Ma sia pure nei pochi anni in cui detiene la proprietà dell'area del Giardino di Montecavallo, Scipione Borghese è l'artefice soprattutto di due opere d'arte tra le più significative del bolognese Guido Reni: l'aurora con il carro di Apollo (dipinta al contrario affinché si specchi sul pavimento e consenta, quindi, di ammirare l'aurora dal verso giusto senza sforzo alcuno per i nobili ospiti) e il Pergolato realizzato assieme al fiammingo Paolo Brill. L'Aurora Pallavicini, una glorificazione di Scipione Borghese stesso nella figura di Apollo trionfante, è considerata una sorta di emblema di questo momento storico. Il Pergolato, popolato di animali e piante e da coppie di deliziosi puttini frammezzate dai fiori, era il cuore del giardino segreto del grande cardinale, autentico signore di Roma. Glorificava anch esso Scipione, secondo la simbologia rinascimentale attribuita a fiori e piante e nella lotta tra eros e antieros espressa nelle vele nel combattimento tra gli angioletti, che trovano la sublimazione nella pace, soltanto sotto i due simboli araldici dei Borghese: il fiore tagete e l aquila. Sono di mano di Guido Reni proprio gli angioletti sulle vele, ciascuna delle quali è stata realizzata in una sola giornata di lavoro e direttamente senza cartoni preparatori in quanto il pittore aveva fretta di partire per Bologna dove lo attendevano altre committenze. Alla mano di Paul Brill e dei suoi collaboratori si deve il pergolato con la fitta trama di tralci d uva e animali esotici, molti dei quali per il vecchio continente rappresentavano una autentica novità all epoca in cui furono dipinti in quanto giunti dalle Americhe da poco, come il tacchino e i pappagalli amazzonici. Anche in questo caso la collocazione degli animali rispecchia il concetto di contrapposizione tra bene e male in quanto gli animali positivi sono quelli raffigurati nella parte interna della loggia e quelli negativi in quella esterna. Prima ancora dell'acquisizione dell'area da parte del cardinale Scipione Borghese, la zona era occupata da notevoli resti di età classica relativi alle terme di Costantino che lo stesso cardinale, purtroppo distrusse con estrema disinvoltura per realizzare il suo hortus conclusus. 2

3 Era questa un'area di notevole interesse per gli uomini di cultura dell'epoca. Non è difficile immaginare Michelangelo Buonarroti a passeggio con Vittoria Colonna d Avalos in volontario e vedovile esilio a pochi passi, nel convento domenicano annesso a san Silvestro al Quirinale e non lontano dal confinante palazzo Colonna. Numerosi i fabbricati di rilievo che oggi non ci sono più: un Ginnasio greco, le case del Platina e di Pomponio Leto. Proprio sui ruderi delle Terme costantiniane si trovavano gli Eremiti di San Girolamo con la Chiesa di San Salvatore "de cornutis" demolita per far posto al giardino. Vi erano anche numerose ville del patriziato romano, scomparse completamente. Paolo V, lo zio pontefice di Scipione, durante tutto il pontificato, aveva dato un nuovo assetto a tutto il colle del Quirinale, a partire dal palazzo pontificio che Gregorio XIII aveva voluto come sede estiva dei papi, operando per riqualificarlo e farlo divenire quasi un secondo Vaticano e per dargli maggior fasto e solennità. In questa scia si innesta l'impresa di Scipione Borghese. Da una parte il palazzo ufficiale della rappresentanza pontificia del potere e dall'altra il giardino, inteso come luogo di delizie più profane che sacre, ma anche per la rappresentanza in occasioni ufficiali, come la visita del primo ambasciatore dall Oriente il cui ritratto troneggia a Palazzo Barberini. Scipione acquisisce, pezzo per pezzo, a partire dal 1610, l'area delle terme di Costantino. Ma da tempo si era dato da fare per avere i permessi per portarvi, da largo di Santa Susanna, l'acqua Felice dell'acquedotto di Sisto V. Il primo pezzo, dopo corteggiamento assiduo che durava da anni, era stato quello relativo al giardino e al Casino Biondo, lo acquista da Fabio Biondo Patriarca di Gerusalemme, maggiordomo del Papa e prefetto dei palazzi apostolici. Il "casino Biondo", che, nel palazzo, è quello dove si trova il bellissimo pergolato di Guido Reni, è l'area più antica dell'edificio e forse la più bella. Da notare le stelle degli Aldobrandini nelle antiche colonne nella parte esterna della loggia che fanno pensare che questo edificio in precedenza doveva essere stato parte della vicina Villa di questa famiglia che forse si estendeva fino alla sommità del Quirinale. Dopo questo acquisto, il dono da parte dello zio papa di una parte del palazzo Ferrero che si trovava nell'area che sta tra l'attuale Corte Costituzionale e vicolo del Mazzarino. Quindi nel 1611 altre piccole proprietà tra cui un torrione, alcune casette e, per 11 mila scudi a carico della Camera apostolica, la casa delle Zitelle del Rifugio, suore che furono 3

4 d'ufficio spostate a via della Dataria. La chiesa di San Gerolamo viene spregiudicatamente demolita con la scusa di allargare la strada verso il palazzo apostolico. Agli Eremitani che la gestivano viene concessa la chiesa dei santi Vincenzo e Anastasio a Trevi. Dopo tante disinvolte spoliazioni, il cardinal Scipione tributa alle suore Zitelle del Rifugio una donazione (ridicola rispetto a quanto aveva ottenuto) di mille scudi per farle più sollecitamente sloggiare verso via della Dataria. Un'altra zona acquistata fu quella di proprietà di un tale Tranquillo Ceci, relativa all'area verso il vicolo del Mazzarino. Quindi il Torrione dei Piccolomini e quello dei Colonna. Nel 1612 completata l'acquisizione dell'area necessaria per il giardino inizia l'opera di abbattimenti a cominciare dai due torrioni per realizzare i primi edifici a filo con il casino dell'aurora. Abbattimenti spregiudicati di opere certamente importanti, quali il notevole complesso termale di Costantino, che ha avuto bisogno nel 1614 dell'approvazione pontificia con un Breve di autorizzazione. Non aveva ancora completata l'acquisizione delle varie aree che già Scipione Borghese diede il via alle principali opere pittoriche. E comincia proprio con il casino del Patriarca Biondo dove nel 1611 è realizzato da Guido Reni e Paolo Brill il pergolato nella loggia (originariamente a cinque archi, poi a tre), che fungeva da passaggio tra il giardino segreto e il palazzo principale, del tutto recuperato nel nuovo edificio borghesiano, sia pure con modifiche notevoli. Poche tracce ci sono del complesso arboreo che costituiva il giardino e che non doveva essere roba da poco. Oltre al Casino Biondo, altri quattro erano i padiglioni, di piccola entità. Nella parte di giardino che scendeva verso la Suburra (più o meno dove ora è la Banca d'italia) fu realizzato il Casino Psiche, con scene tratte dalle Metamorfosi di Apuleio (distrutto dopo il 1870 per realizzare via Nazionale). Nel 1611 fu costruita anche la loggia delle muse e il teatro d'acqua con le statue del Po e del Tevere. Sempre nel 1611 viene iniziato il lavoro per la parte del giardino verso la piazza di Montecavallo con il Casino dell'aurora concluso alla fine del 1612, solo nel 1614 Guido Reni concluse la sua opera pittorica più famosa, in ritardo perché si attendeva lo sfratto delle Zitelle del Rifugio e la demolizione della Chiesa di san Gerolamo per avere la piena disponibilità dell'area. Contemporaneamente a queste opere Scipione Borghese inizia a interessarsi maggiormente delle fabbriche nella vigna al Pincio e presso il 4

5 porto di Ripetta, rispetto a quelle sul Quirinale. Una volta realizzato su Montecavallo il magnifico giardino e le logge mancava solo un palazzo per il quale si iniziarono a gettare le fondamenta per opera del Vasanzio e, forse, del Maderno. Un palazzo che però viene costruito con un impegno senza dubbio più modesto da parte di Scipione Borghese attento ad altre fabbriche, come detto. Nel 1616, l'8 maggio, avviene la vendita al duca Giovanni Angelo Altemps per 115 mila scudi. Nelle valutazioni: 200 scudi l'aurora di Reni, 520 le pitture di Tassi e Gentileschi, 247 quelle del Tempesta e 300 quelle del Cigoli nel casino delle Muse; la somma vertiginosa di 700 scudi per la Pergola. Viene descritto il giardino segreto: il 'palazzino di ritiramento' (il casino Biondo), la 'loggia da cenare' (il casino di Psiche), la 'loggia dell'aurora' con due stanzoni per banchetti e con la peschiera per le barche, 'il fontanone con il teatro d'acqua' e la 'loggia delle muse'. Molto poco si dice del palazzo, proprio perché appena terminato passa di mano senza quelle rifiniture che erano state invece dedicate dal Borghese ad altri edifici. Uno dei motivi per cui si è dovuto disfare del giardino di Montecavallo è stata, senza dubbio, la costosissima manutenzione. Lo stesso Altemps lo tiene per soli tre anni e lo rivende nel 1619 per 55 mila scudi al bolognese Enzio Bentivoglio, che lo dà al suo parente cardinal Guido, nunzio apostolico in Francia presso la corte di Luigi XIII. A questo periodo risalgono le opere di Giovanni Mannozzi da san Giovanni: i tre ratti di Europa, di Anfitrite e di Persefone e i fregi con paesi di Filippo D'Angelo e Pietro Paolo Bonzi al piano terra della parte Rospigliosi del Palazzo e altre tre opere sempre di Giovanni da San Giovanni nella parte Pallavicini: un Incendio di Troia, la Morte di Cleopatra e l'allegoria della Notte. Intorno al 1633 i Bentivoglio vendono ai Lante che a loro volta vendono nel 1641 al cardinale Giulio Mazzarino. Nel 1704 Filippo Mancini duca di Nevers, nipote di Mazzarino, vende ai Pallavicini Rospigliosi. Da ricordare che non lontano va ad abitare la sorella di Filippo, Maria Mancini, primo grande e mai dimenticato amore del Re Sole Luigi XIV; forzatamente sacrificata dal grande zio, primo ministro di Francia, alla ragion di Stato e mandata in sposa a 15 anni al Gran Connestabile Lorenzo Onofrio Colonna, nonostante il regale desiderio. Il giardino segreto che doveva avere visto chissà quante volte l inconsolabile Maria Mancini a passeggio con il 5

6 fratello Filippo, noto libertino, scompare quasi del tutto dopo il 1870 con l inconcepibile e assurdo sventramento avvenuto per i lavori di realizzazione di via Nazionale. I Pallavicini possiedono ancora il secondo piano del palazzo, il Casino dell'aurora e parte del giardino superstite. La parte Rospigliosi del palazzo è sede della Coldiretti. LA FAMIGLIA, IL PALAZZO E LA COLLEZIONE ROSPIGLIOSI-PALLAVICINI La famiglia Pallavicini era una delle prime di Genova e faceva parte del Libro d'oro della nobiltà ligure fin dal Uno degli esponenti, Nicolò, tra i suoi 22 figli ne ha tre che iniziano il ramo romano della famiglia nel 1600: Lazzaro, Stefano e Carlo. Lazzaro ( ) giunse ai più alti gradi della gerarchia ecclesiastica e fu eletto cardinale da papa Clemente IX Rospigliosi, di origine pistoiese. Si impegna molto per la sua famiglia e fa sposare sua nipote Maria Camilla, unica erede del fratello Stefano, con Giovan Battista Rospigliosi, nipote di Clemente IX. Ha inizio così la storia di una grande famiglia con origini ligure e toscana che, nei due rami Pallavicini e Rospigliosi, per divenire autenticamente romana, è strettamente legata alla storia del palazzo di Montecavallo. Preoccupazione del Cardinale Lazzaro Pallavicini è proprio quella di elevare il più possibile il ramo romano della famiglia. I pistoiesi Rospigliosi avevano anche loro desiderio di crescere in prestigio per cui si trovano ben d'accordo con le mire del porporato che, come prima iniziativa, si adopera con complicate operazioni per mantenere vivo il cognome Pallavicini. Viene stabilito infatti, per il presente e il futuro, che se i Rospigliosi vengono ad avere un solo figlio maschio questo deve portare anche il cognome Pallavicini, (un doppio cognome, insomma), con relativo titolo e beni legati al nome, fino alla nascita di un secondo figlio maschio che deve dare inizio al nuovo ramo dei Pallavicini di Roma. Nel caso in cui i Rospigliosi hanno una sola erede femmina questa deve legare il cognome e i beni dei Pallavicini al futuro marito e ai suoi discendenti. 6

7 Contemporaneamente, Lazzaro si impegna ad accrescere un notevole patrimonio di opere d'arte e a conquistare una residenza dignitosa per i suoi eredi. In un primo momento (1674), prima del palazzo sul Quirinale, acquista un palazzo dalla famiglia Barberini nella zona del Monte di Pietà, dalle parti di Campo de Fiori, che però, riaprendo la questione della residenza, viene restituito ai Barberini da Nicolò secondogenito di Maria Camilla Pallavicini e Giovan Battista Rospigliosi che nel 1694, come stabilito dalla regola, aveva assunto il cognome Pallavicini. Nel 1704 i Rospigliosi-Pallavicini acquistano il Palazzo sul Quirinale sistemando le collezioni d'arte così come oggi sono ancora collocate. Un palazzo che doveva essere sembrato all'altezza di una famiglia in ascesa, con un immenso giardino che si estendeva in tre ripiani verso la via dei Serpenti e la Chiesa di Sant'Agata dei Goti, in direzione dell attuale Banca d Italia e verso la Suburra. Dopo il periodo, breve ma intenso, in cui Scipione Borghese Caffarelli aveva arricchito le logge dell'aurora, delle Muse e di Psiche, il Teatro d'acqua e il Casino Biondo con le opere che abbiamo detto di Guido Reni, Paolo Brill e altri, solo il cardinale Guido Bentivoglio, tra quelli che hanno avuto la proprietà del palazzo si interessa ad arricchirlo con interessanti opere d'arte che abbiamo già indicato di Giovanni da san Giovanni sia al piano terra che al piano nobile, del Gobbo dei Carracci e Filippo d'angelo. Non molto fecero i Bentivoglio per arricchire il Palazzo dal punto di vista architettonico. Poi la vendita ai Lante e quindi al cardinale Giulio Mazzarino prima del E' comunque il primo ministro del Re Sole, con i suoi eredi, a estendere il palazzo verso sud ovest inglobando anche la loggia del pergolato nel palazzo. Nel 1704 i Pallavicini acquistando il palazzo dai Mancini, eredi del cardinale Mazzarino, lo ampliano verso sud e fanno costruire le scuderie con il palazzo dei famigli nel giardino principale. Avviene quasi subito la divisione del palazzo nelle due quote equivalenti Pallavicini e Rospigliosi che vige tuttora. Ai primi il piano nobile, il casino dell'aurora e quello delle Muse. Ai secondi il piano terra con il casino Biondo, il secondo piano (allora incompiuto) e il casino dei famigli. Le collezioni artistiche seguono la sorte dei due rami della famiglia. Inizia però una storia artistica di grande rilievo con un patrimonio rilevante rimasto pressoché integro nei due rami e arricchito per la munificenza di personaggi come San Carlo Borromeo che fa doni di opere 7

8 di grande valore alla nipote Giustina, sposa di Camillo Rospigliosi, figlio di Maria Camilla; la famiglia Colonna agli inizi dell'800, la cui erede Margherita Gioemi Colonna va sposa a Giulio Cesare Rospigliosi Pallavicini portando un terzo dei beni della illustre casata che si estingueva con le sue due sorelle nella linea diretta (un'altra delle due quote Colonna viene recuperata in seguito da Giulio Cesare per riunirlo ai beni della moglie Margherita e dividerlo equamente nelle solite due quote Pallavicini e Rospigliosi). Lungo tutto il 1700 e parte dell'800 è stato tutto un susseguirsi di accrescimenti delle gallerie e di problemi per la stabilizzazione della discendenza Pallavicini-Rospigliosi. Sono stati, appunto, Giulio Cesare Rospigliosi-Pallavicini e Margherita Colonna a rimettere in moto la divisione delle due famiglie com'era nelle intenzioni del loro antenato illustre cardinale Lazzaro Pallavicini. Il primogenito Clemente Rospigliosi e il secondo Francesco Pallavicini restaurarono i due cognomi e il possesso delle due proprietà nell'attuale situazione di fatto. LA QUADRERIA ROSPIGLIOSI Le collezioni artistiche, come dicevamo, subiscono identica sorte con divisione netta tra i due rami e la collocazione che si può ritrovare ancora oggi nell'ordine originario. Inizia però una storia artistica di grande rilievo con un patrimonio rilevante arricchito per la munificenza di personaggi come il cardinale Giulio Rospigliosi, poi papa Clemente IX, che già nella prima metà del '600 aveva iniziato a raccogliere opere d'arte; la famiglia Colonna agli inizi dell'800, la cui erede Margherita Gioemi Colonna va sposa a Giulio Cesare Rospigliosi Pallavicini portando un terzo dei beni della illustre casata che si estingueva con le sue due sorelle nella linea diretta (un'altra delle due quote Colonna viene recuperata in seguito da Giulio Cesare per riunirla ai beni della moglie Margherita e dividerla equamente nelle solite due quote Pallavicini e Rospigliosi). Lungo tutto il 1700 e parte dell'800 è stato tutto un susseguirsi di accrescimenti delle due collezioni e di problemi per la stabilizzazione della discendenza Pallavicini-Rospigliosi. La Collezione Rospigliosi accresciutasi per oltre due secoli contemporaneamente con la collezione Pallavicini, è senza dubbio una 8

9 delle collezioni romane più illustri e meno note, anche per gli storici dell'arte che non hanno mai avuto l'opportunità di conoscerla, e quindi studiarla, tutta insieme. Ignorata del tutto dal pubblico che non ha mai potuto visitarla. La collezione nasce nel decennio da Giulio Rospigliosi, intimo della cerchia dei cardinali Barberini, nipoti di Urbano VIII, amico dei Medici, autentico uomo d'arte, librettista ufficiale delle rappresentazioni teatrali che segnavano le più importanti occasioni mondane, diplomatiche, o tristi del Seicento. Mecenate che pose sotto la sua protezione artisti come Poussin e Claude Lorrain, Giacinto e Ludovico Gimignani, Mattia Preti giovane. Eminente uomo di stato, Cardinale segretario di Stato, nunzio in Spagna e papa, per due soli anni fino al La Collezione si compone di 123 dipinti e di dieci sculture antiche, i sopravvissuti della collezione (che nel Settecento, con la collezione Pallavicini, è arrivata a circa 700 opere). Solo 21 dipinti, il fior fiore della collezione, sono stati esposti nel Le 123 opere (87 dipinti con autore; 36 anonimi; dieci sculture: due rilievi, sette busti, un puttino su delfino) che costituiscono 'La collezione Rospigliosi' sono interessantissime e sono sopravvissute alla dispersione delle due vendite all'asta del per turare il dissesto economico della famiglia. Tra gli autori principali della collezione Luca Giordano, Van Dyck e Guercino. L'opera di Luca Giordano è un dipinto inedito di 200 per 255 cm con 'La fuga di Elena', ''primissima produzione'' di meta' Seicento. Il van Dyck autografo (non una copia come si riteneva) è una 'Santa Rosalia' di 160 per 170 cm. Il Guercino sconosciuto (i Guercino della Rospigliosi sono otto, fra originali, copie e imitatori) è 'San Francesco in preghiera'. L altro Guercino importante e dalla prorompente bellezza è la 'Flora' dal seno scoperto, uno ''splendido autografo'' del 1642, che è l autentico testimonial della collezione. E' un dipinto anche di grandi dimensioni (203 per 234 cm), uno dei più belli in assoluto del pittore di Cento nel quale il fratello, Paolo Antonio, è intervenuto nei fiori e nella ghirlanda. Il restauro del 1997 ha liberato il paesaggio sulla sinistra, il tocco leggero sull'albero, il ''cielo trascolorante di bagliori e nuvole rosate''. Dalla bottega del Guercino è uscito il dipinto con la 'Fruttivendola con bambino', ''di grande interesse come tela a più mani''. Di Mattia Preti (col fratello Gregorio) c'è un giovanile 'Cristo e Pilato', dal taglio insolito (131 per 295 cm), dai toni del ''blu e del grigio argenteo, accesi da squillanti punti di luce sui visi e sul gruppo del Cristo''. 9

10 Il restauro ha salvato 'L'ebrezza di Noè', opera della bottega di Andrea Sacchi (215 per 286 cm) che aveva subito manomissioni pesanti. Fra i dipinti a soggetto religioso spiccano nella collezione una 'Fuga in Egitto' di Giuseppe Chiari (dai colori limpidi e squillanti con la scenetta di San Giuseppe che spinge l'asino che non ne vuole sapere di avanzare); la 'Sacra Famiglia', un piccolo olio su rame firmato da Sebastiano Conca. Fra quelli a soggetto storico, 'Ester sviene davanti ad Assuero', l' ''opera più bella'' di Ludovico Gimignani in cui il recente restauro ha scoperto sotto il manto del re la figura di un paggio che poi Gimignani ha del tutto cancellata. È evidente in questa opera la lezione appresa a Venezia da Paolo Veronese autore dello stesso soggetto che si trova alla Galleria degli Uffizi a Firenze. Interessante l ambientazione scenografica sfarzosa propria della pittura veneta del Fra i soggetti mitologici un altro dipinto della collezione fino a poco tempo fa sconosciuto è 'Cefalo e Procri', che potrebbe essere del fiorentino Simone Pignoni. Tre i ritratti di eccezionale valore artistico. Un cardinale Fabroni di Benedetto Luti; 'Ragazzo con levriero' in cui il protagonista è il bellissimo cane, opera a quattro mani di Ludovico Gimignani e del fiammingo David de Coninck, ''animalista''; 'Vincenzo Rospigliosi' di Ferdinand Voet, dalla parrucca montata come una panna e con le velature sottilissime di colore, lo sguardo diretto e ironico; eccezionale anche la cornice in tartaruga. Fra i dipinti di genere notevoli i paesaggi di fiamminghi: l'aventino, il Colosseo di Johann van Bloemen detto l'orizzonte; il paesaggio costiero con nubi e luci di Paul Brill. Importanti le nature morte: due di Abraham Brueghel III (la seconda è di bottega), ma soprattutto 'Natura morta con mele, melograne, uva e un uomo'. L'autore dovrebbe essere il Maestro del Metropolitan (anche qui non più l'attribuzione precedente): ''Il suo colore tutto a spessore, ma al tempo stesso libero e sgranato'' fa pensare agli impressionisti. Uno dei dipinti più belli della collezione. Chiudono la serie dei 'generi' due battaglie di Jacques Courtois, ''battaglista'' fra i più apprezzati del Seicento. 10

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Stampa di Giuseppe Vasi a cura di Chiara Loasses Il presente documento fa parte dei materiali distribuiti durante il LAB-Forum dell Unità Operativa ISFOL FLAI-lab,

Dettagli

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA

NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA NUTRIRE IL PIANETA ENERGIA PER LA VITA LA TOSCANA VERSO EXPO 2015 Viaggio in Toscana: alla scoperta del Buon Vivere www.expotuscany.com www.facebook.com/toscanaexpo expo2015@toscanapromozione.it La dolce

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

2013.11.03 Michelangelo a Roma

2013.11.03 Michelangelo a Roma 2013.11.03 Michelangelo a Roma Copertina della passeggiata, nonché 1^ tappa, il cupolone di San Pietro la costruzione più imponente di Roma, che Michelangelo avviò ed era quasi ultimata alla sua morte.

Dettagli

Il Castello di Usigni. Paese natale del Cardinale Fausto Poli

Il Castello di Usigni. Paese natale del Cardinale Fausto Poli Il Castello di Usigni Paese natale del Cardinale Fausto Poli Servizio Turistico della Valnerina Cascia Via Giovanni da Chiavano, 1 Cascia tel. 0743 71401-0743 71147 fax 0743 76630 info@lavalnerina.it www.lavalnerina.it

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande

1. Siamo a Firenze nel secolo. Adesso leggi l'inizio della storia della famiglia dei Medici e rispondi alle domande La Firenze dei medici: la famiglia e il Rinascimento Il luogo è Firenze, ma di quale secolo parliamo? Guarda queste tre immagini legate al titolo e decidi a quale secolo si riferiscono: a) XIX sec. d.

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI

3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI 3] PRINCIPATI E STATI REGIONALI SIGNORI E PRINCIPI Fra la metà del Duecento e il Quattrocento, nell'italia settentrionale e centrale > numerose signorie. Molti signori, dopo avere preso il potere con la

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p.

C. Via Panisperna il principale collegamento con il centro antico A-B Via Felice collegamento tra la chiesa di S. Croce in Gerusalemme e p. Porta pia Porta pia Borgo vaticano Porta del Popolo Porta Pia Negli stessi anni in cui il cardinale Peretti inizia i lavori della sua villa, Gregorio XIII interviene nelle vicine Terme di Diocleziano trasformandole

Dettagli

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia

Viaggio tra musei di Milano. Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Viaggio tra musei di Milano Ariodante Serena V D Liceo Classico L. Costa La Spezia Chiesa di Santa Maria delle Grazie L'edificio rappresenta una tra le più importanti realizzazioni del Rinascimento ed

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Fontane e piazze di Roma

Fontane e piazze di Roma Fontane e piazze di Roma Fontana di Trevi Piazza di Spagna Piazza Montecitorio Piazza della rotonda e Pantheon Piazza Navona 1 FONTANA DI TREVI La fontana è stata disegnata nel 1732 dall architetto Nicolò

Dettagli

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com

FERRARA. Città d arte e della bicicletta. Hotel da Pippi www.hoteldapippi.com FERRARA Città d arte e della bicicletta. BATTAGLIE STORICHE Ferrara, per la sua posizione strategica è stata coinvolta in molte battaglie, famosa rimane la guerra di Ferrara ( del 1308 ) tra la repubblica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIGNOLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Via Cristoforo Colombo, 1

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIGNOLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Via Cristoforo Colombo, 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIGNOLA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Via Cristoforo Colombo, 1 85010 PIGNOLA (PZ) Telefax: 0971 420010 e-mail: icpignola@tiscali.it C.F. 96032650762 RELAZIONE

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C

SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C SCUOLA DELL'INFANZIA REGINA MARGHERITA A.S. 2009 /2010 PROGETTO AMBIENTE INSEGNANTI SEZIONI A C Il percorso didattico dedicato agli alberi è iniziato il 19 11 2010, all'interno del progetto Ambiente dedicato

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Passeggiando per Genzano

Passeggiando per Genzano Passeggiando per Genzano Genzano di Roma è un comune di 24.397 abitanti della provincia di Roma nel Lazio ed è situato sul versante esterno del cratere vulcanico del lago di Nemi. ...Forno antichi sapori...

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

Palazzo Stanga Trecco

Palazzo Stanga Trecco Palazzo Stanga Trecco Venerdì 21 novembre 2014, in occasione della Festa del Torrone, il piano nobile di palazzo Stanga, in via Palestro, è stato eccezionalmente aperto al pubblico. Le nostre classi, la

Dettagli

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA

TOUR CON L ARCHEOLOGA IL BAROCCO DI ROMA IL BAROCCO DI ROMA L arte della meraviglia e del movimento. Una passeggiata nel centro della città a vedere e fotografare piazze, chiese, fontane e statue del Seicento. Il giro include alcuni capolavori

Dettagli

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della

I materiali estratti e lavorati da Toscana Pietra sono pietre arenarie, calcaree e altre tipiche della profilo aziendale i la storia La storia di Toscana Pietra inizia nel 1969 quando dopo anni di esperienza nell estrazione di pietra arenaria e calcarea, il signor Urbano Sercecchi fondò un azienda in grado

Dettagli

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano.

L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento di Santa Maria delle Grazie a Milano. 2. Storia, politica, filosofia e arte nel Rinascimento Un esempio di prospettiva: L ultima cena di Leonardo L ultima cena fu dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1494 e il 1498 nel refettorio del convento

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende

LA QUOTA COMPRENDE: LA QUOTA NON COMPRENDE: - Mance ed extra di carattere personale - Tutto quanto non specificato né la quota comprende 1 GIORNO: partenza dalla Vostra sede alla volta di Pisa, città conosciuta già nel Medioevo grazie alle sue navi che intrattenevano rapporti commerciali con Africa settentrionale, Spagna e Oriente. Incontro

Dettagli

pissarro l anima dell impressionismo family guide

pissarro l anima dell impressionismo family guide pissarro l anima dell impressionismo family guide +5 CAMILLE PISSARRO Il giovanotto che vediamo rappresentato è Camille Pissarro. Dipinge questo autoritratto poco prima dei 25 anni. Da un isola delle Antille

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

La Venaria Reale 2015. I quadri del Re. Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica. Dal 28 maggio 2015

La Venaria Reale 2015. I quadri del Re. Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica. Dal 28 maggio 2015 La Venaria Reale 2015 I quadri del Re. La Galleria Sabauda alla Reggia di Venaria Il nuovo allestimento nell Appartamento della principessa Ludovica Dal 28 maggio 2015 I quadri del Re. La Galleria Sabauda

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

Qualche nuova notizia sul soggiorno tiburtino di Ettore Roesler Franz

Qualche nuova notizia sul soggiorno tiburtino di Ettore Roesler Franz Qualche nuova notizia sul soggiorno tiburtino di Ettore Roesler Franz Che Tivoli fosse nel cuore di Ettore Roesler Franz, questo è cosa nota tanto da sceglierla come seconda residenza oltre quella romana

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

La 'Cappella Sistina' di Milano

La 'Cappella Sistina' di Milano IL GALILEO - Anno 5, Numero 8, dicembre 2015 Mensile telematico. www.il-galileo.eu -Direttore responsabile Giuseppe Prunai La 'Cappella Sistina' di Milano San Maurizio, gioiello del Rinascimento lombardo,

Dettagli

Capodimonte. Fonte Wikipedia

Capodimonte. Fonte Wikipedia Capodimonte Fonte Wikipedia Il Museo nazionale di Capodimonte è un museo di Napoli, fu progettato dagli architetti Giovanni Antonio Medrano e Antonio Canevari ubicato all'interno della reggia omonima,

Dettagli

SABATO 5 FEBBRAIO 2011

SABATO 5 FEBBRAIO 2011 ASSOCIAZIONE CULTURALE ARCHIMEDE Via Clitunno, 28 00198 Roma Tel. 068418271 Fax 068552660 http://www.archimedecultura.it e-mail: archimede.ac@mclink.it Ordine degli Ingegneri di Roma Via Emanuele Orlando

Dettagli

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30

Venerdì 16 dicembre alle ore 17.30 ARCIDIOCESI DI BOLOGNA C.S.G. - UFFICIO STAMPA - Via Altabella, 8 40126 BOLOGNA Tel. 051/64.80.765 - Fax 051/23.52.07 E-mail press@bologna.chiesacattolica.it Data: 12 dicembre '11 N di pagine (compreso

Dettagli

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni

17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 17 MARZO: Festa dell'unità d'italia Si festeggia il giorno in cui l'italia,150 anni, fa divenne unita. Questa festa si festeggia ogni 50 anni 25 APRILE: FESTA DELLA LIBERAZIONE Si festeggia la liberazione

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE

Classe IV materiali di lavoro Storia Medioevo I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE Scheda 5 I CONTADINI DEL VILLAGGIO E I LORO RAPPORTI COL SIGNORE La maggior parte degli abitanti del villaggio lavorava la terra. I contadini non avevano tutti gli stessi obblighi verso il signore, e si

Dettagli

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova

La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova La Chiesa Dei Santi Tommaso E Benedetto Bosco Chiesanuova Salienti pietra Facciata Campanile Pietra bianca Bifore vetro Rosone Pietra bianca e vetro Contrafforti pietra rossa chiara Lunetta affresco Portale

Dettagli

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC

LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC LA VERA STORIA DELLA TELA DELL ULTIMA CENA DI GASPAR HOVIC Di certo da oltre 400 anni, è stata ed è ancora, la tela più bella e affascinante conservata a Triggiano. Ma come già ampiamente descritto nel

Dettagli

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia

Isola di Ortigia. Storia dell Isola di Ortigia Isola di Ortigia Isola di Ortigia costituisce la parte più antica della città di Siracusa. Il suo nome deriva dal greco antico ortyx che significa quaglia. È il cuore della città, la prima ad essere abitata

Dettagli

Appunti per un album di famiglia

Appunti per un album di famiglia Da Aldo Coccolo 1937, Feletto Famiglia Coccolo Bandulins di Angelo e Ancilla con figli e nipoti Appunti per un album di famiglia Feletto, 1811: in una antica mappa conservata all Archivio di Stato di Udine,

Dettagli

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino

Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino Ritratto di bella Principessa Opera realizzata a penna e inchiostro con colori a tempera su pergamena..da un mancino -E BIANCA MARIA? -E BIANCA SFORZA? -E UN ALTRA PERSONA? -E OPERA DI LEONARDO? -E OPERA

Dettagli

www.castrichinirestauri.com

www.castrichinirestauri.com La scoperta di questo grande affresco, circa 32 mq., è avvenuta agli inizi degli anni 70 del secolo scorso e si è rivelata particolarmente rilevante per la storia dell arte italiana perché è la prima rappresentazione

Dettagli

Percorsi bibliografici

Percorsi bibliografici Percorsi bibliografici nelle collezioni della Biblioteca del Senato Biblioteca del Senato Giovanni Spadolini 2003 Il Palazzo e la Galleria Doria Pamphilj 2013 10ANNI DI APERTURA AL PUBBLICO Il Palazzo

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR

VIAGGI ROMA FIRENZE VENEZIA. ad ARTE AUTUNNO-INVERNO 2012/2013. itinerari culturali in Italia TOUR OPERATOR ROMA ad ARTE VIAGGI itinerari culturali in Italia FIRENZE VENEZIA AUTUNNO-INVERNO 2012/2013 TOUR OPERATOR v I TOUR di Italy Travels TOUR DI GRUPPO APERTURE STRAORDINARIE TOUR BY NIGHT GUIDE IN LINGUA E

Dettagli

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI

MERCATI DI TRAIANO - MUSEO DEI FORI IMPERIALI 1 MUSEI CAPITOLINI Le collezioni dei Musei Capitolini - itinerario - La Pinacoteca Capitolina - Il Tabularium e la Galleria Lapidaria - Il Palazzo dei Conservatori - Mito e storia nelle collezioni di Palazzo

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante

I luoghi della conservazione dei beni culturali. Francesco Morante I luoghi della conservazione dei beni culturali Francesco Morante Beni culturali mobili e immobili Ci sono beni culturali che devono essere conservati nel sito in cui sorgono e non possono essere spostati:

Dettagli

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof.

Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno. L ultima farfalla RENZO ZERBATO. L ultima farfalla. Con la collaborazione del prof. Dopo il successo di Ierilaltro Promosso dall Amministrazione comunale di Lavagno Renzo Zerbato Torna con L ultima farfalla RENZO ZERBATO L ultima farfalla Con la collaborazione del prof. Giuseppe Corrà

Dettagli

SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA

SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA SULLE ALI DELLA MUSICA E DELLA STORIA Nel 2011 siamo andati a Torino, per onorare i primi 150 anni della nostra Italia. Nel 2012 siamo stati a Roma, la nostra Capitale, e lì abbiamo avuto l onore di recarci

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

RESTAURATRICI DI DIPINTI SU TELA E CORNICI DORATE IN LEGNO Progetto n. 914501.IJ.006

RESTAURATRICI DI DIPINTI SU TELA E CORNICI DORATE IN LEGNO Progetto n. 914501.IJ.006 RESTAURATRICI DI DIPINTI SU TELA E CORNICI DORATE IN LEGNO Progetto n. 914501.IJ.006 Campo di intervento: BENI CULTURALI Prog. N.: 914501.IJ.006 Titolo progetto: RESTAURATRICI DI DIPINTI SU TELA E CORNICI

Dettagli

Hatshepsut la donna faraone

Hatshepsut la donna faraone Hatshepsut la donna faraone Sai che nell antico Egitto non esisteva la parola regina? Esisteva una parola che significava moglie del re perché, per molto tempo, solo l uomo poteva diventare faraone eppure

Dettagli

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016

FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 FIRENZE, 15-17 APRILE 2016 CONCEPT Villa d Este ha da tempo valorizzato il proprio legame con la storia del design automobilistico, accogliendo nella sua collezione d arte una Alfa Romeo 6C 2500 SS Coupé

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne

La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne materiali www.samuelbeckett.it La casa di Beckett a Ussy-sur-Marne di Larry Lund Nel 1953, con la somma ereditata dopo la morte della madre, Samuel Beckett acquistò una piccola casa a Ussy-sur- Marne,

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

La Polonia di Wojtyla

La Polonia di Wojtyla La Polonia di Wojtyla VIAGGI DI GRUPPO IN BUS www.generbus.it SCOPRI I LUOGHI DI PAPA WOJTYLA Il 27 aprile 2014 Papa Giovanni Paolo II verrà proclamato santo. Wojtyla, il nuovo Papa chiamato di un paese

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

Intervista telematica a Sonia Grineva

Intervista telematica a Sonia Grineva BTA Bollettino Telematico dell'arte ISSN 1127-4883 Fondato nel 1994 Plurisettimanale Reg. Trib. di Roma n. 300/2000 dell'11 Luglio 2000 1 Gennaio 2010, n. 549 http://www.bta.it/txt/a0/05/bta00549.html

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Lavori in corso in Galleria. Restauri IsCR per le opere della collezione Doria Pamphilj

Lavori in corso in Galleria. Restauri IsCR per le opere della collezione Doria Pamphilj Lavori in corso in Galleria. Restauri IsCR per le opere della collezione Doria Pamphilj Elenco delle opere in mostra: Prima sala Francesco Barbieri detto il Guercino, Figliuol Prodigo Francesco Barbieri

Dettagli

L Italia nei secoli XIV e XV

L Italia nei secoli XIV e XV L Italia nei secoli XIV e XV Con le sue città, i suoi commerci, la sua cultura, l Italia di fine Medio Evo costituisce forse la più alta espressione delle civiltà europea, ma allo stesso tempo è insidiata

Dettagli

VIGNA DI LEONARDO CASA DEGLI ATELLANI

VIGNA DI LEONARDO CASA DEGLI ATELLANI CASA DEGLI ATELLANI Casa degli Atellani è un palazzo quattrocentesco risalente all epoca di Ludovico il Moro. E situato a pochi passi dalla Chiesa di Santa Maria delle Grazie, dove è esposto uno dei dipinti

Dettagli

L Italia e l Europa nel XVI secolo

L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia e l Europa nel XVI secolo L Italia era un paese formato da stati regionali, divisi e fragili, che nel XV secolo erano rimasti in pace a vicenda visto l accordo di Lodi del 1454. Questo equilibrio

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo

Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo. Giambattista Tiepolo CITTA' MUSEO AUTORE TITOLO OPERA San Girolamo in preghiera La fuga in Egitto San Girolamo Eremita Martirio di San Giacomo Decapitazione di una Santa Decapitazione di una Santa L'Annunciazione Sacra Famiglia

Dettagli

Il cannocchiale e il pennello Nuova scienza e nuova arte nell età di Galileo. Pisa, Blu Palazzo 9 maggio 19 luglio 2009

Il cannocchiale e il pennello Nuova scienza e nuova arte nell età di Galileo. Pisa, Blu Palazzo 9 maggio 19 luglio 2009 Il cannocchiale e il pennello Nuova scienza e nuova arte nell età di Galileo Pisa, Blu Palazzo 9 maggio 19 luglio 2009 Progetto di mostra a cura di Lucia Tomasi Tongiorgi e Alessandro Tosi Enti promotori

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Cinquecento Michelangelo Scultura

Cinquecento Michelangelo Scultura Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, Pietà, 1497-1499. Marmo, altezza 174 cm, larghezza 195 cm. Roma, Basilica di San Pietro. 1 Cinquecento Michelangelo Scultura Michelangelo, David, 1501-1504.

Dettagli

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo

Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo Il trailer di Handy sbarca al cinema: una mano protagonista sul grande schermo di Redazione Sicilia Journal - 09, ott, 2015 http://www.siciliajournal.it/il-trailer-di-handy-sbarca-al-cinema-una-mano-protagonista-sul-grandeschermo/

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma.

IL TEATRO DEL SOLE Sezione visite guidate IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. IL TEATRO DEL SOLE presenta il dettaglio degli itinerari da noi proposti per la città di Roma. ROMA IMPERIALE Incontro dei partecipanti con le guide davanti all ingresso principale del Colosseo -13.00

Dettagli

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO

I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO 1 1. I tre mondi dell alto medioevo I TRE MONDI DELL ALTO MEDIOEVO INTRODUZIONE. MEDIOEVO SIGNIFICA ETÀ DI MEZZO, CIOÈ IN MEZZO TRA L ETÀ ANTICA E L ETÀ MODERNA ( MEDIO = MEZZO; EVO = ETÀ). IL MEDIOEVO

Dettagli

LA VEGLIA. Milano, sabato 24 ottobre 2009

LA VEGLIA. Milano, sabato 24 ottobre 2009 LA VEGLIA Milano, sabato 24 ottobre 2009 47 «L uomo è un pellegrino; malato di infinito, incamminato verso l eternità. La personalità è sempre in marcia, perché essa è un valore trascendente: la sua forma

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno 2007 con 7000 km..

Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno 2007 con 7000 km.. Viaggio nella bassa padana dal 17 aprile al 20 aprile 2011 Componenti : Paolo, pilota e addetto alla logistica Maria Rosa, navigatrice e addetta alla cucina Automezzo: Camper McLouis 620, mansardato anno

Dettagli

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco

BERNINI E BORROMINI. Rivalità e Trionfo del Barocco BERNINI E BORROMINI Rivalità e Trionfo del Barocco Introduzione BERNINI BORROMINI Nascita: Napoli/1598 Figlio di scultore (Pietro Bernini) Impara l arte dal padre Grande talento artistico Personalità estroversa

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba VILLA ANGELICA (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba La villa Angelica, utilizzata da lord Hamilton per le sue escursioni sul Vesuvio, si trova tra Torre del Greco e Torre Annunziata, al numero civico

Dettagli

Lingua e Storia dell'arte

Lingua e Storia dell'arte Lingua e Storia dell'arte Una completa immersione nella lingua italiana, nell'arte, nella storia e nella cultura italiana Il corso completo si articola in due settimane: la prima sarà dedicata al Medioevo,

Dettagli

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE

IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE. Disegno e Storia dell Arte_PATRIMONIO CULTURALE IL PATRIMONIO CULTURALE ED AMBIENTALE IL PATRIMONIO CULTURALE di solito indica quell insieme di cose, mobili ed immobili, dette più precisamente beni, che per il loro interesse pubblico e il valore storico,

Dettagli

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi.

ALLEGATO 3. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. Elemento architettonico: la prospettiva dal Battistero alla Cattedrale nel suo intrecciarsi di linee e percorsi. 1 2 3 La Cattedrale di Padova La Cattedrale rappresenta il cuore e l espressione più viva

Dettagli

Roma Udienza dal Santo Padre 16/19 Novembre 2014

Roma Udienza dal Santo Padre 16/19 Novembre 2014 Roma Udienza dal Santo Padre 16/19 Novembre 2014 Programma di viaggio 1 giorno: 16 Novembre 2014 Partenza da Torino Porta Nuova alle ore 07.15 circa. Partenza da Torino Porta Nuova alle ore 07.50 circa

Dettagli

FOTO DEL LAZIO. "Colosseo", in origine conosciuto col nome di "Anfiteatro Flavio" (foto miste).

FOTO DEL LAZIO. Colosseo, in origine conosciuto col nome di Anfiteatro Flavio (foto miste). FOTO DEL LAZIO Roma: come allora, ancora "caput mundi"... (parte I delle foto) Pini alla fermata della metropolitana "Anagnina" (nella prima foto) / "Piazza della Repubblica" (nella seconda foto) / "Teatro

Dettagli

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi

Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Antonio Franchi, Ritratto di Anna Maria Luisa de Medici (1687) Firenze, Galleria degli Uffizi Francobollo commemorativo emesso il 18 febbraio 2013 in occasione del 270 anniversario della morte di Anna

Dettagli