Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina di Dante (Rime, 15)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina di Dante (Rime, 15)"

Transcript

1 Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina di Dante (Rime, 15) ENRICO FENZI I Un recente volume di Paola Allegretti torna a riproporre uno dei casi più intriganti entro il corpus delle rime dantesche: quello della canzone cosiddetta montanina, Amor, da che convien pur ch io mi doglia (già CXVI nell ordinamento Barbi, tra le Rime varie del tempo dell esilio; ora n. 15 nella recente edizione critica di Domenico De Robertis, in quanto ultima della famosa serie del Boccaccio) 1. Sì che intorno ad essa sarà bene richiamare brevissimamente qualcosa. Per esempio, che normalmente la si dà come l ultima lirica composta e divulgata da Dante, e da lui mandata al marchese Moroello Malaspina di Giovagallo quasi certamente nel 1307, o primi mesi del 1308, insieme alla lettera accompagnatoria Ne lateant dominum (Epist. IV), che ne costituisce una sorta di razo 2. In qualche modo, questa iniziativa sembra dunque raddoppiare l altra, di poco precedente ( , ma più vicino alla seconda data che alla prima), costituita dall invio a Cino da Pistoia della lettera Eructavit incendium (Epist. III, Frugoni: ), che accompagnava il sonetto Io sono stato con Amore insieme (104: CXI Barbi), responsivo al suo CXXVIII, Dante, quando per caso s abandona 3. Né ad avvicinare le due doppie missive è solo la presenza della prosa latina esplicativa, ma anche una notevole affinità di contenuto, dal momento che sia il sonetto che la canzone celebrano l ineluttabile fatalità di un Amore che afferma il proprio potere su ragione e virtù, sbaragliando il libero arbitrio del soggetto innamorato. Di 43

2 Tenzone nº più, va anche osservato che a far da ponte tra l uno e l altra sta la circostanza che Cino, nello stesso giro d anni, rivolge al marchese Moroello assai probabilmente il sonetto CXXI, Signor, e non passò mai peregrino (che sembra essere molto vicino alla montanina ), e certamente il sonetto CXXIX, Cercando di trovar minera in oro, e che Dante a nome del marchese gli risponde con il suo Degno fa voi trovare ogni tesoro (106: CXIII Barbi). Proprio questa tarda corrispondenza tra Dante e Cino, con il Malaspina sullo sfondo, insinua tuttavia i primi gravi motivi di perplessità, dal momento che le retrospettive considerazioni dantesche sullo strapotere di Amore, affidate alla virtuosistica tessitura verbale e ritmica dei sonetti, inclinano presto verso il rimprovero mosso a Cino di «volgibile cor» e dunque di scarsa sincerità e serietà amorosa, cui s aggiunge nel terzo dei sonetti, Io mi credea del tutto esser partito (107: CXIV Barbi), l esplicita e definitiva presa di distanza da quella rimeria amorosa, ormai riguardata come un occasionale relitto del passato: «Io mi credea del tutto esser partito / da queste nostre rime, messer Cino, / ché si conviene omai altro camino / alla mia nave più lungi dal lito; / ma perch i ho di voi più volte udito / che pigliar vi lasciate a ogni uncino, / piacemi di prestare un pocolino / a questa penna lo stancato dito...». Ma ecco che la canzone rompe con i modi minori di questa tarda squisita e marginale accademia, e inaspettatamente restituisce al tema dell irrazionale e soverchiante forza di Amore tutta la sua attuale ed eloquente grandezza. Donde appunto quella perplessità, ché non ci si aspetterebbe da un Dante ormai fatto cantor rectitudinis e, a quell altezza, già impegnato nella Comedia, una canzone come questa, così anacronistica nel suo pessimismo erotico di tipo cavalcantiano e nella ripresa di motivi già svolti con ben altra potenza e tensione espressiva nelle petrose, composte, a quanto pare, undici-dodici anni prima, e prima, soprattutto, del formidabile spartiacque dell esilio. Insomma, secondo gli schemi che, dal più al meno, tutti abbiamo in 44

3 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... testa, è chiaro che solo Tre donne e Doglia mi reca potrebbero fregiarsi del titolo di Ultime Liriche...: ma tant è, le cose stanno proprio così, e non resta che farsene una ragione. Come è avvenuto in passato, del resto, quando si sono escogitati reconditi significati allegorici (la donna starebbe per Firenze, o per la Comedìa, o per Beatrice rediviva) 4, soprattutto per aggirare la curiosa circostanza di Dante che, nel congedo, invia la canzone a Firenze affinché vi proclami che il suo presente stato di asservimento amoroso è tale da impedirgli addirittura il ritorno, nell ipotesi che la città «vota d amore e nuda di pietate» mitighi la propria crudeltà e decida di richiamarlo dall esilio. E come più recentemente ha fatto Gorni che, in una eccellente messa a punto delle questioni sollevate dalla canzone, ha finito per dichiararsi insoddisfatto di quelle ipotesi allegoriche ma non dell idea che un qualche significato nascosto ci debba pur essere, e soprattutto ha avanzato una sua personale proposta che ha il merito di cogliere perfettamente il senso di disagio che la canzone suscita: quella cioè che Amor da che convien «potrebbe essere una specie di falso d autore forse una vecchia canzone d amore, recuperata durante l esilio a fini allegorici non evidenti, e come tale spacciata a Moroello e provocatoriamente indirizzata alla città: in tal caso, solo il congedo sarebbe degli anni dell esilio» 5. E l ipotesi, autorevolmente fatta propria da Domenico De Robertis nella sua edizione delle Rime, III: 226, è ora accolta anche dalla Allegretti (in part ), che non ne fa però un motivo centrale del suo discorso. Ho citato Gorni studioso in proprio della montanina prima che prefatore. Ma, a completare l accenno agli essenziali poli di riferimento critici, occorre anche che si ricordi il bel saggio di Giorgio Stabile 6, nel quale lo studioso mostra come Dante dedichi la canzone all analisi di un classico coup de foudre amoroso, e assuma come struttura portante del suo itinerario introspettivo proprio quanto la filosofia naturale del tempo insegnava circa la formazione dei tuoni e dei fulmini: un approccio, dunque, 45

4 Tenzone nº importante ma del tutto diverso da quello di Gorni, così come è ancora diverso quello della Allegretti la quale, per parte sua, non considera le difficoltà suscitate dalla posizione che la canzone occupa entro il corpus delle rime, e addirittura, tout court, entro la complessiva vicenda intellettuale e umana di Dante; non l analisi del nucleo tematico sul quale la canzone si regge, ma piuttosto l indagine sottile e la ricostruzione della tradizione letteraria sulla quale il lessico e le immagini dantesche puntualmente insistono. Così, la studiosa offre una fitta serie di rimandi interni ad altri luoghi danteschi, e di rimandi esterni, tra i quali hanno particolari significato, direi, quelli a Ovidio tra i classici, e quelli a Cavalcanti e Cino tra i volgari (ma sempre molto pertinenti sono pure le citazioni da Guittone, da Monte Andrea, da Guinizzelli, da Dino Frescobaldi...). Abbiamo così squadernato sotto i nostri occhi un vasto repertorio che ad ogni passo suggerisce spunti decisivi all interpretazione e che, di là dai molti rinvii alla Vita nova, conferma quanto pesi l ipoteca cavalcantiana (ma anche quella delle paure e degli sbigottimenti ciniani) su un testo dedicato a un amore tirannico che distrugge ogni contrario «argomento di ragion» (v. 26), e precipita il soggetto in una attonita condizione spirituale di «ignoranza ed oblio» di sé (v. 50). In perfetta antitesi, dunque, con quell Amore che, nella Vita nova, 2, 4, sempre «comandava secondo lo consiglio de la Ragione»: non però con i sonetti del gabbo, sempre nel libello, e, fuori, con le canzoni dell amor doloroso E m incresce di me e Lo doloroso amor, alle quali anche la montanina priva del posteriore congedo andrebbe riportata, almeno secondo la già considerata ipotesi di Gorni (ma anche De Robertis, nel luogo sopra citato: «essa sembra piuttosto riportarsi alla tematica dell amor doloroso, con particolari contatti con E m incresce di me», e così già Foster e Boyde, in particolare II: 331), alla quale indubbiamente la minuziosa schedatura della Allegretti fornisce un ampia rete indiziaria di supporto. 46

5 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... Ciò detto, è però vero che non solo la canzone pone molti problemi, sin qui ben individuati ma non risolti: lo fa anche l epistola che l ha accompagnata al marchese Moroello. E proprio da questa, quale cappello o razo della canzone, vorrei cominciare, anche perché è qui, nella prosa, che Dante ci indica quale sia la prospettiva entro la quale siamo invitati a collocare e intendere i suoi versi. II Ecco, per comodità, il testo dell Epist. IV, che suddivido in brevi paragrafi, per facilitare i riscontri con quanto dirò : [1] Ne lateant dominum vincula servi suj quam affectus gratuitas dominantis et ne alia relata pro alijs que falsarum opinionum seminaria frequentius esse solent negligentem predicent carceratum, ad conspectum Magnificentie vestre presentis oraculj seriem placuit destinare. [2] Jgitur michi a limine suspirate postea curie seperato in qua velut sepe sub admiratione vidistis fas fuit sequi libertatis offitia, cum primum pedes iuxta Sarnj fluenta securus et incautus defigerem, subito heu mulier ceu fulgur descendens apparuit nescio quomodo, meis auspitijs undique moribus et forma conformis. [3] O quam in eius apparitione ostupui: sed stupor subsequentis tonitruj terrore cessavit. Nam sicut diurnis coruscationibus illico succedunt tonitrua, sic inspecta flamma pulcritudinis huius amor terribilis et inperiosus me tenuit. [4] Atque hic ferox, tanquam dominus pulsus a patria post longum exilium sola in sua repatrians, quicquid eius contrarium fuerat intra me vel occidit vel expulit vel ligavit. Occidit ergo propositum illud laudabile quo a mulieribus suis cantibus abstinebam, ac meditationes asiduas quibus tam celestia quam terrestria intuebar quasi suspectas impie relegavit, et denique, ne contra se amplius anima rebellaret, liberum meum ligavit arbitrium, ut non quo ego sed quo ille vult me verti oporteat. Regnat itaque Amor in me nulla refragante virtute, qualiterque me regat inferius extra sinum presentium requiratis. 47

6 Tenzone nº Non ne farò un commento puntuale, per non occupare troppo spazio, in questa sede, con questioni già da altri affrontate e non direttamente pertinenti al proposito. Per esempio, quella che riguarda l identità non perfettamente certa del destinatario (il giovane Moroello marchese di Villafranca, cugino di Franceschino, per conto del quale Dante trattò la pace con il vescovo di Luni nell ottobre del 1306, o piuttosto, come ormai si conviene, Moroello di Manfredi marchese di Giovagallo, il «vapor di Val di Magra» di Inf. XXIV 145, sposo di Alagia Fieschi, della quale Purg. XIX ), o la data, sulla quale mi pare che ormai tutti concordino, una volta respinta la vecchia ipotesi di Torraca (e più recentemente di Hardie) che pensava che la Curia fosse quella di Enrico VII e spostava epistola e canzone al O quelle che riguardano il testo, bisognoso di qualche emendamento (per il caso più notevole, vedi appena sotto). Altre sono invece le cose che vorrei precisare e aggiungere, come quelle che sono più interessanti per l interpretazione della canzone. [1] vincula [...] carceratum: Dante vuole far conoscere al marchese Malaspina la sua presente condizione di uomo incatenato e carcerato, per stornare l eventuale accusa di negligenza nei suoi confronti: non è infatti negligente, ma impossibilitato a far fronte ai propri impegni e probabilmente, come lasciano intendere le ultime righe, a tornare presso la sua corte. Ma, a intendere il passo nella sua compiutezza, occorre decidere circa un dubbio che riguarda la lezione. Il codice porta: «gratuitatis dominantis» che la Allegretti, contravvenendo alla scelta ormai invalsa, mantiene a testo traducendo la frase così: Perché non restino nascoste al signore le catene del suo servo, come i sentimenti verso la gratuità che lo domina (affectus, nominativo plurale). Precedentemente, invece, aveva finito per far testo l emendamento suggerito dallo Zenatti e difeso da Parodi in nome delle esigenze del cursus («si dica però che gratuitatis dominantis è, dal punto di vista del cursus, in fine di periodo, non 48

7 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... solo, ma proprio del primo periodo, quasi un mostro»), e introdotto poi dal Pistelli nell edizione del 1921 della Società Dantesca Italiana, che corregge gratuitatis in gratuitas (Torraca invece avrebbe voluto correggere in gravitas), che impone la traduzione:... come la gratuità del sentimento che lo signoreggia (affectus, genitivo singolare) 8. In entrambi i casi non si dovrà tuttavia intendere che il sentimento sia come una specificazione dei vincula, quasi si dicesse: Perché non restino nascoste al signore le catene dell affetto disinteressato che domina il suo servo, ma piuttosto che abbia valore disgiuntivo rispetto ai vincula, dovendosi riferire all atteggiamento di Dante verso il marchese, al quale lo lega un rapporto di dipendenza appunto gratuita, non condizionante, e dunque essenzialmente diverso dalla sua attuale condizione di schiavitù. Dunque, assai liberamente: Perché non restino nascoste al signore né le (nuove) catene del suo servo, né l affetto che tuttavia questo stesso servo continua a nutrire verso di lui, fondato su un rapporto di dipendenza volontaria, liberamente scelto e dentro il quale egli ha avuto salvaguardati i propri margini di libertà. E così appunto io intenderei, sulle orme di Parodi (cit.: 420): «è per me chiaro che egli intende contrapporre ai ceppi l affetto che, nonostante tutto, lo lega al suo Signore, e cioè anticipare in altra forma la contrapposizione che segue: carceratum, ma... non negligentem!»), non solo perché il testo ne riesce arricchito, ma soprattutto perché mi sembra che questo stesso concetto, che contrappone un servizio liberamente accettato e vissuto a una ben più radicale e costrittiva schiavitù nella quale il soggetto è improvvisamente caduto torni avanti nel testo, nei «libertatis offitia» del 2 (vedi sotto). -ad conspectum Magnificentie vestre presentis oraculi seriem placuit destinare: fa difficoltà, qui, la presentis oraculi seriem, che, d accordo con altri, solo con forte banalizzazione potremmo tradurre, come fa Frugoni, con il testo del presente scritto (meglio Allegretti: la compagine della presente visione ). 49

8 Tenzone nº Il termine series, alquanto ridondante, torna solo un altra volta in Dante, nell Epist. I al cardinale Niccolò da Prato, 2: «vestrarum litterarum series» (Frugoni: 524), che potremmo tradurre, con Frugoni, le parole della vostra lettera, ma forse meglio il contesto, l insieme, l ordinato procedere (o infine, appunto, la compagine... ). L espressione in ogni caso è comune, e basta per accertarsene una scorsa al CETEDOC: «totam seriem visionis» (Actus Francisci 74, 9); «attendenda et exponenda totius litere series» (Andrea di san Vittore, Exp. hystorica in librum Regum 1, 13); «propheticae visionis series» (s. Bernardo, Sermo in dom. inf. octavam assumptionis p. 5, 3, p 263, 22); «per totam seriem litterarum» (s. Bernardo, Epist. 87, 1), ecc. Ma il vero problema è quel oraculum, che Dante usa solo in questo caso. Nella tradizione, la parola da un lato designa il luogo fisico la parte più interna, più nascosta del tempio- dove ci si reca per avere i responsi della divinità 9, e, dall altro, gli stessi responsi, onde abbondano, nei testi, gli oracula delle Scritture, dello Spirito Santo, dei profeti, dei patriarchi, ecc., e si tratta quasi sempre di oracula definiti come celesti, divini, profetici, sacri, e così via. L oraculum è, insomma, un messaggio che la divinità fa giungere sino a noi sia parlando mediante una voce umana, com è il caso esemplare della Sibilla (Andrea di san Vittore, Exp. in heptateuchum. In Numeros r. 160: «Et est oraculum divinum per os hominis responsum») 10, sia, in maniera più ribassata, mediante l apparizione in sogno di persone dotate di particolare carisma o specifiche funzioni, o della divinità medesima. In questo senso, l oraculum fa parte, con la visio e il somnium, dei tre tipi superiori del sogno, mentre inferiori e fallaci sono l insomnium e il phantasma, secondo il celebre schema classificatorio di Macrobio, nel Commento al Somnium Scipionis ciceroniano, I 3, 1-11, che ha fatto testo per tutto il medioevo e che è stato spesso ripetuto. In particolare, ecco le sue parole: «Et est oraculum quidem cum in somnis parens vel alia sancta gravisve persona seu sacerdos vel etiam deus aperte eventurum quid aut non eventurum, faciendum devitandumve denuntiat» 11. Non è dunque semplice stabilire che cosa Dante abbia inteso. In ogni caso, anche a 50

9 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... me non pare che ci si possa limitare alla lettera/oggetto in sé, come fa appunto Frugoni e come faceva per la verità già Novati, per il quale l oraculum poteva significare una missiva qualsiasi, più o meno importante che fosse, indipendentemente dal suo contenuto 12, ma che tutta l espressione significhi che l autore vuol mettere sotto gli occhi del destinatario un esperienza particolare che gli è avvenuto di subire, carica d un suo speciale alone di significato. A rigore, dunque, stante il peso dell auctoritas in materia, cioè appunto Macrobio, si potrebbe addirittura sostenere che Dante riferisca al Malaspina il contenuto di un sogno: un sogno, naturalmente, che l ha profondamente condizionato, sino a fargli mutar vita. Non mi pare che questa ipotesi sia già stata fatta, e mi rendo conto come essa suoni azzardata, sia perché non trova altri espliciti riscontri all interno della lettera, sia perché, soprattutto, non sembra in alcun caso applicabile al testo della canzone. Sarà dunque meglio metterla tra parentesi, e ripiegare, accogliendo la traduzione della Allegretti, su una più generica visione, che dovrà il suo carattere oracolare al fatto che, come vedremo, attraverso l apparizione della donna (un oraculum reale, ricevuto a occhi aperti) è in realtà il dio d Amore che si rivela e rinnova il messaggio del suo invincibile potere. [2] Igitur michi a limine suspirate postea curie separato, in qua velut sepe sub admiratione vidistis fas fuit sequi libertatis offitia: Dante si è allontanato, non è detto in quale circostanza, dalla curia del Malaspina, nella quale il signore, con ammirazione, l ha visto spesso dedicarsi ai libertatis offitia, ed ha avuto presto a rimpiangerla. Si osservi intanto un ossimoro analogo a quello già visto sopra, con la gratuitatis dominantis: là, era questione di una dipendenza liberamente accettata e non condizionante; qui, della rivendicazione della propria autonomia di pensiero che sotto gli occhi ammirati del signore si realizza in determinati offitia. Il concetto che sottostà a queste parole può essere in parte spiegato con una citazione di Agostino, De vera religione 111: «Illud etiam cuivis cognoscere facile est, quod sub homine dominante liberas cogitationes habere concessum est», mentre 51

10 Tenzone nº quale sia il contenuto di tali occupazioni liberali è detto poco avanti: sono appunto le meditationes assiduas, gli studi filosofici. Ora importa tuttavia sottolineare che tutto ciò Dante lo sta per perdere, precipitando sotto il dominio di un ben diverso signore Amore- che diversamente dal Malaspina esercita su di lui un potere totalizzante e gli impedisce di dedicarsi ai doveri di quell uomo padrone di sé che ormai ha cessato di essere. Va anche detto che esiste una diversa interpretazione dell espressione, o meglio, diversamente orientata, che risale a Panfilo Serafini e poi allo Zenatti e a Zingarelli e che Torraca ha fatto propria con piena adesione, e cioè che Moroello «si meravigliava di veder Dante libero dalle cure di amore», che non mi pare accettabile. Per ciò, vedi Torraca: rec. cit.: 141, nota 147 e 148 e ora in particolare Allegretti: cum primum pedes iuxta Sarni fluenta securus et incautus defigerem: appena ho messo i piedi, sicuro e indifeso, lungo il corso dell Arno. Se si raddoppiano queste parole con le altre, della canzone, vv : «Così m ha concio, Amore, in mezzo l alpi, / nella valle del fiume / lungo l qual sempre sopra me sè forte», e le si riportano agli anni , si dovrà intendere che la scena sia collocata nell alta valle dell Arno, il Casentino: ma si noti che nella lettera è del tutto assente l ambientazione montanina, che caratterizza così fortemente la canzone (vedo che anche Gorni: , sottolinea questa curiosa circostanza). In maniera molto intensa è qui presente il motivo dell amante incauto, catturato da Amore quando meno se lo aspetta (per es., Inf. V 129: «soli eravamo e sanza alcun sospetto») che ha qualche meno rilevato riscontro provenzale (Bernard de Ventadorn, Be m an perdut 10-11: «m esslaissei eu vas trop amar un jorn, / c anc no m gardei, tro fui en mei la flama»; Peire Vidal, Nulhs hom non pot 9-10: «Adoncs saubi pauc d escrimir, / ni no m gardei tro qu eu fui pres»): personalmente, non saprei dunque indicare nulla di più preciso del passo dantesco a proposito dello sviluppo che esso avrà in Petrarca, soprattutto in Rvf 3, 3 ss. («et non me ne guardai [...] però m andai / secur, senza sospetto [...] Trovommi Amor del tutto 52

11 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... disarmato...»); 8, 7; Tr. Pud. 14, ecc. (da vedere con i rimandi forniti rispettivamente dalle edd. di Santagata e Pacca, che però ignorano l Epistola dantesca). Per ciò, vedi ancora sotto, n subito heu mulier ceu fulgur descendens apparuit nescio quomodo meis auspitijs undique moribus et forma conformis: l apparizione improvvisa di questa donna/folgore è precisamente l oraculum che Dante vuole partecipare al Malaspina: e non c è dubbio, a mio parere, che in questi termini essa abbia i tratti di una vera e propria visione, o, per usare le parole della Vita nova, di una «forte ymagination» (Gorni: 28 1, ma vedi anche l intero cap. 14, e, per l ymaginatione, anche 4, 7, e 15, 4). Lo fa pensare tra l altro il fatto che questa mulier appare come una sorta di proiezione e quasi materializzazione di un fantasma interiore già presente, in potenza, nello spirito di Dante, il quale scopre con istantaneo sbalordimento la perfetta conformità che corre moribus et forma, nei costumi e nella bellezza, tra il proprio segreto modello e questa apparizione. Il che va detto- non è precisamente lo stesso rapporto che nella canzone corre tra l immagine della donna dipinta e formata nel cuore e il suo aspetto reale, dotato di una assai più forte potenza alienante e distruttiva. Per quanto riguarda il carattere numinoso dell apparizione, esso appare affidato soprattutto alla folgore (ceu fulgur descendens), sì che mi sembra inevitabile ricordarne gli archetipi biblici, secondo i quali sono appunto i fulmini, i tuoni, le nubi e le tempeste montane a segnalare la presenza di Dio, a cominciare dalla vetta del Sinai in Esodo 19, 16: «et ecce coeperunt audiri tonitrua ac micare fulgura et nubes densissima operire montem», e nei Salmi, per esempio 29, 3 e 7, ove risuona come tuono «vox Domini intercidentis flammam ignis», o 18, 8 ss., ove l irata presenza di Dio si manifesta nel tremar della terra arsa dai fulmini, o 76, 18-19, ove ancora: «vocem dederunt nubes [...] / vox tonitrui tui in rota; / illuxerunt coruscationes tuae orbi terrae, / commota est et contremuit terra» 14. Naturalmente tutto ciò non intacca ma semmai arricchisce quanto ha spiegato Stabile, che ha messo in rilievo la tradizione scientifica relativa alla fulminatio quale s esprime 53

12 Tenzone nº negli scritti di Alberto Magno e, indietro, nelle Naturale quaestiones di Seneca, che Dante conosceva e aveva già poeticamente sfruttato nel gruppo delle petrose 15. Per il motivo, in ogni caso, e facendo entrare nel gioco anche il v. 57 della canzone montanina («qual fu quel trono che mi giunse addosso», ove il trono è appunto il fulmine), si veda Guittone, 138, Ben mi morraggio 5-6: «Quando la veggio paremi uno trono, / un foco ardente che mi fiere al viso» (Egidi: 208); il già più volte allegato Guinizzelli, 1, Lo vostro bel saluto 9: «Per li occhi passa come fa lo trono», e 3, Dolente, lasso 5: «come lo trono che fere lo muro»; Cino da Pistoia, CLXXXI, Tardi m accorgo 3: «come saetta la qual vèn con trono» 16. Ma soprattutto ha speciale significato il rinvio alla seconda canzone del Convivio, Amor che nella mente 63-67: «Sua bieltà piove fiammelle di foco, / animate d un spirito gentile / ch è creatore d ogni penser bono; / e rompon come trono [ceu fulgur] / l innati vizi che fanno altrui vile», detto della bellezza della donna/filosofia. Ne discute la Allegretti, pp. 104 ss., che allega altre auctoritates bibliche (Apoc. 1, 14; 2, 18; 19, 12; Dan. 10, 6; Act. 2, 2-3) e classiche (Aen. VIII , e II : ma per Virgilio, si veda anche quanto segue; Lucano, Phars. I , oltre all inizio del De consolatione di Boezio), per approdare alla possibilità che anche la mulier della nostra canzone abbia valenze allegoriche. Il punto è delicato, ma va lasciato un attimo in sospeso, perché, almeno a mio parere, può essere risolto solo con l aiuto dell ultima parte della lettera, che istituisce una forte dialettica proprio con il Convivio e le sue canzoni. [3] O quam in eius apparitione ostupui! sed stupor subsequentis tonitruj terrore cessavit. Nam sicut diurnis coruscationibus illico succedunt tonitrua, sic inspecta flamma pulcritudinis huius amor terribilis et inperiosus me tenuit: si tratta di un ulteriore scatto nella oraculi serie, mediante il quale il racconto abbandona il contenuto dell apparizione di fatto la mulier, della quale non si dirà più nulla- e ne analizza invece le conseguenze, che consistono nell istantanea caduta sotto lo spietato dominio di Amore: un Amore che sembra 54

13 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... aver animato di vita autonoma un fantasma muliebre partorito dal desiderio solo per tornare ad avere Dante in suo potere. Billanovich ha scritto che la matrice di questa raffigurazione risale senza dubbio al De consolatione di Boezio, e precisamente al suo inizio, pr. 1, 1, con l apparizione al prigioniero della bellissima Filosofia 17. Penso si possa essere d accordo, ma solo in parte. La matrice vera, infatti, sta altrove, ed è denunciata clamorosamente da quel obstupui, ribattuto dallo stupor che immediatamente lo segue: sta in Virgilio, nella tragica vicenda di Enea e Didone, nel primo e nel quarto dell Eneide. Per lo stupor che la pervade, appunto, sin dall inizio, quale suo momento fondante (I 613: «Obstipuit primo aspectu Sidonia Dido», che Servio annota affermando che «iam futuri amoris est signum», un signum che noi potremmo qui opportunamente ritradurre con oraculum...), e per l ineluttabile progressione che travolge i protagonisti dimentichi dei loro obblighi e gettati dallo stupor in potere di un amore davvero terribile e imperioso. E infine per quell epifania di amore che vede insieme il congiungimento di Enea e Didone nella spelonca e l esplosione della tempesta (IV : «fulsere ignes et conscius aether / conubiis summoque ulularunt vertice nymphae»), che fa di quel connubio tra fulmini e tuoni una sorta di sposalizio tra cielo e terra ben più forte e misterioso e fatale di quello che possano realizzare, qui nella lettera di Dante, le meditazioni filosofiche delle quali poco sotto si parlerà. Tutto sommato, dunque, ritengo che questo rimando, per tutte le sue suggestive implicazioni, debba prevalere sugli altri, e in particolare su quello pure importante ad Aen. VIII , là dove Venere riaccende le voglie amorose del marito, Vulcano, per convincerlo a forgiare nuove armi ad Enea: «Ille repente / accepit solitam flammam notusque medullas / intravit calor et labefacta per ossa cucurrit: / non secus atque olim tonitru cum rupta corusco / ignea rima micans percurrit lumine nimbos» (vedi Allegretti: 38, con la citazione di Servio ad loc. : «alii rima micans fulgetram dicunt: et hoc ad velocitatem amoris qui momento Vulcanum percussit»). 55

14 Tenzone nº [4] Atque hic ferox tamquam dominus pulsus a patria post longum exilium sola in sua repatrians quicquid eius contrarium fuerat intra me vel occidit, vel expulit vel ligavit. Occidit ergo propositum illud laudabile quo a mulieribus suis cantibus abstinebam, ac meditationes asiduas quibus tam celestia quam terrestria intuebar quasi suspectas impie relegavit: siamo a una ulteriore svolta del discorso, che finisce per distinguere nettamente il testo dell epistola a Moroello dalla canzone, alla quale il tema presente resta del tutto estraneo (cosa importante ripeto- ma sin qui non osservata). Si dice qui che Amore torna come chi rientri in patria da dominatore dopo un lungo esilio, e faccia piazza pulita di quanto aveva avuto la pretesa di sostituirlo: ergo distrugge il pur lodevole proposito di Dante di astenersi dalla lirica amorosa e colpevolmente, impie, lo allontana dalle meditazioni filosofiche alle quali si era dedicato con assiduità. Una minima chiosa, prima di tutto. Se non si supplisce la congiunzione mancante nel codice: suis[que], come invece fa l edizione della Società Dantesca italiana e dunque Frugoni, si dovrà tradurre, con la Allegretti (ma vedi già Gorni: 144 nota 34): dalle sue [di Amore] canzoni per donne. Ma, di là da ciò, esiste traccia, in Dante, del propositum di abbandonare la lirica amorosa? Sì, esiste, com è noto, anche se si esprime in modi abbastanza particolari e, per dire così, in due tempi. Prima (semplifico risolutamente), attraverso le prime due canzoni del Convivio nelle quali il perdurante ossequio alle convenzioni del linguaggio amoroso copre la realtà del passaggio all amore per la Filosofia; poi, in forma ormai dispiegata, con la terza canzone commentata nel trattato, Le dolci rime, che si apre precisamente proclamando quell abbandono, provvisorio sì, ma netto: «Le dolci rime d amor ch i solia / cercar ne miei penseri / convien ch io lasci; non perch io non speri / ad esse ritornare [...] E poi che tempo mi par d aspettare, / diporrò giù lo soave stile / ch i ho tenuto nel trattar d amore...». Ed a sistemare tutto ciò, ed a proiettarlo entro l orizzonte di una fondamentale scelta intellettuale e morale è appunto il Convivio, che spiega i modi del passaggio dall età giovanile dedita all amore e alle sue espressioni a quella matura, ormai volta 56

15 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... all impegno e alla responsabilità del sapere scientifico e filosofico 18. In questa luce, l avverbio impie ben si spiega, in opposizione a laudabile: e in effetti non può che apparire colpevole non solo il relegare in un canto le meditazioni filosofiche, ma impedire e propriamente distruggere un intero progetto di vita filosofica che proprio attraverso quel passaggio aveva acquistato tutta la propria pienezza di senso e la sua prospettiva di valore. Ma resta un punto: le meditationes asiduas quibus tam celestia quam terrestria intuebar davvero indicano lo studio della filosofia? La cosa ovviamente è già stata detta, ma, mi sembra, sempre con qualche timidezza, quasi fosse pur sempre soverchiata dalla forza della ripresa che Dante ne ha fatto nella Comedìa, nell esordio di Par. XXV, raddoppiata da un altrettanto forte ripresa dei versi del congedo della canzone 19. Eppure, non c è dubbio che abbia di nuovo ragione Gorni: 144, nota 33, quando scrive che meditationes non può designare la Comedìa, suggerendo invece che possa trattarsi del Convivio, interrotto al suo quarto libro in quel giro d anni. È senz altro così, per più ragioni, a cominciare dal fatto che non si è sin qui osservato che l espressione di Dante altro non è che una trasparente variante della definizione canonica della filosofia, per esempio in un testo che gli era particolarmente presente quale il ciceroniano De officiis, nel quale leggeva che la sofìa, è cioè «illam autem sapientiam, quam principem dixi, rerum est divinarum et humanarum scientia» (I 153). Ma questa definizione, di origine stoica, è assolutamente basilare, e torna ancora, per esempio, nello stesso De officiis, II 5: «sapientia autem est, ut a veteribus philosophis definitum est, rerum divinarum et humanarum causarumque, quibus eae res continentur, scientia», e, con le stesse parole, nel De oratore I 212, nelle Tusculanae IV 57, e nel De finibus II 37; in Seneca, Epist. 89, 5, e poi in Gerolamo, Ephes. I 1, 9, e in Agostino, Contra Acad. I 6, 16, e De Trinitate 14, 1,3, e, più volte, in Isidoro, Diff. 2, 39, 148, e Ethym. 2, 24 e 8, 6, ecc 20. E credo ci sia una ragione se Dante, senza troppo mutare la sostanza, varia la coppia degli aggettivi: non cose divine e 57

16 Tenzone nº umane, ma celesti e terrene, sulla scorta di quanto leggeva nella Praefatio, 2, alle Naturales quaestiones di Seneca: avere la filosofia due parti, delle quali «altera docet quid in terris agendum sit, altera quid agatur in caelo». Egli infatti si riferisce proprio al Convivio, al quale meglio si adatta l inflessione più naturale o comunque leggermente meno impegnata sul piano del divino della seconda coppia. Circa l assiduità delle meditazioni, si può forse ricordare che lo studio eccessivo della filosofia già aveva creato a Dante alcuni problemi di vista, come ricorda nel Convivio, III 9, 15: «E io fui esperto di questo [dell indebolimento della vista] l anno medesimo che nacque questa canzone [Amor che nella mente mi ragiona], che per affaticare lo viso molto a studio di leggere, in tanto debilitai li spiriti visivi che le stelle mi pareano tutte d alcuno albore ombrate», mentre Amore che vel occidit vel expulit vel ligavit tutto ciò che lo contrasta, non fa in fondo che vendicarsi di quanto egli stesso aveva dovuto subire, quando Dante aveva rinunciato alla poesia d amore e si era convertito alla filosofia, come ancora il Convivio spiega, II 12, 7: «... cominciai ad andare là dov ella [la filosofia] si dimostrava veracemente, cioè nelle scuole delli religiosi e alle disputazioni delli filosofanti; sì che in picciolo tempo, forse di trenta mesi, cominciai tanto a sentire della sua dolcezza, che lo suo amore cacciava e distruggeva ogni altro pensiero» (corsivo mio). Di qui, con ogni evidenza, quel quasi suspectas, ove non è l aggettivo che fa problema ma, semmai, l attenuazione del quasi, visto che il dio d Amore ristabilisce su Dante il potere che in passato aveva perduto proprio per la forza di quelle meditationes che erano giunte al punto di soppiantarlo, ed erano dunque sospettate di poterci riprovare. -et denique ne contra se amplius anima rebellaret liberum meum ligavit arbitrium ut non quo ego sed quo ille vult me verti oporteat: varrà la pena di sottolineare sùbito che quel amplius conferma quanto si diceva appena sopra a proposito del suspectas. L avverbio, infatti, altrimenti incongruo, trattiene il senso di 58

17 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... ancora, di nuovo, e insieme: con forza ancora maggiore, e insomma alludere a una passata ribellione al dominio di Amore, quella che appunto aveva già avuto il provvisorio successo di cacciare in esilio il dio, ma che nel presente è stata da lui stroncata mediante la folgorante apparizione della nuova donna. Si osservi come Dante finisca qui di spiegare la serie occidit, expulit, ligavit, attribuendo via via ad ogni verbo il proprio oggetto: occidit propositum; relegavit (per expulit) meditationes; ligavit arbitrium. E in quest ultimo caso il libero arbitrio è inevitabile andare al sonetto responsivo a Cino, più o meno scritto in quello stesso torno di tempo, Io sono stato con Amore insieme, citato all inizio insieme all Epist. III dalla quale era accompagnato 21. Quanto Dante afferma nel sonetto corrisponde perfettamente a queste righe finali della lettera. Per lunga esperienza egli sa che Amore affrena e sprona a suo piacimento, e che usare contro di lui ragione o virtù è altrettanto inutile che suonare le campane per far cessare un temporale: «Chi ragione o virtù contra gli sprieme / fa come que che n la tempesta suona / credendo far colà dove si tuona / esser le guerre de vapori sceme» (5-8: il che, si vede, è esattamente quanto accade anche ora, dopo l apparizione della donna montanina tra folgori e tuoni). Ma ancora, con preciso rapporto tra i testi: «Però nel cerchio della sua palestra / libero albitrio già mai non fu franco, / sì che consiglio invan vi si balestra. / Ben può co nuovi spron punger lo fianco; / e qual che sia l piacer ch ora n adestra, / seguitar si convien, se l altro è stanco» (9-14). Ho citato per esteso i versi affinché sia del tutto chiaro che le righe finali della lettera a Moroello ne costituiscono una chiosa, come già ho detto, perfetta, e certo più puntuale di quanto non sia l epistola che accompagnava il sonetto, nella quale il caso in questione, «utrum de passione in passionem possit anima transformari», è trattato con maggior distacco speculativo. Ma anche perché sia altrettanto chiara la natura della contrapposizione, che vede da una parte ragione, virtù, consiglio, libero arbitrio, e dall altra il potere assoluto e incondizionato di un Amore che di tutto ciò si fa beffe perché non 59

18 Tenzone nº gli appartiene e non lo riguarda, così come nulla ha a che fare il temporale con il suono delle campane. La cosa può apparire ovvia, ma finisce per non esserlo se si volesse allegorizzare un amore siffatto, dal momento che ogni intenzione, appunto, allegorizzante deve fare i conti con una situazione che in qualche modo può ricordare quella della donna gentile della Vita nova, ove già la caratterizzazione negativa dell episodio sia sul piano morale che su quello intellettuale sbarra la strada a ogni interpretazione nobilitante, a dispetto di quanto Dante vorrà poi far intendere nel Convivio 22. E in questo gioco di riprese e contrapposizioni che configurano un vero e proprio rovesciamento della situazione di partenza, anche l anima ha il suo posto, visto che è proprio a lei che uno spiritel d amor gentile si rivolgeva, in Voi che ntendendo, per strapparla dallo stato di tristezza ed abbattimento nel quale era precipitata dopo la morte di Beatrice e per indirizzarla verso il nuovo e severo amore per la Filosofia (vedi, in questa canzone, v. 11, l anima trista, e, v. 19, l anima che vuole morire, e, v. 30, l anima che piange, e finalmente le rampogne dello spiritel, vv. 40 ss.: «Tu non sè morta, ma sè ismarrita, / anima nostra che sì ti lamenti...»). Sì che ora quella stessa anima che aveva saputo immergersi nelle assidue meditazioni della filosofia e gustare i suoi piaceri è impedita in ciò che costituisce il suo funzionamento, che prevede che dal giudizio di ragione discenda appunto la volontà e la libera capacità di scegliere, guidata da quella Filosofia «la quale veramente è donna piena di dolcezza, ornata d onestade, mirabile di savere, gloriosa di libertade» (Convivio II 15, 3: corsivo mio). Certo, la capacità di giudizio le rimane, ed è importante. Solo in virtù di un giudizio che per essere impotente non cessa di essere retto, infatti, la lettera intera può assumere la sua struttura antitetica, che lucidamente contrappone l immediato passato della libertà e della dedizione filosofica al presente nel quale il poeta si definisce via via incatenato, carcerato, schiavo di un Amore assoluto e tirannico, incapace di mantenere i propri lodevoli proponimenti, empiamente impedito a filosofare, privo del libero arbitrio e di ogni sia pur residua forza di resistenza (appena sotto: nulla refragante virtute). Sì che, infine, la lettera intera 60

19 Enrico FENZI Ancora sulla Epistola a Moroello e sulla montanina... la si potrebbe definire come una palinodia negativa, o il resoconto di una ricaduta, al modo, per ricorrere a un esempio efficace, del: «et veggio l meglio, et al peggior m appiglio» (Rvf 264, 136), o, con più precisa corrispondenza, con il: «Novum propositum mos vetustus opprimit; et cum recta placuerint, relabor ad solita» (Psalm. penit. VII 10) di Petrarca 23. III Con le osservazioni fatte circa la seconda metà della lettera già lo si è accennato- siamo precipitati al centro della grave questione che ha a lungo affaticato gli studiosi: quella del delicato passaggio, dopo la morte di Beatrice, dall amore per lei a quello per la Filosofia, descritto essenzialmente nelle prime due canzoni allegoriche commentate nel Convivio, Voi che ntendendo il terzo ciel movete e Amor che nella mente mi ragiona, e quella, appena successiva, dell ulteriore passaggio a un linguaggio tecnico e raziocinante e a contenuti più specificamente dottrinali, quali quelli espressi nelle due canzoni Le dolci rime (la terza commentata nel Convivio), sul concetto di nobiltà, e Poscia ch Amor (che certamente sarebbe stata commentata, se l opera non fosse stata interrotta) sul concetto di leggiadria. Ed è appunto il Convivio ad aver raccolto e sviluppato quanto le vecchie canzoni implicavano, configurando in termini assai netti quel passaggio e attribuendo un forte valore progressivo alle nuove scelte e alla loro connotazione etica. Ora, a me sembra indubitabile che la lettera a Moroello attraverso l immagine di Amore che torna dall esilio e riconquista il suo potere si riferisca in maniera esplicita e diretta a tutto questo, denunciando un nuovo ribaltamento della situazione legato all interruzione del Convivio e alla chiusura dell esperienza e della stagione che per comodità potremmo riassumere come filosofica. In tal senso, e per essere del tutto chiari, il parallelo ch è stato istituito con l apparizione della Filosofia nel De consolatione di Boezio andrà inteso in senso proprio a proposito della canzone Voi che ntendendo, prima 24, e in senso perfettamente 61

20 Tenzone nº rovesciato dopo, a proposito della lettera a Moroello, ché se in Boezio la Filosofia sopraggiungeva a scacciare le Muse, qui succede esattamente l opposto, perché ora è Amore che torna e scaccia la Filosofia. L apparizione della donna, insomma, ceu fulgur descendens, non va interpretata come qualcosa che stia a sé e che, isolato dal contesto, possa essere piegato alle più diverse intenzioni allegorizzanti, dal momento che essa non è che lo strumento del vittorioso ritorno sulla scena di Amore che azzera i propositi e gli impegni lodevolmente assunti in precedenza. Mi rendo ben conto che, in questo modo, le difficoltà che la lettera e la canzone presentano non si risolvono: addirittura, si aggravano, e sempre per la solita ragione. Ricorriamo, per una facile analogia, al capitolo finale della Vita nova. È evidente che quando Dante scrive: «Appresso questo sonetto [Oltre la spera] apparve a me una mirabile visione, nella quale io vidi cose che mi fecero proporre di non dire più di questa benedecta infino a tanto che io potessi più degnamente tractare di lei», egli apre una fase d attesa destinata a chiudersi quando gli sarà possibile un complessivo innalzamento di contenuti, di genere, di linguaggio, al quale proprio quell attesa è chiamata a contribuire: «E di venire a cciò io studio quanto posso...». Allo stesso modo, quando ne Le dolci rime dichiara di essere costretto a lasciare contenuti e stile amorosi, si preoccupa anche di sottolineare che si tratterà di un abbandono provvisorio, in attesa che si creino le condizioni per un ritorno potenziato e definitivo che saprà crescere e farsi forte proprio attraverso l esperienza di pensiero diversa e in qualche modo propedeutica che per il momento si prepara ad affrontare. Ed è dunque stupefacente e intimamente contraddittorio che il ritorno di Amore, proclamato nella lettera a Moroello, appaia come un ritorno affatto regressivo, come un salto all indietro che senza alcuna possibile mediazione nega sin la minima possibilità di un rapporto dialettico e positivo con il momento dell approfondimento filosofico e dottrinale e dunque con l esercizio virtuoso dei libertatis officia. L opposizione è dura, precisa, ed esclude interferenze 62

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana

Dante Alighieri. Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana Dante Alighieri Dal Codice Riccardiano 1040 Firenze, Biblioteca Riccardiana 1 Biografia di: Dante Alighieri Nacque a Firenze nel 1265 da una famiglia della piccola nobiltà fiorentina e la sua vita fu profondamente

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it

MESSAGGI DI LUCE. Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it MESSAGGI DI LUCE Carta Michele Cell:346-5788900 E-mail;michele-carta@hotmail.it Tengo a precisare che Messaggi di Luce e un progetto che nasce su Facebook a oggi e visitato da piu' di 9000 persone E un

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

ANALISI DEL TESTO: "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?" di F.Petrarca

ANALISI DEL TESTO: S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento? di F.Petrarca ANALISI DEL TESTO: "S'amor non è, che dunque è quel ch'io sento?" di F.Petrarca S amor non è, che dunque è quel ch io sento? Ma s egli è amor, perdio, che cosa et quale? Se bona, onde l effecto aspro mortale?

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Voi che ntendendo : un teatro dell anima, ovvero la strategia dell ambiguità

Voi che ntendendo : un teatro dell anima, ovvero la strategia dell ambiguità Voi che ntendendo : un teatro dell anima, ovvero la strategia dell ambiguità EMILIO PASQUINI Vorrei subito esordire partendo dalla lettera e cioè infliggendovi una spiegazione parola per parola del nostro

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Dal «ragionar d amore» all «Amor che nella mente mi ragiona»: verso la consolazione di Casella

Dal «ragionar d amore» all «Amor che nella mente mi ragiona»: verso la consolazione di Casella Dal «ragionar d amore» all «Amor che nella mente mi ragiona»: verso la consolazione di Casella EMILIO PASQUINI Partiamo, come sempre, da una traduzione fedele del testo dantesco, nel tentativo quasi disperato

Dettagli

Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona»

Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona» [Convivio, III] Dante Alighieri «Amor che ne la mente mi ragiona» «Amor che ne la mente mi ragiona» condivide alcuni elementi di *poetica con la Vita nuova. In particolare vi è assunto lo «stilo de la

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

Dall immagine tesa. di Clemente Maria REBORA. Assenze che parlano. commento a cura di Giuseppe Mongelli

Dall immagine tesa. di Clemente Maria REBORA. Assenze che parlano. commento a cura di Giuseppe Mongelli Dall immagine tesa di Clemente Maria REBORA Assenze che parlano commento a cura di Giuseppe Mongelli analisi delle figure retoriche a cura di Daniela Massari e Vincenza Mezzina Il presente documento è

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO» ROMA SOCIETÀ EDITRICE DEL «FORO ITALIANO» 1969 (2014) Norme per la preparazione di sentenze da pubblicarsi ne «IL FORO ITALIANO»

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW

La filosofia del viaggio nel tempo ROBERTA SPARROW La filosofia del viaggio nel tempo di ROBERTA SPARROW Traduzione a cura di Paolo Xabaras Montalto In lingua originale lo trovate sul sito ufficiale del film: http://www.donniedarko.com o presso il sito:

Dettagli

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma)

Un amore che desidera. (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Un amore che desidera (di Giacomo Mambriani, 44 anni, Parma) Lei: A che cosa stai pensando? Io: Lei: Oh, dico a te Io: Eh? Lei: A che cosa stai pensando? Io: Mmmh a niente Lei: Ah a niente Io: Sì, a niente

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Al cor gentil rempaira sempre amore

Al cor gentil rempaira sempre amore Percorso I generi Al cor gentil rempaira sempre amore in Poeti del Duecento, a cura di G. Contini, Ricciardi, Milano-Napoli, 1960 TESTO IN MAPPA pp. 3-4 La canzone è composta di sei stanze (o strofe) di

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli