APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI"

Transcript

1 APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

2 Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi Le frazioni algebriche Semplificazione di frazioni algebriche Il prodotto fra frazioni algebriche La divisione fra frazioni algebriche Addizioni e sottrazioni fra frazioni algebriche Le equazioni fratte Esercizi

3 Capitolo 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi Prima di entrare nel dettaglio delle frazioni algebriche, affrontiamo il minimo comune multiplo (mcm) e il Massimo Comun Divisore (MCD) fra polinomi. Tale argomento risulterà fondamentale quando tratteremo l addizione e sottrazione di frazioni algebriche. Abbiamo già incontrato il concetto di mcm e MCD sia parlando di numeri che di monomi. Anche per i polinomi il concetto non cambia e possiamo facilmente riadattare le definizioni date in precedenza, ricordando che un polinomio P è multiplo di un polinomio Q (e di conseguenza il polinomio Q è divisore del polinomio P ) se la divisione P : Q ha resto zero (per quanto riguarda la divisione fra polinomi vedi Appunti di Matematica, Il calcolo letterale, paragrafo 1.13). Definizione di mcm fra polinomi. Il mcm fra o più polinomi è, fra tutti i polinomi multipli dei polinomi assegnati, quello di grado minore. Definizione di MCD fra polinomi. Il MCD fra o più polinomi è, fra tutti i polinomi divisori dei polinomi assegnati, quello di grado maggiore. Per affrontare il metodo per determinare il mcm e MCD fra polinomi si consideri il seguente: Esempio Determinare mcm e MCD dei numeri 4 e 0. Scomponendo il numero 4 si ottiene: 4 = 3 3 e scomponendo il numero 0 si ottiene: 0 = 5. Per determinare il MCD dobbiamo prendere i fattori comuni ad entrambe le scomposizioni presi con l esponente minore: quindi, dato che l unico fattore presente in entrambe le scomposizioni è e che nella prima scomposizione ha esponente 3 e nella seconda ha esponente risulta che: MCD(4; 0) = = 4 Per determinare il mcm dobbiamo prendere i fattori presenti in almeno una scomposizione presi con l esponente maggiore: quindi, dato che i fattori presenti nella prima scomposizione sono e 3

4 Alessandro Bocconi 3 e nella seconda scomposizione sono e 5 e che nella prima scomposizione ha esponente 3 e nella seconda ha esponente risulta che: mcm(4; 0) = = 10 Vediamo adesso, tramite esempi, che il metodo per determinare MCD e mcm fra polinomi è concettualmente identico: Esempi Determinare MCD e mcm fra i polinomi: x + 4x + 4 e x + 7x Per primo dobbiamo scomporre entrambi i polinomi (per quanto riguarda la scomposizione di polinomi vedi Appunti di Matematica, Il calcolo letterale, paragrafo 1.15). x + 4x + 4 è il quadrato del binomio x + quindi: x + 4x + 4 = (x + ) mentre x + 7x + 10 si scompone tramite la tecnica del particolare trinomio di secondo grado, da cui: x + 7x + 10 = (x + )(x + 5) I fattori di questa scomposizione sono (x + ) per quanto riguarda il primo polinomio e (x + ) e (x + 5) per quanto riguarda il secondo. Come per i numeri, per determinare il MCD fra polinomi dobbiamo prendere i fattori comuni ad entrambe le scomposizioni presi con l esponente minore: quindi, dato che l unico fattore presente in entrambe le scomposizioni è (x + ) che nella prima scomposizione ha esponente e nella seconda ha esponente 1 risulta che: MCD(x + 4x + 4; x + 7x + 10) = (x + ) 1 = x + Per determinare il mcm dobbiamo prendere i fattori presenti in almeno una scomposizione presi con l esponente maggiore: quindi, dato che nella prima scomposizione l unico fattore presente è x + mentre nella seconda scomposizione sono x + e x + 5 e che (x + ) nella prima scomposizione ha esponente e nella seconda ha esponente 1 risulta che: mcm(x + 4x + 4; x + 7x + 10) = (x + ) (x + 5) Determinare MCD e mcm fra i polinomi: x 9 e x 4x + 3. Scomponiamo i polinomi: x 9 è la differenza di quadrati e quindi è il prodotto di una somma per una differenza: x 9 = (x + 3)(x 3) mentre x 4x + 3 si scompone tramite la tecnica del particolare trinomio di secondo grado, da cui: x 4x + 3 = (x 1)(x 3) I fattori di questa scomposizione sono (x + 3) e (x 3) per quanto riguarda il primo polinomio e (x 1) e (x 3) per quanto riguarda il secondo. L unico fattore presente in entrambe le scomposizioni è (x 3) che sia nella prima scomposizione che nella seconda ha esponente 1, quindi: MCD(x 9; x 3x + 4) = x 3

5 Alessandro Bocconi 4 e mcm(x 9; x 3x + 4) = (x + 3)(x 3)(x 1) Determinare MCD e mcm fra i polinomi: x 5x e x 6x + 9. Scomponiamo i polinomi: x 5x possiamo mettere in evidenza x ottenendo: x 5x = x(x 5) mentre x 6x + 9 è il quadrato di un binomio: x 6x + 9 = (x 3) I fattori di questa scomposizione sono x e (x 5) per quanto riguarda il primo polinomio e (x 3) per quanto riguarda il secondo. Nessun fattore è presente in entrambe le scomposizioni e quindi il MCD è 1 (1 è sempre un divisore comune di tutto ): MCD(x 5x; x 6x + 9) = 1 per il mcm prendiamo invece tutti i fattori: mcm(x 5x; x 6x + 9) = x(x 5)(x 3) 1. Le frazioni algebriche Definizione di frazione algebrica. Si definisce frazione algebrica una frazione in cui il numeratore e il denominatore sono entrambi polinomi. Osservazione. Dal momento che un numero può essere considerato come un polinomio formato da un solo monomio avente parte letterale nulla, le frazioni numeriche che conosciamo possono essere considerate anch esse frazioni algebriche. Quando abbiamo studiato le frazioni numeriche, abbiamo escluso la possibilità che il denominatore potesse essere zero. Infatti ben sappiamo che non ha senso in matematica una frazione del tipo 3 0. Consideriamo adesso la seguente frazione algebrica: x + 4 x 5 Dal momento che una lettera può assumere qualunque valore ci chiediamo se, per qualche valore di x, il denominatore diventa zero. Osserviamo che se x fosse 5 la frazione diventerebbe: = 9 0

6 Alessandro Bocconi 5 Bisogna quindi evidenziare che x può assumere qualsiasi valore tranne 5, perché se x = 5 il denominatore diventerebbe 0 e, come già detto, non ha senso una frazione con denominatore 0. A tale scopo servono le condizioni di esistenza (abbreviazione C.E.): Definizione di Condizioni di esistenza. Le condizioni di esistenza di una frazione algebrica rappresentano l insieme dei valori che possono assumere le lettere affinché il denominatore non sia zero. Nell esempio di prima, dal momento che x può assumere qualunque valore diverso da 5 le condizioni di esistenza risultano: C.E. = {x R x 5} Osservazione. Nell esempio precedente abbiamo intuito che il denominatore si annullava per x = 5; in altri casi però non è altrettanto facile determinare quel valore o quei valori che rendono zero il denominatore. Il metodo migliore è quello di scrivere il denominatore uguale a zero e risolvere l equazione. Il valore, o i valori che risolvono l equazione sono quelli da eliminare dalle condizioni di esistenza. Chiariamo con i seguenti: Esempi Determinare le condizioni di esistenza della frazione algebrica 7x 3x+1 Come detto nell osservazione poniamo il denominatore uguale a zero: 3x + 1 = 0 e risolviamo l equazione: 3x + 1 = 0 3x = x = x = 4 pertanto risulta: C.E. = {x R x 4} Determinare le condizioni di esistenza della frazione algebrica x x Come detto nell osservazione poniamo il denominatore uguale a zero: 14 5x = 0 e risolviamo l equazione: 14 5x = 0 5x = 14 5x = x = 14 5 x = 14 5 pertanto risulta: C.E. = {x R x 14 5 } Determinare le condizioni di esistenza della frazione algebrica x+4 x 5x+6 Come detto nell osservazione poniamo il denominatore uguale a zero: x 5x + 6 = 0. Il problema rispetto agli esempi precedenti è che dobbiamo risolvere un equazione di secondo grado che non sappiamo (per ora) affrontare. Proviamo allora a scomporre il polinomio x 5x + 6 = 0 (vedremo in seguito il motivo): non possiamo scomporlo col raccoglimento totale, né parziale, né tramite i prodotti notevoli. Proviamo col particolare trinomio di secondo grado: bisogna trovare numeri p e q tali che: p + q = 5; p q = 6 tali numeri sono p = e q = 3, pertanto il trinomio x 5x + 6 = (x )(x 3) x 5x + 6 può essere scomposto come sostituendo a x x+4 5x + 6 la sua scomposizione, la frazione algebrica diventa (x )(x 3) Il problema rimane di capire per quali valori di x il denominatore si annulla. Ma noi sappiamo che

7 Alessandro Bocconi 6 una moltiplicazione ha risultato zero se e soltanto se uno dei fattori è zero. Pertanto per determinare il risultato dell equazione: (x )(x 3) = 0 si pongono entrambi i fattori (x ) e (x 3) uguali a zero. Quindi: x = 0 x = x 3 = 0 x = 3 pertanto risulta: C.E. = {x R x, x 3} Determinare le condizioni di esistenza della frazione algebrica +5x 4 x 9 Anche in questo caso il denominatore è di secondo grado. Lo scomponiamo ottenendo: x 9 = (x 3)(x + 3). Sostituendo a x +5x 9 la sua scomposizione, la frazione algebrica diventa 4 abbiamo visto in precedenza per determinare il risultato dell equazione: (x + 3)(x 3) = 0 si pongono entrambi i fattori (x + 3) e (x 3) uguali a zero. Quindi: x + 3 = 0 x = 3 x 3 = 0 x = 3 (x+3)(x 3). Come pertanto risulta: C.E. = {x R x 3, x 3} 1.3 Semplificazione di frazioni algebriche Se ci troviamo di fronte a una frazione del tipo 6 8, sappiamo che possiamo semplificarla, e, senza ricorrere a particolari tecniche scriviamo: = 3 4 In realtà è come se avessimo scomposto sia il numeratore che il denominatore ottenendo: 6 8 = 3 4 = 3 4 = 3 4 Per semplificare una frazione algebrica ci comportiamo nello stesso modo come evidenziato dai seguenti: Esempi Semplificare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente frazione algebrica: x 16 x + 9x + 0

8 Alessandro Bocconi 7 inizialmente dobbiamo determinare le condizioni di esistenza e ci comportiamo quindi come nel precedente paragrafo: il denominatore è costituito da un trinomio di secondo grado che scomponiamo con la tecnica del particolare trinomio di secondo grado ottenendo: x + 9x + 0 = (x + 4)(x + 5) si pongono entrambi i fattori (x + 4) e (x + 5) uguali a zero. Quindi: x + 4 = 0 x = 4 x + 5 = 0 x = 5 pertanto risulta: C.E. = {x R x 4, x 5} A questo punto dobbiamo occuparci della semplificazione. Scomponiamo quindi anche il numeratore ottenendo: x 16 = (x 4)(x + 4) Sostituiamo adesso, nella frazione algebrica, ai polinomi originali le rispettive scomposizioni ottenendo: x 16 (x 4)(x + 4) x = + 9x + 0 (x + 4)(x + 5) Osserviamo che il numeratore e il denominatore hanno un fattore in comune, (x+4), che può quindi essere semplificato ottenendo: (x 4) (x + 4) (x + 4) (x + 5) = x 4 x + 5 che è la frazione semplificata. Semplificare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente frazione algebrica: x + 9x + 14 x + 7x Determiniamo le condizioni di esistenza scomponendo il denominatore (tramite il raccoglimento a fattor comune) e ottenendo: x + 7x = x(x + 7) si pongono entrambi i fattori x e (x + 7) uguali a zero. Quindi: x = 0 x + 7 = 0 x = 7 pertanto risulta: C.E. = {x R x 0, x 7} Adesso scomponiamo anche il numeratore (mediante il particolare trinomio di secondo grado) ottenendo: x + 9x + 14 = (x + 7)(x + ) Sostituiamo adesso, nella frazione algebrica, ai polinomi originali le rispettive scomposizioni ottenendo: x + 9x + 14 (x + 7)(x + ) x = + 7x x(x + 7) Osserviamo che il numeratore e il denominatore hanno un fattore in comune, (x+7), che può quindi essere semplificato ottenendo: (x + 7) (x + ) = x + x (x + 7) x Semplificare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente frazione algebrica: x 3 + 6x + 3x + 18 x + 1x + 36

9 Alessandro Bocconi 8 Determiniamo le condizioni di esistenza scomponendo il denominatore (tramite prodotti notevoli) ottenendo: x + 1x + 36 = (x + 6) L unica possibilità che un numero elevato al quadrato sia zero è che sia zero il numero stesso, pertanto si pone (x + 6) uguale a zero: quindi risulta: x + 6 = 0 x = 6 C.E. = {x R x 6} Adesso scomponiamo anche il numeratore (mediante il raccoglimento parziale) ottenendo: x 3 + 6x + 3x + 18 = x (x + 6) + 3(x + 6) = (x + 6)(x + 3) Sostituiamo adesso, nella frazione algebrica, ai polinomi originali le rispettive scomposizioni ottenendo: x 3 + 6x + 3x + 18 x = (x + 6)(x + 3) + 1x + 36 (x + 6) Osserviamo che il numeratore e il denominatore hanno un fattore in comune, (x+6), che può quindi essere semplificato ottenendo: (x + 6) (x + 3) = x + 3 (x + 6) 1 x + 6 Possiamo quindi riassumere enunciando il: Metodo per la semplificazione di una frazione algebrica. Per semplificare una frazione algebrica, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, si scompone, se possibile, numeratore e denominatore: se in tali scomposizioni sono presenti dei fattori comuni, tali fattori possono essere semplificati. 1.4 Il prodotto fra frazioni algebriche Supponiamo di dover effettuare il seguente prodotto: Prima di moltiplicare fra loro i numeratori e fra loro i denominatori, conviene guardare se ci sono semplificazioni possibili (le cosiddette semplificazioni incrociate): = = = 1 Nel prodotto di frazioni algebriche ci comportiamo nello stesso modo, come emerge dai seguenti: Esempi Effettuare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, il seguente prodotto fra frazioni algebriche: x + 3 x 4 x 8x + 16 x + 8x + 15

10 Alessandro Bocconi 9 Si osserva che i denominatori sono. Di conseguenza dovremo studiare per quali valori di x si annulla sia il primo denominatore che il secondo denominatore, ed eliminare tali valori dalle condizioni di esistenza. Il primo denominatore è di primo grado (e quindi non è ovviamente scomponibile) e si annulla se: x 4 = 0 x = 4 Il secondo denominatore è di secondo grado e va quindi scomposto (tramite il particolare trinomio di secondo grado): x + 8x + 15 = (x + 5)(x + 3) si pongono entrambi i fattori (x + 5) e (x + 3) uguali a zero. Quindi: x + 3 = 0 x = 3 x + 5 = 0 x = 5 pertanto risulta: C.E. = {x R x 4; x 3; x 5} scomponiamo adesso anche i numeratori: il primo è di primo grado e quindi non scomponibile, mentre il secondo va scomposto tramite i prodotti notevoli ottenendo: x 8x + 16 = (x 4) Sostituiamo adesso nel prodotto iniziale, ai polinomi le loro scomposizioni: x + 3 x 4 x 8x + 16 x + 8x + 15 = x + 3 x 4 (x 4) (x + 3)(x + 5) e osserviamo che possiamo effettuare delle semplificazioni incrociate: x + 3 x 4 (x 4) (x + 3) (x + 5) = x 4 x + 5 Effettuare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, il seguente prodotto fra frazioni algebriche: x + x x 1 5x 5 x 1 Il primo denominatore è di primo grado e si annulla se: x 1 = 0 x = 1 Il secondo denominatore è di secondo grado e va quindi scomposto (tramite prodotti notevoli): x 1 = (x + 1)(x 1) si pongono entrambi i fattori (x + 1) e (x 1) uguali a zero. Quindi: pertanto risulta: x + 1 = 0 x = 1 x 1 = 0 x = 1 C.E. = {x R x 1; x 1} scomponiamo adesso anche i numeratori: il primo va scomposto col raccoglimento a fattor comune: x + x = x(x + 1) mentre nel secondo, anche se è di primo grado, conviene mettere in evidenza il fattore comune 5 ottenendo: 5x 5 = 5(x 1)

11 Alessandro Bocconi 10 Sostituiamo adesso nel prodotto iniziale, ai polinomi le loro scomposizioni: Effettuiamo le semplificazioni incrociate: x + x x 1 5x 5 x(x + 1) 5(x 1) x = 1 x 1 (x + 1)(x 1) x( x + 1) 5 (x 1) x 1 (x + 1) (x 1) = 5x x La divisione fra frazioni algebriche Sappiamo che la divisione fra due frazioni numeriche equivale alla moltiplicazione della prima (il dividendo) per il reciproco della seconda, come emerge dal seguente esempio: 10 3 : 15 7 = = 14 9 Anche nelle frazioni algebriche ci comportiamo così, ma bisogna porre particolare attenzione alle condizioni di esistenza, come possiamo capire dal seguente esempio: Esempio x+3 x : x+5 x 6 Ci sono denominatori sui quali studiare le condizioni di esistenza. Dal primo risulta che x deve essere diverso da, mentre dal secondo risulta che x deve essere diverso da 6. Se trasformiamo la divisione in una moltiplicazione fra la prima frazione algebrica e il reciproco della seconda (ricordiamo che il reciproco di una frazione si ottiene scambiando fra loro denominatore e numeratore) otteniamo: x + 3 x : x + 5 x 6 = x + 3 x x 6 x + 5 Osserviamo che abbiamo un nuovo denominatore, cioè x + 5, che, come tutti i denominatori deve essere diverso da zero. Quindi deve risultare che x diverso da 5. Riassumendo abbiamo le seguenti condizioni di esistenza: C.E. = {x R x ; x 6; x 5} L esempo ci suggerisce che, in una divisione fra frazioni algebriche, deve essere diverso da zero, oltre ai denominatori, anche il numeratore della seconda frazione algebrica. Esempi Effettuare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente divisione fra frazioni algebriche: x + 4x + 4 x + x : x 4 x 9x + 0 Determiniamo le condizioni di esistenza analizzando, oltre i denominatori, anche il secondo numeratore, cominciando dal primo denominatore: x 4 = 0 x = 4

12 Alessandro Bocconi 11 Il secondo denominatore è di secondo grado e va quindi scomposto. Scomponiamolo col metodo del particolare trinomio di secondo grado: da cui x 9x + 0 = (x 4)(x 5) x 4 = 0 x = 4 x 5 = 0 x = 5 Anche il numeratore della seconda frazione è di secondo grado e va quindi scomposto. Scomponiamolo tramite raccoglimento a fattor comune: da cui x = 0 x + x = x(x + ) x + = 0 x = Riassumendo abbiamo le seguenti condizioni di esistenza: C.E. = {x R x 4; x 5; x 0; x } A questo punto possiamo eseguire la divisione trasformandola nell equivalente moltiplicazione: x + 4x + 4 x 4 : x + x x 9x + 0 = x + 4x + 4 x 9x + 0 x 4 x + x Per sostituire ai polinomi le relative scomposizioni, bisogna ancora scomporre il primo numeratore. Lo facciamo tramite il riconoscimento di prodotti notevoli: Possiamo adesso eseguire le semplificazioni: x + 4x + 4 = (x + ) x + 4x + 4 x 4 x 9x + 0 x + x = (x + ) x 4 (x 4) (x 5) x (x + ) = (x + )(x 5) x Effettuare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente divisione fra frazioni algebriche: x 7 + 3x 6 + 8x + 1 x + 3 : x + 14 x + 7x Determiniamo le condizioni di esistenza analizzando, oltre i denominatori, anche il secondo numeratore, cominciando dal primo denominatore: x + 14 = 0 x = 14 x = 7 Il secondo denominatore è di secondo grado e va quindi scomposto. raccoglimento a fattor comune: x + 7x = x(x + 7) da cui x = 0 Dal numeratore della seconda frazione otteniamo: x + 7 = 0 x = 7 Scomponiamolo tramite x + 3 = 0 x = 3 x = 3 Riassumendo abbiamo le seguenti condizioni di esistenza: C.E. = {x R x 7; x 0; x 3 }

13 Alessandro Bocconi 1 A questo punto possiamo eseguire la divisione trasformandola nell equivalente moltiplicazione: x 7 + 3x 6 + 8x + 1 x + 14 : x + 3 x + 7x = x7 + 3x 6 + 8x + 1 x + 7x x + 14 x + 3 Per sostituire ai polinomi le relative scomposizioni, bisogna ancora scomporre il primo numeratore. Lo facciamo tramite il raccoglimento parziale: x 7 + 3x 6 + 8x + 1 = x 6 (x + 3) + 4(x + 3) = (x + 3)(x 6 + 4) Inoltre nel primo denominatore conviene mettere in evidenza un ottenendo: x + 14 = (x + 7) Possiamo adesso eseguire l operazione effettuando le dovute semplificazioni: x 7 + 3x 6 + 8x + 1 x + 14 x + 7x x + 3 = (x + 3) (x 6 + 4) x (x + 7) (x + 7) x + 3 = x(x6 + 4) 1.6 Addizioni e sottrazioni fra frazioni algebriche Ancora una volta partiamo da un esempio fra due frazioni numeriche: Il primo passo è quello di trovare il minimo comune multiplo fra i denominatori. Per questo scomponiamo entrambi i denominatori: 8 = 3 ; 6 = 3. Ricordiamo che il minimo comune multiplo si ottiene prendendo tutti i fattori delle scomposizioni (comuni e non comuni) con l esponente maggiore. Quindi il m.c.m. cercato è 3 3 che è il denominatore della frazione somma. Effettuiamo la divisione fra il m.c.m. appena trovato e il primo denominatore che è 3 : 3 3 : 3 = 3 moltiplichiamo il primo numeratore (7) per 3 e otteniamo 1. Ripetiamo il procedimento col secondo denominatore: 3 : 3 = moltiplichiamo il secondo numeratore (5) per e otteniamo 0. La somma risulta quindi: = 41 4 Il procedimento è identico per tutte le frazioni algebriche, come emerge dai seguenti: Esempi Effettuare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente somma fra frazioni algebriche: x + 8x x x + 10x + 5 Per le condizioni di esistenza scomponiamo entrambi i denominatori: x + 8x + 15 = (x + 3)(x + 5)

14 Alessandro Bocconi 13 da cui: x + 3 = 0 x = 3 x + 5 = 0 x = 5 da cui: x + 10x + 5 = (x + 5) x + 5 = 0 x = 5 Riassumendo abbiamo le seguenti condizioni di esistenza: C.E. = {x R x 3; x 5} Per effettuare la somma devo effettuare il minimo comune multiplo fra i denominatori che abbiamo già scomposto. Risulta che: m.c.m.=(x + 3)(x + 5) Dividiamo, sotto forma di frazione, il m.c.m. per il primo denominatore: (x + 3) (x + 5) (x + 3) (x + 5) = x + 5 quindi il primo numeratore va moltiplicato per x + 5 Dividiamo, sempre sotto forma di frazione, il m.c.m. per il secondo denominatore: (x + 3) (x + 5) (x + 5) = x + 3 quindi il secondo numeratore va moltiplicato per x + 3 Ricapitolando otteniamo: x + 8x x (x + 5) + x(x + 3) x = + 10x + 5 (x + 3)(x + 5) Al denominatore ci sono solo prodotti e conviene lasciarlo sotto questa forma. Al numeratore c è una somma e quindi dobbiamo effettuare i calcoli: che completa l addizione. (x + 5) + x(x + 3) (x + 3)(x + 5) = x x + 3x (x + 3)(x + 5) = x + 5x + 10 (x + 3)(x + 5) Effettuare, dopo aver determinato le condizioni di esistenza, la seguente sottrazione fra frazioni algebriche: x 3 x + 4 x + 6x + 8 Per le condizioni di esistenza scomponiamo il secondo denominatore (il primo è di primo grado): x + 6x + 8 = (x + )(x + 4) da cui: Dal primo denominatore si ottiene: x + = 0 x = x + 4 = 0 x = 4 x + 4 = 0 x = 4

15 Alessandro Bocconi 14 Riassumendo abbiamo le seguenti condizioni di esistenza: C.E. = {x R x ; x 4} Per effettuare la somma devo effettuare il minimo comune multiplo fra i denominatori. Risulta che: m.c.m.=(x + )(x + 4) Dividiamo, sotto forma di frazione, il m.c.m. per il primo denominatore: (x + 4) (x + ) (x + 4) = x + quindi il primo numeratore va moltiplicato per x + Dividiamo, sempre sotto forma di frazione, il m.c.m. per il secondo denominatore: (x + 4) (x + ) (x + 4) (x + ) = 1 quindi il secondo numeratore va moltiplicato per 1 (cioè rimane lo stesso). Ricapitolando otteniamo: x 3 x + 4 (x 3)(x + ) x = + 6x + 8 (x + )(x + 4) Come in precedenza al denominatore ci sono solo prodotti e lo lasciamo sotto questa forma, mentre al numeratore c è una sottrazione e dobbiamo quindi effettuare i calcoli: che completa l addizione. (x 3)(x + ) (x + )(x + 4) = x + x 3x 6 (x + )(x + 4) = x x 8 (x + )(x + 4) 1.7 Le equazioni fratte Strettamente collegato all argomento delle frazioni algebriche è quello delle equazioni fratte (o frazionarie). Un equazione si dice fratta se l incognita x compare al denominatore. Esempio 5 x 3 = 1 è un equazione fratta Dal momento che nelle equazioni fratte compare l incognita al denominatore, bisogna determinare qualcosa di molto simile alle condizioni di esistenza. Questo qualcosa lo chiamiamo dominio che è definito come segue: Definizione di dominio di un equazione fratta. Il dominio di un equazione fratta è l insieme delle soluzioni accettabili.

16 Alessandro Bocconi 15 La differenza con le condizioni di esistenza è abbastanza sottile, ma va comunque tenuta in considerazione: le condizioni di esistenza rappresentano l insieme dei valori che possono assumere le lettere affinché l espressione abbia senso, mentre il dominio di un equazione fratta è l insieme delle soluzioni accettabili (cioè si risolve l equazione, si confronta la soluzione col dominio e si vede se tale soluzione è accettabile). In ogni caso il dominio si determina nello stesso modo delle condizioni di esistenza. Ricordiamo che risolvere un equazione significa determinare quel valore (o quei valori) che, sostituito all incognita rende l equazione una uguaglianza vera. Per risolvere un equazione fratta si procede nel modo seguente: Metodo per la risoluzione di un equazione fratta 1. si determina il dominio. si individua il minimo comune multiplo fra tutti i denominatori. 3. si portano entrambi i termini dell equazione a comun denominatore 4. si eliminano i denominatori 5. si risolve l equazione intera 6. si verifica se la soluzione appartiene al dominio: se sì possiamo accettarla, altrimenti l equazione non ha soluzione Esempi Risolvere l equazione: 5 x 3 = 1 1) Dominio: abbiamo un unico denominatore, pertanto il dominio si determina ponendo: x 3 = 0 x = 3 pertanto D = {x R x 3} ) Abbiamo un unico denominatore, quindi il minimo comune multiplo fra i denominatori coincide con l unico denominatore cioè x 3. 3) Portiamo tutti i termini a comun denominatore x 3: 5 x 3 = x 3 x 3 4) Eliminiamo i denominatori: 5 x 3 = x 3 x 3 5) Risolviamo l equazione intera: 5 = x 3: 5 = x 3 x = 3 5 x = 8 6) Confrontiamo la soluzione trovata con il dominio: dal momento che le soluzioni accettabili sono tutte quelle diverse da 3, la soluzione x = 8 è accettabile e quindi possiamo scrivere: S = {x R x = 8} Risolvere l equazione: 1 x 8x+1 3 x 6 = 0 1) Dominio: per determinare il dominio dobbiamo scomporre il primo denominatore. Usando la tecnica della somma e prodotto, otteniamo:

17 Alessandro Bocconi 16 x 8x + 1 = (x )(x 6) Pertanto i valori che annullano il denominatore sono x = e x = 6. Anche il secondo denominatore si annulla per x = 6, quindi il dominio risulta: D = {x R x, x 6} ) Il minimo comune multiplo è (x )(x 6). 3) Portiamo tutti i termini a comun denominatore (x )(x 6): 1 (x )(x 6) 3(x ) (x )(x 6) = 0 4) Eliminiamo i denominatori: 1 (x )(x 6) 3(x ) (x )(x 6) = 0 5) Risolviamo l equazione intera: 1 3(x ) = 0: 1 3(x ) = 0 1 3x + 6 = 0 3x = 18 x = 6 6) Confrontiamo la soluzione trovata con il dominio: dal momento che le soluzioni accettabili devono essere diverse da e da 6, la soluzione x = 6 non è accettabile e quindi l equazione non ha soluzioni. Quindi: S = 1.8 Esercizi Paragrafo 1.1 Determina il m.c.m. fra i seguenti polinomi: 1. x 5; x 10x + 5. x 3; x 7x x 3 + 3x + 10x + 6; x + 4. x 9; x + 3x + Paragrafo 1. Determina le condizioni di esistenza delle seguenti frazioni algebriche 5. 5x 1 x+ ; x 4 x x ; +x 5+8x 7. x 1 x 9 ; x 3 10x 5x 8. 3 x 10x+16 ; x+7 x 9. 5x+1 x ; x x x+1

18 Alessandro Bocconi x 1 x 11x ; +x x 5x+6 Paragrafo 1.3 Semplifica le seguenti frazioni algebriche dopo aver determinato le condizioni di esistenza 11. x +11x+30 x +1x+36 ; x+1 x +6x+5 1. x 4x x 6x+8 ; x 3x 10 x+ 13. x 1 x +x ; x 3 x +4x 14. x +11x+30 x +1x+36 ; 8x 4x 3 +16x 15. 4x 5 +3x 4 +8x+6 4x+3 ; x 4x+3 x x x 9 +x 8 1x 4 3x+1 ; x +5x+4 x +4x 17. x 4 +3x 3 +6x x 3 ; x 4 x +4x x 5 4x 0x+5 ; 9x +6x+1 9x 1 Paragrafo 1.4 e Paragrafo 1.5 Esegui le seguenti operazioni fra frazioni algebriche dopo aver determinato le condizioni di esistenza 19. x +11x+30 x 0. x x+8 x 64 x +3x ; 1. x 5 x 9 x 4 x +6x ; x +14x x x+1 x 1 x+7 x 3 x +x 35 ; x +14x+48 x 36 x 6 x+8 4x x 4x+4 x 4x+8. x +x 15 x+10 x 0x x+5 ; x+10 x +x 15 x+5 x 0x 4x 1 3. x 16 x 4x 16x 8x+1 ; x+ x+3 x+4 x+5 4. x +9x+18 x 4 : x +6x x 16 ; x x x+1 : x 3x x 1 5. x +9x x 1 : x +10x+9 5 ; x x 4x+4 : 10 x 6. x +x 30 x 4 : x 5x x 4x ; x+1 x x : 4x 1 x Paragrafo 1.6 Esegui le seguenti operazioni fra frazioni algebriche dopo aver determinato le condizioni di esistenza x 9x+6 + x x 9 ; 8. 3 x 1 + x+5 x x+1 ; 9. x+1 x 1 + x+ x ; 4 x 100 x x+5 + x+4 x +7x+10 x x 5x+6 + x 6x+8 3x x +1x x+ x x +5x ; x+1 4x 8x +1x

19 Alessandro Bocconi x +8x+15 + x+4 x+3 ; 3 x x+ 3. 6x 6x 3 +1x 1 x+1 ; x + 8 x 33. 5x+1 x +9x x+7 ; 1 x + x x+1 Esegui le seguenti espressioni fra frazioni algebriche dopo aver determinato le condizioni di esistenza x+ 34. x 1 + x +4x x 1 x+1 x+4 x 35. +x+1 x x 5 5x x +4x+3 + x+1 x+3 x+ 36. x 7x+1 x +14 x 9 : x +8 x x x + x +4x+4 x 3 : x 4 x 3 Paragrafo 1.7 Risolvi le seguenti equazioni fratte x 4 = 1 S = {x R x = 1} 39. x+4 = 1 3 S = {x R x = } x 9x+0 = 1 x 5 S = = 0 x+1 S = {x R x = 1 } 4. 4 x 1 8 4x 1 = 0 S = 43. x = 0 S = {x R x = 0} x x x +4x+4 = 5 x+ S = {x R x = 7 5 } 45. 5x x x 4 = 0 S = x+7 = S = {x R x = 1} x +7x+10 = 4 x+ S = {x R x = 1} x 9 + x 3 = 0 S = 49. x+3 = 4 5x S = {x R x = }

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre

DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI. Testo in adozione Settembre Ottobre Pagina 1 di 5 DISCIPLINA: MATEMATICA INDIRIZZO: FINANZA E MARKETING CLASSE: 1 FM DOCENTE : MARINA MARTINELLI Elenco moduli Argomenti Strumenti / Testi 1 I numeri Naturali, Interi e Razionali Addizione,

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

B9. Equazioni di grado superiore al secondo

B9. Equazioni di grado superiore al secondo B9. Equazioni di grado superiore al secondo Le equazioni di terzo grado hanno una, due o tre soluzioni, risolvibili algebricamente con formule molto più complesse di quelle dell equazione di secondo grado.

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI MATEMATICA 2015/2016 Classi Prime Metodi e strumenti Nelle lezioni in aula si farà uso: [] della lezione dialogata (utilizzata di norma, e che prevede lo sviluppo anche

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6

Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM...2 Classe: 1 a B AFM...3 Classe: 2 a A AFM...4 Classe: 3 a A AFM...5 Classe: 4 a A IGEA...6 Classe: 1 a A AFM GLI INSIEMI NUMERICI E LE OPERAZIONI Ripasso del calcolo numerico: espressioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. Tomasetig Laura A.S. 2014/2015 CLASSE 1ACAT MATERIA: Matematica Modulo n. 1: Insiemi Collocazione temporale: settembre-dicembre Strategie didattiche: L insegnamento dei

Dettagli

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI

Docente: DI LISCIA F. CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Docente: DI LISCIA F. Materia: MATEMATICA CLASSE 1T MODULO 1: GLI INSIEMI NUMERICI Insiemi numerici: numeri naturali, proprietà delle operazioni aritmetiche; Potenze e loro proprietà; Criteri di divisibilità;

Dettagli

Programma di MATEMATICA

Programma di MATEMATICA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE Via Silvestri, 301 00164 ROMA - Via Silvestri, 301 Tel. 06/121127660 Fax

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI

PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 DISCIPLINA : MATEMATICA DOCENTI : CECILIA SAMPIERI, TAMARA CECCONI PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE I E A.S. 2012/2013 LIBRO DI TESTO:L. Sasso Nuova Matematica a colori Algebra e Geometria 1 edizione Azzurra ed. Petrini TEMA A I numeri e linguaggio della Matemati Unità 1

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE

APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE APPUNTI DI MATEMATICA ALGEBRA LINEARE Le equazioni di primo grado Le disequazioni di primo grado I sistemi di primo grado ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le equazioni di primo grado 3 1.1 Le uguaglianze.......................................

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca I.I.S. CATERINA CANIANA Via Polaresco 19 24129 Bergamo Tel:035 250547 035 253492 Fax:035 4328401 http://www.istitutocaniana.it email: canianaipssc@istitutocaniana.it

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA PROFESSIONALE DOCENTI : CARAFFI ALESSANDRA, CORREGGI MARIA GRAZIA, FAZIO ANGELA,

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009

ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali. www.vincenzoscudero.it novembre 2009 ESERCIZI SVOLTI Ricerca del dominio di funzioni razionali fratte e irrazionali v.scudero www.vincenzoscudero.it novembre 009 1 1 Funzioni algebriche fratte 1.1 Esercizio svolto y = x 1 x 11x + 10 (generalizzazione)

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica

CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE 1ª Manutenzione e Assistenza Tecnica Programma svolto di MATEMATICA Anno scolastico 2013/14 ELEMENTI DI RACCORDO CON LA SCUOLA MEDIA GLI INSIEMI CALCOLO LETTERALE GEOMETRIA - Ordinamento, proprietà,

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE

ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 COMPETENZE ABILITA /CAPACITA CONOSCENZE ISTITUTO D'ISTRUZIONE SUPERIORE A. MOTTI PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014 /2015 A047 MATEMATICA CLASSE PRIMA/SECONDA PROFESSIONALE CORSO SERALE DOCENTE: LUBRANO LOBIANCO ANIELLO Legenda: In

Dettagli

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio

Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio IPIA C. CORRENTI Programmazione del dipartimento di MATEMATICA per il quinquennio FINALITA DELL INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA Promuovere le facoltà intuitive e logiche Educare ai processi di astrazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA ED INFORMATICA 1 SEDE LEGALE: Via Roma, 125-04019 - Terracina (LT) - Tel. +39 0773 70 28 77 - +39 0773 87 08 98 - +39 331 18 22 487 SUCCURSALE: Via Roma, 116 - Tel. +39 0773 70 01 75 - +39 331 17 45 691 SUCCURSALE: Via

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere

Sallustio Bandini. Matematica. Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere FINALITA DELL INSEGNAMENTO Sallustio Bandini Istituto Tecnico Statale Programmatori Ragionieri Geometri Lingue Straniere Agenzia Formativa Accreditata dalla Regione Toscana Matematica La Matematica, parte

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo. Trevisini Editore

M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo. Quaderno operativo. Trevisini Editore M. Cerini - R. Fiamenghi - D. Giallongo Quaderno operativo Trevisini Editore La pubblicazione di un libro è un operazione complessa, che richiede numerosi controlli: sul testo, sulle immagini e sulle relazioni

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

VALLAURI L ASSE MATEMATICO

VALLAURI L ASSE MATEMATICO Istituto Professionale di Stato per l Industria e l Artigianato Giancarlo Vallauri Via B. Peruzzi, 13 41012 CARPI (MO) VALLAURI www.vallauricarpi.it Tel. 059 691573 Fax 059 642074 vallauri@vallauricarpi.it

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di

Esercizi svolti. 1. Si consideri la funzione f(x) = 4 x 2. a) Verificare che la funzione F(x) = x 2 4 x2 + 2 arcsin x è una primitiva di Esercizi svolti. Si consideri la funzione f() 4. a) Verificare che la funzione F() 4 + arcsin è una primitiva di f() sull intervallo (, ). b) Verificare che la funzione G() 4 + arcsin π è la primitiva

Dettagli

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem)

Raccolta di Esercizi di Matematica. Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Raccolta di Esercizi di Matematica Capitolo 8 : Modalità CAS (Computer Algebra S ystem) Contenuti: 8-1. L ordine Algebrico delle Operazioni 8-2. Problemi sulle Percentuali 8-3. Le Forme Standard e Point-Slope

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane)

MATEMATICA. PRIMO ANNO (Liceo Classico e Liceo delle Scienze Umane) 1/7 PRIMO ANNO Testo consigliato: BERGAMINI TRIFONE BAROZZI, Matematica.azzurro, vol. 1, Zanichelli Obiettivi minimi. Acquisire il linguaggio specifico della disciplina; sviluppare espressioni algebriche

Dettagli

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI

ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO STATALE DI SAN DANIELE DEL FRIULI ------------------------------------------- Piazza IV Novembre 33038 SAN DANIELE DEL FRIULI (prov. di Udine) Telefono n. 0432 955214 Fax n. 0432

Dettagli

I.P.S.S.S E. DE AMICIS - ROMA

I.P.S.S.S E. DE AMICIS - ROMA I.P.S.S.S E. DE AMICIS - ROMA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA a.s. 2015-2016 Indirizzo Servizi Socio Sanitari Classe 4 sezione B Docente : Prof.ssa Maria Diomedi Camassei FINALITÀ EDUCATIVE Si perseguono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE

ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE ISTITUTO COMPRENSIVO VALLE DI SCALVE Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 e 2 grado 24020 VILMINORE DI SCALVE (BG) 0346-51066 - 0346-50056 - ic.vallescalve@tiscali.it MATERIA: MATEMATICA

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE I.T.C. GEOMETRI L. EINAUDI - MURAVERA - CLASSE 4A AFM MATEMATICA DOCENTI Marina Pilia Enrico Sedda PROGRAMMA A.S. 2014/2015 PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE 4A AFM ANNO SCOLASTICO

Dettagli

CORSO DI MATEMATICA Per il primo biennio Algebra 2

CORSO DI MATEMATICA Per il primo biennio Algebra 2 MARIOLINA CAPPADONNA CORSO DI MATEMATICA Per il primo biennio Algebra EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO INDICE Presentazione IX Calcolo letterale (ª parte) I radicali Frazioni algebriche. Monomi frazionari.

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16]

Matematica 3. Dipartimento di Matematica. ITIS V.Volterra San Donà di Piave. Versione [2015-16] Matematica 3 Dipartimento di Matematica ITIS V.Volterra San Donà di Piave Versione [05-6] Indice I Numeri e Funzioni Numeri 3. Premessa............................................. 3. Tipi di numeri..........................................

Dettagli

Le Frazioni Prof. Marco La Fata

Le Frazioni Prof. Marco La Fata Le Frazioni Prof. Marco La Fata Spesso ci troviamo di fronte a dover dividere una certa grandezza, ad esempio una pizza, una tavoletta di cioccolata, un segmento, ecc.., in TANTE PARTI UGUALI. Supponiamo,

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione

Le funzioni elementari. La struttura di R. Sottrazione e divisione Le funzioni elementari La struttura di R La struttura di R è definita dalle operazioni Addizione e moltiplicazione. Proprietà: Commutativa Associativa Distributiva dell addizione rispetto alla moltiplicazione

Dettagli

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche

Competenze. -Saper semplificare le frazioni algebriche -Saper eseguire le operazioni con le frazioni algebriche Disciplina MATEMATICA Secondo biennio e anno conclusivo Liceo Economico sociale Classe terza Finalità Conoscenze Obiettivi minimi Finalità della matematica nel corso del secondo biennio è di proseguire

Dettagli

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti:

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti: TRACCIA N 1 CORSO DI RECUPERO In qualità di esperti di didattica assistita dalle nuove tecnologie avete ricevuto l incarico di progettare la struttura didattica ed organizzativa dei corsi di recupero di

Dettagli

matematica per le quinte

matematica per le quinte istituto professionale versari-macrelli, cesena lorenzo pantieri matematica per le quinte Dipartimento di Matematica Anno scolastico 2015-2016 Questo lavoro spiega il programma di matematica agli alun-

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L

LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014. Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L LICEO ARTISTICO BOCCIONI A.S. 2013-2014 Programma di MATEMATICA svolto nella Classe Prima L I numeri naturali e i numeri interi Che cosa sono i numeri naturali. L insieme dei numeri naturali N. Le quattro

Dettagli

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014

Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Piano di lavoro annuale a.s. 2013/2014 Docente: Frank Ilde Materia: Matematica Classe: 1^ASA 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi educativo-cognitivi generali che sono stati

Dettagli

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE STUDIO DEL SEGNO DI UNA FUNZIONE Quando si studia una funzione! " #$%&' (funzione reale di variabile reale) è fondamentale conoscere il segno, in altre parole sapere per quali valori di &( #$%&'$è positiva,

Dettagli

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA

ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA ESERCIZI DI ALGEBRA LINEARE E GEOMETRIA Francesco Bottacin Padova, 24 febbraio 2012 Capitolo 1 Algebra Lineare 1.1 Spazi e sottospazi vettoriali Esercizio 1.1. Sia U il sottospazio di R 4 generato dai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :MATEMATICA Istituto Istruzione Superiore A. Venturi Modena Liceo artistico - Istituto Professionale Grafica Via Rainusso, 66-41124 MODENA Sede di riferimento (Via de Servi, 21-41121 MODENA) tel. 059-222156 / 245330

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Soluzione di equazioni quadratiche

Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione di equazioni quadratiche Soluzione sulla Retta Algebrica Inseriamo sulla Retta Algebrica le seguenti espressioni polinomiali x e x 3 e cerchiamo di individuare i valori di x per i quali i punti

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia \ I[ è la scrittura matematica che esprime un legame tra la variabile y e la variabile x; tale legame consiste in una serie di operazioni da eseguirsi su x per ottenere y (f indica l insieme delle operazioni

Dettagli

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI

Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI Docente Materia Classe Mugno Eugenio Matematica 1F Programmazione Preventiva Anno Scolastico 2012/2013 Data 25/11/2012 Obiettivi Cognitivi OBIETTIVI MINIMI conoscere il concetto di numero intero; conoscere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 1.NUMERI CLASSE PRIMA Comprende il significato Comprendere il significato Insiemi numerici NQZ Utilizzare le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico rappresentandole

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana Al-giabr wa al-mukabalah di Al Khuwarizmi scritto approssimativamente nel 820 D.C. Manuale arabo da cui deriviamo due nomi: Algebra Algoritmo

Dettagli

* Ricordati la BILANCIA Qualunque cosa facciamo ad un lato dell'equazione (piatto della bilancia), dobbiamo farlo anche per l'altro lato.

* Ricordati la BILANCIA Qualunque cosa facciamo ad un lato dell'equazione (piatto della bilancia), dobbiamo farlo anche per l'altro lato. Cominciamo con una facile: : E intuitivo che: x = 10... infatti 10 3 = 7 Ecco il trucco? aggiungere 3 ad entrambe le parti (membri)! * Ricordati la BILANCIA Qualunque cosa facciamo ad un lato dell'equazione

Dettagli

PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE. Classi prime: Operatore grafico

PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE. Classi prime: Operatore grafico PROGRAMMA DI MATEMATICA CORSI DELL INDIRIZZO PROFESSIONALE - classi accreditate alla formazione professionale regionale: Classi prime: Operatore grafico Modulo 1: I numeri con particolare riferimento alle

Dettagli

Elementi di topologia della retta

Elementi di topologia della retta Elementi di topologia della retta nome insieme definizione l insieme è un concetto primitivo che si accetta come intuitivamente noto secondo George Cantor, il padre della teoria degli insiemi: Per insieme

Dettagli

Pre Test 2008... Matematica

Pre Test 2008... Matematica Pre Test 2008... Matematica INSIEMI NUMERICI Gli insiemi numerici (di numeri) sono: numeri naturali N: insieme dei numeri interi e positivi {1; 2; 3; 4;...} numeri interi relativi Z: insieme dei numeri

Dettagli

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando

31/10/2012. Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando FUNZIONI MATEMATICHE Introduzione Lo studio delle funzioni permette di interpretare la variazione di due grandezze, l una rispetto l altra, quando tra le due esiste un legame di tipo matematico. La teoria

Dettagli

IL CONCETTO DI FUNZIONE

IL CONCETTO DI FUNZIONE IL CONCETTO DI FUNZIONE Il concetto di funzione è forse il concetto più importante per la matematica: infatti la matematica e' cercare le cause, le implicazioni, le conseguenze e l'utilità di una funzione

Dettagli

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali

( x) ( x) 0. Equazioni irrazionali Equazioni irrazionali Definizione: si definisce equazione irrazionale un equazione in cui compaiono uno o più radicali contenenti l incognita. Esempio 7 Ricordiamo quanto visto sulle condizioni di esistenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14. Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA

PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14. Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO A.S. 2013/14 Liceo SCIENTIFICO GOBETTI OMEGNA Professoressa LILIANA PIZZI Disciplina MATEMATICA Classe PRIMA sezione B Data: 12 Ottobre 2013 A. LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI OSSERVAZIONE

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3

modulo A1.1 modulo A1.2 livello A1 modulo A2.1 modulo A2.2 matematica livello A2 livello A3 livello A1 modulo A1.1 modulo A1.2 matematica livello A2 modulo A2.1 modulo A2.2 livello A insiemi e appartenenza interpretazione grafica nel piano traslazioni proprietà commutatività associatività elemento

Dettagli

Dimensione di uno Spazio vettoriale

Dimensione di uno Spazio vettoriale Capitolo 4 Dimensione di uno Spazio vettoriale 4.1 Introduzione Dedichiamo questo capitolo ad un concetto fondamentale in algebra lineare: la dimensione di uno spazio vettoriale. Daremo una definizione

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 Pagina 1 di 8 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2014 AREA DISCIPLINARE [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti di area generale (Settore Tecnologico) [ ] Biennio, Attività e Insegnamenti obbligatori di

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

Le frazioni algebriche

Le frazioni algebriche Le frazioni algebriche Le frazioni algebriche, a differenza delle frazioni numeriche, sono frazioni che prevedono al denominatore espressioni polinomiali. Le seguenti, ad esempio, sono frazioni algebriche

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014

PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 PIANO DI LAVORO a.s. 2013-2014 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica

Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Giulio Donato Broccoli Guida pratica per la prova scritta di matematica della maturità scientifica Comprende: Metodi matematici fondamentali per affrontare i temi assegnati Esercizi interamente svolti

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli