Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo"

Transcript

1 Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero a, si ricava un nuovo numero b che è multiplo del numero di partenza n. Ad esempio, considerato il numero, se esso viene moltiplicato per si otterrà =4. 4 è un multiplo di. Analogamente, moltiplicando per, si otterrà =6, un nuovo multiplo di. Notiamo che da =4 si deduce che 4:=. In tal caso si può dire che è un divisore di 4 ed anche che 4 è divisibile per. Il divisore di un numero intero n è quel numero a tale che, se n viene diviso per esso, si ottiene un quoto b e tale divisione presenta resto nullo. Calcoliamo ora dei divisori del numero. Abbiamo che se esso viene diviso per 6 si ottiene :6=, senza alcun resto. Questo vuol dire che 6 è un divisore di. Parimenti, si può dividere per 4 ed ottenere :4= (con resto nullo). Questo vorrà dire che anche 4 è un divisore di. Si noti inoltre come, ad esempio, :8= con resto pari a 4. Il resto non nullo ci indica che 8 non è un divisore di. Stabiliamo inoltre che un numero che è divisibile solo per se stesso e per è detto numero primo. Ad esempio 7 è divisibile solo per 7 e per, per cui esso è numero primo. Il Minimo Comune Multiplo Il minimo comune multiplo (mcm) di due numeri interi a e b è il più piccolo intero positivo che è multiplo sia di a che di b. Quindi, detto m il mcm di a e b, avremo che esistono due numeri interi n ed n tali che, moltiplicati per a e b ci restituiscono m: m= a n m= b n Inoltre m gode della proprietà di essere il numero più piccolo possibile perché questo possa avvenire. Notiamo che dalle due relazioni precedenti si deduce che: m = n a m: a= n o, se vogliamo, m m: b= n = n b Cioè m è un numero tale che, se diviso per i numeri a e b, restituisce i due numeri interi n ed n e questa divisione non produce alcun resto. Possiamo quindi dire che a e b sono dei divisori di m. Inoltre m è il numero più piccolo possibile perché questo possa avvenire. Un esempio può aiutare a chiarirci le idee. Consideriamo due numeri: a = 6 b = 8 Ci proponiamo di calcolare il mcm di questi due numeri e proviamo dapprima a vedere se il numero è un buon candidato.

2 Abbiamo che: : 6 = :8 = resto = 4 Il numero è un multiplo di 6 ma non di 8, infatti la divisione per quest ultimo numero produce un resto di 4. Proviamo ora con il numero 48: 48 : 6 = 8 48 :8 = 6 Notiamo che 48 è un buon candidato per essere il mcm in quanto è un multiplo sia di 6 che di 8 (le due divisioni non danno resto). Il numero 48 non è, però, il numero più piccolo possibile per cui questo avviene. Infatti il numero 4 ha la stessa proprietà di essere multiplo sia di 6 che di 8. 4 : 6 = 4 4 :8 = Effettivamente 4 è il numero più piccolo possibile per il quale questo avviene quindi esso è il minimo comune multiplo tra 6 ed 8. Scriveremo: mcm(6;8)=4. Ovviamente, in maniera analoga, il mcm è definibile anche per più di due numeri. Algoritmo della fattorizzazione per il calcolo del mcm Per il calcolo del mcm di alcuni numeri è necessario scomporre i numeri in questione. Scomporre un numero vuol dire trasformarlo in un prodotto costituito da fattori che sono tutti numeri primi elevati a determinati esponenti. Ad esempio, consideriamo tre numeri, 6, 8, 5 e partiamo con lo scomporre il 6: = = Nell iniziare la scomposizione abbiamo scritto a destra del 6 il numero per il quale esso è divisibile e, sotto al numero 6, il numero 8 che è il risultato della divisione 6:. Di fianco al 8 abbiamo riscritto il numero per il quale esso è divisibile e così abbiamo continuato fino a scomporre totalmente il numero, giungendo ad e considerando nelle divisioni solo numeri primi (nella fattispecie e ). Di fianco alla scomposizione abbiamo riassunto il risultato: 6=. Lo stesso possiamo fare per gli altri due numeri: = = = 5

3 Per determinare il mcm tra i tre numeri dobbiamo prendere in considerazione i fattori comuni e non comuni con l esponente massimo. 6 = 8 = 7 5 = 5 Il ed il compaiono con un esponente massimo pari a, quindi sceglieremo. Inoltre consideriamo anche il 5 ed il 7 che compaiono in forma semplice. Abbiamo perciò il prodotto dei seguenti fattori. Mcm(6;8;5) = 5 7 = 60 Quesiti Risolti Un quesito basilare, che richiede il semplice calcolo di un mcm, può essere il seguente: Quanto vale il minimo comune multiplo dei numeri 6, 4 e 9? A. 576 B. 44 C. 6 D. 64 E. 90 Scomponiamo i tre numeri: = = 4= = 9= = Raccogliendo i fattori comuni e non comuni con il massimo esponente abbiamo: mcm(6;4;9) = 4 = 44 (Risposta B) Di seguito proponiamo invece un quesito tipico di logica nel quale bisogna mettere a frutto la definizione del minimo comune multiplo in un contesto pratico. Tre commessi viaggiatori si recano a Napoli rispettivamente ogni 8, ogni e ogni 0 giorni. Essendosi trovati in quella città nello stesso giorno, dopo quanti giorni si ritroveranno ancora insieme? A. 0 giorni B. 60 giorni C. 80 giorni D. 00 giorni E. 96 giorni I tre commessi viaggiatori si sono incontrati insieme in un determinato giorno. Il primo commesso sarà di nuovo a Napoli dopo 8 giorni dal giorno in questione, poi dopo 6 giorni dal giorno in questione, poi dopo 4 giorni e così via In generale giungerà a Napoli dopo un numero di giorni che è multiplo di 8. Il secondo commesso giungerà nuovamente a Napoli dopo un numero di giorni che è un multiplo di, mentre il terzo dopo un numero di giorni che è un multiplo di 0. Quindi, perché i tre possano incontrarsi, dovrà trascorrere un numero di giorni pari ad un multiplo in

4 comune tra i tre numeri (8, 0 e ). Se vogliamo il numero minore possibile di giorni che dovranno trascorrere allora dobbiamo calcolare il minimo comune multiplo. Abbiamo: 8= = 0 = 5 Per cui: mcm(8;;0) = 5= 0 (Risposta A) Il Massimo Comun Divisore Il massimo comun divisore (MCD) di due numeri interi a e b, che non siano entrambi uguali a zero, è il numero naturale più grande per il quale possono essere entrambi divisi. Quindi, detto m il MCD di a e b, possiamo indicare rispettivamente con n ed n il quoto delle due divisioni: a: m= n b: m= n È importante sottolineare che il resto di entrambe le divisioni è nullo e che m gode della proprietà di essere il numero maggiore possibile per il quale dividere entrambi i numeri interi a e b, ottenendo un resto nullo. Anche in questo caso un esempio può chiarirci le idee. Consideriamo due numeri: a = 6 b = 8 Notiamo che 6 è divisibile (cioè può essere diviso senza ottenere resto) per 6,, e, mentre 8 può essere diviso (anche questa volta senza ottenere resto) per 8, 4,, e. Il numero più alto possibile che divide ambo i numeri è quindi. Per questo motivo scriviamo: MCD(6;8)=. Ovviamente, in maniera analoga, il MCD è definibile anche per più di due numeri. Due numeri si dicono coprimi o primi tra loro se il loro massimo comun divisore è uguale a. Per esempio, i numeri 9 e 8 sono primi tra loro. Infatti 9 è divisibile per 9, e, mentre 8 è divisibile per 8, 4, 7, 4, e. Notiamo che il divisore in comune più alto possibile è proprio. MCD(9;8)=. Algoritmo della fattorizzazione per il calcolo del MCD Per il calcolo del MCD di alcuni numeri è necessario nuovamente scomporre i numeri in questione. Questa volta consideriamo i tre numeri: 4, 8, 0 e scomponiamoli: = = 8 = 7 = = 5

5 Per determinare il MCD tra i tre numeri dobbiamo prendere solo i fattori comuni con l esponente minimo. 4 = 8 = 7 0 = 5 Il è l unico fattore che compare nella scomposizione di tutti e tre i numeri con un esponente minimo pari a, quindi sceglieremo. Abbiamo perciò il seguente MCD. MCD(4;8;0) = = 4 Algoritmo di Euclide per il calcolo del MCD L algoritmo di Euclide è un metodo per il calcolo veloce di un MCD tra due numeri attraverso divisioni successive. Tale metodo permette di guadagnare tempo se i due numeri hanno un valore abbastanza alto e la loro scomposizione risulterebbe spesso lunga e talvolta impraticabile. Descriviamo l algoritmo con un esempio. Consideriamo i seguenti due numeri: 575 e 60. Iniziamo con il dividere il numero più grande 575 per quello più piccolo 60. Per compiere tale divisione in modo veloce possiamo pensare a quante volte il 60 è contenuto in 575. Ovviamente 60 è sicuramente contenuto una sola volta nel 575, di seguito lo moltiplichiamo per per capire se è contenuto due volte: 60 =40. Ci fermiamo a questo punto poiché capiamo che moltiplicare 60 per ci porterebbe ad un numero superiore a 575. Per calcolare il resto della divisione basta calcolare la seguente sottrazione: =5. Quindi possiamo scrivere schematicamente: 575=60 +5 Dobbiamo ora compiere il secondo passaggio dell algoritmo, calcolando la nuova divisione tra il numero 60, divisore del passaggio precedente, ed il resto 5. Notiamo che 5 5=675 che supera 60, mentre 5 4=40 che è contenuto nel 60. Il nuovo resto sarà 60-40=80. Riassumiamo quindi i due primi passaggi compiuti e, schematicamente, descriviamo i passaggi successivi: 575 = = = = MCD(575;60)=5 55 = 5 0 Come si nota dallo schema che riassume i passaggi, ad un certo punto la divisione dà resto pari a zero (55=5 +0). A quel punto l algoritmo si arresta e l ultimo resto non nullo, che si trova nel

6 passaggio precedente ed è pari a 5, costituisce il MCD dei due numeri presi in considerazione. Quindi: MCD(575;60)=5 Quesiti Risolti Un quesito basilare, che richiede il semplice calcolo di un MCD, può essere il seguente: Quanto vale il massimo comun divisore dei numeri, 4 e 0? A) 5 B) C) 4 D) 6 E) 0 Scomponiamo i tre numeri: = 4= 0= 5 Raccogliendo i fattori comuni con il minimo esponente abbiamo: MCD(;4;0) = = 4 (Risposta C) Di seguito proponiamo invece un quesito tipico di logica nel quale bisogna mettere a frutto la definizione del massimo comun divisore in un contesto pratico. Quattro libri che hanno rispettivamente 08, 9, 40 e 04 pagine, devono comporsi in fascicoli aventi ciascuno lo stesso numero di pagine. Qual è il massimo numero di pagine che può avere ogni fascicolo? A) 6 B) C) 4 D) 6 E) 0 Per creare una serie di fascicoli da un libro costituito da un certo numero di pagine occorre che i fascicoli abbiano un numero di pagine pari ad un divisore del numero totale di pagine del libro. Ad esempio il libro con 08 pagine può essere scomposto in due fascicoli da 04 pagine (04 è un divisore di 08) oppure in 4 fascicoli da 5 pagine (5 è ancora un divisore di 08). Lo stesso discorso vale per gli altri tre libri. Per creare, però, dei fascicoli, per ognuno dei quattro libri, che abbiano lo stesso numero di pagine, facendo in modo che questo sia il maggiore possibile, è necessario calcolare il massimo comun divisore dei quattro numeri di pagine presenti nei quattro libri.

7 Per cui: 4 08 = = = MCD(08;9;40;04) = 4 = 6 (Risposta A) = Esercizi ) Un fioraio deve utilizzare 8 rose e 6 garofani per preparare alcuni mazzi contenenti ciascuno lo stesso numero di fiori, tutti dello stesso tipo. Qual è il massimo numero di fiori di ciascun mazzo? A) B) 4 C) 6 D) 7 E) ) Quanto vale il Massimo Comune Divisore dei numeri 05, e 6? A) B) 7 C) D) 05 E) 6 ) Due motociclisti partono insieme per una corsa su una pista: il primo compie un giro ogni 0 secondi e il secondo ogni 0 secondi. Dopo quanto tempo si troveranno a passare insieme per la prima volta sulla linea di partenza? A) 60 secondi B) 600 secondi C) 0 secondi D) 00 secondi E) 90 secondi 4) Dalla stazione di Napoli alle 8.00 partono contemporaneamente due treni, uno diretto a Roma e l altro a Bari. Sapendo che da Napoli un treno per Roma parte ogni ore e un treno per Bari parte ogni 5 ore, dopo quante ore due treni ripartiranno insieme da Napoli per le stesse stazioni? A) 0 ore B) 7 ore C) 0 ore D) 5 ore E) ore 5) Quanto vale il minimo comune multiplo dei numeri, 5 e 8? A) 4 B) 0

8 C) 8 D) 0 E) 60 Risposte corrette ) B ) C ) A 4) A 5) D Soluzioni ) Siccome i mazzi devono contenere tutti lo stesso quantitativo di fiori, tutti dello stesso tipo (o solo rose o solo garofani) allora dovremo riferirci ai divisori di 8 (il numero di rose) e di 6 (il numero di garofani) per conoscere quanti fiori possono essere contenuti in ogni mazzo. In particolare con i divisori comuni potremo individuare il numero di fiori che possono essere contenuti in ciascun mazzo, facendo in modo che i mazzi di rose e di garofani abbiano lo stesso quantitativo di fiori. Infine con il massimo comun divisore individueremo il numero massimo di fiori con i quali possiamo costituire questi mazzi. Calcoliamo il massimo comun divisore di 8 e 6: = = Il massimo comun divisore è MCD(8;6)= =4. Quindi ognuno dei mazzi (sia esso costituito da soli garofani o da sole rose) conterrà 4 fiori. ) Calcoliamo il MCD dei tre numeri: = 5 7 = 7 05 = 7 Raccogliendo i due fattori in comune ( e 7) con il minimo esponente avremo che il massimo comun divisore è MCD(05;;6)= 7= ) Il primo motociclista passerà sulla linea di partenza dopo 0 secondi, poi dopo 40, poi ancora dopo 60 e così via In generale il suo passaggio avverrà dopo che sono trascorsi un numero di secondi pari ad un multiplo di 0. Il passaggio del secondo motociclista avverrà dopo che sono trascorsi un numero di secondi pari ad un multiplo di 0. Quindi, quando saranno passati un numero di secondi pari ad un multiplo sia di 0 che di 0, avremo il passaggio contemporaneo dei due motociclisti sulla linea di partenza. Per avere il numero minimo di secondi entro il quale entrambi passeranno sulla linea di partenza dobbiamo calcolare il minimo comune multiplo di 0 e 0. Abbiamo: 0 = 5 0 = 5

9 Per cui, raccogliendo fattori comuni e non comuni con il massimo esponente, abbiamo: mcm(0;0) = 5 = 60 secondi 4) I treni per Roma partono quando sono trascorse un numero di ore pari ad un multiplo di, mentre i treni per Bari partono dopo un numero di ore trascorse pari ad un multiplo di 5. I multipli in comune, tra e 5, rappresentano il numero di ore trascorse dopo le quali partono contemporaneamente sia il treno per Roma che quello per Bari. In particolare il minimo comune multiplo rappresenta il numero minimo di ore che bisogna attendere perché partano contemporaneamente sia il treno per Roma che quello per Bari. Il minimo comune multiplo tra e 5 è semplicemente il prodotto dei due numeri: mcm(;5)= 5=0. Bisognerà attendere 0 ore. 5) Calcoliamo il mcm dei tre numeri: = 5 5 5= 5 8 = Per cui, raccogliendo fattori comuni e non comuni con il massimo esponente, abbiamo: mcm(;5;8) = 5 = 0

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

PRIMAVERA IN BICOCCA

PRIMAVERA IN BICOCCA PRIMAVERA IN BICOCCA 1. Numeri primi e fattorizzazione Una delle applicazioni più rilevanti della Teoria dei Numeri si ha nel campo della crittografia. In queste note vogliamo delineare, in particolare,

Dettagli

T = Da questa relazione si può ricavare quella inversa con cui si ottiene il tempo impiegato a percorrere un determinato spazio: S

T = Da questa relazione si può ricavare quella inversa con cui si ottiene il tempo impiegato a percorrere un determinato spazio: S Logica Numerica Approfondimento 2 E. Barbuto pazio, Tempo e Velocità I quesiti sulle distanze mettono alla prova il senso pratico e l acume logico del candidato ed, in generale, non riciedono un grande

Dettagli

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti L EQUIVALENZA FRA I NUMERI RAZIONALI (cioè le frazioni), I NUMERI DECIMALI (quelli spesso con la virgola) ED I NUMERI PERCENTUALI (quelli col simbolo %). Ora vedremo che ogni frazione (sia propria, che

Dettagli

Le Frazioni Prof. Marco La Fata

Le Frazioni Prof. Marco La Fata Le Frazioni Prof. Marco La Fata Spesso ci troviamo di fronte a dover dividere una certa grandezza, ad esempio una pizza, una tavoletta di cioccolata, un segmento, ecc.., in TANTE PARTI UGUALI. Supponiamo,

Dettagli

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza,

Dettagli

Esercizi svolti sui numeri complessi

Esercizi svolti sui numeri complessi Francesco Daddi - ottobre 009 Esercizio 1 Risolvere l equazione z 1 + i = 1. Soluzione. Moltiplichiamo entrambi i membri per 1 + i in definitiva la soluzione è z 1 + i 1 + i = 1 1 + i z = 1 1 i. : z =

Dettagli

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI

TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI Liceo Scientifico G. Salvemini Corso di preparazione per la gara provinciale delle OLIMPIADI DELLA MATEMATICA INTRO TEORIA DEI NUMERI SUCCESSIONI NUMERI INTERI QUESITO Un quesito (facile) sulle cifre:

Dettagli

SECONDA PARTE: generare nuovi Primi

SECONDA PARTE: generare nuovi Primi SECONDA PARTE: generare nuovi Primi Unicisti: famiglie di numeri Primi Provando ad usare i numeri Primi come risuonatori fondamentali dell intero mondo dei numeri Naturali, ci siamo imbattuti presto in

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

1 Multipli e sottomultipli. Divisibilità

1 Multipli e sottomultipli. Divisibilità Multipli e sottomultipli. Divisibilità LA TEORIA Se la divisione fra due numeri naturali è propria (cioè il resto è uguale a 0) i due numeri si dicono divisibili. Per esempio, nella divisione 8 : diciamo

Dettagli

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico

Processo di risoluzione di un problema ingegneristico. Processo di risoluzione di un problema ingegneristico Processo di risoluzione di un problema ingegneristico 1. Capire l essenza del problema. 2. Raccogliere le informazioni disponibili. Alcune potrebbero essere disponibili in un secondo momento. 3. Determinare

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

Matematica in laboratorio

Matematica in laboratorio Unità 1 Attività guidate Attività 1 Foglio elettronico Divisibilità tra numeri naturali Costruisci un foglio di lavoro per determinare se a è divisibile per b, essendo a e b due numeri naturali, con a

Dettagli

Il Gestionale: Gestionalino-Magazzino

Il Gestionale: Gestionalino-Magazzino Tempi & Metodi di Giorgio Andreani Servizi di Controllo e di Organizzazione dei Processi Produttivi Iscrizione al Registro delle Imprese CCIAA di Verona REA 357269 Partita Iva 03686020235 - Cod. Fisc.

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Studio di funzioni ( )

Studio di funzioni ( ) Studio di funzioni Effettuare uno studio qualitativo e tracciare un grafico approssimativo delle seguenti funzioni. Si studi in particolare anche la concavità delle funzioni e si indichino esplicitamente

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI DI ECONOMIA AZIENDALE e INFORMATICA DI BASE ISTVAS Ancona Indirizzo: RAGIONIERI Proff.

Dettagli

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni

11) convenzioni sulla rappresentazione grafica delle soluzioni 2 PARAGRAFI TRATTATI 1)La funzione esponenziale 2) grafici della funzione esponenziale 3) proprietá delle potenze 4) i logaritmi 5) grafici della funzione logaritmica 6) principali proprietá dei logaritmi

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE LE AZIONI DEL FARE MATEMATICA OSSERVARE OSSERVARE Dalla spontanea formazione dei concetti nella mente del bambino fino alla concezione

Dettagli

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado

Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado Categoria Student Per studenti degli ultimi due anni della scuola secondaria di secondo grado. Risposta A). Il triangolo ABC ha la stessa altezza del triangolo AOB ma base di lunghezza doppia (il diametro

Dettagli

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei

Anelli a fattorizzazione unica. Domini ad ideali principali. Anelli Euclidei Capitolo 5: Anelli speciali: Introduzione: Gli anelli speciali sono anelli dotati di ulteriori proprietà molto forti che ne rendono agevole lo studio. Anelli euclidei Domini ad ideali principali Anelli

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

Un po di teoria dei numeri

Un po di teoria dei numeri Un po di teoria dei numeri Applicazione alla crittografia RSA Christian Ferrari Liceo di Locarno Matematica Sommario 1 L aritmetica modulare di Z n Le congruenze L anello Z n Le potenze in Z n e algoritmo

Dettagli

Giovanna Mayer. Primi, Scomposizione e Divisibilità. Nucleo: Numeri

Giovanna Mayer. Primi, Scomposizione e Divisibilità. Nucleo: Numeri Primi, Scomposizione e Divisibilità Giovanna Mayer Nucleo: Numeri Introduzione Tematica: Si propongono attività e giochi per individuare nella scomposizione in fattori primi di un numero tutte le informazioni

Dettagli

Seminario Sull Algoritmo R.S.A.

Seminario Sull Algoritmo R.S.A. Alessandrini Cristian Sicurezza 2003 Introduzione Seminario Sull Algoritmo R.S.A. L algoritmo R.S.A. fa parte degli algoritmi definiti a chiave pubblica oppure asimmetrici. Fu progettato nel 1976/77 da

Dettagli

L anello dei polinomi

L anello dei polinomi L anello dei polinomi Sia R un anello commutativo con identità. È possibile costruire un anello commutativo unitario, che si denota con R[x], che contiene R (come sottoanello) e un elemento x non appartenente

Dettagli

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana

Schemi delle Lezioni di Matematica Generale. Pierpaolo Montana Schemi delle Lezioni di Matematica Generale Pierpaolo Montana Al-giabr wa al-mukabalah di Al Khuwarizmi scritto approssimativamente nel 820 D.C. Manuale arabo da cui deriviamo due nomi: Algebra Algoritmo

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE La base del sistema decimale è 10 I simboli del sistema decimale sono: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Il sistema di numerazione decimale è un sistema posizionale. L aggettivo

Dettagli

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons

Manuale. Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Manuale Gestione biblioteca scolastica by Rosset Pier Angelo is licensed under a Creative Commons Premessa Gestione Biblioteca scolastica è un software che permette di gestire in maniera sufficientemente

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA

LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA LA MOLTIPLICAZIONE IN CLASSE SECONDA Rossana Nencini, 2013 Le fasi del lavoro: 1. Proponiamo ai bambini una situazione reale di moltiplicazione: portiamo a scuola una scatola di biscotti (. ) e diamo la

Dettagli

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme.

1. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di 40, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Esercizi difficili sul calcolo delle probabilità. Calcolare la probabilità che estratte a caso ed assieme tre carte da un mazzo di, fra di esse vi sia un solo asso, di qualunque seme. Le parole a caso

Dettagli

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO

ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI 2. IL LINGUAGGIO DI PROGETTO ALGORITMI 1. GLI ALGORITMI Un algoritmo è la descrizione del percorso risolutivo di un problema per giungere dai dati iniziali ai risultati finali. Scriviamo l algoritmo pensando di rivolgerci a un esecutore,

Dettagli

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6

EQUAZIONI DIFFERENZIALI. 1. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x 2 log t (d) x = e t x log x (e) y = y2 5y+6 EQUAZIONI DIFFERENZIALI.. Trovare tutte le soluzioni delle equazioni differenziali: (a) x = x log t (d) x = e t x log x (e) y = y 5y+6 (f) y = ty +t t +y (g) y = y (h) xy = y (i) y y y = 0 (j) x = x (k)

Dettagli

Test n. 7 Problemi matematici

Test n. 7 Problemi matematici Test n. 7 Problemi matematici ) Determinare il numero il cui doppio, aumentato di 0, è uguale a 44. A) 6 C) 7 B) 5 D) 8 ) Determinare due numeri tenendo presente che la loro somma è uguale a 8 e la loro

Dettagli

Si dice multiplo di un numero a diverso da zero, ogni numero naturale che si ottiene moltiplicando a per ciascun elemento di N.

Si dice multiplo di un numero a diverso da zero, ogni numero naturale che si ottiene moltiplicando a per ciascun elemento di N. MULTIPLI E DIVISORI Si dice multiplo di un numero a diverso da zero, ogni numero naturale che si ottiene moltiplicando a per ciascun elemento di N. Poiché N = 0,1,2,3...7...95,..104.. Zero è multiplo di

Dettagli

Esercizio: numero primo

Esercizio: numero primo Esercizio: numero primo Dato un numero N scrivere un algoritmo che verifichi se N è un numero primo e stampi un relativo messaggio Il numero N è un numero primo se è divisibile solo per 1 e per N Quindi,

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

Appunti di contabilità del condominio approfondimento

Appunti di contabilità del condominio approfondimento Appunti di contabilità del condominio approfondimento I documenti contabili obbligatori ai sensi del codice civile sono il bilancio preventivo con relativo riparto ed il bilancio consuntivo. Necessari,

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI

4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI 119 4 Dispense di Matematica per il biennio dell Istituto I.S.I.S. Gaetano Filangieri di Frattamaggiore EQUAZIONI FRATTE E SISTEMI DI EQUAZIONI Indice degli Argomenti: TEMA N. 1 : INSIEMI NUMERICI E CALCOLO

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari I Numeri Binari 4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari Contare con i numeri binari Prima di vedere quali operazioni possiamo effettuare con i numeri binari, iniziamo ad imparare a contare in binario:

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas

FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE e CONTINUITA Roberto Argiolas.8.6.. - -.5.5 -. In questa dispensa ricordiamo la classificazione delle funzioni elementari e il dominio di esistenza delle stesse. Inoltre

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

1 Multipli di un numero

1 Multipli di un numero Multipli di un numero DEFINIZIONE. I multipli di un numero sono costituiti dall insieme dei prodotti ottenuti moltiplicando quel numero per la successione dei numeri naturali. I multipli del numero 4 costituiscono

Dettagli

Richiami di aritmetica (1)

Richiami di aritmetica (1) Richiami di aritmetica (1) Operazioni fondamentali e loro proprietà Elevamento a potenza e proprietà potenze Espressioni aritmetiche Scomposizione: M.C.D. e m.c.m Materia: Matematica Autore: Mario De Leo

Dettagli

Vademecum studio funzione

Vademecum studio funzione Vademecum studio funzione Campo di Esistenza di una funzione o dominio: Studiare una funzione significa determinare gli elementi caratteristici che ci permettono di disegnarne il grafico, a partire dalla

Dettagli

Liceo Scientifico Statale Leonardo Da Vinci

Liceo Scientifico Statale Leonardo Da Vinci Liceo Scientifico Statale Leonardo Da Vinci Via Possidonea 14, 89125 Reggio Calabria Dirigente Scolastico:Preside Prof.essa Vincenzina Mazzuca Progetto multimediale di matematica e fisica per le terze

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

Architettura degli elaboratori Seconda esercitazione di laboratorio. Dr. Francesco Giacomini e Dr. Matteo Manzali Università degli Studi di Ferrara

Architettura degli elaboratori Seconda esercitazione di laboratorio. Dr. Francesco Giacomini e Dr. Matteo Manzali Università degli Studi di Ferrara Architettura degli elaboratori Seconda esercitazione di laboratorio Dr. Francesco Giacomini e Dr. Matteo Manzali Università degli Studi di Ferrara Linee generali (1) L esercitazione consiste nell implementare

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi.

Sommario. Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. Algoritmi 1 Sommario Definizione di informatica. Definizione di un calcolatore come esecutore. Gli algoritmi. 2 Informatica Nome Informatica=informazione+automatica. Definizione Scienza che si occupa dell

Dettagli

I diversi tipi di sistemi di numerazione

I diversi tipi di sistemi di numerazione n I diversi tipi di sistemi di numerazione [p. 198] n Cambiamenti di base [p. 200] n Operazioni aritmetiche nei sistemi non decimali [p. 202] I diversi tipi di sistemi di numerazione RICORDIAMO LA TEORIA

Dettagli

11010010 = 1*2^7 + 1*2^6 + 0*2^5 + 1*2^4 + 0*2^3 + 0*2^2 + 1*2^1 + 0*2^0 = 210

11010010 = 1*2^7 + 1*2^6 + 0*2^5 + 1*2^4 + 0*2^3 + 0*2^2 + 1*2^1 + 0*2^0 = 210 Il sistema BINARIO e quello ESADECIMALE. Il sistema di numerazione binario è particolarmente legato ai calcolatori in quanto essi possono riconoscere solo segnali aventi due valori: uno alto e uno basso;

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia.

ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. ZERUNO Quando la realtà si incontra con la fantasia. Alunni: Samuele Bagnato; Irene Barilà; Greta Bellantone; Carmelo Calabrò; Gabriele Campo; Concetta Caratozzolo; Graziella Caratozzolo; Rosario Carmelo

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

Indovina il numero pensato

Indovina il numero pensato Indovina il numero pensato Le operazioni inverse Ivana Sacchi - ivana@ivana.it Giocare con i bambini. Chiedere loro di pensare un numero e spiegare che è possibile indovinare quale numero hanno pensato

Dettagli

G3. Asintoti e continuità

G3. Asintoti e continuità G3 Asintoti e continuità Un asintoto è una retta a cui la funzione si avvicina sempre di più senza mai toccarla Non è la definizione formale, ma sicuramente serve per capire il concetto di asintoto Nei

Dettagli

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia

APPUNTI DI ANALISI MATEMATICA PER LA CLASSE QUINTA T.G.A. (5^B) E LA CLASSE QUINTA T.I.T. (5^C) a.s. 2003/2004 a cura di prof.ssa Mina Maria Letizia \ I[ è la scrittura matematica che esprime un legame tra la variabile y e la variabile x; tale legame consiste in una serie di operazioni da eseguirsi su x per ottenere y (f indica l insieme delle operazioni

Dettagli

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica

CAPITOLO I. Prof. Ing. Michele Marra - Appunti delle Lezioni di Ricerca Operativa Programmazione Dinamica CAPITOLO I. - PROGRAMMAZIONE DINAMICA La programmazione dinamica è una parte della programmazione matematica che si occupa della soluzione di problemi di ottimizzazione di tipo particolare, mediante una

Dettagli

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete.

Le equazioni. Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Le equazioni Diapositive riassemblate e rielaborate da prof. Antonio Manca da materiali offerti dalla rete. Definizione e caratteristiche Chiamiamo equazione l uguaglianza tra due espressioni algebriche,

Dettagli

STATISTICA E PROBABILITá

STATISTICA E PROBABILITá STATISTICA E PROBABILITá Statistica La statistica è una branca della matematica, che descrive un qualsiasi fenomeno basandosi sulla raccolta di informazioni, sottoforma di dati. Questi ultimi risultano

Dettagli

I monomi. x 2 a-b +5 6a+b

I monomi. x 2 a-b +5 6a+b +3a 2 b -3a I monomi x 2 a-b +5 6a+b xy monomi 3 5 a3 non monomi 5+x a cura di Franca Cavagnero 1 Definizione: il monomio è una espressione algebrica tra numeri e lettere, senza addizioni e sottrazioni.

Dettagli

E costituito da un indice.

E costituito da un indice. Questo semplice quaderno di matematica è pensato sia per bambini e bambine che hanno problemi specifici di apprendimento sia per quei bambini e bambine che hanno solo bisogno di un ripasso prima di un

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione:

Ai fini economici i costi di un impresa sono distinti principalmente in due gruppi: costi fissi e costi variabili. Vale ovviamente la relazione: 1 Lastoriadiun impresa Il Signor Isacco, che ormai conosciamo per il suo consumo di caviale, decide di intraprendere l attività di produttore di caviale! (Vuole essere sicuro della qualità del caviale

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

II.f. Altre attività sull euro

II.f. Altre attività sull euro Altre attività sull euro II.f È consigliabile costruire modelli in carta o cartoncino di monete e banconote, e farli usare ai bambini in varie attività di classe fin dal primo o al più dal secondo anno.

Dettagli

I contatori di casa. Come utilizzarli per conoscere i nostri consumi. di Ruggero Da Ros settembre 2013. 1. I contatori

I contatori di casa. Come utilizzarli per conoscere i nostri consumi. di Ruggero Da Ros settembre 2013. 1. I contatori 1 I contatori di casa Come utilizzarli per conoscere i nostri consumi di Ruggero Da Ros settembre 2013 1. I contatori Con il progresso sono aumentate le comodità. Prima l acqua si prendeva nel pozzo, la

Dettagli