Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una"

Transcript

1 NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza, si esprime il risυltato di un conteggio o di una misura. Questi risultati si esprimono dunque per mezzo di numeri: 45 è un numero intero; 1,35 è un numero decimale. Che cosa rappresenta ciascuna cifra di un numero? Ciascuna delle cifre di un numero rappresenta delle unità di un certo ordine. Esempio: Nel numero Intero rappresenta le unità semplici, 7 " le decine, 3 " le centinale, 4 " le migliaia, 8 " le decine dl migliaia, ecc. Tutte queste unità sono dette intere e il numero si legge: ottantaquattromilatrecentosettantadue unità. Nel numero decimale 0,2398: 2 rappresenta i decimi, 3 " i centesimi, 9 " i millesimi, 8 " i decimillesimi, ecc. Tutte queste unità sono dette decimali, e il numero si legge: due mila tre cento novantotto decimillesimi Le unità intere e decimali, sono tali che una unità di un qualunque ordine vale 10 unità dell'ordine immediatamente inferiore. Esempio: un centinaio vale 10 decine; un centesimo vale 10 millesimi; Quando un ordine di unità manca di un numero, in suo luogo, si scrive la

2 cifra 0 ( zero ). Esempio : Il numero ottomilasette, si scrive 8007 Come si scrive correttamente un numero? Si separano le cifre del numero in gruppi di tre, a partire dalla destra se il numero è intero e a partire dalla virgola, sempre verso sinistra se il numero è decimale, lasciando uno spazio o inserendo un punto (come pedice) fra i gruppi di cifre. Esempio: oppure Come si può rendere un numero 10, 100, 1000 più grande? Per rendere un numero 10, 100, 1000 volte più grande, se il numero è intero, si aggiungono 1, 2, 3.. zeri alla sua destra, così il numero 926, reso 100 volte più grande diventa , se il numero è decimale, si sposta la virgola di 1, 2, 3 posti verso destra (aggiungendo degli zeri nel caso in cui le cifre non siano in numero sufficiente); così il numero 2, 34 reso 1000 volte più grande diventa Come si può rappresentare un numero su una semiretta graduata e su una circonferenza graduata? Esempio : su una semiretta OA, segniamo dei punti equidistanti 0, 1, 2, 3, 4,... O A O 2 M 3 A il punto M rappresenta il numero 2, 7.

3 Allo stesso modo si divide la circonferenza in parti (archi) uguali, che successivamente graduiamo. Le quattro operazioni fondamentali ADDIZIONE Come si fa un'addizione Per fare correttamente un'addizione, si scrivono i numeri gli uni sotto l'altro, scrivendo in una stessa colonna le unità dello stesso ordine. Si sommano le cifre in colonna cominciando da destra e si riportano le unità di ordine superiore nella colonna seguente. Es. 2 1 riporti addendo 2 9, addendo 1 0 8, 7 = addendo 5 6 4, 2 4 somma I termini dell'addizione si chiamano addendi ed il risultato somma. L'addizione gode delle proprietà commutativa (cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia) es = 27 e = 27 associativa (associando due o più addendi la somma non cambia) es = ( ) + 18 = = 38 dissociativa ( dissociando uno o più addendi in più addendi la somma non cambia) es = = 35 gode dell'esistenza dell'elemento neutro, "lo zero" ( sommando ad un numero lo zero si ottiene il numero stesso)

4 es = 14 Prova dell'addizione Per fare la prova dell'addizione, si ripete l'operazione in senso contrario, cioè dal basso verso l'alto anziché dall'alto verso il basso. Si deve ottenere lo stesso risultato. Somma di numeri complessi Si trovano i titoli delle unità dello stesso ordine, cominciando dalle più piccole. Ogni totale che supera l'unità di ordine superiore, si decompone e si riportano le unità eccedenti. Es. 8 h 30 m 15 s + 3 h 50 m 30 s = 11 h 80 m 45 s + 1 h = riporto 12 h 20 m 45 s Somma di misure Dovendo sommare delle misure, bisogna che queste siano tutte della stessa specie ( tutte lunghezze, o tutte superfici o...) ed inoltre che siano tutte delle stessa unità di misura. Se le unità di misura sono diverse, si riducono prima nella stessa unità di misura e poi si esegue la somma.

5 SOTTRAZIONE Come si fa una sottrazione L'operazione di sottrazione si svolge scrivendo i due numeri che si debbono sottrarre, uno sotto l'altro, collocando nella stessa colonna le unità dello stesso ordine. Cominciando da destra verso sinistra si fa la sottrazione delle unità di ogni colonna. Se la cifra del numero che si deve sottrarre è più grande della cifra corrispondente del numero da cui si deve sottrarre, si aggiunge a quest'ultima cifra una unità dell'ordine superiore trasformata in dieci unità dell'ordine inferiore ( ricordando però quando si passa alla colonna successiva che la cifra del minuendo è stata diminuita di una unità), e si esegue la sottrazione. Es , 7 - minuendo 2 8, 2 = sottraendo 6 1 4, 5 differenza I termini della sottrazione si chiamano minuendo, sottraendo e differenza Prova della sottrazione Per fare la prova della sottrazione, si deve sommare la differenza ed il sottraendo, il risultato deve dare il minuendo. Differenza di numeri complessi Si sottraggono le unità dello stesso ordine cominciando dalle più piccole. Quando il numero delle unità che si debbono sottrarre è maggiore di quello da cui bisogna sottrarre, al minuendo si fa un riporto di unità dell'ordine superiore trasformato nell'ordine inferiore e si somma alle unità

6 precedenti, permettendo l'operazione. Es ' 38'' ' 98'' ' 50'' = 5 34' 50'' = 7 9' 48'' Differenze di numeri complessi Vale quanto detto per il N 4 dell'addizione. MOLTIPLICAZIONE Come si fa una moltiplicazione Si moltiplica il moltiplicatore per il moltiplicando, cominciando da destra. Se un prodotto è superiore a dieci, si fa il riporto di unità nel prodotto seguente. Quando il moltiplicatore è composto da più cifre, si moltiplica ciascuna di esse, una per volta, per il moltiplicando. Si scrivono i prodotti parziali l'uno sotto l'altro, in maniera che le cifre che rappresentano le unità dello stesso ordine siano successivamente scalate di un posto a destra (*), poi si sommano i prodotti parziali. Se il moltiplicando e (o) il moltiplicatore, cioè i fattori sono numeri decimali, nel prodotto finale, si posizionala virgola contando da destra verso sinistra tanti posti quanti sono le cifre decimali dei fattori. Es. riporto moltiplicando x x fattori moltiplicatore 4 = 3 8 = (*) prodotto x x 30

7 I termini della moltiplicazione si chiamano moltiplicando, moltiplicatore o fattori ed il risultato prodotto. moltiplicazione per 10, 100, 1000,... Per moltiplicare un numero per 10, 100, 1000,... (se il moltiplicando è intero) si aggiungono alla destra del numero tanti zeri quanti sono gli zeri del moltiplicatore. Nel caso in cui il moltiplicando sia invece un numero decimale si sposta la virgola a destra di tanti posti quanti sono gli zeri del moltiplicatore, aggiungendo eventualmente degli zeri, nel caso in cui le cifre del moltiplicando non siano in numero sufficiente. Es. 35 x 10 = 350 x 100 = ,73 x 10 = 47, 3 28, 48 x 1000 = Non è pertanto necessario fare l'operazione completa. 3. Moltiplicazione per 0,1; 0,01; 0,001;... Per moltiplicare un numero per 0,1; 0,01; 0,001;... si sposta la virgola del moltiplicando verso sinistra di tanti posti quanti sono gli zeri + 1 del moltiplicatore, se il numero delle cifre del moltiplicando non sono in numero sufficiente si aggiungono degli zeri. Nel caso in cui il numero sia intero, si considera la virgola posta a destra alla fine del numero. Es. 35 x 0,1 = 3,5 436,52 x 0,0001 = 0,43652

8 DIVISIONE I termini della divisione si chiamano dividendo, divisore, quoziente e resto. Come si esegue una divisione divisione tra due numeri interi dividendo maggiore del divisore Per fare la divisione tra due numeri interi bisogna considerare per prima cosa tante cifre del dividendo quante sono quelle del divisore. Se il divisore è più grande del numero espresso dalle cifre considerate del dividendo, a queste se ne aggiunge ancora una del dividendo Si deve ora trovare un numero che moltiplicato per il divisore, ci dia un numero uguale, o nel caso non sia possibile, che si avvicini per difetto quanto più possibile al numero individuato dalle cifre (prese in considerazione) del dividendo. A tale scopo, si considera la prima cifra del divisore e si verifica quante volte essa è contenuta nella prima o al massimo nelle prime due cifre del dividendo, l'eventuale resto lo si considera come scritto alla sinistra della successiva cifra del dividendo. Se la seconda cifra del divisore è contenuta in quest'ultimo numero lo stesso numero di volte trovato per la prima delle sue cifre, questo numero (prima cifra del quoziente) lo si scrive sotto il divisore e lo si moltiplica per quest'ultimo, il risultato ottenuto va riportato sotto le cifre del dividendo considerate e, si esegue fra queste la sottrazione; Se ciò non accade si diminuisce di una unità il numero di volte che la prima cifra del divisore è contenuta nelle cifre considerate del dividendo e si continua così finché non si verificano le condizioni del punto V.

9 Se il divisore è formato da più di due cifre, il procedimento fatto ai punti IV, V e VI per le prime due cifre viene esteso alle altre. Se il dividendo presenta ulteriori cifre, la prima fra quelle non considerate in precedenza, la si affianca al resto trovato e si ripetono tutti i passaggi fin qui espressi. Se non ci sono ulteriori cifre nel dividendo, la divisione termina, oppure si può continuarla aggiungendo uno zero al resto e la virgola al quoziente. Divisore più grande del dividendo: si aggiunge uno zero al dividendo si scrive zero seguito da una virgola al quoziente e si procede come nel caso precedente. divisione tra numeri decimali dividendo decimale e divisore intero Quando la divisione tra la parte intera del dividendo per il divisore è terminata, si scrive una virgola al quoziente e si continua come normalmente. divisore decimale - dividendo e divisore entrambi decimali Si moltiplicano entrambi i termini della divisione per 10, 100, finché il divisore non diventi intero. Come si controlla il risultato della divisione Si moltiplica il quoziente per il divisore, al prodotto si aggiunge l'eventuale resto. Se il risultato ottenuto coincide con il dividendo, la divisione è svolta correttamente. Divisione per 10, 100, 1000,... Si sposta verso sinistra la virgola di uno, due, tre,... posti, tanti, quanti sono gli zeri del divisore,

10 aggiungendo se necessario degli zeri. Se il numero è intero, si considera la virgola come scritta alla fine del numero. Divisione per 0,1; 0,01; 0,001;... Si sposta la virgola verso destra di uno, due, tre,... posti, tanti quanti sono gli zeri del divisore, aggiungendo se necessario degli zeri. Se il numero è intero, si considera la virgola come scritta alla fine del numero. Prova per nove delle quattro operazioni. Il criterio di divisibilità di 1111 numero per 9, trova una pratica applicazione per verificare l'esattezza del risultato ottenuto eseguendo una delle quattro operazioni fondamentali. Prova dell'addizione. Si calcolano i resti per 9 degli addendi. Se l'operazione è stata ben eseguita, la somma di tali resti ed il totale, divisi per 9 devono dare resti uguali Es.: resto della divisione per resto della divisione per = resto della divisione per 9 4 = 1142 resto 8 17 resto 8

11 Prova della sottrazione. Si calcola il resto della divisione per 9 del minuendo e del sottraendo. Dal primo resto (aumentato eventualmente di 9) si toglie il secondo; se questa differenza ed il risultato della sottrazione, divisi per 9 danno resti uguali, l'operazione è stata ben eseguita. Es.: resto della divisione per = resto della divisione per 9 6 = 263 resto 2 resto della divisione per 9 2 resto 2. Prova della moltiplicazione. Si calcolano i resti della divisione per 9 dei fattori e si determina il pro dotto di tali resti. Se l'operazione è stata ben eseguita, il resto della divisione per 9 di tale prodotto deve essere uguale al resto della divisione per 9 del prodotto dei numeri dati. Es.: 745 x resto della divisione per 9 7 x 32 = resto della divisione per 9 5 = 35 resto resto 8 Prova della divisione. Si calcolano i resti della divisione per 9 del divisore, del quoziente e de] resto. Si esegue il prodotto dei primi due resti, si aggiunge il terzo e si calcola il resto della divisione per 9 del numero così

12 ottenuto. Se l'operazione è stata ben eseguita, quest'ultimo resto deve essere uguale al resto della divisione per 9 del dividendo. Es.: resto del divisore 6 x resto del quoziente 2 = resto del resto 7 = resto del dividendo 1 19 resto 1 N.B. La prova per 9 delle quattro operazioni non ci assicura l'esattezza del risultato, perché se eseguendo un'operazione si commette un errore che sia 9, o un multiplo di nove, esso non risulta eseguendo la prova.

13 MISURA DEGLI ANGOLI, DEGLI ARCHI e DEI TEMPI Misura degli angoli. Per misurare gli angoli si prende per unità l'angolo di un grado, cioè l'angolo che ha una ampiezza eguale alla trecentosessantesima parte dell'angolo giro. L'angolo di un grado ha due sotto multipli, e cioè l'angolo chiamato minuto, e l'angolo chiamato secondo. L'angolo di un grado vale 60 minuti. L'angolo di un minuto vale 60 secondi. Un angolo ed un tempo non si misurano con un numero decimale, ma con un numero che si chiama numero complesso. Per esempio un angolo di 3 gradi, 5 primi e 20 secondi si indica con il numero complesso: 3 5' 20". Misura degli archi. La misura di un arco di circonferenza è la stessa dell'angolo al centro che su quella circonferenza corrisponde all'arco dato. Per esempio se un angolo al centro su una circonferenza misura 30 35', l'arco che corrisponde a questo angolo, avrà un misura di 30 35'. Misura dei tempi. L'unità di misura del. tempo è Il giorno. Il giorno ha come sottomultipli : l'ora, il minuto, il secondo. 1 giorno vale 24 ore 1 g =24h 1 ora vale 60 minuti 1 h = 60 m 1 minuto vale 60 secondi 1 m = 6O sec

14 Un tempo si indica quindi ancora con un numero complesso. Da notare che i simboli usati per indicare i minuti ed i secondi come unità di tempo sono diversi da quelli usati per indicare le unità degli angoli. TRASFORMAZIONE DI UN NUMERO COMPLESSO IN UNITA' DELL'ORDINE. PIU' PICCOLO Esempio: Trasformare 5 35 ' 40 '' in secondi. 5 valgono 60' x 5 = 300 ' 5 35' valgono 300' + 35' = 335' 335' valgono 335' x 60'' = '' 5 35' 40'' valgono '' + 40'' = '' TRASFORMARE UN NUMERO COMPLESSO IN UNITA' SUPERIORE Esempio: Trasformare '' in gradi, minuti e secondi: L'operazione si dispone così: '' ' 60 " ' " " 43''

15 16.243" valgono 4 30' 43'' LE POTENZE L'operazione potenza nasce dalla necessità di snellire l'espressione di un prodotto, quando i fattori sono tutti uguali. Ad esempio nella espressione: 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 il fattore 2 e ripetuto ben sei volte. Tale espressione può invece scriversi più brevemente 2 6 ( si legge due alla sesta). Una scrittura del tipo 2 6 chiamasi potenza. Essa come si può notare è formata da due numeri, nel nostro caso il due a cui si dà il nome di base ed il sei a cui si dà il nome esponente. E' evidente che l'esponente indica quante volte è scritto il fattore, nella nostra espressione il due è scritto ben sei volte. Così con la scrittura 3 5 si vuole indicare che il numero 3 è moltiplicato 5 volte per se stesso. Così : 2 3 = 2 x 2 x 2 ( il fattore due è "considerato" 3 volte) 2 2 = 2 x 2 ( il fattore due è "considerato" 2 volte) 2 1 = 2 ( il fattore due è "considerato" una sola volta) 2 0 = 1 ( il fattore due è "considerato" zero volte, ciò significa che esso non influisce sul risultato dell'operazione, e l'unico numero che nella moltiplicazione è ininfluente è l'uno). Ogni numero intero è dunque una potenza con esponente unitario Ogni numero elevato alla zero è uguale ad uno

16 LE PROPRIETA' DELLE POTENZE Il prodotto di potenze che hanno la stessa base è uguale ad un'altra potenza che ha per base la stessa base e come esponente la somma degli esponenti. Es. 2 3 X 2 2 = 2 5 infatti 2 x 2 x 2 X 2 x 2 = 2 x 2 x 2 x 2 x 2 Il rapporto di due potenze aventi la stessa base è uguale ad un'altra potenza avente per base la stessa base e per esponenti la differenza degli esponenti. E' intuibile infatti che, se il prodotto dà origine alla somma, il rapporto che è l'operazione contraria del prodotto, darà origine alla differenza ( operazione contraria della somma). Il prodotto di potenze aventi lo stesso esponente è uguale ad un'altra potenza avente per base il prodotto delle basi e per esponente lo stesso esponente. Es. 2 3 x 5 3 = (2 x 5) 3 = 10 3 infatti 2 x 2 x 2 x 5 x 5 x 5 e applicando al prodotto, prima la proprietà commutativa 2 x 5 x 2 x 5 x 2 x 5 e poi quella associativa, 10 x 10 x 10 = 10 3 Lo stesso risultato si può verificare attraverso l'uso del calcolo manuale o con l'ausilio della

17 calcolatrice. Il rapporto di potenze aventi lo stesso esponente è uguale ad un'altra potenza avente per base il rapporto delle basi e per esponente lo stesso esponente. Es : 5 3 = 2 3 x 10 x 10 ) : ( 5 x 5 x 5 ) applicando la proprietà dissociativa ( 2 x 5 x 2 x 5 x 2 x 5) : ( 5 x 5 x 5 ) applicando la proprietà commutativa ( 2 x 2 x 2 x 5 x 5 x 5) : ( 5 x 5 x 5 ) applicando la proprietà associativa ( 2 x 2 x 2 ) x ( 5 x 5 x 5) : ( 5 x 5 x 5 ) risulta pertanto evidente ( 2 x 2 x 2 ) = 2 3 c. v. d.

18 POTENZA DI POTENZA Una potenza che ha per base un'altra potenza dicesi potenza di potenza. Es. (2 3 ) 4 dicesi potenza di potenza, il 4 è l'esponente e 2 3 la base. La potenza di potenza è uguale ad una potenza avente per base la base della potenza primaria e per esponente il prodotto degli esponenti, così: (2 3 ) 4 = 2 12 infatti : (2 3 ) 4 = (2 3 ) x (2 3 ) x (2 3 ) x (2 3 ) 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 = 2 12 Nessuna proprietà è stata attribuita alle potenze nelle operazioni di addizioni e di sottrazioni. In tali operazioni le potenze vanno quindi calcolate preventivamente e poi se ne considera il loro valore nel contesto dell'espressione. Es = = 12.

19 DIVISIBILITA' MULTIPLI E DIVISORI Se la divisione di due numeri è esatta, se cioè il resto è zero, si dice che il primo numero (dividendo) è multiplo del secondo (divisore), o che è divisibile per il secondo. Poiché ad es., dividendo 72 per 9 si ha per resto zero, diremo che: 72 è multiplo di 9, o che 72 è divisibile per 9. In questo caso sì dice anche che 9 è un divisore di 72, o un sottomultiplo di 72. E' evidente poi che: Ogni numero maggiore di 1 ammette almeno come divisori se stesso e l'unità. I divisori di un numero sono in numero limitato. Ad es. i divisori di 13 sono so1tanto 1 e 13, i divisori di 12 sono 1, 2, 3, 4, 6, 12. Ogni prodotto è divisibile per ognuno dei suoi fattori. Ad es.: 5 x 7 x 9 = 315 è certamente divisibile per 5, 7 e 9, come risulta per una proprietà della divisione. Dato un numero qualsiasi, ad es. 9, moltiplicandolo successivamente per tutti i numeri della successione naturale 1, 2, 3, 4, 5,... otterremo i numeri 9, 18, 27, 36, 45,... che sono tutti multipli di 9, e sono evidentemente in numero illimitato. Cioè: I multipli di un dato numero si ottengono moltiplicandolo successivamente per ciascun numero della successione naturale, e seno in numero illimitato. I multipli di 2, cioè: 2, 4, 6, 8, 10,...si dicono numeri pari; tutti gli altri numeri interi non multipli di 2, si dicono numeri dispari.

20 CRITERI DI DIVISIBILITA' Studiamo ora alcune regole, chiamate criteri di divisibilità, che consentono di riconoscere se un numero è divisibile per alcuni altri, senza eseguire la divisione. Criterio di divisibilità per 2. E' evidente che i numeri divisibili per 2 sono solo i multipli di 2, cioè i numeri: 2, 4, 6, 8, 10,... Essi terminano tutti con cifra pari o con zero, ne segue che: Un numero è divisibile per 2, se termina con cifra pari, o con zero. Criterio di divisibilità per 5. I successivi multipli di 5, cioè tutti i numeri divisibili per 5 sono: 5, 10, 15, 20,... Essi terminano tutti con le cifre O oppure 5; ne segue che: Un numero è divisibile per 5, se termina con O, o con 5. Criterio di divisibilità per 10, 100, Un numero è divisibile per 10, 100, 1000,... se termina rispettivamente con 1, 2, 3,... zeri. Applicando tale regola si riconosce subito che i numeri 120, 3700, 43000, sono rispettivamente divisibili per 10, 100, Criterio di divisibilità per 4 o per 25 Un numero è divisibile per 4 o per 25, se lo è il numero formato dalle sue due ultime cifre a destra, o se termina con due zeri. Applicando tale regola si riconosce subito che i numeri: 300, 2344, 104, 2108 sono tutti divisibili per 4, mentre sono tutti divisibili per 25 i numeri: 425, 250, 1375, Divisibilità per 3, o per 9. Un numero è divisibile per 3, o per 9, se lo è la somma delle cifre.

21 Ad es. il numero 726 è divisibile per 3, perché la somma delle sue cifre: O 15 è divisibile per 3. Il numero 4356 è divisibile per 9, perché la somma delle sue cifre: = 18 è divisibile per 9. Il numero 674 ad es. non è divisibile nè per 3, nè per 9, perché non lo è la somma delle sue cifre = 17; Divisibilità per 11 Un numero è divisibile per 11, quando la differenza fra la somma delle cifre di posto dispari e la somma delle cifre di posto pari è zero, o 11, o un multiplo di 11. In un numero, le cifre di posto dispari sono la 1 a, la 3 a, la... partendo da destra verso sinistra, e le cifre di posto pari sono le altre, cioè la 2 a, la 4 a, ecc... Consideriamo ad es. il numero 8624; eseguendo la somma delle cifre di posto dispari 4 e 6, e di quelle di posto pari 2 e 8, si ha: = 10 e 2+8=10; poiché la differenza delle due somme ottenute è zero, possiamo affermare che il dato numero è divisibile per 11, come possiamo facilmente accertarci eseguendo la divisione. Se la somma delle cifre di posto dispari, risulta minore di quella delle cifre di posto pari, dalla maggiore delle due somme si sottrae l'altra. In modo analogo, considerando il numero , ed eseguendo la somma delle sue cifre di posto dispari e quella delle sue cifre di posto pari, si ha: = 29 e = 18; la differenza delle due somme ottenute: quindi il dato numero è divisibile per = 11,

22 MINIMO COMUNE MULTIPLO Per minimo comune multiplo (si indica con m.c.m.) tra due o più numeri si intende il più piccolo fra i multipli comuni dei numeri considerati. Si a data ad esempio la seguente coppia di numeri ( 4, 6 ) I multipli di 4 sono I multipli di 6 sono i multipli comuni sono evidentemente 12, 24, 36, 48, 60, 72,... il minore risulta evidentemente il 12. Si può concludere che il m.c.m. tra 4 e 6 è 12. Chiaramente non è conveniente scrivere ogni volta tutti i multipli dei numeri assegnati, al fine di ricercare il m.c.m. converrà pertanto ricorrere alla seguente regola: Si scompongono i numeri in fattori primi e si considerano i fattori comuni e non comuni una sola volta con il massimo esponente Es = = 2 * m.c.m. (4, 6) = 2 2 * 3 = 12 MASSIMO COMUNE DIVISORE Per massimo comune divisore (si indica con M.C.D.) il più grande tra i divisori comuni dei numeri considerati. Si consideri ad esempio la coppia di numeri (12, 18), I divisori di 12 sono I divisori di 18 sono I divisori comuni sono :

23 Il più grande è evidentemente il 6. Pertanto il M.C.D. tra ( 12, 18) è 6. Anche per la ricerca del M.C.D. non risulta però conveniente procedere nel modo indicato, quest'ultimo infatti, è utile solo per chiarire il concetto dello stesso, per il calcolo invece conviene seguire la seguente regola: Si scompongono i numeri in fattori primi e si considerano soltanto quelli comuni una sola volta con il minimo esponente. Es = 2 2 * = 3 2 * m.c.m. (12, 18) = 2 * 3 = 6 1 E' evidente che se i numeri assegnati non hanno divisori in comune oltre l'unità, sarà proprio quest'ultima ad essere il loro M.C.D.

24 LE FRAZIONI Ogni qualvolta si considera una o qualcuna delle parti uguali in cui viene suddiviso un qualcosa di qualsiasi natura, sia che si tratti di merce o di danaro o qualsiasi altra cosa, si parla di frazioni. Es. Prendiamo un foglio di quaderno, pieghiamolo in parti quattro parti uguali e consideriamone (colorandole magari) tre di queste quattro parti, diremo che abbiamo considerato i tre quarti del foglio. 1/4 1/4 1/4 1/4 3/4 Ognuna delle parti in cui abbiamo suddiviso il foglio rappresenta 1/4 del tutto. Di parti colorate ne abbiamo tre, quindi 3/4. Le scritture 1/4; 3/4; rappresentano il modo con cui vengono indicate le frazioni. E' evidente che per rappresentare le frazioni si ha bisogno di tre elementi: due numeri, il primo (numeratore) indica il numero delle parti considerate; il secondo (denominatore) le parti in cui abbiamo suddiviso la quantità. (Il denominatore deve essere un numero non nullo). una linea, detta linea di frazione.

25 Le frazioni sono di tre tipi: proprie improprie apparenti Una frazione si dice propria quando il numeratore è più piccolo del denominatore, impropria nel caso contrario, apparente quando numeratore e denominatore sono uguali (il loro rapporto è uno) o comunque quando il rapporto tra questi (numeratore e denominatore) dà un numero intero. Torniamo ora al foglio di quaderno, pieghiamolo in due parti uguali in senso verticale, e coloriamo una delle due parti. 1/2 la parte colorata rappresenta la metà del foglio ( 1/2 ); se ora operiamo una seconda piegatura al foglio, questa volta in senso orizzontale, il foglio risulterà suddiviso in quattro parti uguali, le parti colorate saranno ora quattro; la quantità colorata sarà però la stessa di prima. 1/4 1/4

26 Quindi in considerazione del fatto che 1/2 del foglio e i 2/4 dello stesso rappresentano la stessa parte, queste risultano equivalenti. Potremo ottenere altre frazioni equivalenti alle precedenti se continueremo ad effettuare sul foglio ulteriori piegature. Così 1/2, 2/4, 4/8... sono frazioni equivalenti. Algebricamente per passare da 1/2 a 2/4 o a 4/8, è sufficiente moltiplicare numeratore e denominatore per uno stesso numero (diverso da zero). Es. 1 = 1 x 2 = x x 4 4 = = 2 2 x x 5 5 = = 2 2 x /4 ; 4/8 ; 5/10 ;... sono tutte frazioni equivalenti ad 1/2. Con procedimento inverso, potremo dividere numeratore e denominatore per uno dei loro divisori comuni, ottenendo frazioni equivalenti a quella data. Dividendo numeratore e denominatore per il loro M.C.D. ridurremo la frazione ai minimi termini. La frazione oltre ad essere un simbolo che esprime il concetto di parte di una quantità, rappresenta anche i numeri decimali. Con la frazione infatti, si suole rappresentare una operazione, la divisione tra il numeratore (dividendo) e il denominatore (divisore), la linea di frazione rappresenta il simbolo di divisione.

27 Riduzione delle frazioni allo stesso denominatore Quando e perché bisogna ridurre le frazioni allo stesso denominatore? a) Le frazioni che non hanno lo stesso denominatore non sono facilmente confrontabili; per esempio, a prima lettura quanti saprebbero dire quale tra 4/7 e 3/5 sia la frazione maggiore? Invece, frazioni come 2/3, 7/3, 1/3 sono tutte composte da terzi di unità, e quindi più facilmente confrontabili, infatti esse sono tanto più grandi quanto lo sono i loro numeratori. Quindi per confrontare le frazioni occorre ridurle allo stesso denominatore (minimo comune multiplo). b) Per addizionare o sottrarre le frazioni tra loro. Dover ad esempio sommare i 2/3 e i 4/5 di una certa quantità può risultare in un primo momento non semplicissimo, se consideriamo invece frazioni equivalenti ad esse: 10/15 e 12/15, diremo subito che la loro somma è 22/15 Come si riducono le frazioni allo stesso denominatore? a) Si calcola il m.c.m. dei denominatori che diventa denominatore di ogni frazione. b) I precedenti denominatori risultano pertanto moltiplicati per un certo numero ( dato dal rapporto tra il m.c.m. e il precedente denominatore); dovendo ottenere frazioni equivalenti, sarà sufficiente moltiplicare i numeratori per lo stesso numero.

28 Operazioni con le frazioni addizione e sottrazione Per addizionare e (o) sottrarre delle frazioni, bisogna prima ridurle allo stesso denominatore e poi sommare e (o) sottrarre i nuovi numeratori. Es. denominatori uguali = = m.c.m.(5 ; 5) = 5 un denominatore è multiplo dell'altro = = (*) 10 m.c.m. (5 ; 10) = : 5 = 2 2 x 3 = 6 10: 10 = 1 1 x 1 = 1 i denominatori sono primi tra loro = = m.c.m. (3 ; 4) = : 3 = 4 4 x 2 = 8 12 : 4 = 3 3 x 5 = 15 i denominatori hanno divisori in comune = = m.c.m. (10 ; 4) = : 10 = 2 2 x 3 = 6 20 : 4 = 5 5 x 7 = 35

29 moltiplicazioni fra frazioni Il prodotto di due o più frazioni è uguale ad un'altra frazione che avrà per numeratore il prodotto dei numeratori e per denominatore il prodotto dei denominatori. Es x = N.B. Prima di eseguire i prodotti indicati, al fine di evitare calcoli a volte complessi, potrà risultare utile, quando è possibile, ridurre(semplificare) le frazioni ai minimi termini operando, se necessario, anche a incrocio (numeratore con il denominatore di una seconda frazione. divisioni fra frazioni Per eseguire la divisione tra due frazioni si deve moltiplicare la prima frazione con il reciproco della seconda frazione. Es : = x = Potenza di una frazione Per eseguire la potenza di una frazione si deve elevare, a seconda di quanto indica l'esponente, sia il numeratore che il denominatore.

30 Le frazioni e i numeri decimali La frazione oltre ad essere un simbolo che esprime il concetto di " parte di una quantità", rappresenta anche i numeri decimali. La frazione infatti, rappresenta una operazione, la divisione, tra il numeratore (dividendo) e il denominatore (divisore), la linea di frazione sta per il simbolo di divisione. Vediamo ora come trasformare una frazione in numero decimale e viceversa trovare la frazione generatrice del numero decimale. Trasformazione di un numero decimale in una frazione La frazione generatrice di un numero decimale avrà per: numeratore il numero stesso, omettendo però sia la virgola che gli zeri che eventualmente precedono la prima cifra non nulla, perché trascurabili. per denominatore il numero , a seconda di quante cifre decimali sono presenti nel numero da trasformare, dopo la virgola. Sarà conveniente poi ridurre la frazione ottenuta ai minimi termini. Trasformazione di una frazione in numero decimale Abbiamo già detto che la frazione rappresenta una divisione tra il numeratore ed il denominatore, quindi, per trasformare una frazione in un numero decimale sarà sufficiente eseguire tale operazione. Es. 5 4 = 1,125 la divisione ( 5 : 4 ) ha dato per resto zero N.B. Non sempre però è possibile convertire esattamente una frazione in un numero decimale.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E

ESERCIZI DI PREPARAZIONE E ESERCIZI DI PREPARAZIONE E CONSOLIDAMENTO PER I FUTURI STUDENTI DEL PRIMO LEVI si campa anche senza sapere che cos è un equazione, senza sapere suonare uno strumento musicale, senza conoscere il nome del

Dettagli

Aritmetica: operazioni ed espressioni

Aritmetica: operazioni ed espressioni / A SCUOLA DI MATEMATICA Lezioni di matematica a cura di Eugenio Amitrano Argomento n. : operazioni ed espressioni Ricostruzione di un abaco dell epoca romana - Museo RGZ di Magonza (Germania) Libero da

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI

SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI SISTEMI DI NUMERAZIONE E CODICI Il Sistema di Numerazione Decimale Il sistema decimale o sistema di numerazione a base dieci usa dieci cifre, dette cifre decimali, da O a 9. Il sistema decimale è un sistema

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre.

set 19 9.19 numeri la cui somma delle cifre dà un multiplo di tre sono divisibili per tre. MULTIPLO: IL NUMERO CHE CONTIENE UN ALTRO NUMERO UN CERTO NUMERO DI VOLTE ESATTAMENTE. LI ( I MULTIPLI) OTTENGO MOLTIPLICANDO UN NUMERO PER QUALSIASI ALTRO NUMERO: IL PRODOTTO é IL MULTIPLO. IL MULTIPLO

Dettagli

E costituito da un indice.

E costituito da un indice. Questo semplice quaderno di matematica è pensato sia per bambini e bambine che hanno problemi specifici di apprendimento sia per quei bambini e bambine che hanno solo bisogno di un ripasso prima di un

Dettagli

1 Sistema additivo e sistema posizionale

1 Sistema additivo e sistema posizionale Ci sono solamente 10 tipi di persone nel mondo: chi comprende il sistema binario e chi no. Anonimo I sistemi di numerazione e la numerazione binaria 1 Sistema additivo e sistema posizionale Contare per

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

Rita Fazzello. Le operazioni fondamentali in N e le

Rita Fazzello. Le operazioni fondamentali in N e le Le operazioni fondamentali in N e le proprieta' 1 Le operazioni fondamentali - Insieme N Clicca qui per effettuare il download dell'e-book in formato pdf 2 Le operazioni aritmetiche Le prime operazioni

Dettagli

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.

SOMMARIO. 13.1 I radicali pag. 3. 13.2 I radicali aritmetici pag. 5. 13.3 Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag. SOMMARIO CAPITOLO : I RADICALI. I radicali pag.. I radicali aritmetici pag.. Moltiplicazione e divisione fra radicali aritmetici pag.. Potenza di un radicale aritmetico pag.. Trasporto di un fattore esterno

Dettagli

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE

METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE METODI E TECNOLOGIE PER L INSEGNAMENTO DELLA MATEMATICA 2 LEZIONE LE AZIONI DEL FARE MATEMATICA OSSERVARE OSSERVARE Dalla spontanea formazione dei concetti nella mente del bambino fino alla concezione

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE

SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE SISTEMI DI NUMERAZIONE IL SISTEMA DECIMALE La base del sistema decimale è 10 I simboli del sistema decimale sono: 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Il sistema di numerazione decimale è un sistema posizionale. L aggettivo

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA MATEMATICA AREA DISCIPLINARE: MATEMATICO- SCIENTIFICO-TECNOLOGICA COMPETENZA DI Mettere in relazione il

Dettagli

In tutti i discorsi affrontati è fondamentale, tramite esempi, richiamare il fatto che tale operazione è l'inversa della moltiplicazione.

In tutti i discorsi affrontati è fondamentale, tramite esempi, richiamare il fatto che tale operazione è l'inversa della moltiplicazione. LA DIVISIONE IN PRIMA ELEMENTARE Inizialmente impostata tenendo presente che i bambini sanno già raggruppare e che raggruppare, in qualche modo, significa proprio dividere. Le tecniche iniziali di approccio

Dettagli

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE

IL NUMERO. PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare COMPETENZE ABILITA' CONOSCENZE IL NUMERO PRIMO BIENNIO: 1a - 2a elementare Utilizzare i numeri naturali fino a 100 per contare e per eseguire operazioni aritmetiche di addizione e sottrazione, sia nel calcolo mentale che scritto. Raggruppare

Dettagli

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta

Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Sistema di numerazione binario, operazioni relative e trasformazione da base due a base dieci e viceversa di Luciano Porta Anche se spesso si afferma che il sistema binario, o in base 2, fu inventato in

Dettagli

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014

Istituto Comprensivo Caposele (Av) Curricolo verticale d istituto a.sc. 2013-2014 CURRICOLO DI MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA 1. Contare oggetti o eventi, a voce e mentalmente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre, 2. Leggere e scrivere i numeri naturali

Dettagli

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr.

Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA. CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (dalla Cl. I Sc.Primaria alla Cl. III Sc.Second. 1 gr. Classe I Sc.Primaria Obiettivi Specifici di apprendimento MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO (Cl. I Sc.Primaria Cl. III Sc.Second. 1 gr.) NUMERO - Confrontare e ordinare raggruppamenti di oggetti

Dettagli

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1

Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Matematica Livello secondario I Indice del Quaderno d'accompagnamento 1 Indice / Terminologia addendo x L'addizione, la somma, l'addendo, più 1 2a 24 addizionare x L'addizione, la somma, l'addendo, più

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0

4 3 4 = 4 x 10 2 + 3 x 10 1 + 4 x 10 0 aaa 10 2 10 1 10 0 Rappresentazione dei numeri I numeri che siamo abituati ad utilizzare sono espressi utilizzando il sistema di numerazione decimale, che si chiama così perché utilizza 0 cifre (0,,2,3,4,5,6,7,8,9). Si dice

Dettagli

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO

SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO SISTEMI DI NUMERAZIONE DECIMALE E BINARIO Il sistema di numerazione decimale (o base dieci) possiede dieci possibili valori (0, 1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 o 9) utili a rappresentare i numeri. Le cifre possiedono

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI

MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI ATTIVITA OBIETTIVI SPECIFICI MATEMATICA OBIETTIVI GENERALI Acquisire maggiore capacità di osservare, di problematizzare, di ordinare, di quantificare e di misurare fatti e fenomeni della realtà; sviluppare le abilità necessarie per

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

E solo questione di metodo:

E solo questione di metodo: E solo questione di metodo: problemi e algoritmi di matematica elementare Progetto Lauree Scientifiche Scuola Estiva di Matematica (4092015) Stefano Finzi Vita Dipartimento di Matematica - Sapienza Università

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOY CARBONIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. G. Ciaschetti Fin dall antichità, l uomo ha avuto il bisogno di rappresentare le quantità in modo simbolico. Sono nati

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 2 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Sistemi di primo grado

Dettagli

Generalità sulle funzioni

Generalità sulle funzioni Capitolo Concetto di funzione Generalità sulle funzioni Definizione di funzione Definizione Dato un sottoinsieme non vuoto D di R, si chiama funzione reale di variabile reale, una relazione che ad ogni

Dettagli

I sistemi di numerazione

I sistemi di numerazione I sistemi di numerazione 01-INFORMAZIONE E SUA RAPPRESENTAZIONE Sia dato un insieme finito di caratteri distinti, che chiameremo alfabeto. Utilizzando anche ripetutamente caratteri di un alfabeto, si possono

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA

CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA CURRICOLO VERTICALE DI MATEMATICA Traguardo per lo sviluppo delle competenze Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire

Dettagli

Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria

Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria CLICCOLO, L ESERCIZIARIO INTERATTIVO CLICCOLO, L ESERCIZIARIO INTERATTIVO Guida per l insegnante Matematica per la scuola primaria Cos è Cliccolo Cliccolo è un percorso didattico interattivo e multimediale

Dettagli

MATEMATICA - CLASSE TERZA

MATEMATICA - CLASSE TERZA MATEMATICA - CLASSE TERZA I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U. A. 1 - IL NUMERO 1. Comprendere la necessità di contare e usare i numeri. 2. Conoscere la struttura dei numeri naturali. 3. Conoscere e

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO)

CURRICOLO DI MATEMATICA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) CURRICOLO DI MATEMATICA Scuola Primaria CLASSE 1^ (MONOENNIO) COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ COMPETENZA 1 RICONOSCERE, RAPPRESENTARE E RISOLVERE PROBLEMI - Decodificare immagini - Leggere un testo - Esprimersi

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA. CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VANVITELLI STRACCA ANGELINI ANCONA CORSO SERALE SIRIO Indirizzo Ragionieri MODULI DI ECONOMIA AZIENDALE e INFORMATICA DI BASE ISTVAS Ancona Indirizzo: RAGIONIERI Proff.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA IL NUMERO CLASSE PRIMA Operare con il numero e impiegare specifiche abilità disciplinari come strumenti per affrontare esperienze di vita quotidiana. Comprende il significato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI

ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE DEI LAGHI PROGRAMMA DI MATEMATICA PER LE CLASSI SECONDA E TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA SETTEMBRE 2003 COMPETENZE IN NUMERO Obiettivi: - Contare, eseguire semplici operazioni

Dettagli

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica

Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA. Abilità Contenuti Scansione cronologica Curricoli scuola primaria Disciplina: MATEMATICA classi di riferimento: QUARTA 1. Il numero Competenze Obiettivi di apprendimento 1. Conoscere e usare i numeri interi 2. Conoscere e usare le frazioni Abilità

Dettagli

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani

SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani SISTEMA DI RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI E. Giordani LEMS- Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale Conservatorio di Musica G. Rossini- Pesaro,QWURGX]LRQH Tutti i FDOFRODWRUL HOHWWURQLFL

Dettagli

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA

INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA INFANZIA PRIMARIA SECONDARIA MATEMATICA - TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE Raggruppa e ordina secondo criteri diversi. Confronta e valuta quantità. Utilizza semplici simboli per registrare. Compie

Dettagli

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE

g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Informatica Aritmetica 1 trevisini EDITORE g. Ferrari m. cerini d. giallongo Piattaforma matematica Aritmetica 1 trevisini EDITORE 2 Excel: la matematica con i fogli di calcolo Excel è il programma di fogli di calcolo, o fogli elettronici, più

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

MODULO 1 Le grandezze fisiche

MODULO 1 Le grandezze fisiche MODULO 1 Le grandezze fisiche Quante volte, ogni giorno, utilizziamo il metro, i secondi, i kilogrammi Ma forse non sappiamo quante menti di uomini ingegnosi hanno dato un senso a quei simboli per noi

Dettagli

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ;

Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; Primo anno Secondo anno Terzo anno Primo anno MATEMATICA Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Conta oggetti o eventi, a voce e a mente, in senso progressivo e regressivo e per salti di due, tre ; legge

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA. 2. Insiemi numerici. A. A. 2014-2015 L.Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 2. Insiemi numerici A. A. 2014-2015 L.Doretti 1 INSIEMI NUMERICI rappresentano la base su cui la matematica si è sviluppata costituiscono le tappe

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA

I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA I SISTEMI DI NUMERAZIONE E LA NUMERAZIONE BINARIA Indice Introduzione Il sistema decimale Il sistema binario Conversione di un numero da base 10 a base 2 e viceversa Conversione in altri sistemi di numerazione

Dettagli

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari

4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari I Numeri Binari 4. Operazioni aritmetiche con i numeri binari Contare con i numeri binari Prima di vedere quali operazioni possiamo effettuare con i numeri binari, iniziamo ad imparare a contare in binario:

Dettagli

Sistemi di Numerazione

Sistemi di Numerazione Fondamenti di Informatica per Meccanici Energetici - Biomedici 1 Sistemi di Numerazione Sistemi di Numerazione I sistemi di numerazione sono abitualmente posizionali. Gli elementi costitutivi di un sistema

Dettagli

MATEMATICA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Classi quarte - Scuola Primaria di Bellano - a.s. 2014/2015

MATEMATICA UNITÀ DI APPRENDIMENTO Classi quarte - Scuola Primaria di Bellano - a.s. 2014/2015 METODOLOGIA ATTIVITÀ - MEZZI PERIODO DI ATTUAZIONE I NUMERI NATURALI Simbolizzare la realtà con il linguaggio della matematica. Storia, Tecnologia, Italiano Lettura e scrittura di numeri naturali oltre

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria).

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria Industriale. Corso di Analisi e Geometria 2. Sezione D-G. (Docente: Federico Lastaria). Aprile 20 Indice Serie numeriche. Serie convergenti, divergenti, indeterminate.....................

Dettagli

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti

Guardiamo ora però la cosa da un altro punto di vista analizzando il seguente grafico a forma di torta. La torta in 5 parti L EQUIVALENZA FRA I NUMERI RAZIONALI (cioè le frazioni), I NUMERI DECIMALI (quelli spesso con la virgola) ED I NUMERI PERCENTUALI (quelli col simbolo %). Ora vedremo che ogni frazione (sia propria, che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE PRIMA 1. : PADRONEGGIARE ABILITÀ DI CALCOLO ORALE E SCRITTO 1.1 Leggere, scrivere, comporre, scomporre, confrontare, ordinare i numeri fino a 20 1.2 Eseguire

Dettagli

NUMERI E SUCCESSIONI

NUMERI E SUCCESSIONI NUMERI E SUCCESSIONI Giovanni Maria Troianiello 1 Notazioni insiemistiche. Numeri naturali, interi, razionali Notazioni insiemistiche Si sa cosa s intende quando si parla di insieme (o famiglia, o classe)

Dettagli

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria

90.1 Sistemi di numerazione. 90.1.1 Sistema decimale. 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 605 Capitolo 90 Dai sistemi di numerazione all organizzazione della memoria 90.1 Sistemi di numerazione.................................................... 605 90.1.1 Sistema decimale..................................................

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TERAMO CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA BANCARIA FINANZIARIA ED ASSICURATIVA (Classe 7) Corso di Matematica per l Economia (Prof. F. Eugeni) TEST DI INGRESSO Teramo, ottobre 00 SEZIONE

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA PRIMO BIENNIO CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA COMPETENZA 1 UTILIZZARE CON SICUREZZA LE TECNICHE E LE PROCEDURE DI CALCOLO ARITMETICO SCRITTO E MENTALE CON RIFERIMENTO A CONTESTI REALI Stabilire

Dettagli

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore.

Nel seguito verranno esaminati i diversi tipi di dato e il modo in cui essi sono rappresentati all interno del calcolatore. In una delle molteplici possibili definizioni di informazione, questa viene fatta corrispondere a qualunque elemento, in grado di essere rappresentato e comunicato, che consenta di fornire o aumentare

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria

CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria CURRICOLO di MATEMATICA Scuola Primaria MATEMATICA CLASSE I Indicatori Competenze Contenuti e processi NUMERI Contare oggetti o eventi con la voce in senso progressivo e regressivo Riconoscere e utilizzare

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1

MATEMATICA. Classe I Classe II Classe III Classe IV Classe V Traguardo 1 MATEMATICA COMPETENZE Dimostra conoscenze matematiche che gli consentono di analizzare dati e fatti della realtà e di verificare l'attendibilità delle analisi quantitative e statistiche proposte da altri.

Dettagli

MATEMATICA Classe III

MATEMATICA Classe III MATEMATICA Classe III PROBLEMI - Riconoscere, rappresentare e risolvere problemi 1) Individuare situazioni problematiche nei vari contesti (di gioco, di scuola, di vita familiare...) 2) Individuare i dati

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico

Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Dividendo si impara anche il pensiero dei bambini può tracciare un percorso matematico Monica Falleri, Sandra Taccetti 2013 Argomenti da trattare la discussione come elemento centrale nell apprendimento

Dettagli

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~

FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~ FUNZIONI GONIOMETRICHE INVERSE ed applicazione alla risoluzione di equazioni goniometriche ~~~~~~~~~~~~~. LE EQUAZIONI "sen = a" E "cos = a" È noto che, fissato un qualsiasi numero reale a compreso tra

Dettagli

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive.

Lezione 6. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Lezione 6 Prerequisiti: L'insieme dei numeri interi. Lezione 5. Divisibilità e divisori. Teorema di divisione euclidea. Algoritmo delle divisioni successive. Questa è la prima lezione dedicata all'anello

Dettagli

Corso basilare di programmazione

Corso basilare di programmazione Parte vi Corso basilare di programmazione Introduzione............................................ 947 Programma didattico.................................. 947 Strumenti per la compilazione..........................

Dettagli

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree

MODULO DI MATEMATICA. di accesso al triennio. Potenze. Proporzioni. Figure piane. Calcolo di aree MODULO DI MATEMATICA di accesso al triennio Abilità interessate Utilizzare terminologia specifica. Essere consapevoli della necessità di un linguaggio condiviso. Utilizzare il disegno geometrico, per assimilare

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE PRIMA scuola PRIMARIA CONTENUTI OBIETTIVI COMPETENZE ATTIVITA NUMERI Numeri naturali Ordinalità Cardinalità Ricorsività Confronto Misura Valore posizionale Operazioni Contare

Dettagli

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE

COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE COMPETENZA NUMERICA I SISTEMI DI NUMERAZIONE Macroindicatori di conoscenze/abilità Comprensione: -del significato dei numeri -dei modi per rappresentarli -della notazione posizionale dei traguardi per

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare materiali e quantità.

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

1 NUMERI MATEMATICA C 3 -ALGEBRA 1

1 NUMERI MATEMATICA C 3 -ALGEBRA 1 MATEMATICA C -ALGEBRA NUMERI One door, one key... Photo by: SilvrFoX Taken from: http://www.flickr.com/photos/0054@n08/78558/ License: Creative Commons Attribution NUMERI Indice.NUMERI NATURALI.... L'origine

Dettagli

scaricato da www.risorsedidattiche.net

scaricato da www.risorsedidattiche.net MOLTIPLICA E DIVIDI PER 10, 100, 1.000 A. Osserva, scrivi i risultati e poi completa la regola. X10 X1.000 X100 1 X 10 = 1 X 100 = 1 X 1.000 = Regola Se moltiplico un numero per 10 scrivo questo numero

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 1) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

LA NUMERAZIONE BINARIA

LA NUMERAZIONE BINARIA LA NUMERAZIONE BINARIA 5 I SISTEMI DI NUMERAZIONE Fin dalla preistoria l uomo ha avuto la necessità di fare calcoli, utilizzando svariati tipi di dispositivi: manuali (mani, bastoncini, sassi, abaco),

Dettagli

Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto

Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto Seconda media A Istituto Elvetico Lugano 2014 2015 prof. Mazzetti Roberto Carissimi, eccovi gli argomenti trattati in quest anno scolastico. Ti servono quale ripasso!!!se qualcosa non fosse chiaro batti

Dettagli

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia

Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia Programmazione Annuale di Matematica della Scuola Secondaria di Primo Grado Caccia L'educazione matematica ha il compito di avviare l'alunno verso una maggiore consapevolezza e padronanza del pensiero

Dettagli

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE

MATEMATICA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE Il bambino raggruppa e ordina oggetti e materiali secondo criteri diversi. Identifica alcune proprietà dei materiali. Confronta e valuta quantità. Utilizza simboli per registrare

Dettagli

Codifica binaria dei numeri

Codifica binaria dei numeri Codifica binaria dei numeri Caso più semplice: in modo posizionale (spesso detto codifica binaria tout court) Esempio con numero naturale: con 8 bit 39 = Codifica in virgola fissa dei numeri float: si

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Il numero. Indice. esercizi 266-285 267. mi autovaluto 14. mi autovaluto 28. Il sistema di numerazione decimale 5. Le operazioni fondamentali 15

Il numero. Indice. esercizi 266-285 267. mi autovaluto 14. mi autovaluto 28. Il sistema di numerazione decimale 5. Le operazioni fondamentali 15 Indice Il numero Per orientarti 2 unità di apprendimento 1 Il sistema di numerazione decimale 5 Cifre e numeri 6 Valore assoluto e valore relativo, p. 7 La scrittura polinomiale 8 L insieme N 9 Rappresentazione

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Sviluppare un atteggiamento positivo nei confronti della matematica. Obiettivi di apprendimento NUMERI Acquisire

Dettagli

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità di

Dettagli

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica

Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Campo/ area/ materia Periodo di riferimento Nucleo tematico??? Macroindicato re??? Traguardo di competenza Area matematico-scientifico-tecnologica: matematica Scuola primaria: classe 1^ NUMERI L alunno

Dettagli

Alessandro Pellegrini

Alessandro Pellegrini Esercitazione sulle Rappresentazioni Numeriche Esistono 1 tipi di persone al mondo: quelli che conoscono il codice binario e quelli che non lo conoscono Alessandro Pellegrini Cosa studiare prima Conversione

Dettagli

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI

ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI ATTIVITÀ PRATICHE PER DISCALCULICI (Indicazioni di Cristiana Zucca, insegnante referente per la dislessia nella scuola primaria di Argentera Canavese. Spunti tratti da "La discalculia evolutiva" Biancardi-

Dettagli

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896

(71,1), (35,1), (17,1), (8,1), (4,0), (2,0), (1,0), (0,1) 0, 7155 2 = 1, 431 0, 431 2 = 0, 862 0, 896 2 = 1, 792 0, 724 2 = 1, 448 0, 448 2 = 0, 896 2 Esercizio 2.2 La rappresentazione esadecimale prevede 16 configurazioni corrispondenti a 4 bit. Il contenuto di una parola di 16 bit può essere rappresentato direttamente con 4 digit esadecimali, sostituendo

Dettagli