Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una"

Transcript

1 NUMERI INTERI E NUMERI DECIMALI Come si può esprimere il risultato dl un conteggio e di una misura? Quando si dice che In una cassetta sono contenuti 45 penne e che una lamiera misura 1,35 m. dl lunghezza, si esprime il risυltato di un conteggio o di una misura. Questi risultati si esprimono dunque per mezzo di numeri: 45 è un numero intero; 1,35 è un numero decimale. Che cosa rappresenta ciascuna cifra di un numero? Ciascuna delle cifre di un numero rappresenta delle unità di un certo ordine. Esempio: Nel numero Intero rappresenta le unità semplici, 7 " le decine, 3 " le centinale, 4 " le migliaia, 8 " le decine dl migliaia, ecc. Tutte queste unità sono dette intere e il numero si legge: ottantaquattromilatrecentosettantadue unità. Nel numero decimale 0,2398: 2 rappresenta i decimi, 3 " i centesimi, 9 " i millesimi, 8 " i decimillesimi, ecc. Tutte queste unità sono dette decimali, e il numero si legge: due mila tre cento novantotto decimillesimi Le unità intere e decimali, sono tali che una unità di un qualunque ordine vale 10 unità dell'ordine immediatamente inferiore. Esempio: un centinaio vale 10 decine; un centesimo vale 10 millesimi; Quando un ordine di unità manca di un numero, in suo luogo, si scrive la

2 cifra 0 ( zero ). Esempio : Il numero ottomilasette, si scrive 8007 Come si scrive correttamente un numero? Si separano le cifre del numero in gruppi di tre, a partire dalla destra se il numero è intero e a partire dalla virgola, sempre verso sinistra se il numero è decimale, lasciando uno spazio o inserendo un punto (come pedice) fra i gruppi di cifre. Esempio: oppure Come si può rendere un numero 10, 100, 1000 più grande? Per rendere un numero 10, 100, 1000 volte più grande, se il numero è intero, si aggiungono 1, 2, 3.. zeri alla sua destra, così il numero 926, reso 100 volte più grande diventa , se il numero è decimale, si sposta la virgola di 1, 2, 3 posti verso destra (aggiungendo degli zeri nel caso in cui le cifre non siano in numero sufficiente); così il numero 2, 34 reso 1000 volte più grande diventa Come si può rappresentare un numero su una semiretta graduata e su una circonferenza graduata? Esempio : su una semiretta OA, segniamo dei punti equidistanti 0, 1, 2, 3, 4,... O A O 2 M 3 A il punto M rappresenta il numero 2, 7.

3 Allo stesso modo si divide la circonferenza in parti (archi) uguali, che successivamente graduiamo. Le quattro operazioni fondamentali ADDIZIONE Come si fa un'addizione Per fare correttamente un'addizione, si scrivono i numeri gli uni sotto l'altro, scrivendo in una stessa colonna le unità dello stesso ordine. Si sommano le cifre in colonna cominciando da destra e si riportano le unità di ordine superiore nella colonna seguente. Es. 2 1 riporti addendo 2 9, addendo 1 0 8, 7 = addendo 5 6 4, 2 4 somma I termini dell'addizione si chiamano addendi ed il risultato somma. L'addizione gode delle proprietà commutativa (cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia) es = 27 e = 27 associativa (associando due o più addendi la somma non cambia) es = ( ) + 18 = = 38 dissociativa ( dissociando uno o più addendi in più addendi la somma non cambia) es = = 35 gode dell'esistenza dell'elemento neutro, "lo zero" ( sommando ad un numero lo zero si ottiene il numero stesso)

4 es = 14 Prova dell'addizione Per fare la prova dell'addizione, si ripete l'operazione in senso contrario, cioè dal basso verso l'alto anziché dall'alto verso il basso. Si deve ottenere lo stesso risultato. Somma di numeri complessi Si trovano i titoli delle unità dello stesso ordine, cominciando dalle più piccole. Ogni totale che supera l'unità di ordine superiore, si decompone e si riportano le unità eccedenti. Es. 8 h 30 m 15 s + 3 h 50 m 30 s = 11 h 80 m 45 s + 1 h = riporto 12 h 20 m 45 s Somma di misure Dovendo sommare delle misure, bisogna che queste siano tutte della stessa specie ( tutte lunghezze, o tutte superfici o...) ed inoltre che siano tutte delle stessa unità di misura. Se le unità di misura sono diverse, si riducono prima nella stessa unità di misura e poi si esegue la somma.

5 SOTTRAZIONE Come si fa una sottrazione L'operazione di sottrazione si svolge scrivendo i due numeri che si debbono sottrarre, uno sotto l'altro, collocando nella stessa colonna le unità dello stesso ordine. Cominciando da destra verso sinistra si fa la sottrazione delle unità di ogni colonna. Se la cifra del numero che si deve sottrarre è più grande della cifra corrispondente del numero da cui si deve sottrarre, si aggiunge a quest'ultima cifra una unità dell'ordine superiore trasformata in dieci unità dell'ordine inferiore ( ricordando però quando si passa alla colonna successiva che la cifra del minuendo è stata diminuita di una unità), e si esegue la sottrazione. Es , 7 - minuendo 2 8, 2 = sottraendo 6 1 4, 5 differenza I termini della sottrazione si chiamano minuendo, sottraendo e differenza Prova della sottrazione Per fare la prova della sottrazione, si deve sommare la differenza ed il sottraendo, il risultato deve dare il minuendo. Differenza di numeri complessi Si sottraggono le unità dello stesso ordine cominciando dalle più piccole. Quando il numero delle unità che si debbono sottrarre è maggiore di quello da cui bisogna sottrarre, al minuendo si fa un riporto di unità dell'ordine superiore trasformato nell'ordine inferiore e si somma alle unità

6 precedenti, permettendo l'operazione. Es ' 38'' ' 98'' ' 50'' = 5 34' 50'' = 7 9' 48'' Differenze di numeri complessi Vale quanto detto per il N 4 dell'addizione. MOLTIPLICAZIONE Come si fa una moltiplicazione Si moltiplica il moltiplicatore per il moltiplicando, cominciando da destra. Se un prodotto è superiore a dieci, si fa il riporto di unità nel prodotto seguente. Quando il moltiplicatore è composto da più cifre, si moltiplica ciascuna di esse, una per volta, per il moltiplicando. Si scrivono i prodotti parziali l'uno sotto l'altro, in maniera che le cifre che rappresentano le unità dello stesso ordine siano successivamente scalate di un posto a destra (*), poi si sommano i prodotti parziali. Se il moltiplicando e (o) il moltiplicatore, cioè i fattori sono numeri decimali, nel prodotto finale, si posizionala virgola contando da destra verso sinistra tanti posti quanti sono le cifre decimali dei fattori. Es. riporto moltiplicando x x fattori moltiplicatore 4 = 3 8 = (*) prodotto x x 30

7 I termini della moltiplicazione si chiamano moltiplicando, moltiplicatore o fattori ed il risultato prodotto. moltiplicazione per 10, 100, 1000,... Per moltiplicare un numero per 10, 100, 1000,... (se il moltiplicando è intero) si aggiungono alla destra del numero tanti zeri quanti sono gli zeri del moltiplicatore. Nel caso in cui il moltiplicando sia invece un numero decimale si sposta la virgola a destra di tanti posti quanti sono gli zeri del moltiplicatore, aggiungendo eventualmente degli zeri, nel caso in cui le cifre del moltiplicando non siano in numero sufficiente. Es. 35 x 10 = 350 x 100 = ,73 x 10 = 47, 3 28, 48 x 1000 = Non è pertanto necessario fare l'operazione completa. 3. Moltiplicazione per 0,1; 0,01; 0,001;... Per moltiplicare un numero per 0,1; 0,01; 0,001;... si sposta la virgola del moltiplicando verso sinistra di tanti posti quanti sono gli zeri + 1 del moltiplicatore, se il numero delle cifre del moltiplicando non sono in numero sufficiente si aggiungono degli zeri. Nel caso in cui il numero sia intero, si considera la virgola posta a destra alla fine del numero. Es. 35 x 0,1 = 3,5 436,52 x 0,0001 = 0,43652

8 DIVISIONE I termini della divisione si chiamano dividendo, divisore, quoziente e resto. Come si esegue una divisione divisione tra due numeri interi dividendo maggiore del divisore Per fare la divisione tra due numeri interi bisogna considerare per prima cosa tante cifre del dividendo quante sono quelle del divisore. Se il divisore è più grande del numero espresso dalle cifre considerate del dividendo, a queste se ne aggiunge ancora una del dividendo Si deve ora trovare un numero che moltiplicato per il divisore, ci dia un numero uguale, o nel caso non sia possibile, che si avvicini per difetto quanto più possibile al numero individuato dalle cifre (prese in considerazione) del dividendo. A tale scopo, si considera la prima cifra del divisore e si verifica quante volte essa è contenuta nella prima o al massimo nelle prime due cifre del dividendo, l'eventuale resto lo si considera come scritto alla sinistra della successiva cifra del dividendo. Se la seconda cifra del divisore è contenuta in quest'ultimo numero lo stesso numero di volte trovato per la prima delle sue cifre, questo numero (prima cifra del quoziente) lo si scrive sotto il divisore e lo si moltiplica per quest'ultimo, il risultato ottenuto va riportato sotto le cifre del dividendo considerate e, si esegue fra queste la sottrazione; Se ciò non accade si diminuisce di una unità il numero di volte che la prima cifra del divisore è contenuta nelle cifre considerate del dividendo e si continua così finché non si verificano le condizioni del punto V.

9 Se il divisore è formato da più di due cifre, il procedimento fatto ai punti IV, V e VI per le prime due cifre viene esteso alle altre. Se il dividendo presenta ulteriori cifre, la prima fra quelle non considerate in precedenza, la si affianca al resto trovato e si ripetono tutti i passaggi fin qui espressi. Se non ci sono ulteriori cifre nel dividendo, la divisione termina, oppure si può continuarla aggiungendo uno zero al resto e la virgola al quoziente. Divisore più grande del dividendo: si aggiunge uno zero al dividendo si scrive zero seguito da una virgola al quoziente e si procede come nel caso precedente. divisione tra numeri decimali dividendo decimale e divisore intero Quando la divisione tra la parte intera del dividendo per il divisore è terminata, si scrive una virgola al quoziente e si continua come normalmente. divisore decimale - dividendo e divisore entrambi decimali Si moltiplicano entrambi i termini della divisione per 10, 100, finché il divisore non diventi intero. Come si controlla il risultato della divisione Si moltiplica il quoziente per il divisore, al prodotto si aggiunge l'eventuale resto. Se il risultato ottenuto coincide con il dividendo, la divisione è svolta correttamente. Divisione per 10, 100, 1000,... Si sposta verso sinistra la virgola di uno, due, tre,... posti, tanti, quanti sono gli zeri del divisore,

10 aggiungendo se necessario degli zeri. Se il numero è intero, si considera la virgola come scritta alla fine del numero. Divisione per 0,1; 0,01; 0,001;... Si sposta la virgola verso destra di uno, due, tre,... posti, tanti quanti sono gli zeri del divisore, aggiungendo se necessario degli zeri. Se il numero è intero, si considera la virgola come scritta alla fine del numero. Prova per nove delle quattro operazioni. Il criterio di divisibilità di 1111 numero per 9, trova una pratica applicazione per verificare l'esattezza del risultato ottenuto eseguendo una delle quattro operazioni fondamentali. Prova dell'addizione. Si calcolano i resti per 9 degli addendi. Se l'operazione è stata ben eseguita, la somma di tali resti ed il totale, divisi per 9 devono dare resti uguali Es.: resto della divisione per resto della divisione per = resto della divisione per 9 4 = 1142 resto 8 17 resto 8

11 Prova della sottrazione. Si calcola il resto della divisione per 9 del minuendo e del sottraendo. Dal primo resto (aumentato eventualmente di 9) si toglie il secondo; se questa differenza ed il risultato della sottrazione, divisi per 9 danno resti uguali, l'operazione è stata ben eseguita. Es.: resto della divisione per = resto della divisione per 9 6 = 263 resto 2 resto della divisione per 9 2 resto 2. Prova della moltiplicazione. Si calcolano i resti della divisione per 9 dei fattori e si determina il pro dotto di tali resti. Se l'operazione è stata ben eseguita, il resto della divisione per 9 di tale prodotto deve essere uguale al resto della divisione per 9 del prodotto dei numeri dati. Es.: 745 x resto della divisione per 9 7 x 32 = resto della divisione per 9 5 = 35 resto resto 8 Prova della divisione. Si calcolano i resti della divisione per 9 del divisore, del quoziente e de] resto. Si esegue il prodotto dei primi due resti, si aggiunge il terzo e si calcola il resto della divisione per 9 del numero così

12 ottenuto. Se l'operazione è stata ben eseguita, quest'ultimo resto deve essere uguale al resto della divisione per 9 del dividendo. Es.: resto del divisore 6 x resto del quoziente 2 = resto del resto 7 = resto del dividendo 1 19 resto 1 N.B. La prova per 9 delle quattro operazioni non ci assicura l'esattezza del risultato, perché se eseguendo un'operazione si commette un errore che sia 9, o un multiplo di nove, esso non risulta eseguendo la prova.

13 MISURA DEGLI ANGOLI, DEGLI ARCHI e DEI TEMPI Misura degli angoli. Per misurare gli angoli si prende per unità l'angolo di un grado, cioè l'angolo che ha una ampiezza eguale alla trecentosessantesima parte dell'angolo giro. L'angolo di un grado ha due sotto multipli, e cioè l'angolo chiamato minuto, e l'angolo chiamato secondo. L'angolo di un grado vale 60 minuti. L'angolo di un minuto vale 60 secondi. Un angolo ed un tempo non si misurano con un numero decimale, ma con un numero che si chiama numero complesso. Per esempio un angolo di 3 gradi, 5 primi e 20 secondi si indica con il numero complesso: 3 5' 20". Misura degli archi. La misura di un arco di circonferenza è la stessa dell'angolo al centro che su quella circonferenza corrisponde all'arco dato. Per esempio se un angolo al centro su una circonferenza misura 30 35', l'arco che corrisponde a questo angolo, avrà un misura di 30 35'. Misura dei tempi. L'unità di misura del. tempo è Il giorno. Il giorno ha come sottomultipli : l'ora, il minuto, il secondo. 1 giorno vale 24 ore 1 g =24h 1 ora vale 60 minuti 1 h = 60 m 1 minuto vale 60 secondi 1 m = 6O sec

14 Un tempo si indica quindi ancora con un numero complesso. Da notare che i simboli usati per indicare i minuti ed i secondi come unità di tempo sono diversi da quelli usati per indicare le unità degli angoli. TRASFORMAZIONE DI UN NUMERO COMPLESSO IN UNITA' DELL'ORDINE. PIU' PICCOLO Esempio: Trasformare 5 35 ' 40 '' in secondi. 5 valgono 60' x 5 = 300 ' 5 35' valgono 300' + 35' = 335' 335' valgono 335' x 60'' = '' 5 35' 40'' valgono '' + 40'' = '' TRASFORMARE UN NUMERO COMPLESSO IN UNITA' SUPERIORE Esempio: Trasformare '' in gradi, minuti e secondi: L'operazione si dispone così: '' ' 60 " ' " " 43''

15 16.243" valgono 4 30' 43'' LE POTENZE L'operazione potenza nasce dalla necessità di snellire l'espressione di un prodotto, quando i fattori sono tutti uguali. Ad esempio nella espressione: 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 il fattore 2 e ripetuto ben sei volte. Tale espressione può invece scriversi più brevemente 2 6 ( si legge due alla sesta). Una scrittura del tipo 2 6 chiamasi potenza. Essa come si può notare è formata da due numeri, nel nostro caso il due a cui si dà il nome di base ed il sei a cui si dà il nome esponente. E' evidente che l'esponente indica quante volte è scritto il fattore, nella nostra espressione il due è scritto ben sei volte. Così con la scrittura 3 5 si vuole indicare che il numero 3 è moltiplicato 5 volte per se stesso. Così : 2 3 = 2 x 2 x 2 ( il fattore due è "considerato" 3 volte) 2 2 = 2 x 2 ( il fattore due è "considerato" 2 volte) 2 1 = 2 ( il fattore due è "considerato" una sola volta) 2 0 = 1 ( il fattore due è "considerato" zero volte, ciò significa che esso non influisce sul risultato dell'operazione, e l'unico numero che nella moltiplicazione è ininfluente è l'uno). Ogni numero intero è dunque una potenza con esponente unitario Ogni numero elevato alla zero è uguale ad uno

16 LE PROPRIETA' DELLE POTENZE Il prodotto di potenze che hanno la stessa base è uguale ad un'altra potenza che ha per base la stessa base e come esponente la somma degli esponenti. Es. 2 3 X 2 2 = 2 5 infatti 2 x 2 x 2 X 2 x 2 = 2 x 2 x 2 x 2 x 2 Il rapporto di due potenze aventi la stessa base è uguale ad un'altra potenza avente per base la stessa base e per esponenti la differenza degli esponenti. E' intuibile infatti che, se il prodotto dà origine alla somma, il rapporto che è l'operazione contraria del prodotto, darà origine alla differenza ( operazione contraria della somma). Il prodotto di potenze aventi lo stesso esponente è uguale ad un'altra potenza avente per base il prodotto delle basi e per esponente lo stesso esponente. Es. 2 3 x 5 3 = (2 x 5) 3 = 10 3 infatti 2 x 2 x 2 x 5 x 5 x 5 e applicando al prodotto, prima la proprietà commutativa 2 x 5 x 2 x 5 x 2 x 5 e poi quella associativa, 10 x 10 x 10 = 10 3 Lo stesso risultato si può verificare attraverso l'uso del calcolo manuale o con l'ausilio della

17 calcolatrice. Il rapporto di potenze aventi lo stesso esponente è uguale ad un'altra potenza avente per base il rapporto delle basi e per esponente lo stesso esponente. Es : 5 3 = 2 3 x 10 x 10 ) : ( 5 x 5 x 5 ) applicando la proprietà dissociativa ( 2 x 5 x 2 x 5 x 2 x 5) : ( 5 x 5 x 5 ) applicando la proprietà commutativa ( 2 x 2 x 2 x 5 x 5 x 5) : ( 5 x 5 x 5 ) applicando la proprietà associativa ( 2 x 2 x 2 ) x ( 5 x 5 x 5) : ( 5 x 5 x 5 ) risulta pertanto evidente ( 2 x 2 x 2 ) = 2 3 c. v. d.

18 POTENZA DI POTENZA Una potenza che ha per base un'altra potenza dicesi potenza di potenza. Es. (2 3 ) 4 dicesi potenza di potenza, il 4 è l'esponente e 2 3 la base. La potenza di potenza è uguale ad una potenza avente per base la base della potenza primaria e per esponente il prodotto degli esponenti, così: (2 3 ) 4 = 2 12 infatti : (2 3 ) 4 = (2 3 ) x (2 3 ) x (2 3 ) x (2 3 ) 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 x 2 = 2 12 Nessuna proprietà è stata attribuita alle potenze nelle operazioni di addizioni e di sottrazioni. In tali operazioni le potenze vanno quindi calcolate preventivamente e poi se ne considera il loro valore nel contesto dell'espressione. Es = = 12.

19 DIVISIBILITA' MULTIPLI E DIVISORI Se la divisione di due numeri è esatta, se cioè il resto è zero, si dice che il primo numero (dividendo) è multiplo del secondo (divisore), o che è divisibile per il secondo. Poiché ad es., dividendo 72 per 9 si ha per resto zero, diremo che: 72 è multiplo di 9, o che 72 è divisibile per 9. In questo caso sì dice anche che 9 è un divisore di 72, o un sottomultiplo di 72. E' evidente poi che: Ogni numero maggiore di 1 ammette almeno come divisori se stesso e l'unità. I divisori di un numero sono in numero limitato. Ad es. i divisori di 13 sono so1tanto 1 e 13, i divisori di 12 sono 1, 2, 3, 4, 6, 12. Ogni prodotto è divisibile per ognuno dei suoi fattori. Ad es.: 5 x 7 x 9 = 315 è certamente divisibile per 5, 7 e 9, come risulta per una proprietà della divisione. Dato un numero qualsiasi, ad es. 9, moltiplicandolo successivamente per tutti i numeri della successione naturale 1, 2, 3, 4, 5,... otterremo i numeri 9, 18, 27, 36, 45,... che sono tutti multipli di 9, e sono evidentemente in numero illimitato. Cioè: I multipli di un dato numero si ottengono moltiplicandolo successivamente per ciascun numero della successione naturale, e seno in numero illimitato. I multipli di 2, cioè: 2, 4, 6, 8, 10,...si dicono numeri pari; tutti gli altri numeri interi non multipli di 2, si dicono numeri dispari.

20 CRITERI DI DIVISIBILITA' Studiamo ora alcune regole, chiamate criteri di divisibilità, che consentono di riconoscere se un numero è divisibile per alcuni altri, senza eseguire la divisione. Criterio di divisibilità per 2. E' evidente che i numeri divisibili per 2 sono solo i multipli di 2, cioè i numeri: 2, 4, 6, 8, 10,... Essi terminano tutti con cifra pari o con zero, ne segue che: Un numero è divisibile per 2, se termina con cifra pari, o con zero. Criterio di divisibilità per 5. I successivi multipli di 5, cioè tutti i numeri divisibili per 5 sono: 5, 10, 15, 20,... Essi terminano tutti con le cifre O oppure 5; ne segue che: Un numero è divisibile per 5, se termina con O, o con 5. Criterio di divisibilità per 10, 100, Un numero è divisibile per 10, 100, 1000,... se termina rispettivamente con 1, 2, 3,... zeri. Applicando tale regola si riconosce subito che i numeri 120, 3700, 43000, sono rispettivamente divisibili per 10, 100, Criterio di divisibilità per 4 o per 25 Un numero è divisibile per 4 o per 25, se lo è il numero formato dalle sue due ultime cifre a destra, o se termina con due zeri. Applicando tale regola si riconosce subito che i numeri: 300, 2344, 104, 2108 sono tutti divisibili per 4, mentre sono tutti divisibili per 25 i numeri: 425, 250, 1375, Divisibilità per 3, o per 9. Un numero è divisibile per 3, o per 9, se lo è la somma delle cifre.

21 Ad es. il numero 726 è divisibile per 3, perché la somma delle sue cifre: O 15 è divisibile per 3. Il numero 4356 è divisibile per 9, perché la somma delle sue cifre: = 18 è divisibile per 9. Il numero 674 ad es. non è divisibile nè per 3, nè per 9, perché non lo è la somma delle sue cifre = 17; Divisibilità per 11 Un numero è divisibile per 11, quando la differenza fra la somma delle cifre di posto dispari e la somma delle cifre di posto pari è zero, o 11, o un multiplo di 11. In un numero, le cifre di posto dispari sono la 1 a, la 3 a, la... partendo da destra verso sinistra, e le cifre di posto pari sono le altre, cioè la 2 a, la 4 a, ecc... Consideriamo ad es. il numero 8624; eseguendo la somma delle cifre di posto dispari 4 e 6, e di quelle di posto pari 2 e 8, si ha: = 10 e 2+8=10; poiché la differenza delle due somme ottenute è zero, possiamo affermare che il dato numero è divisibile per 11, come possiamo facilmente accertarci eseguendo la divisione. Se la somma delle cifre di posto dispari, risulta minore di quella delle cifre di posto pari, dalla maggiore delle due somme si sottrae l'altra. In modo analogo, considerando il numero , ed eseguendo la somma delle sue cifre di posto dispari e quella delle sue cifre di posto pari, si ha: = 29 e = 18; la differenza delle due somme ottenute: quindi il dato numero è divisibile per = 11,

22 MINIMO COMUNE MULTIPLO Per minimo comune multiplo (si indica con m.c.m.) tra due o più numeri si intende il più piccolo fra i multipli comuni dei numeri considerati. Si a data ad esempio la seguente coppia di numeri ( 4, 6 ) I multipli di 4 sono I multipli di 6 sono i multipli comuni sono evidentemente 12, 24, 36, 48, 60, 72,... il minore risulta evidentemente il 12. Si può concludere che il m.c.m. tra 4 e 6 è 12. Chiaramente non è conveniente scrivere ogni volta tutti i multipli dei numeri assegnati, al fine di ricercare il m.c.m. converrà pertanto ricorrere alla seguente regola: Si scompongono i numeri in fattori primi e si considerano i fattori comuni e non comuni una sola volta con il massimo esponente Es = = 2 * m.c.m. (4, 6) = 2 2 * 3 = 12 MASSIMO COMUNE DIVISORE Per massimo comune divisore (si indica con M.C.D.) il più grande tra i divisori comuni dei numeri considerati. Si consideri ad esempio la coppia di numeri (12, 18), I divisori di 12 sono I divisori di 18 sono I divisori comuni sono :

23 Il più grande è evidentemente il 6. Pertanto il M.C.D. tra ( 12, 18) è 6. Anche per la ricerca del M.C.D. non risulta però conveniente procedere nel modo indicato, quest'ultimo infatti, è utile solo per chiarire il concetto dello stesso, per il calcolo invece conviene seguire la seguente regola: Si scompongono i numeri in fattori primi e si considerano soltanto quelli comuni una sola volta con il minimo esponente. Es = 2 2 * = 3 2 * m.c.m. (12, 18) = 2 * 3 = 6 1 E' evidente che se i numeri assegnati non hanno divisori in comune oltre l'unità, sarà proprio quest'ultima ad essere il loro M.C.D.

24 LE FRAZIONI Ogni qualvolta si considera una o qualcuna delle parti uguali in cui viene suddiviso un qualcosa di qualsiasi natura, sia che si tratti di merce o di danaro o qualsiasi altra cosa, si parla di frazioni. Es. Prendiamo un foglio di quaderno, pieghiamolo in parti quattro parti uguali e consideriamone (colorandole magari) tre di queste quattro parti, diremo che abbiamo considerato i tre quarti del foglio. 1/4 1/4 1/4 1/4 3/4 Ognuna delle parti in cui abbiamo suddiviso il foglio rappresenta 1/4 del tutto. Di parti colorate ne abbiamo tre, quindi 3/4. Le scritture 1/4; 3/4; rappresentano il modo con cui vengono indicate le frazioni. E' evidente che per rappresentare le frazioni si ha bisogno di tre elementi: due numeri, il primo (numeratore) indica il numero delle parti considerate; il secondo (denominatore) le parti in cui abbiamo suddiviso la quantità. (Il denominatore deve essere un numero non nullo). una linea, detta linea di frazione.

25 Le frazioni sono di tre tipi: proprie improprie apparenti Una frazione si dice propria quando il numeratore è più piccolo del denominatore, impropria nel caso contrario, apparente quando numeratore e denominatore sono uguali (il loro rapporto è uno) o comunque quando il rapporto tra questi (numeratore e denominatore) dà un numero intero. Torniamo ora al foglio di quaderno, pieghiamolo in due parti uguali in senso verticale, e coloriamo una delle due parti. 1/2 la parte colorata rappresenta la metà del foglio ( 1/2 ); se ora operiamo una seconda piegatura al foglio, questa volta in senso orizzontale, il foglio risulterà suddiviso in quattro parti uguali, le parti colorate saranno ora quattro; la quantità colorata sarà però la stessa di prima. 1/4 1/4

26 Quindi in considerazione del fatto che 1/2 del foglio e i 2/4 dello stesso rappresentano la stessa parte, queste risultano equivalenti. Potremo ottenere altre frazioni equivalenti alle precedenti se continueremo ad effettuare sul foglio ulteriori piegature. Così 1/2, 2/4, 4/8... sono frazioni equivalenti. Algebricamente per passare da 1/2 a 2/4 o a 4/8, è sufficiente moltiplicare numeratore e denominatore per uno stesso numero (diverso da zero). Es. 1 = 1 x 2 = x x 4 4 = = 2 2 x x 5 5 = = 2 2 x /4 ; 4/8 ; 5/10 ;... sono tutte frazioni equivalenti ad 1/2. Con procedimento inverso, potremo dividere numeratore e denominatore per uno dei loro divisori comuni, ottenendo frazioni equivalenti a quella data. Dividendo numeratore e denominatore per il loro M.C.D. ridurremo la frazione ai minimi termini. La frazione oltre ad essere un simbolo che esprime il concetto di parte di una quantità, rappresenta anche i numeri decimali. Con la frazione infatti, si suole rappresentare una operazione, la divisione tra il numeratore (dividendo) e il denominatore (divisore), la linea di frazione rappresenta il simbolo di divisione.

27 Riduzione delle frazioni allo stesso denominatore Quando e perché bisogna ridurre le frazioni allo stesso denominatore? a) Le frazioni che non hanno lo stesso denominatore non sono facilmente confrontabili; per esempio, a prima lettura quanti saprebbero dire quale tra 4/7 e 3/5 sia la frazione maggiore? Invece, frazioni come 2/3, 7/3, 1/3 sono tutte composte da terzi di unità, e quindi più facilmente confrontabili, infatti esse sono tanto più grandi quanto lo sono i loro numeratori. Quindi per confrontare le frazioni occorre ridurle allo stesso denominatore (minimo comune multiplo). b) Per addizionare o sottrarre le frazioni tra loro. Dover ad esempio sommare i 2/3 e i 4/5 di una certa quantità può risultare in un primo momento non semplicissimo, se consideriamo invece frazioni equivalenti ad esse: 10/15 e 12/15, diremo subito che la loro somma è 22/15 Come si riducono le frazioni allo stesso denominatore? a) Si calcola il m.c.m. dei denominatori che diventa denominatore di ogni frazione. b) I precedenti denominatori risultano pertanto moltiplicati per un certo numero ( dato dal rapporto tra il m.c.m. e il precedente denominatore); dovendo ottenere frazioni equivalenti, sarà sufficiente moltiplicare i numeratori per lo stesso numero.

28 Operazioni con le frazioni addizione e sottrazione Per addizionare e (o) sottrarre delle frazioni, bisogna prima ridurle allo stesso denominatore e poi sommare e (o) sottrarre i nuovi numeratori. Es. denominatori uguali = = m.c.m.(5 ; 5) = 5 un denominatore è multiplo dell'altro = = (*) 10 m.c.m. (5 ; 10) = : 5 = 2 2 x 3 = 6 10: 10 = 1 1 x 1 = 1 i denominatori sono primi tra loro = = m.c.m. (3 ; 4) = : 3 = 4 4 x 2 = 8 12 : 4 = 3 3 x 5 = 15 i denominatori hanno divisori in comune = = m.c.m. (10 ; 4) = : 10 = 2 2 x 3 = 6 20 : 4 = 5 5 x 7 = 35

29 moltiplicazioni fra frazioni Il prodotto di due o più frazioni è uguale ad un'altra frazione che avrà per numeratore il prodotto dei numeratori e per denominatore il prodotto dei denominatori. Es x = N.B. Prima di eseguire i prodotti indicati, al fine di evitare calcoli a volte complessi, potrà risultare utile, quando è possibile, ridurre(semplificare) le frazioni ai minimi termini operando, se necessario, anche a incrocio (numeratore con il denominatore di una seconda frazione. divisioni fra frazioni Per eseguire la divisione tra due frazioni si deve moltiplicare la prima frazione con il reciproco della seconda frazione. Es : = x = Potenza di una frazione Per eseguire la potenza di una frazione si deve elevare, a seconda di quanto indica l'esponente, sia il numeratore che il denominatore.

30 Le frazioni e i numeri decimali La frazione oltre ad essere un simbolo che esprime il concetto di " parte di una quantità", rappresenta anche i numeri decimali. La frazione infatti, rappresenta una operazione, la divisione, tra il numeratore (dividendo) e il denominatore (divisore), la linea di frazione sta per il simbolo di divisione. Vediamo ora come trasformare una frazione in numero decimale e viceversa trovare la frazione generatrice del numero decimale. Trasformazione di un numero decimale in una frazione La frazione generatrice di un numero decimale avrà per: numeratore il numero stesso, omettendo però sia la virgola che gli zeri che eventualmente precedono la prima cifra non nulla, perché trascurabili. per denominatore il numero , a seconda di quante cifre decimali sono presenti nel numero da trasformare, dopo la virgola. Sarà conveniente poi ridurre la frazione ottenuta ai minimi termini. Trasformazione di una frazione in numero decimale Abbiamo già detto che la frazione rappresenta una divisione tra il numeratore ed il denominatore, quindi, per trasformare una frazione in un numero decimale sarà sufficiente eseguire tale operazione. Es. 5 4 = 1,125 la divisione ( 5 : 4 ) ha dato per resto zero N.B. Non sempre però è possibile convertire esattamente una frazione in un numero decimale.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma.

PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si sostituisce la loro somma. Addizione: PROPRIETA' COMMUTATIVA Cambiando l'ordine degli addendi la somma non cambia. 1) a + b = b + a PROPRIETA' ASSOCIATIVA La somma di tre o più addendi non cambia se al posto di alcuni di essi si

Dettagli

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali

Numeri naturali numeri naturali minore maggiore Operazioni con numeri naturali 1 Numeri naturali La successione di tutti i numeri del tipo: 0,1, 2, 3, 4,..., n,... forma l'insieme dei numeri naturali, che si indica con il simbolo N. Tale insieme si può disporre in maniera ordinata

Dettagli

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2

24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6 con resto 2 Dati due numeri naturali a e b, diremo che a è divisibile per b se la divisione a : b è esatta, cioè con resto 0. In questo caso diremo anche che b è un divisore di a. 24 : 3 = 8 con resto 0 26 : 4 = 6

Dettagli

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti

razionali Figura 1. Rappresentazione degli insiemi numerici Numeri reali algebrici trascendenti frazionari decimali finiti 4. Insiemi numerici 4.1 Insiemi numerici Insieme dei numeri naturali = {0,1,,3,,} Insieme dei numeri interi relativi = {..., 3,, 1,0, + 1, +, + 3, } Insieme dei numeri razionali n 1 1 1 1 = : n, m \{0}

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI

APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI APPUNTI DI MATEMATICA GLI INSIEMI NUMERICI I numeri naturali I numeri interi I numeri razionali Teoria degli insiemi (cenni) ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 L insieme N dei numeri naturali 4 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA

LA NOTAZIONE SCIENTIFICA LA NOTAZIONE SCIENTIFICA Definizioni Ricordiamo, a proposito delle potenze del, che = =.000 =.000.000.000.000 ovvero n è uguale ad seguito da n zeri. Nel caso di potenze con esponente negativo ricordiamo

Dettagli

ESTRAZIONE DI RADICE

ESTRAZIONE DI RADICE ESTRAZIONE DI RADICE La radice è l operazione inversa dell elevamento a potenza. L esponente della potenza è l indice della radice che può essere: quadrata (); cubica (); quarta (4); ecc. La base della

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri?

I numeri. Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? I numeri Premessa: Che cosa sono e a che servono i numeri? Come ti sarai reso conto, i numeri occupano un ruolo importante nella tua vita: dai numeri che esprimono il prezzo degli oggetti venduti in un

Dettagli

Appunti di Matematica

Appunti di Matematica Silvio Reato Appunti di Matematica Settembre 200 Le quattro operazioni fondamentali Le quattro operazioni fondamentali Addizione Dati due numeri a e b (detti addendi), si ottiene sempre un termine s detto

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FRAZIONI ALGEBRICHE ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le frazioni algebriche 1.1 Il minimo comune multiplo e il Massimo Comun Divisore fra polinomi........ 1. Le frazioni algebriche....................................

Dettagli

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50

Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Problema: Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 http://einmatman1c.blog.excite.it/permalink/54003 Esempi di problemi di 1 grado risolti Esercizio 1 Trovare un numero che sommato ai suoi 3/2 dia 50 Trovare un numero e' la prima frase e significa che

Dettagli

1 n. Intero frazionato. Frazione

1 n. Intero frazionato. Frazione Consideriamo un intero, prendiamo un rettangolo e dividiamolo in sei parti uguali, ciascuna di queste parti rappresenta un sesto del rettangolo, cioè una sola delle sei parti uguali in cui è stato diviso.

Dettagli

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà:

Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: Ogni frazione si può trasformare, dividendo il numeratore per il denominatore, in un numero che sarà: naturale, se la frazione è apparente. Esempi: 4 2 2 60 12 5 24 8 decimale limitato o illimitato, se

Dettagli

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale

Il simbolo. è è = = = In simboli: Sia un numero naturale diverso da zero, il radicale. Il radicale. esiste. esiste 0 Il radicale Radicali 1. Radice n-esima Terminologia Il simbolo è detto radicale. Il numero è detto radicando. Il numero è detto indice del radicale. Il numero è detto coefficiente del radicale. Definizione Sia un

Dettagli

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE

LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE LA MOLTIPLICAZIONE IN PRIMA ELEMENTARE E bene presentarla confrontando tra loro varie tecniche: addizione ripetuta; prodotto combinatorio (schieramenti). Rispetto a quest'ultima tecnica, grande utilità

Dettagli

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee

Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Algoritmo euclideo, massimo comun divisore ed equazioni diofantee Se a e b sono numeri interi, si dice che a divide b, in simboli: a b, se e solo se esiste c Z tale che b = ac. Si può subito notare che:

Dettagli

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997

RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI. Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 1 RAPPRESENTAZIONE BINARIA DEI NUMERI Andrea Bobbio Anno Accademico 1996-1997 Numeri Binari 2 Sistemi di Numerazione Il valore di un numero può essere espresso con diverse rappresentazioni. non posizionali:

Dettagli

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo

Logica Numerica Approfondimento 1. Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore. Il concetto di multiplo e di divisore. Il Minimo Comune Multiplo Logica Numerica Approfondimento E. Barbuto Minimo Comune Multiplo e Massimo Comun Divisore Il concetto di multiplo e di divisore Considerato un numero intero n, se esso viene moltiplicato per un numero

Dettagli

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2

Indice generale. Modulo 1 Algebra 2 Indice generale Modulo 1 Algebra 2 Capitolo 1 Scomposizione in fattori. Equazioni di grado superiore al primo 1.1 La scomposizione in fattori 2 1.2 Raccoglimento a fattor comune 3 1.3 Raccoglimenti successivi

Dettagli

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA

ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA ALGEBRA I: NUMERI INTERI, DIVISIBILITÀ E IL TEOREMA FONDAMENTALE DELL ARITMETICA 1. RICHIAMI SULLE PROPRIETÀ DEI NUMERI NATURALI Ho mostrato in un altra dispensa come ricavare a partire dagli assiomi di

Dettagli

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE

EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE EQUAZIONI E DISEQUAZIONI POLINOMIALI E COLLEGAMENTI CON LA GEOMETRIA ELEMENTARE 1. EQUAZIONI Definizione: un equazione è un uguaglianza tra due espressioni letterali (cioè in cui compaiono numeri, lettere

Dettagli

Formule trigonometriche

Formule trigonometriche Formule trigonometriche C. Enrico F. Bonaldi 1 Formule trigonometriche In trigonometria esistono delle formule fondamentali che permettono di calcolare le funzioni goniometriche della somma di due angoli

Dettagli

IL VALORE POSIZIONALE

IL VALORE POSIZIONALE SCHEDA N. 1 IL VALORE POSIZIONALE 1. Scomponi ogni numero, seguendo l esempio. Esempio: 1=00000+0000+000+0+0+ =... 1 =... 9 1 =... 0 =... 0 09 =... 0 =.... Componi ogni numero, seguendo l esempio. Esempio:

Dettagli

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765

ESEMPIO 1: eseguire il complemento a 10 di 765 COMPLEMENTO A 10 DI UN NUMERO DECIMALE Sia dato un numero N 10 in base 10 di n cifre. Il complemento a 10 di tale numero (N ) si ottiene sottraendo il numero stesso a 10 n. ESEMPIO 1: eseguire il complemento

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

Elementi di informatica

Elementi di informatica Elementi di informatica Sistemi di numerazione posizionali Rappresentazione dei numeri Rappresentazione dei numeri nei calcolatori rappresentazioni finalizzate ad algoritmi efficienti per le operazioni

Dettagli

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore

Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Corso di Calcolatori Elettronici I A.A. 2010-2011 Rappresentazione dei numeri in un calcolatore Lezione 2 Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Rappresentazione dei numeri

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

Appunti sulle disequazioni

Appunti sulle disequazioni Premessa Istituto d Istruzione Superiore A. Tilgher Ercolano (Na) Appunti sulle disequazioni Questa breve trattazione non vuole costituire una guida completa ed esauriente sull argomento, ma vuole fornire

Dettagli

IL PENSIERO MATEMATICO

IL PENSIERO MATEMATICO Claudio Bernardi Lodovico Cateni Roberto ortini Silvio Maracchia Giovanni Olivieri erruccio Rohr IL PENSIERO MATEMATICO OLUME 1 Algebra Statistica Geometria IL PENSIERO MATEMATICO cindice ALGEBRA UNITÀ

Dettagli

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche

Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche Metodi risolutivi per le disequazioni algebriche v.scudero Una disequazioni algebrica si presenta in una delle quattro forme seguenti: () P( () P( (3) P( () P( essendo P( un polinomio in. Noi studieremo

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Rappresentazione in virgola mobile Problemi connessi all utilizzo di un numero di bit limitato Abbiamo visto quali sono i vantaggi dell utilizzo della rappresentazione in complemento alla base: corrispondenza biunivoca fra rappresentazione

Dettagli

Alla pagina successiva trovate la tabella

Alla pagina successiva trovate la tabella Tabella di riepilogo per le scomposizioni Come si usa la tabella di riepilogo per le scomposizioni Premetto che, secondo me, questa tabella e' una delle pochissime cose che in matematica bisognerebbe "studiare

Dettagli

Analisi Matematica di circuiti elettrici

Analisi Matematica di circuiti elettrici Analisi Matematica di circuiti elettrici Eserciziario A cura del Prof. Marco Chirizzi 2011/2012 Cap.5 Numeri complessi 5.1 Definizione di numero complesso Si definisce numero complesso un numero scritto

Dettagli

4. Operazioni elementari per righe e colonne

4. Operazioni elementari per righe e colonne 4. Operazioni elementari per righe e colonne Sia K un campo, e sia A una matrice m n a elementi in K. Una operazione elementare per righe sulla matrice A è una operazione di uno dei seguenti tre tipi:

Dettagli

Logaritmi ed esponenziali

Logaritmi ed esponenziali Logaritmi ed esponenziali definizioni, proprietà ITIS Feltrinelli anno scolastico 2007-2008 A cosa servono i logaritmi I logaritmi rendono possibile trasformare prodotti in somme, quozienti in differenze,

Dettagli

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che:

Se log a. b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b. L espressione y = log b x significa che: MATEMATICA 2005 Se log a b = c allora: A) a b = c B) c a = b C) c b = a D) b c = a E) a c = b L espressione y = log b x significa che: A) y é l esponente di una potenza di base b e di valore x B) x è l

Dettagli

MATRICI E DETERMINANTI

MATRICI E DETERMINANTI MATRICI E DETERMINANTI 1. MATRICI Si ha la seguente Definizione 1: Un insieme di numeri, reali o complessi, ordinati secondo righe e colonne è detto matrice di ordine m x n, ove m è il numero delle righe

Dettagli

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49

INDICE. Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1. Unità 1 IL SISTEMA DI NUMERAZIONE DECIMALE, 49 INDICE Unità 0 LINGUAGGI MATEMATICI, 1 Il libro prosegue nel CD Il linguaggio degli insiemi, 2 1 GLI INSIEMI E LA LORO RAPPRESENTAZIONE, 2 Gli insiemi, 2 Insieme vuoto, finito e infinito, 3 La rappresentazione

Dettagli

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso

A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso 441 APPENDICE A4 NUMERI COMPLESSI A.1 Definizione e rappresentazione di un numero complesso Si riepilogano i concetti e le operazioni elementari relativi ai numeri complessi. Sia z un numero complesso;

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano

I NUMERI DECIMALI. che cosa sono, come si rappresentano I NUMERI DECIMALI che cosa sono, come si rappresentano NUMERI NATURALI per contare bastano i numeri naturali N i numeri naturali cominciano con il numero uno e vanno avanti con la regola del +1 fino all

Dettagli

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora:

Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: Iniziamo con un esercizio sul massimo comun divisore: Esercizio 1. Sia d = G.C.D.(a, b), allora: G.C.D.( a d, b d ) = 1 Sono state introdotte a lezione due definizioni importanti che ricordiamo: Definizione

Dettagli

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA

UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA UNA LEZIONE SUI NUMERI PRIMI: NASCE LA RITABELLA Tutti gli anni, affrontando l argomento della divisibilità, trovavo utile far lavorare gli alunni sul Crivello di Eratostene. Presentavo ai ragazzi una

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti

I Numeri Complessi. Si verifica facilmente che, per l operazione di somma in definita dalla (1), valgono le seguenti Y T T I Numeri Complessi Operazioni di somma e prodotto su Consideriamo, insieme delle coppie ordinate di numeri reali, per cui si ha!"# $&% '( e )("+* Introduciamo in tale insieme una operazione di somma,/0"#123045"#

Dettagli

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99

73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90-91 69 92 93 94-95 96-97 98-99 Bravissimo/a! Sei arrivato/a alla fine della parte di italiano... Adesso perché non ripassi un po di matematica? A settembre sarai un bolide nelle operazioni, nel risolvere i problemi e in geometria! matematica

Dettagli

LE FUNZIONI MATEMATICHE

LE FUNZIONI MATEMATICHE ALGEBRA LE FUNZIONI MATEMATICHE E IL PIANO CARTESIANO PREREQUISITI l l l l l conoscere il concetto di insieme conoscere il concetto di relazione disporre i dati in una tabella rappresentare i dati mediante

Dettagli

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ

LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI E LE LORO PROPRIETÀ LE FUNZIONI REALI DI VARIABILE REALE COSA SONO LE FUNZIONI Dati due sottoinsiemi A e B non vuoti di R, una FUNZIONE da A a B è una relazione che associa ad ogni numero reale

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI

APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI APPUNTI DI MATEMATICA LE FUNZIONI ALESSANDRO BOCCONI Indice 1 Le funzioni nel discreto 3 1.1 Le funzioni nel discreto.................................. 3 1.1.1 La rappresentazione grafica............................

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

Il concetto di valore medio in generale

Il concetto di valore medio in generale Il concetto di valore medio in generale Nella statistica descrittiva si distinguono solitamente due tipi di medie: - le medie analitiche, che soddisfano ad una condizione di invarianza e si calcolano tenendo

Dettagli

Frazioni e numeri razionali

Frazioni e numeri razionali Frazioni e numeri razionali I numeri naturali sono i primi numeri che hai incontrato, quando hai cominciato a contare con le dita. Ma vuoi eseguire tutte le sottrazioni. E allora hai bisogno dei numeri

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

Parte 2. Determinante e matrice inversa

Parte 2. Determinante e matrice inversa Parte. Determinante e matrice inversa A. Savo Appunti del Corso di Geometria 013-14 Indice delle sezioni 1 Determinante di una matrice, 1 Teorema di Cramer (caso particolare), 3 3 Determinante di una matrice

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

Codifica dei numeri negativi

Codifica dei numeri negativi E. Calabrese: Fondamenti di Informatica Rappresentazione numerica-1 Rappresentazione in complemento a 2 Codifica dei numeri negativi Per rappresentare numeri interi negativi si usa la cosiddetta rappresentazione

Dettagli

...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) La costante si chiama RAGIONE

...esempi di progressioni aritmetiche (anche senza un primo termine ) La costante si chiama RAGIONE A. s. 20/202 classe 4^Ap G. Zambon Appunti sulle funzioni lineari, esponenziali, logaritmiche e potenze. Da integrare con gli appunti presi in classe Tutte queste funzioni possono essere definite in termini

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI

APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI APPUNTI DI MATEMATICA LE DISEQUAZIONI NON LINEARI Le disequazioni fratte Le disequazioni di secondo grado I sistemi di disequazioni Alessandro Bocconi Indice 1 Le disequazioni non lineari 2 1.1 Introduzione.........................................

Dettagli

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo.

Siamo così arrivati all aritmetica modulare, ma anche a individuare alcuni aspetti di come funziona l aritmetica del calcolatore come vedremo. DALLE PESATE ALL ARITMETICA FINITA IN BASE 2 Si è trovato, partendo da un problema concreto, che con la base 2, utilizzando alcune potenze della base, operando con solo addizioni, posso ottenere tutti

Dettagli

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO

SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO SCOMPOSIZIONE IN FATTORI DI UN POLINOMIO Così come avviene per i numeri ( 180 = 5 ), la scomposizione in fattori di un polinomio è la trasformazione di un polinomio in un prodotto di più polinomi irriducibili

Dettagli

I numeri relativi. Il calcolo letterale

I numeri relativi. Il calcolo letterale Indice Il numero unità I numeri relativi VIII Indice L insieme R Gli insiemi Z e Q Confronto di numeri relativi Le operazioni fondamentali in Z e Q 0 L addizione 0 La sottrazione La somma algebrica La

Dettagli

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo:

ALGORITMI 1 a Parte. di Ippolito Perlasca. Algoritmo: ALGORITMI 1 a Parte di Ippolito Perlasca Algoritmo: Insieme di regole che forniscono una sequenza di operazioni atte a risolvere un particolare problema (De Mauro) Procedimento che consente di ottenere

Dettagli

Unità 1. I Numeri Relativi

Unità 1. I Numeri Relativi Unità 1 I Numeri Relativi Allinizio della prima abbiamo introdotto i 0numeri 1 naturali: 2 3 4 5 6... E quattro operazioni basilari per operare con essi + : - : Ci siamo però accorti che la somma e la

Dettagli

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks"

TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica. dal volume: TIMSS 2007 Assessment Frameworks Capitolo Uno TIMSS 2007 Quadro di riferimento di matematica dal volume: "TIMSS 2007 Assessment Frameworks" a cura di Anna Maria Caputo, Cristiano Zicchi Copyright 2005 IEA International Association for

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

GRANDEZZE SINUSOIDALI

GRANDEZZE SINUSOIDALI GRANDEE SINUSOIDALI INDICE -Grandezze variabili. -Grandezze periodiche. 3-Parametri delle grandezze periodiche. 4-Grandezze alternate. 5-Grandezze sinusoidali. 6-Parametri delle grandezze sinusoidali.

Dettagli

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova

Le soluzioni dei quesiti sono in fondo alla prova SCUOLA MEDIA STATALE GIULIANO DA SANGALLO Via Giuliano da Sangallo,11-Corso Duca di Genova,135-00121 Roma Tel/fax 06/5691345-e.mail:scuola.sangallo@libero.it SELEZIONE INTERNA PER LA MARATONA DI MATEMATICA

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso

ELASTICITÀ. Sarebbe conveniente per il produttore aumentare ulteriormente il prezzo nella stessa misura del caso Esercizio 1 Data la funzione di domanda: ELASTICITÀ Dire se partendo da un livello di prezzo p 1 = 1.5, al produttore converrà aumentare il prezzo fino al livello p 2 = 2. Sarebbe conveniente per il produttore

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Analisi Matematica I

Analisi Matematica I Analisi Matematica I Fabio Fagnani, Gabriele Grillo Dipartimento di Matematica Politecnico di Torino Queste dispense contengono il materiale delle lezioni del corso di Analisi Matematica I rivolto agli

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli

Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli Parte 3. Rango e teorema di Rouché-Capelli A. Savo Appunti del Corso di Geometria 203-4 Indice delle sezioni Rango di una matrice, 2 Teorema degli orlati, 3 3 Calcolo con l algoritmo di Gauss, 6 4 Matrici

Dettagli

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE")

F U N Z I O N I. E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC DERIVE) F U N Z I O N I E LORO RAPPRESENTAZIONE GRAFICA di Carmine De Fusco 1 (ANCHE CON IL PROGRAMMA PER PC "DERIVE") I N D I C E Funzioni...pag. 2 Funzioni del tipo = Kx... 4 Funzioni crescenti e decrescenti...10

Dettagli

Non tutto, ma un po di tutto

Non tutto, ma un po di tutto ALFREDO MANGIA Non tutto, ma un po di tutto Nozioni fondamentali per conoscere e usare un foglio di calcolo. Corso di alfabetizzazione all informatica Settembre 2004 SCUOLA MEDIA GARIBALDI Genzano di Roma

Dettagli

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno

Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Materiale di approfondimento: numeri interi relativi in complemento a uno Federico Cerutti AA. 2011/2012 Modulo di Elementi di Informatica e Programmazione http://apollo.ing.unibs.it/fip/ 2011 Federico

Dettagli

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava

SiStemi musicali Origine delle note Divisione dell ottava Scale Chi ha stabilito i rapporti d altezza fra le note musicali? Chi ha stabilito che le note sono sette e i semitoni dodici? Se il è uguale al Re perché hanno lo stesso nome? Se sono diversi qual è più

Dettagli

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando

La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando La Matematica con il Contafacile Impariamo giocando SCUOLA.. A cura dell insegnante Liliana Del Papa e della prof.ssa Maria Pia Saitta classe 1 ª Care colleghe, questo quaderno nasce dal desiderio di condividere

Dettagli

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO

LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO LA FUNZIONE ESPONENZIALE E IL LOGARITMO APPUNTI PER IL CORSO DI ANALISI MATEMATICA I G. MAUCERI Indice 1. Introduzione 1 2. La funzione esponenziale 2 3. Il numero e di Nepero 9 4. L irrazionalità di e

Dettagli

E possibile costruire una mentalità matematica?

E possibile costruire una mentalità matematica? E possibile costruire una mentalità matematica? Prof. F. A. Costabile 1. Introduzione La matematica è più di una tecnica. Apprendere la matematica significa conquistare l attitudine ad un comportamento

Dettagli

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1]

Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Verica di Matematica su dominio e segno di una funzione [COMPITO 1] Esercizio 1. Determinare il dominio delle seguenti funzioni: 1. y = 16 x ;. y = e 1 x +4 + x + x + 1; 3. y = 10 x x 3 4x +3x; 4. y =

Dettagli

Da una a più variabili: derivate

Da una a più variabili: derivate Da una a più variabili: derivate ( ) 5 gennaio 2011 Scopo di questo articolo è di evidenziare le analogie e le differenze, relativamente al calcolo differenziale, fra le funzioni di una variabile reale

Dettagli

Appunti sull orientamento con carta e bussola

Appunti sull orientamento con carta e bussola Appunti sull orientamento con carta e bussola Indice Materiale necessario... 2 Orientiamo la carta topografica con l'aiuto della bussola... 2 Azimut... 2 La definizione di Azimut... 2 Come misurare l azimut...

Dettagli

Numeri complessi e polinomi

Numeri complessi e polinomi Numeri complessi e polinomi 1 Numeri complessi L insieme dei numeri reali si identifica con la retta della geometria: in altri termini la retta si può dotare delle operazioni + e e divenire un insieme

Dettagli

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor

Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Quando troncare uno sviluppo in serie di Taylor Marco Robutti October 13, 2014 Lo sviluppo in serie di Taylor di una funzione è uno strumento matematico davvero molto utile, e viene spesso utilizzato in

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

classe delle migliaia seimilionitrecentosedicimilaquattrocento 2 h di miliardi 120 501 926 840... 8 h di milioni 8 926 145 480...

classe delle migliaia seimilionitrecentosedicimilaquattrocento 2 h di miliardi 120 501 926 840... 8 h di milioni 8 926 145 480... ARITMETICA Le classi del numero Leggi i numeri che si riferiscono agli abitanti di alcuni Stati del mondo, poi riscrivili nella tabella in ordine crescente. Argentina 0 5 Nigeria 5 78 900 Australia 06

Dettagli