ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA GOLF CLUB LIGNANO REGOLAMENTO INTERNO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA GOLF CLUB LIGNANO REGOLAMENTO INTERNO"

Transcript

1 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA GOLF CLUB LIGNANO REGOLAMENTO INTERNO Art. 1 - Tut i Soci devono cooperare, nel rispeto delle norme statutarie e del regolamento, afnché la vita sociale abbia a svolgersi con ordine e armonia in ogni setore. Art. 2 - Il presente regolamento, approvato dal Consiglio Diretvo del Golf Club Lignano A.S.D. in data 22 febbraio 2014 si estende a tute le atvità sociali ed impegna tut i membri dell Associazione Sportva Diletantstca e, più in generale, tut gli ospit e frequentatori dell impianto stesso. Art. 3 - Tut i Soci, i loro ospit e tut coloro che frequentano il Circolo sono tenut alla scrupolosa osservanza delle norme contenute nel presente regolamento e mantenere, sia nei rapport sociali che sul campo di gioco, un contegno che, soto ogni riguardo, sia consono al prestgio della Associazione e al gioco del golf. Art. 4 - Ogni infrazione al regolamento interno comporterà il deferimento al competente organo interno del Circolo per gli eventuali provvediment. Art. 5 - Il Consiglio Diretvo ha la facoltà di modifcare, ampliare o sopprimere le norme contenute nel presente regolamento ogni qualvolta ne ravvisi la necessità. Decisioni ulteriori o per quanto non contemplato nel presente regolamento, o nel caso di modifche temporanee, il Consiglio Diretvo provvederà ad emanare opportune comunicazioni che saranno afsse nella teca della sede sociale appositamente riservata e comunicate agli associat tramite . NORME GENERALI Art. 6 - L ingresso al Club è riservato ai Soci in regola con il pagamento delle quote sociali. Art. 7 - I locali, gli impiant ed i servizi della Associazione sono riservat ai Soci, loro ospit e giocatori giornalieri. Art. 8 - Tut coloro che frequentano il Circolo sono tenut ad avere la massima cura e rispeto di tuto il patrimonio sociale, della sede, degli impiant, delle atrezzature. Essi rispondono delle violazioni del presente regolamento e sono responsabili degli eventuali danni arrecat e, oltre ad essere passibili di 1

2 provvediment disciplinari, sono tenut al risarcimento dei danni provocat e sono ritenut responsabili dei danni provocat dai propri fgli e ospit. Art. 9 - La Segreteria del Club per delega del Consiglio Diretvo efetuerà la sorveglianza sull osservanza del presente regolamento. Art Il Golf Club Lignano A.S.D. non è responsabile dei danni subit dagli Associat e/o ospit durante la loro permanenza negli impiant o nei locali del Circolo per fato di altri Associat, ospit, giocatori non associat o, comunque, di persone non dipendent dall Associazione medesima. Art L Associazione non si assume alcuna responsabilità in ordine a tuto ciò che viene lasciato dagli Associat o ospit nei locali e negli spazi del Circolo o che siano custodit nelle sacche, anche all interno del locale Caddy Master, o negli armadiet degli spogliatoi. Art È fato obbligo a tut gli Associat di comunicare tempestvamente al diretore del Club o persona da quest incaricata i danni eventualmente arrecat a struture, manufat o altri beni mobili di proprietà del Circolo. Tut gli Associat sono altresì obbligat a segnalare eventuali malfunzionament, disfunzioni o condizioni di beni mobili o immobili dai quali possa nascere un pericolo per terzi. Art Il Diretore è responsabile del funzionamento e dell efcienza dell Associazione, ed è l organo esecutvo del Consiglio Diretvo e delle commissioni. L accesso al back ofce della Segreteria è riservato esclusivamente agli addet della Segreteria ed ai component dei vari organi sociali per adempiere ai propri compit. Gli orari di apertura e chiusura del Circolo saranno specifcat, nei diversi periodi, dalla Segreteria ed espost in bacheca. Durante i periodi di chiusura, o fuori dagli orari di frequenza stabilit per gli impiant sportvi ed i servizi del Circolo, gli Associat non possono accedere né ai locali, né alle installazioni sportve del Circolo. Essi sono pertanto tenut al rispeto degli orari e non possono in alcun modo accordarsi diretamente con il personale addeto per modifcarli. Gli Associat, i loro ospit e in non associat, prima di accedere a qualsiasi strutura del Circolo dovranno presentarsi in Segreteria. Art I Soci non possono muovere appunt e rimproveri diretamente ad un dipendente del Club ma dovranno rivolgersi al Diretore richiedendone l intervento. Art I Soci e i non soci dovranno parcheggiare le loro auto, ciclomotori e biciclete esclusivamente, anche per soste brevi, nelle apposite zone di parcheggio. ASSOCIAZIONE Art Chiunque desideri far parte dell Associazione Sportva Diletantstca Golf Club Lignano deve presentare domanda di associazione frmando l apposito modulo disponibile presso la Segreteria. Art L ammissione all Associazione determina l acquisto da parte del singolo associato di tut i dirit, facoltà, oneri ed obblighi corrispondent alla categoria di appartenenza descrit nel presente regolamento e previst dallo Statuto dell Associazione. Art Il Consiglio Diretvo determina annualmente, entro il 30 Agosto, l ammontare delle quote associatve per le diverse categorie associatve in relazione alle necessità fnanziarie dell Associazione. Le 2

3 quote associatve, i relatvi servizi annessi e, solo per i Soci di primo circolo, la tessera federale possono essere pagate in un unica soluzione entro trenta giorni dalla approvazione del bilancio preventvo da parte dell Assemblea degli Associat o, ai Soci che presentno domanda alla Segreteria del circolo entro il 31 gennaio, tramite R.I.D. bancario in 2 o 6 rate. Art Gli Associat potranno recedere dall Associazione, o chiedere un eventuale cambio di stato sociale presentando disdeta al Consiglio Diretvo con letera raccomandata o a mezzo con avviso di letura entro il 30 setembre dell anno in cui risultno corretamente associat. Art. 20 Gli Associat che per motvi di salute richiedano una sospensione dovranno presentare opportuno certfcato medico con indicato il periodo per il quale si ritene la patologia possa ragionevolmente persistere, in modo da determinare il periodo di sospensione che comunque non potrà essere inferiore a mesi 3 (tre). Qualora il periodo di sospensione dovesse essere prorogato sarà necessaria la presentazione di un nuovo certfcato. Durante questo periodo l associato qualora la patologia lo permeta potrà frequentare le struture del circolo limitatamente alle aree comuni (sala televisore, spazi antstant il club house) e agli esercizi commerciali present all interno del comprensorio (bar ristorante, albergo, spa e pro shop). In nessun caso è previsto l utlizzo delle struture di pratca e del campo di gioco. La sospensione non esenta il Socio dal pagamento della tessera federale e dei servizi accessori di cui usufruisce. Art In caso di presentazione della domanda di associazione oltre il 30 aprile e solo per i nuovi Associat la quota sociale e i servizi richiest saranno conteggiat in dodicesimi dalla data di presentazione della domanda. Art Le somme dovute al Circolo dagli Associat per l acquisto di servizi devono essere saldate entro la fne di ogni mese o prima di tale termine se il credito dovuto al circolo è superiore a 200,00 euro. Per i non associat, i servizi devono essere pagat in antcipo. Art La morosità, contestata all Associato con letera raccomandata o a mezzo con conferma di recapito, determina la sospensione dei servizi erogat a pagamento (gare, noleggi car etc..), qualora non sia stata sanata entro una setmana dal ricevimento della contestazione. Art Gli Associat sono automatcamente esclusi dall Associazione: - nel caso di radiazione della Federazione Italiana Golf o dalla federazione di appartenenza o comunque a venir meno dei requisit necessari per il tesseramento; - nel caso di mancato pagamento entro i termini stabilit della quota annuale, dei servizi accessori alla quota sociale, della tessera F.I.G. se prevista; - nel caso in cui gli organi disciplinari abbiano accertato con decisione defnitva il venir meno della condizione della irreprensibile condota morale, civile e sportva. Art Le tpologie di associazione sono disponibili in Segreteria e pubblicate sul sito internet del circolo. Il Consiglio Diretvo entro il 30 agosto dell anno precedente ha la facoltà di apportare delle modifche o introdurre nuove soluzioni mantenendo comunque i fondament previst dallo Statuto Sociale. Art Sono ammessi a frequentare la Sede del Club ed i relatvi impiant sportvi i Soci in regola con il pagamento della quota associatva, dei relatvi servizi e della Tessera Federale e i soci giocatori di altri circoli previo pagamento del fee di ingresso. 3

4 NORME PER L ACCESSO AL CAMPO Art L accesso al campo da golf è subordinato alla perfeta conoscenza delle regole di etcheta (Allegato A) ed alle disposizioni emanate dalla Commissione Sportva e dalla Segreteria. Art I Soci dell Associazione Sportva Diletantstca Golf Club Lignano possono accedere al campo se in possesso di handicap e del certfcato medico che atest lo stato di buona salute o se in possesso di atestato di idoneità rilasciato dal maestro (carta verde) e del certfcato medico che atest lo stato di buona salute. Art Possono accedere al campo di gioco i soci di altri Circoli, italiani e stranieri, in possesso di Hcp di gioco purché afliat alle rispetve Federazioni, in grado di dimostrare la loro posizione e in regola con il pagamento dell ingresso giornaliero. Tale possibilità è consentta senza limitazioni. I giocatori non in possesso di hcp possono accedere al campo se ritenut dalla Segreteria del Circolo sufcientemente abili. In caso contrario la Segreteria ha la facoltà di allontanare gli stessi dal campo di gioco. Art Il talloncino comprovante il pagamento del contributo giornaliero dovrà essere esposto sulla sacca o dovrà essere esibito al personale addeto. Art È richiesto sempre un correto abbigliamento ed in partcolare non sono ammesse magliete giro collo, t-shirt, shorts. Non è consentto l utlizzo di scarpe da golf con chiodi in metallo. Art Prima di accedere al percorso di gioco il giocatore deve presentarsi alla Segreteria del Circolo per fssare l orario di partenza o dare conferma della propria presenza. Art La prenotazione dell orario di partenza può essere efetuata rivolgendosi diretamente in Segreteria, telefonicamente o tramite mail. Le eventuali disdete devono essere comunicate il prima possibile. I soci che non si presentassero sul tee di partenza all orario prefssato senza aver dato alcuna disdeta alla Segreteria del circolo verranno segnalat dalla stessa agli organi di competenza per ogni decisione in merito. Art I giocatori che si presentassero sul tee di partenza con un ritardo superiore di 10 minut a quello stabilito perderanno la prenotazione. Art Tut i giocatori dovranno partre dalla buca 1 o dalla buca 10. È vietato accedere al percorso da altre buche. Art Nei periodi di maggiore afuenza la Segreteria ha il dovere di formare partenze da 4 giocatori. Pertanto i singoli giocatori o le coppie di giocatori verranno raggruppat. Art Il tempo massimo consentto per il giro di 9 buche è 2 ore e 10 minut e per le 18 buche è 4 ore e 20 minut. Art I giocatori che stanno giocando un giro da 18 buche alla buca 10 hanno la precedenza sui giocatori che giocano 9 buche. 4

5 Art I giocatori sono tenut ad utlizzare la predisposizione giornaliera degli indicatori di partenza. Art E consentto l accesso al campo da golf con cani tendenzialmente di piccola taglia alle seguent condizioni: - l accesso è consentto esclusivamente dal Lunedì al Venerdì a partre dalle ore 16:00; - Il cane dovrà essere sempre legato a un guinzaglio ed assicurato al carrello o golf car; - è vietato far accedere i cani nei green e negli ostacoli quali bunker e ostacoli d acqua; - i proprietari dovranno assicurare il rispeto del silenzio e della fora e fauna present sul campo; - eventuali deiezioni dovranno prontamente essere raccolte dal proprietario con sacchet di plastca e disposte negli apposit cestni; - il mancato rispeto delle norme sopra citate comporterà l allontanamento dal campo del giocatore e del suo cane. - Il Consiglio Diretvo si riserva la facoltà di revocare quanto sopra in caso di ripetute inosservanze. ISCRIZIONI GARE Art Tut i giocatori per partecipare alle gare devono essere in possesso di certfcato medico valido fno all ultmo giorno di gara. Le gare sono divise in due tpologie relatve al sistema utlizzato per la defnizione dell orario di partenza: 1) gare con orario di partenza a scelta; 2) gare con partenze per categorie e/o a sorteggio: in questo caso il giocatore al momento dell iscrizione alle gare potrà segnalare la fascia oraria preferita. Non sono accetate richieste di abbinament. Le iscrizioni possono essere efetuate diretamente sul tabellone afsso in bacheca, telefonicamente o via . Le iscrizioni sono aperte 8 gg prima della gara (Es. sabato 1 alle ore per le gare di sabato 8 e domenica 9) e chiudono alle ore del giorno prima o fno al raggiungimento del numero di partecipant stabilito dalla Commissione Sportva e/o dallo Sponsor. Dopo la esposizione della lista di partenza nessuna modifca potrà essere apportata, se non per eventuali casi di forza maggiore e comunque la stessa dovrà essere concordata ed autorizzata dal Segretario Sportvo. Il pagamento della quota di iscrizione, qualora l iscrizione non venga disdeta dall interessato prima delle ore 16 del giorno precedente la gara, sarà comunque dovuta. Le iscrizioni fno alle ore 18 del primo giorno di apertura, sono riservate ai soli Soci e dopo a tut i giocatori. La Segreteria avrà comunque dirito di intervento per colmare eventuali buchi o dare sistemazione defnitva e correta al tabellone per assicurare un otmale svolgimento della gara. 5

6 Art Sono considerate infrazioni di gara: a) l abbandono della propria partta prima del termine (salvo causa di forza maggiore); b) mancata partecipazione alla gara dopo l afssione degli orari di partenza (salvo causa di forza maggiore); c) mancata partecipazione alla seconda giornata di gara in gare di due giorni senza darne tempestva comunicazione alla Segreteria (salvo causa di forza maggiore); d) nelle gare a coppie mancata presenza di almeno un giocatore che deve svolgere il ruolo di marcatore della coppia compagna di fight (salvo causa di forza maggiore); e) la sosta al bar se si è perso distanza rispeto alla squadra che precede; art. 43 Commissione Sportva L atvità sportva dell Associazione è organizzata da un apposita Commissione Sportva composta da minimo tre e massimo cinque membri. Il Consiglio Diretvo ne designa il Presidente e gli altri component. La Commissione Sportva dura in carica un anno e può essere riconfermata. La Commissione Sportva delibera con la presenza di almeno la metà più uno dei suoi component; le delibere sono assunte a maggioranza di vot; in caso di parità, decide il voto del Presidente. Nel caso in cui per qualsiasi motvo venga a cessare dalla carica uno dei membri, questo può essere sosttuito con provvedimento del Consiglio Diretvo. La Commissione Sportva: a) sotopone al Consiglio Diretvo le proposte per l organizzazione di manifestazioni ed iniziatve utli alla propaganda golfstca, per la compilazione del calendario sociale e per l uso e le eventuali modifche degli impiant sportvi; b) provvede alla formazione delle squadre rappresentatve del Club; c) controlla la preparazione dei giocatori al fne della loro partecipazione alle gare; d) vigila sul regolare e correto svolgimento dell atvità sportva con facoltà di ammonimento scrito; e) ove ravvisi una violazione atnente alle regole del golf, dovunque commessa da Soci del Circolo, che potrebbe dare avvio ad un azione disciplinare, è tenuta, dandone immediata informazione al Presidente, a segnalare il caso al giudice federale. Art. 44 Commissione Vantaggi 6

7 È l organismo incaricato dal consiglio Diretvo a gestre corretamente la normatva EGA. È composto da tre membri tra i quali il Segretario Sportvo del Circolo. Art Campo Pratca SERVIZI E STRUTTURE L orario di apertura e chiusura sarà comunicato in bacheca. Nei giorni di gara il campo pratca sarà aperto 30 minut prima della prima partenza. I getoni per la macchina distributrice delle palle si acquistano in Segreteria. E severamente proibito giocare le palline del campo pratca al di fuori dello stesso. Il battore del campo pratca sarà delimitato da strisce sul terreno. E proibita la pratca al di fuori di det segnali. In mancanza di tali strisce la pratca è consentta esclusivamente dalle postazioni fsse. I giocatori ultmato il gioco sono pregat di riporre il cestno nell apposito spazio. Art Caddy master e locale sacche Solo i Soci sono autorizzat ad "accedere al deposito sacche". L orario di apertura e chiusura sarà comunicato in bacheca. Nei giorni di gara e festvi l apertura della sala sacche sarà garantta 30 minut prima della prima partenza. Il Circolo non assume responsabilità in ordine a tuto ciò che viene lasciato nel locale sacche, siano atrezzature golfstche, indument od ogget di valore e non. L atrezzatura dei soci non può essere utlizzata da terzi senza l'autorizzazione specifca del proprietario comunicata alla Segreteria. Nell apposito locale sacche ogni Socio potrà custodire una sola sacca ed un solo carrello a mano o eletrico ed un set di bastoni (solo i Soci che pagano la quota relatva al servizio di ricarica del carrello eletrico possono custodire all interno del locale sacche sia il carrello a mano che il carrello eletrico). Per i carrelli eletrici e i golf car è stabilita una quota di stazionamento e corrente eletrica la cui enttà viene stabilita annualmente dal Consiglio Diretvo. Si raccomanda ai Soci di riconsegnare le sacche e i golf car nell area antstante il locale sacche e di non lasciarli in altri luoghi. 7

8 Il deposito sacche serve esclusivamente per le atrezzature per il gioco del golf. Non è pertanto permesso depositare nella sala ogget e materiali non atnent. Nel caso un Socio si assentasse per più di 30 giorni è invitato ad avvisare, preventvamente, la Segreteria dell assenza. I Soci dimissionari dovranno ritrare la propria atrezzatura sportva dal locale sacche entro il 31 dicembre. Art Spogliatoi L orario di apertura e chiusura sarà comunicato in bacheca. Gli spogliatoi sono ad uso esclusivo dei giocatori. Non è consentto lasciare fuori dagli armadiet, atrezzatura sportva, indument, scarpe o qualunque altro oggeto personale. Ogni sera gli indument ed ogget lasciat fuori dagli armadiet verranno raccolt e, dopo 30 giorni, verranno smaltt. Il Socio è responsabile delle chiavi degli armadiet e in caso di smarrimento dovrà sostenere il costo per il duplicato o la sosttuzione della serratura. I Soci dimissionari dovranno rendere disponibili gli armadiet entro il 31 dicembre. Negli armadiet non possono essere custodite merci deperibili, prodot infammabili esplosivi, maleodorant. Il Consiglio Diretvo potrà chiedere di vuotare e lasciare apert gli armadiet per procedere a lavori. Se il Socio non vi provvederà nel termine richiesto, il Consiglio Diretvo disporrà comunque della loro apertura. Il ripristno dei danni arrecat agli armadiet, per forzatura di serratura, luccheto od altro, verrà addebitato al Socio. Qualora gli armadiet risultassero occupat arbitrariamente, il Consiglio Diretvo provvederà alla loro apertura e, dopo averne custodito il contenuto per 15 giorni non sarà più responsabile di eventuali ammanchi. Art Bar e Ristorante L orario di apertura e chiusura sarà comunicato in bacheca. Nei giorni di gara e festvi l apertura dell esercizio sarà garantta mezz ora prima della prima partenza. Il bar e ristorante sono gestt autonomamente. I Soci devono regolare i cont, diretamente con il gestore, al massimo ogni 15 giorni. Il Consiglio Diretvo, su espressa richiesta del gestore, potrà richiamare per iscrito quel Socio che non abbia provveduto al pagamento malgrado i sollecit ricevut. Soltanto il Consiglio Diretvo può autorizzare lo svolgimento di manifestazioni, ed altri incontri nei locali del Circolo. Eventuali pranzi e banchet non atnent all atvità golfstca potranno essere organizzat dal gestore solo previa autorizzazione del Consiglio Diretvo che regolamenterà il dirito d uso dell impianto in tali occasioni. 8

9 Art Professionist di golf I Maestri di golf che svolgono la loro atvità presso l Associazione Sportva Diletantstca sono liberi professionist. Le lezioni devono essere fssate diretamente con i maestri e pagate agli stessi. Le lezioni prenotate, se non disdete 24 ore prima, dovranno essere ugualmente pagate. La segreteria provvederà a dare tempestva comunicazione relatvamente alle giornate di assenza dei maestri, dovute ad atvità di aggiornamento professionale, di accompagnamento delle squadre agonistche o di clinic organizzate con gruppi di associat. Art Proshop L orario di apertura e chiusura sarà comunicato in bacheca Il pro shop è gestto autonomamente. I gestori del pro shop sono le uniche persone autorizzate alla vendita di atrezzatura sportva ed abbigliamento. Il Circolo intende tutelare l atvità professionale e l impegno economico dei gestori e prenderà provvediment disciplinari nei confront dei trasgressori a questa norma. Le atrezzature sportve ed i capi di abbigliamento in vendita presso il pro shop devono essere pagat entro 15 giorni dalla data di acquisto. I demo presi in prova vanno riconsegnat al pro shop in giornata. Il Circolo potrà comunque, su espressa richiesta dei gestori del pro-shop, richiamare per iscrito quel Socio che non abbia provveduto al pagamento malgrado i sollecit ricevut. Art Golf car e carrelli Soci e frequentatori giornalieri possono noleggiare i golf car del circolo. Il relatvo utlizzo è soggeto alle disposizioni descrite nel regolamento allegato (Allegato B). La violazione delle regole comporta il ritro immediato del mezzo. L uso del golf car è regolamentato dalla Segreteria in base allo stato del percorso. I carrelli sono a disposizione dei Soci gratuitamente e dei giocatori esterni dietro pagamento e devono essere resttuit sul piazzale dove sono stat prelevat. E vietato utlizzare i golf car e i carrelli al di fuori dell impianto. ALLEGATO A 9

10 ETICHETTA Il gioco del golf dispone di un "regolamento comportamentale", che deve garantre sul campo da golf un comportamento correto e allo stesso tempo sicuro. Il Golf è uno sport di autodisciplina e del massimo rispeto verso gli altri e verso il campo di gioco e l inosservanza anche di una sola regola può creare imbarazzo e rendere il gioco meno piacevole! L etcheta può essere riassunta nei comportament di seguito descrit che vi invitamo a rispetare: 1. non fare swing con il pericolo di danneggiare il campo in partcolare sui tee di partenza; 2. dimostrare rispeto per gli altri giocatori sul campo; 3. non disturbare il gioco degli altri giocatori muovendosi, parlando o facendo rumori inutli. Non stare vicino o diretamente dietro la palla quando un giocatore sta trando; 4. non transitare con il carrello sui green, collar e tee di partenza, non atraversare con il carrello le waste area (arizona e aree incolte); 5. giocare soltanto quando chi vi precede è fuori portata; 6. riparare le zolle sollevate con i bastoni, prima di lasciare il bunker livellare la sabbia con il rastrello, riparare i pitch sui green e sollevare con cura la bandiera, facendo atenzione a non trascinare i piedi sui green e non appoggiare mai la faccia del puter per creare impronte; 7. se state cercando la palla e il team che segue sta aspetando di trare fatelo passare anche se non sono trascorsi i 5 minut utli per la ricerca; 8. non ritardare il gioco creando lunghe atesa a chi vi segue; 9. non pratcare sul percorso giocando più palline; 10. giocare sempre una palla provvisoria se pensate che la vostra palla possa essere difcile da trovare (ad esclusione di palle in ostacolo d acqua e fuori limite); 11. osservare rigorosamente le norme locali che regolano la circolazione dei car; 12. accelerare il gioco portando la propria sacca in prossimità del tee della buca successiva non appena la vostra palla si trova in green e nelle immediate vicinanze. Quando terminate la buca abbandonate velocemente il green e segnate il risultato sullo score dopo che vi siete allontanat dal green in modo da permetere ai giocatori che seguono di giocare la buca; 13. se il vostro gruppo non ha perso una buca intera, ma è evidente che il gruppo che segue può giocare più velocemente dovrete invitarlo a sorpassare; ALLEGATO B REGOLAMENTO GOLF CAR La Segreteria, valutato lo stato del campo, potrà limitare o vietare l uso del golf car; 10

11 l utlizzo dei golf car è vietato ai minori di dicioto anni. Il conducente deve rispetare le istruzioni operatve collocate sui veicoli, procedere a velocità moderata ed evitare manovre pericolose, facendo atenzione agli altri giocatori; l utlizzo dei golf car è consentto solo durante lo svolgimento del gioco; è vietato l impiego per seguire una partta o per semplice svago; i resident del Villaggio del Golf non possono atraversare con il car il percorso per raggiungere la club house; Inoltre ai proprietari di Golf Car privat è richiesta l assicurazione del mezzo per danni provocat a terzi durante l utlizzo dello stesso. Copia della assicurazione andrà consegnata alla Segreteria. il condutore del golf car deve atenersi scrupolosamente alle indicazioni esposte giornalmente su apposito cartello in Club House e sulla bacheca del tee buca 1, deve inoltre seguire i percorsi indicat dalla segnaletca presente sul campo; è assolutamente vietato oltrepassare il limite indicato in prossimità dei green; il golf car deve procedere solamente sui rought e deve rispetare la distanza di 30 metri dai green e di 10 metri dai tee; non deve non deve stazionare sui bordi dei bunker, sulle rampe e sulle scarpate dei tee di partenza, non deve entrare nelle waste area (aree incolte e arizona) né ostacolare il gioco della partta che segue; il giocatore che usa il golf car non può precedere i suoi compagni di gioco ma deve procedere con il passo e la velocità dei compagni di partta; il golf car non deve servire per la ricerca delle palline. Giunt dove presumibilmente si trova la palla, si raccomanda di arrestare il car e di cercare la palla a piedi; non lasciare il golf car incustodito e rimuovere sempre le chiavi dal cruscoto; il guidatore del golf car deve segnalare tempestvamente alla Segreteria eventuali danni arrecat al percorso (tracce marcate, strappi dovut ad accelerazione o frenata). Le infrazioni potranno essere rilevate dal personale della Segreteria e da qualsiasi persona delegata dalla Commissione Sportva (starters, osservatori ecc.). In caso di violazione del presente Regolamento, verranno applicat i seguent provvediment: alla prima infrazione: letera di richiamo; alla seconda infrazione: divieto dell uso del golf car per 15 giorni di calendario; alla terza infrazione: divieto dell uso del golf car per 30 giorni di calendario e deferimento agli organi di disciplina. 11

12 12

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti

becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti becomingossola.com Condizioni generali di utilizzo per utenti Il presente documento defnisce le condizioni generali ( Condizioni ) per l utlizzo del sito internet www.becomingossola.com ( Sito web ) da

Dettagli

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY

Dental Buyer Club - Corso Milano 23, 20090 Monza (MB) info@dentalbuyerclub.com - IVA 08937120965 PRIVACY POLICY PRIVACY POLICY Dental Buyer Club S.r.l. rispeta la privacy dei suoi visitatori. La salvaguardia della riservatezza dei dat personali dei nostri client e delle persone con le quali entriamo in contato è

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015

-AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 -AUDAX 24h- 18-19 luglio 2015 Arcore 26/03/2015 REGOLAMENTO Art. 1 - ORGANIZZAZIONE Il GILERA CLUB ARCORE con sede in Arcore via N. Sauro 12 (mail : motoclubarcore@gmail.com) e il MOTO CLUB BIASSONO con

Dettagli

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione.

3. L ingresso al campeggio è subordinato al consenso della Direzione. 1. Per l entrata ed il soggiorno in campeggio è obbligatoria la registrazione di ogni singola persona. All arrivo ogni ospite è tenuto a depositare un documento d identità e controllare l esattezza delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento

Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Campo di Tiro Le Macchie Regolamento Allo scopo di garantire al Tiro sportivo con armi da fuoco un crescente sviluppo anche all interno del Nostro poligono e che i sacrifici di chi si è prodigato perché

Dettagli

Master EXECUTIVE Strument e tecniche di web marketng

Master EXECUTIVE Strument e tecniche di web marketng Master EXECUTIVE Strument e tecniche di web marketng Opportunità Il master, proposto da Noetca per la durata di 48 ore e in formula week end (6 lezioni di sabato), illustra i fondament del web marketng

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Gran Fondo PUNT DEL DIAU

Gran Fondo PUNT DEL DIAU LANZO TORINESE - SABATO 04 OTTOBRE 2014 Gran Fondo PUNT DEL DIAU REGOLAMENTO LA GARA GRAN FONDO DI CORSA IN MONTAGNA PUNT DEL DIAU avrà una lunghezza di circa km.25 e un dislivello positivo di circa 1450

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

CAPITOLO I - COSTITUZIONE

CAPITOLO I - COSTITUZIONE CAPITOLO I - COSTITUZIONE ART. 1- FONDAZIONE E' fondata per coloro che aderiscono e aderiranno al presente statuto, che prende vigore immediato, un' associazione per la pratica e la diffusione del Viet

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI

REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI REGOLAMENTO GENERALE E DELL ATTIVITÀ DEI VOLONTARI Art. 1 - PRINCIPI GENERALI Il presente regolamento generale e dell attività dei Volontari è derivato dallo statuto dell Associazione ed in particolare

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani

WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT. L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani WWW.JUNIORGOLFCADDIE.IT L organizzazione e la gestione economica, didattica e agonistica dei Club dei Giovani Il programma ideato da Luigi Pelizzari con il Patrocinio del Comitato Regionale Lombardo della

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

REGOLAMENTO CONCORSO A PREMI denominato SUMMER KISSES

REGOLAMENTO CONCORSO A PREMI denominato SUMMER KISSES REGOLAMENTO CONCORSO A PREMI denominato SUMMER KISSES SOGGETTO PROMOTORE: BEAUTYPROF S.p.A. Proprietario dell insegna Sensaton Profumerie Via A. Candido, 24 d - 89042 Gioiosa Jonica CF e PI 01622260808

Dettagli

Informazioni per gli spettatori

Informazioni per gli spettatori Informazioni per gli spettatori Fondazione Arena di Verona si riserva il diritto di apportare alla programmazione annunciata variazioni di data, orario e/o programma che si rendano necessarie. L acquisto

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA

CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA STATUTO FEDERALE CON ADEGUAMENTO A NUOVI PRINCIPI INFORMATORI CONI APPORTATE DAL COMMISSARIO AD ACTA APPROVATO CON DELIBERA PRESIDENTE CONI N. 130/56 E RATIFICATO DALLA GIUNTA C.O.N.I. IL 4/9/2012 INDICE

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE

CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE REGOLAMENTO 2015 ART. 1. IL CONCORSO UNA CANZONE DAL CUORE 2015 A CARATTERE INTERNAZIONALE SI SVOLGERA ATTRAVERSO VARIE TAPPE IN TUTTA ITALIA DA AGOSTO A NOVEMBRE. LE TAPPE

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC

REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO REGOLA 5 DECISIONI UFFICIALI FIGC REGOLAMENTO DEL GIUOCO DEL CALCIO ALL. D) REGOLA 5 Persone ammesse nel recinto di gioco 1) Per le gare organizzate dalla LNP, dalla Lega PRO e dalla Lega Nazionale Dilettanti in ambito nazionale sono ammessi

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA

1 REQUISITI DI PARTECIPAZIONE ISCRIZIONE PER ATLETI RESIDENTI IN ITALIA Regolamento Il Gruppo Sportivo Bancari Romani, sotto l egida della IAAF e della FIDAL, con il patrocinio di Roma Capitale e della Regione Lazio, indice ed organizza la 41ª edizione della Roma Ostia Half

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015

Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 GRAND SOLEIL CUP CALA GALERA 2015 Bando - Avviso Grand Soleil Cup 30 Aprile 3 Maggio 2015 Il Circolo Nautico e della Vela Argentario, in collaborazione con il Marina Cala Galera, il Cantiere del Pardo,

Dettagli

COMUNE DI ROVELLASCA

COMUNE DI ROVELLASCA COMUNE DI ROVELLASCA Provincia di COMO REGOLAMENTO SERVIZIO DI VOLONTARIATO CIVICO COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 13.04.2015 Ripubblicato all Albo pretorio dal 13.05.2015 al 28.05.2015

Dettagli

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957

COMUNE DI TERRALBA. (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 COMUNE DI TERRALBA (Provincia di Oristano) Via Baccelli n 1 09098 Terralba Tel. 078385301 Fax 078383341 P.IVA 00063150957 Ordinanza Sindacale n. 41/2012 Prot. n. 12292 ORDINANZA SINDACALE (Adozione misure

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI AREA PATRIMONIO AMBIENTE UFFICIO TUTELA DEL PAESAGGIO E SUPPORTO AMMINISTRATIVO ALL AREA SETTORE PATRIMONIO E MANUTENZIONI REGOLAMENTO DI GESTIONE DEGLI IMPIANTI SPORTIVI COMUNALI (Approvato con deliberazione

Dettagli

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA

Convenzione tra. Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione tra Federazione Italiana Nuoto F.I.N. e Centro Nazionale Sportivo FIAMMA C.N.S.FIAMMA Convenzione F.I.N. C.N.S. FIAMMA La Federazione Italiana Nuoto (F.I.N.), con sede legale in Roma, rappresentata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE

La privacy a scuola DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE La privacy DAI TABLET ALLA PAGELLA ELETTRONICA. LE REGOLE DA RICORDARE Temi in classe Non lede la privacy l insegnante che assegna ai propri alunni lo svolgimento di temi in classe riguardanti il loro

Dettagli

Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada

Tabella dei punti decurtati dalla patente a punti secondo il nuovo codice della strada Tabella dei punti decurtati dalla "patente a punti" secondo il nuovo codice della strada Descrizione Punti Articolo sottratti Art. 141 Comma 9, 2 periodo Gare di velocità con veicoli a motore decise di

Dettagli

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015

A ROMA DA PAPA FRANCESCO. Roma 31 Ottobre 2015 A ROMA DA PAPA FRANCESCO Roma 31 Ottobre 2015 Il Programma definitivo della giornata sarà disponibile sul sito www.ucid.it A ROMA DA PAPA FRANCESCO - Roma, 31 Ottobre 2015 PROPOSTE DI ACCOGLIENZA OPZ.

Dettagli

Ladakh il fascino del piccolo Tibet

Ladakh il fascino del piccolo Tibet Ladakh il fascino del piccolo Tibet Il Ladakh è la regione più remota e meno popolata di tuta l india, un deserto di alta quota adagiato tra Karakorum e Himalaya. Ha in comune con il Tibet aspet morfologici,

Dettagli

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE

Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE Cycling Marathon SPORT INFORMATION GUIDE 1 INDICE INDICE...2 1. Date degli eventi... 2 2. Percorso... 3 3. L area dei Paddock... 4 4. Organizzazione... 5 5. Regolamento 12H Cycling Marathon... 6 Safety

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III

TITOLO I. Regolamento Organico F.I.N. INDICE CAPO I CAPO II CAPO III Regolamento Organico F.I.N. INDICE TITOLO I CAPO I LE SOCIETA Art. 1 Affiliazione pag. 1 Art. 2 Domanda di affiliazione pag. 1 Art. 3 Domanda di riaffiliazione pag. 2 Art. 4 Accettazione della domanda

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 59 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RIMBORSI DELLE SPESE SOSTENUTE DAL PERSONALE DIPENDENTE INVIATO IN MISSIONE Approvato con D.G.P. in data 19.4.2012

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE REGOLAMENTO DELLA STRUTTURA DI PROTEZIONE CIVILE FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO (F.I.N.) - ASSOCIAZIONE NAZIONALE DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Premessa La Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento di Protezione Civile, in base alla Legge

Dettagli