La Germania di fronte a Napoleone

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Germania di fronte a Napoleone"

Transcript

1 La Germania di fronte a Napoleone CULTURA, CIVILTÀ E RELIGIOSITÀ Gli intellettuali tedeschi di fronte al generale vittorioso Nel Settecento, Berlino fu una delle grandi capitali dell Illuminismo (Aufklärung, in lingua tedesca), anche se il movimento assunse nella città prussiana alcune caratteristiche particolari, molto diverse da quelle tipicamente francesi o inglesi. Rispetto a Voltaire, gli intellettuali tedeschi furono molto più cauti nelle loro critiche alla religione, convinti che la Riforma avesse già rigenerato la fede cristiana, sfrondandola dalle superstizioni e dalle credenze più irrazionali che erano imputate al cattolicesimo. Per di più, nel corso del secolo XVIII, gran parte del luteranesimo aveva accolto con entusiasmo il pietismo, un tipo di religiosità che dava scarsa importanza alla dimensione dottrinale e attribuiva invece il peso predominante alla lettura personale della Bibbia, all etica e al sentimento, cioè alla personale percezione della presenza divina sia nel creato che nell anima di ogni individuo. Questo orientamento religioso spingeva in direzione della pace interiore e della stabilità sociale, in quanto ognuno doveva essere soddisfatto della sua posizione, senza alterare l ordine stabilito da Dio. Certo, gli individui dovevano essere rispettati nella loro libertà e nei loro beni: ma garantire questi benefici era un dovere morale dello Stato, non l esito di un arrogante richiesta dei sudditi, in nome dei rivoluzionari diritti dell uomo. Nel 1789, l inizio della Rivoluzione a Parigi fu accolto con entusiasmo da numerosi intellettuali tedeschi, determinati ad assumere posizioni più aperte e più progressiste di quelle dominanti. L esecuzione di Luigi XVI e il Terrore spensero questi entusiasmi. Anzi, il fascino si trasformò in timore quando si comprese che gli effetti devastanti della rivoluzione avrebbero potuto toccare anche la Germania. Un interesse del tutto particolare destò di nuovo, dal 1798, la figura di Napoleone, attentamente osservata nei suoi movimenti dagli osservatori più acuti. Christoph Martin Wieland ( ), scrittore acuto e ben informato, denunciò fin dall inizio del consolato di Bonaparte che il nuovo regime francese era una dittatura pericolosa per l intera Europa. Una volta dotato della pienezza dei poteri, il generale avrebbe potuto porre fine alle lotte civili che dilaniavano il Paese, e ciò avrebbe finalmente permesso alla Francia di espandersi sul continente, fino a diventarne l incontrastata potenza egemone. Nel 1804, un altro scrittore tedesco, Johann Friedrich Reichardt ( ), pubblicò Un gruppo di popolani tedeschi intonano un canto religioso, dipinto del XIX secolo. In Germania, nel Settecento, si diffuse un nuovo tipo di religiosità, il pietismo, che rivalutava l autenticità del sentimento religioso a scapito della dimensione dottrinale. B 1

2 UNITÀ IV 2 POLITICA E CULTURA NELL ETÀ NAPOLEONICA Il poeta tedesco Johann Wolfgang von Goethe. Dominio francese, come male minore un resoconto di viaggio relativo a un suo soggiorno a Parigi e offrì un quadro estremamente cupo dell atmosfera che si respirava nella capitale francese. «Regnare è la sua sola passione e occupazione», scrisse parlando di Bonaparte, presentato come una figura solitaria e triste, ormai prigioniero delle straordinarie misure di sicurezza introdotte a sua difesa. In termini ancora più duri si espresse il conte prussiano Gustav von Schlabrendorf, che in un volume del 1804 dipingeva il regime napoleonico come una specie di gigantesco Stato di polizia, di sistema totalitario, quasi, basato sulla totale assenza di libertà, da un lato, e sul controllo dell insegnamento scolastico, dei teatri e della stampa dall altro. Posizioni moderate, filofrancesi Il più prestigioso scrittore tedesco del tempo, Johann Wolfgang von Goethe ( ), conosceva bene questi scritti polemici. Viveva nel piccolo ducato di Sassonia-Weimar- Eisenach e svolgeva nella capitale, Weimar, le funzioni di responsabile della cultura: dirigeva il teatro di corte, la biblioteca e l università di Jena. Nel 1806, al momento dell inizio della guerra con la Francia, il duca aveva messo a disposizione del re di Prussia un battaglione di più di 700 soldati: quindi, a Weimar, si temeva che Napoleone avrebbe usato il pugno di ferro contro il ducato, al punto da prendere in considerazione la sua soppressione. L imperatore decise infine per un inserimento del ducato di Weimar nella Confederazione del Reno; sul piano formale, l indipendenza era salva, ma in realtà il piccolo Stato era divenuto un vassallo di Bonaparte, cui dovette pagare un pesante tributo: un contingente militare di 800 uomini (580 dei quali sarebbero poi morti in Spagna, combattendo contro i guerriglieri catalani), una somma di 2,2 milioni di franchi e, soprattutto, l obbligo di fornire vitto e alloggio a soldati e cavalli fino alla primavera. Nonostante le pesanti umiliazioni morali e materiali imposte al suo sovrano da Napoleone, Goethe rifiutò il nuovo entusiasmo nazionalistico, che spingeva Fichte e altri intellettuali in direzione della lotta senza quartiere contro la Francia. A suo giudizio, una sottomissione non servile, unita a un atteggiamento di collaborazione costruttiva con il vincitore francese, avrebbe prodotto frutti ben più efficaci e duraturi della resistenza dettata dall orgoglio della propria specificità nazionale. La posizione del grande scrittore non era affatto eccezionale; in particolare, fu condivisa da Alexander von Humboldt ( ) e da un intellettuale che all epoca era molto noto e influente, Johannes von Müller ( ). Storico di corte a Berlino, Müller si schierò inizialmente con il partito favorevole alla guerra: i suoi attacchi contro l «uomo malvagio» e i suoi paralleli tra Attila e Bonaparte non erano insulti gratuiti; l intellettuale tedesco, infatti, aveva intuito che dietro Napoleone c era la Francia rivoluzionaria, e che questa aveva una capacità devastatrice superiore a quella posseduta dai regni dell antico regime. Quella di Bonaparte, diceva Müller, era una specie di guerra santa, e il generale vittorioso aveva un carisma e una forza travolgente che lo rendevano più simile a Maometto che a un sovrano europeo del Settecento. Tuttavia, dopo la disfatta di Jena (1806), Müller non fuggì da Berlino né incitò alla lotta di liberazione: egli si rese conto che la Germania, stretta tra le potenze dell Est e dell Ovest, avrebbe dovuto presto capitolare all una o all altra. La prospettiva di finire sotto l impero russo, di fronte alla cui barbarie e arretratezza Müller rifuggiva inorridito, pareva intollerabile. Egli ritenne preferibile, in seguito a un ipotetica disfatta e alla conseguente perdita dell indipendenza, sottomettersi a una potenza occidentale piuttosto che alla semiasiatica Russia. Altri scrittori e polemisti del tempo giunsero a conclusioni simili, a sostenere cioè Napoleone e a criticare gli sforzi di resistenza antifrancese, perché temevano che l alternativa al dominio universale napoleonico sarebbe stato quello britannico, materialista e fondato solo

3 sulla forza dell oro e del commercio. Alla tirannia del denaro, era preferibile quella delle armi vittoriose, cui però sarebbe seguito il diritto. Goethe condivise proprio questo aspetto specifico della dominazione francese e pertanto, all università di Jena introdusse nel giro di un anno lo studio del nuovo Codice napoleonico, che sarebbe di lì a poco entrato in vigore nella Confederazione del Reno. Si trattava di una strada che era l opposto di quanto insegnavano Herder e Fichte, per i quali le legislazioni straniere non dovevano per alcun motivo essere importate, e anzi il diritto romano, con la sua pretesa di universalità, era stato un pericoloso fattore di distruzione dell identità nazionale germanica. Interesse per il Codice Abbagliare per dominare Dopo la vittoria di Jena, la città prussiana di Erfurt passò sotto totale controllo francese, e anzi divenne un dominio riservato dell imperatore, cioè dipese direttamente dall amministrazione imperiale. Non era affatto una posizione vantaggiosa, in quanto gli oneri che Erfurt dovette accollarsi (alloggio e rifornimento per migliaia di soldati e di cavalli, ad esempio) furono molto pesanti. Anche se il dominio francese durò solo dal 1807 al 1813, la città accumulò debiti per l enorme somma di 7,36 milioni di talleri, tanto che nel 1878 gli abitanti di Erfurt non avevano ancora saldato tutti i creditori... Tutte le petizioni per ridurre le spese furono respinte, e in un caso, addirittura, la risposta negativa fu accompagnata da un formale divieto di lamentarsi. Dal 27 settembre al 14 ottobre 1808, Napoleone convocò a Erfurt un imponente congresso di principi tedeschi, cui fu invitato anche lo zar di Russia Alessandro I ( ). In quei giorni concitati, la piccola città provinciale prussiana si trasformò nel centro della vita politica europea e in una grandiosa corte sfavillante e sfarzosa. Il principe di Talleyrand, gran ciambellano di Napoleone, ricordò nelle sue memorie che l imperatore dei francesi si propose esplicitamente di impressionare il sovrano russo, mentre la stampa tedesca debitamente ammaestrata doveva diffondere in tutta la Germania una rinnovata ammirazione per Napoleone, con lodi talmente esagerate da far pensare alla messa in atto di un vero e proprio culto della personalità. Erfurt Napoleone incontra a Erfurt i principi tedeschi, dipinto del XIX secolo. Con la Prussia prostrata e pesantemente indebolita, Napoleone era riuscito a stabilire in Germania e nell Europa centrale un predominio quale mai la Francia aveva raggiunto nella sua storia. B 3

4 UNITÀ IV 4 POLITICA E CULTURA NELL ETÀ NAPOLEONICA Uno spettacolo grandioso Il ruolo politico del teatro Una nuova cultura europea In realtà, lo splendore con cui si voleva abbagliare lo zar e i tedeschi mascherava una grave situazione di debolezza. Con terre tolte alla Prussia, Napoleone aveva ricostituito un granducato di Varsavia e l aveva fatto entrare nella Confederazione del Reno; tale operazione aveva profondamente irritato il governo russo, che considerava la Polonia una propria zona di influenza e quindi mal tollerava l ingerenza francese nella regione. Cosa ancora più grave, Bonaparte aveva da poco invaso la Spagna e deposto il suo re. Questo gesto aveva rafforzato l opinione negativa che tutti gli altri sovrani avevano dell imperatore, ritenuto un soggetto del tutto inaffidabile e incapace di contenere la propria sete di potere. Per di più, il Paese si era ribellato e la guerriglia, sostenuta dagli inglesi, non era stata domata. Bonaparte si trovava dunque dinnanzi al serio pericolo di una guerra su due fronti: mentre gran parte del suo esercito era impegnato in Spagna, sarebbe stato molto difficile combattere una campagna vittoriosa in Europa centrale contro austriaci e russi, coalizzati. Per lo meno ecco lo scopo napoleonico del congresso di Erfurt occorreva tener fuori dall eventuale coalizione lo zar, che a questo scopo andava nel medesimo tempo riverito e stupito, dando una simultanea immagine di amicizia e di opulenza, e quindi in grado di finanziare un esercito se necessario. Nel grandioso spettacolo che aveva inscenato davanti allo zar (e all intera Germania) Napoleone segnò un importante compito al teatro, o meglio agli attori del Théâtre Français, fatti venire apposta da Parigi. Il repertorio da rappresentare di fronte a un pubblico selezionato (lo zar, i sovrani dei più importanti principati della Confederazione del Reno, alcuni celebri intellettuali tedeschi, tra cui Goethe) fu scelto con estrema cura e precise finalità, a un tempo pedagogiche e propagandistiche. Mostrandosi, sotto questo profilo, figlio della Rivoluzione ed erede della serietà del periodo giacobino, Napoleone scartò le commedie, per distinguere lo stile di corte francese dai frivoli ambienti aristocratici dell Ancien Régime; l imperatore offrì al suo pubblico tedesco solo tragedie, oppure come scrive Talleyrand opere in cui grandi eroi «compivano imprese gloriose e possenti» e «s innalzavano al di sopra degli uomini comuni per il loro coraggio e per le loro elevate virtù spirituali». Goethe e il progetto imperiale napoleonico Nel corso del congresso di Erfurt, Napoleone convocò Goethe e gli concesse un udienza privata. Il colloquio ebbe luogo il 2 ottobre 1808 e durò circa un ora. Nei suoi resoconti, lo scrittore ci presenta un Bonaparte nervoso e irrequieto, ma intellettualmente vivace, tutt altro che incompetente in ambito letterario, soprattutto nel campo del teatro tragico francese. Goethe ricorda che l imperatore fu costretto a interrompere il dialogo per affrontare gli urgenti problemi politici che gli venivano sottoposti, ma congedò lo scrittore solo dopo averlo ufficialmente invitato a Parigi. L obiettivo politico di tale proposta era chiara: l imperatore tentava di circondarsi di intellettuali di grande fama internazionale, al fine di presentare il suo dominio non più come il frutto puro e semplice della superiorità militare francese, ma come l inizio di un processo di rigenerazione dell Europa, in direzione della pace e di una nuova civiltà basata sulla ragione (e sul Codice civile francese). Qualche giorno più tardi, Napoleone e lo zar si recarono a Weimar, e anche qui i festeggiamenti si trasformarono in raffinata propaganda politica. In un sontuoso banchetto, si trovarono riunite 150 persone: al centro della scena i due imperatori; tutt intorno, come satelliti intorno al sole, i principi tedeschi creati da Napoleone. Come al solito, il suo obiettivo era quello di abbagliare e ipnotizzare i suoi interlocutori: lo zar e i sovrani dovevano comprendere che l Europa intera gravitava intorno alla Francia ed era ai suoi piedi. Alla sera, la compagnia del Théâtre Français inscenò la Morte di Cesare, di Voltaire, e i versi declamati con maggiore solennità dall attore che impersonava Cesare furono quelli in cui il generale romano proclamava di voler instaurare «sull universo, volontario servo, senza violenza un generoso impero». Era, di fatto, un concentrato del programma napoleonico: un Europa finalmente pacificata, sotto un unico imperatore.

5 Georges Rouget, Il matrimonio fra Napoleone e Maria Luisa d Asburgo, B 5 Non a caso, sappiamo che le preferenze storiche di Napoleone (imbevute, com era prassi, a quell epoca, di reminiscenze classiche) andarono sempre a Roma, e non a Sparta (con le sue virtù militari e civili) o ad Atene (con la sua pericolosa democrazia). Roma era un modello di impero unitario, mentre la Grecia, per quanto celebrata in quei medesimi anni da Foscolo e da altri scrittori neoclassici, gli pareva solo sinonimo di particolarismo e di litigiosità. Quella stessa sera, Napoleone ebbe un altro breve colloquio con Goethe; commentando l opera appena rappresentata, da un lato individuò i punti deboli del lavoro di Voltaire, e dall altro ribadì che, a suo giudizio, il teatro tragico era lo strumento pedagogico per eccellenza, ai fini del rafforzamento dello Stato. Pertanto, rinnovandogli l invito a recarsi a Parigi, l imperatore fece a Goethe una precisa proposta: scrivere un dramma sulla figura di Cesare, mettendo l accento sul fatto che avrebbe potuto portare la pace al mondo, se non fosse stato prematuramente assassinato. Goethe declinò di nuovo l invito, ma Napoleone, una volta tornato a Parigi, lo insignì comunque della Legion d onore, una prestigiosa onorificenza di solito riservata a generali e statisti. Da quel momento, Goethe prese l abitudine di chiamare in pubblico Bonaparte «Mein Kaiser», cioè il mio imperatore. Da un punto di vista pratico, l incontro al vertice di Erfurt si rivelò fallimentare. Lo zar, infatti, non intervenne personalmente in guerra, ma non dissuase in alcun modo Vienna dal portare una nuova sfida al progetto egemonico francese. Così, mentre si combatteva in Spagna, nel 1809 Napoleone dovette far fronte in Europa centrale all offensiva degli austriaci. Subito, a guerra appena iniziata, i direttori di tutti i giornali tedeschi Modello romano Riferimento storiografico 1 pag. 8

6 UNITÀ IV 6 POLITICA E CULTURA NELL ETÀ NAPOLEONICA Vittoria di Wagram Rispetto per il vincitore temperato Invasione della Russia furono avvisati che la pubblicazione di notizie o commenti «non conformi all interesse politico del sublime protettore e degli Stati confederati» avrebbe comportato l immediata chiusura della testata. Napoleone riuscì infine a sconfiggere gli austriaci a Wagram (1809), ma la sua vittoria, questa volta, fu di strettissima misura, sebbene ovviamente amplificata da una stampa totalmente allineata a forza o abilmente manovrata e diretta. Il risultato più immediato del successo francese fu il matrimonio di Bonaparte con Maria Luisa d Asburgo, la figlia dell imperatore d Austria. Tale unione non solo tentava di risolvere il delicato problema della successione al trono (Napoleone infatti, da un precedente matrimonio, non aveva avuto eredi), ma anche di dare maggiore legittimità al suo progetto imperiale, nella misura in cui il sovrano che si era incoronato con le sue mani e aveva costruito il suo potere solo grazie alla forza delle armi si legava alla famiglia che, per secoli, aveva portato la corona del Sacro romano impero. Oltretutto, poiché la nuova principessa austriaca che si recava a Parigi era strettamente imparentata con la regina Maria Antonietta (sua prozia, decapitata nel 1793), la Rivoluzione sembrava davvero finita: Napoleone si illudeva di non apparire più come un pericoloso sovversivo, ma di essere finalmente accolto a pieno titolo tra i sovrani europei. Dal compromesso al volontariato patriottico Nel 1810, l Institut de France di Parigi bandì un concorso per una dissertazione storica, che solo in apparenza si occupava di un tema distante, caro solo a pochi eruditi. Il tema della trattazione riguardava il rapporto tra goti e romani in Italia, al tempo di Teodorico. Dieci anni più tardi, in Italia, Alessandro Manzoni avrebbe utilizzato uno stratagemma simile: parlando di longobardi, franchi e italici, in realtà voleva affrontare la realtà politica del proprio tempo, in cui i soggetti erano gli austriaci, i francesi e il popolo italiano, privato della sua indipendenza e subordinato al padrone di turno, fino a che non avesse trovato le energie per conquistarsi da solo la libertà. Allo stesso modo, l Accademia parigina che bandì il concorso prendeva le mosse dal passato remoto, ma in realtà voleva occuparsi delle relazioni tra dominati e conquistatori nel tempo presente. Il concorso fu vinto da uno stretto conoscente di Goethe, Georg Sartorius, il quale espresse posizioni politiche molto simili a quelle del grande scrittore. A suo giudizio, quello di Teodorico era stato un dominio saggio, moderato e rispettoso dei diritti dei subordinati; solo «la stupida superbia e il fanatismo della grande massa» aveva potuto rifiutarlo a priori, per il fatto che i goti erano stranieri e barbari. Peggio ancora, il ritorno dei legittimi signori bizantini provocò all Italia guerre, carestie, epidemie e infine uno sfruttamento sistematico e brutale molto superiore a quello dei goti. Dall odio ingiusto e immotivato contro «un vincitore temperato», commentò Goethe dopo aver letto il testo, «non c è da attendersi nulla di buono». Si trattava di una posizione tutt altro che patriottica, che raccomandava di adattarsi in modo disciplinato alla dominazione francese. In realtà, a questa data, Goethe era ormai in netta minoranza, come ammetteva lo stesso Girolamo Bonaparte, re di Westfalia in una lettera inviata il 5 dicembre 1811 al fratello imperatore. A suo giudizio, il desiderio di cacciare lo straniero non era più, in Germania, il frutto della fantasia esaltata di pochi intellettuali, ma nasceva dai problemi concreti che la popolazione doveva affrontare quotidianamente: le imposte per le guerra, i contributi per mantenere le truppe d occupazione, i saccheggi e le angherie dei soldati. «Si deve temere concludeva Girolamo, la disperazione di quel popolo che non ha più nulla da perdere perché gli è stato preso tutto». Il 27 gennaio 1812, la potenza del conquistatore si fece udire per l ultima e più micidiale volta: i principi della Confederazione ricevettero, da parte dell imperatore, l ordine di preparare entro il 15 febbraio tutti i contingenti militari dovuti, secondo le condizioni pattuite al momento della resa, in vista dell invasione della Russia. L entità del disastro che seguì la sciagurata campagna orientale offrì la possibilità ad Austria e Prus-

7 Johann Peter Krafft, La partenza del soldato di leva, 1813 (Vienna, Heeresgeschichtliches Museum). Molti giovani tedeschi si offrirono volontari per combattere contro Napoleone a Lipsia nel 1813: il conflitto, infatti, era visto come una guerra di liberazione nazionale dall invasore straniero. sia di rialzare la testa e di infliggere a Napoleone la decisiva disfatta di Lipsia (16-19 ottobre 1813). Il conflitto del 1813 fu accolto con entusiasmo da migliaia di giovani tedeschi (per lo più studenti d estrazione borghese), che lo vissero come guerra di liberazione nazionale e diedero inizio a quel fenomeno del volontariato per motivi patriottici che avrebbe caratterizzato l intero Ottocento e i primi mesi della prima guerra mondiale, nel Goethe non condivise l euforia patriottica dei suoi connazionali e non giudicò positivamente il fenomeno del volontariato. I giovani intellettuali che si arruolavano entusiasti gli parevano dei presuntuosi dilettanti che si impegnavano in un gioco più grande di loro, mettendo stupidamente a repentaglio una vita che sarebbe servita assai di più alla Germania e all umanità se quegli studenti fossero diventati bravi medici o validi funzionari dello Stato. Ma, soprattutto, riprendendo un tema già discusso nel 1806, lo scrittore ritornò, nelle sue lettere e nelle sue riflessioni, sulla questione del rischio di un eccessivo espansionismo russo: «Fra tutto quanto accade, scrisse nell ottobre 1813, mentre ancora la battaglia di Lipsia non era terminata, se devo essere sincero, vedere qui i cosacchi non era quello che desideravo». Nell entusiasmo della vittoria e della liberazione, dunque, Goethe rimase in disparte, con un riserbo che vari intellettuali delle generazioni seguenti gli avrebbero rimproverato. Per la grande maggioranza dei tedeschi colti, Napoleone era l incarnazione del Male e dell oppressione, al punto che la ricorrenza della battaglia di Lipsia divenne una delle più importanti feste nazionali. Per Goethe, si era trattato di una speranza sfumata: ai suoi occhi, la colpa maggiore di Napoleone non era stata la dominazione sulla Germania, ma il fallimento della sua missione di portare la pace in Europa. Riferimento storiografico 2 pag. 10 La guerra di liberazione B 7

8 UNITÀ IV 8 POLITICA E CULTURA NELL ETÀ NAPOLEONICA Riferimenti storiografici 1 Goethe e il sogno di una duratura pace europea Il grande poeta tedesco Johann Wolfgang von Goethe non fu un patriota tedesco e non può di certo essere considerato uno dei padri del nazionalismo germanico. Egli guardò con lucidità la situazione politica globale e accettò serenamente l egemonia francese in Europa, considerandola un importante opportunità per l instaurazione di una pace duratura. In particolare, gli parve particolarmente promettente il matrimonio celebrato nel 1810 tra Napoleone e la principessa austriaca Maria Luisa d Asburgo. Il conflitto mondiale che si profila tra l Europa napoleonica e la Russia alleata con l Inghilterra costituisce lo sfondo epocale dell unica poesia politica scritta e poi subito pubblicata da Goethe durante l epoca napoleonica. Si tratta delle strofe da Karlsbad [celebre stazione termale in Boemia, n.d.r.] dedicate all imperatrice francese Maria Luisa, la figlia dell imperatore austriaco sposata da Napoleone nel Esse fanno parte di una trilogia che Goethe compone nella seconda settimana di luglio del 1812 su commissione della cittadinanza di Karlsbad per l arrivo dell imperatore austriaco, di sua moglie Maria Ludovica e della figlia Maria Luisa nata da un precedente matrimonio e quasi coetanea della nuova matrigna, che doveva fungere da saluto per le altezze imperiali. Si ha dunque a che fare con poesie d occasione per la corte, con opere solenni su committenza che proseguono il ciclo con cui Goethe, due anni prima, aveva celebrato Maria Ludovica. Tuttavia, tono e stile sono decisamente cambiati. Non a una soltanto, bensì a tre persone si rivolge il poeta, ma questa volta il metro dei versi è uniforme. Goethe adotta infatti strofe di otto versi, vale a dire l ottava rima, nota dall epica rinascimentale italiana e da lui altrimenti utilizzata soltanto per occasioni solenni [ ]. La poesia dedicata all imperatore celebra dapprima il suo vasto e fertile impero, e poi anche l accogliente città di Karlsbad, dove arte e natura si congiungono a creare un clima salubre. [ ] Simili quadri di armonia politica e naturale coronati dalla concordia familiare tra l imperatore padre, la madre e la figlia, uniti per una piacevole vacanza preparano la scena per la terza, più breve e però decisamente più importante poesia del ciclo, che è dedicata all imperatrice di Francia, ma che in realtà parla di Napoleone. Hans Magnus Enzensberger [scrittore tedesco contemporaneo, n.d.r.] la descrive come «convenzionale poesia di corte», costituita da «strofe devote, fredde e piatte». In effetti, Napoleone presenta il figlio suo e di Maria Luisa d Asburgo, Napoleone II, ai dignitari dell impero, dipinto del XIX secolo. il suo costrutto linguistico liscio e senza rotture può apparire piatto, e il catalogo di immagini allegoriche risultare freddo. Chi tut-

9 tavia non aspiri per forza alla profondità del sentimento o all urgenza espressiva troverà qui l esempio più nobile di stile impero letterario, forse l unico equivalente della pittura di corte napoleonica, che esista in lingua tedesca: alta politica in versi. La poesia comincia molto al di sopra della sfera terrestre, nello spazio, tra le stelle. Il matrimonio di Napoleone con una principessa asburgica appare come un avvenimento cosmico. [ ] Questa fondazione storica universale adesso è consolidata e garantita per il futuro da un erede. [ ] «Ma se tutto è riuscito all eroe che la sorte eresse a beniamino a lui più che a tutti imponendo ogni impresa mai enumerata dalla storia più di quanto i poeti mai cantavano! pure fin qui il sommo bene gli è mancato: ma ora che l Impero è sicuro e compiuto ora potrà, felice, nel figlio radicarsi». Il figlio di Napoleone sarà il re di Roma, e in tal modo la città del primo grande impero pacificato di tutta la storia mondiale diventa la custode della nuova pace attuale. Come Augusto, padre e figlio chiudono dopo un epoca di guerre il tempio di Giano: «E affinché la sua altezza allietando l erede, si presceglie a garante Roma stessa. La dea, devota sulla culla del mare, di nuovo pensa al destino di un mondo. Ma che valgono i trofei di tutte le vittorie, dinanzi a un padre che nel figlio si compiace? Insieme godranno la felicità di chiudere Con mano pietosa il tempio di Giano». Maria Luisa appare come una materna dea della pace, quasi una Madonna, e il verso finale fa dell imperatore dei francesi un dispensatore di pace dai poteri assoluti. Colpisce, nelle ultime strofe, la triplice evocazione del figlio di Napoleone, che conferisce al sontuoso dettato del testo una misteriosa nota escatologica, pagana quanto cristiana, che rimanda di nuovo all epoca augustea: non si può infatti non pensare qui al fanciullo divino della IV Egloga di Virgilio, che pone fine all età del ferro e apre un età dell oro fatta di pace e di prosperità. In Virgilio egli «reggerà l orbe pacato dalle virtù patrie» pacatumque reget patriis virtutibus orbem. L immaginario cosmico della poesia culmina dunque in una teologia politica. Ma il verso finale in realtà è un appello urgente, che persino nel momento in cui la poesia trovò impiego ufficiale il 2 luglio del 1812 non sembrava ancora del tutto vano: la campagna di Russia era iniziata solo da una settimana, e Napoleone era appena arrivato nella polacca Vilnius. «Ella, giunta un tempo eletta sposa per essere divina mediatrice, da splendida madre col bambino in braccio promuova una durevole, nuova unione; mentre il mondo si dibatte nelle tenebre schiarisca il cielo in eterno splendore! E grazie a Lei quest ultima gioia ci tocchi: chi può tutto volere, voglia anche la pace!». B 9 Si tratta di versi grandi e significativi, l unica apostrofe pubblica diretta di Goethe a Napoleone durante l intero arco del suo dominio. Di tutto quello che ha detto e pensato di lui, altrimenti, è rimasta soltanto testimonianza privata in lettere e conversazioni, che sono divenute note pubblicamente solo molti anni dopo la morte di Goethe. G. SEIBT, Il poeta e l imperatore. La volta che Goethe incontrò Napoleone, Donzelli, Roma 2009, pp , trad. it. M. LUMACHE, P. SCOTINI Spiega l espressione «Stile impero letterario». A quale figura sacra è paragonata l imperatrice? Spiega l espressione «Misteriosa nota escatologica, pagana quanto cristiana».

10 UNITÀ IV 10 POLITICA E CULTURA NELL ETÀ NAPOLEONICA Soldati dell esercito prussiano in una illustrazione del La guerra di liberazione e il fenomeno del volontariato Il fenomeno del volontariato militare iniziò in Francia, al tempo della Repubblica. Per la prima volta, i soldati non combattevano in nome di un sovrano, ma per un ideale, per difendere il quale erano disposti a sacrificare la vita. Tuttavia, la Francia era un Paese unito da molto tempo, e l ideale per cui si combatteva era di difficile definizione, in quanto patria e rivoluzione si sovrapponevano, in concorrenza reciproca. Nel 1813, invece, i giovani che si arruolarono nell esercito prussiano (o addirittura diedero vita a reparti speciali, denominati Corpi franchi) affermavano di combattere per la patria, per la nazione tedesca. Poiché la Germania era frammentata e divisa, si trattava ancora di un astrazione; quell ideale, però, nell arco di una generazione si sarebbe prepotentemente imposto e trasformato in realtà. Le particolari circostanze in cui furono combattute fecero sì che le guerre di liberazione tedesche contro Napoleone costituissero un ambiente elettivo per lo sviluppo del Mito dell esperienza della guerra. Con tutto il suo entusiasmo per la patrie, la Francia era uno Stato nazionale costituito; non solo, ma uno Stato che aveva trionfato sul resto dell Europa. La Prussia invece era occupata da Napoleone, e il suo re, Federico Guglielmo III, sembrava aver accettato quest occupazione. Ma la sconfitta di Napoleone in Russia gli fece cambiare idea, e nel 1813 chiamò infine la nazione alle armi. I poeti e gli scrittori patrioti, che prima della guerra avevano patito frustrazioni e umiliazioni, poterono ora unirsi alla lotta nazionale, e celebrarla. La voce di poeti come Theodor Körner o Max von Schenkendorf, di scrittori come Ernst Moritz Arndt e di organizzatori come Friedrich Jahn, per citare qualche nome tutti combatterono come volontari si spinse fino a preconizzare [profetizzare, n.d.r.], al di là dei confini della Prussia, una Germania nuova e unita, rigenerata attraverso la guerra. Essi trasformarono l appello alle armi del 1813 in un insurrezione popolare basata sull ardente aspirazione della Volksseele [l anima del popolo, n.d.r.] all unità tedesca. Questa cosiddetta insurrezione fu vista dai volontari come un appello populistico rivolto a tutti i tedeschi perché si unissero e formassero un unica nazione, benché non vi fosse nessuna prova concreta a sostegno di quest asserzione, se si eccettua il loro stesso entusiasmo e la loro stessa energia. Per molti di coloro che risposero all appello del re, si trattò semplicemente di un occasione per porre termine all odiata occupazione francese: si trattò cioè di una guerra contro la Francia piuttosto che per la Germania. E altri poterono vedere nel conflitto la resurrezione e il rafforzamento della Prussia, piuttosto che la lotta per un Reich che non esisteva. Questi motivi non si escludevano reciprocamente, anche se la maggior parte dei volontari combatté una guerra contro la Francia e per la Prussia. Ma le generazioni successive, specialmente dopo la realizzazione dell unità della Germania [dopo il 1871, n.d.r.], videro questo conflitto attraverso gli occhi di uomini come Körner e Arndt, scorgendovi dunque un esemplare esplosione (Aufbruch, come venne definita) di quello spirito nazionale ch esse volevano coltivare, e l alba di una nuova epoca. Nella sua poesia Un appello alle armi (Aufruf, 1813), Theodor Körner esclama che le guerre di liberazione tedesche sono una crociata popolare, che non riguarda i re. Benché una dichiarazione del genere fosse in clamoroso contrasto con la realtà dopo tutto, per-

11 sino i volontari avevano aspettato che il re di Prussia proclamasse la guerra Federico Guglielmo II dovette far fronte a questo mito potente. Egli provvide pertanto affinché il re figurasse al primo posto in tutte le iscrizioni patriottiche. «Per il Re e per la Patria»: così suonava il testo inciso sui monumenti ai caduti o sulle targhe commemorative nelle chiese. Ciò nondimeno, alcune iscrizioni sulle tombe di volontari caduti in battaglia menzionavano soltanto «la libertà e la patria», ignorando il re. Anche se la guerra in sé presa non fu, a rigore, una guerra di popolo, le fedeltà dei singoli subirono un riorientamento dalla dinastia alla patria. I diritti rivali della monarchia e della nazione non avrebbero mai conosciuto una piena riconciliazione. I principali strumenti impiegati dai volontari per diffondere il loro messaggio furono la parola e la canzone. Benché avesse una tradizione risalente assai addietro nei secoli, la poesia di guerra, con il suo messaggio politico, affermò la propria autonomia durante le guerre di liberazione. «Il poeta e il guerriero scrisse intorno alla metà dell Ottocento un critico letterario riandando alle guerre di liberazione sono due tra le più nobili missioni che lo spirito del mondo affidi ai suoi beniamini, congiungendo in un unica e medesima persona la lotta con la parola e la lotta con la spada». Il Romanticismo giocò il suo ruolo nella poesia nazionale, e lo stesso dicasi del retaggio pietista dell interiorità, della ricerca di valori assoluti, di edificazione e illuminazione spirituale. Intorno alla metà dell Ottocento, furono eretti monumenti a poeti e volontari come Körner, Schenkendorf e Arndt, laddove in precedenza quest onore era stato riservato ai re, agli uomini di Stato e ai generali; e dopo l unificazione tedesca siffatti monumenti si moltiplicarono. Nel titolo del volume di poesie di guerra di Körner La lira e la spada (1814) si vide un simbolo della lotta dei tedeschi per l unità della nazione. [ ] L idea che la guerra conferisse un nuovo significato alla vita, rendendola degna d esser vissuta, fu ripetuta in poesia e nelle canzoni, in rapporto non soltanto con l esperienza del cameratismo, ma anche con il sentimento dell eccezionalità, così forte tra i volontari dalle guerre di liberazione in avanti. La guerra sottraeva i giovani alla routine della vita quotidiana e li inseriva in un ambiente nuovo, che per molti di loro significava la promessa di una missione da adempiere nella vita. La sensazione di trovarsi al di fuori della vita ordinaria riceveva poi una sanzione, una legittimazione religiosa ad opera della stessa Chiesa, giacché prima di partire alla volta dei loro reggimenti i volontari venivano benedetti in Chiesa. [ ] La cooptazione [acquisizione, n.d.r.] del simbolo e del rituale cristiani al fine di consacrare la vita e la morte del soldato avrebbe giocato un ruolo cruciale nel Mito dell esperienza della guerra. Theodor Körner, per citare ancora una volta questo poeta popolarissimo, scrisse una canzone destinata ad essere cantata durante la cerimonia della benedizione di un Corpo franco salesiano (1813) in cui affermava che grazie al fatto ch essi s erano levati in sua difesa Dio stesso aveva salvato la patria. [ ] Giustificando il proprio arruolamento al padre, Theodor Körner scrisse che nessuno è troppo prezioso perché non si possa sacrificare la sua vita per la libertà e l onore della nazione, ma che molti non sono degni di questo sacrificio. G.L. MOSSE, Le guerre mondiali. Dalla tragedia al mito dei caduti, Laterza, Roma-Bari 1998, pp , trad. it. G. FERRARA DEGLI UBERTI Che ruolo ebbero effettivamente i re nella guerra di liberazione del 1813? Quale mito potente contestava loro il ruolo di guide della lotta? Quale importante riorientamento subirono nel 1813 le fedeltà di numerosi tedeschi? Quale rapporto si instaurò tra la nuova fede nella nazione (valore supremo per cui si doveva, al limite, sacrificare la propria vita) e la religione tradizionale? B 11

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648

NEL 1600. Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra dei Trent'anni. combattuta dal 1618 al 1648 NEL 1600 1. c'erano Stati che avevano perso importanza = SPAGNA ITALIA- GERMANIA 2. altri che stavano acquisendo importanza = OLANDA INGHILTERRA FRANCIA Ma la prima metà del '600 fu dominata dalla guerra

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia

Gli ebrei nel medioevo. L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia Gli ebrei nel medioevo L istituzione di uno dei primi capri espiatori della Storia I rapporti tra ebrei e cristiani Gli ebrei entrarono nel turbine della storia, dopo la dissoluzione del loro stato, con

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione

Il Quarantotto. 1. Cause di una rivoluzione Il Quarantotto 1. Cause di una rivoluzione Una crisi di tipo nuovo Intorno alla metà del 1800 una serie di ondate rivoluzionarie in Europa fece crollare l ordine della Restaurazione. Occorre comprendere

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia

Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia ANNIVERSARI STORICI Dal Morgarten a Vienna, tra mito e storiografia Di Andrea Tognina Altre lingue: 5 15 MARZO 2015-11:00 Un memoriale di Marignano: l'ossario dei caduti della battaglia conservato a Santa

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO

VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO VADANO PER IL MONDO ANNUNZIANDO I VIZI E LE VIRTÙ CON BREVITÀ DI DISCORSO I frati non predichino nella diocesi di alcun vescovo qualora dallo stesso vescovo sia stato loro proibito. E nessun frate osi

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria

la storia Il luogo: Accademia Brera Castello Sforzesco Piazza alla Scala Duomo Palazzo di Giustizia Università Statale Chiostri Umanitaria Il luogo: la storia Castello Sforzesco Accademia Brera Montenapoleone Il complesso dei Chiostri dell Umanitaria nasce insieme all adiacente Chiesa di Santa Maria della Pace, voluta da Bianca di Visconti

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio )

CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 944 CONSIGLI NON RICHIESTI A RENZI SU COME RIVOLUZIONARE L EUROPA GERMANIZZATA (Renato Brunetta per Il Foglio ) 8 luglio 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi

Dettagli

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010

Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Sintesi primo incontro preparazione Colloqui Fiorentini Poco noto ad altrui, poco a me stesso. Conoscere Manzoni attraverso i testi 2 novembre 2010 Scopo di questo primo incontro è assumere l ipotesi interpretativa

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

IL CONCETTO DI GOVERNO

IL CONCETTO DI GOVERNO IL CONCETTO DI GOVERNO La maggior parte degli italiani tende ad eguagliare la parola governo con le istituzioni pubbliche o con le persone impiegate dallo Stato, oppure ad associarla a concetti politici.

Dettagli

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti

Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Lottare contro la discriminazione sul posto di lavoro è nell interesse di tutti Discriminazione sul posto di lavoro Quando una persona viene esclusa o trattata peggio delle altre a causa del sesso, della

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli

Tácticas. Guerra. Torneo Imperivm e Sfida Civitas. Torneo Imperivm. 1. Registrazione. 2. Schermata principale. 3. Livelli Tácticas de Guerra Torneo Imperivm e Sfida Civitas Torneo Imperivm 1. Registrazione 2. Schermata principale 3. Livelli 4. Se lo vuoi, ti guidiamo passo passo Sfida Civitas Torneo Imperivm Questa modalità

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano

Cristina E. Papakosta. Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Cristina E. Papakosta Consoli dei mercanti nel Levante veneziano Fin dal XIII secolo, Venezia per tutelare i propri interessi, innanzi tutto, commerciali e, in secondo luogo, politici aveva designato dei

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567

NEOCLASSICISMO. Vol III, pp. 532-567 NEOCLASSICISMO Vol III, pp. 532-567 567 Le premesse L illuminismo La rivoluzione industriale La rivoluzione francese Neoclassicismo il fascino dell antico Dagli inizi del Settecento a Roma si aprono vari

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Discorso di Pericle agli ateniesi, (è stata omessa soltanto l ultima parte per rendere più agevole la lettura del testo) Tucidide, Storie, II, 34-36

Discorso di Pericle agli ateniesi, (è stata omessa soltanto l ultima parte per rendere più agevole la lettura del testo) Tucidide, Storie, II, 34-36 Discorso di Pericle agli ateniesi, (è stata omessa soltanto l ultima parte per rendere più agevole la lettura del testo) Tucidide, Storie, II, 34-36 1 (36) Comincerò prima di tutto dagli antenati: è giusto

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli