UML State Diagrams. Nondeterminismo. Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UML State Diagrams. Nondeterminismo. Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM)"

Transcript

1 Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM) Descrizione grafica del comportamento di una FSM on UML State Diagrams Lamp On A. Fantechi 1/4/2010 off on Lamp Off off Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM) Descrizione formale del comportamento di una FSM: Una FSM M è una quadrupla (S, s 0, E, R) dove: S è un insieme finito di stati s 0 S è lo stato iniziale E è un insieme di eventi (trigger) R S x E xs è la relazione di transizione. Nondeterminismo Spesso si usa una funzione di transizione invece di una relazione di transizione: R: S x E S In questo modo il prossimo stato è sempre determinato univocamente dall evento di input. Caso di nondeterminismo --> (s 1, e, s 2 ) R si scrive anche s 1 e s 2 1

2 Uscite, azioni Uscite generate dall automa: off Lamp On Lamp Off on print( print( on ) off Macchina di Mealy Lamp On print( on ) off Lamp Off on on off Macchina di Moore Descrizione formale macchine Mealy e Moore Una Macchina di Mealy è una sestupla (S, s 0, E, R, O, o) dove: S è un insieme finito di stati s 0 S è lo stato iniziale E è un insieme di eventi (trigger) R : S x E S è la funzione di transizione. O è un insieme di possibili uscite o : S x E O è la funzione di uscita Una Macchina di Moore è una sestupla (S, s 0, E, R, O, o) dove: S è un insieme finito di stati s 0 S è lo stato iniziale E è un insieme di eventi (trigger) R : S x E S è la funzione di transizione. O è un insieme di possibili uscite o : S O è la funzione di uscita (determinismo) Extended Finite State Machines (EFSM) Estensione con variabili ( extended state ) ctr : Integer off Lamp On Lamp Off on ctr := ctr + 1 off EFSM Una EFSM (di Mealy) è definita da: Un insieme di segnali di input (input alphabet) Un insieme di segnali di output (output alphabet) Un insieme di stati Un insieme di transizioni segnale di trigger guardia azione Un insieme di variabili (extended state variables) Un indicazione di stato iniziale (stato iniziale + valore iniziale delle variabili) Un insieme di stati finali (vuoto nel caso di macchina non terminante) 2

3 Harel Statecharts Basic UML Statechart Diagram Create da David Harel (I-Logix) alla fine degli anni 80, come ulteriore estensione delle EFSM Formano la base del modello comportamentale di UML Supportano Stati annidati (gerarchie di stati) Azioni su Transizioni Entry (ingresso in uno stato) Exit (uscita da uno stato) Attività eseguite all interno di uno stato (Do) Guardie History Eventi di Broadcast Regioni Ortogonali (AND-States) Initial pseudostate Transition Final state top state top Ready Done stop /ctr := 0 stop State Trigger Action 9 Che tipo di comportamento? In generale, le EFSM sono adatte per descrivere un comportamento dicreto, event-driven inappropriate per modellare comportamento continuo in UML non ci sono strumenti per modellare un comportamento continuo threshold time Comportamento Event-Driven Evento = un tipo di occorrenza di qualcosa di osservabile interazioni: Invocazione sincrona di un metodo di un oggetto (call event) Ricezione asincorna di un segnale (signal event) Occorrenza di istanti di tempo (time event) Scadenza di un intervallo Tempo di clock o di calendario Aggiornamento del vlore di una variabile (change event) Istanza di un Evento (Event Instance) = un istanza di un tipo di evento che accade in un certo istante di tempo e che non ha durata 3

4 Comportamento Event-Driven - UML Comportamento di un oggetto Passivo - Modello Generale In linea di principio, si può parlare di comportamento eventdriven per un qualsiasi tipo di sistema In UML, il comportamento event-driven è quello manifestato dagli oggetti. Quindi possiamo associare agli oggetti di una classe un comportamento event-driven specificato attraverso uno state diagram. La semantica degli state diagram UML è data principalmente in relazione ad oggetti attivi Trattamento dello specifico metodo richiesto void:offhook (); {busy = true; obj.reqdialtone(); }; Initialize Wait Wait for for Handle Terminate Oggetti Passivi e Macchine a Stati Oggetti e flussi di controllo (threads) mapping: Initialize Wait for Event Handle Event Terminate on Lamp On print( on ) off off Lamp Off stop Oggetti Passivi: flusso di controllo esterno Oggetti Attivi: proprio flusso di controllo Initialize Initialize Wait Wait for for Handle Handle Terminate Terminate Initialize Initialize Wait Wait for for Handle Handle Terminate Terminate 4

5 Flussi concorrenti Initialize Initialize Wait Wait for for Handle Handle Terminate Terminate Oggetti Attivi e Macchine a Stati Oggetti Attivi con il proprio flusso di controllo anactive #currentevent : Event poll/defer created start + start ( ) + poll ( ) + stop ( ) start/^master.ready() ready ready stop/ Un oggetto passivo può essere attraversato da flussi concorrenti: --> problema di sincronizzazione Un oggetto attivo ha un proprio, unico, flusso: la concorrenza si ottiene con due oggetti attivi, istanze distinte della stessa classe poll/^master.ack() Le variabili di stato esteso sono gli attributi dell oggetto. Semantica degli Oggetti Attivi Run-to-completion model Coda di eventi Run-to-completion model Active: Il run-to-completion model step definisce come avviene una transzione tra due configurazioni della macchina a stati. Configurazione = stato corrente + valore delle variabili di stato esteso + situazione della coda in ingresso Un evento in coda (received) può essere prelevato (dispatched) dalla coda e trattato solo quando l elaborazione dell evento precedente è terminata (consumed). Durante uno step di run-to-completion può essere eseguita una sequenza di varie attività, che possono includere la modifica di un attributo locale, l invio di un segnale, l invocazione di un metodo di un altro oggetto, la rimozione di un evento dalla coda di ingresso 5

6 Stati UML Sintassi completa Initializing Valve ValveOk: Boolean = FALSE ValveAperture: int = 0 cmdsize: int entry / ValveOK = TestValve( ) do / OpenTo(cmdSize: int) exit / printmessage(valveaperature) A event parameters event name entry / g(x), h(y) exit / m(a), n(b) do / act(a,y,z) defer / e1, e2 e3 / p(x,y), q(z) T1(int r)[r < 0] / f(r) entry actions exit actions activities deferred events internal transition state name state guard action list B 22 Un evento può essere: Eventi Una condizione che diventa vera (guardia) Ricezione di un esplicito segnale da un altro oggetto Ricezione di una chiamata a un metodo da un altro oggetto Timeout (passage of a specified interval) Eventi possono causare transizioni di stato (etichette sulle) Transizioni event-name (parameter list) [guard] / action expression event-name nome dell evento di trigger per la transizione parameter list parametri con tipo (opzionale) guard espressione Booleana sui parametri e sugli attributi dell oggetto (variabili) action-expression lista di operazioni da eseguire quando la transizione viene selezionata: la lista è eseguita atomicamente 6

7 Esempi di etichette sulle transizioni Tipi di Eventi JustDoIt JustDoIt(x) JustDoIt(x: int) JustDoIt(x) [x>0] JustDoIt [y<10] / print(y) JustDoIt(x,y) [x>y+10] / print (x+y); target->gensignal(nike.makemoney(muchodollaro)) UML definisce 4 tipi di eventi Signal Event Ricezione di un segnale Asinchrono e.g. evflameon Call Event Ricezione di un invocazione di un metodo e.g. op(a,b,c) Change Event Aggiornamento del valore di una variabile (condivisa) Time Event Scadenza di un tempo Relativo (intervallo) Raggiungimento di un tempo Assolute e.g. tm(pulsewidthtime) State Entry and Exit Actions Ordine delle Azioni: un caso semplice Exit actions precedono le transizioni Entry action seguono le transizioni LampOn entry/lamp.on(); exit/lamp.off(); e1 e2 LampOn entry/lamp.on(); exit/printf printf( exiting ); off/printf printf( to to off ); Sequenza di azioni risultante printf( exiting ); printf( to to off ); lamp.off(); LampOff entry/lamp.off(); exit/printf printf( exiting ); off/printf printf( needless ); printf( exiting ); printf( needless ); needless ); lamp.off(); 7

8 Transizioni Interne State ( Do ) Activities Self-transitions Non provocano l esecuzione di entry e exit actions transizione interna triggered da un off event LampOff entry/lamp.off(); exit/printf printf( exiting ); off/null; thread concorrente che esegue fino a che: l attività è completata oppure si esce dallo stato con una transizione uscente Error entry/printf printf( error! error! ) do/while (true) alarm.ring(); do activity Guardie Esecuzione Condizionale di transizioni Le guardie (predicati Booleani) non devono avere side-effect bid [value < 100] /reject Selling bid [value >= 200] /sell Happy Static Conditional Branching Abbreviazione grafica per evidenziare una signola transizione uscente Selling Happy bid bid [(value >= 100) & (value < 200)] /sell [value < 100] /reject [value >= 200] /sell [(value >= 100) & (value < 200)] /sell Unhappy Unhappy 8

9 Dynamic Conditional Branching Choice pseudostate: le guardie vengono valutate solo quando viene raggiunto lo pseudostato. Macchine a stati gerarchiche stati decomposti ricorsivamente in macchine a stati [gain < 100] /reject Dynamic choicepoint Selling Unhappy bid /gain := calculatepotentialgain(value) [gain >= 200] /sell [(gain >= 100) & (gain < 200)] /sell Happy LampOff entry/lamp.off() off/ LampOn entry/lamp.on() flash/ LampFlashing 1sec/ FlashOn entry/lamp.on() 1sec/ FlashOff entry/lamp.off() OR States Sintassi state Migliorano la scalabilità Migliorano la comprensibilità Permettono la decomposizione gerarchica di un problema (divide-and conquer) Possibilità: Stati annidati sullo stesso diagramma Stati annidati su diagrammi separati aka submachines or-states ev_2 nested state 35 9

10 OR States Statechart gerarchica entry/ Print(ErrCode) Group Transitions Transizioni a più alto livello nella gerarchia di stati Default transition to the initial pseudostate Completion Transitions Triggered da un evento di completion generato automaticamente quando uno macchina immediatamente annidata termina LampOff entry/lamp.off() off/ flash/ LampFlashing FlashOn entry/lamp.on() Committing Phase1 completion transition (no trigger) LampOn entry/lamp.on() 1sec/ 1sec/ FlashOff entry/lamp.off() Phase2 CommitDone Group transition 10

11 Regole di Triggering Due o più transizioni possono avere lo stesso evento trigger La transizione più interna ha la precedenza Un evento in coda è consumato sia che attivi una transizione sia che non attivi alcuna transizione. LampFlashing off/ FlashOn FlashOff Ordine delle azioni annidate Da fuori a dentro le azioni entry Da dentro a fuori le azioni exit U U1 entry: x(c) exit: y() entry: f() exit: g(a,b) first f() then x(c) A first y() then g(a,b) 42 Deferred Events Ordine delle Azioni: Caso Complesso Gli eventi in coda che non possono attivare una transizione vengono scartati, fino a che un evento in grado di attivare una transizione non venga trovato nella coda. Deferred events Se però un evento è in una deferred list, non viene scartato e rimane in coda (finchè rimane nella deferred list) Se l oggetto transisce in uno stato dove l evento non è più presente in una deferred list, tale evento viene scartato. Deferred event off/ LampOff entry/lamp.off() off/defer LampOn entry/lamp.on() S1 exit/exs1 S11 exit/exs11 E/actE S2 entry/ens2 inits2 S21 entry/ens21 sequenza di esecuzione delle Azioni, in caso di triggering della transizione exs11 exs1 acte ens2 inits2 ens21 11

12 Ortogonalità Viste multiple simultanee sulla stessa entità age Child Adult Retiree Person financialstatus Poor Rich AND-States Gli stati possono essere decomposti in OR-States Uno stato (super-stato) può essere decomposto in un numero qialsiasi di OR-States Quando l oggetto si trova in un super-stato, deve trovarsi in UNO dei suoi OR-substates. oppure AND-State Uno stato (super-stato) può essere decomposto in un numero qialsiasi di AND-States (regioni ortogonali) Quando l oggetto si trova in un super-stato, deve trovarsi in TUTTI i suoi AND-substates attivi. Regioni separate da linee tratteggiate Regioni Ortogonali AND-States Combinazione di descrizioni multiple simultanee age financialstatus Child Poor Adult age financialstatus Retiree Child Rich Adult Poor Retiree Rich 12

13 AND-States Regioni Ortogonali - Semantica transition Tutte le regioni ortogonali reagiscono allo stesso evento, (in principo) simultaneamente. state legalstatus financialstatus initial pseudostate LawAbiding Poor robbank/ robbank/ conditional pseudostate and-states Outlaw Rich AND-States & Concorrenza Gli AND-states non sono necessariamente concorrenti Semantica degli AND-states tipicamente a interleaving Uso concettualmente errato dell ortogonalità Uso di regioni per modellare oggetti attivi independenti Person1 Person2 UML usa la concorrenza tra oggetti attivi come principale modo di modellare la concorrenza Gli AND-states possono essere implementati come threads concorrenti, ma questa non è l unica strategia di implementazione corretta. Person1 Child Adult Retiree Person2 Child Adult Retiree Soluzione: --> due istanze dello stesso oggetto attivo!!! 13

14 Catch22 sanitystatus Interazioni tra Regioni Tipicamente, attraverso variabli condivise o riferimenti a cambio di stato delle altre regioni. request Grounding/ Crazy entry/sane := false; (flying)/ Sane entry/sane := true; sane : Boolean flying : Boolean flightstatus Flying entry/flying := true; (~sane)/ Grounded entry/flying := false; (sane)/ AND-State Communication Gli AND-states possono communicare via: Broadcast events Ricevuti da tutti gli AND-states attivi Propagated events Una transizione in un AND-state può inviare un evento sentito da un altro AND-state Guardie [IS_IN( state )] usa il substate di un AND-state in una guardia Attributi Siccome gli AND-states fano parte dello stesso oggetto, vedono tutti gli attributi dell oggetto (variabili condivise) Propagazione e Broadcast Fork e Join Transizioni verso/da regions ortogonali: age / Child Adult Retiree Staff Member Manager employee 55 14

15 Transizioni Complesse pseudostates fork S1 S S1_1 e2 S1_2 e5 join initial pseudostate history pseudostate A B e1 e5 S2_1 e3 S2_2 S2 conditional pseudostate e4 C terminal pseudostate Pseudostates History C Symbol or Symbol Name Branch Pseudostate (type of junction pseudostate) Symbol H Symbol Name (Shallow) History Pseudostate Ritorno a uno stato gerarchico già visitato deep /shallow history T * or or n Terminal or Final Pseudostate Synch Pseudostate H* (Deep) History Pseudostate Initial or Default Pseudostate suspend/ Diagnostic1 Diagnosing Diagnostic2 [g] Fork Pseudostate Join Pseudostate Junction Pseudostate Merge Junction Pseudostate (type of junction pseudostate) resume/ H* Step11 Step12 Step21 Step22 [g] Choice Point Pseudostate label Stub Pseudostate 15

16 Deep History Shallow History Synch Pseudostate Synch Pseudostate Data Processing Permette di far scattare una transizione solo quando un insieme di transizioni è avvenuto Memorizza che una o più specifiche transizioni sono avvenute, Simile al posto (piazza, place) di una Rete di Petri Permette di sincronizzare più AND-States Waiting for Processing Logging Data Datum Data datasignal Synch Pseudostate with unbounded multiplicity synch state * User Monitoring Applying /active alarm ct = 0 Alarm Filters Idle Waiting to Process done tm(displaytime) Alarms alarmraised C [active alarm ct > 0]/ gensignal(alarmraised) Waiting to [else] accept /active alarm ct = 0 Displaying Alarms accept Alarm Processing 1 synch state 16

17 Stub Notation Abbreviazione notazionale: nessuna aggiunta semantica LampOff entry/lamp.off() flash/ LampFlashing stub state reference toon(mode: tmode) defaultmode = mode; Submachines: Reference Self Testing include / BITSubmachine device Test RAM Test On done(defaultmode) Operating include / OpsSubmachine dotest Normal Failsafe off/ FlashOn Off Abort doramtest dodevicetest [else] [recoverok] LampOn entry/lamp.on() FlashOff tooff Unrecoverable Error submachine indicator C errorfound errorhandled Submachines: Referenced Uso degli State Diagrams submachine stub state Testing ROM device Test Testing Components Logging Test Results BITSubmachine entry / iserror = false; done done Testing RAM errorfound/ iserror = true; C Abort [else] RAM Test [iserror == false] Normal OpsSubmachine (m: tmode) C Failsafe [else] Normal Mode [m == normal] Demo Mode [m == failsafe] Failsafe Mode tooff errorfound doramtest subend dotest Normal dodevicetest Specifica del comportamento di un sistema (necessita di uno strumento di editing) Simulazione (necessita di uno strumento di simulazione) Verifica (Model checking) (necessita di uno strumento di verifica) Generazione automatica del codice (necessita di un generatore di codice) 17

18 Formal Verification Development Cycle - 1 Natural Language Formalized Modelization Phase Architectural Design Detailed Design Software Requirements Document (Finite State) Model Architectural Design Document Detailed Design Document Coding Source code Formalization Phase Formal Verification Integration Test Unit Test Properties (formal expr. of Requirements) Test Case Generation Test Suite Functional test Formal Verification Development Cycle - 2 Model Driven Development Natural Language Formalized Modelization Phase Software Requirements Document (Finite State) Model Code Generation Source code Formalization Phase Formal Verification Properties (formal expr. of Requirements) Test Suite Test Case Generation Functional test Model Checking (Clarke/Emerson, Queille/Sifakis) ACTL Formula in logica temporale p Modello a stati finiti AG([p] EF<q> true) q MC si algoritmo no p q q q Contro-esempio Il modello deve rappresentare tutti i comportamenti Specifica: relazioni tra Class Diagrams, Sequence Diagrams e State Diagrams Il diagramma delle classi definisce le relazioni tra le classi del sistema: alcune delle classi definissono oggetti passivi, altre oggetti attivi Il comportamento di ogni oggetto attivo viene specificato attraverso uno state diagram, associato alla relativa classe Un sequence diagram definisce un possibile schema di interazione (scenario) tra oggetti attivi o passivi, istanze di classi definite nel class diagram. 18

19 PBX Main Class Diagram PBX Connection Statechart PBX Line Statechart PBX Telephone Statechart 19

20 PBX Main? Call Connect Scenario (1 of 4) User? Credits Bruce Powel Douglass, Real-Time UML, Slides, Ilogix Gunnar Övergaard, Bran Selic, Conrad Bock, Behavioral Modeling, Modeling with OMG UML Tutorial Series, UML Revision Task Force, Nov

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti

Middleware Laboratory. Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Dai sistemi concorrenti ai sistemi distribuiti Problemi nei sistemi concorrenti e distribuiti I sistemi concorrenti e distribuiti hanno in comune l ovvio problema di coordinare le varie attività dei differenti

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL)

Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Integrazione di servizi: Enterprise Service Bus (ESB) e Business Process Execution Language (BPEL) Corso di Sistemi Distribuiti Stefano

Dettagli

Ambienti di sviluppo integrato

Ambienti di sviluppo integrato Ambienti di sviluppo integrato Un ambiente di sviluppo integrato (IDE - Integrated Development Environment) è un ambiente software che assiste i programmatori nello sviluppo di programmi Esso è normalmente

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata

Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Esercizio di Sincronizzazione tra Processi: Ponte a Senso Unico Alternato con Capacità Limitata Supponiamo sempre di avere un ponte stretto che permette il passaggio delle auto solo in un verso per volta,

Dettagli

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java

Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008. - lezione 14 - Thread in Java Linguaggi Corso M-Z - Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2007-2008 Alessandro Longheu http://www.diit.unict.it/users/alongheu alessandro.longheu@diit.unict.it - lezione 14 - Thread in Java 1 Cos è un

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi

Introduzione al VHDL. Alcuni concetti introduttivi Introduzione al VHDL Alcuni concetti introduttivi Riferimenti The VHDL Cookbook, Peter J. Ashenden, Reperibile nel sito: http://vlsilab.polito.it/documents.html The VHDL Made Easy, David Pellerin, Douglas

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Programmazione Funzionale

Programmazione Funzionale Programmazione Funzionale LP imperativi: apparenza simile modello di progettazione = macchina fisica Famiglia dei LP imperativi = progressivo miglioramento del FORTRAN Obiezione: pesante aderenza dei LP

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

I class diagram. Class - names

I class diagram. Class - names I class diagram Forniscono una vista strutturale (statica) del sistema in termini di classi attributi operazioni relazioni tra classi (associazioni, generalizzazioni,...) Un class diagram rappresenta uno

Dettagli

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione

Gli algoritmi. Gli algoritmi. Analisi e programmazione Gli algoritmi Analisi e programmazione Gli algoritmi Proprietà ed esempi Costanti e variabili, assegnazione, istruzioni, proposizioni e predicati Vettori e matrici I diagrammi a blocchi Analisi strutturata

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra PROPOSTE di TIROCINI/TESI di LAUREA - Prof. Patrizia Scandurra A seguire alcune proposte di tirocini/tesi in tre ambiti dell ingegneria del software (non del tutto scorrelati): (1) Model-driven driven

Dettagli

Programmazione di rete in Java

Programmazione di rete in Java Programmazione di rete in Java Reti di calcolatori Una rete di calcolatori è un sistema che permette la condivisione di dati informativi e risorse (sia hardware sia software) tra diversi calcolatori. Lo

Dettagli

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica

Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Istruzioni per il controllo di ciclo - ciclo a condizione generica Permette di ripetere l esecuzione di un blocco di istruzioni finchè non viene verificata una condizione logica. Sintassi istruzione_1...

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Arduino: Programmazione

Arduino: Programmazione Programmazione formalmente ispirata al linguaggio C da cui deriva. I programmi in ARDUINO sono chiamati Sketch. Un programma è una serie di istruzioni che vengono lette dall alto verso il basso e convertite

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

APPLICAZIONI SU PIU FILE

APPLICAZIONI SU PIU FILE APPLICAZIONI SU PIU FILE Serve poter sviluppare applicazioni su piú file: - alcune funzioni e alcune definizioni di dati in un file - altre funzioni e dati in file diversi Perché?? 1. Se il programma è

Dettagli

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

UML: Class Diagram. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it UML: Class Diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Class Diagram Forniscono una vista strutturale

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale

Elementi di semantica denotazionale ed operazionale Elementi di semantica denotazionale ed operazionale 1 Contenuti! sintassi astratta e domini sintattici " un frammento di linguaggio imperativo! semantica denotazionale " domini semantici: valori e stato

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML

INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica DISPENSE INTRODUTTIVE INTRODUZIONE ALLA GESTIONE DEL PROGETTO SOFTWARE CON UML Prof. Giulio Destri

Dettagli

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed

Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed 1 Modulo 2 - Appendice 3 L'editor vi e cenni su sed Laboratorio di Sistemi Operativi I Anno Accademico 2008-2009 Copyright 2005-2007 Francesco Pedullà, Massimo Verola Copyright 2001-2005 Renzo Davoli,

Dettagli

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof.

Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica. Programmazione I - corso B a.a. 2009-10. prof. Università di Torino Facoltà di Scienze MFN Corso di Studi in Informatica Programmazione I - corso B a.a. 009-10 prof. Viviana Bono Blocco 9 Metodi statici: passaggio parametri, variabili locali, record

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I

Oggetti Lezione 3. aspetti generali e definizione di classi I Programmazione a Oggetti Lezione 3 Il linguaggio Java: aspetti generali e definizione di classi I Sommario Storia e Motivazioni Definizione di Classi Campi e Metodi Istanziazione di oggetti Introduzione

Dettagli

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice

+ / operatori di confronto (espressioni logiche/predicati) / + 5 3 9 = > < Pseudo codice. Pseudo codice Pseudo codice Pseudo codice Paolo Bison Fondamenti di Informatica A.A. 2006/07 Università di Padova linguaggio testuale mix di linguaggio naturale ed elementi linguistici con sintassi ben definita e semantica

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi

Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi Le funzioni di shell La bash supporta la programmazione procedurale e prevede la possibilità di definire funzioni utilizzando le sintassi alternative: function nome { lista-comandi } oppure nome ( ) {

Dettagli

Le system call: fork(), wait(), exit()

Le system call: fork(), wait(), exit() Le system call: fork(), wait(), exit() Di seguito viene mostrato un programma che fa uso di puntatori a funzione, nel quale si mette in evidenza il loro utilizzo. Programma A1 #include int add(a,b,c)

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case

La fase di realizzazione. La fase di realizzazione (cont.) Traduzione in Java del diagramma degli use case Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Sede di Latina Corso di Laurea in Ingegneria dell Informazione Consorzio Nettuno La fase di realizzazione si occupa

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test

SIMATIC. SCL per S7-300/400 Programmazione di blocchi. Prefazione, Contenuto. Parte 1: Sviluppo di programmi. Parte 2: Uso e test Prefazione, Contenuto Parte 1: Sviluppo di programmi Parte 2: Uso e test SIMATIC Parte 3: Descrizione del linguaggio Programmazione di blocchi Appendici Glossario, Indice analitico Manuale Numero di ordinazione

Dettagli

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner:

Processi ITIL. In collaborazione con il nostro partner: Processi ITIL In collaborazione con il nostro partner: NetEye e OTRS: la piattaforma WÜRTHPHOENIX NetEye è un pacchetto di applicazioni Open Source volto al monitoraggio delle infrastrutture informatiche.

Dettagli

Valutazione comparativa di applicazioni open source per il Business Process Management

Valutazione comparativa di applicazioni open source per il Business Process Management Valutazione comparativa di applicazioni open source per il Business Process Management Abstract Uno dei passi fondamentali della metodologia USBD (Unified Scenario-Based Design) è la modellazione dei processi

Dettagli

Abstract Data Type (ADT)

Abstract Data Type (ADT) Abstract Data Type Pag. 1/10 Abstract Data Type (ADT) Iniziamo la nostra trattazione presentando una nozione che ci accompagnerà lungo l intero corso di Laboratorio Algoritmi e Strutture Dati: il Tipo

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL

Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone. SQL: il DDL Basi di Dati prof. Letizia Tanca lucidi ispirati al libro Atzeni-Ceri-Paraboschi-Torlone SQL: il DDL Parti del linguaggio SQL Definizione di basi di dati (Data Definition Language DDL) Linguaggio per modificare

Dettagli

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza.

Analisi di massima: L utente dovrà inserire un numero limite, e tramite vari calcoli verrà stampato a video la sequenza. Relazione tecnica Fibonacci ANDENA GIANMARCO Traccia: Creare un algoritmo che permetta, dato un valore intero e positivo, di stabilire la sequenza utilizzando la regola di fibonacci dei numeri fino al

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Algebra Relazionale. algebra relazionale

Algebra Relazionale. algebra relazionale Algebra Relazionale algebra relazionale Linguaggi di Interrogazione linguaggi formali Algebra relazionale Calcolo relazionale Programmazione logica linguaggi programmativi SQL: Structured Query Language

Dettagli

Logica del primo ordine

Logica del primo ordine Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A7_4 V1.3 Logica del primo ordine Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo

Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Cenni su algoritmi, diagrammi di flusso, strutture di controllo Algoritmo Spesso, nel nostro vivere quotidiano, ci troviamo nella necessità di risolvere problemi. La descrizione della successione di operazioni

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Business Process Management Comprendere, gestire, organizzare e migliorare i processi di business Caso di studio a cura della dott. Danzi Francesca e della prof. Cecilia Rossignoli 1 Business process Un

Dettagli

CREAZIONE DI UN FILE

CREAZIONE DI UN FILE #include #include CREAZIONE DI UN FILE fd = creat(filename, mode); int fd, mode; char *filename; La primitiva creat crea un file, se non ne esiste uno col nome specificato, oppure

Dettagli

(anno accademico 2008-09)

(anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale Prof Alberto Belussi Prof. Alberto Belussi (anno accademico 2008-09) Calcolo relazionale E un linguaggio di interrogazione o e dichiarativo: at specifica le proprietà del risultato

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

CA RC/Update for DB2 for z/os

CA RC/Update for DB2 for z/os SCHEDA PRODOTTO CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os CA RC/Update for DB2 for z/os (CA RC/Update) è uno strumento di gestione di dati e oggetti DB2 che consente agli amministratori

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Progetti reali con ARDUINO

Progetti reali con ARDUINO Progetti reali con ARDUINO Introduzione alla scheda Arduino (parte 2ª) ver. Classe 3BN (elettronica) marzo 22 Giorgio Carpignano I.I.S. Primo LEVI - TORINO Il menù per oggi Lettura dei pulsanti Comunicazione

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1

DI D AGRA R MM M I M A BLOCC C H C I TEORI R A E D D E SERC R I C ZI 1 1 DIAGRAMMI A BLOCCHI TEORIA ED ESERCIZI 1 1 Il linguaggio dei diagrammi a blocchi è un possibile formalismo per la descrizione di algoritmi Il diagramma a blocchi, o flowchart, è una rappresentazione grafica

Dettagli

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it

INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON. Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it INTRODUZIONE, LINGUAGGIO, HANDS ON Giuseppe Cirillo g.cirillo@unina.it Il linguaggio C 1972-Dennis Ritchie 1978-Definizione 1990-ANSI C 1966 Martin Richars (MIT) Semplificando CPL usato per sviluppare

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Il linguaggio SQL: transazioni

Il linguaggio SQL: transazioni Il linguaggio SQL: transazioni Sistemi Informativi T Versione elettronica: 4.8.SQL.transazioni.pdf Cos è una transazione? Una transazione è un unità logica di elaborazione che corrisponde a una serie di

Dettagli

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN

MODBUS-RTU per. Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie. Expert NANO 2ZN per Expert NANO 2ZN Specifiche protocollo di comunicazione MODBUS-RTU per controllo in rete dispositivi serie Expert NANO 2ZN Nome documento: MODBUS-RTU_NANO_2ZN_01-12_ITA Software installato: NANO_2ZN.hex

Dettagli

Semplici Algoritmi di Ordinamento

Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica Semplici Algoritmi di Ordinamento Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Ordinamento di una sequenza di elementi Esistono molti algoritmi di ordinamento. Tutti ricevono

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE

CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE CALCOLO DEL MASSIMO COMUN DIVISORE Problema: "calcolare il Massimo Comun Divisore (M.C.D.) di due numeri naturali, A e B, secondo l'algoritmo cosiddetto delle sottrazioni successive". L'algoritmo "delle

Dettagli

Basi di Dati. S Q L Lezione 5

Basi di Dati. S Q L Lezione 5 Basi di Dati S Q L Lezione 5 Antonio Virdis a.virdis@iet.unipi.it Sommario Gestione eventi Gestione dei privilegi Query Complesse 2 Esercizio 9 (lezione 4) Indicare nome e cognome, spesa e reddito annuali

Dettagli

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1

R.Focardi Laboratorio di Ingegneria del Software 6. 1 Networking Java permette comunicazioni in rete basate sul concetto di socket, che permette di vedere la comunicazione in termini di flusso (stream), in modo analogo all input-output di file, usando Stream

Dettagli

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len;

/*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i, giusto,len; /* Date in ingresso una frase, dire se una è palindroma */ #include #define MAX 100 int main() /*dichiarazioni*/ // le frasi sono contenute in stringhe, cioè array di char char f1[max]; int i,

Dettagli

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table

Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica. Algoritmi e Strutture Dati. Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Universita' di Ferrara Dipartimento di Matematica e Informatica Algoritmi e Strutture Dati Rappresentazione concreta di insiemi e Hash table Copyright 2006-2015 by Claudio Salati. Lez. 9a 1 Rappresentazione

Dettagli

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO

STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO Le strutture di controllo Le strutture di controllo STRUTTURE (O COSTRUTTI) DI CONTROLLO determinano l ordine con cui devono essere eseguite le istruzioni sono indipendenti dalla natura delle istruzioni

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese

CMMI-Dev V1.3. Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3. Roma, 2012 Ercole Colonese CMMI-Dev V1.3 Capability Maturity Model Integration for Software Development, Version 1.3 Roma, 2012 Agenda Che cos è il CMMI Costellazione di modelli Approccio staged e continuous Aree di processo Goals

Dettagli

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM

ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ITIL v3, il nuovo framework per l ITSM ( a cura di Stefania Renna ITIL - IBM) Pag. 1 Alcune immagini contenute in questo documento fanno riferimento a documentazione prodotta da ITIL Intl che ne detiene

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi

Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi TIPI DI DATO Tipicamente un elaboratore è capace di trattare domini di dati di tipi primitivi numeri naturali, interi, reali caratteri e stringhe di caratteri e quasi sempre anche collezioni di oggetti,

Dettagli

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni

Le funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni. Funzioni Funzioni Le funzioni Con il termine funzione si intende, in generale, un operatore che, applicato a un insieme di operandi, consente di calcolare un risultato, come avviene anche per una funzione matematica

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN)

Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) Estensione di un servizo di messaggistica per telefonia mobile (per una società di agenti TuCSoN) System Overview di Mattia Bargellini 1 CAPITOLO 1 1.1 Introduzione Il seguente progetto intende estendere

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI

PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA DI UN ELEMENTO IN UN ARRAY E ALGORITMI RISOLUTIVI PROBLEMA DELLA RICERCA in termini generali: Dati in input un insieme S di elementi (numeri, caratteri, stringhe, ) e un elemento

Dettagli

Manipolazione di testi: espressioni regolari

Manipolazione di testi: espressioni regolari Manipolazione di testi: espressioni regolari Un meccanismo per specificare un pattern, che, di fatto, è la rappresentazione sintetica di un insieme (eventualmente infinito) di stringhe: il pattern viene

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015

CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 CALCOLATORI ELETTRONICI 31 marzo 2015 NOME: COGNOME: MATR: Scrivere nome, cognome e matricola chiaramente in caratteri maiuscoli a stampa 1. Tradurre in linguaggio assembly MIPS il seguente frammento di

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica

Ricorsione. Corso di Fondamenti di Informatica Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Sapienza Università di Roma Ricorsione Corso di Fondamenti di Informatica Laurea in Ingegneria Informatica (Canale di Ingegneria delle Reti e

Dettagli