Diagrammi di stato Statechart Diagrams

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Diagrammi di stato Statechart Diagrams"

Transcript

1 ,6 PRG % &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH Bibliografia: Diagrammi di stato Statechart Diagrams - Slide UML Tutorial Series tratte dal sito: documento: ppt - Bozze del corso di Ambriola, Cigni, Mtangero, Semini modificate e integrate da R. Cte - Reference manual UML 1.4 Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Diagramma di stato <=> macchina a stati Diagramma di stato (o macchina a stati ) è un grafo di stati e transizii Di solito è associato a una classe Descrive la risposta di un istanza della classe agli eventi che riceve Può essere associato ad altre entità di modellazie (use-case, attori, sottosistemi, operazii, o metodi) Diagramma di stato (Statechart Diagram) Specifica il ciclo di vita degli oggetti di una classe, definendo le regole che lo governano. Quando un oggetto si trova in un certo stato può essere interessato da determinati eventi (e n da altri) Come risultato di un evento l oggetto può passare ad un nuovo stato (transizie) Utilizzato in situazii dove le transizii di stato so provocate da eventi asincri, per esempio da eventi esterni. Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato - 4 -

2 Diagramma di stato Una macchina il cui comportamento n è solo una diretta cseguenza dell evento corrente (input), ma anche della sua storia passata E caratterizzata da uno stato interno che rappresenta la sua passata esperienza Diagramma di stato Una macchina il cui comportamento n è solo una diretta cseguenza dell evento corrente (input), ma anche della sua storia passata E caratterizzata da uno stato interno che rappresenta la sua passata esperienza OFF Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Diagramma di stato Una macchina il cui comportamento n è solo una diretta cseguenza dell evento corrente (input), ma anche della sua storia passata E caratterizzata da uno stato interno che rappresenta la sua passata esperienza Diagramma di stato Una macchina il cui comportamento n è solo una diretta cseguenza dell evento corrente (input), ma anche della sua storia passata E caratterizzata da uno stato interno che rappresenta la sua passata esperienza OFF OFF Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato - 5 -

3 Diagramma di stato Una macchina il cui comportamento n è solo una diretta cseguenza dell evento corrente (input), ma anche della sua storia passata E caratterizzata da uno stato interno che rappresenta la sua passata esperienza Lamp On OFF Lamp Off OFF Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Uscite e azii Come la macchina cambia di stato, puo generare un uscita Uscite e azii Come la macchina cambia di stato, puo generare un uscita Lamp On /print( ) Lamp Off Mealy Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato - 7 -

4 Uscite e azii Come la macchina cambia di stato, puo generare un uscita Lamp On /print( ) n ) Lamp On print( ) Extended State Machines Aggiunta di variabili ( extended state ) Lamp Off Lamp Off Mealy Moore Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Extended State Machines Extended State Machines Aggiunta di variabili ( extended state ) Aggiunta di variabili ( extended state ) Lamp On ctr : Integer Lamp On /ctr := ctr + 1 /ctr := ctr + 1 Lamp Off Lamp Off Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato - 8 -

5 Extended State Machines Aggiunta di variabili ( extended state ) Una macchina estesa (modello Mealy) è definita da: ctr : Integer Lamp On Lamp Off /ctr := ctr + 1 un insieme di segnali di input (input alphabet) un insieme di segnali di output (output alphabet) un insieme di stati un insieme di transizii triggering signal acti un insieme di variabili di stato estese uno stato iniziale un insieme di stati finali (se vi è terminazie) Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Esempio di diagramma di stato Initial pseudostate top state top State Trigger Ready Transiti Final state De stop/ctr := 0 stop Acti Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato

6 Comportamento Diagramma di stato: esempio oggetto telefo Una macchina a stati è un modello di tutte le possibili tracce di un oggetto La macchina reagisce esclusivamente agli eventi sentiti dall oggetto (inviati all oggetto) La reazie csiste nel cambiamento di stato ed una eventuale esecuzie di un azie Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato

7 interazii: interazii: synchrous object operati invocati (call event) interazii: synchrous object operati invocati (call event) asynchrous signal recepti (signal event) interazii: synchrous object operati invocati (call event) asynchrous signal recepti (signal event) occorrenze di istanti di tempo (time event)

8 interazii: synchrous object operati invocati (call event) asynchrous signal recepti (signal event) occorrenze di istanti di tempo (time event) interval expiry interazii: synchrous object operati invocati (call event) asynchrous signal recepti (signal event) occorrenze di istanti di tempo (time event) interval expiry calendar/clock time interazii: synchrous object operati invocati (call event) asynchrous signal recepti (signal event) occorrenze di istanti di tempo (time event) interval expiry calendar/clock time il cambiamento del valore di una entità (change event) interazii: synchrous object operati invocati (call event) asynchrous signal recepti (signal event) occorrenze di istanti di tempo (time event) interval expiry calendar/clock time il cambiamento del valore di una entità (change event) Instanza d evento: capita ad un particolare istante e n ha durata

9 Evento Gerarchia di eventi <<signal>> InputEvent name Un evento è l occorrenza di un fenomeno collocato nel tempo (e nello spazio) Un evento occorre istantaneamente Un istanza (occorrenza) di un evento è chiamata istanza di un evento Un evento può avere dei parametri che lo caratterizzano Parametri dei segnali <<signal>> Mouse Butt Down <<signal>> Mouse Butt locati <<signal>> Mouse Butt Up <<signal>> UserInput device <<signal>> Keyboard Butt character Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Stato Uno stato descrive un periodo di tempo durante la vita di un oggetto Può essere caratterizzato come: Un insieme di valori qualitativamente simili Un periodo di tempo durante il quale un oggetto attende il verificarsi di un evento Un periodo di tempo durante il quale un oggetto svolge un attività Uno stato può essere opzialmente suddiviso in scomparti: Scomparto del nome Questa sezie ctiene il nome dello stato (optiale: n è desiderabile mostrare lo stesso nome più volte sullo stesso diagramma). Scomparto delle transizii interne Questa sezie ctiene una lista di azii o attività interne che so effettuate in quello stato. Inserisci password entry / set echo invisibile exit / set echo normale digit / elabora carattere Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato

10 Esempio di stati e transizii Altri tipi di stato Iniziale Finale Giunzie, storia, riferimento a una sottomacchina, stub Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Transizie Esempi di transizii Una transizie collega tra loro due stati L uscita da uno stato definisce la risposta dell oggetto all occorrenza di un evento Una transizie è associata a un evento, una cdizie (opziale), un azie (opziale), e uno stato di arrivo. Sintassi: evento [cdizie] / azie ricevi ordine [ ammtare > 25$] rifiuta in attesa valuta cancella ordine accetta /addebita() ricevi ordine [ ammtare < 25$] processa l ordine azie evento cdizie Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato

11 Tipi di transizie Esempi di transizii e azii Azie di ingresso: un azie eseguita all ingresso in uno stato Azie di uscita: azie eseguita all uscita di uno stato Transizie esterna: risposta a un evento che causa un cambio di stato e l esecuzie delle opportune azii Transizie interna: risposta a un evento che causa solo l esecuzie di opportune azii Azie di ingresso Azie di uscita Transizii interne Inserisci password entry / set echo to star; password.reset( ) exit / set echo normal digit / handle character clear / password.reset( ) help / dispay help Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Tipi di stato Esempio: prenotazie di un libro nome dello stato Semplice Not reserved entry: reservatis.clear() Nome stato Composto sequenziale: removereservati( R : Reservati ) [ reservatis.size() == 1 ] / reservatis.remove( R ) addreservati( R : Reservati ) / reservatis.add( R ) sott.st.1 sott.st.2 uno attivo per ogni istante Reserved sottostato 1 removereservati( R : Reservati ) [ reservatis.size() > 1 ] / reservati.remove ( R ) addreservati( R : Reservati ) / reservatis.add( R ) sottostato 2 Composto parallelo: i sottostati so attivi ctemporan. Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato

12 Esempio: ccorrenza Esempio: Stub Renato Cte - UML Diagrammi di stato Renato Cte - UML Diagrammi di stato Esempio: splitting e joining cdiziati Renato Cte - UML Diagrammi di stato

Università di Padova Facoltà di Scienze MM.FF.NN Informatica - anno Corso di Ingegneria del Software - B UML

Università di Padova Facoltà di Scienze MM.FF.NN Informatica - anno Corso di Ingegneria del Software - B UML v. 2.3 Università di Padova Facoltà di Scienze MM.FF.NN Informatica - anno 2008-09 Corso di Ingegneria del Software - B UML Diagramma di macchina a stati (state machine diagram) Renato Cte - UML Diagrammi

Dettagli

Ingegneria del Software 9. Macchine a stati. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 9. Macchine a stati. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 9. Macchine a stati Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 so far Modello del dominio Modello statico: diagrammi delle classi Modello dinamico : diagrammi di

Dettagli

I Diagrammi di Flusso OO

I Diagrammi di Flusso OO Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - I Diagrammi di Flusso OO Generalità I diagrammi di attività vengono usati per modellare processi a

Dettagli

Statechart Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Statechart Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Statechart Diagrams Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Agenda Cosa è uno Statechart Diagram Quando

Dettagli

Bibliografia. Studio di caso: Bancomat Automated Teller Machine. uso dei diagrammi: use case, classi, collaborazione, stato

Bibliografia. Studio di caso: Bancomat Automated Teller Machine. uso dei diagrammi: use case, classi, collaborazione, stato ,6 PRG % &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH 80/ Bibliografia Studio di caso: Bancomat Automated Teller Machine uso dei diagrammi: use case, classi, collaborazione, stato - Hassan Gomaa: Designing concurrent

Dettagli

UML. Analisi Modellazione e altro. Macchine a stati, Diagrammi di attività.. UML aa 2006/7 G.Bucci 1

UML. Analisi Modellazione e altro. Macchine a stati, Diagrammi di attività.. UML aa 2006/7 G.Bucci 1 UML Analisi Modellazione e altro Macchine a stati, Diagrammi di attività.. PROVVISORIO UML aa 2006/7 G.Bucci 1 Macchine a stati in UML Sono una versione estesa (derivante dalle StateChart [Harel]) delle

Dettagli

LEZIONE 7 - STATE MACHINE DIAGRAM

LEZIONE 7 - STATE MACHINE DIAGRAM Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 LEZIONE 7 - STATE MACHINE DIAGRAM Catia Trubiani Gran Sasso Science Institute (GSSI), L Aquila catia.trubiani@gssi.infn.it Riepilogo della lezione

Dettagli

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring

Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring TITLE Laboratorio di Progettazione di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring Valentina Presutti (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) 1 Indice degli argomenti Introduzione alla notazione UML I diagrammi

Dettagli

Corso di Ingegneria del Software. Activity Diagram

Corso di Ingegneria del Software. Activity Diagram Corso di Ingegneria del Software a.a. 2009/2010 Mario Vacca mario.vacca1@istruzione.it Diagrammi di attività Diagrammi di attività 1. La notazione 2. Uso dei diagrammi di attività 3. TOOL di supporto 4.

Dettagli

Laboratorio di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring

Laboratorio di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring TITLE Laboratorio di Sistemi Software UML per Design Patterns e Refactoring Luca Padovani (A-L) Riccardo Solmi (M-Z) 1 Indice degli argomenti Introduzione alla notazione UML I diagrammi Class Diagram Object

Dettagli

Avete capito fino in fondo il concetto di nodo fine flusso? Che differenza c e tra fine flusso e fine attività? MODEL DIFFERENCES AND EVOLUTION

Avete capito fino in fondo il concetto di nodo fine flusso? Che differenza c e tra fine flusso e fine attività? MODEL DIFFERENCES AND EVOLUTION 1 Avete capito fino in fondo il concetto di nodo fine flusso? Che differenza c e tra fine flusso e fine attività? MODEL DIFFERENCES AND EVOLUTION 2 Rivediamo questo esempio di activity diagram Università

Dettagli

UML State Diagrams. Nondeterminismo. Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM)

UML State Diagrams. Nondeterminismo. Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM) Macchina a Stati Finiti (Automa a stati finiti, Finite State Machine, FSM) Descrizione grafica del comportamento di una FSM on UML State Diagrams Lamp On A. Fantechi 1/4/2010 off on Lamp Off off Macchina

Dettagli

Microsoft Visio 2002 UML Sergio Colosio

Microsoft Visio 2002 UML Sergio Colosio Microsoft Visio 2002 UML Sergio Colosio Casi d uso Prima di definire un caso d uso è necessario definire cosa s intende per scenario. Uno scenario è una sequenza di passi che descrivono l interazione tra

Dettagli

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo

Programmazione Orientata agli Oggetti. Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Programmazione Orientata agli Oggetti Emilio Di Giacomo e Walter Didimo Una metafora dal mondo reale la fabbrica di giocattoli progettisti Un semplice giocattolo Impara i suoni Dall idea al progetto Toy

Dettagli

Programmazione ad oggetti

Programmazione ad oggetti Programmazione ad oggetti OOP La programmazione orientata agli oggetti (Object Oriented Programming) ha l obiettivo di formalizzare gli oggetti del mondo reale e di costruire con questi un mondo virtuale.

Dettagli

Model Driven Software Development con Eclipse, StatechartUMC. Aldi Sulova. 21 dicembre 2009

Model Driven Software Development con Eclipse, StatechartUMC. Aldi Sulova. 21 dicembre 2009 Model Driven Software Development con Eclipse, StatechartUMC Aldi Sulova Istituto di Scienza e Tecnologie dell Informazione A. Faedo - CNR Via G. Moruzzi 1, 56124 Pisa, Italy aldi.sulova@isti.cnr.it 21

Dettagli

Reti sequenziali. Nord

Reti sequenziali. Nord Reti sequenziali Nord Ovest Est Semaforo a due stati verde/rosso Sud Vogliamo definire un circuito di controllo per produrre due segnali NS ed EO in modo che: Se NS è on allora il semaforo è verde nella

Dettagli

Controllo di flusso negli script: if-then-else

Controllo di flusso negli script: if-then-else Controllo di flusso negli script: if--else Il coman condizionale if condition_command true_commands else false_commands esegue il coman condition command e utilizza il suo exit status per decidere se eseguire

Dettagli

Sommario. Modellizzazione Sintassi Classi di Oggetti Tipi di Dati e Operatori Package e Librerie Processi Esempi di codice VHDL VHDL Testbenches

Sommario. Modellizzazione Sintassi Classi di Oggetti Tipi di Dati e Operatori Package e Librerie Processi Esempi di codice VHDL VHDL Testbenches Fondamenti di VHDL Sommario VHDL: premessa e introduzione Modellizzazione Sintassi Classi di Oggetti Tipi di Dati e Operatori Package e Librerie Processi Esempi di codice VHDL VHDL Testbenches Premessa

Dettagli

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio

Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Automazione della gestione degli ordini d acquisto di una società di autonoleggio Professore Gaetanino Paolone Studenti Paolo Del Gizzi Maurizio Di Stefano 1 INDICE INTRODUZIONE.pag.3 IL PIANO METODOLOGICO

Dettagli

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del Software A. A Introduzione ad UML E.

Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Corso di Ingegneria del Software A. A Introduzione ad UML E. Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Introduzione ad UML E. TINELLI UML È un linguaggio (e notazione) universale per rappresentare qualunque

Dettagli

1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione

1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione 1. Che cos è un sistema multiprogrammato? Si può realizzare la multiprogrammazione su un sistema con una sola CPU? 2. Qual è la differenza tra un interruzione e una trap? Si faccia qualche esempio. 1.

Dettagli

AUTOMA A STATI FINITI

AUTOMA A STATI FINITI Gli Automi Un Automa è un dispositivo, o un suo modello in forma di macchina sequenziale, creato per eseguire un particolare compito, che può trovarsi in diverse configurazioni più o meno complesse caratterizzate

Dettagli

Business Process Modeling and Notation e WebML

Business Process Modeling and Notation e WebML Business Process Modeling and Notation e WebML 24 Introduzione I Web Service e BPMN sono standard de facto per l interoperabilità in rete a servizio delle imprese moderne I Web Service sono utilizzati

Dettagli

Web Application Engineering

Web Application Engineering Web Application Engineering analisi del dominio cristian lucchesi IIT-CNR Pescara, 15-16 Maggio 2007 Alei Ud A 1 Analisi del dominio l'obiettivo è di arrivare alla definizione sufficientemente rigorosa

Dettagli

Activity Diagram. UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 75

Activity Diagram. UniRoma2 - Ingegneria del Software 1 75 Activity Diagram Rappresenta a vari livelli di astrazione il flusso di esecuzione, sia sequenziale che concorrente, in una applicazione object-oriented E una variante degli state diagram, in cui gli stati

Dettagli

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Array in Fortran 90. Ing. Luca De Santis. Anno accademico 2006/2007. DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Array in Fortran 90 Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: array DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica 1 / 25 Cosa vedremo

Dettagli

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram

Ingegneria del Software I. UML - Use Case Diagram Requisiti e casi d uso Unified Modeling Language Use Case Diagram 1 Il primo passo di qualsiasi processo di sviluppo è la definizione dei requisiti Definizione del Business Model Solitamente informale

Dettagli

Fase di Analisi Diagramma delle classi e Specifica delle classi, Diagramma degli Use Case e Specifica degli Use Case

Fase di Analisi Diagramma delle classi e Specifica delle classi, Diagramma degli Use Case e Specifica degli Use Case Fase di Analisi Diagramma delle classi e Specifica delle classi, Diagramma degli Use Case e Specifica degli Use Case Esercizio 9: Officine Esercizio 9 Officine (cont.) (continua l esercizio 6) Le officine

Dettagli

Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone

Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Macchina Sequenziale Una macchina sequenziale è definita dalla quintupla (I,U,S,δ,λ ) dove: I è l insieme finito dei simboli d ingresso

Dettagli

Reti Logiche 1. Prof. B. Buttarazzi A.A. 2009/2010. Reti Sequenziali

Reti Logiche 1. Prof. B. Buttarazzi A.A. 2009/2010. Reti Sequenziali Reti Logiche Prof. B. Buttarazzi A.A. 29/2 Reti Sequenziali Sommario Analisi di Reti Sequenziali Sintesi di Reti Sequenziali Esercizi 3/6/2 Corso di Reti Logiche 29/ 2 Analisi di Reti Sequenziali Passare

Dettagli

Software Testing. Esercizi proposti. Esercizi di Testing 1

Software Testing. Esercizi proposti. Esercizi di Testing 1 Software Testing Esercizi proposti Esercizi di Testing 1 Esercizi proposti Una delle prove obbligatorie per sostenere l esame di Ingegneria del Software 2 è lo svolgimento di un esercizio pratico di testing

Dettagli

2. Modellazione dei casi d uso

2. Modellazione dei casi d uso 2. Modellazione dei casi d uso Andrea Polini Laboratorio di Ingegneria del Software Corso di Laurea in Informatica (Laboratorio di Ingegneria del Software) 2. Modellazione dei casi d uso 1 / 20 Sommario

Dettagli

Modularizzazione del software

Modularizzazione del software Modularizzazione del software Ing. Luca De Santis DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica Anno accademico 2006/2007 Fortran 90: Subroutine e function DIS - Dipartimento di informatica e sistemistica

Dettagli

UML Diagrammi casi d uso

UML Diagrammi casi d uso &RUVR GL,QJHJQHULD GHO 6RIWZDUH UML Diagrammi casi d uso Use case diagrams Renato Conte - UML: USE CASE - 1 - Dynamic views Diagrammi di Interazione Diagrammi di Sequenza Scenario Scenario Diagrammi di

Dettagli

Evoluzione del FORTRAN 14/03/2016. LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica 15 IL LINGUAGGIO FORTRAN

Evoluzione del FORTRAN 14/03/2016. LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica 15 IL LINGUAGGIO FORTRAN LABORATORIO DI PROGRAMMAZIONE Corso di laurea in matematica 15 IL LINGUAGGIO FORTRAN Marco Lapegna Dipartimento di Matematica e Applicazioni Universita degli Studi di Napoli Federico II wpage.unina.it/lapegna

Dettagli

UML. Il linguaggio UML e ArgoUML. Ingegneria dei sistemi software 2009/ /09/2009

UML. Il linguaggio UML e ArgoUML. Ingegneria dei sistemi software 2009/ /09/2009 UML Il linguaggio UML e ArgoUML 30/09/2009 Ingegneria dei sistemi software 2009/2010 manuel.comparetti@iet.unipi.it UML Unified Modeling Language una famiglia di notazioni grafiche standardizzate* orientata

Dettagli

Activity Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it

Activity Diagrams. Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Activity Diagrams Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania Agenda Cosa è un Activity Diagram Quando si

Dettagli

Le funzioni in JavaScript. Modularizzazione

Le funzioni in JavaScript. Modularizzazione Modularizzazione Quando abbiamo a che fare con un problema complesso spesso lo suddividiamo in problemi più semplici che risolviamo separatamente, per poi combinare insieme le soluzioni dei sottoproblemi

Dettagli

Modellazione di sistema

Modellazione di sistema Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Modellazione di sistema E. TINELLI Contenuti Approcci di analisi Linguaggi di specifica Modelli di

Dettagli

Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a

Catia Trubiani. Laboratorio di Ingegneria del Software a.a Università degli Studi dell Aquila Laboratorio di Ingegneria del Software a.a. 2013-2014 Catia Trubiani Dipartimento di Ingegneria e Scienze dell'informazione e Matematica (DISIM) - Università degli Studi

Dettagli

Corso di laurea in ingegneria informatica Esame di sistemi operativi 21 gennaio 2009 SOLUZIONI

Corso di laurea in ingegneria informatica Esame di sistemi operativi 21 gennaio 2009 SOLUZIONI Corso di laurea in ingegneria informatica Esame di sistemi operativi 21 gennaio 2009 SOLUZIONI 1. Si consideri il programma C seguente (gli #include necessari sono omessi): / programma principale / 1.

Dettagli

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language

Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Ingegneria del Software UML - Unified Modeling Language Obiettivi. Presentare un approccio visuale alla progettazione. Illustrare i vantaggi dell utilizzo di diagrammi nella fase di progettazione. Rispondere

Dettagli

UML come abbozzo. Introduzione all UML. UML come linguaggio x programmi. UML come progetto dettagliato

UML come abbozzo. Introduzione all UML. UML come linguaggio x programmi. UML come progetto dettagliato Introduzione all UML UML come abbozzo UML - Unified Modeling Language E una famiglia di notazioni grafiche per la modellazione visuale del software Modellazione: rappresentazione di elementi che corrispondono

Dettagli

Il diagramma delle classi è raffigurato in Figura 1, insieme alla descrizione della responsabilità sulle associazioni.

Il diagramma delle classi è raffigurato in Figura 1, insieme alla descrizione della responsabilità sulle associazioni. SAPIENZA Università di Roma Facoltà di Ingegneria - Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Progettazione del Software A.A. 2008/2009 Prova al calcolatore (riveduta) del 5 giugno 2009 L applicazione

Dettagli

Unified Modeling Language UML 2.0 -Sequence, Communication and Interaction Overview diagrams -

Unified Modeling Language UML 2.0 -Sequence, Communication and Interaction Overview diagrams - Unified Modeling Language UML 2.0 -Sequence, Communication and Interaction Overview diagrams - Henry Muccini Università degli Studi dell'aquila muccini@di.univaq.it http://www.henrymuccini.com Engineering

Dettagli

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17

Lorenzo Braidi. Database design. Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Lorenzo Braidi Database design Libro_datadesign.indb 1 23-11-2004 10:06:17 Sommario Introduzione...XI Capitolo 1 Le basi di dati relazionali... 1 Le basi di dati... 1 Un po di storia... 2 I database gerarchici...

Dettagli

Circuiti sequenziali

Circuiti sequenziali Circuiti sequenziali Docente teoria: prof. Federico Pedersini (https://homes.di.unimi.it/pedersini/ae-inf.html) Docente laboratorio: Matteo Re (https://homes.di.unimi.it/re/arch1-lab-2015-201.html) Sito

Dettagli

Bootstrap. Bootstrap. Shutdown. Struttura di un SO. Elementi principali di un SO:

Bootstrap. Bootstrap. Shutdown. Struttura di un SO. Elementi principali di un SO: Bootstrap Bootstrap All accensione di un calcolatore vengono attivati programmi di diagnostica scritti nella ROM (Read Only Memory) che verificano l assenza di guasti Poi viene attivato il programma di

Dettagli

Un nuovo concetto di classe

Un nuovo concetto di classe Un nuovo concetto di classe Un sistema discreto è caratterizzato dalla particolarità che i suoi cambiamenti di stato hanno luogo a distanza di tempo comunque spaziati; nel simulare un sistema del genere,

Dettagli

Circuiti sequenziali e latch

Circuiti sequenziali e latch Circuiti sequenziali e latch Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@dsi.unimi.it Università degli Studi di Milano A.A. 23-24 /27 Sommario Circuiti sequenziali Latch asincroni

Dettagli

Programmazione Java: Polimorfismo

Programmazione Java: Polimorfismo Programmazione Java: Polimorfismo romina.eramo@univaq.it http://www.di.univaq.it/romina.eramo/tlp Roadmap Polimorfismo» Upcasting» Selezione dei metodi» Comportamento dei metodi polimorfi dentro i costruttori»

Dettagli

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti

Progettazione del Software. Emiliano Casalicchio. Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti Progettazione del Software L3.1 Emiliano Casalicchio Dipartimento di Informatica e Sistemistica SAPIENZA Università di Roma Sede di Rieti http://www.ce.uniroma2.it/courses/psw (Basato su materiale didattico

Dettagli

Sintesi di Reti sequenziali Sincrone

Sintesi di Reti sequenziali Sincrone Sintesi di Reti sequenziali Sincrone alcolatori ElettroniciIngegneria Telematica Sintesi di Reti Sequenziali Sincrone na macchina sequenziale è definita dalla quintupla δ, λ) dove: I è l insieme finito

Dettagli

La Modellazione del Sistema: viste dinamiche e comportamentali. P Tramontana Modelli di sistema- Introduzione a UML Slide 1

La Modellazione del Sistema: viste dinamiche e comportamentali. P Tramontana Modelli di sistema- Introduzione a UML Slide 1 La Modellazione del Sistema: viste dinamiche e comportamentali P Tramontana Modelli di sistema- Introduzione a UML Slide 1 Riferimenti Martin Fowler, UML Distilled, capitoli 4 (sequence diagram), 10 (statechart

Dettagli

Modellazione di processi

Modellazione di processi Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa ASW 910 ottobre 2014 La modellazione è un mestiere e a volte è un arte. William C. Burkett 1 -Fonti [Papazoglou] Papazoglou, Web Services Principles and Technology,

Dettagli

Attività vs. Stato. Elementi di UML (4) Activity diagram. Activity diagram: notazione (1/3) Activity diagram: notazione (2/3)

Attività vs. Stato. Elementi di UML (4) Activity diagram. Activity diagram: notazione (1/3) Activity diagram: notazione (2/3) Elementi di UML (4) Attività vs. Stato UML 1! Attività: Un insieme di azioni che deve essere necessariamente ed interamente completato prima di potersi considerare terminato.! Stato: Un punto ben preciso

Dettagli

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011

Fondamenti di Informatica 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Fondamenti di Informatica 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2010/2011 Sommario Paradigma OO Oggetti e Classi Metodi Parametri Variabili di istanza Costruttori Esercizi Paradigma Object-Oriented Il paradigma OO

Dettagli

La specifica del problema

La specifica del problema 2.9 (Caso di studio facoltativo) Pensare a oggetti: esame del problema Iniziamo ora a esaminare il nostro caso di studio di progettazione e implementazione orientate agli oggetti. Le sezioni Pensare a

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 B2.1 - Progettazione concettuale 1 Prerequisiti Tecnica top-down Tecnica bottom-up Chiave primaria Relazione Generalizzazione e specializzazione 2 1 Introduzione Dopo lo

Dettagli

Manipolazioni elementari di flussi di testo strutturati

Manipolazioni elementari di flussi di testo strutturati Manipolazioni elementari di flussi di testo strutturati L output di molti comandi è costituito da flussi di testo strutturati: ogni riga rappresenta una parte del risultato ed è divisa in campi (fields)

Dettagli

Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Esercizio. I Problemi e la loro Soluzione. (esempio)

Il Concetto Intuitivo di Calcolatore. Esercizio. I Problemi e la loro Soluzione. (esempio) Il Concetto Intuitivo di Calcolatore Elementi di Informatica e Programmazione Ingegneria Gestionale Università degli Studi di Brescia Docente: Prof. Alfonso Gerevini Variabile di uscita Classe di domande

Dettagli

Lab 1: Java Multithreading

Lab 1: Java Multithreading Dept. of Computer Science Lab 1: Java Multithreading Matteo Camilli matteo.camilli@unimi.it Laboratorio di Sistemi Operativi a.a. 2015/16 Università degli Studi di Bergamo 1 Outline Programmazione multithreading

Dettagli

Traccia delle soluzioni. Si consideri il seguente enunciato: Spett Ditta,

Traccia delle soluzioni. Si consideri il seguente enunciato: Spett Ditta, Corso di Ingegneria del software Primo appello 8 gennaio 2008 V. Ambriola, L. Semini Dipartimento di Informatica, Università di Pisa a.a. 2007/08 La prova si svolge a libri chiusi (non è permessa la consultazione

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Nucleo di un SO. Il Nucleo. Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher. 06.

SISTEMI OPERATIVI. Nucleo di un SO. Il Nucleo. Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher. 06. SISTEMI OPERATIVI 06.a Il Nucleo Nucleo di un SO Il nucleo di un SO Gestione delle interruzioni Sincronizzazione tra processi Dispatcher 1 Architettura di base dei SO Due le strutture di riferimento: a

Dettagli

CORSO LINUX PER LA CERTIFICAZIONE LPI ESSENTIALS

CORSO LINUX PER LA CERTIFICAZIONE LPI ESSENTIALS CORSO LINUX PER LA CERTIFICAZIONE LPI ESSENTIALS Comandi da terminale Il comando sleep fa attendere un comando prima dell'esecuzione. Prova il comando: $ sleep 3s && echo Ciao Mondo! $ Comandi da terminale

Dettagli

Paradigma object-oriented

Paradigma object-oriented Paradigma object-oriented Dati & Comportamento Implementazione trasparente dei servizi Facile mantenimento Omogeneità nella gerarchia dati-funzioni Procedural approach OO approach Data hierarchy Replaced

Dettagli

Ingegneria del Software 4. Introduzione a UML. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15

Ingegneria del Software 4. Introduzione a UML. Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 Ingegneria del Software 4. Introduzione a UML Dipartimento di Informatica Università di Pisa A.A. 2014/15 e per i modelli iterativi analisi peliminare analisi e progettazione realizzazione Necessità di

Dettagli

L intero è o il valore zero o una stringa di cifre che inizia con una cifra diversa sa zero.

L intero è o il valore zero o una stringa di cifre che inizia con una cifra diversa sa zero. ANALISI SINTATTICA Data un linguaggio scrivere una grammatica che lo generi ESERCIZIO 1 Definire una grammatica per il linguaggio L = {ww w appartiene a (a, b)*} ESERCIZIO 2 Dato l alfabeto T=[0,1,2,3,4,5,6,7,8,9,/}

Dettagli

Traccia delle soluzioni

Traccia delle soluzioni Corso di Ingegneria del software Secondo appello 29 gennaio 2008 V. Ambriola, L. Semini Dipartimento di Informatica, Università di Pisa a.a. 2007/08 La prova si svolge a libri chiusi (non è permessa la

Dettagli

Progettazione di Algoritmi: Approccio Top-Down e Bottom Up

Progettazione di Algoritmi: Approccio Top-Down e Bottom Up Progettazione di Algoritmi: Approccio Top-Down e Bottom Up Ci sono due approcci fondamentali per progettare algoritmi Servono ambedue ad aiutarci ad affrontare il problema Si chiamano "top-down" e "bottom-up"

Dettagli

Algoritmi, Strutture Dati e Programmi. UD 2.b: Programmazione in Pascal

Algoritmi, Strutture Dati e Programmi. UD 2.b: Programmazione in Pascal Algoritmi, Strutture Dati e Programmi : Programmazione in Pascal Prof. Alberto Postiglione AA 2007-2008 Università degli Studi di Salerno Il Linguaggio di Programmazione Pascal Esistono molti linguaggi

Dettagli

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1 MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI workflow 1 I Processi Definizione: Un Processo è un insieme di attività elementari svolte per raggiungere un certo obiettivo Tipologie di processi: Processi Fisici es.

Dettagli

Calcolatori Elettronici Gli Automi

Calcolatori Elettronici Gli Automi Calcolatori Elettronici Gli Automi Prof. Emiliano Casalicchio Agenda Automi fini: Metodi e modelli di descrizione Sintesi (Cenni) Ridondanza ed equivalenza (cenni) Modelli fisici re: sincrone Realizzazione

Dettagli

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This

La programmazione ad oggetti: chiamate di metodi. Overloading. This ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE FERRARIS BRUNELLESCHI - EMPOLI Materia: INFORMATICA PROGRAMMA SVOLTO A.S. 2015/2016 Classe IV C Informatica Proff. Fabio Ciao / Simone Calugi Libro di testo: Cloud B P.

Dettagli

Esercizio 1: archivio CD e DVD

Esercizio 1: archivio CD e DVD Esercizio 1: archivio CD e DVD Realizzare un applicazione Java per la creazione e la consultazione di un archivio di dischi ottici (CD e DVD). L applicazione riceve da standard input in maniera interattiva

Dettagli

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1

MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI. workflow 1 MODELLAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI workflow 1 I Processi Definizione: Un Processo è un insieme di attività elementari svolte per raggiungere un certo obiettivo Tipologie di processi: Processi Fisici es.

Dettagli

Scopo del laboratorio

Scopo del laboratorio p. 1/1 Scopo del laboratorio Imparare ad usare programmi che implementino metodi di ottimizzazione: simplesso, branch and bound ecc. utilizzarli per risolvere un problema proposto Modellatori Solver p.

Dettagli

Progettazione del Sofware

Progettazione del Sofware Corso Serale Progettazione del Sofware Perché Modellare un Sistema Necessità di realizzare un artefatto, indipendentemente dalla sua dimensione e settore di interesse (una casa, un particolare macchinario,

Dettagli

Flip-flop, registri, la macchina a stati finiti

Flip-flop, registri, la macchina a stati finiti Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 9 Flip-flop, registri, la macchina a stati finiti Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell nformazione Università degli Studi di

Dettagli

Problemi, algoritmi, calcolatore

Problemi, algoritmi, calcolatore Problemi, algoritmi, calcolatore Informatica e Programmazione Ingegneria Meccanica e dei Materiali Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin Problemi, algoritmi, calcolatori Introduzione

Dettagli

Corso di Informatica. Problemi ed algoritmi. Ing Pasquale Rota

Corso di Informatica. Problemi ed algoritmi. Ing Pasquale Rota Corso di Problemi ed algoritmi Ing Pasquale Rota Argomenti Problemi ed algoritmi Proprietà degli algoritmi Pseucodice Diagrammi di flusso Problemi ed algoritmi - Ing. Pasquale Rota 2 Proprietà degli algoritmi

Dettagli

Ingegneria del Software

Ingegneria del Software Università degli Studi di Napoli Federico II Ingegneria del Software a.a. 2013/14 UML e gli Use Case Diagrams Outline Cos è UML Scopi, storia, obiettivi Fornire alcuni elementi di base su UML Introdurre

Dettagli

ESAME di PROGETTAZIONE di SISTEMI DIGITALI. Nome e Cognome

ESAME di PROGETTAZIONE di SISTEMI DIGITALI. Nome e Cognome ESAME di PROGETTAZIONE di SISTEMI DIGITALI 11 Febbraio 2016 FILA A Nome e Cognome Esercizio 1 (6 punti). Si considerino otto registri R 1... R 8. Si progetti una rete di interconnessione tale che: se R

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Dispensa 07. Oggetti e Java. Marzo Programmazione Java 1

Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica. Dispensa 07. Oggetti e Java. Marzo Programmazione Java 1 Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 07 Oggetti e Java Marzo 2010 Programmazione Java 1 Contenuti Il linguaggio Java Applicazioni Java e il metodo main Esempi di applicazioni

Dettagli

Capitolo 5 - Funzioni

Capitolo 5 - Funzioni Capitolo 5 - Funzioni Divide and conquer Introduzione Costruire un programma da pezzi più piccoli o da singole componenti Questi pezzi più piccoli sono chiamati moduli Ogni singolo pezzo è più facilmente

Dettagli

Il concetto di calcolatore e di algoritmo

Il concetto di calcolatore e di algoritmo Il concetto di calcolatore e di algoritmo Elementi di Informatica e Programmazione Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Informatica

Dettagli

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722

Plus srl :: www.conplus.it :: info@conplus.it :: Via Morgagni, 4/A 37135 Verona :: Tel. +39 045 580 491 :: Fax 045 82 78 722 PMF Web-Service Quick-Start Guide Guida Introduttiva Cliente Redatto da Francesco Buratto Redatto il 01 gennaio 2011 Riferimento PMF 2011 Introduzione PMFWS è un web-service HTTP che espone un interfaccia

Dettagli

Diagrammi di flusso. Un metodo per rappresentare graficamente gli algoritmi. sotto programma. Input/ Output. Start. predicato Elaborazione Stop

Diagrammi di flusso. Un metodo per rappresentare graficamente gli algoritmi. sotto programma. Input/ Output. Start. predicato Elaborazione Stop Diagrammi di flusso Un metodo per rappresentare graficamente gli algoritmi. Input/ Output sotto programma Start predicato Elaborazione Stop La programmazione strutturata Un algoritmo è strutturato in blocchi

Dettagli

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1

Indice. Prefazione alla seconda edizione italiana XVII. Introduzione. Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 00PrPag 19-07-2006 15:22 Pagina V Prefazione alla seconda edizione italiana Introduzione XV XVII Parte 1 Introduzione all UML e all UP 1 Capitolo 1 UML 3 1.1 Contenuto del capitolo 3 1.2 Cos è l UML? 3

Dettagli

Il linguaggio di programmazione Python

Il linguaggio di programmazione Python Università Roma Tre Dipartimento di Matematica e Fisica Percorso Abilitante Speciale Classe A048 Matematica Applicata Corso di Informatica Il linguaggio di programmazione Python Marco Liverani (liverani@mat.uniroma3.it)

Dettagli

Progettazione di circuiti integrati

Progettazione di circuiti integrati Architetture e reti logiche Esercitazioni VHDL a.a. 2007/08 Progettazione di circuiti integrati Stefano Ferrari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE Stefano Ferrari

Dettagli

r fattore di ripetizione w ampiezza di campo m numero minimo cifre da visualizzare d numero cifre decimali Print e Read I/O in Fortran sintassi

r fattore di ripetizione w ampiezza di campo m numero minimo cifre da visualizzare d numero cifre decimali Print e Read I/O in Fortran sintassi I/O in Ftran Print e Read Paolo Bison Fondamenti di Infmatica A.A. 2006/07 Università di Padova R911 print-stmt is PRINT fmat [, output-item-list ] R909 read-stmt is READ ( io-control-spec-list ) [ input-item-list

Dettagli

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore

Programma del corso. Elementi di Programmazione. Introduzione agli algoritmi. Rappresentazione delle Informazioni. Architettura del calcolatore Programma del corso Introduzione agli algoritmi Rappresentazione delle Informazioni Architettura del calcolatore Reti di Calcolatori Elementi di Programmazione Algoritmi e programmi Algoritmo Sequenza

Dettagli

Modellazione e progettazione con UML. Eduard Roccatello 3D GIS Specialist www.roccatello.it

Modellazione e progettazione con UML. Eduard Roccatello 3D GIS Specialist <eduard.roccatello@3dgis.it> www.roccatello.it Modellazione e progettazione con UML Eduard Roccatello 3D GIS Specialist www.roccatello.it Object Oriented Analysis and Design Consente di modellare un sistema attraverso l

Dettagli

Introduzione a UML Linguaggio di Modellazione Unificato. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2006/2007

Introduzione a UML Linguaggio di Modellazione Unificato. Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2006/2007 Introduzione a UML Linguaggio di Modellazione Unificato Corso di Ingegneria del Software Anno Accademico 2006/2007 1 Che cos è UML? UML (Unified Modeling Language) è un linguaggio grafico per: specificare

Dettagli

Automa a Stati Finiti (ASF)

Automa a Stati Finiti (ASF) Automa a Stati Finiti (ASF) E una prima astrazione di macchina dotata di memoria che esegue algoritmi Introduce il concetto fondamentale di STATO che informalmente può essere definito come una particolare

Dettagli

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione

[Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione Luca Cabibbo Architetture Software Dispensa T 1 ottobre 2008 1 -Fonti [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo 28, Diagrammi di attività di UML e modellazione [Larman] Applicare UML e i pattern, Capitolo

Dettagli

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it

Progetto. Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso. manuel.comparetti@iet.unipi.it Progetto Struttura del documento di specifica dei requisiti, Casi d uso manuel.comparetti@iet.unipi.it 1 Documenti da produrre Il progetto deve comprendere i seguenti documenti: Documento di specifica

Dettagli

Capitolo 6. Reti asincrone. Elaborazione asincrona Procedimenti di sintesi e analisi Memorie binarie

Capitolo 6. Reti asincrone. Elaborazione asincrona Procedimenti di sintesi e analisi Memorie binarie apitolo 6 Reti asincrone Elaborazione asincrona Procedimenti di sintesi e analisi Memorie binarie Reti sequenziali asincrone (comportamento) Elaborazione asincrona - Ogni nuovo ingresso determina: una

Dettagli