X - A - A /2 3 /4 B C, D 2 1 ) / 2 2 / L

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "X - A - A 4 0 0 /2 3 /4 B C, D 2 1 ) 6 4 4 0 0 / 2 2 /0 7. 2 L"

Transcript

1 Tariffa Assoc. Senza Fini di Lucro: Poste Italiane S.P.A - In A.P -D.L. 353/2003 (Conv. in L. 27/02/ 2004 n 46) art. 1, comma 2, DCB/43/ Arezzo - Anno XVI n 4 / 2012 Nascere di nuovo 1

2 3 Primapagina Da dove ripartire? 4 6 Ricominciare da un gesto d amore Non basta condividere, occorre moltiplicare! 8 10 Un big bang del cuore Dio fa sempre fiorire la vita Quando l incontro ci cambia Un luogo per rinascere 18 SOMMARIO Il nostro Natale Lettere da Romena 24 Veglia - Prossime tappe C è musica che rinasce Graffiti trimestrale Anno XVI - Numero 4 - Dicembre 2012 REDAZIONE località Romena, Pratovecchio (AR) tel. 0575/ Il giornalino è anche online su DIRETTORE RESPONSABILE: Massimo Orlandi REDAZIONE e GRAFICA: Raffaele Quadri, Massimo Schiavo FOTO: Daniela Guerrini, Piero Checcaglini, Stefano Reolon, Gloria Casati, Giuditta Scola Copertina: Piero Checcaglini Hanno collaborato: Luigi Verdi, Pier Luigi Ricci, Luca Buccheri, Maria Teresa Marra Abignente, Giorgio Bonati, Luigi Padovese Filiale E.P.I Arezzo Aut. N. 14 del 8/10/1996

3 Martina ha otto anni. Martina non esiste. Martina è stata inventata, ma la sua vita è vera, riassume quella di tanti bambini. La sua fortuna è di esistere solo sulla celluloide, e in una storia che le permette di salvarsi. Martina è la protagonista de L uomo che verrà, il film che racconta la strage di Marzabotto, nel settembre del Questa prima pagina è scritta da lei, è la scena finale del film. Al cuore della storia c è la vita semplice di una famiglia contadina, c è la terra, lievito e fatica. E c è la guerra, il mostro, che si insinua. Immedesimarci in questo mondo è il dono del cinema e, in questo caso, il compito di Martina. Martina non parla, un trauma infantile le ha rubato la voce. Ed è con i suoi occhi che vediamo tutto, sono i suoi occhi che ci conducono verso quella deriva di dolore insopportabile. Ed eccola l ultima scena. Tutto è avvenuto. Quasi duemila persone sono morte, un intera comunità è stata sterminata. A Martina è rimasto solo un fratellino nato nel fragore del dramma, l uomo che verrà che lei ha saputo salvare. Una bambina sola al mondo, senza voce, con un fagottino di vita in braccio. Nascere di nuovo. Come si fa? Guardiamola. Martina torna a casa. Sale senza fretta le scale, si affaccia nelle camere, scruta i letti disfatti, assorbe il calore delle impronte di chi non c è più. Poi esce, distende i suoi occhi sulla sua campagna inondata di silenzio. Guarda tutto lentamente, non per appurare ciò che già sa, ma per conservarlo. Primo messaggio: per nascere di nuovo non si deve fuggire da se stessi. Martina ha milioni di motivi per separarsi da quel passato che getta sul presente ombre prepotenti, per allontanarsi da quelle assenze fresche della vita che c era. Ma sta lì. Bisogna accettare: ecco cosa dice il suo sguardo che indugia lento sui luoghi amati. Il nuovo sorge sempre su ciò che siamo stati, anche se di quel passato restano solo macerie. Il piccolo ora piange, chiede calore. Martina lo stringe a sè. È solo una bambina, ma se ne prenderà cura. Quel bimbo è la nostra vita. Tutte le volte che ricomincia deve essere accudita senza condizioni. Un neonato non può sopravvivere se non ci dedichiamo a lui concretamente: così quando sentiamo nel profondo l esigenza di un cambiamento dobbiamo muoverci senza esitazioni. Non è una questione di coraggio, ma di necessità. PRIMAPAGINA Ma attenzione a quello che accade ora: con naturalezza Martina intona una ninna nanna. La voce è tornata? No, la sua voce non se n era mai andata. Era lì, in attesa. Torna ora perché ora è indispensabile, perché solo un canto può placare un pianto di bimbo. Ancora un messaggio: quando abbiamo accettato il passato, quando ci siamo mossi con gesti reali verso il futuro che ci attende, non possiamo che ritrovare la nostra voce interiore. La vita partorisce di continuo, ci dice Martina, partorisce sempre, anche in fondo alla più cupa delle tragedie. Bisogna seguirne il ritmo, accompagnarla in questa gestazione continua; è così che possiamo scoprire, passo dopo passo, la nostra identità. Scrive David Turoldo: Lo spirito è il vento che non lascia dormire la polvere. Un vento. Ecco cosa porta i germi del nuovo. Ecco con cosa possiamo soffiar via la polvere dei nostri immobilismi, delle nostre incertezze. Un vento, che soffia non fuori, ma dentro. Che ci invita ad aver voglia dell oltre, a cercare sempre il prossimo passo. È a quel vento che Martina si affida, è su quel vento che appoggia lo spartito invisibile di una ninna nanna. È la fine del film. È il nuovo inizio della sua vita. Massimo Orlandi

4 Da dove ripartire? di Luigi Verdi Ricominciare, ripartire, rinascere. Mi piace il sapore fresco di queste espressioni. Ma per non farle alloggiare nel vuoto dobbiamo affidarle a un filo di inizio. E allora: da dove si riparte? Da cosa si ricomincia? Giovanni Vannucci ci dice che la prima cosa da fare è renderci terra fertile, cioè essere disponibili a farci penetrare da quei germi di novità che sono sempre presenti nella vita. I germi di novità che sento nell aria e da cui vorrei ricominciare sono costituiti da gesti di bellezza e di tenerezza, sono intessuti di un amore speciale, quello di cui è fatto il perdono, e non appartengono a occasioni speciali, ma vivono della fedeltà al quotidiano. La bellezza e la tenerezza Papa Giovanni, in tempi di crisi della chiesa e del mondo, una sera dirà in una piazza gremita: Guardate come è bella la luna stasera, tornate a casa e date una carezza ai vostri bambini. Non c è niente come quel discorso che sappia tenere insieme la bellezza e la tenerezza. La tenerezza è come una carezza che tocca senza prendere, che avvicina senza dominare. La bellezza è una forza viva, che sa congiungere gli estremi, come il sole del mattino e la falce della luna nella notte, che mescola in giuste proporzioni il finito e l infinito. La bellezza e la tenerezza si abbracciano nei rari momenti di vita intensa, come quando si nasce, quando siamo innamorati o quando si muore, cioè ogni volta che siamo unificati, quando i nostri occhi sono impastati di lacrime e di luce. Per nascere di nuovo dobbiamo credere che l ultima parola non appartiene all interesse, al profitto, alla dura lotta quotidiana, ma a tutti quei gesti di tenerezza e di bellezza passati inosservati e che invece sanno tenere insieme il filo della vita. E il suo senso. Il perdono Ha un grande valore il perdono, se non si perdona la vita si blocca, non riesce più a scorrere. Ed è impossibile ricominciare davvero. Ma come si può arrivare a perdonare? 4 Perdonare è innanzitutto capire. Capire non vuol dire giustificare, il male è male, capire è la misericordia che nasce da un cuore che conosce le proprie miserie, i propri dolori, i propri errori e che quindi riesce ad accogliere anche l altro nella sua debolezza. Perdonare è anche non voler diventare come ciò che odiamo. Il perdono libera il cuore quando va oltre le ferite, quando non cerca la sconfitta dell avversario, ma ha rispetto di quello che l altro potrebbe essere e non riesce ad essere. Infine perdonare è riuscire a ringraziare chi ti ha ferito. È la cosa più difficile, ma la più liberante: nel suo testamento Bernardette di Lourdes dirà grazie a tutti coloro che l hanno ferita perché quelle contrarietà l hanno resa un altra persona. Ciò che abbiamo di più bello sono tutti quei punti della nostra vita che in origine possono aver fatto molto male, ma coi quali abbiamo imparato a vivere e che si sono trasformati in sorgenti di comprensione e di bene. La fedeltà al quotidiano Come la manna che non poteva essere accumulata, anche noi dobbiamo rinnovare ogni giorno ciò che ci serve per vivere, cioè pane e amore. Ogni giorno dobbiamo vivere sapendo che in esso non vi è nulla di troppo, nulla di indifferente e di inutile, che dentro la vita c è la sorgente che alimenta la sua creazione. Ogni giorno deve essere affrontato come un inizio, dove nulla è ancora deciso, dove ogni rischio è ancora aperto, dove ogni avventura è ancora indefinita. Bellezza e tenerezza, perdono, fedeltà al quotidiano. Sono queste le radici del nostro rinnovarci e nel rinnovarci dell essere sempre più vicini a se stessi. Sono questi gli ingredienti di un armonia interiore sempre rigenerata e rigenerante. L armonia, infatti, non è questione di dosaggi, ma è la conquista di uno spazio umano di libertà e creatività nel quale nulla è scontato, nulla già visto e in cui tutto è proiettato in avanti, verso il futuro che ci attende. Quello che so per domani ha scritto Henry Dominque Lacordaire è che la provvidenza sorgerà prima del sole.

5 Foto di Daniela Guerrini La volontà di ricominciare sempre costituisce il valore religioso della nostra piccola vita. Ernst Weichert

6 Ricominciare da un gesto d amore di Pier Luigi Ricci È possibile cercare di intervenire su se stessi, magari anche con qualche azione coraggiosa, per cambiare la propria vita. Ma quello che ha trovato il nostro Pier Luigi Ricci nella vita è che si rinasce davvero quando ci si occupa di qualcuno che non siamo noi. C è un modo meraviglioso per nascere di nuovo: è fare in modo che qualcun altro lo possa fare. Se, pur dentro ad un mare di difficoltà e di paure, provi almeno per qualche momento a guardare fuori di te e ad occuparti di qualcuno, ti accade una cosa meravigliosa: rinasce da dentro l energia, ti risenti vivo e presente, torni a camminare. È il miracolo della natura umana, è un segreto e una chiave sconvolgente, è quel calore che fa nuove tutte le cose. In assoluto questa è la strada maestra che porta verso la vita. Mi colpisce sempre tanto il vedere che in fondo chi si dedica agli altri, sia che lo faccia durante il lavoro che in momenti spontanei, molto spesso lo faccia per sostenere le proprie difficoltà e per aprire a se stesso nuove strade. Magari non se ne rende nemmeno conto fino in fondo e comunque fa bene lo stesso a farlo. Ma quando poi uno riesce a capirlo, a fare un balzo di consapevolezza e a dirsi la verità, si accorge di una cosa importante: che l amore in fondo è un atto egoistico, che fa bene a chi lo fa. E questo fa cambiare ottica e ogni altra persona vicino a te da problema si trasforma in opportunità. E allora davanti a te si apre un mondo diverso e puoi incominciare ad accorgerti che oltre tante maschere di pesantezza e di antipatia, ci sono esseri umani che forse sono caduti a terra, che chi è aggressivo sta soffrendo di qualcosa che non riesce ad accettare, che chi sta facendo degli errori forse non riesce a reggere i propri vuoti. Se fai tuo questo punto di vista e cominci ad occuparti di qualcuno di loro, facendo qualcosa perché possa rinascere un cammino ed una speranza, in quel momento, anche se non lo sai, sei tu che rinasci per primo. L amore non ha mai risultati certi, è come la mano del contadino che semina e come la pioggia che bagna la terra: non sai al momento cosa stia succedendo e forse non lo saprai mai: ma non puoi non esserti accorto di cosa sia successo dentro di te. Vorrei suggerirti tre cose da fare, perché tu possa nascere di nuovo, quando vorrai e quando tu ne avessi il bisogno: Riporta alla memoria un episodio in cui qualcuno, senza che tu te l aspettassi o che te lo meritassi, ha fatto qualcosa per te. Ricorda il suo volto, rivivi quel momento, ripensa all effetto che ti ha fatto. E se puoi vai a ringraziarlo, appena ti sarà possibile. Ma soprattutto sii consapevole di quanto sia stato importante per te, in certi momenti, l aiuto degli altri, perché forse non ce l avresti fatta da solo. Ciò che hai, ciò che sei non è frutto esclusivamente tuo. Qualcuno un giorno si è alzato per te, perché tu nascessi di nuovo. E forse oggi, quando sei tu ad alzarti, in fondo stai cominciando a restituire. 2 - Pensa a qualcuno che potrebbe aver bisogno di te. Non andare a cercarlo lontano, può essere lì a un passo e magari avere le sembianze di un rompiscatole o di uno che non vorrà mai farsi aiutare. A volte gli altri si lasciano toccare, anche se ti dicono che non vogliono e lo fanno se si sentono considerati e trattati con rispetto. Quando vai, non preparare prima cosa dovrai fare o vorrai dire, lascia che sia il cuore in quel momento a dettarti le parole e a guidare i tuoi gesti. Non aver paura di tremare o di non essere capito, tanto lui non ascolterà le tue parole, ma percepirà il tuo spirito. Ti potrebbe anche rifiutare, ma è lo stesso. Ogni cosa ha il suo tempo e questo lo devi sapere. Ma ogni nascita è impercettibile, è fatta di un lieve movimento e questo può accadere anche se tu non te ne accorgi. Non pretendere da te il risultato, lasciati andare e sii contento di essere lì: anche se non lo sai la vita rinasce per quel tuo gesto. 3 - Non ti aspettare un ringraziamento. Hai già ricevuto la tua ricompensa. E non fare il deluso se le cose non sono andate come volevi o se l altro non ti ha dato un riconoscimento: l amore non crea debiti, fa bene a chi lo fa. Anche se tu fossi arrabbiato hai già ricevuto la tua ricompensa: è vita, vitalità anche quella, è passione che si sprigiona. Quando stai tornando a casa, prova ad ascoltare ciò che ti sta succedendo, a sentire le tue fibre che rinascono, a percepire il tuo battito, ad assaporare quell energia che sta scorrendo dentro di te. Si chiama nascere di nuovo.

7 Foto di Giuditta Scola Dove si continua un sogno, si pianta un albero, si partorisce un bambino, là opera la vita, e si è aperta una breccia nell oscurità del tempo. Hermann Hesse

8 Non basta condividere, occorre moltiplicare! di Maurizio Maggiani* Mi voglio rendere antipatico. Voglio salutarvi con un pensiero che vi roda il fegato. Aveva appena finito di parlarci della bellezza e della tenerezza. Una riflessione bellissima. Ma Maurizio Maggiani aveva in serbo per noi un ultima intuizione. Che non rode il fegato, piuttosto apre nuove, stimolanti strade... Bisogna dar peso alle parole che si usano, rifletterci, guardarle una per una in faccia. Ne prendo una, di parola, di cui so che andate pazzi, anche qui a Romena, e che io invece guardo un po di sbieco, con sospetto. Questa parola è condivisione. Siamo qui a condividere. Condividiamo questo momento. Questa parola vi piace da impazzire, vero? A me, devo dirlo, mette invece un po di ansia. Riflettiamoci, con calma. È una parola fatta di due parti: con-dividere, dividere con. Dite la verità: dividere vi sembra una bella parola? Quando sento la parola dividere, avverto come la sensazione di un coltello che taglia, di qualcosa che separa. Guardate il dizionario: dividere vuol dire tagliare, separare, sezionare, resecare. C è, tra queste, un espressione che vi piace? Non mi piace il condividere. Certo dividiamo insieme, ma è pur sempre un dividere. È un qualcosa che indica separazione, che significa averne poco comunque. Gli spagnoli, che sono più delicati, e usano molto più il latino di noi, dicono compartir, cioè fare parte-con. Già è più attenuato, già sarebbe meglio. Ma condividere... Pensateci bene. Se siamo insieme e se siamo davvero in tanti come adesso non è che dobbiamo condividere, noi dobbiamo moltiplicare. Se siamo qui, se abbiamo una spinta così forte che ci ha portati qui, non siamo qui per tagliare, ma per moltiplicare. Quando erano 5-6mila laggiù e c erano cinque pani e due pesci cos ha fatto Gesù? Non ha certo detto andate e condividete. Ha detto andate e moltiplicatevi. E allora, tutto ciò che riguarda bellezza e tenerezza non è da condividere, ma da moltiplicare. Certo, per moltiplicare siete chiamati a fare un miracolo. Se siete chiamati, e siete qui, è solo per fare dei miracoli. Perché per moltiplicare bellezza e tenerezza, come per moltiplicare pani e pesci occorrono dei miracoli. E non dite che non fate miracoli perché non siete quello là, quello là siete voi, l ha detto Lui. Perciò non mentite e non trovate scuse: siete chiamati a fare dei miracoli. Ingegnatevi: fate dei miracoli! Non buttate via la condivisione. La condivisione serve. Se volete condividere con me vi dico cosa si può condividere: la colpa (se la condividete ce n è un po tutti), la pena (se la dividete ce n è un po meno per tutti), la malattia, la morte. Quella roba lì più la condividi e meno ce n è per ognuno. Ma se c è qualcosa di buono circa la vita, non limitatevi a condividerlo. Chiedete se potete, di moltiplicarlo. *Grande scrittore (è autore di libri bestseller come Il Coraggio del pettirosso) editorialista, affabulatore, il 21 ottobre scorso Maggiani ha partecipato per la seconda volta quest anno agli incontri organizzati dalla fraternità. Questo testo riproduce la parte finale del suo intervento. 8 La registrazione integrale dell incontro si può ascoltare o scaricare alla pagina podcast di

9 Foto di Gloria Casati Le sole rivoluzioni creatrici della storia sono nate dalla trasformazione dei cuori. Olivier Clement 9

10 Un big bang del cuore di Marina Marcolini* Accade non a caso, non per una ragionata adesione, ma come un folgorante innamoramento. Il racconto di una conversione, di una rinascita, di una rivelazione: l incontro con un Dio che si fa piccolo, come un neonato. Mi ha sempre affascinato la storia di Pascal, che teneva cucita nella piega del vestito una piccola pergamena, scoperta solo dopo la sua morte, dove conservava con amorosa cura parole scritte al momento della sua improvvisa conversione. Aveva annotato lì l emozione provocata da un esperienza indimenticabile: un incontro personale con Dio, che fu per lui non solo una svolta esistenziale, ma una vera e propria folgorazione, in grado di trasformare profondamente la sua vita, così com era successo a Paolo. Queste conversioni improvvise e violente, cioè con la percezione di un irruzione nella propria vita di un Altro da sé, non sono facili da comunicare, da tradurre in un discorso: tutto infatti si gioca nell attimo in cui avviene qualcosa di totalmente nuovo che colma di stupore chi le vive. Da quel momento in poi la propria vita apparirà come suddivisa da uno spartiacque, che separa un prima e un dopo, quasi due persone diverse. Un big bang scoppiato nel silenzio del cuore. Paolo racconta di una luce accecante e poi della fatica di tornare a vedere. Perché l irruzione di Dio in una vita la sconvolge e tutto quello che credevi prima appare ora diverso e ti sembra per un po di essere cieco. Anche la mia non è stata una conversione a tavolino, una ragionata adesione a un credo, ma un folgorante innamoramento. Un giorno di 8 anni fa è successo qualcosa che mi ha fatto rinascere a una vita nuova. Quello che ho provato quel giorno è stata una cosa grandiosa e inaudita ma al tempo stesso semplice e familiare, piccola e umile, fatta di silenzio sottile, dell alito della mangiatoia. E non era una cosa dell altro mondo, oppure sì ma solo nel senso in cui possiamo dire che sembra venire da un altro mondo lo sguardo di un neonato che ci è vicinissimo: possiamo toccarlo, stringerlo, ma insieme profuma di mistero. È così anche quando siamo innamorati e proviamo emozioni che diciamo celestiali perché non ci sembrano di questa terra. Quel giorno non solo ho scoperto che Dio esiste, ma l ho trovato molto diverso da come lo immaginavo. Non un Dio lontano, ma un Dio vicinissimo, da gustare. I mistici adoperano spesso metafore del gusto per parlare di Dio, un Dio buono non solo nel senso di misericordioso, ma buono come è buono un cibo, un vino, qualcosa di cui si può fare esperienza e che dà bellezza e gioia alla vita. E così anche la Bibbia: Gustate e vedete quanto è buono il Signore. Il Dio cristiano, che credevo nemico della libertà e della felicità e scrivevo con la minuscola, mi è venuto incontro come Dio della gioia e della festa: il Dio di Cana, che intensifica la vita. Ho trovato tante conferme della mia esperienza in uomini e donne di tutti i tempi. Com è l uomo nuovo, l uomo rinato alla nuova vita di Dio? Ha tante caratteristiche ma la più importante è questa: «soprattutto egli è felice, divinamente felice» (Evagrio Pontico). E Agostino scrive: «abbiamo disputato sulla felicità e non conosco valore che maggiormente si possa ritenere dono di Dio» (De beata vita). Fidati di me e non di te, dice Dio a Gabrielle Bossis, perché solo io voglio veramente il tuo bene, la tua felicità. Io non ho trovato un Dio da temere, da ubbidire, ma un Dio che si fa piccolo, da accogliere e accudire dentro di me, come si accudisce una nuova vita che cresce nel grembo, con tenerezza, amore, intelligenza, dandogli tanto di noi stessi. E piano piano il seme divino che cresce dentro di noi ci trasforma e ci fa sempre più simili a sé. Si avvia un progressivo cambiamento e si comprende che siamo esseri in continuo divenire, con un pulsare dentro, un assillo, che spinge a lasciare il vecchio e ad andare avanti. Come diceva Turoldo: l uomo è un duomo, una cattedrale senza cupola, tutta da costruire. *Docente di letteratura italiana all università di Udine, Marina Marcolini collabora con padre Ermes Ronchi come autrice della trasmissione televisiva di Rai Uno «Le ragioni della speranza». Ha di recente pubblicato per le Edizioni Paoline Per voce di donna e, insieme a padre Ermes Le ragioni della speranza, commento ai vangeli domenicali dell anno C. 10

11 Foto di Marta Togni Primavera non bussa, lei entra sicura, come il fumo lei penetra in ogni fessura... che paura, che voglia che ti prenda per mano, che paura, che voglia che ti porti lontano. Fabrizio De André 11

12 Dio fa sempre fiorire la vita Intervista di Luca Buccheri Alberto Maggi è un teologo e biblista appassionato e sapiente; ha grandi intuizioni, e una notevole capacità di trasmetterle. Ma sul tema del rinascere abbiamo voluto interpellarlo anche in relazione a una sua vicenda personale: Alberto ha recentemente affrontato una durissima battaglia tra la vita e la morte. Nascere di nuovo è un tema caldissimo, per lui. Alla luce della tua recente esperienza di malattia, come risuona dentro di te la parola rinascere? I tre mesi trascorsi in terapia intensiva, tra la vita e la morte, sono stati una straordinaria esperienza che ha tanto arricchito la mia vita. Ho potuto ancora una volta toccare con mano che, anche in situazioni di morte, il Signore è capace di far fiorire la vita. Ha ragione Paolo quando, nella Lettera ai Romani, scrive che tutto concorre al bene, per quelli che amano Dio (Rm 8,28). Siamo inseriti in un grande disegno di amore del Padre, c è solo da restargli fedele anche quando le circostanze della vita non fanno percepire questo amore. Stando faccia a faccia per mesi con la morte (la sera chiudevo gli occhi senza sapere se poi li avrei riaperti il giorno dopo), ho potuto conoscerla meglio, e considerarla come un amica e non come una nemica. Ho compreso perché Francesco la chiamava sorella morte : lei non veniva a togliermi la vita, ma a offrirla in pienezza, permettendomi, grazie a lei, di continuare in maniera definitiva e completa la mia vita. Sapendo di poter morire da un momento all altro non mi consideravo un infelice, ma facevo mia l ultima beatitudine del Nuovo Testamento: Beati i morti che muoiono nel Signore (Ap 15,13), e questa beatitudine accompagna ogni momento della mia vita. Quale figura o immagine biblica ti fa venire in mente l espressione Nascere di nuovo? Per gli evangelisti, quanti incontrano Gesù e lo accolgono come modello della propria esistenza, rinascono, diventano persone nuove. Due personaggi dei vangeli sono particolarmente significativi, il cieco nato di Giovanni (Gv 9) e il lebbroso di Marco (Mc 2,40-45). Il cieco nato, anonimo, è personaggio rappresentativo di quanti, vittime della religione, che inculca loro il senso di colpa e del peccato ( Sei nato tutto nei peccati!, Gv 9,34), vivono nelle tenebre, senza poter scorgere la luce dell amore del Creatore per le sue creature. Una volta che il cieco incontra Gesù e accoglie la sua parola, torna a vedere ma non viene riconosciuto (Alcuni dicevano: «È lui»; altri dicevano: «No, ma gli assomiglia», Gv 9,9). Sembra strano che le persone non riconoscano chi era stato cieco. Non si erano cambiati i suoi connotati, semplicemente era tornata la luce negli occhi. 12

13 Quel che meraviglia non è un cambiamento fisico, ma la profonda trasformazione interiore dell individuo. Quando una persona ritrova libertà e dignità, diventa una persona nuova, pur rimanendo la stessa. Plasmato col fango di Gesù, il cieco è un uomo nuovo, creato a sua immagine e somiglianza, è unto come Gesù. È l uomo con condizione divina, l uomo nuovo creato a immagine di Dio (Ef 4,24), uomo libero, che non viene riconosciuto dai sottomessi. L altro personaggio è il lebbroso. Considerato colpevole della sua condizione in quanto punito da Dio per i suoi peccati, è emarginato dalla società e dalla religione. Il lebbroso ha perso tutto: la famiglia, gli amici, il lavoro, l onore, e ha perso anche il conforto che poteva venire da Dio poiché considerato impuro, non si può neanche rivolgere al Signore. La sua situazione è disperata: è impuro, l unico che potrebbe togliergli la sua impurità è il Signore, ma lui poiché impuro non si può rivolgere al Signore una dottrina spietata che getta le persone nella più profonda disperazione. Poi il lebbroso incontra Gesù Lui sa che non è degno di avvicinarsi a Gesù, ma il Signore lo tocca, e la lebbra scompare e con essa la traballante teologia di scribi e farisei, la dottrina del merito. Non è vero che l uomo deve essere puro per accogliere il Signore, ma è vero il contrario: è accogliere il Signore quel che rende puro l uomo. Il Dio di Gesù non guarda i meriti delle persone, ma i loro bisogni. Non è attratto dalle loro virtù, ma dalle loro necessità; non concede il suo amore come un premio, ma come un regalo. In che modo la Parola di Dio può aiutare a far rinascere la vita? Gesù paragona la sua parola a un seme (Mc 4,1-29). Quando la parola trova un terreno accogliente, senza ostacoli, comincia a mettere profonde radici che cambiano la vita della persona, la trasformano, e l individuo assiste, con sorpresa crescente, alla fioritura della parola nella sua vita, a un frutto abbondante e straripante di energia vitale. Forza vitale che crescendo, ed espandendosi, restringe fino ad annullare quelle tossine mortifere che potevano essere presenti: rancori, egoismi, chiusure e tutto quel che non è in sintonia con l amore generoso che il Padre comunica. L uomo che ha accolto la Parola diventa lui stesso benedizione divina per quanti incontra, diventando lui stesso collaboratore all azione creatrice del Padre. Nascere di nuovo è collegato alla gioia? La gioia nasce dall esperienza di sentirsi amati incondizionatamente, scoprire che il Padre non ci ama perché siamo buoni, ma perché lui è buono. Questa gioia iniziale è destinata a crescere moltiplicandosi: più persone sperimenteranno, attraverso il nostro amore, di essere amate e più la nostra gioia crescerà. Più si dona e più la gioia cresce, come scrive Giovanni nella sua Prima Lettera: Queste cose vi scriviamo, perché la nostra gioia sia piena (1Gv 1,4). Che significato di fondo ha per te il Natale? Il Natale di Gesù, il Dio che si è fatto uomo, è un invito a diventare sempre più umani. Se Dio è diventato uomo, significa che tanto più siamo umani quanto più liberiamo il divino che è in noi. Non ci viene chiesto di salire come angeli verso i cieli, ma di scendere, come lui e con lui, verso gli uomini, attenti e sensibili ai bisogni e alle sofferenze dell umanità. Natale significa accogliere il Dio che non assorbe l uomo, ma gli comunica la sua energia. Un Dio che non chiede offerte, ma Lui si offre, chiedendo di essere accolto per fondersi con l uomo, dilatarne la capacità d amore, per renderlo l unico vero santuario dal quale si irradia il suo amore, la sua misericordia e la sua compassione per tutti gli uomini. Lasciamoci con un augurio... È possibile essere pienamente felici, qui, in questa esistenza terrena. L assicura Gesù. La felicità, infatti, non consiste in quel che si ha, ma in quel che si dà: Si è più beati nel dare che nel ricevere (At 20,35). Donare non è perdere, ma guadagnare, perché, ci assicura Gesù, si possiede solo quel che si dona, quel che si trattiene non si possiede, ma ci possiede. L augurio è che tutti siamo capaci di dare: tanto più grande sarà il nostro dono quanto più grande sarà la risposta del Padre nella nostra vita. Auguri! 13

14 Quando l incontro ci cambia di Luigi Padovese Non si può generare il nuovo restando chiusi in una torre d avorio. La nostra vita cambia solo se ci affidiamo agli inviti, alle provocazioni, agli stimoli che ci vengono dagli altri. Io non so chi sono prima di incontrare te (E. Levinas). C è un luogo privilegiato nella nostra vita dove possiamo nascere di nuovo, ogni giorno. Questo luogo si chiama incontro, si chiama relazione, in particolare con le persone più vicine, che ci stanno a cuore. Ascoltare e incontrare l altro ci trasforma. Ciò vale sia nelle occasioni e negli incontri speciali che possono dare una svolta alla nostra vita che nella quotidianità, nei rapporti di tutti i giorni, nelle diverse routine che frequentiamo. Proviamo a pensare a un aspetto di noi stessi e del nostro vivere che non abbia a che fare con qualche rapporto. Non esiste nulla di noi che non sia in qualche modo legato ai rapporti con gli altri. Sono ciò che sono perché ci sono gli altri. La trama della nostra vita si costituisce dunque, giorno dopo giorno, attraverso le relazioni che intrecciamo. In questo intreccio quotidiano, nel tempo, si formano inevitabilmente dei nodi che rendono faticosi e difficili i rapporti, ma contemporaneamente si possono presentare opportunità e incontri che ci permettono di esprimere le nostre potenzialità, le nostre speranze, la nostra autenti-cità più vera. Tutti nasciamo uomini o donne ed abbiamo una vita intera, attraverso molteplici ri-nascite, per diventare davvero esseri umani. Questa possibilità di evolvere ce la offrono abbondantemente le relazioni che via via costruiamo e frequentiamo. Ogni persona trova la sua maniera, la sua via, certe volte tormentata e faticosa, per diventare se stessa. Se io ho rapporti buoni, naturali, creativi, liberi, spaziosi sarò più felice, più centrato, più maturo. Se i miei rapporti sono pieni di sospetto, di paura, di rancore, di invidie, di sensi di colpa, di gelosie allora sarò così anch io: incompleto, pieno di nodi, teso, insoddisfatto. Per tutto questo i rapporti sono importanti come potenzialità di rinascita: il recupero di quella socialità, di quello stare insieme che ci rende più umani rappresentano gli ingredienti fondamentali per il nostro benessere. È nei rapporti che possiamo trovare gli spazi e gli stimoli per la nostra evoluzione. È nei rapporti che possiamo recuperare le nostre maleforme ricercando quell armo-nia e quell autenticità senza le quali tutto diventa più difficile. Per questo, partendo dai rapporti che più influenzano la nostra vita, oggi, è importante interrogarci e cercare di capire che qualità, natura e solidità esprimono. Quali bloccano la nostra evoluzione, quali la possono sostenere, quali ci stanno più a cuore, a quali dobbiamo fare spazio, quali infine dobbiamo avere il coraggio di potare per proseguire il nostro cammino di vita? Dobbiamo perciò capire cosa ci aiuta a generare vita nelle nostre relazioni, quali condizioni permettono ai nostri rapporti di essere fertili, quali qualità dobbiamo coltivare per far emergere e incontrare lo sconosciuto, il nuovo che è in noi. Seguendo questa direzione, oggi più che mai, sono importanti: l attenzione (tutto diventa più interessante), l ascolto (la premessa a un vero incontro con l altro), l accoglienza (apriamo la porta al cambiamento) e infine la fiducia (se non accetto il rischio non posso evolvere). J.P. Sartre, filosofo, disse che l inferno sono gli altri e l esperienza quotidiana ci mostra quanta desolante verità spesso racchiuda questa affermazione; ma può essere vero anche l opposto nelle relazioni possiamo trovare il nostro paradiso. Questo è possibile quando riusciamo a costruire e a mantenere relazioni che non legano, che non stringono, che non possiedono, dunque relazioni che nutrono e che ci permettono di vivere, di crescere, di evolvere, di assumerci la responsabilità di stare dentro a quel rapporto, di sentirci ingaggiati nell affetto e nell amicizia, di ritrovare quella parte più autentica e vera di noi stessi. Allora in quegli istanti, in quelle occasioni, ritroviamo il nostro paradiso, la nostra nuova nascita E questa ricerca ci accompagna per tutta la nostra vita. 14

15 Foto di Piero Checcaglini Che nasca così piccolo e così libero da essere incapace di aggredire, di odiare, di minacciare. Così umile e ingenuo da ragionare con il cuore. Ermes Ronchi 15

16 Illustrazione di Stefano Reolon 16

17 Accogliamo lo Spirito come la vela prende il vento, sia quel vento di passione ad orientarci, per non restare preda delle nostre conquiste, o permettere alle paure di possederci. Luigi Verdi 17

18 Un luogo per rinascere di Giorgio Bonati Da oltre un anno Giorgio, frate cappuccino, vive un esperienza di incontro con la nostra Fraternità. La conosce ormai bene anche dall interno, ma continua a viverla come ognuno dei viandanti che la frequentano. Ed è con il cuore del viandante che ha scritto questo articolo, individuano il filo del nascere di nuovo come seme comune di tutti i corsi e le attività cui ha partecipato. Ecco un nome nuovo per definire Romena: un luogo per rinascere! Fratello giornalino mi viene incontro suggerendo in estrema sintesi ciò che tanti, compreso il sottoscritto, hanno provato sulla pelle in occasione di qualche giorno trascorso a Romena. Proprio sulla pelle, scritto lì, quasi come un tatuaggio indelebile. Si, credo che ogni corso di Romena in fondo abbia in sé questo dono: l invito a rinascere. Solo un invito, ovviamente, perché qui nessuno si azzarda a dire o dare di più: un pezzo di se stessi, quel pezzo che hai vissuto, verificato su di te, quello che ti è servito per uscire fuori dal labirinto della vita e tornare a respirare con occhi nuovi. Questo è quello che si offre. Niente ricette, ma solo esperienze, spiragli di 18 consapevolezza di sé e di ciò che ci circonda. Mi lascio un po trascinare dall entusiasmo, ma dopo ogni corso vissuto a Romena è così, scusatemi, ma non ci posso far nulla. È terminato in questo week end quello intitolato Abitare la vita, abitare se stessi e, vi assicuro, starmene li a gustare ogni volto che veniva dolcemente accarezzato dopo aver valicato una simbolica porta e aver, con determinazione, professato il proprio impegno, è cosa da mistici: questa è la contemplazione che amo, che adoro, che mi fa rinascere alla vita con più tenerezza, con maggior fiducia, che mi aiuta a giungere a quella fede nuda che anelo. E vi lascio immaginare la rinascita di chi si è coinvolto lavorando seriamente su di sé, sulle proprie maschere, riuscendo a dar

19 luce alle proprie ombre, come sintetizzava ieri l amico straniero che ha partecipato al corso: Georgos. E che dire della pazzia santa che anima coloro che terminano il primo corso: questa proprio non si può descrivere, è cosa di altri pianeti, di altri mondi. Io amo mettermi lì, in cima alla scala fuori dalla bottega, e, mentre passano uno ad uno, guardare quei volti, e mi accorgo che in due semplici giorni qualcosa muta, qualcosa nasce, nuovo, dentro e fuori, perché il corpo non mente, non sa mentire come la mente. Quanta sana adrenalina, quanta passione per la vita sanno donarti quelle neppur 48 ore trascorse col maestro Pigi a dirigere l orchestra di cuori che lentamente si sciolgono, si muovono, si abbracciano. E che meraviglia sapere che questo è solo l inizio. Dopo esserti guardato dentro e aver scoperto che non sei niente male, è l ora che lo sguardo si volga un po più su, poco più su. Nel secondo corso credo si cerchi solamente una cosa: rendere sacra ogni cosa. Gigi lentamente ti fa innamorare. Di Dio! Il Dio servo, il Dio tenero, il Dio libero, quello impastato con i nostri giorni, che si lascia mangiare e bere sempre, quello che diviene vita se noi si passa dal fuoco sacro, quello che ci chiede di fidarci, di chiudere gli occhi e procedere al buio, ma mai soli! Ecco: qui rinasce l anima, qui la parte spirituale prende corpo, si nutre di ciò di cui ha bisogno ed è pronta a spiccare il volo. Già, ma poi serve sorella costanza. Sappiamo quanto non sia per nulla facile spiccare ogni giorno il volo: ecco allora che giunge l ora di esser guidati per le strade della vita da un cieco! È il nostro Wolfgang che ti prende per mano e ti aiuta ad inoltrarti nei boschi di Quorle quanto in te, e con la sua vita indica una disciplina quotidiana, fatta di cose semplici e naturali, perché come diceva I Navajo insegnano ai loro bambini che ogni mattina il sole che sorge è un sole nuovo. Nasce ogni giorno, vive solo per quel giorno, muore alla sera e non ritornerà più. Dicono ai loro piccoli: Il sole ha solo questo giorno, un giorno. Vivi bene la tua vita in modo che il sole non abbia sprecato il suo tempo prezioso. papa Giovanni: Ciò che è semplice è naturale e ciò che è naturale racchiude il divino. Qui si trova il nocciolo della vita, fare di ogni giorno una dolce disciplina, capace di dare armonia al corpo tanto quanto all anima e pure alla mente. Sembra quasi che Pigi, Gigi e Wolfgang, i tre autisti a guida dei corsi si siano messi d accordo: nella vita ciò che è essenziale non è ciò che ci accade, ma ciò che facciamo con quello che ci accade, e loro ne sono la prova più evidente. Davvero le nostre debolezze possono diventare l occasione propizia per rinascere, davvero possiamo metter oro nelle ferite, anche quelle più profonde, davvero possiamo meravigliarci di un lavoro fatto e avere il coraggio di esser più liberi, basta saper sapientemente potare, come ci insegnano i contadini. Mi avvio alla conclusione non senza accennare all ultimo corso arrivato al porto di Romena. Quello che ci siamo inventati Gigi, Grazia ed io è stato tentare di dare un tocco di leggerezza a questa vita che si presenta spesso di altro peso. Solo a pronunciarla questa parola allarga i polmoni, ma non basta. Ecco allora che ci siamo inchinati di fronte al nostro cuore bambino e lo abbiamo accarezzato. Ci siamo lasciati meravigliare da quello che c è e siamo andati al nocciolo, all essenza delle nostre relazioni e vi abbiamo instillato una buona dose di fiducia per poter nascere di nuovo, ogni giorno. È ormai più di un anno che vivo Romena e ho avuto la fortuna di infilarmi in ognuno di questi corsi e di guardarli, dentro e fuori, e godo, si, godo al pensiero che avrò ancora l opportunità di ficcare il naso e gli occhi e il cuore in questi luoghi sacri, in queste parole che diventano carne, diventano vita. Mi chiedo solo: saprò ridestare in me ogni giorno il nuovo che arriva? 19

20 Il nostro Natale Nascere di nuovo. È un tema scelto non a caso, per questo periodo natalizio. Ci piace collocare questa voglia di ripartire, di rinascere proprio accanto al bambino che nasce a Betlemme, all infinito che scende tra di noi. In queste pagine ci avviciniamo a Gesù che nasce insieme a una pagina di Erri de Luca, a una poesia di Ermes Ronchi e a una riflessione di padre Vannucci. M 20 Ermes Ronchi

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori.

Sin dalla nostra nascita, la camera da letto è testimone della nostra vita, delle nostre trasformazioni, delle gioie e dei dolori. CAMPO FAMIGLIE 2010 SI SEPPE CHE GESU ERA IN CASA LA CAMERA DA LETTO Luogo dell intimità Quando preghi entra nella tua camera Mt. 6,6 IL SIGNIFICATO ANTROPOLOGICO Sin dalla nostra nascita, la camera da

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Diario di ventun giorni

Diario di ventun giorni Diario di ventun giorni Tutti i giorni Al mattino appena ti svegli: Ringrazia per essere vivo/a e per la nuova giornata positiva che stai per vivere. Immagina la giornata e i vari impegni. Alzati e, mentre

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin

Tecniche di presenza Lightin. Tecniche di Presenza. Associazione Culturale Lightin Tecniche di Presenza Associazione Culturale Lightin 1 L energia della Natura Si dice che la Natura sia in perfetto equilibrio e di conseguenza anche noi che ne facciamo parte, dovremmo esserlo. L albero

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

«È stupendo vivere nell amore»

«È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» «È stupendo vivere nell amore» La storia di don Luigi Monza Testo di Francesca Pedretti Illustrazioni di Claudia Chinaglia Immaginate un piccolo paese, poco lontano da qui...

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa

HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa HO SETE DI TE Ritiro cooperatori di Madre Teresa Voi avete scelto di essere dei cooperatori dell opera di madre Teresa. Avete scelto di compiere qualcosa che possa essere d aiuto alle suore missionarie

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo!

Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Oh che meraviglia... Tu scendi come la neve per stare con noi e portarci in Cielo! Inserto N. 4 2009 Carissimi bambini, ogni anno vi divertite un mondo a fare il vostro presepe e non vedete l ora di aggiungere

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE

NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE I A4 NELL'ATTESA CI AFFIDIAMO AL SIGNORE Preghiere per il tempo dell' attesa INNO ALLA VITA La vita è bellezza, ammirala. La vita è un opportunità, coglila. La vita è beatitudine, assaporala. La vita è

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO

UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO UN INCONTRO CON LA STORIA UN CLARINETTO NEL LAGER ALDO VALERIO CACCO 5 FEBBRAIO 2015 Villafranca Padovana Classe terza A del plesso Dante Alighieri Insegnante: professoressa Barbara Bettini Il valore della

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

LE SETTE PAROLE DELL AMORE

LE SETTE PAROLE DELL AMORE LE SETTE PAROLE DELL AMORE Le sette parole di Gesù in croce sono le parole ultime, quelle che restano, che ci dicono chi è Lui e quindi chi siamo noi. Le parole dell Amore ultimo ci trovano lì dove siamo

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^

CONTIAMO MOLTO AUGURA TANTISSIMI AUGURI DI BUON NATALE ANCHE A TUTTI VOI ^_^ FRASI DI NATALE - BELLE FRASI DI AUGURI DI NATALE Scegli le migliori Frasi di Natale per fare tanti Auguri di Buon Natale Prepara il tuo sorriso migliore, a Natale tutti vogliono essere felici. Regala

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al

PREMESSA. L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al PREMESSA L educazione religiosa nell età compresa tra i tre e i cinque anni risponde al bisogno del bambino di dare un significato alla propria esistenza, favorendo la formazione della individuale personalità

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama!

Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Lei ama vero? Certo che ama, si vede. Si vede come è seduta, come affronta questa serata. Lei ama ama! Si vede subito quando una donna ama. E più disponibile ad accettare uno come me. L amore vero, di

Dettagli

LA GRANDE AVVENTURA SPIEGAZIONE

LA GRANDE AVVENTURA SPIEGAZIONE LA GRANDE AVVENTURA SPIEGAZIONE Milioni di persone in tutto il mondo sono religiose anche nel nome di Dio. Ma il desiderio di Dio è quello di avere un rapporto di amore con ognuno di noi. Gesù disse in

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA C O M U N I T A E C C L E S I A L E D I S A N C A T A L D O ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA PREGHIERA PER IL SINODO SULLA FAMIGLIA IN COMUNIONE CON IL SANTO PADRE FRANCESCO E LA CHIESA SPARSA NEL MONDO San

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Alla ricerca di se stessi Federica Cortina 2 Titolo Alla ricerca di se stessi Autore Federica Cortina Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono

Dettagli