Città di Panama, 25 gennaio 1671

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Città di Panama, 25 gennaio 1671"

Transcript

1 1 Città di Panama, 25 gennaio 1671 Il nome era Don Antonio Pedro Centelles y Boca, visconte di Calvet, cugino della contessa Ana Francisca de Borja y Doria, moglie di Pedro Antonio Fernandez de Castro, conte di Lemos, viceré del Perù. Era più basso di lei, di trentun anni più vecchio, aveva una rada barba grigia a punta, acquosi occhi castani sormontati da sopracciglia cespugliose e l alito pesante. E quella domenica mattina di fine gennaio, dopo tre settimane di logorante attesa e vana speranza, nella cattedrale gremita di cittadini, di fronte al vescovo di Panama, all altare di Dio, alla statua della Vergine e al suo tutore Don Juan Perez de Guzman, pallido per la febbre, Soledad stava per diventare sua moglie. L atmosfera che pesava sui presenti era pregna di tensione, non c era festa nell aria, non c erano fiori, non c erano sorrisi sui volti che la circondavano, solo attesa... di quello che sarebbe accaduto, della minaccia che incombeva e si faceva di ora in ora più pressante. Soledad si volse leggermente, distratta da un ufficiale che 19

2 risalì la navata laterale e raggiunse Don Juan, chinandosi per sussurrargli all orecchio parole inudibili. Provava un cocente rancore verso di lui, eppure in quel momento riuscì ad ammirarlo, per lo stoicismo con cui si preparava, sofferente e stremato dalla malattia, a guidare il suo esercito e a combattere in difesa della città. Lo vide annuire, il volto se possibile ancora più pallido, la cui espressione tradiva l aggravamento della situazione. Seguì il soldato con la coda dell occhio mentre ripercorreva la via a ritroso. Si accorse di non essere la sola... e si accorse anche che il vescovo aveva smesso di parlare. Riportò di scatto l attenzione su di lui, ritrovandosi a sostenere un occhiata di rimprovero, ma invece di chinare il capo, il risentimento le fece sollevare il mento e raddrizzare le spalle, superando l altezza del suo sposo ben oltre il volume della parrucca che indossava. Sfidò il vescovo con uno sguardo diretto che egli non sostenne, ma che di sicuro si ripromise di punire, attraverso l uomo pio e devoto che le stava accanto e che entro breve avrebbe avuto su di lei ogni diritto. Serrò i denti, consapevole di come le brave monache lo avessero messo a parte della sua natura perversa, e di come si fosse convinto, nella frustrante attesa di poter celebrare il matrimonio, di essere stato indotto a sposare una donna d animo indocile. Ciò purtroppo non era stato sufficiente a spingerlo ad annullare il contratto, come Soledad aveva sperato, ma solo a inasprirlo nei suoi confronti, e a farle temere un futuro troppo simile a quello che era stato il passato. Cercò di calmarsi, dicendosi che l alternativa sarebbe stata altrettanto inaccettabile, ma quando Don Antonio le prese senza alcuna gentilezza la mano nella sua, per infilarle l anello al dito, nessuna prospettiva le parve peggiore di quella che l attendeva. Chiuse gli occhi, sforzandosi di non ritirarla, assalita da un ondata di nausea improvvisa. Si impose di non pensare all intimità... di non pensare a quello che sarebbe accadu- 20

3 to dopo... e seppure vergognandosi, non seppe reprimere la speranza che l imminente battaglia potesse in qualche modo... risparmiarglielo. Con una mano sul pomo del bastone, e l altra chiusa a pugno in grembo, Don Juan fissava devotamente la statua della Vergine, pregando con fervore per l immane compito che l attendeva mentre presenziava la cerimonia rimandata troppo a lungo. La malattia, che lo aveva costretto a letto con febbre altissima e che ancora lo indeboliva, insieme all allarme generato dalla caduta del castello di San Lorenzo, alla foce del Chagres, e dalla notizia che il nemico stava marciando su Panama, avevano causato quell inopportuno ritardo, reso ancora più intollerabile dal disappunto e dall insofferenza mostrati da Don Antonio, che avrebbe voluto essere già sulla rotta di ritorno per Lima, e dagli inamovibili rifiuti della sua figlioccia di sposarsi senza la sua presenza. Si era trattato di un atteggiamento irrispettoso, che avrebbe dovuto essere punito severamente, come le monache a- vevano ripetutamente esortato, e come Don Antonio aveva vigorosamente richiesto, tuttavia Don Juan non poteva negare che con il suo riprovevole comportamento, Soledad gli aveva inconsapevolmente fornito un centinaio di uomini da aggregare alla sua armata in difesa della città, e per quella sola ragione, in quel momento poteva sentirsi soddisfatto di lei. Quella mattina, infatti, di fronte alla sua richiesta di unirsi a lui per combattere l invasione nemica, Don Antonio non aveva potuto far altro che accettare, assicurandogli il suo appoggio e quello del suo equipaggio, poiché rifiutare avrebbe significato macchiarsi di codardia e disonore. Una lama di luce fendette per un istante la semioscurità della cattedrale, poi i passi affrettati lungo la navata laterale 21

4 si insinuarono nell atona litania del vescovo che officiava i voti matrimoniali, distogliendo dagli sposi gli sguardi. Il capitano Pau si avvicinò rapidamente, salì il palco e si chinò per sussurrargli: «Morgan ha respinto i nostri attacchi e si trova sulla strada per Venta de Cruces.» Don Juan contrasse le mascelle, il sangue defluì dal volto evidenziando ancora di più le occhiaie scure sotto gli occhi. Venta de Cruces era dove avrebbe dovuto trovarsi in quel momento, a fermare l esercito nemico, se i nobili della città non si fossero espressi contro quella strategia, nel timore che Morgan potesse eluderli e conquistare Panama alle loro spalle. Fin dalla caduta del castello di San Lorenzo, nessuno di loro aveva avuto un idea chiara dell entità delle forze nemiche. Solo due giorni prima, a Guayabal, dove si era accampato con ottocento uomini con l intenzione di intercettarli, aveva iniziato a ricevere i primi rapporti, che avevano riempito gli animi di paura e spinto i suoi nobili e oltre la metà degli uomini a tornare di gran carica a Panama per mettere in salvo le loro ricchezze. Oltre duemila corsari! E Panama non possedeva alcuna fortificazione. Nessuna difesa muraria che potesse tenere lontana quell orda assetata di sangue e di ricchezze. La salvezza della città dipendeva unicamente da lui e dall esercito che sarebbe riuscito a mettere insieme, poiché nessuno di coloro cui aveva inviato richieste di aiuto e assistenza aveva risposto al suo appello. Se Morgan aveva raggiunto Venta de Cruces era ormai questione di pochissimo tempo. Avrebbe dovuto radunare tutti gli uomini in grado di combattere, nobili, soldati, liberi cittadini e schiavi, e organizzare la difesa quel giorno stesso. Si accorse che la cerimonia volgeva al termine. Gli sposi erano stati dichiarati marito e moglie, e il vescovo stava impartendo la benedizione di rito ai cittadini. Fece scivolare lo sguardo 22

5 su di loro, sapendo in cuor suo che molti di essi non sarebbero sopravvissuti alla battaglia, ma ancor peggio, se non fossero riusciti a fermare Morgan e a ricacciarlo nella giungla, nessuna atrocità e nessuna tortura sarebbe stata loro risparmiata. Quando Don Juan uscì dalla cattedrale, sulla scia degli sposi e dei fedeli, affiancato dal suo medico personale e dal suo segretario, la piazza principale era invasa da un enorme folla, in attesa sotto un sole splendente. Il segretario gli porse il proclama che aveva preparato su suo ordine quella mattina, ed egli si dispose a leggerlo, desiderando che potessero bastare quelle poche parole, scritte per richiamare gli animi al dovere, a trasformare cittadini spaventati in uomini d arme in grado di affrontare un esercito di tagliagole. Sulla piazza era calato un silenzio assoluto, si poteva udire in lontananza il rumore della risacca contro le carene delle navi ormeggiate nel porto. Don Juan fece scorrere lo sguardo sulle facce alzate verso di lui con un misto di aspettativa e incertezza. «Cittadini di Panama, a tutti coloro tra voi che si ritengono veri Spagnoli cattolici, difensori della Fede devoti a Nostra Signora della Concezione, in questo giorno di grave necessità, di fronte alla minaccia che avanza inesorabile, io, vostro Presidente, chiedo di seguirmi e di marciare insieme a me incontro al nemico, quest oggi, per difenderla! Anche a costo delle nostre vite. Possano, coloro che dovessero rifiutarsi di seguirmi, essere tacciati di infamia e codardia per aver eluso un tale, importante dovere.» Poco in disparte, Soledad fu percorsa da un brivido. E non seppe se per le parole di Don Juan, che rendevano palpabile e reale l avanzata corsara, o per la mano che Don Antonio le aveva chiuso sul braccio. Non ci sarebbe stato né il tempo né lo stato d animo per le feste di rito. Invero la celebrazione del matrimonio sembrava essere già stata accantonata come un dettaglio inconsistente, 23

6 di fronte al pensiero della battaglia imminente. Tutti gli uomini erano già preoccupati di come avrebbero affrontato il compito cui erano chiamati... Tutti, meno uno, si accorse Soledad, quando Don Antonio la sospinse con impazienza verso Don Juan, e quando questi, strappandole ogni residuo di speranza, gli concesse un ora di tempo prima di tener fede al suo impegno, e raggiungerlo sul campo. Soledad si sforzò di non far trapelare il suo stato d animo, mentre Don Antonio solcava la folla, guidandola attraverso la piazza, incurante del modesto seguito di donne che li accompagnava o dei nobiluomini che si erano raccolti attorno al Presidente. Ogni suo pensiero di colpo si concentrò sulla facciata del palazzo che aveva di fronte, sulla porta che di lì a poco avrebbero varcato, sulle scale che portavano al piano delle camere... e sulle sue preghiere che non erano state ascoltate. Rallentò inconsciamente, il respiro leggermente trafelato, guadagnandosi un occhiata di disapprovazione che la fece trasalire interiormente. Nessuna parola, solo asprezza nella piega della bocca, riprovazione negli occhi, e rabbiosa rigidità nelle dita che le penetravano nel braccio attraverso il tessuto dell abito... Una promessa silenziosa, più efficace di qualsiasi professata minaccia, che il momento di scontare il fio per il suo oltraggioso comportamento stava infine per giungere. Soledad non aveva esitato ad approfittare della malattia di Don Juan, celando in essa l avversione che provava e il desiderio che qualcosa potesse alla fine liberarla da quel contratto. Ma le ragioni politiche che stavano alla base di quell accordo non potevano essere ignorate, o eluse, non da Don Antonio, che si considerava un uomo d onore, e sicuramente non da lei, nient altro che una donna troppo avanti con gli anni per un altra occasione, o un futuro diverso dal convento. Un futuro che tuttavia, in quel momento, Soledad non ve- 24

7 deva migliore. Nonostante l età avanzata, Don Antonio era un uomo energico e in salute, mostrava di avere forza e volontà sufficiente a sopraffarla, se fosse stata tanto avventata, e sciocca, da respingerlo... Il passaggio dal caldo afoso della piazza alla frescura del palazzo non le diede sollievo, aggiunse invece un velo di sudore sul viso accaldato, e un involontario tremito al respiro già difficoltoso a causa dello stretto busto che indossava sotto l abito. Si sforzò di calmarsi, consapevole che se si fosse agitata le cose avrebbero potuto solo peggiorare per lei; affrontare il talamo nuziale sull orlo dello svenimento non avrebbe fatto altro che renderla più inerme di quanto già non fosse, e forse reso Don Antonio ancora più ostile. Conosceva i suoi doveri, le monache avevano provveduto in modo impersonale e conciso a spiegarle cosa l aspettava, e in fin dei conti, non era l intimità fisica che la spaventava, quanto invece la prospettiva della punizione che Don Antonio, forte della facoltà che la legge e Dio gli conferivano, attendeva di impartirle. Ai piedi della scala, Don Antonio non la lasciò per concederle di precederlo e di prepararsi a riceverlo, come sarebbe stata usanza in condizioni normali, invece la spinse energicamente su per i gradini, e Soledad si affrettò ad afferrare il vestito e a sollevarlo per impedirsi di inciampare. Facendo il possibile per tenere il suo passo senza ansimare, si arrischiò a lanciargli un occhiata da sotto le ciglia, e si sentì prendere dallo sconforto nel notare il modo in cui le pieghe ai lati della bocca e in mezzo alle sopracciglia si fossero fatte più profonde, e come le labbra fossero serrate e livide. Le si rizzarono i capelli sulla nuca. Perché quel pagano d un corsaro non era arrivato in tempo per mandare all aria il matrimonio? Invece di trovarsi al suo fianco davanti all altare, Don Antonio avrebbe potuto essere sul campo a combattere... Forse per non tornare mai più! 25

8 Si morse le labbra, turbata dalla natura poco cristiana di quei pensieri, ma nonostante il senso di colpa che le suscitavano, non trovava dentro di sé abbastanza volontà per reprimerli, o abbastanza rassegnazione da riconoscerli come vani, neppure di fronte all evidenza. In pochi momenti raggiunsero la stanza regale che Don Juan aveva fatto preparare per l occasione, la porta a doppio battente in legno scolpito e laccato venne loro aperta da un valletto, che Don Antonio congedò immediatamente, insieme alle cameriere che l attendevano nell anticamera, incurante del fatto che lei potesse averne bisogno. Poi, finalmente, la lasciò andare. Soledad fece qualche passo, scostandosi impercettibilmente mentre si massaggiava piano il braccio. Don Antonio si aprì la gorgiera di pizzo e si slacciò la marsina sontuosamente decorata. Il suo sguardo la sfiorò con piglio severo. «Finalmente io e voi, señora.» Si sfilò la marsina e la gettò a cavallo di una poltrona. Le voltò le spalle e si tolse la voluminosa parrucca che gli scendeva oltre le spalle, rivelando i radi capelli grigi che si incollavano al capo arricciandosi sulla nuca. «Non ci viene concesso molto tempo, ma questo lo dobbiamo a voi, nevvero?» Le lanciò un occhiata da sopra la spalla. Soledad lo fissava immobile, quasi senza respirare. Deglutì, nel tentativo di bagnarsi la gola arida e di ritrovare la voce per dire qualcosa. «Avremmo potuto essere sposati da settimane, e in questo momento essere già di ritorno a Lima,» disse a denti stretti, aprendosi la camicia «se non fosse per la vostra caparbietà.» Le si avvicinò, facendola sussultare quando le chiuse la mano sul polso. «Inginocchiatevi» le ordinò con voce ruvida. Il volto di lei perse ogni traccia di colore, fece una minima resistenza, mormorando una protesta, e la sua stretta si fece spietata, la strattonò e la spinse, facendola cadere in terra. «La caparbietà è un peccato, la vostra è anche un offesa» sen- 26

9 tenziò allontanandosi. Soledad lo osservò con occhi sgranati. Sussultò quando si fermò, tornando a guardarla con espressione speculativa. «Apritevi l abito e denudatevi la schiena.» Per un momento le si oscurò la vista. Il cuore prese a martellare impazzito provocandole fitte di dolore. «Señor, vi prego...» mormorò con un filo di voce. «La schiena, señora, se non volete aggiungere anche la disobbedienza alle colpe da espiare.» Soledad cercò di tenere sotto controllo il respiro, di reprimere il tremito che la scuoteva. Dopotutto non era nuova alle punizioni corporali, le disse una voce ragionevole, ma non le diede la calma stoica che le serviva ad affrontare questa. Si portò le mani tremanti dietro la nuca, armeggiando per alcuni istanti con la chiusura dell abito, sapendo che non sarebbe stata in grado di aprirlo senza aiuto. Fece diversi tentativi, prima di lasciar cadere le braccia lungo i fianchi. «Da sola non ries...» La voce le morì in gola nell alzare lo sguardo sul marito, e sul bastone che teneva tra le mani. Non di canna, ma di legno. Fece un balzo indietro, con un esclamazione strozzata. «Quanto più tempo perderemo con questo, tanto meno ve ne sarà per l adempimento dei vostri doveri coniugali, señora» l avvisò Don Antonio. Soledad scosse il capo, gli occhi colmi di sgomento e di un improvvisa luce di rabbiosa ribellione. Scattò in piedi afferrandosi l abito con entrambe le mani e fuggì oltre la porta della camera. Dietro di lei la voce di Don Antonio si alzò impetuosa, richiamandola, ma il panico la rese sorda. Con il respiro mozzato nella morsa del busto, e il rombo del sangue che le riempiva le orecchie, Soledad cercò affannosamente una via di fuga. Urlò quando si sentì afferrare e spingere nuovamente a terra. Cadde con un tonfo, ma si sollevò immediatamente sulle mani e sulle ginocchia, scappando carponi per sottrarsi al ma- 27

10 rito che torreggiava su di lei. Poi lui le calpestò l orlo dell abito e mise fine alla sua fuga. Il suono raggelante di uno strappo riecheggiò al di sopra dei suoi ansiti spaventati e dei grugniti di rabbia che sentiva sopra di sé, e prima che potesse fare qualsiasi cosa, egli l afferrò per i capelli, affondò le dita nell elaborata acconciatura e la strattonò verso di sé. Lasciò cadere a terra il bastone per contrastare i suoi tentativi di lotta, la premette a terra, immobilizzandola con un ginocchio alla base della schiena, e si avventò sulla chiusura del corpetto, slacciandolo con violenti strattoni. «L obbedienza, señora» le disse a denti stretti. «Imparerete che l obbedienza è la più importante tra le virtù di una moglie. E lo imparerete sulla vostra pelle, ogni volta che oserete ribellarvi a vostro marito.» Con il viso premuto sul freddo pavimento di pietra, Soledad si guardò selvaggiamente intorno, la vista annebbiata da un velo di lacrime, le labbra bianche per lo shock. Con la coda dell occhio intravide il bastone, allungò un braccio per raggiungerlo. Prima che lui se ne accorgesse, riuscì ad afferrarlo e a brandirlo, colpendolo alla cieca. La presa che la teneva prigioniera si allentò immediatamente. Don Antonio fu costretto ad alzare le braccia per parare i seppur deboli colpi e per strapparle di mano l arma, e Soledad ne approfittò, riuscendo in qualche modo, grazie anche al busto allentato che le permetteva di respirare meglio, a sollevarsi sulle braccia e a fargli perdere l equilibrio. Ruotò su sé stessa, scalciando ferocemente per tenerlo lontano, indietreggiò affannosamente sui gomiti fino a sbattere contro il pitale vuoto accanto al letto. Don Antonio la seguì, si chinò per riagguantarla. Soledad si ritrovò il pitale in mano e con un grido di disperazione lo abbatté sulla testa quasi calva del marito. Dopo i momenti di furiosa confusione, un silenzio racca- 28

11 pricciante calò su di loro. Di colpo immobile, Don Antonio lasciò cadere il bastone, si portò una mano sul capo piegandosi su sé stesso. Ansimando terrorizzata, Soledad lo colpì di nuovo, e sussultò violentemente quando l uomo si accasciò accanto a lei, i radi capelli grigi macchiati di sangue. Per alcuni interminabili minuti, Soledad fu solo capace di fissarlo impietrita attraverso la nebbia delle lacrime, il petto sconquassato dai singhiozzi e dall orrore, incapace di credere a ciò che aveva fatto. Lasciò cadere il pitale sporco di rosso e si ritrasse contro il muro, premendosi una mano sulla bocca per contrastare un conato. Una voce rabbiosa prese a rimproverarla per l immediato senso di colpa, a gridarle che era suo diritto difendersi, un altra l accusava senza pietà di aver violato tutte le leggi di Dio e degli uomini, e di meritare per questo le fiamme eterne. Aveva paura di averlo ucciso, ma forse ne aveva ancora di più di non averlo fatto... Cosa le sarebbe accaduto quando fosse rinvenuto? Con quello spaventoso pensiero, Soledad si obbligò a tirarsi in piedi. Raccolse la gonna nelle mani e fece qualche passo sulle gambe instabili, allontanandosi dal corpo esanime del marito. Lo aggirò, senza smettere di guardarlo per paura di vederlo muoversi, sibilando disperate preghiere a fior di labbra. Quando fu a pochi passi dalla soglia si voltò, attraversò di corsa l anticamera, fermandosi senza fiato dietro la porta solo il tempo di controllare che nel corridoio non vi fosse nessuno, poi scivolò fuori. Non aveva idea di dove andare, ma doveva allontanarsi, trovare un luogo dove potersi nascondere e riflettere su come uscire dalla terribile situazione in cui si era cacciata. Raggiun- 29

12 se la base delle scale, spaventata al pensiero che qualcuno potesse notarla e si chiedesse come mai non si trovava in camera con lo sposo... Perché lo sposo era riverso sul pavimento, fors anche morto! Le parve già di udire le voci aspre dei giudici che emettevano la sentenza, e quelle delle suore che pregavano per la sua anima finita infine dove si aspettavano, nelle mani del demonio. Evitò i salotti dove i membri della famiglia erano soliti ricevere, qualcuno aveva di certo seguito gli sposi e ora erano riuniti in quello che avrebbe dovuto essere il suo banchetto nuziale. Poteva udirne le voci, smorzate dalla consapevolezza del pericolo che gravava sulla città. Si allontanò a passo svelto verso l ala del palazzo riservata alle cucine e alla servitù, le mani strette attorno al tessuto dell abito più prezioso che avesse mai indossato... L abito del suo matrimonio, del giorno che aveva aspettato da anni e che si era rivelato il peggiore degli incubi. Aveva pregato fermamente per un uomo giusto, invece le avevano dato quello che più aveva temuto: un uomo devoto. Un uomo che prima di incontrare la sua promessa sposa aveva conferito con coloro che si erano occupate della sua educazione. Era vecchio, rigido, severo, il suo aspetto non era piacente, eppure quel mattino, di fronte all ineluttabilità, Soledad si era ripromessa di fare del suo meglio per compiacere il suo sposo, di andare incontro alla sua nuova vita con buona volontà. Per un accecante momento la rabbia superò qualsiasi altra sensazione, le preghiere si tramutarono in invettive contro di lui e contro la propria impotenza. Non c era una via d uscita, non c era mai stata. Nulla poteva cancellare ciò che era accaduto. Nessuno avrebbe capito... Nessuno avrebbe preso le sue difese... Nessuno l avrebbe ascoltata... Solo condannata, come sempre. Si morse le labbra mentre la solita voce le gridava che 30

13 avrebbe dovuto accettare la punizione con dignità, che qualche bastonata era ben poca cosa in confronto a quello che ora l aspettava! Si immobilizzò nell udire il chiacchiericcio di un paio di cameriere che si avvicinavano. Si guardò intorno con il cuore in gola cercando un luogo dove nascondersi. Prima che potessero notarla avanzò ancora di qualche passo, infilandosi velocemente nel vano in ombra della scaletta che scendeva fino alle cantine. Si premette contro la parete trattenendo il respiro, supplicando mentalmente che quella non fosse anche la loro meta. Quando passarono oltre, ciascuna trasportando un vassoio colmo di prelibatezze, Soledad si sentì venir meno dal sollievo. Le forze l abbandonarono; per quanta volontà possedesse le gambe le cedettero, obbligandola ad accasciarsi contro il muro. Si portò una mano sulla fronte madida e gelida, e si accorse del tremito incontrollabile che la scuoteva. Non c era un luogo in quel palazzo dove avrebbe potuto trovare rifugio. Prima o poi qualcuno si sarebbe accorto di lei... e per lei sarebbe stata la fine. Si percosse la fronte, serrando i denti per non lasciarsi sfuggire il gemito che le bruciava la gola. Cosa aveva fatto? Doveva essere impazzita! Come aveva potuto ribellarsi a quel modo? Reagire con tanta violenza, colpire a sangue l uomo che aveva ogni diritto su di lei? Sollevò al soffitto il viso rigato dalle lacrime, pensando con una smorfia che forse Henry Morgan avrebbe risolto il problema una volta per tutte... Che Dio la perdonasse, pur sapendolo il male peggiore, aveva davvero sperato che la liberasse di quel marito. Era veramente malvagia, pensò affranta. Meritava quello che le sarebbe accaduto. Con un brivido si chiese se non dovesse tornare da lui e assicurarsi che fosse vivo... aspettare che si risvegliasse... chiedergli perdono e affidarsi alla sua clemenza... anche se sapeva che non ne avrebbe mostrata. 31

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo

EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo 1 EZIO si fermò un attimo, confuso e disorientato. Dov era? Che posto era mai questo? Mentre si riprendeva, vide suo zio Mario staccarsi dal gruppo degli Assassini, avvicinarsi a lui e stringergli il braccio.

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

I sussurri di cui non ti accorgi

I sussurri di cui non ti accorgi Titolo della tesina: La realtà come specchio del proprio dolore Sezione narrativa: racconto I sussurri di cui non ti accorgi Ogni mattina, quando andava a scuola, si guardava attorno. Le piaceva il modo

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ

...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ ...IN QUELL ISTANTE IL GALLO CANTÒ Una riflessione attenta sul comportamento di Pietro dopo la cattura di Gesù e sulla facilità con cui passò da una conclamata fedeltà al rinnegamento del suo Maestro ci

Dettagli

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia

LA STORIA DEL VECCHIO F di Patrizia Toia Patrizia Toia Patrizia Toia (born on 17 March 1950 in Pogliano Milanese) is an Italian politician and Member of the European Parliament for North-West with the Margherita Party, part of the Alliance of

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

"In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18)

In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi (I Tessalonicesi 5:18) "In ogni cosa rendete grazie, perché questa è la volontà di Dio in Cristo Gesù verso di voi" (I Tessalonicesi 5:18) Rendere grazie a Dio, sempre, in ogni circostanza, in qualsiasi momento, in qualunque

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo

Domenica, 15 novembre 2009. Dov'è il tuo zelo Domenica, 15 novembre 2009 Dov'è il tuo zelo Apocalisse 3:14-22- All'angelo della chiesa di Laodicea scrivi: queste cose dice l'amen, il testimone fedele e veritiero, il principio della creazione di Dio:

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac

Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante. Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Chapter 5 and the Axe-Mielding Maniac 2 Titolo: Il capitolo 5 e il maniaco dall ascia vibrante Autrice: Marie Sexton, www.mariesexton.net Traduzione: Amneris

Dettagli

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare

Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Onore al carabiniere Antonio Bonavita Medaglia d'argento al Valor Militare Giuseppe Massari ONORE AL CARABINIERE ANTONIO BONAVITA Medaglia d Argento al Valor Militare www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO

INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO 916 INTERVENTI DELL ON. RENATO BRUNETTA E DELL ON. LAURA RAVETTO Comunicazioni del presidente del Consiglio dei Ministri in vista del Consiglio europeo straordinario del 23 aprile 2015 22 aprile 2015 a

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita.

perché non ballate? 5 Baciami. Baciami, tesoro, disse lei. Chiuse gli occhi. Lo teneva stretto. Lui dovette aprirle a forza le dita. Perché non ballate? In cucina si riversò da bere e guardò la camera da letto sistemata sul prato davanti a casa. Il materasso era scoperto e le lenzuola a righe bicolore erano piegate sul comò, accanto

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6

Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 Le Valli Oscure di Enzo De Fano Pagina 1 di 6 "Quand'anche camminassi nella valle dell'ombra della morte, io non temerei alcun male, perché tu sei con me; il tuo bastone la tua verga mi danno sicurezza".

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27

Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 Il Giovane Ricco - Luca 18:18-27 filemame: 42-18-18.evang.odt 3636 parole di Marco defelice, RO, mercoledì, 6 giugno, 2007 -- cmd -- La Bibbia è la Parola di Dio. È più attuale di quanto lo sia il giornale

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA.

COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. COME POSSO AIUTARE UNA DONNA CHE SUBISCE VIOLENZA. Avere il sospetto o essere a conoscenza che una donna che conosciamo è vittima di violenza da parte del compagno/marito/amante/fidanzato (violenza intrafamiliare)

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze:

Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: Vivere accanto a una persona con problemi di dipendenze: che fare? Alcol, droghe illegali, medicinali, gioco d azzardo Una persona a voi cara soffre di dipendenze. Vi sentite sopraffatti? Impotenti? Avete

Dettagli

La Sua Salute e il Suo Benessere

La Sua Salute e il Suo Benessere La Sua Salute e il Suo Benessere ISTRUZIONI: Questo questionario intende valutare cosa Lei pensa della Sua salute. Le informazioni raccolte permetteranno di essere sempre aggiornati su come si sente e

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli