III. III.. III.. III.. III.. III. Verrà il melograno e un seme

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "III. III.. III.. III.. III.. III. Verrà il melograno e un seme"

Transcript

1 DALLE TERRE DELL'UTOP I A Premessa Nell'ombra che consuma il tempo E fuori, un rigno di gallo Interludio laico Verrà il melograno e un seme I Bassora 4 Il consumo del tempo II. E fuori, un rigno di gallo Il sogno di Claudia 13 La lugubre follia Canto della morte propria 16 Interludio laico 17 Canzone di Horph e Rudye 18 Canzone del Consiglio d'amministrazione III. III.. III.. III.. III.. III. Verrà il melograno e un seme 19 Canto della metropolitana 20

2 Errore. L'origine riferimento non è stata trovata. Se accade che un agitatore s'aggiri tra le pieghe d'un racconto, pensiamo che non sia necessario affannarsi più che tanto per identificarlo e affibbiargli un nome. Diverso è il caso, quando egli stia percorrendo, come si suol dire: in carne ed ossa, sentieri di paesi di per sé turbolenti, territori ribelli e città sediziose. D'altronde egli è certo ben noto agli organi preposti al controllo dell'identità dei sospetti e, comunque, noi stessi, sebbene non s'intenda farne esplicita menzione, abbiamo indizi sufficienti per individuarlo: per esempio, l'esistenza d'un procuratore dell'esercito imperiale di Roma, la sorte d'un misero uomo di Kiriat. E così come non ha importanza chi egli di fatto sia, assai poco rilievo assume anche il tempo e il luogo, teatro delle sue non riprovevoli imprese, si tratti di Urushalim, come la chiamano alcuni popoli del deserto, o Jerushalajim, secondo la pronuncia di genti più evolute, sia che spirino venti che non battono dal deserto o che soffi il khama sin delle sabbie: potrebbe trattarsi, in definitiva, di qualunque altro vento e di qualunque altra terra, specialmente fra quelle più oppresse. E allora altri uomini incontreremmo vicino ad un pozzo o dentro una metropolitana, pronti a pronunciare inusitate parole. E' un sobillatore e con sé porta un'utopia. Di essa sentiremo parlare. Come delfini dagli abissi del mare, risaliremo alla superficie del tempo, dove visibili sono i macchinari della storia. La minaccia e la morte non saranno per questo meno incombenti o più lontane. Ma la partita è di proporzioni ben più grandi; ciò nonostante, la preziosità del tempo dell'utopia non verrà percepita: quel tempo sarà consumato in

3 vano. Anche nel proscenio che a noi appare piuttosto come il profondo della storia, come un periodo che non si ricorda più chiaramente, quell'attimo apparve privo d'importanza e sfuggì alla coscienza. E dietro le quinte, dove si può ancora riferire delle sofferenze e delle tetre riflessioni di un procuratore di Roma, proprio come spesso sui prosceni, si preparerà il tradimento, che è "consegna dell'uomo", inganno per denaro, venir meno dell'amore. I.. 1 Intorpidita, raccolta nei cespugli di gelsomino, un sole obliquo che rade i contorni e dissopisce sul segno rosato le immagini dei ricordi l'alito del deserto sulla casa la sua febbre Urushalim! il popolo delle dune che s'avvicina e carovane portano annunci lontano polveroso fremito che passa con un alito di rose, un sinedrio ripiega in manti di turbamento 2 Quanta strada l'inverno ci colse nel deserto raccolti nei caftani sotto una diafana luna smisurata che ordiva sulle forre

4 giochi d'ombre, idiomi egizi e ricordi abbrancati alle nostre spalle; sognammo primavere coi colori del tamarisco, disfatte nel profumo del gelsomino. Pasqua tenera e crudele di presentimenti rendi la voce che soffoca in un singhiozzo di sgomento sugli habri e su hebri dovrà salire la parola su quel popolo che s'assiepa fra contrade prive del giorno, ascosa terra oltre i suoli di Dio 3 BASSORA Artigliano cinghie d'acciaio accecano, lampi d'un sole radente sui tumuli rosa verso est, carichi di tecnologia. Stendardi colorati vessilli classificatori esadecimali contro il furore di Allah. 4 IL CONSUMO DEL TEMPO Ostentazioni stravaganti mosse studiate eleganti sapienti dita da pianisti occhi ombrosi seguono pensosi irrimediabili percorsi in attese sicure d'effetti stupefacenti; da coni d'ombra affiorano biglie con bagliori improvvisi

5 su rettangoli verdi rassicuranti falene dove sfolgorano luci sfavillano vetrine e spengono smorfie di malumore fra barbagli di mercanzie scrosci di pioggia fermano l'incanto ombrelli iridati arcobaleni affiorano da chiazze oleose. Schiarite versano colate di luce e impallidiscono scintille, elettriche nella sera ai bar s'affrettano, raccolti sui lunghi bicchieri consumano con gesti artificiali colorati aperitivi (crepitano carte stagnole come fremiti d'impazienza) Abili alla cavezza trattengono lucide kavasaki balzano in sella alle loro imposture cavalcano in un lampo vanaglorie di teppisti senza importanza. 5 Mattino che sfolgora nel vento insegne eliomorfe e labari tesi, lingue e orifiamme sui pennoni vibranti. Segnali marziali rauchi scoppi di comandi, smagliante un mattino che taglia il respiro, tra vortici di folla rutilante sfarzo militare e Cesarea spalancata sul mare,

6 porta, tallone dei Cesari. Urushalim! voci corrono corre un nome nel tuono che squarcia un limpido mattino (più intensa la luce!) e profezie predicono rovina. Primavere l'han visto implacabile nel sacro recinto nel gesto d'alzare la mano a fermare il tempo, lo sguardo che ora si piega sull'uomo di Kiriat, fissità di pietra. 6 Insofferenza la vampa che fiacca e dissolve in barbagli lontani zampilli di fontane. Consuma il riverbero vibranti miraggi di statue. Impietrisce il solleone. Equorei mosaici degradano, dissolti in lontani cerchi di desiderio (il tormento anche del cauto passo di guardia). Arretrano le voci in un recesso lontano della memoria e pulsa un occhio enfio di sangue: terra infìda l'altra faccia coltivi dell'anima oscuro crocevia di religioni. Dov'è l'atenaica ragione solare dallo sguardo immobile, dove il pragma romano?

7 7 Si spegne un giorno sui monti del Moab chiari alla ultima luce al di là del Mare morto oltre la città del sale, affonda il sole dietro monti oscuri di Giudea nei cipressi e negli olivi. Alta nei pergolati città sopra la valle dei cedri, scivola sul raggio di luna una lama E sale ancora la notte lungo le mura notte che scende in orfici arbitri. Stretti nei mantelli, escono gli uomini delle tende, calata la fascia sulle fronti assassine. Cani ricurvi e lontano un fragore di risacca. Si rifrange il silenzio 8 E' ora d'andare ai resti d'un antico frantoio adagiare il corpo ranicchiato nella miseria tace un sobillatore nei poderi all'ombra del pozzo

8 9 Geme la corda sul pozzo nel profondo regno delle immagini si perde specchio di arcane lune e dei freddi desideri che ripiegano in impossibili abbracci. Oscilla: meditabonda disapprovazione, dove ordisce l'intrigo ove si dà la fine ingiusta nell'ombra che consuma il tempo in fatui giochi di dame e di dadi (un volo di gru dal collo disperatamente teso indietro lascia come naufragi segni di violenta morte) Un sobillatore che ha parole capaci di cambiare il mondo e non maneggia intrighi sottili e sangue per conservare palazzi e poteri che si disfano, deve sempre pagare di quelle parole ogni lettera con una goccia di paura, indifferenti i più alla sua morte, ognuno chiuso nel suo misero quotidiano, anche se, occorre dirlo, a volte e nel profondo, uno stesso desiderio accomuna esseri distanti e diversi e li spinge a desiderare la vicinanza di chi semina quelle parole, già cariche di pesanti frutti. C'è speranza che questo accada ad altri? A tutti gli altri? Qui possiamo riferire soltanto di un sogno, che porta sollievo dove l'inquietudine scava molto a fondo, ma non serve a sventare la sterminata morte. Ancora una volta accade, invece, come poi tante volte ancora, che un nome venga usato per giustificare delitti segnati dai mistici antichi rituali del capro espiatorio. E un procuratore, in seguito a questi eventi, ancor più strettamente si stringe al ricordo di lontane terre, vicine alla sua raffinata cultura. Chi tradisce e tesse trame non regge il tremendo peso e siamo costretti a udire quel ch'è stato chiamato, per abbellirne un po' l'orrore, il Canto della morte propria. Parole cominciano a volare lontano quando un sobillatore cade e la grande nostalgia della vita

9 passa fugace nei suoi stanchi occhi. II. E fuori, un rigno di gallo 10 Palazzi cinerei di dominio e dell'arbitrio livida lampada delle attese e sciatte impronte di noia nel ticchettio indolente di macchina per scrivere. Disinteresse pigro trasmuta le cose in immagini viscose. Fetido alita sul verbale stentato un notturno concilio d'aguzzini, parti inventariare frammenti d'un delitto terree grinte ghigni spenti ceffi che non conoscono sorriso. E fuori, un rigno di gallo rauco nunzio maligno in un lentissimo sbatter d'ali ultimo ringhio della notte, prima dell'alba. Allora scendi in pozzi d'ombre dove non specchia l'acqua 11 sbiancando in volto agli orrendi ferri ribelle giusto come un giglio al duro sgabello del dolore.

10 Scendi la via di Davide attraversi il Kisto volti verso oriente le braccia alzate recitano il She'ma. 12 IL SOGNO DI CLAUDIA Nel lampo d'un sogno che spazia lontano curva ad incantesimi d'alchimie occulte tra bronzee croci e indifferenti madonne copte Claudia, le labbra sbiancate, dispera di fermare la sterminata morte insostenibile simbolo d'ogni altra croce il braccio sulla fronte aggrappata al sogno sprofonda 13 LA LUGUBRE FOLLIA Karabàs dal nome sacro coi segni d'un altro destino lugubre follia il gesto alto che da Caligola sale sullo splendore d'alessandria memoria della cultura ad immolare l'oscuro re fantoccio (1) nel tempo d'un altro si rinnova il rito col segno fenicio della morte per schiavi ferale insania ritorna

11 in un basso gioco di nomi l'ombra dai sentieri angusti del ricordo scivola e sulle case sparisce il sole (1) Erode Agrippa Secondo 14 Scivola il sole fra bianchi spruzzi del gelsomino un'iride fosca lambisce e porta improvviso il ricordo lontano: diletta Siviglia patio degli ozi dalle mille fontane gutturale voce di beduino e sudari bianchi di smania lasciano onde ostinate un luogo, un attimo stagnante basileus! rex! melèch! sia scritto ed urlato torme sotto antiche porte fino al ruscello, che scendono gradinate scoscese nel silenzio del tardo mattino. Implacabile quiete, assai lontana la sera 15 CANTO DELLA MORTE PROPRIA E una luna interroga cespugli d'ombra

12 col suo inerte raggio, tra scomposti olivi dai tragici gesti, dietro fichi osceni carichi di sciagura altra notte scende da antri d'ansia sulla pupilla inquieta e scava dalle ombre della memoria al barlume astrale Perché inganni ordire con profumo di nardo a chi ti bacia e con lieve dito lenisce ancestrali stimme Desiderio dell'ora ormai lontana il rimpianto s'è fermato. Una fitta è il ricordo spina di rovi rotolata nel vento tarlo che morde nell'odoroso benformato legno. Pesa il rimorso come anni d'una vita sperperata. Prigioniero di malinconia un uomo di Kiriat catturato dal ricordo, lo sguardo sospeso (come in attesa) obliquamente tempo per sempre impigliato riaffiora dall'orto della memoria quanto faticoso! un ombroso sentiero fra viti dal grappolo pesante violaceo cerchio che scorta un frettoloso passo e nuvole fuggitive abbuiano (macchie traversanti nell'occhio assente)

13 sotto un albero di fico scivola la luce dell'alba sul viso, pietosamente schiarisce un livido segno. 16 Il tormento grava piega di piombo a sollevare il volto. S'estende l'orizzonte sulla battuta terra scivola l'iride, risale al pozzo allo stormo di ragazze a quel'alito teso trasale (una mano che stringe la tempia, fragranza dolce che s'indovina) Scendiamo alle origini del nostro ricordo, così profondamente da toccare la terra dei miti e approdare in luoghi che stanno al di là del nostro teatrino del tempo. Da laggiù si vede immagine fra le più belle e difficile a comprendere che Dio muore dove la necessità regna e che necessaria è la Sua morte, perché è l'esempio che spalanca terre d'utopia. Dio: mito ed utopia che si fanno storia, dove perfino il male semina, sebbene la stoltezza dell'uomo tolga capacità d'apprendere dal passato. Ma per quanto indietro si torni, ricordo e mito resistono all'oblio e all'usura; speranze e desideri fanno fronte allo sconforto e alle sazie abitudini che abitano le colline del quotidiano. Ancora una volta si ripete qui un basso gioco dei nomi e, dietro le quinte, un altro Bar a bàs viene sacrificato e altri agitatori raccolgono antiche parole. Interludio laico

14 17 CANZONE DI HORPH E RUDYE amabile affonda nei suoi cuscini Pepsy Phoebe pop corn insaziabile. Noia sospesa fra le ciglia un fremito che vibra sulle spalle. La chitarra lambisce dalle nove corde, blandisce, la sua parola s'insinua il bel tenebroso Horph the Dark the rocker's star. Corteggio di morfinomani scorta d'assassini il coro riverente dei lenoni, Horst l'affianca lo stupratore (assai capace goffo altrimenti e pur maldestro). Di Rudye la dolce nuotatrice s'un bordo di piscina ha già abusato. E' giunto Horph a prender Rudye e senza speranza lotta: non c'è più tempo per risalire i giorni; evanescenti lumi ubriacanti trasmutano ai suoni. Pepsy Phoebe ora a Horph concede che torni Rudye a casa, puoi farlo, ma attento alla tua chitarra foriera di morte epilettica. Ma non può fermare Horph la sua chitarra

15 e suona si ferma Sisyp the barman da forze oscure incatenato non beve Thornton the boozer il liquido sull'orlo pietrificato e cade Rudye ancora in mortale svenimento (PRIMO CORETTO: TEOLOGICO) dio che muori e soffri più dell'uomo resurrezione non ha chi muore per mano d'uomo (e la tua rinnova) 18 CANZONE DEL CONSIGLIO D'AMMINISTRAZIONE Araldica di cravatte e giachi grigio fumo è schierato il consiglio d'amministrazione. Trincee di carte scritture e atti allegati, tutti contro tutti stretti ai cuoi pesanti delle cartelle. Stilografiche d'oro strepitano, impennate, nell'imminenza dello scontro. Intestazioni potenti come mortai battono sul libero mercato. Si snocciolano le voci dell'ordine del giorno crepitano cifre ordita è la fine d'un re improvvisato. Sir Bar a bàs era re del caffè che ora va in fumo senza un aroma come profumo: nudo fantoccio, un capro alla Bancarotta immolato.

16 Corruzione decide, l'urto decisivo avviene lontano: "operazioni", han nome, nel tempio della Borsa e basta comprare (per poi rivendere) le azioni quotate e la terra è tolta da sotto i piedi (SECONDO CORETTO: MORAL POLITICO) Nelle terre lontane dell'utopia un seme ho potuto vedere già nel segno del Capricorno. Il chicco giace sotto la terra nelle piane remote dell'illusione (s'attenua il ricordo e frinisce soltanto una cicala) Il pozzo è immagine di delitto e suicidio: figura di morte; a volte un tunnel, che unisce proscenio e quinte del tempo, come qui accade, in questo accorato Canto della metropolitana, dove anche un soggetto passionale e irragionevolmente entusiasta può venire sopraffatto dalla disperazione, come accadeva in tempi più lontani, davanti alle brulle colline del quotidiano. Ma noi siamo portati a credere che, nel momento in cui l'infinita angoscia prende possesso dell'ultimo istante, di quel lunghissimo tempo che è di bilanci e di riscontri, il ricordo di quell'uomo si sia fermato invece sul suo presagio: una predizione, o presentimento o semplice augurio, per tempi di grande sconforto, di nuove fioriture di speranza; nel crederlo siamo avvalorati da questo: che, nel mezzo d'una straordinaria tempesta d'acqua e vento, sopraggiunta la sua fine, mentre gli uccelli erano in fuga dal cielo, quella figura, la pallida sembianza della speranza, rimase. Come pur doveva accadere, riaffioriamo di nuovo alla fine sullo specchio del tempo. Nulla invero troviamo di cambiato, ma forse la speranza è ultima a morire.

17 III.. III.. III.. III.. III.. III. Verrà il melograno e un seme 19 CANTO DELLA METROPOLITANA S'inoltra il métro nel pozzo tra lampi di rotaie e sussulti di danze allucinate. Scoppi d'allegria, fasci di luce piombano e ruotano come sogghigni, sberleffi che s'allontanano forsennatamente: velocità di lampade, comete strappate nel buio. Traballa la moltitudine del viaggio assorta e smemorata vociante nel baccano: città d'emigrazioni senza arrivi un traino di bisogni, corre sotto leggi di selezione naturale fisso all'assioma malthusiano bambini precoci imparano la vita e belve che si coricano sul fianco a morire l'uomo dagli occhi spenti i capelli nel vento dei rimpianti, avanti le mani, a frugare speranze Palazzo città senza uscite, sotterraneo labirinto di geometrie

18 (le regole dei siri) e astronomie di cavità senza spiragli. Un minotauro s'aggira nutrito del tributo imposto dal simbolo lunare. Desideri di luce sprofondano in acque d'oblio dove naufragare con un nibbio nello sguardo è un ritorno e pace senza destino. Tutto cancella baccano e crono, costellazione del drago. In terre di follia non c'è donna che uccida e salvi città. Sfrontate ragazze ridono, ora la lingua sulle labbra e una mano sul pube. Non suona la siringa flautata della vergine guerriera una scimmia sulla spalla nello scrigno lo scorpione il serpente al guinzaglio dentro il sogno vado senza illusioni e suono siringhe di veleni 20 Brulla collina dai bagliori obliqui nel ronzio d'insetti grondano i volti nelle clamidi evapora madore. Alzato il braccio exactor mortis arabi e afri dal gesto smodato e molle il Nilo dai suoni gutturali greci e asi lontani oltre le porte di Jerushalajim un'orda s'avvia verso il tramonto e prendono il volo

19 avvoltoi. 21 Pende sulle croci l'agonia nell'ora sesta e ruba l'ultimo soffio di tempo. Offuscato lo sguardo indugia all'orizzonte Qui io sono. Non mi volto da chi attende ancora, rivolto indietro proteso il volto a guardare sbigottito il colpo che l'abbatte. Qui sono, a confutare con dissimulate forze, non più parole. In fondo al mio sentiero un presagio ho lasciato sconforto verra nel buio di sogni di parole sole e ancora il sonno della ragione, l'infelicità del tempo e chi non sopporta il sole. Dal pozzo affiora la felce alligna gelsomino di speranza torna nuova stagione a dare un'ala sulle terre della disperazione 22 (Concertato) Gravano silenzi segnati dall'immenso respiro sopra un colle, assetato contro il cielo e s'oscura sulle ore dell'agonia

20 Non sanno... bisbiglio perduto nell'alito nero che s'alza e striscia mulinando una serpe di sabbia (il buio che avanza dal khama sin) Ecco tuo figlio... le insane ebbre parole dal senso smarrito in un sibilo di polvere! Convulse dita di dune s'eclissa il monte il giorno è spento sulle radure del supplizio Eloi, eloi... un urlo strozzato nel rombo dell'uragano 23 Venne prima il vento, una lunga mano scarna, diafano strappo improvviso sulla lacera terra. S'alzò l'onda sabbiosa, cavo ventre di polvere che ingoia l'orizzonte, e s'impresse la paura nell'iride. Prese l'occhio sgomento a salire s'impietrì in un punto, nel nero portento che s'espande in cerchio e rovina in basso. Grigia si strinse la luce in un tumulo crepuscolare, occhio malvagio di tempesta. Scalfitture velenose di elettrico viola, gialle strie di perfidia, feritoie sottili il tuono eruttarono, lungo, sordo nel fondo del cielo. Saette aprirono crepe nell'aria, occhi divini senza pietà.

21 Piccoli uccelli fuggiaschi dal cielo, bassi i grandi, in fuga verso l'alto, solo, smisurato prese il nibbio a roteare tracciando segni per scomparire dentro la belva. E venne allora l'acqua, ribollente palude con un brivido di serpe Nuvole sfioccano bianche come spari di contraerea gonfio il sole oltre Giaffa nel mare che freme di scintille (esultanza trasparente di caleidoscopi e rosari di rubino) Gerusalemme! Un flauto davanti agli altari muoiono utopie. Serrati dai secoli sordi profili di mercanti habri si mescolano ad hebri. Predicatori fermati al tempio nascono utopie punta la vedetta cannoni alla striscia di Gaza 25 A oriente sale la costellazione della Vergine, madre di nascita e morte. Verrà il melograno e un seme che attraverserà la caduta del sole.

22 Tempo di dissoluzione, punta sagittario l'arco alle stelle

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Feaci edizioni Martino Baldi - Il giorno che ho ucciso mio padre. Feaci edizioni. Martino Baldi

Feaci edizioni Martino Baldi - Il giorno che ho ucciso mio padre. Feaci edizioni. Martino Baldi Feaci edizioni Martino Baldi Il giorno che ucciso mio padre da Capitoli della commedia Capitoli della commedia è pubblicato da Atelier indirizzo email: redazione@atelierpoesia.it C.so Roma, 168 28021 Borgomanero

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Canzoni di Carnevale

Canzoni di Carnevale Canzoni di Carnevale CORIANDOLI Testo e Musica di Pietro Diambrini Prendi un foglio di carta, prendilo colorato, prendi le forbicine col bordo arrotondato, taglia, taglia, taglia, taglia, e tanti coriandoli

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14

LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac. A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 LA GABBIA Attività collegata alla lettura del romanzo L occhio del lupo di Daniel Pennac A cura della classe 4^F a.s. 2013-14 Riscaldamento motorio/ teatrale - Siamo allo zoo: immaginiamo di vedere al

Dettagli

Atto di fede, Luciano Ligabue

Atto di fede, Luciano Ligabue Atto di fede, Luciano Ligabue Ho visto belle donne spesso da lontano ognuno ha il proprio modo di tirarsele vicino e ho visto da vicino chi c'era da vedere e ho visto che l'amore cambia il modo di guardare

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE )

PER LA PREGHIERA (M. QUOIST PARLAMI D AMORE ) PER LA PREGHIERA Ho bisogno, ragazzi, della vostra amicizia, come voi avete bisogno della nostra. Ma non ho bisogno che uno dopo l altro mi diciate: ti amo, perché quando verrà il mio Amore, che aspetto,

Dettagli

I bambini vengono costretti a lavorare

I bambini vengono costretti a lavorare Un continente segnato dalle violenze, dai soprusi e dalle ingiustizie. Il destino di schiavitù che nei secoli scorsi ha colpito l'africa non si è esaurito nemmeno nel Terzo millennio. Nell'Ottocento, uomini

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND

Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Luigi Giulio Bonisoli GIGISLAND Gigisland I edizione 2011 Luigi Giulio Bonisoli Responsabile della pubblicazione: Luigi Giulio Bonisoli Riferimenti web: www.melacattiva.com www.scribd.com/luigi Giulio

Dettagli

Poesie di Rolando Toro Araneda

Poesie di Rolando Toro Araneda Poesie di Rolando Toro Araneda Tratte da Lo imposible puede suceder Edicion Oasis Oaxaca, Mexico, 1995 TUTTI SIAMO UNO La forza che ci conduce È la stessa che accende il sole Che anima i mari E fa fiorire

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

- 4 - KO.indd 4 20/01/2006, 16.49

- 4 - KO.indd 4 20/01/2006, 16.49 k ò v i a g g i o i n M y a n m a r d u e s e t t i m a n e i n B i r m a n i a a c u r a d i S a n d r o I o v i n e f o t o d i G i a c i n t o C o s e n z a t e s t i d i D a v i d e F e r r a r i o

Dettagli

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma.

José Ramón Trujillo. di andare fino alla porta e di aprirla; e spalancare la bocca e bersi quest alba), si alzano all orizzonte clarini di fiamma. Terra di nessuno * José Ramón Trujillo Mentre l ombra è ancora, oltre i muri di pietra, un immenso desiderio d esser vivo (un immenso desiderio di mettersia camminare tentoni per la casa; di andare fino

Dettagli

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene

poesie del rispetto Le muse per una città che si vuole bene Una parola sola è come muta Pensiamo le parole: una a una, una parola sola è come muta, ombra d assenza, eco di silenzio. Anche quando è nobile, un nome, la parola assoluta di qualcuno, se è sola, si affanna,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi

Concorso Nazionale di poesia città di Foligno. Sezione Ragazzi Concorso Nazionale di poesia città di Foligno Sezione Ragazzi LA VITA La vita è come un libro illustrato Dal quale spesso rimani affascinato A tal punto che resteresti incollato E vorresti sfogliarla tutta

Dettagli

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso

L acqua si infiltra. Scuola Primaria- Classe Prima. Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso L acqua si infiltra Scuola Primaria- Classe Prima Dante - Pontedera- I. C. Pacinotti - Insegnante Natalina Grasso Schema per costruire il diario di bordo riguardo a precise situazioni di lavoro scelte

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA

INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA LA 2Cs PRESENTA.... INDICE GEOLOGIA PIANO ANTISISMICO EDIFICI LESIONATI MONUMENTI VOLONTARIATO AQUILA OGGI PROTEZIONE CIVILE CONFERENZA 14 NOVEMBRE 2009 ITIS G.MARCONI-VERONA Incontro con Chiara Nardi,

Dettagli

Calogero Parlapiano. respirami l anima

Calogero Parlapiano. respirami l anima Poesia Aracne 38 Calogero Parlapiano respirami l anima Copyright MMX ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065 isbn 978

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Gianni e Antonio. Una terra da abitare

Gianni e Antonio. Una terra da abitare Gianni e Antonio Una terra da abitare 2003 Queste foto non hanno nulla di originale. Sono la memoria quotidiana di un viaggiatore qualsiasi, che si è trovato, per un tempo né breve né lungo, a essere,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA?

CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? CHE COSA TI FA VENIRE IN MENTE QUESTA PAROLA? Mi fa pensare all'oscurità, perchè l'ombra è oscura, nera e paurosa. Penso ad un bambino che non ha paura della sua ombra perchè è la sua. Mi fa venire in

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De

Si precisa che i testi con accordi sono da intendersi esclusivamente a uso di studio, di ricerca e di divulgazione delle opere di Francesco De Alice non lo sa (1973) www.iltitanic.com - pag. 1 ,4,,4, Alice guarda i gatti e i gatti guardano nel sole ALICE RE RE4 RE mentre il mondo sta girando senza fretta. Irene al quarto piano è lì tranquilla,

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

LA MUSICA DEGLI UOMINI PRIMITIVI

LA MUSICA DEGLI UOMINI PRIMITIVI LA MUSICA DEGLI UOMINI PRIMITIVI Prima di iniziare questo percorso è necessario che i bambini conoscano le onomatopee; in caso contrario approfittiamo di questa occasione per spiegare cosa esse siano e

Dettagli

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa

Progetto Continuità. Laboratorio di Scrittura creativa Progetto Continuità Laboratorio di Scrittura creativa A cura delle prof.sse Simon Paola e Tanese Cinzia con gli alunni della classe 5 A di Gandoli e con la partecipazione di alcuni alunni della classe

Dettagli

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere

Luigi Broggini. In fondo al Corso. poesie. Le Lettere Luigi Broggini In fondo al Corso poesie Le Lettere Paesaggio romano con leone di pietra, 1932. Se qualcuno chiede di me digli che abito sul Corso dove i giorni sono ugualmente felici e le ragazze più belle.

Dettagli

PRESENTAZIONE INDICE

PRESENTAZIONE INDICE PRESENTAZIONE Quest anno noi ragazzi di prima C, con l aiuto dell insegnante di Lettere, abbiamo deciso di comporre alcune brevi poesie per creare un atmosfera natalizia dolce e festosa. Oltre a rallegrarvi

Dettagli

E per questo che siamo venuti. Uomo sarai questa notte togliendo la vita ad un uomo.

E per questo che siamo venuti. Uomo sarai questa notte togliendo la vita ad un uomo. SANTO DOMINGO Dolce la brezza viene dal mare mi sfiora lieve un fremito di tenere dita la pelle appena s increspa ah, il profumo dei fiori bianchi miele nel crepuscolo che si porta via gli ultimi giochi

Dettagli

Farid ------------------------------------------------- Alessia Fiammelli

Farid ------------------------------------------------- Alessia Fiammelli Farid che bagna il terreno che lava le strade che crea le frane che crea la vita e la toglie che idrata le piante che bagna i capelli che dà felicità che dà tristezza ai bambini che non possono andare

Dettagli

Ti racconto attraverso i colori

Ti racconto attraverso i colori Ti racconto attraverso i colori Report del viaggio a Valcea Ocnele Mari Copacelu INVERNO 2013 "Reale beatitudine Libero vuol dire vivere desiderando casa protetta Libertà è tenere persone accanto libere

Dettagli

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali

ESERCIZI FISICI Esercizio 1. Schiena e spalle Esercizio 2. Collo e vertebre cervicali ESERCIZI FISICI Sono utili da eseguire prima o dopo la pratica sul pianoforte, per sciogliere, allungare e rinforzare le parti coinvolte nell azione pianistica. Devono essere affrontati con ritmo cadenzato

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

INDICE DEI TEMI. Domanda

INDICE DEI TEMI. Domanda INDICE DEI TEMI Domanda La chiave per comprendere il linguaggio dell Apocalisse 1 «Colui che è, che era e che viene» 2 «Il testimone fedele» e «il primogenito dei morti» 2 «Le sette chiese d Asia» 3 Perché

Dettagli

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata.

Canzoncina. Di qui potete vedere Come sia innocuo il bere. Canto di un amata. Canzoncina I. C era una volta un tizio A diciottanni prese il vizio Di bere, e per questa china Lui andò in rovina. Morì a ottantant anni e il perché È chiaro a me e a te. 2. C era una volta un piccolo,

Dettagli

LUCIANO MORANDINI - ANTOLOGIA POETICA

LUCIANO MORANDINI - ANTOLOGIA POETICA LUCIANO MORANDINI - ANTOLOGIA POETICA Pagina 1 di 16 [Luciano Morandini] Nel bosco d ortiche Era malata ogni foglia Assurda la luce D ogni povero giorno Due occhi accendevano un lume Riapparivano impronte

Dettagli

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO

POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO POESIE PER IL POETA DELL ANNO SCUOLA SECONDARIA MONTERADO FAMIGLIA Famiglia è un insieme di persone che riescono a scaldarti il cuore; ti aiutano a passare i momenti peggiori, sanno sempre che fare, sanno

Dettagli

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri

Vento e batticuore. Prof. Silvia Facchetti. Il vento ispira poesie e pensieri Vento e batticuore In primavera mi comporto da pantera prendo la corriera e torno a casa la sera Entro in un bar, apro la porta e mi vedo arrivare una cameriera con la gonna corta! Dalla finestra sento

Dettagli

Rischiamo il Coraggio

Rischiamo il Coraggio Rischiamo il Coraggio Fraternità di Romena Veglia 2013-2014 Coraggio è il venire dell alba, l ora delle stelle e della notte che sogna, canna incrinata che suona ancora, fiamma che resiste scossa dal vento.

Dettagli

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE

da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE da Somiglianze (1976) LA LUCE SULLE TEMPIE Che strano sorriso vive per esserci e non per avere ragione in questa piazza chi confida e chi consola di colpo tacciono è giugno, in pieno sole, l abbraccio

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Giulia Loscocco. Hao Zhaou

Giulia Loscocco. Hao Zhaou Giulia Loscocco dolce e morbida è piccina piccina e ha il cappello rosso. È sempre triste e certe volte felice. è fatta per essere abitata. La cosa che mi piace di più è il materasso della mia camera.

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

ELISABETTA VENDRAMINI

ELISABETTA VENDRAMINI ORA MEDIA In onore della beata ELISABETTA VENDRAMINI vergine e fondatrice festa liturgica 27 aprile 2 INNO Nel canto celebriamo la vergine fedele che ha dato alla Chiesa una famiglia nuova. Di nobili natali,

Dettagli

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13)

Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) Il deserto di Tamanrasset in Algeria Lo Spirito sospinse Gesù nel deserto e nel deserto rimase quaranta giorni tentato da Satana. (Mc 1,12-13) «Rabbì è bello per noi essere qui. Facciamo tre capanne».

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006

La donna e l uva. Fotografie e versi di. Ico Gasparri 2005-2006 La donna e l uva Fotografie e versi di Ico Gasparri 2005-2006 (1) A02232 corri corri corri e soffri e salta sul cuore della terra e quando sarai felice salta e ridi e porta con te i figli tuoi a ridere

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

CERCHIO Tutti dicono che sono grasso, che non muovo neanche un passo. Se mi metti in cima a un sasso, vengo giù con grande spasso. Sono ciccio, un bombolone, gonfio, bonzo, un panettone, ma non perdo mai

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

2 TUTTOMONDO LEGGO L IMMAGINE

2 TUTTOMONDO LEGGO L IMMAGINE 2 TUTTOMONDO ARTE Osserva il murale «Tuttomondo» di Keith Haring. Che cosa significa «murale»? è una pittura realizzata un muro esterno è una pittura realizzata su tela Come sono stati dipinti i personaggi

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

L AZIONE DI DIFFUSIONE

L AZIONE DI DIFFUSIONE L AZIONE DI DIFFUSIONE 28 Messaggio, 4 marzo 1951 La volontà del Figlio Vedo una luce intensa e odo: Eccomi di nuovo. Attraverso la luce vedo la Signora. Dice: Guarda bene e ascolta quello che ho da dirti.

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola

Vola, Aquila, vola. Favola africana. Raccontata da Christopher Gregorowski. Vola, Aquila, vola Favola africana Raccontata da hristopher Gregorowski 15 Un giorno un contadino andò alla ricerca di un vitello che si era perso. La sera prima i pastori erano ritornati senza di esso. E durante la notte

Dettagli

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è

su di me sul filo d erba che ora lo vedo è prostrato sul ciglio della strada ed il verde di quel filo d erba si mescola con la polvere che ora non è malinconianuda sono qui nuda appesa al chiodo della mia malinconia di questa mia grande malinconia che è qui presente incolmabile immensa e mi tiene prigioniera il capo reclinato i capelli sciolti e biondi

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

NOVENA DI NATALE. Profezie Il Re che sta per venire è il Signore, venite adoriamo.

NOVENA DI NATALE. Profezie Il Re che sta per venire è il Signore, venite adoriamo. NOVENA DI NATALE NOVENA DI NATALE Profezie Il Re che sta per venire è il Signore, venite adoriamo. Gioisci, figlia di Sion, esulta, figlia di Gerusalemme: ecco, il Signore verrà, ed in quel giorno vi sarà

Dettagli

Il muro. Bianco intorno e intorno bianco e bianco e bianco. Vengono. Non ricordi il perché. Ah sì. Sorridere. Bisogna sorridere.

Il muro. Bianco intorno e intorno bianco e bianco e bianco. Vengono. Non ricordi il perché. Ah sì. Sorridere. Bisogna sorridere. Il muro Allora non sei più nulla neppure un numero sei sei solo disperazione accucciata in un letto che con gli occhi si aggrappa al muro alla crepa del muro alla macchia sul muro alla vita che dal muro

Dettagli

Una volta soltanto. di Aldo Nove. Voglio una madre grande e troia come un fiume di luce che si slaccia dal sole e cade dentro questa giornata morta:

Una volta soltanto. di Aldo Nove. Voglio una madre grande e troia come un fiume di luce che si slaccia dal sole e cade dentro questa giornata morta: Una volta soltanto di Aldo Nove I Voglio una madre grande e troia come un fiume di luce che si slaccia dal sole e cade dentro questa giornata morta: Che spacchi le vetrine dei negozi, che si contorca dentro

Dettagli

Pretendi il tuo raccolto

Pretendi il tuo raccolto Domenica, 11 marzo 2012 Pretendi il tuo raccolto Galati 6:7-10- Non vi ingannate, non ci si può beffare di Dio; perchè quello che l'uomo avrà seminato, quello pure mieterà. Perchè chi semina per la sua

Dettagli

Il prato era divenuto una pozza profonda e nell'acqua si specchiavano le saette che squarciavano il cielo nero con lampi di luce.

Il prato era divenuto una pozza profonda e nell'acqua si specchiavano le saette che squarciavano il cielo nero con lampi di luce. di Anna Morchio In un paese lontano, così lontano che non puoi immaginare, ma così vicino da poterci arrivare in un battito di ciglia, in una notte d'inverno, nacque un bimbo speciale. Il suo destino era

Dettagli

Luigi De Simone POESIE

Luigi De Simone POESIE Poesie Luigi De Simone POESIE Culla la mia anima' Entra nel mio cuore e diffonditi,,,, trema il mio sangue e scalpita.. al desiderio di essere sfiorato,,, baciami e culla la mia anima,,,nutrila di piacere

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli