CENTRO BAMBINI E GENITORI. Servizio di Ludoteca Comunale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CENTRO BAMBINI E GENITORI. Servizio di Ludoteca Comunale"

Transcript

1 CENTRO BAMBINI E GENITORI Servizio di Ludoteca Comunale REGOLAMENTO Art. 1 Finalità Il Comune di Pianoro sostiene e valorizza nelle famiglie i compiti di cura e di crescita dei figli, assicurando un sistema territoriale per l infanzia caratterizzato da una pluralità di offerte e di risposte flessibili e differenziate, nel rispetto dei processi evolutivi dei bambini e delle esigenze sociali del territorio. Il Servizio di Ludoteca si presenta come integrativo ai servizi per l infanzia e alla preadolescenza già presenti sul territorio. Ha caratteristiche ludiche e di aggregazione sociale, è aperto ai bambini e agli adulti accompagnatori, con finalità di socializzazione, di comunicazione e di promozione del gioco. Offre infatti un contesto di confronto e di crescita per il bambino e il suo genitore (o adulto accompagnatore) e realizza continuità con altri servizi del territorio (scolastici, sociali e ricreativi); con i quali collabora per affermare una cultura per l infanzia che tuteli i diritti e i bisogni di tutti i bambini, attraverso la costruzione di relazioni non solo fra coetanei, ma anche tra genitori, educatori, insegnanti e la comunità più allargata, in una dimensione di convivenza civile e multiculturale. Il Comune di Pianoro individua nel Coordinatore Pedagogico il referente tecnico per la pianificazione delle attività e la cura della proposta dei servizi in oggetto, 1

2 secondo gli indirizzi e le finalità del Comune. Il servizio è garantito da personale con qualifica di educatore. In assenza di normativa specifica, l organizzazione del servizio di Ludoteca avviene ispirandosi, per quanto compatibile, ai principi espressi nella seguente normativa: - Legge 28 agosto 1997 n. 285 "Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l'infanzia e l'adolescenza"; - L.R. n. 1 del Norme in Materia di Servizi Educativi per la Prima Infanzia ; - L.R. n. 8 del Modiche alla L.R. 10 gennaio 2000, n. 1 Norme in materia di servizi educativi per la prima infanzia ; - Delibera Regionale n. 646/2005 Direttiva sui requisiti strutturali ed organizzativi dei servizi educativi per la prima infanzia e relative norme procedurali, in attuazione dell'art. 1, co. 3 e 3 bis della L.R. n. 1/2000, come modificata dalla L.R. n. 8/2004. Art. 2 Oggetto e modalità attuative Il presente regolamento disciplina il funzionamento del Servizio di Ludoteca Comunale. Il servizio oggetto del presente Regolamento può essere gestito, oltre che in forma diretta, qualora se ne ravvisi la necessità e nel rispetto delle procedure previste dalla legge, attraverso l affidamento a soggetti Privati, Cooperative, Associazioni iscritte ad apposito Albo Regionale o Provinciale, comunque in regola con i requisiti e le norme richieste ai fini dell accreditamento, aventi capacità progettuale ed operativa adeguata, in grado di cooperare con il Comune per la gestione del servizio e per lo svolgimento di eventuali attività integranti il servizio stesso. 2

3 Art. 3 Destinatari e modalità d accesso Il servizio di Ludoteca del Comune di Pianoro è rivolto a tutti i bambini e le bambine in età compresa tra 0 e 10 anni, accompagnati da un adulto maggiorenne accompagnatore, per giocare e partecipare a tutte le attività del centro. - Agli adulti accompagnatori che frequentano la Ludoteca è richiesta una presenza attiva e di interazione con il personale nelle varie attività, nelle dinamiche relazionali del bambino, nella responsabilità della scelta e l utilizzo corretto del giocattolo e nella partecipazione positiva con gli altri bambini presenti nel servizio. Non rientra nelle finalità della Ludoteca il servizio di custodia dei bambini: non è pertanto consentito l affido del bambino al personale in servizio. La fruizione del servizio è subordinata alla presenza di un adulto maggiorenne accompagnatore. - Il personale ha il compito di accogliere gli utenti, favorire i processi di socializzazione e di condivisione del gioco, stimolare e proporre le attività e i laboratori, costituire un punto di riferimento per i bambini, adulti accompagnatori e insegnanti; inoltre, partecipa alla progettazione e alla realizzazione delle attività annuali ordinarie e straordinarie. - Calendario Il Servizio di Ludoteca funziona secondo un calendario stabilito annualmente dall Amministrazione Comunale, sulla base delle esigenze del territorio e delle risorse disponibili, con indicazione degli orari e delle aperture settimanali. Tale calendario viene reso noto entro il 30 di settembre di ogni anno; 3

4 Accesso Al servizio si accede tramite un iscrizione e il pagamento di un canone annuale stabilito dall Amministrazione con proprio atto deliberativo nell ambito dei servizi a domanda individuale. L iscrizione ha validità un anno solare (dal 1 gennaio al 31 dicembre), indipendentemente dal momento in cui avviene. Il canone è fisso e non frazionabile. L iscrizione dà diritto all uso dei giocattoli e dei libri, alla partecipazione a tutte le attività previste nella programmazione ordinaria dell anno, di cui successivo art. 4. L iscrizione avviene presso l Unità di Base Scuola. Una volta eseguito il pagamento del canone, viene consegnata una tessera da esibire ad ogni ingresso. Gli utenti hanno diritto ad una prima entrata, considerata di prova, gratuita. Dalla seconda, l accesso viene regolamentato come sopra descritto. Ambiti di intervento Gli ambiti di intervento della Ludoteca sono rivolti ai bambini/e in età compresa tra 0 e 10 anni e si sviluppano su due versanti : - utenza libera; - utenza scolastica. L utenza libera viene accolta in orari e giornate secondo una programmazione annuale che potrà anche prevedere orari di accesso differenziati in base all età. L utenza scolastica accede al servizio secondo una programmazione concordata annualmente all interno dell offerta formativa comunale, previa prenotazione. 4

5 Le scuole di altri comuni possono accedere al servizio previa elaborazione di accordi intercomunali e sempre su prenotazione. Anche i bambini che frequentano la Ludoteca in orario scolastico necessitano dell iscrizione e del pagamento del relativo canone annuale, che verranno effettuati per classe e avranno validità per l anno scolastico di riferimento. E richiesta, inoltre, la presenza per ogni classe di un responsabile (insegnante/educatore), che avrà cura dei bambini e vigilerà affinché gli oggetti, i libri e i giocattoli siano lasciati in ordine e ricollocati al loro posto al termine dell utilizzo. Art. 4 - Attività Il servizio di Ludoteca può organizzare le seguenti attività : - attività rivolta a bambini e adulti accompagnatori; - attività rivolte agli adulti (genitori e insegnanti); - incontri formativi per genitori; - gioco libero e organizzato; - prestito di giocattoli e libri; - laboratori espressivi e creativi; - laboratori manuali; - feste; - incontri a tema; - iniziative estive e serali; - iniziative straordinarie (domenica e festivi); - percorsi formativi concordati con le classi; - percorsi per facilitare la continuità verticale 0/6 anni. Il prestito di giocattoli e libri viene concesso per un massimo di 15 giorni. In caso di mancata restituzione verrà richiesto di provvedere all acquisto dell oggetto o, in caso di 5

6 impossibilità, di corrisponderne il valore. In caso di inadempienza verranno negati prestiti successivi. Agli utenti iscritti alla Ludoteca è data la possibilità, previa valutazione di fattibilità, prenotazione e pagamento presso i competenti uffici comunali, di effettuare feste private rivolte a bambini, nello spazio ricreativo individuato a tal fine all interno della struttura. Tali feste si svolgeranno in presenza del personale della Ludoteca. Prima di uscire dalla Ludoteca occorre riordinare gli ambienti, riponendo i giochi e i materiali utilizzati nelle loro abituali collocazioni. Art. 5 Responsabilità Il personale della Ludoteca non è in alcun modo responsabile del comportamento dei bambini che la frequentano, che ricadono totalmente sotto la responsabilità degli adulti accompagnatori. I bambini e gli adulti accompagnatori sono tenuti a comportamenti civili atti alla serena e corretta convivenza. Nel caso vengano manifestati comportamenti scorretti il personale inviterà chi ne è la causa ad allontanarsi dalla Ludoteca. Art. 6 Validità Il presente regolamento entrerà in vigore nella sua forma completa e attuativa il 20 aprile

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI LUDOTECA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI LUDOTECA 40 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI LUDOTECA ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 82/13199 P.G. NELLA SEDUTA DEL 01/06/1998 Premessa Il presente Regolamento rientra nel più generale Regolamento

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI LUDOTECA COMUNALE

CARTA DEI SERVIZI LUDOTECA COMUNALE Comune di Caselle Lurani Provincia di Lodi C.A.P. 26853 Telefono 0371.96019 0371.225089 fax 0371.96079 Codice fiscale 84504860150 Dipartimento Servizi alla Famiglia, Infanzia, Servizi alla Persona Dipartimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE BABY PARKING E LUDOTECA

REGOLAMENTO COMUNALE BABY PARKING E LUDOTECA REGOLAMENTO COMUNALE BABY PARKING E LUDOTECA Approvato con delibera di Consiglio comunale n. del INDICE ART. 1 Definizione e finalità ART. 2 Destinatari ART. 3 Strutture ART. 4 Gestione del Baby parking

Dettagli

SETTORE QUALITA DELLA VITA. Scheda di dettaglio delle prestazioni in affidamento

SETTORE QUALITA DELLA VITA. Scheda di dettaglio delle prestazioni in affidamento QUALITA DELLA VITA Scheda di dettaglio delle prestazioni in affidamento La gestione delle attività del centro infanzia adolescenza e famiglia deve essere effettuata secondo le modalità di seguito specificate:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI SOCIALI PER MINORI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI SOCIALI PER MINORI COMUNE DI ARENZANO PROVINCIA DI GENOVA Ufficio Politiche sociali e abitative REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CENTRI SOCIALI PER MINORI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 21/03/2012 INDICE

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE TEMPO INSIEME

PROGETTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE TEMPO INSIEME PROGETTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE GIOVANILE TEMPO INSIEME Il C.A.G. Tempo insieme è un luogo/spazio educativo, di inclusione sociale, di aggregazione e di sostegno rivolto alla fascia di età 6/18 anni,

Dettagli

Ludoteca "La Bottega dei Sogni" Spazio bambini aranciolimonemandarino!"

Ludoteca La Bottega dei Sogni Spazio bambini aranciolimonemandarino! Ludoteca "La Bottega dei Sogni" Spazio bambini aranciolimonemandarino!" La ludoteca "La Bottega dei sogni" si trova in via Turati 4/8. Attiva dal 1994, si rivolge ai bambini e ai ragazzi di età compresa

Dettagli

NIDO D INFANZIA L'ISOLA FELICE INDIRIZZO: LARGO NICCOLINI, 5 TELEFONO:

NIDO D INFANZIA L'ISOLA FELICE INDIRIZZO: LARGO NICCOLINI, 5 TELEFONO: NIDO D INFANZIA L'ISOLA FELICE INDIRIZZO: LARGO NICCOLINI, 5 TELEFONO: 040 631357 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia 2. QUANDO E COME

Dettagli

Carta Servizi CARTA SERVIZI SOCIALI. Pag. 1/10

Carta Servizi CARTA SERVIZI SOCIALI. Pag. 1/10 CARTA SERVIZI SOCIALI Pag. 1/10 ELENCO SERVIZI SOCIALI infanzia - adolescenza - giovani Spazio per bambini e famiglie Informagiovani Soggiorni marini e centri estivi per minori Servizio Civile Volontario

Dettagli

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno:

Nuovo X Attivato in continuità con interventi avviati a partire dall anno: Comune sede progetto: Clusone AT n. 9 - Valle Seriana Superiore e Valle di Scalve Progetto: Patatrak Sede presso Oratorio Via Gusmini Tel. 0346 21258 fax e-mail Tipologia di progetto extrascuola Solo compiti

Dettagli

Le scuole dell infanzia statali

Le scuole dell infanzia statali Comune di Bologna Settore Istruzione Ufficio Scolastico Provinciale di Bologna Direzioni Didattiche Istituti Comprensivi Lingua araba Le scuole dell infanzia statali Sonia Bordoni 1995 Traduzione a cura

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE LUDOTECHE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.38 del 05/08/2011 INDICE CAPO 1 - Disposizioni generali

Dettagli

Formazione per tirocini AREA PRIMA e SECONDA INFANZIA

Formazione per tirocini AREA PRIMA e SECONDA INFANZIA Formazione per tirocini AREA PRIMA e SECONDA INFANZIA Sabato 8 marzo 2008 Dott.sse Francesca Bianchi, Teresa Pandolfo, Francesca Salvi Quali sono i servizi alle famiglie e ai bambini? ma io, in tutto questo,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI LUDOTECA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI LUDOTECA COMUNALE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI LUDOTECA COMUNALE Varese, 13.3.2008 INDICE Art. 1 Tipologia del servizio pag. 1 Art. 2 La partecipazione delle famiglie pag. 2 Art. 3 Destinatari pag. 3 Art.

Dettagli

Istituto Comprensivo San Vito Viale Trento e Trieste, San Vito Romano Roma tel. 06/ Fax 06/ rmic8an002-distretto Scolastico

Istituto Comprensivo San Vito Viale Trento e Trieste, San Vito Romano Roma tel. 06/ Fax 06/ rmic8an002-distretto Scolastico Istituto Comprensivo San Vito Viale Trento e Trieste, 30-00030 San Vito Romano Roma tel. 06/9571058 Fax 06/95479212 rmic8an002-distretto Scolastico XXXVI Mail : rmic8an002@istruzione.it web: www.scuolesanvitoromano.it

Dettagli

ALTRO TEMPO ZEROSEI con il contributo della COMPAGNIA DI SAN PAOLO. TAVOLO di SAN MAURO T.SE. Progetto

ALTRO TEMPO ZEROSEI con il contributo della COMPAGNIA DI SAN PAOLO. TAVOLO di SAN MAURO T.SE. Progetto Allegato alla determinazione dirigenziale n. del ALTRO TEMPO ZEROSEI con il contributo della COMPAGNIA DI SAN PAOLO TAVOLO di SAN MAURO T.SE Verso il Centro Famiglie: incontri e laboratori a sostegno delle

Dettagli

Regolamento comunale sul funzionamento e sulla fruizione del centro di aggregazione giovanile

Regolamento comunale sul funzionamento e sulla fruizione del centro di aggregazione giovanile Regolamento comunale sul funzionamento e sulla fruizione del centro di aggregazione giovanile (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale N 77 del 25.09.2006) INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento...

Dettagli

RELAZIONE DI ADEGUATEZZA DEI SERVIZI CHE HANNO FATTO RICHIESTA IN RELAZIONE ALLA L.R.

RELAZIONE DI ADEGUATEZZA DEI SERVIZI CHE HANNO FATTO RICHIESTA IN RELAZIONE ALLA L.R. RELAZIONE DI ADEGUATEZZA DEI SERVIZI CHE HANNO FATTO RICHIESTA IN RELAZIONE ALLA L.R. 9/2003 Denominazione Servizio Tipologia Servizio RELAZIONE SINTETICA Pagina 1 di 5 GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEI REQUISITI

Dettagli

Ludoteca Il Castoro DISPOSIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO

Ludoteca Il Castoro DISPOSIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO Ludoteca Il Castoro DISPOSIZIONI DI UTILIZZO DEL SERVIZIO Art.1 ISTITUZIONE La ludoteca Il Castoro è un servizio del Quartiere 3 aperto a tutti i bambini e le bambine della città, e alle loro famiglie.

Dettagli

MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA DI ROMA CAPITALE

MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE SCUOLE DELL INFANZIA DI ROMA CAPITALE Dipartimento Servizi Educativi e Scolastici U.O. Programmazione e monitoraggio del sistema pedagogico dei servizi 0/6 anni e formazione del personale educativo e scolastico Ufficio Coordinamento Centrale

Dettagli

Egregio/a Dirigente, Cordiali Saluti. Anna Vaccarelli. Patrocinio

Egregio/a Dirigente, Cordiali Saluti. Anna Vaccarelli. Patrocinio Egregio/a Dirigente, Con riferimento alla documentazione allegata, sottoponiamo proposta di inserimento del progetto denominato Let s Bit! In rete con Ludoteca del Registro.it nel Vostro Piano dell Offerta

Dettagli

Regolamento comunale sul funzionamento e sulla fruizione del Centro di Aggregazione Giovanile

Regolamento comunale sul funzionamento e sulla fruizione del Centro di Aggregazione Giovanile COMUNE DI ROCCAGORGA Regolamento comunale sul funzionamento e sulla fruizione del Centro di Aggregazione Giovanile (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale N.del.) Indice TITOLO 1 - FINALITA

Dettagli

Comune di VIAREGGIO. Allegato C al Disciplinare del sistema integrato comunale dei servizi educativi per la prima infanzia ALLEGATO C1

Comune di VIAREGGIO. Allegato C al Disciplinare del sistema integrato comunale dei servizi educativi per la prima infanzia ALLEGATO C1 Comune di VIAREGGIO Allegato C al Disciplinare del sistema integrato comunale dei servizi educativi per la prima infanzia ALLEGATO C1 MODELLO DI PROGETTO EDUCATIVO 1. PREMESSA E SCENARIO DI RIFERIMENTO

Dettagli

CHI BEN COMINCIA È A META DELL OPERA

CHI BEN COMINCIA È A META DELL OPERA ESSO ECCE HOMO ISTITUTO COMPRENSIVO VANN ANTO PLESSO ECCE HOMO A.S.2016/2017 PROGETTO ACCOGLIENZA CHI BEN COMINCIA È A META DELL OPERA Non può esserci educazione senza accoglienza e integrazione PREMESSA

Dettagli

CITTA DI LIGNANO SABBIADORO. REGOLAMENTO DEI CENTRI ESTIVI della Città di Lignano Sabbiadoro

CITTA DI LIGNANO SABBIADORO. REGOLAMENTO DEI CENTRI ESTIVI della Città di Lignano Sabbiadoro CITTA DI LIGNANO SABBIADORO C.A. P. 33054 PROVINCIA DI UDINE Tel. 0431/409 1 11 C.F. 830007103 0 7 Fax. 0 4 3 1 / 73 2 88 REGOLAMENTO DEI CENTRI ESTIVI della Città di Lignano Sabbiadoro **************************

Dettagli

NIDO D INFANZIA IL NUOVO GUSCIO INDIRIZZO: VIA DELLE MONACHE, 3 TELEFONO:

NIDO D INFANZIA IL NUOVO GUSCIO INDIRIZZO: VIA DELLE MONACHE, 3 TELEFONO: NIDO D INFANZIA IL NUOVO GUSCIO INDIRIZZO: VIA DELLE MONACHE, 3 TELEFONO: 040 364780 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia 2. QUANDO E COME

Dettagli

Scheda finale ai fini dell autorizzazione dei servizi itineranti - L.R. 9/2003 Ambito Territoriale n 19

Scheda finale ai fini dell autorizzazione dei servizi itineranti - L.R. 9/2003 Ambito Territoriale n 19 RELAZIONE DI ADEGUATEZZA DEI SERVIZI CHE HANNO FATTO RICHIESTA IN RELAZIONE ALLA L.R. 9/2003 Denominazione Servizio Tipologia Servizio ANAGRAFICA DOCUMENTI ALLEGATI OSSERVAZIONI COMMENTO ALLE GRIGLIE PASSAGGI

Dettagli

COMUNE DI MASSANZAGO (Provincia di Padova) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI DOPOSCUOLA

COMUNE DI MASSANZAGO (Provincia di Padova) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI DOPOSCUOLA COMUNE DI MASSANZAGO (Provincia di Padova) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI DOPOSCUOLA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 16.10.2014 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL NIDO E ALTRI SERVIZI RIVOLTI ALLA PRIMA INFANZIA

REGOLAMENTO DEL NIDO E ALTRI SERVIZI RIVOLTI ALLA PRIMA INFANZIA COMUNE DI ARGELATO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO DEL NIDO E ALTRI SERVIZI RIVOLTI ALLA PRIMA INFANZIA Allegato alla Deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 20/02/2008 ART. 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli

NIDO AZIENDALE DEL GRUPPO GENERALI DI TRIESTE I CUCCIOLI DEL LEONE INDIRIZZO: VIA ROSSINI, 2 TELEFONO: CELL.

NIDO AZIENDALE DEL GRUPPO GENERALI DI TRIESTE I CUCCIOLI DEL LEONE INDIRIZZO: VIA ROSSINI, 2 TELEFONO: CELL. NIDO AZIENDALE DEL GRUPPO GENERALI DI TRIESTE I CUCCIOLI DEL LEONE INDIRIZZO: VIA ROSSINI, 2 TELEFONO: 040 6799881 CELL. 3483432099 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5

Dettagli

NIDO D INFANZIA VERDENIDO INDIRIZZO: VIA COMMERCIALE 164 TELEFONO:

NIDO D INFANZIA VERDENIDO INDIRIZZO: VIA COMMERCIALE 164 TELEFONO: NIDO D INFANZIA VERDENIDO INDIRIZZO: VIA COMMERCIALE 164 TELEFONO: 040 418572 A) PRESENTAZIONE DEL SERVIZIO 1.TIPOLOGIA DEL SERVIZIO (artt. 3, 4, 5 L.R. n. 20/2005) Nido d infanzia 2. QUANDO E COME E NATO

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI ROTTOFRENO PROV. DI PIACENZA SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA REGOLAMENTO SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con Delibera n.31 del 5/06/2007 Rivisitato con Delibera n.9 del 19/02/2013 REGOLAMENTO

Dettagli

Modificazioni della legge provinciale 12 marzo 2002, n. 4 (Nuovo ordinamento dei servizi socioeducativi per la prima infanzia)

Modificazioni della legge provinciale 12 marzo 2002, n. 4 (Nuovo ordinamento dei servizi socioeducativi per la prima infanzia) Legge della Provincia di Trento 19 ottobre 2007, n. 17 Modificazioni della legge provinciale 12 marzo 2002, n. 4 (Nuovo ordinamento dei servizi socioeducativi per la prima infanzia) Pubblicata nel B.U.

Dettagli

PIANO REGIONALE DI FORMAZIONE SEZIONI PRIMAVERA

PIANO REGIONALE DI FORMAZIONE SEZIONI PRIMAVERA PIANO REGIONALE DI FORMAZIONE SEZIONI PRIMAVERA Il monitoraggio pedagogico - didattico: esiti e spunti di riflessione A cura di Dott.ssa Ketti Krassevez Dirigente Scolastico - formatrice 1. IL MONITORAGGIO:

Dettagli

GESTIONE DEL RAPPORTO CON LE FAMIGLIE

GESTIONE DEL RAPPORTO CON LE FAMIGLIE Gestione del rapporto con le famiglie 13ago15.doc Comune di Rimini P.za Cavour, 27 7921 Rimini Tel. 051/7026 Fax 051/70250 http://qualita.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale,

Dettagli

COMUNE DI CESANO BOSCONE Cultura istruzione sport

COMUNE DI CESANO BOSCONE Cultura istruzione sport COMUNE DI CESANO BOSCONE Cultura istruzione sport CENTRO ESTIVO MATERNE LUGLIO 2017 INFORMATIVA CARTA DEI SERVIZI SEZIONE 1: MODALITA DI ACCESSO CHI PUÒ RICHIEDERE IL SERVIZIO Possono essere iscritti al

Dettagli

SCUOLE APERTE: BOZZA REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI Proposta dalle Consigliere Paola Bocci Elisabetta Strada Milano, 6 Dicembre 2012

SCUOLE APERTE: BOZZA REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI Proposta dalle Consigliere Paola Bocci Elisabetta Strada Milano, 6 Dicembre 2012 SCUOLE APERTE: BOZZA REGOLAMENTO USO LOCALI SCOLASTICI Proposta dalle Consigliere Paola Bocci Elisabetta Strada Milano, 6 Dicembre 2012 Art. 1 - Premessa Il Comune di Milano vuole favorire la crescita

Dettagli

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento

COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento COMPRENSORIO BASSA VALSUGANA E TESINO Provincia di Trento REGOLAMENTO ATTIVAZIONE CORSI DI EDUCAZIONE MOTORIA E LABORATORI FINALIZZATI AL BENESSERE PSICO- FISICO-SENSORIALE DELLE PERSONE ANZIANE Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO BIMBINSIEME

REGOLAMENTO BIMBINSIEME REGOLAMENTO BIMBINSIEME Bimbinsieme è una proposta Caritas realizzata da Novo Millennio Società Cooperativa Sociale O.n.l.u.s. ed è in possesso di autorizzazione al funzionamento rilasciato dall ASL Monza

Dettagli

La carta dei servizi educativi e di assistenza scolastica. educativi e di assistenza scolastica. Cooperativa ALEMAR ONLUS

La carta dei servizi educativi e di assistenza scolastica. educativi e di assistenza scolastica. Cooperativa ALEMAR ONLUS La carta dei servizi educativi e di assistenza scolastica 1 educativi e di assistenza scolastica Cooperativa ALEMAR ONLUS 2 La gestisce un gran numero di servizi rivolti al mondo della scuola: assistenza

Dettagli

PROGETTO: PSICOMOTORICITA

PROGETTO: PSICOMOTORICITA Alla Cortese Attenzione Del Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo CassanoD Adda Dott.ssa Valentina Marcassa PROGETTO: PSICOMOTORICITA AMBITO DISCIPLINARE: PSICOMOTRICITA CLASSI COINVOLTE: SEZ. 4 ANNI

Dettagli

COMMISSIONE SINODALE PER LA DIACONIA DIACONIA VALDESE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

COMMISSIONE SINODALE PER LA DIACONIA DIACONIA VALDESE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 COMMISSIONE SINODALE PER LA DIACONIA DIACONIA VALDESE ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: GIOVANI 2020 SETTORE/AREA PRINCIPALE: E-03 Educazione e Promozione culturale - Animazione

Dettagli

REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO UNITA D OFFERTA SOCIALE STRUTTURE SOCIALI DI ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI

REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO UNITA D OFFERTA SOCIALE STRUTTURE SOCIALI DI ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI REQUISITI PER L ACCREDITAMENTO UNITA D OFFERTA SOCIALE STRUTTURE SOCIALI DI ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI STRUTTURE SOCIALI DI ACCOGLIENZA RESIDENZIALE PER MINORI COMUNITA EDUCATIVE: strutture di

Dettagli

Gli interventi rientranti nel presente Programma riguardano i seguenti ambiti:

Gli interventi rientranti nel presente Programma riguardano i seguenti ambiti: Programma provinciale annuale AS 2008/2009 per gli interventi di qualificazione delle scuole dell'infanzia del sistema nazionale di istruzione e degli enti locali nonché per le azioni di miglioramento

Dettagli

Regione Valle d Aosta. Deliberazione 25 settembre 2009, n. 2630

Regione Valle d Aosta. Deliberazione 25 settembre 2009, n. 2630 Regione Valle d Aosta. Deliberazione 25 settembre 2009, n. 2630 Approvazione di modificazioni alla DGR 2883/2008 recante: Approvazione delle direttive per l applicazione dell art. 2, comma 2, lettere b),

Dettagli

Sportello Lucy Consulenza PsicoPedagogica nelle Scuole

Sportello Lucy Consulenza PsicoPedagogica nelle Scuole Sportello Lucy Consulenza PsicoPedagogica nelle Scuole CHI SIAMO Aurora 2000 fa parte del Consorzio Provinciale SIS e della rete nazionale CGM - Welfare Italia, il cui obiettivo è quello di favorire l

Dettagli

b) da 6 a 36 mesi c) da 3 a 36 mesi

b) da 6 a 36 mesi c) da 3 a 36 mesi B Prova preselettiva - Educatore nido B mercoledì 17 maggio 2017 n DOMANDE RISPOSTE 1 B Qual è l'iter della normativa che regolamenta i servizi educativi per la prima infanzia? 2 B Chi legifera per i Nidi

Dettagli

Servizi socio-educativi per la prima infanzia nelle Marche

Servizi socio-educativi per la prima infanzia nelle Marche P.F. Sistemi Informativi Statistici e di Controllo di Gestione Servizi socio-educativi per la prima infanzia nelle Marche 2009-2010 Bozza 13 02 2012 1 2009-2010 Tipologie di servizi e indicatori di offerta

Dettagli

TAGESMUTTER IL SORRISO Santa Margherita di Ala. Nido Familiare- Tagesmutter

TAGESMUTTER IL SORRISO Santa Margherita di Ala. Nido Familiare- Tagesmutter Il progetto offerto dalla Cooperativa Tagesmutter Il Sorriso è un servizio di nido familiare personalizzato, in termini di orario e modalità, a sostegno di quei genitori che, lavorando, hanno bisogno di

Dettagli

Verso il tirocinio del 2 anno. Pietro Tonegato Padova 13 maggio 2011 Verona 18 maggio 2011

Verso il tirocinio del 2 anno. Pietro Tonegato Padova 13 maggio 2011 Verona 18 maggio 2011 Verso il tirocinio del 2 anno Pietro Tonegato Padova 13 maggio 2011 Verona 18 maggio 2011 Il curricolo integrato Insegnamenti Configurazione formativa del corso di laurea: il curricolo integrato (Galliani,

Dettagli

COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con

COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione in collaborazione con Invita tutti i bambini delle SCUOLE ELEMENTARI di Villa del Conte e di Abbazia Pisani ed i

Dettagli

2. La Rete dei servizi educativi 0-3

2. La Rete dei servizi educativi 0-3 2. La Rete dei servizi educativi 0-3 Cosa trovo in questo capitolo Notizie sui servizi educativi cittadini Che tipologie di servizi ci sono Come sono gestiti Come fa il Comune a garantire la qualità ai

Dettagli

( L.R. 8 agosto 2001, n. 26 e L.R. 30 giugno 2003, n. 12) Allegato A al Decreto del Presidente della Provincia di Rimini n. 73 del 16/09/2016. Pag.

( L.R. 8 agosto 2001, n. 26 e L.R. 30 giugno 2003, n. 12) Allegato A al Decreto del Presidente della Provincia di Rimini n. 73 del 16/09/2016. Pag. PROGRAMMA PROVINCIALE PER GLI INTERVENTI DI QUALIFICAZIONE DELLE SCUOLE DELL'INFANZIA DEL SISTEMA NAZIONALE DI ISTRUZIONE E DEGLI ENTI LOCALI NONCHÉ PER LE AZIONI DI MIGLIORAMENTO DELLA PROPOSTA EDUCATIVA

Dettagli

COMUNE DI BICCARI. REGOLAMENTO per il FUNZIONAMENTO della. LUDOTECA e del CENTRO LUDICO COMUNALI

COMUNE DI BICCARI. REGOLAMENTO per il FUNZIONAMENTO della. LUDOTECA e del CENTRO LUDICO COMUNALI COMUNE DI BICCARI REGOLAMENTO per il FUNZIONAMENTO della LUDOTECA e del CENTRO LUDICO COMUNALI ART. 1 Finalità Istitutive Sono istituiti, presso l immobile ex Edificio Scolastico sito in Via Mia Gioia,

Dettagli

Promuovere la salute e il benessere della persona di ogni età.

Promuovere la salute e il benessere della persona di ogni età. Promuovere la salute e il benessere della persona di ogni età. LA COOPERATIVA SOCIALE ONLUS LA BOTTEGA DEI RAGAZZI NASCE NEL 2004. REALIZZA SERVIZI CHE SOSTENGONO IL CAMBIAMENTO E I PERCORSI DI CRESCITA

Dettagli

LA FUNZIONE DOCENTE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

LA FUNZIONE DOCENTE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO LA FUNZIONE DOCENTE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Costituzione art. 33 Decreti Delegati 1974 T.U. 297/94 CCNL 29/11/2007 TESTO UNICO 1994, art. 395, comma 1 La funzione docente è intesa come esplicazione

Dettagli

Esso ha quindi come obiettivo ottimale di far giungere l alunno all autovalutazione e all auto-orientamento.

Esso ha quindi come obiettivo ottimale di far giungere l alunno all autovalutazione e all auto-orientamento. PROGETTO ORIENTAMENTO 2013/2014 ORIENTARSI PER SCEGLIERE FINALITA EDUCATIVE L orientamento nella scuola secondaria di I grado è un processo educativo e didattico al quale concorrono, secondo le specifiche

Dettagli

PATTO DI TEAM DELLA SCUOLA PRIMARIA

PATTO DI TEAM DELLA SCUOLA PRIMARIA PATTO DI TEAM DELLA SCUOLA PRIMARIA 1. Il Patto di Team è il documento finale attraverso cui il gruppo docente enuncia la propria condivisione rispetto ad alcuni aspetti fondamentali delle tre dimensioni

Dettagli

CAMPO GIOCHI Associazione Papa Giovanni XXIII

CAMPO GIOCHI Associazione Papa Giovanni XXIII I Campi gioco dell sono organizzati e progettati tramite la Cooperativa Libera-mente, fondata dalla stessa Associazione. Sono rivolti a bambini e ragazzi dai 4 ai 12 anni. La metodologia pedagogica attiva

Dettagli

----O---- DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA PARLAMENTARE. Art. 1. Oggetto

----O---- DISEGNO DI LEGGE DI INIZIATIVA PARLAMENTARE. Art. 1. Oggetto RELAZIONE DEI DEPUTATI PROPONENTI Onorevoli colleghi, i diritti delle bambine e dei bambini, in una società evoluta, devono essere valorizzati con il supporto di tutti i servizi idonei a sostenere il percorso

Dettagli

Servizio giochi del Multiplo Centro Cultura di Cavriago Scheda esplicativa e obiettivi del servizio

Servizio giochi del Multiplo Centro Cultura di Cavriago Scheda esplicativa e obiettivi del servizio ALLEGATO C Servizio giochi del Multiplo Centro Cultura di Cavriago Scheda esplicativa e obiettivi del servizio Obiettivi e finalità Il Multiplo Centro Cultura del Comune di Cavriago è stato inaugurato

Dettagli

Comune di Gradara. Regolamento Comunale per il funzionamento del Centro di Aggregazione Polivalente

Comune di Gradara. Regolamento Comunale per il funzionamento del Centro di Aggregazione Polivalente Comune di Gradara Provincia di Pesaro e Urbino Regolamento Comunale per il funzionamento del Centro di Aggregazione Polivalente Approvato con atto C.C. n. 48 del 27/11/2012 INDICE TITOLO I - FINALITA E

Dettagli

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese

Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Fondo Famiglia 2015 Progetto Conferenza dei Sindaci ASL 3 Genovese Tenendo conto di quanto indicato dal Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 14 ottobre 2015 e dall allegato D delle

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI TITOLO I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Definizione

REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI TITOLO I PRINCIPI GENERALI. Art. 1 Definizione COMUNE DI ANCONA SERVIZIO SERVIZI SOCIALI EDUCATIVI REGOLAMENTO SERVIZIO TRASPORTO DISABILI TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Definizione 1) Il presente regolamento disciplina l organizzazione ed il funzionamento

Dettagli

COMUNE DI MONTE SAN PIETRO Provincia di Bologna * * * * * REGOLAMENTO SERVIZI SCOLASTICI COMUNALI

COMUNE DI MONTE SAN PIETRO Provincia di Bologna * * * * * REGOLAMENTO SERVIZI SCOLASTICI COMUNALI COMUNE DI MONTE SAN PIETRO Provincia di Bologna * * * * * REGOLAMENTO SERVIZI SCOLASTICI COMUNALI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 74 del 10.7.2001 Modificato con delibera di Consiglio Comunale

Dettagli

IntroduzIone IL PRESIDENTE

IntroduzIone IL PRESIDENTE IntroduzIone E con orgoglio che presento questa nuova iniziativa dei LUPI, con quel modo di fare le cose che segna un tratto distintivo della nostra società che è solo da pochi anni presente sul territorio,

Dettagli

Deliberazione Giunta Regionale n.490 del 21/10/2015

Deliberazione Giunta Regionale n.490 del 21/10/2015 Deliberazione Giunta Regionale n.490 del 21/10/2015 Dipartimento 54 Istruzione, Ricerca, Lavoro, Politiche Culturali, Politiche Sociali Direzione Generale 12 Politiche Sociali, Politiche Culturali, Pari

Dettagli

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento del Centro per l Infanzia Il Colibrì Via Guglielmo Ferrero

CITTÀ DI FOLIGNO. Regolamento del Centro per l Infanzia Il Colibrì Via Guglielmo Ferrero CITTÀ DI FOLIGNO Regolamento del Centro per l Infanzia Il Colibrì Approvato con D.C.C. n. 102 del 27/11/2008 Modificato con D.C.C. n. 35 del 21/06/2011 n. 69 del 21/10/2014 Art. 1 - Istituzione Il Centro

Dettagli

COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO CENTRO GIOVANI

COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO CENTRO GIOVANI COMUNE DI JESOLO PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO CENTRO GIOVANI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 130 del 03.11.2011 INDICE: Art. 1 VALORI E FONDAMENTI DEL B.Y.C. Art.2 FINALITA' Art. 3

Dettagli

Servizio Servizi all Infanzia

Servizio Servizi all Infanzia Servizio Servizi all Infanzia Scuola dell Infanzia (NOME DELLA SCUOLA) PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA a.s. P.O.F. Indirizzo Cap FIRENZE Telefono Email.. FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La scuola dell

Dettagli

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA COMUNE DI VILLAGRANDE STRISAILI Provincia Ogliastra REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA /7 CAPO I - NORME GENERALI Articolo Oggetto del regolamento. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

C O M U N E D I M A R I A N A M A N T O V A N A. Provincia di Mantova. Regolamento per il funzionamento del Nido comunale

C O M U N E D I M A R I A N A M A N T O V A N A. Provincia di Mantova. Regolamento per il funzionamento del Nido comunale C O M U N E D I M A R I A N A M A N T O V A N A Provincia di Mantova Regolamento per il funzionamento del Nido comunale Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 11/02/2011 e modificato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria Monumento ai Caduti REGOLAMENTO

Scuola dell Infanzia Paritaria Monumento ai Caduti REGOLAMENTO Scuola dell Infanzia Paritaria Monumento ai Caduti REGOLAMENTO Anno Scolastico 2015 2016 PREMESSA La Scuola dell Infanzia Paritaria Monumento ai Caduti vuole essere una Comunità Educante dove i Bambini

Dettagli

Brucoverde e Cerchio Magico

Brucoverde e Cerchio Magico Azienda di Servizi alla Persona Nidi d Infanzia Brucoverde e Cerchio Magico Carta dei servizi ad uso dei genitori, a.e.2015-16 Via Di Mezzo n. 1 47900 RIMINI Tel. 0541/367811 Fax 0541/367854 c.f./p.iva

Dettagli

IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI

IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI IL WELFARE E I SERVIZI AI CITTADINI 92 IL SISTEMA EDUCATIVO 93 94 Linee programmatiche o Mantenere l'eccellenza nei servizi per l'infanzia aumentandone la quantità. Potenziare i servizi esistenti riducendo

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA LUDOTECA

REGOLAMENTO DELLA LUDOTECA REGOLAMENTO DELLA LUDOTECA Approvato con delibera di Consiglio Comunale del 29/10/2001 e modificato con delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 19/12/2002. Art. 1 Denominazione La ludoteca comunale La

Dettagli

I GIORNI DELLA LETTURA 20, 21, 22 APRILE 2009

I GIORNI DELLA LETTURA 20, 21, 22 APRILE 2009 CIRCOLO DIDATTICO ALDA COSTA Via Previati, 31-44100 Ferrara tel. 0532\205756 fax 0532\241229 Email: feee017001@istruzione.it PROGETTO LETTURA I GIORNI DELLA LETTURA 20, 21, 22 APRILE 2009 CIRCOLO DIDATTICO

Dettagli

La scuola come Servizio Educativo. a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano

La scuola come Servizio Educativo. a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano La scuola come Servizio Educativo a cura del Servizio di Pastorale Scolastica della Diocesi di Milano P.E.I. e P.O.F. Conosciamoli meglio Il Progetto Educativo d Istituto (PEI) STRUMENTO INDISPENSABILE

Dettagli

Arte,movimento. e non solo

Arte,movimento. e non solo Scheda di progetto PROPOSTA ANNUALE O PLURIENNALE A.S. 2016/2017 1.1 Denominazione del progetto Indicare denominazione del progetto. Arte,movimento. e non solo 1.2 Responsabile del progetto Indicare il

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO Via Fratelli Ambrogio, ALBA (CN) Tel Fax

DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO Via Fratelli Ambrogio, ALBA (CN) Tel Fax REGOLAMENTO INTERNO GESTIONE SERVIZIO PRE-POST SCUOLA Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 5 b) del 30.06.2014 INDICE: Articolo 1 : Oggetto del servizio Articolo 2 : Finalità Articolo 3

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: PERSONE SPECIALI SETTORE e Area di Intervento: SETTORE A - 03GIOVANI- 06 DISABILI - 12 DISAGIO ADULTI 11 DONNE CON MINORI A CARICO DONNE

Dettagli

REGIONE MARCHE. Legge regionale n.9 del 13 maggio 2003

REGIONE MARCHE. Legge regionale n.9 del 13 maggio 2003 REGIONE MARCHE Legge regionale n.9 del 13 maggio 2003 Disciplina per la realizzazione e gestione dei servizi per l'infanzia, per l'adolescenza e per il sostegno alle funzioni genitoriali e alle famiglie

Dettagli

1440 ore annue, con un minimo di 12 ore settimanali obbligatorie

1440 ore annue, con un minimo di 12 ore settimanali obbligatorie Ente: ASSOCIAZIONE MANI TESE ONG ONLUS SEDE NAZIONALE: PIAZZA V.GAMBARA 7/9 MILANO serviziocivile@manitese.it www.manitese.it tel. 02 4075165 Titolo del Progetto: CAPACI DI CAMBIARE PROSPETTIVA: RIDURRE,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Paritaria S. Famiglia

Scuola dell Infanzia Paritaria S. Famiglia Scuola dell Infanzia Paritaria S. Famiglia È scuola libera, cattolica, aperta a tutti. Pone al centro la persona e l accompagna nella sua crescita personale e sociale. È luogo di relazioni: ogni bambino

Dettagli

Corso di formazione di Primo Livello per ANIMATORE SPORTIVO SRdS Campania - Coni Benevento

Corso di formazione di Primo Livello per ANIMATORE SPORTIVO SRdS Campania - Coni Benevento Corso di formazione di Primo Livello per ANIMATORE SPORTIVO SRdS Campania - Coni Benevento Premessa L Animatore Sportivo è una figura base nel grande collage del Sistema Sportivo Nazionale. La funzione

Dettagli

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. PROVINCIA DI VERONA, COMUNE DI VERONA, ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22 e AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA,

PROTOCOLLO D'INTESA TRA. PROVINCIA DI VERONA, COMUNE DI VERONA, ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22 e AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA, PROTOCOLLO D'INTESA TRA PROVINCIA DI VERONA, COMUNE DI VERONA, ULSS 20, ULSS 21, ULSS 22 e AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA, PER IL PROGETTO NATI PER LEGGERE (NPL) Premesso che: l'associazione

Dettagli

FOGLIO DI CONDIZIONI ESECUTIVE RELATIVO AL PROGETTO DI PROMOZIONE ALLA LETTURA IN BIBLIOTECA ANNO 2013

FOGLIO DI CONDIZIONI ESECUTIVE RELATIVO AL PROGETTO DI PROMOZIONE ALLA LETTURA IN BIBLIOTECA ANNO 2013 FOGLIO DI CONDIZIONI ESECUTIVE RELATIVO AL PROGETTO DI PROMOZIONE ALLA LETTURA IN BIBLIOTECA ANNO 2013 L Istituzione per la gestione dei servizi sociali del Comune di Albignasego intende organizzare per

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Quartiere Mussotto e sinistra Tanaro Via Cesare Delpiano, ALBA (CN) Tel./Fax Tel.

ISTITUTO COMPRENSIVO Quartiere Mussotto e sinistra Tanaro Via Cesare Delpiano, ALBA (CN) Tel./Fax Tel. REGOLAMENTO INTERNO GESTIONE SERVIZIO PRE-POST SCUOLA Approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n. 11 Verbale n. 3 dell 11 Febbraio 2016 INDICE: Articolo 1 : Oggetto del servizio Articolo 2 : Finalità

Dettagli

Direzione Didattica 1 Circolo di Valenza

Direzione Didattica 1 Circolo di Valenza Direzione Didattica 1 Circolo di Valenza E S T R A T T O Dirigente scolastico: Maria Elena Dealessi e-mail: mariaelena.dealessi@istruzione.it riceve su appuntamento Collaboratore vicario: Maria Cristina

Dettagli

Comune di Vicenza PREMESSO CHE. Programma di attività per l avvio del progetto sperimentale denominato nido in famiglia ;

Comune di Vicenza PREMESSO CHE. Programma di attività per l avvio del progetto sperimentale denominato nido in famiglia ; Comune di Vicenza Settore Attività Educative Ufficio Servizi alla Prima Infanzia e Politiche Giovanili Ufficio Giovani - Tel.: 0444 / 221544 fax 0444 / 222145 - e-mail: uffgiovani@comune.vicenza.it SCHEMA

Dettagli

C O M U N E D I L O V E R E

C O M U N E D I L O V E R E SERVIZI PUBBLICI A DOMANDA INDIVIDUALE GESTITI DIRETTAMENTE DAL COMUNE ANNO 2016: INDIVIDUAZIONE DELLE TARIFFE NELLE MORE DELLA PREDISPOSIZIONE DEL RELATIVO BILANCIO DI PREVISIONE. RETTE DI FREQUENZA ALL

Dettagli

COMUNE DI LIMBIATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO

COMUNE DI LIMBIATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNE DI LIMBIATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO PER L ACCESSO AL SERVIZIO TRASPORTO DI CITTADINI DISABILI O IN SITUAZIONE DI DISAGIO E NECESSITA. Approvato con atto del Consiglio Comunale N.

Dettagli

LUDOBIBLIOTECA LA CASA DEI DESIDERI CENTRO LUDICO PRIMA INFANZIA L ISOLA FELICE CARTA DEI SERVIZI

LUDOBIBLIOTECA LA CASA DEI DESIDERI CENTRO LUDICO PRIMA INFANZIA L ISOLA FELICE CARTA DEI SERVIZI LUDOBIBLIOTECA LA CASA DEI DESIDERI CENTRO LUDICO PRIMA INFANZIA L ISOLA FELICE PREMESSA CARTA DEI SERVIZI La ludoteca è un servizio di interesse pubblico che si configura come un luogo intenzionalmente

Dettagli

Formulario Progetti Doposcuola 2016/2017

Formulario Progetti Doposcuola 2016/2017 Formulario Progetti Doposcuola 2016/2017 Sez. A - Informazioni preliminari 1. Titolo e sottotitolo (Inserire il titolo del progetto ed un eventuale sottotitolo) Doposcuola?! un gioco da ragazzi!" 2. Comune

Dettagli

PER LA COSTITUZIONE DI UNA RETE DI COORDINAMENTO INTERISTUZIONALE PER L OFFERTA FORMATIVA TERRITORIALE

PER LA COSTITUZIONE DI UNA RETE DI COORDINAMENTO INTERISTUZIONALE PER L OFFERTA FORMATIVA TERRITORIALE ISTITUTO per l ISTRUZIONE SUPERIORE G. NATTA - G.V. DEAMBROSIS!"#$#!"#%&!"#!! "#$$##%!!" & '(((!! PER LA COSTITUZIONE DI UNA RETE DI COORDINAMENTO INTERISTUZIONALE PER L OFFERTA FORMATIVA TERRITORIALE

Dettagli

Bruco Verde e Cerchio Magico

Bruco Verde e Cerchio Magico Nidi d Infanzia Bruco Verde e Cerchio Magico Carta dei servizi ad uso dei genitori Il Nido d Infanzia è un luogo privilegiato di crescita e sviluppo delle potenzialità individuali, cognitive, affettive

Dettagli

CENTRO SOCIO EDUCATIVO DIURNO INSIEME

CENTRO SOCIO EDUCATIVO DIURNO INSIEME CENTRO SOCIO EDUCATIVO DIURNO INSIEME REGOLAMENTO INTERNO REGOLAMENTO INTERNO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO DIURNO PER MINORI TITOLO I NORME GENERALI Art 1 Oggetto del regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER UTILIZZO DELLA SALABLU POSTA ALL INTERNO DEL CENTRO CULTURALE BONCOMPAGNO DA SIGNA

REGOLAMENTO PER UTILIZZO DELLA SALABLU POSTA ALL INTERNO DEL CENTRO CULTURALE BONCOMPAGNO DA SIGNA REGOLAMENTO PER UTILIZZO DELLA SALABLU POSTA ALL INTERNO DEL CENTRO CULTURALE BONCOMPAGNO DA SIGNA Approvato con delibera n. 7 di Consiglio Comunale del 06/03/2007. Art.1 Oggetto 1. Il Comune di Signa,

Dettagli

Insieme per crescere

Insieme per crescere Fondazione Campori Piazza Repubblica 1 41019 Soliera - Modena tel. 059 568580/1 fax 059 568555 www.fondazionecampori.it C.F. 90032290364 P. IVA 03367490368 Insieme per crescere Invito alla presentazione

Dettagli

SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE POLLICINO PROGETTO (ART.279 DEL DPR 207/2010)

SERVIZIO DI ASILO NIDO COMUNALE POLLICINO PROGETTO (ART.279 DEL DPR 207/2010) / COMUNE DI QUARTO D'ALTINO Provincia di Venezia www.comunequartodaltino.ve.it PEC: comune.quartodaltino.ve@pecveneto.it Servizio alla Persona - Ufficio Servizi Sociali Piazza S. Michele n. 48 30020 Tel

Dettagli