CIRCOLARE INFORMATIVA n. 05 DEL 10/07/2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CIRCOLARE INFORMATIVA n. 05 DEL 10/07/2009"

Transcript

1 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 05 DEL 10/07/2009 COMUNICAZIONI INTERNE E stata attivata la posta elettronica certificata del nostro Collegio che permette di inviare/ricevere con valore legale di raccomandata con ricevuta di ritorno. L indirizzo e il seguente Resta comunque attivo per i normali invii l attuale indirizzo IN PRIMO PIANO EDILIZIA E URBANISTICA, L'EMILIA-ROMAGNA HA NUOVE REGOLE Sono scaduti il 1 luglio i 90 giorni che avevano a disposizione le Regioni per varare leggi sull'edilizia abitativa, sulla base dell'accordo tra governo e regioni sottoscritto il 1 aprile. Leggi sull'edilizia, impropriamente definiti piano-casa, che prevedessero la possibilità di aumentare le cubature degli immobili anche in deroga alle norme in vigore. L'accordo prevedeva per il governo l'approvazione di un decreto legge per semplificare le procedure, decreto però finora non varato. Le Regioni intanto stanno procedendo: le ultime in ordine di tempo sono state Emilia Romagna e Veneto che proprio il 1 luglio hanno approvato definitivamente le leggi mentre la prima era stata la Toscana, già dallo scorso 5 maggio. Tutte le altre Regioni stanno per approvare leggi che consentono ristrutturazioni e lavori straordinari nelle case e negli stabilimenti. Infatti, Il 30 giugno 2009, l Assemblea Legislativa dell Emilia Romagna ha approvato la nuova legge urbanistica Governo e riqualificazione solidale del territorio", con cui si rivede il sistema della tutela e governo del territorio, per migliorarlo, semplificarlo e integrarlo. Le norme consentono una maggiore partecipazione dei cittadini alle scelte di riqualificazione urbana, una semplificazione delle procedure e riduzione dei tempi per quanto riguarda le opere pubbliche ma anche una crescente cooperazione tra la Regione e gli Enti locali, soprattutto in forma associata, per promuovere l attività di pianificazione urbanistica insieme a una maggiore attenzione alla tutela del territorio. La Regione Emilia-Romagna ha inoltre inserito all interno di un più ampio processo di revisione delle proprie norme urbanistiche il recepimento dell Intesa tra Stato, Regioni e gli Enti locali, per individuare misure che contrastino la crisi economica mediante il riavvio dell attività edilizia (siglata il 1 aprile 2009). E stato introdotto a regime un sistema per favorire lo sviluppo delle attività produttive già insediate nel territorio regionale, attraverso una procedura accelerata di variante agli strumenti urbanistici. L azione di revisione trasforma dunque la proposta che il Governo aveva fatto in materia, da una norma derogatoria in una azione strutturale. Il testo promuove la riqualificazione del territorio con un attenzione particolare alla solidarietà alle persone con più difficoltà a risolvere il problema abitativo. Ogni intervento previsto nei programmi di riqualificazione urbana infatti dovrà garantire una quota di edilizia residenziale sociale non inferiore al 20%, per giovani coppie, studenti, portatori di handicap, cittadini stranieri. Inoltre per abbattere i costi delle abitazioni, verranno istituiti demani comunali di aree edificabili per edilizia sociale ceduti dai nuovi interventi su aree di espansione. A questo scopo sono previste specifiche risorse regionali in favore dei Comuni. Sul fronte della semplificazione delle procedure, novità sono previste in particolare per quanto riguarda le opere pubbliche. Per realizzare una strada, ad esempio, si unifica in un solo passaggio quanto prima era frazionato in tre-quattro procedure distinte (localizzazione, progettazione, valutazione ambientale e avvio dei lavori) mettendo quindi insieme tutti i momenti che vanno dal progetto preliminare fino al cantiere, compreso l esproprio quando Pagina 1 di 8

2 necessario. Specifiche norme riguardano la pianificazione urbanistica comunale. L obiettivo è favorire l adozione dei Piani strutturali comunali, favorendo per i piccoli Comuni (con meno di 5 mila abitanti) che fanno parte di Unioni di Comuni l approvazione in forma associata. Questi enti potranno, infatti, attribuire funzione di Piano strutturale comunale (il Psc) al Piano territoriale provinciale (Ptcp). Si consolida anche il ruolo strategico del Piano territoriale Regionale, il Ptr, il quale assume univoca natura di piano di indirizzo circa gli scenari e obiettivi strategici di sviluppo della società regionale nel suo complesso, perdendo la possibilità di disporre prescrizioni di carattere territoriale. Di conseguenza, è rivisto il procedimento di formazione e approvazione del Ptr, differenziandolo e semplificandolo notevolmente rispetto agli strumenti generali a valenza territoriale della Provincia e del Comune, il Ptcp e il Psc. Il provvedimento è disponibile al seguente link [Emilia - Romagna] Deliberazione legislativa n. 91/2009 GOVERNO E RIQUALIFICAZIONE SOLIDALE DEL TERRITORIO Fonte Regione ER VUOI COLLABORARE CON LA RIVISTA IL PERITO INDUSTRIALE? La collaborazione è aperta a tutti: di seguito riportiamo alcune caratteristiche che gli elaborati devono avere. Articoli: i testi devono essere originali, inediti e privi di diritti d autore verso terzi. La decisione riguardo alla loro possibile pubblicazione spetta solo alla Redazione. Se il testo è accettato, all Autore sarà comunicato il numero su cui uscirà l articolo e il relativo compenso che sarà corrisposto a fronte di regolare nota. La Direzione della Rivista non è in alcun modo responsabile per le opinioni espresse dall Autore. I testi devono pervenire in formato elettronico in qualsiasi forma di Word Processing. La lunghezza massima consentita è di 6 cartelle dattiloscritte. Titolo: l Autore può suggerirlo, ma resta a discrezione della Redazione. Grafici, disegni e foto a corredo devono essere privi di diritti d autore verso terzi e forniti di rispettive didascalie. Le foto devono essere in estensione JPG, TIFF convertiti in CMYK alla risoluzione minima di 300 dpi. Tutto il materiale consegnato alla Redazione anche se non pubblicato non sarà restituito. Gli articoli e le eventuali immagini devono essere inviate al seguente indirizzo: Prraatti iccaantti i Cool llaabboorraattoorri i Ricchi ieessttaa // Offffeerrttaa Studio Tecnico di Progettazione Impianti Elettrici e nei settori Termo-meccanico e energetico, ricerca PRATICANTE con diploma di Perito Industriale Elettrotecnico - Termotecnico e/o Ingegnere Junior per mansione di DISEGNATORE CAD e per mansione di PROGETTISTA IMPIANTI ELETTRICI E/O TERMOTECNICI. Per informazioni contattare lo Studio Tecnico Garda Sauro al n. 051/ Avviato Studio Termotecnico di progettazione cerca praticante per attività di disegnatore CAD da avviare alla redazione di progetti. Contattare Marco Bonvento Perito Meccanico diplomato nel 2004 con maturata esperienza lavorativa e conoscenza di CAD e strumenti di misurazione valuta proposte di lavoro. Telefonare oppure in Collegio. NEEWS COMUNICAZIONE N. 01 UN SITO PER LO SCAMBIO DELLE BUONE PRASSI ENERGETICHE TRA CITTÀ EUROPEE La Commissione europea ha lanciato in questi giorni il nuovo sito internet BUILD UP che intende essere uno strumento di informazione sulla riduzione del consumo di energia negli edifici. Il contenuto del sito comprenderà una grande varietà di buone pratiche messe in campo nelle diverse realtà urbane europee ed informazioni sulla legislazione in materia di risparmio energetico per essere regolarmente aggiornato ed implementato dagli stessi utenti. Il sito BUILD UP darà infatti a tutti la possibilità di ricercare e scambiare le migliori prassi, Pagina 2 di 8

3 nonché informazioni e costituire uno strumento per migliorare le prestazioni energetiche degli edifici. COMUNICAZIONE N. 02 MANUALE ISPESL Sul sito dell Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (Ispesl) è disponibile un manuale dal titolo Formazione antincendio, prodotto dall Ispesl stesso e redatto in particolare dall' Dr. arch. Marcello Tambone. Questo manuale, nato con l obiettivo di fornire un idoneo strumento di informazione per tutti i lavoratori e di formazione per i lavoratori incaricati della gestione dell emergenza, è correlato al DM Min Interno 10 marzo 1998 che contiene i criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell' emergenza nei luoghi di lavoro. Fonte Punto Sicuro COMUNICAZIONE N. 03 PRIVACY E AMMINISTRATORI DI SISTEMA: ULTERIORE PROROGA Sono stati ulteriormente prorogati al 15 DICEMBRE 2009 i termini per gli adempimenti previsti dal provvedimento del 27 novembre 2008 per gli amministratori di sistema. COMUNICAZIONE N. 04 SCONTI PRIMA CASA ESTESI ANCHE AL BENE ACCORPATO Con la risoluzione n.142/e/09, l'agenzia delle Entrate ha chiarito che è possibile applicare le agevolazioni per l'acquisto della prima casa anche per l'immobile contiguo, sempre che siano rispettate le condizioni previste e che la futura unica unità non presenti caratteristiche di lusso. Il Sole 24 Ore Non importa se l'acquisto è successivo. Secondo la commissione tributaria sarebbe iniquo applicare un'aliquota diversa da quella che scatta quando si comprano due unità contestualmente. COMUNICAZIONE N. 05 CARTELLE CONSULTABILI VIA INTERNET Con il nuovo servizio Estratto conto on-line, presentato il 07/07/2009 da Equitalia, i contribuenti potranno collegarsi al sito della società che gestisce la riscossione e controllare lo storico dei documenti, sia quelli già saldati che quelli ancora da pagare. Da casa, comodamente, si potrà così consultare la propria posizione debitoria relativa a cartelle e avvisi di pagamento. COMUNICAZIONE N. 06 ISPESL: RASSEGNA DI GIURISPRUDENZA L'Ispesl ha predisposto una nuova sezione del sito istituzionale dedicata alla rassegna di giurisprudenza, nata nell'ambito del Dipartimento di Medicina del Lavoro con l'obiettivo di esaminare gli orientamenti e gli insegnamenti delle Corte di Cassazione in materia di sicurezza del lavoro dopo il nuovo assetto normativo a seguito dell'emanazione del D.Lgs. 81/2008. Dalla presentazione del servizio: Il tema principale affrontato dalla giurisprudenza riguarda l individuazione dei soggetti destinatari degli obblighi o dei compiti in materia di sicurezza del lavoro, cioè gli autori dei possibili reati in tale ambito. Oggi questo tema ha assunto ancora maggiore importanza rispetto al passato a seguito dell introduzione della cosiddetta responsabilità amministrativa delle imprese. In caso di omicidio colposo o di lesioni personali colpose gravi o gravissime che siano state commesse con violazione delle norme antinfortunistiche o sulla tutela dell igiene e della salute sul lavoro è prevista una sanzione penale a carico delle persone fisiche, ma anche una responsabilità amministrativa dell azienda, che si traduce in sanzioni appositamente calibrate sul tipo di impresa. Secondo la Suprema Corte, il datore di lavoro è il principale destinatario delle norme di sicurezza e quindi è obbligato ad attuare tutte le misure di prevenzione e controllarne il rispetto; si esonera da responsabilità solo nel caso in cui abbia conferito una delega valida. La attuale rassegna di giurisprudenza si propone di esaminare gli orientamenti e gli insegnamenti delle Corte di Cassazione in materia di sicurezza del lavoro dopo il nuovo assetto normativo, secondo una nuova ottica per la tutela della salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro. Fonte Ispesl Pagina 3 di 8

4 COMUNICAZIONE N. 07 PASSAPORTO ELETTRONICO, NEL CHIP ANCHE LE IMPRONTE DIGITALI È stato pubblicato nella GU n. 147 del 27 giugno il decreto del 23 giugno 2009 sulle "Disposizioni relative al modello e alle caratteristiche di sicurezza del passaporto ordinario elettronico". Questi i punti di maggior rilievo. La domanda di rilascio del passaporto è presentata: in Italia, alla questura o all'ufficio locale distaccato di pubblica sicurezza del luogo dove il richiedente ha la residenza, il domicilio o la dimora, o, in mancanza di questi uffici, al comando locale dei carabinieri o al comune; all'estero, alle rappresentanze diplomatiche e consolari. Insieme con la domanda l'interessato deve indicare ed autocertificare secondo legge: il nome, il cognome, il luogo e la data di nascita; la cittadinanza italiana e la residenza anagrafica; la statura e il colore degli occhi; lo stato civile in relazione al matrimonio; lo stato di famiglia; l'eventuale esistenza di procedimenti penali o di condanne penali, di multe o ammende non pagate relative a procedimenti penali; l'eventuale esistenza di misure di sicurezza detentiva o di prevenzione; l'eventuale esistenza di obblighi alimentari. Gli uffici competenti al rilascio dei passaporti, una volta verificata l'identità dell'interessato, acquisiscono l'impronta del dito indice di ciascuna mano dell'interessato, mediante scansione elettronica. I minori di 12 anni sono esentati dalla deposizione delle impronte. Il chip contenuto nel passaporto è conforme alla normativa europea e in particolare a quanto previsto dalla Decisione della Commissione europea 409 del 28 febbraio 2005 e dalla Decisione 2909 del 28 giugno Il chip contiene l'immagine del volto e le impronte digitali ed è capace di garantire l'integrità, l'autenticità e la riservatezza dei dati. Dossier"Caratteristiche di sicurezza del passaporto elettronico" COMUNICAZIONE N. 08 CAMBIANO LE PENSIONI INPS Dal primo di luglio si è aperta la seconda e ultima «finestra» prevista per il 2009 per andare in pensione d anzianità. E non basteranno più 58 anni d età. Debutta infatti il sistema delle quote introdotto dalla riforma Prodi- Damiano del Per andare in pensione anticipata ci vorrà «quota 95» con un età minima di 59 anni. In pratica, potranno ritirarsi dal lavoro coloro che hanno compiuto 59 anni d età e hanno 36 anni di contributi oppure quelli con 60 anni e 35 di contributi. Possono continuare ad andare in pensione d anzianità indipendentemente dall età solo coloro che hanno almeno 40 anni di versamenti. Quota 95 resterà in vigore fino al 31 dicembre Poi scatterà quota 96 (con età minima a 60 anni) fino al termine del 2012 e infine quota 97 (con almeno 61 anni) dal primo gennaio La quota e la relativa soglia d età sono di un anno maggiori per gli autonomi. Per artigiani e commercianti, insomma, da domani entra in vigore quota 96 (con età minima di 60 anni) e quindi potranno lasciare il lavoro a 60 anni con 36 di contributi o a 61 con 35. L aumento dei requisiti per la pensione d anzianità unito alla riduzione delle finestre che da 4 sono diventate due (il primo gennaio e il primo luglio) ha prodotto tra l altro la drastica riduzione dei pensionamenti anticipati che, nei primi cinque mesi dell anno, sono stati il 67% in meno rispetto a quelli dello stesso periodo del L orientamento del governo è il seguente: un aumento di un anno ogni due a partire dal 2010 e solo nel pubblico impiego, che porterebbe l età per la pensione di vecchiaia delle donne (oggi a 60 anni) a 65 anni come per gli uomini solo nel I risparmi sarebbero di circa 250 milioni all anno. Fonte Corriere della Sera COMUNICAZIONE N. 09 INTERESSI USURARI NUOVE SOGLIE Pubblicati i tassi trimestrali rilevati dalla Banca d'italia che si applicheranno dal 1 luglio al 30 settembre 2009 È fissato al 5,085% - rispetto al 6,87% del trimestre precedente - il nuovo tasso usurario per i mutui a tasso variabile. A stabilirlo il decreto ministeriale del 24 giugno (sulla Gazzetta Ufficiale n. 149 del 30 giugno), che determina le soglie in vigore dal 1 luglio al 30 settembre 2009, sulla base dei tassi effettivi globali medi (Tegm) praticati da banche e intermediari finanziari nel 1 trimestre La legge volta a contrastare il fenomeno dell'usura (108/1996) prevede, infatti, che siano resi noti, con cadenza trimestrale, i tassi di interesse effettivi globali medi, comprensivi di commissioni, spese e remunerazioni connesse con il finanziamento, praticati da banche e intermediari finanziari. La rilevazione viene effettuata dalla Banca d'italia con riferimento a categorie omogenee di operazioni, quali apertura di credito in conto corrente, anticipi, sconti commerciali e altri Pagina 4 di 8

5 finanziamenti alle imprese, factoring, credito personale e altri finanziamenti alla famiglia, leasing, ecc. (decreto ministeriale 23 settembre 2008). Il limite oltre il quale gli interessi si ritengono usurari, sono quelli stabiliti dal Tegm, aumentati della metà. Sul sito dell'agenzia delle Entrate sono disponibili le soglie suddivise per tipo di operazione/finanziamento e per classe di importi. Tra le differenze più significative rispetto ai valori registrati nel trimestre precedente, si segnala la diminuzione del tasso usurario per i mutui a tasso variabile (5,085%, prima era il 6,87%) e per le operazioni di factoring che scende dal 9,78% all'8,31% (fino a 50mila euro) e dall'8,19% al 6,57% (oltre 50mila euro). Lieve rialzo, invece, per i mutui a tasso fisso, che passano dal 6,63% al 6,69%. Fonte Agenzia delle entrate COMUNICAZIONE N. 10 DECRETO ANTICRISI 01/07/2009 n COMMISSIONI BANCARIE A partire dal 1 novembre 2009, la data di valuta per il beneficiario per i bonifici, gli assegni circolari e quelli bancari non potrà mai superare, rispettivamente, uno, uno e tre giorni lavorativi successivi alla data del versamento. Inoltre la data della disponibilità economica per il beneficiario non potrà mai superare, rispettivamente, quattro, quattro e cinque giorni lavorativi successivi alla data del versamento. Dal 1 aprile 2010, poi, la data di disponibilità economica non potrà mai superare i quattro giorni per tutti i titoli. COMUNICAZIONE N. 11 DECRETO ANTICRISI 01/07/2009 n DETASSAZIONE DEGLI UTILI REINVESTITI IN MACCHINARI - Il decreto prevede l'esclusione dall'imposizione sul reddito di impresa "il 50 per cento del valore degli investimenti in macchinari ed apparecchiature compresi nella divisione 28 della tabella ATECO, di cui al provvedimento del Direttore dell'agenzia delle entrate del 16 novembre 2007, fatti a decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 30 giugno L'esclusione vale a decorrere dal periodo di imposta 2010". Tuttavia, occorre segnalare una svista, che potrebbe escludere i liberi professionisti dai benefici introdotti dal decreto anti-crisi». Alla vigilia dell inizio dell iter parlamentare della manovra d estate, il presidente della Confprofessioni, Gaetano Stella, chiede una serie di misure correttive per consentire anche ai datori di lavoro, titolari di studi professionali, di accedere alle agevolazioni già previste per le imprese. «In particolare, dobbiamo segnalare la necessità per numerose categorie professionali, dall area sanitaria a quella tecnica, di poter accedere alla detassazione degli utili per gli investimenti in macchinari e apparecchiature» aggiunge Stella. «Inoltre, sarebbe opportuno e coerente con la legge sugli ammortizzatori sociali estendere anche ai dipendenti degli studi professionali il premio di occupazione, per consentire anche ai nostri lavoratori di partecipare ai progetti di formazione o riqualificazione presso gli studi. C è tutto il tempo per correggere il decreto anti-crisi. Siamo certi che Governo e Parlamento sapranno accogliere le istanze delle categorie professionali che, al pari delle imprese, stanno subendo gli effetti della crisi economica». COMUNICAZIONE N. 12 LA TREMONTI-TER PREMIA I VIRTUOSI Le imprese che non rispettano le norme sulla sicurezza saranno escluse dalla Tremonti-ter. Saranno agevolabili solo l'acquisto di particolari categorie di macchinari e attrezzature, a meno di ampliamenti della misura in fase di conversione in legge. Sono ad ora esclusi sia i capannoni e gli investimenti in opere murarie, ma anche l'acquisto di mezzi di trasporto, le apparecchiature elettriche e le strumentazioni informatiche. Sarà possibile cumulare la detassazione della Tremonti-ter con altre agevolazioni pubbliche, quali, per esempio i contributi comunitari. Fonte il Sole 24 Ore COMUNICAZIONE N. 13 ROAMING: TARIFFE RIDOTTE PER I CELLULARI ALL'ESTERO Dal 1 luglio sono entrate in vigore le nuove regole dell'ue sul roaming, che abbassano come minimo del 60% il costo dell'uso dei cellulari all'estero. In coincidenza con l'inizio delle vacanze estive vengono ridotte le tariffe massime che gli operatori telefonici possono praticare ai clienti europei che usano il cellulare in un altro paese dell'ue, servendosi del "roaming". Pagina 5 di 8

6 Inviare un sms da un altro paese dell'ue costa ormai al massimo 11 centesimi di euro (o una cifra equivalente nei paesi che non usano l'euro), meno di metà della precedente media di 29 centesimi (molto di più del prezzo di un sms nazionale). Ricevere un sms in un altro paese europeo continuerà a non costare niente. Per gli altri servizi in roaming (l'invio di o foto o la navigazione su Internet) sono stati fissati dei massimali ai prezzi all'ingrosso, ossia ai costi che un operatore addebita agli altri. L'Ue ha limitato i prezzi delle chiamate mobili transfrontaliere per la prima volta nel 2007, dopo essersi resa conto che tali chiamate erano in media quattro volte più care di quelle interne, e che i prezzi erano molto diversi da un paese all'altro. I clienti possono chiedere la disattivazione del roaming quando la bolletta raggiunge i 50 euro o optare per un limite superiore. Si eviteranno così le brutte sorprese come quella del cliente di un operatore tedesco che aveva scaricato un programma televisivo mentre si trovava in Francia e si era visto arrivare una bolletta di euro. Fonte Comune di Bologna - Per saperne di più. Nuove regole Ue sul roaming (sito Commissione Europea) Sportello Europe Direct (sito ufficiale) COMUNICAZIONE N. 14 CO.CO.CO. E CO.CO.PRO CON SOSTEGNO L'Inps, con la circolare n. 74/09, ha chiarito che i co.co.co. ed i collaboratori a progetto, in caso di cessazione del rapporto lavorativo possono contare sul sostegno al reddito previsto dalla legge 2/09 anche se la domanda è stata presentata dopo il 30 giugno SEENTTEENZZEE -- GIIURIISPRUDEENZZA CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA 183 DEL 26 GIUGNO 2009 La Corte Costituzionale ha messo fine all'impignorabilità delle pensioni Enasarco con la sentenza n. 183 del 26 giugno 2009 Fine di un privilegio incomprensibile per gli agenti e i rappresentanti di commercio, infatti le pensioni erogate dall'enasarco non potevano essere pignorate in virtù dell articolo 28 della legge 12 del 1973 (legge che istituisce l'enasarco). In particolare l'articolo in questione recita al primo comma: " I crediti degli iscritti verso l'enasarco non sono cedibili, nè sequestrabili, nè pignorabili". La disparità di trattamento rispetto alle pensioni erogate da altri enti previdenziali, non è stata stranamente messa in discussione fino all'ottobre 2007, quando il tribunale di Treviso ha sollevato la questione di legittimità costituzionale nell'ambito di un'opposizione ad un procedimento di esecuzione. I giudici costituzionali hanno deciso che la questione è fondata e hanno dichiarato illegittimo per violazione dell'art. 3 della Costituzione l'art. 28 comma 1 della L. 12/1973. In futuro la pensione di agenti e rappresentanti sarà pignorabile (entro i limiti previsti dalla legge) similmente a quanto accade per le altre pensioni. CORTE CASSAZIONE SENTENZA DEL 26 GIUGNO 2009 STUDIO IN CASA? NON SI PAGA L'IRAP La sezione tributaria della Corte di Cassazione, con la sentenza n del 26 giugno 2009, ha stabilito che non è tenuto a pagare l'irap il professionista che lavora in casa. Una stanza, un PC, un fax ed una libreria non rendono il piccolo professionista soggetto al prelievo. Mentre Con la sentenza n.14693/09, la Cassazione ha di contro stabilito che è soggetto all'irap anche il professionista che ha anche un solo dipendente anche part-time, nonostante il modesto impiego di beni strumentali. CORTE CASSAZIONE SENTENZA DEL 23 GIUGNO 2009 POCHE VENDITE? EVASIONE Con la sentenza n del 23 giugno 2009, la Cassazione ha stabilito che è valido l'accertamento induttivo dell'iva nei confronti di un'azienda che fattura tanti acquisti e poche vendite, in quanto tale differenza costituisce un indizio grave, preciso e concordante di evasione dell'imposta. CORTE CASSAZIONE SENTENZA 1073 DEL 16 GENNAIO 2009 DISTANZE FRA LE COSTRUZIONI Pagina 6 di 8

7 Con la Sentenza n del la Corte di Cassazione fornisce il proprio orientamento in materia di distanze tra le costruzioni e altezza degli edifici, con particolare riguardo ai rispettivi regimi di tutela del danno. Secondo la Corte, sono da ritenere integrative delle norme del codice civile solo le disposizioni relative alla determinazione della distanza tra fabbricati in rapporto all'altezza e che regolino con qualsiasi criterio o modalità (quali la previsione di spazi liberi o il rapporto tra altezza e distanza tra edifici), la misura dello spazio che deve essere osservato tra le costruzioni. Le norme che disciplinano solo l'altezza in sè degli edifici tutelano, invece, oltre che l'interesse pubblico di ordine igienico ed estetico, esclusivamente il valore economico della proprietà dei vicini. CORSII,, IINCONTTRII TTEECNIICII EE MANIIFFEESTTAZZIIONII Dal 6 al 29 luglio torna l'appuntamento con Sotto le stelle del cinema, rassegna promossa dalla Cineteca Comunale di Bologna che quest'anno avrà per protagonista Sergio Leone e i suoi grandi classici come Per un pugno di dollari, C'era una volta il west, Giù la testa e C'era una volta in America. L'iniziativa, seguito ideale del ciclo Il Cinema Ritrovato, si concluderà con la versione restaurata de Il buono, il brutto, il cattivo, mentre l'apertura sarà affidata al documentario di Robert Kenner vincitore dello scorso Slow Food on Film, Food Inc. In rassegna anche una serie di omaggi a Marcello Mastroianni, a Guglielmo Marconi per i cento anni del suo Nobel e alla nouvelle vague. La riproposta di un capolavoro del cinema fantastico come E.T., insieme ad apprezzati titoli della scorsa stagione cinematografica, come Lavorare con lentezza e Gomorra. Tra gli eventi speciali la serata del 13 luglio, dedicata al centenario del Bologna Calcio, con la partecipazione di Giorgio Comaschi e la Serata lunare del 20 luglio nel quarantennale dall'allunaggio. Mentre tra gli ospiti ci saranno i figli di Sergio Leone, il produttore Claudio Mancini e il regista Faith Akin, che presenterà il suo La sposa turca. Tutte le proiezioni, con inizio alle 22 e introdotte da brevi interventi critici, saranno gratuite fino ad esaurimento posti. Fonte Comune di Bologna BANDII BANDO PROROGATO FINO AL 24 LUGLIO il termine per la presentazione della dichiarazione di interesse a partecipare al progetto di autorecupero di immobili dismessi di proprietà del Comune di Bologna. Fonte Comune di Bologna - Per saperne di più Bando progetto di autorecupero di immobili dismessi (Rete Civica Iperbole) BANDO SERVIZIO CIVILE E' indetto un bando per la selezione di volontari da impiegare in progetti di servizio civile. Le informazioni sui progetti, le sedi, le attività nelle quali i volontari saranno impiegati nonché i requisiti richiesti possono essere richieste presso gli enti titolari dei progetti medesimi o consultati sui rispettivi siti internet. La domanda di partecipazione in formato cartaceo, indirizzata direttamente all'ente che realizza il progetto prescelto, deve pervenire allo stesso entro e non oltre il 27 luglio. Sono ammessi coloro i quali abbiano compiuto il diciottesimo anno di età e non superato il ventottesimo. La durata del servizio è di dodici mesi. Ai volontari spetta un assegno mensile di euro. Fonte Comune di Bologna - Per saperne di più Bando volontari (sito Servizio Civile) SOSTENIBILITA' ALLA BOLOGNESE - CERCHIAMO ESEMPI UNDER 40! Un bando di Urban Center Bologna invita giovani progettisti della città, architetti, ingegneri, geometri, periti, designer, a raccontare la propria idea di sostenibilità illustrando un progetto oppure un opera alla quale hanno offerto il loro contributo ideativo. Con un occhio al protocollo di Kyoto e l altro alla ricchezza del nostro territorio, Urban Center Bologna contribuirà alla campagna Consumabile organizzata dalla Regione Emilia-Romagna e alle attività della settimana europea dedicata alla Mobilità sostenibile del Comune di Bologna con una esposizione dei materiali pervenuti offrendo quindi alla città una particolare definizione di sostenibilità emergente dai lavori di giovani progettisti. Pagina 7 di 8

8 Sono invitati a partecipare progettisti che operano in città (in forma singola, associata o subordinata) che non abbiano compiuto il 40esimo anno di età. Gli elaborati devono pervenire presso Urban Center Bologna entro lunedì 7 settembre La mostra degli elaborati pervenuti, valutati e selezionati dalla commissione tecnica di Urban Center Bologna, sarà inaugurata in occasione di Pedalando per Kyoto, settembre Fonte Comune di Bologna Testo del bando Il Segretario Per. Ind. Luca Fantuz Il Presidente Per. Ind. Ivano Manara Informativa ai sensi del D.lgs , n. 196/2003 Gli indirizzi presenti nel nostro archivio provengono dalle comunicazioni dei nostri iscritti, da contatti personali o da elenchi e servizi di pubblico dominio o pubblicati. I dati saranno trattati in forma automatizzata, nel rispetto delle idonee misure di sicurezza, e non saranno soggetti a diffusione all'esterno del Collegio dei Periti Industriali. In relazione al trattamento dei dati, potranno essere esercitati i diritti (accesso, cancellazione, rettifica, opposizione, etc.) specificamente previsti dall'art. 13 L. 675/1996 e nelle modalità ivi contemplate. Titolare del trattamento: Collegio dei Periti industriali della Provincia di Bologna Ai sensi dell'art. 130 del D.lgs. 196/2003, il ricevente potrà opporsi in ogni momento, in via gratuita, al trattamento dei suoi dati al fine dell'invio di analoghe comunicazioni a mezzo di posta elettronica, semplicemente comunicando tale opposizione al seguente indirizzo Pagina 8 di 8

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AREA INNOVAZIONE E TERRITORIO SETTORE ASSETTO TERRITORIALE, PARCHI E VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA PER ATTIVITA

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 -

SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Versione 10/04/15 SCHEDA DI ADESIONE - Foglio 1 - Rifiuti dei Beni a base di Polietilene, Piazza di S. Chiara, 49 00186 ROMA) e (facoltativamente) anticipata mezzo fax Il richiedente... In persona del

Dettagli

ISTANZA DI RIMBORSO ANNI:

ISTANZA DI RIMBORSO ANNI: Data / / 2 0 Protocollo n. Comune di SAN VITO AL TAGLIAMENTO DATI DEL CONTRIBUENTE Persone fisiche Cod. Fiscale Il/la sottoscritto/a: Cognome 20 ISTANZA DI RIMBORSO ANNI: 20 20 20 20 Nome Nato/a In data

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Informazioni generali

Informazioni generali Modulo VA : Domanda di verifica della sussistenza di una quota per lavoro subordinato ai sensi degli artt. 14 comma 6 e 39 comma 9 del DPR. n. 394/99 e successive modifiche ed integrazioni Informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici

Guida. alla detrazione fiscale del. 65% per la. riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Guida alla detrazione fiscale del 65% per la riqualificazione energetica e l adeguamento antisismico degli edifici Aggiornata al 20 dicembre 2013 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO.... pag. 3 2. EDIFICI INTERESSATI.....

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli