Linee di indirizzo per la gestione delle posizioni funzionali di programma e per obiettivi afferenti al SITR (2007) INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee di indirizzo per la gestione delle posizioni funzionali di programma e per obiettivi afferenti al SITR (2007) INDICE"

Transcript

1 Bologna, 4 aprile 2007

2 INDICE 1. LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA E PER OBIETTIVI AFFERENTI AL SITR POSIZIONI FUNZIONALI LEGENDA PER LA LETTURA DELLE POSIZIONI FUNZIONALI POSIZIONI AZIENDALI POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA...5 1) Infermiere centro coordinamento trapianti (ICCT)...5 2) Referente Governo Clinico Area EBN (RGC)...5 3) Infermiere esperto di lesioni cutanee (IELC)...5 4) Esperto informatico di radiologia (EIR)...6 5) Esperto di gestione apparecchiature (EGA) POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO...7 6) Ricercatore EBN (EBN)...7 7) Esperto nel controllo della disfagia oro-faringea (ECD)...7 8) Ricercatore HTA (HTA) (in via di sviluppo) POSIZIONI DI UNITÀ ORGANIZZATIVA POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA...8 9) Infermiere case manager (ICM) ) Referente organizzativo (RO) ) Ref. Organizzativo/Esperto di area critica (EAC) ) Ref. Organizzativo/Infermiere strumentista esperto (ISE) ) Referente apparecchiature (RA) ) Infermiere addetto alla Fluorangiografia (I.FLUO) ) Infermiere Endoscopista (I.ENDO) ) Infermiere Gessista (I.GES) ) Infermiere Strumentista (I.STR) (in via di sviluppo) POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO ) Infermiere/Tecnico tutor per corsi form. e neoassunti (TU) ) Referente documentazione (RD) ) Referente informatizzazione (RI) (in via di sviluppo) ) Referente per le lesioni da compressione (LDD) ) Infermiere Stoma-terapista (IST) ) Infermiere Uroriabilitatore (IU) ) Infermiere esperto nel controllo del dolore (IDOL) (in via di sviluppo) ) Infermiere esperto nel supporto alla famiglia del bambino (IESB) (in via di sviluppo) ) Esperto controllo cadute pazienti (ECCP) (in via di sviluppo) ) Esperto in movimentazione manuale carichi (MMC) (in via di sviluppo) MODALITÀ DI GESTIONE DELLE POSIZIONI PROCEDURA DI GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI...16 Bozza di sperimentazione 17 gennaio

3 1. LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA E PER OBIETTIVI AFFERENTI AL SITR 1.1 POSIZIONI FUNZIONALI Le posizioni funzionali sono funzioni assegnate a particolari posizioni di lavoro che valorizzano e premiano l assunzione di responsabilità professionale in riferimento allo sviluppo di processi, che la direzione aziendale ritiene strategici per il cambiamento e l innovazione nel rispetto dei mandati assegnati. Dette funzioni possono essere di programma e per obiettivo. Le prime attengono prevalentemente ai processi principali (primari o di supporto) che costituiscono la struttura trasversale dell organizzazione; le seconde ai processi o percorsi innovativi per i quali è necessario, sia sul piano professionale che su quello culturale, disseminare nuove competenze; hanno termine al momento del conseguimento del risultato assegnato, fatta salva la loro possibile evoluzione in funzioni stabili. Ambedue le tipologie di funzione sono contraddistinte dalle seguenti caratteristiche: hanno un obiettivo da perseguire; sono soggette a valutazione individuale; ricevono un premio mensile o annuale. L assegnazione delle posizioni funzionali avviene nel rispetto della descrizione dei requisiti previsti per ogni singola posizione e valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Ogni posizione funzionale è caratterizzata da: la descrizione della funzione da svolgere; i criteri di ammissione a ricoprire la posizione (formazione, esperienza, competenze, ecc.); l eventuale percorso formativo od esperenziale necessario. Ogni posizione funzionale, sia di programma che per obiettivo, è soggetta a valutazione. La valutazione è triennale per le funzioni di programma ed annuale per quelle per obiettivo ed è finalizzata alla verifica dell apporto individuale di ciascun professionista. La valutazione negativa comporta la decadenza dalla funzione. Alle funzioni di programma sono attribuite mensilmente quote da un minimo di 1 ad un massimo di 6. Sono sospese in caso di Alle funzioni per obiettivo sono attribuite in un unica soluzione annuale quote da un minimo di 12 ad un massimo di 72. Sono sospese in caso di valutazione negativa e/o al momento del raggiungimento del risultato per il quale sono state attivate. L indicatore prevalente al fine dell erogazione dei compensi è l effettiva presenza in servizio. Ai dipendenti ad orario ridotto o con rapporto di lavoro a tempo parziale sono corrisposte quote in misura proporzionale all'orario prestato. Il valore delle quote attribuite per l incentivazione connessa alle funzioni e di programma e per obiettivo è definita nell ambito della contrattazione decentrata. Al singolo professionista possono essere attribuite, in ragione delle diverse componenti del sistema premiante, più funzioni, fermo restando l incompatibilità della funzione di coordinamento (sanitario, tecnico, professionale, amministrativo e didattico) con tutte le altre funzioni. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

4 In relazione agli obiettivi si conviene che a ciascun professionista non possano essere assegnati più di tre obiettivi nell anno solare di riferimento. Il coordinamento di un obiettivo è affidato, a prescindere dal ruolo istituzionalmente svolto e dalla posizione di lavoro occupata, sulla base delle particolari competenze possedute in relazione ai contenuti ed alle finalità degli obiettivi individuati. I compensi relativi al conferimento di funzioni strategiche per obiettivo saranno erogati fermo restando l indicatore prevalente della presenza in servizio nonché l effettuazione del debito orario dovuto, in un unica soluzione ogni anno. Tutte le posizioni si interrompono al trasferimento in altra Unità Operativa, ad eccezione delle posizioni ricoperte su specifico obiettivo aziendale. 1.2 LEGENDA PER LA LETTURA DELLE POSIZIONI FUNZIONALI Individuazione nominale: indica chi attiva nominalmente la posizione e chi esercita l autorità. Valida le valutazioni. Descrizione attività: definisce le principali attività e responsabilità della posizione. Prerequisiti: definiscono le modalità che potenzialmente consentono di accedere alla posizione. Senza l attivazione non determinano l assegnazione delle funzioni e, quindi, neppure l incentivazione e la registrazione dell esperienza. Numero previsto: quantità di posizioni attivabili su base di U.O. o Dipartimento o Azienda. Quote: numero di quote mensili o annuali con cui è premiata la posizione. Elementi di valutazione: indica se a scadenza annuale o triennale ed i principali elementi da considerare. Note: indicano eventuali specificazioni sulla posizione o su chi la ricopre. Referente della posizione: Rappresenta il riferimento principale della posizione per quanto riguarda le necessità formative e di sviluppo. Non ha autorità sui singoli professionisti che ricoprono la posizione. E individuata solo per talune posizioni che necessitano di sviluppo e aggiornamento. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

5 2. POSIZIONI AZIENDALI 2.1 POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA 1) Infermiere centro coordinamento trapianti (ICCT) Individuazione nominale: Referente DSIT per i trapianti. Descrizione attività:. Riferimento per la gestisce di tutte le fasi del processo di donazione organi. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in coordinamento trapianti. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 1 aziendale per lo specifico centro. Quote: 2 mensili. - relazione annuale sull attività trapiantologica da inviare al Referente della DSIT; ragione della prosecuzione del progetto. 2) Referente Governo Clinico Area EBN (RGC) Individuazione nominale: Capo dipartimento di concerto con il Responsabile di progetto. Descrizione attività:. Supporta i dipartimenti nella impostazione, definizione, realizzazione, monitoraggio e valutazione dei programmi di sviluppo del Governo Clinico. Prerequisiti: Corso EBN, partecipazione a progetti EBN, Pubblicazioni e Formatore EBP Numero previsto: 1 per dipartimento. 1 per la riabilitazione e 1 ostetrica. Quote: 4 mensili. Elementi di valutazione: Triennale, in relazione a: - conduzione del progetto dipartimentale; - partecipazione a specifico progetto del Centro Studi EBN con produzione dell attività richiesta. 3) Infermiere esperto di lesioni cutanee (IELC) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella prevenzione e nel trattamento delle lesioni cutanee, e per l'educazione e addestramento dei pazienti e degli operatori sanitari. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale. Specifico corso di formazione e addestramento. Numero previsto: 2/3 su specifico progetto aziendale Quote: 4 mensili - gestione dell attività di consulenza, formazione e ricerca sulle ferite difficili Bozza di sperimentazione 17 gennaio

6 - relazione annuale sul fenomeno delle lesioni da decubito da inoltrare al responsabile del servizio; 4) Esperto informatico di radiologia (EIR) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica e per l addestramento nella gestione dei sistemi informatici di radiologia. Prerequisiti: Tecnico di radiologia con esperienza radiologica ed informatica. Specifico corso di formazione e addestramento. Numero previsto: 6/8 su specifico progetto aziendale Quote: 2 mensili - gestione dell attività di consulenza e addestramento sulla gestione dei sistemi informatici di radiologia. - relazione annuale sul funzionamento dei sistemi informatici di radiologia da inoltrare al responsabile del servizio; 5) Esperto di gestione apparecchiature (EGA) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica e per l addestramento alla manutenzione delle apparecchiature complesse e/o gestione di rilevanti tecnologie sanitarie utilizzate dai reparti e servizi. Risiede presso le Tecnologie Biomediche. Prerequisiti: Tecnico con esperienza pluriennale in tecnologie biomediche. Specifici corsi di formazione e addestramento. Numero previsto: 1 su specifico progetto aziendale Quote: 4 mensili - gestione dell attività di consulenza e addestramento sulla gestione delle apparecchiature di reparto e servizio - relazione annuale sulla situazione delle apparecchiature da inoltrare al responsabile del servizio; Bozza di sperimentazione 17 gennaio

7 2.2 POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO 6) Ricercatore EBN (EBN) Individuazione nominale: Responsabile di progetto. Descrizione attività:. Riferimento dipartimentale per l evidenza scientifica nell ambito del progetto EBN (Evidence Based Nursing) Prerequisiti: Conoscenza della lingua inglese. Capacità dell uso del computer. Corso aziendale EBN. Numero previsto: sulla base del progetto. Quote: 12 annuali - partecipazione a specifico progetto del Centro Studi EBN con produzione dell attività richiesta; Note: la rilevazione nominale è effettuata annualmente sulla base dell attività del Centro Studi EBN. Referente della figura: CS Mosci Daniela 7) Esperto nel controllo della disfagia oro-faringea (ECD) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella valutazione, nella assistenza e nella riabilitazione del paziente con disfagia oro-faringea. Prerequisiti: Esperienza pluriennale nelle discipline di provenienza. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 5/6 su specifico progetto aziendale, suddivisi in area adulti e area bambini. Quote: 12 annuali - relazione annuale sull attività svolta al responsabile del progetto; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di 8) Ricercatore HTA (HTA) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Responsabile di progetto. Descrizione attività:. Riferimento dipartimentale per il Tecnology Assessment nell'ambito del progetto HTA. Prerequisiti: Conoscenza della lingua inglese. Capacità dell uso del computer. Corso aziendale HTA. Numero previsto: sulla base del progetto. Quote: Bozza di sperimentazione 17 gennaio

8 - partecipazione a specifico progetto del Centro Studi EBN con produzione dell attività richiesta; Note: la rilevazione nominale è effettuata annualmente sulla base dell attività del Centro Studi EBN. 3. POSIZIONI DI UNITÀ ORGANIZZATIVA 3.1 POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA 9) Infermiere case manager (ICM) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Il numero è considerato all interno dei referenti organizzativi. Gestione dei pazienti affidati in specifici reparti o percorsi. Gestione della pianificazione assistenziale e dell informazione ai pazienti e familiari. Prerequisiti: Corso per Infermiere Case Manager o Master in sanità pubblica. Esperienza in specifico reparto o servizio di almeno due anni. Numero previsto: Da 1 a 2 per U.O. sulla base di uno specifico progetto. Quote: 6 mensili. ; - relazione annuale sulle attività realizzate per lo specifico progetto da inoltrare al referente della figura; - segnalazioni di disservizi che interessino la gestione dei casi sono elementi di ragione della prosecuzione del progetto. Referente della figura: Inf. Biavati Catia 10) Referente organizzativo (RO) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Coordinamento infermieristico e/o tecnico temporaneo e supporto all'attività di coordinamento. Assumono la funzione di coordinamento in assenza del coordinatore o in strutture in cui il coordinatore non è stabilmente presente. Prerequisiti: Rapporto fiduciario con il coordinatore. Esperienza nella specifica unità operativa e/o pregressa esperienza di referenza organizzativa con valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Numero previsto: Quantità in relazione al numero di personale e alla dislocazione delle articolazioni organizzative: 1 per DH; 1 per area ambulatoriale; in relazione al numero di personale gestito per degenze e servizi: 1 se <10, 2 se 11/30, 3 se 31/50 e 4 se >50. Quote: 2 mensili. Elementi di valutazione: Triennale o al trasferimento in altra unità in relazione a: ; Bozza di sperimentazione 17 gennaio

9 - gestione della referenza organizzativa sulla base della relazione annuale del coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino il RO sono elementi di valutazione negativa. 11) Ref. Organizzativo/Esperto di area critica (EAC) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Coordinamento infermieristico e/o tecnico temporaneo e supporto all attività di coordinamento. Assume la responsabilità di turno. Assume responsabilità di inserimento e addestramento Prerequisiti: Esperienza nella specifica unità operativa e/o pregressa esperienza di referenza organizzativa con valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Numero previsto: Il numero è considerato all interno dei referenti organizzativi complessivi dell unità organizzativa. Pertanto la quantità è in relazione al numero di personale e alla dislocazione delle articolazioni organizzative: 1 per DH; 1 per area ambulatoriale; in relazione al numero di personale gestito per degenze e servizi: 1 se <10, 2 se 11/30, 3 se 31/50 e 4 se >50. Quote: 4 mensili - gestione della referenza organizzativa sulla base della relazione del coordinatore - relazione sull attività dell area critica in termini di sviluppo del personale e di miglioramento dell assistenza da presentare annualmente al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino l Area Critica sono elementi di valutazione negativa. 12) Ref. Organizzativo/Infermiere strumentista esperto (ISE) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Esperto di strumentazione in sala operatoria e di gestione della tecnologia connessa. Assume responsabilità di inserimento e addestramento Prerequisiti: Esperienza nella specifica unità operativa e/o pregressa esperienza di referenza organizzativa con valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Numero previsto: Il numero è considerato all interno dei referenti organizzativi complessivi dell unità organizzativa. Pertanto la quantità è in relazione al numero di personale e alla dislocazione delle articolazioni organizzative: 1 per DH; 1 per area ambulatoriale; in relazione al numero di personale gestito per degenze e servizi: 1 se <10, 2 se 11/30, 3 se 31/50 e 4 se >50. Quote: 4 mensili - gestione della referenza organizzativa sulla base della relazione del coordinatore - relazione sull attività del blocco operatorio in termini di sviluppo del personale e di miglioramento dell assistenza da presentare annualmente al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino il Blocco Operatorio sono elementi di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

10 13) Referente apparecchiature (RA) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per la manutenzione delle apparecchiature complesse e/o gestione di rilevanti tecnologie sanitarie. Assume la funzione di riferimento anche per le Tecnologie Biomediche. Prerequisiti: Esperienza nella gestione della tecnologia complessa. Eventuali specifici corsi di aggiornamento possono costituire elemento di preferenza. Numero previsto: 1 per U.O., limitatamente a dialisi, terapie intensive, blocchi operatori, neonatologia, radiologie, aferesi e laboratori ad elevata tecnologia. Quote: 2 mensili ; - relazione sulle apparecchiature e/o tecnologie gestite da inoltrare al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino la gestione delle apparecchiature sono elementi di ragione della prosecuzione del progetto. 14) Infermiere addetto alla Fluorangiografia (I.FLUO) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per l effettuazione della fluorangiografia e la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Training di apprendimento sulla tecnica di fluorangiografia. Esplicito riconoscimento dell autonomia. Numero previsto: 2 per specifica U.O. Quote: 2 mensili ; - gestione delle fluorangiografie con relazione annuale presentata al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino la Fluorangiografia sono elementi di 15) Infermiere Endoscopista (I.ENDO) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività: Riferimento per il supporto all'effettuazione delle endoscopie e per la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale. Trainig di addestramento nell assistenza endoscopica. Competenze nel lavaggio, nella sterilizzazione, nella manutenzione e nella conservazione delle attrezzature endoscopiche. Numero previsto: tutti quelli che svolgono stabilmente l attività Quote: 2 mensili. ; - gestione delle endoscopie; Bozza di sperimentazione 17 gennaio

11 - segnalazioni di disservizi che interessino le endoscopie sono elementi di valutazione negativa. 16) Infermiere Gessista (I.GES) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per il confezionamento degli apparecchi gessati e per la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Esperienza pluriennale nella specifica disciplina. Training formativo specifico. Numero previsto: 3 o 4 unità che svolgono l attività nella specifica U.O. Quote: 2 mensili ; - gestione del confezionamento degli apparecchi gessati; - segnalazioni di disservizi che interessino il confezionamento degli apparecchi gessati sono elementi di 17) Infermiere Strumentista (I.STR) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per la strumentazione in sala operatoria, per la sterilizzazione e per la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: tutti quelli che svolgono l attività nei blocchi operatori. Le esigenze medie sono definite per ogni sala operatoria: - B.O. cardiochirurgico: - B.O. 2 : - B.O. 3 : - B.O. 4 : - B.O. pediatrico: - B.O. ostetrico ginecologico: - B.O. medicazione centralizzata: - B.O. ortopedico: - B.O. urologico: - B.O. oculistico: - Sala Travaglio e Parto: Quote: Elementi di valutazione: Triennale ; - gestione della strumentazione e della sterilizzazione nei blocchi operatori; - segnalazioni di disservizi che interessino la strumentazione e/o la sterilizzazione sono elementi di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

12 3.2 POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO 18) Infermiere/Tecnico tutor per corsi form. e neoassunti (TU) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Supporto formativo a studenti e personale neo assunto o in addestramento Prerequisiti: Corso aziendale per tutor ma anche provvisorio, se con esperienza, in attesa del corso. Master specifico. Numero previsto: Da 1 a 3 per UO sulla base del numero degli operatori: <10; 10/30; >30 Quote: 12 annue - relazione annuale sull attività svolta da presentare al coordinatore; - eventuali segnalazioni di disservizi rispetto allo specifico settore sono motivo di 19) Referente documentazione (RD) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per il miglioramento della documentazione infermieristica, ostetrica e riabilitativa. Prerequisiti: Partecipazione allo specifico progetto. Partecipazione alle iniziative formative. Numero previsto: 2 per UO di degenza ordinaria e DH, 2 per BO e dialisi. Quote: 12 annuali - relazione annuale sull attività svolta da presentare al coordinatore; Referente della figura: Inf. Ruffini Barbara 20) Referente informatizzazione (RI) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la realizzazione della rete informatizzata aziendale. Prerequisiti: Specifiche competenze ed esperienza nella gestione e formazione su procedure informatiche. Numero previsto: 1 per U.O. Quote: - relazione annuale sull attività svolta da presentare al coordinatore; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

13 Referente della figura: 21) Referente per le lesioni da compressione (LDD) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la rilevazione, prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione nei reparti di degenza. Prerequisiti: Addestramento sulla rilevazione del rischio e della stadiazione delle lesioni da decubito. Partecipazione allo specifico progetto. Specifico corso di formazione. Numero previsto: 2 per UO rischio alto e medio; 1 per UO rischio basso o per ostetricia e pediatria generale Quote: 12 annuali - partecipazione all attività di rilevazione - segnalazioni delle lesioni e richieste di consulenza al settore di sorveglianza; - eventuali segnalazioni di disservizi su lesioni non documentate sono motivo di Note: le segnalazioni sono raccolte tramite il fax del settore sorveglianza o altra modalità di comunicazione prevista. Referente della figura: Inf. Spec. Mirella Fontana 22) Infermiere Stoma-terapista (IST) Individuazione nominale: coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella gestione delle stomie sia enteriche che urinarie e per l educazione e addestramento dei pazienti e loro familiari. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale di area chirurgica. Specifica formazione e addestramento. Numero previsto: 2 per ogni specifica area chirurgica e urologica. Quote: 24 annuali - relazione annuale sull attività svolta al responsabile del progetto; - Segnalazioni di disservizi nell attività svolta sono elementi di 23) Infermiere Uroriabilitatore (IU) Individuazione nominale: coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella gestione dell'incontinenza urinaria e per l'educazione e addestramento dei pazienti, e nella gestione delle problematiche connesse al cateterismo vescicale Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza specialistica. Specifica formazione e addestramento. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

14 Numero previsto: 2 per ogni specifica area ginecologica e urologica. Quote: 24 annuali - relazione annuale sull attività svolta al responsabile del progetto; 24) Infermiere esperto nel controllo del dolore (IDOL) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività:. Referente per il progetto di controllo del dolore Prerequisiti: Esperienza pluriennale nelle discipline di provenienza. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 1 ogni 15 pl per le unità operative coinvolte dallo specifico progetto. Quote: - relazione annuale sull attività svolta al coordinatore; 25) Infermiere esperto nel supporto alla famiglia del bambino (IESB) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Responsabile di progetto e coordinatore. Descrizione attività:. Riferimento per il supporto alla famiglia del bambino in situazione critica. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza pediatrica. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 5/6 su specifico progetto aziendale che interessa le aree pediatriche critiche. Quote: - relazione annuale sull attività svolta al responsabile di progetto; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di 26) Esperto controllo cadute pazienti (ECCP) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività:. Referente per il progetto di controllo delle cadute dei pazienti ricoverati. Prerequisiti: - Partecipazione allo specifico progetto. Specifico corso di formazione. Numero previsto: 2 per UO rischio alto e medio. Quote: Bozza di sperimentazione 17 gennaio

15 - relazione annuale sull attività svolta al coordinatore; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore non documentati sono motivo di 27) Esperto in movimentazione manuale carichi (MMC) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Terapista o Infermiere referente per la movimentazione manuale dei carichi con funzioni di addestramento Prerequisiti: Specifica formazione. Numero previsto: 1 o 2 per U.O. secondo specifico progetto. Quote: - relazione annuale sull attività svolta al responsabile di progetto; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

16 4. MODALITÀ DI GESTIONE DELLE POSIZIONI Per le posizioni funzionali che lo prevedono, chi effettua la nomina dell operatore a ricoprire la posizione è diverso da chi regola lo sviluppo della posizione per impedire conflitti e personalizzazioni. In questi casi, il referente della figura ha il compito di favorire il buon funzionamento della posizione indipendentemente da chi la ricopre, mentre chi nomina l operatore ha il compito di far si che la posizione sia ricoperta dalla persona giusta. Le relazioni annuali vengono raccolte dal coordinatore. La valutazione complessiva è stilata dal coordinatore/referente di progetto che le trasmette alla Direzione SIT. Per l'identificazione nominale di tutte le posizioni funzionali sono coinvolti in modo determinante i coordinatori ed, in alcuni casi limitati, i referenti dei progetti. Infatti, dal coordinatore di ogni U.O. sono comunicati i nominativi degli operatori che ricoprono le posizioni funzionali. L'attivazione di ognuna delle posizioni è vincolata al rispetto di quanto indicato nella relativa descrizione della posizione funzionale. 4.1 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI 1. La Direzione SIT definisce le linee di sviluppo strategico e le negozia con le organizzazioni sindacali. In essa si individuano le posizioni funzionali di programma o per obiettivo da attivare e se ne descrive il profilo tipo. Ne viene stimata anche consistenza numerica e la quantificazione economica. Annualmente si verificano congiuntamente il consultivo ed il preventivo. 2. La Direzione SIT, attraverso i Referenti di progetto ed i Dirigenti Infermieristici e Tecnici di Dipartimento, diffonde i profili delle posizioni funzionali ai Coordinatori e ne autorizza la copertura. 3. Il Coordinatore o il referente di progetto inviano le coperture nominative delle posizioni funzionali o le eventuali variazioni alla Direzione del SIT tramite (su specifica 4. La Direzione SIT mantiene la registrazione delle posizioni funzionali in apposito database e comunica all ufficio incentivazione aziendale le variazioni al fine di adeguare la retribuzione delle posizioni retribuite mensilmente e retribuire annualmente le posizioni a retribuzione annuale. 5. L ufficio incentivazione corrisponde l'incentivo economico mensilmente o annualmente. 6. Le posizioni funzionali sono visibili a tutte le UU.OO. tramite la rete intranet nel sito del SIT. Procedura di valutazione delle posizioni funzionali. 1. Annualmente, nel mese di settembre, viene attivata la procedura di valutazione. I coordinatori e i referenti di progetto devono inviare la relazione entro il 30 novembre. 2. Le quote delle posizioni funzionali vengono automaticamente decurtate sulla base delle assenze dall ufficio incentivi, se superata la franchigia prevista. 3. I debiti orati negativi, segnalati alla DSIT da parte dell ufficio personale, comportano la trattenuta delle quote di incentivazione. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

17 Bologna, * Alla Direzione del Servizio Infermieristico, Tecnico e Riabilitativo Pad. 19 SO MODULO DI COMUNICAZIONE PER LE VARIAZIONI DELLE POSIZIONI FUNZIONALI (inviare la variazione via a: Unità organizzativa* Posizioni Da A Qualifica Cognome e Nome Qualifica Cognome e Nome Note per le variazioni: Il Coordinatore o Referente del personale infermieristico o tecnico* (firma o sigla) N.B. Le variazioni si intendono effettive al 1 del mese di comunicazione. Fa fede la data del timbro di arrivo. *Le comunicazioni senza data, timbro e firma saranno restituite al mittente. DSITR - 1 gennaio 2007

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014

CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 Università Politecnica delle Marche Corso di Laurea in Infermieristica Ancona CONTRATTO FORMATIVO DI TIROCINIO Studenti II anno A.A. 2013-2014 U.O. : BLOCCO OPERATORIO I.N.R.C.A. Studente Guida di Tirocinio:

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus

Organigramma e funzionigramma Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6. DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus -ijp ASLLanusei Formazione MOD.For0312 Pag. I dì 6 Organigramma DIREZIONE GENERALE Direttore: dott. Francesco Pintus DIREZIONE SANITARIA Direttore: dott. Maria Valentina Marras DIREZIONE AMMINISTRATIVA

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA

EMANUELA NANNINI F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE La sottoscritta Nannini Emanuela nata ad Arezzo il 20.08.1965, consapevole della decadenza dai benefici di cui all art. 75 del DPR 445/2000 e dalle norme penali

Dettagli

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta

Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Rete Oncologica Piemonte Valle d Aosta Il CAS (Centro Assistenza Servizi): Aspetti organizzativi e criticità Dott. Vittorio Fusco ASO Alessandria La Rete Oncologica: obiettivi Rispondere all incremento

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie

Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse In base al dato riportato dal Sole

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali

Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie locali Testo aggiornato al 15 dicembre 2005 Decreto del Presidente della Repubblica 20 dicembre 1979, n. 761 Gazzetta Ufficiale 15 febbraio 1980, n. 45, S. O. Stato giuridico del personale delle Unità sanitarie

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

.. QUANDO?.. DOVE?... COME?

.. QUANDO?.. DOVE?... COME? S.S.V.D. ASSISTENZA INTEGRATIVA E PROTESCA CHI?.. QUANDO?.. DOVE?... COME? Rag. Coll. Amm. Rita Papagna Dott.ssa Laura Signorotti PRESIDI EROGABILI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE D.M. n.332 del 27 agosto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA DIREZIONE STUDENTI - AREA POST-LAUREAM MASTER UNIVERSITARIO IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE SEDE DI TRENTO A.A. 2012/13 Livello I Durata Annuale CFU 60 (1 anno) ANAGRAFICA DEL CORSO - A Lingua Italiano

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E 1 F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TELATTIN PIERLUIGI Indirizzo V.le Stadio 24/a 23100- SONDRIO (Italy) Telefono 0039/0342/201666; 0039/338/6421337

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE AZIENDA OSPEDALIERA DI COSENZA COSTITUZIONE COMITATO PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Delibera n. 328 del 25 marzo 211 COMITATO TECNICO PREPOSTO AL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE Dr.

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti

GUIDA OPERATIVA. Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti GUIDA OPERATIVA Comparto Sanità (aree dirigenziali e personale dei livelli) Permessi retribuiti e non retribuiti Dicembre 2014 INDICE INTRODUZIONE... 2 PERMESSI PER CONCORSI, ESAMI, AGGIORNAMENTO... 3

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1

IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO. dott.ssa Annaluisa Palma 1 IL BUDGET DEGLI INVESTIMENTI E IL BUDGET ECONOMICO dott.ssa Annaluisa Palma 1 Indice Il budget: documenti amministrativi in cui si estrinseca; Forma e contenuti del budget degli investimenti; Gli scopi

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe

Vademecum per il sostegno. Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Vademecum per il sostegno Pratiche condivise di integrazione all interno del Consiglio di classe Gli strumenti della programmazione DIAGNOSI FUNZIONALE: descrive la situazione clinicofunzionale dello stato

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria

Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria Linee di indirizzo per l attività libero professionale intramuraria 1/24 NORMATIVA DI RIFERIMENTO Decreto Legislativo 30.12.1992, n. 502 (e successive modificazioni ed integrazioni); Legge 23 dicembre

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli