Linee di indirizzo per la gestione delle posizioni funzionali di programma e per obiettivi afferenti al SITR (2007) INDICE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee di indirizzo per la gestione delle posizioni funzionali di programma e per obiettivi afferenti al SITR (2007) INDICE"

Transcript

1 Bologna, 4 aprile 2007

2 INDICE 1. LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA E PER OBIETTIVI AFFERENTI AL SITR POSIZIONI FUNZIONALI LEGENDA PER LA LETTURA DELLE POSIZIONI FUNZIONALI POSIZIONI AZIENDALI POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA...5 1) Infermiere centro coordinamento trapianti (ICCT)...5 2) Referente Governo Clinico Area EBN (RGC)...5 3) Infermiere esperto di lesioni cutanee (IELC)...5 4) Esperto informatico di radiologia (EIR)...6 5) Esperto di gestione apparecchiature (EGA) POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO...7 6) Ricercatore EBN (EBN)...7 7) Esperto nel controllo della disfagia oro-faringea (ECD)...7 8) Ricercatore HTA (HTA) (in via di sviluppo) POSIZIONI DI UNITÀ ORGANIZZATIVA POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA...8 9) Infermiere case manager (ICM) ) Referente organizzativo (RO) ) Ref. Organizzativo/Esperto di area critica (EAC) ) Ref. Organizzativo/Infermiere strumentista esperto (ISE) ) Referente apparecchiature (RA) ) Infermiere addetto alla Fluorangiografia (I.FLUO) ) Infermiere Endoscopista (I.ENDO) ) Infermiere Gessista (I.GES) ) Infermiere Strumentista (I.STR) (in via di sviluppo) POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO ) Infermiere/Tecnico tutor per corsi form. e neoassunti (TU) ) Referente documentazione (RD) ) Referente informatizzazione (RI) (in via di sviluppo) ) Referente per le lesioni da compressione (LDD) ) Infermiere Stoma-terapista (IST) ) Infermiere Uroriabilitatore (IU) ) Infermiere esperto nel controllo del dolore (IDOL) (in via di sviluppo) ) Infermiere esperto nel supporto alla famiglia del bambino (IESB) (in via di sviluppo) ) Esperto controllo cadute pazienti (ECCP) (in via di sviluppo) ) Esperto in movimentazione manuale carichi (MMC) (in via di sviluppo) MODALITÀ DI GESTIONE DELLE POSIZIONI PROCEDURA DI GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI...16 Bozza di sperimentazione 17 gennaio

3 1. LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA E PER OBIETTIVI AFFERENTI AL SITR 1.1 POSIZIONI FUNZIONALI Le posizioni funzionali sono funzioni assegnate a particolari posizioni di lavoro che valorizzano e premiano l assunzione di responsabilità professionale in riferimento allo sviluppo di processi, che la direzione aziendale ritiene strategici per il cambiamento e l innovazione nel rispetto dei mandati assegnati. Dette funzioni possono essere di programma e per obiettivo. Le prime attengono prevalentemente ai processi principali (primari o di supporto) che costituiscono la struttura trasversale dell organizzazione; le seconde ai processi o percorsi innovativi per i quali è necessario, sia sul piano professionale che su quello culturale, disseminare nuove competenze; hanno termine al momento del conseguimento del risultato assegnato, fatta salva la loro possibile evoluzione in funzioni stabili. Ambedue le tipologie di funzione sono contraddistinte dalle seguenti caratteristiche: hanno un obiettivo da perseguire; sono soggette a valutazione individuale; ricevono un premio mensile o annuale. L assegnazione delle posizioni funzionali avviene nel rispetto della descrizione dei requisiti previsti per ogni singola posizione e valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Ogni posizione funzionale è caratterizzata da: la descrizione della funzione da svolgere; i criteri di ammissione a ricoprire la posizione (formazione, esperienza, competenze, ecc.); l eventuale percorso formativo od esperenziale necessario. Ogni posizione funzionale, sia di programma che per obiettivo, è soggetta a valutazione. La valutazione è triennale per le funzioni di programma ed annuale per quelle per obiettivo ed è finalizzata alla verifica dell apporto individuale di ciascun professionista. La valutazione negativa comporta la decadenza dalla funzione. Alle funzioni di programma sono attribuite mensilmente quote da un minimo di 1 ad un massimo di 6. Sono sospese in caso di Alle funzioni per obiettivo sono attribuite in un unica soluzione annuale quote da un minimo di 12 ad un massimo di 72. Sono sospese in caso di valutazione negativa e/o al momento del raggiungimento del risultato per il quale sono state attivate. L indicatore prevalente al fine dell erogazione dei compensi è l effettiva presenza in servizio. Ai dipendenti ad orario ridotto o con rapporto di lavoro a tempo parziale sono corrisposte quote in misura proporzionale all'orario prestato. Il valore delle quote attribuite per l incentivazione connessa alle funzioni e di programma e per obiettivo è definita nell ambito della contrattazione decentrata. Al singolo professionista possono essere attribuite, in ragione delle diverse componenti del sistema premiante, più funzioni, fermo restando l incompatibilità della funzione di coordinamento (sanitario, tecnico, professionale, amministrativo e didattico) con tutte le altre funzioni. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

4 In relazione agli obiettivi si conviene che a ciascun professionista non possano essere assegnati più di tre obiettivi nell anno solare di riferimento. Il coordinamento di un obiettivo è affidato, a prescindere dal ruolo istituzionalmente svolto e dalla posizione di lavoro occupata, sulla base delle particolari competenze possedute in relazione ai contenuti ed alle finalità degli obiettivi individuati. I compensi relativi al conferimento di funzioni strategiche per obiettivo saranno erogati fermo restando l indicatore prevalente della presenza in servizio nonché l effettuazione del debito orario dovuto, in un unica soluzione ogni anno. Tutte le posizioni si interrompono al trasferimento in altra Unità Operativa, ad eccezione delle posizioni ricoperte su specifico obiettivo aziendale. 1.2 LEGENDA PER LA LETTURA DELLE POSIZIONI FUNZIONALI Individuazione nominale: indica chi attiva nominalmente la posizione e chi esercita l autorità. Valida le valutazioni. Descrizione attività: definisce le principali attività e responsabilità della posizione. Prerequisiti: definiscono le modalità che potenzialmente consentono di accedere alla posizione. Senza l attivazione non determinano l assegnazione delle funzioni e, quindi, neppure l incentivazione e la registrazione dell esperienza. Numero previsto: quantità di posizioni attivabili su base di U.O. o Dipartimento o Azienda. Quote: numero di quote mensili o annuali con cui è premiata la posizione. Elementi di valutazione: indica se a scadenza annuale o triennale ed i principali elementi da considerare. Note: indicano eventuali specificazioni sulla posizione o su chi la ricopre. Referente della posizione: Rappresenta il riferimento principale della posizione per quanto riguarda le necessità formative e di sviluppo. Non ha autorità sui singoli professionisti che ricoprono la posizione. E individuata solo per talune posizioni che necessitano di sviluppo e aggiornamento. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

5 2. POSIZIONI AZIENDALI 2.1 POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA 1) Infermiere centro coordinamento trapianti (ICCT) Individuazione nominale: Referente DSIT per i trapianti. Descrizione attività:. Riferimento per la gestisce di tutte le fasi del processo di donazione organi. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in coordinamento trapianti. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 1 aziendale per lo specifico centro. Quote: 2 mensili. - relazione annuale sull attività trapiantologica da inviare al Referente della DSIT; ragione della prosecuzione del progetto. 2) Referente Governo Clinico Area EBN (RGC) Individuazione nominale: Capo dipartimento di concerto con il Responsabile di progetto. Descrizione attività:. Supporta i dipartimenti nella impostazione, definizione, realizzazione, monitoraggio e valutazione dei programmi di sviluppo del Governo Clinico. Prerequisiti: Corso EBN, partecipazione a progetti EBN, Pubblicazioni e Formatore EBP Numero previsto: 1 per dipartimento. 1 per la riabilitazione e 1 ostetrica. Quote: 4 mensili. Elementi di valutazione: Triennale, in relazione a: - conduzione del progetto dipartimentale; - partecipazione a specifico progetto del Centro Studi EBN con produzione dell attività richiesta. 3) Infermiere esperto di lesioni cutanee (IELC) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella prevenzione e nel trattamento delle lesioni cutanee, e per l'educazione e addestramento dei pazienti e degli operatori sanitari. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale. Specifico corso di formazione e addestramento. Numero previsto: 2/3 su specifico progetto aziendale Quote: 4 mensili - gestione dell attività di consulenza, formazione e ricerca sulle ferite difficili Bozza di sperimentazione 17 gennaio

6 - relazione annuale sul fenomeno delle lesioni da decubito da inoltrare al responsabile del servizio; 4) Esperto informatico di radiologia (EIR) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica e per l addestramento nella gestione dei sistemi informatici di radiologia. Prerequisiti: Tecnico di radiologia con esperienza radiologica ed informatica. Specifico corso di formazione e addestramento. Numero previsto: 6/8 su specifico progetto aziendale Quote: 2 mensili - gestione dell attività di consulenza e addestramento sulla gestione dei sistemi informatici di radiologia. - relazione annuale sul funzionamento dei sistemi informatici di radiologia da inoltrare al responsabile del servizio; 5) Esperto di gestione apparecchiature (EGA) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica e per l addestramento alla manutenzione delle apparecchiature complesse e/o gestione di rilevanti tecnologie sanitarie utilizzate dai reparti e servizi. Risiede presso le Tecnologie Biomediche. Prerequisiti: Tecnico con esperienza pluriennale in tecnologie biomediche. Specifici corsi di formazione e addestramento. Numero previsto: 1 su specifico progetto aziendale Quote: 4 mensili - gestione dell attività di consulenza e addestramento sulla gestione delle apparecchiature di reparto e servizio - relazione annuale sulla situazione delle apparecchiature da inoltrare al responsabile del servizio; Bozza di sperimentazione 17 gennaio

7 2.2 POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO 6) Ricercatore EBN (EBN) Individuazione nominale: Responsabile di progetto. Descrizione attività:. Riferimento dipartimentale per l evidenza scientifica nell ambito del progetto EBN (Evidence Based Nursing) Prerequisiti: Conoscenza della lingua inglese. Capacità dell uso del computer. Corso aziendale EBN. Numero previsto: sulla base del progetto. Quote: 12 annuali - partecipazione a specifico progetto del Centro Studi EBN con produzione dell attività richiesta; Note: la rilevazione nominale è effettuata annualmente sulla base dell attività del Centro Studi EBN. Referente della figura: CS Mosci Daniela 7) Esperto nel controllo della disfagia oro-faringea (ECD) Individuazione nominale: Responsabile di progetto Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella valutazione, nella assistenza e nella riabilitazione del paziente con disfagia oro-faringea. Prerequisiti: Esperienza pluriennale nelle discipline di provenienza. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 5/6 su specifico progetto aziendale, suddivisi in area adulti e area bambini. Quote: 12 annuali - relazione annuale sull attività svolta al responsabile del progetto; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di 8) Ricercatore HTA (HTA) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Responsabile di progetto. Descrizione attività:. Riferimento dipartimentale per il Tecnology Assessment nell'ambito del progetto HTA. Prerequisiti: Conoscenza della lingua inglese. Capacità dell uso del computer. Corso aziendale HTA. Numero previsto: sulla base del progetto. Quote: Bozza di sperimentazione 17 gennaio

8 - partecipazione a specifico progetto del Centro Studi EBN con produzione dell attività richiesta; Note: la rilevazione nominale è effettuata annualmente sulla base dell attività del Centro Studi EBN. 3. POSIZIONI DI UNITÀ ORGANIZZATIVA 3.1 POSIZIONI FUNZIONALI DI PROGRAMMA 9) Infermiere case manager (ICM) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Il numero è considerato all interno dei referenti organizzativi. Gestione dei pazienti affidati in specifici reparti o percorsi. Gestione della pianificazione assistenziale e dell informazione ai pazienti e familiari. Prerequisiti: Corso per Infermiere Case Manager o Master in sanità pubblica. Esperienza in specifico reparto o servizio di almeno due anni. Numero previsto: Da 1 a 2 per U.O. sulla base di uno specifico progetto. Quote: 6 mensili. ; - relazione annuale sulle attività realizzate per lo specifico progetto da inoltrare al referente della figura; - segnalazioni di disservizi che interessino la gestione dei casi sono elementi di ragione della prosecuzione del progetto. Referente della figura: Inf. Biavati Catia 10) Referente organizzativo (RO) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Coordinamento infermieristico e/o tecnico temporaneo e supporto all'attività di coordinamento. Assumono la funzione di coordinamento in assenza del coordinatore o in strutture in cui il coordinatore non è stabilmente presente. Prerequisiti: Rapporto fiduciario con il coordinatore. Esperienza nella specifica unità operativa e/o pregressa esperienza di referenza organizzativa con valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Numero previsto: Quantità in relazione al numero di personale e alla dislocazione delle articolazioni organizzative: 1 per DH; 1 per area ambulatoriale; in relazione al numero di personale gestito per degenze e servizi: 1 se <10, 2 se 11/30, 3 se 31/50 e 4 se >50. Quote: 2 mensili. Elementi di valutazione: Triennale o al trasferimento in altra unità in relazione a: ; Bozza di sperimentazione 17 gennaio

9 - gestione della referenza organizzativa sulla base della relazione annuale del coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino il RO sono elementi di valutazione negativa. 11) Ref. Organizzativo/Esperto di area critica (EAC) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Coordinamento infermieristico e/o tecnico temporaneo e supporto all attività di coordinamento. Assume la responsabilità di turno. Assume responsabilità di inserimento e addestramento Prerequisiti: Esperienza nella specifica unità operativa e/o pregressa esperienza di referenza organizzativa con valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Numero previsto: Il numero è considerato all interno dei referenti organizzativi complessivi dell unità organizzativa. Pertanto la quantità è in relazione al numero di personale e alla dislocazione delle articolazioni organizzative: 1 per DH; 1 per area ambulatoriale; in relazione al numero di personale gestito per degenze e servizi: 1 se <10, 2 se 11/30, 3 se 31/50 e 4 se >50. Quote: 4 mensili - gestione della referenza organizzativa sulla base della relazione del coordinatore - relazione sull attività dell area critica in termini di sviluppo del personale e di miglioramento dell assistenza da presentare annualmente al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino l Area Critica sono elementi di valutazione negativa. 12) Ref. Organizzativo/Infermiere strumentista esperto (ISE) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Esperto di strumentazione in sala operatoria e di gestione della tecnologia connessa. Assume responsabilità di inserimento e addestramento Prerequisiti: Esperienza nella specifica unità operativa e/o pregressa esperienza di referenza organizzativa con valorizzando la specifica formazione (perfezionamento, master, lauree, alta formazione, ecc.). Numero previsto: Il numero è considerato all interno dei referenti organizzativi complessivi dell unità organizzativa. Pertanto la quantità è in relazione al numero di personale e alla dislocazione delle articolazioni organizzative: 1 per DH; 1 per area ambulatoriale; in relazione al numero di personale gestito per degenze e servizi: 1 se <10, 2 se 11/30, 3 se 31/50 e 4 se >50. Quote: 4 mensili - gestione della referenza organizzativa sulla base della relazione del coordinatore - relazione sull attività del blocco operatorio in termini di sviluppo del personale e di miglioramento dell assistenza da presentare annualmente al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino il Blocco Operatorio sono elementi di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

10 13) Referente apparecchiature (RA) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per la manutenzione delle apparecchiature complesse e/o gestione di rilevanti tecnologie sanitarie. Assume la funzione di riferimento anche per le Tecnologie Biomediche. Prerequisiti: Esperienza nella gestione della tecnologia complessa. Eventuali specifici corsi di aggiornamento possono costituire elemento di preferenza. Numero previsto: 1 per U.O., limitatamente a dialisi, terapie intensive, blocchi operatori, neonatologia, radiologie, aferesi e laboratori ad elevata tecnologia. Quote: 2 mensili ; - relazione sulle apparecchiature e/o tecnologie gestite da inoltrare al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino la gestione delle apparecchiature sono elementi di ragione della prosecuzione del progetto. 14) Infermiere addetto alla Fluorangiografia (I.FLUO) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per l effettuazione della fluorangiografia e la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Training di apprendimento sulla tecnica di fluorangiografia. Esplicito riconoscimento dell autonomia. Numero previsto: 2 per specifica U.O. Quote: 2 mensili ; - gestione delle fluorangiografie con relazione annuale presentata al coordinatore; - segnalazioni di disservizi che interessino la Fluorangiografia sono elementi di 15) Infermiere Endoscopista (I.ENDO) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività: Riferimento per il supporto all'effettuazione delle endoscopie e per la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale. Trainig di addestramento nell assistenza endoscopica. Competenze nel lavaggio, nella sterilizzazione, nella manutenzione e nella conservazione delle attrezzature endoscopiche. Numero previsto: tutti quelli che svolgono stabilmente l attività Quote: 2 mensili. ; - gestione delle endoscopie; Bozza di sperimentazione 17 gennaio

11 - segnalazioni di disservizi che interessino le endoscopie sono elementi di valutazione negativa. 16) Infermiere Gessista (I.GES) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per il confezionamento degli apparecchi gessati e per la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Esperienza pluriennale nella specifica disciplina. Training formativo specifico. Numero previsto: 3 o 4 unità che svolgono l attività nella specifica U.O. Quote: 2 mensili ; - gestione del confezionamento degli apparecchi gessati; - segnalazioni di disservizi che interessino il confezionamento degli apparecchi gessati sono elementi di 17) Infermiere Strumentista (I.STR) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività: Riferimento per la strumentazione in sala operatoria, per la sterilizzazione e per la gestione della tecnologia connessa. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: tutti quelli che svolgono l attività nei blocchi operatori. Le esigenze medie sono definite per ogni sala operatoria: - B.O. cardiochirurgico: - B.O. 2 : - B.O. 3 : - B.O. 4 : - B.O. pediatrico: - B.O. ostetrico ginecologico: - B.O. medicazione centralizzata: - B.O. ortopedico: - B.O. urologico: - B.O. oculistico: - Sala Travaglio e Parto: Quote: Elementi di valutazione: Triennale ; - gestione della strumentazione e della sterilizzazione nei blocchi operatori; - segnalazioni di disservizi che interessino la strumentazione e/o la sterilizzazione sono elementi di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

12 3.2 POSIZIONI FUNZIONALI PER OBIETTIVO 18) Infermiere/Tecnico tutor per corsi form. e neoassunti (TU) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Supporto formativo a studenti e personale neo assunto o in addestramento Prerequisiti: Corso aziendale per tutor ma anche provvisorio, se con esperienza, in attesa del corso. Master specifico. Numero previsto: Da 1 a 3 per UO sulla base del numero degli operatori: <10; 10/30; >30 Quote: 12 annue - relazione annuale sull attività svolta da presentare al coordinatore; - eventuali segnalazioni di disservizi rispetto allo specifico settore sono motivo di 19) Referente documentazione (RD) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per il miglioramento della documentazione infermieristica, ostetrica e riabilitativa. Prerequisiti: Partecipazione allo specifico progetto. Partecipazione alle iniziative formative. Numero previsto: 2 per UO di degenza ordinaria e DH, 2 per BO e dialisi. Quote: 12 annuali - relazione annuale sull attività svolta da presentare al coordinatore; Referente della figura: Inf. Ruffini Barbara 20) Referente informatizzazione (RI) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la realizzazione della rete informatizzata aziendale. Prerequisiti: Specifiche competenze ed esperienza nella gestione e formazione su procedure informatiche. Numero previsto: 1 per U.O. Quote: - relazione annuale sull attività svolta da presentare al coordinatore; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

13 Referente della figura: 21) Referente per le lesioni da compressione (LDD) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la rilevazione, prevenzione e trattamento delle lesioni da compressione nei reparti di degenza. Prerequisiti: Addestramento sulla rilevazione del rischio e della stadiazione delle lesioni da decubito. Partecipazione allo specifico progetto. Specifico corso di formazione. Numero previsto: 2 per UO rischio alto e medio; 1 per UO rischio basso o per ostetricia e pediatria generale Quote: 12 annuali - partecipazione all attività di rilevazione - segnalazioni delle lesioni e richieste di consulenza al settore di sorveglianza; - eventuali segnalazioni di disservizi su lesioni non documentate sono motivo di Note: le segnalazioni sono raccolte tramite il fax del settore sorveglianza o altra modalità di comunicazione prevista. Referente della figura: Inf. Spec. Mirella Fontana 22) Infermiere Stoma-terapista (IST) Individuazione nominale: coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella gestione delle stomie sia enteriche che urinarie e per l educazione e addestramento dei pazienti e loro familiari. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza generale di area chirurgica. Specifica formazione e addestramento. Numero previsto: 2 per ogni specifica area chirurgica e urologica. Quote: 24 annuali - relazione annuale sull attività svolta al responsabile del progetto; - Segnalazioni di disservizi nell attività svolta sono elementi di 23) Infermiere Uroriabilitatore (IU) Individuazione nominale: coordinatore Descrizione attività:. Riferimento per la consulenza specialistica nella gestione dell'incontinenza urinaria e per l'educazione e addestramento dei pazienti, e nella gestione delle problematiche connesse al cateterismo vescicale Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza specialistica. Specifica formazione e addestramento. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

14 Numero previsto: 2 per ogni specifica area ginecologica e urologica. Quote: 24 annuali - relazione annuale sull attività svolta al responsabile del progetto; 24) Infermiere esperto nel controllo del dolore (IDOL) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività:. Referente per il progetto di controllo del dolore Prerequisiti: Esperienza pluriennale nelle discipline di provenienza. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 1 ogni 15 pl per le unità operative coinvolte dallo specifico progetto. Quote: - relazione annuale sull attività svolta al coordinatore; 25) Infermiere esperto nel supporto alla famiglia del bambino (IESB) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Responsabile di progetto e coordinatore. Descrizione attività:. Riferimento per il supporto alla famiglia del bambino in situazione critica. Prerequisiti: Esperienza pluriennale in assistenza pediatrica. Specifica formazione ed addestramento. Numero previsto: 5/6 su specifico progetto aziendale che interessa le aree pediatriche critiche. Quote: - relazione annuale sull attività svolta al responsabile di progetto; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di 26) Esperto controllo cadute pazienti (ECCP) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore. Descrizione attività:. Referente per il progetto di controllo delle cadute dei pazienti ricoverati. Prerequisiti: - Partecipazione allo specifico progetto. Specifico corso di formazione. Numero previsto: 2 per UO rischio alto e medio. Quote: Bozza di sperimentazione 17 gennaio

15 - relazione annuale sull attività svolta al coordinatore; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore non documentati sono motivo di 27) Esperto in movimentazione manuale carichi (MMC) (in via di sviluppo) Individuazione nominale: Coordinatore Descrizione attività:. Terapista o Infermiere referente per la movimentazione manuale dei carichi con funzioni di addestramento Prerequisiti: Specifica formazione. Numero previsto: 1 o 2 per U.O. secondo specifico progetto. Quote: - relazione annuale sull attività svolta al responsabile di progetto; - eventuali segnalazioni di disservizzi rispetto allo specifico settore sono motivo di Bozza di sperimentazione 17 gennaio

16 4. MODALITÀ DI GESTIONE DELLE POSIZIONI Per le posizioni funzionali che lo prevedono, chi effettua la nomina dell operatore a ricoprire la posizione è diverso da chi regola lo sviluppo della posizione per impedire conflitti e personalizzazioni. In questi casi, il referente della figura ha il compito di favorire il buon funzionamento della posizione indipendentemente da chi la ricopre, mentre chi nomina l operatore ha il compito di far si che la posizione sia ricoperta dalla persona giusta. Le relazioni annuali vengono raccolte dal coordinatore. La valutazione complessiva è stilata dal coordinatore/referente di progetto che le trasmette alla Direzione SIT. Per l'identificazione nominale di tutte le posizioni funzionali sono coinvolti in modo determinante i coordinatori ed, in alcuni casi limitati, i referenti dei progetti. Infatti, dal coordinatore di ogni U.O. sono comunicati i nominativi degli operatori che ricoprono le posizioni funzionali. L'attivazione di ognuna delle posizioni è vincolata al rispetto di quanto indicato nella relativa descrizione della posizione funzionale. 4.1 PROCEDURA DI GESTIONE DELLE POSIZIONI FUNZIONALI 1. La Direzione SIT definisce le linee di sviluppo strategico e le negozia con le organizzazioni sindacali. In essa si individuano le posizioni funzionali di programma o per obiettivo da attivare e se ne descrive il profilo tipo. Ne viene stimata anche consistenza numerica e la quantificazione economica. Annualmente si verificano congiuntamente il consultivo ed il preventivo. 2. La Direzione SIT, attraverso i Referenti di progetto ed i Dirigenti Infermieristici e Tecnici di Dipartimento, diffonde i profili delle posizioni funzionali ai Coordinatori e ne autorizza la copertura. 3. Il Coordinatore o il referente di progetto inviano le coperture nominative delle posizioni funzionali o le eventuali variazioni alla Direzione del SIT tramite (su specifica 4. La Direzione SIT mantiene la registrazione delle posizioni funzionali in apposito database e comunica all ufficio incentivazione aziendale le variazioni al fine di adeguare la retribuzione delle posizioni retribuite mensilmente e retribuire annualmente le posizioni a retribuzione annuale. 5. L ufficio incentivazione corrisponde l'incentivo economico mensilmente o annualmente. 6. Le posizioni funzionali sono visibili a tutte le UU.OO. tramite la rete intranet nel sito del SIT. Procedura di valutazione delle posizioni funzionali. 1. Annualmente, nel mese di settembre, viene attivata la procedura di valutazione. I coordinatori e i referenti di progetto devono inviare la relazione entro il 30 novembre. 2. Le quote delle posizioni funzionali vengono automaticamente decurtate sulla base delle assenze dall ufficio incentivi, se superata la franchigia prevista. 3. I debiti orati negativi, segnalati alla DSIT da parte dell ufficio personale, comportano la trattenuta delle quote di incentivazione. Bozza di sperimentazione 17 gennaio

17 Bologna, * Alla Direzione del Servizio Infermieristico, Tecnico e Riabilitativo Pad. 19 SO MODULO DI COMUNICAZIONE PER LE VARIAZIONI DELLE POSIZIONI FUNZIONALI (inviare la variazione via a: Unità organizzativa* Posizioni Da A Qualifica Cognome e Nome Qualifica Cognome e Nome Note per le variazioni: Il Coordinatore o Referente del personale infermieristico o tecnico* (firma o sigla) N.B. Le variazioni si intendono effettive al 1 del mese di comunicazione. Fa fede la data del timbro di arrivo. *Le comunicazioni senza data, timbro e firma saranno restituite al mittente. DSITR - 1 gennaio 2007

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura

Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura Allegato 3 requisiti organizzativi di personale minimi per le attività ospedaliere Schema di riferimento per la dotazione di personale minimo per le attività ospedaliere e le case di cura 1 Gli schemi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome REGONASCHI NADIA E-mail Nazionalità nad.reg@alice.it italiana Data di nascita 26/10/1963 Luogo di nascita

Dettagli

Curriculum vitae Europass

Curriculum vitae Europass Curriculum vitae Europass INFORMAZIONI PERSONALI Nome(i) / Cognome(i) GIROTTO CHIARA ] Indirizzo Telefono casa 0425/27721 Telefono ufficio 0442/622016 Telefono mobile 3472966653 Fax 0442622721 E-mail Viale

Dettagli

Esperienza del network JCI

Esperienza del network JCI Esperienza del network JCI Dr. Massimiliano Raponi 19 novembre 2011 2 IL SECOLO XIX 1! 3 L Attività dell OPBG 4 Sedi 11 Dipartimenti 607 posti letto 30.344 Ricoveri Ordinari/anno 101.980 Accessi DH/anno

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005

PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 AZIENDA OSPEDALE - UNIVERSITA' Arcispedale Sant'Anna PROGRAMMAZIONE CONGEDO ORDINARIO ANNO 2005 L Azienda ritiene di confermare anche per l anno 2005 l obiettivo di procedere ad una tendenziale riduzione

Dettagli

ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS)

ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS) ALLEGATO E FABBISOGNO DELL ISTITUTO PER LA SICUREZZA SOCIALE (ISS) TITOLO I STAFF E SERVIZI COMUNI CAPO I Ufficio Controllo di Gestione Servizio Informativo 1 Esperto Tecnico (ESPTEC) CAPO II Ufficio Informatico

Dettagli

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei

Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei Commissione Nazionale Corsi di Laurea in Infermieristica Milano 10 giugno 2011 Criteri irrinunciabili nella ridefinizione dei protocolli d intesa d Università - Regioni Valerio Dimonte Legge 30 DICEMBRE

Dettagli

Dal 3.06.1997 ad oggi. Azienda Ospedaliera: S.I.T.R.A. Infermiere esperto con funzioni di coordinamento

Dal 3.06.1997 ad oggi. Azienda Ospedaliera: S.I.T.R.A. Infermiere esperto con funzioni di coordinamento INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Ruggeri Marina Luogo e Data di nascita Lonate P.lo VA- il 17 agosto 1962 Nazionalità italiana Qualifica collaboratore professionale sanitario esperto infermiere Cat.

Dettagli

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00

Meris.fiamminghi@ausl.bo.it. Manageriale - Dirigente delle Professioni Sanitarie L.251/00 F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI FIAMMINGHI MERIS telefono 0516225173 ( segret. SATER Bellaria ) Fax 0516225312 E-mail Meris.fiamminghi@ausl.bo.it Nazionalità Italiana Data

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO

Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO q Curriculum vitae di NICOLETTA SCAVINO D A T I P E R S O N A L I Nome e cognome Data e luogo di nascita Residenza Nicoletta Scavino 6 settembre 1959, Alba (CN) C.so Francia 103/a 10098 RIVOLI Tel. 011-9572601

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome CLAUDIA LEPRATTO Indirizzo ASL AL SEDI DI OVADA E ACQUI TERME Telefono 0143/826402-0144 777374 Fax 0143 /826404-0144

Dettagli

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO

DOCUMENTO ORGANIZZATIVO e dei PROCESSI del SERVIZIO INFERMIERISTICO CTO e dei PROCESSI del SERVIZIO Rev. 1 Pag. 1 di 6 1 Mission e Vision Il presente documento ha lo scopo di definire la struttura organizzativa, funzioni e responsabilità del Servizio Infermieristico del Presidio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E La sottoscritta Magri Miriam Teresa,dichiara che: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Miriam Magri Nazionalità

Dettagli

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale

RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO. Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale RAPPORTI UNIVERSITA E OSPEDALI DI INSEGNAMENTO Marco Bosio Direttore Sanitario Aziendale UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE E stata fondata da Padre Agostino Gemelli nel 1921 E presente in 4 città: Milano,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI CHIRURGIA PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Chirurgia come previsto dall art. 8.3 dell Atto

Dettagli

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE IL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Come indicato nel Piano Annuale della Performance (P.A.P.), predisposto a partire dall anno 2015, l Azienda annualmente esplicita gli obiettivi,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE DISCIPLINA DELL ORGANIZZAZIONE E DEGLI ASPETTI OPERATIVI DEL SERVIZIO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Indice 1. Denominazione pag 2 2. Natura istituzionale e finalità pag 2 3. Personale afferente al Servizio

Dettagli

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12.

Nota trasmessa dalla Regione Emilia Romagna in merito al disposto dell art. 19. Comma 11 della legge finanziaria 2002 (L. 28.12. FINANZIARIA 2002 (L.448 DEL 28.12.2001): IMPORTANTI NOVITA' PER I MEDICI, IN VIGORE DALL' 1.1.2002 Art. 19 (...) 10. I medici di base iscritti negli elenchi di medicina generale del Servizio sanitario

Dettagli

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico

Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Rita Laccoto CURRICULUM VITAE Nata a Brolo il 28/05/1950 Dal 1971 a tutt oggi in servizio presso la Clinica Ostetrica Ginecologica del Policlinico Universitario di Messina con la qualifica di Coordinatore

Dettagli

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA

L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA L' EVOLUZIONE DELLE NORME CHE REGOLANO L'ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DI COORDINAMENTO NEL CONTRATTO DEL COMPARTO SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer PREMESSA

Dettagli

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative

Roma 29 marzo 2011. L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Roma 29 marzo 2011 L'applicazione del DM 270 del 2004 nella formazione universitaria dell'infermiere: sviluppi, criticità e aspettative Prof. ROSARIA ALVARO Associato Scienze Infermieristiche Università

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

18ª EDIZIONE Sede di Castellanza

18ª EDIZIONE Sede di Castellanza REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO NELL AREA DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE/DELLA PROFESSIONE OSTETRICA/DELLE PROFESSIONI RIABILITATIVE/DELLE PROFESSIONI

Dettagli

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F.

ademarc@policlinico.mi.it 01.07.2015 a tutt oggi Fondazione IRCCS CA Granda Ospedale Maggiore Policlinico lavoro Via F. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E D I A N T O N I A D E M A R C H I DATI ANAGRAFICI Nome Antonia Demarchi Indirizzo Telefono 3355793716 E-mail ademarc@policlinico.mi.it

Dettagli

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro. a.a. 2014-2015

Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro. a.a. 2014-2015 Università Politecnica delle Marche CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA Polo didattico di Pesaro a.a. 2014-2015 Coordinatore Tirocinio. Dott.ssa Milena Nicolino Tel. 0721.366327 0721365311 e-mail: milena.nicolino@ospedalimarchenord.it

Dettagli

Consiglio Regionale della Calabria

Consiglio Regionale della Calabria Consiglio Regionale della Calabria VII^ Legislatura Progetto di legge Istituzione della dirigenza e dei Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico-Sanitarie

Dettagli

PROCEDURA. Formazione del personale

PROCEDURA. Formazione del personale Pag. 1 PROCEDURA Data di applicazione 27 maggio 2009 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome Responsabile SFR Dott. P. Sacchetti 22/05/2009 Responsabile UF Dott.ssa N. Valdinoci Dirigente

Dettagli

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie

L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie L evoluzione normativa delle Professioni Sanitarie III Corso Regionale Mario Nironi 24 ottobre 2008 Lorenzo Broccoli 1 Le Professioni Sanitarie: Fonti normative (1) Art. 99 R.D. n. 1265/1934 (Testo unico

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Destrebecq Anne Lucie Indirizzo Via Dante n.3/13 cap. 20068 Peschiera Borromeo (Milano) Italy Telefono

Dettagli

1. OGGETTO DELL AVVISO

1. OGGETTO DELL AVVISO ASL 7 CARBONIA AVVISO DI INTERNO, PER LA COSTITUZIONE DELL ALBO DEI TUTORS PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCNIO FORMATIVO DEGLI ALLIEVI DEI CORSI OSS POR 2000/2006 ASSE III Pubblicato il 30.10.2013 Scade il

Dettagli

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO

CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo CHIARA BOGGIO GILOT STRADA DEL FIOCCARDO, 97 - TORINO Telefono 3389688974 Fax E-mail chiara.boggiogilot@tin.it

Dettagli

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO

DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DEFINIZIONE DEL FABBISOGNO DELLE RISORSE INFERMIERISTICHE, FISIOTERAPISTI, DEL PERSONALE DI SUPPORTO E DEL PERSONALE SANITARIO DELLA RIABILITAZIONE La definizione del fabbisogno delle risorse infermieristiche

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI KATIA BALLO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Data di nascita 16 FEBBRAIO 1973

INFORMAZIONI PERSONALI KATIA BALLO ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E. Nome. Data di nascita 16 FEBBRAIO 1973 C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome KATIA BALLO Nazionalità ITALIANA Data di nascita 16 FEBBRAIO 1973 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal 1998 ad oggi ASST SETTE LAGHI Presidio

Dettagli

Curriculum Formativo-Professionale

Curriculum Formativo-Professionale Curriculum Formativo-Professionale Io sottoscritta Guerriera Gaetana, nata a Messina il 17/03/1966, ed ivi residente in Via Manzoni, n. 43 98121 Messina, dichiaro sotto la mia personale responsabilità:

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II,

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N 082 DEL 23 FEBBRAIO 2015 CONVENZIONE TRA L AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA FEDERICO II, PARTITA IVA n. 06909360635, nella persona del Direttore Generale, Prof. Giovanni

Dettagli

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale

Diploma di Vigilatrice di Infanzia. Professionale ospedale Pediatrico Bambin Gesù Roma-1996. Diploma di Infermiere Professionale F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Scuola Diploma di Vigilatrice di Infanzia Infermiera

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI FORMAZIONE. Art. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI FORMAZIONE. Art. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ATTRIBUZIONE DI BORSE DI FORMAZIONE Art. 1 OGGETTO E DEFINIZIONI Il presente documento individua e disciplina le procedure per l assegnazione di borse di formazione che Porto Conte Ricerche

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna.

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI PER IL CURRICULUM VITAE. Parenti Mita. Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax. mparenti@regione.emilia-romagna. F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Parenti Mita mparenti@regione.emilia-romagna.it Pagina 1 - Curriculum vitae di Parenti Mita ESPERIENZA

Dettagli

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale

Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Progetto QPCO: Qualità Percepita della Cura in Ospedale Indagine di soddisfazione rivolta agli utenti dei servizi di degenza INTRODUZIONE L applicazione di strumenti per la rilevazione della soddisfazione

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana

Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Esiti del modello di intensità di cure sulla popolazione anziana Resp. Inf.ca: U.O. Assistenza Infermieristica Ospedaliera e Territoriale Lucca L.Natucci Ospedale per intensità di cura da dove nasce? In

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA

MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 2008/2009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA MANIFESTO DEGLI STUDI - A. A. 008/009 CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA PEDIATRICA PREMESSA CARATTERISTICHE E FINALITA DEL CORSO Il di Laurea in Infermieristica Pediatrica, appartenente alla Classe delle

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

1.2 TIPOLOGIA DI ACQUISIZIONE Acquisto Noleggio Service Leasing Donazione Comodato d'uso. 1.3 PRIORITA' PER IL REPARTO Alta Media Bassa

1.2 TIPOLOGIA DI ACQUISIZIONE Acquisto Noleggio Service Leasing Donazione Comodato d'uso. 1.3 PRIORITA' PER IL REPARTO Alta Media Bassa Modello Acquisto Nuova Apparecchiatura Sanitaria Al Direttore Generale SEDE U.O. Proponente Dipartimento Centro di Costo Telefono Unità Operativa Protocollo e Data E-mail Prima richiesta Richiesta successiva

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE AZIENDA USL7 DI SIENA 2014-2015-2016 ALLEGATO 2 MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI

PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE AZIENDA USL7 DI SIENA 2014-2015-2016 ALLEGATO 2 MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI PIANO TRIENNALE ANTICORRUZIONE AZIENDA USL7 DI SIENA 2014-2015-2016 ALLEGATO 2 MAPPATURA DEI PROCESSI AZIENDALI aggiornamento 31 gennaio 2014 Gestione contenzioso tramite legali esterni A. Affari Generali

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO

CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO CURRICULUM VITAE IN FORMATO EUROPEO Informazioni personali Nome PIANA TIZIANA Comune di residenza VIGEVANO (Pavia) E-mail sitra@aogallarate.it Nazionalità Italiana Luogo e Data di nascita Vigevano, 02-03-1963

Dettagli

L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme. Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari

L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme. Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari L esperienza dell Ospedale di Porretta Terme Grado,14 novembre 2013 Barbara Cacciari Liana Tartari Professionisti coinvolti Responsabili organizzativo-gestionali Infermieri Clinici Coordinatori dell assistenza

Dettagli

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione

Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Attribuzione Funzioni di Coordinamento nell ambito dei diversi Profili Professioni per la copertura di postazioni di lavoro afferenti alla Direzione Assistenziale 24 Maggio 2007 1 Premessa Il ruolo del

Dettagli

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA

REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI FUNZIONAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA INDICE RIFERIMENTI NORMATIVI PREMESSE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Assetto organizzativo Art. 3 Strutture, Programmi

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI SCAGLIA MARCO. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità SCAGLIA MARCO Italiana ESPERIENZA LAVORATIVA Data di nascita 17

Dettagli

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE INDIVIDUALE PERMANENTE DEL PERSONALE DEL COMPARTO In vigore dal 2013

IL SISTEMA DI VALUTAZIONE INDIVIDUALE PERMANENTE DEL PERSONALE DEL COMPARTO In vigore dal 2013 IL SISTEMA DI VALUTAZIONE INDIVIDUALE PERMANENTE DEL PERSONALE DEL COMPARTO In vigore dal 2013 1) Principi Il sistema di valutazione permanente del personale del comparto si adegua alle disposizioni normative

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA)

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE (ROMA) Art. 1 Istituzione del Master di primo livello per le funzioni di coordinamento

Dettagli

Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. pag. 1 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Chiara Maria ANDRISANI

Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. pag. 1 FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE. Chiara Maria ANDRISANI FORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE Dott.ssa Chiara Maria ANDRISANI INFORMAZIONI PERSONALI Nome Chiara Maria ANDRISANI Indirizzo Via Lucana, 236 Telefono 0835 253533 FAX 0835 253533 E-mail Nazionalità

Dettagli

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA

16/02/1992 a tutt ora Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana via Roma,67 56100 PISA F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome MARCHETTI FEDERICA Indirizzo PIAZZA DELLE VETTOVAGLIE, 35 56126 PISA Telefono cell. 347/3658099 ufficio 050/995751

Dettagli

Posizione Organizzativa - Direzione Sanitaria

Posizione Organizzativa - Direzione Sanitaria INFORMAZIONI PERSONALI Nome GIORDANO FRANCESCO Data di nascita 01/03/1962 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Coordinatore Infermieristico AZIENDA OSPEDALIERA S Posizione

Dettagli

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI

SCHEDA RACCOLTA DATI PER ACCREDITAMENTO EVENTI Obiettivi formativi: Abstract/Razionale del corso/convegno: in conformità all obiettivo generale (da individuare un obiettivo tra quelli contenuti nella tabella allegata (allegato 1)) individuato nell

Dettagli

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna

L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro: siamo preparati? Massimo Laus Bologna L ospedale del futuro Edilizia/tecnologia Logistica ( intensità di cura) Percorsi dei Pazienti Le nuove professioni sanitarie Responsabilità

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955. Cognome e Nome INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome FRISON TIZIANA Data di nascita 09/08/1955 Qualifica Collaboratore Professionale Sanitario Esperto Infermiere esperto Ds 2 Amministrazione Incarico attuale In servizio

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LOZIORI DANIELA Telefono 349-1886188 Fax E-mail Nazionalità italiana Data di nascita 06.09.1962

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento

AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO. Regolamento AZIENDA OSPEDALIERA SAN CAMILLO - FORLANINI IL DIPARTIMENTO INFERMIERISTICO, TECNICO, RIABILITATIVO ED OSTETRICO Regolamento Premessa Il presente regolamento intende definire e disciplinare l organizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù

www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù www.ospedalebambinogesu.it il Portale Sanitario Pediatrico dell Ospedale Bambino Gesù Massimiliano Manzetti Direzione Sistemi Informativi e Organizzazione Ospedale Pediatrico Bambino Gesù I Seminario Sicurezza

Dettagli

Posizione Organizzativa - Reparto di Neurochirurgia Femminile e Maschile

Posizione Organizzativa - Reparto di Neurochirurgia Femminile e Maschile INFORMAZIONI PERSONALI Nome TIDONI VITALIANO Data di nascita 08/03/1954 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio A.F.D. AZIENDA OSPEDALIERA SPEDALI CIVILI - BRESCIA Posizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica Sezione Formativa di Ravenna Forlì Cotignola REGOLAMENTO PER L ATTIVITA FORMATIVA PRATICA E DI TIROCINIO CLINICO Premessa L'attività formativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. H al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 ART. 1 - Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015, il Master Universitario di I livello in Infermiere di Area

Dettagli

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO

AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO AZIENDA USL DI IMOLA - MISSION - ORGANI - ASSETTO ORGANIZZATIVO MISSION DELL AUSL DI IMOLA L Azienda Sanitaria di Imola è precipuamente impegnata nel governo della domanda di servizi e prestazioni sanitarie

Dettagli

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

CURRICULUM VITAE TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tumiati Marina Data di nascita 31 gennaio 1964 Qualifica Infermiera Amministrazione Azienda U.L.S.S. 19 Incarico attuale Infermiera con incarico di tutor degli

Dettagli

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015

REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 REGOLAMENTO DI BUDGET 2015 Premessa La programmazione Aziendale ricomprende in modo integrato il documento di programmazione annuale, il Piano Performance, gli Obiettivi di Interesse Regionale, gli obiettivi

Dettagli

SERVIZIO PER LE PROFESSIONI SANITARIE

SERVIZIO PER LE PROFESSIONI SANITARIE SERVIZIO PER LE PROFESSIONI SANITARIE Dirigente Responsabile Dr. Achille Di Falco 10 GENNAIO 2013 1 Indicazioni normative e non 2 Riferimenti precisi attraverso cui calcolare il fabbisogno di personale

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere. Posizione Organizzativa - CHIRURGIA GENERALE

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere. Posizione Organizzativa - CHIRURGIA GENERALE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Lauria Tiziana Data di nascita 18/04/1965 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Collaboratore Professionale Sanitario Esperto - Infermiere

Dettagli

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015

ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA. Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 Regione Campania ASL CASERTA OSPEDALE DI COMUNITA di TEANO Guida ai Servizi SETTEMBRE 2015 GUIDA AI SERVIZI OSPEDALE DI COMUNITÀ DI TEANO (OdC) Premessa L Ospedale di Comunità di Teano è una struttura

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Scarperia (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLA MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE (Parte integrante dell Ordinamento generale degli uffici e dei servizi) Approvato

Dettagli

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP

MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP MANAGEMENT DELLE CURE PRIMARIE E TERRITORIALI - MACUP Master di I Livello in distance - IV EDIZIONE - A.A. 2015/2016 Premessa Le ragioni della realizzazione di un percorso formativo per un Master di primo

Dettagli

1) dal 27.6.80 al 31.10.94 : dirigente medico settore di medicina. 2) Componente della Commissione Invalidi Civili Aversa II, (medico del

1) dal 27.6.80 al 31.10.94 : dirigente medico settore di medicina. 2) Componente della Commissione Invalidi Civili Aversa II, (medico del REGIONE CAMPANIA AZIENSA SANITARIA LOCALE CASERTA Via Unità Italiana n 28 Caserta Curriculum Formativo e Professionale del dott. Mariano Buniello Informazioni Personali Buniello Mariano Via Giuseppe Zanardelli

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961

Poletti Massimo. 03 Settembre 1961 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Nome Poletti Massimo Data di nascita 03 Settembre 1961 Codice fiscale Qualifica Amministrazione PLT MSM 61P03 D921 M Incarico attuale Assegnatario di posizione organizzativa

Dettagli

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana

Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it. Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana INFORMAZIONI PERSONALI ANNA MARIA SAIEVA Via Tartini, n.5 Padova (PD) C.A.P. 35131 +39 3357767447 annamaria.saieva@sanita.padova.it Sesso F Data di nascita 09/11/1958 Nazionalità italiana DICHIARA QUANTO

Dettagli

Strumentisti di Sala Operatoria

Strumentisti di Sala Operatoria Master di I Livello in Strumentisti di Sala Operatoria Art. 1 Attivazione del Master L Università degli Studi de L Aquila attiva, su proposta della Facoltà di Medicina e Chirurgia un Master di 1 livello

Dettagli

ATTIVITA SPECIALISTICA

ATTIVITA SPECIALISTICA Allegato A) Profilo di Ruolo del Direttore di Struttura complessa ATTIVITA SPECIALISTICA DISTRETTO SOCIO-SANITARIO SUD Titolo dell incarico Direttore di struttura complessa di Attività Specialistica Luogo

Dettagli

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE

GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Direzione del Servizio Infermieristico e Tecnico GESTIONE DEL RISCHIO, QUALE L APPROCCIO ASSISTENZIALE Annita Caminati e Roberta Mazzoni RISK MANAGEMENT Insieme di attività coordinate per gestire un organizzazione

Dettagli

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5

ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO A Dgr n. del pag. 1/5 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PLURIENNALI DI RICERCA SANITARIA FINALIZZATA PER L ANNO 2012. ART. 1 La Ricerca

Dettagli

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico

Sanitario) Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Scheda informativa Università Classe Universita' degli Studi di PADOVA Nome del corso Data del DM di approvazione del ordinamento 19/04/2005 didattico Data del DR di emanazione del ordinamento 19/04/2005

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA ANNO ACCADEMICO 2015/2016 PERSONALE COMPARTO

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA ANNO ACCADEMICO 2015/2016 PERSONALE COMPARTO CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA - SEDE FORMATIVA DI ALBA Semestre integrato Disciplina Attività di Complemento richiesta n ore Profilo professionale richiesto 1 I Scienze infermieristiche Metodologia

Dettagli

Master I livello Area Critica per Infermieri A.A. 2013/2014. AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO codice bando INF/14

Master I livello Area Critica per Infermieri A.A. 2013/2014. AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO codice bando INF/14 Prot. N. 6/2013 Pos. K/04 Master I livello Area Critica per Infermieri A.A. 2013/2014 AVVISO DI CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSEGNAMENTO codice bando INF/14 DATA DI PUBBLICAZIONE: 20 dicembre 2013 DATA

Dettagli

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE

L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE L INFERMIERE CASE MANAGER IN MEDICINA INTERNA L ESPERIENZA DI BIELLA PROGETTO FLORENCE Belluno 11 ottobre 2008 Derossi Valentina LA MIA FORMAZIONE Diploma universitario di infermiera 1999 Dal 2000 lavoro

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA

ATTIVITA' DI COMPLEMENTO ALLA DIDATTICA ATTVTA' D COMPLEMENTO ALLA DDATTCA CORSO D LAUREA N OSTETRCA ANNO ACCADEMCO 15/ Anno di Corso PERSONALE COMPARTO Semestre Corso integrato Disciplina Attività di Complemento richiesta n ore Profilo professionale

Dettagli

STATO DI SERVIZIO IN APSS

STATO DI SERVIZIO IN APSS F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo ZAMPEDRI LUCIA VIA SPOLVERINE 24, PERGINE VALSUGANA, 38057 TRENTO Telefono 3479289485 Fax E-mail

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA PROGETTO MATTONI SSN OSPEDALI DI RIFERIMENTO

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate

ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate AZIENDA OSPEDALIER A UNIVERSITA DI PADOVA ISTRUZIONE OPERATIVA Modalità di gestione delle urgenze di persone non r icoverate Preparato da Ref. GdL Dott.ssa C. Destro. Verificato da Direttore S.C. Qualità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MANCINO PAOLA ASL AL VIA RAGGIO 12, 15067 NOVI LIGURE (AL) Telefono 0143/332912 2363-2465 Fax 0143/332919

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/09/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero di telefono e fax dell ufficio

Dettagli

LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE

LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE ARCISPEDALE S. ANNA - AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA AREA COMPARTO LINEE DI INTESA DI CONCERTAZIONE CRITERI DI ATTRIBUZIONE INDENNITÀ DI COORDINAMENTO PARTE VARIABILE PROTOCOLLO D INTESA

Dettagli

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale

Il distretto sanitario di Cividale si presenta. A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il distretto sanitario di Cividale si presenta A cura di Graziella Mauro Responsabile infermieristica Distretto di Cividale Il Distretto è una struttura dell Azienda per i servizi sanitari territoriali

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI

DOCUMENTO DI SINTESI Modulo Relazione audit M_PQ-8-01_03 ed. 3 rev. 00 1 giugno 2010 DOCUMENTO DI SINTESI Modalità di gestione delle registrazioni delle manutenzioni preventive e correttive delle apparecchiature Gennaio 2013

Dettagli