ESCURSIONE TEMATICA PIETRE RACCONTANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESCURSIONE TEMATICA PIETRE RACCONTANO"

Transcript

1 ESCURSIONE TEMATICA PIETRE RACCONTANO

2 hi passeggia per la zona di Falzes tenendo gli occhi bene Caperti si accorge ad ogni passo di essere confrontato con la tematica pietra, intesa cioè nelle sue manifestazioni più svariate. Infatti, in lontananza si innalzano monti, cime aguzze e guglie; alture ricurve e cappe rocciose delimitano la vallata, blocchi di pietra giacciono sparsi per il paesaggio come abbandonati alla dimenticanza. Questi si differenziano per grandezza, forma e caratteristiche e guardandoli più da vicino rivelano una gran varietà di strutture, coloriti e composizioni. Si riscontrano inoltre pietre appositamente lavorate, le quali compaiono come imponenti cubi presso edifici antichi, cornici attorno a vecchi portali, scalinate, banconi, trogoli davanti alle fontane sparse nella zona, pilastri che sorreggono cancelli e steccati, pietre di demarcazione per campi e prati, macine nei vecchi mulini accanto al torrente. Le pietre raccolte per le campagne dissodate sono accuratamente accatastate sui muretti a secco e in prossimità delle abitazioni formano imponenti muri di protezione contro le acque pericolose dei torrenti in piena. Pietre costituiscono selciati di strade e piazze. Ognuna di esse ha la propria storia da raccontare. Geologia e morfologia di Falzes e dintorni. Sorge spontaneamente la domanda, quale sia l'origine di una tale varietà di formazioni geologiche, quale potrebbe essere la loro età. Le serie minerarie a nord di Falzes e dintorni appartengono all'epoca del Cristallino Antico, denominato anche zona degli gneis antichi. Si tratta del materiale minerario presente già nel paleozoico, ossia oltre 500 milioni di anni fa, il quale nel corso delle stratificazioni morfologiche venne schiacciato verso l'interno della crosta terrestre, generalmente esteso a grande profondità, laddove, sottoposto a forte pressione e ad una temperatura di oltre 500 gradi subì una deformazione ed una fusione trasformandosi in gneis, scisto e granite. La struttura morfologica del versante Nord del paese è costituita da gneis e scisto, i cui blocchi minerari presentano due distinte

3 fratture tettoniche. Il cosiddetto Blocco Sud si distingue dal Blocco mediano attraverso la linea KV (Kalkstein (in Valgrata Vallarga) e quest'ultimo a sua volta si discosta dal Blocco Nord attraverso la linea DAV (Defreggen Anterserlva - Valles). Le due fratture possono essere individuate facilmente: la linea KV si estende da Gais verso le alture di Kofl - Platten (sulla strada forestale per Hirschbrunn si schiude la zona milonitica), passando ad Ovest per Corti (Hofern) e Marga (Margen) giungendo in Vallarga. La linea DAV invece percorre la zona Sud del Monte Sommo (Sambock) a circa 2000 metri sopra il livello del mare scendendo dalla malga Platten (1900 m) verso Corti (Hofern) e Terento fino a circa 1400 m sopra il livello del mare. Anche la linea di quest'ultima frattura è facilmente riconoscibile per la roccia sminuzzata e logorata (milonite) che la contraddistingue. Milonite: Minerale sminuzzato in seguito alla pressione causata dal movimento delle rispettive superfici tettoniche e successivamente consolidato. I minerali del Blocco Nord subirono una trasformazione a grandi profondità nel corso della formazione geologica, mentre le configurazioni rocciose del Blocco mediano e del Blocco Sud vennero plasmate a profondità relativamente modeste e ad una pressione meno intensa, cosicché queste ultime presentano tuttora delle strutture morfologiche pressoché inalterate. Si tratta di paragneis ricco di quarzo (comunemente denominato Kroita ), nonché di micascisto (ampiamente scoperto nella zona sottostante Kofl e Platten). Il dosso boschivo a Sud del paese, il cosiddetto Unterberg, è costituito dal minerale piú antico della zona, la fillade quarzifera. In origine si trattava di un sedimento sabbioso, argilloso, esistente giá in epoca anteriore a 580 milioni di anni fa, nel precambrico. In seguito alla formazione della catena variscica esso venne trasformato in fillade (avvenuto in due fasi diverse, 350 e, rispettivamente, 317 milioni di anni fa). Tale minerale, evidenziato da un colorito tra il grigioverde e il

4 marrone, è corroso dalle intemperie, è fortemente pieghettato e presenta delle chiare venature quarzose. La sua presenza in questa zona dell' Unterberg è assai frequente. 270 milioni di anni fa circa lungo la linea della Val Pusteria cominció ad emergere lo strato di granito brissinese. Si tratta di una chiara roccia plutonica (biotite-granito chiaro dalla grana vistosa) che si estende dalla zona di Merano sino ai dintorni di Brunico, finendo per incunearsi e immergendo nel sottosuolo tra Chienes e Falzes (Irenberg). Castel Schöneck poggia su questo strato di granito, il quale sulle superfici in movimento presenta delle forti abrasioni formando dei lievi detriti costituiti da frantume di roccia granitica. Il granito è ben riconoscibile anche lungo la strada fra Chienes e Molini (Mühlen). La linea della Val Pusteria costituisce un segmento di quella che è considerata la falda piú lunga e profonda delle Alpi, la falda periadriatica, la quale si estende da Torino fino alla Stiria per una lunghezza di oltre 700 km e ad una profondità di ben oltre 2000 m. Il suo percorso è chiaramente visibile presso le maggiori vallate longitudinali (Val Pusteria, Gailtal, Valle Drava). Vi si riscontrano le rispettive denominazioni locali (linea insubrica, tonale, giudicaria, pusterese, gail, drava). Si tratta di un punto debole della crosta terrestre facilmente soggetta a ripetute fratture. La zona di Falzes si trova direttamente sulla linea della Val Pusteria che si vede passare da Terento per Corti (Winkler) e Molini (Mühlen) (Schöneck), attraversa Falzes S. Valentino, per proseguire in direzione di Brunico e dell'alta Val Pusteria. Il vero e proprio processo di formazione montuosa con l'emersione delle Alpi come zona di alta montagna avvenne in epoca molto piú tarda, nel terziario (da 6,5 fino a 2,6 milioni di anni fa) ed è tuttora in corso. La forma arrotondata delle cime, nonché l'ampia estensione dei versanti, caratteristiche peculiari delle montagne attorno a Falzes, risalgono alle ere glaciali. Un milione di anni fa circa le Alpi erano coperte da un consistente strato di ghiaccio dovuto ad un generale

5 peggioramento delle condizioni climatiche. Mentre a Nord delle Alpi i ghiacciai si estendevano fino alle lontane pianure, a Sud invece essi stentavano a mostrarsi oltre l'imbocco delle vallate maggiori. Unicamente le cime più elevate emergevano dal manto di ghiaccio che raggiungeva lo spessore di 2000 metri. La zona alpina fu colpita da alcune forti glaciazioni, intervallate da vari periodi di temperature più elevate (ere interglaciali). I ghiacciai, nel corso del loro naturale movimento, trascinarono a valle un imponente massa di detriti rocciosi che poi, nel epoca del cambiamento climatico, con l inalzamento delle temperature e il conseguente scioglimento dei ghiacciai, si depositarono, formando le morene. Nella zona di Falzes fu principalmente il massiccio ghiacciaio della Valle Aurina a depositare grandi quantità di materiali, fra cui anche blocchi rocciosi di notevoli dimensioni che si trovano tuttora sparsi per prati e pascoli (massi erratici). Anni addietro ne era cosparso tutto il fondovalle. Con la progressiva coltivazione di prati e campi furono impiegati molti fra i più maneggevoli massi per erigere grossi muretti a secco assai utili in varie funzioni ad esempio come muri di sostegno sui pendii scoscesi, come recinzioni di campi e campagne, implicitamente anche a protezione contro l'erosione da intemperie e contro l'intrusione indesiderata di animali al pascolo, non ultimo come barriera contro la forza travolgente delle acque torrenziali in seguito a forti piovaschi. Pietra, materiale d'uso I potenti massi erratici, costituiti essenzialmente da granito (Rieserferner Tonalit) proveniente dalla Valle Aurina, furono utilizzati dai nostri antenati come materiale da costruzione, sicché già anticamente a Falzes si sviluppò il mestiere degli scalpellini che poi si è conservato sino ai giorni nostri. E` risaputo che nel medioevo in paese e in particolare nella Richtgrube si erano formate vere e proprie scuole di scalpellino, le quali erano dirette da valenti e rinomati maestri (Valentin Winkler, Friedrich von Pfalzen, Heinrich Stadler di Lothen). Gli scalpellini

6 di Falzes formavano una propria corporazione con propri diritti e proprie consuetudini. Essi avevano suddiviso fra di loro i singoli territori attorno alla montagna di Falzes e versavano regolarmente il loro tributo ai padroni. Il granito serviva alla costruzione di chiese, campanili, portali, costoloni di volte, panche, trogoli; persino la nota fortificazione della Val d'isarco, l'imponente Fortezza( ), venne eretta con granito di Falzes. A tale scopo si dovette procedere al trasporto dei massicci cubi di granito per mezzo di carri trainati da buoi, talché il committente, l'imperatore Francesco I d'austria, visto il costo elevato dell'impresa, si permise la domanda se per caso la fortezza non fosse stata costruita d'argento. Fortezza Escursione tematica: Pietre raccontano Luogo di partenza del percorso è il piazzale dell'edificio scolastico di Falzes. Seguiamo l'indicazione sentiero panoramico e dopo 100 m circa ci troviamo davanti ad un portale di pietra. Una quantità di colonne verticali di granito e gneis conferiscono all'escursione Pietre raccontano una significativa impronta. Le antiche colonne qui adattate a nuovi impieghi fungevano una volta come colonnine di steccati o cancelli, come rivelano ancora oggi gli ancoraggi in getti di piombo.

7 Il portale Passando attraverso il portale si avvia l'escursione tematica Le pietre raccontano. Si ha la possibilità di percorrere il nostro paesaggio a contatto con la cultura locale nelle sue varie manifestazioni, per tornare poi al punto di partenza giungendo allo stesso portale. Vi stanno come guardiani le colonne di pietra infossate. Esse sono una testimonianza del loro molteplice utilizzo. Il nostro itinerario conduce ad una leggera salita attraverso prati e campagne vicino a macchie di nocciolo, rosa selvatica, sambuco, visciolo, prugnolo, costeggiando vecchi muretti a secco da cui spuntano muschi e licheni, ma passando anche accanto ad un bel muro recentemente eretto, le cui pietre sono accastellate con molta cura, con accoglienti posti a sedere predisposti nelle nicchie. Il muretto a secco I muretti a secco, con gli strati di pietre accatastate nel corso dei secoli, rappresentano una peculiarità della nostra civiltà rurale. Essi delimitano viottoli e campagne, proteggono prati e campi da vento e siccità, riparano dall'intrusione di bestiame al pascolo, essi fungono da argini alle acque improvvise dei torrenti in piena. In questi muretti trovano sicuro rifugio innumerevoli utili organismi; attorno ad essi prosperano arbusti che poi i paesani da sempre utilizzano come legna da ardere. Presto raggiungiamo una biforcazione. Uno dei viottoli porta a Hasenried, passando attraverso il Pfaffensteig (segnalazione gialla); noi però proseguiamo diritto (punto rosso) e, arrivati al maso Tiefental, attraversiamo attentamente la via Plattner, passeggiamo lungo il vecchio sentiero sino alle alture del margine del bosco. Nel campo vicino giacciono due imponenti massi erratici, rimasti lí dall'ultima glaciazione.

8 I massi erratici Si definiscono massi erratici quei poderosi blocchi di roccia che i ghiacciai anticamente trasportarono da lontano e che vennero depositati qui allorquando i ghiacciai cominciarono a sciogliersi. I nostri antenati li utilizzarono poi per la produzione di colonne, trogoli, cornicioni attorno a portali, pietre da costruzione, selciati. Poco dopo giungiamo al punto in cui la via Plattner compie un ampio tornante; la attraversiamo e seguiamo la segnalazione Sentiero panoramico (punto rosso). Percorrendo la vecchia carraia ci addentriamo tra grossi alberi nella vallata stretta e scura, finché ci troviamo su una piazzola che porta il nome significativo Kohlstatt (carbonaia), la quale ci ricorda l'antico mestiere dei carbonai. Carbonaia Il termine si riferisce all'antico mestiere del carbonaio. Enormi quantità di legna venivano accuratamente accatastate, ricoperte da decotti di erbe e successivamente incendiate. Data la scarsità di afflusso d'aria la catasta di legna non poteva giungere a combustione, ma si spegneva lentamente, trasformandosi gradualmente in carbone, prodotto una volta assai richiesto. I pesanti massi dalla forma arrotondata sparsi per il terreno nonché i numerosi detriti indicano che le limpide acque del modesto ruscello possono ingrossare pericolosamente in seguito ad ininterrotte precipitazioni trasformandosi in torrenti travolgenti. Successivamente il sentiero fa una stretta curva a destra (verso Est), porta ad una breve salita e prosegue quasi pianeggiante lungo il margine di un bosco permeato di luce. Al di sopra del maso Kerschbaumer ci imbattiamo in una rotonda di pietre appositamente raccolte, disposte in modo da invitare a sedersi, riposarsi e guardare intorno.

9 La rotonda di pietra Il luogo circolare dove si sta seduti invita a soffermarsi e rincorrere i propri pensieri, stare in ascolto delle voci del bosco oppure semplicemente guardare intorno, facendosi impressionare dalla bellezza del paesaggio. Continuiamo la passeggiata costeggiando il margine del bosco al cospetto di un pascolo delimitato da uno steccato lavorato con arte. Infine raggiungiamo un largo sentiero forestale, sul quale prosegue il nostro cammino. Steccati Gli steccati tracciano i confini e implicitamente offrono protezione. Essi costituiscono un elemento fondamentale della nostra civiltà rurale. Si riscontrano steccati creati nelle forme più svariate. Meritano particolare menzione quegli steccati, le cui aste sono intrecciate alla traversa in modo del tutto singolare per mezzo di sottili ramoscelli. E' questa una tecnica assai dispendiosa, nella quale ramoscelli d'abete vengono abbrustoliti al fuoco fino a farli diventare flessibili per intrecciarli poi ancora roventi attorno alle aste. Interessanti i vari modelli di tale creazione. Dopo 500 m circa, alla centrale biotermica recentemente costruita, il sentiero tende a salire leggermente per poi ridiscendere poco dopo. La centrale biotermica Qui si effettua il riciclaggio degli scarti di legname, creando in tal modo un'importante fonte di energia alternativa da trasmettere agli impianti di riscaldamento. Ciò consente di dare un sostanziale contributo alla soluzione dei problemi ecologici. Da adesso lungo l'itinerario si trovano le stazioni della via crucis, le quali raffigurano la passione di Cristo. Il bel percorso meditativo, creato dalla compagnia degli Schützen Sichelburg di Falzes, inizia poco sopra il maso Pramstaller e termina al tabernacolo Bachstöckl.

10 L' itinerario: Il nostro punto di partenza ha come luogo di riferimento l'edificio scolastico. Vi si trova anche un ampio parcheggio. Seguiamo il Sentiero panoramico (punto rosso) in tutta la sua lunghezza, dapprima in salita al maso Tiefental, poi, superato il maso, sempre salendo, raggiungiamo il tornante, ci addentriamo nel bosco, costeggiamo il versante pressoché in direzione orizzontale fino al tabernacolo Bachstöckl (Santa Margherita), poi, nuovamente in salita fino ai masi Lechner, proseguiamo fino ad imboccare la strada per Kofl. Percorriamo questa strada per circa 200 m in discesa, quindi, seguendo il segno bianco-rosso 18 fino alla deviazione nach Greinwalden, proseguiamo il cammino fino a raggiungere la strada Greinwalden. Segue un breve tratto lungo la stessa strada verso Occidente (segno bianco-rosso 17A) fino alla chiesetta di San Valentino (segno bianco-rosso 7A); successivamente si arriva alla strada di Falzes. 10

11 Qui si prende la strada sterrata accanto alla asfaltata per circa 100 m in direzione occidentale, si attraversa la strada principale e si imbocca il sentiero forestale costeggiando il margine del bosco fino alla zona sportiva (segno E10). Quindi, seguendo la segnalazione Al lago si scende al laghetto di Issengo per proseguire fino alla strada per Chienes. Inizia ora la salita per Molini (segno bianco-blú 1 e, rispettivamente, bianco-rosso 3). Attraversata la Strada del Sole il percorso continua dapprima sulla strada Castel Schöneck, poi sulla Strada Hasenried (segno bianco-rosso 7) fino alla chiesetta di Hasenried. Arrivati là si prende la deviazione per il Pfaffensteig, mettendosi sulla via di ritorno a Falzes. Variante A Variante B Viste panoramiche con occhi di pietra Variante C 11

12 Il tabernacolo Bachstöckl (St. Margareth) Il tabernacolo è situato sul versante immediatamente sopra il paese all'angolo estremo del grande deposito fluviale su cui poggia Falzes. Esso è consacrato a Santa Margherita a protezione da ulteriori inondazioni. Nel tabernacolo pende un bel quadro a olio raffigurante la Madonna con Gesú Bambino e San Giovanni Nepomuceno, un altro santo protettore contro il pericolo di inondazioni. Il dipinto mostra ulteriormente una veduta del vecchio paese di Falzes sotto la minaccia di un impetuoso torrente in piena. A pochi passi dal tabernacolo si trova un bel posto panoramico che invita a soffermarsi. Sotto di noi il paese con le case schierate attorno al campanile; in primo piano a destra grossi muri di protezione eretti allo scopo di deviare dal centro abitato il torrente travolgente in piena in cui si trasformano le acque dell'esiguo ruscello in seguito a forti piovaschi; lungo il margine del bosco a sinistra i resti di un vecchio steccato con belle colonnine di granito. La parte Sud del paese è delimitata dalla zona boschiva del Pfalzner Unterberg, piú in lá si innalzano le estese alture con le cime della Cima Lasta (Astjoch) e del Monte Campiglio (Campiller Joch) dominate dal maestoso monte Putia. Mentre ci si riposa si scorgono alcune colonne di pietra, le quali presentano delle fessure quadrangolari che invogliano ad avvicinare lo sguardo per spiare intorno aprendo così una veduta più particolareggiata sul paesaggio. Occhi di pietra Guardando attraverso questi occhi di pietra il nostro sguardo necessariamente si restringe, in compenso però si colgono i dettagli con maggiore consapevolezza; infatti, chi resiste al fascino di osservare più attentamente determinati dettagli che si presentano alla nostra vista! Pietre raccontano 12

13 Il nostro cammino prosegue per un sentiero pianeggiante fino al punto in cui sopra un pascolo cosparso di blocchi di pietra improvvisamente si interrompe costringendo a imboccare la breve ma ripida salita al maso Zaßler. Una particolare attrazione fornisce il vecchio sentiero lastricato, incavato nel terreno, le cui sponde sono formate da imponenti muri a secco. Alla prossima località più in alto si raggiunge l'albergo Kofler am Kofl. Ma continuiamo a percorrere il sentiero panoramico (punto rosso), passiamo sotto il ponticello del fienile epassiamo sulla strada asfaltata che conduce al maso. Una magnifica panoramica si apre davanti a noi; si vedono le lontane Dolomiti dell'alta Pusteria (Rocca dei Baranci, Nove Cime, Croda dei Baranci, Cima Tre Scarperi, Monte Serla, Pico di Vallandro, Cima dei Colli Alti, Plan di Corones), giù fino alla conca di Brunico più in basso. Passiamo davanti al maso Innerlehen, accanto al quale si trova ancora un vecchio forno. L'itinerario prosegue per prati e boschi portando all'incrocio sottostante (sulla sinistra, un po'più in alto, il maso Wenger). Il forno Nelle immediate vicinanze di tutte le case agricole una volta c'era un forno, nel quale annualmente a più riprese si procedeva alla cottura del saporito pane di segale che poi veniva riposto nel sottotetto ad essiccare sugli appositi telai. Esso doveva bastare per molti mesi. Ora percorriamo la strada Kofler verso valle per 200 m circa fino ad un piccolo piazzale, svoltiamo a sinistra e seguendo il sentiero segnato, inizialmente in direzione trasversale, poi costeggiando il margine del prato lungo un fossato scendiamo fino al crocifisso nei pressi del maso Kaiser. Si prosegue a Sudovest sulla carraia passando davanti ad un fienile e ad un altro crocifisso. Poco dopo giungiamo ad un bivio. Prendiamo il sentiero a sinistra seguendo la segnalazione Greinwalden, dapprima accanto ad uno stagno creato di recente, il quale funge da riserva d'acqua piovana, in seguito attraversando un accogliente bosco di alberi ad alto fusto, finché arriviamo ad un prato recintato da un nuovo muro a secco eretto con grande accuratezza. 13

14 Segue un ulteriore tratto in breve discesa e ci troviamo sul posto in cui lavora lo scalpellino. Dappertutto stanno o giacciono blocchi di pietra più o meno grossi, in parte già scolpiti, e forse con un po'di fortuna si ha l' opportunità di osservare il maestro artigiano all'opera. Lo scalpellino Lo scalpellino esercita un antico mestiere che a Falzes vanta una lunga tradizione, le cui impronte sono rimaste impresse dappertutto. Ancora oggi si creano colonne e trogoli prevalentemente di massi granitici lavorati ancora sempre con mazza e scalpello. Ancora pochi metri fino a raggiungere la strada Greinwalden nei pressi del maso Ausluig; proseguiamo verso Ovest passando davanti all'impianto di smaltimento dei rifiuti e alla zona artigianale, infine si arriva alla deviazione per la chiesetta di San Valentino (St. Valentin). La passeggiata porta in discesa fino alla chiesetta. San Valentino La chiesetta venne eretta su un santuario precristiano e fu consacrata nell'anno Alla facciata esteriore si vedono pregiati affreschi di quell'epoca; l'interno vanta un famoso ciclo di affreschi del grande pittore Friedrich Pacher. Per visitare la chiesetta si chiede di rivolgersi all'azienda di soggiorno. Da questo antico luogo consacrato si ha una bella veduta verso il paese di Falzes con la chiesa parrocchiale di San Ciriaco. Ritornando con lo sguardo verso Nord si può distinguere chiaramente la zona di deposito fluviale che si estende sotto il tabernacolo Bachstöckl, sul quale è costruito il paese. Ora riprendiamo la via accanto alla chiesetta aprendo la via attraverso i prati. Poi, all'altezza del parcheggio, facendo bene attenzione attraversiamo la strada e proseguiamo lungo il margine del bosco al cospetto dei grossi massi erratici. In tempi antichi si trovavano qui le capanne degli scalpellini. La campagna denominata Ziegelofen (fornace) ricorda il periodo in cui nelle vicinanze si estraeva l'argilla destinata alla cottura dei mattoni. 14

15 La fornace Il materiale cretoso-argilloso sedimentato dai ghiacciai dell'epoca glaciale, estratto dalle fosse d'argilla, veniva plasmato formando i mattoni che poi si mettevano a cottura nelle fornaci. Questi mattoni servivano essenzialmente alla costruzione edilizia. La zona sportiva La zona sportiva recentemente ristrutturata offre alla gente del posto così come agli ospiti nell'arco di tutto l'anno svariate possibilità di attività sportiva, allenamento e ricreazione. Seguiamo a partire da adesso le indicazioni al lago arrivando entro pochi minuti al biotopo creato di recente. Il biotopo Nel corso della ricomposizione fondiaria si è provveduto alla creazione di questo piccolo biotopo. Esso offre uno spazio vitale protetto riservato agli anfibi, alle libellule e a molti altri animali che vivono nell'acqua e attorno ad essa, nonché alle piante che trovano lí il loro habitat naturale. 15

16 Il sentiero in leggera discesa, dotato di attrezzature ginniche, prosegue fino al laghetto di Issengo. Nel ruscelletto vicino al sentiero vivevano tempo fa numerosi gamberi d'acqua dolce. Nel corso dell'opera di risanamento delle acque i gamberi hanno cominciato a ripopolarsi; la loro sopravvivenza dovrà quindi essere garantita. Dopo mezz'ora circa raggiungiamo il laghetto di Issengo, un idillico luogo di sosta con possibilità di balneazione. Pietre raccontano Il laghetto di Issengo Il piccolo lago palustre è specialmente nella stagione estiva una gradita meta di escursioni. Anche gli ospiti vi si recano volentieri per la balneazione. Nell'immediata vicinanza si trova l'orto delle erbe con la distilleria di olio di pino mugo Bergila ; se ne consiglia una visita. Bergila Da generazioni si ricavano oli eterici mediante la distillazione a vapore di olio estratto da pino mugo, abete, ginepro e recentemente anche da varie erbe medicinali ottenendo unguenti e tinture. Vale proprio la pena recarsi nell'orto a vedere la grande varietà di piante medicinali. 16

17 Raggiunta la strada per Chienes la attraversiamo e seguiamo il segno bianco-azzurro 1, inizialmente per un breve tratto sul vecchio sentiero, poi sulla stradina in salita fino al Castel Schöneck, che giá da lontano saluta dall'alto della sua torre maestosa. Passiamo davanti al grande maso Baumann tinto di giallo, presso il quale si approvvigionava anticamente il vicino castello, oggi sotto l'amministrazione dell'istituzione Sägmüllerhof di Gais, i cui dipendenti gestiscono un'azienda agricola biologico-dinamica. L'orologio solare sulla facciata Sud dell'antica costruzione mostra da sempre solo le belle ore del giorno. Poco prima di giungere alla Strada del Sole a sinistra si trova il ristorante Schöneck, una volta sede del piccolo maso Bacher- Höfl, che secondo la recente storiografia sarebbe il luogo di nascita del grande maestro scultore e pittore Michael Pacher ( 1498). Nelle immediate vicinanze, 50 m circa ad Ovest, cresce l'abetecolonna Schlangenfichte (abete serpente), un monumento naturale di grande rarità. L'abete-colonna Questo vecchio abete di circa 100 anni (Picea excelsea) è un monumento naturale di rara bellezza. Si tratta di una mutazione causata con tutta probabilità dalle lievi radiazioni della sottostante roccia intrusiva. In tutta Europa si trovano solo pochi esemplari di questa pianta. Attraversiamo la Strada del Sole e percorriamo in salita la strada Castel Schöneck. Dopo un cammino di pochi minuti giungiamo ad un incrocio: a sinistra la via di accesso al castello, diritto il sentiero sale ai masi del Honigberg, a destra la strada Hasenried. L'abete-colonna Castel Schöneck Il castello dei signori di Schöneck, costruito su roccia granitica, risale al 12 secolo. L'ultimo grande Minnesänger Oswald von Wolkenstein ( ) sarebbe nato qui. Attualmente il castello è di proprietà privata e pertanto non è aperto al pubblico. Prendiamo la strada Hasenried salendo al maso Baustadel per proseguire sulla strada di accesso al maso arrivando alla chiesa di Hasenried. 17

18 La chiesetta di Hasenried (Haselried) La chiesa é consacrata a San Giovanni Battista ed è documentata già nell'anno La struttura attuale risale agli anni attorno al Sul posto sorgeva la fontana di un antico santuario. Infatti dalla fontana della cappella eretta poco più a valle sgorga l'acqua medicinale che una volta veniva usata per curare i mali oculistici. Il luogo divenne così meta di pellegrinaggio assai frequentata. Per una visita si prega di rivolgersi ai proprietari del maso. Pietre raccontano Poco prima della chiesa a sinistra c'è la deviazione (in direzione Est) per il Pfaffensteig (punto giallo), sul quale continua il nostro itinerario verso Falzes lungo bei muretti a secco e macchie di campagna. Sulla via si trova nuovamente uno spiazzo di pietre disposte a cerchio, dove é gradita una sosta. Ben distinta è la veduta sulla vicina località di Issengo con la sua chiesa gotica dedicata a San Nicoló. Issengo Il nome Issengo compare inizialmente nelle documentazioni attorno al Esso deriva da Isso e sta a ricordare il periodo dell'insediamento bavaro nella nostra zona avvenuto circa 1400 anni fa. La data di costruzione della chiesa a San Nicoló e del suo campanile risale agli anni attorno al Sotto di essa si trovano i resti di una chiesa molto più antica. 18

19 Lungo il cammino si vedono diversi vecchi tigli. Già da lontano si nota come queste piante una volta erano tenute in grande considerazione dalla gente del posto, la quale annualmente ne tagliava i rami per cogliere il fiore da cui si ricavava un delizioso tè medicinale. A metà strada circa verso il paese, dopo essere passati per un magnifico pergolato di arbusti in mezzo alla campagna, raggiungiamo nuovamente il Sentiero panoramico. Così il cerchio si chiude e noi ci ritroviamo al punto di inizio del nostro itinerario. Pietre raccontano Vista panoramica con occhi di pietra al Kofler am Kofl Monte Sommo (2396m): vista panoramica con 342 cime 19

20 Editore: Ass. Turistica di Falzes Testo: Harrasser Viertler Brigitte Traduzione: Dr Claudio Crazzolara Fotografie e Layout: Karl Passler

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali:

Descrizione delle escursioni nel Parco Naturale Tre Cime. Indicazioni generali: ESCURSIONI NATURALISTICHE NELL ANNO 2015 Parco naturale TRE CIME Parco naturale FANES-SENES-BRAIES Con gli accompagnatori ufficiali ficiali del parco naturale Prenotazione e informazioni: Associazione

Dettagli

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014

MONT GLACIER 3182 M VAL D'AOSTA VAL DI CHAMPORCHER Sabato 5 e Domenica 6 luglio 2014 CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea.arcore@gmail.com GITA alla ROSA DEI BANCHI 3163 M E MONT GLACIER 3182 M VAL

Dettagli

TREKKING E MOUNTAIN BIKE

TREKKING E MOUNTAIN BIKE TREKKING E MOUNTAIN BIKE Il territorio del comune di Donato, per la sua conformazione, è particolarmente adatto alla pratica dello sport della mountain bike. In pochi chilometri si può passare dai boschi

Dettagli

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA".

AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : KAROL WOJTYLA. Dedicato al Grande Papa Karol Wojtyla AD OGNI PILONE E CHIESETTA DEL PERCORSO, UNA PREGHIERA ALLA MADONNA, IN MEMORIA DEL GRANDE PAPA : "KAROL WOJTYLA". ALCUNI PUNTI Di PREGHIERA SONO CHIESETTE SCONOSCIUTE

Dettagli

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno

1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno. 2. Schenna Castel Goyen Castel Labers Fragsburg Greiterhof ritorno Itinerari in MTB 1. Schenna Riffianerweg Saltaus St. Leonhard ritorno Dal piazzale del paese, il sentiero asfaltato Riffianerweg ci conduce in leggera discesa al Waalerhaus al Labboden. Il percorso si

Dettagli

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano

Trekking nel Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano Itinerario di affascinante bellezza per cogliere in pieno le bellezze geologiche e botaniche del luogo, dove il Monte Cervati, il gigante domina da un lato il Vallo di Diano e dall altro la costiera cilentana.

Dettagli

TREKKING IN VAL MASTALLONE

TREKKING IN VAL MASTALLONE TREKKING IN VAL MASTALLONE ITINERARIO N 1 : Santa Maria (Fobello) Colle d Egua Partenza: Santa Maria di Fobello Arrivo : Colle d Egua Codice catasto : 517 Tempo : 3 ore e 15 minuti Dislivello : 1064 m

Dettagli

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio

Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro. Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Attraverso la valle del Cogena- Comunalie interessate : Gorro Lunghezza: Durata media:4 ore e 30 minuti Livello di difficoltà: Medio Tra rupi ofiolitiche e boschi lussureggianti le limpide acque del torrente

Dettagli

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti

LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti LE TRE CIME DI LAVAREDO Le regine delle Dolomiti Quando si parla delle Tre Cime di Lavaredo si pensa subito alle fotografie che vediamo sempre sui calendari. Ma avete mai pensato da dove sono state scattate?

Dettagli

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso

1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I. Obere Obisellalm. Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago. percorso 1 Vernuer Kalmtal Matatz Ulfas I Öberst, Obere Obisellalm 10,8 km 5.00 ore 1392 m 810 m 2160 m giu. ott. 26 Obere Obisellalm Gita nella valle alta e solitaria alla malga pittoresca al lago Öberst Vernuer

Dettagli

Percorso Zona Orientale

Percorso Zona Orientale Percorso Zona Orientale Indice Cala Luna 1 Il Canyon di Gorroppu 3 Il villaggio di Fiscali 6 Cala Luna Un itinerario dove il bianco del calcare regna sul sentiero e sul monte, per arrivare a una delle

Dettagli

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014

Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014 Ai piedi della Pania della Croce nelle Alpi Apuane: il rifugio Del Freo Eos Foto di ML 014 Il percorso è in prevalenza ombreggiato, ma non mancano sulla sinistra panorami sulle varie vette delle Apuane

Dettagli

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri)

Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Villa Peyron e le botteghe della pietra (Itinerario 1 ANPIL Montececeri) Splendida escursione, fra vedute mozzafiato su Firenze, sulle pendici di Montececeri, la montagna della "pietra forte" e della "pietra

Dettagli

17 Luglio 2011. Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche

17 Luglio 2011. Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche 17 Luglio 2011 Monte Croce con traversata val d Ayas Valtournenche I cartelli parlano chiaro... Però manca il monte Croce! Alpeggio lungo l Alta Via n 1 La salita si fa subito ripida in un bel fitto bosco

Dettagli

Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana

Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana Pagina 1 di 5 Itinerario n. 087 - Il Santuario di M.Tranquillo e la Macchiarvana Scheda informativa Punto di partenza: Pescasseroli Distanza da Roma: 164 km Lunghezza: 34 km Ascesa totale: 630 m Quota

Dettagli

Trek Valgrisenche. Percorso "soft"

Trek Valgrisenche. Percorso soft Percorso "soft" Lunghezza circa 10 Km - dislivello positivo mt. 650 - dislivello negativo mt. 770 (Fraz. Usellière rifugio Chalet de l Epèe vallone di Plontaz - capoluogo di Valgrisenche). Si parte dalla

Dettagli

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+ 2.971/D- 2.974)

DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+ 2.971/D- 2.974) LOCANDINA SENTIERISTICA: A.S.V. = Antica Strada della Veddasca; 3V = Via Verde Varesina; S.I. = Sentiero Italia TML = Tra Monti e Lago DESCRIZIONE PERCORSO Lago Maggiore International Trail (Km 52,6 D+

Dettagli

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro

Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro Dal rifugio Baranci verso Val Campo di Dentro Sfruttiamo gli impianti che ci portano a 1500 m al rifugio Baranci. Ci avviamo ai piedi del maestoso massivo della Rocca dei Baranci verso il rifugio Tre Scarperi

Dettagli

Villaggi Walser a due passi dal Cielo

Villaggi Walser a due passi dal Cielo Martedì 7 Luglio Villaggi Walser a due passi dal Cielo I Walser, popolo di coloni contadini dissodatori, arrivò nel medioevo nell alta Valle di Gressoney, allora disabitata, attraverso il Monte Rosa fondando

Dettagli

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn

ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud. ViaLucmagn ViaLucmagn Un appassionante viaggio tra Nord e Sud ViaLucmagn 3 Le capre dell Alp Puzzetta 5 Scendendo verso Sommascona La Via Maestra, che porta dal monastero dei Benedettini di Disentis (GR) a Olivone

Dettagli

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri

SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri SENTIERO DEGLI ALPINI e BALCONI DI MARTA - Alpi Liguri Propongo un percorso molto vario ed interessante, una delle più belle escursioni sulle Alpi della Liguria,che taglia i dirupati versanti italiani

Dettagli

Sentiero Mental Power Leutasch-Brunschkopf. Brunschkopf. La traccia dello sci a Seefeld. Il sentiero dell'era glaciale Mösern-Seefeld

Sentiero Mental Power Leutasch-Brunschkopf. Brunschkopf. La traccia dello sci a Seefeld. Il sentiero dell'era glaciale Mösern-Seefeld Sentiero Mental Power Brunschkopf 1510 hm Il sentiero dell'era glaciale Mösern-Seefeld La traccia dello sci a Seefeld Sentieri tematici sul Brunschkopf Escursioni adatte alle famiglie lungo 3 nuovi itinerari

Dettagli

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo

Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Pagina 1 Itinerario n. 063 - La Via Francigena, da Bolsena a Viterbo Scheda informativa Punto di partenza: Bolsena Distanza da Roma: 113 km. Lunghezza: 34,3 km. Ascesa totale: 720 m. Quota massima: 559

Dettagli

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo

Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero attrezzato delle Vipere, San Valentino di Brentonico, Parco Naturale del Monte Baldo Sentiero Attrezzato EEA / F, per escursionisti esperti con attrezzatura / facile, nella zona dell Altissimo

Dettagli

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge

MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge MONTE GREGORIO - MONTE PENNA DEL GESSO Il Sentiero delle Cenge NOTIZIE. La cosiddetta Cresta dei Tausani è la dorsale che, dalla SS 258 Marecchiese in corrispondenza di Ponte Santa Maria Maddalena (188

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov

Sistemi Informativi Territoriali. Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Sistemi Informativi Territoriali Paolo Mogorovich www.di.unipi.it/~mogorov Nozioni di Cartografia Esempi di lettura di carte Tratto da La lettura delle carte geografiche di Aldo Sestini Firenze, 1967 1

Dettagli

Sci alpinismo nel gruppo di Puez

Sci alpinismo nel gruppo di Puez Sci alpinismo nel gruppo di Puez Questo articolo di Alberto De Giuli propone tre itinerari inediti per scialpinisti esperti. Si tratta di percorsi ad anello che presentano tutti i caratteri dello sci alpinismo

Dettagli

Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta

Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta Pagina 1 Itinerario n. 119 - Dal lago di Bolsena a Tuscania lungo il fiume Marta Scheda informativa Punto di partenza: Marta(Vt) Distanza da Roma : 100 km Lunghezza: 35 km Ascesa totale: 360 m Quota massima:

Dettagli

Itinerario n. 026 - La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore

Itinerario n. 026 - La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore Pagina 1 Itinerario n. 026 - La Valnerina fra Arrone e la Cascata delle Marmore Scheda informativa Punto di partenza: Arrone Distanza da Roma : 110 km Lunghezza: 22 km Ascesa totale: 530 m Quota massima:

Dettagli

MI-01 Il Mincio dal Garda a Mantova

MI-01 Il Mincio dal Garda a Mantova MI-01 Lombardia in bicicletta - Itinerari Partenza: Peschiera del Garda, stazione ferroviaria Arrivo: Mantova, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 46.0 Percorribilità: In bicicletta Tempo di percorrenza

Dettagli

Itinerario n. 117 - Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore

Itinerario n. 117 - Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore Pagina 1 Itinerario n. 117 - Fra Rocca Calascio e Campo Imperatore Scheda informativa Punto di partenza: Fonte Cerreto (AQ) Distanza da Roma: 125 km Lunghezza: 49 km ascesa totale: 1225 m Quota massima:

Dettagli

LA VIA FRANCESCANA 2016 tra Marche e Umbria Un appuntamento imperdibile per un trek itinerante di 6 giorni e 5 notti dal 05/09 al 10/09/2016

LA VIA FRANCESCANA 2016 tra Marche e Umbria Un appuntamento imperdibile per un trek itinerante di 6 giorni e 5 notti dal 05/09 al 10/09/2016 LA VIA FRANCESCANA 2016 tra Marche e Umbria Un appuntamento imperdibile per un trek itinerante di 6 giorni e 5 notti dal 05/09 al 10/09/2016 Presentazione Il Cammino proposto tra le regioni di Marche e

Dettagli

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso.

18 Rifugio Nuvolau, 2575 m. Dolomiti d Ampezzo, Pelmo-Croda da Lago. Al nido d aquile dal panorama mozzafiato. 12 km. Lunghezza percorso. 18 Rifugio Nuvolau, 2575 m ca. 4 ½ ore 870 m 870 m ca. 4 ½ ore località Ponte di Rù Bianco, strada del passo Falzarego, 1732 m Ra Gusela Passo Giau Rif. Nuvolau Al nido d aquile dal panorama mozzafiato

Dettagli

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE

21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE 21-22/03 ALTA VIA DELLE 5 TERRE L Alta Via delle 5 Terre (AV5T) è un sentiero a lunga percorrenza che collega Levanto a Portoverene. Forse meno frequentato rispetto al percorso costiero classico delle

Dettagli

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6)

Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6) Rifugio Alpino Luigi Vaccarone Località Lago dell Agnello - Comune di Giaglione Quota 2743 m s.l.m. (Tel. + 39 0122 33 22 6) Il Rifugio realizzato all inizio del 1900 si trova sulla spalla di un crestone,

Dettagli

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI

PRIMO GIORNO: SENTIERO DA PIAN TREVISAN A PIAN DEI FIACCONI Il gruppo della Marmolada detiene, in Dolomiti, una indiscussa sovranità, da cui il nome di Regina delle Dolomiti, appunto per la massima elevazione dell intero sistema dolomitico di cui ne ospita anche

Dettagli

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI

TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI TORNIMPARTE CAMPO FELICE RIFUGIO SEBASTIANI La partenza è da Villagrande di Tornimparte (880 m s.l.m.) lungo la strada provinciale SP1 Amiternina; dopo 400 metri circa in falsopiano svoltare a sinistra

Dettagli

CIMA DI PRAMPERET m 2337

CIMA DI PRAMPERET m 2337 OTTO l DOLOMITI ZOLDANE CIMA DI PRAMPERET m 2337 Parete Sud Via Cavaliere Errante PRIMI SALITORI: fra i vari percorsi che in qualche parte coincidono con questo: A. Da Valt e G. Da Rold, 12 ottobre 1958

Dettagli

Da sasso a eremo di San Valentino

Da sasso a eremo di San Valentino Da sasso a eremo di San Valentino Escursioni e Trekking intorno al lago di Garda: all'eremo di San Valentino. Da Gargnano (m. 65 s.l.m.) o da Sasso (m. 546), in una balconata sul lago di garda. Tenendo

Dettagli

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo

ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo ULTRATRAIL 50 Km - 4000 m dislivello positivo PROFILO ALTIMETRICO 2550 2350 QUOTE m slm 2150 1950 1750 1550 1350 0 5000 10000 15000 20000 25000 30000 35000 40000 45000 DISTANZA metri RISTORO COMPLETO RISTORO

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo)

Percorso, Marcellise giro delle contrade (lungo) A cura di A. Scolari Marcellise alto: itinerario lungo (Marcellise, Borgo, Casale, Cao di sopra, Casale di Tavola, San Briccio, Marion, Borgo, Marcellise). Dislivello m 205, tempo h 3.00'. Percorso facile.

Dettagli

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado)

42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) 42 - MONTI TAIGETO (M. PROFITIS ILIAS) (sosta isolata, tende o rifugio che apre di rado) La più classica delle gite in montagna della Grecia davvero imperdibile e non difficile, merita tutta la sua fama:

Dettagli

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso

Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso Domenica 1 Giugno2014 Trekking nell Appennino Reggiano Tra il Passo del Cerreto e l'alpe di Succiso Ritrovo: ore 6.45 al Piazzale della Motorizzazione Civile di Modena (Hotel Lux) Partenza: ore 7.00 in

Dettagli

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30. Itinerari 1) GOUTA: boschi di conifere, prati, quota 1.100 m Anello nel bosco di conifere, attorno ai prati di Margherita dei Boschi (1.100 m.). Lunghezza itinerario 3,6 km; tempo di percorrenza 1h e 30.

Dettagli

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu

Piano di Gestione area psic Foresta di Monte Arcosu Figura 4 Carta sentieri presenti nella Riserva WWF Monte Arcosu. 7.3 DITTA SANAI srl 7.3.1 Descrizione e ubicazione L azienda di proprietà della SANAI s.r.l. si estende su una superficie complessiva di

Dettagli

www.adrianoingiro.it 2011_09 MERANO IN BICI.doc 1

www.adrianoingiro.it 2011_09 MERANO IN BICI.doc 1 CAMPER E BICI 16-17-18 SETTEMBRE 2011 - MERANO - LA CICLABILE MALLES VENOSTA MERANO - SOLO DISCESA - www.adrianoingiro.it 2011_09 MERANO IN BICI.doc 1 PROPOSTA DI VIAGGIO venerdì 16 settembre: Partenza

Dettagli

Azzerare il contachilometri

Azzerare il contachilometri Percorso: I Castelli in Langa. Alba (San Cassiano), S. Rosalia, Fraz. Borzone, Castello di Grinzane, Valle Talloria, Vigne della Tenuta Fontanafredda, Sorano, Baudana, Castello Serralunga d'alba, Valle

Dettagli

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g

Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g Speciale Trentino: Un attraversata d'altri tempi; dal Passo Grostè al lago Tovel - Eos Foto di ML 014 g È una sgambata di oltre 15 km... lunga, non difficile, ma che richiede comunque una buona perseveranza...

Dettagli

RITROVO: AGNOSINE CHIESA PARROCCHIALE ORE 9,00 RITROVO SUCCESSIVO CHIESA PARROCCHIALE DI BIONE ORE 9,15 CON MEZZI PROPRI

RITROVO: AGNOSINE CHIESA PARROCCHIALE ORE 9,00 RITROVO SUCCESSIVO CHIESA PARROCCHIALE DI BIONE ORE 9,15 CON MEZZI PROPRI Ci sono diversi itinerari di Canyoning, Arrampicata e Trekking nella zona attorno al Lago di Garda e Lago d'idro, tra Lombardia, Trentino e Veneto. Proponiamo uscite con Guide Alpine per il Canyoning e

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova

CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova CLUB ALPINO ITALIANO Sezione U.L.E. Genova NEL QUADRO DEI FESTEGGIAMENTI PER I CENTO ANNI DELLA NOSTRA SSOCIAZIONE SABATO 10 MAGGIO INAUGURAZIONE DEL NUOVO SENTIERO AQ2 AQ2 DATA: 10 maggio 2014 LOCALITA

Dettagli

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita. 1150 m 15 km. 5 h (senza soste)

Club Alpino Italiano. Monte Rotondo dal Santuario di Macereto. Monti Sibillini. Ussita. 1150 m 15 km. 5 h (senza soste) Monte Rotondo dal Santuario di Macereto Monti Sibillini DATA ESCURSIONE: 29 Giugno 2015 ORA PARTENZA: 8.30 RITROVO: DISLIVELLO: DISTANZA: DIFFICOLTA TECNICA: Ussita 1150 m 15 km EE DURATA: ACCOMPAGNATORE:

Dettagli

Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015

Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015 Parco Naturale Adamello Brenta SETTIMANE A TUTTA NATURA Villa Santi, estate 2015 Villa Santi è la Casa Natura del Parco Naturale Adamello Brenta nel comune di Montagne. È un antica casa rurale rinnovata

Dettagli

C.A.I. PONTE S. PIETRO

C.A.I. PONTE S. PIETRO Il n. dei partecipanti è fissato in 10/15 massimo Le iscrizioni si ricevono in sede c.a.i. il martedì e venerdì dalle ore 20,30 alle ore 22,00 previo versamento di 100 quale caparra. Il costo complessivo

Dettagli

Alta Via di Fundres 1 giorno

Alta Via di Fundres 1 giorno Alta Via di Fundres 1 giorno Prati Vipiteno Giogo di Trens Cima di Sengas - Malga Simile-Mahd Circa 1.600 m in salita e circa 500 m in discesa 6 ore Segnaletica Disco bianco in anello rosso Dalla stazione

Dettagli

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza

Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza CLUB ESCURSIONISTI ARCORESI Via IV Novembre, 9 20043 ARCORE Tel. 039-6012956 cell. 3479471002 www.cea-arcore.com e-mail: cea-arcore@libero.it Sentiero dei Quattro Parchi della Brianza Sabato 27 ottobre

Dettagli

I MARMI DI ROCCA BIANCA

I MARMI DI ROCCA BIANCA I MARMI DI ROA BIANA SE Rocca Bianca Risalendo la Val Germanasca, fin dai primi chilometri, è possibile vedere davanti a sé FAGLIA MIASISTO A GRANATO (guardando quindi verso S), la parete nord-orientale

Dettagli

61 Ghiacciaio della Capra

61 Ghiacciaio della Capra IT4L01451010 61 Ghiacciaio della Capra Gruppo montuoso: Gran Paradiso, Alpi Graie, Alpi Occidentali Bacino idrografico: Lago Serrù, Orco, PO Comune: Ceresole Reale, Torino, Piemonte, Italia DOVE SI TROVA

Dettagli

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla

Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla Tappa TO02 Da Pontremoli ad Aulla La Via Francigena Partenza: Pontremoli, Piazza della Repubblica Arrivo: Aulla, Abbazia di S. Caprasio Lunghezza Totale (): 32.9 Percorribilità: A piedi, in mountain bike

Dettagli

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno

Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero in auto. Aggiungere 40 minuti se si usa il treno Il Cornizzolo da Civate Zona Prealpi Lombarde Triangolo Lariano Corni di Canzo Tipo itinerario Ad anello Difficoltà E (per Escursionisti) Tempi di percorrenza 5:00 ore se si va all attacco del sentiero

Dettagli

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini, 10 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736 45 158. www.caiascoli.it

Club Alpino Italiano Sezione di Ascoli Piceno Via Serafino Cellini, 10 63100 Ascoli Piceno Tel. 0736 45 158. www.caiascoli.it Escursione alla ricerca e al riconoscimento delle piante di interesse etnobotanico, in collaborazione con Accademia delle Erbe Spontanee. Insieme al prof. Fabio Taffetani, esperto Botanico dell'università

Dettagli

Escursioni tutta natura in Alto Adige

Escursioni tutta natura in Alto Adige 47 itinerari Klaus Puntaier Escursioni tutta natura in Alto Adige Piacevoli camminate in paesaggi protetti Speciale FLORA E FAUNA 50 ESCURSIONI TUTTA NATURA IN ALTO ADIGE 19 ALLA PUNTA LAGO NERO SUL RENON

Dettagli

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO

Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Progetti SCOPRIAMO I SEGRETI DEL PARCO Dalle pendici delle Prealpi si allunga un corridoio verde che giunge sino alle porte di Monza seguendo il corso del fiume. Il Parco della Valle del Lambro offre un

Dettagli

MONT ORFANO: la sua storia

MONT ORFANO: la sua storia MONT ORFANO: la sua storia Il Mont Orfano, alto appena 794 metri, deve il suo nome al fatto che si erge solitario all imbocco della Val d Ossola, sopra la pianura alluvionale di Fondotoce, che divide il

Dettagli

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco

Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco Via Alpinistica del 92 Congresso SAT, ad Arco Via Alpinistica PD / Poco Difficile, con passaggi su roccia di I, II e III grado (II obbligatorio) che conduce alla cima del Monte Baone (480). Descrizione

Dettagli

5-3-01. Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- : 23-05-2013

5-3-01. Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia. : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- : 23-05-2013 : Arquata Scrivia-Sentiero E1-C. Lavaggi- Pratolungo-Sentiero 299-C. Praga-Sent E1-Sant. Montaldero-Arquata Scrivia 5-3-01 : 23-05-2013 : Da Genova Brignole con treno delle 8.20 e arrivo a Arquata Scrivia

Dettagli

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali

9. La morena. Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali Il fianco destro orografico della Val Martello (carta geologica 2) 8. Le strie glaciali L azione erosiva del ghiacciaio, in senso stretto, viene indicata con il termine esarazione; una delle forme caratteristiche

Dettagli

La Via Francigena. Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano

La Via Francigena. Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano Tappa TO09 Da Gambassi a S. Gimignano La Via Francigena Partenza: Gambassi Terme, chiesa Cristo Re Arrivo: San Gimignano, Piazza della Cisterna Lunghezza Totale (): 13.4 Percorribilità: A piedi, in mountain

Dettagli

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda

Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda Sentiero Busatte Tempesta da Torbole sul Garda Escursione T / Turistica, molto panoramica, a bassa quota, su comodo sentiero, lungo la riviera Orientale del Lago di Garda Trentino, partenza da Torbole.

Dettagli

PV-01 La Lomellina tra Pavia e Vigevano

PV-01 La Lomellina tra Pavia e Vigevano PV-01 Lombardia in bicicletta - Itinerari Partenza: Pavia, stazione ferroviaria Arrivo: Vigevano, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 42.1 Percorribilità: Biciclette di qualsiasi tipo eccetto bici

Dettagli

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga BOSCHI E UOMINI IN VAL CHIARINO Escursione storico naturalistica Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga 3 Aprile 2005 - Quota: 16,50 euro La Val Chiarino, coperta da una foresta tra le più estese

Dettagli

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena

Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata del Somator, Monte Biaena Via Ferrata F / Facile, panoramica e facilmente accessibile, ci porta sulla cima del Monte Biaena (1.618). Descrizione breve: ferrata facile e breve, dal Rifugio Malga

Dettagli

Saint Jean Info Turistiche: Gressoney S. Jean n 0125-355185

Saint Jean Info Turistiche: Gressoney S. Jean n 0125-355185 Gressoney Intorno al 1000 una popolazione chiamata Walliser o walzer - stanziata lungo il corso del fiume Neckar (Germania) discese verso le Alpi Vallese per trovare nuove zone dove poter vivere. Così,

Dettagli

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina

Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Rifugio Paolo Barrasso a Monte Rapina Descrizione Ubicato a 1542 m sul versante settentrionale della Maiella, alle coordinate geografiche N 42 008 09 E 14 003 39, il rifugio é intitolato a Paolo Barrasso,

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI

SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI SCHEDA INFORMATIVA : TREKKING, MOUNTAIN-BIKE E YOGA A POZZI MONACI L attività che vi proponiamo prevede una giornata all insegna dello sport in montagna a 360. Escursionisti e bikers si incontreranno nella

Dettagli

La Via Francigena. Tappa TO04 Da Avenza a Pietrasanta

La Via Francigena. Tappa TO04 Da Avenza a Pietrasanta Tappa TO04 Da Avenza a Pietrasanta La Via Francigena Partenza: Avenza, Torre di Castruccio Arrivo: Pietrasanta, Duomo Lunghezza Totale (): 27.8 Percorribilità: A piedi, in mountain bike Tempo di percorrenza

Dettagli

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it

PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it PRO LOCO DI BOLCA Via S. Giovanni Battista 37030 Bolca VRwww.bolca.it - tel. 346 5446353 I NUOVI SENTIERI NEL TERRITORIO DI BOLCA La Pro Loco di Bolca, aderendo alle richieste dei turisti di poter conoscere,

Dettagli

BE-01 Il Naviglio di Bereguardo

BE-01 Il Naviglio di Bereguardo BE-01 Lombardia in bicicletta - Itinerari Partenza: Abbiategrasso, stazione ferroviaria Arrivo: Pavia, stazione ferroviaria Lunghezza Totale (km): 47.1 Percorribilità: In bicicletta Tempo di percorrenza

Dettagli

LA VALLE DI PALANFRÈ

LA VALLE DI PALANFRÈ LA VALLE DI PALANFRÈ Località di partenza: Palanfrè, Alpe di Palanfrè Epoca consigliata: giugno-settembre Tipo di itinerario: escursionistico Quota di partenza/arrivo: 1379 m - 2057 m Durata del percorso

Dettagli

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA.

L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. L ITALIA SI TROVA A METÀ STRADA TRA IL POLO NORD E L EQUATORE NELLA PARTE MERIDIONALE (PARTE SUD) DELL EUROPA. MARI: SI TROVA AL CENTRO DEL MAR MEDITERRANEO I MARI CHE LA BAGNANO SONO : MAR LIGURE, MAR

Dettagli

ITINERARIO ANELLO di CASTELFRANCO

ITINERARIO ANELLO di CASTELFRANCO 4 ITINERARIO ANELLO di CASTELFRANCO Sentiero con segnali bianco-rossi e frecce direzionali in legno Itinerario ad anello di media percorrenza, che coniuga aspetti ambientali di particolare pregio (aree

Dettagli

EISRIESENWELT Scienza

EISRIESENWELT Scienza EISRIESENWELT Scienza 1. Come si è formata la grotta Eisriesenwelt La maggioranza delle grotte presenti nella regione alpina si trovano nelle montagne calcaree, a differenza delle grotte formatesi tramite

Dettagli

IL CUORE DELL ALTO ADIGE

IL CUORE DELL ALTO ADIGE IL CUORE DELL ALTO ADIGE LA VIA DELLE CASTAGNE E LA STRADA DEL VINO - AI PIEDI DELLE DOLOMITI (07 giorni / 06 notti, viaggio individuale) DESCRIZIONE Nelle ombre delle Dolomiti a sud delle Alpi si cammina

Dettagli

Traversata dei Sette Fratelli

Traversata dei Sette Fratelli Club Alpino Italiano Sezione di Cagliari Programma Annuale Escursioni 2012 sabato 17 - domenica 18 marzo 2012 9a ESCURSIONE SOCIALE Traversata dei Sette Fratelli (Sentiero Italia) Riferimento cartografico

Dettagli

TREKKING DEL "SELLARONDA"

TREKKING DEL SELLARONDA TREKKING DEL "SELLARONDA" Quattro giorni nel gruppo del Sella Da venerdi 2 a lunedi 5 settembre 2005 Il trekking si svolge nell'inconfondibile gruppo del Sella, nelle Dolomiti,caratterizzato dal grande

Dettagli

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci.

La notte è ormai prossima e, a metà percorso, occorre accendere le luci. Tempo splendido e una temperatura eccezionale hanno caratterizzato questo weekend autunnale in una valle sconosciuta ai più. Da Torino e provincia partiamo in tre (Marina, Piero ed io) per questa nuova

Dettagli

PROPOSTE DI ESCURSIONI A MISURA DI SEDIE A ROTELLE IN ENGADIN ST. MORITZ

PROPOSTE DI ESCURSIONI A MISURA DI SEDIE A ROTELLE IN ENGADIN ST. MORITZ PROPOSTE DI ESCURSIONI A MISURA DI SEDIE A ROTELLE IN ENGADIN ST. MORITZ 10 SENTIERI PER ESCURSIONI IN COLLABORAZIONE CON PRO INFIRMIS E BAW Engadin St. Moritz, Via San Gian 30, CH-7500 St. Moritz, T +41

Dettagli

- Ristorante Albergo Italia -

- Ristorante Albergo Italia - Ristorante Albergo Italia: sito alle porte dell Ossola, nel centro del Paese di Ornavasso, a 1km dall uscita dell autostrada A26 Genova-Voltri (Direzione Sempione SS33) e a 5 minuti a piedi dalla stazione

Dettagli

1-86-06. : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE

1-86-06. : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE : RONDANINA-MONTE SOPRA PROPATA(pendici)-CASA DEL ROMANO-CAPANNE DI CARREGA-MONTE CARMO-CAPAN NE DI CARREGA-CASA DEL ROMANO-CAPRILE 1-86-06 : 12-08-2012 : da Genova-Piazza Verdi con autobus ATP delle ore

Dettagli

Itinerario storico-naturalistico

Itinerario storico-naturalistico Itinerario storico-naturalistico La mappa del percorso Baluardi di Ponente: il camminamento che segue il sito degli antichi baluardi, che delimitavano la città sul lato nord-ovest, permette di osservare

Dettagli

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011

Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011 Sabato 02 Domenica 03 Aprile 2011 Percorso iper-classico del Gruppo dell'adamello. L'itinerario inizia in discesa grazie agli impianti del Tonale che permettono un comodo accesso al Passo Presena. Tipologia:

Dettagli

visita il nostro sito www.prolocoballabio.it

visita il nostro sito www.prolocoballabio.it distribuito da Pro Loco Ballabio 1 Sentieri di montagna Itinerari di montagna consigliati dal Club Alpino Italiano di Ballabio e dal Comune di Ballabio Sentiero 30 Itinerario: Gera Bocchetta di Bertena

Dettagli

10 Maggio 2015 Rapallo (Santuario Caravaggio)

10 Maggio 2015 Rapallo (Santuario Caravaggio) 10 Maggio 2015 Rapallo (Santuario Caravaggio) Nell entroterra tra Recco e Rapallo si erge sul Monte Orsena (615 m.) il Santuario dedicato alla Madonna di Caravaggio. L itinerario qui proposto permette

Dettagli

LAGO D ISEO PONTE DI OGNISSANTI IN CAMPER - SULZANO - ISOLA DI MONTEISOLA - PIRAMIDI DI ZONA - 30 31 ottobre 01 novembre 2010

LAGO D ISEO PONTE DI OGNISSANTI IN CAMPER - SULZANO - ISOLA DI MONTEISOLA - PIRAMIDI DI ZONA - 30 31 ottobre 01 novembre 2010 PONTE DI OGNISSANTI IN CAMPER 30 31 ottobre 01 novembre 2010 LAGO D ISEO - SULZANO - ISOLA DI MONTEISOLA - PIRAMIDI DI ZONA - By Adriano Lago d Iseo 2010 1 PROPOSTA DI VIAGGIO SABATO 30 OTTOBRE: Partenza

Dettagli

Totes Gebirge - Austria

Totes Gebirge - Austria Escursione Sociale del 17 19 Luglio 2015 Totes Gebirge - Austria Descrizione generale Il Totes Gebirge è una catena montuosa delle Alpi Nord-orientali delle Alpi orientali. Si tratta di un altopiano di

Dettagli

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30

CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 CIMA MUTTA (2135 m s.l.m.) Interesse: panoramico Dislivello: 781 m Difficoltà: E (E+ per la variante principale di salita) Durata: 2h-2h30 Presentazione: escursione faticosa ma breve e di soddisfazione,

Dettagli

LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta

LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta Rifugio Coston (2.661 m) (Solda) Tel. 0473 613188 LE ESCURSIONI piu belle della Val Venosta RIFUGI in Val Venosta Rifugio Pio XI alla Palla Bianca (2.442 m) (Vallelunga) Tel. 0473 633191 Rifugio Sesvenna

Dettagli