ESCURSIONE TEMATICA PIETRE RACCONTANO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ESCURSIONE TEMATICA PIETRE RACCONTANO"

Transcript

1 ESCURSIONE TEMATICA PIETRE RACCONTANO

2 hi passeggia per la zona di Falzes tenendo gli occhi bene Caperti si accorge ad ogni passo di essere confrontato con la tematica pietra, intesa cioè nelle sue manifestazioni più svariate. Infatti, in lontananza si innalzano monti, cime aguzze e guglie; alture ricurve e cappe rocciose delimitano la vallata, blocchi di pietra giacciono sparsi per il paesaggio come abbandonati alla dimenticanza. Questi si differenziano per grandezza, forma e caratteristiche e guardandoli più da vicino rivelano una gran varietà di strutture, coloriti e composizioni. Si riscontrano inoltre pietre appositamente lavorate, le quali compaiono come imponenti cubi presso edifici antichi, cornici attorno a vecchi portali, scalinate, banconi, trogoli davanti alle fontane sparse nella zona, pilastri che sorreggono cancelli e steccati, pietre di demarcazione per campi e prati, macine nei vecchi mulini accanto al torrente. Le pietre raccolte per le campagne dissodate sono accuratamente accatastate sui muretti a secco e in prossimità delle abitazioni formano imponenti muri di protezione contro le acque pericolose dei torrenti in piena. Pietre costituiscono selciati di strade e piazze. Ognuna di esse ha la propria storia da raccontare. Geologia e morfologia di Falzes e dintorni. Sorge spontaneamente la domanda, quale sia l'origine di una tale varietà di formazioni geologiche, quale potrebbe essere la loro età. Le serie minerarie a nord di Falzes e dintorni appartengono all'epoca del Cristallino Antico, denominato anche zona degli gneis antichi. Si tratta del materiale minerario presente già nel paleozoico, ossia oltre 500 milioni di anni fa, il quale nel corso delle stratificazioni morfologiche venne schiacciato verso l'interno della crosta terrestre, generalmente esteso a grande profondità, laddove, sottoposto a forte pressione e ad una temperatura di oltre 500 gradi subì una deformazione ed una fusione trasformandosi in gneis, scisto e granite. La struttura morfologica del versante Nord del paese è costituita da gneis e scisto, i cui blocchi minerari presentano due distinte

3 fratture tettoniche. Il cosiddetto Blocco Sud si distingue dal Blocco mediano attraverso la linea KV (Kalkstein (in Valgrata Vallarga) e quest'ultimo a sua volta si discosta dal Blocco Nord attraverso la linea DAV (Defreggen Anterserlva - Valles). Le due fratture possono essere individuate facilmente: la linea KV si estende da Gais verso le alture di Kofl - Platten (sulla strada forestale per Hirschbrunn si schiude la zona milonitica), passando ad Ovest per Corti (Hofern) e Marga (Margen) giungendo in Vallarga. La linea DAV invece percorre la zona Sud del Monte Sommo (Sambock) a circa 2000 metri sopra il livello del mare scendendo dalla malga Platten (1900 m) verso Corti (Hofern) e Terento fino a circa 1400 m sopra il livello del mare. Anche la linea di quest'ultima frattura è facilmente riconoscibile per la roccia sminuzzata e logorata (milonite) che la contraddistingue. Milonite: Minerale sminuzzato in seguito alla pressione causata dal movimento delle rispettive superfici tettoniche e successivamente consolidato. I minerali del Blocco Nord subirono una trasformazione a grandi profondità nel corso della formazione geologica, mentre le configurazioni rocciose del Blocco mediano e del Blocco Sud vennero plasmate a profondità relativamente modeste e ad una pressione meno intensa, cosicché queste ultime presentano tuttora delle strutture morfologiche pressoché inalterate. Si tratta di paragneis ricco di quarzo (comunemente denominato Kroita ), nonché di micascisto (ampiamente scoperto nella zona sottostante Kofl e Platten). Il dosso boschivo a Sud del paese, il cosiddetto Unterberg, è costituito dal minerale piú antico della zona, la fillade quarzifera. In origine si trattava di un sedimento sabbioso, argilloso, esistente giá in epoca anteriore a 580 milioni di anni fa, nel precambrico. In seguito alla formazione della catena variscica esso venne trasformato in fillade (avvenuto in due fasi diverse, 350 e, rispettivamente, 317 milioni di anni fa). Tale minerale, evidenziato da un colorito tra il grigioverde e il

4 marrone, è corroso dalle intemperie, è fortemente pieghettato e presenta delle chiare venature quarzose. La sua presenza in questa zona dell' Unterberg è assai frequente. 270 milioni di anni fa circa lungo la linea della Val Pusteria cominció ad emergere lo strato di granito brissinese. Si tratta di una chiara roccia plutonica (biotite-granito chiaro dalla grana vistosa) che si estende dalla zona di Merano sino ai dintorni di Brunico, finendo per incunearsi e immergendo nel sottosuolo tra Chienes e Falzes (Irenberg). Castel Schöneck poggia su questo strato di granito, il quale sulle superfici in movimento presenta delle forti abrasioni formando dei lievi detriti costituiti da frantume di roccia granitica. Il granito è ben riconoscibile anche lungo la strada fra Chienes e Molini (Mühlen). La linea della Val Pusteria costituisce un segmento di quella che è considerata la falda piú lunga e profonda delle Alpi, la falda periadriatica, la quale si estende da Torino fino alla Stiria per una lunghezza di oltre 700 km e ad una profondità di ben oltre 2000 m. Il suo percorso è chiaramente visibile presso le maggiori vallate longitudinali (Val Pusteria, Gailtal, Valle Drava). Vi si riscontrano le rispettive denominazioni locali (linea insubrica, tonale, giudicaria, pusterese, gail, drava). Si tratta di un punto debole della crosta terrestre facilmente soggetta a ripetute fratture. La zona di Falzes si trova direttamente sulla linea della Val Pusteria che si vede passare da Terento per Corti (Winkler) e Molini (Mühlen) (Schöneck), attraversa Falzes S. Valentino, per proseguire in direzione di Brunico e dell'alta Val Pusteria. Il vero e proprio processo di formazione montuosa con l'emersione delle Alpi come zona di alta montagna avvenne in epoca molto piú tarda, nel terziario (da 6,5 fino a 2,6 milioni di anni fa) ed è tuttora in corso. La forma arrotondata delle cime, nonché l'ampia estensione dei versanti, caratteristiche peculiari delle montagne attorno a Falzes, risalgono alle ere glaciali. Un milione di anni fa circa le Alpi erano coperte da un consistente strato di ghiaccio dovuto ad un generale

5 peggioramento delle condizioni climatiche. Mentre a Nord delle Alpi i ghiacciai si estendevano fino alle lontane pianure, a Sud invece essi stentavano a mostrarsi oltre l'imbocco delle vallate maggiori. Unicamente le cime più elevate emergevano dal manto di ghiaccio che raggiungeva lo spessore di 2000 metri. La zona alpina fu colpita da alcune forti glaciazioni, intervallate da vari periodi di temperature più elevate (ere interglaciali). I ghiacciai, nel corso del loro naturale movimento, trascinarono a valle un imponente massa di detriti rocciosi che poi, nel epoca del cambiamento climatico, con l inalzamento delle temperature e il conseguente scioglimento dei ghiacciai, si depositarono, formando le morene. Nella zona di Falzes fu principalmente il massiccio ghiacciaio della Valle Aurina a depositare grandi quantità di materiali, fra cui anche blocchi rocciosi di notevoli dimensioni che si trovano tuttora sparsi per prati e pascoli (massi erratici). Anni addietro ne era cosparso tutto il fondovalle. Con la progressiva coltivazione di prati e campi furono impiegati molti fra i più maneggevoli massi per erigere grossi muretti a secco assai utili in varie funzioni ad esempio come muri di sostegno sui pendii scoscesi, come recinzioni di campi e campagne, implicitamente anche a protezione contro l'erosione da intemperie e contro l'intrusione indesiderata di animali al pascolo, non ultimo come barriera contro la forza travolgente delle acque torrenziali in seguito a forti piovaschi. Pietra, materiale d'uso I potenti massi erratici, costituiti essenzialmente da granito (Rieserferner Tonalit) proveniente dalla Valle Aurina, furono utilizzati dai nostri antenati come materiale da costruzione, sicché già anticamente a Falzes si sviluppò il mestiere degli scalpellini che poi si è conservato sino ai giorni nostri. E` risaputo che nel medioevo in paese e in particolare nella Richtgrube si erano formate vere e proprie scuole di scalpellino, le quali erano dirette da valenti e rinomati maestri (Valentin Winkler, Friedrich von Pfalzen, Heinrich Stadler di Lothen). Gli scalpellini

6 di Falzes formavano una propria corporazione con propri diritti e proprie consuetudini. Essi avevano suddiviso fra di loro i singoli territori attorno alla montagna di Falzes e versavano regolarmente il loro tributo ai padroni. Il granito serviva alla costruzione di chiese, campanili, portali, costoloni di volte, panche, trogoli; persino la nota fortificazione della Val d'isarco, l'imponente Fortezza( ), venne eretta con granito di Falzes. A tale scopo si dovette procedere al trasporto dei massicci cubi di granito per mezzo di carri trainati da buoi, talché il committente, l'imperatore Francesco I d'austria, visto il costo elevato dell'impresa, si permise la domanda se per caso la fortezza non fosse stata costruita d'argento. Fortezza Escursione tematica: Pietre raccontano Luogo di partenza del percorso è il piazzale dell'edificio scolastico di Falzes. Seguiamo l'indicazione sentiero panoramico e dopo 100 m circa ci troviamo davanti ad un portale di pietra. Una quantità di colonne verticali di granito e gneis conferiscono all'escursione Pietre raccontano una significativa impronta. Le antiche colonne qui adattate a nuovi impieghi fungevano una volta come colonnine di steccati o cancelli, come rivelano ancora oggi gli ancoraggi in getti di piombo.

7 Il portale Passando attraverso il portale si avvia l'escursione tematica Le pietre raccontano. Si ha la possibilità di percorrere il nostro paesaggio a contatto con la cultura locale nelle sue varie manifestazioni, per tornare poi al punto di partenza giungendo allo stesso portale. Vi stanno come guardiani le colonne di pietra infossate. Esse sono una testimonianza del loro molteplice utilizzo. Il nostro itinerario conduce ad una leggera salita attraverso prati e campagne vicino a macchie di nocciolo, rosa selvatica, sambuco, visciolo, prugnolo, costeggiando vecchi muretti a secco da cui spuntano muschi e licheni, ma passando anche accanto ad un bel muro recentemente eretto, le cui pietre sono accastellate con molta cura, con accoglienti posti a sedere predisposti nelle nicchie. Il muretto a secco I muretti a secco, con gli strati di pietre accatastate nel corso dei secoli, rappresentano una peculiarità della nostra civiltà rurale. Essi delimitano viottoli e campagne, proteggono prati e campi da vento e siccità, riparano dall'intrusione di bestiame al pascolo, essi fungono da argini alle acque improvvise dei torrenti in piena. In questi muretti trovano sicuro rifugio innumerevoli utili organismi; attorno ad essi prosperano arbusti che poi i paesani da sempre utilizzano come legna da ardere. Presto raggiungiamo una biforcazione. Uno dei viottoli porta a Hasenried, passando attraverso il Pfaffensteig (segnalazione gialla); noi però proseguiamo diritto (punto rosso) e, arrivati al maso Tiefental, attraversiamo attentamente la via Plattner, passeggiamo lungo il vecchio sentiero sino alle alture del margine del bosco. Nel campo vicino giacciono due imponenti massi erratici, rimasti lí dall'ultima glaciazione.

8 I massi erratici Si definiscono massi erratici quei poderosi blocchi di roccia che i ghiacciai anticamente trasportarono da lontano e che vennero depositati qui allorquando i ghiacciai cominciarono a sciogliersi. I nostri antenati li utilizzarono poi per la produzione di colonne, trogoli, cornicioni attorno a portali, pietre da costruzione, selciati. Poco dopo giungiamo al punto in cui la via Plattner compie un ampio tornante; la attraversiamo e seguiamo la segnalazione Sentiero panoramico (punto rosso). Percorrendo la vecchia carraia ci addentriamo tra grossi alberi nella vallata stretta e scura, finché ci troviamo su una piazzola che porta il nome significativo Kohlstatt (carbonaia), la quale ci ricorda l'antico mestiere dei carbonai. Carbonaia Il termine si riferisce all'antico mestiere del carbonaio. Enormi quantità di legna venivano accuratamente accatastate, ricoperte da decotti di erbe e successivamente incendiate. Data la scarsità di afflusso d'aria la catasta di legna non poteva giungere a combustione, ma si spegneva lentamente, trasformandosi gradualmente in carbone, prodotto una volta assai richiesto. I pesanti massi dalla forma arrotondata sparsi per il terreno nonché i numerosi detriti indicano che le limpide acque del modesto ruscello possono ingrossare pericolosamente in seguito ad ininterrotte precipitazioni trasformandosi in torrenti travolgenti. Successivamente il sentiero fa una stretta curva a destra (verso Est), porta ad una breve salita e prosegue quasi pianeggiante lungo il margine di un bosco permeato di luce. Al di sopra del maso Kerschbaumer ci imbattiamo in una rotonda di pietre appositamente raccolte, disposte in modo da invitare a sedersi, riposarsi e guardare intorno.

9 La rotonda di pietra Il luogo circolare dove si sta seduti invita a soffermarsi e rincorrere i propri pensieri, stare in ascolto delle voci del bosco oppure semplicemente guardare intorno, facendosi impressionare dalla bellezza del paesaggio. Continuiamo la passeggiata costeggiando il margine del bosco al cospetto di un pascolo delimitato da uno steccato lavorato con arte. Infine raggiungiamo un largo sentiero forestale, sul quale prosegue il nostro cammino. Steccati Gli steccati tracciano i confini e implicitamente offrono protezione. Essi costituiscono un elemento fondamentale della nostra civiltà rurale. Si riscontrano steccati creati nelle forme più svariate. Meritano particolare menzione quegli steccati, le cui aste sono intrecciate alla traversa in modo del tutto singolare per mezzo di sottili ramoscelli. E' questa una tecnica assai dispendiosa, nella quale ramoscelli d'abete vengono abbrustoliti al fuoco fino a farli diventare flessibili per intrecciarli poi ancora roventi attorno alle aste. Interessanti i vari modelli di tale creazione. Dopo 500 m circa, alla centrale biotermica recentemente costruita, il sentiero tende a salire leggermente per poi ridiscendere poco dopo. La centrale biotermica Qui si effettua il riciclaggio degli scarti di legname, creando in tal modo un'importante fonte di energia alternativa da trasmettere agli impianti di riscaldamento. Ciò consente di dare un sostanziale contributo alla soluzione dei problemi ecologici. Da adesso lungo l'itinerario si trovano le stazioni della via crucis, le quali raffigurano la passione di Cristo. Il bel percorso meditativo, creato dalla compagnia degli Schützen Sichelburg di Falzes, inizia poco sopra il maso Pramstaller e termina al tabernacolo Bachstöckl.

10 L' itinerario: Il nostro punto di partenza ha come luogo di riferimento l'edificio scolastico. Vi si trova anche un ampio parcheggio. Seguiamo il Sentiero panoramico (punto rosso) in tutta la sua lunghezza, dapprima in salita al maso Tiefental, poi, superato il maso, sempre salendo, raggiungiamo il tornante, ci addentriamo nel bosco, costeggiamo il versante pressoché in direzione orizzontale fino al tabernacolo Bachstöckl (Santa Margherita), poi, nuovamente in salita fino ai masi Lechner, proseguiamo fino ad imboccare la strada per Kofl. Percorriamo questa strada per circa 200 m in discesa, quindi, seguendo il segno bianco-rosso 18 fino alla deviazione nach Greinwalden, proseguiamo il cammino fino a raggiungere la strada Greinwalden. Segue un breve tratto lungo la stessa strada verso Occidente (segno bianco-rosso 17A) fino alla chiesetta di San Valentino (segno bianco-rosso 7A); successivamente si arriva alla strada di Falzes. 10

11 Qui si prende la strada sterrata accanto alla asfaltata per circa 100 m in direzione occidentale, si attraversa la strada principale e si imbocca il sentiero forestale costeggiando il margine del bosco fino alla zona sportiva (segno E10). Quindi, seguendo la segnalazione Al lago si scende al laghetto di Issengo per proseguire fino alla strada per Chienes. Inizia ora la salita per Molini (segno bianco-blú 1 e, rispettivamente, bianco-rosso 3). Attraversata la Strada del Sole il percorso continua dapprima sulla strada Castel Schöneck, poi sulla Strada Hasenried (segno bianco-rosso 7) fino alla chiesetta di Hasenried. Arrivati là si prende la deviazione per il Pfaffensteig, mettendosi sulla via di ritorno a Falzes. Variante A Variante B Viste panoramiche con occhi di pietra Variante C 11

12 Il tabernacolo Bachstöckl (St. Margareth) Il tabernacolo è situato sul versante immediatamente sopra il paese all'angolo estremo del grande deposito fluviale su cui poggia Falzes. Esso è consacrato a Santa Margherita a protezione da ulteriori inondazioni. Nel tabernacolo pende un bel quadro a olio raffigurante la Madonna con Gesú Bambino e San Giovanni Nepomuceno, un altro santo protettore contro il pericolo di inondazioni. Il dipinto mostra ulteriormente una veduta del vecchio paese di Falzes sotto la minaccia di un impetuoso torrente in piena. A pochi passi dal tabernacolo si trova un bel posto panoramico che invita a soffermarsi. Sotto di noi il paese con le case schierate attorno al campanile; in primo piano a destra grossi muri di protezione eretti allo scopo di deviare dal centro abitato il torrente travolgente in piena in cui si trasformano le acque dell'esiguo ruscello in seguito a forti piovaschi; lungo il margine del bosco a sinistra i resti di un vecchio steccato con belle colonnine di granito. La parte Sud del paese è delimitata dalla zona boschiva del Pfalzner Unterberg, piú in lá si innalzano le estese alture con le cime della Cima Lasta (Astjoch) e del Monte Campiglio (Campiller Joch) dominate dal maestoso monte Putia. Mentre ci si riposa si scorgono alcune colonne di pietra, le quali presentano delle fessure quadrangolari che invogliano ad avvicinare lo sguardo per spiare intorno aprendo così una veduta più particolareggiata sul paesaggio. Occhi di pietra Guardando attraverso questi occhi di pietra il nostro sguardo necessariamente si restringe, in compenso però si colgono i dettagli con maggiore consapevolezza; infatti, chi resiste al fascino di osservare più attentamente determinati dettagli che si presentano alla nostra vista! Pietre raccontano 12

13 Il nostro cammino prosegue per un sentiero pianeggiante fino al punto in cui sopra un pascolo cosparso di blocchi di pietra improvvisamente si interrompe costringendo a imboccare la breve ma ripida salita al maso Zaßler. Una particolare attrazione fornisce il vecchio sentiero lastricato, incavato nel terreno, le cui sponde sono formate da imponenti muri a secco. Alla prossima località più in alto si raggiunge l'albergo Kofler am Kofl. Ma continuiamo a percorrere il sentiero panoramico (punto rosso), passiamo sotto il ponticello del fienile epassiamo sulla strada asfaltata che conduce al maso. Una magnifica panoramica si apre davanti a noi; si vedono le lontane Dolomiti dell'alta Pusteria (Rocca dei Baranci, Nove Cime, Croda dei Baranci, Cima Tre Scarperi, Monte Serla, Pico di Vallandro, Cima dei Colli Alti, Plan di Corones), giù fino alla conca di Brunico più in basso. Passiamo davanti al maso Innerlehen, accanto al quale si trova ancora un vecchio forno. L'itinerario prosegue per prati e boschi portando all'incrocio sottostante (sulla sinistra, un po'più in alto, il maso Wenger). Il forno Nelle immediate vicinanze di tutte le case agricole una volta c'era un forno, nel quale annualmente a più riprese si procedeva alla cottura del saporito pane di segale che poi veniva riposto nel sottotetto ad essiccare sugli appositi telai. Esso doveva bastare per molti mesi. Ora percorriamo la strada Kofler verso valle per 200 m circa fino ad un piccolo piazzale, svoltiamo a sinistra e seguendo il sentiero segnato, inizialmente in direzione trasversale, poi costeggiando il margine del prato lungo un fossato scendiamo fino al crocifisso nei pressi del maso Kaiser. Si prosegue a Sudovest sulla carraia passando davanti ad un fienile e ad un altro crocifisso. Poco dopo giungiamo ad un bivio. Prendiamo il sentiero a sinistra seguendo la segnalazione Greinwalden, dapprima accanto ad uno stagno creato di recente, il quale funge da riserva d'acqua piovana, in seguito attraversando un accogliente bosco di alberi ad alto fusto, finché arriviamo ad un prato recintato da un nuovo muro a secco eretto con grande accuratezza. 13

14 Segue un ulteriore tratto in breve discesa e ci troviamo sul posto in cui lavora lo scalpellino. Dappertutto stanno o giacciono blocchi di pietra più o meno grossi, in parte già scolpiti, e forse con un po'di fortuna si ha l' opportunità di osservare il maestro artigiano all'opera. Lo scalpellino Lo scalpellino esercita un antico mestiere che a Falzes vanta una lunga tradizione, le cui impronte sono rimaste impresse dappertutto. Ancora oggi si creano colonne e trogoli prevalentemente di massi granitici lavorati ancora sempre con mazza e scalpello. Ancora pochi metri fino a raggiungere la strada Greinwalden nei pressi del maso Ausluig; proseguiamo verso Ovest passando davanti all'impianto di smaltimento dei rifiuti e alla zona artigianale, infine si arriva alla deviazione per la chiesetta di San Valentino (St. Valentin). La passeggiata porta in discesa fino alla chiesetta. San Valentino La chiesetta venne eretta su un santuario precristiano e fu consacrata nell'anno Alla facciata esteriore si vedono pregiati affreschi di quell'epoca; l'interno vanta un famoso ciclo di affreschi del grande pittore Friedrich Pacher. Per visitare la chiesetta si chiede di rivolgersi all'azienda di soggiorno. Da questo antico luogo consacrato si ha una bella veduta verso il paese di Falzes con la chiesa parrocchiale di San Ciriaco. Ritornando con lo sguardo verso Nord si può distinguere chiaramente la zona di deposito fluviale che si estende sotto il tabernacolo Bachstöckl, sul quale è costruito il paese. Ora riprendiamo la via accanto alla chiesetta aprendo la via attraverso i prati. Poi, all'altezza del parcheggio, facendo bene attenzione attraversiamo la strada e proseguiamo lungo il margine del bosco al cospetto dei grossi massi erratici. In tempi antichi si trovavano qui le capanne degli scalpellini. La campagna denominata Ziegelofen (fornace) ricorda il periodo in cui nelle vicinanze si estraeva l'argilla destinata alla cottura dei mattoni. 14

15 La fornace Il materiale cretoso-argilloso sedimentato dai ghiacciai dell'epoca glaciale, estratto dalle fosse d'argilla, veniva plasmato formando i mattoni che poi si mettevano a cottura nelle fornaci. Questi mattoni servivano essenzialmente alla costruzione edilizia. La zona sportiva La zona sportiva recentemente ristrutturata offre alla gente del posto così come agli ospiti nell'arco di tutto l'anno svariate possibilità di attività sportiva, allenamento e ricreazione. Seguiamo a partire da adesso le indicazioni al lago arrivando entro pochi minuti al biotopo creato di recente. Il biotopo Nel corso della ricomposizione fondiaria si è provveduto alla creazione di questo piccolo biotopo. Esso offre uno spazio vitale protetto riservato agli anfibi, alle libellule e a molti altri animali che vivono nell'acqua e attorno ad essa, nonché alle piante che trovano lí il loro habitat naturale. 15

16 Il sentiero in leggera discesa, dotato di attrezzature ginniche, prosegue fino al laghetto di Issengo. Nel ruscelletto vicino al sentiero vivevano tempo fa numerosi gamberi d'acqua dolce. Nel corso dell'opera di risanamento delle acque i gamberi hanno cominciato a ripopolarsi; la loro sopravvivenza dovrà quindi essere garantita. Dopo mezz'ora circa raggiungiamo il laghetto di Issengo, un idillico luogo di sosta con possibilità di balneazione. Pietre raccontano Il laghetto di Issengo Il piccolo lago palustre è specialmente nella stagione estiva una gradita meta di escursioni. Anche gli ospiti vi si recano volentieri per la balneazione. Nell'immediata vicinanza si trova l'orto delle erbe con la distilleria di olio di pino mugo Bergila ; se ne consiglia una visita. Bergila Da generazioni si ricavano oli eterici mediante la distillazione a vapore di olio estratto da pino mugo, abete, ginepro e recentemente anche da varie erbe medicinali ottenendo unguenti e tinture. Vale proprio la pena recarsi nell'orto a vedere la grande varietà di piante medicinali. 16

17 Raggiunta la strada per Chienes la attraversiamo e seguiamo il segno bianco-azzurro 1, inizialmente per un breve tratto sul vecchio sentiero, poi sulla stradina in salita fino al Castel Schöneck, che giá da lontano saluta dall'alto della sua torre maestosa. Passiamo davanti al grande maso Baumann tinto di giallo, presso il quale si approvvigionava anticamente il vicino castello, oggi sotto l'amministrazione dell'istituzione Sägmüllerhof di Gais, i cui dipendenti gestiscono un'azienda agricola biologico-dinamica. L'orologio solare sulla facciata Sud dell'antica costruzione mostra da sempre solo le belle ore del giorno. Poco prima di giungere alla Strada del Sole a sinistra si trova il ristorante Schöneck, una volta sede del piccolo maso Bacher- Höfl, che secondo la recente storiografia sarebbe il luogo di nascita del grande maestro scultore e pittore Michael Pacher ( 1498). Nelle immediate vicinanze, 50 m circa ad Ovest, cresce l'abetecolonna Schlangenfichte (abete serpente), un monumento naturale di grande rarità. L'abete-colonna Questo vecchio abete di circa 100 anni (Picea excelsea) è un monumento naturale di rara bellezza. Si tratta di una mutazione causata con tutta probabilità dalle lievi radiazioni della sottostante roccia intrusiva. In tutta Europa si trovano solo pochi esemplari di questa pianta. Attraversiamo la Strada del Sole e percorriamo in salita la strada Castel Schöneck. Dopo un cammino di pochi minuti giungiamo ad un incrocio: a sinistra la via di accesso al castello, diritto il sentiero sale ai masi del Honigberg, a destra la strada Hasenried. L'abete-colonna Castel Schöneck Il castello dei signori di Schöneck, costruito su roccia granitica, risale al 12 secolo. L'ultimo grande Minnesänger Oswald von Wolkenstein ( ) sarebbe nato qui. Attualmente il castello è di proprietà privata e pertanto non è aperto al pubblico. Prendiamo la strada Hasenried salendo al maso Baustadel per proseguire sulla strada di accesso al maso arrivando alla chiesa di Hasenried. 17

18 La chiesetta di Hasenried (Haselried) La chiesa é consacrata a San Giovanni Battista ed è documentata già nell'anno La struttura attuale risale agli anni attorno al Sul posto sorgeva la fontana di un antico santuario. Infatti dalla fontana della cappella eretta poco più a valle sgorga l'acqua medicinale che una volta veniva usata per curare i mali oculistici. Il luogo divenne così meta di pellegrinaggio assai frequentata. Per una visita si prega di rivolgersi ai proprietari del maso. Pietre raccontano Poco prima della chiesa a sinistra c'è la deviazione (in direzione Est) per il Pfaffensteig (punto giallo), sul quale continua il nostro itinerario verso Falzes lungo bei muretti a secco e macchie di campagna. Sulla via si trova nuovamente uno spiazzo di pietre disposte a cerchio, dove é gradita una sosta. Ben distinta è la veduta sulla vicina località di Issengo con la sua chiesa gotica dedicata a San Nicoló. Issengo Il nome Issengo compare inizialmente nelle documentazioni attorno al Esso deriva da Isso e sta a ricordare il periodo dell'insediamento bavaro nella nostra zona avvenuto circa 1400 anni fa. La data di costruzione della chiesa a San Nicoló e del suo campanile risale agli anni attorno al Sotto di essa si trovano i resti di una chiesa molto più antica. 18

19 Lungo il cammino si vedono diversi vecchi tigli. Già da lontano si nota come queste piante una volta erano tenute in grande considerazione dalla gente del posto, la quale annualmente ne tagliava i rami per cogliere il fiore da cui si ricavava un delizioso tè medicinale. A metà strada circa verso il paese, dopo essere passati per un magnifico pergolato di arbusti in mezzo alla campagna, raggiungiamo nuovamente il Sentiero panoramico. Così il cerchio si chiude e noi ci ritroviamo al punto di inizio del nostro itinerario. Pietre raccontano Vista panoramica con occhi di pietra al Kofler am Kofl Monte Sommo (2396m): vista panoramica con 342 cime 19

20 Editore: Ass. Turistica di Falzes Testo: Harrasser Viertler Brigitte Traduzione: Dr Claudio Crazzolara Fotografie e Layout: Karl Passler

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago

Monti di Carate. Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monti di Carate Monte di Carate e Giseno visti dal lago Monte di Carate (Freccia gialla) visto da Brunate (*) Monte di Carate visto dalla strada del Bisbino E' formato da una cinquantina di baite immerse

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Attravers Arna e Sentieri Aperti

Attravers Arna e Sentieri Aperti La XII^ Circoscrizione ARNA del Comune di Perugia, con le Associazioni del territorio, presenta: Attravers Arna e Sentieri Aperti Edizione 2009 Cinque camminate mattutine tra sapori, colori e suoni nella

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA BRISIGHELLA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 228 del 29/9/95 (Pag.38) Articolo 1 Denominazione La denominazione di origine controllata olio

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Descrizioni dei punti IOF

Descrizioni dei punti IOF Descrizioni dei punti IOF Introduzione La corsa d orientamento è uno sport praticato a livello mondiale. L obiettivo delle descrizioni dei punti IOF è di fornire agli orientisti di tutti i paesi un mezzo

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione

16 Tronchetti - esercizi per busto. 17 Sbarre per potenziamento. 21 Tronchetti per tonificazione Riscaldamento Anello Anello Anello 1 2 3 1 25 2 24 23 22 3 4 21 20 5 6 7 18 8 9 10 15 11 12 13 14 19 17 16 Defaticamento 1 2 3 4 Piattaforme per stiramento arti inferiori Twister per tonificazione busto

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA

PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Infrastrutture Give Cycling a Push INFRASTRUTTURE / COLLEGAMENTI DELLA RETE PISTE CICLABILI IN SEDE PROPRIA Visione d insieme Una pista ciclabile in sede propria è l infrastruttura ciclabile di qualità

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione

PERSIANE FINSTRAL. Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE FINSTRAL Estetica e funzionalità nel rispetto della tradizione PERSIANE 2 Oscuramento e protezione visiva nel rispetto della tradizione Le persiane, oltre al loro ruolo principale di elemento

Dettagli

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino

Leonia Le città invisibili di Italo Calvino La città di Leonia rifà se stessa tutti i giorni: ogni mattina la popolazione si risveglia tra lenzuola fresche, si lava con saponette appena sgusciate dall'involucro, indossa vestaglie nuove fiammanti,

Dettagli

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio

Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Aiuto alla compilazione del modulo Caratteristiche dell edificio Edificio Ai sensi dell art. 3 del ordinanza sul Registro federale degli edifici e delle abitazioni, l edificio è definito come segue: per

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA

CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA CORSO DI GEOPEDOLOGIA A.S. 2012 2013 prof. Luca Falchini LA STRUTTURA INTERNA DELLA TERRA Indagini dirette Scavi per ricerche minerarie, energetiche e idriche; carotaggi Non si giunge oltre i 12 km di

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Emozione montagna. Racines. Vipiteno. Colle Isarco. Percorsi escursionistici Escursioni in montagna Tour in mountain bike Malghe & rifugi

Emozione montagna. Racines. Vipiteno. Colle Isarco. Percorsi escursionistici Escursioni in montagna Tour in mountain bike Malghe & rifugi valleisarco Percorsi escursionistici Escursioni in montagna Tour in mountain bike Malghe & rifugi Emozione montagna Racines Val Racines Val Ridanna Val Giovo Vipiteno Campo di Trens Prati/Val di Vizze

Dettagli

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R.

VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VARIANTE AGLI ARTT. 32, 36, 37, 38, 46, 54, 87 DEL VIGENTE P.R.G. ADEGUATO AL P.P.A.R. VIGENTE MODIFICATO ARTICOLO 31 ZONE AGRICOLE 1. Sono considerate zone agricole assimilabili alle zone E del D.M. n

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850

Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 Larderello è una frazione del comune di Pomarance, in provincia di Pisa, sulle Colline Metallifere a 390 metri di altitudine. Il paese conta 850 abitanti ed è in parte proprietà dell'enel. Larderello produce

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze

Misure di base su una carta. Calcoli di distanze Misure di base su una carta Calcoli di distanze Per calcolare la distanza tra due punti su una carta disegnata si opera nel modo seguente: 1. Occorre identificare la scala della carta o ricorrendo alle

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015

INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015 INFORMAZIONI e REGISTRAZIONE al TrailTrophy Plan de Corones 2015 PROGRAMMA/INFORMAZIONI La prima del TrailTrophy a Plan de Corones: alla fine di luglio la comunità del TrailTrophy si ritrova una seconda

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

nuovimuri murogeopietra. ogni muro in pietra è unico

nuovimuri murogeopietra. ogni muro in pietra è unico murogeopietra. ogni muro in pietra è unico Geopietra offre l emozione autentica della muratura superando i limiti d utilizzo della pietra naturale. L unicità e la naturalezza, che consideravamo ormai archiviate

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella "Carta di Sintesi" 25 27 B LOCALITA'

F N dell'area edificata in settori a pericolosità geologica elevata individuata nella Carta di Sintesi 25 27 B LOCALITA' LOALITA' Aa NTRO STORIO I b γ Ab NTRO STORIO I Ac NTRO STORIO I a LASS I IONITA' URANISTIA IR. 7/LAP ascia fluviale ex PS PRSRIZIONI INTGRATIV RISPTTO Presenza di tratti stradali, convoglianti le acque

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o

e r r e 3 s t u d i o t e c n i c o a s s o c i a t o a r c h. c r i s t i n a r o s t a g n o t t o Come disposto nelle norme di attuazione, artt. 15, 16, 17 e dall Allegato 5 alle NTA del PTC2 gli strumenti urbanistici generali e le relative varianti assumono l obbiettivo strategico e generale del contenimento

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Come si fa una ricerca scolastica

Come si fa una ricerca scolastica Come si fa una ricerca scolastica nell'epoca di Internet Per prima cosa......occorre individuare con chiarezza l'argomento della ricerca Poi......dobbiamo cercare il materiale Libri (Enciclopedie o altri)

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva

Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Gruppo cantonale per lo sviluppo sostenibile (GrussTI) Coordinamento: Cancelleria dello Stato, Bellinzona Presentazione a cura di Sabrina Caneva Sviluppo sostenibile e gestione responsabile delle risorse

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

ALOIS RIEGL (1858-1905)

ALOIS RIEGL (1858-1905) ALOIS RIEGL (1858-1903 DER MODERNE DENKMALKULTUS : IL CULTO MODERNO DEI MONUMENTI ANTICHI... NEGLI ULTIMI ANNI SI E VERIFICATO UN PROFONDO CAMBIAMENTO NELLE NOSTRE CONCEZIONI SULLA NATURA E LE ESIGENZE

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

La valle reatina e i conventi francescani Visita dei quattro conventi di San Francesco. sabato/domenica 6-7

La valle reatina e i conventi francescani Visita dei quattro conventi di San Francesco. sabato/domenica 6-7 La valle reatina e i conventi francescani Visita dei quattro conventi di San Francesco sabato/domenica 6-7 In collaborazione con Ostia in Bici ( Fiab Onlus ) e Wig Wam guida: Romano Puglisi -------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli