L evoluzione dei diritti degli individui nel XX secolo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L evoluzione dei diritti degli individui nel XX secolo"

Transcript

1 IL NASCENTE DIRITTO DI INGERENZA UMANITARIA ALLA LUCE DEI CONFLITTI PIÙ RECENTI TEN. COL. MARIO TARANTINO L evoluzione dei diritti degli individui nel XX secolo Come noto, secondo l insegnamento tradizionale, i principali soggetti di diritto internazionale sono gli Stati. In quest ordine di idee non godrebbero di personalità internazionale né gli individui in quanto tali, né le associazioni di individui. Nel diritto internazionale classico (1), peraltro, gli individui in quanto tali non appaiono di regola nemmeno come i materiali beneficiari di norme internazionali intese a proteggerne gli interessi. La libertà degli Stati incontrava dei limiti, essenzialmente per quanto riguardava il trattamento degli stranieri. (1) Per diritto internazionale classico intendiamo il diritto internazionale esistente in epoca anteriore alla prima guerra mondiale. Tale nozione dovrebbe contrapporsi a quella di diritto internazionale contemporaneo, che si sarebbe affermato dopo la seconda guerra mondiale. Si veda in proposito G. Napoletano, Violenza e trattati nel diritto internazionale, Milano 1977, p

2 La situazione appare tendenzialmente diversa nel diritto internazionale contemporaneo e la prima autorevole testimonianza, in questo senso, è offerta dallo Statuto delle Nazioni Unite (entrato in vigore il 24 ottobre del 1945). Nel secondo capoverso dello Statuto, infatti, si afferma la fede nei diritti fondamentali dell uomo e nella uguaglianza dei diritti degli uomini e delle donne. Analogamente, l art. 1 par. 3 della Carta sottolinea nuovamente, fra i fini delle Nazioni Unite, quello di conseguire la cooperazione internazionale... nel promuovere ed incoraggiare il rispetto dei diritti dell uomo. Questi programmi hanno trovato parziale esecuzione attraverso la Dichiarazione universale dei diritti dell uomo, approvata dall Assemblea Generale il 10 dicembre 1948, il Patto internazionale sui diritti economici, sociali e culturali ed il Patto internazionale sui diritti civili e politici. Sul piano regionale, infine, è necessario ricordare l importante Convenzione europea sui diritti umani. Pertanto, il diritto internazionale si è evoluto, modificando la situazione esistente in epoca anteriore alla prima guerra mondiale, col riconoscere gli individui, tutti gli individui, degni di tutela. È evidente che non sono soltanto gli interessi materiali degli Stati ad apparire degni di tutela, bensì anche quelli degli individui in quanto tali. A loro volta gli Stati, che hanno ratificato i trattati internazionali, sono destinatari degli obblighi previsti dai relativi accordi, anche se bisogna riconoscere che questo obbligo non è contemplato dallo Statuto delle Nazioni Unite. Nello Statuto delle Nazioni Unite vengono presi ripetutamente in considerazione anche gli interessi materiali di una terza entità, che si distingue dagli Stati e dagli individui: i popoli. Le Nazioni Unite, infatti, sono state create per:... salvare le future generazioni dal flagello della guerra, riaffermare la fede nei diritti fondamentali dell uomo, promuovere il progresso sociale.... Il Preambolo indica come titolari di queste esigenze non gli Stati, ma i popoli. Anzi, il soddisfacimento di queste esigenze, ad opera dei popoli, si pone come presupposto primo della successiva stipulazione dello Statuto. Al tempo stesso, il Preambolo individua chiaramente nei Governi (e cioè negli Stati) i destinatari delle relative norme. Nell ambito dello Statuto, un particolare rilievo è attribuito agli interessi e ai diritti di quei popoli che si trovano in stato di subalternanza rispetto ad uno Stato membro delle Nazioni Unite. La norma parla di territori la cui popolazione non abbia ancora raggiunto una piena autonomia. È evidente il riferimento ai Paesi i quali, nel corso della storia, sono stati soggetti alla dominazione coloniale che, nella generalità dei casi, è sfociata ineluttabilmente nella concessione di una piena autonomia (2). Nonostante tale processo sia concepito dalla stessa norma come graduale e diluito nel tempo, bisogna comprendere che, nel 1945, esistevano ancora vasti imperi coloniali, che non sarebbe stato possibile smantellare in breve tempo senza mettere in pericolo la pace. Ed è chiaro che la conservazione della pace è l obiettivo predominante dello Statuto (3). Analogamente, il principio dell autodeterminazione dei popoli deve essere inquadrato nella medesima ottica, ovvero subordinato al principio della conservazione della pace e della sicurezza internazionale. Il diritto dell autodeterminazione I diritti dei popoli nello statuto delle Nazioni Unite Da quanto precede, si può dedurre la ragionevole supposizione che nel diritto internazionale generale siano accolte delle norme giuridiche che tutelano gli interessi di questi popoli, entità prive di personalità giuridica, che si distinguono tanto dagli individui che dagli Stati. Vediamo di esaminare quale sia la natura della tutela giuridica accordata agli interessi dei popoli (4). Sembra innanzitutto utile precisare (2) Virally, Droit international, p. 517: Le principe dominant l évolution de tout territoire non autonome est celui du droit des peuples à disposer d eux-memes. La période de non-autonomie a essentiellement pour fin de créer les conditions nécessaires à un exercice libre et coscient de ce droit. Le choix exprimé par la populations sera, normalement l indépendence (3) G. Calogeropoulos-Stratis, Le droit des peuples, p. 105: La Charte de l ONU vise un objectif principal, le mantien de la paix et la sécurité internationales... La primauté est reconnue à l obbligation du maintien de la paix et de la sécurité... Devant cet objectif majeur, les autres buts de la Charte acquièrent une importance secondaire (4) Mosconi, Diritti dei popoli, minoranze e diritti dell uomo, in Il politico, 1979, pp. 353 ss. 33

3 che in un determinato Stato possono essere presenti uno o più popoli. Né è impossibile pensare ad un popolo che sia distribuito in vari Stati. In linea generale, credo si debba partire dall idea che gli interessi di un popolo e gli interessi dello Stato, a cui questo popolo appartiene, coincidano fra loro o, perlomeno, siano interdipendenti. Pertanto, la tutela dell interesse dell uno, si riflette, tout court, su quello dell altro. Può avvenire, tuttavia, che gli interessi di un popolo siano talmente in contrasto con gli interessi dello Stato a cui il popolo stesso appartiene, che l unico modo di sanare questo conflitto è di concedere al popolo di costituirsi separatamente a Stato sovrano. È questo, in sostanza, il contenuto del diritto all autodeterminazione dei popoli, già riconosciuto dallo Statuto delle Nazioni Unite e anche da numerosi altri strumenti internazionali. Non si può dire che il diritto all autodeterminazione venga riconosciuto indiscriminatamente a tutti i popoli. E non è certo facile, allo stato attuale delle cose, definire con esattezza i limiti di applicazione di tale diritto. Tutto ciò che si può dire oggi è che il diritto all autodeterminazione, inteso come diritto ad erigersi a Stato sovrano, è stato riconosciuto senza riserve ai popoli che erano sottoposti a dominazione coloniale. Nei confronti degli altri popoli, il diritto all autodeterminazione è spesso interpretato nel senso più blando (ma anche più insidioso) di un diritto al godimento di istituzioni democratiche (il che evidentemente pone il difficile problema di stabilire esattamente quali istituzioni siano democratiche e quali non lo siano). Questo orientamento appare chiaro nella Dichiarazione universale dei diritti dei popoli, approvata ad Algeri il 1 luglio 1976 da una conferenza di uomini politici e di cultura (5). La Sezione 2^ di tale Dichiarazione è infatti intitolata Diritto all autodeterminazione politica. Vi si riscontra che, quando non si tratta di dominazione coloniale o straniera, assume i contorni di un diritto al godimento di istituzioni libere e democratiche. (5) Su tale Dichiarazione si legga l acuto studio di P. Fois, La Dichiarazione universale dei diritti dei popoli di Algeri, in La comunità internazionale, 1976, pp. 491 ss. 34

4 La sovranità: dominio riservato dello Stato L ampliamento della sfera dei diritti, dovuto soprattutto alla proliferazione delle dichiarazioni emanate da enti internazionali di rilievo, si accompagna spesso al timore di intromissioni di organi di enti internazionali, preposti alla delicatissima materia del rispetto dei diritti umani negli affari esterni degli Stati. Inoltre, malgrado le preoccupazioni degli Stati e dei Governi, bisogna riconoscere che le concezioni della sovranità e del dominio riservato dello Stato, della non-ingerenza e del non-intervento negli affari interni, sono andate modificandosi in misura, per molti versi, rilevante. In proposito, occorre ricordare che l art. 2, par. 7, dello Statuto delle Nazioni Unite ribadisce che nessuna disposizione dello Statuto medesimo può autorizzare l Organizzazione ad intervenire in questioni che appartengono eccezionalmente alla competenza interna di uno Stato ; l art. 56 dello Statuto precisa, però, che gli Stati membri si impegnano ad agire, collettivamente o singolarmente, in cooperazione con l organizzazione, per raggiungere i fini indicati all art. 55 ; il quale ultimo, tra l altro, espressamente contempla il rispetto e l osservanza universale dei diritti dell uomo e delle libertà fondamentali per tutti, senza distinzione di razza, sesso, lingua o religione. Il rispetto dei diritti umani sembra configurare, quindi, un obbligo dello Stato membro delle Nazioni Unite non solo verso i suoi propri cittadini, ma nei confronti dell intera comunità internazionale. Malgrado ciò, non è infrequente il caso in cui uno Stato definisca come indebite intromissioni nei suoi affari interni, le esortazioni rivoltegli nelle sedi internazionali al rispetto dei diritti di questa o quella categoria di suoi cittadini. Anche se la giurisprudenza che disciplina l applicazione di misure adeguate nello specifico campo, è in costante evoluzione, occorre riconoscere, dandone il giusto peso, l ampio consenso a favore del rispetto dei diritti umani affermatosi nell opinione pubblica internazionale e le conseguenti possibilità di esercitare pressioni di vario genere nei casi più gravi. Esempi di questo genere non sono mancati prima degli anni 90, durante e continuano oggi, sempre di più, a caratterizzare la scena mondiale. Occorre considerare, tuttavia, che l attenzione dell opinione pubblica - non sempre correttamente informata dai mezzi di comunicazione di massa - tende spesso ad accentrarsi su episodi particolarmente toccanti riguardanti singoli individui, a torto o a ragione molto noti, piuttosto che su vicende che coinvolgono un maggior numero di persone, considerate meno meritevoli o meno bisognose di protezione. Si suole distinguere, al riguardo, tra gruppi minori (ai quali appartiene tipicamente la famiglia), gruppi intermedi (a base etnica, economico razziale, religiosa, linguistica, ecc.) e gruppi maggiori (nazioni, popoli, Stati e, al limite, la stessa comunità internazionale). Le specifiche facoltà e funzioni di ciascuno dei gruppi, che si sono ora citati, non sempre vengono individuate e descritte con la necessaria accuratezza nelle molteplici dichiarazioni in materia di diritti. In particolare, la definizione dei popoli, e conseguentemente dei loro diritti, si presenta tutt altro che agevole. Il dovere d ingerenza umanitaria e la tutela dei diritti fondamentali di un popolo Come accennavo, non mancano, specialmente nella più recente prassi internazionale, numerosi esempi di intervento, anche armato, negli affari interni di determinati Stati in nome del rispetto dei diritti umani e, più in generale, dei principi umanitari. In molti casi, come noto, sono stati singoli Paesi, quelli più sensibili a queste problematiche, a procedere all intervento o a promuoverlo, mentre più cauta e lenta è stata, per motivi evidenti, l azione delle organizzazioni internazionali. Dico per motivi evidenti, in quanto interventi di questo tipo richiedono un organizzazione di Comando e Controllo ben rodata, nonché Forze Operative ben addestrate e in grado di sostenere uno sforzo prolungato, sebbene di intensità non elevata. Se da una parte, l uso di mezzi violenti da parte di gruppi che rischiano di essere sopraffatti o addirittura eliminati, all interno di un determinato Stato, è generalmente ritenuto legittimo, dall altra, vi è un bisogno di fare chiarezza, sulla base delle innumerevoli esperienze internazionali, circa la legittimità di un intervento armato esterno, al fine dichiarato di 35

5 prestare soccorso a un popolo in pericolo. In effetti, in presenza di un intervento umanitario bisogna riconoscere che non è sempre facile valutare dove inizia la violazione del diritto di non ingerenza negli affari interni del Paese sul cui territorio si realizza l intervento. Al riguardo, occorre precisare che le Forze Armate di uno o più Stati sono soltanto strumenti delle volontà governative, competendo loro non già la decisione su dove e cosa andare a fare, ma sul come tecnicamente e operativamente realizzarlo. Ciò, evidentemente, presuppone che i comandanti e i quadri devono avere chiaro lo scenario internazionale ed i problemi sul tappeto, per meglio svolgere la missione di pace affidata. Va, inoltre osservato, che la giurisprudenza in merito non trova facile ed immediata comprensione ove si rifletta che la medesima contiene in sé una contraddizione in termini. Un intervento di carattere umanitario, infatti, che implichi l uso delle armi da parte di uno Stato sul territorio di un altro Stato, ancorché serva a far cessare gravi violazioni del diritto umanitario a danno delle popolazioni locali, dei cittadini stranieri, ecc., non troverebbe posto nel sistema di sicurezza internazionale previsto dall ONU. Infatti, nel moderno diritto internazionale è consentito l uso della forza solo in caso di legittima difesa. Si è molto discusso, per esempio, a proposito dell illegittimità dell intervento di umanità (vds. Risoluzione 36/103 del 1981 delle Nazioni Unite) che è stata poi ribadita dalla sentenza della Corte internazionale di giustizia del 1986, nel caso Nicaragua Stati Uniti. Tra l altro, questa tipologia d intervento, a differenza di quello di protezione dei cittadini all estero, comporta una prolungata presenza in territorio altrui ed un mutamento di regime nello Stato territoriale. Malgrado la citata Risoluzione e la successiva sentenza, occorre considerare che la Guerra del Golfo, in quegli anni ha segnato 36

6 una svolta significativa, quanto meno perché: il Consiglio di Sicurezza ha potuto svolgere la sua funzione di Direttorio Internazionale su aperte violazioni di diritto attraverso l unanimità di parere dei cinque membri permanenti; con la risoluzione 688/1991 si è scalfito il monolito su cui poggiava il principio della non ingerenza; per la prima volta, motivi connessi con l applicazione del diritto umanitario sono entrati nella prassi delle Nazioni Unite. Detta nuova situazione naturalmente non è occasionale, ma deve le sue cause ad una serie di crisi, tutte riconducibili alla dissoluzione dell Impero sovietico ed al tramonto della logica bipolare di confrontazione. Da allora, si è iniziato a parlare con maggiore consapevolezza del diritto o dovere di ingerenza umanitaria in relazione alle operazioni di assistenza alle popolazioni curde e sciite in Iraq immediatamente dopo la fine della guerra del Golfo (1991), oppure allo scopo di chiedere l apertura di corridoi umanitari per l evacuazione di popolazioni ed altre operazioni di soccorso nei territori della ex Jugoslavia dopo la dissoluzione di questo Stato. Lo stesso problema si è presentato in Somalia, in Ruanda, in Kosovo, ecc.. Il cosiddetto dovere d ingerenza umanitaria, come dovere di uno Stato o di un gruppo di Stati, di intervenire in territorio altrui senza il consenso dello Stato territoriale, allo scopo di porre fine ad una grave violazione dei diritti umani, è giuridicamente implicito nell art. 30 della più volte citata Dichiarazione universale dei diritti dei popoli; detto articolo afferma che il ristabilimento dei diritti fondamentali di un popolo, quando essi sono gravemente violati, è un dovere che si impone a tutti i membri della comunità internazionale. D altra parte, in caso di conflitto armato internazionale sono ammissibili azioni di soccorso in favore della popolazione civile, anche mediante l invio di 37

7 non poteva, in alcun caso, portare a rimettere in discussione l esistente assetto politico-istituzionale dello Stato medesimo. La sovranità di medicamenti e di materiale sanitario, nonostante la prescrizione secondo la quale l azione necessita del consenso dello Stato territoriale e dello Stato che controlla il territorio dove è stata stanziata la popolazione beneficiaria del soccorso (6) e, ove ragioni contingenti lo consigliassero, è possibile condurre le operazioni su autorizzazione delle Nazioni Unite. Infatti, l intervento può aver lecitamente luogo in virtù del capitolo VII della Carta dell ONU, con la conseguenza che gli Stati possono intervenire su autorizzazione delle Nazioni Unite o che operazioni di mantenimento della pace possono essere intraprese dall organizzazione mondiale. La determinazione, da parte di Stati stranieri, di quelli che sono gli autentici diritti e interessi di un popolo ha trovato, in passato, per quel che riguarda i regimi marxisti-leninisti di ispirazione sovietica, una giustificazione politica e dottrinale con la teoria, detta comunemente in occidente, della sovranità limitata. Secondo tale concezione, il diritto di autodeterminazione del popolo di uno Stato socialista quest ultimo poteva, quindi, essere violata dagli altri Stati della comunità socialista, in nome di un interesse generale, destinato a prevalere sull interesse particolare di questo o quel popolo. A fronte di situazioni così singolari, le organizzazioni internazionali si potevano limitare soltanto a ratificare interventi già effettuati. In conclusione, fermo restando il principio generale di non-intervento nelle guerre civili, è ormai largamente ammessa la liceità dell invio di soccorso alle popolazioni, che si trovano in condizioni di particolare necessità, a seguito di conflitti all interno di uno Stato. L ineluttabilità di questa prassi, che è ormai entrata a far parte della coscienza collettiva, prima ancora che del diritto internazionale, sancisce e rafforza il dovere dell intervento di umanità da parte di quei membri della comunità internazionale o di quelle organizzazioni internazionali, che siano in grado di farlo, e il corrispondente (6) Artt. 23 della IV Convenzione di Ginevra del 1949 e 70 del I Protocollo addizionale alle quattro Convenzioni di Ginevra. La risoluzione A/45/587 (1990) dell Assemblea generale delle Nazioni Unite, relativa al Nuovo Ordine Internazionale Umanitario, precisa come lo stabilimento di corridoi umanitari debba essere negoziato con gli Stati interessati prendendo in considerazione le esigenze delle rispettive sovranità 38

8 diritto delle popolazioni coinvolte a ricevere detto soccorso (7). La proliferazione delle dichiarazioni e l esigenza di un riordino e di una armonizzazione normativa Sin dall opera di Hugo Grozio De jure belli ac pacis, del 1625, la dottrina del diritto internazionale raccolse il principio per cui le relazioni tra i sovrani, potendo essere sia pacifiche che ostili, dovessero essere sottoposte a regole giuridiche attinenti alla pace e alla condotta delle ostilità. Nel Settecento, il secolo del diritto naturale, vengono in luce, con il richiamo a norme non scritte, le esigenze del rispetto dei diritti umani. È proprio in questo periodo, agli albori del diritto internazionale, che studiosi famosi e teorici del rispetto dei diritti fondamentali dell uomo si richiamano al diritto delle genti in tempo di guerra, per costringere i sovrani ad un generale rispetto delle leggi umanitarie. Nel secolo successivo si affermano, invece, le regole che impegnano gli Stati e che vengono approvate, con apposite convenzioni, dalla metà dell Ottocento in poi. In relazione al diritto umanitario ricordiamo la Convenzione di Ginevra del 22 agosto 1864; le Convenzioni di Ginevra del 17 luglio 1929; le quattro Convenzioni di Ginevra del 12 agosto 1949; i due Protocolli aggiuntivi dell 8 giugno Per quanto riguarda le principali regole sulla condotta delle ostilità, vennero invece codificate: le Convenzioni dell Aja del 29 luglio 1899; le Convenzioni dell Aja del 1907; il Protocollo di Ginevra del 17 giugno 1925; la Convenzione dell Aja del 14 maggio 1954; la Convenzione dell ONU del 10 dicembre 1976; la Convenzione del 10 ottobre Nonostante la consolidata tradizione giuridica in materia, il diritto internazionale presenta qualche lacuna, o meglio non riesce a disciplinare efficacemente le esigenze dei popoli coinvolti, direttamente o indirettamente, nei conflitti di vario genere e portata, nell ambito del teatro mondiale. Ecco perché, da più parti, si auspica e non a torto, una riforma delle Nazioni Unite, finalizzata all interesse generale di migliorare lo stato di gestione degli affari mondiali, con la convinzione che solo una direzione politico-strategica delle operazioni, condotte in nome della pace, possa rappresentare la chiave di volta del rispetto dei Diritti dei Popoli e del Diritto internazionale. D altra parte, è bene ricordare che le solenni enunciazioni, anche quando emanano da enti internazionali di grandissimo rilievo e prestigio, non foss altro che per il numero elevatissimo di Stati che ne fanno parte, rivestono, agli effetti concreti, un valore più morale e pragmatico che specificamente giuridico. Spesso si agisce unicamente facendo ricorso a raccomandazioni (8) e ad altri atti privi di valore obbligatorio e che, perciò, hanno limitate possibilità di incidere efficacemente sulla vita interna e sul comportamento di quegli stessi Stati che pur contribuirono ad adottare, o successivamente accettarono, dette disposizioni (9). Inoltre, la proliferazione delle dichiarazioni dei diritti, mentre testimonia un indubbia accresciuta sensibilità delle diverse componenti della comunità internazionale, non è scevra di pericoli anche gravi. Potrebbe, forse, essere opportuno accantonare, nelle sedi competenti, ulteriori tentativi di approfondimento e di catalogazione dei diritti, per concentrare gli sforzi su una più efficace tutela internazionale dei diritti stessi (10). (7) Cfr. i rilievi al riguardo di M. Bennouna, Le consentement à l ingérence humanitaire dans les conflits internes, Librarie générale de droit et de jurisprudence, Parigi, 1974 (8) La raccomandazione è l atto tipico che gli organi delle Nazioni Unite (e delle organizzazioni internazionali in generale, Comunità europee a parte) hanno il potere di emanare. Si è anche più volte detto che la raccomandazione non è vincolante e precisamente non vincola lo Stato o gli Stati, a cui si dirige, a tenere il contegno raccomandato. Resta però da chiedersi se essa sia proprio del tutto improduttiva di conseguenze giuridiche o se invece alcuni effetti, sia pure secondari, le siano ricollegabili. Si ritiene che la raccomandazione produca un effetto che può chiamarsi di liceità. Si ritiene cioé che non si commetta illecito se uno Stato, per eseguire una raccomandazione di un organo internazionale, tiene un contegno contrario ad impegni precedentemente assunti mediante accordo oppure ad obblighi derivanti dal diritto consuetudinario. L effetto di liceità è da ammettere solo nei rapporti fra gli Stati membri, ed è da ammettere solo in ordine alle raccomandazioni legittime, cioè alle raccomandazioni che non fuoriescano dalle competenze proprie degli organi e da ogni altro limite che il trattato istitutivo ponga all azione degli organi medesimi (9) Vedi le osservazioni di G. Sperduti, La persona umana e il diritto internazionale, in Comunicazioni e Studi, Istituto di diritto internazionale e straniero dell università di Milano, Milano 1960 (10)La lettura delle tante dichiarazioni dei diritti può generare, non di rado, perplessità ed amari interrogativi e fornire argomenti sostenitori della tesi che considera il rispetto pieno dei diritti e delle libertà fondamentali un lusso riservato agli abitanti dei Paesi economicamente più progrediti 39

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE

LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE LO STATO E GLI ALTRI ORDINAMENTI. L ORDINAMENTO INTERNAZIONALE L ordinamento giuridico internazionale Diritto internazionale generale e diritto internazionale particolare L adattamento del diritto interno

Dettagli

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,)

Preambolo. (La Sotto-Commissione*,) Norme sulle Responsabilità delle Compagnie Transnazionali ed Altre Imprese Riguardo ai Diritti Umani, Doc. Nazioni Unite E/CN.4/Sub.2/2003/12/Rev. 2 (2003).* Preambolo (La Sotto-Commissione*,) Tenendo

Dettagli

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI

DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI DICHIARAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO SUI PRINCIPI E I DIRITTI FONDAMENTALI NEL LAVORO E SUOI SEGUITI adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ottantaseiesima

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

Le origini della società moderna in Occidente

Le origini della società moderna in Occidente Le origini della società moderna in Occidente 1 Tra il XVI e il XIX secolo le società occidentali sono oggetto di un processo di trasformazione, che investe la sfera: - economica - politica - giuridica

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati

Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati Traduzione 1 Convenzione di Vienna sul diritto dei trattati 0.111 Conclusa a Vienna il 23 maggio 1969 Approvata dall Assemblea federale il 15 dicembre 1989 2 Istrumento d adesione depositato dalla Svizzera

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione

Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione 13 Le azioni possessorie nei confronti della pubblica amministrazione SOMMARIO 1. Limiti interni delle attribuzioni del giudice ordinario. 2. Proponibilità delle azioni possessorie nei confronti della

Dettagli

Gli stranieri in Italia

Gli stranieri in Italia Gli stranieri in Italia E straniero, evidentemente, chi non è cittadino italiano. Tuttavia, nell epoca della globalizzazione questa definizione negativa non è più sufficiente per identificare le regole

Dettagli

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI

STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI STATUTO DELL ALTO COMMISSARIATO DELLE NAZIONI UNITE PER I RIFUGIATI L ASSEMBLEA GENERALE Vista la propria risoluzione 319 A (IV) in data 3 dicembre 1949, 1. Adotta l allegato alla presente risoluzione

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo

LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO. In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo LABORATORIO DI SCRITTURA PAOLO GRILLO In tema di arbitrio condizionante: I poteri dell'imputato correlati alla contestazione del fatto nuovo 1. Premessa La contestazione di un fatto nuovo 1 costituisce

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI

PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI PARITA DI TRATTAMENTO TRA LAVORATORI di Lorenzo Marinelli* Il presente elaborato intende porsi il problema relativo alla possibilità per il datore di lavoro nell ambito dei rapporti privatistici di porre

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari.

Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. Dichiarazione delle Nazioni Unite sui Diritti dei Popoli Indigeni. Traduzione italiana a cura di Emanuela Borgnino e Giuliano Tescari. maggio 2008 Nazioni Unite Assemblea Generale Sessantunesima sessione

Dettagli

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO

DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DICHIARAZIONE RIGUARDANTE GLI SCOPI E GLI OBBIETTIVI DELL ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO adottata dalla Conferenza internazionale del Lavoro nella sua Ventiseiesima Sessione Filadelfia, 10 maggio

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali

Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Traduzione 1 Convenzione sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali Conclusa a Parigi il 20 ottobre 2005 La Conferenza generale dell Organizzazione delle Nazioni Unite

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CONVENZIONI ONU CONVENZIONE INTERNAZIONALE SULL ELIMINAZIONE DI OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE RAZZIALE (ICERD)

CONVENZIONI ONU CONVENZIONE INTERNAZIONALE SULL ELIMINAZIONE DI OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE RAZZIALE (ICERD) CONVENZIONI ONU CONVENZIONE INTERNAZIONALE SULL ELIMINAZIONE DI OGNI FORMA DI DISCRIMINAZIONE RAZZIALE (ICERD) Adottata, aperta alle firme e ratificata dall'assemblea Generale il 21 dicembre 1965; entrata

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Sistema di certificazione del processo di Kimberley

Sistema di certificazione del processo di Kimberley Traduzione 1 Sistema di certificazione del processo di Kimberley Preambolo I partecipanti, riconoscendo che il commercio dei diamanti insanguinati è un grave problema internazionale, che può contribuire

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità La Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo della Commissione europea, in occasione del 2007 - Anno europeo delle

Dettagli

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale

Testo non ufficiale. La sola stampa del bollettino ufficiale ha carattere legale 1 1 LEGGE REGIONALE 24 giugno 2002, n. 12 #LR-ER-2002-12# INTERVENTI REGIONALI PER LA COOPERAZIONE CON I PAESI IN VIA DI SVILUPPO E I PAESI IN VIA DI TRANSIZIONE, LA SOLIDARIETÀ INTERNAZIONALE E LA PROMOZIONE

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA

ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA ACCESSO CIVICO, ACCESSO AGLI ATTI E PROTEZIONE DEI DATI: AMBITO DI RILEVANZA L art. 4 della L.P. 4/2014, nel regolamentare (ai commi 2, 3 e 4) la procedura per l esercizio dell accesso civico, ne definisce

Dettagli

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo

Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo così come modificata dai Protocolli nn. 11 e 14 Protocolli nn. 1, 4, 6, 7, 12 e 13 Il testo della Convenzione è presentato

Dettagli

Senato della Repubblica. Costituzione

Senato della Repubblica. Costituzione Senato della Repubblica Incontro con la Costituzione giugno 2010 A cura dell'ufficio comunicazione istituzionale del Senato della Repubblica La presente pubblicazione è edita dal Senato della Repubblica.

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto

IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto IL RINNOVO DEI CONTRATTI PUBBLICI: facciamo il punto La questione inerente il rinnovo dei contratti pubblici è una questione piuttosto complessa e, in parte, anche controversa, soprattutto all esito dell

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata.

fondamenti giurisprudenziali sono stati posti più di quarant anni fa 2, viene riaffermata e rafforzata. Documento di riflessione della Corte di giustizia dell Unione europea su taluni aspetti dell adesione dell Unione europea alla Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti dell uomo e delle libertà

Dettagli

Manifesto dei diritti dell infanzia

Manifesto dei diritti dell infanzia Manifesto dei diritti dell infanzia I bambini costituiscono la metà della popolazione nei paesi in via di sviluppo. Circa 100 milioni di bambini vivono nell Unione europea. Le politiche, la legislazione

Dettagli

CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA

CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA E DELL ADOLESCENZA uniti per i bambini CONVENZIONE SUI DIRITTI DELL INFANZIA Approvata dall Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989, ratificata

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Stato, Chiese e pluralismo confessionale

Stato, Chiese e pluralismo confessionale Maria Fausta Maternini (ordinario di Diritto ecclesiastico nella Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trieste) Matrimonio civile e matrimonio religioso SOMMARIO: 1. Il matrimonio rapporto

Dettagli

COMMENTO GENERALE N. 12

COMMENTO GENERALE N. 12 COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMMENTO GENERALE N. 12 Il diritto del bambino e dell adolescente di essere ascoltato uniti per i bambini COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/GC/12 Cinquantunesima

Dettagli

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò

I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE. Francesco Viganò I PRESUPPOSTI DI LICEITÀ DEL TRATTAMENTO MEDICO ALLA LUCE DELLA RECENTE GIURISPRUDENZA CIVILE E PENALE Francesco Viganò Il problema La drammatica vicenda di Eluana Englaro, così come in precedenza quella

Dettagli

La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità. (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007)

La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità. (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007) La Convenzione O.N.U. sul diritto alle Persone con disabilità * (traduzione di Maria Rita Saulle ultimata il 2 marzo 2007) 1 Il lungo cammino dei diritti delle persone con disabilità * L adozione per approvazione,

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità

Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità L Italia, con legge n 18 del 3 marzo 2009 (pubblicata

Dettagli

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia

Liceo Don Lorenzo Milani Romano di Lombardia Lo Stato Cos è lo Stato Definizione ed elementi Organizzazione politica Lo Stato è un ente, un organizzazione che si forma quando un popolo che vive entro un territorio determinato, si sottopone all autorità

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGE 11 agosto 2014, n. 125. Disciplina generale sulla cooperazione internazionale per lo sviluppo. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato;

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano

OSSERVATORIO NORD EST. Il Nord Est indipendentista ma anche italiano OSSERVATORIO NORD EST Il Nord Est indipendentista ma anche italiano Il Gazzettino, 17.03.2015 NOTA INFORMATIVA L'Osservatorio sul Nord Est è curato da Demos & Pi per Il Gazzettino. Il sondaggio è stato

Dettagli

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW)

Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Convenzione delle Nazioni Unite sull eliminazione di tutte le forme di discriminazione contro le donne (CEDAW) Adottata dall Assemblea generale delle NU il 18.12.1979, in vigore internazionale dal 3.9.1981.

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati

Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati OMI Guida a principi e pratiche da applicarsi a migranti e rifugiati Introduzione Il fenomeno dell arrivo via mare di rifugiati e migranti non è nuovo. Fin dai tempi più antichi, molte persone in tutto

Dettagli

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972)

Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite sull'ambiente umano (STOCCOLMA 1972) Dichiarazione delle Nazioni Unite alla Conferenza su L'Ambiente Umano tenutasi a Stoccolma da 5 a 16 giugno 1972, che ha considerato

Dettagli

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA

VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DEL TRATTATO SULL UNIONE EUROPEA E DEL TRATTATO SUL FUNZIONAMENTO DELL UNIONE EUROPEA TITOLO VII NORME COMUNI SULLA CONCORRENZA, SULLA FISCALITÀ E SUL RAVVICINAMENTO DELLE LEGISLAZIONI

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA

CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA CONVENZIONE DELL'ORGANIZZAZIONE DELL'UNITÀ AFRICANA (OUA) CHE REGOLA GLI ASPETTI SPECIFICI DEI PROBLEMI DEI RIFUGIATI IN AFRICA Adottata dalla Conferenza dei Capi di Stato e di Governo dell'oua riuniti

Dettagli

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it

www.avvocatoromano.it www.studiolegalegiovanniromano.it Avv. Giovanni Romano Avv. Paola Genito Avv. Natascia Delli Carri Avv. Maria Cristina Fratto Avv. Annalisa Iannella Avv. Egidio Lizza Avv. Giuseppina Mancino Avv. Roberta Mongillo Avv. Francesco Pascucci

Dettagli

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14

Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 180/14 Lussemburgo, 18 dicembre 2014 Stampa e Informazione Parere 2/13 La Corte si pronuncia sul progetto di accordo sull adesione dell Unione

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

Convenzione internazionale sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (ICERD)

Convenzione internazionale sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (ICERD) Convenzione internazionale sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (ICERD) **Adottata, aperta alle firme e ratificata dall'assemblea Generale il 21 dicembre 1965; entrata in vigore

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli