Accordi di riservatezza (interni ed esterni)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Accordi di riservatezza (interni ed esterni)"

Transcript

1 Maria Teresa Saguatti Accordi di riservatezza (interni ed esterni) Parma, 24 settembre 2012 C o p y r i g h t S t u d i o T o r t a

2 SOMMARIO Il valore del segreto e la necessità di tutelarlo Violazioni del segreto Protezione delle informazioni segrete (giuridica e pratica) Sguardo all Unione Europea La legislazione italiana a tutela del segreto aziendale La nozione di segreto aziendale nella legge italiana I soggetti riceventi Contratti nella fase precontrattuale Clausole di riservatezza in contratti diversi Il segreto negli appalti Comportamenti punibili Letture

3 ORIGINI Stele C-14 (Louvre) 2000 a.c. Scriba e scultore Irtisen Conosco il segreto della parola divina [cioè dei geroglifici], la composizione dei rituali cerimoniali... Nessuno saprà di questo tranne me e mio figlio maggiore, quando il Dio avrà ordinato che diventi un iniziato

4 SEGRETO Necessità di mantenere segrete determinate informazioni Attribuiscono una POSIZIONE DI VANTAGGIO rispetto a chi non le conosce

5 SEGRETO Necessità crescente delle imprese di mantenere segrete le informazioni e di ottenere una tutela giurisdizionale - Aumento della competitività - Maggiore circolazione delle informazioni - Maggiore facilità di sottrazione delle informazioni - Frequente ricambio del personale dipendente - Aumentato utilizzo di risorse esterne all impresa AUMENTO DEL RISCHIO DI SOTTRAZIONE O DIVULGAZIONE

6 VIOLAZIONI DEL SEGRETO 1 Appropriazione indebita di segreti tramite il furto di documenti o tramite altri mezzi illeciti 2 Violazione della promessa di mantenere segrete delle informazioni ricevute dal titolare delle informazioni in cambio di tale promessa 3 Violazione dell obbligo di segretezza di dipendenti pubblici quando il titolare ha dovuto comunicare informazioni segrete ad un ente pubblico (richieste di autorizzazioni per farmaci o prodotti per l agricoltura, gare di appalto, disclosure in procedimenti giudiziali)

7 SCELTA O NECESSITÀ IMPRENDITORE INNOVATIVO E COMPETITIVO INFORMAZIONI SEGRETE COMPIERE UNA SCELTA NO OPZIONI BREVETTO O ALTRI DIRITTI PI SOLO SEGRETO SEGRETO E POI BREVETTO O ALTRI DIRITTI PI SOLO SEGRETO

8 PROTEGGERE LE INFORMAZIONI SEGRETE Misure di sicurezza che può adottare l imprenditore Tecniche (password, criptazione, accesso limitato agli archivi, badge, ecc.) Organizzative/procedurali (circolari interne, procedure di sicurezza, protocolli di segretazione, ecc.) Contrattuali (accordi o clausole di riservatezza interni ed esterni) Altre misure

9 PROTEGGERE LE INFORMAZIONI SEGRETE Il legislatore può intervenire adottando Norme (specifiche) a tutela delle informazioni segrete Definizione delle informazioni segrete oggetto di tutela Ambito di tutela Comportamenti sanzionabili Azioni giudiziarie Rimedi giudiziari

10 PROTEGGERE LE INFORMAZIONI SEGRETE UNIONE EUROPEA Non esiste una Direttiva o un Regolamento in materia di segreto industriale La Commissione Europea sta svolgendo degli studi e delle conferenze per comprendere e discutere il ruolo e l'importanza dei segreti industriali per l'economia europea e la necessità di provvedere ad una loro protezione a livello UE. In ottobre l UE raccoglierà le opinioni delle parti interessate tramite un questionario su questo argomento. Il questionario sarà disponibile online da ottobre 2012 Per informazioni: Percorso: European Commission > The EU single market > Enforcement of rights

11 PROTEGGERE LE INFORMAZIONI SEGRETE UNIONE EUROPEA Report on Trade Secrets for the European Commission I trade secrets interessano tutti i settori dell economia Molte imprese (soprattutto PMI) non hanno la consapevolezza di possedere informazioni di valore e giuridicamente tutelate Il sistema nell UE non è armonizzato Tutti gli stati UE offrono una protezione Alcuni stati hanno una legislazione specifica altri invece no (UK e IR) ma le informazioni segrete sono ugualmente tutelate Nella maggior parte degli Stati si ricorre alla responsabilità contrattuale per proteggere le informazioni segrete, sopratutto in riferimento ai dipendenti In alcuni Stati le informazioni segrete sono considerate proprietà intellettuale (Es. Italia) (Applicazione delle norme derivanti dalla Direttiva Enforcement)

12 TUTELA GIURIDICA ITALIA Articoli 98 e 99 Codice di Proprietà Industriale Articolo 98 - Oggetto della tutela Costituiscono oggetto di tutela le informazioni aziendali e le esperienze tecnico-industriali, comprese quelle commerciali, soggette al legittimo controllo del detentore ove tali informazioni: siano segrete, nel senso che non siano nel loro insieme, o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi, generalmente note o facilmente accessibili agli esperti ed agli operatori del settore; abbiano valore economico in quanto segrete; siano sottoposte, da parte delle persone al cui legittimo controllo sono soggette, a misure da ritenersi ragionevolmente adeguate a mantenerle segrete. Costituiscono altresì oggetto di protezione i dati relativi a prove o altri dati segreti, la cui elaborazione comporti un considerevole impegno ed alla cui presentazione sia subordinata l'autorizzazione dell'immissione in commercio di prodotti chimici, farmaceutici o agricoli implicanti l'uso di nuove sostanze chimiche. Articolo 99 - Tutela Ferma la disciplina della concorrenza sleale, il legittimo detentore delle informazioni e delle esperienze aziendali di cui all'articolo 98, ha il diritto di vietare ai terzi, salvo proprio consenso, di acquisire, rivelare a terzi od utilizzare, in modo abusivo, tali informazioni ed esperienze, salvo il caso in cui esse siano state conseguite in modo indipendente dal terzo.

13 OGGETTO DI TUTELA Art INFORMAZIONI AZIENDALI ed ESPERIENZE TECNICO-INDUSTRIALI COMPRESE QUELLE COMMERCIALI Design, disegni architettonici, piani, progetti e mappe; Algoritmi e processi implementati in computer e i programmi stessi; metodi didattici; Processi di fabbricazione o riparazione, Know-how; Processi di monitoraggio del documento; Formule per la fabbricazione di prodotti; Compilazioni di dati, tra cui alcune banche dati; strategie di business, affari i piani, i metodi di pubblicità e promozione; piani di marketing; Informazioni finanziarie; record personale; Manuali; Ingredienti; Informazioni sull attività di ricerca e sviluppo Compilazione di dati, ad esempio liste clienti

14 REQUISITI PER LA TUTELA LEGALE Sono tutelate le informazioni aziendali che: Sono segrete (non siano nel loro insieme, o nella precisa configurazione e combinazione dei loro elementi, generalmente note o facilmente accessibili agli esperti ed agli operatori del settore) Hanno valore economico in quanto segrete Sono sottoposte ad adeguate misure di sicurezza

15 ART. 99 TUTELA Divieto, salvo il consenso del titolare, di acquisire, rivelare o terzi od utilizzare, in modo abusivo, le informazioni segrete Il diritto al segreto (diversamente dal diritto di brevetto) LIMITATO alle ipotesi di comportamento abusivo del terzo NON può essere fatto valere contro chi ottenga con i propri mezzi e comunque con un comportamento lecito, le medesime informazioni che un altro sfrutta in regime di segreto

16 SOGGETTI RICEVENTI (INTERNI ED ESTERNI) Consulenti Dipendenti Collaboratori Licenziatari Fornitori e subfornitori Fornitore di servizi di Cloud Computing INFORMAZIONI SEGRETE Distributori Progettisti e designer Clienti Pubbliche amministraz. Università o Centri di Ricerca Fanchisee S t u d i o To r t a

17 MEZZI DI TUTELA CONVENZIONALE CONTRATTI E CLAUSOLE DI RISERVATEZZA MEZZI DI TUTELA PREVENTIVA ALL INTERNO DELL IMPRESA PER MANTENERE LA SEGRETEZZA Inserimento nei contratti con i dipendenti che possono venire a conoscenza di informazioni segrete di clausole di riservatezza Oltre ad altre misure di sicurezza di carattere pratico S t u d i o To r t a

18 MEZZI DI TUTELA CONVENZIONALE CONTRATTI E CLAUSOLE DI RISERVATEZZA MEZZI DI TUTELA PREVENTIVA ALL ESTERNO DELL IMPRESA PER MANTENERE LA SEGRETEZZA FASE PRE-CONTRATTUALE ESECUZIONE DI UN CONTRATTO DIVERSO da quello di riservatezza S t u d i o To r t a

19 CONTRATTI DI RISERVATEZZA FASE PRE-CONTRATTUALE Non esiste vincolo contrattuale tra le parti Vige solo obbligo a comportarsi secondo buona fede e correttezza nello svolgimento delle trattative (art c.c.) Consigliabile tutelarsi con un accordo di segretezza Accordo autonomo rispetto al contratto per cui le parti svolgono le trattative S t u d i o To r t a

20 CONTRATTI DI RISERVATEZZA TITOLARE DELLE INFORMAZIONI SEGRETE trasmette le informazioni segrete allo scopo di permettere all altra parte di valutare se concludere un determinato contratto S t u d i o To r t a

21 CONTRATTI DI RISERVATEZZA PARTE RICEVENTE LE INFORMAZIONI SEGRETE DIVIETO divulgare o rivelare a terzi le informazioni usare, sfruttare o altrimenti disporne S t u d i o To r t a

22 CONTRATTI DI RISERVATEZZA Contenuti dell accordo di riservatezza a cui prestare attenzione Indicare la TITOLARITÀ delle informazioni (chi è il soggetto che titolare delle info riservate e a chi le trasmette) DEFINIZIONE delle informazioni oggetto dell accordo (determinare l oggetto del divieto) DURATA del vincolo SANZIONI: penale applicabile in caso di violazione dell obbligo di segretezza l'obbligo del ricevente della garanzia di rispetto del VINCOLO di segretezza anche da parte dei propri SOCI, DIPENDENTI, COLLABORATORI, SOCIETÀ COLLEGATE GIUDICE competente o arbitrato LEGGE applicabile S t u d i o To r t a

23 CLAUSOLE DI RISERVATEZZA Contenuti della clausola di riservatezza TITOLARITÀ delle informazioni DEFINIZIONE delle informazioni segrete DURATA del vincolo SANZIONI: risoluzione del contratto OBBLIGO di adottare misure di sicurezza che garantiscano il mantenimento del segreto nei rapporti interni ed esterni del ricevente (vincolo di segretezza anche da parte dei propri SOCI, DIPENDENTI, COLLABORATORI) OBBLIGO di restituire al termine del rapporto i documenti confidenziali e DIVIETO di utilizzare le informazioni segrete dopo la cessazione del rapporto S t u d i o To r t a

24 CLAUSOLE DI RISERVATEZZA Da Wikipedia Alcuni fornitori di servizi di cloud computing dichiarano di non avere alcun dovere di riservatezza per quanto riguarda i dati dei clienti né di responsabilità se non quello di crittografare i dati. Pertanto, è opportuno indicare chiaramente nelle condizioni contrattuali quali sono gli obblighi di riservatezza a cui è tenuto il fornitori di servizi di cloud computing. S t u d i o To r t a

25 CLAUSOLE DI RISERVATEZZA AGENTE O RAPPRESENTANTE nell esecuzione dell incarico, deve tutelare gli interessi del preponente ed agire con lealtà e buona fede (Art c.c.) Nel contratto di agenzia un obbligo di mantenere segrete le notizie riservate o confidenziali di cui sia venuto a conoscenza durante il rapporto una clausola risolutiva espressa che comporterà la risoluzione immediata del contrato nel caso di violazione di questo obbligo. Questo tipo di risoluzione del contratto per violazione dell obbligo di segretezza esclude il diritto dell agente a ricevere l indennità di fine rapporto prevista dal codice civile. S t u d i o To r t a

26 APPALTI CODICE DEGLI APPALTI Art Accesso agli atti e divieti di divulgazione sono esclusi il diritto di accesso e ogni forma di divulgazione in relazione alle informazioni fornite dagli offerenti nell'ambito delle offerte ovvero a giustificazione delle medesime, che costituiscano, secondo motivata e comprovata dichiarazione dell'offerente, segreti tecnici o commerciali; è comunque consentito l'accesso al concorrente che lo chieda in vista della difesa in giudizio dei propri interessi in relazione alla procedura di affidamento del contratto S t u d i o To r t a

27 LETTURE Michael A. Gollin Driving Innovation Intellectual Property Strategies for a Dinamic World Ed. Cambridge University Press

28 LETTURE Study on Trade Secrets and Parasitic Copying (Look-alikes) Report on Trade Secrets for the European Commission Hogan Lovells International LLP

29 Grazie per l attenzione Maria Teresa Saguatti Copyright

Per Non litigare. O per litigare bene

Per Non litigare. O per litigare bene Quando deve necessariamente comunicare le proprie i.s. a terzi, es.: ad un possibile cliente, per fargli capire il valore intrinseco di ciò che l impresa gli va ad offrire; ad un fornitore, per permettergli

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA

ACCORDO DI RISERVATEZZA ATTENZIONE Il presente modello contrattuale ha valore di mero esempio e viene reso disponibile a solo scopo informativo. Non rappresenta in alcun modo consulenza legale. L autore non garantisce in alcun

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA. Oggi..., in..., con la presente scrittura privata sottoscritta in due originali ciascuno composto da

ACCORDO DI RISERVATEZZA. Oggi..., in..., con la presente scrittura privata sottoscritta in due originali ciascuno composto da ACCORDO DI RISERVATEZZA Oggi..., in..., con la presente scrittura privata sottoscritta in due originali ciascuno composto da quattro pagine, le parti (Nome ricercatore) nato/a a (Luogo) il (data di nascita),

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013

LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY LE START UP INNOVATIVE TORINO, 5 NOVEMBRE 2013 Gli strumenti di tutela dell innovazione Titolarità, trasferimento,

Dettagli

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra

ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1. Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra ACCORDO TIPO DI SEGRETEZZA 1 Con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, tra XY, società di diritto italiano, con sede in via n iscritta al Registro delle Imprese di n Partita

Dettagli

REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE

REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE REGOLAMENTO SUI DIRITTI DI PROPRIETÀ INTELLETTUALE In vigore dal 27 febbraio 2014 Articolo 1) Scopo del Regolamento 1.1. Il presente Regolamento, approvato all'unanimità dai Consorziati Fondatori, ha lo

Dettagli

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione

Codice di condotta. Titolo I. Oggetto e campo di applicazione Codice di condotta Titolo I. Oggetto e campo di applicazione 1. Definizione Il codice di condotta contiene l insieme dei principi e delle regole che orientano e guidano il comportamento del Formatore nell

Dettagli

DATA 2010 NON DISCLOSURE AGREEMENT

DATA 2010 NON DISCLOSURE AGREEMENT DATA 2010 (1) BUSINESS ANGEL (2) NEWCO NON DISCLOSURE AGREEMENT Descrizione sommaria dell operazione di investimento. In questo format si è inteso raffigurare a titolo di esempio un operazione di investimento

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

Impegno alla Riservatezza

Impegno alla Riservatezza Allegato 2 [LA PRESENTE DEVE ESSERE RIPRODOTTA SU VOSTRA CARTA INTESTATA] Riservata e Confidenziale Spettabile Investire Partecipazioni S.p.A. Via Calabria, 46 00100 Roma c/o KPMG Advisory S.p.A. Via Ettore

Dettagli

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto

La tutela della proprietà intellettuale oltre al brevetto IP Management @ Universities Istanbul, May 16 to 18, 2012 Albert Long Hall, BOGAZICI UNIVERSITY PROGETTO TARGET: START UP E PROPRIETÀ INTELLETTUALE TORINO, 14 MAGGIO 2014 La tutela della proprietà intellettuale

Dettagli

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ

La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ La disciplina della proprietà intellettuale nel VII PQ dott.ssa Sandra Salvador Ufficio Trasferimento Tecnologico Ripartizione Ricerca Università degli Studi di Udine 1 Documenti di riferimento Annex II

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA

REGOLAMENTO RELATIVO ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA Pagina: 1 di 7 ALL ACCESSO MEDIANTE VPN AI CENTRI SERVIZI DI INNOVAPUGLIA Copia a distribuzione controllata n.ro. Distribuita a:.. Pagina: 2 di 7 Storia delle revisioni: EDIZIONI E REVISIONI Edizione e

Dettagli

http://www.studiodicarlo.org

http://www.studiodicarlo.org Contratto di affiliazione commerciale Tra le Parti: A s.p.a. , con sede in (provincia di ) in via al civico numero (), capitale sociale deliberato euro (/00),

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE

CODICE ETICO. Sommario MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE CODICE ETICO MAC COSTRUZIONI S.R.L. UNIPERSONALE Sommario Premessa 2 0.1 Obiettivi 2 0.2 Adozione 2 0.3 Diffusione 2 0.4 Aggiornamento 2 Rapporti con l esterno 3 1.1 Competizione 3 1.2 Relazioni 3 1.3

Dettagli

Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud. PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali

Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud. PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali Rischi, sicurezza, analisi legale del passaggio al cloud PARTE 4: Protezione, diritti, e obblighi legali PARTE 4 SOMMARIO 1. Specificazione del contesto internazionale 2. Oltre gli accordi di protezione

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione dell energia elettrica e del gas naturale Rev. 03 del 21/12/2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato

Dettagli

Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano

Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano CONDIZIONI GENERALI SITO INTERNET Ai fini della corretta lettura ed interpretazione delle presenti condizioni generali si considerano convenzionalmente applicabili le seguenti definizioni: VDA NET S.R.L.,

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing. I dati nella nuvola : aspetti legali e contrattuali. Avv.

Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing. I dati nella nuvola : aspetti legali e contrattuali. Avv. Misure di Tutela e Aspetti Legali nel contesto del Cloud Computing I dati nella nuvola : aspetti legali e contrattuali Avv. Pierluigi Perri Dottore di ricerca in Informatica giuridica e diritto dell informatica

Dettagli

GLI ACCORDI DI RISERVATEZZA ISTRUZIONI PER L USO. Ferrara, 12 novembre 2015

GLI ACCORDI DI RISERVATEZZA ISTRUZIONI PER L USO. Ferrara, 12 novembre 2015 GLI ACCORDI DI RISERVATEZZA ISTRUZIONI PER L USO Ferrara, 12 novembre 2015 SEGRETO INDUSTRIALE TUTELA DEL SEGRETO INDUSTRIALE Informazioni aziendali e le esperienze tecnico industriali, comprese quelle

Dettagli

TRA. Eventidea agency s.r.l. INDICE

TRA. Eventidea agency s.r.l. INDICE CONTRATTO DI LAVORO OCCASIONALE TRA Eventidea agency s.r.l. E.. INDICE 1. Premesse, definizioni e allegati 2. Oggetto 3. Modalità di esecuzione 4. Durata 5. Corrispettivo 6. Risoluzione per inadempimento

Dettagli

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN)

Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze. dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo e l applicazione delle conoscenze dell Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INFN) 10 aprile 2006 Il testo del Regolamento per la valorizzazione, lo sviluppo

Dettagli

L AMMINISTRATORE UNICO

L AMMINISTRATORE UNICO CUALBU S.R.L. Sede in Cagliari Via Galassi n.2 Capitale sociale euro 1.560.000,00 i.v. Codice Fiscale e n di iscrizione al Registro Imprese di Cagliari 00264500927 e R.E.A. 84787 Si dà atto che in data

Dettagli

CODICE ETICO AZIENDALE

CODICE ETICO AZIENDALE Testo approvato dal Consiglio di Amministrazione di Orienta S.p.a del 15/12/2010 INDICE 1. INTRODUZIONE 3 2. VALORI ETICI 3 3. CRITERI DI CONDOTTA 3 4. COMPORTAMENTO SUL LUOGO DI LAVORO 6 5. CONFLITTTO

Dettagli

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012

Privacy Novità legislative e giurisprudenziali. Gabriele Faggioli. Intel, 11 luglio 2012 Privacy Novità legislative e giurisprudenziali Gabriele Faggioli Intel, 11 luglio 2012 1 Considerazioni iniziali Il 2011 e il 2012 sono stati caratterizzati da importanti novità nel settore normativo della

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale

CODICE DI COMPORTAMENTO. Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale 1111 CODICE DI COMPORTAMENTO Per il Personale Coinvolto nelle Attività di Trasporto, Stoccaggio e Distribuzione del Gas Naturale INDICE 1 INTRODUZIONE...4 La separazione funzionale nel settore energetico...

Dettagli

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo

NOTE LEGALI. 1. Definizioni e uso. 2. Oggetto dell accordo. 3. Esecuzione dell accordo NOTE LEGALI L uso dei materiali e dei servizi della Piattaforma Sicuramentelab è regolamentato dal seguente accordo. L uso del sito costituisce accettazione delle condizioni riportate di seguito. 1. Definizioni

Dettagli

ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA

ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA ALLEGATO I MODELLO DI CONTRATTO DI RISERVATEZZA Spettabile Avi Handling Srl Caselle di Sommacampagna Verona Oggetto: Procedura ristretta per la selezione a socio di minoranza della società Avio Handling

Dettagli

ASSUME STABILMENTE L INCARICO DI PROMUOVERE, PER CONTO DELL ALTRA

ASSUME STABILMENTE L INCARICO DI PROMUOVERE, PER CONTO DELL ALTRA Nozione: COL CONTRATTO DI AGENZIA UNA PARTE (detta AGENTE), ASSUME STABILMENTE L INCARICO DI PROMUOVERE, PER CONTO DELL ALTRA (detta PREPONENTE), E VERSO RETRIBUZIONE (detta PROVVIGIONE), LA CONCLUSIONE

Dettagli

COSA DIRE ANCORA DEL CLOUD? ASPETTI LEGALI E CONTRATTUALI

COSA DIRE ANCORA DEL CLOUD? ASPETTI LEGALI E CONTRATTUALI COSA DIRE ANCORA DEL CLOUD? ASPETTI LEGALI E CONTRATTUALI Gabriele Faggioli, Clusit 1 Gruppo di Lavoro Articolo 29 Parere 05/2012 - Cloud Computing a) Private cloud è un infrastruttura informatica che

Dettagli

CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA. Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali

CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA. Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali CODICE DEONTOLOGICO ASSOMODA Titolo I Disposizioni preliminari e princìpi generali Art. 1 Finalità del Codice Art. 2 Rispetto dei princìpi dell ordinamento, delle norme del Codice e degli usi Art. 3 Regole

Dettagli

Innovare per competere profili legali e strategie di gestione

Innovare per competere profili legali e strategie di gestione STRUMENTI PER LA COMPETITIVITA' DELLE IMPRESE. TUTELA E VALORIZZAZIONE DELLA PROPRIETA' INTELLETTUALE Innovare per competere profili legali e strategie di gestione PALERMO, 8 NOVEMBRE 2014 2014 Alberto

Dettagli

CARTA PER LO SVILUPPO DI BEST PRACTICES PER CONTRASTARE LA CONTRAFFAZIONE ONLINE

CARTA PER LO SVILUPPO DI BEST PRACTICES PER CONTRASTARE LA CONTRAFFAZIONE ONLINE CARTA PER LO SVILUPPO DI BEST PRACTICES PER CONTRASTARE LA CONTRAFFAZIONE ONLINE Premessa A. Per contraffazione si intende, ai sensi della presente Carta, l offerta di prodotti coperti da un titolo di

Dettagli

Il contratto di agenzia in Europa

Il contratto di agenzia in Europa Il contratto di agenzia in Europa by Cristina Rigato - Sunday, September 05, 2010 /contratto-agenzia-in-europa-2/ Premessa Tutti i Paesi che fanno parte della UE in sede di adesione si sono impegnati al

Dettagli

Contratto tipo di Agenzia

Contratto tipo di Agenzia Contratto tipo di Agenzia LETTERA D INCARICO D AGENZIA 1 In relazione alle intese intercorse, vi confermiamo, con la presente, l incarico di promuovere stabilmente, per nostro conto, la vendita dei prodotti

Dettagli

CODICE PRIVACY & CAD:

CODICE PRIVACY & CAD: DR. ERIC FALZONE PADOVA 04 Dicembre 2006 CODICE PRIVACY & CAD: La Privacy nel Codice dell Amministrazione Digitale INDICE INTRODUZIONE I IL RUOLO DELLA DISCIPLINA PRIVACY NEL CAD II RICHIAMI E RIFERIMENTI

Dettagli

ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND

ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND ALLEGATO VII WWF-WORLD WIDE FUND FOR NATURE (PRECEDENTEMENTE WORLD WILDLIFE FUND) - e - ASSOCIAZIONE ITALIANA PER IL WORLD WILDLIFE FUND ACCORDO DI LICENZA ACCORDO DI LICENZA ACCORDO del 16 maggio 1997

Dettagli

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10.

Pagina 1 di 5. Codice fiscale 04334860485 > Partita IVA 02926170230 > C.C.I.A.A. VR-1999-04334860485 > R.E.A. 296199 > Cap. Soc. 10. CONTRATTO DI LICENZA D USO DI SOFTWARE ddaattaa Hyphen-Italia srl sede legale ed amministrativa: Verona > Via Marconi, 14 > 37010 Affi > Tel. +39 045.62.03.200 > Fax +39 045 62.03.250 Codice fiscale 04334860485

Dettagli

..., di seguito denominato/a anche CONSULENTE. premesso che:

..., di seguito denominato/a anche CONSULENTE. premesso che: CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA INTELLETTUALE EX ART. 2230 C.C. La..., in persona del suo legale rappresentante, sig.., nato a.. ( ) il / /, con sede legale in. ( ), Via.., C.F. e P.IVA:.., di seguito

Dettagli

Lettera di Incarico d Agenzia

Lettera di Incarico d Agenzia La seguente lettera di incarico si conclude tra: OnyxNail S.r.l. - Via L. Montegani 7/a 20141 Milano P.IVA e C.F. IT 07706750960 Email amministrazione@onyxnail.it ed Lettera di Incarico d Agenzia il Sig./Sig.ra,

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l.

CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE. ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. CODICE DI COMPORTAMENTO PER IL PERSONALE COINVOLTO NELL ATTIVITA DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS NATURALE ACSM-AGAM Reti Gas Acqua S.r.l. Approvato dal CdA del 15 ottobre 2010 2 INDICE Preambolo...4

Dettagli

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR

CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR CODICE ETICO Articolo 1 Soluzioni HR Aut. Min. Lav. 1118/SG del 26/11/04 INDICE 1.INTRODUZIONE 3 2.VALORI ETICI 3 3.CRITERI DI CONDOTTA 4 4 Relazioni con gli azionisti 4 Relazioni con interlocutori esterni

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

FORMAZIONE PRIVACY 2015

FORMAZIONE PRIVACY 2015 Intervento formativo per rendere edotti gli incaricati del trattamento di dati personali dei rischi che incombono sui dati e delle relative misure di sicurezza ai sensi dell art. 130 del D.Lgs. 196/2003

Dettagli

Lezione XV: Le licenze brevettuali

Lezione XV: Le licenze brevettuali PROGETTO GEN HORT Lezione XV: Le licenze brevettuali Stefano Borrini Società Italiana Brevetti Società Italiana Brevetti Aprile Maggio 2014 Contratti a valle Cessioni e licenze Licenza Definizioni Oggetto

Dettagli

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA;

SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; SOMMARIO PREMESSA DESTINATARI PRINCIPI GENERALI - DI LEGALITÀ; - DI CORRETTEZZA; - DI LEALTÀ; - DI TRASPARENZA; - RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLE PERSONE; RESPONSABILITÀ DIFFUSIONE DEL CODICE RAPPORTI CON

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO

LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO MONDADORI EDUCATION S.p.A. LINEE DI CONDOTTA DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE DI GESTIONE E DI CONTROLLO Rev. n. 5 del 5 ottobre 2015 INDICE 1.0 PREMESSA... 3 2.0 OBIETTIVI... 3 3.0 LINEE DI CONDOTTA... 3

Dettagli

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI

LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI LEGAL DISCLAIMER AREA RISERVATA FORNITORI QUALIFICATI Con l accesso all Area Riservata Fornitori Qualificati (l Area ), l Utente accetta integralmente i seguenti termini e condizioni di utilizzo (le Condizioni

Dettagli

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT

CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT 1 CODICE DI CONDOTTA CARTA DI TRASPARENZA PER IL CLIENTE WWW.ORSELLI.IT Versione 1.0 2 INDICE 1. INTRODUZIONE 2. PROFESSIONALITA 3. TRASPARENZA E COMPLETEZZA DELL INFORMAZIONE 4. RISERVATEZZA DELLE INFORMAZIONI

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI BELFOR ITALIA S.r.l. SERVIZIO P.I.A. SAFE WEB

CONDIZIONI GENERALI BELFOR ITALIA S.r.l. SERVIZIO P.I.A. SAFE WEB CONDIZIONI GENERALI BELFOR ITALIA S.r.l. SERVIZIO P.I.A. SAFE WEB Le presenti condizioni generali (di seguito, le Condizioni Generali ) si applicano al Servizio P.I.A. SAFE WEB (come di seguito definito)

Dettagli

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288

Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 Contratto tra Euroricambi Bus S.r.L., con sede legale in via Ugo Foscolo, 28/30, Vigonza (PD) ITALIA partita IVA e codice fiscale 04253170288 e il cliente che usufruisce del servizio e-commerce. Premesse

Dettagli

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare

ALLEGATO D. Roma lì, / / Equitalia S.p.A. il Titolare 1 Premessa e quadro normativo Il Contratto sottoscritto da Equitalia S.p.A. e ha ad oggetto l affidamento dei servizi di implementazione e manutenzione del nuovo Sistema Informativo Corporate - Sistema

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO

DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 187, FATTA A GINEVRA IL 15 GIUGNO DISEGNO DI LEGGE RECANTE RATIFICA ED ESECUZIONE DELLA CONVENZIONE SULLA SALUTE E LA SICUREZZA DEI LAVORATORI, N. 155, FATTA A GINEVRA IL 22 GIUGNO 1981, E RELATIVO PROTOCOLLO, FATTO A GINEVRA IL 22 GIUGNO

Dettagli

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa

Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010. Paolo AUTERI. Tutela dei segreti d impresa 1 Assemblea AIPPI 5 febbraio 2010 Paolo AUTERI Tutela dei segreti d impresa 1. La questione Aippi Q215 è rivolta ad accertare come le informazioni aziendali segrete o riservate sono protette o si ritiene

Dettagli

CONSIDERATO CHE. Adesso, dunque, in considerazione delle precedenti premesse, con la presente il sottoscritto si impegna come segue:

CONSIDERATO CHE. Adesso, dunque, in considerazione delle precedenti premesse, con la presente il sottoscritto si impegna come segue: CONDIZIONI CONSIDERATO CHE (i) GE.MA.R S.r.l. (qui di seguito anche nominato il Produttore ) è una azienda leader italiana specializzata nella produzione e nella stampa di palloncini di latex; (ii) Il

Dettagli

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto

QUESTIONARIO. A) Dichiarazione Titolare del Rapporto QUESTIONARIO Adeguata verifica del cliente ai fini della valutazione del livello di rischio di riciclaggio e di finanziamento del terrorismo (ai sensi dell art. 21 Decreto Legislativo n. 231/2007) Gentile

Dettagli

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE

Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE Allegato B al Regolamento Società LegalMedia - Organismo di mediazione - società a responsabilità limitata. CODICE ETICO DELL ORGANISMO DI MEDIAZIONE LegalMedia Organismo di mediazione Società a responsabilità

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste...

INDICE SOMMARIO. Abbreviazione delle principali riviste... INDICE SOMMARIO Abbreviazione delle principali riviste... XI Capitolo 1 AGENZIA E DISTRIBUZIONE COMMERCIALE. NORMATIVA ED ACCORDI ECONOMICI COLLETTIVI. LA DIRETTIVA CEE 86/653 1. La distribuzione commerciale...

Dettagli

- Indirizzo: Elemedia S.p.A., Servizio Clienti Storie Brevi, Via Cristoforo Colombo n. 98, 00147 Roma.

- Indirizzo: Elemedia S.p.A., Servizio Clienti Storie Brevi, Via Cristoforo Colombo n. 98, 00147 Roma. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO Gentile Utente, le presenti condizioni generali di contratto (di seguito, Condizioni Generali ) contengono le norme che regolano le modalità e le condizioni attraverso

Dettagli

CONTRATTO PER LA INSTALLAZIONE DI POSTAZIONI TELEMATICHE PER LA NAVIGAZIONE IN INTERNET E FINALIZZATE A CONSENTIRE L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI

CONTRATTO PER LA INSTALLAZIONE DI POSTAZIONI TELEMATICHE PER LA NAVIGAZIONE IN INTERNET E FINALIZZATE A CONSENTIRE L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI CONTRATTO PER LA INSTALLAZIONE DI POSTAZIONI TELEMATICHE PER LA NAVIGAZIONE IN INTERNET E FINALIZZATE A CONSENTIRE L'ESERCIZIO DI ATTIVITA' DI COMMERCIO ELETTRONICO TRA Ditta individuale Michael Cardullo,

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SLOVACCHIA CONTRATTI COMMERCIALI IN SLOVACCHIA di Avv. Francesco Misuraca Contratto di agenzia in Slovacchia La disciplina degli art. 577 e seguenti del Codice commerciale slovacco regola un contratto

Dettagli

VICINI S.p.A. CODICE ETICO

VICINI S.p.A. CODICE ETICO VICINI S.p.A. CODICE ETICO INDICE 1. PREMESSA 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 3. PRINCIPI DI RIFERIMENTO E NORME DI COMPORTAMENTO 4. EFFICACIA DEL CODICE ETICO E SUE VIOLAZIONI 1. PREMESSA Il presente Codice

Dettagli

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali

Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Know-how o brevetto? Come e quando tutelare i segreti aziendali Ing. Marco Camolese Sardegna Ricerche Cagliari, 8 maggio 2014 Ing. Marco Camolese Laureato in Ingegneria Elettronica (Politecnico di Torino)

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI

Rivoluzione industriale Liberismo economico LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI fine XVIII inizio XIX Rivoluzione industriale Liberismo economico Libertà di accesso al mercato Regime concorrenziale GARANTISCONO LIVELLI OTTIMALI DI QUALITA E DI PREZZI VALORIZZAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA

REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA REGOLAMENTO SULL UTILIZZO DELLA POSTA ELETTRONICA marzo 08 Rev. 1.0 1 marzo 08 Rev. 1.0 2 SOMMARIO 1.OBIETTIVO...4 2.REGOLE GENERALI 4 2.1. REGOLE GENERALI. 4 2.2. REGOLE GENERALI DI SICUREZZA PER L USO

Dettagli

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE

MANUALE PRATICO SU COSA FARE E COSA NON FARE MANUALE PRATICO SU E INDICE INTRODUZIONE 1. MARCHI: E 2. BREVETTI: E 3. DESIGN: E 4. COPYRIGHT: E 5. SEGRETO INDUSTRIALE: E Introduzione Ogni impresa, sia essa una start-up o un azienda consolidata, possiede

Dettagli

Codice Etico. per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori

Codice Etico. per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori Codice Etico per le società del gruppo Liebherr e rispettivi collaboratori Indice I. Oggetto e Campo di Applicazione 4 II. Osservanza del Diritto Vigente 5 III. Collaboratori 6 IV. Concorrenza Sleale 6

Dettagli

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme

Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme Sicurezza dei dati e delle informazioni all epoca del cloud Le norme 15 Meeting nazionale ACEF Bologna, 30 ottobre 2015 Claudia Cevenini La nuvola informatica Insieme di tecnologie che permettono di memorizzare,

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. Istituzione del marchio «Made in Italy» N. 1402 RAISI, SAGLIA. Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1402 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI RAISI, SAGLIA Istituzione del marchio «Made in Italy» Presentata il 18 luglio 2006 ONOREVOLI

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi

Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi Il presente testo è la traduzione di un documento in lingua inglese e viene fornito esclusivamente per agevolare la consultazione. Diritti e obblighi dovranno conformarsi sotto tutti gli aspetti al testo

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

Condizioni generali contrattuali dell aiuto al voto online di smartvote (CGC)

Condizioni generali contrattuali dell aiuto al voto online di smartvote (CGC) Condizioni generali contrattuali dell aiuto al voto online di smartvote (CGC) Preambolo L aiuto al voto online di smartvote è una piattaforma accessibile al pubblico e politicamente indipendente sul sito

Dettagli

Avvertenze generali per la consultazione del profilo Twitter BioUpper

Avvertenze generali per la consultazione del profilo Twitter BioUpper Avvertenze legali Avvertenze generali per la consultazione del profilo Twitter BioUpper L'accesso e la consultazione dei siti Novartis sono soggetti ai seguenti Termini e Condizioni ed alle normative vigenti.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

C O N V E N Z I O N E

C O N V E N Z I O N E C O N V E N Z I O N E Il Comune di PONTECAGNANO FAIANO (SA), Capofila dell Ambito Territoriale S4, sito in via M.A. Alfani, Legalmente Rappresentato dalla dott.ssa Giovanna Martucciello, nata a Pontecagnano

Dettagli

Gli accordi di segretezza di know-how

Gli accordi di segretezza di know-how Gli accordi di segretezza di know-how Le forme di tutela giuridica del know-how aziendale non coperto da diritti di privativa industriale tra vecchia e nuova normativa. Gli accordi di segretezza: contenuto

Dettagli

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5

CAPO V... 5. SISTEMA SANZIONATORIO... 5 Art. 13 Applicazione dei provvedimenti... 5 Sommario PREMESSA... 2 CAPO I... 3 DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 - Ambito di applicazione e Destinatari 3 Art. 2 - Principi generali... 3 Art. 3 - Comunicazione... 3 Art. 4 - Responsabilità... 3 Art.

Dettagli

che pure costituiscono parte integrante ed essenziale del presente accordo.

che pure costituiscono parte integrante ed essenziale del presente accordo. Tra Giordano Lisena, con sede in Bologna, Via caduti della via fani 17, 40127 Bologna, in persona del Titolare Giordano Lisena, di seguito denominata "Fornitore", da una parte e me stesso, di seguito denominato

Dettagli

IMPEGNO DI RISERVATEZZA

IMPEGNO DI RISERVATEZZA IMPEGNO DI RISERVATEZZA Spett.le Roland Berger Strategy Consultants S.r.l. quale Advisor di Autostrade per l Italia S.p.A. Via Sirtori, n. 32, 20129 - Milano Egregi Signori, Vi abbiamo comunicato il nostro

Dettagli

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE

GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE GRUPPO DASSAULT SYSTEMES POLITICA DI TUTELA DEI DATI PERSONALI RELATIVI ALLE RISORSE UMANE Le seguenti disposizioni compongono la Politica di Tutela dei Dati relativi alle Risorse Umane del Gruppo Dassault

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE DISCIPLINA DEI CONTRATTI COMMERCIALI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Fonti del diritto commerciale a Singapore La normativa sui contratti si ispira grandemente alla omologa normativa inglese

Dettagli

Prima di utilizzare il sito leggere attentamente le condizioni riportate di seguito. L utilizzo del

Prima di utilizzare il sito leggere attentamente le condizioni riportate di seguito. L utilizzo del Condizioni legali e declinazione di responsabilità Prima di utilizzare il sito leggere attentamente le condizioni riportate di seguito. L utilizzo del presente sito è soggetto alle condizioni d utilizzo

Dettagli

CONTRATTO DI PROCCACCIATORE D AFFARI

CONTRATTO DI PROCCACCIATORE D AFFARI CONTRATTO DI PROCCACCIATORE D AFFARI Tra - la società ProfessionalVideo con sede legale in Empoli Via Cantini 14 P. IVA P.I. 06022880485 in persona del suo rappresentante legale Gian Paolo Dara, di seguito

Dettagli

COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Jacopo Berengario, 51 41121 Modena tel. +39 059.2056745/2 - fax. +39 059.2056743

COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Jacopo Berengario, 51 41121 Modena tel. +39 059.2056745/2 - fax. +39 059.2056743 CONTRATTO DI PRESTAZIONE D OPERA EX ARTT. 2222 E SS. C.C. La..., in persona del suo legale rappresentante, sig.., nato a.. ( ) il / /, con sede legale in. ( ), Via.., C.F. e P.IVA:.., di seguito denominata

Dettagli

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI

) FINALITÀ DEL TRATTAMENTO CUI SONO DESTINATI I DATI Informativa sul trattamento dei dati personali ex ar t. 13 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 Il D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito più brevemente il

Dettagli

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1

COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA ART. 1 COMUNE di BADESI PROVINCIA OLBIA-TEMPIO Area Servizi Sociali BANDO DI GARA Il responsabile dell Area Servizi Sociali rende noto che questo Comune intende procedere all appalto del servizio in oggetto:

Dettagli

Codice di Comportamento Aziendale

Codice di Comportamento Aziendale ALLEGATO 2 Codice di Comportamento Aziendale 1. DESTINATARI - COMUNICAZIONE ED INFORMAZIONE I principi e le disposizioni del presente Codice di Comportamento aziendale sono vincolanti per tutti gli amministratori,

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA BIBLIOTECA CIVICA. Condizioni generali di utilizzo del servizio Internet. Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport

COMUNE DI SALUGGIA BIBLIOTECA CIVICA. Condizioni generali di utilizzo del servizio Internet. Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport COMUNE DI SALUGGIA Assessorato Politiche Sociali, Cultura e Sport BIBLIOTECA CIVICA Condizioni generali di utilizzo del servizio Internet 1 Premessa L Amministrazione Comunale di Saluggia ha provveduto

Dettagli

ACCORDO DI RISERVATEZZA. fra. Auto Model Sport Club Italiano (AMSCI) Corso Mazzini n. 171 e Socio Richiedente 48022 Lugo di Romagna (RA) 1.

ACCORDO DI RISERVATEZZA. fra. Auto Model Sport Club Italiano (AMSCI) Corso Mazzini n. 171 e Socio Richiedente 48022 Lugo di Romagna (RA) 1. ACCORDO DI RISERVATEZZA fra Auto Model Sport Club Italiano (AMSCI) Corso Mazzini n. 171 e Socio Richiedente 48022 Lugo di Romagna (RA) 1. Scopo Le parti intendono iniziare e protrarre per la durata di

Dettagli

Informazioni sulla società Termini e condizioni di utilizzo Limiti all'utilizzo

Informazioni sulla società Termini e condizioni di utilizzo Limiti all'utilizzo Note legali Informazioni sulla società Soluzioni per il Sistema Economico S.p.A. Sede Legale e Operativa: Roma, Via Mentore Maggini, n. 48C - 00143 Roma Capitale Sociale: Euro 3.915.000,00 int. versato

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Note sugli autori... Parte Prima IL NUOVO CODICE E GLI ADEMPIMENTI Antonio Ciccia

SOMMARIO. Presentazione... Note sugli autori... Parte Prima IL NUOVO CODICE E GLI ADEMPIMENTI Antonio Ciccia SOMMARIO Presentazione... Note sugli autori... XI XIII Parte Prima IL NUOVO CODICE E GLI ADEMPIMENTI Antonio Ciccia Capitolo 1 - Contesto normativo e sua evoluzione... 3 Capitolo 2 - Gli adempimenti nei

Dettagli

Manuale operativo per la. pubblicazione e la gestione dell Albo. telematico delle determinazioni. dirigenziali del Servizio Affari Generali

Manuale operativo per la. pubblicazione e la gestione dell Albo. telematico delle determinazioni. dirigenziali del Servizio Affari Generali REGIONE PUGLIA SERVIZIO AFFARI GENERALI Manuale operativo per la pubblicazione e la gestione dell Albo telematico delle determinazioni dirigenziali del Servizio Affari Generali Manuale operativo per la

Dettagli