NORME ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NORME ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO"

Transcript

1 Istituto Comprensivo di Arsiero NORME ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO D ISTITUTO NORME DI SICUREZZA E PREVENZIONE Comportamenti degli alunni in relazione ai rischi individuati Obblighi di vigilanza del personale docente e non docente Misure di sicurezza per operatori ed utenti - Visto il vigente Regolamento d Istituto; - considerata la necessità di dare attuazione alle indicazioni generali in esso contenute; - preso atto della normativa esistente di applicazione del D.L. 626/ 94, modificato con D.Lgs. 242/ 96; D.M. 21/ 6/ 1996, n.292; D.M. 29/ 9/ 1998, n.382; Circolare 29/ 4/ 1999, n Preso atto inoltre: - dei contenuti del Documento di valutazione dei rischi individualizzato per i singoli plessi scolastici dell Istituto; - dei Piani di emergenza adottati in ogni realtà scolastica. Allo scopo di assumere atteggiamenti consapevoli e positivi di fronte a tutte le situazioni che rappresentano comunque, anche ipoteticamente, un rischio per gli utenti della scuola e per i lavoratori, anche dal punto di vista della responsabilità civile e penale Il Dirigente Scolastico INDIVIDUA I SEGUENTI ELEMENTI DI ATTENZIONE NELLA VITA DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA: 1. INGRESSO ALUNNI 2. ACCESSO ALLA SCUOLA 3. ACCESSO ALLE AULE 4. CONDUZIONE DELLA CLASSE 5. CAMBIO DELL ORA 6. RITARDI E PERMESSI D USCITA 7. RICREAZIONE 8. TERMINE DELLE LEZIONI 9. MENSA SCOLASTICA

2 10. PALESTRE ESTERNE 11. EDUCAZIONE FISICA 12. STRUMENTI, ATTREZZATURE, MATERIALI 13. USO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI 14. LABORATORI DI INFORMATICA 15. LOCALI PER SPETTACOLI ED INCONTRI 16. ASSISTENZA AI DISABILI 17. USCITE DIDATTICHE E VIAGGI 18. CANTIERI DI LAVORO 19. DIVIETO DI FUMO 20. MATERIALI DI PULIZIA 21. PERSONALE NON DOCENTE 22. COMPITI DEGLI ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 23. COMPITI DELLA SQUADRA ANTINCENDIO 24. INFORTUNI 25. CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO 26. CHIAMATE DI SOCCORSO 27. PIANO DI EVACUAZIONE 28. VIE DI ESODO 29. SEGNALAZIONE ANOMALIE, GUASTI, NUOVI RISCHI 30. RESPONSABILITA DI CONTROLLO E STABILISCE LE SEGUENTI PROCEDURE E MODALITA DI COMPORTAMENTO in attuazione del PIANO DI SICUREZZA Art. 1. INGRESSO ALUNNI Gli alunni sono presi in custodia dagli insegnanti 5 minuti prima dell inizio delle lezioni In ogni plesso scolastico vengono valutate le possibilità offerte dal Regolamento organizzativo nel caso di eventuale richiesta di custodia da parte del personale ATA per gli alunni che hanno necessità di essere affidati alla scuola in anticipo per gravi motivi. Il personale ausiliario è comunque tenuto alla sorveglianza sugli ingressi e le uscite degli alunni, nella sede di Arsiero anche all esterno.

3 1.3 - E vietato agli accompagnatori degli alunni entrare con la propria auto nel cortile della scuola, salvo casi espressamente autorizzati Gli alunni sono tenuti a : a) rispettare l orario; b) disporsi ordinatamente in fila al suono della campanella nello spazio riservato ad ogni classe, anche all interno nel caso di condizioni climatiche avverse; c) tenere un atteggiamento rispettoso e corretto nei confronti dei compagni e di tutti gli adulti, docenti e non docenti; d) non portare a scuola materiali che non siano espressamente richiesti, con particolare riferimento ad oggetti pericolosi, di valore o di svago Una volta entrati nella scuola, gli alunni non possono uscire per alcun motivo, salvo richiesta scritta del genitore o di chi ne fa le veci, a cui solo può essere a affidato il minore. Norme particolari per la Scuola dell Infanzia: Gli alunni che arrivano dopo l apertura devono essere affidati al personale ausiliario, che provvederà ad accompagnarli in aula, dove l insegnante sarà ad accoglierli I famigliari sono tenuti a controllare quotidianamente tasche e contenitori dei bambini per evitare che giungano a scuola oggetti pericolosi. E consentito portare a scuola giocattoli, purché in buono stato di conservazione ed in linea con le normative di sicurezza Qualora, per gravi motivi di forza maggiore, un insegnante giunga in ritardo o sia assente per congedo ed il supplente non possa essere presente fin dal primo momento, gli alunni della classe dovranno essere presi in carico da un insegnante del lesso in compresenza oppure ripartiti fra i docenti, in collaborazione anche con il personale ATA che può, per brevi periodi, esercitare la custodia Qualora, in occasione di sciopero o di assemblea sindacale del personale della scuola, qualche alunno arrivasse a scuola nonostante la comunicazione scritta fatta pervenire alle famiglie, dovrà essere accolto ed inserito nelle classi presenti. Art. 2 ACCESSO ALLA SCUOLA Subito dopo l entrata di tutti gli alunni nella scuola, le porte vengono chiuse, in modo che chiunque chieda di accedervi debba suonare il campanello Anche i cancelli dei cortili, ove esistenti, devono restare chiusi durante le ore di permanenza degli alunni, anche se per piccoli gruppi E fatto assoluto divieto di entrare nei locali scolastici, durante l orario di lezione, alle persone non autorizzate. In tale orario, i genitori non possono conferire con i docenti. Norma per la Scuola Primaria:

4 2.4 - Ogni docente è tenuto a comunicare un orario di disponibilità al ricevimento dei genitori richiedenti, al di fuori dell orario di lezione, previo appuntamento. E opportuno che di tali appuntamenti sia informato anche il personale ATA. Norma per la Scuola Secondaria: Ogni docente, nell ambito del proprio orario settimanale, prevede lo spazio da destinare al ricevimento dei genitori. Art. 3 ACCESSO ALLE AULE L accesso degli alunni alle aule deve avvenire in modo il più possibile ordinato, sempre accompagnati dai rispettivi insegnanti In ogni plesso scolastico, la larghezza e lunghezza delle scale, nonché la composizione dei gruppi classe, offriranno il parametro per la disposizione in fila per uno o per due. E opportuno che il sistema adottato venga mantenuto anche nell emergenza e nella simulazione, eventualmente coinvolgendo il personale ATA nel controllo dei punti ciechi. Art. 4 CONDUZIONE DELLA CLASSE L insegnante presente in aula deve tenere conto nello svolgimento della sua attività delle condizioni logistiche in cui operano gli alunni. Particolare attenzione va posta nell educazione degli alunni a non correre per non sottoporsi a rischi di caduta e contatto con spigoli e vetri. Va studiata la più opportuna collocazione degli zainetti personali, in modo da ingombrare il meno possibile le vie di esodo e da non creare pericoli nei normali spostamenti tra i banchi Una efficace educazione sanitaria richiede di predisporre misure di prevenzione delle abitudini scorrette nel portamento, nelle posture da seduti, nella distribuzione del peso dello zainetto su entrambe le spalle. E opportuno prevedere una rotazione periodica nell assegnazione dei posti, tenendo conto di eventuali deficit visivi, per equilibrare l apporto della luce. Le finestre possono essere aperte per l opportuno ricambio d aria di norma soltanto durante la ricreazione, evitando le correnti d aria e ponendo la massima attenzione ai battenti e agli spigoli. E vietato affacciarsi ai davanzali; non vanno addossati banchi, sedie o altri elementi che possano costituire piano di appoggio e diminuire la distanza pavimento/ davanzale. Quando la capienza dell aula non consente di rispettare questa norma, le finestre non vanno mai aperte durante la permanenza di alunni nel locale. E vietato arrampicarsi su scaffali, ripiani, ante di armadi. Gli alunni non possono essere incaricati di appendere carte o altro troppo in alto, usando banchi o sedie per l elevazione Nessun alunno deve essere allontanato dall aula per castigo e rimanere senza custodia, così come non deve restare solo in aula, nemmeno per brevi periodi. Di tali situazioni deve sempre essere informato il personale ATA L uscita dalla classe è consentita, in modo controllato e ordinato, solo per usufruire dei servizi igienici, possibilmente sotto la vigilanza del personale ausiliario.

5 Deve essere valutata l opportunità o meno di assegnare agli alunni piccoli incarichi che prevedano l uscita dalla classe, nella consapevolezza che l insegnante rimane comunque responsabile di tutti gli alunni. Art. 5 CAMBIO DELL ORA Considerata la necessità di evitare che gli alunni possano rimanere incustoditi, anche per breve tempo, il cambio d insegnante nella classe deve avvenire con la necessaria speditezza per non creare disagi ai colleghi. Norma per la Scuola Secondaria: L insegnante che termina il suo orario rimane responsabile della classe fino all arrivo del cambio nel caso in cui si trovi a fine servizio e quando nell ora successiva sia a disposizione, in completamento orario, in ricevimento genitori, in compresenza L insegnante che per qualsiasi motivo ha necessità di lasciare la classe deve chiedere al personale presente di sostituirlo nella custodia degli alunni Non vanno chiesti in questo momento al personale servizi diversi dalla custodia (fornitura materiali, fotocopie, altro). Art. 6 RITARDI E PERMESSI D USCITA Anche se scaduto l orario di entrata da non più di dieci minuti, gli alunni devono ugualmente essere accolti in classe. Nel caso in cui l alunno si presenti a scuola con un ritardo superiore ai dieci minuti, dovrà comunque essere accolto in classe, ma verrà richiesta per il giorno seguente una giustificazione scritta od orale da parte dei genitori. Quando l alunno, per più di tre volte a distanza ravvicinata è giunto in ritardo a scuola, dovranno essere richiamati i genitori all osservanza dell orario scolastico. Norma per la Scuola Secondaria L alunno che arriva in ritardo deve presentare giustificazione scritta al Dirigente Scolastico o ad un suo collaboratore che lo ammette alle lezioni e l insegnante ne prende nota sul registro di classe. Nel caso di ritardi ripetuti o immotivati, il Dirigente Scolastico, pur ammettendo l alunno in classe, ha facoltà di non giustificare il ritardatario e di dare disposizioni perché venga informata la famiglia L uscita anticipata degli alunni è concessa solo se viene presentata una richiesta motivata verbalmente o sottoscritta dai genitori. Il personale ATA dovrà esserne informato. L alunno non verrà comunque fatto uscire da solo ma sarà dato in consegna ad un genitore o ad un famigliare conosciuto e maggiorenne, o a persona delegata dalla famiglia, previa comunicazione scritta. Norma per la Scuola Secondaria Le uscite con richieste motivate per iscritto dalla famiglia sul libretto Rapporti Scuola- Famiglia, devono essere presentate all inizio della prima ora e vengono autorizzate dal Dirigente Scolastico o, in sua assenza, da un suo collaboratore. L alunno sarà sempre dato in consegna a famigliare conosciuto adulto I ritardi e i permessi d uscita vanno limitati ai casi di effettiva necessità, in

6 quanto arrecano disturbo al normale svolgimento delle lezioni. Art. 7 RICREAZIONE La ricreazione si svolge ove gli spazi a disposizione lo consentono: in cortile, in salone, nell atrio o nelle singole aule, escludendo i corridoi, ma il più possibile all aperto. anche in relazione alle variazioni climatiche Gli insegnanti che hanno responsabilità della sorveglianza devono dislocarsi in modo da avere sempre tutti gli alunni sotto controllo, senza mai volgere loro le spalle Non vanno permessi giochi e scherzi pericolosi. E vietata in questo momento la pratica dell attività sportiva di movimento, tra cui l uso del pallone, per non coinvolgere in situazioni di rischio alunni che non partecipano al gioco. Norma per la Scuola dell Infanzia: Le insegnanti educano i bambini al rispetto delle norme di comportamento che regolano l uso appropriato delle attrezzature ludiche presenti all interno o in cortile. Norma per la Scuola Primaria: Durante l intervallo, ogni insegnante è responsabile della classe in cui ha svolto lezione nell ora immediatamente precedente. Qualora vi sia avvicendamento di insegnanti durante la ricreazione, sarà responsabile della classe interessata il docente che assume servizio in quel momento, salvo diversa organizzazione del plesso, che deve comunque prevedere una sicura figura di riferimento come responsabile. Norma per la Scuola Secondaria: Nell ambito dell organizzazione del calendario settimanale, vengono previsti gli avvicendamenti quotidiani nella custodia, che si intendono estesi ai supplenti in caso di assenza dei titolari Quando la ricreazione si svolge in cortile o nell atrio, non è consentito ai singoli alunni rientrare in aula se non accompagnati da un adulto. Anche il personale ATA collabora nella sorveglianza, soprattutto agli ingressi, sulle scale, ai servizi igienici, nei punti di assembramento. Art. 8 TERMINE DELLE LEZIONI Al termine delle lezioni ogni insegnante è tenuto ad accompagnare all uscita gli alunni, che vanno condotti al cancello della scuola, anche con la collaborazione del personale ATA Particolare attenzione va posta sulla discesa delle scale, che deve avvenire nel modo il più possibile ordinato, senza correre e senza ostacolare il transito di chi sopraggiunge alle spalle.

7 Art. 9 MENSA SCOLASTICA Durante l orario di mensa la sorveglianza è affidata agli insegnanti in servizio, in rapporto al numero di alunni presenti (1/25), autorizzati all inizio dell anno scolastico dal Dirigente Scolastico, sulla base dell orario settimanale di servizio. E prevista la presenza dell insegnante di sostegno con alunni disabili non autosufficienti. In caso di necessità, anche il personale ATA ha competenza nella sorveglianza Come per la ricreazione, la posizione dei docenti nel locale deve essere tale da mantenere la visibilità ed il controllo di tutti gli alunni Gli alunni che non usufruiscono del servizio mensa sono autorizzati a rientrare a scuola non più di cinque minuti prima della ripresa delle lezioni o al suono della campanella. Art. 10 PALESTRE ESTERNE Nei plessi che per le attività ginniche usufruiscono di palestra esterna al complesso scolastico, lo spostamento della classe va condotto nel massimo rispetto del Codice Stradale, con ordine e cautela, con la collaborazione del personale ATA ove lo consentano le condizioni organizzative, in modo da controllare il gruppo in testa e in coda La norma precedente va estesa ad ogni uscita per l eventuale accesso alla biblioteca o ad altri luoghi esterni occasionali, sempre preavvisando i collaboratori preposti. ART. 11 EDUCAZIONE FISICA Un certo grado di rischio è insito in tutte le attività ludiche, motorie e fisiche, mai eliminabile del tutto con le misure di prevenzione. Fatta salva la valenza educativa dell attività motoria che rende l alunno sempre più sicuro nel suo rapporto con se stesso e con l ambiente e restando valida la proposta di ogni attività ludica e sportiva programmabile purché controllata, ciò che va evitato nella scuola è l eccesso di competitività che allenta le facoltà di autocontrollo e richiede prestazioni talora superiori alle proprie forze E fatto divieto di svolgere attività ginnica in tutti i locali (palestra specifica o adattata) che presentano ostacoli mobili e/o spigoli sporgenti, come i termosifoni interni al perimetro, non protetti adeguatamente In tali locali, tutte le superfici vetrate (porte, finestre, fonti illuminanti) devono essere protette, in modo da impedire la caduta eventuale di frammenti verso l interno.

8 Le attrezzature ginniche, ludiche o ricreative presenti negli ambienti interni o esterni vanno tenute sotto controllo anche dal punto di vista dell efficienza e della sicurezza, verificando costantemente l usura, la qualità delle parti metalliche ( comprese viti e bulloni ), che non devono essere arrugginite, e legnose, che non devono presentare schegge. In caso di necessità, va sospeso cautelativamente l uso dell attrezzatura, con comunicazione scritta al Dirigente Scolastico, che provvederà a sollecitare l intervento della competente Amministrazione Comunale. Art. 12 USO DIDATTICO DI STRUMENTI, ATTREZZATURE, MATERIALI Le attività manuali che, nei laboratori o nelle aule normali si avvalgono dell uso di strumenti, utensili appuntiti o taglienti, liquidi detergenti come alcool, acqua ragia o altro, vanno mantenute sotto lo stretto controllo dell insegnante. Le forbici normalmente in uso devono avere punte arrotondate E vietato usare fiamme libere negli esperimenti scientifici e nelle esperienze di cucina, se non in locali idonei, appositamente attrezzati e verificati periodicamente nella funzionalità e nella correttezza dei collegamenti del gas Particolare attenzione va posta nell uso di apparecchi elettrici. Non va utilizzato nessun apparecchio elettrico che non sia a norme, provvisto di marchio CE, IMQ, doppio isolamento e non sia perfettamente funzionante al momento dell uso. Le attrezzature difettose vanno verificate da parte di personale specializzato. Segnalare e non usare le prese che risultino annerite o non fissate stabilmente alla parete. Le eventuali prolunghe in uso devono essere regolamentari nelle spine di collegamento, nel rapporto lunghezza/ diametro di sezione, nella portata dell apparecchio. E vietato usare prolunghe fatte in casa. Anche le spine multiple devono rispondere ai requisiti posti dalle normative vigenti, vanno continuamente verificate e non vanno mai sovraccaricate. La spina Schuko (tonda tedesca ) non può essere inserita direttamente nella normale presa a tre alveoli ma ha bisogno di apposito adattatore con lamella laterale di collegamento a terra. Non sono ammessi fili elettrici non protetti da materiale isolante. Vigilare affinché nessun oggetto possa essere inserito in uno o più alveoli della presa. Gli alunni non possono essere incaricati di inserire o togliere spine dalle prese. Gli adulti agiscono con cautela, a mani asciutte e senza tirare il cavo elettrico. E vietato l uso di audiovisivi e di apparati informatici in coincidenza con temporali.

9 Art. 13 USO DEI DISTRIBUTORI AUTOMATICI L utilizzo dei distributori automatici di bibite ed alimenti, ove esistenti, è vietato durante le ore di lezione. Pertanto, l orario consentito per usufruire del servizio rimane il tempo pre-scuola, la ricreazione, l intervallo mensa Con la collaborazione del personale ATA, dovranno essere mantenuti il controllo, l ordine ed il rispetto per i compagni e le attrezzature. Art. 14 LABORATORIO DI INFORMATICA Il monitor del computer va correttamente mantenuto a circa cm di distanza dagli occhi, senza per questo assumere posture inclinate in avanti o all indietro Va tenuto conto al momento dell installazione delle corrette condizioni di luminosità del locale, in particolare per evitare i riflessi, eventualmente utilizzando tendaggi ignifughi L uso continuativo del computer richiede una pausa ogni 20/ 30 minuti Qualora la porta del laboratorio non fosse apribile direttamente verso l esterno, va mantenuta aperta durante la presenza di alunni nel locale. Art. 15 LOCALI IMPROVVISATI PER SPETTACOLI ED INCONTRI Nell organizzazione di rappresentazioni, spettacoli ed incontri per cui si prevede l affollarsi di persone solitamente non presenti contemporaneamente nella struttura scolastica, è necessario valutare l idoneità del locale dal punto di vista della massima capienza stimata e della disponibilità di adeguate vie di fuga, che devono essere più d una Eventuali integrazioni dell impianto elettrico con prolunghe volanti vanno attentamente verificate nella portata e nei collegamenti tra spine, che non devono essere calpestate, manomesse o disinserite accidentalmente. Art. 16 ASSISTENZA AI DISABILI Gli alunni disabili presenti nella scuola hanno diritto ad ogni forma di assistenza insita nel grado di handicap di cui sono portatori Tutti gli adulti, docenti e non docenti, sono tenuti ad agevolarne l integrazione e le condizioni di sicurezza durante la loro permanenza nella scuola, oltre le responsabilità dell insegnante di sostegno e di assistenza dell USL Vanno evitate tutte le attività che richiedono capacità di controllo superiori alle reali possibilità motorie e psichiche dell alunno.

10 Nelle situazioni di emergenza reali o simulate, questi alunni possono reagire in modi non prevedibili, per cui non vanno mai lasciati soli, ma accompagnati personalmente, secondo le modalità ed i percorsi specifici previsti caso per caso, con l ausilio del personale indicato nella tabella di distribuzione degli incarichi Il Gruppo Docente individua in fase di programmazione annuale gli alunni che eventualmente necessitano di particolare assistenza nelle situazioni di emergenza, sapendo che possono aggiungersi talora alunni con inabilità temporanea da infortunio Durante l uscita di emergenza, l alunno in difficoltà di deambulazione ed i suoi accompagnatori non possono creare ingombro agli alunni che sopraggiungono lungo le vie di fuga e pertanto è necessario attendere che corridoi e scale siano liberi. Art. 17 USCITE DIDATTICHE E VIAGGI L uscita didattica, la passeggiata, il viaggio d istruzione, sono attività educative che fanno parte integrante della programmazione didattica e come tali richiedono il rispetto delle norme comportamentali vigenti nell ambiente scolastico L uso della strada, l utilizzo dei mezzi di trasporto e l esplorazione di ambienti diversi dalla normalità, vicini o lontani, richiedono da parte degli accompagnatori il costante controllo in testa e in coda del gruppo. Va tenuto conto delle difficoltà e dei rischi prevedibili nella scelta dei percorsi e delle attività che impegnano gli alunni, al fine di limitare al massimo le situazioni pericolose Per gli stessi motivi, è opportuno che anche nella semplice uscita di osservazione dell ambiente circostante la scuola, ogni gruppo sia seguito da due adulti, ove possibile anche con l ausilio del personale ATA, a meno che l esiguo numero di alunni non consenta un sicuro controllo anche ad una sola persona. Negli spostamenti a piedi, il gruppo deve mantenersi compatto, evitando lunghe file e dispersioni L insegnante di sostegno è responsabile dell accompagnamento degli alunni certificati con difficoltà motorie o psichiche curandone la migliore integrazione, ma, in base alla gravità dell handicap, può anche collaborare alla conduzione del gruppo Gli insegnanti di classe devono acquisire l autorizzazione scritta della famiglia alle singole gite, anche di mezza giornata, ed un autorizzazione iniziale valida per tutto l anno scolastico per le uscite effettuate nell ambiente locale. In ogni uscita che si avvale del mezzo di trasporto tutti gli alunni devono essere dotati di tesserino di identificazione. Art. 18 CANTIERI DI LAVORO In caso di presenza nell area scolastica di cantieri di lavoro interni o esterni, anche per brevi interventi di manutenzione, è fatto obbligo anche al personale scolastico di provvedere affinché la zona di lavoro sia chiaramente segnalata e ne venga impedito l accesso ed il transito da parte di chiunque, tramite barriere temporanee ma efficaci, che vanno quotidianamente verificate. Eventuali carenze vanno immediatamente segnalate al capocantiere, che è tenuto a porvi rimedio E necessario in queste situazioni rafforzare la vigilanza sugli alunni e l attenzione da parte di tutti gli utenti della struttura scolastica, anche nei periodi di sospensione delle lezioni.

11 Art. 19 DIVIETO DI FUMO Chiunque acceda alla scuola è tenuto a rispettare il divieto di fumare, come previsto dalle disposizioni legislative per tutti i locali pubblici Opportunità educative impongono il divieto di fumare anche nelle aree di pertinenza esterne, quando siano presenti gli alunni. Art. 20 MATERIALI DI PULIZIA Il materiale di pulizia va sempre custodito in luogo inaccessibile agli alunni. Va quindi riposto e mantenuto chiuso a chiave anche per brevi periodi in armadi e/o ripostigli in ogni momento di permanenza degli alunni nella struttura scolastica. Le chiavi vanno tenute in luogo conosciuto dagli adulti ma inaccessibile agli alunni I liquidi infiammabili come l alcool vanno detenuti in quantità limitate (non più di 20 litri) in locali dove non ci sia possibilità di utilizzo di fiamme libere né di apparecchiature elettriche. Art. 21 PERSONALE NON DOCENTE Il collaboratore scolastico è addetto ai servizi generali della scuola. Gli competono le pulizie dei locali interni ed esterni, il controllo su ingressi ed uscite, l assistenza e vigilanza sugli alunni, in collaborazione e/o assenza momentanea dei docenti. Al personale di segreteria compete la gestione amministrativa ed organizzativa dell Istituto Facendo parte integrante dell organizzazione scolastica, il personale ATA è corresponsabile del buon funzionamento e della gestione quotidiana del plesso, anche in riferimento al diritto- dovere di garantire adeguate condizioni di sicurezza ed igienicità a tutti gli utenti della scuola. I singoli articoli del presente regolamento tengono conto delle mansioni richieste al personale in oggetto Va garantita la salubrità dell ambiente, adottando le misure di igiene indicate dalle disposizioni contenute nel mansionario, con particolare riferimento a: * sistematica pulizia di pavimenti, arredi, aree di pertinenza esterne; * aerazione quotidiana di tutti i locali; * costante disinfezione dei sanitari. L Amministrazione è tenuta alla fornitura dei materiali necessari, inclusi quelli al successivo articolo Ogni operatore, nell espletare il proprio lavoro, deve divenire consapevole delle corrette modalità di prevenzione generale e di autoprotezione: l uso di guanti di gomma e camici nella pulizia dei sanitari; l uso di guanti adeguati nella pulizia delle aree esterne e ogni qualvolta si possa venire in contatto con elementi arrugginiti, scheggiati, rotti,polverosi, in cattivo stato di conservazione;

12 la cautela nell uso delle sostanze chimiche di pulizia, adottando l utilizzo di mascherine, guanti ed occhiali nel manipolare eventuali sostanze tossiche, corrosive, infiammabili. (etichettatura T, X, fiamma), rispettando anche il divieto di formare miscele di componenti diversi; gli addetti al servizio di fotocopisteria devono essere opportunamente informati sulle corrette modalità di sostituzione del toner, leggendo con attenzione le istruzioni allegate al prodotto; per pulire i vetri all interno, usare idonee attrezzature di pulizia, quali aste estensibili e leggere, evitando al massimo l uso delle scale; qualora le finestre non siano completamente apribili, è vietato salire sui davanzali per pulire i vetri esterni; per piccoli interventi di manutenzione, come la sostituzione di lampadine, va usata una scala a norma e la collaborazione di un assistente che ne assicuri la stabilità; nel sollevare e movimentare materiali pesanti, siano adottate opportune calzature antiscivolo e si tenga presente la necessità di piegare le ginocchia per non far ricadere sforzi eccessivi sulla colonna vertebrale; nell uso di impianti e apparecchiature elettriche, si faccia riferimento all art. 12 del presente regolamento Il personale di segreteria deve essere consapevole dei rischi connessi con l uso dei videoterminali per poter adottare i conseguenti comportamenti di autoprotezione legati alla difesa della vista e alla corretta postura. E opportuno alternare il lavoro al computer con altre occupazioni, nella misura minima di 15 minuti ogni due ore di lavoro continuativo. Art. 22 COMPITI DEGLI ADDETTI AL PRIMO SOCCORS Il Primo Soccorso consiste nel dare adeguata assistenza ad un infortunato in attesa del soccorso qualificato (medico, ambulanza), prendendo le iniziative minime essenziali, in grado di non peggiorare la situazione. Questi interventi vanno affrontati non con solo spirito di altruismo ma con giusta consapevolezza, autocontrollo e conoscenza, almeno negli elementi fondamentali In ogni plesso, il personale docente e non docente adeguatamente formato ed espressamente nominato dal Dirigente Scolastico deve essere in grado di: eseguire medicazioni e fasciature con materiale sanitario idoneo, secondo le corrette modalità e utilizzando sempre guanti monouso; tenere in ordine ed in posto visibile ma non accessibile agli alunni la cassetta di pronto soccorso; dare istruzioni per le eventuali chiamate di emergenza; mantenere la calma;

13 assistere l infortunato e praticare se necessario soltanto le manovre indispensabili, una volta inquadrata la situazione sanitaria, agendo con ogni precauzione; offrire collaborazione al personale sanitario intervenuto. Art.23 COMPITI DELLA SQUADRA ANTINCENDIO In ogni plesso il Dirigente scolastico nomina annualmente il personale, adeguatamente formato, incaricato delle misure di prevenzione e di lotta al fuoco E compito principale di questi addetti collaborare con il referente di plesso per la sicurezza e la protezione civile, in modo da: tenere sotto controllo ogni ambiente dell area scolastica, segnalando tempestivamente ogni nuovo elemento di rischio riscontrato ed egire se possibile per eliminarlo; tenere costantemente sotto controllo gli elementi di pericolo noti, già evidenziati nel Piano di sicurezza della scuola ed adottare le misure atte a diminuire le probabilità di evento negativo, richiedendo ad adulti ed alunni gli adeguati comportamenti; mantenere costantemente libere le vie di fuga da qualsiasi ingombro, anche provvisorio; verificare la corretta chiusura/ apertura delle porte interne ed esterne; verificare la costante efficienza degli estintori, controllando la prescritta revisione semestrale, avendo cura che si trovino sempre al loro posto, visibile ma non accessibile agli alunni; verificare annualmente la funzionalità degli idranti ove esistenti Nell emergenza, in presenza di fumo, con o senza segnale di allarme, l addetto interviene, se possibile non da solo e con estrema prudenza, soltanto dopo essersi accertato della percorribilità delle vie di fuga e della sicura disattivazione del quadro elettrico, allo scopo di proteggere l evacuazione di tutte le persone, adulte o minori, fino all esterno. Nel caso l incendio non possa essere prontamente domato sul nascere, un volta in salvo tutte le persone, nessuno deve correre rischi all incolumità personale, se non dotato di tutti i dispositivi di protezione individuale e della sicura padronanza delle tecniche di spegnimento. Art. 24 INFORTUNI A SCUOLA I genitori sono tenuti a fornire alla scuola il recapito telefonico dell abitazione e/o del luogo di lavoro, oppure quello di un parente/ conoscente che possa prendere in consegna l alunno in caso di malore. Va anche indicato il recapito telefonico del medico curante In caso di malore o di incidente di lieve entità che colpiscano un alunno, si presteranno le prime cure e verrà avvisata in forma scritta la famiglia interessata.

14 24.3- In caso di incidente più serio, ed in relazione alla gravità della situazione, si dovrà: chiamare il medico dell infortunato o altro reperibile in tempi rapidi; chiamare l ambulanza se necessario, formando il 118; attivare l addetto di plesso al primo soccorso o suo sostituto; avvisare la famiglia interessata; comunicare agli uffici di segreteria dell Istituto; presentare relazione scritta circostanziata sul fatto, a cura dell insegnante responsabile; redigere al più presto, non oltre il secondo giorno, la pratica di denuncia di infortunio all assicurazione L attività di primo soccorso è svolta in ogni plesso da personale docente e non docente adeguatamente formato ed espressamente incaricato dal Dirigente Scolastico. Le medicazioni vanno sempre eseguite secondo le modalità prescritte ed utilizzando guanti usa e getta. Gli addetti possono richiedere la collaborazione di altri presenti e devono attenersi agli interventi minimi essenziali, allo scopo principale di non aggravare i danni, in attesa del soccorso medico qualificato Non è consentito usare il mezzo proprio per il trasporto dal medico o al Pronto Soccorso, se non in assenza dei parenti a cui affidarlo e su espressa richiesta dei sanitari. In tal caso, di carattere eccezionale, è necessaria la presenza in auto di un adulto come assistente dell infortunato. Art. 25 CASSETTA DI PRONTO SOCCORSO In ogni plesso deve essere disponibile una cassetta di pronto soccorso, in posizione ben visibile a tutti gli adulti ma non accessibile agli alunni Gli addetti al primo soccorso sono anche incaricati della custodia della cassetta, che va prelevata al momento dell evacuazione di emergenza. Nel caso di cassetta a muro fissa, va predisposto un pacchetto di medicazione asportabile, secondo le indicazioni del successivo art Il contenuto va trimestralmente revisionato ed eventualmente integrato degli elementi utilizzati, verificando anche le date di scadenza ove previste Il D.I. 569/99 stabilisce il contenuto minimo della cassetta di pronto soccorso: guanti usa e getta (alcune paia), acqua ossigenata F.U.10 vol., clorossidante elettrolitico al 5% (amuchina), n. 10 buste

15 singole garza sterile 10X10, n.10 buste singole garza sterile 18X40, pinzette sterili monouso (5), confezione rete elastica in varie misure, confezione cotone idrofilo, confezione cerotti varie misure pronti all uso, rotoli di benda orlata alta 10 cm, rotoli di cerotto alto cm 2,5, 1 paio di forbici, lacci emostatici (5), ghiaccio secco pronto uso (3 confezioni), coperta isotermica monouso, sacchetti monouso per raccolta di rifiuti sanitari, termometro. Il pacchetto di medicazione deve contenere almeno: guanti come sopra, acqua ossigenata, amuchina, compresse di garza, benda orlata, rete elastica, pinzette sterili, cotone, confezione cerotti E vietato somministrare medicinali di ogni genere, se non nel caso di particolari patologie, quando la famiglia ed il medico curante ne facciano espressa richiesta, che andrà autorizzata dal Dirigente Scolastico. Art. 26 CHIAMATE DI SOCCORSO In ogni plesso, la tabella di distribuzione degli incarichi identifica il personale addetto alle telefonate di emergenza, sia per richiesta d intervento dei Vigili del Fuoco, sia per richiesta di soccorso sanitario Accanto all apparecchio telefonico devono sempre essere disponibili: i numeri di telefono degli alunni, con famigliari, loro recapiti o delegati, medico curante; i numeri di allertamento dei VV.FF. 115 e dell ambulanza 118, con lo schema dell esatta comunicazione da dare al momento della richiesta. Art. 27 PIANO DI EVACUAZIONE In ogni plesso scolastico, il Piano di Evacuazione deve essere esposto all albo in maniera ben visibile. Nel primo mese dell anno scolastico il Piano viene illustrato a cura dell'insegnante delegato/a alla sicurezza a tutto il personale docente e non docente ed in seguito anche ai supplenti temporanei che si avvicendano nella scuola, facendo notare le competenze di ciascuno, così come indicate nella Tabella degli incarichi che deve sempre essere allegata al Piano All interno delle porte di ogni locale viene esposta la pianta della scuola con l indicazione del percorso da seguire in caso di emergenza o di simulazione per raggiungere il centro di raccolta esterno Le procedure da seguire nell evacuazione sono chiaramente indicate dal Piano. Art. 28 VIE DI ESODO. 28,1 - Corridoi, scale, porte, luoghi di passaggio nelle vie di fuga, vanno costantemente mantenuti sgombri da qualsiasi materiale, anche in deposito provvisorio Va costantemente verificata la facile apertura dall interno delle uscite, controllando la funzionalità dei passanti di fermo inferiori e superiori ove

16 esistenti Le uscite di sicurezza apribili a spinta verso l esterno non vanno tenute chiuse a chiave negli orari di funzionamento della scuola Le porte tagliafuoco ove esistenti vanno mantenute chiuse e le scale di emergenza completamente libere al passaggio ed in grado di garantire il rapido deflusso e la massima capienza in caso di necessità Qualora esistano nel vano scala finestre apribili verso l interno, esse vanno mantenute chiuse in orario di lezione, al fine di evitare contatti accidentali al passaggio Va controllata periodicamente l efficienza e la visibilità della segnaletica delle vie d uscita. Art. 29 SEGNALAZIONE ANOMALIE, GUASTI, NUOVI FATTORI DI RISCHIO L obbligo di vigilanza sugli alunni da parte del personale docente e non docente si estende anche agli spazi, alle strutture, agli impianti, agli arredi, ai sussidi e agli strumenti utilizzati Chiunque si renda conto di anomalie, guasti, elementi non evidenziati in precedenza che possono divenire fattori di rischio per i minori o per gli adulti fruitori della scuola, ha il dovere di farne segnalazione ai responsabili: l insegnante delegato/a di plesso per la sicurezza o suo sostituto; l insegnante fiduciario di plesso; il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) se presente; il Responsabile dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) se presente; il Dirigente Scolastico se presente. Le persone di cui sopra provvedono ad una prima verifica e valutano l inconveniente, determinandone la gravità ed il tipo di urgenza. Qualora si ravvisi la necessità di intervenire subito, va isolato se possibile l elemento anomalo e va fatta immediata segnalazione telefonica agli uffici di segreteria e al comune di riferimento. Le misure da adottare e gli interventi da richiedere

17 ad organismi esterni alla scuola sono di competenza del Dirigente Scolastico. Art. 30 RESPONSABILITA DI CONTROLLO In ogni plesso scolastico, l Insegnante Fiduciario e l Insegnante Referente per la Sicurezza sono delegati dal Dirigente Scolastico al controllo costante, ai fini dell osservanza e della piena attuazione delle disposizioni contenute nel presente Piano. Arsiero, 10/ 12/ 2004 Il Dirigente Scolastico Dott.ssa Maria Domenica Strazzer

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA

REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA REGOLAMENTO PER IL PERSONALE SERVIZIO DI VIGILANZA DEGLI ALLIEVI SCUOLA PRIMARIA ENTRATA ED ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI Il personale docente deve trovarsi sul luogo di lavoro almeno 5 minuti prima dell'orario

Dettagli

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO

NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO NORME GENERALI DI COMPORTAMENTO Il comportamento corretto e prudente di ognuno è il miglior modo di prevenzione contro ogni genere di infortunio - Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc. - Non

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO

ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DEL PRONTO SOCCORSO SCOLASTICO NOME DATA FIRMA REDAZIONE R.S.P.P. Prof. Ssa Barone Rita Iolanda APPROVAZIONE Il Dirigente Scolastico AUTORIZZAZIONE Il Dirigente Scolastico AGGIORNAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA

REGOLAMENTO D ISTITUTO PRIVACY, SICUREZZA, MENSA ISTITUTO COMPRENSIVO ROVIGO 1 Via della Costituzione, 6 45100 ROVIGO Tel. 0425/30600 Fax 0425/30726 Codice Fiscale 93027540298 Cod. Mecc. ROIC82000Q - e-mail: roic82000q@istruzione.it Sito web: www.icrovigo1.gov.it

Dettagli

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 )

PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) Allegato 03 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI AGGIORNAMENTO DEL DOCUMENTO SULLA SICUREZZA D. Lgs. 81/08 e s.m.i. PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI ( D. Lgs. n. 626 del 19/09/94 ) PROCEDURE

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI IN TUTTI I LOCALI SCOLASTICI E obbligo per tutto il personale: attenersi e far attenere gli alunni alle disposizioni ai fini della prevenzione e protezione individuale

Dettagli

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute.

Per opportuna conoscenza si invia la circolare in oggetto, affinché tutto il personale segua le disposizioni in essa contenute. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ANTONIO ZANELLI Sezione Tecnica Agraria (Produzioni e trasformazioni Gestione ambiente e territorio) Sezione Tecnica Chimica, materiali e biotecnologie sanitarie Sezione

Dettagli

1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR)

1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR) 1 1 Istituto Comprensivo A. MORO P.VIRGILIO MARONE Francavilla Fontana (BR) Via Oratorio della Morte, 2-4 C.M. BRIC83100D C.F. 91071300742 tel: 0831/841857 fax: 0831/099021 Scuola Secondaria di 1 grado

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA Allegato 02 REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI DLgs 9 aprile 2008,, n.. 81 e successive modifiche ed integrazioni articolo 15 MISURE GENERALI DI TUTELA PIANO DELLE MISURE PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI

Dettagli

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA

Modulistica Servizio Protezione Prevenzione: ISTRUZIONI OPERATIVE DI SICUREZZA Pagina 1 di 5 Nella scuola sono state individuate ed integrate su indicazione del personale, le seguenti misure di prevenzione e protezione: MISURE ANTINCENDIO E DI EMERGENZA Tutto il personale docente

Dettagli

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE

SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE SICUREZZA ED IGIENE SUL LAVORO NELLE AUTOCARROZZERIE INDICE 2. LE PRINCIPALI FIGURE INDIVIDUATE DAL T.U. SICUREZZA..... pag 3 IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE..... pag 3 ADDETTI ALL

Dettagli

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03)

Registro controlli antincendio e PS. (D.Lgs. 626/94 DM 10 03 98 DPR 37/98 DM 388/03) Istituto Comprensivo di Porto Venere "Giovanni di Giona" SEDE: (19022) LE GRAZIE, VIA ROMA, 1 LA SPEZIA - C. F. 80003280114 TEL. (0187) 790358 FAX (0187) 790021 - WEB: www.portovenerescuole.it - E.mail

Dettagli

COMUNICATO N. 2 AI DOCENTI DI TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA TUTTI I PLESSI AL SITO D ISTITUTO

COMUNICATO N. 2 AI DOCENTI DI TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA TUTTI I PLESSI AL SITO D ISTITUTO COMUNICATO N. 2 AI DOCENTI DI TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA TUTTI I PLESSI AL SITO D ISTITUTO AL DSGA AL PERSONALE ATA ALL ALBO DI TUTTI I PLESSI Oggetto: Sicurezza nelle scuole. Norme di comportamento Con

Dettagli

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica

Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento del Servizio di Assistenza Scolastica Anno Scolastico 2013/2014 e 2014/2015 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

per gli utenti del servizio scolastico ( studenti - genitori )

per gli utenti del servizio scolastico ( studenti - genitori ) Scuola Media Statale P. Paoli Viale Reiter 81-41100 Modena tel. 059/222373 Fax 059/239972 MANUALE DI INFORMAZIONE SUI RISCHI E LA SICUREZZA NELLA SCUOLA per il personale docente e non docente per gli utenti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso

ISTITUTO COMPRENSIVO II SELVAZZANO DENTRO. Addetti antincendio Addetti primo soccorso REGISTRO SICUREZZA PLESSO: ANNO: Compilato: Componenti Servizio Prevenzione e Protezione Referente Sicurezza: Addetti antincendio Addetti primo soccorso Visto Rappresentante dei lavoratori Sicurezza (RLS)

Dettagli

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C

D.M. 388/2003 GRUPPO B GRUPPO C La cassetta di pronto soccorso D.M. 388/2003 Ai sensi di questo D.M. le aziende sono distinte a seconda dell attività svolta, del numero dei lavoratori e e dei fattori di rischio in tre gruppi: GRUPPO

Dettagli

[DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI]

[DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI] Istituto Omnicomprensivo Statale Beato Simone Fidati - Cascia [DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI] MANUALE DI INFORMAZIONE SUI RISCHI E LA SICUREZZA NELLA SCUOLA PER IL PERSONALE DOCENTE, NON DOCENTE

Dettagli

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA

MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA MAN - Pag. 1 di 12 MANUALE DELLE PROCEDURE PER LA SICUREZZA A SCUOLA AI SEN SI DELL AR T. 30 D.Lg Lgs. 81/20 08 MAN - Pag. 2 di 12 Attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE

SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G. MAZZINI VIA S. ANDREA PORTO SANTO STEFANO, MONTE ARGENTARIO (GR) SCUOLA DELL INFANZIA DI PORTO ERCOLE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE PIANO DI

Dettagli

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI

REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI Pagina 1 di 17 COMUNE DI ROMA Provincia Rm ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Via delle Alzavole Datore di Lavoro: Dott.ssa REGOLAMENTO D USO AMBIENTI SCOLASTICI RSPP: Geom.

Dettagli

DISPOSIZIONI DIRIGENZIALI SUI COMPORTAMENTI DA TENERE PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA

DISPOSIZIONI DIRIGENZIALI SUI COMPORTAMENTI DA TENERE PER LA SICUREZZA ALL INTERNO DELLA SCUOLA MINISTERO DELL ISTRUZIONE. DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO CLASSICO STATALE GIULIO CESARE 00198 ROMA CORSO TRIESTE, 48 Fax 06/85355339 Tel. 06/121124445

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola

ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE CIRO POLLINI - MORTARA La sicurezza nella scuola Opuscolo informativo per gli studenti Strumento d informazione ai sensi del D. Lgs. 81/2008. L utente è tenuto a conoscerne

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO

PIANO DI PRIMO SOCCORSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI OSPITALETTO PIANO DI PRIMO SOCCORSO xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx INDICE 1. GENERALITÀ 2 2. ADDETTI AL PRIMO SOCCORSO 2 3. PROCEDURE IMPARTITE

Dettagli

PROGETTO SICUREZZA IN CATTEDRA

PROGETTO SICUREZZA IN CATTEDRA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA Direzione Didattica Statale 1 Circolo Solofra (AV) Via Casa Papa, 83029 SOLOFRA (AV) Tel / fax 0825-581250

Dettagli

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO.

QUESTIONARIO QUESTIONARIO UNICO PREPOSTO. 1/6 01.DEFINIZIONE DI PERICOLO O FATTORE DI RISCHIO: PROPRIETA O QUALITA INTRINSECA DI UN FATTORE AVENTE IL POTENZIALE DI CAUSARE DANNI. PROPRIETA CHIMICO FISICHE DI UNA SOSTANZA ESPLOSIVA. PROPRIETA CINETICHE

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA

PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 1 ISTITUTO COMPRENSIVO GOZZI-OLIVETTI PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA PIANO DI EVACUAZIONE ED EMERGENZA 2 Premessa Il presente Piano di Evacuazione ed Emergenza individua

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013

DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013 DIREZIONE DIDATTICA STATALE S.G. BOSCO CAMPOBELLO DI LICATA REGOLAMENTO INTERNO A.S. 2012/2013 Il presente regolamento si ispira alla seguente visione della scuola: La scuola è una comunità di dialogo,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016

ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA. SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ. Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO 18 BOLOGNA SCUOLA SECONDARIA 1 grado F. DE ANDRÉ Prot. 4409 del 17 settembre 2015 Piano di emergenza Anno scolastico 2015 / 2016 Per assicurare lo svolgimento dell abbandono dell edificio

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO)

LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) LINEE GUIDA PER LA CORRETTA GESTIONE DELLE ATTIVITÀ E DEGLI SPAZI ALL INTERNO DEGLI EDIFICI SEDE DI STRUTTURE DIPARTIMENTALI (ESTRATTO) INDICAZIONI GENERALI 1. Modifiche strutturali, modifiche e/o manutenzione

Dettagli

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO

ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO ISTRUZIONI PER L EVACUAZIONE IN CASO DI INCENDIO o TERREMOTO SEGNALAZIONI DI EMERGENZA ALLARME: Serie di almeno 10 suoni intermittenti ttenti EVACUAZIONE: Un suono continuo e prolungato CESSATO ALLARME:

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI CENTRI RICREATIVI DIURNI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PERIODO: ANNI 2013 E 2014

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

MANSIONARIO COLLABORATORI SCOLASTICI

MANSIONARIO COLLABORATORI SCOLASTICI Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Salita Santa Cristina, 88-09014 Carloforte (Ci) C. F. 90016560923 Cod. Min. CAIC82000T Tel. 0781/854078 Fax 0781/855471

Dettagli

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008

Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali. Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Documento unico di valutazione dei rischi interferenziali Art. 26 comma 3 D.L.vo 81/2008 Oggetto dell appalto: Contratto per la gestione dell impianto sportivo calcistico Aldo Nelli in località Oste Dirigente/

Dettagli

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.

PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n. COMUNE DI PROVINCIA DI. NOMINATIVO AZIENDA SEDE: DOCUMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PIANO AZIENDALE DI PRONTO SOCCORSO (D.Lgs. 626/94 DM 15 Luglio 2003 n.388) Data di emissione: Aggiornamento: IL DATORE DI

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA

PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA PROCEDURE OPERATIVE D EMERGENZA COMPITI DEL COORDINATORE DELL EMERGENZA (PROC_1)...2 COMPITI DELL ADDETTO ALLA COMUNICAZIONE (PROC_2)...3 COMPITI DEGLI ADDETTI ALL EMERGENZA (PROC_3)...4 COMPITI DEL PERSONALE

Dettagli

MATERIALE INFORMATIVO PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO.

MATERIALE INFORMATIVO PER LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI BUDRIO VIA GIOVANNI XXIII - N.2 40054 BUDRIO (BO) Tel. e fax 051/6920614 C.F. 91201420378 - C.M. BOIC86900R - e-mail: boic86900r@istruzione.it boic86900r@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it

ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it ISTITUTO COMPRENSIVO di San Michele al Tagliamento www.iscsanmichele.it Indicazioni e norme di comportamento per l evacuazione dall edificio scolastico in caso di INCENDIO o TERREMOTO (D.Lgs. 81/2008,

Dettagli

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006

LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 LICEO ARTISTICO STATALE DI TREVISO Anno scolastico 2005-2006 REGOLAMENTO D ISTITUTO La Costituzione repubblicana, lo Statuto delle studentesse e degli studenti e il Regolamento dell autonomia delle Istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI

REGOLAMENTO DI ISTITUTO ANNI SCOLASTICI 2013/2016 ALUNNI Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo di Cellatica Collebeato Viale Risorgimento, 23 25060 Cellatica (BS) Tel: 030.2770188-0302774730 - Fax: 030.2525792 C. F.

Dettagli

Documento sulla sicurezza

Documento sulla sicurezza Sede direzione: Via Rosso di S. Secondo, 1-90135 Palermo Direzione 091/403197 Segreteria 091/409294 091/401406 C.F. 80013720828 C.M. PAEE017009 www.deamicispa.govi.it e-mail paee017009@istruzione.it -

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti

CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti CORSO DI FORMAZIONE per Dirigenti Secondo il D.Lgs. 81/2008 s.m. e l Accordo della Conferenza Stato-Regioni per la formazione del 21 dicembre 2011 Modulo 2 Gestione e organizzazione della sicurezza Organizzazione

Dettagli

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008)

3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI. PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) 3 CIRCOLO DIDATTICO STATALE DI MARANO GIANCARLO SIANI Via A.Labriola -80016 MARANO DI NAPOLI PIANO DI EMERGENZA E EVACUAZIONE (D.M. 10.3.1998 D.Lgs. n. 81/2008) Il Dirigente Scolastico : Dott.ssa Silvana

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA)

LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) LICEO SCIENTIFICO SABIN VADEMECUM SICUREZZA [CATEGORIA] (STUDENTI, DOCENTI, PERSONALE ATA) PREMESSA Il tema della sicurezza sta finalmente acquistando rilevanza sempre crescente, e la scuola è l ambito

Dettagli

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013

COMUNICAZIONE N. 67. Ferrara, 15 novembre 2013 Istituto Tecnico Commerciale e per Periti Aziendali e Corrispondenti in Lingue Estere V. Bachelet Via Mons. Ruggero Bovelli, 7/13-44121 FERRARA Tel. 0532.20.9.346 20.32.66; Fax:0532.20.23.65; Via Azzo

Dettagli

JANNUZZI MONS. DI DONNA

JANNUZZI MONS. DI DONNA Prot. n. 5137/A23 del 21/11/2014 REGOLAMENTO SULLA SICUREZZA E PREVENZIONE Informazioni al personale in applicazione dell art. 36 del D.Lgs. 81/08 PRESENTAZIONE Anche nella scuola, come negli altri luoghi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10

ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 ISTITUTO COMPRENSIVO I.S.A 10 Informazioni e disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro [artt 36, 18 c. 1, l. f), l) D.Lgs. 81/08] Ed.1 Rev.0_14 INDICE 1. Disposizioni

Dettagli

piu ScuolaSicura In caso di

piu ScuolaSicura In caso di piu ScuolaSicura In caso di incendio fuga di gas sversamento allagamento azione criminosa infortunio/malore guasto elettrico terremoto nube tossica alluvione 1 Un coordinatore dell emergenza 2 Un docente

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo via Cittadini n. 1-20157 Milano Tel. 02/3575716/8 fax 02/39001523 E mail: paolofrisimi@tin.it - Sito web:www.ipsfrisi.it REGOLAMENTO SULLA VIGILANZA DEGLI STUDENTI

Dettagli

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE

COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE COMPORTAMENTI DI PREVENZIONE GENERALE Il comportamento corretto e prudente di ognuno è la migliore forma di prevenzione contro gli infortuni. QUINDI: Non correre nei corridoi, scale, laboratori, ecc..

Dettagli

Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza

Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza pag. 1/6 Capitolo 5 Gestione nel tempo della sicurezza 5.1 GESTIONE NEL TEMPO DELLA... 2 5.2 SORVEGLIANZA SANITARIA... 4 5.3 PRONTO SOCCORSO... 5 REV DATA REDATO DA DESCRIZIONE FIRMA DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO

ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Prot. n. 55/A23 del 7/01/2014 ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLI Tel. 0817519375 FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00N Codice fiscale 80022520631 e- mail: naic8bt00n@istruzione.it

Dettagli

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I.

COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. COMMITTENTE Comune di Novate Milanese SERVIZI SCOLASTICI INTEGRATIVI D.U.V.R.I. DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Art. 26 del D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015

Dettagli

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE

Tipologie degli eventi più rischiosi ipotizzabili SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Istituto Comprensivo C. Casteller di Paese - Viale Panizza, 4-31038 PAESE (TV) - Tel 0422 959057 Fax 0422 959459 C.F.: 94131860267 e-mail: tvic868002@istruzione.it Sito internet: www.castellerpaese.org

Dettagli

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo)

PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Liceo Scientifico C. Cavalleri - Parabiago SEDE STACCATA Via dei Partigiani,1 - Canegrate PIANO EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) Il Datore di Lavoro Prof. Luciano Bagnato.. data / /.. Rev. 06 del

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

Prot. n. 4696/A1/A2 Zelo Buon Persico, 30.11.2011

Prot. n. 4696/A1/A2 Zelo Buon Persico, 30.11.2011 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZELO BUON PERSICO via f.lli Cervi, 1-26839 Zelo Buon Persico (Lodi) - tel. fax 02 / 90659917 indirizzo internet www.iczelobp.it - e mail ic.zelobp@tiscali.it Prot. n. 4696/A1/A2

Dettagli

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione

NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione NORME DI COMPORTAMENTO IN SITUAZIONI DI EMERGENZA Procedura Di Evacuazione ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PER TUTTO IL PERSONALE Via Vulcano, 12-95047 Paternò (CT) Tel./Fax 095841054 e-mail ctee06800n@istruzione.it

Dettagli

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato

due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato due squilli brevi seguiti da uno squillo prolungato 1. MODALITA DI RILEVAZIONE E DI COMUNICAZIONE DELLA SITUAZIONE DI ALLARME Si prevedono sostanzialmente due situazioni nelle quali si presenti la necessità di emanare un allarme generalizzato che comporti

Dettagli

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA

VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA VADEMECUM ADDETTI SICUREZZA E PREPOSTI INFORMAZIONI PRELIMINARI PER UN CORRETTO SVOLGIMENTO DELLE MANSIONI DEGLI ADDETTI ALLA SICUREZZZA INTRODUZIONE A norma del Decreto 26 Agosto 1992 il Dirigente scolastico

Dettagli

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato;

1. creare nella nostra comunità scolastica un ambiente accogliente sereno ed ordinato; REGOLAMENTO D ISTITUTO (in fase di revisione) Il presente regolamento è stato deliberato dal Consiglio di Istituto ed è vincolante per tutte le componenti scolastiche; contiene le regole perché il complesso

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO

SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO IX ISTITUTO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO Via TASSONI 17 35127 PADOVA P A D O V A DETTAGLI E PIANO DI EVACUAZIONE ANNO SCOLASTICO 2014/15 SCUOLA PRIMARIA E. CORNARO Dirigente Dott.ssa Luisa Imbriani R.S.P.P.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV)

SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) PIANO DI EMERGENZA (Linee guida) SCUOLA PRIMARIA STATALE A. MANZONI VIA TREFORNI TREVIGNANO (TV) Anno scolastico 2014/2015 file:pem_primaria_trevignano.doc 1 di 21 PREMESSA Il piano di emergenza è uno

Dettagli

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico

Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico CITTA DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII PROVINCIA DI BERGAMO Appalto per l affidamento dei Servizi relativi alle aree infanzia e adolescenza dei Comuni di Sotto il Monte Giovanni XXIII e Carvico Biennio

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45)

PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. Marconi Via Badolato, s.n.c. - 84078 - Vallo della Lucania (SA) PIANO DI PRIMO SOCCORSO (D.Lgs. 81/2008, art. 45) prot. n. IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa FLORISA SINISCALCO

Dettagli

Prot. 5035 A13 Teramo, 15 settembre 2015

Prot. 5035 A13 Teramo, 15 settembre 2015 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Abruzzo Istituto Comprensivo Statale TE 3 C. D Alessandro - Risorgimento Via Aeroporto Tel. 0861 415628 - Fax

Dettagli

Impresa Appaltatrice: Data: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi

Impresa Appaltatrice: Data: IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Ing. G. Corsi 2014 2015 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE E. Fermi L. da Vinci Via Bonistallo 73 50053 Empoli ALLEGATO 9.1 DUVRI semplificato per operatori singoli Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

Dettagli

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23

doc 05 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PIANO DI EMERGENZA (Pianificazione dell esodo) I S T I T U T O C O M P R E N S I V O E S T 1 V I A A. D E L V E R R O C C H I O, 3 2 8 B r e s c i a SCUOLA PRIMARIA SANTA MARIA BAMBINA 1 di 23 PREMESSA

Dettagli

PIANO DI EVACUAZIONE

PIANO DI EVACUAZIONE PIANO DI EVACUAZIONE Il presente piano di evacuazione, inserito nel Documento di Valutazione dei rischi (affisso all'albo dell'istituto) è stato compilato a cura del D.S. Dott.ssa Cristina Grieco con la

Dettagli

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO.

MANUALE DI SICUREZZA E SALUTE : COMPORTAMENTI DA TENERE IN CASO DI : INCENDIO, RISCHIO INDUSTRIALE, TERREMOTO E INFORTUNIO. C B I.C. CESCO BASEGGIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE CESCO BASEGGIO Via Trieste, 203-30175 VENEZIA MARGHERA Cod. Scuola VEIC87100T Cod. Fisc. 94000070279 Tel. e fax 041920530/Tel. 041920584 VEIC87100T@istruzione.it

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE

PROCEDURA DI ALLARME CHE COSA NON DEVE FARE CHI CHE COSA DEVE FARE All.OdS 9/04 Agg.12 UMC SISTEMA DI GESTIONE DELLA SICUREZZA Pag. 1 di 3 TO Procedura Operativa in caso di Evacuazione 1. SCOPO Scopo della presente procedura operativa è quello di fornire tutte le indicazioni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO. Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado

ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO. Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ISTITUTO COMPRENSIVO DI CASTREZZATO Via G.Marconi, 35-25030 Castrezzato (BS) C.M. BSIC86300C. Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Regolamento Interno (D.P.R. 275/1999 D.I. 44/2001) approvato

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI

DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI DIREZIONE DIDATTICA di Mirandola (MO) CORSO DI FORMAZIONE SULLA SICUREZZA DEI LAVORATORI (ex Art. 37 D.Lgs. N. 81/2008) Organizzatore del Corso: Direzione Didattica di Mirandola Responsabile e Docente

Dettagli

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO

Per il Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO Comune di Faenza SETTORE SERVIZI SOCIALI ASSOCIATI DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INDIVIDUAZIONE DEI RISCHI SPECIFICI DEL LUOGO DI LAVORO (art. 26 comma 1 lett. b D.Lgs 81/2008) e MISURE ADOTTATE

Dettagli

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.

Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO. PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D. Istituto d'istruzione Superiore Giuseppe Peano CORSO VENEZIA, 29 10147 TORINO PIANO DI PRIMO SOCCORSO ( D.M. 388/2003, D.Lgs 81/08 e smi) OGGETTO: PIANO PRIMO SOCCORSO DATA: 15/11/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Dettagli

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi)

PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) PIANIFICAZIONE E GESTIONE DELLE EMERGENZE E DELL EVACUAZIONE SUCCURSALE (documento predisposto dall Ing. Scarlatti, addetto SPP del Liceo Fermi) DISPOSITIVI DI ALLARME E presente un sistema automatico

Dettagli

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale

Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale Corso di Formazione ed Aggiornamento per Addetti al Servizio di Pronto Soccorso Aziendale edizione Art. 34, 36, 37 D.Lgs. 81/2008 (ex Art. 22 D.Lgs. 626/97 Modificato con D.Lgs. 388/03) Gruppo A (16 ore)

Dettagli

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE

IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE IX ISTITUO COMPRENSIVO RICCI CURBASTRO.. PIANIFICAZIONE DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA SCUOLA DELL INFANZIA AQUILONE Dirigente scolastico : dott.ssa Luisa Imbriani RSPP : Ing. Davide Riccardi Docenti : Robertina

Dettagli

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE?

Foglio Informativo del Servizio di Prevenzione e Protezione Università degli Studi di Udine EMERGENZA: CHE FARE? L emergenza Cos è? Una emergenza è una situazione imprevista di potenziale pericolo che si genera quando le persone, i beni, le strutture, l ambiente sono esposti (o possono essere esposti) agli effetti

Dettagli

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini

A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini A cura del coordinatore e responsabile del pronto soccorso e U.V.E.S. prof. Maurizio Papini SEDE CENTRALE di via XXV aprile n 86 Centro Scolastico Vigili del fuoco Ala sud Arezzo Veduta aerea Ingresso

Dettagli

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza:

Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: 1. Probabili cause di pericolo Si citano, a titolo esemplificativo, alcune situazioni di emergenza: incendio all interno dell edificio incendio esterno all edificio o nelle vicinanze crolli dovuti a cedimenti

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO

Bagolino,30 ottobre 2014. valutazione dei rischi connessi all attività lavorativa e didattica 10.1 PERSONALE AMMINISTRATIVO M i n i s t e r o d e l l I s t r u zi o n e, d e l l U n i v e r s i t à e d e l l a R i c e r c a Istituto Comprensivo di Bagolino Via A. Lombardi 18-25072 Bagolino (BS) C.M. BSIC806008 - C.F. 87002590179

Dettagli

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014

REGOLAMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO VIA F.SANTI, 65 ROMA. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO DELIBERATO DAL CdI DEL 24 SETTEMBRE 2014 ISTITUTO VIA F. SANTI 65 Allegato Principi generali 1. Nel rispetto della normativa vigente in materia, il presente regolamento intende disciplinare il funzionamento dei servizi scolastici erogati dalle

Dettagli

DUVRI. Allegato _6_. al Bando di gara per l'appalto dei servizi di ristorazione comunale

DUVRI. Allegato _6_. al Bando di gara per l'appalto dei servizi di ristorazione comunale Appalto dei servizi di ristorazione scolastica (2013-2016) Allegato 6 DUVRI DUVRI Allegato _6_ al Bando di gara per l'appalto dei servizi di ristorazione comunale dal 15 ottobre 2013 al 30 maggio 2015

Dettagli

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

BANDO PUBBLICO CIG: ZC005578E8 CUP: E49E10005480009 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE BANDO PUBBLICO CONTENENTE LE NORME PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIE PER GLI UFFICI DEL GAL SULCIS IGLESIENTE CAPOTERRA E CAMPIDANO DI CAGLIARI MISURA 431 DEL PSR SARDEGNA 2007-2013 CIG: ZC005578E8

Dettagli

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA

INCENDIO ALLAGAMENTO TERREMOTO NUBE TOSSICA ALLARME BOMBA Estratto del PIANO DI EMERGENZA REDATTO AI SENSI E PER GLI EFFETTI DELL ART. 5 comma 1 D.M. 10 MARZO 1998, ART. 15 comma 1 lettera u D.LGS. 81/2008 E L ART. 12.0 D.M. 26/08/1992 INSIEME DELLE PROCEDURE

Dettagli

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003

PIANO DI PRIMO SOCCORSO D.M. 388/2003 Dott. Giulio Angelo Boario Medico Chirurgo, Specialista in Medicina del Lavoro Str. Ronchi Cunioli Alti 63/12-10024 Moncalieri (TO) tel. 0116612547 - cell.3397233693 e-mail giulioangelo.boario@fastwebnet.it

Dettagli

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6

Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corso per A.S.P.P. - Modulo B 6 Corsi di specializzazione per ASPP macro settore di attività 8 Modulo B Valutazione Rischi Istituto ISIS Ponti piazza Giovine Italia n. 3 - Gallarate Lezione del 10.01.2012

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI"

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO E. PANZACCHI Note Comune di Ozzano dell Emilia - Bologna ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO "E. PANZACCHI" http://icozzano.scuole.bo.it

Dettagli

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro

Le nuove regole del pronto soccorso nei luoghi di lavoro NUOVE NORME SUL PRONTO SOCCORSO AZIENDALE Obbligatorio in tutte le aziende dal 3 febbraio 2005 1 Sintesi degli obblighi del datore di lavoro Il datore di lavoro deve adeguare la documentazione del sistema

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 1248-1.12.2009 N. 63021 P.G. OGGETTO: Area Sicurezza, Polizia Locale, Decentramento e Demografici. Settore Partecipazione e Decentramento. Casa delle Associazioni.

Dettagli