ARTICOLO 1 (Denominazione)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ARTICOLO 1 (Denominazione)"

Transcript

1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE QUADRIENNALE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA: INTERVENTO PSICOLOGICO CLINICO E ANALISI DELLA DOMANDA (Approvato dal consiglio di amministrazione SPS s.r.l. Studio di Psicosociologia, in data 24 gennaio Approvato dal Comitato Scientifico-Didattico in data 01/03/2006) ARTICOLO 1 (Denominazione) Corso quadriennale di specializzazione in Psicoterapia Psicoanalitica: intervento psicologico clinico e analisi della domanda (di seguito denominato Corso ). ARTICOLO 2 (Finalità) Il presente regolamento definisce gli organi del Corso e le rispettive funzioni, i criteri di ammissione, i sistemi di valutazione intermedi e finali, nonché i criteri per l assegnazione dell attestato finale. ARTICOLO 3 (Organi del Corso) 1. Organi del Corso sono: - Il Comitato scientifico - Il Comitato scientifico-didattico - Il Direttore - Il Consiglio dei docenti e docenti ARTICOLO 4 (Il Comitato scientifico) Il Comitato scientifico presenta ogni anno al Ministero competente una relazione illustrativa dell attività scientifica e didattica svolta dall Istituto nell anno precedente e una relazione sul programma deciso dal Comitato scientifico-didattico per l anno successivo. Il programma viene trasmesso alla commissione ed approvato con richiesta di eventuali modifiche, dalla stessa. Il Comitato scientifico è composto dai seguenti esperti: prof. Renzo Carli, Ordinario di Psicologia Clinica all Università di Roma La Sapienza; prof.ssa Rosa Maria Paniccia Associato di Psicologia Clinica all Università di Roma La Sapienza; prof. Paolo Valerio ordinario di Psicologia Clinica all Università di Napoli Federico II. Il prof. Paolo Valerio non è docente del Corso. Il Comitato scientifico viene convocato due volte l anno da uno dei suoi membri, designato per un quadriennio all unanimità dal Comitato stesso, tramite convocazione con specifico ordine del giorno. 1

2 ARTICOLO 5 (Comitato scientifico-didattico) Il Comitato scientifico-didattico è composto dai cinque membri che hanno pensato e organizzato il Corso e che ne assumono la responsabilità di pianificazione scientifica, didattica, organizzativa e di verifica della pianificazione stessa. L individuazione degli insegnamenti viene fatta in accordo con il Consiglio dei docenti. Il Comitato scientifico-didattico è responsabile dell andamento delle attività del Corso e ne risponde al Comitato scientifico. All interno del Comitato scientifico-didattico è eletto per un quadriennio il Direttore del Corso. I cinque membri del Comitato scientifico-didattico sono: Renzo Carli, Paola Cavalieri, Anna Di Ninni, Rosa Maria Paniccia e Pietro Stampa. Il Direttore del Corso è stato eletto nella persona di Renzo Carli. Il Comitato scientifico-didattico è convocato dal Direttore del Corso. La convocazione è regolamentata da apposito ordine del giorno. ARTICOLO 6 (Il Direttore) Il Direttore ha la rappresentanza e la responsabilità giuridica del Corso. Il Direttore è eletto per un quadriennio all interno del Comitato scientifico-didattico. ARTICOLO 7 (Consiglio dei docenti e docenti) Il Consiglio dei docenti è composto da tutti i docenti del Corso e, nella sua dimensione estesa, da quattro allievi, eletti quali rappresentanti dei singoli anni di Corso. I docenti sono professori universitari e/o professionisti di area psicologica e psicoterapeutica, con comprovata esperienza didattica e lavorativa nel settore. Si tratta di colleghi interessati ad una costante rilettura dei modelli di intervento, alla luce di nuovi mandati istituzionali, nuove domande e nuove committenze per la psicologia clinica e la psicoterapia. I docenti possono provenire anche da aree non psicologiche, per un confronto tra ottiche d intervento. Compito del Consiglio è quello di confrontare l organizzazione didattica dei differenti anni del Corso, di raccogliere osservazioni, riscontri, verifiche sull efficacia della formazione, sui tirocini e sul raccordo tra formazione teorica, esperienze cliniche e monitoraggio - supervisione delle stesse. Il Consiglio dei docenti individua assieme al Comitato scientifico-didattico gli insegnamenti impartiti durante il Corso, con riferimento alle aree disciplinari di cui all articolo 8, comma 3, del decreto 11 dicembre 1998, n Ha inoltre il compito, nella sua dimensione ristretta, di valutare periodicamente i resoconti degli allievi e di formulare riscontri sull andamento della formazione per i singoli allievi, nonché di comunicare attraverso apposite Commissioni queste osservazioni e verifiche ai singoli allievi. Il Consiglio dei docenti predispone un apposito libretto di formazione, che consente all allievo e al consiglio stesso il controllo delle attività svolte per sostenere gli esami annuali e finali, ivi compresa l attività finalizzata, attraverso la promozione di una formazione personale, al conseguimento di adeguate competenze sulla conduzione della relazione interpersonale e specificatamente psicoterapeutica. Il Consiglio dei docenti del Corso stabilisce le modalità degli esami annuali e della prova finale per il conseguimento del titolo. 2

3 Il Consiglio dei docenti è convocato periodicamente dal Direttore del Corso, con apposito ordine del giorno. ARTICOLO 8 (Modalità di ammissione, di iscrizione, criteri di selezione, numero massimo di allievi) Sono ammessi al Corso esclusivamente allievi laureati in psicologia o in medicina e chirurgia o che abbiano conseguito i corrispondenti titoli ai sensi del nuovo ordinamento di cui al DM n. 509, del 1999 e successive modificazioni e integrazioni, iscritti nei rispettivi albi. I predetti laureati possono essere iscritti ai corsi purché conseguano l abilitazione all esercizio professionale entro la prima sessione utile successiva all effettivo inizio dei corsi e provvedano, nei trenta giorni successivi alla decorrenza dell abilitazione, a richiedere l iscrizione all albo. La selezione dei candidati verrà effettuata tramite colloqui di committenza. Per essere ammessi al Corso è necessario effettuare 3 colloqui di committenza. I colloqui sono volti ad accertare: - la congruenza tra gli obiettivi formativi specifici del Corso e le ipotesi di sviluppo professionale dei candidati; - la competenza dei candidati a capire la relazione tra la propria dinamica emozionale ed i contesti di riferimento, incluso quello del colloquio stesso. Ciascuno dei 3 colloqui di committenza è realizzato da un diverso componente del Comitato scientificodidattico. Gli esiti dei colloqui verranno confrontati e discussi in una apposita riunione del Comitato scientificodidattico, al fine di formulare un parere, che dovrà essere unanime, sull idoneità dei singoli candidati. I candidati che risultano idonei all ammissione, riceveranno notifica scritta e dovranno presentare domanda indirizzata al Direttore del Corso. La riunione del Comitato scientifico-didattico è indetta dalla direzione del Corso, e regolata da apposito ordine del giorno. Il numero massimo di allievi è stabilito in n. 20, per ogni annualità. ARTICOLO 9 (Criteri di valutazione intermedi) Monitoraggio: passaggio da un anno all altro del Corso Il passaggio da un anno all'altro del Corso di formazione prevede una valutazione integrata del processo formativo. Tale valutazione è realizzata a partire dall analisi: - dei periodici resoconti scritti, prodotti dai singoli allievi sia sull esperienza formativa che su quella di tirocinio; - degli incontri di monitoraggio di gruppo sui processi d apprendimento, tenuti da docenti appositamente incaricati di questo compito; 3

4 - dei colloqui di monitoraggio sul progetto formativo personale, che i singoli allievi avranno con i membri del Comitato scientifico-didattico per una verifica della formazione; - di un colloquio che i candidati sosterranno alla fine di ogni anno di Corso con una commissione di docenti che redigerà una relazione sul colloquio stesso. La valutazione è formulata nel corso di un incontro del Consiglio dei docenti con i membri del Comitato scientifico-didattico. Il Comitato scientifico-didattico a fine anno, sentito il parere del Consiglio dei docenti e valutati gli elementi raccolti come indicato nei punti precedenti, deciderà all unanimità, per ogni singolo allievo, l idoneità al proseguimento del Corso o la non idoneità. La valutazione di idoneità sarà integrata con l individuazione di linee di sviluppo, specifiche per i singoli allievi, convenendo con loro quali competenze approfondire. I risultati della valutazione saranno discussi con i singoli allievi e, successivamente, con il gruppo degli allievi dei diversi anni del Corso; questo confronto avrà cadenza trimestrale e una fase conclusiva a fine anno. La comunicazione e la discussione circa i criteri e gli esiti della valutazione sono componenti importanti del progetto formativo del Corso: consentono infatti agli allievi, ed al gruppo di formazione, un confronto sulle dinamiche emozionali che orientano l apprendimento e sul significato di esperienza clinica che l apprendimento stesso assume. L analisi dell apprendimento implica, nel progetto formativo del Corso, anche l analisi del contesto entro cui l apprendimento avviene; costituisce, quindi, un esempio significativo dell attenzione clinica alla relazione tra individuo e contesto. La valutazione formulata alla fine del primo anno del Corso comporta una verifica della formazione psicologica di base dell allievo; al contempo la verifica delle sue capacità di integrare le emozioni, evocate dall esperienza clinica del tirocinio e dell apprendimento, entro un pensiero utile al lavoro clinico stesso. La valutazione - in tale fase - avrà questi possibili esiti: - idoneità a proseguire e individuazione delle linee di sviluppo; - indicazione ad integrare il proprio percorso formativo con una psicoterapia ad orientamento psicoanalitico, attenta alla dinamica della relazione tra individuo e contesto; - non idoneità a proseguire il Corso. La valutazione alla fine del secondo anno è orientata alla verifica della capacità, da parte dei singoli allievi, di appropriarsi dei modelli psicologico clinici proposti nella formazione. In particolare verrà verificata la competenza a costruire la committenza, elaborare un progetto psicoterapeutico, organizzare un adeguato setting per l attività psicoterapeutica e ad utilizzare, a tale scopo, i fondamenti di teoria della tecnica dell analisi della domanda. Verrà anche verificata la competenza ad integrare il metodo psicologico clinico di lettura del contesto con il metodo storico, quello antropologico e quello sociologico. La valutazione alla fine del terzo anno ha come oggetto la verifica della competenza a trasferire i modelli appresi entro i differenti contesti di intervento. In particolare verrà verificata la competenza ad analizzare la dinamica collusiva ed a proporre interventi interpretativi della dinamica stessa; a verificare l andamento del processo psicoterapeutico ed a trasmettere al paziente la competenza stessa; a pianificare l intervento psicoterapeutico in base alle caratteristiche culturali e strutturali del contesto entro cui si interviene. A tale scopo si valuterà la competenza ad individuare le dinamiche neo-emozionali che caratterizzano la relazione tra l allievo ed i contesti di tirocinio, e la sua capacità ad orientare il suo intervento in base all interpretazione delle dinamiche sperimentate. La valutazione alla fine del quarto anno ha come oggetto la verifica a leggere la domanda di psicoterapia sia nella sua dimensione individuale che nelle caratteristiche di cultura della domanda, condivisa dai clienti attuali o potenziali della psicoterapia; a costruire l intero intervento psicoterapeutico ed a verificarne il processo e gli esiti. 4

5 In particolare verrà verificata la competenza ad analizzare la dinamica collusiva, ovvero la cultura locale, degli specifici contesti di intervento ed a costruire, in base ad essa, setting psicoterapeutici dedicati. Verrà valutata la competenza dell allievo a individuare risorse per la costruzione di tali setting e per la manutenzione del processo psicoterapeutico, nel caso siano implicate differenti agenzie (ad esempio: DSM, scuola, famiglia, Municipio). Verrà verificata, entro questi parametri, un esperienza di psicoterapia che il singolo allievo avrà sperimentato nel corso del tirocinio; verranno in particolare valutate le metodologie di impostazione del progetto psicoterapeutico e la sua conseguente verifica. La frequenza è obbligatoria. E consentito un massimo di ore di assenza pari al 15% delle ore totali. ARTICOLO 10 (Il tirocinio) Le attività di tirocinio sono regolamentate secondo le specifiche convenzioni stipulate tra le strutture e SPS s.r.l. Studio di Psicosociologia. I tirocini sono avviati dal primo anno di Corso, secondo la normativa vigente. Le attività di tirocinio prevedono un monte ore annuo, per allievo, che va da 100 a 200 ore. ARTICOLO 11 (Criteri di valutazione finali e attestato) Verifica finale La verifica finale si basa su una valutazione complessiva del percorso formativo dei singoli allievi e su un lavoro di tesi, che ciascun allievo presenterà al termine del Corso quadriennale, una volta ottenuta l idoneità alla fine del quarto anno. La tesi consiste nel resoconto scritto di un esperienza psicoterapeutica, realizzata e portata a termine all interno della propria formazione. La tesi sarà discussa dai singoli allievi con un apposita commissione, formata da 3 docenti del Corso; due di questi docenti saranno membri del Comitato scientifico-didattico. I criteri per la valutazione del resoconto riguarderanno le competenze a: - Situare l esperienza psicoterapeutica, ed in particolare la costruzione del setting, entro le dimensioni culturali e strutturali dell organizzazione entro la quale la psicoterapia è stata condotta. - Resocontare le differenti fasi della psicoterapia utilizzando modelli e categorie attendibili e coerenti con la formazione del Corso. - Descrivere le dimensioni del cambiamento manifestatesi nel corso dell esperienza psicoterapeutica, individuando quali fattori della relazione ne abbiano facilitato la realizzazione. - Analizzare le principali dinamiche della relazione tra terapeuta e paziente, con particolare riferimento alle difese, alle resistenze, al processo di transfert, ed a quello di transfert istituzionale. Particolare attenzione verrà posta alla dinamica delle neo-emozioni ed alla loro interpretazione. - Approfondire le linee di sviluppo perseguite e realizzate con l intervento psicoterapeutico, con un confronto tra sviluppo perseguito e processo di analisi della domanda. - Descrivere le iniziative intraprese per la verifica della psicoterapia, utilizzando i modelli e la metodologia appresa ed evidenziando risultati e difficoltà incontrate. - Esplorare la cultura organizzativa entro la quale si è realizzata l esperienza psicoterapeutica, evidenziando le metodologie applicate per la sua rilevazione e conoscenza, e mettendo in evidenza la relazione tra cultura organizzativa e processo psicoterapeutico. 5

6 La valutazione finale, formulata dai tre docenti della Commissione di tesi, verrà espressa in trentesimi ed il punteggio minimo per il conseguimento del diploma sarà di 18/30. Al termine degli studi, e successivamente alla valutazione finale espressa dalla Commissione di tesi, il Corso rilascerà l attestato finale di abilitazione all esercizio della psicoterapia, entro lo specifico indirizzo perseguito dal Corso stesso. L attestato finale riporterà la dicitura: Diploma di specializzazione in: Psicoterapia psicoanalitica - intervento psicologico clinico e analisi della domanda. 6

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R.

Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Presidio di riabilitazione funzionale ex art. 26 L. 833/78 Struttura Privata Accreditata e Convenzionata con il S.S.R. Regolamento Art. 1 - Finalità del Corso Il Corso di Specializzazione in Psicoterapia

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA

SCUOLA DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA SCUOLA DI FORMAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICOANALITICA REGOLAMENTO MODIFICATO AI SENSI DEL REGOLAMENTO MINISTERIALE (approvato dal Consiglio dei Docenti del 16/09/2012-mod.) Art. 1) Allo scopo di perseguire

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA Questo regolamento è il risultato di riflessioni e aggiornamenti avvenuti a partire dal 1989, anno in cui il Centro di Psicologia e Analisi Transazionale di Milano ha avviato la

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA Questo regolamento è il risultato di riflessioni e aggiornamenti avvenuti a partire dal 1989, anno in cui il Centro di Psicologia e Analisi Transazionale di Milano ha avviato la

Dettagli

Scuola di Psicoterapia dell Adolescenza e dell età Giovanile ad indirizzo Psicodinamico SPAD

Scuola di Psicoterapia dell Adolescenza e dell età Giovanile ad indirizzo Psicodinamico SPAD Scuola di Psicoterapia dell Adolescenza e dell età Giovanile ad indirizzo Psicodinamico SPAD REGOLAMENTO Articolo 1: Finalità Articolo 2: Organi della Scuola Articolo 3: Comitato Scientifico Articolo 4:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICODINAMICA AD ORIENTAMENTO SOCIO-COSTRUTTIVISTA (PPSISCO)

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICODINAMICA AD ORIENTAMENTO SOCIO-COSTRUTTIVISTA (PPSISCO) REGOLAMENTO DELLA SCUOLA QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA PSICODINAMICA AD ORIENTAMENTO SOCIO-COSTRUTTIVISTA (PPSISCO) Articolo 1 (Finalità) Il presente regolamento definisce gli organi

Dettagli

SECONDO ANNO PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO. Tot: 120 ore. Tipo di attività e Denominazione della disciplina

SECONDO ANNO PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO. Tot: 120 ore. Tipo di attività e Denominazione della disciplina PROGRAMMA DEL CORSO PRIMO ANNO Tot: 500 ore Tipo di attività e Denominazione della disciplina PARTE GENERALE Tot: 150 ore Psicologia Generale I Psicologia dello Sviluppo Metodologia Sperimentale in Psicologia

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DEL CIPA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DEL CIPA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE DEL CIPA La Scuola di Specializzazione è diretta alla formazione di psicoterapeuti di indirizzo junghiano mediante l organizzazione di corsi post-universitari

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

A. R. I. R. I. ASSOCIAZIONE RICERCHE/INTERVENTI SUI RAPPORTI INTERPERSONALI

A. R. I. R. I. ASSOCIAZIONE RICERCHE/INTERVENTI SUI RAPPORTI INTERPERSONALI A. R. I. R. I. ASSOCIAZIONE RICERCHE/INTERVENTI SUI RAPPORTI INTERPERSONALI scuola di formazione in psicoterapia psicoanalitica codice MIUR 64 riconoscimento con D.M. n.214 del 16 novembre 2000 1. Il modello

Dettagli

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono.

Obiettivi formativi specifici e funzioni anche in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono. Modelli e Metodi del Tutorato nei tirocini delle professioni sanitarie e sociali Livello I Crediti Formativi Universitari 60 Direttore Prof. Michele Tansella Comitato scientifico Prof. Michele Tansella

Dettagli

Regolamento Interno della Scuola di Psicoterapia Integrata e Musicoterapia (S.P.I.M.) di Roma In vigore dal 1.01.2008

Regolamento Interno della Scuola di Psicoterapia Integrata e Musicoterapia (S.P.I.M.) di Roma In vigore dal 1.01.2008 Regolamento Interno della Scuola di Psicoterapia Integrata e Musicoterapia (S.P.I.M.) di Roma In vigore dal 1.01.2008 INDICE 1. Modalità e criteri di ammissione ai corsi 1.1 Domanda e documentazione 1.2

Dettagli

Art.4 La Sede della SEPI è in Milano, via Paisiello 12, e quella della Segreteria è presso la Segreteria della AMISI.

Art.4 La Sede della SEPI è in Milano, via Paisiello 12, e quella della Segreteria è presso la Segreteria della AMISI. Art.1 La Scuola Europea di Psicoterapia Ipnotica (S.E.P.I.) - già Scuola Italiana di Ipnosi Clinica e Sperimentale e Psicoterapia Ipnotica AMISI - è l organo didattico e di formazione psicoterapica della

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Unità Operativa di Psicologia Clinica dell Ospedale Generalizio S. Giovanni Calibita Fatebenefratelli con sede in Roma, via Ponte Quattro Capi 2

Unità Operativa di Psicologia Clinica dell Ospedale Generalizio S. Giovanni Calibita Fatebenefratelli con sede in Roma, via Ponte Quattro Capi 2 Fondazione Internazionale Fatebenefratelli, in seguito denominata FIF, con sede in Roma, via della Luce, n. 15 Partita IVA 01555541000 cod. fisc. 06466230585 Ente di Formazione dell Ordine Ospedaliero

Dettagli

Informazioni sulla Scuola Quadriennale di Formazione in Psicoterapia Integrata della SIPI (Società Italiana di Psicoterapia Integrata)

Informazioni sulla Scuola Quadriennale di Formazione in Psicoterapia Integrata della SIPI (Società Italiana di Psicoterapia Integrata) Informazioni sulla Scuola Quadriennale di Formazione in Psicoterapia Integrata della SIPI (Società Italiana di Psicoterapia Integrata) Nome della scuola come approvata dal Ministero dell Istruzione, dell

Dettagli

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17

FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 FACOLTA DI SCIENZE MANAGERIALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA TELEMATICO IN ECONOMIA E MANAGEMENT DEI SERVIZI SANITARI CLASSE 17 1. DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATI VI All interno dell Ateneo

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MANAGEMENT INFERMIERISTICO PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO ANNO ACCADEMICO 2009/2010 PIANO DIDATTICO Istituzione del Master Presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI 1 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE DELLE RELAZIONI INTERPERSONALI E DELLE ORGANIZZAZIONI SOCIALI TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione

Dettagli

Master in Psicodiagnosi e Psicoterapia Costruire i linguaggi per creare ponti con il paziente psicotico: dalla riabilitazione alla psicoterapia

Master in Psicodiagnosi e Psicoterapia Costruire i linguaggi per creare ponti con il paziente psicotico: dalla riabilitazione alla psicoterapia Master in Psicodiagnosi e Psicoterapia Costruire i linguaggi per creare ponti con il paziente psicotico: dalla riabilitazione alla psicoterapia 1 - OBIETTIVI E FUNZIONI DEL CORSO Il Master biennale di

Dettagli

Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale

Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale Condizioni generali del contratto (allegato 2) Art. 1 - Domanda Possono iscriversi alla Scuola di Formazione in Psicoterapia Transpersonale (di seguito

Dettagli

SCUOLA DI PSICOTERAPIA PSICOSINTETICA (riconosciuta con D.M. del 29.9.1994) REGOLAMENTO DIDATTICO Revisione 21.12.2012

SCUOLA DI PSICOTERAPIA PSICOSINTETICA (riconosciuta con D.M. del 29.9.1994) REGOLAMENTO DIDATTICO Revisione 21.12.2012 SCUOLA DI PSICOTERAPIA PSICOSINTETICA (riconosciuta con D.M. del 29.9.1994) REGOLAMENTO DIDATTICO Revisione 21.12.2012 Art. 1 PREMESSA 1. II presente Regolamento Didattico è adottato in conformità a quanto

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA - S.I.P.P. (approvato dall Assemblea dei Soci il 26.11.2011)

REGOLAMENTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA - S.I.P.P. (approvato dall Assemblea dei Soci il 26.11.2011) REGOLAMENTO DELLA SOCIETÀ ITALIANA DI PSICOTERAPIA PSICOANALITICA - S.I.P.P. (approvato dall Assemblea dei Soci il 26.11.2011) Art. 1 Attività della SIPP 1. Per conseguire le finalità istituzionali la

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN RELAZIONI INTERNAZIONALI LM 52 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in Relazioni internazionali

Dettagli

I.1 DIVISIONE PROCESSI FORMATIVI SCUOLE Specifiche Direzione Scuole e Formazione professionale

I.1 DIVISIONE PROCESSI FORMATIVI SCUOLE Specifiche Direzione Scuole e Formazione professionale I.1 DIVISIONE PROCESSI FORMATIVI SCUOLE Specifiche Direzione Scuole e Formazione professionale Le scuole che intendono richiedere l accreditamento alla S.I.Co. debbono avere i requisiti strutturali e organizzativi

Dettagli

Regolamento dell Istituto di Psicologia

Regolamento dell Istituto di Psicologia Regolamento dell Istituto di Psicologia Approvato dal Consiglio Direttivo il 24 Novembre 2011 e rivisto il 5 Marzo 2013 TITOLO I GOVERNO DELL ISTITUTO Art. 1 Preside L Istituto è retto da un Preside, nominato

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Scuola di specializzazione per le professioni legali. Regolamento FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Scuola di specializzazione per le professioni legali Regolamento Art. 1 Istituzione e finalità della Scuola 1. E istituita presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN COMUNICAZIONE IN AMBITO SANITARIO IN COLLABORAZIONE CON L ISTITUTO NAZIONALE TUMORI-FONDAZIONE PASCALE IRCCS 2 a Edizione Anno Accademico 2012/2013 REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F.

REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F. REGOLAMENTO DEL MASTER UNIVERSITARIO BIENNALE DI SECONDO LIVELLO IN CRIMINOLOGIA FORENSE MA.CRI.F. Art. 1 - Istituzione del Master in Criminologia Forense MA.CRI.F. E istituito presso l Università Carlo

Dettagli

II BIENNIO Corso per il conseguimento della qualifica di Esperto in Clinica Familiare, Psicoterapeuta Familiare

II BIENNIO Corso per il conseguimento della qualifica di Esperto in Clinica Familiare, Psicoterapeuta Familiare Corso Quadriennale di Specializzazione in Psicologia e Psicoterapia Relazionale e Familiare I BIENNIO Corso per il conseguimento della qualifica di Consulente Relazionale Acquisire strumenti operativi,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 108/2015 ADOTTATA IN DATA 29/01/2015 IL DIRETTORE GENERALE

DELIBERAZIONE N. 108/2015 ADOTTATA IN DATA 29/01/2015 IL DIRETTORE GENERALE DELIBERAZIONE N. 108/2015 ADOTTATA IN DATA 29/01/2015 OGGETTO: Convenzione con l Università degli studi di Roma La Sapienza per lo svolgimento di tirocini formativi da parte degli psicologi iscritti alla

Dettagli

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI

ART. 1 RIFERIMENTI NORMATIVI Regolamento di Tirocinio per i laureati nel Corso di Laurea in Scienze e Tecniche Psicologiche (classe L24) e del Corso di Laurea Specialistica (58/S) e Magistrale in Psicologia (classe LM51), anche ai

Dettagli

TITOLO IV - BORSE E CONTRIBUTI PER L ACCESSO Articolo 15 (Determinazione delle borse e dei contributi)

TITOLO IV - BORSE E CONTRIBUTI PER L ACCESSO Articolo 15 (Determinazione delle borse e dei contributi) REGOLAMENTO INTERNO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO DELL UNIVERSITA IUAV DI VENEZIA E IN MATERIA DI DOTTORATO DI RICERCA (emanato con decreto rettorale 21 giugno 2012 n. 349) INDICE TITOLO I - ORGANIZZAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI ART. 1 Finalità della Scuola 1. E' istituita, presso il Dipartimento di

Dettagli

ASSOCIAZIONE CULTURALE IBTG SCUOLA GESTALT DI TORINO REGOLAMENTO DEI CORSI QUADRIENNALI DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA GESTALT

ASSOCIAZIONE CULTURALE IBTG SCUOLA GESTALT DI TORINO REGOLAMENTO DEI CORSI QUADRIENNALI DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA GESTALT ASSOCIAZIONE CULTURALE IBTG SCUOLA GESTALT DI TORINO REGOLAMENTO DEI CORSI QUADRIENNALI DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA GESTALT CAPITOLO I: DESCRIZIONE, FINALITÀ, CRITERI DI AMMISSIONE Art. 1 Istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY: ESPERTO IN INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI A.A.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY: ESPERTO IN INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI A.A. REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN PET THERAPY: ESPERTO IN INTERVENTI ASSISTITI CON GLI ANIMALI A.A. 2015/2016 Art. 1 - FINALITA - Presso l'ateneo di Trieste, in conformità

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN PSICOLOGIA CLINICA E DINAMICA PER LE PROFESSIONI SOCIOSANITARIE Art. 1 - FINALITA - Presso l'ateneo di Trieste,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI - FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Filosofiche e della Comunicazione (classe LM-78) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea

Dettagli

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2

ART. 1. Il numero massimo degli iscrivibili per ciascuna scuola è determinato dalla normativa specifica. ART. 2 DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Sono ammessi alle scuole dirette a fini speciali i diplomati degli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado in conformità con le disposizioni vigenti per l ammissione

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE SCUOLA DI FORMAZIONE IN TERAPIA FAMILIARE AD INDIRIZZO SISTEMICO RELAZIONALE Sede formativa del Centro Studi di Terapia Familiare e Relazionale CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA FAMILIARE E RELAZIONALE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO in Scienze e Tecniche Psicologiche dei Processi Mentali CLASSE L 24, ai SENSI DEL D.M. 270/2004 A.A. 2014-2015 TITOLO I - SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea in Consulente del

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia "A. Gemelli"

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia "A. Gemelli" MASTER UNIVERSITARIO DI SECONDO LIVELLO DI SUPERVISIONE E PERFEZIONAMENTO PER PSICOTERAPEUTI "L'EVOLUZIONE DELLA RELAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

ORIENTAMENTO ALLA PROFESSIONE PSICOLOGO Catania 27 Maggio 2010 L ATTIVITA PROFESSIONALE DELLO PSICOLOGO:

ORIENTAMENTO ALLA PROFESSIONE PSICOLOGO Catania 27 Maggio 2010 L ATTIVITA PROFESSIONALE DELLO PSICOLOGO: ORIENTAMENTO ALLA PROFESSIONE PSICOLOGO Catania 27 Maggio 2010 L ATTIVITA PROFESSIONALE DELLO PSICOLOGO: Figure professionali Codice deontologico Pubblicità (Informazione) sanitaria tariffario P.E.C. Dr.

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

AVVISO SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N

AVVISO SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N AVVISO SELEZIONE PER TITOLI ED ESAMI PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N. 1 FORMATORE - TUTOR - PRESSO LA SEDE DEL CENTRO DI FORMAZIONE PROFESSIONALE (CFP) In esecuzione

Dettagli

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011

MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 MASTER IN MANAGEMENT PER FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SANITARIE - POLO DI BOLZANO A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 Direttore del corso Cognome Nome Qualifica SSD Poli Albino Prof. Ordinario

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011

Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28. Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Laurea Magistrale in Ingegneria Elettrica Università di Cagliari Classe LM-28 Regolamento Didattico A. A. 2010-2011 Art. 1 - Denominazione del Corso di Laurea Presso la Facoltà di Ingegneria dell'università

Dettagli

IL COUNSELING PER LE PROFESSIONI SANITARIE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web

IL COUNSELING PER LE PROFESSIONI SANITARIE. Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web IL COUNSELING PER LE PROFESSIONI SANITARIE Corso ECM Formazione a Distanza su piattaforma multimediale interattiva web Obiettivo formativo: aspetti relazionali (comunicazione interna, esterna, con paziente)

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Istituto di Psicoterapia Integrata (IPI) Accordo formativo Anno 2015

Istituto di Psicoterapia Integrata (IPI) Accordo formativo Anno 2015 (IPI) CORSO QUADRIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA Accordo formativo Anno 2015 Il testo di questo accordo formativo segue le linee della Carta dei diritti indicate dal Coordinamento Nazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN CONSULENZA PEDAGOGICA E RICERCA EDUCATIVA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI Art. 1 Denominazione - Classe di appartenenza Titolo 1.

Dettagli

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172

In convenzione con DELLA TOSCANA $ $ 5 ( *2 / $ 0(172 81,9(56,7 '(*/,678',',6,(1$ ',3$57,0(172',',5,772'(// (&2120,$ )$&2/7 ',(&2120,$³5,&+$5'0*22':,1 In convenzione con UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PISA DIPARTIMENTO DI DIRITTO PUBBLICO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE

REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE Allegato al D.R. n 735 del 2 maggio 2006 REGOLAMENTO DELLE MODALITA DI SVOLGIMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA LAUREA E DELLA LAUREA MAGISTRALE 1 CONSIDERAZIONI GENERALI L esame finale

Dettagli

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie

Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore per professioni sanitarie Testo aggiornato al 13 novembre 2012 Decreto ministeriale 4 aprile 2012 Gazzetta Ufficiale 16 aprile 2012, n. 89 Istituzione del Master universitario di I livello in Cure palliative e terapia del dolore

Dettagli

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie

Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Chimica, Biologia e Biotecnologie REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO CLASSE DI ABILITAZIONE Classe A060 - Scienze Naturali,

Dettagli

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA INTERAZIONISTA

SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA INTERAZIONISTA SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE IN PSICOTERAPIA INTERAZIONISTA di specializzazione in Psicoterapia Interattivo-Cognitiva Via Longhin 83 35100 Padova tel/fax 049 7808204 - cell. 349 3457626 info@ist-psicoterapia.it

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 825 del 11-11-2014 O G G E T T O

REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE. n. 825 del 11-11-2014 O G G E T T O REGIONE DEL VENETO AZIENDA UNITA LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA DELIBERAZIONE n. 825 del 11-11-2014 O G G E T T O Rinnovo convenzione con la Scuola di Psicoterapia Cognitiva s.r.l. di Roma per lo

Dettagli

IL RETTORE D E C R E T A

IL RETTORE D E C R E T A Decreto Rettorale n. 1780 IL RETTORE Vista Atteso lo Statuto dell Aldo Moro; l art. 74 del regolamento d Ateneo per l Amministrazione, la Finanza e la Contabilità; la Convenzione stipulata tra l Aldo Moro

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA SEDE DI GENOVA * PARTE GENERALE Capo I - Disposizioni preliminari 1. Ambito di competenza. 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016

Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria. Manifesto degli Studi. Anno Accademico 2015-2016 Corso di Laurea Magistrale, a ciclo unico, in Scienze della Formazione Primaria Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015-201 Denominazione del Corso di Studio Scienze della Formazione Primaria Denominazione

Dettagli

FORMATORI DI TUTOR CLINICI

FORMATORI DI TUTOR CLINICI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Scienze Chirurgiche Master Universitario di 1 Livello FORMATORI DI TUTOR CLINICI Direttore: Prof. Leopoldo Sarli Coordinatori Scientifici: : Dott.ssa Diletta

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51

REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 REGOLAMENTO DEL CORSO DI STUDI MAGISTRALE IN PSICOLOGIA DELLE ORGANIZZAZIONI E DEI SERVIZI LM 51 TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1. Il Corso di Studi Magistrale in

Dettagli

Direttore e Responsabile Scientifico Prof. Luigi Guerra

Direttore e Responsabile Scientifico Prof. Luigi Guerra CORSO ANNUALE DI FORMAZIONE CON VALORE ABILITANTE PER L ACCESSO ALL INSEGNAMENTO NELLA SCUOLA MEDIA INFERIORE E SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE E ALL INSEGNAMENTO DELLA LINGUA INGLESE ED EDUCAZIONE FISICA

Dettagli

ALLEGATO 1 - I PARTE

ALLEGATO 1 - I PARTE ALLEGATO 1 - I PARTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Art. 1 - FINALITA -

Dettagli

SI CONVIENE QUANTO SEGUE

SI CONVIENE QUANTO SEGUE Convenzione tra Ordine degli Psicologi della Regione Sicilia e Università degli Studi di Catania per l'attuazione delle attività di tirocinio previste per laureati delle classi L24 e LM51 (ex XXXIV e 58/S)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà MARKETING E COMUNICAZIONE 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente regolamento

Dettagli

Consiglio Degli Studi di Architettura del 19/04/2011

Consiglio Degli Studi di Architettura del 19/04/2011 Linee guida relative a apprendistato/tirocinio nell'ambito della Laurea in Scienze dell'architettura o della Laurea Magistrale in Architettura (DM 270/2004) Consiglio Degli Studi di Architettura del 19/04/2011

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SERVIZIO SOCIALE CLASSE DELLE LAUREE IN SERVIZIO SOCIALE L-39 Ai sensi del D.M. 270/2004 (Social Service) A.A. 2014/2015 TITOLO

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO

AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN AFFIDO ETEROFAMILIARE SUPPORTATO FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA S. LUIGI GONZAGA IN COLLABORAZIONE CON ASL TO 3 ISTITUZIONE E istituito presso la, il Master di I livello

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA QUADRIENNALE (pre D.M. 09/1999) SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA PRIMARY TEACHER EDUCATION Corso di laurea in esaurimento a. a. 013-014 Presidente del corso

Dettagli

CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITA DELL OFFERTA FORMATIVA A) Livello strategico La SMIAB è una Scuola di Formazione in Psicoterapia riconosciuta dal Ministero dell Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica con

Dettagli

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO

IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO BANDO 1/2012 AFFISSO IL 18.10.2012 BANDO DI SELEZIONE PER L ASSEGNAZIONE DI 1 (UNA) BORSA DI STUDIO AVENTE AD OGGETTO ATTIVITA DI RICERCA DA SVOLGERSI PRESSO IL DIPARTIMENTO DI SCIENZE MEDICO CHIRURGICHE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

ASSESSORATO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITÀ

ASSESSORATO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITÀ ASSESSORATO FORMAZIONE, RICERCA, SCUOLA, UNIVERSITÀ DIREZIONE REGIONALE FORMAZIONE, RICERCA E INNOVAZIONE, SCUOLA E UNIVERSITA', DIRITTO ALLO STUDIO ALLEGATO 1) INDICAZIONI IN MATERIA DI ESAMI DI QUALIFICA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza REGOLAMENTO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE GIURIDICHE E SISTEMI AMMINISTRATIVI Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTÀ DI ECONOMIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA INTERATENEO IN SCIENZE DELLA SICUREZZA ECONOMICO FINANZIARIA TITOLO PRIMO DISPOSIZIONI GENERALI E COMUNI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A. REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.TONELLI DI MODENA 1 PARTE PRIMA Premessa Art. 1. Generalità Art. 2. Definizioni

Dettagli

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS

UNIVERSITY OF SIENA FACULTY OF POLITICAL SCIENCES ADVANCED PROGRAMME IN INTERNATIONAL STUDIES ACADEMIC REGULATIONS UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI (Classe LM-52 Relazioni Internazionali) UNIVERSITY OF SIENA FACULTY

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO

Master di I livello in. Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione STATUTO PROPOSTA DI ATTIVAZIONE Master di I livello in Disturbi del linguaggio e della comunicazione da lesioni cerebrali: assesment e riabiltazione Art. 1 Attivazione del Master STATUTO L Università degli Studi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIREZIONE AMMINISTRATIVA Servizio Segreterie Studenti Avviso di selezione per l assegnazione di contratti per attività di tutorato (tutor junior) presso le Facoltà dell

Dettagli

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario

Corso di Counseling Motivazionale in ambito sanitario Secondo dati dell Organizzazione Mondiale della Sanità con 9 milioni di decessi ogni anno, le malattie croniche sono la principale causa di morte tra la popolazione sotto i 60 anni di età e, più in generale,

Dettagli

Articolo 1 Definizioni e finalità

Articolo 1 Definizioni e finalità Facoltà di Lettere e Filosofia Facoltà di Giurisprudenza Facoltà di Scienze Motorie Regolamento didattico Corso di laurea interfacoltà in SERVIZIO SOCIALE Classe L39 Articolo 1 Definizioni e finalità 1.

Dettagli

Verbale di deliberazione N. 32

Verbale di deliberazione N. 32 AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA OPERA ROMANI COMUNE DI NOMI PROVINCIA DI TRENTO Verbale di deliberazione N. 32 OGGETTO: Convenzione con la Scuola di specializzazione in Psicoterapia cognitiva

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO CLINICO

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO CLINICO REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA DI TIROCINIO CLINICO A.A. 2012/2013 Versione III 20/03/2013 - Nuovo Ordinamento 1 PREMESSA Il regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Scienze Riabilitative delle

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN PET THERAPY: APPLICAZIONI ALLE SCIENZE MEDICHE E PSICO-SOCIALI Art. 1 - FINALITA - Presso l'ateneo di Trieste, in

Dettagli

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali

Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DI N. 50 PARTECIPANTI AL CORSO DI FORMAZIONE IN TEMA DI VALUTAZIONE E ANALISI DELLE PERFORMANCE DELLE AZIENDE SANITARIE, ISTITUITO DALL AGENZIA NAZIONALE PER I SERVIZI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA

REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA REGOLAMENTO DEL MASTER IN ECONOMIA E BANCA ART. 1 Denominazione e obiettivi formativi Il Master in Economia e Banca nasce (MEBS) dal rapporto di collaborazione tra 1'Università degli Studi di Siena e la

Dettagli