Le misure anti-crisi a favore di imprese / lavoro autonomo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le misure anti-crisi a favore di imprese / lavoro autonomo"

Transcript

1 Le misure anti-crisi a favore di imprese / lavoro autonomo Rassegna a cura della Provincia di Segreteria Tecnica del Gruppo Coordinamento Misure Contro la Crisi, Responsabile politico Assessore al Lavoro Tutte le misure adottate da Governo Italiano, Regione Toscana, Provincia di, Comuni ed Enti privati per rispondere efficacemente e concretamente alla crisi si può ottenere richiederlo rivolgersi Ultimo aggiornamento 20 ottobre

2 Le misure anti-crisi a favore di imprese / lavoro autonomo Rassegna a cura della Provincia di Segreteria Tecnica del Gruppo Coordinamento Misure Contro la Crisi, Responsabile politico Assessore al Lavoro Il Governo Italiano con il D.L. n. 78 del 26/06/2009 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 150 del 01/07/2009, ha varato le nuove norme e misure anticrisi. Il testo del D.L. è consultabile al seguente link: Per una sintesi degli interventi previsti dalla manovra anticrisi del governo si rimanda al seguente link del Sole 24 Ore: L aggiornamento della presente materiale informativo con le misure anticrisi previste dal D.L. 78/09 seguirà la loro attivazione. 2

3 Interventi Nazionali a favore di imprese/lavoro autonomo ATTIVI Interventi Nazionali attivi a favore di imprese/lavoro autonomo p. 2 - Indennizzo per aziende commerciali in crisi Interventi Regionali attivi a favore di imprese/lavoro autonomo p. 3 - Finanziamenti alle PMI Plafond di 50 milioni di euro p. 4 - Interventi a Garanzia per gli Investimenti p. 5 - Interventi a Garanzia per la Liquidità p. 6 - Sospensione rate del mutuo e canoni leasing p. 7 - Fondo di Rotazione per la prestazione di garanzie per giovani professionisti p. 8 - Prestiti a favore di lavoratori/trici atipici/che p. 9 - Cassa Integrazione Guadagni in Deroga p Fondi per incentivare i contratti di solidarietà p Aiuti a favore di PMI per l assunzione a tempo indeterminato di giovani laureati/e p Aiuti a favore di PMI per l assunzione a tempo indeterminato di donne disoccupate/inoccupate over 35 anni p Aiuti per le PMI per la stabilizzazione di lavoratori/trici a tempo determinato Garanzie per l accesso al credito delle PMI Microcredito a portata di impresa - progetto SMOAT Interventi Provinciali attivi a favore di imprese/lavoro autonomo p Bando Multiobiettivo per la Attività Autorizzata Formazione Professionale p Fondo straordinario di contrasto alla crisi nel settore artigiano p Fondo per aziende vivaistiche p Fondo CCIAA Interventi Provinciali a favore di imprese/lavoro autonomo - in corso di attivazione p PIC Progetti integrati di comparto Interventi per politiche attive rivolte alla formazione p Servizi di politica attiva del lavoro ed informazioni sulle misure anti crisi presso i Centri per l Impiego p Sportelli informativi su problematiche legate al pagamento delle rate del mutuo p Sportelli di informazioni/orientamento sulle misure anti-crisi 2

4 Interventi Nazionali a favore di imprese/lavoro autonomo ATTIVI Indennizzo per aziende commerciali in crisi (Legge n. 2 del 28 gennaio 2009, articolo 19 ter; Circolare INPS n.50 del 3 aprile 2009) Titolari e collaboratori di piccole imprese commerciali di vendita al dettaglio, bar, ristoranti, nonché agenti e rappresentanti, che abbiano versato i contributi all INPS per almeno 5 anni, che restituiscano la licenza/autorizzazione e cessino l attività commerciale, cancellandosi dal Registro degli Esercenti il Commercio (REC) e dal Registro delle Imprese della CCIAA. Il contributo spetta: 1. ai commercianti che abbiano più di 62 anni di età 2. alle commercianti che abbiano più di 57 anni di età L indennizzo consiste in un assegno mensile, il cui scopo è quello di accompagnare la persona che ha cessato definitivamente l attività commerciale alla pensione di vecchiaia, pari al trattamento minimo di pensione (458,20 euro nel 2009). Tale contributo viene erogato nel modo seguente: dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda sino a tutto il mese in cui il beneficiario compie 65 anni dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda sino a tutto il mese in cui la beneficiaria compie 60 anni L assegno viene comunque erogato anche nel periodo che intercorre tra il mese di compimento dell età pensionabile e l apertura della cosiddetta finestra. Presentazione della domanda all INPS unitamente alla documentazione provante il rispetto dei requisiti e delle condizioni di cui alla normativa. Le domande devono essere presentate entro il 31 gennaio di ogni anno, per il periodo dal 1 gennaio 2009 al 31 dicembre INPS (www.inps.it) - Numero verde: : Viale Adua, Centralino: Montecatini Terme: Via Ugo Foscolo 4 Centralino:

5 Interventi Regionali a favore di Finanziamenti alle PMI Plafond di 50 milioni di euro Assindustria, Cassa di Risparmio di e Pescia, Confidi Imprese Toscane insieme per aiutare le imprese Piccole e medie imprese aderenti al Confidi Imprese Toscane Consorzio Fidi che fa capo alle Associazioni Industriali della Toscana. Liquidità, consolidamento passività, scorte. Importo massimo Euro Durata massima 120 mesi Investimenti. Importo massimo Euro Durata massima 84 mesi Mutui ipotecari. Importo massimo Euro Durata massima 120 mesi Tasso variabile con spread diversificato in base al merito creditizio. Garanzia consortile. Per informazioni: Filiali della Cassa di Risparmio di e Pescia Assindustria Confidi Imprese Toscane Scadenza Nome: ASSINDUSTRIA PISTOIA Indirizzo: Piazza Garibaldi, 5 - PISTOIA Alessandro Vettori

6 Interventi Regionali a favore di Interventi a Garanzia per gli Investimenti POR CREO TOSCANA Linea di Intervento 1.4.b.1 (DD n. 265 del 2009) Piccole e medie imprese iscritte alla CCIAA e che effettuino investimenti in Toscana. Tali imprese devono essere valutate economicamente e finanziariamente sane da Fidi Toscana e dalla Banca. Le piccole e medie imprese devono rispettare la normativa vigente in materia ambientale, di pari opportunità donna uomo, di contrattazione collettiva nazionale del lavoro e di sicurezza nei luoghi di lavoro. I settori ammissibili sono: industria, commercio, artigianato, turismo e servizi, salvo alcune eccezioni previste dalla normativa comunitaria. Per le nuove imprese l attività non deve essere iniziata da oltre 18 mesi. Per le imprese di vecchia costituzione (ad eccezione per le operazioni di microcredito) devono essere rispettati i seguenti parametri: - patrimonio netto/totale attivo non inferiore al 5% in base ultimo bilancio - oneri finanziari/fatturato non superiore al 5% in base ultimo bilancio - classi di rating di Fidi Toscana non inferiore a B Garanzia, a costo zero, rilasciata da Fidi Toscana a fronte di finanziamenti a tassi agevolati, incluso operazioni di locazione finanziaria e prestiti partecipativi, per la realizzazione di progetti di investimento: - acquisto di terreni (max 10% spesa totale) - acquisto e realizzazione fabbricati, impianti, macchinari ed attrezzature - acquisto brevetti, licenze, know how o conoscenze tecniche non brevettate. - servizi di consulenza e partecipazione a fiere - ricerca, sviluppo e innovazione (comprese le spese per il personale) La garanzia ha un importo max pari all 80% e comunque non superiore a 500 mila euro. Presentazione della richiesta di garanzia in contemporanea a Fidi Toscana e al soggetto finanziatore. La richiesta può essere presentata entro il 31 ottobre del 2013 Documentazione richiesta: - modulo di domanda scaricabile dal sito - copia degli ultimi due bilanci o delle dichiarazioni dei redditi. Per le nuove imprese presentazione dei dati previsionali di carattere economico e finanziario - situazione contabile aggiornata, incluso stato patrimoniale e conto economico - descrizione dettagliata del progetto comprensiva dei preventivi di spesa - copia documento di identità della persona firmataria Fidi Toscana: Referente per la provincia Per la di versione : più Paola aggiornata Lamandini questo volantino visita: Tel ; Cell

7 Interventi Regionali a favore di Interventi a Garanzia per la Liquidità POR CREO TOSCANA (DD n. 266 del 2009) Piccole e medie imprese iscritte alla CCIAA e che abbiano la sede legale in Toscana. Tali imprese devono aver iniziato la loro attività da non meno di 18 mesi e devono essere valutate economicamente e finanziariamente sane da Fidi Toscana e dalla Banca. Le piccole e medie imprese devono rispettare la normativa vigente in materia ambientale, di pari opportunità donna uomo, di contrattazione collettiva nazionale del lavoro e di sicurezza nei luoghi di lavoro I settori ammissibili sono: industria, commercio, artigianato, turismo e servizi, salvo alcune eccezioni previste dalla normativa comunitaria. Le imprese devono rispettare i seguenti parametri: - patrimonio netto/totale attivo non inferiore al 5% in base ultimo bilancio - oneri finanziari/fatturato non superiore al 5% in base ultimo bilancio - classi di rating di Fidi Toscana non inferiore a B Garanzia, a costo zero, rilasciata da Fidi Toscana a fronte di finanziamenti a tassi agevolati, incluso prestiti partecipativi, finalizzati a: - ristrutturazione finanziaria di debiti - rifinanziamento volto ad estinguere debiti a medio e lungo termine - acquisto di scorte, per un importo non superiore al 20% del fatturato - reintegro di liquidità a fronte di investimenti effettuati nell ultimo triennio La garanzia ha un importo max pari all 60% e comunque non superiore a 500 mila euro. La garanzia può essere elevata ad un importo max dell 80% per: - prestiti partecipativi - Piccole e medie imprese femminili - Piccole e medie imprese giovanili (età inferiore a 35 anni) Presentazione della richiesta di garanzia a Fidi Toscana La richiesta può essere presentata entro il 31 ottobre del 2018 Documentazione richiesta: - modulo di domanda scaricabile dal sito - copia degli ultimi due bilanci o delle dichiarazioni dei redditi. - situazione contabile aggiornata, incluso stato patrimoniale e conto economico - copia documento di identità della persona firmataria Fidi Toscana: Referente per la Per provincia la versione di più : aggiornata di questo volantino visita: Paola Lamandini Tel ; Cell

8 Interventi Regionali a favore di Sospensione Rate del Mutuo e Canoni Leasing Accordo Regione - Banche del 17 giugno 2009 Piccole e medie imprese che abbiano la sede legale in Toscana che: - hanno attivo un mutuo ipotecario o chirografaro (senza garanzie reali) e che risultino in regola con i pagamenti - hanno in bilancio operazioni di leasing strumentale o immobiliare e risultino in regola con i pagamenti. In alternativa le società di leasing, sulla base di autonome valutazioni, si impegnano a rimodulare il contratto Spostamento delle rate in conto capitale del mutuo o del canone di leasing per un anno con la sola maturazione degli interessi sul debito residuo. A vantaggio delle imprese più piccole e finanziariamente sane Fidi Toscana può concedere garanzie sussidiarie a seguito di apposita istruttoria. Presentazione della richiesta alle banche o alle società di leasing aderenti all accordo o a Fidi Toscana. Le banche che hanno firmato l accordo con la Regione Toscana sono: Cassa di Risparmio di e di Pescia; Monte dei Paschi di Siena; Cassa di Risparmio di Firenze; Banca di Credito Cooperativo di Fornacette scpa; Cassa di Risparmio di Prato; Banca Popolare dell Etruria e del Lazio; Banca del Monte di Lucca; Centro Leasing Banca spa; Banca Popolare di Lajatico scpa; Cassa di Risparmio di Carrara; Cassa di Risparmio di La Spezia; Banca di credito Cooperativo di Castagneto Carducci; Banca Federico del Vecchio; Banco di Lucca spa; MPS Leasing and factoring spa; Fidi Toscana. La richiesta può essere presentata entro il 31 dicembre Fidi Toscana: Referente per la provincia di : Paola Lamandini Tel ; Cell Banche o società di leasing che hanno firmato l accordo 7

9 Interventi Regionali a favore di Fondo di Rotazione per la prestazione di garanzie per giovani professionisti Regolamento attuativo della LR n 73/ (Delibera n 207 del 23 marzo 2009) Giovani Professionisti/e o esercenti la pratica o il tirocinio professionale, che hanno domicilio professionale prevalente in Toscana (almeno il 60% del reddito per attività professionale svolta in Toscana), che alternativamente sono: - iscritti/e in albi o elenchi o registri tenuti da ordini o collegi professionali - iscritti/e ad associazioni o fondazioni con personalità giuridica espressione di professionisti/e prestatori d opera intellettuale che esercitano professioni non ordinistiche Garanzia fornita per prestiti d onore volti a: - acquisizione di strumenti informatici per giovani di età non superiore a 30 anni. Il fondo garantisce finanziamenti pari a 3.000,00 euro - supporto alle spese di impianto di nuovi studi professionali, anche on line, in relazione anche all acquisizione di beni strumentali innovativi e tecnologie per lo svolgimento dell attività, nonché messa in sicurezza dei locali. I giovani professionisti non devono avere un età superiore a 40 anni. Il fondo garantisce finanziamenti pari a 9.000,00 euro La garanzia è rilasciata per un importo massimo del 60%, elevabile all 80% per finanziamenti concessi a progetti di avvio di studi associati o intersettoriali o a richieste presentate da donne. Sui finanziamenti garantiti dal fondo la banca si impegna a non richiedere garanzie reali o personali. Presentazione della domanda di ammissione, ad una banca aderente al protocollo firmato con la Regione Toscana. Sarà poi la banca che trasmetterà la documentazione ad ARTEA a cui compete la valutazione del finanziamento. Tempi: al massimo entro un mese si ottiene la risposta Le banche che hanno firmato il protocollo con la Regione Toscana sono: Cassa di Risparmio di e Pescia; Monte dei Paschi di Sien; Cassa di Risparmio di Firenze; Banca Nazionale del Lavoro; Federazione Toscana Banche di Credito Cooperativo; Cassa di Risparmio di Lucca; Cassa di Risparmio di Prato; Intesa San Paolo; Banca Carige; Banca dell Etruria e del Lazio; Banca Popolare dell Emilia Romagna; Banca del Monte di Lucca; Unipol Banca; Banca di Credito Cooperativo di Fornacette; Banca Popolare Etica; Centro Per Leasing la versione Banca; più aggiornata Banca di Popolare questo volantino di Lajatico; visita: Banca Popolare di Cortona; Cassa di Risparmio di Carrara; Cassa di Risparmio di Volterra; Cassa di Risparmio di La Spezia; Banca di credito Cooperativo di Cambiano; Cassa di Risparmio di San Miniato; Banca Federico del Vecchio 8

10 Interventi Regionali a favore di Prestiti a favore di lavoratori/trici atipici/che (Delibera Giunta Regione Toscana n. 790 del 12/11/07) Lavoratori e lavoratrici che siano in possesso dei seguenti requisiti: - residenti in Toscana - non siano titolari di un rapporto di lavoro a tempo indeterminato o abbiano avuto un rapporto di lavoro a tempo indeterminato conclusosi nei 6 mesi precedenti la richiesta Erogazione di prestiti, a tassi di interesse agevolati, per un importo massimo di 15 mila euro, per andare incontro alle esigenze di carattere familiare, alloggiativo, scolastico, formativo, di salute e lavorativo, nonché per l acquisizione di beni strumentali che possano aumentare le possibilità di assunzioni in pianta stabile. La durata del prestito varia da un min di 18 ad un max di 60 mesi. La garanzia del Fondo è pari all 80% in caso di finanziamento a soggetti in condizione di disoccupazione e pari al 70% in tutti gli altri casi. Presentazione della domanda alle banche aderenti all iniziativa: Gruppo Cassa di Risparmio di Firenze, Cassa di Risparmio di San Miniato, Banca Popolare di Cortona, Banca Popolare di Lajatico, Credito Artigiano, Gruppo Monte dei Paschi di Siena, Cassa di Risparmio di Prato, Banca di Credito Cooperativo di Cambiano, Gruppo Banca Popolare dell Etruria e del Lazio, Federazione Toscana delle Banche di Credito Cooperativo ARTEA 055/ Regione Toscana 055/ Banche aderenti (vedi elenco indicato nella voce ) 9

11 Interventi Regionali a favore di Cassa Integrazione Guadagni in Deroga (Accordo Quadro tra Regione Toscana e parti Sociali 30/04/2009) Imprese appartenenti ai seguenti settori produttivi: - imprese industriali fino a 15 dipendenti - imprese artigiane - imprese commerciali fino a 50 dipendenti - imprese cooperative - imprese industriali con oltre 15 dipendenti o senza possibilità di ulteriore CIGS su normativa vigente Richiesta di autorizzazione per l ottenimento della CIGS Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria in Deroga a favore di imprese operanti in Toscana, per una durata massima di 180 giorni per ogni lavoratore/trice. Il soggetto erogatore è l INPS. Presentazione della domanda alla Regione Toscana Settore Lavoro - Via Pico della Mirandola n Firenze - a mezzo di raccomandata con ricevuta di ritorno. La domanda deve essere corredata dal Verbale di Accordo Aziendale e dalla Dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro da parte di ogni lavoratore/trice. I tempi di istruttoria sono di 7 giorni. La modulistica è scaricabile all indirizzo web: Regione Toscana - Settore Lavoro Via Pico della Mirandola n Firenze Tel.: 055/ /

12 Interventi Regionali a favore di Fondi per incentivare i contratti di solidarietà (Delibera di Giunta Regionale del 20/04/2009) Imprese che aderiscono ai Contratti di Solidarietà, autorizzate dal Ministero del Lavoro con decreto attuativo, appartenenti anche ai seguenti settori : - imprese alberghiere - aziende termali pubbliche e private operanti nelle località termali con gravi crisi occupazionali - imprese artigiane non rientranti nel campo di applicazione del trattamento straordinario di integrazione salariale Integrazione al reddito di lavoratori/trici che aderiscono ai Contratti di Solidarietà pari al 20% della retribuzione erogato con cadenza trimestrale. Presentazione della richiesta alla Regione Toscana A tale richiesta dovrà essere allegata la copia del decreto attuativo del Ministero del Lavoro che autorizza l azienda al contratto di solidarietà nonchè l elenco dei lavoratori/trici e la domanda di autorizzazione presentata all INPS provinciale o all ente Bilaterale nel caso di imprese artigiane. Regione Toscana - Settore Lavoro Via Pico della Mirandola n Firenze Tel.: 055/ /

13 Interventi Regionali a favore di Aiuti a favore di PMI per l assunzione a tempo indeterminato di giovani laureati/e (Decreto n 563 del 13/02/2009 ) Piccole e medie imprese le cui unità operative siano localizzate in Toscana ed appartenenti ai seguenti settori di attività: - agricoltura, caccia e silvicoltura - attività manifatturiere - costruzioni - commercio all ingrosso e al dettaglio; riparazione di autoveicoli, motocicli, di beni personali e per la casa - trasporti, magazzinaggio e comunicazioni - attività immobiliari, noleggio, servizi alle imprese, ricerca - alberghi e ristoranti - pesca, piscicoltura e servizi connessi - estrazione di minerali - produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e acqua Contributi alle assunzioni con contratti a tempo indeterminato, part time o full time, di giovani laureati/e con età non superiore a 35 anni, elevata a 40 anni per le persone appartenenti alle categorie protette (L.68/99). Le assunzioni devono riguardare mansioni di elevata complessità tali da richiedere la qualificazione di livello universitario. Il contributo è pari a 4.000,00 euro per ogni assunzione full time, ridotta a 2.500,00 euro per ogni assunzione a tempo parziale. Presentazione della domanda di contributo alla Regione Toscana Settore lavoro e Formazione Continua Piazza della Libertà n Firenze a mano o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Scadenza 30 novembre Regione Toscana - Settore Lavoro e Formazione Continua Piazza della Libertà n Firenze Tel.: 055/ e.mail: (Sezione Lavoro e Formazione; Opportunità Bandi ) 12

14 Interventi Regionali a favore di Aiuti a favore di PMI per l assunzione a tempo indeterminato di donne disoccupate/inoccupate over 35 anni (Decreto n 562 del 13/02/2009 ) Possono beneficiare dei contributi le: Imprese individuali, società di persone, società di capitali, società cooperative, onlus e associazioni nonché i loro consorzi purchè iscritti al Registro delle Imprese della CCIAA. Le unità operative interessate alle assunzioni devono essere localizzate in Toscana. Contributi alle assunzioni con contratti a tempo indeterminato, part time o full time, di donne disoccupate/inoccupate, iscritte ai Centri per l Impiego della Toscana che abbiano compiuto 35 anni. Il contributo è pari a 4.000,00 euro per ogni assunzione full time, ridotta a 2.500,00 euro per ogni assunzione a tempo parziale. Presentazione della domanda di contributo alla Regione Toscana Settore lavoro e Formazione Continua Piazza della Libertà n Firenze a mano o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Scadenza 30 novembre Regione Toscana - Settore Lavoro e Formazione Continua Piazza della Libertà n Firenze Tel.: 055/ e.mail: (Sezione Lavoro e Formazione; Opportunità Bandi ) 13

15 Interventi Regionali a favore di Aiuti per le PMI per la stabilizzazione di lavoratori/trici a tempo determinato e l assunzione a tempo indeterminato di lavoratori/trici iscritti/e alle liste di mobilità (Decreto n 562 del 13/02/2009 ) Possono beneficiare dei contributi le: - Imprese che a partire dal 1 gennaio 2009 hanno trasformato il contratto di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato. Tale trasformazione deve essere avvenuta almeno 4 mesi prima della scadenza del contratto a tempo determinato - Imprese che hanno assunto, a partire dal 1 gennaio 2009, con un contratto a tempo indeterminato lavoratori/trici iscritti/e nelle liste di mobilità delle Province della Toscana. Le unità operative devono essere localizzate in Toscana. Contributi alle assunzioni, con contratti a tempo indeterminato, part time o full time, per lavoratori e lavoratrici precedentemente titolari di contratti a tempo determinato o iscritti/e alle liste di mobilità delle Province della Toscana. Priorità a coloro che hanno compiuto 45 anni di età o ai soggetti dipendenti di aziende chiuse, assunti in nuove imprese nello stesso insediamento produttivo o nello stesso Comune o in Comuni limitrofi. Il contributo è pari a 4.000,00 euro per ogni assunzione full time, ridotta a 2.500,00 euro per ogni assunzione a tempo parziale. Presentazione della domanda di contributo alla Regione Toscana Settore lavoro e Formazione Continua Piazza della Libertà n Firenze a mano o tramite raccomandata con ricevuta di ritorno. Scadenza 30 novembre Regione Toscana - Settore Lavoro e Formazione Continua Piazza della Libertà n Firenze Tel.: 055/ e.mail: (Sezione Lavoro e Formazione; Opportunità Bandi ) 14

16 Interventi Provinciali a favore di Garanzie per l accesso al credito delle PMI (delibera n. 892/82; n. 893/82, modificata dalle delibere n. 214/86, n. 516/86, n. 206/88, n. 123/91; n. 92/95 e n. 244/99) Possono beneficiare della garanzia tutte le Piccole e Medie Imprese, a prescindere dal settore produttivo di appartenenza, che, seppur sprovviste delle necessarie garanzie (reali o personali), risultino finanziariamente ed economicamente sane e con valide prospettive di sviluppo. La garanzia rilasciata da Fidi Toscana può essere di due tipi: - Garanzia a Prima Richiesta: è una garanzia diretta, esplicita, incondizionata ed irrevocabile rilasciata a favore del soggetto finanziatore, il quale potrà immediatamente escuterla al momento dell insolvenza dell impresa. Arriva a coprire fino al 60% dell ammontare dell operazione di credito e può arrivare all 80% se concessa a favore di imprese a prevalente partecipazione femminile o che abbiano sottoscritto patti territoriali o contratti d area (L 662/96). - Garanzia Sussidiaria: è una garanzia che di norma copre fino al 50% dell operazione finanziaria (elevabile fino all 80% in presenza di controgaranzia del Fondo Centrale di Garanzia), ma è ridotta al 30% per le operazioni di consolidamento di passività a breve termine, di finanziamento del capitale circolante e per operazioni di breve termine. La garanzia è concessa per tutte le operazioni di credito, a breve e a medio lungo termine, per cassa e per firma, di leasing e di factoring, con la sola esclusione: dell apertura di credito in conto corrente per le imprese industriali; del finanziamento delle scorte, a breve e a medio termine, per le imprese commerciali. L impresa, dopo aver individuato il soggetto finanziatore tra quelli convenzionati, presenta la richiesta di garanzia contemporaneamente a Fidi Toscana e allo stesso soggetto finanziatore. Fidi Toscana: Danilo Delle Rose per Lucca - Massa - Daniele Tognoli per Lucca - Massa - Francesco Innocenti per l Ufficio Territoriale di 15

17 Interventi Provinciali a favore di Microcredito a portata di impresa - progetto SMOAT ottenerl o Tutti coloro che, privi di garanzie per accedere al credito bancario ordinario, vogliono intraprendere un percorso di piccola attività lavorativa (microimpresa), senza differenziazioni di genere, età o cittadinanza Orientamento - Ascolto attivo delle motivazioni espresse dal neo-imprenditore - Individuazione delle competenze personali e professionali - Indicazioni sulle tipologie di percorsi formativi - Valutazione dei rischi d impresa - Opportunità di mercato esistenti sul territorio - Indicazioni di reti locali compatibili con l attività imprenditoriale - Indicazioni sulle norme di qualità sociali ed ambientali - Disponibilità di informazioni sul territorio: attività imprenditoriali e relativi servizi esistenti Assistenza - Aiuti tecnici necessari per impostare un eventuale progetto di fattibilità e di marketing - Primi elementi di contabilità e dei piani di restituzione degli aiuti finanziari ricevuti - Individuazione dei mezzi finanziari attraverso altri strumenti di agevolazione esistenti e loro procedure di richiesta - Assistenza sulle modalità di aggregazione delle piccole imprese e informazioni sulle iniziative esistenti in merito - Riferimenti normativi in materia di impresa, normative tecniche e di settore Tutoraggio - Accompagnamento dell impresa nel percorso di individuazione del mercato,organizzativo e distributivo del prodotto/servizio - Acquisizione delle informazioni: indicazioni di iter e prassi burocratiche, strutture a cui rivolgersi: es. associazioni di categoria, camere di commercio, istituti di credito ecc - Sostegno nella ricerca di visibilità della neo-impresa - Sostegno nella ricerca di visibilità della neo-impresasostegno nella ricerca di visibilità della neo-impresa A garantire l operazione sono gli interventi, attivati dalla Regione Toscana, per la garanzia degli investimenti delle PMI (piccole medie imprese) toscane: PORCReO linea 1.4.b 1) "Interventi di garanzia per gli investimenti". Concretamente le opportunità per le imprese sono attivate attraverso: a) il Fondo per il microcredito b) il progetto SMOAT - Sistema di Microcredito Per la versione Orientato più aggiornata e Assistito di questo Toscano volantino - permette visita: lo start up di microimprese i cui titolari non possono accedere al credito per mancanza di garanzie bancarie: Rivolgersi direttamente allo Sportello SMOAT c/o Fidi Toscana S.p.a. - P.zza della Repubblica, 6-Firenze - per appuntamento: dal lunedì al giovedì dalle h. 9:00 alle 17:00 ed il venerdì dalle h. 9:00 alle 13:00 Indirizz i Fidi Toscana S.p.a.- Daniela Sole per info: oppure 16

18 Interventi Provinciali a favore di Bando Multiobiettivo per la Attività Autorizzata Formazione Professionale (euro ,00 stanziati, bando a sportello sino ad esaurimento risorse) Destinatari su Asse I: lavoratori/trici dipendenti dell azienda richiedente, lavoratori/trici in CIGO e con contratti di lavoro atipici, soci lavoratori di cooperative Destinatari su Asse II: inattivi, inoccupati, disoccupati, lavoratori in CIGS e in mobilità Vengono finanziati gli interventi a carattere provinciale a valere sugli Asse I e II del Programma Operativo Regionale Ob. 2 FSE per l attività autorizzata ad enti e imprese per la Formazione Professionale rivolta al personale di appartenenza o direttamente finalizzati all inserimento in organico di nuovi dipendenti. Gli interventi di formazione professionale dovranno prevedere un modulo obbligatorio sulla sicurezza ed uno sulle pari opportunità. Possono presentare domanda le imprese e gli organismi privati singolarmente o costituiti/endi ATI/ATS, con le seguenti specificazioni: soggetti attuatori di progetti di attività autorizzata per la Formazione Professionale (ex art.17 L.R.32/02 lett. c) rivolta al personale di appartenenza o direttamente finalizzati all inserimento in organico di nuovi dipendenti Tutte le imprese interessate devono far parte dell ATI/ATS Consorzi Le domande devono essere presentate presso la Provincia di, Piazza San Leone 1, oppure pervenire per raccomandata indirizzata alla Provincia di Piazza San Leone 1, Provincia di LE/indice_bandifp.htm (sezione Formazione professionale, Bandi e graduatorie ) 17

19 Interventi Provinciali a favore di Fondo straordinario di contrasto alla crisi nel settore artigiano (Verbale CDA FILA del 16 marzo 2009 e Verbale del 20 aprile 2009) Informazioni Aziende iscritte al FILA appartenenti a tutti i settori di attività (escluso Edilizia) in regola con la contribuzione. Per le aziende di nuova iscrizione è richiesto il versamento di un deposito cauzionale pari a 3 mensilità di contribuzione, che verrà rimborsato al maturare del 24 mese di iscrizione e relativa contribuzione. Misure di sostegno al reddito: - ai titolari, soci e collaboratori estensione dell integrazione al 60% del salario convenzionale INPS in caso di sospensione a zero ore dell intera attività aziendale per la durata di 15 settimane - ai lavoratori e lavoratrici innalzamento dell integrazione pari al 60% del mancato salario - concessione di ulteriori 15 settimane di garanzia del salario, oltre a quelle ordinariamente concesse, per dipendente Presentazione della richiesta al FILA FILA via Cino, , Tel. 0573/

20 Interventi Provinciali a favore di Fondo per aziende vivaistiche Informazioni Aziende vivaistiche associate a Associazione vivaisti pistoiesi Misure a favore di investimenti produttivi per attrezzare nuove aree o acquistare terreni Presentazione della richiesta a Cassa di Risparmio di e di Pescia - Cassa di Risparmio di e di Pescia - Associazione Vivaisti Pistoiesi via Abbi Pazienza, Tel.:

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Fondo centrale di garanzia

Fondo centrale di garanzia Fondo centrale di garanzia 1 Riferimento Legge FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); Tre forme di intervento: Garanzia Diretta, garanzia prestata dal

Dettagli

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086

24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 24.12.2008 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 54 DELIBERAZIONE 15 dicembre 2008, n. 1086 Approvazione delle modalità di attuazione degli Interventi di garanzia per gli investimenti POR CreO

Dettagli

23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983

23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 23.11.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 47 DELIBERAZIONE 14 novembre 2011, n. 983 Approvazione dell Accordo di Progetto tra la Regione Toscana ed il sistema bancario finalizzato alla

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi

CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI. Convenzione per l attuazione del Regolamento per la concessione dei contributi CONTRIBUTI ALLE IMPRESE IN CONTO INTERESSI SU MICRO FINANZIAMENTI (Prorogato con delibera della Giunta camerale n. 4 del 20.1.2010 fino al 31.3.2010) (Prorogato con delibera della Giunta camerale n.51

Dettagli

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014

Circolare fiscale n. 9 del 7 Maggio 2014 2014 Strumenti per il rilancio dell impresa Ditte individuali I progetti di investimento non devono superare 25.823. La o il titolare della ditta individuale deve aver compiuto 18 anni e deve essere inoccupato.

Dettagli

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario.

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Firenze 2 ottobre 2014 Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Settore Disciplina, politiche e incentivi del commercio e attività terziarie DG competitività

Dettagli

Caro Lettore, Buona lettura!

Caro Lettore, Buona lettura! GUIDA PRATICA Caro Lettore, Semplificare e agevolare l accesso al credito. In questo momento di difficile congiuntura economica, sono queste le parole d ordine che hanno portato governo, banche e imprese

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Provincia di Pistoia. Misure Anticrisi

Provincia di Pistoia. Misure Anticrisi Provincia di Pistoia Misure Anticrisi Documento allegato alla relazione Consiglio straordinario aperto sui problemi della crisi 28 ottobre 2009 1) Gli interventi della Provincia di Pistoia in risposta

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo

Art. 1 Finalità. Art. 2 Requisiti di ammissibilità al contributo Il presente bando vige in regime de minimis (ex Reg.CE 1998/2006, Reg. CE 15353/2007 ereg. CE 75/2007 ) 1 Art. 1 Finalità 1. La Camera di Commercio di Pistoia, anche al fine di sostenere il mantenimento

Dettagli

I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI

I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI Documento del 15 febbraio 2016 I LIBERI PROFESSIONISTI POTRANNO ACCEDERE AI FINANZIAMENTI EUROPEI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE AGRICOLE ART. 1 Oggetto La Camera di Commercio di Mantova, nel quadro delle proprie iniziative istituzionali,

Dettagli

Il Dirigente Carlo Chiostri

Il Dirigente Carlo Chiostri 30.10.2013 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 44 di certificazione del presente decreto che prevedano scadenze successive al 30/4/2014 che pertanto risultano confermate e per le quali si

Dettagli

L anno 2009, il giorno 9 del mese di Aprile, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti:

L anno 2009, il giorno 9 del mese di Aprile, in Arezzo, presso la Sede della Provincia di Arezzo, sono presenti: PROTOCOLLO D INTESA PER IL SOSTEGNO AI LAVORATORI DELLA PROVINCIA DI AREZZO CHE HANNO MATURATO IL DIRITTO ALLA CORRESPONSIONE DA PARTE DELL INPS DEL TRATTAMENTO DI MOBILITA O DI CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA

Dettagli

Il credito. a portata di famiglie e imprese

Il credito. a portata di famiglie e imprese Il credito a portata di famiglie e imprese Lo Speciale Osservatorio sul credito è istituito presso la Prefettura di Firenze, in conformità alla legge 28 gennaio 2009 n. 2 che disciplina le misure anti-crisi

Dettagli

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi

Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi 1 Agevolazioni finanziarie per le imprese del settore Autotrasporto merci per conto terzi Relatore: Cristiano Vincenzi (cristiano.vincenzi@bancopopolare.it) Responsabile Funzione Finanziamenti Agevolati

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica. Riferimenti

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell avviso

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA BANDO PER IL SOSTEGNO DELLA PICCOLA IMPRENDITORIA INNOVATIVA PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello

Dettagli

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

PARTE VI CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO PARTE VI ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore per la presentazione delle proposte di delibera al

Dettagli

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014

BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 BANDO IMPRENDITORIA INNOVATIVA 2014 PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da oltre 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell imprenditoria

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI

Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI Legge 662/1996 Il FONDO DI GARANZIA PER LE PMI L intervento pubblico di garanzia sul credito alle piccole e medie imprese LA NORMATIVA IN SINTESI Gestore unico MCC SpA Customer Relations Unit Fondo di

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI

CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI ALLEGATO 2 CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI Si esplicitano i criteri adottati, in via generale, dal Gestore - MCC per la presentazione delle

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente

Dettagli

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014 Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI Bergamo, Ottobre 2014 Agenda Interventi Nazionali Interventi Regione Lombardia Interventi Regione Piemonte Interventi Regione Puglia 2 Agenda Interventi

Dettagli

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR 2007/2013) Obiettivo: Competitività ed Occupazione Titolo

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

CCIAA Regione Interventi

CCIAA Regione Interventi CCIAA Regione Interventi Bergamo Lombardia 1) Deliberazioni n.118/2005-112/2006-107/2007-134/2008-163/2009: Contributi a imprese agricole per l'abbattimento di interessi su finanziamenti garantiti dai

Dettagli

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp

Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp DIPARTIMENTO POLITICHE PER LO SVILUPPO Nuova Sabatini, Fondo Centrale di Garanzia per le PMI e CoopUp La normativa nazionale di supporto agli investimenti delle imprese cooperative ed altre opportunità

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione

Tabella di sintesi. Incentivo In vigore dal Attuazione SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi Incentivo In vigore dal Attuazione Digitalizzazione R&S Voucher IT (Information Technology) 24 dicembre 2013 Credito d imposta 24 dicembre 2013 Artigianato digitale

Dettagli

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato

I J del codice di classificazione ISTAT con le esclusioni previste dalle regole di eligibilità BEI; - Il finanziamento deve essere destinato Allegato 1 Invito alle banche a presentare manifestazione di interesse per la gestione di un plafond di 130 milioni di euro di provvista BEI da destinare a finanziamenti alle PMI della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO

ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO ELENCO AGEVOLAZIONI DEL MOMENTO NUOVE IMPRESE E INVESTIMENTI PRODUTTIVI TITOLO IMPRESE BENEFICIARIE AGEVOLAZIONE PREVISTA TERMINI DI Finanziamenti agevolati e contributi a fondo perduto per nuove Start

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE. Tra. La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata Allegato A alla delibera di G.R. n.. de 21 luglio 2014 PROTOCOLLO D INTESA COMPETITIVITA DELLE IMPRESE TOSCANE Oggi, 23 luglio 2014, in Firenze Tra La Regione Toscana, codice fiscale 01386030488, rappresentata

Dettagli

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane

Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane LEGGE REGIONALE 16 dicembre 1996, N. 34 Interventi regionali per agevolare l accesso al credito alle imprese artigiane (BURL n. 51, 1º suppl. ord. del 19 Dicembre 1996 ) urn:nir:regione.lombardia:legge:1996-12-16;34

Dettagli

Strumenti finanziari per il lavoro

Strumenti finanziari per il lavoro Centri per l impiego Strumenti finanziari per il lavoro Opportunità specifiche per l occupazione femminile A cura delle Referenti di Parità della Provincia di Firenze e del Circondario Empolese Valdelsa

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI 2011. 1 novembre 2011

BANDI E FINANZIAMENTI 2011. 1 novembre 2011 BANDI E FINANZIAMENTI 2011 1 novembre 2011 1 PREMESSA La Regione Lazio e primari Enti/Istituzioni nazionali sostengono, attraverso finanziamenti e concessioni di garanzie, lo sviluppo di iniziative imprenditoriali

Dettagli

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO per il finanziamento di progetti di sviluppo di imprese sociali, associazioni e cooperative culturali e sociali, destinati a creare nuova occupazione REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE L iniziativa

Dettagli

REGIONE TOSCANA A. AGEVOLAZIONI REGIONALI DISPONIBILI PER IL SOSTEGNO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE ED AI PRIVATI COLPITI DA EVENTI CALAMITOSI

REGIONE TOSCANA A. AGEVOLAZIONI REGIONALI DISPONIBILI PER IL SOSTEGNO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE ED AI PRIVATI COLPITI DA EVENTI CALAMITOSI REGIONE TOSCANA A. AGEVOLAZIONI REGIONALI DISPONIBILI PER IL SOSTEGNO ALLE ATTIVITA PRODUTTIVE ED AI PRIVATI COLPITI DA EVENTI CALAMITOSI 1. Concessione di garanzia per accedere a finanziamenti bancari

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

Tabella di sintesi/1

Tabella di sintesi/1 SCHEDE SINTETICHE Tabella di sintesi/1 Digitalizzazione R&S Start up innovative e PMI innovative Turismo digitale Incentivo Finanziamenti per progetti di R&S (settore ICT Agenda Digitale) Finanziamenti

Dettagli

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE

FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE FONDO GORIZIA CONFIDI GORIZIA ACCORDO per la gestione del PRESTITO PARTECIPATIVO CAPITALIZZAZIONE AZIENDALE Visto il regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006 relativo; all applicazione

Dettagli

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro.

La dotazione finanziaria prevista dal Fondo PMI Misura Intervento straordinario per la competitività è pari a 120.000.000 di Euro. AVVISO per la selezione di progetti da ammettere al finanziamento del Fondo Regionale per lo sviluppo delle PMI campane misura Intervento straordinario per la competitività Sul BURC del 2 novembre 2015

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE

RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE RIEPILOGO AGEVOLAZIONI ATTIVE AGEVOLAZIONI ATTIVE INVITALIA Prestito d Onore Regioni: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Molise, Puglia, Campania, Sardegna, Sicilia Microimpresa Regioni: Abruzzo, Basilicata,

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE

BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE Approvato con Determinazione Dirigenziale n 757 del 24/06/2015 BANDO CONTRIBUTI PER LA COSTITUZIONE DI NUOVE IMPRESE IL DIRIGENTE DEL SERVIZIO SERVIZI ISTITUZIONALI E ALLE IMPRESE Premesso che : al fine

Dettagli

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97

Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Fondo di Garanzia per le piccole e medie imprese L. 662/96 L. 266/97 Vers 3/2014 GARANZIA DIRETTA (Banca) Oggetto e finalità Favorire l accesso alle fonti finanziarie delle PMI mediante la concessione

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

NOME E COGNOME INDIRIZZO TELEFONO N ISCRIZIONE UIC

NOME E COGNOME INDIRIZZO TELEFONO N ISCRIZIONE UIC NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI (D.Lgs. 385 DEL 1/9/1993 Delibera CICR del 4/3/2003) FOGLIO INFORMATIVO 1 (Ultimo aggiornamento 01/01/2012) GARANZIA A VALERE SUL PATRIMONIO

Dettagli

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive LEGGE 598/94 ART. 11 PACCHETTO INTEGRATO DI AGEVOLAZIONI (PIA) AGEVOLAZIONI PER: INVESTIMENTI CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE SPESE PER GARANZIA Legge 598/94 - INVESTIMENTI TIPOLOGIA INVESTIMENTI

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011. 15 giugno 2011 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 15 giugno 2011 FINALITA E STANZIAMENTO 2011 Finalità: Agevolare l accesso al credito delle pmi milanesi attraverso l erogazione

Dettagli

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO

PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO AGGIORNATO AL 16 NOVEMBRE 2010 PACCHETTO RIEQUILIBRIO FINANZIARIO Prodotti e servizi per il consolidamento delle passività a breve Pag. 1. Credimpresa BNL per associati Assolombarda Finanziamento per aziende

Dettagli

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE

BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE BANDO A SOSTEGNO DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE PREMESSE MagVenezia e Consorzio Finanza Solidale realizzano da 20 anni sul territorio del veneziano un attività finanziaria a sostegno dello sviluppo dell

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

ALLEGATO (articolo 2, comma 1)

ALLEGATO (articolo 2, comma 1) ALLEGATO (articolo 2, comma 1) CRITERI DI VALUTAZIONE ECONOMICO-FINANZIARIA DELLE IMPRESE PER L AMMISSIONE DELLE OPERAZIONI PREMESSA I modelli di valutazione adottati sono distinti per procedura, per settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014

Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 APERTURA DOMANDE SMART ET START ON LINE Con la circolare del Ministero dello Sviluppo Economico n. 68032 del 10 dicembre 2014 sono stati definiti gli aspetti rilevanti per l accesso alle agevolazioni ed

Dettagli

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna

Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna Comune di Castel Maggiore Provincia di Bologna ALLEGATO ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N.37/2007 Repertorio CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI CASTEL MAGGIORE E LE ASSOCIAZIONI ASCOM E CONFESERCENTI PER L

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro

PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro PROVINCIA DI SIENA Servizio Formazione e Lavoro Avviso con procedura a sportello per la concessione di finanziamenti a valere sul P.O.R. Toscana Ob. 2 Competitività regionale e occupazione 2007-2013 Assegnazione

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Regione Puglia START UP Scheda informativa sul nuovo bando della Regione Puglia Sostegno allo start up di microimprese di nuova costituzione realizzate da soggetti svantaggiati. COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Il punto di incontro tra mondo finanziario e imprese

Il punto di incontro tra mondo finanziario e imprese COFIITER Il punto di incontro tra mondo finanziario e imprese Guida alla garanzia I nostri clienti Micro, piccole e medie imprese industriali, commerciali, turistiche e di servizi, le imprese artigiane

Dettagli

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE

FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE FONDO DI GARANZIA L INTERVENTO PUBBLICO DI GARANZIA SUL CREDITO E MICROCREDITO ALLE PMI CRITERI DI ACCESSO E MODALITA OPERATIVE Massimo Generali MPS Capital Services SpA RTI per la Gestione del Fondo di

Dettagli

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA

NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE LOMBARDIA NEWS IN EVIDENZA NEWSLETTER DI FINANZA AGEVOLATA N. 7 Luglio 2013 REGIONE NEWS IN EVIDENZA AGEVOLAZIONI PER LA RICOLLOCAZIONE DI EX DIRIGENTI E QUADRI, DISOCCUPATI AI SENSI DELLA NORMATIVA VIGENTE Livello Nazionale AGEVOLAZIONI

Dettagli

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823

Lavoro Autonomo (in forma di ditta individuale), con investimenti complessivi previsti fino a 25.823 La legge che agevola l'autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all'avvio di piccole attività imprenditoriali da parte di disoccupati

Dettagli

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI

NUOVO ACCORDO PER IL CREDITO ALLA PMI Spett. Clienti, Loro Sedi Treviso, il 16 marzo 2011 Con la presente circolare informativa siamo ad illustrare il nuovo accordo per il credito alle PMI recentemente stipulato tra ABI (Associazione Bancaria

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI

CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI ART. 1 OGGETTO E FINALITA DEGLI AIUTI Allegato alla Delib.G.R. n. 50/27 del 10.11.2009 CONCORSO DI INTERESSI SU PRESTITI CONCESSI ALLE PMI ADERENTI AI CONSORZI DI GARANZIA COLLETTIVI FIDI L.R.10 gennaio 2001 n.. 2 Titolo T II DIRETTIVE DI

Dettagli

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Consulenza IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo e di consulenza Impresa e Lavoro offre un sostegno

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

"Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI"

Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI "Leasing e Finanziamenti - Fondo di Garanzia MCC: novità e operatività in IBI" 2 Indice Principali Caratteristiche della normativa (con evidenza NOVITA Dicembre 2012) Regole istruttorie del Fondo Tipologia

Dettagli

IMPOSTE, TASSE E TREDICESIMA MENSILITA

IMPOSTE, TASSE E TREDICESIMA MENSILITA IMPOSTE, TASSE E TREDICESIMA MENSILITA Con l avvicinarsi della fine d anno, il Cofim, in collaborazione con le Banche convenzionate, mette come sempre a disposizione delle imprese linee di credito a breve

Dettagli

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia

Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia Microcredito d Impresa della Regione Puglia Scheda informativa sullo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene alcune informazioni sul

Dettagli

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane

Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Veneto: L. R. 2/2002 Fondo di Rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve Il Fondo di Rotazione regionale per il settore

Dettagli

Foglio informativo COPIA CLIENTE

Foglio informativo COPIA CLIENTE Foglio informativo COPIA CLIENTE INFORMAZIONI SUL CONFIDI CONSORZIO FIDI FINSARDEGNA S.C. Sede legale in Viale Elmas 33,35 09122 Cagliari Telefono 070273094 070253185 070274695 Fax 070255451 email: consorzio@finsardegna.it

Dettagli

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito

BANCA POPOLARE CALABRE DELLE PROVINCE. REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito BANCA POPOLARE DELLE PROVINCE CALABRE REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL microcredito PREMESSA La Banca Popolare delle Province Calabre Società Cooperativa per Azioni, esaltando, quale ragion d essere della

Dettagli

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO

Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Sportello Informativo e di Orientamento IMPRESA E LAVORO Accesso al credito, opportunità di finanziamento e inserimento lavorativo Lo sportello informativo Impresa e Lavoro della Pro Loco di Itri offre

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SONDALO E LE SOCIETÀ ASCONFIDI LOMBARDIA e ARTGIANFIDI LOMBARDIA CRITERI PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO ABBATTIMENTO INTERESSI A FAVORE DI AZIENDE DEL COMMERCIO, DI

Dettagli

SEMINARIO IMPRESA FEMMINILE: ACCESSO AL CREDITO E FINANZIAMENTI PER LA CREAZIONE DI IMPRESA

SEMINARIO IMPRESA FEMMINILE: ACCESSO AL CREDITO E FINANZIAMENTI PER LA CREAZIONE DI IMPRESA SEMINARIO IMPRESA FEMMINILE: ACCESSO AL CREDITO E FINANZIAMENTI PER LA CREAZIONE DI IMPRESA QUARTU S.ELENA 5 LUGLIO 2010 Fondo camerale di garanzia per l accesso al credito delle PMI Dottor Stefano Carta

Dettagli

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO

BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO COMUNICAZIONI DELLA CONFEDERAZIONE AGLI ENTI ASSOCIATI NOTIZIARIO SPECIALE N.08/2009 AGLI ENTI ASSOCIATI DEL VENETO - LORO SEDI BANDI E FINANZIAMENTI REGIONE VENETO Contributi per interventi finalizzati

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli