SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO GIORNALAI Aderente alla Confcommercio

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO GIORNALAI Aderente alla Confcommercio"

Transcript

1 SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO GIORNALAI Aderente alla Confcommercio Circ. n. 73/ /Sn AAB/sb Milano, 17 marzo 2015 A tutti i Sindacati PROVINCIALI - CIRCONDARIALI - COMUNALI Loro indirizzi Ai Componenti del CONSIGLIO NAZIONALE Loro indirizzi e p.c. agli Associati SNAG - indirizzi Oggetto: Comunicazione in merito all Audizione presso la Commissione Cultura della Camera dei Deputati del 17/3/2015 Con la presente vi informiamo che si è tenuta in data odierna l Audizione presso la Commissione Cultura della Camera dei Deputati in merito alla proposta di Legge Abolizione del finanziamento pubblico all editoria. Lo Snag ha depositato il documento, qui allegato, in cui si illustrano le maggiori problematiche della categoria dei rivenditori di giornali. Il Presidente Abbiati è intervenuto illustrando le criticità del sistema attuale di finanziamento all editoria e ha chiesto nuove modalità di finanziamento che sostengano l acquisto di prodotti quotidiani e periodici. È stata inoltre chiesta la conferma dei contributi per l informatizzazione della rete di vendita. Con i migliori saluti. Il Presidente (Abbiati Armando) All.: n 1 Via San Vito, MILANO Tel. 02/ / Fax 02/ e mail: Partita IVA

2 SINDACATO NAZIONALE AUTONOMO GIORNALAI Aderente alla Confcommercio CAMERA DEI DEPUTATI COMMISSIONE VII CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE PROPOSTA DI LEGGE C PRESENTATA IL 23 GENNAIO 2014 ABOLIZIONE DEL FINANZIAMENTO PUBBLICO ALL EDITORIA AUDIZIONE dello S.N.A.G. CONFCOMMERCIO Roma 17 marzo 2015 Pag. 1 di 13 Via San Vito, MILANO Tel. 02/ / Fax 02/ e mail: Partita IVA

3 I. UN GIORNALE SENZA EDICOLA E COME UN PESCE FUOR D ACQUA: IL RUOLO DELLE EDICOLE NELLA DIFFUSIONE DELLA STAMPA E L ANDAMENTO DEL MERCATO EDITORIALE Le edicole sono il punto di accesso fondamentale dei cittadini all informazione a mezzo stampa. Non ha senso finanziare l editoria (ed in particolare la piccola editoria o quella locale) se poi non si è in grado di garantire ai cittadini un accesso capillare ai prodotti editoriali finanziati su tutto il territorio nazionale, tramite una rete di vendita dedicata all informazione. In questo senso si può affermare che un giornale senza edicola è come un pesce fuor d acqua. Le edicole con il loro impegno quotidiano e senza beneficiare di alcuna forma di contribuzione pubblica assicurano la libertà di stampa e di diffusione del pensiero tutelato dall art. 21 della Costituzione nonché il diritto di dare e ricevere informazioni tutelati dall art. 10 della CEDU (Convenzione Europea dei Diritti dell Uomo) e dall art. 11 della Carta dei Diritti Fondamentali dell Unione Europea, garantendo la diffusione paritaria dell intera offerta editoriale (che in Italia può essere stimata in circa testate tra pubblicazioni quotidiane e periodiche cartacee). Invero, le edicole, più che commercializzare un prodotto in un ottica concorrenziale 1, offrono un servizio di interesse pubblico all utenza. Ma è possibile che nessuno si accorga di quanto siano importanti le edicole nel garantire il diritto all informazione? Gli edicolanti sono delle micro imprese familiari con ricavi limitati al 19% del prezzo di vendita delle pubblicazioni imposto dagli editori che si trovano in una condizione di grave crisi. In particolare la crisi delle edicole è dovuta all effetto sinergico di molteplici fattori quali: a) la crisi generale del sistema Italia e la contrazione diffusa dei consumi; b) la ridotta propensione alla lettura ed il crollo dei consumi dedicati a beni a contenuto informativoculturale (nel 2014 le famiglie italiane hanno dedicato solo l 1,05% dei propri consumi a libri e stampa); c) le politiche editoriali di prezzo particolarmente aggressive di molti editori che hanno abbassato il prezzo di vendita di molte testate a pochi centesimi di euro, riducendo i già esigui ricavi degli edicolanti e radicando nei consumatori l idea che la stampa abbia poco valore o che non sia opportuno spendere per informarsi; 1 L attuale sistema di vendita di quotidiani e periodici non è un sistema concorrenziale (e non lo sarà mai fintantoché non si procederà ad una riforma organica e radicale dell intero sistema). Le rivendite di giornali per l applicazione degli artt. 4 e 5 del D.lgs. 24 aprile 2001, n. 170, infatti: - non possono variare il prezzo di vendita delle pubblicazioni; - non possono negoziare il prezzo di acquisto delle forniture; - non possono decidere quali pubblicazioni ricevere; - non possono decidere quante pubblicazioni ricevere; - non possono decidere quali pubblicazioni esporre in vendita. Pag. 2 di 13

4 d) gli abusi di posizione dominante posti in essere dai distributori locali della stampa che rappresentando l unico canale di approvvigionamento per gli edicolanti impongono condizioni inique o particolarmente gravose (quali ad es. il pagamento di costi per la portatura dei giornali) ovvero rifiutano la fornitura ai punti vendita che si trovano in zone remote o che reputano antieconomici e comunque decidono quali e quante pubblicazioni portare al punto vendita 2. Il mercato della stampa evidenzia una crisi cronica che sembra inarrestabile: si consideri che nel 1990 si vendevano 6.5 milioni di copie di quotidiani al giorno mentre oggi se ne vendono la metà. Secondo i dati Audipress nel ,9 milioni di Italiani hanno smesso di leggere abitualmente quotidiani e 3,6 milioni di persone hanno smesso di leggere un periodico. Che fare? Prima di decidere se finanziare o meno alcune testate editoriali o di confermare a vantaggio di editori crediti di imposta o crediti agevolati, bisogna preoccuparsi di sostenere il consumo di quotidiani e periodici e bisogna garantire il facile accesso dei cittadini all informazione a mezzo stampa. Bisogna garantire la presenza di edicole anche nelle zone periferiche del territorio nazionale e garantire che ad esse sia assicurata la fornitura adeguata dei prodotti quotidiani e periodici. In breve, quando si finanzia un giornale si assicura la sua edizione, ma poi la sua effettiva diffusione (che è l obbiettivo finale massimo per la realizzazione di un pluralismo informativo) dipende da molte altre variabili distributive (politiche dei distributori nazionali, comportamenti abusivi dei distributori 2 Sul punto si osserva come affidare la localizzazione delle edicole al mercato (o meglio al monopolio distributivo) vuol dire condannare molte zone del territorio nazionale (zone commercialmente poco appetibili, zone periferiche o remote etc ) a non avere il servizio di vendita di quotidiani e periodici o ad aver un servizio limitato e/o insufficiente. Deve considerarsi che la distribuzione intermedia delle pubblicazioni è affidata dagli Editori a distributori locali che operano come monopolisti nelle aree di loro competenza e spesso subordinano la fornitura a condizioni inique ed in violazione dell accordo nazionale sulla vendita di quotidiani e periodici (quali ad es. il pagamento di costi per la portatura dei giornali) ovvero rifiutano la fornitura ai punti vendita che si trovano in zone remote. Nelle aree dove i Comuni accettano le SCIA (e non si applica il sistema di programmazione territoriale previsto dal D.lgs. n. 170/2001), sono in sostanza i distributori locali a selezionare unilateralmente gli esercizi che possono accedere al servizio di fornitura di quotidiani e periodici e tale selezione avviene non in base ad una ponderata valutazione degli interessi culturali e sociali connessi ma al fine di massimizzare i ricavi dell azienda di distribuzione. In ogni caso (stante la sostanziale disapplicazione dell art. 39 del D.L. 1/2012) sono i distributori intermedi a decidere unilateralmente quali e quante pubblicazioni portare al punto vendita. Tale rischio è stato riconosciuto anche dall Antitrust nella recente Indagine Conoscitiva sulla distribuzione dei prodotti editoriali IC35 dove, a pagina 41 si legge: l interesse pubblico alla diffusione dell informazione potrebbe in ogni caso essere salvaguardato riservando al soggetto pubblico la facoltà di garantire la presenza di un numero minimo di rivendite in determinate aree remote, dove la libera iniziativa non trovi economicamente conveniente svolgere l attività. Ad esempio, l amministrazione potrebbe sovvenzionare tali rivendite, utilizzando lo strumento della gara per selezionare il gestore più efficiente e minimizzare l importo della sovvenzione. Tale iniziativa dovrebbe evidentemente accompagnarsi a forme di incentivo per il distributore locale di zona, in maniera da evitare rischi di rifiuto di fornitura al punto vendita. Pag. 3 di 13

5 locali 3, presenza effettiva di edicole sul territorio etc ) che stabiliscono in concreto l utilità sociale e culturale di quel finanziamento. La FIEG parla di una riduzione del numero delle edicole da a tuttavia in realtà la diminuzione è molto più profonda e la circostanza grave è che, giornalmente, molte edicole vengono unilateralmente chiuse dal loro unico fornitore (Distributore Locale monopolista) perché le ritiene antieconomiche. Ciò determina un enorme danno in termini socio culturali poiché migliaia di cittadini vengono privati del diritto di accedere all informazione ed un danno economico a tutta la filiera perché si perde il fatturato di quelle edicole 5 (che può essere prudenzialmente stimato su base nazionale in oltre 70 milioni di euro). Prima di decidere se continuare a finanziare alcuni giornali, servono interventi urgenti per tutelare la paritaria diffusione della stampa, perché non si può vendere un giornale senza un edicola, e quando un distributore locale di giornali oscura il territorio di decine di comuni facendo chiudere le edicole ivi localizzate (come è avvenuto nelle province di Messina, Foggia, Pistoia, Pisa etc ), perché le ritiene antieconomiche, è agevole prevedere che in quei paesini si leggerà ancora meno che in passato. 3 Attualmente la distribuzione di quotidiani e periodici è affidata a circa 90 imprese di distribuzione locale che operano come esclusivisti (nell area di loro competenza) determinando un monopolio di fatto. Abusando della posizione dominante il distributore locale: - impone contratti di fornitura unilateralmente predisposti, prevedendo condizioni particolarmente gravose per l edicolante, in deroga all Accordo Nazionale; - decide unilateralmente se attivare (iniziare la fornitura) o meno di un nuovo punto vendita in possesso di regolare titolo autorizzatorio (in sostanza il Distributore Locale determina l articolazione e l omogeneità della rete di vendita senza considerare in alcun modo l interesse pubblico e il diritto all informazione); - decide la prosecuzione del rapporto di fornitura sulla base di valutazioni unilaterali (può decidere di interromperli a suo insindacabile giudizio recedendo dal contratto o sospendendo la fornitura); - decide unilateralmente la tipologia di prodotto da inviare al punto vendita in violazione del principio di parità di trattamento (di cui all art. 4 del D.lgs. n. 170/2001); - decide unilateralmente la quantità di prodotto da inviare; - applica costi di portatura in deroga all A.N. e costi aggiuntivi unilateralmente determinati; - sospende arbitrariamente la fornitura a suo insindacabile giudizio per: ritardi, anche minimi, nei pagamenti (24h di ritardo) contestazioni sul saldo dare avere in E/C mancata sottoscrizione di contratti; - non adegua le forniture alle reali esigenze diffusionali del punto vendita: rifornisce di prodotto per eccesso le rivendite al solo fine di acquisire una anticipazione finanziaria, non accettando le rese in compensazione per ridurre l anticipazione finanziaria (cfr. art. 5 d) ter D.Lgs. n. 170/2001). 4 Cfr. Audizione FIEG davanti a questa Commissione dell 8 ottobre Negli ultimi mesi sono già quattro i distributori locali che hanno oscurato intere zone del territorio loro affidato, lasciando decine di comuni senza un edicola. Stiamo parlando di edicole che fatturano mediamente euro al mese. Moltiplicando 40 edicole x 1700 euro mensili si ottiene un totale di euro di fatturato mensile. Moltiplicando il fatturato mensile di euro moltiplicato x 12 mesi risulta un fatturato euro annuo. Moltiplicando euro all anno per ciascuno dei 90 distributori locali otteniamo euro. Pag. 4 di 13

6 II. FINANZIAMENTO ALL EDITORIA: MEGLIO FINANZIARE L OFFERTA EDITORIALE O SOSTENRE LA DOMANDA DI PRODOTTI EDITORIALI? Lo SNAG non è in assoluto contrario ai contributi all editoria (o forse dovremmo dire alla filiera editoriale). Il problema è che ci sono contributi buoni e contributi cattivi. Ci sono contributi che promuovono l efficienza, la lettura e l acquisto di prodotti culturali e contributi che fanno stampare quotidiani che nessuno legge e che neppure arrivano in edicola o che permettono agli editori di fare politiche di concorrenza sleale a danno degli edicolanti praticando sconti sugli abbonamenti del 60/70%, quando ad un edicolante viene riconosciuto solo il 19% (ci riferiamo alle agevolazioni tariffarie per la spedizione dei prodotti editoriali). Ci sono contributi (crediti di imposta ad editori o agevolazioni creditizie) che hanno ingrossato alcuni gruppi editoriali, permettendo la politica delle tirature folli per sostenere gli introiti dalla raccolta pubblicitaria. Peraltro è lecito dubitare che questo sistema di contributi abbia prodotto risultati utili in termini di pluralismo democratico e di libertà di stampa se è vero come è vero che l Italia nel 2014 è scesa al 73.mo posto nella classifica mondiale della libertà di stampa. Serve una ridefinizione delle forme di sostegno al settore editoriale che privilegi la diffusione piuttosto che l edizione, che metta al centro le vendite piuttosto che le tirature. In questo senso molti dei contributi che il progetto di legge intenderebbe abrogare possono dirsi appartenere alla categoria dei contributi cattivi. Certamente però ci sono forme di contribuzione buone che devono essere conservate: ci riferiamo all art. 4 del D.L. 63/2012 così come convertito in legge con modificazioni dalla L. 16 luglio 2012, n Questa norma permette l informatizzazione condivisa su base nazionale di tutta la rete di vendita della stampa. Questo progetto consentirebbe un progresso notevole nella distribuzione della stampa in Italia con benefici per tutti gli anelli della filiera e per i consumatori. Se ben eseguita e se gestita, in maniera condivisa, l informatizzazione della rete è una fonte potenziale di vantaggi enormi in termini di efficienza e di capacità di far arrivare i giornali ai lettori. Abrogare l art. 4 del D.L. 18 maggio 2012, n. 63 è una follia assoluta: vorrebbe dire rinunciare all informatizzazione prima ancora che l informatizzazione della rete di vendita sia iniziata. Piuttosto bisogna chiedersi perché tale informatizzazione non sia ancora partita. E forse bisognerebbe chiederlo alla FIEG che da anni sta predisponendo un progetto in materia. Sul punto lo SNAG osserva che l informatizzazione deve prevedere: 1. la partecipazione di tutti gli anelli della filiera per garantire il funzionamento della rete 6 ; 6 La gestione condivisa della rete risponde ad un principio di democrazia e di partecipazione ed è anche la chiave per garantire il funzionamento in concreto della stessa. In passato i tentativi di informatizzazione (promossi a livello privatistico) sono falliti perché imposti dall alto (dagli Editori) senza la partecipazione degli anelli intermedi della filiera (Distributori Locali ed Edicolanti che non erano motivati o incentivati a far funzionare il sistema). Pag. 5 di 13

7 2. la gestione dei dati di vendita e l utilizzo degli stessi per promuovere l efficienza distributiva 7 ; 3. un adeguato riparto dei costi della rete tra i vari anelli della filiera e il contrasto ad utilizzi abusivi 8 ; 4. svariati servizi a valore aggiunto a vantaggio di tutta la filiera e dei consumatori 9. Con l informatizzazione il cliente sarà in grado di trovare in edicola il prodotto editoriale di cui ha bisogno con estrema facilità e ci saranno estremi vantaggi in termini di efficienza purché ovviamente questa informatizzazione veda partecipi anche gli edicolanti che sono i soggetti della filiera che hanno il rapporto con il pubblico. La rete informatizzata si presta ad una serie di utilizzi per la fruizione e/o l offerta di servizi a valore aggiunto anche in termini di rapporti con la p.a. a vantaggio del cittadino. In conclusione serve una ridefinizione organica delle forme di sostegno al settore editoriale che deve intendersi esteso a tutta la filiera e che porti ad incrementare la lettura di quotidiani e periodici. Sembra che il Governo con il Sottosegretario On. Luca Lotti voglia affrontare a breve una riforma dell Editoria vera e sarebbe giusto parlare di riforma del sistema di contribuzione in quella sede. Perché la rete funzioni è necessario che ciascuna componente della filiera collabori attivamente e ne tragga un beneficio. E necessaria la partecipazione, non solo degli editori, ma anche dei distributori e degli edicolanti. Si tenga in considerazione che per far funzionare la rete la parte maggiormente gravata sono gli edicolanti che devono utilizzare il sistema di tracciatura (lettore codice a barre) per tutti i prodotti veicolati (prodotti forniti, prodotti venduti, prodotti resi). Si tenga in considerazione che giornalmente escono alcune centinaia di nuove pubblicazioni (i margini di errore e le difficoltà saranno evidenti). Quindi è necessario un elevato grado di partecipazione e coordinamento, non solo a livello tecnico informatico, ma anche a livello gestionale e operativo. 7 Vi è la questione della gestione dei dati (dati di vendita e dati di reso) in forma singola ed aggregata. Tali dati hanno un valore economico e strategico. Anche in questo caso è opportuna una gestione condivisa che stabilisca le modalità di utilizzo degli stessi. Questi dati devono essere utilizzati per modernizzare la rete e promuovere l efficienza del sistema distributivo: in breve sulla base dei dati Editori e Distributori dovrebbero calibrare il numero di copie trasmesso a ciascun edicola al fine di: a) massimizzare le vendite; b) ridurre i prodotti resi; c) ridurre gli esauriti. Per raggiungere questo risultato è necessario che tutti gli anelli della filiera possano accedere ai dati ed utilizzare gli stessi, contribuendo a sviluppare la rete e a rendere il sistema più efficiente. Si potrebbero ad esempio elaborare dei sistemi con i quali una edicola richiede in tempo reale i rifornimenti per le pubblicazioni che si stanno esaurendo. 8 La partecipazione di tutti gli anelli della filiera alla gestione della rete è anche fondamentale al fine di evitare come è già avvenuto in passato che i costi della rete vengano rovesciati a valle sull ultimo anello della filiera (e cioè sugli edicolanti) sotto forma di costi di collegamento e/o di costi per accedere al servizio imposti unilateralmente da chi gestisce la rete. Questi costi andranno invece ripartiti in maniera adeguata su tutti gli anelli della filiera e non possono essere rimessi alla unilaterale determinazione di un soggetto a danno degli altri. In questo senso è imprescindibile che la gestione della rete sia affidata alle rappresentanze di tutti i soggetti interessati. Deve evitarsi che la rete, da strumento di modernizzazione volto a promuovere l efficienza e la razionalizzazione delle politiche di distribuzione e di commercializzazione dei giornali (quale è e deve continuare ad essere), diventi un occasione di mero business per alcuni. 9 La rete si presta ad una serie di utilizzi per la fruizione e/o l offerta di servizi a valore aggiunto. Questi servizi garantiranno ricavi verosimilmente sufficienti a coprire i costi di gestione. Anche in questo senso è necessario che lo sfruttamento della rete sia affidato a tutti i componenti della filiera e non vada a vantaggio di alcuni. Pag. 6 di 13

8 I contributi pubblici non devono servire a far aumentare gli editori ma a far aumentare i lettori. Servono contributi che portino a: conservare una rete di vendita su tutto il territorio nazionale a beneficio dei cittadini; rendere il sistema più efficiente attraverso l informatizzazione della rete di vendita; vendere più giornali; leggere di più (ad esempio attraverso un bonus lettura o attraverso la detraibilità delle spese per libri e giornali). Bisogna pensare a contributi che sostengano i consumi e non che sostengano la produzione. Non basta abrogare l esistente e destinare le maggiori risorse disponibili all innovazione digitale ma bisogna pensare nuove forme di contribuzione per sostenere la lettura ed il consumo di prodotti editoriali. Il bonus lettura presentato pochi giorni fa da alcune associazioni di editori che prevede un bonus per gli under 25 fino a cento euro per l acquisto di libri e giornali (bonus che ad esempio potrebbe essere diffuso tramite dei coupon anche in edicola) è un ottima idea. Anche un bonus fiscale che permetta la detrazione fiscale entro certi limiti per chi acquista quotidiani e periodici potrebbe essere una soluzione auspicabile. III. CANALI DISTRIBUTIVI ALTERNATIVI RISPETTO AL CANALE EDICOLA. ABBONAMENTI E DIGITALE: FALLIMENTI E FALSI MITI. Quanto ai canali alternativi di diffusione della stampa, questi devono intendersi assolutamente inefficienti (vendita tramite abbonamenti) o assolutamente parziali (diffusione digitale). I finanziamenti a supporto delle spedizioni postali previsti dalla L. 46/2004 sono stati il più grande esempio di sperpero di denaro pubblico nel nostro settore: al momento sono sospesi ma andrebbero certamente aboliti. Attualmente il quadro delle vendite in abbonamento in Italia è desolante, e ciò nonostante tale canale abbia beneficiato sino a pochi anni or sono della maggiore forma di contribuzione pubblica indiretta agli Editori 10. L enorme mole di risorse pubbliche impiegate per sostenere gli abbonamenti a 10 Questa era in termini di utilizzo delle risorse pubbliche la principale forma di contributo statale indiretto all Editoria (cfr. Segnalazione sull Editoria quotidiana, periodica e multimediale Antitrust del , pag. 4) oltre che uno dei contributi pubblici più inefficaci visto i risultati raggiunti (cfr. Segnalazione sull Editoria quotidiana, periodica e multimediale Antitrust del , pag. 5). Quanto ai risultati raggiunti, [si legge nell indagine Antitrust IC35 EDITORIA QUOTIDIANA, PERIODICA E MULTIMEDIALE (prima parte: le sovvenzioni pubbliche e i limiti alla concentrazione per i quotidiani)] si può sostenere che le agevolazioni postali non hanno costituito una misura efficace per lo sviluppo delle vendite in abbonamento. L Italia infatti si caratterizza tra i Paesi occidentali per la scarsissima rilevanza degli abbonamenti a quotidiani e periodici... Il motivo di tale scarto rispetto agli altri Paesi è univocamente attribuito dagli editori ad una inadeguata qualità del servizio postale. Dato che i quotidiani sono prodotti ad elevata deperibilità, è fondamentale che essi siano resi disponibili agli abbonati nelle prime ore del mattino. In più occasioni, invece, essi risultano consegnati più tardi. Quanto ai periodici, spesso essi vengono recapitati al lettore alcuni giorni dopo l uscita in edicola, di modo che la percezione psicologica del destinatario è di ricevere una pubblicazione già obsoleta. Pag. 7 di 13

9 mezzo posta hanno consentito una politica di prezzo particolarmente aggressiva (sconti fino all 80% del prezzo di copertina) ma non hanno garantito ai lettori un servizio adeguato e tali politiche si sono rivelate un flop 11. Le cause di tale situazione sono da ricondurre ad una inadeguata qualità del servizio postale 12, a servizi di trasporto inaffidabili e al ritardo sistematico nelle consegne. Peraltro il numero degli abbonamenti è in continuo decremento (tra il 2009 e il 2011 per i quotidiani si è registrato un 11,6% 13 ). La situazione è divenuta infine insostenibile a seguito dei progressivi tagli alle tariffe agevolate 14 che hanno reso il sistema di abbonamento a mezzo del servizio postale, oltre che inefficiente, economicamente non competitivo (soprattutto se associato a politiche di marketing aggressive e a prezzi predatori 15 ). Si deve concludere quindi che il sistema di abbonamenti postali, oltre che assolutamente inaffidabile, è inidoneo a determinare un reale incremento della diffusione della lettura. Poi esiste il canale diffusionale tramite web. In merito alle edizioni digitali dei quotidiani e dei periodici non esistono dati propriamente attendibili. Solo nel 2014 Audipress ha iniziato una rilevazione dei Lettori Replica ma la stessa Audipress nelle note precisa che in merito ai lettori del target Replica: per le stime contenute si raccomanda cautela nella lettura dei risultati. Risultati che in effetti sono quantomeno stravaganti, se è vero come è vero che risulterebbero più lettori delle copie digitali tra gli over 65 che non tra gli under 24. Inoltre, attualmente, Poste Italiane non consente una piena tracciabilità delle copie spedite. Una seconda constatazione attiene alla distribuzione delle risorse tra i diversi beneficiari. Poiché la quantificazione delle compensazioni postali dipende dal numero di copie spedite in abbonamento, le grandi imprese ricevono gran parte delle somme erogate.... In altri termini, soltanto una parte minore della spesa pubblica per le agevolazioni postali concorre alla tutela del pluralismo, contribuendo alla diffusione tramite abbonamento di testate minori. Il resto è appannaggio dei principali gruppi editoriali, per i quali tuttavia l incidenza di tale contributo sul fatturato complessivo è minima, e non influenza in maniera rilevante sullo sviluppo delle vendite in abbonamento. In proposito, si consideri che gli editori non hanno interesse ad esporre i lettori maggiormente fidelizzati al rischio sistematico di consegna intempestiva della pubblicazione. 11 In Italia si vendono in abbonamento solo il 6% di copie delle pubblicazioni quotidiane e circa il 10% delle pubblicazioni periodiche (solo Grecia e Portogallo fanno peggio in Europa). Anzi secondo i dati Audipress 2014/III del 2 marzo 2015 risulta che le letture dei quotidiani in abbonamento sarebbero del 3,6%, del 7,5% per i settimanali e dell 8,6% per i mensili. 12 Cfr. Segnalazione sull Editoria quotidiana, periodica e multimediale Antitrust del , pag. 5 ed anche Sintesi degli studi FIEG e DELOITTE & TOUCHE sulla stampa in Italia e sui bilanci delle aziende editrici di quotidiani ( ); 13 Dati FIEG Rapporto 2012 sull editoria quotidiana. 14 Questa era in termini di utilizzo delle risorse pubbliche la principale forma di contributo statale indiretto all Editoria (cfr. Segnalazione sull Editoria quotidiana, periodica e multimediale Antitrust del , pag. 4) oltre che uno dei contributi più inefficaci visto i risultati raggiunti (cfr. Segnalazione sull Editoria quotidiana, periodica e multimediale Antitrust del , pag. 5). 15 Si è calcolato ad esempio che per distribuire una copia in abbonamento a mezzo del servizio postale di Vanity Fair servano circa 80 centesimi. Pag. 8 di 13

10 Non è poi precisato quale sia il prezzo di acquisto di queste copie digitali. Anche in questo caso gli Editori si sono lanciati in politiche di marketing estremamente aggressive che hanno drogato il mercato digitale e che prevedono ad esempio l abbonamento a 1 euro a settimana per 10 settimane, oppure l abbonamento ad un quotidiano e 3 allegati ed un quotidiano straniero a 4,99 a settimana. Anche in questo canale si vedono sconti sugli abbonamenti per i periodici che vanno dal 50% a oltre il 70%. Molte poi delle copie digitali che risultano vendute sono in realtà regalate in abbinamento all abbonamento cartaceo del quotidiano o del periodico. Nonostante quanto sopra le vendite sono tutt altro che sorprendenti. Certamente il digitale non stà mantenendo le attese e la crescita del digitale non è certo pari alle aspettative. Anzi recenti studi sulla cd. Lettura profonda 16 hanno accertato che con l e reading è più difficile apprendere nozioni complesse e soprattutto le nozioni vengono memorizzate con maggiori difficoltà. Inoltre c è il fattore della distrazione a portata di click (la connessione permanente porta il lettore a indirizzare altrove il proprio interesse dopo pochi minuti). Insomma, sembrerebbe che sia impossibile leggere un romanzo come I fratelli Karamazov in versione e reading (almeno su un tablet o su uno smartphone) e ci permettiamo di pensare che pochi sarebbero in grado di leggere (con la dovuta attenzione) le 90 pagine di un quotidiano su un tablet o peggio su uno smartphone. Sembra infatti che le caratteristiche cognitive della lettura online non siano le stesse di quelle della lettura profonda. Con il digitale, la nostra attenzione e la nostra concentrazione sono parziali, superficiali, limitate. La nostra capacità di lettura si concentra sull'immediatezza e sulla velocità di trattamento piuttosto che sui contenuti 17. Con la lettura digitale la scrematura è la nuova normalità. Con il digitale, si scannerizza, si naviga, si rimbalza e questo riduce la nostra attenzione profonda, la nostra capacità di avere una lettura concentrata. Noi tendiamo a dare più importanza all'immagine. Noi tendiamo a meno interiorizzare la conoscenza e a dipendere di più dalle fonti esterne 18. Parafrasando una citazione di Stephen Fry si potrebbe dire che il supporto cartaceo della stampa è minacciato dal supporto digitale come le scale dagli ascensori. A queste considerazioni in merito alla lettura digitale devono aggiungersi le considerazioni di natura economica in merito alle edizioni digitali: il vantaggio concorrenziale di queste edizioni è gigantesco. I contenuti editoriali e giornalistici sono i medesimi del cartaceo (l edizione digitale è infatti una mera riproduzione di quella cartacea), non ci sono costi per la stampa e non ci sono costi per l acquisto della carta, non ci sono costi distributivi o per la gestione delle rese, non ci sono altri anelli della filiera cui corrispondere un aggio. Non basta? Bisogna aggiungere altri incentivi? E opportuno accrescerne ulteriormente il vantaggio competitivo? 16 Cfr. studi di A.Mangen dell Università di Stavanger in Norvegia. 17 Cfr. M.Wolf, direttrice del Centro di ricerca sulla lettura e il linguaggio dell Università Tufts (Boston, Usa). Elementi tratti dall articolo dell ADUC Il nostro cervello all'epoca dei nuovi modi di leggere. 18 Cfr. N.Carr intervista a Wired del Pag. 9 di 13

11 Inoltre alcuni analisti ritengono che la crescita dei quotidiani on line sia dovuta (oltre che al politiche di marketing sopra menzionate) ai cd. pionieri digitali e che questo effetto sia destinato ad esaurirsi portando ad un ritorno al cartaceo. Tale ipotesi sarebbe confermata dal fatto che gli abbonamenti digitali da aprile 2014 mostrano un brusco rallentamento 19. Ultimo, ma non per ultimo, il digitale al momento non tutela certo il pluralismo. La grandissima parte dei quotidiani medio piccoli non esce in formato digitale e solo tre testate possiedono una quota molto elevata e crescente del totale delle Digital Edition di tutti i quotidiani: più di due copie digitali su tre sono diffuse da Il Sole 24 Ore, Il Corriere della Sera e La Repubblica. La crisi è profonda ma lo SNAG crede ancora nella carta, nella Carta Costituzionale che tutela il diritto di tutti di essere informati, nella carta stampata come eccezionale veicolo di informazione, cultura, libertà e democrazia e infine crede nella rete di vendita che veicola la carta stampata e che senza beneficiare di un euro di contribuzione pubblica offre un servizio socialmente utile ai cittadini. IV. LE PROPOSTE DELLO SNAG: INTERVENTI NORMATIVI URGENTI A TUTELA DEL DIRITTO DI INFORMARE ED ESSERE INFORMATI A MEZZO STAMPA. Tenuto conto di tutto quanto sopra esposto, lo SNAG intende sottoporre all attenzione di questa ill.ma Commissione un serie di proposte concrete. Gli interventi urgenti in materia di vendita di quotidiani e periodici possono riassumersi in 5 punti: 1) Programmazione territoriale ragionata dei punti vendita di giornali basata su criteri qualitativi; 2) Parità di trattamento solo per le pubblicazioni regolari e in occasione della loro prima immissione sul mercato ; 3) Informatizzazione della rete di vendita condivisa da tutte le componenti della filiera, volta a promuovere l efficienza della filiera; 4) Equità nei rapporti di distribuzione locale; 5) Possibilità per le edicole di vendere prodotti ulteriori sviluppo servizi a valore aggiunto servizi informativi e turistici rapporti con la P.A. 1) Per programmazione ragionata dei punti vendita di giornali basata su criteri qualitativi si intende una forma di programmazione territoriale dei punti vendita per garantire il diritto di informare degli editori e soprattutto quello di essere informati dei cittadini, per far si che vi sia una edicola laddove c è un bisogno in termini culturali e di promozione della lettura e dell informazione. In particolare: i cittadini devono poter accedere all intera offerta editoriale (alcune migliaia di titoli) con relativa facilità su tutto il territorio nazionale; 19 Secondo Human Highway, in base ai dati ADS, pubblicati da prima Comunicazione, L aumento annuo degli abbonamenti digitali mostra però un continuo rallentamento e scende dall'80% di inizio 2014 al 15% di gennaio L'andamento mensile indica che a partire da aprile 2014 si è interrotta la crescita sostenuta di diffusione degli abbonamenti digitali, che ora viaggia al ritmo di poco più dell'1% mensile La crescita del digitale non riesce a compensare la perdita di copie cartacee per nessuna testata. Pag. 10 di 13

12 i punti vendita devono essere localizzati non in funzione dell utilità commerciale del distributore locale ma in funzione dell utilità sociale connessa alla diffusione dell informazione; i punti vendita devono offrire un adeguato livello qualitativo di servizio (numero pubblicazioni poste in vendita, orari di apertura, aperture festive garantite, personale addetto alle vendite con adeguato livello di professionalità, servizio arretrati, collegamento informatico, servizio informativo anche a fini turistici o culturali per il Cittadino etc...). 2) Parità di trattamento solo per le pubblicazioni regolari e in occasione della loro prima immissione sul mercato. La parità di trattamento deve essere assicurata solo per: le pubblicazioni regolari: che sono diffuse al pubblico con periodicità regolare e che rispettano tutti gli obblighi previsti dalla Legge 8 febbraio 1948, n. 47 e recano stampata sul prodotto ed in posizione visibile: a) la data e la periodicità effettiva b) il codice a barre c) la data di prima immissione sul mercato; in occasione della loro prima immissione sul mercato : solo quando un nuovo numero di una data pubblicazione esce, e cioè quando la singola uscita periodica viene immessa sul mercato, merita di beneficiare della parità di trattamento; La parità di trattamento parità di trattamento non deve essere garantita per pubblicazioni vecchie, ridistribuite, ricopertinate, stickerate etc... che possono essere rese liberamente dal punto vendita anche prima della loro scadenza. 3) Informatizzazione condivisa volta a promuovere l efficienza della filiera che preveda: gestione condivisa con la partecipazione di tutti gli anelli della filiera. La gestione condivisa della rete risponde ad un principio di democrazia e di partecipazione ed è anche la chiave per garantire il funzionamento in concreto della stessa. Perché la rete funzioni è necessario che ciascuna componente della filiera collabori attivamente e ne tragga un beneficio: sono gli edicolanti a dover sostenere il carico maggiore di incombenze dovendo tracciare tutte le pubblicazioni (con apposito lettore di codice a barre) in tutte le fasi (fornitura, vendita e resa delle pubblicazioni). Giornalmente vengono fornite alle edicole alcune centinaia di pubblicazioni (i margini di errore e le difficoltà saranno evidenti); gestione dei dati di vendita e utilizzo degli stessi per promuovere l efficienza distributiva. I dati (dati di vendita e dati di resa in forma singola ed aggregata) hanno un valore economico e strategico. E opportuna una gestione condivisa che stabilisca le modalità di utilizzo degli stessi per raggiungere l obbiettivo di modernizzare la rete e promuovere l efficienza del sistema distributivo: in breve sulla base dei dati Editori e distributori dovrebbero calibrare il numero di copie trasmesso ad ogni edicola al fine di: massimizzare le vendite ridurre i prodotti resi ridurre gli esauriti (ad esempio consentendo ad un edicolante di richiedere in tempo reale i rifornimenti per le pubblicazioni che si stanno esaurendo); Pag. 11 di 13

13 equa ripartizione dei costi della rete tra i vari anelli della filiera e contrasto all eventuale utilizzo abusivo. Si deve evitare come è già avvenuto in passato che i costi della rete vengano rovesciati a valle sull ultimo anello della filiera (e cioè sugli edicolanti) sotto forma di costi di collegamento e/o di costi per accedere al servizio. L informatizzazione della rete non deve generare costi aggiuntivi per gli edicolanti (ad es. in termini di software e/o di costi di collegamento e/o costi generati a monte). Deve evitarsi che la rete, da strumento di modernizzazione volto a promuovere l efficienza e la razionalizzazione delle politiche di distribuzione e di commercializzazione dei giornali (quale è e deve continuare ad essere), diventi un occasione di mero business per alcuni (ad esempio alcuni Distributori Locali stanno sviluppando dei propri sistemi informativi che impongono alla rete di vendita a pagamento). servizi a valore aggiunto a vantaggio di tutta la filiera. La rete si presta ad una serie di utilizzi per la fruizione e/o l offerta di servizi a valore aggiunto. Questi servizi devono garantire un corrispettivo per gli edicolanti che prestano il servizio. 4) Per riportare equità nei rapporti tra distributore e edicolante prevenendo abusi a danno del contraente debole, bisogna prevedere normativamente che: al fine di garantire l applicazione delle norme e dei principi fondamentali in materia di libertà di stampa e di espressione l applicazione dell art. 4 e dell art. 5 del D.lgs. n. 170/01 i distributori di quotidiani e periodici devono attenersi all Accordo Nazionale sulla vendita di quotidiani e periodici stipulato tra associazioni di editori e di edicolanti. al fine di garantire l accesso all informazione dei cittadini e di incrementare la lettura, i distributori di quotidiani e periodici devono garantire una fornitura adeguata dei prodotti editoriali provvedendo tempestivamente alle richieste di rifornimento; le pubblicazioni fornite in eccesso o che risultino essere già state immesse sul mercato in precedenza o che siamo prive dei requisiti di cui all art. 2 della Legge 8 febbraio 1948 n. 47 possono essere restituite anticipatamente dagli edicolanti senza alcuna limitazione temporale e, se non fornite in conto deposito, defalcate dall estratto conto; i rapporti fra distributori ed edicolanti sono soggetti all art. 9 della Legge 18 giugno 1998, n. 192 (abuso dipendenza economica); la sospensione delle forniture ad una rivendita, tenuto conto della funzione economico sociale della vendita di quotidiani e periodici, non può avvenire se non previa autorizzazione degli Editori interessati e con un preavviso scritto minimo di 10 giorni e solo nei casi di grave inadempimento. In ogni caso la sospensione non deve compromettere il diritto all informazione; i distributori possono recedere dal rapporto di distribuzione di quotidiani e periodici con gli edicolanti solo laddove il servizio di distribuzione a favore della singola rivendita diventi oggettivamente antieconomico tenuto conto della redditività dell intera area distributiva, e solo laddove ciò non comprometta il diritto all informazione, concedendo un preavviso non inferiore a 36 mesi; Pag. 12 di 13

14 prevedere in alcuni casi l obbligo di fornitura a carico del distributore locale ed istituire presso il Dipartimento dell Editoria una Commissione per la rete e per i prodotti editoriali con la partecipazione dei rappresentanti degli edicolanti, nonché un elenco dei rivenditori della stampa, ampliando le funzioni del Dipartimento (sulla scorta del modello francese del Consiglio Superiore della distribuzione della stampa). 5) Per contrastare la crisi nella vendita di prodotti editoriali e consentire il servizio di diffusione della stampa assicurato dalle edicole bisogna: consentire alle edicole di destinare parte della superficie di vendita a prodotti ulteriori anche su suolo pubblico (prodotti non alimentari, tabacchi, prodotti alimentari preconfezionati o preimbottigliati etc...); garantire alle edicole servizi a valore aggiunto ; consentire ai rivenditori di variare il prezzo di acquisto delle pubblicazioni indicato dall editore; sviluppare l edicola come punto informativo o turistico o come elemento per la sicurezza urbana o ancora come punto di contatto con gli archivi della P.A.; creare bonus lettura o prevedere detrazioni fiscali per l acquisto di quotidiani e periodici. Lo SNAG si augura che quanto esposto nella presente relazione possa contribuire, non solo alla discussione della proposta di legge di cui in epigrafe, ma possa rappresentare un contributo per i lavori che codesta ill.ma Commissione dovrà intraprendere nella prospettiva di una riforma organica dell editoria. Con i migliori saluti. Il Presidente (Abbiati Armando) Pag. 13 di 13

La Stampa in Italia (2010 2012)

La Stampa in Italia (2010 2012) (2010 2012) Roma 5 giugno 2013 La crisi dell editoria quotidiana e periodica: la negativa congiuntura economica, l evoluzione tecnologica e i fattori di criticità strutturali L editoria quotidiana e periodica

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1990 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori GRASSI, ALLOCCA e TECCE COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GENNAIO 2008 Norme in materia di pluralismo informatico

Dettagli

SNAG- SINAGI UILTUCS- FENAGI- USIAGI- CONFCOMMERCIO

SNAG- SINAGI UILTUCS- FENAGI- USIAGI- CONFCOMMERCIO Milano, 10 ottobre 2011 Spett.le Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per l informazione e l editoria Via Po, 14/b 00198 ROMA a mezzo e-mail c.a. Il Capo del Dipartimento - Cons. Elisa Grande

Dettagli

La Stampa in Italia (2009 2011)

La Stampa in Italia (2009 2011) FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia (2009 2011) Roma 18 aprile 2012 Quadro generale L andamento recessivo del Paese nella seconda metà del 2011 e le prospettive di accentuazione di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE FINANZE (6^) E INDUSTRIA (10^) Audizione della Federazione Italiana Editori Giornali AS 783 Conversione in legge del decreto legge n. 63/2013 sull efficienza

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA. dei servizi postali. Rapidità Professionalità Assistenza alla clientela

CARTA DELLA QUALITA. dei servizi postali. Rapidità Professionalità Assistenza alla clientela Carta della qualità dei servizi postali Art. 12.1 D. Lgs 261/99 CARTA DELLA QUALITA dei servizi postali Rapidità Professionalità Assistenza alla clientela Il presente documento è compilato nel rispetto

Dettagli

ART. 10 Processo di distribuzione della stampa

ART. 10 Processo di distribuzione della stampa ART. 10 Processo di distribuzione della stampa Il processo di distribuzione della stampa coinvolge tutti i soggetti della filiera con ruoli e compiti diversi ma finalizzati al raggiungimento di un obiettivo

Dettagli

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro

LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE. Manifesto per l energia del futuro LIBERI DI INNOVARE, LIBERI DI SCEGLIERE Manifesto per l energia del futuro È in discussione in Parlamento il disegno di legge sulla concorrenza, che contiene misure che permetteranno il completamento del

Dettagli

Conoscere Dittaweb per:

Conoscere Dittaweb per: IL GESTIONALE DI OGGI E DEL FUTURO Conoscere Dittaweb per: migliorare la gestione della tua azienda ottimizzare le risorse risparmiare denaro vivere meglio il proprio tempo IL MERCATO TRA OGGI E DOMANI

Dettagli

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista

SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE. 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista SCHEMA PER UNA DISCIPLINA ORGANICA DEL SETTORE EDITORIALE 1. L impresa editoriale e il ruolo del giornalista 1.Definizione. 2.Tipologia delle imprese editoriali e giornalistiche. 3.Lo statuto dell impresa

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Gentile cliente, le seguenti condizioni generali di vendita indicano, nel rispetto delle normative vigenti in materia a tutela del consumatore, condizioni e modalità

Dettagli

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE

AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE AUDIZIONE INFORMALE DI AERANTI-CORALLO NELL AMBITO DELL ESAME DELLE PROPOSTE DI LEGGE RECANTI ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL PLURALISMO E L INNOVAZIONE DELL INFORMAZIONE E DELEGHE AL GOVERNO PER LA RIDEFINIZIONE

Dettagli

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione

IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO. Gli effetti di una profonda trasformazione IL SISTEMA BANCARIO ITALIANO Gli effetti di una profonda trasformazione 1 LA TRASFORMAZIONE DEL SISTEMA BANCARIO TENDENZE DI FONDO DELLO SCENARIO MACROECONOMICO LA RISPOSTA DELLE BANCHE Progresso tecnologico

Dettagli

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali

Economia e Gestione delle Imprese Editoriali LIBERA UNIVERSITÀ MARIA SS. ASSUNTA Economia e Gestione delle Imprese Editoriali A.A. 2012 2013 Docente: Prof. Gennaro Iasevoli La Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), fondata nel 1950, rappresenta

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO CBL Distribuzione S.r.l. nel quadro del programma di adempimenti ex art. 12.2, della delibera AEEG del 18 gennaio 2007, n 11/07 e ss. mm. e ii. Adottato dal Gestore Indipendente

Dettagli

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8.

ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI DI AZIONI DI RISPARMIO DI CATEGORIA B. 6 maggio 2014 Milano, Via Angelo Rizzoli n. 8. Sede legale in Milano - Via Angelo Rizzoli n. 8 Capitale sociale Euro 475.134.602,10 interamente versato Registro delle Imprese di Milano e Codice Fiscale n. 12086540155 ASSEMBLEA SPECIALE DEI TITOLARI

Dettagli

Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti?

Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti? Mai sentito parlare di Fatturazione Elettronica? Mai sentito parlare di Conservazione Digitale dei documenti? Mai sentito parlare di Archiviazione Documentale? Se la risposta è no ad una di questi quesiti

Dettagli

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015

Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sanità nel welfare che cambia Marcella Panucci direttore generale Confindustria Francesco Rivolta direttore generale Confcommercio Roma 10 dicembre 2015 La sostenibilità del sistema Spesa pubblica per

Dettagli

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE Allegato B alla delibera n. 380/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a) l ambito dell intervento regolamentare proposto, con particolare

Dettagli

Quando saranno indicate congiuntamente verranno denominate Le Parti PREMESSO CHE SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE

Quando saranno indicate congiuntamente verranno denominate Le Parti PREMESSO CHE SI STIPULA E SI CONVIENE QUANTO SEGUE CONDIZIONI GENERALI PER L UTILIZZO DEL SOCIAL NETWORK WWW.LETS DONATION.COM A FINI PROMOZIONALI E DI RACCOLTA FONDI, CREATO E GESTITO DA LET S DONATION S.R.L. Le presenti condizioni generali di contratto

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO E I CONSUMATORI FINALI Cosa vuole dire che il mercato del gas è "libero"? Con chi avrà rapporti contrattuali il cliente finale? Con la liberalizzazione cambierà la qualità del servizio? Cosa fa il distributore? Cosa fa il venditore?

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Il Codice di condotta commerciale per la vendita di gas naturale Cosa riguarda Quando si applica Con la liberalizzazione del mercato del gas naturale, tutti i clienti del servizio gas hanno la possibilità

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI

LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI Fiscalità Edilizia LE AGEVOLAZIONI DEL RENT TO BUY DI ALLOGGI SOCIALI -DL 28 marzo 2014, n. 47, convertito con modifiche nella Legge 23 maggio 2014, n.80- Maggio 2015 1 Per sviluppare programmi di edilizia

Dettagli

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato

Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato 1 Nel 2006, ultimo anno che ha fatto segnare un incremento delle vendite, si vendevano 5,5 milioni di copie al giorno; in un lustro si è bruciato quindi un milione di copie, pari a poco meno del 20% del

Dettagli

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura

Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Prima sezione: Le imprese italiane e il loro rapporto con la Cultura Le imprese comunicano e lo fanno utilizzando alcuni strumenti specifici. La comunicazione si distribuisce in maniera diversa tra imprese

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007-

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITA RELATIVE ALLE POLITICHE ABITATIVE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA -anno 2007- Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. In applicazione dell

Dettagli

Le nuove regole sulla riscossione delle pensioni

Le nuove regole sulla riscossione delle pensioni CIRCOLARE A.F. N.05 del 17 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Le nuove regole sulla riscossione delle pensioni Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che per effetto delle disposizioni

Dettagli

SEMPLICE SENZA DIMENTICARE L ESSENZIALE. piccola azienda

SEMPLICE SENZA DIMENTICARE L ESSENZIALE. piccola azienda SEMPLICE SENZA DIMENTICARE L ESSENZIALE piccola azienda Gestionale uno Zucchetti è il software gestionale ideale per le aziende di piccole dimensioni. Con il supporto di Gestionale 1 puoi gestire la contabilità,

Dettagli

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA

NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E PER LA RIDUZIONE DELLE TARIFFE DELL ENERGIA ELETTRICA E DELLA TELEFONIA PROPOSTA DI LEGGE AL PARLAMENTO Ai sensi dell art.121 della costituzione Di iniziativa dei Consiglieri Pieraldo Ciucchi e Giancarlo Tei (Gruppo ) NORME PER LA TUTELA DEGLI UTENTI DEI PUBBLICI SERVIZI E

Dettagli

Contributo di Altroconsumo

Contributo di Altroconsumo Contributo di Altroconsumo Disegno di Legge 3221 di conversione del decreto-legge integrativo dei decreti liberalizzazioni e consolidamento conti pubblici X Commissione Senato Industria Commercio e turismo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI, AGEVOLAZIONI ECONOMICHE E CONTRIBUTI FINANZIARI C I T T A D I F E R M O Via Mazzini, 4 63900 Fermo Tel. 0734.2841 Fax 0734.224170 Codice fiscale e partita iva 00334990447 - Sito web: www.comune.fermo.it REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI PATROCINI,

Dettagli

www.italicaservice.com

www.italicaservice.com 1 2 è l innovativo sistema pensato per gli studi che vogliono vincere la sfida dell evoluzione dei tempi e del mercato offrendo strumenti di comunicazione istituzionale e servizi di pubblicazione dei documenti

Dettagli

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono

Circolare N.124 del 21 settembre. Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Circolare N.124 del 21 settembre Banca dati per l occupazione dei giovani genitori. Via agli incentivi per le imprese che assumono Banca dati per l occupazione dei giovani genitori: via agli incentivi

Dettagli

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99

SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 SERVIZI LEGALI E LEGISLATIVI ANNO 2012 pag. 99 Circolare n. 13 IDR/cg 10 aprile 2012 DIRETTIVA UE N. 2011/83/UE - MODIFI- CHE ALLA DISCIPLINA RELATIVA AI DIRITTI DEI CONSUMATORI Il 25 ottobre 2011 il Parlamento

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI

XVI LEGISLATURA DISEGNI DI LEGGE E RELAZIONI DOCUMENTI CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CASSINELLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1921 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CASSINELLI Modifiche all articolo 1 della legge 7 marzo 2001, n. 62, in materia di definizioni

Dettagli

Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere.

Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere. Gestioni, consulenze e soluzioni innovative per aziende alberghiere. Da oltre dieci anni il mercato turistico mondiale ha cambiato aspetto. L'avvento del web come canale di distribuzione, i portali online,

Dettagli

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma

Rimini - 23 giugno 2005. Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Rimini - 23 giugno 2005 Patrizio Fausti Responsabile e-government della Provincia di Roma Esiste il digital divide nei territori periferici? La discriminazione nasce dalla carenza di infrastrutture o da

Dettagli

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA

REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Allegato C) REGOLAMENTO-TIPO DELLA COMUNITÀ SOLARE DI MEDICINA Art. 1 Scopo ed oggetto del Regolamento Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare talune norme di funzionamento e di organizzare

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI IDENTITA E CONTATTI DEL FINANZIATORE Prodotto offerto da Banca Nazionale del Lavoro Spa, tramite Agenzia Finanziatore Indirizzo Telefono Sito web

Dettagli

Senato della Repubblica X Commissione Industria

Senato della Repubblica X Commissione Industria Senato della Repubblica X Commissione Industria Memoria Anigas in ordine allo schema di decreto legislativo recante attuazione delle direttive europee 2009/72/CE, 2009/73/CE e 2008/92/CE relative a norme

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014

LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 LA NUOVA TUTELA DEI CONSUMATORI COSA CAMBIA DAL 14 GIUGNO 2014 Più tutele per i consumatori italiani ed europei: è l effetto della direttiva europea recepita dal decreto legislativo n.21 del 21 febbraio

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Direttiva del 28 settembre 2009 Indirizzi interpretativi ed applicativi in materia di destinazione delle spese per l acquisto di spazi pubblicitari da parte delle Amministrazioni dello Stato ai sensi dell

Dettagli

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa

Osservazioni della Concessionaria del Servizio Pubblico Radiotelevisivo italiano Rai-Radiotelevisione italiana Spa Proposta di revisione della Comunicazione della Commissione Europea del 2001 relativa all applicazione delle norme sugli aiuti di Stato al servizio pubblico di radiodiffusione 4 novembre 2008 Osservazioni

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

In caso di catastrofe AiTecc è con voi!

In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In caso di catastrofe AiTecc è con voi! In questo documento teniamo a mettere in evidenza i fattori di maggior importanza per una prevenzione ottimale. 1. Prevenzione Prevenire una situazione catastrofica

Dettagli

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica.

La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. La nuova disciplina in materia di fatturazione elettronica. di Leda Rita Corrado (*) Riferimenti: Direttiva 2010/45/UE del Consiglio del 13 luglio 2010, recante modifica della direttiva 2006/112/CE relativa

Dettagli

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE

ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE ALLEGATO B2 ALLA DELIBERA N. 34/06/CONS ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE 1 ANALISI DI IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE L analisi dell impatto regolamentare richiede di valutare: a. l ambito dell

Dettagli

OPERATIVITA SISTEMA SISTRI

OPERATIVITA SISTEMA SISTRI Camera dei Deputati OPERATIVITA SISTEMA SISTRI Audizione VIII Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici Roma, 29 settembre 2011 1 Le organizzazioni di Rete impresa Italia già nel 2009 in occasione

Dettagli

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica. RISOLUZIONE N. 186/E Direzione Centrale Roma, 30 settembre 2003 Normativa e Contenzioso Oggetto:Istanza di interpello Applicazione dell aliquota IVA ridotta ai prodotti editoriali diffusi in via telematica.

Dettagli

Concetti di marketing turistico

Concetti di marketing turistico Concetti di marketing turistico Introduzione Un impresa, per individuare la linea d azione che ha la maggior probabilità di portare al successo il proprio prodotto, cerca di anticipare i bisogni dei consumatori,

Dettagli

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi

N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi N. 2 DEL 24 GENNAIO 2013 Note e Studi Il metodo tariffario transitorio per il calcolo delle tariffe idriche e la prima direttiva per la trasparenza della bolletta dell acqua: sintesi delle principali novità

Dettagli

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS

DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS. Osservazioni ANIGAS DCO 13/09 OPZIONI PER L ARMONIZZAZIONE E LA TRASPARENZA DEI DOCUMENTI DI FATTURAZIONE DEI CONSUMI DI ENERGIA ELETTRICA E GAS Osservazioni ANIGAS Roma 7 agosto 2009 1 Osservazioni Generali ANIGAS condivide

Dettagli

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ RELATIVE AI SERVIZI TERRITORIALI ED ALLE POLITICHE SOCIO-SANITARIE A FAVORE DELLA POPOLAZIONE STRANIERA IMMIGRATA. ANNO 2007 Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento

Dettagli

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA

SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA 1. DESCRIZIONE ATTIVITÀ 2. INFORMAZIONI SUL PUNTO DI VENDITA SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE

I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE I BILANCI CERVED: FONTE DI INFORMAZIONI SUL MERCATO E STRUMENTO DI GESTIONE Il Benchmarking sui bilanci è un fondamentale supporto alla gestione dell azienda Cerved ha appena pubblicato i dati di bilancio

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DELLE CONSEGUENZE SULL'ATTIVITÀ DELLE IMPRESE E DEGLI OPERATORI E SUGLI INTERESSI DEGLI INVESTITORI E DEI RISPARMIATORI, DERIVANTI DALLE MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA RACCOLTA DI

Dettagli

"L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia"

L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia "L impatto dell Information Technology sulle aziende del terziario in Italia" Sintesi per la stampa Ricerca promossa da Microsoft e Confcommercio realizzata da NetConsulting Roma, 18 Marzo 2003 Aziende

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE 1 C O M U N E D I S C I A R A P R O V I N C I A D I P A L E R M O REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER ATTIVITA AGRICOLE IV SETTORE : CORPO POLIZIA MUNICIPALE ED ATTIVITÀ

Dettagli

Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN

Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN Regolamento di attribuzione del codice ISBN e di erogazione dei servizi dell Agenzia ISBN L attribuzione del prefisso ISBN e i servizi dell Agenzia ISBN sono erogati alle condizioni di cui al presente

Dettagli

INCONTRO SUI SERVIZI POSTALI. Milano, 26 settembre 2013. Prof. Vincenzo Visco Comandini Università di Roma Tor Vergata

INCONTRO SUI SERVIZI POSTALI. Milano, 26 settembre 2013. Prof. Vincenzo Visco Comandini Università di Roma Tor Vergata INCONTRO SUI SERVIZI POSTALI Milano, 26 settembre 2013 Prof. Vincenzo Visco Comandini Università di Roma Tor Vergata Scenario del mercato mail nel mondo In Europa il calo dei volumi è diventato fenomeno

Dettagli

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Audizione dell IVASS. Commissioni Riunite 10 a Commissione permanente (Industria, commercio, turismo) Conversione in legge del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91, recante disposizioni urgenti per il settore agricolo, la tutela ambientale e l'efficientamento energetico dell'edilizia scolastica e universitaria,

Dettagli

CARTA DELLA QUALITA. dei servizi postali. Rapidità Professionalità Assistenza alla clientela MILLONZI GIOVANNI. della ditta:

CARTA DELLA QUALITA. dei servizi postali. Rapidità Professionalità Assistenza alla clientela MILLONZI GIOVANNI. della ditta: Carta della qualità dei servizi postali Art. 12.1 D. Lgs 261/99 CARTA DELLA QUALITA dei servizi postali della ditta: MILLONZI GIOVANNI Rapidità Professionalità Assistenza alla clientela 1 SOMMARIO 1. Obiettivi

Dettagli

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS

MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 656/2014/R/GAS MECCANISMI REGOLATORI DI INCENTIVAZIONE PER LO SVILUPPO DI ULTERIORI PRESTAZIONI DI PUNTA DA STOCCAGGIO DEL SISTEMA NAZIONALE DEL GAS Documento per la consultazione

Dettagli

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti:

SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI. Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: SCRITTURA PRIVATA DI PROCACCATORE D AFFARI Con la presente scrittura privata, da valersi ad ogni effetto di legge, tra le sottoscritte parti: la società Goldline S.r.l. con sede legale in Via Andrea Costa,

Dettagli

CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE

CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE 1.0 CONDIZIONI DI FORNITURA INFOCERT FORMAZIONE InfoCert S.p.A. - Società soggetta alla direzione e coordinamento di Tecnoinvestimenti S.p.A. - con sede legale in Roma, P.zza Sallustio n. 9, P. IVA 07945211006,

Dettagli

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ

L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ L AUDIT INTERNO: L ANALISI DI COMPETITIVITÀ Il caso in esame di un impresa che opera nella maglieria maschile, mette in evidenza una debolezza della prestazione in due fattori competitivi chiave (qualità

Dettagli

Lettera di Incarico d Agenzia

Lettera di Incarico d Agenzia La seguente lettera di incarico si conclude tra: OnyxNail S.r.l. - Via L. Montegani 7/a 20141 Milano P.IVA e C.F. IT 07706750960 Email amministrazione@onyxnail.it ed Lettera di Incarico d Agenzia il Sig./Sig.ra,

Dettagli

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE

CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE CONCORSO GRAFICO DI IDEE NAZIONALE PER LA CREAZIONE DEGLI ELABORATI SEZIONE PORTFOLIO SITO DEDICATO AL PROGETTO ITALIA CREATIVA ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE COMUNI ITALIANI Premessa: Il presente Concorso

Dettagli

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari

La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari La disciplina dei contratti di cessione di prodotti agroalimentari L art. 62 del D.L 24 gennaio 2012 n.1, convertito nella L. n. 27 del 24 marzo 2012, ha introdotto una disciplina specifica in materia

Dettagli

AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO DIREZIONE PER I GIOCHI. Misure per la sperimentazione delle lotterie con partecipazione a distanza

AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO DIREZIONE PER I GIOCHI. Misure per la sperimentazione delle lotterie con partecipazione a distanza AMMINISTRAZIONE AUTONOMA DEI MONOPOLI DI STATO DIREZIONE PER I GIOCHI Prot. 2006/12769/Giochi/UD Misure per la sperimentazione delle lotterie con partecipazione a distanza IL DIRETTORE CENTRALE Visto l

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012

PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA. Verona, 11 maggio 2012 1 PROFILI GIURIDICI E REQUISITI PER IL FINANZIAMENTO DEI SISTEMI EFFICIENTI DI UTENZA Verona, 11 maggio 2012 Avvocato Emilio Sani Via Serbelloni, 4-20100 Milano Tel 02 763281 2 Il D. Lgs 115/2008 Articolo

Dettagli

Termini e condizioni di acquisto

Termini e condizioni di acquisto COME ACQUISTARE Condizioni di Vendita Si applicano alle compravendite regolate dalle seguenti condizioni generali, le norme del Codice Civile Italiano e delle altre Leggi vigenti in materia nel territorio

Dettagli

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE

PREMESSA AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE. Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE Circolare n. 61/2013 AGENZIA PER L ITALIA DIGITALE A tutte le pubbliche amministrazioni di cui all articolo 1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 Oggetto:

Dettagli

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale

CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale CREDITO E SVILUPPO delle PMI nel Lazio: opportunità, vincoli e proposte per il sistema regionale Realizzato dall EURES Ricerche Economiche e Sociali in collaborazione con il Consiglio Regionale dell Economia

Dettagli

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza

Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza 1 Audizione 5 novembre 2015 Legge annuale per il mercato e la concorrenza In un momento in cui l economia inizia a riprendersi e il Paese a crescere, sono importanti le parole dell Autorità Garante della

Dettagli

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie

Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Dossier 4 L accesso alla casa d abitazione in Italia: proprietà, mutui, affitti e spesa delle famiglie Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE

Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE Programma Mini-Bond AVVISO PUBBLICO DI SELEZIONE 1 aprile 2014 1 PREMESSA Il Consorzio camerale per il credito e la finanza, in accordo con Unioncamere Lombardia, intende individuare professionalità da

Dettagli

CREDITO ALLE INDUSTRIE

CREDITO ALLE INDUSTRIE CREDITO ALLE INDUSTRIE COFIRE: CONSORZIO FIDI DELL INDUSTRIA DI REGGIO EMILIA ASSEMBLEA DI BILANCIO 2015. OLTRE 36 MILIONI DI EURO EROGATI NELL ESERCIZIO NETTA CRESCITA SU ANNO PASSATO. RIPRESI GLI INVESTIMENTI

Dettagli

Osservazioni e proposte ANIGAS

Osservazioni e proposte ANIGAS DCO 25/08 ATTIVAZIONE DI UN SISTEMA DI RICERCA DELLE OFFERTE COMMERCIALI DELLE IMPRESE DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS Documento per la consultazione Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 8 agosto

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Individuazione dei costi ai fini del calcolo dei contributi per la pubblicazione delle testate in formato digitale ai sensi dell articolo 3, comma 5 del

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Azione di sostegno alle Università e Centri di Ricerca pubblici pugliesi

REGIONE PUGLIA. Azione di sostegno alle Università e Centri di Ricerca pubblici pugliesi REGIONE PUGLIA Agenzia Regionale per la Tecnologia e l Innovazione Azione di sostegno alle Università e Centri di Ricerca pubblici pugliesi per incentivare la protezione della proprietà intellettuale (cd.

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015

LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 LINEE GUIDA PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI A FAVORIRE L ACCESSO AL CREDITO DELLE IMPRESE DELLA PROVINCIA di PARMA ANNUALITA 2015 ART. 1 - FINALITA E DESTINATARI La Camera di commercio di

Dettagli

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO

Alessandro De Nisco. Università del Sannio. Corso di Marketing SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO LEZIONI N. e Le Politiche di Alessandro De Nisco Università del Sannio Corso OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO DELLA LEZIONE SPIEGARE I FATTORI CHE INFLUENZANO LA DETERMINAZIONE DEL PREZZO COMPRENDERE GLI OBIETTIVI

Dettagli

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it

CHI SIAMO. Viale Assunta 37 20063 Cernusco s/n Milano 02-92107970 info@cimscarl.it CHI SIAMO C.I.M. non è un comune consorzio ma una società consortile creata dopo approfonditi studi ed esperienze maturate da un gruppo di specialisti in grado di operare in molte aree geografiche del

Dettagli

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45

Roma, 28/03/2014. e, per conoscenza, Circolare n. 45 Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Comunicazione Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione

Dettagli

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1

RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1 RICHIESTE DI CHIARIMENTO E RELATIVE RISPOSTE DOMANDA N. 1 La proposta di pianificazione media richiesta dal bando (Promozione Fondo per l Innovazione e l imprenditorialità del settore dei servizi alle

Dettagli

L OBBLIGO PER I PROFESSIONISTI DI ACCETTARE PAGAMENTI CON CARTE DI DEBITO: UN BALZELLO INUTILE E INSOSTENIBILE

L OBBLIGO PER I PROFESSIONISTI DI ACCETTARE PAGAMENTI CON CARTE DI DEBITO: UN BALZELLO INUTILE E INSOSTENIBILE L OBBLIGO PER I PROFESSIONISTI DI ACCETTARE PAGAMENTI CON CARTE DI DEBITO: UN BALZELLO INUTILE E INSOSTENIBILE PROPOSTA DI EMENDAMENTO ALL ARTICOLO 15 DECRETO LEGGE 179/2012 Roma, ottobre 2013 RETE NAZIONALE

Dettagli

Reti d impresa - Profili fiscali

Reti d impresa - Profili fiscali Reti d impresa - Profili fiscali Dott.ssa Stefania Saccone Udine 10 ottobre 2013 AGENDA Rete contratto vs Rete soggetto L agevolazione fiscale Gli investimenti Il distacco del personale nella rete Altri

Dettagli

PIANO TRIENNALE 2013/2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA

PIANO TRIENNALE 2013/2015 DI RAZIONALIZZAZIONE E RIQUALIFICAZIONE DELLA SPESA Unione dei Comuni di Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, S. Maria a Monte, Terricciola ZONA VALDERA Provincia di Pisa Premessa

Dettagli

Il noleggio operativo

Il noleggio operativo Il noleggio operativo Indice degli argomenti 2 1. Vantaggi per il cliente 2. Vantaggi per il dealer 3. Il prodotto noleggio 4. Le nostre tabelle 5. I beni 6. Le garanzie accessorie 7. Documenti e procedura

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement

Manuale d uso del Sistema di e-procurement Manuale d uso del Sistema di e-procurement Guida all utilizzo del servizio di generazione e trasmissione delle Fatture Elettroniche sul Portale Acquisti in Rete Data ultimo aggiornamento: 03/06/2014 Pagina

Dettagli

Tutte le bugie del governo sul clima

Tutte le bugie del governo sul clima Tutte le bugie del governo sul clima Roma, 17 ottobre 2008 Il Consiglio europeo del 16 ottobre ha confermato tempi ed obiettivi del Pacchetto Clima e Energia, ma l Italia continua a chiedere più flessibilità

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE

LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE LE FONTI DEL DIRITTO IN MATERIA POSTALE PREMESSA Questo scritto non ha la velleità di ripercorrere la storia del servizio postale italiano, esso cerca, più modestamente, di delineare la sua attuale struttura,

Dettagli